RETI INTERNET MULTIMEDIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RETI INTERNET MULTIMEDIALI"

Transcript

1 RETI INTERNET MULTIMEDIALI VoIP Introduzione, Codifica della voce Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris

2 VOIP Introduzione

3 Perché IP Telephony L integrazione di telefonia e IP rappresenta l opportunità di realizzare un sistema globale di comunicazione multimediale Riconosciuto il fallimento dapprima di ISDN come strumento di integrazione end-to-end di dati su reti fonia e successivamente di B-ISDN basata su ATM ci si è orientati sulla possibilità di integrare la fonia su reti dati l unica rete dati universale è basata su IP

4 Perché IP Telephony I vantaggi dell integrazione (gestione unificata di problematiche e risorse e servizi di comunicazione) si sommano ai vantaggi dell utilizzo di IP: Crescita Ubiquità Metodo di trasporto e interfaccia utente universali Metodi di scoperta delle risorse scalabili Servizi realizzati con protocolli end-to-end che utilizzano piattaforme aperte e che aprono la strada a molteplici manifatturieri e a forti innovazioni a basso costo

5 Vantaggi per l utente Utilizzo di apparati intelligenti (PC) che permettono di programmare direttamente servizi di chiamata e risposta Programmazione di call forwarding Es: in funzione dell ora, dirotta a numero specificato e, per mancata risposta, dirotta su voice mail Mobilità e portabilità del numero L identità dell utente sganciata dall indirizzo fisico di rete (associato alla terminazione della linea) consente l indirizzamento alla persona indipendentemente dalla sua posizione fisica

6 Vantaggi per l utente Messaggistica unificata Integrazione , voice mail, short message, Scambio di dati durante la chiamata, sessioni con video Multiconferenza, numeri personali Accesso remoto alla Intranet Completo utilizzo dell Intranet, compresa la telefonia Sganciamento dallo strato fisico Possibilità di connessioni diverse contemporaneamente Da casa per telelavoro

7 Vantaggi per l utente Qualità regolabile Le chiamate possono essere scelte o programmate con qualità scelta dall utente in modo da massimizzare il rapporto costo/prestazioni Le chiamate interne possono essere di alta qualità, mentre quelle esterne, o lunga distanza, possono essere a qualità ridotta per contenere la banda utilizzata

8 Vantaggi per il gestore privato Unificazione della gestione fonia / dati Gestione semplificata della fonia con interfacce standard e user friendly Unificazione di servizi voce dati (call centers, WEB, IVR, directory, security, certificazioni) Facile espandibilità di servizi Minor costo di servizi ed hardware Facilità di offrire servizi su reti IP

9 Vantaggi per l utente pubblico Toll bypass Linee multiple Click to dial Servizi avanzati di reperimento risorse Messaggistica universale Integrazione servizi di rete intelligente (IN) e Internet

10 Esempi di vantaggi per i carrier Integrazione delle reti PSTN, Wireless, IP Offerta di nuovi servizi Roaming Servizi avanzati di reperimento risorse Servizi alla persona Messaggistica universale Integrazione servizi di rete intelligente (IN) e Internet

11 Enti di standardizzazione International Telecommunication Union (ITU) Internet Engineering Task Force (IETF) AVT: RTP SIP: SIP per IP Telephony IPTEL: CPL and GLP SIPPING: estensioni SIP SIMPLE: SIP per Instant Messagging PINT (PIN): PSTN-Internet services MEGACO: Media gateway control SIGTRAN: Telephony signaling transport European Telecommunication Standards Institute (ETSI) Typhon

12 VOIP Codifica della voce

13 Qualità del segnale audio La codifica avviene a partire dalla rappresentazione digitale del segnale audio La rappresentazione di partenza può essere più o meno fedele, in relazione all'utilizzo che si intende fare del segnale audio Il segnale vocale può avere componenti fino ad una ventina di khz: per una sua perfetta riproduzione sarebbe necessario campionarlo ad una frequenza di 40 khz; d'altra parte la maggior parte dell'energia e dell'informazione è concentrata nei primi 4 KHz Usualmente si identificano tre livelli di qualità in funzione delle finalità d uso del segnale audio Frequenza di campionamento Qualità Caratteristiche Applicazioni 44kHz CD Riproduzione perfetta Multimedia 14 khz Audio Riproduzione quasi perfetta Videoconferenza 8 khz Telefonia Riproduzione buona Telefonia

14 Codificatori Vocali Funzione: trasformano la voce in un flusso di bit Tipologie: Waveform codecs sistemi a codifica della forma d onda Source codecs (vocoders) sistemi a codifica di parametri del modello della sorgente Hybrid codecs Sistemi misti

15 Waveform Codecs Codificano il segnale di banda B senza perdite Campionamento: si selezionano i campioni che rappresentano un segnale continuo nel tempo, passando a un segnale tempo-discreto Teorema di Nyquist: campionamento a 2B telefonia classica B= 4 KHz Quantizzazione: si rappresentano i valori dei campioni, di tipo analogico, con un numero di livelli discreto e finito operazione irreversibile uniforme o non-uniforme per addensare i livelli ove si concentra maggiore accuratezza massimo rumore di quantizzazione tollerabile telefonia base: 8 bit/campione = 64 kbit/s Campionatore ADC alta qualità, bassa complessità, basso ritardo (1 campione), robustezza agli errori e al rumore di fondo

