REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE"

Transcript

1 REGIONE VENETO AZIENDA U.L.S.S. 16 PADOVA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE

2 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina le modalità per l assegnazione e l uso delle apparecchiature di telefonia mobile al personale dipendente (o incaricato) della Azienda U.L.S.S. 16 di Padova. ART. 2 NORME DI RIFERIMENTO Il presente regolamento fa riferimento alla Direttiva del Ministero della Funzione Pubblica del 30 ottobre 2001, all art. 2 comma 594 e 595 della Legge n.244/07 (finanziaria 2008) e successive modifiche e disposizioni e ad ogni altra norma attinente per contenuti, anche se non direttamente citata. ART. 3 CLASSI DI UTILIZZO La definizione dei profili di utilizzo è stabilita dall attuale convenzione, Consip Mobile 6 che prevede le seguenti tipologie di abilitazione: Profilo 1: utenze abilitate al traffico verso tutte le direttrici. Profilo 2: utenze abilitate al traffico verso tutte le direttrici ad eccezione della direttrice relativa al traffico internazionale verso i paesi dell area 2. (Area 1: stati membri della Comunità europea, più Norvegia, Svizzera, Islanda, Liechtenstein. Area 2: resto del mondo). Profilo 3: utenze abilitate al traffico nazionale ed al traffico internazionale verso uno o più Paesi esteri definiti dall Amministrazione contraente. Profilo 4: utenze abilitate al traffico verso tutte le direttrici, ad eccezione della direttrice relativa al traffico internazionale, nonché l impossibilità di effettuare chiamate dall /all estero. Profilo 5: utenze abilitate al traffico verso le utenze appartenenti alla medesima RPV (Rete Privata Virtuale) e verso tutte le direttrici nazionali di rete fissa, ossia la possibilità di chiamare esclusivamente telefoni cellulari aziendali (di AULSS 16), e tutti i numeri fissi sparsi nel territorio nazionale. Profilo 6: utenze abilitate al traffico verso le utenze appartenenti alla medesima RPV e verso la lista dei corrispondenti abituali. Per corrispondenti abituali si intendono altri numeri telefonici stabiliti dall Azienda ULSS 16 di Padova. Le classi di utilizzo che verranno assegnate dall Azienda ULSS 16 di Padova, saranno quelle aventi profilo 1, profilo 2, profilo 4, profilo 5, e verranno assegnate al personale dipendente come segue: a) Direttore Generale, Direttore Amministrativo, Direttore Sanitario, Direttore dei Servizi Sociali e della funzione Territoriale o su specifica autorizzazione in casi straordinari - profilo 1.

3 b) Direttori Dipartimento, Direttori U.O.C., Dirigenti in Staff profilo 2. c) Responsabili Servizi profilo 4. d) Personale Medico profilo 4. e) Personale Sanitario profilo 4. f) Personale Amministrativo profilo 4. g) Personale Sicurezza profilo 4. h) Uso collettivo profilo 5 Sulla base del profilo assegnato è definita la quantità mensile di bundle dati (internet) utilizzabili dall utente: Profilo 1: 20 giga. Profilo 2: 20 giga. Profilo 4: 4 giga / 20 giga. Profilo 5: 4 giga. Diversamente da quanto sopra indicato, nel caso in cui venga utilizzata una SIM card inserita in una chiavetta internet, la quantità di bundle dati utilizzabili verrà stabilita sulla base di reali e motivate necessità, che dovranno essere giustificate nel modulo di richiesta denominato Richiesta apparati di telefonia mobile, inserito nel portale intranet aziendale. L assegnazione descritta in precedenza sarà sempre rispettata, fatta eccezione per alcune circostanze, che dovranno essere formalizzate e motivate dal Direttore della struttura di appartenenza ed approvate successivamente dal Direttore Amministrativo o da un suo delegato. ART. 4 CRITERI DI ASSEGNAZIONE La Azienda ULSS 16 di Padova assegna il terminale mobile di servizio a soggetti che ricoprono al suo interno cariche istituzionali di significativa rilevanza o particolari posizioni nell organizzazione del lavoro, in considerazione della effettiva necessità o opportunità d uso dello stesso. L apparecchiatura di telefonia mobile aziendale con profilo 1 con la possibilità di effettuare chiamate in Italia e all estero, al fine di consentire lo svolgimento delle attività istituzionali anche fuori sede e garantire nel contempo la reperibilità, viene assegnata esclusivamente al Direttore Generale, Direttore Amministrativo, Direttore Sanitario, Direttore dei Servizi Sociali e della funzione Territoriale o ad altro dipendente solo in caso straordinario e comunque mai per scopi personali. Le apparecchiature di telefonia mobile avente profilo 4 o profilo 5, possono essere assegnate qualora ricorra una o più delle seguenti condizioni: Specifica responsabilità direttiva e organizzativa. Esigenza di pronta reperibilità o abitualmente in servizio fuori sede.

4 Spostamenti frequenti tra plessi diversi nell ambito della Azienda ULSS 16 di Padova. Espletamento di attività che necessitino di particolari esigenze di comunicazione, che non possono essere altrimenti soddisfatte con impianti di telefonia fissa e/o altri strumenti di comunicazione quali la posta elettronica. Per motivazioni non comprese nell elenco è necessaria l approvazione del responsabile del Unità Operativa di appartenenza e del direttore della struttura di appartenenza. Le richieste di assegnazione di apparati mobili e le richieste di abilitazione a ulteriori servizi, dovranno essere formulate e firmate dal responsabile del servizio (ed eventualmente dal direttore della struttura) mediante compilazione dell apposito modulo (denominato Richiesta apparati di telefonia mobile, disponibile nella intranet aziendale). In nessun caso al momento della consegna del dispositivo mobile assegnato, lo stesso potrà essere sostituito a meno di diverse indicazioni da parte del responsabile del servizio della SC Sistema Informativo. La consegna/ritiro dei dispositivi mobili viene effettuata dal personale della SC Sistema Informativo presso il locale situato in Via E. degli Scrovegni, 14 al quarto piano. ART. 5 MODALITA DI UTILIZZO Il gestore e il tipo di configurazione delle apparecchiature di telefonia mobile da fornire in dotazione al personale sono determinati sulla base delle procedure previste dalla normativa vigente in materia di scelta del contraente, nonché dai contratti vigenti stipulati. Il referente della telefonia mobile della Azienda ULSS 16 di Padova dovrà provvedere alla gestione delle apparecchiature di telefonia mobile e delle Sim card. L apparato telefonico dovrà essere utilizzato per le sole finalità di servizio, fatta eccezione per le utenze abilitate alle chiamate personali. L abilitazione alle chiamate personali avverrà secondo la modalità descritta nell allegato al presente regolamento. L amministrazione non si assume alcuna responsabilità per contravvenzioni o sinistri imputabili all uso del telefono cellulare durante la guida di autoveicoli. L amministrazione non si prende responsabilità per danni a cose o persone derivanti da utilizzo improprio dello stesso. Viene garantita l assistenza del dispositivo solo per apparecchi telefonici aziendali. In caso di terminali mobili privati che utilizzano applicativi aziendali, verranno fornite esclusivamente le adeguate indicazioni sull utilizzo degli stessi nell ambito dell uso professionale. ART. 6 ACCESSORI L apparecchiatura sarà fornita dei soli accessori presenti nella confezione. E fatto divieto assoluto l abbandono di qualsiasi apparecchiatura/attrezzatura. ART. 7 CRITERI DI CONSERVAZIONE DEL BENE E RESPONSABILITA DELL UTILIZZATORE

5 L utilizzatore dell apparecchiatura di telefonia mobile dovrà adottare tutti gli accorgimenti per la sicurezza individuale. Il cellulare di servizio è fornito in uso al dipendente utilizzatore che ne diventa custode e responsabile del corretto impiego. L utilizzatore prenderà in consegna il telefono cellulare previa sottoscrizione di dichiarazione di conoscenza delle disposizioni del presente regolamento. In caso di malfunzionamento o guasto del cellulare, della scheda SIM o degli accessori, l utilizzatore dovrà recarsi, previo appuntamento, dal referente di servizio della telefonia mobile aziendale e consegnare l apparecchiatura completa di tutti gli accessori per consentire le opportune verifiche. In caso di guasto si provvederà alla sostituzione del bene come previsto da contratto. In caso di smarrimento o di furto del cellulare l utilizzatore è tenuto a darne tempestiva comunicazione scritta al responsabile della telefonia mobile (nella comunicazione dovrà essere indicato, in particolare, il numero telefonico abbinato al cellulare al fine di consentire l operazione di blocco immediato della scheda SIM) e a sporgere immediata denuncia alle autorità competenti, inserendo nella stessa il modello del telefono, il relativo codice IMEI, e il numero telefonico. A seguito della segnalazione della denuncia di smarrimento o di furto si provvederà alla sostituzione del cellulare, nel minor tempo possibile e con le modalità stabilite dal regolamento. L assegnazione del telefono cellulare di servizio prevede le medesime forme di responsabilità patrimoniale previste per i consegnatari di beni dell amministrazione. In caso di ripetuti smarrimenti, furti o danni palesemente causati da incurie, la sostituzione delle apparecchiature di telefonia mobile non sarà garantita. L Azienda ULSS 16 di Padova si riserva l autorità di ritirare i dispositivi per sopraggiunte esigenze aziendali, come una ridistribuzione di tali risorse, dandone comunicazione al responsabile del servizio con obbligo per l utilizzatore di immediata riconsegna del bene al referente di telefonia mobile dell Azienda. L Azienda ULSS 16 di Padova si riserva inoltre la facoltà di ritirare i dispositivi in caso di mancato utilizzo degli stessi, con possibilità da parte del responsabile di servizio dell utilizzatore di chiedere l annullamento della revoca entro 20 giorni dalla data della comunicazione del ritiro. In caso di cessazione dell attività istituzionale, il telefono con la relativa SIM devono essere riconsegnati al Sistema Informativo. ART. 8 MODALITA E PROCEDUDERE RELATIVE AI CONTROLLI SULL UTILIZZAZIONE DELI STRUMENTI DI TELEFONIA MOBILE AZIENDALE L azienda, in attuazione dell art.2 comma 594 della Legge Finanziaria 2008, nel rispetto della normativa sulla tutela e riservatezza dei dati personali e sulla base del codice di comportamento aziendale di cui alla Deliberazione del Direttore Generale n.88/2014 applica un sistema di verifiche sull utilizzo corretto delle utenze telefoniche. I controlli sono effettuati sulla base delle informazioni trasmesse dagli operatori telefonici alla struttura competente. Le informazioni contengono: il volume complessivo del traffico telefonico

