NEWS. Federazione Italiana Esercenti Settore Alimentare. 5 Giugno ANNO XI n 6. Circolare di informazione di FIESA-Confesercenti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEWS. Federazione Italiana Esercenti Settore Alimentare. 5 Giugno 2014. ANNO XI n 6. Circolare di informazione di FIESA-Confesercenti"

Transcript

1 - 5 Giugno 2014 ANNO XI n 6 NEWS Federazione Italiana Esercenti Settore Alimentare Circolare di informazione di FIESA-Confesercenti Via Nazionale Roma 06/ Sito Internet http :// Pag. 2-3 PAG. 3-4 PAG. 4-5 Pag Sommario: Scadenza Giacenze pag. 2-3 Calabria pag. 3-4 Rapporto Nas pag. b4-5 Riforma PAC pag. 5-6 TASI pag. 6-7 ISTAT pag. 7 Pag Pag. 7

2 2 Comunicazione giacenze granella cereali e soia, si avvicina la scadenza. Si avvicina la scadenza per la Comunicazione delle giacenze di granella cereali e soia. Entro il prossimo 10 giugno gli operatori delle filiere cerealicola e della soia sono tenuti a comunicare con modalità telematiche al Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali le giacenze detenute al 31 maggio di granella destinata alla commercializzazione dei prodotti nazionali, europei o d'importazione specificati più avanti. Il Decreto Ministeriale del 17 ottobre 2013, riguardante la Disciplina e procedura applicativa per la comunicazione delle giacenze di cereali e soia detenuti dagli operatori della filiera, stabilisce infatti le modalità di comunicazione delle giacenze dei prodotti detenuti in stoccaggio alla data del 31 maggio di ogni anno, sotto forma di granella destinata alla commercializzazione, dagli operatori delle filiere cerealicole e della soia Si tratta, in particolare, dei seguenti prodotti: Frumento duro [cod. NC ], escluso quello destinato alla semina; Frumento tenero e frumento segalato [cod. NC ], esclusi le sementi per la semina; Granturco [cod. NC ], diverso da quello destinato alla semina; Risone [cod. NC 1006], escluso quello destinato alla semina; Semi di soia, anche frantumati [cod. NC ], esclusi i semi per la semina. I soggetti che, alla data del 31 maggio di ogni anno, detengono, a qualsiasi titolo, granella destinata alla commercializzazione dei predetti prodotti, devono comunicare entro il successivo 10 giugno il quantitativo in giacenza, utilizzando il sistema telematico istituito dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali. Anche se Si ritiene che in ogni caso, per il primo anno, sulle date il Ministero osservi una certa tolleranza, si rivolge l invito agli operatori interessati ad osservare la scadenza. I soggetti che detengono prodotti di cui sopra per il reimpiego aziendale sono esonerati dalla comunicazione delle giacenze. Per effettuare la comunicazione, i soggetti interessati devono preliminarmente presentare richiesta d'iscrizione al sistema telematico, secondo le modalità descritte nell'allegato I al D.M. (vedi più avanti) All'operatore registrato è assegnato un codice identificativo. Guida all iscrizione al sistema telematico (Allegato I) RICHIESTA DI ISCRIZIONE La richiesta d'iscrizione al SIAN (Sistema Informativo Agricolo Nazionale), nel Portale Mipaaf, dei soggetti interessati è necessaria per trasmettere al SIAN le giacenze dei prodotti di cui sopra. Iscrizione La richiesta d'iscrizione deve essere effettuata dal soggetto interessato mediante l'applicazione 'Iscrizione Utente', disponibile nell'area pubblica del Portale Mipaaf. 1. Dati richiesti Il soggetto interessato deve selezionare il settore stock di cereali e soia decreto n _ del _ /_ /_ e deve riportare il codice fiscale del titolare (nel caso di ditta individuale) o il codice fiscale del rappresentante legale della società (nel secondo caso verrà richiesto anche il CF della società). L'applicazione 'Iscrizione Utente' richiede l'inserimento di un indirizzo di posta elettronica del soggetto interessato che, una volta validato dall'amministrazione, è

3 utilizzato per le successive comunicazioni. 2. Controlli L'Amministrazione attiva, presso l'agenzia delle Entrate, la procedura di verifica dei dati anagrafici indicati dal soggetto interessato. L'Amministrazione provvede ad informare i soggetti interessati, in ordine all'esito del riscontro effettuato dal competente Ufficio tributario, con analoghe modalità. Il numero identificativo personale (di seguito PIN) è trasmesso al soggetto interessato per posta elettronica. Registrazione La richiesta di registrazione è effettuata dal soggetto interessato mediante l'applicazione 'Registrazione Utente' disponibile nell'area pubblica del Portale Mipaaf, inserendo nell'apposita casella il codice fiscale ed il PIN. Il soggetto interessato riceve, per posta elettronica, la password ed il link da selezionare per l'attivazione dell'utenza e l'accesso all'area riservata di stock di cereali e soia DM n _ del _/_ /_ Il soggetto interessato che possiede una CIE (carta d'identità elettronica) o una CNS (carta nazionale dei 3 servizi), per operare, non deve attendere il PIN. CALABRIA, FIESA ASSOPANIFICATORI: CONCORRENZA SLEALE, DIFFIDA AD INTERROMPERE VENDITA SOTTOCOSTO DEL PANE Con una nota al Sindaco del Comune di Cittanova e alla direzione di un locale supermercato, la Fiesa Confesercenti reggina è intervenuta per segnalare la violazione della normativa in materia di concorrenza sleale derivante dalla vendita sottocosto del pane. Nella nota, Assopanificatori Fiesa, in rappresentanza dei propri associati e in difesa degli operatori della panificazione, chiede alle Autorità preposte un urgente intervento al fine di evitare che l attività di vendita sottocosto del pane ad 1 a Kg. dal 29 maggio al 4 giugno c.a, pubblicizzata dal supermercato locale possa portare ad una grave violazione della concorrenza con pesanti ripercussioni sulla Categoria dei panificatori, derivanti da azione sistematica finalizzata all accaparramento della clientela. A questo proposito, Assopanificatori calabrese segnale la pronuncia del Tribunale Torino, Torino 25 marzo Giud. Contini - che così si è espressa: La vendita in un supermercato di un bene di largo consumo (come il pane) a prezzo irrisorio a chi acquisti altri prodotti nel medesimo supermercato è illecita, in quanto appare finalizzata all accaparramento di nuova clientela a discapito di chi venda esclusivamente quel bene e, dunque, a produrre uno sviamento di clientela difficilmente recuperabile per i piccoli esercenti. Nella sentenza torinese il Giudice afferma che Benché quindi le citate previsioni legislative consentano espressamente la vendita sottocosto di un bene alimentare deperibile come il pane, ritiene il Tribunale che, nondimeno, sussista il fumus boni juris in ordine alla configurabilità, nel caso in esame, di un atto di concorrenza sleale ai sensi dell Art. 2598, n.3 cod. civ. Il Giudice, quindi, dopo un attenta disamina ha confermato l esistenza del periculum in mora in quanto il protrarsi dell iniziativa oltre a continuare a produrre i cali di vendite lamentate è idoneo, per quanto detto in precedenza, a produrre uno sviamento di clientela difficilmente recuperabile per i piccoli esercenti, ravvisando i presupposti per ordinare l immediata cessazione della campagna di offerta speciale di pane. La nostra Associazione, alla luce dei fatti rappresentati e

4 del provvedimento richiamato, ha chiesto alla Direzione del supermercato di desistere dal portare avanti questa attività ed alle Autorità preposte di intervenire per reprimere eventuali abusi. 4 SOFISTICAZIONI ALIMENTARI, ALLARME DAL RAPPORTO DEI NAS. FIESA CONFESERCENTI: SI INTENSIFICHINO I CONTROLLI, A TUTTI I LIVELLI A PARTIRE DALLA PRODUZIONE E DAI GRANDI CENTRI LOGISTICI L allarme lanciato dalla stampa, in riferimento all ultimo Rapporto dei NAS che denuncia l irregolarità di un alimento su tre tra quelli controllati, fa riemergere la preoccupazione dei consumatori italiani sulla qualità e salubrità dei cibi portati in tavola. Dal Rapporto esce un quadro decisamente preoccupante dello scenario alimentare interno, che deve far riflettere e pensare ad azioni concrete per contrastare la crescente presenza della criminalità e dell agro-mafia. Si tratta di una denuncia che deve trovare nella risposta delle Istituzioni un puntuale riscontro in termini di repressione ma anche di prevenzione, in quanto macchia uno dei principali settori d eccellenza del Made in Italy, alla vigilia dell importante appuntamento dell Expo 2015 dedicato all alimentazione. Sulla questione, Fiesa Confesercenti, giudicando positivamente l opera meritoria svolta dal Nucleo Antisofisticazione dei Carabinieri, ha ripetutamente richiamato l attenzione degli Organismi di Vigilanza e degli stessi NAS su un dato di fatto incontrovertibile: nella distribuzione alimentare, al dettaglio come sulle grandi superfici, si vendono generalmente prodotti confezionati e sigillati, etichettati e tracciabili; dunque, eventuali interventi di sofisticazione/adulterazione debbono necessariamente avvenire a monte del canale distributivo, o nella fase produttiva o in quella della logistica/stoccaggio. E presso gli insediamenti di questi processi della filiera che, dunque, bisogna intervenire con maggior sistematicità e più intensità. Tutti gli scandali alimentari hanno dimostrato che le irregolarità si manifestano nella fase precedente alla distribuzione che comunque deve essere costantemente monitorata. Occorre anche intervenire - ha aggiunto il Presidente di Fiesa, Angelotti - su un aspetto delicatissimo quanto problematico, quello dell educazione alimentare. Non è possibile immaginare di poter acquistare prodotti delicati, importanti, come la carne o il pesce, che richiedono un complesso di funzioni e valori a prezzi sotto costo. Quando ciò avviene i distributori debbono porsi il problema di ciò che stanno esitando e i controllori alzare il livello di guardia verso promozioni e sconti anomali. Ma occorre anche aggiungere che quando si acquista carne o pesce a prezzi sensibilmente inferiori alla media di mercato, il consumatore stesso deve porsi la domanda su cosa sta acquistando. Chiarito questo non bisogna in alcun modo giustificare chi deliberatamente delinque: va punito severamente e allontanato dal commercio alimentare, che è un attività speciale perché attiene alla salute umana. Il pesce come la carne - aggiunge Raffaele Viggiani, Presidente di Assoittici - è un prodotto di grande delicatezza merceologica. Il ciclo della sua lavorazione ha tempi e modalità precisi, gli stessi canali di filiera sono noti. In tutto questo preoccupa la quantità di Cafados, l additivo che ha l effetto miracoloso di ridare freschezza apparente al pesce, sequestrato in Regioni che hanno una lunga tradizione ittica, come le Marche, l Emilia Romagna, la Puglia e il Veneto. E da tempo che chiediamo un incisivo intervento sull additivo in questione. Tuttavia vorrei

5 osservare che parte delle risultanze che si riferiscono al periodo erano già note, per cui alcuni fatti già denunciati non aggiungono elementi nuovi. Ciò detto I controlli e le verifiche ben vengano, sono la migliore tutela per gli operatori commerciali seri e professionali e servono a dare garanzie ai consumatori. E importante che le azioni di sorveglianza si rivolgano a tutta la filiera e alla fase della logistica dove troppo spesso si annidano opacità operative. Agricoltura, si chiude la Riforma della PAC anche a livello italiano. Eurocarne raccoglie i commenti della filiera della carne bovina. Angelotti, positivo valorizzare la zootecnia territoriale Verso il Salone Internazionale dedicato alla carne, in programma a Verona dal 10 al 13 maggio 2015 Verona, 29 maggio La partita sul primo pilastro della politica agricola comune si è conclusa ieri pomeriggio, al termine di un negoziato durato diverse settimane. Uno dei nodi da sciogliere ha riguardato gli aiuti accoppiati, le risorse cioè direttamente abbinate a determinate colture. Il negoziato, martedì alla Conferenza delle Regioni, 5 ha deciso di stanziare l 11% del plafond e di non arrivare al limite massimo del 15 per cento. Il 4% sarà mantenuto sui pagamenti di base. I fondi complessivi per gli aiuti accoppiati ammonteranno a 426 milioni di euro. Di questi, 220 milioni andranno alla zootecnia. Passa la linea proposta dalle Regioni del Nord (Lombardia, Emilia- Romagna, Veneto, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Province Autonome di Trento e Bolzano), che indicava nel comparto zootecnico il beneficiario prevalente del sistema degli accoppiati. Le soluzioni adottate dal Ministero delle Politiche Agricole e dalla Conferenza delle Regioni hanno diviso sia i Rappresentanti delle Istituzioni che del mondo agricolo. Coldiretti plaude all esito del negoziato, Agrinsieme e Copagri si mostrano decisamente critici. L Ufficio Stampa di Eurocarne, Salone Internazionale dedicato al comparto carne, Manifestazione triennale in programma dal 10 al 13 maggio 2015 (www.eurocarne.it), ha chiesto i pareri ad alcuni player del settore zootecnico da carne. Per Fabiano Barbisan, Presidente di Unicarve e del Consorzio Italia Zootecnica, «il primo commento sul documento provvisorio pubblicato è che il plafond per la zootecnia bovina da carne, pari a euro è assolutamente insufficiente per fronteggiare il taglio di quasi il 50% dei pagamenti diretti alle aziende di allevamento. Se la zootecnia bovina da carne in Italia sparirà Regioni e Ministero dovranno assumersi la responsabilità per le scelte fatte». Unica nota positiva, afferma Barbisan, «è l aver inserito premi aggiuntivi per i sistemi di qualità nazionali o regionali e l IGP. Come Unicarve lanciamo un appello a tutti gli allevatori affinché pensino seriamente all utilizzo dei Sistemi di qualità per utilizzare un marchio che permetta il riconoscimento della carne prodotta in Italia, altrimenti il declino della zootecnia arriverà rapidamente». A una prima stima, Barbisan ipotizza che con l attuale ripartizione delle risorse PAC agli allevatori possa essere riconosciuto un premio qualità per ogni singolo bovino allevato di circa 25 euro, contro gli attuali euro. «Quello che è stato fatto, aprendo ad altri settori dell agricoltura e con un plafond di risorse ristretto rispetto alla PAC precedente - afferma il numero uno di Unicarve - è uno spezzatino che serve a poco». Si riserva un esame più approfondito una volta esaminati tutti i documenti Ivano Lugli, Vice

6 Presidente di Unipeg, il più importante macello cooperativo italiano, con oltre 250mila capi macellati l ultimo anno. «Credo che la coperta fosse corta e che non ci si potesse attendere sforzi impossibili - afferma Lugli - però è innegabile che aver fissato il capping a livelli così bassi, con tagli del 50 per cento dei finanziamenti oltre i 150mila euro, è una scelta penalizzante per la zootecnia da carne». «Il futuro dell allevamento bovino da carne non passa per imprese mignon - prosegue Lugli - e se si voleva assicurare la possibilità di competere con la Francia e i grandi allevamenti del Nord Europa si è persa un occasione, aggiungendo nuove difficoltà al settore. Ritengo che sia positiva l attenzione alla linea vacca-vitello e ai ristalli, perché lo scenario dei prossimi anni passerà inevitabilmente anche da lì, ma non è attraverso il ciclo chiuso che si promuove la zootecnia da carne italiana. Ma per dare valutazioni più precise attendo di vedere come sarà il documento definitivo sulla PAC». La vede in maniera più positiva Loris Colomberotto, Presidente dell omonimo gruppo, che fattura 280 milioni di euro e macella 101mila vitelli a carne bianca, «con l obiettivo nel 2015 di 6 produrre 120mila capi e macellarne 150mila». «Se, come pare, è stata approvata una linea di sostegno ai vitelli a carne bianca, segmento che vede l Italia ai primi posti a livello comunitario, non posso che essere contentosostiene Colomberotto- si parla di circa 20 euro a capo, che non è assolutamente una cifra elevata, ma è pur sempre meglio di niente, preso atto che a livello italiano il numero di vitelli a carne bianca è di circa 650mila capi». Il Presidente di Fiesa e di Assomacellai Gian Paolo Angelotti, pur riservandosi una più approfondita valutazione, ha commentato con preoccupazione i tagli al sostegno alla filiera e alla zootecnia, ma ha anche salutato positivamente la previsione dei premi aggiuntivi per la promozione dei sistemi di qualità territoriali e delle IGP, rimarcando che la realtà agricola e zootecnica italiana è profondamente diversa da quella nord europea e che buona parte del successo del food italiano è legato proprio alla territorialità e alle specificità delle razze TASI, R.E TE. Imprese Italia: Insufficiente l annunciata proroga del pagamento della prima rata L intenzione del Governo di intervenire per prorogare la scadenza di pagamento della prima rata della TASI per i soli Comuni che entro il 23 maggio non avranno deliberato, sebbene eviti di far pagare acconti quando il tributo non è dovuto, non risolve le difficoltà connesse al calcolo ed al versamento dell imposta da effettuarsi in pochi giorni lavorativi. E quanto sostiene Rete Imprese Italia in una nota stampa. La mancanza di una proroga generalizzata del pagamento della prima rata TASI - aggiunge - denota una grave sottovalutazione, da parte del Governo, dei problemi gravanti su cittadini, imprese e su tutti gli operatori professionali che li assistono in fase di prima applicazione della nuova imposta TASI. Come abbiamo già avuto modo di rappresentare al Ministro dell Economia - ricorda ancora Rete Imprese Italia - le difficoltà operative scaturiscono dalla miriade di aliquote d imposta applicabili alle diverse tipologie di immobili ma, ancor di più, nella determinazione delle detrazioni spesso in funzione dei parametri più diversi (rendita catastale, utilizzo dell immobile, carichi di famiglia ed altro ancora). E per questo che è necessario prorogare la scadenza per tutti i contribuenti, in modo da

7 permettere il corretto adempimento del pagamento senza incorrere in sanzioni consentendo, altresì, ai Comuni di deliberare con criteri più ponderati e più semplici, senza il timore di non far quadrare i propri bilanci. Istat, inflazione in discesa: giù i prezzi alimentari A maggio i prezzi dei prodotti alimentari registrano un calo dello 0,2% su base annua L inflazione a maggio torna a scendere. La lieve frenata dell inflazione è principalmente attribuibile al combinato disposto derivante dal rallentamento dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti e dalla diminuzione dei prezzi degli alimentari non lavorati. A rilevarlo è l Istat che attribuisce il calo agli effetti stagionali, soprattutto per prodotti come frutta e verdura. I prezzi di alimentari e bevande analcoliche a maggio fanno segnare un calo dello 0,2% su base annua, come non avveniva dal giugno del L «inflazione di fondo», al netto degli alimentari freschi e dei beni energetici, scende allo 0,8% (dall 1,0% di aprile) e al netto dei soli beni energetici si porta allo 0,6%. A determinare l andamento inflattivo per Fiesa è anche 7 il perdurare delle difficoltà economiche e la negativa curva della domanda interna che indebolisce famiglie e imprese. Un dato dunque che se da un lato può essere salutato positivamente dall altro desta preoccupazione. Per invertire la tendenza pertanto occorrono politiche fiscali meno severe e un piano di rilancio dei consumi interni che faccia perno su nuova occupazione e politiche del lavoro. Le più recenti stime continuano ad ipotizzare una consistente erosione della capacità produttiva nel nostro Paese e questo è molto più grave di piccole tensioni sui prezzi.

Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI

Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI Ufficio II Prot. n. 22280 pos.26 Al Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali dell Università di Bologna Laboratorio LaRAS Via Fanin, 40 40127 BOLOGNA

Dettagli

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1;

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1; Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l articolo 26, comma 2, del decreto-legge n. 91 del 2014, convertito dalla legge 11 agosto 2014, n. 116, (di seguito: decreto-legge n. 91 del 2014) il quale dispone

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

RISOLUZIONE N.100/E QUESITO

RISOLUZIONE N.100/E QUESITO RISOLUZIONE N.100/E Roma, 19 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Articolo 1, commi 280-283, della legge 27 dicembre 2006,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1871 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore BARBOLINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 2 NOVEMBRE 2007 Misure in materia di sicurezza per le rivendite di generi

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni Carni bovine Le carni bovine, a seconda della modalità con cui vengono vendute, possono essere sottoposte sia alle norme di carattere generale sull etichettatura dei prodotti alimentari sia a quelle specifiche

Dettagli

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare,

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare, Viene posto quesito inerente all attività agrituristica, con particolare riferimento alle tipologie di locali che possono essere utilizzati per lo svolgimento di tale attività, per meglio comprendere se

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende biologiche.

L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende biologiche. OGGETTO: 14/PQ = Il Controllo Dei Prodotti Biologici In Italia 1 L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE)

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE) COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE) APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI; MERCATI COSIDETTI A KM 0. (Testo integrale riportate

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

L attività dell ICQRF nel comparto dei fertilizzanti

L attività dell ICQRF nel comparto dei fertilizzanti Salone Internazionale della Ricerca, Innovazione e Sicurezza Alimentare Tavola Rotonda Sicurezza alimentare: il controllo su frodi e qualità dei fertilizzanti Società Umanitaria, Milano L attività dell

Dettagli

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 OSSERVATORIO CONSUMI Panel Famiglie La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 Gli acquisti nazionali Si stima in 301 milioni di euro il valore degli acquisti domestici di prodotti

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

CONSUMI E DIMENSIONI DEL

CONSUMI E DIMENSIONI DEL CONSUMI E DIMENSIONI DEL BIOLOGICO IN ITALIA FABIO DEL BRAVO ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Il contesto Le dinamiche recenti Il valore del mercato bio Il ruolo della GDO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 24/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 24/E QUESITO RISOLUZIONE N. 24/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 marzo 2010 OGGETTO: Istanza di interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Imposta di bollo su Comunicazione unica presentata con modalità

Dettagli

CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI

CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI Approvato con Deliberazione di C.C. n. 25 del 27/04/2016 REGOLAMENTO

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO

COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO - Approvato con deliberazione di C.C. n. 9 del 10.03.2015 SOMMARIO Art. 1

Dettagli

SEMINARIO Attuazione dei Reg.(CE)1224/2009 E Reg.(UE) 404/2011: questioni aperte e difficoltà applicative. Cagliari, 24 aprile 2012

SEMINARIO Attuazione dei Reg.(CE)1224/2009 E Reg.(UE) 404/2011: questioni aperte e difficoltà applicative. Cagliari, 24 aprile 2012 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali SEMINARIO Attuazione dei Reg.(CE)1224/2009 E Reg.(UE) 404/2011: questioni aperte e difficoltà applicative. Cagliari, 24 aprile 2012 Maria Severina

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. N. 7103 del 31 marzo 2015 Avviso pubblico Presentazione di manifestazioni di interesse per l accesso ai benefici del Programma nazionale di sviluppo rurale 2014-2020, Misura 17 - Gestione dei Rischi,

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI

L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI Roma 25 luglio -- Nel 2013 il mercato della terra ha continuato a mostrare segnali di cedimento. Secondo gli operatori del settore,

Dettagli

Provincia di Forlì - Cesena

Provincia di Forlì - Cesena 1 Il settore avicolo si presenta Marzo 2013 Introduzione: il settore avicunicolo in carni avicole 19% carni ovicaprine 3% La produzione avicola italiana si compone per oltre il 57% da carne di pollo, per

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia detiene la rappresentanza, a

1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia detiene la rappresentanza, a Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia SOMMARIO 1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo 2. Evoluzione della struttura dell Industria molitoria italiana 3. L approvvigionamento

Dettagli

Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia.

Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia. Oggetto: Interventi urgenti per le imprese e i contribuenti indebitati con Equitalia. Il Presidente della Regione anche a seguito di diversi incontri e manifestazioni di protesta dei contribuenti regionali,

Dettagli

Modalita' di attuazione del regolamento UE n. 1071/2014, relativo ad. alcune misure eccezionali di sostegno del mercato avicolo.

Modalita' di attuazione del regolamento UE n. 1071/2014, relativo ad. alcune misure eccezionali di sostegno del mercato avicolo. MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 16 gennaio 2015 Modalita' di attuazione del regolamento UE n. 1071/2014, relativo ad alcune misure eccezionali di sostegno del mercato

Dettagli

Azioni territoriali a sostegno del vero Made in Italy agroalimentare

Azioni territoriali a sostegno del vero Made in Italy agroalimentare Azioni territoriali a sostegno del vero Made in Italy agroalimentare Al Sindaco del Comune di Villacidro PROPOSTA DI ORDINE DEL GIORNO In un momento di grave crisi in cui il nostro Paese è alla ricerca

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

CONCORDANO Art. 1 PREMI COLLEGATI ALLA PERFORMANCE

CONCORDANO Art. 1 PREMI COLLEGATI ALLA PERFORMANCE Roma, 29 maggio 2013 Ipotesi di accordo sulla utilizzazione delle ulteriori risorse disponibili nell ambito del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività dell anno 2011

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%)

DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%) DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%) GUIDA ALL APPLICAZIONE DEL DECRETO 83/2012 ART. 11 CONVERTITO CON LEGGE 7 AGOSTO 2012 N 134 (SETTEMBRE 2012) Indice: 1. INTRODUZIONE...2 2. TESTO DISPOSIZIONE: ARTICOLO

Dettagli

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Con decreto del Ministero dell economia e delle finanze 31 gennaio

Dettagli

Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare

Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare Dati a cura di Sauro Spignoli Responsabile Osservatorio Economico Confesercenti Il mercato immobiliare, dopo

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Comunicato stampa GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA: I RISULTATI DI BILANCIO 2008 CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Dati economici consolidati riclassificati Proventi Operativi Netti

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

All AGEA - Ufficio Monocratico - Area Controlli - Area Autorizzazione Pagamenti SEDE. Organismo Pagatore della Regione

All AGEA - Ufficio Monocratico - Area Controlli - Area Autorizzazione Pagamenti SEDE. Organismo Pagatore della Regione AREA COORDINAMENTO Via Torino, 45 00184 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2007.315 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 9 maggio 2007 AGEA - Ufficio Monocratico - Area Controlli - Area Autorizzazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo misura investimenti. Regolamento (CE) n. 1308/2013 articolo 50. Bando annualità 2016. DGR/CR n. 96 del 19/11/2015. NOTA PER LA TRASPARENZA:

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA

CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA (di seguito, denominate PARTI) VISTO Il Regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 27 SETTEMBRE 2012 394/2012/E/RHT RIORDINO DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VIGILANZA SULLA PUNTUALE OSSERVANZA DEL DIVIETO DI TRASLAZIONE DELLA MAGGIORAZIONE D IMPOSTA DI CUI ALL ARTICOLO

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015. Preambolo. [Preambolo]

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015. Preambolo. [Preambolo] MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015 RIPARTO DELLE RISORSE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE NELL'ESERCIZIO DELL'APPRENDISTATO

Dettagli

Credito Emiliano SpA

Credito Emiliano SpA Credito Emiliano SpA RELAZIONE ILLUSTRATIVA del Consiglio di Amministrazione di Credito Emiliano per l Assemblea convocata per deliberare sulla proposta di autorizzazione all acquisto di azioni proprie

Dettagli

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO AREA COORDINAMENTO Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.494991 Fax 06.49499770 Prot. ACIU.2010. 202 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 17 marzo 2010 Organismo Pagatore AGEA SEDE Organismo pagatore della Regione

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

Ecco i titoli definitivi

Ecco i titoli definitivi ATTUALITÀ PAC Il Valore Unitario Nazionale è di 217,64 euro/ha di Angelo Frascarelli Il 1 aprile Agea ha comunicato numero e valore dei titoli dal al 2020 Ecco i titoli definitivi I l 1 aprile, Agea ha

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASSICURAZIONE PER RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE QUESITO (posto in data 8 luglio 2013) Nella mia azienda sta per scadere il contratto assicurativo aziendale. Cosa può succedere alla luce del decreto

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 22 MAGGIO 2013 221/2013/S/GAS IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI PRONTO INTERVENTO GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

Tendenze attuali e prospettive della produzione di carne bovina nel mondo e in Italia

Tendenze attuali e prospettive della produzione di carne bovina nel mondo e in Italia Incontro tecnico ASSEMBLEA GENERALE ASPROCARNE Tendenze attuali e prospettive della nel mondo e in Italia Kees de Roest - Claudio Montanari CRPA-Reggio Emilia Mercoledì 24 giugno 2015 Fossano Centro Ricerche

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO DAI SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE POSTALE ALL AUTORITÀ

Dettagli

Crisi economica e prospettive dei consumi

Crisi economica e prospettive dei consumi Crisi economica e prospettive dei consumi Le difficoltà di una filiera estremamente importante Angelo Massaro Amministratore Delegato - Italia e Grecia 11 Dicembre, 2013 Il Largo Consumo Confezionato:

Dettagli

NEWS. Federazione Italiana Esercenti Settore Alimentare. 18 Aprile 2014. ANNO XI n 3. Circolare di informazione di FIESA-Confesercenti

NEWS. Federazione Italiana Esercenti Settore Alimentare. 18 Aprile 2014. ANNO XI n 3. Circolare di informazione di FIESA-Confesercenti - 18 Aprile 2014 ANNO XI n 3 NEWS Federazione Italiana Esercenti Settore Alimentare Circolare di informazione di FIESA-Confesercenti Via Nazionale 60-00184 Roma 06/47251 06-4746556 Sito Internet http ://

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: Provvedimento Direttore dell Agenzia delle Entrate 6 maggio 2009 (Prot. n.57639 /2009) Approvazione del modello di comunicazione per lavori concernenti interventi di riqualificazione energetica che proseguono

Dettagli

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 SOMMARIO ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 ALLERGENI ED OVOPRODOTTI...12 2/12 ALIMENTI In un quadro di salvaguardia dei diritti dei consumatori, il piano della Regione Piemonte per il Controllo Ufficiale

Dettagli

SEMINARIO. Milano, 26 gennaio 2015 Il rischio da macchine agricole. Gli strumenti della prevenzione a cura di: Simona Savi

SEMINARIO. Milano, 26 gennaio 2015 Il rischio da macchine agricole. Gli strumenti della prevenzione a cura di: Simona Savi SEMINARIO Salute, Sicurezza, Ambiente, tutela dei consumatori nel settore agricolo e agroalimentare Milano, 26 gennaio 2015 Il rischio da macchine agricole. Gli strumenti della prevenzione a cura di: Simona

Dettagli

Lavoro intermittente Comunicazione della chiamata del lavoratore: chiarimenti

Lavoro intermittente Comunicazione della chiamata del lavoratore: chiarimenti n 25 del 05 luglio 2013 circolare n 451 del 02 luglio 2013 referente GRANDI/af Lavoro intermittente Comunicazione della chiamata del lavoratore: chiarimenti A scioglimento della riserva formulata nella

Dettagli

CIRCOLARE n. 20/D. Roma, 13 maggio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE n. 20/D. Roma, 13 maggio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE n. 20/D Protocollo: 74 Roma, 13 maggio 2005 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI e, per conoscenza: Alle Direzioni delle Circoscrizioni doganali Agli Uffici

Dettagli

ANSA. Giustizia: Oua a Letta, ottimistiche previsioni su civile

ANSA. Giustizia: Oua a Letta, ottimistiche previsioni su civile ANSA Giustizia: Oua a Letta, ottimistiche previsioni su civile (ANSA) - ROMA, 30 SET - "Con il premier Letta siamo d' accordo su una cosa importante: il Paese ha bisogno di interventi sulla giustizia a

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 Indirizzi per l attività di gestione degli elenchi regionali degli operatori biologici e dei concessionari

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Scuola, si chiudono con successo le iscrizioni on line: 1,557.601 milioni di domande registrate, il 99,3% Quasi

Dettagli

DELIBERA N. 175/14/CONS

DELIBERA N. 175/14/CONS DELIBERA N. RICHIAMO ALLA SOCIETA RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA S.P.A. ALL IMMEDIATO RIEQUILIBRIO DELL INFORMAZIONE DURANTE LA CAMPAGNA PER L ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI ALL ITALIA

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive Decreto ministeriale 2 luglio 2003 n.183 : Regolamento concernente modifiche al decreto Ministeriale 17 luglio 1998, N 256, recante l attuazione dell articolo 1, comma

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 22 del 12 02 2015. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO AGRICOLTURA 2 febbraio 2015, n.

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 22 del 12 02 2015. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO AGRICOLTURA 2 febbraio 2015, n. 5094 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO AGRICOLTURA 2 febbraio 2015, n. 5 Misura Investimenti Campagna 2014 2015. Piano Nazionale di Sostegno Vitivinicolo Reg. (CE) n. 1308/2013 D.M. n. 1831 del 4 Marzo

Dettagli

Risoluzione n.125/e. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.P.R. n. 131 del 1986, è stato esposto il seguente

Risoluzione n.125/e. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.P.R. n. 131 del 1986, è stato esposto il seguente Risoluzione n.125/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 aprile 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - riacquisto di prima casa a titolo gratuito Decadenza dai benefici di cui alla nota II-bis

Dettagli

PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE

PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE 1. Riferimenti normativi - Raccomandazione della Commissione del 6 maggio 2003, n. 2003/361/CE, relativa

Dettagli

PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DEGLI ENTI LOCALI

PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DEGLI ENTI LOCALI PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DEGLI ENTI LOCALI INDICE DELLE SCHEDE 1) LIMITI NUMERICI - PROSSIME SCADENZE (art. 14, comma 32, d.l. 78/2010) 1.1) INTERVENTO SOSTITUTIVO DEL PREFETTO (art. 16, comma 28, d.l.

Dettagli

RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014. Risultati di sintesi

RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014. Risultati di sintesi RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014 Risultati di sintesi 2 Rilevazione Saldi invernali 2014 - I risultati Panel e note metodologiche Altri beni persona 9% Altre merceologie 6% Calzature 14% Abbigliamento

Dettagli

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità Decreto Dipartimentale 26 settembre 2014 n. 18096 (pubblicazione sul sito internet del MiPAAF).- Individuazione dei tempi e delle modalità di gestione dei provvedimenti adottati dagli Organismi di controllo

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. (CE) 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); VISTI gli Orientamenti comunitari

Dettagli

Premessa. Relazioni Industriali

Premessa. Relazioni Industriali Piattaforma per il rinnovo contrattuale del CCNL Trasporti e Onoranze Funebri private (FENIOF) 2012 2014 1 Premessa Il settore delle imprese esercenti attività di servizi e trasporto funebre composto da

Dettagli

Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari

Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari Le attività dell Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari L Ispettorato è organo di

Dettagli

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011 Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA Oggetto:- Apertura conflitto di lavoro a livello Nazionale.- Ormai da tempo si denota una preoccupante indifferenza

Dettagli

Costi di produzione e redditività del mais

Costi di produzione e redditività del mais SEMINARIO Bologna il 3 dicembre 2012 Costi di produzione e redditività del mais Quanto costa produrre latte e mais in emilia-romagna? La competitività di queste filiere Renato Canestrale, Valeria Altamura

Dettagli

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari L art. 62 del D.L 24 gennaio 2012 n.1, convertito nella L. n. 27 del 24 marzo 2012, ha introdotto una disciplina specifica in materia

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti News per i Clienti dello studio del 16 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Direzione generale della pesca marittima e dell acquacoltura Aggiornamento in acquacoltura Corso di formazione Firenze 12/04/2013 Rintracciabilità

Dettagli

Provincia di Imperia. Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE

Provincia di Imperia. Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE Provincia di Imperia Provincia di Imperia Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE

Dettagli

N 309 del 18 gennaio 2014

N 309 del 18 gennaio 2014 N 309 del 18 gennaio 2014 Il mercato nazionale dei prodotti lattiero caseari Prezzi settimanali di alcuni prodotti lattiero-caseari in Italia ( / kg) 13 dic. sett. precedente 4 sett. prima 1 anno prima

Dettagli

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi G. Benedetto Responsabile Direzione Attività Produttive Autorità di Gestione del POR Regione Piemonte L azione di Governo in risposta alla crisi: Interventi

Dettagli

INCONTRO 11 ottobre 2010

INCONTRO 11 ottobre 2010 INCONTRO 11 ottobre 2010 Davide Roà Area Tecnico - Economica UNA FILIERA AGRICOLA TUTTA ITALIANA Che cos é la filiera? PREMESSA La filiera è l insieme di attività che concorrono alla produzione, distribuzione,

Dettagli

SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE

SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE Tesi congressuale 2 SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE Ufficio di Coordinamento - Consigliere Nazionale Coordinatore: Dott. Agr. Cosimo Damiano CORETTI - Presidente

Dettagli

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla Organismi di Certificazione [ ] ORGANISMI D I CERTIFICAZIONE O C IL SISTEMA DI CONTROLLO L agricoltura biologica rappresenta uno dei primi esempi di certificazione di filiera : ogni fase del processo produttivo

Dettagli

LEGGE AGRICOLTURA Nuove norme in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi, di sostegno alle imprese agricole colpite da eventi di carattere

LEGGE AGRICOLTURA Nuove norme in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi, di sostegno alle imprese agricole colpite da eventi di carattere LEGGE AGRICOLTURA Nuove norme in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi, di sostegno alle imprese agricole colpite da eventi di carattere eccezionale e di razionalizzazione delle strutture ministeriali

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Families bin a quarter of their food each week Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Families bin a quarter of their food each week Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Si ringrazia Si ringrazia il Gruppo Nestlé in Italia per il contributo alla ricerca. L approccio sensazionalistico Families bin a quarter of their food each week Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA Articolo 1 La Regione Campania istituisce e gestisce il marchio collettivo di qualità denominato Sapore di Campania, con le seguenti finalità:

Dettagli