16 Pulse Code Modulation (PCM) Standardizzato da ITU nel 1960: G.711 Si assume B=4 khz, e la frequenza di campionamento Bc=8 khz, 8 bit/campione, 64 kbit/s Due differenti regole di quantizzazione (logaritmica) puntando a raffinare la granularità ove le ampiezze del segnale sono minori per America (m-law) e Europa (A-law) Regole di conversione standard Quantizzazione adattativa per adattarsi alla dinamica dei valori

17 Quantizzazione A-Law Encoding µ-law Encoding

18 Differential PCM (DPCM) I campioni vocali successivi presentano una correlazione E possibile utilizzare metodi di predizione per valutare il campione successivo noti i precedenti Si trasmette solo la differenza tra valore predetto e valore reale A causa della correlazione, la varianza della differenza è minore ed è possibile codificarla con un minor numero di bit Predittore - Camp. + + Quant.

19 Adaptive DPCM (ADPCM) Le prestazioni migliorano se predittore e quantizzatore sono adattativi Standardizzato nel 1980 da ITU ADPCM a 32 kbit/s: G.721 Successivamente ADPCM a 40, 32, 24, 16 kbit/s: G.726 e G.727 Predittore adattativo Bassa qualità camp quant. adattativo

20 Caratteristiche del segnale vocale La frequenza fondamentale, che varia in genere tra gli 80 e i 300 Hz in funzione del parlatore, è detta frequenza di pitch Fo, intendendo con la parola pitch il tono della voce. I suoni emessi in questo caso vengono detti sonori. I suoni sordi, o non vocalizzati, sono stimolati da una sequenza puramente casuale.

21 Spettro del segnale vocale

22 Modello a fonemi Filtro riverberante a parametri discreti Segnale in ingresso (treno di impulsi o rumore bianco) Parametri del filtro variati periodicamente (10-20 ms) Eccitazione Tratto vocale pitch rumore parametri filtro C n Un fonema è un'unità minima differenziante di un sistema linguistico: è la rappresentazione astratta di un suono

23 Produzione vocale Cavità nasale Bocca Tratto vocale Palato Labbra Lingua Mandibola Tunnel dell aria Dotto aereo Polmoni s Diaframma Articolatori Corde vocali Laringe Oscillatori

24 Modello del vocoder Modello elettrico equivalente Transfer function of the vocal tract Periodical excitation Voicing f Stochastic excitation V NV Spectrum shaping filter Gain Speech

25 Vocoder lineari (LPC) Modello della voce basato sul filtro lineare a parametri discreti (basato sulla predizione dei campioni) Ad intervalli regolari (10-20 ms) vengono stimati e trasmessi i parametri del modello coefficienti del filtro a i voiced/unvoiced flag, varianza del segnale di eccitazione, pitch, guadagno sˆ( n) p i 1 a s' ( n i i) Eccitazione (20 ms) gain S A(z) Voce sintetica La stima è effettuata minimizzando la varianza dell errore e( n) s n) s( n) ˆ(

26 Linear Prediction Coding Il sistema di produzione della voce è un modello autoregressivo: p s( n) a( k) s( n k) e( n) k 1 Parametri del modello stimati per ogni segmento (~30 ms). Parametri {a(k); k=1:p} ricavati risolvendo il sistema di equazioni Source Model unvoiced random sequence generator periodic pulse train generator V/U G u[n] Funzione di trasferimento: H( z) S( z) E( z) 1 k 1 Per codificare si trasmettono i parametri {a(k)} e G L ordine del modello è 8-10 H(z) = 1 P 1 a k z -k k = 1 Vocal Tract Model p G a( k) z k voiced

27 Vocoder lineari (LPC) Esempio: campionamento a 8000 Hz buffer 240 campioni => 30 msec G = 5 bit, a(k) = 8 bit ciascuno, voiced/unvoiced decision = 1 bit, pitch = 6 bit => 92 bits/30 msec = 3067 bps In decodifica un sintetizzatore utilizza i parametri ricevuti per riprodurre il segnale Ritardi elevati: segmentazione, analisi, sintesi Qualità: intelligibile ma non naturale (limiti modello + problemi con rumori di fondo) Bit rate basso: < 2.4 kbit/s

28 Vocoder lineari (LPC) Speech input signal Digitizer Waveform feature extraction Voiced/unvoiced Pitch Loudness Vocal tract analysis LPC Vocal Tract model coefficients Network Speech output signal Vocal tract model X Vocal signal synthetizer Loudness Voiced/unvoiced Pitch Unvoiced signal synthetizer LPC Vocal Tract model coefficients

29 Predizione short-term - risonanza del tratto vocale long-term - periodicità del parlato (vibrazione delle corde vocali) long-term prediction current sample short-term prediction time

