CRISI: PREMI SU INSOLVENZA SPAGNA E PORTOGALLO SALGONO A LIVELLI RECORD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRISI: PREMI SU INSOLVENZA SPAGNA E PORTOGALLO SALGONO A LIVELLI RECORD"

Transcript

1 CRISI: BANCHE CENTRALI EUROZONA COMPRANO TITOLI DI STATO IRLANDA CRISI BANCHE_CENTRALI_EUROZONA_COMPRANO_TITOLI_DI_STATO_IRLANDA ORA-.html (ASCA) - Roma, 29 nov - ''Si tratta di un'azione concertata tra le diverse banche centrali nazionali dei paesi dell'eurozona, stanno comprando titoli di stato dell'irlanda per evitare un contagio verso Spagna e Portogallo, ma finora non funziona'', cosi' un trader del mercato obbligazionario. Nonostante l'arrivo di 85 miliardi di aiuti, i titoli di stato di Dublino continuano a essere bastonati dalla speculazione ribassista. Lo spread di rendimento tra i titoli decennali tedeschi (Bund) e quelli irlandesi ha toccato il nuovo massimo storico di 652 punti base, quelli di Spagna e Portogallo sono saliti rispettivamente a 270 punti e 430 punti,i nuovi picchi storici. CRISI: PREMI SU INSOLVENZA SPAGNA E PORTOGALLO SALGONO A LIVELLI RECORD CRISI PREMI_SU_INSOLVENZA_SPAGNA_E_PORTOGALLO_SALGONO_A_LIVELLI_R ECORD ORA-.html (ASCA) - Roma, 29 nov - Il pacchetto di aiuti finanziari da 85 miliardi di euro a favore dell'irlanda non smorza le tensioni sul mercato del debito sovrano dei paesi dell'eurozona. Si allargano gli spread di rendinento tra i titoli di stato decennali tedeschi (Bund), i piu' sicuri dell'eurozona, e quelli degli altri paesi dell'eurozona. ''Una reazione scontata, diciamo che la creazione di un meccanismo permanente salva-stati e' un mezzo passo avanti, ma non ancora sufficientemente coraggioso. Finche' la ristrutturazione del debito sovrano di un paese in crisi rimane una scelta discezionale e non automatica, la speculazione ribassista sui titoli di stato continuera' a godere di una sorta di franchigia'', cosi' Alessio Fontani, responsabile Analisi mercati finanziari di Banca Crf. In particolare l'attenzione del mercato e' sui titoli del debito pubblico dei cosidetti paesi periferici, rispetto al Bund tedesco lo spread dell'italia e' salito a 192 punti. Ma quello della Spagna a 270 punti e quello del Portogallo a 430 punti hanno raggiunti nuovi massimi storici. Al picco storico anche l'irlanda a 652 punti, Grecia in leggera flessione a 906 punti. Anche fuori dalla pattuglia dei paesi periferici si registrano allargamenti degli spread quello del Belgio salito a 109 punti, il nuovo massimo storico. Su livelli record anche i prezzi dei Cds (Credit Default Swaps), cioe' i premi per assicurarsi contro l'insolvenza dei debitori. Nel caso del Portogallo e Spagna i premi sono balzati rispettivamente a 346 e 540 punti. In salita anche il Cds sull'italia quotato a 230 punti.

2 In morte dell'euro Sull'Independent, O'Grady profetizza la fine della moneta unica....sulle pagine dell'independent di lunedì 29 novembre, il giornalista economico Sean O'Grady profetizza la fine della moneta unica europea. Nel suo articolo, O'Grady ipotizza che la morte dell'euro sarà sancita «da tre giudici tedeschi di mezza età, appartenenti alla corte costituzionale di Karlsruhe». La motivazione ufficiale della sentenza? «È anticostituzionale per il governo tedesco continuare a finanziare il resto dell'europa in quanto questa monetizzazione del debito extraterritoriale viola la legge della Repubblica Federale», scrive il giornalista. E aggiunge che «il verdetto dei giudici tedeschi sarà pronunciato alle del mattino del 16 settembre 2011 E già entro il pomeriggio della stessa giornata quasi ogni banca dell'eurozona avrà chiuso i battenti. Gli sportelli automatici presi d'assalto da una folla di risparmiatori terrorizzati termineranno la loro scorta di banconote. In tutto il continente, l'intero meccanismo dei pagamenti si paralizzerà con un blocco di bancomat, assegni e carte di credito mentre le banche si rifiuteranno di onorare i pagamenti ai propri clienti». Mentre dal Regno Unito si guarderà all'agonia dell'euro con preoccupazione mista al sollievo di non farne parte. A chi spetterà il compito di risollevare un'economia europea nuovamente parcellizzata, si chiede O'Grady? La risposta del giornalista dell'independent lascia sorpresi. Non saranno David Cameron o Nicolas Sarkozy (la cui «ultima conferenza stampa» sarà a maggio 2012) e neppure un magnanimo intervento da Mosca di Vladimir Putin a dare stabilità alla nuova Europa, bensì Angela Merkel rieletta cancelliere tedesco «con un trionfo senza precedenti». Nuovo patto tra banche e imprese Di nuovo al tavolo. A cinque mesi dalla proroga della moratoria sul debito, banche e imprese tornano alla concertazione. Dal 31 gennaio lo strumento che ha permesso a 180mila imprese di tirare il fiato e sopravvivere alla crisi economica andrà in pensione. In un quadro congiunturale, però, tutt'altro che roseo, dove i pochi segnali di ripresa non si concretizzano in una spinta reale per le imprese. Su quali basi, dunque, si è riaperto il confronto? Con quali strumenti si sta lavorando al rafforzamento della struttura finanziaria delle imprese superando la fase delle "stampelle" (si vedano gli interventi sotto) e stimolando quella del "trampolino"? Il dibattito è in corso ma, mentre le parti politiche aspettano la chiusura dell'accordo lasciando intuire i possibili punti di incontro, le imprese si muovono individualmente sul territorio e raccolgono qualche risposta. «La strada percorribile - spiega Bruno Di Stasio, presidente di Piccola Industria Torino e titolare dell'impresa Seven che sembra condivisa dagli istituti che ho interpellato, potrebbe essere la rinegoziazione della durata del debito in una misura contenuta. Per esempio il raddoppio dei tempi del debito esistente e il conseguente dimezzamento della rata. Magari con una penale da pagare a seconda del rating, con uno spread che può variare da 0,50 a 1,50». Una strada possibile, certo, ma praticabile da quale tipo di impresa? Se, come spiega il direttore generale dell'abi, Giovanni Sabatini, si dovrà traghettare dalla fase della stampella - definita una sana anomalia nelle relazioni banca-impresa - a quella del trampolino, questo passaggio sottenderà una selezione maggiore delle imprese che avranno nuove dilazioni per rientrare dai debiti? Chi è