6 (relativo sia ai tempi che all importo) delle chiamate in uscita addebitate all azienda con riferimento ai servizi voce/dati per ciascuna singola utenza; il dettaglio del traffico telefonico, comprensivo di data/ora/durata della chiamata e del numero chiamato (ultime tre cifre oscurate) per ciascuna singola utenza; il volume scambiato per quanto riguarda il traffico dati/internet. Le informazioni sulle spese relative alle singole utenze sono periodicamente trasmesse ai responsabili delle strutture a cui risultano assegnate le utenze stesse per effettuare un opportuna verifica. I controlli saranno improntati a principi di necessità, proporzionalità, imparzialità, trasparenza nel rispetto del codice di comportamento e protezione dei dati personali. Il controllo sull utilizzo delle strumentazioni telefoniche è di due tipologie: a) Puntuale: che è effettuato su utenze telefoniche specifiche, a seguito di richiesta scritta e motivata da parte del responsabile dell'uo di appartenenza o da parte dell'autorità Giudiziaria o su segnalazione del Responsabile della prevenzione della corruzione. Nel caso in cui la segnalazione del soggetto terzo si riferisca a una persona nominativamente individuata, la struttura competente all effettuazione dei controlli darà informazione del controllo in corso al soggetto cui si riferisce la segnalazione. b) Controllo occasionale a seguito di screening generale dei tabulati in presenza di evidenti anomalie: tale tipologia di controllo viene attivata a seguito di un esame generale, in corrispondenza del processo di copiatura dei dati forniti dalle fatture inviate dall operatore telefonico, qualora emerga una palese e immediata anomalia nei tabulati del traffico telefonico. c) Sistematico: ai fini della corretta liquidazione delle fatture mensili emesse dal fornitore del servizio: tale tipologia di controllo viene attivata sistematicamente al fine delle verifica della corretta fatturazione del fornitore sulla base del servizio erogato e delle clausole contrattuali previste nella convenzione. Ai responsabili della U.O. sarà trasmesso bimestralmente un resoconto di costo generale delle utenze appartenenti alla struttura stessa. ART. 9 DISPOSIZIONI SANZIONATORIE E FINALI A seguito dei controlli effettuati, ove emergano comportamenti in violazione del presente regolamento, il personale incaricato invierà avvisi alla struttura (responsabile della struttura e personale assegnatario delle utenze telefoniche) in cui è stata rilevata l anomalia, nei quali si evidenzierà l utilizzo irregolare degli strumenti aziendali e si inviteranno gli interessati ad attenersi scrupolosamente ai compiti assegnati e alle istruzioni impartite nel presente regolamento. In tale circostanza saranno nuovamente effettuati controlli su quelle utenze per assicurarsi dell assenza di ulteriori anomalie. Qualora le violazioni persistessero l Azienda si riserva di procedere a controlli nei confronti dei singoli utilizzatori. In questa ipotesi si provvederà ad inviare all assegnatario dell utenza stessa l estratto delle telefonate in oggetto di controllo. Il Responsabile SC Sistema Informativo provvederà, quindi, in contradditorio con l assegnatario dello strumento di telefonia, con la verifica della correttezza sull utilizzo delle apparecchiature e a trasmettere l esito di tale verifica al responsabile della struttura per le successive attività di competenza. In ogni caso ove si riscontri un danno all'azienda o comportamenti disciplinarmente rilevanti, verranno informati per le proprie competenze l'ufficio Procedimenti disciplinari ed il Responsabile della Prevenzione della Corruzione.

7 I report dei controlli sono effettuati con le modalità previste nel rispetto della Legge vigente in materia di privacy e verranno conservati presso l ufficio del referente della telefonia mobile aziendale.

8 L Azienda ULSS 16 di Padova, in accordo con Tim, offre la possibilità di configurare la propria utenza in modo tale da consentire l effettuazione di chiamate, a fini personali, con relative spese a carico al dipendente. Per usufruire di questo servizio il dipendente dovrà registrarsi al sito internet ed eseguire tutti i passaggi (riportati nelle istruzioni allegate) dove vengono richiesti vari dati quali il numero di conto corrente bancario, il proprio domicilio ecc In alternativa la configurazione, della propria SIM alle chiamate personali, si può richiedere dopo aver compilato i moduli RID allegati e inviatoli tramite mail al servizio di telefonia mobile, che provvederà ad inoltrarli a Tim. Tutti gli allegati (e le relative istruzioni) sono scaricabili dall intranet Aziendale nell apposita sezione. Le chiamate personali vengono identificate dal codice 4146 anteposto prima del numero telefonico da chiamare, ed è possibile utilizzarlo esclusivamente per le chiamate nazionali, per chiamate originate in Italia e dirette all estero (traffico internazionale) e per l utilizzo di SMS; pertanto resta escluso il traffico in roaming, ossia le chiamate originate e ricevute all estero. Il costo del traffico nazionale, internazionale e degli SMS, identificato con il codice 4146 sarà interamente a carico del dipendente e verrà addebitato direttamente da TIM su conto corrente bancario o carta di credito. ATTENZIONE: quando si risponde a un SMS ricevuto da un utenza considerata personale, o si voglia chiamare la stessa direttamente dalla schermata degli SMS, bisogna ricordarsi di anteporre nuovamente il codice Vale lo stesso per le telefonate perse quando si utilizza un numero recuperato dalla sezione chiamate. Per eventuali contestazioni circa l addebito in fattura delle chiamate contrassegnate con il codice identificativo 4146 il Dipendente potrà contattare il numero verde messo a disposizione dell Azienda U.L.S.S. 16 di Padova.

Sistemi Informativi e Informatici Aziendali Ausl Viterbo Referente telefonia mobile: Federico Ricci (0761-236762) Alessandro Poleggi (0761 237037)

Sistemi Informativi e Informatici Aziendali Ausl Viterbo Referente telefonia mobile: Federico Ricci (0761-236762) Alessandro Poleggi (0761 237037) Sistemi Informativi e Informatici Aziendali Ausl Viterbo Referente telefonia mobile: Federico Ricci (0761-236762) Alessandro Poleggi (0761 237037) REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE AZIENDALE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO - Art. 2 NORME DI RIFERIMENTO - Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE UNIVERSITÀ PER STRANIERI DANTE ALIGHIERI Reggio Calabria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE MEDAlics Centro di Ricerca per le Relazioni

Dettagli

Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI APPARECCHI TELEFONICI CELLULARI DI SERVIZIO

Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI APPARECCHI TELEFONICI CELLULARI DI SERVIZIO Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI APPARECCHI TELEFONICI CELLULARI DI SERVIZIO 1 INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità Art. 2 Principi di assegnazione e di utilizzo

Dettagli

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI LATINA

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI LATINA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI LATINA REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI REGIONE LAZIO REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI

Dettagli

Servizio Tecnico Servizio Informatico Aziendale REVISIONE DELIBERA DI APPROVAZIONE N.1858 DEL 12.10.2011 1.0. Data ultima modifica:

Servizio Tecnico Servizio Informatico Aziendale REVISIONE DELIBERA DI APPROVAZIONE N.1858 DEL 12.10.2011 1.0. Data ultima modifica: REGOLAMENTO AZIIENDALE PER L UTIILIIZZO DELLA TELEFONIIA MOBIILE REVISIONE 1.0 Servizio Tecnico Servizio Informatico Aziendale DELIBERA DI APPROVAZIONE N.1858 DEL 12.10.2011 Data ultima modifica: REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI AREA INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE SISTEMI INFORMATIVI REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

C O M U N E D I L E I N I

C O M U N E D I L E I N I Regolamento per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi di telefonia mobile dell Ente Indice Titolo 1 Definizioni...2 Articolo 1 Finalità...2 Articolo 2 Definizioni...2 Articolo 3 Suddivisione degli

Dettagli

Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari

Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 109 del 12/05/2009, modificato con Delibera di Giunta Comunale n. 156 del 09/07/2009 1 SOMMARIO

Dettagli

Referente Telefonia Mobile Aziendale Sig.Roberto Locci Tel.3484894301-0658703978

Referente Telefonia Mobile Aziendale Sig.Roberto Locci Tel.3484894301-0658703978 Referente Telefonia Mobile Aziendale Sig.Roberto Locci Tel.3484894301-0658703978 REGLAMENT PER L ASSEGNAZINE E L US DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFNIA MBILE SMMARI Art. 1 GGETT DEL REGLAMENT...... pag 2

Dettagli

1. L uso del telefono cellulare di servizio e di strumenti per la connettività IP da rete mobile,

1. L uso del telefono cellulare di servizio e di strumenti per la connettività IP da rete mobile, All. a) alla deliberazione della G.E. nr. 90 del 29/8/2011 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI TELEFONIA MOBILE DELLA COMUNITÀ MONTANA VALLI DEL VERBANO Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 215/20.12.2012 In vigore dal 1 febbraio 2013

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008)

REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008) COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 122 del 29/09/2008) Art. 1 Oggetto

Dettagli

DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE.

DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE. DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE. Approvata con Deliberazione del Direttore Generale n. 762 del 31.12.2010 pubblicata in data 10.01.2011. (Vers. 1.0) 1 Indice

Dettagli

COMUNE DI SAVIANO Provincia di Napoli

COMUNE DI SAVIANO Provincia di Napoli Pag. 1 di 6 COMUNE DI SAVIANO Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE Il presente regolamento è stato approvato con delibera del Commissario

Dettagli

Regolamento per l assegnazione e l uso di apparecchiature di telefonia mobile. Adottato con delibera di G. C. n. 132 del 10.3.2005

Regolamento per l assegnazione e l uso di apparecchiature di telefonia mobile. Adottato con delibera di G. C. n. 132 del 10.3.2005 Regolamento per l assegnazione e l uso di apparecchiature di telefonia mobile Adottato con delibera di G. C. n. 132 del 10.3.2005 1 Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI OLBIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DELLA TELEFONIA CELLULARE

COMUNE DI OLBIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DELLA TELEFONIA CELLULARE COMUNE DI OLBIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DELLA TELEFONIA CELLULARE ~ 2 ~ Sommario Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Suddivisione dei cellulari... 3 Articolo 3 Cellulari ad uso esclusivo...

Dettagli

COMUNE DI CERESETO. REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari

COMUNE DI CERESETO. REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari COMUNE DI CERESETO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 30 in data 21/11/2008) Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Protocollo/Segreteria: 0171.925240 fax 0171.925249 Via Roma, 32 CAP 12015 Provincia di Cuneo P.IVA 00461550048 C.F.80003770049 http://www.limonepiemonte.it Comune Certificato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE AL PERSONALE DELL ATENEO Emanato con D.R. Rep. n. 631/ prot. n. 9892 del 17/05/. In vigore dall 01/06/.

Dettagli

DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE

DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE Allegato al Regolamento per l ordinamento degli Uffici e dei Servizi COMUNE DI PARMA DISCIPLINA PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE Approvata con deliberazione della Giunta

Dettagli

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato

CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato CITTA DI MODUGNO Servizio Provveditorato-Economato REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA TELEFONIA MOBILE COMUNALE Approvato con atto di G.C. n 9 del 13.04.2011 1 INDICE GENERALE Art.1 Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo nella seduta del 14 aprile 2015 INDICE: Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE INDICE: Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Norme di riferimento Articolo 3 Ambito di applicazione e finalità Articolo 4 Soggetti autorizzati Articolo 5

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Ufficio del Capo del Dipartimento

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Ufficio del Capo del Dipartimento Prot. n. LETTERA CIRCOLARE Roma, XI - 2-* GDAP-0423759-2012 PU-GDAP-iaOO-27/71/2012-0423759-2012 All' - Ufficio dell'organizzazione e delle relazioni - Ufficio rapporti con le regioni - Ufficio studi,

Dettagli

COMUNE DI PINZOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI ART. 6 OPZIONE PER TELEFONATE DIVERSE DA QUELLE DI SERVIZIO

COMUNE DI PINZOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI ART. 6 OPZIONE PER TELEFONATE DIVERSE DA QUELLE DI SERVIZIO COMUNE DI PINZOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA ART. 3 SOGGETTI AUTORIZZATI ART. 4 UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI ART. 5 GRUPPI DI UTENTI UTILIZZATORI

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE 1 REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI VITTORIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE 1 REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE COMUNE DI VITTORIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE 1 REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE Allegato alla Delibera di Giunta Municipale n. 529 del 16/07/2009 Art. 1 Il

Dettagli

COMUNE DI CITTÀ DI CASTELLO

COMUNE DI CITTÀ DI CASTELLO COMUNE DI CITTÀ DI CASTELLO Provincia di Perugia REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE UTENZE SIM E DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE DI PROPRIETÀ COMUNALE Approvato con atto di G.C. n 415

Dettagli

provinciadisalerno REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO

provinciadisalerno REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO provinciadisalerno REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO Approvato con delibera di Giunta N. 74 del 14 marzo 2012 ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITÀ ART. 3 PROFILI

Dettagli

COMUNE DI ROMANENGO Provincia di Cremona. Regolamento per la disciplina dell'utilizzo degli apparecchi cellulari

COMUNE DI ROMANENGO Provincia di Cremona. Regolamento per la disciplina dell'utilizzo degli apparecchi cellulari COMUNE DI ROMANENGO Provincia di Cremona Regolamento per la disciplina dell'utilizzo degli apparecchi cellulari * Adottato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 18 del 11.02.2011 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ASSEGNAZIONE E DELL USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE AL PERSONALE DIPENDENTE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL'INSUBRIA Emanato con D.R. 17 maggio 2011, n.

Dettagli

REGOLAMENT0 PER LA GESTIONE DELLA TELEFONIA MOBILE DELL ASP DI ENNA

REGOLAMENT0 PER LA GESTIONE DELLA TELEFONIA MOBILE DELL ASP DI ENNA ALLEGATO alla delibera C.S. n.389 del 01/03/13 REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE ENNA REGOLAMENT0 PER LA GESTIONE DELLA TELEFONIA MOBILE DELL ASP DI ENNA Regolamento gestione telefonia mobile

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell'utilizzo dei telefoni cellulari INDICE

Regolamento per la disciplina dell'utilizzo dei telefoni cellulari INDICE Via Garibal, 1 APPOVATO CON DELIBEA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 33 del 28 aprile 2016 Regolamento per la sciplina dell'utilizzo dei telefoni cellulari INDICE Articolo 1 Oggetto del Regolamento Articolo 2

Dettagli

Regolamentazione telefonia fissa

Regolamentazione telefonia fissa Regolamentazione telefonia fissa Regole per il corretto utilizzo della telefonia fissa Provv. Dir. Gen. n 1631 del 22.12.2011 PREMESSA Premesso che l'utilizzo delle risorse telematiche ed informatiche

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell assegnazione e dell utilizzo degli apparati di telefonia mobile

Regolamento per la disciplina dell assegnazione e dell utilizzo degli apparati di telefonia mobile COMUNE DI ARNAD REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA Regolamento per la disciplina dell assegnazione e dell utilizzo degli apparati di telefonia mobile Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 75

Dettagli

Città di Nichelino Provincia di Torino REGOLAMENTO TELEFONIA MOBILE

Città di Nichelino Provincia di Torino REGOLAMENTO TELEFONIA MOBILE Città di Nichelino Provincia di Torino REGOLAMENTO TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 59 del 28.6.2011 ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA ART. 3 SOGGETTI AUTORIZZATI ART. 4

Dettagli

9. Aggiornamento e revisione 9.1 Il presente Regolamento potrà essere soggetto a revisione sulla base dell evoluzione normativa e/o tecnologica,

9. Aggiornamento e revisione 9.1 Il presente Regolamento potrà essere soggetto a revisione sulla base dell evoluzione normativa e/o tecnologica, Regolamento per l'utilizzo dei sistemi di telefonia fissa di Arpa Piemonte Premessa... 1 1. Entrata in vigore del regolamento e pubblicità... 1 2. Campo di applicazione del regolamento... 1 3. Gestione

Dettagli

COMUNE DI SAN LORENZO NUOVO Provincia di Viterbo

COMUNE DI SAN LORENZO NUOVO Provincia di Viterbo COMUNE DI SAN LORENZO NUOVO Provincia di Viterbo Cod. Fisc e Part. IVA 00238480560 - Piazza Europa 32 - Tel.0763/72681 - Fax 0763/7268221 REGOLAMENTO DELL'ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE (Approvato con Deliberazione C.P. n 74 del 10/11/2011)

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE (Approvato con Deliberazione C.P. n 74 del 10/11/2011) COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L USO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE (Approvato con Deliberazione C.P. n 74 del 10/11/2011) Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

CITTA' DI BUCCHIANICO

CITTA' DI BUCCHIANICO CITTA' DI BUCCHIANICO Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E L'USO DELLE UTENZE SIM E DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE DI PROPRIETÀ COMUNALE Approvato con atto della Giunta Comunale

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI SERVIZI BUNDLE DATI TIMDUO PER UTENTI FINALI

NOTA INFORMATIVA SUI SERVIZI BUNDLE DATI TIMDUO PER UTENTI FINALI NOTA INFORMATIVA SUI SERVIZI BUNDLE DATI TIMDUO PER UTENTI FINALI 1. PREMESSA Gli assegnatari di un utenza ministeriale con attivo il servizio TIM DUO per la fatturazione separata del traffico personale,

Dettagli

Direttiva del servizio di telefonia mobile e di supporto alle comunicazioni in mobilità

Direttiva del servizio di telefonia mobile e di supporto alle comunicazioni in mobilità IL DIRETTORE GENERALE Davide Bergamini Direttiva del servizio di telefonia mobile e di supporto alle comunicazioni in mobilità Art. 1 Caratteristiche del Servizio e finalità 1. il Servizio di telefonia

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 54 /G del 11/03/2015 ( CON I POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA COMUNALE) Oggetto: Modifica disciplinare telefonia mobile =====================================================================================

Dettagli

DISCIPLINARE PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE

DISCIPLINARE PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE (Approvato con Decreto n.944 del.lj.~ 20\~ DISCIPLINARE PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE DI TELEFONIA MOBILE Art. 1 - Oggetto del disciplinare Il presente atto disciplina le modalità

Dettagli

Adeguamento tariffario dei servizi di telefonia mobile di rintracciabilità per il personale dell Amministrazione Penitenziaria- Informativa

Adeguamento tariffario dei servizi di telefonia mobile di rintracciabilità per il personale dell Amministrazione Penitenziaria- Informativa Ente di Assistenza per il personale dell Amministrazione Penitenziaria ALLEGATO A Adeguamento tariffario dei servizi di telefonia mobile di rintracciabilità per il personale dell Amministrazione Penitenziaria-

Dettagli

# $ % & '& ( ) * ' ( + &,. ' & & /& 0 1 ' & 5 6-1 ' 6 7 5 ' & & * * %++)%#(!$%"' #, )-(+. % ' &

# $ % & '& ( ) * ' ( + &,. ' & & /& 0 1 ' & 5 6-1 ' 6 7 5 ' & & * * %++)%#(!$%' #, )-(+. % ' & COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto!" # $ % ( ) * ( +!" #!$% (, -*,. / 0 1 2 *! ($ ) ( ( $ 2. 3 * # * 4 %# 5 6-1 6 7 5 * * %++)%#(!$%" #, )-(+. %, ( * 7 8. 4 4 9 8. / / " *6 6 4 ) : ; < 5 2= 6 +

Dettagli

Regolamento di utilizzo dei servizi di telefonia fissa e mobile

Regolamento di utilizzo dei servizi di telefonia fissa e mobile Regolamento di utilizzo dei servizi di telefonia fissa e mobile Estratto da "http://areatlc.uniroma3.it/" - Ultima modifica: 1 gennaio 2011. Indice 1 Obiettivo e ambito di applicazione 2 ACCESSO E UTILIZZO

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO DISCIPLINARE PER L ASSEGNAZIONE E L USO DEI TELEFONI CELLULARI Approvato con Deliberazione di G. M. n. 311 del 30.07.2008 1 ART. 1 ART. 2 OGGETTO FINALITÀ ART.3 AMBITO DI

Dettagli

D E L I B E R A N. 2 74

D E L I B E R A N. 2 74 Prot. n 789/2015 VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 18 FEBBRAIO 2015 D E L I B E R A N. 2 74 L'anno 2015 (duemilaquindici), il giorno di venerdì 18 del mese di febbraio, alle

Dettagli

NOTA INFORMATIVA - SERVIZI DI BASE per l adesione alla Convenzione di telefonia mobile del DAP-EAP

NOTA INFORMATIVA - SERVIZI DI BASE per l adesione alla Convenzione di telefonia mobile del DAP-EAP NOTA INFORMATIVA - SERVIZI DI BASE per l adesione alla Convenzione di telefonia mobile del DAP-EAP Per aderire al servizio di telefonia mobile, si può accedere al portale dedicato, raggiungibile al seguente

Dettagli

NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK

NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK TELEPASS (di seguito TLP) offre ai propri Clienti che abbiano sottoscritto il contratto TELEPASS collegato ad un contratto VIACARD di conto corrente (di seguito

Dettagli

Condizioni Generali del Servizio TGCOM Traffic

Condizioni Generali del Servizio TGCOM Traffic Condizioni Generali del Servizio TGCOM Traffic Art. 1) Definizioni Ambito di applicazione delle Condizioni Generali 1.1 Si intende per: - Cliente: il soggetto intestatario del numero di telefono per il

Dettagli

mobili. Prot. n. 8626 Titolo: III - Classe 1 IL RETTORE

mobili. Prot. n. 8626 Titolo: III - Classe 1 IL RETTORE Decreto n. 379 Regolamento di Ateneo per l acquisto e la gestione di apparecchi telefonici mobili. Prot. n. 8626 Titolo: III - Classe 1 IL RETTORE VISTO l art. 9 dello Statuto dell Università degli Studi

Dettagli

NOTA INFORMATIVA TIM DUO TARIFFE E SERVIZI

NOTA INFORMATIVA TIM DUO TARIFFE E SERVIZI ALLEGATO B NOTA INFORMATIVA TIM DUO TARIFFE E SERVIZI L utenza assegnata avrà le seguenti configurazioni di default: 1. servizio Tim Duo voce ed sms: per l attribuzione privata del traffico fonia e sms

Dettagli

PROVINCIA DI BARI REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO

PROVINCIA DI BARI REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO PROVINCIA DI BARI REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE E L'UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI DI SERVIZIO ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINAI-ITÀ ART. 3 PROFILI DI ABILITAZIONE ART. 4 SOGGETTI AUTORIZZATI ALL'ASSEGNAZIONE

Dettagli

2. Analisi e verifica delle misure attuate dall Ateneo in materia di telefonia mobile per il conseguimento del contenimento dei relativi costi

2. Analisi e verifica delle misure attuate dall Ateneo in materia di telefonia mobile per il conseguimento del contenimento dei relativi costi Al Direttore Amministrativo SEDE Oggetto: Estratto dalla Relazione relativa all incarico conferito con D. D. n. 1365 dell 8.10.2008 in ordine all applicazione dell articolo 2, comma 597, della legge n.

Dettagli

Allegato all Ordine UTENZE (SIM) E RELATIVA CONFIGURAZIONE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

Allegato all Ordine UTENZE (SIM) E RELATIVA CONFIGURAZIONE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 1. Compilare il MODULO DATI GENERALI 2. Compilare il MODULO ELENCO SEDI 3. Compilare i moduli relativi alla caratterizzazione e configurazione delle SIM: MODULO NUOVE UTENZE,

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTAMILANOSMS. Sistema di pagamento della sosta su strada tramite messaggi sms da cellulare

REGOLAMENTO SOSTAMILANOSMS. Sistema di pagamento della sosta su strada tramite messaggi sms da cellulare Milano, 1 febbraio 2010 REGOLAMENTO SOSTAMILANOSMS Sistema di pagamento della sosta su strada tramite messaggi sms da cellulare Premessa Dal 26.06.2006 ATM ha attivato la possibilità di pagare la sosta

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI 2BITE - 2011

LA CARTA DEI SERVIZI DI 2BITE - 2011 LA CARTA DEI SERVIZI DI 2BITE - 2011 PREMESSA 2bite adotta questa Carta dei Servizi in osservanza dei principi stabiliti dalla direttiva sulla qualità e carta dei servizi di telecomunicazione stabiliti

Dettagli

CONVENZIONE TELECOM NUOVO PIANO TARIFFARIO

CONVENZIONE TELECOM NUOVO PIANO TARIFFARIO CONVENZIONE TELECOM NUOVO PIANO TARIFFARIO 1. La Società Telecom, in riferimento alla Convenzione Quadro stipulata con il Ministero dell Interno, ha presentato il nuovo piano tariffario per i servizi di

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER ATTIVAZIONE SIM CARD

NOTA INFORMATIVA PER ATTIVAZIONE SIM CARD NOTA INFORMATIVA PER ATTIVAZIONE SIM CARD Per aderire al servizio di telefonia mobile si può accedere al portale dedicato, raggiungibile al seguente indirizzo: https://77.238.29.17, dove sono presenti

Dettagli

Le soluzioni migliori per il tuo lavoro. Area Clienti Business www.impresasemplice.it. Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business.

Le soluzioni migliori per il tuo lavoro. Area Clienti Business www.impresasemplice.it. Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business. Le soluzioni migliori per il tuo lavoro Area Clienti Business www.impresasemplice.it Fisso Mobile Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business. Telefonia cos'è l'area Clienti Business L Area Clienti

Dettagli

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco 1 COMUNE DI PISA Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco (approvato con Deliberazione della G.C. n. 124 del 1/09/2009) 2 Art. 1 Principi generali e definizioni 1. Le presenti norme

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

CITTÀ DI AGROPOLI. Regolamento per la pubblicazione delle Determinazioni sul sito internet istituzionale dell Ente

CITTÀ DI AGROPOLI. Regolamento per la pubblicazione delle Determinazioni sul sito internet istituzionale dell Ente CITTÀ DI AGROPOLI Regolamento per la pubblicazione delle Determinazioni sul sito internet istituzionale dell Ente Approvato con deliberazione della Giunta comunale n 358 del 06.12.2012 Regolamento per

Dettagli

Disposizioni per la concessione e l utilizzo delle SIM e Chiavette per trasmissione dati

Disposizioni per la concessione e l utilizzo delle SIM e Chiavette per trasmissione dati Disposizioni per la concessione e l utilizzo delle SIM e Chiavette per trasmissione dati Emissione Verifica Approvazione Nomi Servizio Informatico e Telecomunicazioni Dirigente Servizio Informatico e Telecomunicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA Servizio Mobilità e Traffico REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 7/20543/13 dell'8 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno Allegato alla delibera camerale n. 145 del 1 ottobre 2013 Regolamento per l utilizzo delle carte di credito Articolo

Dettagli

ALLEGATO Proposta di modifica unilaterale ai sensi dell art. 126 sexies del Testo Unico Bancario

ALLEGATO Proposta di modifica unilaterale ai sensi dell art. 126 sexies del Testo Unico Bancario ALLEGATO Proposta di modifica unilaterale ai sensi dell art. 126 sexies del Testo Unico Bancario La Sezione CARTA DI DEBITO delle Condizioni Economiche che disciplinano il servizio di Conto Corrente Arancio

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI 1 CONTRATTO PER APPALTO DEI SERVIZI DI PULIZIA TRA Il Condominio

Dettagli

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE TERTENIA Allegato G.C. 32/2013 DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Finalità Il presente disciplinare persegue

Dettagli

Ragione Sociale: Nome e Cognome (referente): Partita Iva: Indirizzo sede legale: Città: Provincia: Cap: Telefono: Email: (registrazione):

Ragione Sociale: Nome e Cognome (referente): Partita Iva: Indirizzo sede legale: Città: Provincia: Cap: Telefono: Email: (registrazione): ID AZIENDA # Da Rispedire tramite mail / FAX: commerciale@preventivami.it Fax +39 080.9692345 oppure raccomandata A/R: Spett.le Preventivami.it GIDA Srl Via Fratelli Philips, 9 70132 Bari DATI DELL'AZIENDA:

Dettagli

Modulo richiesta assistenza tecnica (autorizzazione al rientro del materiale)

Modulo richiesta assistenza tecnica (autorizzazione al rientro del materiale) Modulo richiesta assistenza tecnica (autorizzazione al rientro del materiale) Questo modulo è utile per la richiesta di assistenza tecnica sui prodotti forniti da, sia per la richiesta d intervento di

Dettagli

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DELIBERA COMMISSARIALE N. 17 DELL 11 FEBBRAIO 2009 OGGETTO: Regolamento recante la disciplina relativa all uso

Dettagli

Comune di San Salvo Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO HOTSPOT WI-FI PUBBLICO

Comune di San Salvo Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO HOTSPOT WI-FI PUBBLICO Comune di San Salvo Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO HOTSPOT WI-FI PUBBLICO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 20 del 30/04/2013 INDICE Premessa Art. 1 - Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA OPERAZIONE A PREMI DENOMINATA VALORE INSIEME SOCI PROMOSSA DALLA SOCIETA CREDITO BERGAMASCO S.p.a. con sede in Largo di Porta Nuova

REGOLAMENTO DELLA OPERAZIONE A PREMI DENOMINATA VALORE INSIEME SOCI PROMOSSA DALLA SOCIETA CREDITO BERGAMASCO S.p.a. con sede in Largo di Porta Nuova REGOLAMENTO DELLA OPERAZIONE A PREMI DENOMINATA VALORE INSIEME SOCI PROMOSSA DALLA SOCIETA CREDITO BERGAMASCO S.p.a. con sede in Largo di Porta Nuova 2 24122 Bergamo 1. PERIODO L iniziativa ha svolgimento

Dettagli

Regolamento per l'utilizzo della CARTA STAROIL CARBURANTI

Regolamento per l'utilizzo della CARTA STAROIL CARBURANTI Regolamento per l'utilizzo della CARTA STAROIL CARBURANTI 1. Introduzione Il presente documento ( Regolamento ) regola l'utilizzo della carta fedeltà denominata STAROIL CARBURANTI che dà accesso ad attività

Dettagli

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco COMUNE DI PISA Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco (approvato con Deliberazione della G.C. n. 124 del 2009) Art. 1 - Principi generali e definizioni 1. Le presenti norme disciplinano

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA servizio di prenotazione telefonica (call center) delle prestazioni specialistiche ambulatoriali erogate dalle strutture pubbliche e private accreditate dell ULSS

Dettagli

Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Approvato con deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016

Dettagli

SPECIFICA TECNICA INDICE DELLA SPECIFICA. Servizio: Gestione utenze

SPECIFICA TECNICA INDICE DELLA SPECIFICA. Servizio: Gestione utenze Pagina 1 di 5 INDICE DELLA 1 SCOPO 2 APPLICABILITÀ 3 RIFERIMENTI 4 RESPONSABILITÀ 5 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 6 CRITICITA, INDICATORI ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO 7 ALLEGATI REVISIONI Data 14/01/2004 26/07/2005

Dettagli

CSI-PIEMONTE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI PROCEDURE DI GARA ELETTRONICHE

CSI-PIEMONTE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI PROCEDURE DI GARA ELETTRONICHE CSI-PIEMONTE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI PROCEDURE DI GARA ELETTRONICHE SOMMARIO ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ART. 2 DEFINIZIONI... 3 ART. 3 RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO...

Dettagli

Servizio abbonamento TIM - Proposta di Attivazione

Servizio abbonamento TIM - Proposta di Attivazione Servizio abbonamento TIM - Proposta di Attivazione OFFERTA: TUTTO COMPRESO INTERNET Data e ora: Progressivo operazione : Codice Punto Vendita: Con * sono indicati i dati obbligatori PERSONA FISICA O DITTA

Dettagli

Regolamento in materia di trasparenza e efficacia del servizio di televoto. Art. 1 (Definizioni)

Regolamento in materia di trasparenza e efficacia del servizio di televoto. Art. 1 (Definizioni) Allegato A alla delibera n. 38/11/CONS Regolamento in materia di trasparenza e efficacia del servizio di televoto Art. 1 (Definizioni) 1. Ai fini dell applicazione di quanto previsto dal presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO MANZONI CARD

REGOLAMENTO MANZONI CARD REGOLAMENTO MANZONI CARD La tessera Manzoni Card prepagata a scalare d importo è un documento di legittimazione utile per il pagamento del biglietto di ingresso alla Stagione Teatrale del Teatro Manzoni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO Articolo 1 Servizio degli Ausiliari del traffico 1. Il servizio degli Ausiliari del Traffico è disciplinato dal presente regolamento nel rispetto

Dettagli

Descrizione del Servizio Contact Centre Service Internazionale. Offerta Commerciale

Descrizione del Servizio Contact Centre Service Internazionale. Offerta Commerciale Descrizione del Servizio Contact Centre Service Internazionale Offerta Commerciale Data : 2 maggio 08 Versione : 2.2 Service Description Pagina 1 di 5 In ottemperanza a quanto stabilito dall'autorità per

Dettagli

Condizioni generali di Noleggio

Condizioni generali di Noleggio Condizioni generali di Noleggio 1. Oggetto del contratto Il Contratto ha per oggetto la fornitura del servizio di noleggio di articoli di puericultura e relativi accessori (di seguito Bene o Beni ) tra

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI PUBBLICA TUTELA AZIENDA ULSS 16 di PADOVA

REGOLAMENTO AZIENDALE DI PUBBLICA TUTELA AZIENDA ULSS 16 di PADOVA REGOLAMENTO AZIENDALE DI PUBBLICA TUTELA AZIENDA ULSS 16 di PADOVA Art. 1 - Finalità del Regolamento 1.1. L Azienda ULSS 16 si impegna a garantire la tutela dei cittadini e degli utenti dei suoi servizi

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA TITO SCHIPA. Istituto Superiore di Studi Musicali LECCE

CONSERVATORIO DI MUSICA TITO SCHIPA. Istituto Superiore di Studi Musicali LECCE CONSERVATORIO DI MUSICA TITO SCHIPA Istituto Superiore di Studi Musicali LECCE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE SPESE DI RAPPRESENTANZA; L USO DELLE CARTE DI CREDITO E DEI TELEFONI CELLULARI;DEL TAXI E DEL

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Bancomat e Pagobancomat

FOGLIO INFORMATIVO. Bancomat e Pagobancomat FOGLIO INFORMATIVO Bancomat e Pagobancomat INFORMAZIONI SULLA BANCA SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Soc. Coop. p. a. Piazza Matteotti, 23-41038 San Felice sul Panaro (MO) Tel.: 0535/89811 Fax: 0535/83112

Dettagli

Modulo di richiesta del servizio di Portabilità per Aziende

Modulo di richiesta del servizio di Portabilità per Aziende Modulo di richiesta del servizio di Portabilità per Aziende Capitale Sociale 2.305.099.887,30 i.v. Di seguito potrà trovare tutte le indicazioni per la compilazione del Modulo di richiesta del Servizio

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12. N. 372 del Reg. Decreti del 15/06/2015 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.2012 OGGETTO: Approvazione

Dettagli

Guida a SaraFree. Garanzia RCA

Guida a SaraFree. Garanzia RCA Guida a SaraFree Garanzia RCA Mod. 269/C ed. 01/2006 1 Condizioni Particolari di Assicurazione SaraFreeDay (cod. 272/B) 2 GARANZIE DI RESPONSABILITÀ CIVILE 1. Regolamentazione contrattuale La presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA CARTA DI CREDITO. Art. 5 - Pagamenti di spese sostenute dal personale: inviato in missione.

REGOLAMENTO PER L USO DELLA CARTA DI CREDITO. Art. 5 - Pagamenti di spese sostenute dal personale: inviato in missione. REGOLAMENTO PER L USO DELLA CARTA DI CREDITO INDICE: Art. l - Oggetto del regolamento Art. 2 -Tipologie di spese Art. 3 - Acquisto di beni e servizi Art. 4 - Iscrizione a corsi di formazione, seminari

Dettagli

CITTA' DI ALCAMO ************

CITTA' DI ALCAMO ************ ALLEGATO B CITTA' DI ALCAMO PROVINCIA DI TRAPANI ************ REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DELL AUTOPARCO (allegato alla delibera di C.C. n. 92 del 21/7/2011) Art. 1 Principi generali

Dettagli

Art. 2 Strumenti destinati alla didattica e alle produzioni.

Art. 2 Strumenti destinati alla didattica e alle produzioni. REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE DEGLI STRUMENTI MUSICALI, DELLE APPARECCHIATURE TECNOLOGICHE E DELLA DOTAZIONE DELLE AULE DEL CONSERVATORIO DI MUSICA G. VERDI DI COMO. (art. 14, comma 4 del D.P.R.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 25

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 25 C O M U N E D I A Y A S Regione Autonoma Valle d'aosta Copia Albo C O M M U N E D' A Y A S Région Autonome de la Vallée d'aoste VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 25 OGGETTO: MODIFICA AL

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Procedura per la comunicazione delle operazioni aventi ad oggetto azioni emesse da Bialetti Industrie S.p.A. o altri strumenti finanziari ad esse

Dettagli