30 Modelli di Eccitazione Eccitazione classica LPC a due stati (es. LPC-10) gain, pitch, flag voice/unvoiced Eccitazione mista eccitazione periodica e pseudo-random insieme 2 filtri di sintesi frequenze basse eccitazione periodica (il filtro a memoria lunga eccitato con un treno di impulsi regolari e riproduce bene i suoni vocalizzati) frequenze alte eccitazione pseudo casuale (rumore bianco gaussiano eccita filtro a memoria breve e riproduce bene le consonanti) Eccitazione residuale Eccitazione ideale: e(n) Codifica a basso bit-rate di e(n) Non e più un vero vocoder Verso codificatori ibridi

31 Hybrid Codecs Cercano di colmare il vuoto tra vocoder e waveform codec I più diffusi usano le stesse tecniche dei vocoder (LPC), ma ottimizzano alcuni parametri (segnale di eccitazione) minimizzando il segnale errore Encoder Decoder

32 Hybrid Codecs Multipulse-Excited Linear Prediction (MPLP), 1982 Impulsi non uniformi di ampiezze variabili Posizione e ampiezza di ciascun impulso sono determinate con procedura iterativa che minimizza una funzione dell errore es. MPLP 9.6 kbit/s di BTI per servizio Skyphone Regular Pulse Excitation (RPE) Sequenza di impulsi equi-spaziati Parametri: posizione primo impulso e periodo es. LPT-RPE GSM 13 kbit/s 8000 Hz, 13 bit/campione LTP: long term prediction

33 Codificatore GSM Codificatore LPC-LTP (Linear Prediction Coding- Long Term Prediction) con RPE (Regular Pulse Excitation) Standard ETSI Blocchi da 20 ms che producono 260 bit raggruppati in 3 livelli di importanza 50 ricevono massima protezione 132 ricevono una protezione media 78 non sono protetti per nulla Totale 13 kbit/s

34 Codificatore GSM Segnale vocale Campionatore quantizzatore segmentazione CODIFICATORE Analisi di breve periodo Analisi di lungo periodo Codifica RPE multiplazione Al trasmettitore RPE: Regular Pulse Excitation

35 Hybrid Codecs Code Excited Linear Prediction (CELP) La sequenza di eccitazione viene scelta tra un insieme di sequenze (code-book): un catalogo di realizzazioni che minimizzano l errore rispetto al segnale originale Le sequenze nel code-book sono realizzazioni di processi gaussiani Problema: complessità e lunghi ritardi dovuti alla ricerca della sequenza ottima nel code-book Semplificazione dell algoritmo mediante metodi efficienti di ricerca e modifica del code-book G.728 low delay CELP codec 16 kbit/s G.729 CS-ACELP codec 8 kbit/s G ACELP 5.3 kbit/s Conjugate Structure Algebraic Code-Excited Linear Prediction Algebraic Code-Excited Linear Prediction

36 Code Excited Linear Prediction (CELP) CELP usa la quantizzazione vettoriale per rappresentare in modo compatto il residuo (errore di stima) Il vettore di ingresso viene ricercato nel code-book con l obiettivo di minimizzare l errore residuo

37 Codificatore CELP Speech samples Gaussian Excitation codebook Gain Pitch Synthesis filter LP parameters Spectral Envelope (LP) Synthesis filter Buffer and LP analysis - + Side information Perceptual Weighting Filter W(z) Compute Energy of Error (square and sum) Index of Excitation sequence

38 Decodificatore CELP From Channel decoder Buffer And controller Gaussian Excitation codebook Pitch Synthesis filter LP Synthesis filter LP parameters, gain and pitch estimate updates

39 Principali Codifiche Compressione Year Bit rate (kbit/s) Frame size (ms) Look ahead (ms) G.711 PCM Adaptive Differential Pulse-Code Modulation G.726 ADPCM G.722 Subband ADPCM Low Delay Code Excited Linear Prediction G.728 LD-CELP Conjugate-Structure Algebraic-Code- Excited Linear Prediction G.729 CS-ACELP Multi-Pulse Maximum Likelihood Quantization G MP-MLQ Algebraic-Code-Excited Linear Prediction G ACELP Regular Pulse Excitation Long Term Prediction RPE-LTP (GSM)

40 Prestazioni dei Codec Mean Opinion Score ascoltatori 5 livelli: excellent, good, fair, poor, bad excellent G.729 G.728 G.726 G.727 G.711 good G GSM fair IS96(DAMPS) R.V.Cox, AT&T Com. Mag, Sept 97 poor bad kbit/s

41 Adaptive Multi-Rate (AMR) Il codificatore Adaptive Multi-Rate (AMR o AMR-NB) è uno schema di compressione audio ibrido ottimizzato per il parlato (soggetto a brevetto) basato su ACELP (Algebraic Code Excited Linear Prediction) E un codificatore multi-rate che codifica segnali vocali a banda stretta( Hz) a bit rate variabile tra 4.75 e 12.2 kbit/s con qualità telefonica a partire da 7.4 kbit/s Adottato dal 3GPP ad ottobre 1999 attualmente ampiamente usato per GSM e UMTS Si adatta alle caratteristiche del canale e seleziona una tra otto possibili bit-rate di codifica Trame di 20 ms contenenti 160 campioni (frequenza campionamento 8kHz) Lunghezze di trama variabili pari a 95, 103, 118, 134, 148, 159, 204, 244 bit con bitrate corrispondenti pari a 4.75, 5.15, 5.90, 6.70, 7.40, 7.95, 10.2, 12.2 kbit/s

42 Adaptive Multi-Rate (AMR) L adattamento del codec alla qualità del canale viene orchestrato dalla RNC Radio Network Controller TransCoder

43 Principi di funzionamento AMR Il funzionamento dinamico effettua un trade-off tra qualità della voce e livello di protezione: le velocità inferiori sono caratterizzate da una migliore protezione dagli errori, viceversa per le velocità più elevate C/I: Channel/Interference

44 MP3: MPEG 1 Layer III Codifica audio introdotta in MPEG 1 Sviluppato in origine dal Fraunhofer IIS nell ambito del progetto EUREKA EU147 Rilasciato nel 1993 Precisione 16 bit Frequenze di campionamento: 32KHz, 44.1 KHz, 48 KHz Tre livelli di compressione: Layer 1, Layer 2, Layer 3 (MP3) Layer 3: kbps, target 64 kbps Layer 2: kbps, target 128 kbps usato nel DAB Layer 1: kbps, target 192 kbps

45 MP3 Utilizza le caratteristiche psicoacustiche dell audio per ridurre l informazione che non verrebbe apprezzata dall orecchio umano Si sfruttano i limiti dovuti alla mascheratura in frequenza e tempo che delimitano il campo dell udibile per modulare il rumore di quantizzazione, determinandone il livello dopo aver analizzato il segnale con un banco di filtri (32 sotto-bande nel caso MP3)

46 Codificatore MP3 Input: 16 bit a 44kHz - 768kbps Bande Equispaziate ~689Hz FFT utilizzata per trovare le soglie di masking

47 MPEG-2 AAC (Advanced Audio Coding) Standard per la codifica dei DVD-Audio Recordable (DVD-AR) Introdotto nel 1997 come MPEG 2 Layer 7 Lavora a 320 kbps con 5 canali per diverse direzioni del suono: Left, Right, Center, Left- Surround, and Right-Surround Fino a 48 canali, frequenza di campionamento tra 8 khz e 96 khz, bitrate fino a 576 kbps per canale

48 Qualità della voce ricostruita Oltre alla caratteristiche intrinseche della codifica, nelle reti trasmissive la qualità della riproduzione è influenzata anche da Ritardi di riproduzione eccessivi Eco Perdita totale o parziale di segmenti codificati Codifica-decodifica multipla

49 Soppressione dei silenzi Nelle conversazioni duplex il canale è usato per il 50% del tempo e in più ci sono le pause del parlato Utilizzabile in reti a pacchetto per ridurre la banda media occupata e aumentare la capacità a disposizione I silenzi vanno soppressi senza dare la sensazione di caduta della linea (rumore di fondo) Esistono molti metodi di silence-detection Decisione segmento per segmento basata su livello di energia Decisione con memoria (es. almeno due segmenti consecutivi di segmenti sotto soglia per l attivazione) Soglie adattative Meccanismi legati al codec

50 End-to-End QoS (ETSI Typhoon) NOTA: Sopra 25 ms di ritardo occorre buona compensazione dell eco B e s t H i g h M e d i u m B e s t E f f o r t M O S Q u a l i t y : M o u t h - t o - 0 m s m s m s m s a n d E a r D e l a y : m s m s m s a b o v e C a l l 0 s e c s e c s e c s e c a n d S e t u p : s e c s e c s e c a b o v e

51 Cause di ritardi in VoIP Cattura suono Compressione (framing, algoritmo + processing) Pacchettizzazione Trasmissione + Propagazione Processing + code nei router Playout delay Decompressione (processing) Resa suono

52 Esempio di un delay budget VoIP

53 Ritardo di compressione Compressione Bit rate (kbit/s) Frame size (ms) Look ahead (ms) Processing (ms) G.711 PCM Adaptive Differential Pulse-Code Modulation G.726 ADPCM Low Delay Code Excited Linear Prediction G.728 LD-CELP Conjugate-Structure Algebraic-Code- Excited Linear Prediction G.729 CS-ACELP Multi-Pulse Maximum Likelihood Quantization G MP-MLQ Algebraic Code Excited Linear Prediction G ACELP Regular Pulse Excited-Long Term Prediction RPE-LTP (GSM)

54 Pacchettizzazione E la procedura per cui uno o più segmenti di voce vengono raggruppati per la trasmissione su reti a cella o pacchetto E causa di ulteriori ritardi qualora occorra l accumulo di più segmenti codificati Ritardo di pacchettizzazione

55 Ritardo di pacchettizzazione Dipende dalla lunghezza del pacchetto (ms di voce) Si compone in modo più o meno additivo al ritardo di compressione In generale: buona compressione + pacchettizzazione prendono ms + processing

56 Ritardo di trasmissione velocità del link 40 Byte (voce) 64 kbit/s 5 ms 128 kbit/s 2.5 ms 512 kbit/s ms 2 Mb/s 0.16 ms X n. di link attraversati 10 Mb/s ms Ritardo di propagazione: 5 ms /1000 km