3 ancora malandato e ha bisogno di cure, non potendo sfruttare il trampolino, cosa farà? E chi, invece, ha i numeri per agganciare la ripresa, con quale criterio sarà selezionato? Se una delle discriminanti fosse rappresentata dai nuovi investimenti, non sarebbero poche le aziende a rischio esclusione. «Nel nord-ovest, per esempio aggiunge Di Stasio gran parte delle aziende avevano fatto investimenti prima della crisi. Scelte non replicabili oggi, perché per tornare ai valori del 2008 potrebbero passare 5 o 6 anni». Insomma i temi oggetto del confronto tecnico tra banche e imprese non avranno soluzioni facili. Ma il tavolo Abi-Confindustria non sarà l'unico luogo di dibattito per affrontare il tema dello sviluppo. Come auspicato giorni fa dal presidente di Confindustria Lombardia, Alberto Barcella, un'altra strada percorribile potrà essere quella del confronto imprese-regione. E se in Lombardia Roberto Formigoni si è detto pronto a «fare la sua parte», anche Filippo Penati si è dichiarato disponibile a collaborare a un «tavolo di concertazione per lo sviluppo economico». Per aver notizia di una nuova e moderata versione di moratoria sul debito, però, bisognerà aspettare l'esito del confronto tra Abi e Confindustria. Nell'attesa le imprese potranno continuare a contare sul Fondo di garanzia per le pmi, rifinanziato per circa 2 miliardi di euro, sul Fondo da 1,2 miliardi presieduto da Marco Vitale e sui nuovi numeri dei prestiti alle imprese. «Nonostante le problematiche della crisi ha spiegato venerdì scorso all'assemblea di Federcasse Giuseppe Mussari, presidente dell'abi la dinamica del credito bancario per imprese e famiglie sta ritornando verso i livelli del 2008». L abi licenzia per pagarsi lo spot televisivol associazione avvia le procedure per mandare a casa 80 addetti. Risparmi per due milioni di euro: uno viene destinato alla pubblicità "Le banche per il Paese" Giuseppe Mussari, non c è dubbio, non perde tempo. E il pragmatismo del presidente del Monte dei paschi di Siena e dell Abi lo stanno saggiando, in queste ore, proprio i 308 dipendenti della Confindustria delle banche. Nel giro di poche ore il leader dei banchieri ha prima stravolto l organizzazione interna dell Assobancaria (su cui Libero ha riferito mercoledì) e subito dopo ha scritto ai sindacati per avviare i «licenziamenti collettivi». Obiettivo? Mussari vuole mandare a casa ben 80 persone tra impiegati e funzionari dell Abi. L operazione sarebbe necessaria a ripianare in pochi mesi i conti dell Associazione, in rosso fisso (5,5 milioni di euro) da diversi anni. Di qui la decisione di procedere con la ristrutturazione e la mobilità del personale in eccesso. Nella lettera (datata 24 novembre) spedita alle organizzazioni sindacali del settore creditizio, viene indicata la forza lavoro da licenziare divisa per categoria: 31 impiegati e 49 quadri direttivi, quasi tutti della sede di Roma (solo 2 a Milano). Pochi, si dice, quelli da prepensionare grazie al fondo esuberi. Non ci sono, ovviamente, i nomi. La black list è top secret. Nei corridoi di palazzo Altieri, però, si fanno già spiacevoli totolicenziamenti. Il clima, secondo fonti interne, è un misto tra «smarrimento e preoccupazione». Sentimenti cui si potrebbe aggiungere, a stretto giro, quello dell irritazione. Sì, perché mentre tagliano il personale, i vertici Abi ingrassano il bilancio. Il che potrebbe far infuriare i «cervelli» col posto di lavoro in bilico. Nel budget 2011 da 44 milioni, tra le uscite cresce solo la voce per l immagine ed è prevista una «Campagna di comunicazione». Una novità. Lo stanziamento è di un milione di euro, mentre

4 grazie alla tagliola sulle buste paga l Abi riduce la voce «risorse umane» per poco meno di 2 milioni. Insomma, quello che verrà risparmiato coi licenziamenti a tappeto sarà subito riutilizzato per la campagna istituzionale «Le banche per il Paese». Che dovrà servire per spiegare «cosa fanno» gli istituti, visto che è diffusa la percezione che allo sportello siano ancora prevalenti le fregature rispetto a prodotti sani. Il progetto è ai primi posti nel piano d azione 2011 approvato dal direttivo Abi e si intreccia col ridimensionamento di Pattichiari. Verrano sfruttati gli schermi negli aeroporti, ma non sono esclusi spot televisivi da finanziare con versamenti straordinari dei big del credito. I quali per correggere l opinione pubblica, sempre ostile nei confronti dell industria bancaria, sono disposti a sacrifici. Gli istituti si tirano indietro, invece, se si tratta di salvaguardare l occupazione dell associazione di categoria. Eppure lo sforzo non sarebbe enorme. Il buco nel bilancio Abi è frutto di decisioni approvate nel tempo dalle stesse associate: la crisi economica non c entra. E se i 5 milioni di deficit fossero ripartiti fra le 750 banche, la spesa sarebbe irrisoria. La fetta più grande andrebbe a carico dei colossi Intesa e Unicredit che, insieme, dovrebbero sborsare grosso modo 1,5 milioni. Ragionamenti di questo tipo venivano fatti, ieri, fra le seconde linee Abi, che adesso cercano di attrezzarsi per la trattativa con Mussari e il direttore generale, Giovanni Sabatini. Per evitare il bagno di sangue, si potrebbe spostare un po nel tempo il termine (fissato nel 2011) per pareggiare il disavanzo. È una delle ipotesi in campo. Il fieno in cascina non manca. Altri tre anni - nell arco dei quali si dovrebbe comunque attuare un robusto piano di austerity - verrebbero coperti attingendo a quel che resta del tesoretto incassato nel 2005 con la vendita di Sia, Ssb e CartaSì. Anche se circa 3 milioni di euro, si nota in questi giorni con parecchio disappunto, servirono l anno scorso per liquidare Giuseppe Zadra, dg dal 1992 al 2009, considerato uno dei principali artefici di una galassia ritenuta assai articolata e «pachidermica». Restano aperte due questioni. Anzitutto quella dei sindacati, formalmente invitati da Mussari a gestire la partita. In Abi, cosiddetta associazione datoriale, non c è cultura sindacale, ma a palazzo Altieri pare sia scattata la corsa ad aderire alle sigle con una netta preferenza per la Fabi, leader fra i rappresentanti dei bancari. C è da analizzare, poi, la scelta dei banchieri volta a ridimensionare drasticamente (e in tempi forse fin troppo rapidi) la struttura associativa. Un blitz poco chiaro: se fosse una ripicca con le precedenti gestioni, la punizione non dovrebbe colpire chi non ha responsabilità Cantona guida la rivolta contro le banche: ritiriamo i risparmi il 7 dicembre (24 Novembre 2010) anteprima dell'articolo originale pubblicato in Mercoledì 24 Novembre :51 (...) L'ex stella del Manchester United Eric Cantona, che i tifosi inglesi chiamavano «Dio», si ritrova in Francia alla testa di un movimento di protesta contro le banche, che ha già raccolto migliaia di simpatizzanti. Tutto è iniziato - ricostruisce il Guardian - con una intervista al quotidiano Presse Ocean di Nantes, l'8 ottobre scorso. Rispondendo a una domanda sulle dimostrazioni contro la riforma delle pensioni in Francia, Cantona, che indossava una maglietta rosso fuoco, ha criticato gli episodi di violenza spiegando che

5 i dimostranti farebbero meglio a far nascere un movimento economico rivoluzionario, «iniziando a ritirare i propri soldi dalle banche». «Che senso ha scendere in piazza? Per dimostrare? Non è più questa la strada - ha detto Cantona -. La rivoluzione è veramente facile oggi: il sistema è costruito sulle banche, quindi deve essere distrutto attraverso le banche. Se i tre milioni di persone che hanno dimostrato andassero in banca e ritirassero i propri soldi le banche collasserebbero». Il video è finito su Youtube: i clic in poche ore, con il movimento francese "StopBanque" pronto a concretizzare l'iniziativa, fissando al prossimo 7 dicembre il «D-day», il giorno in cui gli aderenti andranno in banca a ritirare i propri risparmi. E sarebbero già quelli pronti a farlo, aderendo al manifesto di StopBanque firmato da una regista belga, Geraldine Feullein, e da uno francese, Yann Sarfati. Il movimento si è propagato velocemente in tutta Europa, grazie ai social network, arrivando fino in Corea del Sud. Interesse anche in Italia: quasi i clic sulla versione con sottotitoli in italiano e numerose pagine Facebook che invitano, il prossimo 7 dicembre, a ritirare i propri soldi dalle banche. Un responsabile della federazione bancaria francese ha liquidato l'iniziativa con una risata, «è una cosa stupida», e ricordato con ironia che se Cantona, che nel '95 venne condannato a due settimane di carcere per aver colpito un tifoso avversario con un calcio stile Kung fu, vuole veramente ritirare i propri soldi «avrebbe bisogno di molte valigie». CANTONATA DI CANTONA Postato il Giovedì, 25 07:00:00 CST di davide DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Cantona ha preso una cantonata incredibile, ma fosse solo per questo chi se ne frega. Il fatto grave è che questa pietosa storia dimostra ancora una volta come ci ha ridotti il Vero Potere con la Cultura della Visibilità, parte essenziale del Più Grande Crimine. Basta infatti che un Vip qualsiasi spari la sua bordata che decine di migliaia di cittadini in buona fede gli si buttino dietro. La Rete dell informazione, parte del piano di annullamento delle persone attive, amplifica la boutade del Vip, e così abbiamo la colossale cantonata del Cantona. Ma c è un fatto ancora più grave, ed è che ridendo e scherzando queste sciocchezze rischiano poi di diventare azioni vere e di fare danni veri. Il Cantona dice La banche sono il male di tutto, perché hanno i soldi. Questo assunto fasullo sta alla base del Fantasy di Rete dove tantissimi sguazzano e producono fanta-informazione complottista, naturalmente con il lurido ebreo banchiere sempre in mezzo. Peccato che le banche non abbiano più un soldo e siano quasi tutte tecnicamente fallite. Un dato: le banche spagnole hanno debiti per miliardi di euro, alla faccia di chi dovrebbe essere pieno di soldi (nota: debiti reali, non fittizi, perché le banche devono sempre garantire di accettare indietro i soldi inventati che emettono ed onorarli con denaro vero, come per esempio il contante). Il fatto è che le grandi orge di denaro sono oggi avvenute sempre al di fuori del giro delle banche commerciali, cioè fuori dalle banche dei conti correnti dei cittadini che la 'cantonata' vuole

6 prendere di mira. Tutto il peggio delle manovre criminali del Potere è accaduto nelle investment banks, negli hedge funds, equity funds, capital management funds ecc. (dove gli ordinari c/c dei cittadini non esistono affatto), tanto è vero che la fetta dei mercati finanziari posseduta dalle normali banche dei cittadini è crollata a meno di un quarto del totale. Ma il Cantona dice andiamo in banca e ritiriamo i soldi dai c/c, e così faremo crollare il sistema di potere. E esattamente come ci descrisse il Manzoni, andavano a linciare gli untori credendo di colpire la peste. Peccato che gli untori non fossero la peste, e che le banche dei conti correnti non siano il Potere. Ma ecco cosa accadrebbe se la cantonata realmente fosse messa in pratica da un milione di cittadini: - I cittadini 'cantonati' corrono a chiudere i c/c, chiedono quindi i contanti. - Per la banca la chiusura di un conto corrente significa perdere una passività, poiché sono soldi che la banca deve al cittadino con gli interessi che gli dava. Con la cantonata le banche quindi perderebbero tutti quei passivi (nota: i conti correnti non sono mai l attivo delle banche, contrariamente a quanto si crede, e non vengono mai usati dalle banche per speculare o far prestiti. Le banche non possono farlo, e il denaro che prestano se lo inventano di sana pianta, non usano mai il nostro pescandolo dai nostri c/c). - Ma i contanti che le banche daranno al milione di cittadini 'cantonati' devono essere chiesti alle Banche Centrali, perché le banche non hanno mai tanto contante nei caveau, solo il minimo necessario alle operazioni quotidiane. Le Banche Centrali sono sempre obbligate a fornire i contanti su richiesta delle banche. Ma nel farlo addebitano le riserve delle banche medesime presso le Banche Centrali, le quali riserve sono gli attivi della banche, cioè i loro gruzzoli di denaro. Con la cantonata, le banche perderebbero quindi grandi fette di quegli attivi quando la Banca Centrale gli fornisce il contante. - Quindi a livello di stati patrimoniali delle banche, esse perdono delle passività (1 milione di c/c ritirati) ma perdono anche degli attivi per lo stesso valore (lo stesso milione di c/c trasformati in contanti e addebitati sulle loro riserve). Risultato: vanno in pari, altro che collasso. La 'cantonata' non sposterebbe uno spillo come lotta al Potere. Al peggio costringerebbe le banche ad alzare i costi, ma questa è un'altra storia. Basta giocare ragazzini, la gente vera muore o si dà fuoco o piangerà una vita intera per ben altri problemi e per ben altri Poteri. Un calcio in culo a voi perditempo, e datovi da Cantona, che così è bello forte (poi Platinì pensi a girarne uno a Cantona, please). Per tutti gli altri lettori, vi invito di nuovo a riflettere su come lavora il Vero Potere. Eccoci con in mano mezzi portentosi come la Rete, ma anche istupiditi dalla Cultura della Visibilità che esso ha creato, e così la Rete diventa un arma di distrazione di massa che ci allontana sempre più da un analisi precisa di chi sia questo Potere e di come combatterlo. Lui, sempre più indisturbato, intanto ci ammazza il futuro. Dall Irlanda all Italia ci sono 2 ore d aereo per gli uomini del Fondo Monetario Internazionale Vedete un po voi. Bank Run 2010: migliaia di francesi si preparano a mettere in ginocchio le banche E prevista per il 7 dicembre la protesta di migliaia di francesi guidati dall ex calciatore del Manchester United, Eric Cantona, contro le banche e il sistema capitalistico.

7 Miccia della protesta è la riforma delle pensioni: «È inutile che tre milioni di persone manifestino per strada sventolando la loro bandierina, non serve a niente. ha dichiarato Cantona Il sistema è costruito sulle banche. E come si distruggono le banche? Riprendendoci il nostro denaro. Se tre, 10 milioni di persone ritirassero i soldi dal conto, le cose cambierebbero». E così, con l iniziativa Stop Banque, tutti i piccoli e grandi risparmiatori di Francia e del resto d Europa sono invitati a togliere simultaneamente i propri risparmi dalle banche: «Gli istituti di credito sono potenti solo perché noi siamo in ginocchio, ma è inutile andare a manifestare per non essere ascoltati o magari prendere i colpi della polizia: un gesto semplice e simbolico può rimettere le cose a posto». Gli organizzatori del Bank Run del 7 dicembre sono la sceneggiatrice belga Géraldine Feuillien e l attore francese Yann Sarfati. Su Bankrun2010.com, il sito dedicato all iniziativa, si leggono le motivazioni di una protesta così forte e d impatto: «Poiché gli scioperi e le manifestazioni non servono più a niente, poiché ciò che facciamo non viene ascoltato, e poiché in ciò che loro fanno noi non veniamo consultati, abbiamo deciso di colpire il sistema attraverso il suo organo più vitale: il sistema bancario». E una simile azione di massa potrà avere delle ripercussioni sul sistema economico non solo francese, ma mondiale. Gli organizzatori sono coscienti delle conseguenze? «Noi siamo soprattutto coscienti delle conseguenze che il sistema finanziario mondiale sregolato e incontrollabile ha sui nostri impieghi, sulle nostre sanità, sulla nostra educazione, sulle nostre industrie, sul nostro ambiente, sul nostro avvenire, sulla nostra dignità, la dignità dei cittadini dei paesi che questo sistema ha asservito attraverso debiti che non potranno mai saldare per meglio appropriarsi delle loro risorse. Questa è la sorte che attende i cittadini Occidentali se noi non ci prendiamo in mano». L obiettivo è quello di creare una banca cittadina al servizio dei cittadini e non di azioni speculative sconsiderate. Vista l alta adesione promessa da parte di migliaia di cittadini francesi, ci sono buone probabilità che questo Bank Run 2010 non passerà inosservato. Cantona s novel banking plan: Run with your money IF, on December 7th, there s a monster run on the French banks then one of those who can be blamed/credited is none other than Eric Cantona. A video interview he gave last month to a French newspaper, in which he urged people to bring down the banks by withdrawing all their money, is now a YouTube hit and has kick-started a campaign StopBanque that has named December 7th (our budget day, as luck would have it) as the day for a coordinated withdrawal of loot from banks. We don t pick up weapons to kill people to start the revolution, said Eric. The system is built on the power of the banks. So it must be destroyed through the banks. This means three million people with their placards on the streets, they go to the bank and withdraw their money and the banks collapse. A real revolution. No weapons, no blood, or anything like that. In response, Valerie Ohannesian of the French Banking Federation, suggested that Cantona is a few sardines short of a happy seagull. Stupid in every sense, she said. My first reaction is to laugh. It is totally idiotic. If Mr Cantona wants to take his money out of the bank I imagine that he ll need quite a few suitcases.

8 29 novembre 2010 Cantona et les banques: faut-il tuer le malade parce qu il a la fièvre? Le footballeur français est bien connu, même hors de la planète foot. Il est également peintre, grande gueule et engagé dans la lutte contre la pauvreté. Il soutient activement la Fondation Abbé Pierre - il va publier ces jours un livre de photos sur les actions engagées par cette fondation - et l action Droit au logement. Mais il va plus loin et met sa notoriété au service d une idée qui fait trembler les banques. Il propose que le 7 décembre prochain tout le monde retire son argent de ses comptes bancaires. «Pas d'armes, pas de sang, une révolution à la Spaggiari!» déclare-t-il. Le but est de modifier le système en sortant du capitalisme financier, en ôtant aux spéculateurs les moyens de jouer avec l argent des épargnants. Si cette suggestion était suivie massivement, les conséquences seraient un krach probablement encore plus important que celui de 2008, mais un krach voulu par les citoyens en vue de casser le système actuel. On peut prévoir les mêmes conséquences qu un krach non voulu: le crédit et l investissement se tarit, de nombreuses sociétés ferment leurs portes, chômage en masse. Déstabilisation de la société, mouvements sociaux, désorganisation générale. Sans projet nouveau déjà élaboré, ce pourrait rapidement être le retour à des régimes autoritaires. A court terme l idée est amusante, à plus long terme je me demande si elle n est pas simplement irréfléchie et suicidaire. Une révolution, soit un changement radical de système, ne peut pas se faire uniquement par un rasle-bol d une situation. Elle doit prévoir la suite. Si l on enlève le pouvoir aux banques, où sera le pouvoir? Qui le prendra? Sur quelle base d organisation politique et sociale? Un vrai changement de société, comme le passage de la monarchie à la démocratie, a été précédé de décennies de réflexions par des penseurs et philosophes, et suivi par un siècle et demi de troubles, soit jusqu à la fin des nationalismes totalitaires. Le capitalisme financier, dans lequel certains font des gains faramineux sans plus de production de biens en contrepartie, où l on joue à la roulette avec l argent des épargnants, où les errances des privés sont sauvées par l argent public, et où les responsables de la débâcle ne sont jamais vraiment sanctionnés, est digne d une hallucination. Mais la solution de désavouer le système n est-il pas pire que le mal? Faut-il tuer le malade parce qu il a la fièvre? Ne vaut-il pas mieux renforcer l immunité du système contre la maladie? Certes l idée d Eric Cantona est forte. Puisque les financiers font ce qu ils veulent et sont prêts à recommencer leurs errances comme si la crise n avait jamais existé, et puisque rien ne semble de nature à les ramener à la raison, une telle action les ferait cette fois vraiment trembler. Plus d argent dans les banques, plus de bonus, plus de parachutes dorés, etc.

9 Je ne sais de combien d'argent un français moyen dispose sur son compte en banque. L épargne est, d après les chiffres que j ai trouvés, à un niveau de plus de milliards d euros. Pour que le coup de semonce suggéré par Cantona ait une efficacité et fasse plier le monde de la finance vers une répartition plus sociale de l argent, il faut que beaucoup de monde retire ses avoirs. 10 ou 20 millions de personnes. Combien seront-ils à le faire le 7 décembre? Quelques dizaines de milliers à l heure actuelle, France et Belgique réunies. Ce sera un test: les gens veulent-ils massivement casser le système ou veulent-ils le réformer? Veulent-ils sauver le malade et le soigner ou le tuer? Nuova ondata di "cartelle pazze": come difendersi dai brogli Ci risiamo. Puntualmente torna un tormentone che ha tolto il sonno per più di due anni ai contribuenti Italiani: cartelle pazze. O meglio, l invio da parte dell Agenzia delle Entrate, spesso senza alcun tipo di criterio di cartelle esattoriali che al loro interno contengono anche tasse ed imposte già pagate o prescritte. L ordine di pagamento è sempre perentorio, e non consente al contribuente il tempo utile al fine di poter effettuare a sua volta controlli e ricerche di materiale cartaceo tale da comprovare l effettivo pagamento di quanto ri richiesto o la prescrizione dello stesso atto di notifica. A nulla sono servite campagne nazionali di informazione e organizzazioni a sostegno dei cittadini che hanno creato anche class action attraverso le quali in alcuni casi l Equitalia s.p.a. (agenzia addetta al recupero dei crediti da parte dello Stato) si è trovata a dover risarcire persino i danni morali a quei contribuenti vessati a volte al punto da perdere la proprietà del proprio appartamento ed in alcuni casi il blocco del conto corrente o nei casi minori il blocco dell autovettura o del motociclo. Eppure, il Ministro Brunetta ha legiferato anche in tal senso, cercando attraverso il DL 212/2000 di sanzionare ogni attività scorretta operata dalle pubbliche amministrazioni contro i cittadini. Ed è bene conoscerla questa Legge, visto che riappare lo spauracchio di notti insonni dopo aver ricevuto richieste quasi immediate di denaro o con il terrore di trovarsi ospiti in casa propria. Ad ogni modo, sembra che almeno per ora le cartelle esattoriali colpiscano dipendenti ministeriali e pensionati, delle città Roma, Napoli, Genova, Pescara, Verona, Bari, Venezia, Caserta, Milano, Prato, Palermo, Viterbo, Salerno, Imperia, Aosta, Cosenza, Perugia e Bologna.ma non è certamente controllabile che il resto della cittadinanza non sarà presto presa nuovamente di mira. L argomento è ormai tristemente annoso ed abbastanza conosciuto. Lo scandalo finge di non esser tale, e si ripropone. Regioni e Comuni, ribattono cassa per riequilibrare bilanci in rosso, ma ri chiedendo all infinito le stesse tasse ed imposte spesso appunto già onorate. Per tutti, il consiglio è sempre lo stesso: nel caso in cui si abbiano dubbi sulla veridicità del debito da onorare, recarsi immediatamente in uno studio legale di fiducia o in uno dei tanti nuovi Uffici

10 Legali su strada che da un pò di tempo nascono in varie città, ed offrono consulenza gratuita e servizi a costi accessibili. In molti casi, basterà fare questo passo per cautelarsi da doppie o persino triple richieste di pagamento oppure per procedere ad una bella opposizione in caso di cartelle prescritte. Usura, il pm chiede di processare quattro dirigenti di banca INTERESSI. Le querele fatte da un'azienda. I difensori: un tipo di denuncia molto frequente. Siamo tranquilli 27/11/2010 _banca/ Il gip Guido Taramelli Verona. Non ci hanno pensato due volte i titolari della Soso snc, un'azienda d'installazioni industriali di Arcole. Una volta avuto il via libera dai loro legali, gli avvocati Barbara Del Bono di Brescia e Salvatore Occhipinti di Ragusa, hanno presentato tre querele contro altrettante banche, ipotizzando il reato d'usura. E ieri presunte vittime e imputati si sono trovati dal gip Guido Taramelli nell'udienza preliminare. Il pm Giulia Labia aveva chiesto il 30 luglio scorso il processo per gli ex direttori generali della Banca popolare di Verona, Fabio Innocenzi, 49 anni, il suo predecessore Franco Nale, 73 anni, l'amministratore delegato della popolare di Vicenza Divo Gronchi, 71 anni, e gli ex direttori generale della Banca popolare di Vicenza e gli ex dirigenti della Cassa di risparmio di Trento e Rovereto (ora diventata Unicredit) Lucio Chiricozzi, 70 anni e Edoardo Massaglia, 67. Ieri l'udienza è stata rinviata perchè i legali delle vittime hanno chiamato in causa come responsabili civili gli istituti di credito. Al giudice Taramelli non è rimasto altro che rinviare l'udienza a febbraio per far sì che tutte le parti possano intervenire nel processo. La vicenda inizia nel 1999 quando la «Soso snc» apre un conto corrente sia alla Caritro che alla Banca popolare di Verona. Nel 2002, apre, invece, un conto corrente con la Banca popolare di Vicenza. Tutti i direttori generali delle banche coinvolte sono accusati dalla procura di Verona di essersi fatti dare «interessi usurari (elencati dettagliatamente con tassi tra il 14,75% all'86%)», riporta l'accusa, «quale corrispettivo dovuto per le operazioni effettuate sui conti corrente», dell'azienda di Arcole. Le banche, dal canto loro, hanno avviato un'azione di recupero dei crediti nei confronti della Soso snc, pignorando i beni. L'asta è stata fissata per dicembre. In tal modo, hanno spiegato i legali di parte civile, il nome della società di Arcole è stato iscritto nell'albo delle imprese a rischio, provocando un danno agli imprenditori che non hanno più avuto accesso al credito. In realtà, il tema degli interessi usurari in banca vive in un limbo giuridico dai contorni mai ben definiti. In più, aggiungono i difensori degli imputati, le querele per usura in banca sono frequenti ma non hanno mai sortito alcun tipo di conseguenza per le banche. Beppe Grillo: l'orgasmo dei banchieri? E' l'usura Sabato :26 Un viaggio lungo 20 anni nelle dichiarazioni di Beppe Grillo. Si tratta di un articolo patafisico. Di un esercizio di stile alla Queneau, che mette insieme come in un collage dichiarazioni autentiche del leader del Movimento 5 Stelle

11 Tutte le volte che ho progettato qualche cosa, non mi è mai riuscita, le mie cose migliori nascono spontaneamente, senza moventi strani né mandanti misteriosi. Invece io mi diverto solo se riesco a sorprendermi in scena, a dire una cosa di cui un attimo prima non avevo idea, e a pensare: guardo cosa mi è venuto fuori! Quelle due o tre cose sui socialisti... Nessuno ha pensato davvero a una congiura, quella volta, ma un progetto professionale, una scelta di quel che vuol dire, soprattutto in ambito politico, è normale, non crede? Guardi, per anni ho fatto così, decidendo quel che dovevo dire. Parlavo della P2 a Fantastico, ho detto di tutto, e non ne è mai nato un caso. Poi una volta ho detto due o tre cose sui socialisti, senza speciale cattiveria, ed è venuto fuori un putiferio. Forse perché era un momento particolare ed è scattato un conflitto al di fuori di quel che ho detto veramente io. Per scornarsi fra loro i politici hanno scelto questo fatto, ma di per sé la mia battuta non voleva dire proprio niente di speciale. Tangenti? Ci sono sempre state. Ma allora perché mettere i politici in galera? Allontaniamoli, mettiamo dei manifesti con la loro faccia: questo ha rubato all'ospizio. 10 mila manifesti a sue spese. In fondo rubiamo tutti. Tutti siamo un po' assessorini nel nostro animo. E cosa ridete, che le tangenti le avete inventate voi in Piemonte. Il primo che faceva le tangenti alla rovescia lo avete partorito voi: Zampini. Che pagava 200 milioni per prendere l'appalto da 150. Le elezioni? Sono importanti, ne parlerò. C'è stato un bel po' di cambiamento e poi è saltato fuori a Trieste questo Illy del caffè: chissà Lavazza come sarà incazzato. In fondo a me non è che cambia molto la vita...non mi considero neanche una vittima del Psi o del sistema. Il problema del ballottaggio non mi riguarda perché io non mi metto certo a fare propaganda a questo o a quello. Nessuno mi ha mai sbattuto la porta in faccia. Sono io che ho deciso di non fare più televisione anche perché non ho più trovato nessuno che mi rispondesse al telefono. Mi rispondevano sempre che erano fuori stanza, sono stati anni fuori stanza. Se sono qui vuol dire che invece ora ci sono persone che si fanno trovare. Scrivete al vergognoso Agnes, presso la vergognosa Sip: "Vergogna! Toglieteci a vostre spese il prefisso 144, quello delle telefonate porno". L'unica tv libera è quella senza pubblicità, pagata solo dai cittadini. L' informazione non può passare attraverso le industrie di tonni: altrimenti i programmi non li fa più la tv, li fa l'ufficio marketing del tonno. Tra uno spot e l' altro l'informazione perde credibilità. Sanna? E chi è Sanna? Mi spiace ma non parlo con le etichette di formaggio. Quando diventeranno delle persone vere allora ci penseremo. Per ora è inutile replicare. I pubblicitari sono i disoccupati del futuro. Bisogna avere pazienza, dobbiamo essere comprensivi con loro. Poverelli. Andrò all'assemblea della Stet per difendere gli interessi di mio fratello. Sono curioso di partecipare all'assemblea della più grande società finanziaria di telecomunicazioni d'italia, dove tutti sono strettamente legati fra loro in un groviglio di fibre ottiche, cavi cablati, ecc. Mi hanno raccontato che in queste assemblee è già tutto deciso, ma io andrò per dichiarare che, nonostante sia genovese, intendo rinunciare a quella quota di utile che la Stet produce violando la privacy dei cittadini. A darmi la parola sarà proprio quel presidente con il quale ho in corso una causa da dieci miliardi. Se il dividendo delle mie azioni è amorale io contesto il dividendo, non voglio che i soldi che guadagno da queste azioni provengano da attività che reputo illecite. La Stet affitta le linee a delle società a responsabilità molto limitata, può esserci chiunque dietro, e da quel momento la sua responsabilità decade. E' come se lo Ferrovie dello Stato affittassero un vagone fermo a una meretrice che fa due marchette e le Ferrovie dicessero: "Noi non sappiamo niente, abbiamo affittato il vagone alla Samantha Srl". Ma basta, del 144 non voglio più parlare. Ne ho parlato in televisione e quando un comico deve dire le cose è il fallimento della giustizia. Vuol dire che i giornali sapevano tutto e non dicevano niente. La Seat sta facendo un'operazione spaventosa e incredibile.

12 Tramite le Pagine Gialle e gli elenchi telefonici sta raccogliendo e mettendo in categorie milioni di persone, tutti noi. Il tuo nome, cognome e indirizzo viene venduto alla velocità della luce tramite questo cavo qua. Le prossime sodomizzazioni arriveranno da qui. E la legge la farà chi poserà questo cavo, cioè Pascale "o' posatore". Io vengo venduto e commercializzato da questa gente alla velocità della luce, senza che queste aziende mi chiedano se sono consenziente, come almeno accade nei Paesi civili. Questa è un'associazione a delinquere di stampo telefonico. I bilanci della Stet, li avete letti. C'è da rotolarsi per terra dalle risate. Adesso li fanno anche su Compact Disk, per risparmiare carta. Poi insieme al Cd ti danno due tonnellate di allegati. Di carta. Ciampi, Tietmeyer, Fazio, Matsushita, Greenspan... Repressi sessuali. Il loro orgasmo è l'usura. Vivono sul nulla. Almeno una volta c'era l'oro. Ha visto che fine ha fatto l'oro? Lo tirano fuori in Perù da un buco pazzesco, facendo lavorare i bambini e producendo per ogni chilo 300 chili di rifiuti di mercurio e cianuro, poi per fare i loro giochetti contabili lo chiudono in un altro buco, nel sotterraneo delle banche centrali. Dico: ma spostate la banca nel buco in Perù! Dalle centinaia di lettere, che ricevo quotidianamente dal mio pubblico, ho un panorama veramente incredibile del mondo della telefonia e allora io dico: nell'anno del Giubileo, della richiesta di perdono del Papa, e proprio quando anche Brusca si è pentito, telefonici di tutta Italia, pentitevi anche voi e raccontate quanto si combina dietro il mondo delle strafiche della pubblicità. Berlusconi è soddisfatto perché ha preso il 29% dei voti, ma non si rende conto che con tre televisioni e tre giornali a sua disposizione è stato un fallimento. Hitler alla sua prima uscita prese il 35% secco senza tv e giornali. Persino Simone II di Bulgaria, che nessuno finora sapeva chi fosse, ha fatto di meglio, prendendo il 45%. Gli attentati non sono stati fatti contro il popolo americano ma contro la politica estera americana. Sono convinto che la stragrande maggioranza degli americani non sa cosa hanno combinato negli ultimi cinquant'anni. Proprio là dov'è c'è democrazia, la libertà di informazione, il popolo americano è il meno informato di tutti. Credo che la Cnn sia come era la Pravda per i russi. Davvero cadono dalle nuvole, gli americani, quando gli parli delle scuole militari di Panama, di cosa hanno fatto in Cile, del Guatemala, della Cia. Ti guardano sbigottiti. Non sanno nemmeno dov'è. E non sanno nulla dell'islam, di Maometto, del Corano. E' il popolo meno informato del mondo. E' un popolo talmente specializzato nel nulla. A Porta Garibaldi avete i manifesti affissi sopra i lavori in corso, ormai fate i cantieri solo per metterci sopra la pubblicità. E adesso vi è scoppiata la nuova mania: togliete i semafori e mettete le rotonde. Ho visto questi poveri cristi di polacchi in stato confusionale che giravano continuamente in cerchio per tentare di lavare un vetro. I giudici non possono interpretare la legge, devono solo applicarla. Allora succede, come è successo, che a Mazara del Vallo un peschereccio avvisti un gommone di clandestini e rientri per avvisare la Guardia Costiera che va a recuperarlo. Il magistrato, applicando la legge, incrimina il comandante dell'equipaggio per omissione di soccorso. La volta dopo, lo stesso peschereccio avvista un altro gommone e questa volta soccorre i clandestini e li trasporta a terra: arriva l'incriminazione per favoreggiamento di immigrazione clandestina. Siamo al ventitreesimo posto nelle classifiche mondiali dei blog più frequentati. Ventitreesimo su diciotto milioni e mezzo di siti. L'unico italiano nei primi cento. La gente si fida, tutto qui. Nella vita ho sempre tenuto a quella che una volta si chiamava reputazione. E poi la gente si fida di un comico perché non si fida più di politici, manager, scienziati, giornalisti. Sente che è tutto morto, finito, la politica, il giornalismo. I politici non fanno più politica, vanno licenziati tutti.

13 Indifferentemente tutti. Rimettiamo le cose a posto. Prima si decide cosa bisogna fare e poi si scelgono le persone più adatte per realizzarle e allora vieni pagato ad obiettivo, come un dipendente Co.co.co. Li fanno venire qui a migliaia per tenerli a lavorare in nero, sottopagati e sfruttati. Allora io dico che la legge del 1840 che regolava la schiavitù in America era più giusta. Torniamo alla schiavitù, almeno chi si compra gli schiavi fa un investimento che deve proteggere, e quindi li tratta bene, li fa mangiare bene, gli dà un tetto decente. E' lo Stato che è diventato la mafia. La politica è stata corrotta dall'interno. Bisogna cominciare a vedere chi è il nemico. Nel v-day scorso, dell'8 settembre, non si sono incazzati tanto i politici, ma i giornalisti, questa casta di gente, la vera casta che c'è in Italia. Ve ne siete accorti, no? Migliaia di schiavi vergognosi, messi li a pecorina, a 90 gradi. Una cosa indegna. Era l'autunno del Testa d'asfalto regalava la pasta a un centinaio di pensionati in periferia di Milano. Fini e Casini lo avevano abbandonato. Una vecchia gloria sul viale del tramonto. Topo Gigio ha fatto il miracolo. Il suo primo atto politico è stato di riesumare una salma politica. Sembravano Garibaldi e Vittorio Emanuele II a Teano. Lo psiconano aveva un'aria incredula. Non poteva immaginare che i pidini fossero così coglioni. Questa è follia. Dopo l'indulto che ha liberato le carceri questo ex governo di imbelli, presuntuosi e deficienti fornisce ai criminali le informazioni sul reddito e l'indirizzo di casa dei contribuenti. Pagare le tasse così è troppo pericoloso, meglio una condanna per evasione fiscale che una coltellata o un rapimento. Il rapporto fiscale è tra il privato cittadino e lo stato e tale deve rimanere. Questo esecutivo è un governo illegale, incostituzionale, eletto senza voti di preferenza. Fatto di nani, ballerine, puttanieri e ruffiani. Se ne sono andati, forse non ci sono mai stati, non si sa cosa siano. C'è il Pdl, il Pd senza la elle. Sono tutti finiti. Dobbiamo prepararci ad una miseria a cui non siamo assolutamente abituati, ma che ci farà molto bene perché toglierà di mezzo tutti i bisogni inutili. È una grande opportunità. Siamo l'unico vero virus che attraversa la nostra Italietta scomparsa: forse perderemo oggi, ma le nostre idee sono quelle che vinceranno in futuro. Se darei a Internet il Nobel per la pace? Assolutamente si. Il web rovescia la piramide perché non esistono intermediazioni, non esistono poteri. In Rete, uno vale uno. La massa si informa e da stupida diventa intelligente. E quando la massa diventa intelligente non ha più bisogno di un leader che la comandi. Questo referendum è ignobile dal punto di vista dello Stato italiano. Uno Stato vivo, vero, uno stato che si definisca tale non avrebbe mai permesso di fare un referendum per dire o lavorate senza diritti o morite di fame. Questo è uno stato morto. Non parliamo poi della Fiat che è morta da dieci anni, venti, l'automobile è morta. La Fiat non deve fare più macchine. Le macchine erano già in crisi prima della crisi. Un automobile... guardiamola un attimo... perché le panda? A chi le venderanno? Non posso comprarmi cinque Panda per mantenere dei posti di lavoro che non servono a nessuno. Allora, si deve riconvertire una produzione, le macchine non si possono più fare. Signori! Italiani! Aprite gli occhi: Vieni via con me lo produce Endemol, e chi è Endemol? È Berlusconi. Il programma fa ascolti altissimi: quindi Berlusconi guadagna un sacco di soldi. Se aggiungiamo che Saviano non fa i nomi dei politici collusi, né in Lombardia né in Parlamento, è chiaro che poi il nano gode come un riccio. Dichiarazioni di Beppe Grillo riportate da: La Repubblica, 9 gennaio 1990; Al Castello di Venaria per la Festa della Quercia, riportato da La Stampa 27 giugno 1992; La Repubblica, 23 novembre 1993; Rai Uno, 2 dicembre 1993; Corriere della Sera, 9 novembre 1994; Corriere della Sera, 31

14 dicembre 1994; La Repubblica, 9 giugno 1995; La Stampa, 10 giugno 1995; La Repubblica, 2 ottobre 1996; Corriere della Sera, 30 marzo 1998; La Repubblica, 6 aprile 2000; Adnkronos, 18 luglio 2001; Avvenimenti, 30 novembre 2001; La Repubblica, 19 novembre 2003; La Stampa 26 novembre 2004; La Repubblica, 6 ottobre 2005; Adnkronos, 24 novembre 2005; Corriere della Sera, 22 agosto 2006; La Stampa, 8 settembre 2007; Il Sole 24 Ore, 1 gennaio 2008; Corriere della Sera, 15 aprile 2008; La Repubblica, 30 aprile 2008; Il Sole 24 Ore, 8 marzo 2009; Daily Wired, 27 gennaio 2010; SkyTg24, 23 giugno 2010; Beppe Grillo is back, riportato da Il Fatto Quotidiano, 20 novembre 2010]

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

UN DECRETO DA DIPORTO Di Giuliano Marrucci

UN DECRETO DA DIPORTO Di Giuliano Marrucci UN DECRETO DA DIPORTO Di Giuliano Marrucci MILENA IN STUDIO Per far ripartire la cantieristica da Agosto è stato tolta la tassa di possesso sulle barche fino a 14 metri e dimezzata quella fino a 20, proposta

Dettagli

COM E ANDATA A FINIRE: IL BOCCONE DEL PRETE Di Paolo Mondani

COM E ANDATA A FINIRE: IL BOCCONE DEL PRETE Di Paolo Mondani COM E ANDATA A FINIRE: IL BOCCONE DEL PRETE Di Paolo Mondani FUORI CAMPO Se scegli la via del denaro, alla fine sarai un corrotto. Non puoi servire Dio e il denaro. O l uno o l altro e questo non è comunismo.

Dettagli

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE Di Alberto Nerazzini MILENA GABANELLI IN STUDIO Di solito quando si è in difficoltà è sempre propositivo andare a vedere come sono organizzati gli altri, non necessariamente

Dettagli

Il dramma degli sfratti Disoccupazione alle stelle L indice della miseria Salviamo la democrazia Ed è fuga di capitali e non solo

Il dramma degli sfratti Disoccupazione alle stelle L indice della miseria Salviamo la democrazia Ed è fuga di capitali e non solo MoneyExpert.it Diario di Bordo 15 novembre 2012 s-pain Il dramma degli sfratti Disoccupazione alle stelle L indice della miseria Salviamo la democrazia Ed è fuga di capitali e non solo Per ora più sommersa

Dettagli

Questa non è una lezione

Questa non è una lezione Questa non è una lezione Sono appunti, idee su Internet tra rischi e opportunità. Che vuol dire non dobbiamo stare a guardare? È il Web 2.0... i cui attori siete voi Chi vi ha insegnato ad attraversare

Dettagli

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia 66 Silvio Berlusconi e la mafia LA BOMBA DI MANGANO Trascrizione della telefonata intercettata dalla Polizia, nella quale Berlusconi e Dell Utri parlano

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Target 2. (il cuore del problema dell Euro)

Target 2. (il cuore del problema dell Euro) Target 2 (il cuore del problema dell Euro) Il cuore del problema dell'euro è il "Sistema di Pagamenti Trans-europeo e Interbancario" indicato sinteticamente come "Target 2", in cui si accumulano saldi

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO Alle società di recupero crediti per piccole cifre, è normale che paghiamo noi le spese di notifica?

MILENA GABANELLI IN STUDIO Alle società di recupero crediti per piccole cifre, è normale che paghiamo noi le spese di notifica? LA CITAZIONE di Giulio Valesini MILENA GABANELLI IN STUDIO Alle società di recupero crediti per piccole cifre, è normale che paghiamo noi le spese di notifica? PRIMA OPERATRICE CALL CENTER Noi le stiamo

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 738 DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese Brasile Lo sapete che... Povertà e disuguaglianza provocano fame e malnutrizione. Il cibo ed altri beni e servizi essenziali da cui dipendono la sicurezza alimentare, la salute e la nutrizione - acqua

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore di Gianni Trovati19 maggio 2015 il sole 24 ore Un rimborso quasi integrale per le più basse fra le pensioni coinvolte dal blocco-monti appena bocciato dalla

Dettagli

27/11. Il Mattinale. Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Speciale Manifestazione. ore 18.00

27/11. Il Mattinale. Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Speciale Manifestazione. ore 18.00 Il Mattinale Roma, mercoledì 27 novembre 2013 27/11 ore 18.00 a cura del Gruppo Forza Italia-Pdl alla Camera Speciale Manifestazione Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Mentre

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO

MILENA GABANELLI IN STUDIO COME VA A FINIRE? Contanti saluti al nero aggiornamento del 15/4/2012 Di Stefania Rimini MILENA GABANELLI IN STUDIO Il 15 aprile scorso abbiamo proposto di ridurre drasticamente l uso del contante. Perché

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

Data: 26 Ottobre 2012 Snag

Data: 26 Ottobre 2012 Snag Data: 26 Ottobre 2012 Snag EDITORIA: GIORNALAI,NIENTE ACCORDO SU ABBONAMENTO IN EDICOLA SNAG, SINAGI, UILTUCS E USIAGI ABBANDONANO TAVOLO CON FIEG (ANSA) - ROMA, 26 OTT - Niente accordo tra i sindacati

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

5... nella sala d aspetto, per cortesia! A. Vada B. Vanno C. Anda D. Vade

5... nella sala d aspetto, per cortesia! A. Vada B. Vanno C. Anda D. Vade Italien Sujet proposé au concours S.E.S.A.M.E 2009 Partie 1 1. Sono... studenti italiani. A. la B. i C. gli D. li 2. Anna la vedo ogni giorno e... parlo dell Italia. A. lo B. le C. li D. la 3. Giovanni

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Mi faccia dire innanzitutto, che è davvero molto bello entrare in questa gigantesca tensostruttura

Dettagli

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 Il cantoniere di Cisterna, Roberto Massocco, ci ha portato un bel bidone

Dettagli

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA INTERVENTO DEL DR ANDREA MAZZEO PRESENTAZIONE Il mio compito è quello di parlarvi

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013 Classe II D Prof.ssa Daniela Simone PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Radio Kreattiva, web radio scolastica per la diffusione della cultura della legalità,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO Restiamo in Italia e parliamo del Fondo Italiano Investimenti, istituito, nato un anno e mezzo fa.

MILENA GABANELLI IN STUDIO Restiamo in Italia e parliamo del Fondo Italiano Investimenti, istituito, nato un anno e mezzo fa. FONDO ITALIANO Di Claudia Di Pasquale MILENA GABANELLI IN STUDIO Restiamo in Italia e parliamo del Fondo Italiano Investimenti, istituito, nato un anno e mezzo fa. DAL TG1 del 15/11/2010 Presentato oggi

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

Ogg: ZITTI ZITTI, SI PRENDONO L'ORO DELLA BANCA D'ITALIA...!

Ogg: ZITTI ZITTI, SI PRENDONO L'ORO DELLA BANCA D'ITALIA...! Ogg: ZITTI ZITTI, SI PRENDONO L'ORO DELLA BANCA D'ITALIA... OGGI, LUNEDI' 23 DICEMBRE 2013, IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANKITALIA SI ASSEGNERA' DEFINITIVAMENTE LE RISERVE AUREE DEGLI ITALIANI,

Dettagli

GIORGIO CIGNA - SEGRETARIO COMUNALE DI CAMUGNANO E CASTEL DI CASIO Sono Cigna Giorgio.

GIORGIO CIGNA - SEGRETARIO COMUNALE DI CAMUGNANO E CASTEL DI CASIO Sono Cigna Giorgio. CARI SEGRETARI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO Parliamo dei segretari comunali. tutti i comuni ne hanno uno. Ed è il dirigente più importante. Valuta la conformità dei provvedimenti amministrativi

Dettagli

Adozione nel 25 dicembre 2010 (mia mail a tutti gli utenti) Cari Amici, questi auguri contengono una bella notizia:

Adozione nel 25 dicembre 2010 (mia mail a tutti gli utenti) Cari Amici, questi auguri contengono una bella notizia: Associazione Canili Milano Onlus www.canilimilano.it Tel 338/83.60.753 e-mail info@canilimilano.it C/C BANCARIO Canili Milano BANCA SELLA IBAN IT 39 L 03268 01604 052847586490 CODICE FISCALE 974 6561 0158

Dettagli

Come tradare i segnali di Vivere di Forex. Maurizio Monti spiega agli abbonati le regole da seguire per i segnali di Vivere di Forex.

Come tradare i segnali di Vivere di Forex. Maurizio Monti spiega agli abbonati le regole da seguire per i segnali di Vivere di Forex. Versione 01.04 31.10.2011 Come tradare i segnali di Vivere di Forex Maurizio Monti spiega agli abbonati le regole da seguire per i segnali di Vivere di Forex. Premessa Cari Abbonati, Vivere di Forex pubblica

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

Lottare si ma sapendo come.

Lottare si ma sapendo come. Lottare si ma sapendo come. Vorrei che prima di commentare leggeste tutta la nota, perché arrivando a metà nota si può tranquillamente dire i cambiamenti ci sono le persone stanno cambiano e svegliandosi

Dettagli

Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro

Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro di Loretta Napoleoni Tratto dal: Fatto Quotidiano Fonte e link: http://movimentobaseitalia.altervista.org/debito-pubblico-chilo-ha-fatto-se-lo-pagasse/

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO!

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Domenica 31 Marzo 2013 QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Gesù è risorto e noi vogliamo risorgere con lui. GEREMIA 29:11 Dio dice io so i pensieri che medito per voi, pensieri di pace e non di male

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola MILENA GABANELLI IN STUDIO Buonasera, l inchiesta di oggi è dedicata al centro unico di spesa di tutti gli uffici pubblici: se invece di comprare una sedia ne compro mille

Dettagli

STUDIO CAMPESE AVVOCATI aderente a LEGALI.IT GUIDA NAZIONALE AVVOCATI ITALIANI

STUDIO CAMPESE AVVOCATI aderente a LEGALI.IT GUIDA NAZIONALE AVVOCATI ITALIANI Articolo pubblicato su La Voce del Foro. Rivista dell Ordine degli Avvocati di Benevento, numero 3/2006, pagine 184-187 (www.ordineavvocati.bn.it) ed in Spigolature della stampa forense. A cura di Guido

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

1 maggio, festa del lavoro sfruttato a Carrefour. Intervista a una lavoratrice.

1 maggio, festa del lavoro sfruttato a Carrefour. Intervista a una lavoratrice. Primo maggio, festa dei lavoratori, il Carrefour di Lucca rimane aperto. Abbiamo colto l occasione per intervistare una lavoratrice del supermercato e approfondire altri argomenti, tra cui la recente decisione

Dettagli

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 1024 www.freefoundation.com www.freenewsonline.it i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 17 maggio 2015 a cura di Renato

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

FRANCO DANIELI : NON C'E' CONTINUITA' CON LA POLITICA ESTERA DI BERLUSCONI di Silvia Garnero in collaborazione con http://www.italianosenamerica.

FRANCO DANIELI : NON C'E' CONTINUITA' CON LA POLITICA ESTERA DI BERLUSCONI di Silvia Garnero in collaborazione con http://www.italianosenamerica. FARONOTIZIE.IT Anno II - n 11 Febbraio 2007 Redazione e amministrazione: Scesa Porta Laino, n. 33 87026 Mormanno (CS) Tel. 0981 81819 Fax 0981 85700 redazione@faronotizie.it Testata giornalistica registrata

Dettagli

La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire

La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire Lo strano caso della ripresa economica irlandese 27/04/2014 Centro di Sviluppo Politico e Sociale CSPS Relatore: Presidente del CSPS, Dott. Diego

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

MANUALE MONEY MANAGEMENT

MANUALE MONEY MANAGEMENT 1 MANUALE MONEY MANAGEMENT BY SNIPERTRADING 2 Disclaimer Le opinioni qui espresse sono quelle dell autore e non sono da intendersi come un offerta o una sollecitazione alla vendita o all acquisto di strumenti

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

SPECIALE 2X1000. APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre!

SPECIALE 2X1000. APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre! SPECIALE 2X1000 APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre! PASSAPAROLA! Ti ricordiamo di indicare la quota del 2x1000 Irpef in favore di Forza Italia

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

I.C.PETRITOLI SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA DI MONTE GIBERTO

I.C.PETRITOLI SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA DI MONTE GIBERTO I.C.PETRITOLI SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA DI MONTE GIBERTO INSEGNANTI SCUOLA PRIMARIA:TESORATI LUISA E CIARROCCHI ANNA MARIA INSEGNANTI SCUOLA DELL INFANZIA: ANNA MARIA ISOLINI, PASQUALINI MARGHERITA

Dettagli

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo di Ilvio Pannullo Sembra quasi si nascondano. Le decisioni da prendere sono molto importanti e invece di condividere la responsabilità delle scelte con le popolazioni interessate, i governanti europei

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

DAILY REPORT 18 Agosto 2014

DAILY REPORT 18 Agosto 2014 DAILY REPORT 18 Agosto 2014 Ecco qua alcune tabelle per valutare il Sistema Italia, in un momento in cui vediamo i nostri Titoli di Stato comprati come non mai, quasi si intravedesse la luce in fondo al

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BORGHESI, MESSINA, MURA, FAVIA, DI GIUSEPPE, ZAZZERA, CIMADORO, PIFFARI, DI STANISLAO, PALADINI,

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli