Sorriso smagliante. Appunti di odontostomatologia. Con la gentile collaborazione del gruppo sbobina di Odontostomatologia: Cibarelli Francesca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sorriso smagliante. Appunti di odontostomatologia. Con la gentile collaborazione del gruppo sbobina di Odontostomatologia: Cibarelli Francesca"

Transcript

1 Sorriso smagliante Appunti di odontostomatologia Con la gentile collaborazione del gruppo sbobina di Odontostomatologia: Cibarelli Francesca D Aniello Roberta Granozio Giovanni Saraceno Federica 1

2 ANATOMIA DEL DENTE E DEL PARADONTO Le funzioni principali dei denti sono: - Triturazione degli alimenti, al fine di facilitarne il successivo processo digestivo; - Articolazione della parola, basti pensare che i denti sono i responsabili della produzione dei suoni delle consonanti dette dentali ; - Mantenimento dell estetica facciale. L elemento dentario è composto da una corona dentaria e da radici. Il punto di passaggio tra corona e radice viene detto colletto. Sia la corona che le radici sono costituite da tessuti diversi. Classicamente la corona è composta: - nella sua parte più esterna dallo smalto; - nello strato sottostante dalla dentina; - in profondità dalla cavità pulpare e dall asse vascolo-nervoso. La caratteristica peculiare dell elemento dentario è rappresentata dalla possibilità di essere sostituito mediante un elemento implantare: da ormai 40 anni abbiamo infatti a disposizione una struttura protesica, un impianto di metallo (titanio) che può essere inserito nell osso (osteointegrazione), e che opportunamente ricostruito, protesizzato, è in grado di vicariare l elemento dentario. L impianto è stato sviluppato in modo da poter essere il più simile possibile al dente, e infatti soffre anche delle stesse malattie di cui può soffrire il dente: non può soffrire di carie (essendo una struttura sintetica), ma soffre di malattia peri-implantare, che è l omologo della malattia parodontale. L abbiamo accennato ora per sottolineare che la peculiarità di questo sistema è appunto la connessione tra un esterno e un interno. Per esterno noi intendiamo la cavità orale, che è un ambiente settico fin dalla nascita; per interno intendiamo il sistema di supporto delle radici (o un sistema impiantare ad osteointegrazione in caso di sostituzione mediante un impianto) in cui ci deve essere assoluta assenza di batteri. 2

3 Pertanto ci deve essere un sistema di attacco molto efficace in grado di bloccare questi batteri, interrompendo questa continuità tra i due elementi. Le radici sono contenute in una cavità ossea detta alveolo e fissate a questa tramite il legamento alveolo dentario che va dal cemento alla parete interna dell alveolo o cortex alveolaris. La radice è composta da: - cemento radicolare; - dentina radicolare; - asse neuro-vascolare. Il cemento è una sostanza molto simile all osso, ma con una differenza fondamentale: non è un tessuto cambiale (che cambia continuamente, come l osso). Nell interfaccia di mantenimento, quindi, è presente da un lato un tessuto osseo, tessuto cambiale (in particolare l osso alveolare della mandibola e del mascellare superiore), e dall altro lato il cemento, tessuto non cambiale. Nell interfaccia tra i due è presente il legamento parodontale, o legamento alveolodentario (a livello dell articolazione alveolo-dentaria, o gonfosi). Il colore della corona è bianco-azzurro nei decidui e di un bianco tendente al giallo nei permanenti. Questa coloritura è dovuta all usura dello smalto e per aumentata mineralizzazione della dentina. In condizioni fisiologiche, il margine della gengiva è situato all altezza del colletto dentario. Tuttavia, vi sono delle condizioni patologiche, in cui si parla di: - gengiva ipertrofica, quando il colletto è posto più in basso; - gengiva in recessione quando il colletto è posto più in alto. Per corona clinica intendiamo quella parte della struttura dentaria posta al di sopra del margine gengivale in recessione. Le radici possono essere mono o pluriradicolari e hanno una forma diversa, caratteristica propria degli elementi dentari. Il cavo pulpare si estende dalla corona all estremità apicale della radice dove la polpa si continua attraverso il formane apicale, col fascio vascolonervoso del dente. Il cavo pulpare è delimitato dalla dentina. La dentina è presente sia nella corona, dove è rivestita dallo smalto, sia nella radice, dove è rivestita da cemento. Il cavo pulpare si divide in camera pulpare a livello della corona e in canale radicolare a livello delle radici. Il legamento parodontale ha varie funzioni: - innanzitutto come gli altri legamenti esso ha la funzione di mantenere bene il dente nella sua sede; - è inoltre un ammortizzatore, poiché serve a disperdere funzionalmente le forze occlusali (le sue fibre sono tutte disposte radialmente alle strutture radicolari quindi permette di assorbire le forze e ridistribuirle in modo più omogeneo su tutta la superficie ossea). 3

4 Questi due elementi non sono quelli fondamentali, come dimostra l implantologia. Gli impianti, infatti, non hanno il legamento parodontale ma non soffrono della mancanza di queste due caratteristiche. Grazie all osteointegrazione, infatti, si viene a creare un legame biochimico tra la superficie ossea e il biossido di titanio della superficie impiantare che riesce perfettamente a mantenere il dente in sede, nonostante l assenza del legamento parodontale. Inoltre anche senza il sistema di ammortizzazione del legamento parodontale gli impianti funzionano perfettamente (studi ci dicono che la sopravvivenza dell impianto a 10 anni arriva anche al %). La funzione fondamentale del legamento parodontale, invece, sta nel fatto di separare le due strutture, quella cambiale dell osso e quella non cambiale del cemento. In assenza di questa separazione infatti gli osteoclasti dell osso riassorbono anche il cemento, e non esistendo più (dopo l embriogenesi) i cementoblasti, le aree assorbite vengono riempite da osso. Si va incontro quindi a riassorbimento della radice dentaria e rizalisi, con perdita dell elemento dentario. L apice dentario della superficie radicolare è quello che viene attraversato dall asse neuro-vascolare, che va poi a costituire la polpa dentaria (volgarmente detto il nervo ), struttura fondamentale poiché la sintomatologia di patologie come carie o pulpiti viene trasmessa tramite questa terminazione nervosa. Le strutture che servono a mantenere l elemento dentario in sede sono le strutture parodontali ( circondanti l elemento dentario ). Esse sono quattro: osso alveolare, legamento parodontale, cemento radicolare e gengiva. Dei primi tre abbiamo già parlato. La gengiva è costituita dai tessuti molli parodontali. Essa può essere cheratinizzata o non cheratinizzata. Per definizione la gengiva è il tessuto disposto intorno all elemento dentario. Lo stesso tessuto, ma disposto intorno ad un elemento implantare assume il nome di mucosa masticatoria (nonostante sia identico alla gengiva). La gengiva è quindi quella mucosa che ricopre il processo alveolare ed il colletto dei denti. Distinguiamo: - gengiva libera o marginale: va dal margine gengivale alla base del solco gengivale fisiologico e circonda, senza essere adesa, il dente con il quale forma il solco gengivale fisiologico; - gengiva aderente: dalla base del solco gengivale fisiologico alla giunzione mucogengivale, aderisce al cemento del colletto ed all osso alveolare sottostante senza interposizione di uno strato adiposo. Il solco gengivale fisiologico è lo spazio virtuale che separa il dente dalla gengiva marginale o libera ed ha una profondità pari all altezza della gengiva marginale (0,5-2 mm). 4

5 Il cemento costituisce l apparato di attacco del dente all osso alveolare, insieme alle fibre parodontali. È costituito da tessuto mesenchimale calcificato che ricopre la superficie radicolare dei denti nel quale si inseriscono le fibre parodontali. Il cemento, come l osso alveolare, è attraversato dalle fibre di collagene del legamento parodontale, che assumono l aspetto di fibre di Sharpey calcificate che costituiscono il sistema di fibre estrinseche del cemento attraversandolo obliquamente. Le fibre intrinseche del cemento sono prodotte dai cementoblasti, sono parallele all asse lungo del dente e si incrociano con le prime. Il cemento è caratterizzato da una deposizione continua nel corso degli anni che ne aumenta lo spessore e non va incontro a riassorbimento. Il legamento parodontale va dal cemento alla cortex alveolaris. Sono quattro gruppi di fibre che vanno dal cemento cervicale alla cortex alveolaris: - dall alto in basso; - orizzontali; - oblique dal basso in alto; - periapicali con disposizione raggiata. Tali fibre hanno un decorso ondulante per assicurare al dente la sua mobilità fisiologica. Il legamento riceve innervazione dolorifica, tattile, pressoria e propriocettiva. L osso alveolare è costituito da: - corticale esterna; - osso spugnoso intermedio; - corticale interna a o cortex alveolaris. La lamina dura è perforata da numerosi canali di Volkmann, attraverso i quali i vasi e i nervi passano dall osso al legamento parodontale. CENNI DI EMBRIOLOGIA Gli elementi dentari originano dalla lamina dentaria (costituita da cellule mesodermiche), che si approfonda a ferro di cavallo nello stomodeo. Queste cellule vanno a costituire la primitiva papilla dentaria, che poi si trasformerà nella cosiddetta campana di Williams, a forma appunto di campana, che avvolge la parte embriologica della polpa dentaria. Le radici quindi crescono intorno alla struttura vascolo-nervosa, e si chiudono con l apice radicolare intorno ad essa (non è la struttura vascolo-nervosa a penetrare nell elemento dentario!). NOMENCLATURA 5

6 E fondamentale per poter descrivere i danni subiti dagli elementi dentari ad esempio in caso di incidente al pronto soccorso (per motivi medico-legali). Abbiamo diversi tipi di nomenclature. Un primo metodo, secondo l OMS, prevede: - Innanzitutto una suddivisione in arcata superiore (mascellare) e arcata inferiore (mandibolare); - Un ulteriore suddivisione di ogni arcata in un lato destro e uno sinistro; - Un sistema di numerazione di ogni dente secondo il quale il numero 1 è assunto dall incisivo centrale (l incisivo laterale assume il numero 2, il canino il numero 3, e così via). Un secondo metodo prevede l identificazione di ogni elemento dentario con un numero di due cifre. Il primo numero corrisponde a quello del quadrante. Il primo quadrante per convenzione è il superiore di destra. Si procede poi in senso orario (superiore di sinistra, inferiore di sinistra e inferiore di destra). Il secondo numero sarà invece quello proprio di ogni elemento dentario. Discorsivamente, invece, gli elementi dentari saranno indicati come: incisivo centrale, incisivo laterale, canino, primo e secondo premolare, primo, secondo e terzo molare (specificando l arcata e il lato). Nel nord America invece abbiamo un altro tipo di numerazione, che indica gli elementi dentari con un numero da 1 a 32 seguendo sempre il senso dei quadranti (dal superiore destro in senso orario fino all inferiore destro). Questo può creare una serie di problemi nell interpretazione dei referti, poiché ad esempio, parlando del dente numero 12 potremmo riferirci sia all incisivo laterale di destra dell arcata superiore (nomenclatura europea), sia al primo premolare di sinistra dell arcata superiore (nomenclatura americana). ORIENTAMENTO DEI PUNTI NELLO SPAZIO Oltre alla nomenclatura dei singoli elementi dentari dobbiamo stabilire i punti cardinali ai quali ci riferiamo per orientarci. Non parliamo infatti di alto o basso (concetti relativi, quando parliamo dei denti, a causa della presenza di un arcata superiore e una inferiore). 6

7 Parliamo invece di coronale (facendo riferimento alla corona) e di apicale (facendo riferimento all apice radicolare), concetti oggettivi. Inoltre mentre in anatomia parliamo mediale, qui parleremo di mesiale, riferendoci a tutto quello che è orientato verso la linea mediana (quella che passa tra i due incisivi superiori e i due incisivi inferiori). La linea mediana dal punto di vista estetico e funzionale, in ortodonzia, andrebbe allineata con la glabella. E possibile avere una linea mediana (o linea inter-incisiva) spostata in toto da un lato o dall altro ma allineata perché gli incisivi centrali superiori e inferiori sono in asse tra loro, ma non con il profilo del volto, ovvero con la linea passante per la glabella e le apofisi geni mandibolare. Se invece la linea mediana è allineata col profilo del volto parliamo di linea mediana centrale. Tutto quello che si avvicina alla linea mediana è mesiale, mentre tutto quello che vi si allontana è detto distale. Abbiamo infine un linguale, un palatale, e un vestibolare (o buccale). 7

8 DENTIZIONE DECIDUA E composta soltanto da 10 elementi ad arcata: incisivi centrali, incisivi laterali, canini, primi e secondi molari decidui. Questi denti decidui occupano lo spazio per solamente alcuni denti permanenti (fino ai due premolari), anche se il diametro mesio-distale dell arcata decidua è maggiore rispetto allo spazio poi occupato da questi denti permanenti. Questo accade perché il primo molare permanente che erompe distalmente ai molari da latte, ha così una spazio di deriva (leewayspace) grazie al quale può migrare, dopo che siano sovvenuti i due premolari permanenti, scivolando fino a serrare tutti gli spazi rimasti. Nomenclatura dei denti decidui In questo caso i quadranti sono 5, 6, 7 e 8, seguendo la solita disposizione in senso orario (dal quadrante superiore destro all inferiore destro). Come nella dentizione permanente, il numero del quadrante sarà seguito dal numero del dente in questione (dall 1 al 5). TEMPISTICA DI ERUZIONE I tempi di eruzione dei denti sono estremamente variabili (come si è constatato negli ultimi decenni grazie all aumento del campione valutato: cento anni fa si riteneva che i tempi fossero molto più definiti a causa della povertà dei dati in possesso dei dentisti). Ad ogni modo in ordine di tempo gli elementi che entrano nell arcata dentaria decidua sono: 8

9 - gli incisivi centrali inferiori; - gli incisivi laterali inferiori contemporaneamente agli incisivi centrali superiori; - gli incisivi laterali superiori; - i primi molari; - i canini; - i secondi molari. Il canino è un elemento che entra sempre un po in ritardo nella dentatura, nonostante sia centrale. La sostituzione dei denti da latte con quelli permanenti inizia intorno ai 6-7 anni, con gli incisivi centrali inferiori. In realtà però, il primo dente permanente ad erompere (sia in arcata inferiore che in arcata superiore) è il primo molare, elemento di cui solitamente la madre non si accorge proprio perché non è preceduto dalla caduta di un dente da latte. E molto importante conoscere questo soprattutto dal punto di vista della prevenzione della carie (spesso i genitori non si preoccupano delle carie dei denti da latte dei bambini, e qui c è il rischio che carie anche molto avanzate del primo molare permanente vengano sottovalutate). Il primo molare erompe distalmente all ultimo deciduo, all età di 6-7 anni, più o meno alla stessa età in cui avviene la permuta degli incisivi centrali inferiori. Una delle domande più frequenti da parte dei genitori a tal riguardo è gli incisivi inferiori del bambino stanno erompendo interiormente, deve fare ortodonzia?. La risposta è si, e prima viene incominciata l ortodonzia e meglio è. Inoltre è un ortodonzia molto semplice. Successivamente erompono gli incisivi centrali superiori, poi in ordine: incisivi laterali inferiori, incisivi laterali superiori, canini inferiori, premolari, canini superiori. All età di 13 anni erompono poi i secondi molari e 9

10 infine intorno ai 18 anni (ma con una grandissima variabilità temporale) erompono i terzi molari. Movimenti eruttivi Durante il processo di eruzione dentaria distinguiamo tre movimenti: - pre-eruttivi; - eruttivi; - post-eruttivi. I movimenti pre-eruttivi sono movimenti preparatori destinati a collocare i denti in posizione più favorevole ai successivi movimenti eruttivi in direzione occlusale. I movimenti eruttivi sono quei movimenti con i quali i denti migrano dall interno delle ossa fino al piano occlusale. Tali movimenti possono essere dovuti a 4 meccanismi: - per progressivo sviluppo delle radici; - per pressione vascolare; - deposizione e riassorbimento selettivo del tessuto osseo che circonda il dente; - trascinamento del dente in direzione occlusale da parte delle cellule o delle fibre del legamento parodontale. I movimenti post-eruttivi sono compiuti dal dente dopo che esso ha raggiunto la sua posizione funzionale sul piano occlusale. Tali movimenti compensano la crescita dei mascellari, la continua usura occlusale e l usura interprossimale. La corretta eruzione dei denti permanenti è direttamente collegata alla perdita dei decidui corrispondenti. La pressione del dente permanente in eruzione determina il riassorbimento radicolare del dente deciduo ad opera degli odontoclasti. TEMPISTICA DI FORMAZIONE La corona dentaria in realtà si forma molto prima rispetto all epoca di eruzione. E importantissimo considerare questo elemento nella valutazione delle alterazioni, anche solo cromatiche, dell elemento dentario che possono verificarsi in seguito: - all utilizzo di tetracicline, che può causare delle strie caratteristiche; - all ipersomministrazione di fluoro, che dà luogo alla cosiddetta fluorosi dentale : Avviene in seguito alla continua assunzione di acque troppo ricche di fluoro, e provoca la comparsa di caratteristiche strie sull elemento dentario. Questo era un fenomeno molto tipico intorno agli anni 40 e 50 nell area vesuviana, mentre oggi è pressoché scomparso; - a patologie sistemiche sia genetiche che acquisite che vanno ad interferire con la formazione strutturale dei vari componenti dell elemento dentario (ad esempio la amelogenesi imperfetta, o la dentinogenesi imperfetta ). 10

11 Queste alterazioni non sono sovrapposte all epoca di eruzione dell elemento dentario ma all epoca di formazione (somministrando la tetraciclina a un bambino di 6 anni non dovremo aspettarci alterazioni degli incisivi centrali inferiori: avremo queste alterazioni se il bambino aveva assunto il farmaco anni prima, quando quei denti si stavano formando!). Dopo la corona dentaria si formano le radici, che sviluppandosi pian piano dal basso, fanno erompere l elemento dentario, imprimendo la cosiddetta spinta eruttiva. 11

12 ANOMALIE DENTARIE Per anomalie dentarie, si intendono ogni alterazione dell aspetto esterno, della struttura interna o della topografia di uno o più denti decidui o permanenti, derivante da un disturbo che può essere geneticamente determinato, congenito o acquisito. Tra le anomalie dentarie abbiamo un primo gruppo che include: anomalie di numero, di volume, di forma, di sede, di posizione e di eruzione. Un secondo gruppo invece include anomalie di sviluppo e struttura di origine genetica o acquisita. I fattori che possono intervenire durante l odontogenesi ad alterare il normale sviluppo dentario sono: - fattori di ordine generale: ereditarietà, costituzione, agenti chimici, malattie infettive, ecc ; - fattori di ordine locale: traumi, interventi chirurgici sui mascellari, processi infettivi, disarmonie dento-basali, squilibri muscolari ed abitudini viziate. Anomalie di numero:iperdonzie Nelle anomalie di numero abbiamo iperdonzie e ipodonzie (numero maggiore o inferiore di denti). A tal proposito abbiamo una iperdonzia falsa quando vi è la persistenza dell elemento dentale deciduo che simula un iperdonzia. Ciò avviene quando l elemento permanente erompe in un altra sede: la perdita dell elemento deciduo, infatti, è data dal riassorbimento della radice dell elemento deciduo da parte del follicolo dentario dell elemento permanente man mano che cresce dalla zona apicale. Se l elemento permanente erompe in un altra zona, quindi, non è in grado di riassorbire la radice dell elemento deciduo, che in questo modo, non cade, persistendo nell arcata (bisognerà estrarlo). La vera iperdonzia, invece, si ha quando è presente un vero e proprio elemento dentario in più, per un anomalia a livello embriologico: la papilla dentaria si è divisa e ha dato origine a un altro elemento. Un iperdonzia classica è il mesiodens, cioè un abbozzo di elemento dentario di forma conoide che è posizionato al centro dei due incisivi centrali superiori. 12

13 Molto spesso la sua posizione è palatale, quindi l approccio per la rimozione chirurgica sarà palatale. E tuttavia una struttura che non dà problemi nel tempo, e quindi può essere mantenuta a lungo. Abbiamo poi invece situazioni con numerosi denti soprannumerari che non possono quindi essere ospitati in arcata, associate molto spesso a sindromi importanti che coinvolgono lo scheletro (es: disostosi cleidocranica). Quindi, le iperdonzie possono essere dovute a: - denti supplementari: ripetono la forma e la funzione del dente contiguo; - denti soprannumerari: risultano atipici, più piccoli e rudimentali (mesiodens, paramolare e distomolare). Tali alterazioni prediligono la mascella superiore e la diagnosi si effettua con esame clinico e radiografia che mette in evidenza anche gli eventuali denti inclusi. Tra le cause genetiche di iperdonzia bisogna ricordare la disostosi cleidocranica. La disostosi cleido-cranica è una malattia ereditaria autosomica dominante con iperdontia eclatante di denti permanenti associata a: - ipoplasia di una o entrambe le clavicole; - ritardo di ossificazione delle suture craniche con abnorme crescita del neurocranio. La terapia è chirurgica con eliminazione degli elementi dentari in sovrannumero. Anomalie di numero in difetto Allora, parleremo di: - anodontia quando vi è l assenza di tutti gli elementi dentari e viene distinta in agenodontia quando mancano tutti i decidui e ablastodontia quando a mancare sono tutti i permanenti; - oligodontia quando il numero dei denti è minore alla metà; - ipodontia quando il numero degli elementi dentari è compreso tra la metà ed il numero normale, in questo caso per i decidui si parla di atelegenodontia, per i permanenti di ateleblastodontia. Parliamo di agenesie quando vi è una mancanza reale o apparente dell elemento dentario: reale quando l elemento dentario manca effettivamente, apparente quando l elemento dentario non è visibile ma c è, ovvero quando vi è una ritenzione (anomala eruzione). Quando vi è agenesia del deciduo, automaticamente avremo anche agenesia del permanente. Non è vero però il contrario: è possibile che il deciduo si sviluppi, ma il permanente no. Quindi o si ha un numero di cellule alterato, o è la posizione ad essere anomala. Per quanto riguarda la frequenza con la quale si presentano queste anomalie, in generale a livello del mascellare superiore si verifica più frequentemente l agenesia dell incisivo 13

14 laterale, poi del terzo molare e poi del secondo premolare. A livello della mandibola invece gli elementi dentari più frequentemente interessati sono i terzi molari e poi i secondi premolari (agenesie reali). Per quanto riguarda le agenesie apparenti (ritenzioni o inclusioni dentarie) sia a livello del mascellare superiore che a livello della mandibola gli elementi dentari più frequentemente implicati sono i terzi molari, poi il canino e poi il secondo premolare. La caratteristica degli elementi dentari implicati (incisivi laterali e canino, secondi premolari, terzi molari) è quella di essere gli elementi terminali, distali, della fila. Questo ha una sua logica in quanto questi elementi possono o trovare lo spazio eruttivo occupato (più frequente nel terzo molare, a causa della sua tempistica di eruzione) e ciò avviene raramente, oppure, molto più facilmente, essendo quell elemento il terminale della fila, cioè l ultima papilla dentaria che si stacca da ogni gruppo, facilmente la sua posizione può risultare anomala. Le inclusioni dentarie possono essere dovute a: - la presenza di un ostacolo nel canale di eruzione, ad esempio un tumore benigno; - un inclinazione della papilla dentaria, che causa la formazione dell elemento dentario secondo un asse alterato (ad esempio, orizzontale). In questo caso la causa può essere correlata a una lesione traumatica subita in età infantile che ha provocato lo spostamento della papilla; oppure la causa può essere di tipo infettivo (ascesso a carico dei denti decidui). A causa di questa inclinazione acquisita il dente in formazione prende in questo modo la strada sbagliata e nel momento in cui la radice si sarà formata (apice radicolare) arresterà la sua progressione. Radiograficamente si parla di chiusura degli apici radicolari: quando ciò avviene significa che non c è più spinta eruttiva e pertanto il dente non eromperà più. Ritornando alle anomalie di numero in difetto, l eziologia è da ricercare in: - evoluzione della razza, infatti vi sono denti che durante l evoluzione vanno scomparendo; - ereditarietà; - disendocrinie, soprattutto patologie tiroidee ed ipofisarie; - distruzione del germe, per traumi, osteomielite, ecc. La diagnosi si effettua con un Rx che permette di distinguere l agenesia di un elemento dentario dalla sua inclusione. Infine, anomalie di elementi dentari in difetto si hanno anche nella displasia ectodermica, caratterizzata da anomalie di alcuni organi o apparati di derivazione ectodermica. Distinguiamo due forme: 14

15 - displasia ectodermica anidrotica o D.E.A., rara, X-linked; - displasia ectodermica idropica o D.E.I., più frequente, autosomica dominante. Anomalie di sede In questo caso vi è la mancanza dei normali rapporti topografici che un elemento dentario ha con la sua sede abituale. I possibili fattori etiopatogenetici sono: - anomala posizione originaria del germe dentario; - mancanza di uno spazio in arcata per deciduo che permane oltre i limiti fisiologici di permuta; - perdita precoce di un deciduo con perdita dello spazio per il permanente corrispondente; - difettoso rapporto proporzionale tra la porzione ossea basale e la porzione dentoalveolare delle ossa mascellari (disarmonia dento-basale). Vi sono differenti tipi di anomalie di sede: - ectopia: l elemento dentario è situato vicino alla sede abituale, in posizione vestibolare, linguale o palatina; - trasposizione: due denti contigui invertono in modo reciproco la loro posizione; - eterotopia: elemento etero topico situato in sede lontana da quella abituale. Se si trova al di fuori del cavo orale si parlerà di migrazione. Anomalie di posizione Presenza di elementi dentari che, pur occupando la propria sede abituale, si collocano in arcata con deviazioni assiali dirette nelle tre direzioni dello spazio. Quindi parleremo di: - versione: inclinazione di un dente verso il lato vestibolare o palatino, in avanti o mesio-versione o indietro o disto-versione; - inversione: posizione del dente invertita, con la radice verso la cresta alveolare e la corona verso la base dell alveolo, si accompagna costantemente ad inclusione; - rotazione: il dente ruota attorno il suo asse longitudinale; - intrusione: la corona del dente si presenta su di un piano più basso rispetto al piano occlusale; - estruzione: il margine coronale è situato più in alto rispetto al piano occlusale, spesso per mancanza dell elemento dentario antagonista dell arcata opposta. Anomalie di forma Possono essere a carico della corona, con cuspidi accessorie, delle radici e dell endodonto. 15

16 Anomalie di volume Distinguiamo: - gigantismo o macrodontia; - taurodontismo: dente con corona ampia, radici brevi, camera pulpare estesa, senza il fisiologico restringimento, fino all apice pulpare; - nanismo o microdontia. Anomalie di sviluppo In alcuni casi, vi possono essere delle anomalie durante lo sviluppo che possono determinate delle modificazioni del normale aspetto del dente: - perla dello smalto: piccola escrescenza tondeggiante, in prossimità del colletto vicino la giunzione smalto cementizia; - fusione: tra due denti e può interessare tutto il dente o solo singole parti; - geminazione: suddivisione incompleta del germe dentario; - concrescenza: fusione delle radici per noxa intervenuta tardivamente; - dens in dente o dente invaginato: sviluppo di una parte del dente all interno di un altro dente. Anomalie di struttura Le anomalie di struttura sono il risultato di disturbi che hanno coinvolto l elemento dentario durante la fase di mineralizzazione, con conseguente anomalia dello smalto, della dentina o di entrambi. Sono causate da: - carenze vitaminiche; - alterazioni ormonali; - malattia esantematiche come morbillo e varicella; - tossici esogeni; - fattori genetici. Tra le anomalie dello smalto vi è l Amelogenesi Imperfetta in cui si ha uno sfaldamento di questa struttura. Viene ereditata come tratto autosomico-dominante. Sicuramente, le anomalie più importanti sono quelle dovute a fattori tossici esogeni. La fluorosi è causata dall assunzione di fluoro a concentrazioni superiori a 16

17 1,5-2 ppm durate l istogenesi dei tessuti duri del dente, specie dei pemanenti. I denti appaiono dicromici con una superficie screziata. La somministrazione di tetracicline può determinare pigmentazioni antiestetiche ed indelebili dei tessuti dentari. Vi sono bande giallo chiare o giallo brunastre. È causata da somministrazione di tetracicline a dosi elevate alle donne nell ultimo trimestre di gravidanz a o al bambino nei primi anni di vita. L ipoplasia da radioterapia è caratterizzata da erosioni giallo brunastre sulla parete vestibolare con progressivo avanzamento verso i tessuti profondi fino a creare crateri simil cariosi. 17

18 PATOLOGIE DELL ERUZIONE Per quanto riguarda la patologia dell'eruzione, distinguiamo: - anomalia del tempo di eruzione; - inclusioni dentarie; - disodontiasi del terzo molare. Anomalie del tempo di eruzione Per anomalie del tempo di eruzione si intende la disinclusione in cavità orale dell elemento dentario in epoca non fisiologica, precoce o tardiva. Ciò può essere dovuto a fattori causali locali o generali. Tra i fattori causali locali vi sono: - formazione iniziale del germe precoce o tardiva; - sviluppo del germe rapido o lento rispetto al fisiologico; - situazione del germe dentario rispetto al futuro piano occlusale (profonda o superficiale). I fattori causali generali riguardano turbe endocrine e vitaminiche che interferiscono con lo sviluppo dei tessuti mineralizzati dell organismo. Se un elemento dentario erompe sull arcata alcuni anni dopo il limite massimo fisiologico consentito per la sua eruzione, tale elemento dentario, in questo lasso di tempo, va considerato come incluso. Soltanto ad eruzione avvenuta esiste la constatazione di un eruzione ritardata. Inclusioni dentarie Distinguiamo un inclusione patologica ed un inclusione fisiologica. Nell inclusione patologica vi è la mancata eruzione in cavità orale di un elemento dentario oltre i limiti di tempo per la sua fisiologica eruzione. Nell inclusione fisiologica vi è la normale presenza nei mascellari di un elemento dentario prima dell epoca fisiologica della sua eruzione nel cavo orale. Dal punto di vista clinico, vi è l assenza di un dente sull arcata dentaria sia in inclusione patologica che fisiologica e all Rx, nell inclusione patologica vi è il dente incluso completamente sviluppato, mentre in quella fisiologica si nota solo la corona che già è sviluppata e calcificata. L inclusione può interessare sia i decidui che i permanenti e può essere: - completa: suddivisa in endossea, con il dente completamente incluso nelle ossa mascellari, e osteo-mucosa, nella quale il dente supera in parte il limite alveolare e viene ricoperto dai tessuti molli; - incompleta: il dente si presenta in cavità orale con una parte della sua corona. 18

19 Inoltre possiamo distinguere in: - totalmente incluso: il sacco pericoronarico del dente non comunica con la cavità orale; - parzialmente incluso: il sacco pericoronarico, non più integro, presenta una comunicazione col cavo orale. Per l eziopatogenesi distinguiamo: - Cause legate al germe dentario: lontananza dalla sede di eruzione: la gemma dentaria è posizionata più distalmente e gli apici radicolari si chiudono prima che il dente possa erompere; Ritardi dello sviluppo; Posizione anomala; Fusione di elementi dentari vicini. - Cause legate al dente: Macrodonzia (situazione molto rara); Anomalie radicolari; Anomalie di posizione che il dente può assumere nel suo cammino eruttivo. - Cause legate ai tessuti circostanti: Persistenza dei decidui; Mancanza di spazio; Flogosi; Tumori; Cisti. - Cause di ordine generale: Fattori ereditari; Deficit nutrizionali (nella nostra società molto rari); Infezioni; Turbe endocrine. Gli elementi dentari che restano più facilmente inclusi sono gli ultimi elementi di orgni gruppo o meglio gli ultimi denti ad erompere in ciascun settore. L inclusione pura di un elemento dentario in assenza assoluta di qualsiasi complicanza non è da considerarsi una malattia vera e propria (portatori asintomatici di inclusione). Le principali Complicanze delle inclusioni dentarie sono: - complicanze meccaniche: i denti inclusi possono provocare malposizione dei denti già erotti con conseguenti diastemi, rotazioni e versioni. La pressione esercitata da un elemento dentario incluso sulle radici o sul colletto dei denti vicini può provocare rizalisi,ulcerazioni da decubito con carie secondaria; - Complicanze nervose: disturbi a distanza di origine riflessa su plesso cervicale,brachiale,intercostali,precordiali (il trigemino è altamente reflessogeno, con sintomatologia nevralgica del territorio della II o III branca del trigemino, dolore localizzato alla sede dell inclusione); 19

20 - Complicanze infettive: pericoronarite o infiammazione del sacco pericoronario. Può avvenire per via ematogena o per trauma che lede il sacco. L infezione è a carico dei germi presenti nel cavo orale. Possono dar luogo ad ascessi, flemmoni, sinusiti mascellari ecc.; - Complicanze generali: l elemento incluso può rappresentare un focus per una sindrome focale a distanza con varie manifestazioni (endocardite); - Complicanze displastiche: cisti follicolari. La diagnosi si effettua con l esame obiettivo, che mostra l assenza di un elemento dentario e l Rx (diagnosi definitiva). Per quanto riguarda la terapia abbiamo varie scelte operative: - non intervenire in assenza di complicanze, controlli periodici; - rimuovere e autotrapiantare il dente incluso qualora esista sull arcata uno spazio sufficiente; - rimuovere il dente incluso; - recuperare funzionalmente il dente incluso. Disodontiasi del terzo molare La mancanza di spazio riguarda (come già detto) soprattutto i terzi molari inferiori, questo a causa della tempistica di eruzione. Questo perché il secondo molare erompe intorno ai 12 anni, e bisogna quindi aspettare i 18 anni prima che il terzo molare erompa: in questo gran lasso di tempo tutti i giochi sono già fatti ed è per questo che questi elementi possono facilmente trovare il parcheggio occupato. Inoltre, il percorso di eruzione del terzo molare è molto particolare, e prende il nome di Curva di Capdepont. Questo perché il nucleo di crescita della mandibola, facendo crescere la mandibola cranialmente, trascina con sé la papilla dentaria del terzo molare. Il terzo molare in formazione viene quindi trascinato distalmente e cranialmente, e per erompere deve descrivere una curva (Curva di Capdepont). Essendo quindi già poco lo spazio di eruzione (spazio compreso tra il secondo molare e la branca montante della mandibola), nel suo percorrere la curva il terzo molare può andare a scontrarsi contro le radici del secondo molare interrompendo quindi il suo percorso (esempio di inclusioni orizzontali del terzo molare), oppure può cominciare a sterzare molto più presto, esagerando la curva (disto-versioni del terzo molare). Tutto ciò è causato dalla mancanza di spazio correlata alla tempistica di eruzione. Ovviamente tutto ciò è dovuto alla spinta selettiva dell evoluzione: i nostri antenati (10 milioni di anni fa ) avevano 4 molari, oggi noi ne abbiamo 3 e forse saremo destinati ad averne di meno. Questo a causa della diversa alimentazione: attualmente noi facciamo un tipo di alimentazione per cui la masticazione necessita in realtà solo di pochi elementi 20

Igiene e cura dei denti

Igiene e cura dei denti Igiene e cura dei denti Capitolo 3 La salute della bocca La nostra bocca (cavo orale) è un sito anatomico riccamente abitato da microrganismi, che insieme formano un complesso e delicato ecosistema in

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

DR. MARIO BUCCIARELLI MEDICO DENTISTA DANILO AVOLIO MEDICO DENTISTA

DR. MARIO BUCCIARELLI MEDICO DENTISTA DANILO AVOLIO MEDICO DENTISTA 1 DR. MARIO BUCCIARELLI MEDICO DENTISTA Denti e dentizioni DANILO AVOLIO MEDICO DENTISTA 2 A seconda della loro morfologia distinguiamo quattro tipi di denti: - Gli incisivi - I canini - I premolari -

Dettagli

Gengivite e parodontite

Gengivite e parodontite Gengivite e parodontite Opuscolo informativo per il paziente La malattia parodontale (chiamata anche parodontite, parodontosi, piorrea, parodontopatia) è una infezione batterica che colpisce il parodonto,

Dettagli

Numero Libretto sanitario Pediatrico. codice sanitario. cognome. nome. nato/a a. data di nascita. indirizzo. telefono. variazioni di indirizzo

Numero Libretto sanitario Pediatrico. codice sanitario. cognome. nome. nato/a a. data di nascita. indirizzo. telefono. variazioni di indirizzo Numero Libretto sanitario Pediatrico codice sanitario cognome nome nato/a a data di nascita indirizzo telefono variazioni di indirizzo Indicazioni generali sulle problematiche odontoiatriche dell età evolutiva

Dettagli

PAS Percorsi Abilitanti Speciali DM 58/2013

PAS Percorsi Abilitanti Speciali DM 58/2013 PAS Percorsi Abilitanti Speciali DM 58/2013 Il docente di Laboratorio "Esercitazione in Odontotecnica concorre a far conseguire allo studente, al termine del periodo quinquennale di istruzione professionale

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

Guida all Igiene Dentale

Guida all Igiene Dentale Guida all Igiene Dentale Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati I DENTI La bocca o cavità orale è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide con

Dettagli

Premesse Il trattamento ortodontico può diventare una fonte di rischio quando non è stata elaborata una corretta diagnosi. La diagnosi ortodontica è

Premesse Il trattamento ortodontico può diventare una fonte di rischio quando non è stata elaborata una corretta diagnosi. La diagnosi ortodontica è Premesse Il trattamento ortodontico può diventare una fonte di rischio quando non è stata elaborata una corretta diagnosi. La diagnosi ortodontica è la formulazione di ipotesi in modo sistematico, diretto

Dettagli

Nome... Cognome... Classe... Data...

Nome... Cognome... Classe... Data... Unità 1 - Gnatologia 01 È chiamata gnatologia: A la scienza che si occupa della fisiologia del sistema masticatorio, dei suoi disturbi funzionali e delle terapie necessarie alla loro eliminazione. B la

Dettagli

I traumi della bocca: l essenziale da sapere

I traumi della bocca: l essenziale da sapere I traumi della bocca: l essenziale da sapere 15 Convegno Pediatrico Congresso Nazionale di Pediatria Pratica Firenze, 12-13 Novembre 2010 Dr.ssa Laura Bartolozzi Epidemiologia La traumatologia oro-facciale

Dettagli

l Ortodonzia Paziente per il informazioni e spiegazioni

l Ortodonzia Paziente per il informazioni e spiegazioni l Ortodonzia informazioni e spiegazioni per il Paziente Giovanna Perrotti si dedica in maniera esclusiva all ortodonzia, in stretta collaborazione con le altre figure professionali dell odontoiatria e

Dettagli

Capitolo 3. COMPARAZIONE TRA PERIMPiANTO E PERIODONTO. a cura di Vittoria Perrotti

Capitolo 3. COMPARAZIONE TRA PERIMPiANTO E PERIODONTO. a cura di Vittoria Perrotti Capitolo 3 - Comparazione tra PERIMPiANTO E periodonto Capitolo 3 COMPARAZIONE TRA PERIMPiANTO E PERIODONTO a cura di Vittoria Perrotti 33 Implantologia Pratica Introduzione La stabilità a lungo termine

Dettagli

Un sorriso da salvare

Un sorriso da salvare R O T A R Y I N T E R N A T I O N A L Service Above Self He Profits Most Who Serves Best DISTRETTO 2110 SICILIA E MALTA - ROTARY CLUB COSTA GAIA Un sorriso da salvare Progetto prevenzione della carie dentale

Dettagli

IGIENE DENTALE E PREVENZIONE

IGIENE DENTALE E PREVENZIONE IGIENE DENTALE E PREVENZIONE Dispensa n.3 Introduzione Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l origine di molte patologie organiche sono dovute ai rapidi cambiamenti dello stile di vita

Dettagli

Ruolo dell alimentazione nello sviluppo dell apparato stomatognatico

Ruolo dell alimentazione nello sviluppo dell apparato stomatognatico Il bilancio di salute orale ortopedodontico Formazione dei pediatri di famiglia Termoli (CB), 1 dicembre 2007 Ruolo dell alimentazione nello sviluppo dell apparato stomatognatico CRESCITA rimodellamento

Dettagli

Vademecum informativo per il paziente ad esclusivo uso interno

Vademecum informativo per il paziente ad esclusivo uso interno Vademecum informativo per il paziente ad esclusivo uso interno Gentile paziente, siamo lieti di presentarle questo vademecum informativo, sperando Le possa essere di aiuto per una migliore conoscenza dei

Dettagli

NEORMAZIONI CISTICHE DEI MASCELLARI

NEORMAZIONI CISTICHE DEI MASCELLARI NEORMAZIONI CISTICHE DEI MASCELLARI CISTI: una cavità patologica rivestita da epitelio PSEUDOCISTI: una cavità patologica non rivestita da epitelio Neoformazione cistica asportata Cisti Odontogene C.O.

Dettagli

Diagnosi Ortodontica - Il "check-up" Ortodontico

Diagnosi Ortodontica - Il check-up Ortodontico Diagnosi Ortodontica - Il "check-up" Ortodontico Articolo a cura di: Alberto Gentile / Impaginazione a cura di: Mile Sito web: www.albertogentile.it Per impostare un corretto piano di trattamento ortodontico

Dettagli

Vocaboli utili parlando di denti:

Vocaboli utili parlando di denti: Simona Minozzi Divisione di Paleopatologia, Storia della Medicina e Bioetica Dipartimento di Oncologia, dei Trapianti e delle Nuove Tecnologie in Medicina Università di Pisa I denti rappresentano il tessuto

Dettagli

Prevenzione della carie dentaria

Prevenzione della carie dentaria Studio Medico Dentistico Prestigiacomo s.n.c. Via B. Mattarella, 30 90011 Bagheria (Pa) Tel. 091.903448 Cell. 320.7104860 E-mail: studioprestigiacomo@yahoo.it Campagna di: Prevenzione della carie dentaria

Dettagli

Una nuova forma implantare per ottimizzare il risultato estetico

Una nuova forma implantare per ottimizzare il risultato estetico Una nuova forma implantare per ottimizzare il risultato estetico L implantologia dentale osteointegrata è diventata in questo ultimo ventennio discriminante nella formulazione del Piano di Trattamento

Dettagli

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla LA CARIE La carie è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente (smalto dentina) e che origina dalla superficie e procede in profondità fino alla polpa dentale. CAUSE: Le cause della carie sono

Dettagli

foto 2.1 foto 2.2 Visione destra e sinistra dove si nota l abrasione e l eruzione da mancanza di antagonista di 3.6 e 4.6

foto 2.1 foto 2.2 Visione destra e sinistra dove si nota l abrasione e l eruzione da mancanza di antagonista di 3.6 e 4.6 Il Corso del Giovedì di Rimini: Piani di trattamento - Caso 2 Maschio, 57 anni, diabetico e iperteso, poca compliance, pensionato Presenza di edema, infiammazione e tartaro Il diastema non è peggiorato

Dettagli

Gengivite e parodontite. Scovolini TePe. guida per il paziente. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale

Gengivite e parodontite. Scovolini TePe. guida per il paziente. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale Scovolini TePe Originali 0.4 mm 930410826 0.45 mm 930410840 0.5 mm 930410853 0.6 mm 930410865 0.7 mm 930410877 0.8 mm 930410889 1.1 mm 930410891 1.3 mm 935421305 1.5 mm Angle 0.4 mm 931080461 0.45 mm 931080473

Dettagli

Scovolini TePe. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale. Extra soft. Spazzolini Speciali TePe

Scovolini TePe. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale. Extra soft. Spazzolini Speciali TePe Scovolini TePe Originali 0.4 mm 930410826 0.45 mm 930410840 0.5 mm 930410853 0.6 mm 930410865 0.7 mm 930410877 0.8 mm 930410889 1.1 mm 930410891 1.3 mm 935421305 1.5 mm Angle 0.4 mm 931080461 0.45 mm 931080473

Dettagli

AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE

AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE Epulide: : termine clinico Aspecifico con significato topografico (sopra la gengiva) privo di connotazioni istologiche Nella pratica è stato utilizzato

Dettagli

SERVIZI SOCIO SANITARI ARTI AUSILIARIE DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI ODONTOTECNICO

SERVIZI SOCIO SANITARI ARTI AUSILIARIE DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI ODONTOTECNICO ISTITUTO PROFESSIONALE PER ODONTOTECNICI SERVIZI SOCIO SANITARI ARTI AUSILIARIE DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI ODONTOTECNICO PAOLO GOTTA (C130) - MATERIA: ESERCITAZIONI PRATICHE DI LABORATORIO ODONTOTECNICO

Dettagli

Guida per il paziente. Gengivite e parodontite

Guida per il paziente. Gengivite e parodontite Guida per il paziente Gengivite e parodontite La parodontite è più comune di quanto tu possa immaginare. Circa il 40% degli adulti soffre di questa patologia - spesso senza esserne a conoscenza. Le condizioni

Dettagli

Antropologia dentaria

Antropologia dentaria Antropologia dentaria Perché studiare i denti? I denti come indicatori di: - aspetti genetici -fenomeni adattativi - dimorfismo sessuale - variabilità popolazionistica - stato di salute - dieta / stress

Dettagli

che cos è la paradontologia?

che cos è la paradontologia? che cos è la paradontologia? La parodontologia è una disciplina di area odontoiatrica che promuove la salute dell individuo attraverso la prevenzione, la diagnosi e la terapia delle patologie che colpiscono

Dettagli

I principali obiettivi del trattamento ortodontico sono:

I principali obiettivi del trattamento ortodontico sono: L ortodonzia o ortognatodonzia è quella branca dell' odontoiatria che si occupa di prevenzione, diagnosi e trattamento delle malposizioni dei denti e delle ossa facciali. Orto = dritto Gnato = mascella

Dettagli

CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI.

CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI. CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI. CARTA DEI SERVIZI MISSION. Doctor Dentist si propone di erogare PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE di qualità e di attenta professionalità clinica, avvalendosi per questo

Dettagli

STUDIO ODONTOIATRICO DOTT. GIOVANNI BAIARDO - TARIFFARIO ODONTOIATRICO

STUDIO ODONTOIATRICO DOTT. GIOVANNI BAIARDO - TARIFFARIO ODONTOIATRICO STUDIO ODONTOIATRICO DOTT. GIOVANNI BAIARDO - TARIFFARIO ODONTOIATRICO DIAGNOSTICA CLINICA E RADIOLOGIA QUOTA EMPAM 13% TOTALE ARROTONDAMENTO VISITA ODONTOIATRICA Ogni seduta finalizzata a: riscontro della

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE STORIA DELLA CARIE Numerose sono le teorie formulate a proposito della etiologia e patogenesi della carie dentaria. Le teorie ESOGENE considerano l agente eziologico responsabile della patologia cariogena

Dettagli

NERVO ALVEOLARE INFERIORE

NERVO ALVEOLARE INFERIORE NERVO INFRAORBITARIO Tramite la fessura orbitaria inferiore penetra nell orbita e ne percorre il pavimento attraverso la doccia ossea omonima che si continua nel canale infraorbitario; questo termina nel

Dettagli

I DENTI UMANI dalla morfologia alla modellazione

I DENTI UMANI dalla morfologia alla modellazione umberto buonanno I DENTI UMANI dalla morfologia alla modellazione TESTO TERZA EDIZIONE Aggiornata ed ampliata SAB EDIZIONI LE PUBBLICAZIONI DI UMBERTO BUONANNO Nel 1980 viene pubblicato Morfologia e disegno

Dettagli

condizioni ideali per ottenere ricopertura radicolare completa non sono presenti. Questa linea,

condizioni ideali per ottenere ricopertura radicolare completa non sono presenti. Questa linea, Curriculum Prof. Giovanni Zucchelli Professore Associato di Parodontologia all Università di Bologna Socio Attivo della Società Italiana di Parodontologia, membro dell European Federation of Pariodontology

Dettagli

Perche l, igiene orale si impara da piccoli!

Perche l, igiene orale si impara da piccoli! Prevenzione avanzata della carie Perche l igiene orale si impara da piccoli! I tuoi denti.. un mondo pieno di sorprese Lo sapevi che......i tuoi primi dentini si sono formati ancor prima di nascere? Nella

Dettagli

Occlusione malocclusione e possibili terapie ortodontiche nel labrador. Dr Mirko Radice www.dentalvet.it

Occlusione malocclusione e possibili terapie ortodontiche nel labrador. Dr Mirko Radice www.dentalvet.it Occlusione malocclusione e possibili terapie ortodontiche nel labrador. Dr Mirko Radice www.dentalvet.it L OCCLUSIONE NEL CANE In medicina umana l ortodonzia si occupa del controllo e della correzione

Dettagli

DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO

DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO ESEMPIO DI SEQUENZE DI PREPARAZIONE DI LETTI RECETTORI PER INNESTI DI EPITELIO ESEGUITE SU TESSUTI DAI PARTECIPANTI AL CORSO CON LA GUIDA CONTINUA DEL DOCENTE: I TESTI

Dettagli

Estetica in odontoiatria.

Estetica in odontoiatria. Estetica in odontoiatria. Il tema Estetica viene trattato nei seguenti 8 Files. 1) Introduzione all Estetica in Odontoiatria. 2) Nozioni cliniche di estetica del sorriso, utili al paziente. 3) Analisi

Dettagli

Anatomia dentale INCISIVI 08/07/2013. Nomenclatura: Schema di Triadan. 207 Numero del dente nella fila. Molari. Tipi di dente - Canini

Anatomia dentale INCISIVI 08/07/2013. Nomenclatura: Schema di Triadan. 207 Numero del dente nella fila. Molari. Tipi di dente - Canini Tecniche radiografiche odontoveterinarie negli equidi Nomenclatura: Schema di Triadan mascella o mandibola sinistra o destra 207 Numero del dente nella fila Dott. Fulvio Laus Ricercatore Universitario

Dettagli

COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO

COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO G G.R.IERFINO www.igieneorale.info PREMESSA IMPORTANTE Il fatto che alla verifica dal dentista si constati che le condizioni di salute dentale e parodontali

Dettagli

Libretto Sanitario Odontoiatrico

Libretto Sanitario Odontoiatrico Libretto Sanitario Odontoiatrico PRESENTAZIONE Il Servizio sanitario nazionale ha tradizionalmente dedicato un impegno limitato alla salute del cavo orale e all assistenza odontoiatrica, nonostante siano

Dettagli

L approccio odontoiatrico al paziente affetto da Sindrome di Down

L approccio odontoiatrico al paziente affetto da Sindrome di Down L approccio odontoiatrico al paziente affetto da Sindrome di Down Dr Claudio Gallo Servizio di Odontoiatria di Comunità Azienda ULSS 14 Presidio Ospedaliero di Piove di Sacco (PD) Apparato stomatognatico

Dettagli

Le tue gengive. La tua salute.

Le tue gengive. La tua salute. Noi tutti pensiamo che il colesterolo sia importante per la malattia cardiaca. La salute delle vostre gengive è un più importante fattore indicativo se avrete un infarto cardiaco o meno. Mehmet C. Oz,

Dettagli

Tariffario Odontoiatrico

Tariffario Odontoiatrico Tariffario Odontoiatrico Il presente tariffario riporta le prestazioni eseguibili in Odontoiatria. Le prestazioni elencate sono comprensive di tutti i materiali utilizzati sia chirurgici che protesici

Dettagli

ODONTOIATRIA CONSERVATIVA (dott. Brenna)

ODONTOIATRIA CONSERVATIVA (dott. Brenna) ODONTOIATRIA CONSERVATIVA (dott. Brenna) Lezione del 06/03/2003 Generalità La polpa è costituita da tessuto connettivo lasso, è interna al dente ed è inespansibile in quanto contenuta in una cavità rigida.

Dettagli

Ma i suoi dentini saranno dritti?

Ma i suoi dentini saranno dritti? Ma i suoi dentini saranno dritti? Come seguire (senza inutili ansie) il corretto sviluppo dentale dei bambini Dott. Roberto Ferdeghini Ma i suoi dentini saranno dritti? Identi da latte hanno o non hanno

Dettagli

Che cosa dovete osservare?

Che cosa dovete osservare? Se il vostro bambino tiene abitualmente la bocca aperta perché non riesce - o riesce con difficoltà - ad avvicinare le labbra fra di loro: osservate se i due incisivi superiori sono disposti a punta e

Dettagli

Dott.ssa Gloria Funiciello

Dott.ssa Gloria Funiciello MANUALE PRATICO DI PREVENZIONE DENTALE PER TUTTA LA FAMIGLIA A Cura della Dott.ssa Gloria Funiciello Odontoiatra e Specialista in Ortodonzia e Gnatologia Quando un bel SORRISO vuol dire BUONA SALUTE! La

Dettagli

INDICE. 1. Storia dell odontoiatria restaurativa

INDICE. 1. Storia dell odontoiatria restaurativa IX INDICE 1. Storia dell odontoiatria restaurativa 2. Embriologia ed istologia 2.1. Cenni di embriologia 2.1.1. Embriologia dell organo dentale 2.1.2. Formazione dello smalto 2.1.3. Formazione della dentina

Dettagli

Studio Odontoiatrico Specialistico. Studio: via Lamarmora 29, 50121 Firenze. Tel: 055.573903, 055.578319 Fax: 055.5532538, web: www.studiodrpagni.

Studio Odontoiatrico Specialistico. Studio: via Lamarmora 29, 50121 Firenze. Tel: 055.573903, 055.578319 Fax: 055.5532538, web: www.studiodrpagni. Studio Odontoiatrico Specialistico Dr. Raffaello Pagni Dr. Giorgio Pagni Studio: via Lamarmora 29, 50121 Firenze Tel: 055.573903, 055.578319 Fax: 055.5532538, web: www.studiodrpagni.com Implantologia L

Dettagli

I Servizi odontoiatrici

I Servizi odontoiatrici I Servizi odontoiatrici CONSERVATIVA E RESTAURATIVA ESTETICA si occupa della conservazione dei denti e della loro ricostruzione estetica. Otturazioni e ricostruzioni con materiali innovativi e affidabili

Dettagli

che cos è l odontoiatria protesica?

che cos è l odontoiatria protesica? che cos è l odontoiatria protesica? L odontoiatria protesica è quella disciplina che si occupa di ristabilire e mantenere le funzioni orali e l aspetto estetico del paziente attraverso il restauro dei

Dettagli

Rapido Espansore Palatino (REP)

Rapido Espansore Palatino (REP) Rapido Espansore Palatino (REP) REP La REP di Biederman, oramai comunemente conosciuta solo come REP, è un apparecchiatura ortodontica ortopedica fissa che permette, con un solo mezzo terapeutico, di raggiungere

Dettagli

ANATOMIA TOPOGRAFICA SPECIFICA DEGLI ELEMENTI DENTALI

ANATOMIA TOPOGRAFICA SPECIFICA DEGLI ELEMENTI DENTALI ANATOMIA TOPOGRAFICA SPECIFICA DEGLI ELEMENTI DENTALI 132 DENTI CANINI Topografia e nomenclatura degli elementi morfologici Vista linguale Apice della radice Vista vestibolare Radice Linea cervicale (o

Dettagli

Una bocca sana. ad ogni età

Una bocca sana. ad ogni età Una bocca sana ad ogni età La bocca e i denti Attraverso la bocca possiamo nutrirci e assaporare il cibo, parlare e comunicare, sorridere. Prendersi cura della bocca è importante, per tutta la durata della

Dettagli

I principi parodontali fondamentali per il protesista

I principi parodontali fondamentali per il protesista I principi parodontali fondamentali per il protesista Relatore Dott. Roberto Pontoriero Controrelatore Dott. Attilio Bedendo La relazione descrive i principi parodontali che sono alla base del posizionamento

Dettagli

TEMI DI ODONTOIATRIA PER PEDIATRI. Copyright, 1996 Dale Carnegie & Associates, Inc.

TEMI DI ODONTOIATRIA PER PEDIATRI. Copyright, 1996 Dale Carnegie & Associates, Inc. TEMI DI ODONTOIATRIA PER PEDIATRI Copyright, 1996 Dale Carnegie & Associates, Inc. PATOLOGIE ODONTOIATRICHE CARIE GENIVITI E LESIONI MUCOSE ORALI MALOCCLUSIONI TRAUMI Introduzione CARIE:patologia dentale

Dettagli

CASI CLINICI. situazioni di grave atrofia ossea usando tecniche chirurgiche che sfruttano l anatomia

CASI CLINICI. situazioni di grave atrofia ossea usando tecniche chirurgiche che sfruttano l anatomia 73 CASI CLINICI Sono stati scelti tre casi clinici di riabilitazione impianto protesica postestrattiva. Due casi sono esempi didattici per dimostrare come spesso sia possibile risolvere situazioni di grave

Dettagli

:::CARTA DEI SERVIZI:::

:::CARTA DEI SERVIZI::: :::CARTA DEI SERVIZI::: Igiene e Profilassi Da alcuni anni esiste una nuova figura professionale che affianca sempre il medico in uno Studio Odontoiatrico: La igienista dentale Le igieniste dello STUDIO

Dettagli

Capitolo 4 - Riflessioni sui carichi masticatori. Capitolo 4 RIFLESSIONI SUI CARICHI MASTICATORI. a cura di Guido Novello

Capitolo 4 - Riflessioni sui carichi masticatori. Capitolo 4 RIFLESSIONI SUI CARICHI MASTICATORI. a cura di Guido Novello Capitolo 4 - Riflessioni sui carichi masticatori Capitolo 4 RIFLESSIONI SUI CARICHI MASTICATORI a cura di Guido Novello 39 Implantologia Pratica Introduzione Due sono gli aspetti che distinguono una protesi

Dettagli

Le principali malocclusioni

Le principali malocclusioni Le principali malocclusioni Articolo a cura di: Alberto Gentile/ Impaginazione a cura di: Mile Le arcate dentarie, le strutture ossee, la muscolatura della faccia dovrebbero essere tra di loro in un rapporto

Dettagli

Carrellata di disegni dentali

Carrellata di disegni dentali Carrellata di disegni dentali Tutti i disegni hanno una didascalia. Le animazioni sono segnalate con! www.fisiokinesiterapia.biz 1 Arterie della testa 2 Vene della testa. 3 Vasi linfatici della testa e

Dettagli

Dichiarazione di ricevuta informazione e consenso ad intervento di CHIRURGIA IMPLANTARE OSTEOINTEGRATA

Dichiarazione di ricevuta informazione e consenso ad intervento di CHIRURGIA IMPLANTARE OSTEOINTEGRATA Dott. Alberto Coccia Piazza Matteotti, 2 80053 Castellammare di Stabia (NA) www.albertococcia.it info@dentistacoccia.it Tel. 081.8712242 081.8711439 Dichiarazione di ricevuta informazione e consenso ad

Dettagli

C.I. DISCIPLINE ODONTOSTOMATOLOGICHE I

C.I. DISCIPLINE ODONTOSTOMATOLOGICHE I UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Neuroscienze e Scienze Riproduttive ed Odontostomatologiche C.I. DISCIPLINE ODONTOSTOMATOLOGICHE I Docenti: Proff. Sandro Rengo, Francesco Riccitiello,

Dettagli

I DENTI. Negli ultimi anni, ed a ragione, sempre maggiore attenzione ha riscosso la prevenzione e cura delle patologie dentarie.

I DENTI. Negli ultimi anni, ed a ragione, sempre maggiore attenzione ha riscosso la prevenzione e cura delle patologie dentarie. I DENTI Negli ultimi anni, ed a ragione, sempre maggiore attenzione ha riscosso la prevenzione e cura delle patologie dentarie. Per anni si e pensato che se in natura non ci sono dentisti, non c e ragione

Dettagli

IL DENTISTA DI COOPERAZIONE SALUTE NOMENCLATORE TARIFFARIO ODONTOIATRIA

IL DENTISTA DI COOPERAZIONE SALUTE NOMENCLATORE TARIFFARIO ODONTOIATRIA www.cooperazionesalute.it IL DENTISTA DI COOPERAZIONE SALUTE NOMENCLATORE TARIFFARIO ODONTOIATRIA Il Network Odontoiatrico di Cooperazione Salute è disponibile grazie alla collaborazione con Blue Assitance.

Dettagli

Sez. 4/1 PROTESI FISSA

Sez. 4/1 PROTESI FISSA Sez. 4/1 PROTESI FISSA La protesi fissa è un manufatto posizionato su denti preparati che una volta fissato può essere disinserito dall'odontoiatra mediante decementazione. E' definita protesi fisiologica

Dettagli

Carta Servizi PROTESI DENTALE

Carta Servizi PROTESI DENTALE Dott. Antonio Calabrese Carta Servizi PROTESI DENTALE La Protesi Dentale è quella branca odontoiatrica che si occupa della sostituzione dei denti naturali andati persi. Se uno o più denti sono andati perduti

Dettagli

Carta Servizi ODONTOIATRIA CONSERVATIVA

Carta Servizi ODONTOIATRIA CONSERVATIVA Dott.ssa Eva Pellegrini Carta Servizi ODONTOIATRIA CONSERVATIVA L integrità di un dente può essere compromessa da molte cause, tra cui le più comuni sono: carie, erosione/abrasione e traumi. La Conservativa

Dettagli

Prof. Giampaolo Dott. Gabriele Dott. Beatrice

Prof. Giampaolo Dott. Gabriele Dott. Beatrice Prof. Giampaolo Dott. Gabriele Dott. Beatrice Lo Studio Caruso si avvale della professionalità di quattro Professionisti, specializzati nelle diverse discipline odontoiatriche. Prof. Giampaolo Caruso Dott.

Dettagli

ESTETICA IN ODONTOIATRIA SOLUZIONI ESTETICHE PER MIGLIORARE IL SORRISO

ESTETICA IN ODONTOIATRIA SOLUZIONI ESTETICHE PER MIGLIORARE IL SORRISO ESTETICA IN ODONTOIATRIA SOLUZIONI ESTETICHE PER MIGLIORARE IL SORRISO Dott.ssa Federica Nosenzo Laurea in Odontoiatria e Protesi dentaria presso L Università di Milano Uni Ateneo Ivana Torretta Nerviano

Dettagli

Domande e risposte sulla parodontite

Domande e risposte sulla parodontite Domande frequenti Perché voi dentisti siete così "cari"? I dentisti sono definiti "cari" perchè le spese di gestione e le apparecchiature utilizzate in uno studio dentistico sono le stesse di una qualsiasi

Dettagli

LESIONI TRAUMATICHE DEI DENTI

LESIONI TRAUMATICHE DEI DENTI LESIONI TRAUMATICHE DEI DENTI EPIDEMIOLOGIA DEI TRAUMI DENTARI IN DENTIZIONE DECIDUA localizzazione mascellare sup.80% gruppo anteriore 75% distribuzione per sesso M/F (1:1) distribuzione per età 2-4 aa

Dettagli

Dettagli della convenzione : sconto del 20% sul listino prezzi

Dettagli della convenzione : sconto del 20% sul listino prezzi STUDIO MEDICO DENTISTICO P.F. Dental S.a.s. di Faluci Angela e c Via Trilussa 13 20157 MILANO Partita IVA : 10984260157 Direttore Sanitario : Dott.ssa Sandra Pettineo iscritta all albo degli Odontoiatri

Dettagli

Sono passati oltre 50 anni dalle prime sperimentazioni scientifiche. http://www.dentistaitaliano.it/documents/formigginirisn.3-1947.

Sono passati oltre 50 anni dalle prime sperimentazioni scientifiche. http://www.dentistaitaliano.it/documents/formigginirisn.3-1947. Sono passati oltre 50 anni dalle prime sperimentazioni scientifiche. http://www.dentistaitaliano.it/documents/formigginirisn.3-1947.pdf La Nostra esperienza Implantologica risale al 1982 col Professor

Dettagli

Metodo per la valutazione del rischio individuale in Parodontologia

Metodo per la valutazione del rischio individuale in Parodontologia Come può modificare il suo livello di rischio? Dalla corretta attuazione di procedure preventive e terapeutiche atte a diminuire il livello di rischio per la Parodontite deriva una migliore probabilità

Dettagli

COMPLICANZA IN CHIRURGIA PARODONTALE RIGENERATIVA: DEISCENZA DELLA FERITA C. Ghezzi

COMPLICANZA IN CHIRURGIA PARODONTALE RIGENERATIVA: DEISCENZA DELLA FERITA C. Ghezzi COMPLICANZA IN CHIRURGIA PARODONTALE RIGENERATIVA: DEISCENZA DELLA FERITA C. Ghezzi Studio Carlo Ghezzi ~ Settimo Milanese La chirurgia ricostruttiva ha subito notevoli modifiche nelle tecniche e nei materiali

Dettagli

DENTI GRAVEMENTE COMPROMESSI:

DENTI GRAVEMENTE COMPROMESSI: DENTI GRAVEMENTE COMPROMESSI: RECUPERARLI O SOSTITUIRLI CON IMPIANTI? Quando abbiamo un problema grave che riguarda uno o più denti, nasce spesso il dubbio sulla opportunità di recuperarli o eventualmente

Dettagli

PRESENTA VADEMECUM 2013 ORTODONZIA E PEDIATRIA: INCONTRO TRA PROFESSIONI. www.asio-online.it

PRESENTA VADEMECUM 2013 ORTODONZIA E PEDIATRIA: INCONTRO TRA PROFESSIONI. www.asio-online.it PRESENTA VADEMECUM 2013 ORTODONZIA E PEDIATRIA: INCONTRO TRA PROFESSIONI www.asio-online.it INDICE P.3 P.4 P.4 Specialisti in ortodonzia E Specialisti in PediatriA: FORMAZIONE E AMBITO PROFESSIONALE l

Dettagli

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE ODONTOIATRICHE

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE ODONTOIATRICHE AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO SANITARIA N. 1 PRESTAZIONI SPECIALISTICHE ODONTOIATRICHE Definizione dei livelli essenziali di assistenza (LEA) Disposizioni applicative ai sensi della Deliberazione della Giunta

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Prova esperta: asse scientifico-tecnologico Il recupero di un relitto DOSSIER PER GLI ALLIEVI Prova esperta pluridisciplinare PRESENTAZIONE DEL CASO Un Istituto scolastico

Dettagli

Studio Dentistico Associato Dr.i Calcagnile Pasquale, Federica e Filippo

Studio Dentistico Associato Dr.i Calcagnile Pasquale, Federica e Filippo Studio Dentistico Associato Dr.i Calcagnile Pasquale, Federica e Filippo TARIFFARIO 2015 DIAGNOSI COSTO Visita 50,00 Modelli studio 30,00 Rx endorale 20,00 Ortopantomografia 50,00 Teleradiografia 60,00

Dettagli

UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale

UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale CORSO INTEGRATO DI EMATONCOLOGIA ODONTOIATRICA LEUCEMIE E PAZIENTI PEDIATRICI RUOLO RIABILITATIVO DOCENTE: Prof. Luigi Quasso RUOLO RIABILITATIVO

Dettagli

Sig.ra ------------------- PROGETTO PREVENZIONE 2011-2013

Sig.ra ------------------- PROGETTO PREVENZIONE 2011-2013 Sig.ra ------------------- PROGETTO PREVENZIONE 2011-2013 Il Progetto Prevenzione, un idea di CLD nata nel 2011 e curata dalla dott.ssa Sara Zambelli, si prefiggeva di comprendere quanto l igiene orale

Dettagli

Indice. Traduttori. Ringraziamenti PRIMA SEZIONE TESSUTI DURI E TESSUTI MOLLI DEL CAVO ORALE 1

Indice. Traduttori. Ringraziamenti PRIMA SEZIONE TESSUTI DURI E TESSUTI MOLLI DEL CAVO ORALE 1 Indice Prefazione Traduttori Ringraziamenti XIII XV XVII PRIMA SEZIONE TESSUTI DURI E TESSUTI MOLLI DEL CAVO ORALE 1 1. Metabolismo del calcio e del fosfato 3 L importanza del calcio nell organismo 3 Bilancio

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

Recupero del leeway space: nuova strategia terapeutica

Recupero del leeway space: nuova strategia terapeutica PREMIO ORTODONZIA Recupero del leeway space: nuova strategia terapeutica Paolo Pasquali info@orthonews.eu Libero professionista INTRODUZIONE ei trattamenti ortodontici l arcata inferiore è N stata ed è

Dettagli

NOMENCLATORE TARIFFARIO 2011

NOMENCLATORE TARIFFARIO 2011 GRUPPO R - PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE SEZIONE DIAGNOSTICA IGIENE ORALE PARODONTOLOGIA Premessa specifica di branca: tutte le prestazioni sono comprensive dell'anestesia locale Premessa: la visita Odontoiatrica

Dettagli

Gestione dei tessuti nella riabilitazione implantoprotesica in zona estetica

Gestione dei tessuti nella riabilitazione implantoprotesica in zona estetica Gestione dei tessuti nella riabilitazione implantoprotesica in zona estetica Dott.ssa Irene Frezzato, Dott. Alberto Frezzato Liberi professionisti a Rovigo Parole chiave corona singola, fase unica, follow

Dettagli

BIOMEMBRANA PER LA RIGENERAZIONE TISSUTALE GUIDATA

BIOMEMBRANA PER LA RIGENERAZIONE TISSUTALE GUIDATA BIOMEMBRANA PER LA RIGENERAZIONE TISSUTALE GUIDATA TRASFORMAZIONE IN TESSUTO AUTOLOGO La rigenerazione tissutale guidata viene realizzata isolando un area senza osso dai tessuti molli che lo ricoprono.

Dettagli

CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI.

CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI. CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI. 15 settembre 2015 CARTA DEI SERVIZI MISSION. Doctor Dentist si propone di erogare PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE di qualità e di attenta professionalità clinica, avvalendosi

Dettagli

Studio Ortodontico. Dott. Giovanni Bavaresco Specialista in Odontostomatologia ed Ortodonzia. Documento informativo per il paziente

Studio Ortodontico. Dott. Giovanni Bavaresco Specialista in Odontostomatologia ed Ortodonzia. Documento informativo per il paziente Studio Ortodontico Dott. Giovanni Bavaresco Specialista in Odontostomatologia ed Ortodonzia INTRODUZIONE AL TRATTAMENTO ORTODONTICO Documento informativo per il paziente Pratica esclusiva in Ortodonzia

Dettagli

ASPETTI ORTODONTICI NEI PAZIENTi AFFETTi DA LABIOPALATOSCHISI (LPS)

ASPETTI ORTODONTICI NEI PAZIENTi AFFETTi DA LABIOPALATOSCHISI (LPS) ASPETTI ORTODONTICI NEI PAZIENTi AFFETTi DA LABIOPALATOSCHISI (LPS) Prof.Aggr.Tiziana Doldo Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia Universita di Siena Dir. Prof. Marco Ferrari Schisi unilaterale

Dettagli

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA Ecco LE MOSSE VINCENTI LA BOCCA I punti nevralgici della masticazione La bocca è, in tutti gli animali, il luogo in cui avviene la prima parte della digestione,

Dettagli

Descrizione prestazione

Descrizione prestazione Descrizione prestazione CONSERVATIVA Sigillatura (per ogni dente) Cavità di 5ª classe di BLACK Cavità di 1ª classe di BLACK Cavità di 2ª classe di BLACK Cavità di 3ª classe di BLACK Cavità di 4ª classe

Dettagli