57 Ritardi in rete Tecnica a circuito La banda totale è suddivisa in circuiti a 64 k Tecnica a pacchetto Multiplazione statistica Ritardi

58 Effetti della velocità dei link A B C D G711 Tx0 t Formazione pacchetto =Tx0 Tx1 latency A B C D Circuiti a 64 k: pipeline Store and forward su grossi circuiti Playout buffer

59 Ritardo in coda La teoria prova che i ritardi medio e percentile nella coda di trasmissione sono proporzionali al tempo di trasmissione T Un carico accettabile produce un ritardo pari a circa 1-2 volte T TX

60 Compensazione del jitter Il ritardo variabile della rete causa Jitter Ritardo di playout e resync

61 Compensazione del jitter Il ritardo di playout del primo pacchetto deve essere settato per compensare il jitter massimo T out costante: settato a priori al valore massimo tollerato T out adattativo: variato durante i periodi di silenzio sulla base dei ritardi osservati nel periodo di attività precedente

62 Valutazioni di ritardo Nella rete telefonica, il cammino massimo USA da costa a costa offre un ritardo misurato (propagazione e apparati) di 90 ms Nel backbone le velocità sono elevate e i ritardi di trasmissione a pacchetto, e nelle relative code, sono frazioni di ms Ritardo di codifica, pacchettizzazione, decodifica, e processing 50 ms Assumendo un ritardo di buona qualità (200 ms max) restano 60 ms per ritardo nelle code e nel playout buffer

63 Misure di ritardo Chuck Fraleigh, NetVMG - Sue Moon, KAIST - Bryan Lyles, Independent Consultant - Chase Cotton, Mujahid Khan, Deb Moll, Rob Rockell, and Ted Seely, Sprint - Christophe Diot, Intel Research Packet-Level Traffic Measurements from the Sprint IP Backbone IEEE Network Nov. Dec U.S. transcontinental delay distributions in Fig. 11 are obtained between San Jose and New York, and reflect 200 million packet matches in a 1 h period. Packets identified in these delay distributions crossed five POPs and eight core routers.

64 Backbone Sprint

65 Distribuzione del ritardo San Jose New York OC-48: Interfaccia SDH a 2.5 Gbit/s

66 Distribuzione del ritardo San Jose New York The minimum delays are ms from OC-48-6 to OC-48-4 (from San Jose to New York), and ms from OC-48-3 to OC-48-5 (from New York to San Jose); The average delays are ms and 28.58, and the 99.9 percent delays are ms and 31 ms, respectively. The jitter on these paths is limited to less than 3 ms. This amount of jitter is not sufficient to impact the performance of delay-constrained applications such as media streaming or VoIP. While we observe a very small number of packets that experienced delay above 100 ms. Router idiosyncrasies are identified as a cause of large delays. The main contributing factor in network delay is the speed of light

67 Valutazioni di Qualità Mean Opinion Score (MOS) Misura la chiarezza della voce Basato sull opinione di un gran numero di ascoltatori Standardizzato nella raccomandazione P.800 Score Quality of Speech 5 Excellent 4 Good 3 Fair 2 Poor 1 Bad Difetti: metodo complesso e costoso non adatto a misure continuate

68 Valutazioni di Qualità Perceptual Speech Quality Measurement (PSQM) Raccomandazione P.861 del 1996 Utilizza un confronto matematico fra segnale elaborato e segnale degradato operato attraverso operazioni che tengono conto delle modalità percettive I risultati sono tarati in modo da predire il MOS Difetti: pensato per i CODEC non riscontra i difetti tipici delle reti (errori del canale, perdita di pacchetti, clipping..)

69 Valutazioni di Qualità Perceptual Analysis Measurement System (PAMS) Sviluppato da BT a partire dal 1998 per ovviare a errori di PSQM Primo sistema adatto a testare in modo completo sistemi VoIP

70 Valutazioni di Qualità Perceptual Evaluation of Speech Quality (PESQ) Raccomandazione P.862 del 2001

71 E-Model L E-model è stato standardizzato dall ITU-T (G.107) per prevedere, in modo approssimato, la qualità del segnale vocale su un collegamento IP Dati il codec, e misure oggettive di ritardo e perdita di pacchetti (oltre ad altri fattori di degrado della comunicazione), con l E-model si determina una previsione approssimata del MOS che si otterrà su un collegamento telefonico IP L E-model è un utile strumento impiegato largamente nell industria per la progettazione preliminare e la pianificazione, anche se non è riconosciuto come strumento ufficiale da ITU-T

72 E-Model Si definisce una metrica R rating factor (compresa tra 1 e 100) La qualità R è definita come: R = R 0 - I s - I d - I e + A R 0 è il rapporto base segnale-rumore (es. rumore del circuito e dell ambiente); I s è il fattore di degrado simultaneo alla trasmissione del segnale vocale (es. quantizzazione); I d degrado imputabile ai ritardi del segnale vocale (eco parlatore, eco ascoltatore, ritardo assoluto); I e degrado imputabile al dispositivo (equipment); A: fattore di vantaggio dell utente (l utente è sempre proiettato a compensare degradi prestazionali e a non riconoscerli tanto più se si trova in condizioni meno favorevoli)

73 E-Model

74 E-Model

75 E-Model effetto del codec Valori di I E dovuti intrinsecamente a codec (ITU-T G.113) Adaptive Differential Pulse-Code Modulation Low Delay Code Excited Linear Prediction Conjugate-Structure Algebraic-Code- Excited Linear Prediction Algebraic Code Excited Linear Prediction Multi-Pulse Maximum Likelihood Quantization

76 E-Model effetto della perdita Valori di I E dovuti a effetto di perdite su codec (ITU-T G.113) Packet Loss Concealment Voice Activity Detection Enhanced Full Rate L impiego di tecniche di FEC (Forward Error Correction) o loss concealment richiede che questi valori vengano rivisti

77 E Model ritardo end-to-end

78 Ritardo Ritardo del codificatore: dimensione trama e algoritmico Ritardo di pacchettizzazione Ritardo di serializzazione T PD ritardo pacchettizzazione [ms] P S dimensione del payload [b] C BW banda del codificatore [kbit/s] T SER ritardo serializzazione [ms] L S velocità di linea [kbit/s] H L lunghezza dell intestazione [b]

79 Ritardo in coda Modello M/D/1/ con M sorgenti con distribuzione di Poisson che usano lo stesso codec Il carico è dato da stabilità in cui 0<r<1 per la l è il tasso di arrivo e m il tasso di servizio P S dimensione del payload [b] C BW banda del codificatore [kbit/s] T SER ritardo serializzazione [ms] T S tempo di elaborazione nel router [ms]

80 E-Model: Formula MOS=f(R) Mean Opinion Score (MOS CQE ) For R 0: MOS CQE 1 Mean Opinion Score Conversational Quality, Estimated For 0 R 100: For R 100: MOS 6 CQE R R( R 60)(100 R)7 10 MOS CQE 4.5 Excellent 5 MOS Good 4 Fair 3 Poor 2 Bad R G.107_FB.2 Figure B.2/G.107 MOS CQE as function of rating factor R

81 POLQA POLQA (Perceptual Objective Listening Quality Analysis) Nuova generazione ITU-T P.863 per asseverare la qualità della voce in contesti evoluti: Requisiti super wideband : HD Voice, 3G, VoLTE (4G), VoHSPA e VoIP. Differenza tra POLQA e PESQ: Valutazione anche con alto livello di rumore di fondo Valutazione con gamma di frequenze tra 50 Hz e 14 khz Sensibilità alla distorsione lineare di frequenza

82 Quality of Experience (QoE) ITU-T Rec. E. 800 definisce la QoS come collective effect of service performance which determines the degree of satisfaction of a user of the service ITU-T Recommendation P.10/G.100, definisce la Quality of Experience (QoE) come, the overall acceptability of an application or service, as perceived subjectively by the enduser La QoE comprende tutti gli effetti del sistema end-to-end che concorre ad erogare al fruitore l esperienza di fruizione (client, terminale, infrastruttura di rete e di servizio) Il grado di accettazione del servizio può essere influenzato dalle aspettative dell utente e dal contesto

83 Le 4 viste della QoS secondo ITU-T E.800

84 Applicazione delle viste della qualità

85 QoE secondo ITU-T Rec G 1080 Le dimensioni della QoE secondo ITU-T Recommendation G.1080: "Quality of experience requirements for IPTV services" Quality of Service objective QoE subjective Human components Service factors Transport factors Application factors Emotions Service billing Experience

86 QoE secondo ETSI STF 354 [Brooks & Hestnes, 2010], [ETSI STF 354] QoE is a measure of user performance based on objective and subjective psychological measures of using a service or product using a service or product. NOTE 1: It takes into account technical parameters (e.g., QoS) and usage context variables (e.g., communication task), and measures the process and outcomes of usage (e.g., user effectiveness, efficiency, satisfaction, and enjoyment) NOTE 2: The appropriate psychological measures will be dependent on the communication context. Objective psychological measures do not rely on the opinion of the user (e.g., task completion time task accuracy ). Subjective psychological measures are based on the opinion of the user.

87 Requisiti QoS lato cliente ITU-T G.1001 End-user multimedia QoS categories Dal punto di vista del cliente finale, i requisiti di QoS richiesti dal servizio devono essere soddisfatti indipendentemente dalla modalità di implementazione di rete per lo specifico servizio: il cliente tende a confrontare la qualità dei servizi offerti da diversi operatori in base ad alcuni parametri di performance universali e user-oriented. Di nuovo, questi parametri (soggettivi o oggettivi) devono essere quindi considerati dal punto di vista del servizio (e della percezione che il cliente ne può avere) e non tengono contro della tecnologia o dell architettura di rete sottostante poiché vengono rilevati all end-point ma devono poter essere correlati in modo semplice alle performance della rete. I parametri maggiormente impattanti il cliente finale sono tre: il ritardo, la variazione del ritardo e la perdita di informazioni sul canale di comunicazione. Audio Video Data Background apps Conversational Voice Voice messaging Streaming audio Videophone One-way video Web-browsing Bulk data High priority transaction services (E-commerce) Command/control Still image Interactive games Telnet (server access) Instant messaging Fax Low priority transaction services (server-to-server) Usenet

88 Requisiti QoS lato cliente ITU-T G Performance targets for audio, video and data applications Medium Application Degree of Typical datat Key performance parameters and target values symmetry rates one way delay delay variation information loss other Audio Conversational voice 2-way 4-64 kbps preferred: <150 ms limit: <400 ms < 1ms < 3% Audio Voice messaging 1-way 4-32 kbps <1s (playback) <2s (record) < 1ms < 3% Audio HQ streaming audio 1-way kbps <10s <<1ms < 1% Video Videophone 2-way kbps preferred: <150 ms Lip-synch: < 1% limit: <400 ms <80ms Video One-way 1-way kbps <10s < 1% Data Web-browsing 1-way 10KB preferred: <2 s limit: < 4 ms n.a. 0 Data Bulk data 1-way 10KB - 10MB preferred: <15 s limit: < 60 ms n.a. 0 Data HP transaction services preferred: <2 s 2-way <10KB (E-commerce) limit: < 4 ms n.a. 0 Data Command/ control 2-way 1KB <250ms n.a. 0 Data Still image 1-way < 100KB preferred: <15 s limit: < 60 ms n.a. 0 Data Interactive games 2-way < 1KB <200ms n.a. 0 Data Telnet 2-way < 1KB <200ms n.a. 0 Data (server access) 1-way <10KB <200ms n.a. 0 Background apps (server-to-server) 1-way <10KB preferred: <2 s limit: < 4 ms n.a. 0 Background apps Fax (real time) 1-way 10KB < 30s/page n.a. <10e-6 BER Background apps Fax (store&fw) 1-way 10KB sereval mins n.a. <10e-6 BER Background apps LP transaction services 1-way <10KB < 30s n.a. 0 Background apps Usenet 1-way > 1MB sereval mins n.a. 0 Source: ITU-T G.1001 End-user multimedia QoS categories Tables I.1 e I.2

89 QoS offerta dal Provider ITU-T Y.1541 Network performance objectives for IP-based services Gli obiettivi di performance IP UNI-to-UNI si riferiscono al percorso tra le due User Network Interface. Il percorso UNI-to-UNI nella rete IP comprende il set di Sezioni di Rete (NS) e dei collegamenti tra le reti (Exchange Link, EL) che forniscono il trasporto dei pacchetti IP dalla UNI sorgente alla UNI destinazione. Le Sezioni di Rete possono considerarsi come Domini di operatore e possono includere le architetture di rete di accesso mentre l installazione presso il cliente (Customer Installation) comprende tutti i Terminal Equipment (host, router o LAN). Source: ITU-T REC Y.1540 IP packet transfer and availability performance parameters Figure 4 IP Network connectivity Source: ITU-T Y.1541 Network performance objectives for IP-based services Figure 1 UNI-to-UNI reference path for network QoS objectives

90 Upper bound on the mean IPTD Upper bound on the quantile of IPTD minus the minimum IPTD Upper bound on the packet loss probability Upper bound QoS offerta dal Provider ITU-T Y.1541 Network performance objectives for IP-based services QoS Class Application (examples) Real-time, jitter sensitive, high interaction (VoIP, VTC) Real-time, jitter sensitive, interactive (VoIP, VTC) Transaction data, highly interactive (Signalling) 3 Transaction data, interactive 4 5 Low loss only (short transactions, bulk data, video streaming) Traditional applications of default IP networks Node mechanism Separate queue with preferential servicing, traffic grooming Separate queue, drop priority Long queue, drop priority Separate queue (lowest priority Network techniques Constrained routing and distance Less constrained routing and distances Constrained routing and distance Less constrained routing and distances Network performance parameter IPTD IPDV IPLR IPER 100ms 50ms 1x10-3 1x ms 50ms 1x10-3 1x ms U 1x10-3 1x ms U 1x10-3 1x10-4 Any route/path 1s U 1x10-3 1x10-4 Any route/path U U U U Source: ITU-T Y.1541 Network performance objectives for IP-based services Tables I.1 e I.2 IPTD: IP packet Transfer Delay; IPDV: IP packet Delay Variation; IPLR: IP packet Loss Ratio; IPER: IP packet Error Ratio Gli obiettivi descritti si riferiscono a reti IP e prendono come riferimento due punti di misurazione che delimitano la rete IP end-to-end: lo standard richiede che questi obiettivi possano essere facilmente soddisfatti sulle reti IP e che gli operatori si debbano impegnare con i clienti a consegnare i pacchetti IP in ottemperanza ai requisiti espressi in tabella. Lo standard prevede inoltre che su alcuni percorsi di rete si possano realizzare risultati di performance molto migliorativi rispetto a quanto descritto in tabella. La sigla "U" indica "unspecified" o "unbounded : quando le performance relative ad un determinato parametro sono caratterizzate da U significa che lo standard non prevede di identificare alcun obiettivo per tale parametro: in questo caso, le misure effettuate per tale parametro possono fornire risultati a discrezione dell operatore.

91 QoS offerta dal Provider ITU-T Y.1221 Traffic control and congestion control in IP-based networks QoS Class Application (examples) Real-time, jitter sensitive, high interaction (VoIP, VTC) Real-time, jitter sensitive, interactive (VoIP, VTC) Transaction data, highly interactive (Signalling) 3 Transaction data, interactive 4 5 Low loss only (short transactions, bulk data, video streaming) Traditional applications of default IP networks Node mechanism Separate queue with preferential servicing, traffic grooming Separate queue, drop priority Long queue, drop priority Separate queue (lowest priority Network techniques Constrained routing and distance Less constrained routing and distances Constrained routing and distance Less constrained routing and distances Any route/path Y.1221 transfer capabilities Dedicated Bandwidth (DBW) Delay-sensitive Statistical Bandwidth (DSBW) Associated DiffServ PHBs EF AF Any route/path Best-effort (BE) Default Remarks The IPLR objective only applies to the IP packets in the higher priority levels of each AF class. The IPTD applies to all packets. A legacy IP service, when operated on a lightly loaded network may achieve a good level of IP QoS. Source: ITU-T Y.1541 Network performance objectives for IP-based services - Table VI.1/Y.1541 Association of Y.1541 QoS classes with Y.1221 transfer capabilities and differentiated services PHBs DBW (Dedicated Bandwidth) DSBW (Delay-sensitive Statistical Bandwidth) BE (Best Effort) Definizione: pensata per applicazioni con requisiti di ritardo stringenti, si pone l obiettivo di garantire la consegna dei pacchetti IP nei tempi richiesti sul percorso end-to-end. Requisiti di QoS: a causa delle restrizioni relative alla perdita dei pacchetti e al ritardo, è previsto che questa caratterizzazione scarti tutti i pacchetti non conformi ai requisiti Definizione: pensata per applicazioni che non hanno requisiti di ritardo stringenti Requisiti di QoS: a causa delle restrizioni relative alla perdita dei pacchetti, è previsto che questa caratterizzazione consegni tutti i pacchetti non conformi ai requisiti solo se le risorse lo consentono. Definizione: pensata per applicazioni che non hanno requisiti stringenti di ritardo e perdita di pacchetti Requisiti di QoS: nessuna policy prevista per questo tipo di caratterizzazione

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Capitolo 1. Voce su IP: i concetti fondamentali

Capitolo 1. Voce su IP: i concetti fondamentali Pag Capitolo 1. Voce su IP: i concetti fondamentali 1.1. Introduzione L'argomento Voce su IP è, sicuramente, uno dei più gettonati dell'intero mondo del networking. Tecnicamente, con questa tecnologia

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

I dati audio. Campionamento Quantizzazione e Codifica Formati e standard Supporti

I dati audio. Campionamento Quantizzazione e Codifica Formati e standard Supporti I dati audio Campionamento Quantizzazione e Codifica Formati e standard Supporti Campionamento Moltiplicare il segnale per l impulso di campionamento t f max f t f c 2f c f t f max f c 2f c f f c -f max

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Cisco SPA 122 ATA con router

Cisco SPA 122 ATA con router Data Sheet Cisco SPA 122 ATA con router Servizio VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio VoIP (Voice

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte

Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte Data Sheet Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali Il Voice Over IP è una tecnologia che permette di effettuare una conversazione telefonica sfruttando la connessione ad internet piuttosto che la rete telefonica tradizionale. Con le soluzioni VOIP potete

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità INDICE 1. Caricare un file audio. p. 2 2. Riprodurre una traccia. p. 2 3. Tagliare una traccia... p. 3 4. Spostare una traccia. p. 3

Dettagli

Sistema VOIP ALL PARTNERS. Architettura di net working sviluppata da All Partners. Su piattaforma Asterix

Sistema VOIP ALL PARTNERS. Architettura di net working sviluppata da All Partners. Su piattaforma Asterix Sistema VOIP ALL PARTNERS Architettura di net working sviluppata da All Partners Su piattaforma Asterix PBX- SIP Compliant Piattaforma dedicata -No parti mobili -No sistema operativo terze parti -No PC

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Imola Prontuario di configurazioni di base

Imola Prontuario di configurazioni di base Imola Prontuario di configurazioni di base vers. 1.3 1.0 24/01/2011 MDG: Primo rilascio 1.1. 31/01/2011 VLL: Fix su peso rotte 1.2 07/02/2011 VLL: snmp, radius, banner 1.3 20/04/2011 VLL: Autenticazione

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

1 di 6 29/06/2014 11:51

1 di 6 29/06/2014 11:51 1 di 6 29/06/2014 11:51 Nuova sezione Fine Tuning! Per parlare di cavi, connettori, tavolini, accessori vari, tutto ciò che occorre per aggiungere quel piccolo quid che manca al vostro impianto. "Il suono

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Voice Over IP NAT Traversal

Voice Over IP NAT Traversal Voice Over IP Traversal Giorgio Zoppi zoppi@cli.di.unipi.it Tecnologie di Convergenza su IP a.a.2005/2006 VoIP Traversal 1 57 Tecnologie di Convergenza su IP Che cosa è il (Network Address Translation?

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli