Utilizzo di XML con Javascript

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Utilizzo di XML con Javascript"

Transcript

1 Utilizzo di XML con Javascript Moltissime applicazioni Web si scambiano i dati con l'utilizzo di un formato intelligibile e fruibile che non necessita di particolari autorizzazioni come ne necessitano i database. Il formato di dati di cui stiamo parlando è l'xml. All'XML in genere ci si interfaccia con linguaggi lato server come ASP, ASP.NET, PHP ed altri, ma è possibile interfacciarvisi anche con linguaggi lato client come VBScript e Javascript. Quest'ultimo è oggetto del presente Articolo. In effetti ci sono dei pro e dei contro nell'utilizzo di un linguaggio lato client piuttosto che lato server: i pro sono legati alla velocità di esecuzione ed al fatto che non è necessario che su un server siano installati i parser XML adatti, che (per contro) devono necessariamente essere installati sui client che visitano una pagina XTML che importa uno script che legge un XML, ovvero una cosa che non si può controllare. La scelta di implementare un'applicazione con Javascript ed XML è adatta ad un'applicazione Intranet, dove si sa per certo che solo determinati client accederanno alle pagine. Introduzione ad XML XML è l'acronimo di extensible Markup Language, ovvero linguaggio di marcatura che, a differenza dell'html, ha delle proprietà estensibili e non è atto a definire layout di pagine bensì a creare delle strutture di dati. Si crei il file database.xml semplicemente rinominando un normale file di testo Nuovo Documento di testo.txt e vi si inserisca il seguente codice: <?xml version="1.0"?> <biblioteca> <libro> <autore>j.r.r. Tolkien</autore> <titolo>il Signore degli Anelli</titolo> <descrizione>fantastica storia epica fantastica medievale</descrizione> <prezzo>100</prezzo> </libro> <libro> <autore>b. Stocker</autore> <titolo>dracula</titolo> <descrizione>la storia del noto vampiro transilvano</descrizione> <prezzo>50</prezzo> </libro> <libro> <autore>d. Defoe</autore> <titolo>moll Flanders</titolo> <descrizione>la storia di una ladra e prostituta</descrizione> <prezzo>35</prezzo> </libro> </biblioteca> E' possibile notare una struttura gerarchica di tipo padre.figlio e figlio.nipote; questi legami si chiamano nodi a cui è possibile accedere in via programmatica. Più avanti, nel corso dell'articolo, vedremo come. L'oggetto XMLDOM Esistono diversi sistemi per accedere ai dati di un documento XML, uno dei quali, probabilmente il migliore, è di casa Microsoft e si chiama XMLDOM che sfrutta le potenzialità del Document

2 Object Model. Utilizzato lato server l'xmldom permette anche di aggiornare file modificando nodi esistenti e creandone di nuovi, come se si trattasse di un database. Con Javascript il discorso cambia perchè un client riconoscerebbe una simile operazione come frutto di un ActiveX potenzialmente pericoloso. Il problema non si verifica in lettura. Per leggere un documento XML con l'xmldom è necessario creare un'istanza della libreria Microsoft.XMLDOM con la seguente sintassi: var objxml = new ActiveXObject("Microsoft.XMLDOM"); Si crei il file test.htm e si inserisca il seguente codice in un blocco di script: var errore = 0; try var objxml = new ActiveXObject("Microsoft.XMLDOM"); errore = 0; alert("componente supportato"); catch (e) errore = 1; alert("componente NON supportato"); finally if (errore = 0) objxml.close(); Con l'istruzione try dichiaro l'istanza dell'oggetto; nell'istruzione catch gestisco un'eventuale eccezione dovuta ad un errore; nell'istruzione finally inserisco il codice che dovrà comunque essere eseguito, in questo caso la chiusura dell'istanza per non tenere la memoria del computer occupata. Ad ogni modo il costrutto try catch finally è proprietario di Javascript e serve per la gestione degli errori: non ha nulla a che vedere nativamente con XML o con XMLDOM. Leggere un file XML con Javascript Passiamo alla lettura del file database.xml all'interno del file leggi.htm di cui riporto il codice commentato:

3 var errore = 0; try var objxml = new ActiveXObject("Microsoft.XMLDOM"); // Carico il file XML objxml.async = false; objxml.load("database.xml"); // Leggo tutti i nodi del file col metodo getelementsbytagname() var autore = objxml.getelementsbytagname("libro/autore"); var titolo = objxml.getelementsbytagname("libro/titolo"); var descrizione = objxml.getelementsbytagname("libro/descrizione"); var prezzo = objxml.getelementsbytagname("libro/prezzo"); var i = 0; // Ciclo tutti i nodi utilizzando la proprietà text per la lettura with(document) for (i=0; i<autore.length; i++) write("autore: " + autore[i].text + "<br>"); write("titolo: " + titolo[i].text + "<br>"); write("decrizione: " + descrizione[i].text + "<br>"); write("prezzo: " + prezzo[i].text + " <br><br>"); errore = 0; catch (e) document.write("spiacenti, il tuo computer non supporta XML"); errore = 1; finally if (errore = 0) objxml.close();

4 Un sistema di login in Javascript ed XML Con un po di fantasia e con l'oggetto XMLDOM possiamo creare una serie di interessanti applicazioni basate su XML. L'oggetto di questo Articolo è un sistema di autenticazione, o che dir si voglia di login, basato su un file XML di cui presento la struttura, contenuta all'interno del file login.xml <?xml version="1.0"?> <database> <utente> <id>1</id> <password>pippo</password> </utente> <utente> <id>2</id> <password>pluto</password> </utente> <utente> <id>3</id> <password>paperino</password> </utente> </database> La struttura esplica chiaramente che ad ogni utente è assegnata una coppia di valori UserID e Password, ovvero le credenziali di accesso. Di seguito il codice HTML del modulo in cui inserire le proprie credenziali per l'autenticazione, contenuto nel file login.html <form name="modulo"> User ID:<br> <input type="text" name="u_id"><br> Password:<br> <input type="password" name="pass"><br> <input type="button" value="login" onclick="xml_login()"> </form> L'evento click del bottone di login fa riferimento alla funzione XML_Login() da inserire nell'header dello stesso file. Di seguito il codice commentato: <script language="javascript"> <!-- function XML_Login() // Recupero i dati dal modulo HTML var u_id = document.modulo.u_id.value; var pass = document.modulo.pass.value; // Imposto un'espressione regolare per verificare che // i caratteri inseriti nei campi UserID e Password // siano alfanumerici, in modo da non dar fastidio all'xml var re = /^[a-z0-9]/; // Verifico che i campi siano valorizzati (correttamente) if (re.test(u_id) == false re.test(pass) == false) alert("inserire le credenziali di accesso!");

5 else // Una volta soddisfatte le condizioni... // Apro un oggetto XMLDOM var login = new ActiveXObject("Microsoft.XMLDOM"); // Carico il file XML login.async = false; login.load("login.xml"); // Recupero i nodi dal file XML var id = login.getelementsbytagname("utente/id"); var password = login.getelementsbytagname("utente/password"); // Creo un indice per individuare il nodo relativo // all'utente che sta effettuando il login var indice = u_id - 1; // Verifico che l'utente esista e gli concedo o meno l'accesso if (id[indice].text == u_id && password[indice].text == pass) alert("benvenuto!"); else alert("accesso negato!"); //--> </script> Non è tutto oro quel che luccica! Il sistema è semplice e funzionante e potrebbe risolvere i problemi di molti Webmaster che non utilizzano (o non ancora) linguaggi sicuri come ASP, ASP.NET o PHP. Tuttavia ci sono due controindicazioni: 1. utilizzare un file XML che contenga dati sensibili come delle credenziali di accesso non è una scelta sicura perchè ci si potrebbe arrivare via HTTP, conoscendo o immaginando come potrebbe chiamarsi il file; 2. utilizzare Javascript lato client mette in chiaro nel codice il nome ed il percorso del file XML contenente le credenziali di accesso dei vari utenti. Con queste considerazioni non sto smontando i lettori in merito all'utilizzo di questo sistema, anche perchè altrimenti non ci avrei scritto un Articolo! Considerate questo Articolo come risorsa puramente didattica: vi propongo un altro Articolo (reperibile nella sezione ASP - Tutorial) che sfrutta questo stesso sistema con uno script ASP, in modo da rendere sicura l'autenticazione e da non mettere i dati a rischio... o non più di tanto!

6 Paginazione a colonne di un file Xml Per questioni pratiche e di spazio sulla pagina, conviene sempre, o comunque quando possibile, disporre i risultati di un report in una tabella formata da più colonne. Abbiamo già visto in un Articolo precedente come è possibile paginare a colonne i risultati di una query su di un database: allo stesso modo possiamo paginare i dati di un file XML, oggetto di questo Articolo. Consideriamo il codice del seguente file, amici.xml <?xml version="1.0"?> <amici> <amico> <nome>alessandro</nome> </amico> <amico> <nome>claudio</nome> </amico> <amico> <nome>emanuela</nome> </amico> <amico> <nome>felice</nome> </amico> <amico> <nome>jacopo</nome> </amico> <amico> <nome>luca</nome> </amico> <amico> <nome>max</nome> </amico> </amici> Il codice ASP di seguito riportato ed opportunamente commentato, spiega come eseguire la paginazione a colonne sul file XML appena esaminato: = VBScript%> <table border="1"> <tr> <% ' DICHIARO LE VARIABILI CHE MI SERVONO PER L'APPLICAZIONE Dim xml, nome, i, x ' APRO UN NUOVO OGGETTO XMLDOM E CARICO IL FILE XML Set xml = Server.CreateObject("Microsoft.XMLDOM") xml.async = False xml.load Server.MapPath("amici.xml") ' RECUPERO IL NODO CHE MI INTERESSA Set nome = xml.getelementsbytagname("amico/nome") ' VALORIZZO I CONTATORI i = 0 x = 0 ' ESEGUO IL CICLO SU TUTTI I NODI For i = 0 To nome.length - 1

7 %> <% ' VERIFICO CHE IL REPORT SI DISPONGA SU 3 COLONNE If x = 3 Then x = 0 Response.Write "</tr><tr>" End If <td width="100" align="center"><%=nome(i).text%></td> ' INCREMENTO IL CONTATORE x = x + 1 Next ' UN PO DI PULIZIA... Set nome = Nothing Set xml = Nothing %> </tr> </table> Le fasi salienti dello script sono evidenziate in grassetto... il resto è un comune report di un file XML utilizzando una pagina ASP/VBScript e l'xmldom. Celle di colori alternati con ASP, XML ed XSLT Le istruzioni condizionali dell'xslt consentono di realizzare con semplicità report che si comportano in maniera differente a seconda di calcoli o dei dati presenti all'interno di un documento XML. L'esempio di questo Articolo mette in pratica un utile script che genera un report in celle di colori alternati, effettuando la trasformazione lato server attraverso ASP. Creiamo una semplice struttura di dati XML nel file database.xml <?xml version="1.0"?> <database> <utente> <id>1</id> <nome>luca</nome> <cognome>ruggiero</cognome> </utente> <utente> <id>2</id> <nome>max</nome> <cognome>bossi</cognome> </utente> <utente> <id>3</id> <nome>claudio</nome> <cognome>garau</cognome> </utente> <utente> <id>4</id> <nome>alessandro</nome> <cognome>alessandrini</cognome> </utente> </database> Stilizziamo ora dinamicamente l'output del file XML col seguente codice XSLT nel file style.xsl

8 <?xml version="1.0"?> <xsl:stylesheet version="1.0" xmlns:xsl="http://www.w3.org/1999/xsl/transform"> <xsl:output method="html" /> <xsl:template match="/"> <h1>utenti</h1> <table border="1"> <thead bgcolor="#000000" style="color: #FFFFFF;"> <th>nome</th> <th>cognome</th> </thead> <xsl:for-each select="database/utente"> <xsl:choose> <xsl:when test="id mod 2 = 1"> <tr bgcolor="#ffffff"> <td><xsl:value-of select="nome" /></td> <td><xsl:value-of select="cognome" /></td> </tr> </xsl:when> <xsl:otherwise> <tr bgcolor="#ffffcc"> <td><xsl:value-of select="nome" /></td> <td><xsl:value-of select="cognome" /></td> </tr> </xsl:otherwise> </xsl:choose> </xsl:for-each> </table> </xsl:template> </xsl:stylesheet> Commentiamo un po il codice per renderci conto delle sue azioni dinamiche. Prima operazione è quella di impostare l'output in formato HTML per evitare che la trasformazione, da ASP, avvenga importando Tag XML: <xsl:output method="html" /> questa operazione possiamo considerarla come valore aggiunto al report ma non è fondamentale ai fini della riuscita dello script. Apriamo il template XSLT ed iniziamo a scrivere il codice HTML. Ad un certo punto, all'interno del ciclo che estrae tutti i dati dal file XML, utilizziamo le istruzioni condizionali xsl:when ed xsl:otherwise, all'interno di un gruppo di scelta condizionale xsl:choose, per impostare due condizioni, ovvero quelle secondo le quali le celle su una stessa riga saranno, in maniera alternata, di un colore piuttosto che di un altro <xsl:choose> <xsl:when test="id mod 2 = 1"> <tr bgcolor="#ffffff"> <td><xsl:value-of select="nome" /></td> <td><xsl:value-of select="cognome" /></td> </tr> </xsl:when> <xsl:otherwise> <tr bgcolor="#ffffcc"> <td><xsl:value-of select="nome" /></td> <td><xsl:value-of select="cognome" /></td> </tr> </xsl:otherwise> </xsl:choose>

9 Effettuiamo il test condizionale con l'operatore modulo in base 2, impostando la condizione di uguaglianza su 1, in modo da ottenere una condizione vera ogni due. Di seguito il codice commentato del file ASP che effettua la trasformazione: = VBScript%> <% ' Dichiaro le variabili che mi servono Dim database, style ' Setto due oggetti XMLDOM, uno per il file XML ' ed un secondo per il file di stile dinamico XSLT Set database = Server.CreateObject("Microsoft.XMLDOM") Set style = Server.CreateObject("Microsoft.XMLDOM") ' Setto i due oggetti come sincroni database.async = False style.async = False ' Carico i file XML ed XSLT database.load Server.MapPath("database.xml") style.load Server.MapPath("style.xsl") ' Nel corpo della pagina effettuo la trasformazione... %> <html> <head> <title>celle di colori alternati con ASP, XML ed XSLT</title> </head> <body> <%=database.transformnode(style)%> </body> </html> <% ' Un po di pulizia... Set database = Nothing Set style = Nothing %>

10 Accedere ad un file XML generato dinamicamente con Javascript Il metodo loadxml() di XMLDOM permette di supplire al tradizionale metodo load(), utilizzato per specificare il percorso di un file XML reale a cui accedere, quando il file XML non è fisicamente presente sul server ma viene generato al volo all'interno del codice Javascript stesso. La domanda nasce spontanea: perchè creare al volo un file XML direttamente all'interno del codice Javascript piuttosto che utilizzare un file XML reale? In effetti una risposta secca e definita non c'è ma ci sono tante risposte che si traducono in specifiche casistiche di programmazione a cui è necessario, all'occorrenza, far fronte. Immaginiamo ad esempio un'applicazione Intranet basata o meno su XML in cui è necessario fare dei rapidi calcoli al volo, ad esempio per monitorare dinamicamente il numero e/o il valore di una serie di elementi di un form HTML. A prescindere dal fatto che potrebbero esserci altre soluzioni altrettanto valide, la soluzione di creare una struttura XML al volo è comunque una soluzione ed è anche piuttosto valida; a questo proposito torna comodo avere una struttura XML volatile su cui agire col DOM piuttosto che dover andare a creare fisicamente un file XML, verificarne l'esistenza, andarci a scrivere o a modificarlo... operazioni più lunghe e dispendiose che richiedono, per altro, l'intervento di un linguaggio lato server come ASP. Il codice, simile a tanti altri codici già visti riguardanti l'interazione con l'xmldom, è molto semplice e non ha bisogno di commenti var testo = ""; testo += "<?xml version='1.0'?>"; testo += "<utenti>"; testo += "<utente><nome>luca</nome></utente>"; testo += "<utente><nome>max</nome></utente>"; testo += "<utente><nome>claudio</nome></utente>"; testo += "</utenti>"; var x = new ActiveXObject("Microsoft.XMLDOM"); x.async = false; x.loadxml(testo); var i = 0; for (i=0; i<x.documentelement.childnodes.length; i++) document.write(x.documentelement.childnodes(i).text + "<br>"); x.close(); Nella variabile testo costruisco dinamicamente la struttura XML e la richiamo all'interno del metodo loadxml(). Il resto è ordinaria amministrazione.

11 XML Data Binding: unire XML ed HTML Il Data Binding è una tecnica di programmazione basata sul recupero di un elemento attraverso l'oggetto DSO (Data Source Object) che dispone di una serie di proprietà per recuperare i dati. Microsoft ha implementato nel parser MSXML la possibilità di gestire lato client i dati di una struttura XML attraverso la tecnica del Data Binding. Trattandosi di una tecnica lato client non so fino a che punto possa effettivamente essere utile, ma in ogni caso vediamo di cosa si tratta. Si prenda la seguente struttura XML da inserire nel file rubrica.xml <?xml version="1.0"?> <database> <record> <nome>pippo</nome> <telefono>112233</telefono> </record> <record> <nome>pluto</nome> <telefono>445566</telefono> </record> <record> <nome>paperino</nome> <telefono>778899</telefono> </record> </database> Nella nostra pagina HTML utilizzeremo il Tag <xml>, con relativa chiusura </xml>, per recuperare il file XML; a questo Tag assegneremo l'id identificativo del DSO da utilizzare <xml id="dso_rubrica" src="rubrica.xml"></xml> Passiamo alla materiale estrazione dei dati all'interno di una tabella HTML <table datasrc="#dso_rubrica" border="1"> <thead bgcolor="#eeeeee"> <th align="left"><b>nome</b></th> <th align="left"><b> </b></th> <th align="left"><b>telefono</b></th> </thead> <tr> <td><span datafld="nome"></span></td> <td><span datafld=" "></span></td> <td><span datafld="telefono"></span></td> </tr> </table> Alla tabella assegno l'attributo datasrc che recupera l'id del DSO associato al file XML a cui accedere; utilizziamo i Tag thead e th per definire l'intestazione della tabella ed evitare che si ripeta per ogni nodo XML visualizzato; all'interno di una serie di Data Fields andiamo ad estrarre i veri e propri dati, sfruttando l'attributo datafld. NOTA: se volete disporre i dati di uno stesso nodo in verticale piuttosto che in orizzontale dovete far si che l'intestazione si ripeta ed utilizzare i Tag tr e td al posto di thead e th.

12 XML ed HTML: creazione di una struttura intuibile Una delle principali raccomandazioni per la realizzazione di una struttura XML, che esula dalle regole per la creazione di strutture valide o ben formate, è quella di creare Tag intuibili. Mi capita di vedere strutture XML a prima vista del tutto incomprensibili, sia pur perfettamente funzionanti. Allo stesso modo in cui si raccomanda ad un programmatore di assegnare, ad esempio, a variabili e funzioni nomi intuibili, allo stesso modo è necessario creare strutture XML semplici da interpretare. Dal momento che l'xml somiglia, almeno nella sua struttura all'html, possiamo volgere a nostro favore questa platonica somiglianza e "rubare" i Tag con i relativi attributi. Supponiamo di voler creare una struttura XML i cui dati siano un elenco di siti con relativi link, icona e descrizione. Una struttura come quella appena descritta si può tradurre come segue <?xml version="1.0"?> <database> <html> <h1>mrw Corsi</h1> <a href="http://www.mrwcorsi.it" title="corso professionali" /> <img src="mrwcorsi.gif" alt="icona MRW Corsi" border="0" /> <p>vuoi essere un professionista? Acquista i nostri corsi!</p> </html> <html> <h1>mr.webmaster</h1> <a href="http://www.mrwebmaster.it" title="mister Webmaster" /> <img src="mrwebmaster.gif" alt="icona Mr.Webmaster" border="0" /> <p>vuoi imparare a programmare? Leggi i nostri Articoli!</p> </html> </database> Abbiamo usato il nome h1 al posto di titolo; a, con relativi attributi href e title al posto di collegamento; abbiamo utilizzato il Tag img, con relativi attributi classici dell'html, al posto di immagine o icona; in fine abbiamo usato p al posto di descrizione. Si tratta solo di un semplice esempio. Fate tesoro di questo consiglio! Capire la struttura XML di Google SiteMaps Google SiteMaps è un sistema introdotto nel 2005 dal gigante di Mountain View allo scopo di segnalare al suo spider le pagine di un sito e, tanto per smentire chi lo crede fermamente, questo sistema NON favorisce l'indicizzazione dei contenuti, essendo appunto solo uno strumento di segnalazione. In questo articolo by-passeremo le spiegazioni teoriche e di Marketing e ci concentreremo sulla struttura XML in cui questo sistema è materialmente redatto. Il file XML va preferibilmente messo nella root di un sito ed il nome del file non è importante. Supponiamo possa essere sitemaps.xml. Esaminiamo la sua struttura di base:

13 <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <urlset xmlns="http://www.google.com/schemas/sitemap/0.84"> <url> <loc>http://www.mrwebmaster.it/</loc> <lastmod> </lastmod> <changefreq>weekly</changefreq> <priority>1.0</priority> </url> </urlset> Alla prima riga troviamo la dichiarazione e la versione del linguaggio XML e la sua codifica UTF. In seguito troviamo il Tag principale che è urlset con relativa chiusura alla fine del file; il suo Namespace, specificato dal Tag xmlns, fa riferimento al percorso remoto di Google stesso, su cui è presente la DTD relativa agli spazi nei nomi utilizzati e gestiti stesso da Big G. A questo punto esaminiamo il nodo composto da dal Tag principale url e dall'elenco dei Tag utili a specificare i valori per singola pagina. loc - Specifica la pagina da segnalare allo spider di Google: in questo caso la Homepage. lastmod - Indica la data dell'ultima modifica della pagina in formato: aaaa-mm-gg ovvero anno-mese-giorno changefreq - Indica la frequenza con cui una pagina viene aggiornata : daily - quotidianamente weekly - settimanalmente monthly - mensilmente priority - Indica il livello di importanza della pagina: si può dire a Google, in questo modo, che la sua importanza va da 0.1 a 1.0 e non oltre. Proviamo adesso ad ampliare il file XML costituente il Google SiteMaps, specificando anche la pagina del Forum di Mr. Webmaster, oltre alla già specificata Homepage: <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <urlset xmlns="http://www.google.com/schemas/sitemap/0.84"> <url> <loc>http://www.mrwebmaster.it/</loc> <lastmod> </lastmod> <changefreq>weekly</changefreq> <priority>1.0</priority> </url> <url> <loc>http://forum.mrwebmaster.it/</loc> <lastmod> </lastmod> <changefreq>daily</changefreq> <priority>1.0</priority> </url> </urlset> La modifica (aggiunta) è evidenziata in grassetto. Si consiglia di automatizzare il meccanismo di aggiornamento del file XML in questione attraverso un qualsiasi software o webware, di propria creazione, attraverso il linguaggio di scripting lato server che si preferisce.

14 Impostare un link di base con XML: Base Nel tutorial dedicato ad XLink abbiamo visto come creare link attraverso un documento XML. Vediamo adesso come semplificarci la vita utilizzando l'elemento XML:Base per definire la URL di base dei documenti da linkare all'interno nel nostro file XML. Il funzionamento di XML:Base è simile a quello del Tag <base> dell'html, il cui funzionamento è descritto minuziosamente in questo articolo. Nell'articolo relativo ad XLink, a cui ho fatto riferimento in precedenza, abbiamo creato una struttura di file XML relativa al noto gruppo musicale Queen. Riportiamo lo stesso esempio in questa sede ed adattiamo al suo interno la gestione dei link di base con XML:Base, come nell'esempio che segue: <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <queen xml:base="http://localhost/queen/" xmlns:xlink="http://www.w3.org/1999/xlink"> <band xlink:type="simple" xlink:href="freddie-mercury.html"> Voce e piano: Freddie Mercury <band> <band xlink:type="simple" xlink:href="brian-may.html"> Chitarra elettrica: Brian May <band> <band xlink:type="simple" xlink:href="john-deacon.html"> Basso: John Deacon <band> <band xlink:type="simple" xlink:href="roger-taylor.html"> Batteria: Roger Taylor <band> </queen> Non facciamo altro che definire all'interno del Tag "queen", root del documento XML, l'attributo xml:base assegnandogli come valore la URL di base a cui i file HTML specificati all'interno dei singoli nodi faranno riferimento.

Tecnologie e Programmazione Web

Tecnologie e Programmazione Web Presentazione 1 Tecnologie e Programmazione Web Html, JavaScript e PHP RgLUG Ragusa Linux Users Group SOftware LIbero RAgusa http://www.solira.org - Nunzio Brugaletta (ennebi) - Reti 2 Scopi di una rete

Dettagli

Pagine Asp. Pagine Asp

Pagine Asp. Pagine Asp Pagine Asp Architettura web Esistono alcune limitazioni alle applicazioni che si possono realizzare in HTML, ad esempio non è possibile costruire un sito web che consenta all utente di accedere ai dati

Dettagli

MANUALE IMMEDIATO DI HTML

MANUALE IMMEDIATO DI HTML MANUALE IMMEDIATO DI HTML Realizzato da NiktorTheNat Iniziato il giorno 9 aprile 2010 - terminato il giorno 22 aprile 2010 email autore: niktorthenat@tiscali.it canale youtube: http://www.youtube.com/user/niktorthenat

Dettagli

AJAX. Goy - a.a. 2006/2007 Servizi Web 1. Cos'è il Web 2.0

AJAX. Goy - a.a. 2006/2007 Servizi Web 1. Cos'è il Web 2.0 AJAX Goy - a.a. 2006/2007 Servizi Web 1 Cos'è il Web 2.0 Web 2.0 = termine introdotto per la prima volta nel 2004 come titolo di una conferenza promossa dalla casa editrice O Reilly L'idea è che ci si

Dettagli

I linguaggi di programmazione per i servizi in multicanalità

I linguaggi di programmazione per i servizi in multicanalità I linguaggi di programmazione per i servizi in multicanalità Gianluca Daino Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione daino@unisi.it I servizi delle reti Un servizio

Dettagli

Linguaggio HTML. Reti. Il Linguaggio HTML. Il Linguaggio HTML

Linguaggio HTML. Reti. Il Linguaggio HTML. Il Linguaggio HTML Reti Linguaggio HTML 1 HTML = Hypertext Markup Language E il linguaggio usato per descrivere documenti ipertestuali Ipertesto = Testo + elementi di collegamento ad altri testi (link) Linguaggio di markup:

Dettagli

Lezione II: Web server e ambiente di lavoro

Lezione II: Web server e ambiente di lavoro Lezione II: Web server e ambiente di lavoro In questa lezione, in laboratorio, si mostrerà quali sono i passi necessari per creare ed eseguire una pagina ASP. Brevemente, verrà fatto anche vedere, come

Dettagli

Università degli Studi di Milano

Università degli Studi di Milano Università degli Studi di Milano Corso di Laurea in Sicurezza dei Sistemi e delle Reti Informatiche Lezioni 17 e 18 Creazione di File HTML FABIO SCOTTI Laboratorio di programmazione per la sicurezza Indice

Dettagli

Simonotti Graziano DATABASE

Simonotti Graziano DATABASE DATABASE 1 - Che cos'è un database? Il database è un archivio di dati, che può essere gestito con sistemi informatici oppure in modo manuale. 2 - Come si chiamano i programmi che gestiscono gli archivi?

Dettagli

Modulo 8. Sviluppo di pagine e siti Creare pagine Web

Modulo 8. Sviluppo di pagine e siti Creare pagine Web Pagina 1 di 6 Sviluppo di pagine e siti Creare pagine Web HTML è l'acronimo di HyperText Markup Language; si tratta di un linguaggio utilizzato per la marcatura ipertestuale. A differenza dei comuni linguaggi

Dettagli

A. Lorenzi Pagine ASP

A. Lorenzi Pagine ASP Pagine ASP Web server software per la gestione di un computer host Internet oppure di un server di rete, che mette a disposizione dati o applicativi per gli utenti della rete Web server IIS (Internet Information

Dettagli

Applicazione ASP di esempio

Applicazione ASP di esempio Applicazione ASP di esempio Database in rete Prof. Claudio Maccherani Un server web è un programma che gira su un computer sempre collegato ad Internet e che mette a disposizione file, pagine e servizi.

Dettagli

Guida a PHP. Primi esempi

Guida a PHP. Primi esempi Guida a PHP Php è un modulo aggiuntivo per web server che permette di creare delle pagine web dinamiche. Una pagina in Php è composta sia da tag html, sia da parti in codice di programmazione Php. Ogni

Dettagli

Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1

Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1 Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1 Chi può riuscire a creare pagine HTML? La realizzazione di pagine web non eccessivamente sofisticate è alla portata di tutti, basta

Dettagli

Introduzione ad AJAX

Introduzione ad AJAX Introduzione ad AJAX Asynchronous Javascript And XML (PWLS 6.9, 6.10) Complementi di Tecnologie Web A.A. 2011-2012 M.Franceschet, V.Della Mea e I.Scagnetto - 1 Limitazioni delle applicazioni web tradizionali

Dettagli

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database Corso di Informatica Modulo T3 B3 Programmazione lato server 1 Prerequisiti Architettura client/server Conoscenze generali sui database 2 1 Introduzione Lo scopo di questa Unità è descrivere gli strumenti

Dettagli

Implementazione di MVC. Gabriele Pellegrinetti

Implementazione di MVC. Gabriele Pellegrinetti Implementazione di MVC Gabriele Pellegrinetti 2 Come implementare il pattern Model View Controller con le tecnologie JSP, ASP e XML Implementazione del pattern MVC in Java (JSP Model 2) SUN è stato il

Dettagli

HTML HyperText Markup Language:

HTML HyperText Markup Language: HTML HyperText Markup Language: Linguaggio utilizzato per creare pagine Web 421 Introduzione HTML è l'acronimo di HyperText Markup Language HTML e il linguaggio standard per descrivere e definire il contenuto

Dettagli

ma l XML va ben al di là dell HTML: serve per descrivere

ma l XML va ben al di là dell HTML: serve per descrivere Il metalinguaggio XML 1 Introduzione all'xml Il futuro dei linguaggi di markup: XML = EXtensible Markup Language è una versione semplificata dell SGML Nasce con l'intento di superare alcune limitazioni

Dettagli

Introduzione. Le pagine web sono scritte in HTML un semplice linguaggio di scrittura. HTML è la forma abbreviata di HyperText Markup Language

Introduzione. Le pagine web sono scritte in HTML un semplice linguaggio di scrittura. HTML è la forma abbreviata di HyperText Markup Language HTML 05/04/2012 1 Introduzione Le pagine web sono scritte in HTML un semplice linguaggio di scrittura. HTML è la forma abbreviata di HyperText Markup Language L'ipertesto è semplicemente un testo che funziona

Dettagli

HTML. http://www.w3schools.com/html/default.asp

HTML. http://www.w3schools.com/html/default.asp HTML http://www.w3schools.com/html/default.asp HTML Cosa è l'html? HTML è un linguaggio per descrivere le pagine web. HTML è l'acronimo di H yper T ext M arkup L anguage HTML è un markup language Un linguaggio

Dettagli

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 XML - I XML (exstensible Markup Language): XML è un formato standard,

Dettagli

Riassuntodel corsoe cenni ad argomenti avanzati

Riassuntodel corsoe cenni ad argomenti avanzati Riassuntodel corsoe cenni ad argomenti avanzati In breve.. Sono tutte sequenze di bit! 1 1 0 1 0 1 0 0 0 1 2 1 In breve > Ipertesti in HTML Informazioni di natura non omogenea, cui si accede mediante

Dettagli

3. Programmazione con le pagine ASP classiche

3. Programmazione con le pagine ASP classiche LIBRERIA WEB 3. Programmazione con le pagine ASP classiche 1. Le pagine ASP in generale ASP (Active Server Pages) è una tecnologia Microsoft che consente di scrivere codice eseguibile (script) lato server,

Dettagli

Esercizi di JavaScript

Esercizi di JavaScript Esercizi di JavaScript JavaScript JavaScript é un linguaggio di programmazione interpretato e leggero, creato dalla Netscape. E' presente a patire da Netscape 2 in tutti i browser ed é dunque il linguaggio

Dettagli

HTML e XML. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa Elementi di Informatica e Reti di calcolatori

HTML e XML. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa Elementi di Informatica e Reti di calcolatori HTML e XML Politecnico di Facoltà del Design Bovisa Elementi di Informatica e Reti di calcolatori Ing. Claudio Menghi Dipartimento di Elettronica e Informazione menghi@elet.polimi.it http://home.dei.polimi.it/menghi

Dettagli

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Un documento in formato Web può essere aperto con un browser, attraverso un collegamento a Internet oppure caricandolo dal disco del proprio computer senza connettersi

Dettagli

HTML - semplice guida by ComputerLucaWorld inizio stesura 03/01/2012 ancora da terminare (potete dare giudizi su come migliorarla!

HTML - semplice guida by ComputerLucaWorld inizio stesura 03/01/2012 ancora da terminare (potete dare giudizi su come migliorarla! HTML - semplice guida by ComputerLucaWorld inizio stesura 03/01/2012 ancora da terminare (potete dare giudizi su come migliorarla!) CENNI SULL'HTML L'html è il linguaggio di base per lo sviluppo di pagine

Dettagli

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1 Gli XML Web Service Prof. Mauro Giacomini Medica 2008/2009 1 Definizioni i i i Componente.NET che risponde a richieste HTTP formattate tramite la sintassi SOAP. Gestori HTTP che intercettano richieste

Dettagli

APPENDICE B Le Active Server Page

APPENDICE B Le Active Server Page APPENDICE B Le Active Server Page B.1 Introduzione ad ASP La programmazione web è nata con la Common Gateway Interface. L interfaccia CGI tuttavia presenta dei limiti: ad esempio anche per semplici elaborazioni

Dettagli

HTML HTML. HyperText Markup Language. Struttura di un documento. Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: ...

HTML HTML. HyperText Markup Language. Struttura di un documento. Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: <HTML>... HTML HyperText Markup Language Struttura di un documento HTML Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: ... ... ... Struttura di un documento

Dettagli

Riassunto del corso e cenni ad argomenti avanzati

Riassunto del corso e cenni ad argomenti avanzati In breve Riassunto del corso e cenni ad argomenti avanzati.. Sono tutte sequenze di bit! 1 1 0 1 0 1 0 0 0 1 2 In breve In breve > Ipertesti in HTML Informazioni di natura non omogenea, cui si

Dettagli

Linguaggi per il web oltre HTML: XML

Linguaggi per il web oltre HTML: XML Linguaggi per il web oltre HTML: XML Luca Console Con XML si arriva alla separazione completa tra il contenuto e gli aspetti concernenti la presentazione (visualizzazione). XML è in realtà un meta-formalismo

Dettagli

Guida web: HTML per principianti

Guida web: HTML per principianti Guida web: HTML per principianti A cura di macom http:// Introduzione "Le vie della comunicazione sono infinite" Ho scritto questa semplice e breve guida pensando ai miei inizi e alle difficoltà incontrate

Dettagli

PIER LUIGI MENCHETTI

PIER LUIGI MENCHETTI PIER LUIGI MENCHETTI IL PERCORSO STORICO DEI SITI IL SITO STATICO Nei primi anni del web i siti erano collezioni di pagine statiche tenute assieme dai link incrociati e realizzate da persone che conoscevano

Dettagli

Cimini Simonelli - Testa

Cimini Simonelli - Testa WWW.ICTIME.ORG HTML Manuale introduttivo al linguaggio HTML Cimini Simonelli - Testa v.2-11/01/2008 Sommario Introduzione... 3 Formattazione della pagina... 4 Inserire un colore di sfondo... 4 Inserire

Dettagli

ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO 2014/15

ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO 2014/15 Proposta di soluzione della seconda prova scritta di Informatica Esame di Stato 204-205 Prof. Mauro De Berardis ITT "Alessandrini" Teramo ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECICO 204/5 Indirizzo: IFORMATICA E

Dettagli

Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web

Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web 1 Prerequisiti Architettura client/server Elementi del linguaggio HTML web server SQL server Concetti generali sulle basi di dati 2 1 Introduzione Lo

Dettagli

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo Metodologie Informatiche Applicate al Turismo 9. HTML Parte II Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

Esploriamo Javascript! 1 di Ivan Venuti

Esploriamo Javascript! 1 di Ivan Venuti Esploriamo Javascript! 1 di Ivan Venuti L Html è stato pensato (e creato) per presentare contenuti statici che, visualizzati da utenti diversi, diano sempre lo stesso risultato. Per sopperire a questa

Dettagli

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer Tecnologie per il Web Il web: architettura e tecnologie principali Una analisi delle principali tecnologie per il web Tecnologie di base http, ssl, browser, server, firewall e proxy Tecnologie lato client

Dettagli

Comandi principali del linguaggio HTML (Hyper Text Markup Language)

Comandi principali del linguaggio HTML (Hyper Text Markup Language) Comandi principali del linguaggio HTML (Hyper Text Markup Language) Caratteristiche di HTML HTML è un linguaggio di formattazione (markup) di documenti ed è il linguaggio base per produrre documenti per

Dettagli

A. Veneziani - Classe V Abacus - Elementi di elaborazione Web con supporto ai DB basati su ASP e Access

A. Veneziani - Classe V Abacus - Elementi di elaborazione Web con supporto ai DB basati su ASP e Access A. Veneziani - Classe V Abacus - Elementi di elaborazione Web con supporto ai DB basati su ASP e Access Prologo Parlando di tecnologie Web legate a Microsoft è naturale integrare le funzioni di ASP 1 con

Dettagli

Costruzione di un sito web - HTML

Costruzione di un sito web - HTML Costruzione di un sito web - HTML Obiettivi. Presentare le caratteristiche di un sito Web ed i concetti base per la sua costruzione: fasi di realizzazione e linguaggio HTML. Illustrare gli elementi fondamentali

Dettagli

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 Le pagine del sito istituzionale e dei siti tematici del Comune di Pesaro sono state progettate

Dettagli

ASP: DOMANDE E RISPOSTE (Q&A)

ASP: DOMANDE E RISPOSTE (Q&A) Autore: Classe: Nicola Ceccon QUINTA INFORMATICA (5IA) Anno scolastico: 2003/2004 Scuola: Itis Euganeo ASP: DOMANDE E RISPOSTE (Q&A) Dispensa La dispensa presenta i contenuti fondamentali di ASP nella

Dettagli

Indice PARTE PRIMA L INIZIO 1

Indice PARTE PRIMA L INIZIO 1 Indice Introduzione XIII PARTE PRIMA L INIZIO 1 Capitolo 1 Esplorare il World Wide Web 3 1.1 Come funziona il World Wide Web 3 1.2 Browser Web 10 1.3 Server Web 14 1.4 Uniform Resource Locators 15 1.5

Dettagli

Sintassi XML.

Sintassi XML. <?xml version=1.0 encoding=iso-8859-1?> XML L'XML, acronimo di extensible Markup Language, ovvero «Linguaggio di marcatura estensibile» è un metalinguaggio creato e gestito dal World Wide Web Consortium (W3C), e più precisamente dal presidente

Dettagli

Elementi di web design (parte I): introduzione all HTML

Elementi di web design (parte I): introduzione all HTML Elementi di web design (parte I): introduzione all HTML Luca Casotti E' necessario conoscere: Filesystem: cos'è un file e cos'è una cartella. Differenze fra tipi di file (sui sistemi windows: le estensioni

Dettagli

ACTIVE SERVICE PAGES E DATABASE: tecnologia ADO

ACTIVE SERVICE PAGES E DATABASE: tecnologia ADO ACTIVE SERVICE PAGES E DATABASE: tecnologia ADO LEGGERE E VISUALIZZARE I DATI DI UNA TABELLA IN UNA PAGINA WEB Per visualizzare i dati di una tabella in una pagina web, dobbiamo utilizzare l'oggetto ADODB.Recordset

Dettagli

GUIDA HTML 4.01 andreavasini@libero.it HTML.IT

GUIDA HTML 4.01 andreavasini@libero.it HTML.IT Tutti i diritti sono riservati. Per pubblicazioni od utilizzo di questo materiale pregasi contattare l autore al seguente indirizzo: andreavasini@libero.it Andrea Vasini HTML.IT HTML.IT - Andrea Vasini

Dettagli

Sicurezza Informatica: Tecniche di SQL INJECTION

Sicurezza Informatica: Tecniche di SQL INJECTION Sicurezza Informatica: Tecniche di SQL INJECTION Pietro Bongli Aprile 2004 N.B. L'informazione contenuta in queste pagine è divulgata per scopi puramente didattici e non per ni illegali. Structured Query

Dettagli

GESTIONE DI MDB in WEB

GESTIONE DI MDB in WEB GESTIONE DI MDB in WEB Il presente documento riporta un esempio generico di gestione di un database di Access. Il lettore può personalizzare in base alle proprie esigenze sia il contenuto del database,

Dettagli

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine Siti interattivi e dinamici in poche pagine 1 Siti Web interattivi Pagine Web codificate esclusivamente per mezzo dell HTML non permettono alcun tipo di interazione con l utente, se non quella rappresentata

Dettagli

Guida html e css base

Guida html e css base Sommario Guida html e css base...1 Introduzione...1 Formattare il testo...4 Organizzare il testo in paragrafi...5 Creare le sezioni come in un libro...6 Creare gli elenchi...8 Inserire immagini e collegamenti...11

Dettagli

Esercizi. Introduzione all HTML. Il WWW

Esercizi. Introduzione all HTML. Il WWW Politecnico di Milano Esercizi Introduzione all HTML Il WWW Il World Wide Web: una rete di pagine connesse tra loro e distribuite su diverse macchine Il server Web contiene le pagine Web da visualizzare

Dettagli

Linguaggi per la descrizione dei documenti

Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML (Standard General Markup Language) Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML,HTML,XML Molteplicità di documenti di tipo diverso (es. web): articoli, cataloghi, rubriche, tabelle di dati etc..

Dettagli

Nozioni di base sull utilizzo di PHP e di MySQL

Nozioni di base sull utilizzo di PHP e di MySQL Nozioni di base sull utilizzo di PHP e di MySQL Che cos è PHP? Mi sento in dovere prima di iniziare ad illustrare le nozioni di base di PHP introdurre dicendo PHP che cos è in sostanza; fino a qualche

Dettagli

PHP Survival Kit (Ovvero gestire un database MySQL tramite PHP)

PHP Survival Kit (Ovvero gestire un database MySQL tramite PHP) PHP Survival Kit (Ovvero gestire un database MySQL tramite PHP) Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) (a.scatolini@linux4campagnano.net) Miniguida n. 183 Ver. 1.0 aprile 2013 La prima guida

Dettagli

WWW (World Wide Web)!& ( # %% (*0 #,% )0#1( &#"#2

WWW (World Wide Web)!& ( # %% (*0 #,% )0#1( &##2 ! "#$" %% $"$&&"'& $%%& $'&( ) *+&, ) && *+ ( -./ WWW (World Wide Web)!& ( # (&%#(!(&&( %% (*0 #,% )0#1( &#"#2 Siti Web pagine Web: documenti pronti per essere registrati su un server Internet residenza

Dettagli

Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti

Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti COMUNE DI GALLARATE Settore Risorse Economiche e Finanziarie Centro Elaborazione Dati Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti Dichiarazione di accessibilità Il sito del Comune

Dettagli

ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO SPERIMENTALE Progetto ABACUS SIMULAZIONE PROVA SCRITTA DI INFORMATICA

ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO SPERIMENTALE Progetto ABACUS SIMULAZIONE PROVA SCRITTA DI INFORMATICA Istituto di Istruzione Superiore Alessandrini - Marino ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECICO IDUSTRIALE CORSO SPERIMETALE Progetto ABACUS SIMULAZIOE PROVA SCRITTA DI IFORMATICA La società PcTeramo srl è una

Dettagli

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database Concetti fondamentali dei database Nella vita di tutti i giorni si ha la necessità di gestire e manipolare dati. Le operazioni possono essere molteplici: ricerca, aggregazione con altri e riorganizzazione

Dettagli

2. Costruire un database con Apache, PHP e MySql

2. Costruire un database con Apache, PHP e MySql 2. Costruire un database con Apache, PHP e MySql Lo scopo di questa esercitazione è realizzare un server web e costruire un database accessibile attraverso Internet utilizzando il server Apache, il linguaggio

Dettagli

LEZIONE NO. 1: INTRODUZIONE, ELEMENTI BASE, DI ATTILIO ABBIEZZI

LEZIONE NO. 1: INTRODUZIONE, ELEMENTI BASE, <HEAD> DI ATTILIO ABBIEZZI HTML BASE LEZIONE NO. 1: INTRODUZIONE, ELEMENTI BASE, DI ATTILIO ABBIEZZI FONTI: HTML.IT 1 Breve Introduzione Che cosa significa linguaggio HTML? HTML = HyperText Markup Language Il primo concetto

Dettagli

Linguaggio HTML (2) Attributi di Per variare lo stile di carattere rispetto al default, si possono utilizzare tre attributi:

Linguaggio HTML (2) Attributi di <FONT> Per variare lo stile di carattere rispetto al default, si possono utilizzare tre attributi: Linguaggio HTML (2) Attributi di Per variare lo stile di carattere rispetto al default, si possono utilizzare tre attributi: SIZE= numero per modificare le dimensioni Es:

Dettagli

ACTIVE SERVICE PAGES E DATABASE: tecnologia ADO

ACTIVE SERVICE PAGES E DATABASE: tecnologia ADO ACTIVE SERVICE PAGES E DATABASE: tecnologia ADO CARICARE DATI IN UNA TABELLA DA UN FORM Per utilizzare il Database nel Web, è necessario essere collegati al Db stesso, per far ciò, si utilizzano gli ADO

Dettagli

XSLT EXTENSIBLE STYLESHEET LANGUAGE TRANSFORMATION. Dott.sa Vincenza Anna Leano email: vincenzaanna.leano@unina.it site: www.leano.

XSLT EXTENSIBLE STYLESHEET LANGUAGE TRANSFORMATION. Dott.sa Vincenza Anna Leano email: vincenzaanna.leano@unina.it site: www.leano. XSLT EXTENSIBLE STYLESHEET LANGUAGE TRANSFORMATION Dott.sa Vincenza Anna Leano email: vincenzaanna.leano@unina.it site: www.leano.it Basi di Dati II mod. B Prof. F. Cutugno A.A. 2011/2012 INTRODUZIONE

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO MASTER WEB DEVELOPER

PROGRAMMA DEL CORSO MASTER WEB DEVELOPER PROGRAMMA DEL CORSO MASTER WEB DEVELOPER Il corso Master Web Developer con Certificazione internazionale Adobe Dreamweaver prepara lo studente a entrare nel mondo dello sviluppo Web (blog, siti, portali).

Dettagli

Corso Creare Siti WEB

Corso Creare Siti WEB Corso Creare Siti WEB INTERNET e IL WEB Funzionamento Servizi di base Linguaggio HTML C.M.S. JOOMLA Installazione Aspetto Grafico Template Contenuto Articoli Immagini Menu Estensioni Sito di esempio: LaMiassociazione.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE. Relazione elaborato di progettazione e produzione multimediale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE. Relazione elaborato di progettazione e produzione multimediale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE Relazione elaborato di progettazione e produzione multimediale AllPainters.Net SISTEMA PER LA GENERAZIONE DI SITI GRATUITI PER PITTORI Autori: - Bandini Roberto - Ercoli

Dettagli

Scrivere una applicazione html, css e javascript per Android

Scrivere una applicazione html, css e javascript per Android Scrivere una applicazione html, css e javascript per Android Prima di tuffarsi dentro, vorrei stabilire rapidamente il campo di gioco. In questo capitolo, definisco termini chiave, confrontare i pro e

Dettagli

Blog: quali tecnologie per il futuro?

Blog: quali tecnologie per il futuro? Indice 1. Il ruolo di XML oggi 2. Il ruolo potenziale di XML 3. Presentare XML 4. Trasformare XML 5. Trasformare e presentare XML 6. Un blog in XML 7. Scegliere la marcatura 8. Il layout del nostro blog

Dettagli

Approfondimento: i sistemi di gestione delle basi di dati (DBMS)

Approfondimento: i sistemi di gestione delle basi di dati (DBMS) Approfondimento: i sistemi di gestione delle basi di dati (DBMS) Prerequisito essenziale della funzionalità delle basi di dati è il controllo e la fruibilità dell informazione in esse contenuta: a tale

Dettagli

Database e SQL. A cura del prof. Gennaro Cavazza

Database e SQL. A cura del prof. Gennaro Cavazza Database e SQL A cura del prof. Gennaro Cavazza Introduzione ai database La base di qualsiasi esigenza pratica da parte di una qualsiasi organizzazione è quella di gestire dei dati in maniera logica e

Dettagli

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione HTML e Linguaggi Politecnico di Facoltà del Design Bovisa Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://home.dei.polimi.it/cugola Indice Il linguaggio del

Dettagli

Documenti ISTAT. RSS: uno standard per diffondere informazioni. F. Rizzo, L. Vignola (*)

Documenti ISTAT. RSS: uno standard per diffondere informazioni. F. Rizzo, L. Vignola (*) Documenti ISTAT RSS: uno standard per diffondere informazioni F. Rizzo, L. Vignola (*) (*) ISTAT Direzione Centrale per la Diffusione della cultura e dell informazione statistica 1. INTRODUZIONE 2. IL

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Pag. 1/1 Sessione ordinaria 2010 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: INFORMATICA

Dettagli

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a PHP: OOP Pasqualetti Veronica Oggetti Possiamo pensare ad un oggetto come ad un tipo di dato più complesso e personalizzato, non esistente fra i tipi tradizionali di PHP, ma creato da noi. 2 Gli oggetti

Dettagli

Accesso a basi di dati con ASP. Algoritmo per visualizzare un DB

Accesso a basi di dati con ASP. Algoritmo per visualizzare un DB Accesso a basi di dati con ASP 1 Algoritmo per visualizzare un DB 1. creare una connessione tra lo script ASP e il database 2. Costruire una QUERY in linguaggio SQL che opera sul database 3. Recuperare

Dettagli

Web applications (WA)

Web applications (WA) Web applications (WA) Web application workflow Tutte le WA fanno all incirca le stesse cose Trasmettono al web server i dati Eseguono l elaborazione dei dati sul lato server (server-side processing) Formattano

Dettagli

La struttura più esterna è quella che delimita l'intero documento ed è compresa tra i tag e

La struttura più esterna è quella che delimita l'intero documento ed è compresa tra i tag <html> e 1. Introduzione La multimedialità è la compresenza e interazione di più mezzi di comunicazione in uno stesso supporto o contesto informativo. Si parla di contenuti multimediali, specie in ambito informatico,

Dettagli

Titolo Dispensa. Sistemi Informativi sul Web

Titolo Dispensa. Sistemi Informativi sul Web Titolo Dispensa Sistemi Informativi sul Web a cura di: prof. Giuseppe Psaila INTRODUZIONE Questo materiale affronta il problema della realizzazione di sistemi informativi basati sulla tecnologia del World

Dettagli

WEBMASTER. Strategie per programmare siti web e portali. Corso pratico per Webmaster di Daniele Venditti. Manuale di informatica per il web

WEBMASTER. Strategie per programmare siti web e portali. Corso pratico per Webmaster di Daniele Venditti. Manuale di informatica per il web WEBMASTER Strategie per programmare siti web e portali Corso pratico per Webmaster di Daniele Venditti Manuale di informatica per il web www.progettimultimediali.com www.corsi-online.it Questo Ebook è

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

Le mie immagini su WEB: l ABC per iniziare. 6 maggio 2008

Le mie immagini su WEB: l ABC per iniziare. 6 maggio 2008 Le mie immagini su WEB: l ABC per iniziare 6 maggio 2008 1 1) Le nostre immagini su internet; perchè? 2) il WEB...il pc di chi accede (il client)...il sito (server); 3) costruzione del sito (design, strumenti

Dettagli

WEBGATE400 ACTIVEX CONTROL. Manuale Programmatore

WEBGATE400 ACTIVEX CONTROL. Manuale Programmatore WEBGATE400 ACTIVEX CONTROL Manuale Programmatore Pagina 1 SOMMARIO Webgate400 ActiveX Control... 3 1 A Chi è destinato... 3 2 Pre requisiti... 3 3 Introduzione... 3 3.1 Requisiti di sistema... 3 3.2 Distribuzione

Dettagli

L'elaborazione dei dati su client Linguaggi di script

L'elaborazione dei dati su client Linguaggi di script Pagina 1 di 5 L'elaborazione dei dati su client Linguaggi di script Attualmente si tende a scaricare sul computer dell'utente piccoli programmi (Javascript o applet Java) che svolgano parte dell'elaborazione

Dettagli

Modulo 13. Concetti avanzati di HTML Liste

Modulo 13. Concetti avanzati di HTML Liste Pagina 1 di 8 Concetti avanzati di HTML Liste Il formato HTML mette a disposizione 5 Tag per definire delle liste, supportando liste numerate, non numerate, di descrizione, menu e directory. Liste Numerate

Dettagli

Applicazione client-server in PHP con database MySQL

Applicazione client-server in PHP con database MySQL Applicazione client-server in PHP con database MySQL Emanuele Scapin 1 1 Liceo Statale F.Corradini, via Milano 1, 36016 Thiene 30/05/2012 1 Premessa Dopo la trattazione di argomenti teorici di progettazione

Dettagli

Ipotesi di simulazione della seconda prova di Informatica 2015. Prima parte

Ipotesi di simulazione della seconda prova di Informatica 2015. Prima parte Ipotesi di simulazione della seconda prova di Informatica 2015 Prima parte 1. Analisi della realtà di riferimento Le specifiche richiedono la realizzazione di una web-application distribuita. Gli utenti,

Dettagli

HTML INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO

HTML INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO HTML INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Introduzione 2 HTML è l'acronimo di Hypertext Markup Language ("Linguaggio di contrassegno per gli Ipertesti") e non è un linguaggio

Dettagli

, utilizzando il tasto destro

, utilizzando il tasto destro HTML è l'acronimo di Hypertext Markup Language ("Linguaggio di contrassegno per gli Ipertesti") e non è un linguaggio di programmazione (sono linguaggi di programmazione il C, il C++, il Pascal, il Java,

Dettagli

19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER 19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER Introduciamo uno pseudocodice lato server che chiameremo Pserv che utilizzeremo come al solito per introdurre le problematiche da affrontare, indipendentemente dagli specifici

Dettagli

Lezione nr. 5. Per creare un modulo è necessario avere delle conoscenze di base del linguaggio HTML. Niente di difficile ovviamente!

Lezione nr. 5. Per creare un modulo è necessario avere delle conoscenze di base del linguaggio HTML. Niente di difficile ovviamente! Lezione nr. 5 >> Come creare un modulo Web I moduli web sono delle strutture fondamentali per ogni sito web e la loro conoscenza ti permetterà di risolvere almeno il 60% delle problematiche di gestione

Dettagli

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller Gabriele Pellegrinetti 2 MVC: come funziona e quali sono vantaggi che derivano dal suo utilizzo? La grande diffusione della tecnologia

Dettagli

Fondamenti di Informatica II 28. Elementi di programmazione web e linguaggi di script (1)

Fondamenti di Informatica II 28. Elementi di programmazione web e linguaggi di script (1) Cenni storici sul web (Internet) Fondamenti di Informatica II 28. Elementi di programmazione web e linguaggi di script (1) Web significa letteralmente ragnatela Avviato nel 1989 (Tim Berners-Lee) come

Dettagli

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it TEMPLATE IN MWCMS D A N I E L E U G O L E T T I - G R U P P O M E T A Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it C ONTENTS I template

Dettagli

Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it

Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it NOTE: Verifica effettuata in base ai requisiti descritti nell allegato A del Decreto Ministeriale 8 luglio 2005, ai sensi della legge n.4 del 9

Dettagli