Utilizzo di XML con Javascript

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Utilizzo di XML con Javascript"

Transcript

1 Utilizzo di XML con Javascript Moltissime applicazioni Web si scambiano i dati con l'utilizzo di un formato intelligibile e fruibile che non necessita di particolari autorizzazioni come ne necessitano i database. Il formato di dati di cui stiamo parlando è l'xml. All'XML in genere ci si interfaccia con linguaggi lato server come ASP, ASP.NET, PHP ed altri, ma è possibile interfacciarvisi anche con linguaggi lato client come VBScript e Javascript. Quest'ultimo è oggetto del presente Articolo. In effetti ci sono dei pro e dei contro nell'utilizzo di un linguaggio lato client piuttosto che lato server: i pro sono legati alla velocità di esecuzione ed al fatto che non è necessario che su un server siano installati i parser XML adatti, che (per contro) devono necessariamente essere installati sui client che visitano una pagina XTML che importa uno script che legge un XML, ovvero una cosa che non si può controllare. La scelta di implementare un'applicazione con Javascript ed XML è adatta ad un'applicazione Intranet, dove si sa per certo che solo determinati client accederanno alle pagine. Introduzione ad XML XML è l'acronimo di extensible Markup Language, ovvero linguaggio di marcatura che, a differenza dell'html, ha delle proprietà estensibili e non è atto a definire layout di pagine bensì a creare delle strutture di dati. Si crei il file database.xml semplicemente rinominando un normale file di testo Nuovo Documento di testo.txt e vi si inserisca il seguente codice: <?xml version="1.0"?> <biblioteca> <libro> <autore>j.r.r. Tolkien</autore> <titolo>il Signore degli Anelli</titolo> <descrizione>fantastica storia epica fantastica medievale</descrizione> <prezzo>100</prezzo> </libro> <libro> <autore>b. Stocker</autore> <titolo>dracula</titolo> <descrizione>la storia del noto vampiro transilvano</descrizione> <prezzo>50</prezzo> </libro> <libro> <autore>d. Defoe</autore> <titolo>moll Flanders</titolo> <descrizione>la storia di una ladra e prostituta</descrizione> <prezzo>35</prezzo> </libro> </biblioteca> E' possibile notare una struttura gerarchica di tipo padre.figlio e figlio.nipote; questi legami si chiamano nodi a cui è possibile accedere in via programmatica. Più avanti, nel corso dell'articolo, vedremo come. L'oggetto XMLDOM Esistono diversi sistemi per accedere ai dati di un documento XML, uno dei quali, probabilmente il migliore, è di casa Microsoft e si chiama XMLDOM che sfrutta le potenzialità del Document

2 Object Model. Utilizzato lato server l'xmldom permette anche di aggiornare file modificando nodi esistenti e creandone di nuovi, come se si trattasse di un database. Con Javascript il discorso cambia perchè un client riconoscerebbe una simile operazione come frutto di un ActiveX potenzialmente pericoloso. Il problema non si verifica in lettura. Per leggere un documento XML con l'xmldom è necessario creare un'istanza della libreria Microsoft.XMLDOM con la seguente sintassi: var objxml = new ActiveXObject("Microsoft.XMLDOM"); Si crei il file test.htm e si inserisca il seguente codice in un blocco di script: var errore = 0; try var objxml = new ActiveXObject("Microsoft.XMLDOM"); errore = 0; alert("componente supportato"); catch (e) errore = 1; alert("componente NON supportato"); finally if (errore = 0) objxml.close(); Con l'istruzione try dichiaro l'istanza dell'oggetto; nell'istruzione catch gestisco un'eventuale eccezione dovuta ad un errore; nell'istruzione finally inserisco il codice che dovrà comunque essere eseguito, in questo caso la chiusura dell'istanza per non tenere la memoria del computer occupata. Ad ogni modo il costrutto try catch finally è proprietario di Javascript e serve per la gestione degli errori: non ha nulla a che vedere nativamente con XML o con XMLDOM. Leggere un file XML con Javascript Passiamo alla lettura del file database.xml all'interno del file leggi.htm di cui riporto il codice commentato:

3 var errore = 0; try var objxml = new ActiveXObject("Microsoft.XMLDOM"); // Carico il file XML objxml.async = false; objxml.load("database.xml"); // Leggo tutti i nodi del file col metodo getelementsbytagname() var autore = objxml.getelementsbytagname("libro/autore"); var titolo = objxml.getelementsbytagname("libro/titolo"); var descrizione = objxml.getelementsbytagname("libro/descrizione"); var prezzo = objxml.getelementsbytagname("libro/prezzo"); var i = 0; // Ciclo tutti i nodi utilizzando la proprietà text per la lettura with(document) for (i=0; i<autore.length; i++) write("autore: " + autore[i].text + "<br>"); write("titolo: " + titolo[i].text + "<br>"); write("decrizione: " + descrizione[i].text + "<br>"); write("prezzo: " + prezzo[i].text + " <br><br>"); errore = 0; catch (e) document.write("spiacenti, il tuo computer non supporta XML"); errore = 1; finally if (errore = 0) objxml.close();

4 Un sistema di login in Javascript ed XML Con un po di fantasia e con l'oggetto XMLDOM possiamo creare una serie di interessanti applicazioni basate su XML. L'oggetto di questo Articolo è un sistema di autenticazione, o che dir si voglia di login, basato su un file XML di cui presento la struttura, contenuta all'interno del file login.xml <?xml version="1.0"?> <database> <utente> <id>1</id> <password>pippo</password> </utente> <utente> <id>2</id> <password>pluto</password> </utente> <utente> <id>3</id> <password>paperino</password> </utente> </database> La struttura esplica chiaramente che ad ogni utente è assegnata una coppia di valori UserID e Password, ovvero le credenziali di accesso. Di seguito il codice HTML del modulo in cui inserire le proprie credenziali per l'autenticazione, contenuto nel file login.html <form name="modulo"> User ID:<br> <input type="text" name="u_id"><br> Password:<br> <input type="password" name="pass"><br> <input type="button" value="login" onclick="xml_login()"> </form> L'evento click del bottone di login fa riferimento alla funzione XML_Login() da inserire nell'header dello stesso file. Di seguito il codice commentato: <script language="javascript"> <!-- function XML_Login() // Recupero i dati dal modulo HTML var u_id = document.modulo.u_id.value; var pass = document.modulo.pass.value; // Imposto un'espressione regolare per verificare che // i caratteri inseriti nei campi UserID e Password // siano alfanumerici, in modo da non dar fastidio all'xml var re = /^[a-z0-9]/; // Verifico che i campi siano valorizzati (correttamente) if (re.test(u_id) == false re.test(pass) == false) alert("inserire le credenziali di accesso!");

5 else // Una volta soddisfatte le condizioni... // Apro un oggetto XMLDOM var login = new ActiveXObject("Microsoft.XMLDOM"); // Carico il file XML login.async = false; login.load("login.xml"); // Recupero i nodi dal file XML var id = login.getelementsbytagname("utente/id"); var password = login.getelementsbytagname("utente/password"); // Creo un indice per individuare il nodo relativo // all'utente che sta effettuando il login var indice = u_id - 1; // Verifico che l'utente esista e gli concedo o meno l'accesso if (id[indice].text == u_id && password[indice].text == pass) alert("benvenuto!"); else alert("accesso negato!"); //--> </script> Non è tutto oro quel che luccica! Il sistema è semplice e funzionante e potrebbe risolvere i problemi di molti Webmaster che non utilizzano (o non ancora) linguaggi sicuri come ASP, ASP.NET o PHP. Tuttavia ci sono due controindicazioni: 1. utilizzare un file XML che contenga dati sensibili come delle credenziali di accesso non è una scelta sicura perchè ci si potrebbe arrivare via HTTP, conoscendo o immaginando come potrebbe chiamarsi il file; 2. utilizzare Javascript lato client mette in chiaro nel codice il nome ed il percorso del file XML contenente le credenziali di accesso dei vari utenti. Con queste considerazioni non sto smontando i lettori in merito all'utilizzo di questo sistema, anche perchè altrimenti non ci avrei scritto un Articolo! Considerate questo Articolo come risorsa puramente didattica: vi propongo un altro Articolo (reperibile nella sezione ASP - Tutorial) che sfrutta questo stesso sistema con uno script ASP, in modo da rendere sicura l'autenticazione e da non mettere i dati a rischio... o non più di tanto!

6 Paginazione a colonne di un file Xml Per questioni pratiche e di spazio sulla pagina, conviene sempre, o comunque quando possibile, disporre i risultati di un report in una tabella formata da più colonne. Abbiamo già visto in un Articolo precedente come è possibile paginare a colonne i risultati di una query su di un database: allo stesso modo possiamo paginare i dati di un file XML, oggetto di questo Articolo. Consideriamo il codice del seguente file, amici.xml <?xml version="1.0"?> <amici> <amico> <nome>alessandro</nome> </amico> <amico> <nome>claudio</nome> </amico> <amico> <nome>emanuela</nome> </amico> <amico> <nome>felice</nome> </amico> <amico> <nome>jacopo</nome> </amico> <amico> <nome>luca</nome> </amico> <amico> <nome>max</nome> </amico> </amici> Il codice ASP di seguito riportato ed opportunamente commentato, spiega come eseguire la paginazione a colonne sul file XML appena esaminato: = VBScript%> <table border="1"> <tr> <% ' DICHIARO LE VARIABILI CHE MI SERVONO PER L'APPLICAZIONE Dim xml, nome, i, x ' APRO UN NUOVO OGGETTO XMLDOM E CARICO IL FILE XML Set xml = Server.CreateObject("Microsoft.XMLDOM") xml.async = False xml.load Server.MapPath("amici.xml") ' RECUPERO IL NODO CHE MI INTERESSA Set nome = xml.getelementsbytagname("amico/nome") ' VALORIZZO I CONTATORI i = 0 x = 0 ' ESEGUO IL CICLO SU TUTTI I NODI For i = 0 To nome.length - 1

7 %> <% ' VERIFICO CHE IL REPORT SI DISPONGA SU 3 COLONNE If x = 3 Then x = 0 Response.Write "</tr><tr>" End If <td width="100" align="center"><%=nome(i).text%></td> ' INCREMENTO IL CONTATORE x = x + 1 Next ' UN PO DI PULIZIA... Set nome = Nothing Set xml = Nothing %> </tr> </table> Le fasi salienti dello script sono evidenziate in grassetto... il resto è un comune report di un file XML utilizzando una pagina ASP/VBScript e l'xmldom. Celle di colori alternati con ASP, XML ed XSLT Le istruzioni condizionali dell'xslt consentono di realizzare con semplicità report che si comportano in maniera differente a seconda di calcoli o dei dati presenti all'interno di un documento XML. L'esempio di questo Articolo mette in pratica un utile script che genera un report in celle di colori alternati, effettuando la trasformazione lato server attraverso ASP. Creiamo una semplice struttura di dati XML nel file database.xml <?xml version="1.0"?> <database> <utente> <id>1</id> <nome>luca</nome> <cognome>ruggiero</cognome> </utente> <utente> <id>2</id> <nome>max</nome> <cognome>bossi</cognome> </utente> <utente> <id>3</id> <nome>claudio</nome> <cognome>garau</cognome> </utente> <utente> <id>4</id> <nome>alessandro</nome> <cognome>alessandrini</cognome> </utente> </database> Stilizziamo ora dinamicamente l'output del file XML col seguente codice XSLT nel file style.xsl

8 <?xml version="1.0"?> <xsl:stylesheet version="1.0" xmlns:xsl="http://www.w3.org/1999/xsl/transform"> <xsl:output method="html" /> <xsl:template match="/"> <h1>utenti</h1> <table border="1"> <thead bgcolor="#000000" style="color: #FFFFFF;"> <th>nome</th> <th>cognome</th> </thead> <xsl:for-each select="database/utente"> <xsl:choose> <xsl:when test="id mod 2 = 1"> <tr bgcolor="#ffffff"> <td><xsl:value-of select="nome" /></td> <td><xsl:value-of select="cognome" /></td> </tr> </xsl:when> <xsl:otherwise> <tr bgcolor="#ffffcc"> <td><xsl:value-of select="nome" /></td> <td><xsl:value-of select="cognome" /></td> </tr> </xsl:otherwise> </xsl:choose> </xsl:for-each> </table> </xsl:template> </xsl:stylesheet> Commentiamo un po il codice per renderci conto delle sue azioni dinamiche. Prima operazione è quella di impostare l'output in formato HTML per evitare che la trasformazione, da ASP, avvenga importando Tag XML: <xsl:output method="html" /> questa operazione possiamo considerarla come valore aggiunto al report ma non è fondamentale ai fini della riuscita dello script. Apriamo il template XSLT ed iniziamo a scrivere il codice HTML. Ad un certo punto, all'interno del ciclo che estrae tutti i dati dal file XML, utilizziamo le istruzioni condizionali xsl:when ed xsl:otherwise, all'interno di un gruppo di scelta condizionale xsl:choose, per impostare due condizioni, ovvero quelle secondo le quali le celle su una stessa riga saranno, in maniera alternata, di un colore piuttosto che di un altro <xsl:choose> <xsl:when test="id mod 2 = 1"> <tr bgcolor="#ffffff"> <td><xsl:value-of select="nome" /></td> <td><xsl:value-of select="cognome" /></td> </tr> </xsl:when> <xsl:otherwise> <tr bgcolor="#ffffcc"> <td><xsl:value-of select="nome" /></td> <td><xsl:value-of select="cognome" /></td> </tr> </xsl:otherwise> </xsl:choose>

9 Effettuiamo il test condizionale con l'operatore modulo in base 2, impostando la condizione di uguaglianza su 1, in modo da ottenere una condizione vera ogni due. Di seguito il codice commentato del file ASP che effettua la trasformazione: = VBScript%> <% ' Dichiaro le variabili che mi servono Dim database, style ' Setto due oggetti XMLDOM, uno per il file XML ' ed un secondo per il file di stile dinamico XSLT Set database = Server.CreateObject("Microsoft.XMLDOM") Set style = Server.CreateObject("Microsoft.XMLDOM") ' Setto i due oggetti come sincroni database.async = False style.async = False ' Carico i file XML ed XSLT database.load Server.MapPath("database.xml") style.load Server.MapPath("style.xsl") ' Nel corpo della pagina effettuo la trasformazione... %> <html> <head> <title>celle di colori alternati con ASP, XML ed XSLT</title> </head> <body> <%=database.transformnode(style)%> </body> </html> <% ' Un po di pulizia... Set database = Nothing Set style = Nothing %>

10 Accedere ad un file XML generato dinamicamente con Javascript Il metodo loadxml() di XMLDOM permette di supplire al tradizionale metodo load(), utilizzato per specificare il percorso di un file XML reale a cui accedere, quando il file XML non è fisicamente presente sul server ma viene generato al volo all'interno del codice Javascript stesso. La domanda nasce spontanea: perchè creare al volo un file XML direttamente all'interno del codice Javascript piuttosto che utilizzare un file XML reale? In effetti una risposta secca e definita non c'è ma ci sono tante risposte che si traducono in specifiche casistiche di programmazione a cui è necessario, all'occorrenza, far fronte. Immaginiamo ad esempio un'applicazione Intranet basata o meno su XML in cui è necessario fare dei rapidi calcoli al volo, ad esempio per monitorare dinamicamente il numero e/o il valore di una serie di elementi di un form HTML. A prescindere dal fatto che potrebbero esserci altre soluzioni altrettanto valide, la soluzione di creare una struttura XML al volo è comunque una soluzione ed è anche piuttosto valida; a questo proposito torna comodo avere una struttura XML volatile su cui agire col DOM piuttosto che dover andare a creare fisicamente un file XML, verificarne l'esistenza, andarci a scrivere o a modificarlo... operazioni più lunghe e dispendiose che richiedono, per altro, l'intervento di un linguaggio lato server come ASP. Il codice, simile a tanti altri codici già visti riguardanti l'interazione con l'xmldom, è molto semplice e non ha bisogno di commenti var testo = ""; testo += "<?xml version='1.0'?>"; testo += "<utenti>"; testo += "<utente><nome>luca</nome></utente>"; testo += "<utente><nome>max</nome></utente>"; testo += "<utente><nome>claudio</nome></utente>"; testo += "</utenti>"; var x = new ActiveXObject("Microsoft.XMLDOM"); x.async = false; x.loadxml(testo); var i = 0; for (i=0; i<x.documentelement.childnodes.length; i++) document.write(x.documentelement.childnodes(i).text + "<br>"); x.close(); Nella variabile testo costruisco dinamicamente la struttura XML e la richiamo all'interno del metodo loadxml(). Il resto è ordinaria amministrazione.

11 XML Data Binding: unire XML ed HTML Il Data Binding è una tecnica di programmazione basata sul recupero di un elemento attraverso l'oggetto DSO (Data Source Object) che dispone di una serie di proprietà per recuperare i dati. Microsoft ha implementato nel parser MSXML la possibilità di gestire lato client i dati di una struttura XML attraverso la tecnica del Data Binding. Trattandosi di una tecnica lato client non so fino a che punto possa effettivamente essere utile, ma in ogni caso vediamo di cosa si tratta. Si prenda la seguente struttura XML da inserire nel file rubrica.xml <?xml version="1.0"?> <database> <record> <nome>pippo</nome> <telefono>112233</telefono> </record> <record> <nome>pluto</nome> <telefono>445566</telefono> </record> <record> <nome>paperino</nome> <telefono>778899</telefono> </record> </database> Nella nostra pagina HTML utilizzeremo il Tag <xml>, con relativa chiusura </xml>, per recuperare il file XML; a questo Tag assegneremo l'id identificativo del DSO da utilizzare <xml id="dso_rubrica" src="rubrica.xml"></xml> Passiamo alla materiale estrazione dei dati all'interno di una tabella HTML <table datasrc="#dso_rubrica" border="1"> <thead bgcolor="#eeeeee"> <th align="left"><b>nome</b></th> <th align="left"><b> </b></th> <th align="left"><b>telefono</b></th> </thead> <tr> <td><span datafld="nome"></span></td> <td><span datafld=" "></span></td> <td><span datafld="telefono"></span></td> </tr> </table> Alla tabella assegno l'attributo datasrc che recupera l'id del DSO associato al file XML a cui accedere; utilizziamo i Tag thead e th per definire l'intestazione della tabella ed evitare che si ripeta per ogni nodo XML visualizzato; all'interno di una serie di Data Fields andiamo ad estrarre i veri e propri dati, sfruttando l'attributo datafld. NOTA: se volete disporre i dati di uno stesso nodo in verticale piuttosto che in orizzontale dovete far si che l'intestazione si ripeta ed utilizzare i Tag tr e td al posto di thead e th.

12 XML ed HTML: creazione di una struttura intuibile Una delle principali raccomandazioni per la realizzazione di una struttura XML, che esula dalle regole per la creazione di strutture valide o ben formate, è quella di creare Tag intuibili. Mi capita di vedere strutture XML a prima vista del tutto incomprensibili, sia pur perfettamente funzionanti. Allo stesso modo in cui si raccomanda ad un programmatore di assegnare, ad esempio, a variabili e funzioni nomi intuibili, allo stesso modo è necessario creare strutture XML semplici da interpretare. Dal momento che l'xml somiglia, almeno nella sua struttura all'html, possiamo volgere a nostro favore questa platonica somiglianza e "rubare" i Tag con i relativi attributi. Supponiamo di voler creare una struttura XML i cui dati siano un elenco di siti con relativi link, icona e descrizione. Una struttura come quella appena descritta si può tradurre come segue <?xml version="1.0"?> <database> <html> <h1>mrw Corsi</h1> <a href="http://www.mrwcorsi.it" title="corso professionali" /> <img src="mrwcorsi.gif" alt="icona MRW Corsi" border="0" /> <p>vuoi essere un professionista? Acquista i nostri corsi!</p> </html> <html> <h1>mr.webmaster</h1> <a href="http://www.mrwebmaster.it" title="mister Webmaster" /> <img src="mrwebmaster.gif" alt="icona Mr.Webmaster" border="0" /> <p>vuoi imparare a programmare? Leggi i nostri Articoli!</p> </html> </database> Abbiamo usato il nome h1 al posto di titolo; a, con relativi attributi href e title al posto di collegamento; abbiamo utilizzato il Tag img, con relativi attributi classici dell'html, al posto di immagine o icona; in fine abbiamo usato p al posto di descrizione. Si tratta solo di un semplice esempio. Fate tesoro di questo consiglio! Capire la struttura XML di Google SiteMaps Google SiteMaps è un sistema introdotto nel 2005 dal gigante di Mountain View allo scopo di segnalare al suo spider le pagine di un sito e, tanto per smentire chi lo crede fermamente, questo sistema NON favorisce l'indicizzazione dei contenuti, essendo appunto solo uno strumento di segnalazione. In questo articolo by-passeremo le spiegazioni teoriche e di Marketing e ci concentreremo sulla struttura XML in cui questo sistema è materialmente redatto. Il file XML va preferibilmente messo nella root di un sito ed il nome del file non è importante. Supponiamo possa essere sitemaps.xml. Esaminiamo la sua struttura di base:

13 <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <urlset xmlns="http://www.google.com/schemas/sitemap/0.84"> <url> <loc>http://www.mrwebmaster.it/</loc> <lastmod> </lastmod> <changefreq>weekly</changefreq> <priority>1.0</priority> </url> </urlset> Alla prima riga troviamo la dichiarazione e la versione del linguaggio XML e la sua codifica UTF. In seguito troviamo il Tag principale che è urlset con relativa chiusura alla fine del file; il suo Namespace, specificato dal Tag xmlns, fa riferimento al percorso remoto di Google stesso, su cui è presente la DTD relativa agli spazi nei nomi utilizzati e gestiti stesso da Big G. A questo punto esaminiamo il nodo composto da dal Tag principale url e dall'elenco dei Tag utili a specificare i valori per singola pagina. loc - Specifica la pagina da segnalare allo spider di Google: in questo caso la Homepage. lastmod - Indica la data dell'ultima modifica della pagina in formato: aaaa-mm-gg ovvero anno-mese-giorno changefreq - Indica la frequenza con cui una pagina viene aggiornata : daily - quotidianamente weekly - settimanalmente monthly - mensilmente priority - Indica il livello di importanza della pagina: si può dire a Google, in questo modo, che la sua importanza va da 0.1 a 1.0 e non oltre. Proviamo adesso ad ampliare il file XML costituente il Google SiteMaps, specificando anche la pagina del Forum di Mr. Webmaster, oltre alla già specificata Homepage: <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <urlset xmlns="http://www.google.com/schemas/sitemap/0.84"> <url> <loc>http://www.mrwebmaster.it/</loc> <lastmod> </lastmod> <changefreq>weekly</changefreq> <priority>1.0</priority> </url> <url> <loc>http://forum.mrwebmaster.it/</loc> <lastmod> </lastmod> <changefreq>daily</changefreq> <priority>1.0</priority> </url> </urlset> La modifica (aggiunta) è evidenziata in grassetto. Si consiglia di automatizzare il meccanismo di aggiornamento del file XML in questione attraverso un qualsiasi software o webware, di propria creazione, attraverso il linguaggio di scripting lato server che si preferisce.

14 Impostare un link di base con XML: Base Nel tutorial dedicato ad XLink abbiamo visto come creare link attraverso un documento XML. Vediamo adesso come semplificarci la vita utilizzando l'elemento XML:Base per definire la URL di base dei documenti da linkare all'interno nel nostro file XML. Il funzionamento di XML:Base è simile a quello del Tag <base> dell'html, il cui funzionamento è descritto minuziosamente in questo articolo. Nell'articolo relativo ad XLink, a cui ho fatto riferimento in precedenza, abbiamo creato una struttura di file XML relativa al noto gruppo musicale Queen. Riportiamo lo stesso esempio in questa sede ed adattiamo al suo interno la gestione dei link di base con XML:Base, come nell'esempio che segue: <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <queen xml:base="http://localhost/queen/" xmlns:xlink="http://www.w3.org/1999/xlink"> <band xlink:type="simple" xlink:href="freddie-mercury.html"> Voce e piano: Freddie Mercury <band> <band xlink:type="simple" xlink:href="brian-may.html"> Chitarra elettrica: Brian May <band> <band xlink:type="simple" xlink:href="john-deacon.html"> Basso: John Deacon <band> <band xlink:type="simple" xlink:href="roger-taylor.html"> Batteria: Roger Taylor <band> </queen> Non facciamo altro che definire all'interno del Tag "queen", root del documento XML, l'attributo xml:base assegnandogli come valore la URL di base a cui i file HTML specificati all'interno dei singoli nodi faranno riferimento.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it TEMPLATE IN MWCMS D A N I E L E U G O L E T T I - G R U P P O M E T A Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it C ONTENTS I template

Dettagli

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a PHP: OOP Pasqualetti Veronica Oggetti Possiamo pensare ad un oggetto come ad un tipo di dato più complesso e personalizzato, non esistente fra i tipi tradizionali di PHP, ma creato da noi. 2 Gli oggetti

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

ESEMPI DI FORM (da www.html.it)

ESEMPI DI FORM (da www.html.it) ESEMPI DI FORM (da www.html.it) Vediamo, nel particolare, tutti i tag che HTML 4.0 prevede per la creazione di form. Questo tag apre e chiude il modulo e raccoglie il contenuto dello stesso,

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Ora possiamo specificare la dimensione della casella di immissione dati.

Ora possiamo specificare la dimensione della casella di immissione dati. 1 di 6 17/04/2012 6.37 D'ora in poi, per maggiore chiarezza, scriverò solo quello che sta fra i due tag . Tralascerò i tag head, body, title e form. Ovviamente nei tuoi documenti è necessario che

Dettagli

I FORM. L'attributo action contiene l'url del file php a cui devono essere inviati i file per essere elaborati.

I FORM. L'attributo action contiene l'url del file php a cui devono essere inviati i file per essere elaborati. I FORM Che cosa sono e che caratteristiche hanno Un form contiene molti oggetti che permettono di inserire dati usando la tastiera. Tali dati verranno poi inviati alla pagina php che avrà il compito di

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT La chiamata diretta allo script può essere effettuata in modo GET o POST. Il metodo POST è il più sicuro dal punto di vista della sicurezza. Invio sms a un numero

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 1) Introduzione Pg 3 2) L area amministratore Pg 3 2.1) ECM Pg 4 2.1.1) Sezione Struttura Pg 5 2.1.2) Sezione Documento Pg 7 2.1.3) Sezione Pubblicazione

Dettagli

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i Esercizi PHP 1. Scrivere uno script PHP che produca in output: 1. La tabellina del 5 2. La tavola Pitagorica contenuta in una tabella 3. La tabellina di un numero ricevuto in input tramite un modulo. Lo

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo & Web CMS v1.5.0 beta (build 260) Sommario Museo&Web CMS... 1 SOMMARIO... 2 PREMESSE... 3 I PASSI PER INSTALLARE MUSEO&WEB

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Le cinque cavolate da evitare quando si fa da sé il proprio e-book

Le cinque cavolate da evitare quando si fa da sé il proprio e-book Il favoloso mondo del self publishing Le cinque cavolate da evitare quando si fa da sé il proprio e-book A cura di Sergio Covelli www.pecorenerecords.com Aprile 2011 1) Basta un click, no? Ricordatelo

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza.

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza. Relazione tecnica Fibonacci ANDENA GIANMARCO Traccia: Creare un algoritmo che permetta, dato un valore intero e positivo, di stabilire la sequenza utilizzando la regola di fibonacci dei numeri fino al

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

WHITE PAPER TECNICO PER L ADVERTISER GUIDA AI MEZZI PUBBLICITARI

WHITE PAPER TECNICO PER L ADVERTISER GUIDA AI MEZZI PUBBLICITARI WHITE PAPER TECNICO PER L ADVERTISER GUIDA AI MEZZI PUBBLICITARI SOMMARIO 1. Mezzo pubblicitario... 3 1.1 Configurazione di mezzi pubblicitari... 3 1.1.1 Osservazioni generali... 3 1.1.2 Procedura... 4

Dettagli

Un approccio moderno alle pagine web*

Un approccio moderno alle pagine web* Un approccio moderno alle pagine web* MASSIMILIANO FILACCHIONI Quest'articolo propone un approccio alla realizzazione delle pagine Web basato sull'esplicita separazione degli aspetti che le caratterizzano.

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE Guida d uso per la registrazione e l accesso Ver 3.0 del 22/11/2013 Pag. 1 di 16 Sommario 1. Registrazione sul portale GSE... 3 2. Accesso al Portale... 8 2.1 Accesso alle

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie [COB] Import massivo XML. ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01)

SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie [COB] Import massivo XML. ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01) SINTESI Comunicazioni Obbligatorie [COB] XML ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01) Questo documento è una guida alla importazione delle Comunicazioni Obbligatorie: funzionalità che consente di importare

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria e Automazione Master in Project Management RIORGANIZZAZIONE DEI PROGETTI PER L ULTIMO TRIMESTRE DEL 2004 CON REALIZZAZIONE

Dettagli

Questo é il link all altra pagina

<a href= page2.html > Questo é il link all altra pagina </a> <a href= page2.html > <img src= lamiaimmagine.jpg/> </a> Tutorial 4 Links, Span e Div È ora di fare sul serio! Che ci crediate o no, se sei arrivato fino a questo punto, ora hai solo bisogno di una cosa in più per fare un sito reale! Al momento hai una pagina

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi Laboratorio Database Docente Prof. Giuseppe Landolfi Manuale Laboratorio Database Scritto dal Prof.Giuseppe Landolfi per S.M.S Pietramelara Access 2000 Introduzione Che cos'è un Database Il modo migliore

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Enterprise Content Management

Enterprise Content Management AlFresco guida Enterprise Content Management Una soluzione di Enterprise Content Management (ECM) è l'insieme di strumenti che consentono la gestione della documentazione prodotta e ricevuta all interno

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

SQL Injection: le tecniche, i tool ed esempi pratici OWASP. The OWASP Foundation

SQL Injection: le tecniche, i tool ed esempi pratici OWASP. The OWASP Foundation SQL Injection: le tecniche, i tool ed esempi pratici SMAU E- Academy 2006 Antonio Parata collaboratore -Italy http://www.ictsc.it antonio.parata@ictsc.it http://www.owasp.org/index.php/italy Copyright

Dettagli

Traduzione di TeamLab in altre lingue

Traduzione di TeamLab in altre lingue Lingue disponibili TeamLab è disponibile nelle seguenti lingue nel mese di gennaio 2012: Traduzioni complete Lingue tradotte parzialmente Inglese Tedesco Francese Spagnolo Russo Lettone Italiano Cinese

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Integrare le MFC con Irrlicht. Sezione 1: Creazione del progetto. by Raffaele White tiger Mancuso

Integrare le MFC con Irrlicht. Sezione 1: Creazione del progetto. by Raffaele White tiger Mancuso Integrare le MFC con Irrlicht by Raffaele White tiger Mancuso In questo topic spiegherò come integrare irrlicht in un documento singolo MFC *(1). Io ho usato il visual c++ 6 ma la procedura dovrebbe essere

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

12 linee guida per aumentare la visibilità on-line

12 linee guida per aumentare la visibilità on-line Posizionamento nei Motori di Ricerca 12 linee guida per aumentare la visibilità on-line (a cura di Michele De Capitani di Prima Posizione Srl - Web Marketing) 1 / 47 Introduzione Piccola introduzione In

Dettagli

Principali funzionalità di Tustena CRM

Principali funzionalità di Tustena CRM Principali funzionalità di Tustena CRM Importazione dati o Importazione da file dati di liste sequenziali per aziende, contatti, lead, attività e prodotti. o Deduplica automatica dei dati importati con

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

1. Il Servizio. 2. Protocollo SMS-Server

1. Il Servizio. 2. Protocollo SMS-Server 1. Il Servizio 2. Protocollo SMS-Server 3. Protocollo HTTP Post e Get 3.1) Invio di SMS di testo 3.2) Invio di SMS con testo in formato UNICODE UCS-2 3.3) Simulazione di un invio 3.4) Possibili risposte

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

1) Le Espressioni regolari

1) Le Espressioni regolari ESPRESSIONI REGOLARI e FILTRI SED, GREP e AWK 1) Le Espressioni regolari Un'espressione regolare è un modello che descrive un insieme di stringhe. Le espressioni regolari sono costruite, in maniera analoga

Dettagli

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico GSE Gestore Servizi Energetici Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico D.M. 28 dicembre 2012 Indice dei contenuti 1. Generalità... 4 Finalità del documento... 4 Requisiti minimi per l utilizzo

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Guida funzioni di importa /esporta pratiche e anagrafiche; importa dati R.I.

Guida funzioni di importa /esporta pratiche e anagrafiche; importa dati R.I. Guida funzioni di importa /esporta pratiche e anagrafiche; importa dati R.I. 1. PREMESSA sulle MODALITA' di UTILIZZO Fedra Plus 6 può essere utilizzato in: in modalità interattiva; da interfaccia (GUI),

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori Manuale d uso Versione 08/07/2014 themix Italia srl tel. 06 35420034 fax 06 35420150 email info@themix.it LOGIN All avvio il

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli