Sezione specializzata in materia di proprietà industriale e intellettuale. RICORSO per SEQUESTRO E INIBITORIA ex art. 126, C.P.I.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sezione specializzata in materia di proprietà industriale e intellettuale. RICORSO per SEQUESTRO E INIBITORIA ex art. 126, 129-131 C.P.I."

Transcript

1 TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di proprietà industriale e intellettuale RICORSO per SEQUESTRO E INIBITORIA ex art. 126, C.P.I. e 700 c.p.c. La società YESMOKE TOBACCO S.p.A. con sede in Settimo Torinese (TO), Via San Giusto 5, C.F. e P.IVA , in persona del legale rappresentante dott. Carlo Messina, rappresentata e difesa dall Avv.to Monica Roberto (Tel , fax , PEC: recapiti cui far riferimento per ogni necessità di cancelleria), giusta procura a margine del presente atto, ed elettivamente domiciliata presso lo studio dell avv.to Monica Roberto in Milano, via Fontana n. 1 Premesso quanto segue. La società Yesmoke Tobacco S.p.A. è un azienda italiana costituita nell ottobre 2005 (doc. 1) che svolge la lavorazione di tabacchi selezionati, senza l utilizzo di cocktails chimici, per la produzione e il confezionamento di sigarette con marchio proprio registrato ( YESMOKE ) doc. 2, 3. Procura alle liti Io sottoscritto dott. Carlo Messina in qualità di Amministratore Unico della Soc. YESMOKE TOBACCO spa delego a rappresentare e difendere detta società, in ogni fase e grado del presente procedimento ed atti inerenti, conseguenti e successivi, compreso il giudizio di merito, il processo di esecuzione e l eventuale giudizio di opposizione, con facoltà di chiamare in giudizio terzi, l avv.to Monica Roberto con tutte le facoltà inerenti al mandato alle liti e con lo specifico potere di conciliare e transigere la controversia, di rinunciare agli atti del giudizio, nonché di nominare altri avvocati, ed eleggendo domicilio presso lo studio dell avv.to Monica Roberto in Milano via Fontana n. 1. Autorizza il trattamento dei dati personali sensibili ai sensi del D.lgs. 196/2003 necessari per l espletamento del mandato. dott. Carlo Messina Amministratore Unico Yesmoke Tobacco spa La Yesmoke ha iniziato il commercio nel mercato italiano a partire dal settembre 2007, dopo aver affrontato un ingente investimento iniziale di circa 30 milioni di euro, costruendo un impianto di mq in Settimo Torinese (TO) che, attualmente, è capace di produrre circa 90 milioni di E autentica Avv.to Monica Roberto pacchetti da 20 sigarette l anno, impiegando 72 dipendenti. La Yesmoke è l unica società italiana, nel settore dei tabacchi, che può vantare una produzione Made in Italy, garantendo la fabbricazione dei suoi prodotti interamente in Italia. Tutti questi sforzi sono stati attuati per fare ingresso nel mercato nazionale ed estero del tabacco lavorato che, come noto, è dominato da un ristretto oligopolio formato da imprese multinazionali che realizzano grandi fatturati. Tra queste ultime si annovera la Philip Morris International titolare dei seguenti principali marchi: Marlboro, Merit, Philip Morris, Chesterfield,

2 Virginia Slims, Diana. L oggetto del presente ricorso afferisce ai nuovi marchi apposti sul packaging delle sigarette DIANA, in distribuzione dal Detti marchi sono stati depositati a nome della società Philip Morris Global BrandsInc. (qui di seguito per brevità Philip Morris), con sede in 120 Park Avenue, New York, NY United States (doc. 4), mediante il mandatario Società Italiana Brevetti S.p.A., con sede a Milano, via Carducci 8. Si tratta di due depositi, avvenuti in data 2 dicembre 2010 ai numeri MI2010C e MI2010C012172, volti ad ottenere la protezione sulla dicitura DIANA su fondo bianco, cui sono associate due linee orizzontali su piani separati di colore rosso e verde (evidente richiamo alla bandiera italiana) e la specifica CARATTERE ITALIANO (doc. 5e 5 bis): come si può agevolmente notare, i marchi sono identici, eccezion fatta per il colore della dicitura DIANA, realizzata in colore rosso nel primo caso e blu nel secondo. Le registrazioni sono state concesse entrambe il 22 marzo 2011, rispettivamente ai numeri e per tutti i prodotti della classe 34 (tutta la classe - tabacco, grezzo o semilavorato; prodotti di tabacco, compresi sigari, sigarette, cigarillos, tabacco per la preparazione di sigarette, tabacco da pipa, tabacco da masticare, tabacco da fiuto, kretek; snus; succedanei del tabacco (non per uso medico);articoli per fumatori, compresi cartine per sigarette e tubetti per sigarette, filtri di sigarette, scatole di latta per tabacco, portasigarette e portacenere; pipe, strumenti tascabili per arrotolare sigarette, accendisigari; fiammiferi). Premesso che la società titolare dei marchi è americana e che la produzione si riconduce ( under authority ) alla società svizzera Philip Morris Products S.A., con sede in Losanna, Avenue de Rhodanie 50, non vi è chi non veda come il segno distintivo DIANA CARATTERE ITALIANO e figura, oggetto delle registrazioni sopra citate, possa indurre il consumatore in 2

3 inganno circa l origine e la provenienza del prodotto, intese sia quale riconducibilità ad un determinato produttore che ad un determinato luogo di fabbricazione, danneggiando gli imprenditori concorrenti che, viceversa, possono realmente vantare una provenienza nazionale dei propri prodotti. *** 1. Sull interesse ad agire della Yesmoke Tobacco S.p.A. e sulla violazione dei propri diritti Come accennato in premessa, la Yesmoke Tobacco (per brevità anche la ricorrente) è un azienda italiana che, con notevoli sforzi in un settore di fatto dominato da un ristretto oligopolio, sta cercando di acquisire una posizione di mercato. Consapevole dell importanza del marchio come strumento e valore comunicazionale, e non solo come segno distintivo dell imprenditore, ha tutelato la dicitura YESMOKE a livello comunitario, ottenendone la registrazione nel giugno 2005 per le classi 34 e 35. La ricorrente distribuisce i propri prodotti con detto marchio cui legittimamente associa la specifica Made in Italy, perché si tratta di sigarette che vengono fabbricate in Italia. E l unica società che produce in Italia e che può fregiarsi del Made in Italy: ma il Made in Italy non è solo una caratteristica di qualità del prodotto 1, bensì una sorta di elemento di qualificazione del marchio agli occhi del consumatore che associa YESMOKE alla produzione in Italia. La Philip Morris, al contrario, nulla può rivendicare in merito all italianità della propria storia imprenditoriale né tanto meno dei prodotti che contraddistingue con i marchi DIANA CARATTERE ITALIANO e figura di cui al presente procedimento cautelare. Il fatto che, mediante la registrazione dei marchi de quibus, cerchi di appropriarsi di caratteristiche in realtà inesistenti determina una lesione dei 1 almeno nell accezione maggiormente diffusa del termine, senza nulla voler togliere a prodotti realizzati mediante legittima delocalizzazione 3

4 diritti della ricorrente che invece tali caratteristiche ben può vantare e che importanti investimenti sta sostenendo per poter consolidare la propria posizione nel mercato italiano. La Yesmoke Tobacco, quale titolare di un diritto di proprietà industriale, è quindi portatrice di un interesse ad agire per far cessare, anche mediante provvedimento inibitorio, la violazione dei propri diritti. 2. Sulla competenza territoriale e per materia di codesto Tribunale Del tutto pacifica è la competenza territoriale e per materia delle Sezioni Specializzate di codesto Tribunale adito dalla ricorrente. Per quanto attiene alla competenza territoriale, la Philip Morris ha depositato le domande di marchio de quibus tramite il mandatario Società Italiana Brevetti S.p.A., con sede a Milano, via Carducci 8, ivi eleggendo domicilio ai sensi e per gli effetti di cui all art. 120 III comma C.P.I. Come è noto, l indicazione di domicilio effettuata con la domanda di registrazione e annotata nel registro vale come elezione di domicilio esclusivo ai fini della determinazione della competenza e di ogni notificazione di atti di procedimenti davanti ad autorità giurisdizionali o amministrative. Né in alcun modo può rilevare il fatto che la Philip Morris sia una società con sede in altro Stato poiché oggetto del presente procedimento sono due titoli italiani o meglio la richiesta di inibitoria - nonché degli altri provvedimenti infra descritti afferente a titoli concessi dall Ufficio Italiano Brevetti e Marchi. Una significativa pronuncia proprio della Corte Milanese (Trib. Milano citata nel commento dell art. 120 C.P.I. in Codice Commentato della Proprietà Industriale e Intellettuale, a cura di Galli Gambino, UTET 2011) ha dato rilievo al domicilio eletto nella lettera di incarico anche nel caso di azioni proposte contro uno straniero. 4

5 Per quanto attiene alla competenza per materia, dubbio non v è che la competenza sia parimenti in capo a codeste adite Sezioni trattandosi di una controversia che rientra nella fattispecie di cui all art. 134 I comma lett. a) C.P.I. Come vi rientra la concorrenza sleale lamentata dalla ricorrente posto che siamo in presenza di una fattispecie che interferisce con l esercizio di un diritto di proprietà industriale. 3. Sull illiceità e decettività del marchio DIANA CARATTERE ITALIANO e figura numeri e ai sensi degli artt.14 comma I lettera b) e 21 comma II del Codice della Proprietà Industriale Ai sensi dell art. 14 Codice Proprietà Industriale (qui di seguito C.P.I.) I comma lettera b) non possono costituire oggetto di registrazione come marchio d impresa: i segni idonei ad ingannare il pubblico, in particolare sulla provenienza geografica, sulla natura o sulla qualità dei prodotti o servizi. Come sopra evidenziato, i segni della Philip Morris riportano in chiara ed inequivoca evidenza due linee, una verde e una rossa, su sfondo bianco che non solo stilizzano ma richiamano la bandiera tricolore italiana; a dette linee, sempre per enfatizzare il collegamento con l Italia, viene associata la dicitura CARATTERE ITALIANO. Detti segni non possono che essere immediatamente evocativi di una provenienza o origine italiana del prodotto che, in realtà, non corrisponde al vero. Né ad escludere la decettività dei marchi o a scriminarne l illecito può essere invocata la presenza, a latere dei pacchetti DIANA, della dicitura made in EU che indica genericamente quale luogo di provenienza l UNIONE EUROPEA. Tale indicazione di provenienza ha infatti funzioni meramente connesse al rispetto della normativa in tema di Made In dei prodotti e 5

6 quindi di per sé non contrasta de facto con il messaggio evocativo dell italianità contenuto nei marchi dei quali si lamenta la decettività. La disposizione dell art. 14 C.P.I. è stata interpretata dalla giurisprudenza e dalla dottrina nel senso di non consentire la presenza sul mercato nazionale di segni che il consumatore medio, dotato di un normale grado d intelligenza, accortezza e informazione in relazione ai prodotti del settore merceologico di appartenenza, possa ritenere siano riferiti a qualità o caratteristiche dei prodotti poi non sussistenti. I marchi della Philip Morris di cui alla presente procedura sono certamente idonei ad ingannare il pubblico poiché oggettivamente atti a trasmettere un messaggio molto chiaro al consumatore relativo ad una provenienza geografica del prodotto che non corrisponde a quella reale. Né può ritenersi che l uso di questi elementi (linea verde e rossa su sfondo bianco associate alla dicitura CARATTERE ITALIANO ), abbinati al marchio DIANA, avvenga in chiave di fantasia poiché sono proprio gli stessi segni, in quanto recanti una parola di lingua italiana, e comunque corrispondente ad un nome di lingua italiana e prenome italiano femminile a rafforzare il messaggio evocativo dell italianità. Il marchio, come noto, è un elemento fondamentale nel processo di scelta che viene operato dal consumatore; esso ha, da un lato, una funzione distintiva e, dall altro, un precipuo effetto di richiamo e reclutamento della clientela. Utilizzare un marchio che evoca una falsa origine del prodotto costituisce un ipotesi di decettività che induce in errore i compratori circa la provenienza, ingenerando il convincimento di acquistare un prodotto made in Italy. Del tutto evidenti appaiono l inganno e la confusione perpetrate nei confronti dei consumatori ed in particolare di coloro i quali dirigono le proprie scelte d acquisto al fine di premiare e fare affermare il c.d. sistema Italia, inteso come sintesi economica e culturale del paese, che comprende la creatività, la 6

7 progettualità, la lavorazione e l occupazione delle imprese nazionali. Come può non ingenerarsi in un consumatore di media (e non solo) diligenza una falsa rappresentazione in ordine alla reale provenienza del prodotto allorquando il marchio utilizzato è composto da un nome italiano ( DIANA ), dalla bandiera tricolore e da un pay-off che contiene la dicitura CARATTERE ITALIANO? La ricorrente ritiene che il messaggio contenuto in un marchio siffatto evochi chiaramente una provenienza geografica del prodotto che non corrisponde a quella reale o quantomeno sia portatore, nel suo messaggio comunicazionale, di caratteristiche qualitative dovute ad una particolare lavorazione italiana del tutto insussistente. Appare infatti di immediata evidenza che vi sia un chiaro contrasto tra il contenuto informativo dei segni distintivi de quibus della Philip Morris e la natura e/o qualità dei prodotti da essi contraddistinti. Pur non essendoci sul packaging delle sigarette DIANA un espressa rivendicazione di produzione in Italia o di made in Italy, detti segni distintivi non possono non considerarsi decettivi ovvero idonei a trarre in inganno qualunque consumatore normalmente informato e ragionevolmente attento sulla provenienza geografica del prodotto. Per quale reale motivo la sigaretta contraddistinta da un marchio DIANA appartenente ad una società americana, fatta produrre dalla filiale svizzera della Philip Morris negli stabilimenti ubicati in Romania e in Germania, dovrebbe avere un carattere italiano e fregiarsi del tricolore italiano? Quale giustificazione di fatto o di diritto può avanzare la Philip Morris nell utilizzo dei colori italiani o dell espressione CARATTERE ITALIANO sul suo prodotto? Se l intento della Philip Morris non fosse stato quello di ingannare il pubblico ingenerando una falsa rappresentazione in ordine alla reale provenienza del prodotto, per quale altro e diverso motivo avrebbe optato di 7

8 corredare i propri segni distintivi DIANA di un richiamo grafico al tricolore e della dicitura CARATTERE ITALIANO? Che senso avrebbe commercializzare in Italia un prodotto estero utilizzando in maniera del tutto impropria sia i colori dello Stato italiano che la dicitura CARATTERE ITALIANO? La risposta è più che ovvia, ossia si vuole ingenerare la falsa rappresentazione della reale provenienza del prodotto medesimo legandolo al contesto italiano. Né può ritenersi che la presenza della Philip Morris Italia S.r.l. con sede in Roma, via Santa Teresa 35, che si occupa della commercializzazione in Italia dei brand della società americana Philip Morris International, possa giustificare l utilizzo di marchi che evocano un origine italiana del prodotto di cui è causa. Ne consegue che i marchi de quibus sono portatori di artificiosa equivocità e idonei ad ingannare i consumatori nelle proprie scelte di acquisto. Quand anche non possa essere affermato che nel settore della produzione di sigarette la provenienza dall Italia possa garantire caratteristiche generali di migliore qualità del prodotto, non essendo l Italia depositaria di un particolare know-how produttivo o di materia prima particolarmente pregiata (come viceversa può essere ritenuto nel settore tessile o di alcuni prodotti agroalimentari) e che, quindi, di per sé in generale possa rappresentare, per i relativi produttori, uno strumento indiretto di promozione delle vendite, certamente, non può negarsi che per il consumatore italiano la provenienza nazionale di un prodotto, qualunque esso sia, assuma un significato particolare, ancorché non connesso con una sua intrinseca qualità. In quest ottica vanno interpretati i marchi registrati dalla Philip Morris che contengono un indicazione decettiva, non veritiera e comunque di natura tale da indurre in errore, a fronte dell evidente richiamo ad una data origine geografica per contraddistinguere prodotti provenienti da altre zone. 8

9 E proprio per far leva sulla psicologia del consumatore italiano che la Philip Morris ha deciso di apporre sui nuovi pacchetti delle sigarette DIANA un segno (tricolore) e una dicitura ( CARATTERE ITALIANO ) che evocano in maniera evidente l italianità del prodotto, trasmettendo un informazione non corretta al consumatore, al solo scopo di favorire la realizzazione del proprio obiettivo di politica commerciale, ovvero quello di sottrarre (illecitamente) quote di mercato ai produttori nazionali. E per raggiungere il suo obiettivo Philip Morris ha posto in essere un comportamento illecito sottile, soppesando bene le parole e la parte grafica inseriti nel proprio segno distintivo apposto sul retro del pacchetto, per trarre in inganno il consumatore con una comunicazione ambigua. La bandiera italiana è difatti stilizzata, essendo presenti i due colori verde e rosso su fondo bianco, ma, ciò nonostante, ictu oculi detta combinazione cromatica viene percepita come TRICOLORE e possiede, per sua natura, una grande efficacia a livello concettuale, contenendo una evidente allusione e richiamo a caratteristiche che dovrebbero contraddistinguere il prodotto in questione dagli altri in funzione di presunte qualità italiane E difatti la sigaretta DIANA di ITALIANO avrebbe il CARATTERE (!!!). Il termine CARATTERE, scelto con accortezza non v è che dire, può avere molti significati ma, riferito ad un prodotto, significa caratteristica, qualità, tipo, natura. A tale proposito non è dato comprendere quali caratteristiche, qualità o natura ITALIANE avrebbero le sigarette DIANA. Pertanto, posto che, nel caso in esame, il riferimento all italianità del prodotto della Philip Morris non trova alcuna giustificazione di fatto o di diritto, i marchi DIANA CARATTERE ITALIANO e figura, recentemente utilizzati per la commercializzazione dei pacchetti di sigarette prodotti dalla Philip Morris, non possono che essere considerati decettivi e, anche in vista del procedimento di merito nel quale si insisterà per l accertamento e declaratoria di nullità delle registrazioni in questione, deve esserne quindi 9

10 inibita l utilizzazione. Detto provvedimento è l unico atto a garantire che il consumatore sia formalmente libero e non ingannato nelle proprie scelte di acquisto. La ricorrente pertanto insiste affinché codesto adito Tribunale, stante la decettività ai sensi dell art. 14 comma I lett. b) C.P.I. dei marchi DIANA CARATTERE ITALIANO e figura nn e , ne inibisca alla Philip Morris l uso ai sensi dell art. 21 comma II C.P.I. con provvedimento di cui all art. 131 C.P.I. 4. Sull illecito concorrenziale La presenza di componenti o diciture atte a evocare una riconducibilità territoriale del prodotto all Italia costituisce altresì un illecito concorrenziale ai sensi dell art n. 2 del codice civile in tema di appropriazione di pregi altrui. E infatti di immediata evidenza che far apparire i propri prodotti come appartenenti a quegli imprenditori, quali la Yesmoke Tobacco S.p.A., che possono vantare una produzione a tutti gli effetti Made in Italy determina un indebita appropriazione di pregi e quindi un comportamento concorrenzialmente illecito da parte della Philip Morris. A parere della ricorrente, si tratta, altresì, di un atto di vanteria particolarmente insidioso non solo per l imprenditore, ma anche per il consumatore poiché quest ultimo viene indotto in errore, attraverso la particolare combinazione cromatica e lessicale, fino a condurlo ad attribuire al prodotto oggetto del vanto le stesse qualità del prodotto del concorrente, ovvero una provenienza nazionale differente da quella reale, nel caso in esame. Appropriandosi di un pregio altrui il concorrente sleale si procura un chiaro vantaggio competitivo che finisce con il rendere antieconomica l iniziativa dell imprenditore che agisce correttamente. Del tutto evidente appare la natura parassitaria e di approfittamento del frutto 10

11 dell altrui lavoro, che, a fronte delle considerazioni di cui sopra, è riconducibile al messaggio contenuto nei nuovi marchi delle sigarette DIANA. La Corte di Cassazione con sentenza n del ha stabilito che la concorrenza sleale per appropriazione dei pregi dei prodotti o dell impresa altrui (art 2598 n.2 c.c.) non consiste nell adozione, sia pure parassitaria, di tecniche materiali o procedimenti usati da altra impresa (che può dar luogo, invece, alla concorrenza sleale per imitazione servile), ma ricorre quando un imprenditore, in forme pubblicitarie o equivalenti, attribuisce ai propri prodotti od alla propria impresa pregi, quali ad esempio medaglie riconoscimenti, qualità, indicazioni, requisiti, virtù, da essi non posseduti, ma appartenenti a prodotti o all impresa di un concorrente, in modo da perturbare la libera scelta dei consumatori. Nel caso in esame Philip Morris, utilizzando la particolare combinazione cromatica richiamante univocamente il tricolore italiano, unita alla dicitura CARATTERE ITALIANO si è appropriata impunemente di qualità, indicazioni, requisiti, virtù, ovvero dell ITALIANITA in sé e per sé considerata, in alcun modo riferibili al proprio prodotto. ***** La presenza di dette componenti e diciture nei marchi DIANA costituisce anche atto di concorrenza sleale ai sensi e per gli effetti di cui all art n. 3 c.c. in quanto integra un mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l altrui azienda. La lealtà degli scambi commerciali è certamente violata, essendo del tutto pacifico che un marchio che evoca l origine di un prodotto è uno strumento di promozione delle vendite. Ne consegue che una fallace indicazione attraverso l uso di segni, figure o quant altro possa indurre il consumatore a ritenere che il prodotto o la merce sia di origine italiana sia del tutto contraria alle elementari regole di concorrenza, laddove il legame con il territorio 11

12 nazionale non è presente in alcuno degli stadi della produzione, della trasformazione e dell elaborazione del prodotto né in capo al titolare dei marchi. Nel caso in esame, si è certamente in presenza di un tentativo di conquistare quote di mercato, non per mezzo di cortesie o agevolazioni praticate ai clienti, bensì attraverso un atto contrario alla correttezza professionale. In presenza di una siffatta indicazione non corrispondente al vero è di immediata evidenza il danno concorrenziale perpetrato nei confronti dell odierna ricorrente, la quale si trova in rapporto di concorrenza prossima ed effettiva con Philip Morris, agendo entrambe al medesimo livello economico e rivolgendosi ad una clientela comune. La Corte di Cassazione già con la sentenza n. 1259/99, ha rilevato che ad integrare il presupposto della concorrenza sleale è sufficiente il contemporaneo esercizio, da parte di più imprenditori, di una medesima attività industriale o commerciale in un ambito territoriale anche solo potenzialmente comune, non dovendo necessariamente sussistere in concreto l identità di clientela. La potenzialità della comunanza di clientela è principio acquisito in tema di concorrenza sleale. Infatti, se è vero che presupposto indefettibile della fattispecie di illecito prevista dall art cod. civ., è la sussistenza di una situazione concorrenziale tra soggetti economici, il cui obiettivo consiste nella conquista di una maggiore clientela a danno del concorrente, va tuttavia ribadito che la comunanza di clientela è data non già dalla identità soggettiva degli acquirenti dei prodotti delle due imprese, bensì dall insieme dei consumatori che avvertono il medesimo bisogno di mercato, e, pertanto, si rivolgono a tutti i prodotti che quel bisogno sono idonei a soddisfare. La giurisprudenza consolidata ha affermato che, peraltro, la sussistenza della predetta comunanza di clientela va verificata anche in una prospettiva 12

13 potenziale, dovendosi, al riguardo, esaminare se l attività di cui si tratta, considerata nella sua naturale dinamicità, consenta di configurare, quale esito di mercato fisiologico e prevedibile, sul piano temporale e geografico, e, quindi, su quello merceologico, l offerta dei medesimi prodotti, ovvero di prodotti affini o succedanei rispetto a quelli attualmente offerti dal soggetto che lamenta la concorrenza sleale (in tal senso sent. n del 14/02/2000 rv ; n dell , rv ; n del , rv ; n del , rv ). La società ricorrente, nella sua qualità di produttore italiano, pertanto, subisce un illecito sviamento di clientela che vanifica le sue possibilità di futura e probabile espansione e tutti gli investimenti dalla stessa attuati per penetrare nel mercato nazionale. Mantenere uno stabilimento produttivo all interno del territorio nazionale è cosa ben diversa dal de-localizzare la produzione in paesi come la Romania. Non vi è chi non veda come il valore aggiunto della produzione nazionale necessiti di essere tutelato affinché le aziende italiane, e l intero sistema ITALIA, non rischino di perdere competitività nel mercato globale, subendo supinamente gli attacchi di concorrenti sleali i quali si fregiano, senza averne diritto alcuno, di una provenienza italiana, millantando il CARATTERE ITALIANO dei propri prodotti. 5. Sulla richiesta di pubblicazione della richiesta ordinanza La ricorrente, anche allo scopo di eliminare gli effetti della violazione dei propri diritti, chiede che venga disposta ai sensi degli artt.126 C.P.I e 700 C.P.C. la pubblicazione dell intestazione e del dispositivo dell emananda ordinanza, a cura e spese della Philip Morris, sui quotidiani Il Corriere della Sera, La Repubblica e Il Sole 24 Ore sia nella versione cartacea sia nella versione on line, per una volta e a caratteri doppi del normale, con i nomi delle parti e i marchi de quibus in grassetto. 13

14 La ricorrente chiede altresì che detta pubblicazione sia effettuata anche nella home page dei siti internet della Philip Morris, con modalità di collocazione e grafiche che diano il giusto e proporzionato risalto all emananda ordinanza. La misura qui dedotta dalla Yesmoke Tobacco non deve essere letta solo in funzione risarcitoria o riparatoria ma anche quale mezzo dissuasivo e informativo a tutela dei consumatori al fine di ristabilire la certezza del diritto. ***** Sulla scorta delle svolte considerazioni si confida, pertanto, nell immediato blocco della distribuzione, previo sequestro di tutti i pacchetti di sigarette recanti il nuovo marchio DIANA CARATTERE ITALIANO presso tutti i depositi fiscali della società LOGISTA ITALIA S.P.A. (doc. 6) a cura della quale i pacchetti di sigarette vengono distribuiti presso le rivendite autorizzate. Il provvedimento d urgenza richiesto si giustifica sussistendo entrambi i presupposti dell invocata misura cautelare. Il fumus boni iuris, quale situazione che consenta di ritenere probabile l esistenza della pretesa, è palese nel caso de quo, essendo chiaramente in presenza di una violazione dell art. 14 C.P.I. e dell art n. 2 e 3 c.c. Inoltre la condizione di illiceità del messaggio ingannevole è rappresentata dalla sua idoneità ad indurre i destinatari della comunicazione in errore. La presenza del periculum in mora, trattandosi di una condotta concorrenzialmente illecita reiterata e permanente e non caratterizzata dall episodicità, è altresì del tutto evidente posto che il danno irreparabile all avviamento e alla clientela nei confronti dell odierna ricorrente si aggrava ogni giorno a causa dell attitudine ingannatoria delle indicazioni illegittimamente usate che compongono il nuovo marchio delle sigarette 14

15 DIANA. Il rischio imminente che Yesmoke Tobacco venga a trovarsi in stato di crisi economico-finanziaria, nonché il pregiudizio irreparabile all immagine dell impresa italiana, appaio tutt altro che remoti. Appare infatti evidente che la ricorrente si trovi esposta al pericolo di un grave danno che potrebbe essere irreparabile se nelle more del giudizio di merito la Philip Morris potesse continuare a far distribuire i pacchetti di sigarette recanti i marchi de quibus. Non v è chi non veda, a fronte della capillarità della distribuzione, che l attività intrapresa dalla Philip Morris,, da un lato, costituisca una fonte di sviamento di clientela (cioè un pregiudizio che è ontologicamente irreversibile e non suscettibile di ristoro a seguito del giudizio di merito) e, dall altro lato, cagiona una lesione al marchio della ricorrente e alla sua immagine di produttore italiano. L imminenza della lesione è comprovata dal fatto che la condotta lamentata dalla ricorrente, verosimilmente riconducibile all esercizio di sleale concorrenza, è tuttora in corso, nonostante le diffide stragiudiziali inviate dai legali della Yesmoke (doc. 7, 8, 9), rimaste prive di fattivo riscontro. L irreparabilità del danno può essere individuata, non solo nella irreversibilità della lesione del diritto ma anche nell impossibilità ovvero nella notevole difficoltà di determinare esattamente la misura del risarcimento (Pret. Roma , in Impresa, 993, 499; Tribunale Torino, , in BBTC, 1992, II, 69). In materia di concorrenza sleale, la giurisprudenza ha individuato nel pericolo di sviamento della clientela, il profilo più ricorrente della irreparabilità del danno, finendo per affermare, che nella materia in questione, il concetto di irreparabilità del pregiudizio è da ritenersi in re ipsa (Tribunale Treviso in G. Dir. Ind. 1993, 622; Tribunale Pistoia, ord , in GADI, 1993, 760). 15

16 ***** Tutto ciò premesso e ritenuto, la ricorrente ut supra rappresentata e difesa, in vista del giudizio di merito nel quale chiederà la declaratoria di nullità dei marchi DIANA CARATTERE ITALIANO e figura nn e nonché il risarcimento dei danni subiti, R I C O R R E a codesto Ill.mo Tribunale, ai sensi degli artt. 126, C.P.I. e 700 c.p.c., affinché per le ragioni esposte nella narrativa del presente ricorso, voglia a) disporre l inibitoria della commercializzazione e pubblicizzazione dei pacchetti di sigarette recanti il marchio DIANA CARATTERE ITALIANO e figura, comunque rappresentato, presso tutti i depositi fiscali del distributore LOGISTA ITALIA SPA elencati sub doc. 6; b) fissare una penale nella misura che sarà ritenuta equa per ogni violazione dell inibitoria e per ogni giorno di ritardo nell esecuzione del provvedimento; c) disporre l immediato sequestro dei pacchetti di sigarette recanti il marchio DIANA CARATTERE ITALIANO e figura, comunque rappresentato, a spese della Philip Morris Global Brands Inc., d) ordinare la pubblicazione dell intestazione e del dispositivo dell emananda ordinanza, a cura e spese della Philip Morris Global Brands Inc., sui quotidiani Il Corriere della Sera, La Repubblica e Il Sole 24 Ore sia nella versione cartacea sia nella versione on line, per una volta e a caratteri doppi del normale, con i nomi delle parti e i marchi de quibus in grassetto, nonché la sulla home page dei siti internet della Philip Morris, con modalità di collocazione e grafiche che diano il giusto e proporzionato risalto. Inoltre, poiché la convocazione della controparte può pregiudicare l attuazione della misura cautelare, si chiede al Giudice Designato di 16

17 autorizzare le predette misure cautelari con decreto inaudita altera parte ai sensi dell art. 669 sexies, 2 comma, c.p.c., con contestuale fissazione del termine per la notificazione del ricorso e del decreto di fissazione dell udienza. Con vittoria di spese, diritti ed onorari di procedura. Ai sensi dell art. 9, comma 5, della Legge n. 488 e successive modificazioni si dichiara che il valore della procedura è indeterminabile. Si producono in copia i seguenti documenti: 1) Visura camerale Yesmoke Tobacco spa 2) Registrazione marchio YESMOKE 3) Pacchetto sigarette YESMOKE 4) Pacchetti sigarette DIANA 5) e 5 bis) Registrazioni marchio DIANA CARATTERE ITALIANO e figura 6) Elenco depositi Logista Italia spa 7) Lettera raccomandata del da avv. Roberto a Philip Morris 8) Fax da avv.to Roberto a avv. Di Bella 9) Lettera raccomandata del da avv. Ghirardelli a Philip Morris Con osservanza. Milano, 19 aprile

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo DENIGRAZIONE E APPROPRIAZIONE DI PREGI a) diffusione di notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull'attività

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI BRUNO C. SO UMBERTO I, 61 Avellino Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studioavvocatibruno@virgilio.it

STUDIO LEGALE AVVOCATI BRUNO C. SO UMBERTO I, 61 Avellino Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studioavvocatibruno@virgilio.it TRIBUNALE DI NAPOLI - SEZIONE SPECIALIZZATA PROPRIETÀ INDUSTRIALE ED INTELLETTUALE - RICORSO EX ART. 131 D. LGS. 30/2005 Per e difesa dall Avv. Francesco Ettore Bruno e dall Avv. Francesca Silvestri ed

Dettagli

La concorrenza sleale

La concorrenza sleale La concorrenza sleale di Giulia Serena Paganini 12 marzo 2013 Giulia Serena Paganini 1 Profilo privatistico della disciplina sulla concorrenza Vengono disciplinate le modalità di svolgimento della gara

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Scuola Forense Vittorio Emanuele Orlando

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Scuola Forense Vittorio Emanuele Orlando Il ricorso per annullamento di atti, quale tipico ricorso giurisdizionale amministrativo, consta di quattro parti essenziali, oltre accessori ed eventuali: intestazione dell atto, premessa di fatto, motivi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 6.6.2014 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE I nella persona del dott. Pier

Dettagli

il giudice designato letti gli atti del procedimento; a scioglimento della riserva di cui al processo verbale d udienza che precede;

il giudice designato letti gli atti del procedimento; a scioglimento della riserva di cui al processo verbale d udienza che precede; Tribunale di Brescia, Sezione Feriale, collegio Giudicante Dott. Augusto Bitonte, dott.ssa Lucia Cannella, dott.ssa Elda Geraci. Ordinanza ex artt. 669 terdecies c.p.c. del 29.12.2007 n. 14558 Argomento

Dettagli

Il licenziamento disciplinare

Il licenziamento disciplinare Capitolo 4 Il licenziamento disciplinare Caso 4.1 Quali sono stati gli effetti della sentenza della Corte Costituzionale n. 204 del 1982? Con più ordinanze del 1976 furono impugnati innanzi alla Corte

Dettagli

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI fine XVIII inizio XIX Rivoluzione industriale Liberismo economico Libertà di accesso al mercato Regime concorrenziale GARANTISCONO LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI VALORIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

TRIBUNALE DI PALERMO SEZIONE FALLIMENTARE RICORSO EX ARTT. 80 E SS. D.LGS. 270/99. per conto e nell interesse di ABA HOME s.r.l., con sede in Palermo,

TRIBUNALE DI PALERMO SEZIONE FALLIMENTARE RICORSO EX ARTT. 80 E SS. D.LGS. 270/99. per conto e nell interesse di ABA HOME s.r.l., con sede in Palermo, TRIBUNALE DI PALERMO SEZIONE FALLIMENTARE RICORSO EX ARTT. 80 E SS. D.LGS. 270/99 per conto e nell interesse di ABA HOME s.r.l., con sede in Palermo, viale della Regione Siciliana, 4464, iscritta presso

Dettagli

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Milano, 2 luglio 2008 Prof. Paola A.E. Frassi Bird & Bird, Milano Recenti evoluzioni normative dello statuto di non decettività

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Avv. Valerio Sangiovanni Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Avv. Valerio Sangiovanni Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Avv. Valerio Sangiovanni Membro designato dalla Banca d'italia - Prof.ssa Avv. Diana V. Cerini Membro designato dalla

Dettagli

"Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata

Società), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata TRIBUNALE CIVILE DI MILANO RICORSO EX ART. 702-BIS COD. PROC. CIV. Nell'interesse della società ALFA S.R.L. (nel seguito, "Alfa", ovvero la "Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F.

Dettagli

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Milano 5 dicembre 2011 Il risarcimento del danno da comunicazione scorretta: profili tendenze Cesare de Sapia Risarcimento del danno norme del

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO

ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE SETTIMA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 ADOZIONE DELL ALTRUI SEGNO DISTINTIVO COME SEGNO DIVERSO ------------------------------- 3 2 LA TUTELA DEL MARCHIO DI FATTO E DELLA

Dettagli

Tribunale Ordinario di Urbino. All udienza del 16/09/2014 sono presenti per la parte ricorrente l Avv. OLIVI MONICA e per la

Tribunale Ordinario di Urbino. All udienza del 16/09/2014 sono presenti per la parte ricorrente l Avv. OLIVI MONICA e per la N. 153 /2014 RG Tribunale Ordinario di Urbino All udienza del 16/09/2014 sono presenti per la parte ricorrente l Avv. OLIVI MONICA e per la parte resistente l Avv. LUZI MARCO, i quali completano la discussione

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione lavoro ORDINANZA. contro. Avv. STRAMACCIA ANDREA, CALVANI LORENZO. Premesso che

TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione lavoro ORDINANZA. contro. Avv. STRAMACCIA ANDREA, CALVANI LORENZO. Premesso che TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Sezione lavoro ORDINANZA R.G. n. 2013 / 1239 AGEMEDIA SRL Avv. COLA DANIELE MATTEO BAVASTRO e ALESSANDRO BURRONI contro Avv. STRAMACCIA ANDREA, CALVANI LORENZO Il giudice,

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra Società in persona del suo legale rappresentante

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo CONCORRENZA SLEALE art. 2598 e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI OGGETTO: RICORSO AVVERSO ACCERTAMENTO DI INFRAZIONE VERBALE N / DEL VEICOLO TARG. I sottoscritti: - nato a NAPOLI il / /, C.F. e residente in alla VIA n, nella qualità di

Dettagli

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Fapav ha agito nei confronti di Telecom Italia s.p.a. (per brevità: Telecom) a tutela dei

Dettagli

Conlaterzadoglianzalasoc.F.sostienecheilTribunale,senzalabenchéminima prova documentale circa la produzione e vendita di prodotti dal marchio

Conlaterzadoglianzalasoc.F.sostienecheilTribunale,senzalabenchéminima prova documentale circa la produzione e vendita di prodotti dal marchio REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI ROMA PRIMA SEZIONE CIVILE così composta: dott. Roberto Cimorelli- Belfiore- Pres. rel.- dott. Luigi Fabrizio Augusto Mancuso- Consiglieredott.

Dettagli

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese 4. L azienda e la concorrenza tra le imprese Di cosa parleremo L azienda rappresenta il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. Di essa, pertanto, fanno parte sia

Dettagli

Tribunale Torino, ordinanza 7 dicembre 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI TORINO SEZIONE IX

Tribunale Torino, ordinanza 7 dicembre 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI TORINO SEZIONE IX CAUSA n. 31817/2005 1 Giurisprudenza Tribunale Torino, ordinanza 7 dicembre 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI TORINO SEZIONE IX CREDITONLINE SPA/ALPI Consulenza

Dettagli

TRIBUNALE DI BOLOGNA

TRIBUNALE DI BOLOGNA N. R.G. 2014/13520 TRIBUNALE DI BOLOGNA Sezione feriale CIVILE Nel procedimento cautelare iscritto al n. r.g. 13520/2014 promosso da: ITACME INFORMATICA S.R.L. (C.F. 02305230407) con il patrocinio dell

Dettagli

Herman Miller Limited, Filiale Italiana

Herman Miller Limited, Filiale Italiana Herman Miller Limited, Filiale Italiana Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo [ex D. Lgs. 231 del 2001] Parte Speciale 4 Edizione settembre 2011 PARTE SPECIALE 4 Reati contro l industria e il

Dettagli

L INTRODUZIONE DEL GIUDIZIO DI IMPUGNAZIONE DELLA DELIBERA ASSEMBLEARE. LA RICHESTA DI SOSPENSIONE DELL ESECUTIVITA DELLA DELIBERA IMPUGNATA.

L INTRODUZIONE DEL GIUDIZIO DI IMPUGNAZIONE DELLA DELIBERA ASSEMBLEARE. LA RICHESTA DI SOSPENSIONE DELL ESECUTIVITA DELLA DELIBERA IMPUGNATA. 1 L INTRODUZIONE DEL GIUDIZIO DI IMPUGNAZIONE DELLA DELIBERA ASSEMBLEARE. LA RICHESTA DI SOSPENSIONE DELL ESECUTIVITA DELLA DELIBERA IMPUGNATA. 1) L INTRODUZIONE DEL GIUDIZIO DI IMPUGNAZIONE DELLA DELIBERA

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto Redditi percepiti per lo svolgimento di attività connesse all esercizio della libera professione.sono soggetti alla imposizione contributiva delle Casse di previdenza Corte di Cassazione Sentenza n. 14684/2012

Dettagli

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima dell atto introduttivo del giudizio, perché le azioni

Dettagli

IL MARCHIO: NOZIONE E FUNZIONE

IL MARCHIO: NOZIONE E FUNZIONE IL MARCHIO: NOZIONE E FUNZIONE PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 SEGNI DISTINTIVI E CONCORRENZA -------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE FONTI LEGISLATIVE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

IL MARCHIO (PARTE QUARTA)

IL MARCHIO (PARTE QUARTA) IL MARCHIO (PARTE QUARTA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 SEGNI IL CUI USO VIOLEREBBE ALTRUI DIRITTI DI ESCLUSIVA ---------------------------------------- 3 2 LA REGISTRAZIONE IN MALAFEDE ----------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Prima Sezione Civile, Ordinanza del 21 aprile 2015. Giudice Caputo

Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Prima Sezione Civile, Ordinanza del 21 aprile 2015. Giudice Caputo Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Prima Sezione Civile, Ordinanza del 21 aprile 2015. Giudice Caputo omissis Il fatto Con ricorso depositato il 18.02.2015 l avv. B. A., quale legale rappresentante

Dettagli

I RAPPORTI CON LA PARTE ASSISTITA

I RAPPORTI CON LA PARTE ASSISTITA Corso di studi DEONTOLOGIA E ORDINAMENTO PROFESSIONALE I RAPPORTI CON LA PARTE ASSISTITA 21 aprile 2008 Avv. Laura Marini Avv. Fabrizio Ariani Il primo nemico dell avvocato è il cliente Ma se rispettiamo

Dettagli

Procedura di riassegnazione dei nomi a dominio liveperson.it

Procedura di riassegnazione dei nomi a dominio liveperson.it Procedura di riassegnazione dei nomi a dominio liveperson.it Ricorrente: LivePerson (UK) LTD e LivePerson Inc. (Dr. Fabrizio Bedarida Modiano & Associati S.p.a.) Resistente: Sig. Alessandro La Ciura Collegio

Dettagli

Accoglimento totale del 29/07/2015 RG n. 28653/2015

Accoglimento totale del 29/07/2015 RG n. 28653/2015 R.G. 28653/2015 Tribunale di Milano Sezione VI civile Il Giudice, a scioglimento della riserva assunta in udienza, così provvede sul ricorso urgente proposto ex art. 140 VIII comma del Codice del Consumo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO Con ricorso per decreto ingiuntivo del 2 agosto 2011, la Banca (Omissis) deduceva di avere sottoscritto

Dettagli

CONTRATTO TIPO DI LICENZA DI DESIGN

CONTRATTO TIPO DI LICENZA DI DESIGN CONTRATTO TIPO DI LICENZA DI DESIGN CONTRATTO TIPO DI LICENZA DI DESIGN 1 Con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge tra XY, società di diritto italiano, con sede in via n iscritta

Dettagli

III 4159, 10.6. 2011 (13.6.2011), GU

III 4159, 10.6. 2011 (13.6.2011), GU Tribunale di Torino, Sez. III Civile, n 4159, 10.6. 2011 (13.6.2011), GU Paola Ferrero. Appellante Real srl (avv. Arcudi), appellata Aurora spa e altri (avv. Fossati). Assicurazione RC Auto. Azione diretta

Dettagli

Centro Risoluzione Dispute Domini. Roma, 21 agosto 2009. Procedura di riassegnazione del nome a dominio MISSITALIAWEB.IT. Svolgimento della procedura

Centro Risoluzione Dispute Domini. Roma, 21 agosto 2009. Procedura di riassegnazione del nome a dominio MISSITALIAWEB.IT. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio MISSITALIAWEB.IT Ricorrente: Missitalia s.r.l. (Avv. Vincenzo Annibale Larocca) Resistente: Sim Trader s.r.l. Collegio (unipersonale): avv. Giuseppe Loffreda

Dettagli

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO RICORSO. Per. A.D.U.C., Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, in

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO RICORSO. Per. A.D.U.C., Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, in TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO RICORSO Per A.D.U.C., Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, in persona del Presidente Nazionale, Sig. Vincenzo Donvito, con sede in Firenze,

Dettagli

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari Settembre 2010 Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari (risposta fornita a un associazione di categoria)

Dettagli

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO DATA 2005-5-12 ESTREMI Tribunale dl Udine sezione civile SINTESI La certezza del credito deve

Dettagli

Centro Risoluzione Dispute Domini. Roma, 1 luglio 2010. Procedura di riassegnazione del nome a dominio SONNENKRAFT.IT

Centro Risoluzione Dispute Domini. Roma, 1 luglio 2010. Procedura di riassegnazione del nome a dominio SONNENKRAFT.IT Procedura di riassegnazione del nome a dominio SONNENKRAFT.IT Ricorrente: VKR Holding A/S (Prof. Avv. Stefania Bariatti, Avv. Ida Palombella) Resistente: Ditta Individuale Pasquale Cerra Collegio (unipersonale):

Dettagli

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE.

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. STUDIO TRINCHERO Lo Studio Trinchero è una società di consulenza che tratta il tema della Proprietà Intellettuale specializzata nel deposito, mantenimento,

Dettagli

Ricorso proposto nei confronti di una compagnia telefonica per mancata attivazione di linea fax ad uno studio legale

Ricorso proposto nei confronti di una compagnia telefonica per mancata attivazione di linea fax ad uno studio legale Ricorso proposto nei confronti di una compagnia telefonica per mancata attivazione di linea fax ad uno studio legale Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Prima Sezione Civile, Ordinanza del 21-22 aprile

Dettagli

GLI ILLECITI AMMINISTRATIVI

GLI ILLECITI AMMINISTRATIVI GLI ILLECITI AMMINISTRATIVI Indice formule: 1. Ricorso al Prefetto. 2. Ricorso al Prefetto con istanza di audizione personale. 3. Istanza al Prefetto di differimento della data di comparizione. 4. Ricorso

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Alessandro Leproux. Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla

Dettagli

Diritto Processuale Civile. Il procedimento Cautelare

Diritto Processuale Civile. Il procedimento Cautelare Diritto Processuale Civile Il procedimento Cautelare L attività cautelare ha una funzione non autonoma, ma strumentale rispetto alla cognizione e all esecuzione. Non ha caratteri strutturali specifici.

Dettagli

PREMESSA TRIBUNALE CIRCONDARIALE DI SIRACUSA SEZIONE DISTACCATA DI AUGUSTA COMPARSA DI COSTITUZIONE E DI RISPOSTA

PREMESSA TRIBUNALE CIRCONDARIALE DI SIRACUSA SEZIONE DISTACCATA DI AUGUSTA COMPARSA DI COSTITUZIONE E DI RISPOSTA PREMESSA Ai sensi dell art. 166 c.p.c., il convenuto si costituisce in giudizio mediante deposito in cancelleria della comparsa di risposta, della copia della citazione notificata, della procura e dei

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.).

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.). Principi di buona fede e correttezza Frazionamento richiesta risarcitoria (per danni fisici e danni materiali) Improponibilità domanda Irrilevanza mancata iscrizione a ruolo causa connessa Giudice di Pace

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRA LA SENTENZA INTEGRALE: SENTENZA CIVILE RG. 111653/2007 Rif,./ civ ord. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace, della VI Sezione del Mandamento di Napoli, nella persona del Giudice

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO - Sezione Specializzata in materia di impresa - A Il Tribunale, nella persona della dott. Paola Gandolfi

TRIBUNALE DI MILANO - Sezione Specializzata in materia di impresa - A Il Tribunale, nella persona della dott. Paola Gandolfi TRIBUNALE DI MILANO - Sezione Specializzata in materia di impresa - A Il Tribunale, nella persona della dott. Paola Gandolfi ha pronunciato la seguente ORDINANZA nella procedura cautelare iscritta al N.

Dettagli

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011

DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 DOMAIN NAMES E MARCHI Camera di Commercio di Ancona 7.6.2011 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema MARCO BIANCHI Internet è una rete telematica mondiale strutturata in codici di

Dettagli

Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, 5 marzo 2013. Estensore Caputo. Omissis

Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, 5 marzo 2013. Estensore Caputo. Omissis Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, 5 marzo 2013. Estensore Caputo. Omissis Sciogliendo la riserva formulata all udienza del 12. 02. 2013; letti gli atti ed esaminati i documenti; OSSERVA Sul fatto

Dettagli

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n.

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. 581 In termini generali la protezione del diritto d autore del software

Dettagli

http://bddweb.corteconti.it/bdddaccessibile/doc/011/a3d00574011.htm

http://bddweb.corteconti.it/bdddaccessibile/doc/011/a3d00574011.htm Page 1 of 7 REPUBBLICA ITALIANA 574/2011 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE TERZA GIURISDIZIONALE CENTRALE D APPELLO composta dai signori magistrati : Dott. Ignazio de MARCO Dott. Amedeo

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IL TRIBUNALE DI FIRENZE

REPUBBLICA ITALIANA IL TRIBUNALE DI FIRENZE SENTENZA EMESSA DAL TRIBUNALE DI FIRENZE IN DATA 11 DICEMBRE 2006 REPUBBLICA ITALIANA IL TRIBUNALE DI FIRENZE Sezione specializzata in materia di proprietà industriale ed intellettuale composta dai magistrati,

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.9 del 18.04.2012. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14)

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.9 del 18.04.2012. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14) Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.9 del 18.04.2012 LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14) ART. 13 Modifiche alla legge 15 luglio 1966, n. 604 Forma e procedure del licenziamento

Dettagli

PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO

PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO La questione in esame circa la possibilità di un azione di risarcimento del danno patito a causa del tardivo

Dettagli

N. 05916/2009 REG.SEN. N. 01525/2009 REG.RIC.

N. 05916/2009 REG.SEN. N. 01525/2009 REG.RIC. N. 05916/2009 REG.SEN. N. 01525/2009 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA Sul

Dettagli

LA TUTELA CAUTELARE IN TEMA DI MARCHI E DI CONCORRENZA SLEALE

LA TUTELA CAUTELARE IN TEMA DI MARCHI E DI CONCORRENZA SLEALE COLLANA FINANZAEDIRITTO Davide Cesiano LA TUTELA CAUTELARE IN TEMA DI MARCHI E DI CONCORRENZA SLEALE AGGIORNATO ALLA FINANZIARIA 2008 Davide Cesiano La tutela cautelare in tema di marchi e di concorrenza

Dettagli

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA Il presente protocollo recepisce le indicazioni emerse all interno del gruppo di lavoro istituito all interno

Dettagli

Paghe. La trattenuta per danni al dipendente in busta paga Stefano Carotti - Consulente del lavoro

Paghe. La trattenuta per danni al dipendente in busta paga Stefano Carotti - Consulente del lavoro La trattenuta per danni al dipendente in busta paga Stefano Carotti - Consulente del lavoro Trattenuta compensativa Limiti Nella quotidiana pratica di gestione del personale, agli operatori del settore

Dettagli

Angelo Verdi, (C.F. ---), nato a Milano il 4 marzo 1945, ivi residente in. Via Bigli n. 55, elettivamente domiciliato in Milano, Via Torino n.

Angelo Verdi, (C.F. ---), nato a Milano il 4 marzo 1945, ivi residente in. Via Bigli n. 55, elettivamente domiciliato in Milano, Via Torino n. TRIBUNALE CIVILE DI MILANO R.G. N. 11/2013 GIUDICE LA DOTT.SSA MAZZOLETTI Nella causa di Angelo Verdi, (C.F. ---), nato a Milano il 4 marzo 1945, ivi residente in Via Bigli n. 55, elettivamente domiciliato

Dettagli

Storno di dipendenti e concorrenza sleale: l animus nocendi e responsabilità del terzo interposto

Storno di dipendenti e concorrenza sleale: l animus nocendi e responsabilità del terzo interposto Storno di dipendenti e concorrenza sleale: l animus nocendi e responsabilità del terzo interposto Avv. Maurizio Bianco Tribunale di Torino, Sez. IX, 16 marzo 2012 Sommario: 1. Il caso; 2. Lo storno illecito

Dettagli

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI Il problema derivante dall eventuale responsabilità delle banche per la revoca degli affidamenti alle imprese trova il suo fondamento nella prevalenza sempre maggiore

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Sentenza 16 luglio 5 novembre 2015, n. 22627 Svolgimento del processo 1. La Corte d Appello di Milano, con la sentenza n. 1018/14, depositata il 6 novembre 2014,

Dettagli

Decisione N. 488 del 17 febbraio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale...

Decisione N. 488 del 17 febbraio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis.. Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio... Membro designato dalla

Dettagli

Osservatorio sulla giustizia civile n. 17

Osservatorio sulla giustizia civile n. 17 Osservatorio sulla giustizia civile n. 17 a cura di Maria Concetta Rametta 1. Corte di Cassazione, terza sezione civile, n. 16374 del 14 luglio 2009, in materia di responsabilità civile. Nella fattispecie

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALI IL TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE 1^ CIVILE S E N T E N Z A

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALI IL TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE 1^ CIVILE S E N T E N Z A Marchi Contraffazione ed usurpazione del marchio - Società di consulenza di proprietà industriale ed intellettuale Nome registrato come ditta e come marchio - Attività di produzione di sistemi multimediali

Dettagli

- che i contratti conclusi in violazione delle regole sulla competenza professionale sono nulli;

- che i contratti conclusi in violazione delle regole sulla competenza professionale sono nulli; CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 30 agosto 2013, n. 19989 Svolgimento del processo Con citazione del 6/6/1992 De L. D. proponeva opposizione al decreto ingiuntivo con il quale gli era stato ingiunto di pagare

Dettagli

Organismo di Mediazione ALL ORGANISMO DI MEDIAZIONE della CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO e AGRICOLTURA di E N N A

Organismo di Mediazione ALL ORGANISMO DI MEDIAZIONE della CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO e AGRICOLTURA di E N N A ALL ORGANISMO DI MEDIAZIONE della CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO e AGRICOLTURA di E N N A Parte istante DOMANDA Dl MEDIAZIONE In materia di Risarcimento del danno derivante dalla circolazione

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 29 luglio 2015; SENTITO il Relatore Dott.ssa Gabriella Muscolo; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello A per ciascuna parte istante )

A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello A per ciascuna parte istante ) ISTANZA DI MEDIAZIONE Ex art. 4 Dlgs 28/10 FACOLTATIVA OBBLIGATORIA DELEGATA DAL GIUDICE CLAUSOLA DI MEDIAZIONE PARTE CHE ATTIVA IL PROCEDIMENTO: A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole

Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole La pronuncia del Consiglio di Stato affronta il tema della richiesta di risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole,

Dettagli

DIZIONARIO SISTEMATICO DEL DIRITTO DELLA CONCORRENZA

DIZIONARIO SISTEMATICO DEL DIRITTO DELLA CONCORRENZA DIZIONARIO SISTEMATICO DEL DIRITTO DELLA CONCORRENZA a cura di Lorenzo F. Pace ESTRATTO Jovene editore 2013 La tutela inibitoria del concorrente nei confronti di condotte illecite ai sensi delle norme

Dettagli

Decisione N. 1233 del 24 febbraio 2015

Decisione N. 1233 del 24 febbraio 2015 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MASSERA (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) NERVI Membro designato da Associazione

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 7347/2014. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 7347/2014. tra N. R.G. 7347/2014 TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 7347/2014 F.S. C.B. M.M. M. tra e ATTORE CONVENUTI Oggi 24 giugno 2015 innanzi al dott. Gianluigi

Dettagli

LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori

LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori Alvise Moro, avvocato giuslavorista Il testo - approvato dal Senato in prima lettura il 31 maggio 2012 - è dal 7 giugno

Dettagli

VISTO il Titolo III, Capo II, del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante Codice del consumo;

VISTO il Titolo III, Capo II, del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante Codice del consumo; Provvedimento PI5459 - PROMOZIONE FIAT FIVE tipo Chiusura istruttoria numero 16407 data 25/01/2007 PUBBLICAZIONE Bollettino n. 4/2007 Procedimento collegato (esito) - Ingannevole Testo Provvedimento PI5459

Dettagli

Cancellazione della segnalazione alla CAI: applicabile la tutela cautelare ex art. 700 c.p.c. anche dopo il d.lgs. 150/2011

Cancellazione della segnalazione alla CAI: applicabile la tutela cautelare ex art. 700 c.p.c. anche dopo il d.lgs. 150/2011 Cancellazione della segnalazione alla CAI: applicabile la tutela cautelare ex art. 700 c.p.c. anche dopo il d.lgs. 150/2011 Trib. Milano, sez. VI, ordinanza 15 ottobre 2014 (es. Silvia Brat) Centrale di

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI ATTO DI CITAZIONE PER, in persona del legale rappresentante pro tempore, _ ( n a t o / a a, i l _ / _ / _, C. F. :, r e s i d e n t e i n _ ( _ ), Via - CAP: ), con sede

Dettagli

****** RICHIESTA CONGIUNTA DI AVVIO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE FACOLTATIVA ******

****** RICHIESTA CONGIUNTA DI AVVIO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE FACOLTATIVA ****** Spett.le ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI AOSTA Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Aosta Iscritto al Registro degli Organismi di Mediazione del Ministero della Giustizia al n 380 Palazzo di Giustizia

Dettagli

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE SPECIALIZZATA PER LA PROPRIETA INDUSTRIALE E INTELLETTUALE. Dr. Antonella Izzo

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE SPECIALIZZATA PER LA PROPRIETA INDUSTRIALE E INTELLETTUALE. Dr. Antonella Izzo IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE SPECIALIZZATA PER LA PROPRIETA INDUSTRIALE E INTELLETTUALE Composto da: dr. Marina Meloni dr. Gabriella Muscolo Dr. Antonella Izzo presidente f.f. giudice rel. giudice Riunito

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A *******

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A ******* TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa Sezione A ******* Il giudice, dott. Claudio Marangoni; sciogliendo la riserva assunta all esito dell udienza dell 11.6.2013 nel procedimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. IL TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE TRIBUNALE DELLE IMPRESE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. IL TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE TRIBUNALE DELLE IMPRESE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE TRIBUNALE DELLE IMPRESE Composta da: Dottor Umberto Scotti Dott.ssa Gabriella Ratti Dottor Maria Dolores

Dettagli

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott.

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

Contenuto del processo verbale di constatazione

Contenuto del processo verbale di constatazione 35 PROCESSO VERBALE DI CONSTATAZIONE DPR 633/72 52 Prassi C.M. 7.5.97 n. 124 Giurisprudenza Cass. 9.6.90 n. 5628; Cass. 17.12.94 n. 10855; Cass. 2.11.2005 n. 21265; Cass. 10.2.2006 n. 2949 1 PREMESSA La

Dettagli

Determinazione. del 20-03-2009. SETTORE: Ragioneria

Determinazione. del 20-03-2009. SETTORE: Ragioneria Comune n. 178 di del 20-03-2009 Argenta PROVINCIA DI FERRARA Determinazione SETTORE: Ragioneria OGGETTO: Incarico Legale all Avvocato Riccardo Caniato per l assistenza preliminare in giudizio e la costituzione

Dettagli

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro N. 388 del 05.10.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro Con sentenza n. 16375 del 26 settembre

Dettagli