PRODUZIONE DI CAPPELLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRODUZIONE DI CAPPELLI"

Transcript

1 BUSINESS PLAN BERRETTI S.R.L. PRODUZIONE DI CAPPELLI PER UOMO SEDE E STABILIMENTO : VIA MARCONI, ALESSANDRIA PIANO ELABORATO IN DATA.. 1

2 SOMMARIO 1. DESCRIZIONE DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE IL PIANO DELLE VENDITE IL PIANO DELLA PRODUZIONE ORGANIZZAZIONE E MANAGEMENT IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI IMBASTITURA E CUCITURA STIRERIA FINISSAGGIO MAGAZZINO AMMINISTRAZIONE IL PIANO FINANZIARIO CAPITALE PROPRIO BILANCIO PREVISIONALE E ANALISI DI BREAK- EVEN

3 B E R R E T T I S. R. L. L idea imprenditoriale che sta alla base di questo business plan è la creazione di una nuova impresa industriale, con un attività nel settore della produzione di cappelli per uomo. La predisposizione di questo documento ha lo scopo di evidenziare la concreta ed effettiva realizzabilità del progetto, oltre che di presentare la società di nuova costituzione a potenziali investitori per reperire i circa euro considerati necessari per avviare la produzione e la commercializzazione dei primi prodotti e, nel contempo, lavorare alla messa a punto della linea di prodotti completa. 1. DESCRIZIONE DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE L idea imprenditoriale è semplice ed articolata allo stesso tempo. L osservazione della realtà moderna ha permesso di evidenziare come il prodotto cappello per uomo sia rimasto pressoché immutato nel tempo in quanto a forme e tessuti. Molte spesso, nell immaginario collettivo, il prodotto cappello, inteso in particolare come prodotto di moda, è concepito come un capo di abbigliamento maggiormente consono a persone di una fascia di età piuttosto elevata. Nella pluriennale esperienza nel campo della produzione e vendita di cappelli, ci si è resi conto dell esistenza di un vero e proprio buco di offerta nei confronti di una clientela di mezza e giovane età. Si tratta di un settore di mercato a forte potenziale di sviluppo, per il quale occorre trovare un prodotto maggiormente rappresentativo dei gusti di questa fascia d età che mantenga, nello stesso tempo, elevati standard qualitativi di produzione. L idea che si vuole concretamente realizzare è quella di una produzione di cappelli che, attraverso un campione inizialmente limitato di modelli, sia in grado di indirizzarsi verso una tipologia di clientela ben definita, rappresentata da uomini con un età compresa fra i 25 e i 35 anni. Si tratterebbe di realizzare cappelli di buona qualità, sostenuti comunque da un prezzo competitivo e contraddistinti da un forte carattere distintivo e da un marchio inconfondibile. presupposti e motivazioni 3

4 La scelta è caduta su una produzione di cappelli di tipo coppola, da realizzare utilizzando un tipo di feltro trattato con un processo di lavorazione innovativo che ne determina caratteristiche di impermeabilità e resistenza al di sopra della media. L utilizzo di linee e colori nel contempo semplici e particolari consentirà di differenziare il prodotto, oltre che nella qualità intrinseca, anche nella percezione del consumatore. prodotto L iniziativa imprenditoriale verrà realizzata attraverso la costituzione di una nuova società nella forma di società a responsabilità limitata. La compagine sociale sarà inizialmente composta da due soci, Alberto Iotti e Daniele Valentini, la cui presenza e il cui peso saranno forti e imprescindibili, soprattutto nella fase di start up, grazie alla esperienza pluriennale da loro maturata nel settore. La proprietà del capitale di rischio sarà, almeno inizialmente, detenuta dai due soci fondatori, cui verrà anche attribuita l amministrazione della società stessa. La forma di società di capitali è stata considerata preferibile a quella di società di persone in considerazione del fatto che meglio si presta, per il genere e il volume di attività, alla particolare tipologia di produzione da realizzare. A ciò occorre poi aggiungere i maggiori vantaggi fiscali per i soci al momento della distribuzione degli eventuali dividendi. Nel contempo, tra le forme di società di capitali, la società a responsabilità limitata si presenta come la forma più agile di gestione societaria, a livello di adempimenti da effettuare, rispetto alla società per azioni. forma sociale La società non avrà quindi alcun collegamento con strutture societarie preesistenti, a eccezione dei legami con il settore di mercato costruiti nel tempo da parte dei due soci. Come società di nuova costituzione si troverà, quindi, in una posizione privilegiata per sfruttare le opportunità di cui più sopra si è fatto cenno, grazie all esperienza settoriale dei suoi fondatori e ai vantaggi intrinseci dei suoi prodotti. In base alle proiezioni finanziarie elaborate in dettaglio più avanti, con un finanziamento iniziale di euro la società sarà in grado di generare profitti fin dal primo anno, che garantiranno quella solvibilità in grado di fare rientrare i mezzi finanziari dell investimento fatto nella società stessa dagli investitori. 4

5 La società sarà denominata B E R R E T T I e avrà sede nel nord Italia, in Piemonte, dove il socio Iotti ha maturato la sua pluriennale esperienza di artigiano del settore. Più precisamente, la sede e lo stabilimento saranno ad Alessandria, dove nella prima periferia della città è già stato individuato un capannone industriale adatto al futuro svolgimento dell attività. La zona si presenta facilmente raggiungibile sia per gli automezzi (autovetture o autocarri) provenienti da strade statali circostanti o dall autostrada, sia per chi proviene dalla città, a cui è collegata anche da mezzi pubblici. ubicazione Come accennato in precedenza, tutto il progetto trova fondamento nella esperienza pluriennale di lavoro dei due soci fondatori, che intenderebbero avviare la promozione e la vendita del prodotto a partire dall area geografica all interno della quale hanno da sempre svolto la loro attività, di produzione l uno e di agenzia l altro, ossia nell Italia settentrionale. Più precisamente la vendita potrebbe essere proposta inizialmente a quei negozianti con cui i due soci hanno spesso intrattenuto in passato rapporti commerciali, mantenendo, comunque, come obiettivo a breve-medio termine quello di espandere l attività fino a coprire l intero territorio italiano e, progressivamente, esportare all estero i capi di maggior impatto. Per la tipologia di produzione che si andrà a realizzare, un elemento essenziale è costituito dalla competenza specifica in merito al processo produttivo. La produzione di cappelli di elevata qualità è infatti prerogativa di pochissimi artigiani. Alberto Iotti può essere considerato uno di questi, data la sua ormai trentennale esperienza nel campo della produzione di cappelli nella zona piemontese, dapprima all interno di piccole botteghe artigiane e successivamente all interno di due tra le maggiori imprese del settore. Non meno importante, per un prodotto che si propone di qualità, è la collocazione sul mercato in esercizi commerciali di sicuro riferimento per il target che si vuole raggiungere. La pluriennale esperienza e il grado di conoscenza del settore di Daniele Valentini, da 20 anni agente per il nord Italia della maggior impresa italiana produttrice di cappelli, potranno fornire all attività da intraprendere quello sbocco commerciale iniziale consono all immagine di qualità che si vuole conferire al prodotto e che, gestito con lungimiranza, sarà propedeutico al futuro ampliamento dell attività. vertice e management canali di distribuzione 5

6 2. IL PIANO DELLE VENDITE L ANALISI DEL SETTORE Il settore all interno del quale si dovrà posizionare la società sarà quello manifatturiero, e in particolare quello dell abbigliamento per uomo. In generale, il settore dell abbigliamento, per uomo o per donna, è da sempre un settore molto competitivo, in cui molti sono i produttori presenti e l attenzione ai margini di ricarico da applicare ai prodotti sta sempre più assumendo importanza strategica. Difficile è, pertanto, proporre all interno di tale settore delle innovazioni forti, tali da far sorgere nuovi bisogni e nuove esigenze da parte dei clienti. Innovazioni di tipo radicale possono al massimo essere introdotte nelle metodologie produttive, o attraverso nuovi impianti o macchinari di produzione. Ciò non esclude però che possano cambiare gli stili di vita e i gusti dei consumatori. Sia indagini svolte da riviste specializzate (come Largo Consumo e Strategia ), sia i dati in possesso delle Camere di Commercio sulla congiuntura del comparto strategico di riferimento, descrivono il settore dell abbigliamento come un settore maturo, data la presenza di numerosi competitors e la pressione sui margini; ciò non esclude comunque che si possa realizzare una rivitalizzazione del prodotto cappello secondo le linee in precedenza descritte. Dagli studi effettuati analizzando i bilanci di gran parte delle società, il settore dell abbigliamento per uomo ha mostrato, nell ultimo triennio, una crescita media annua del fatturato sul territorio nazionale del 2%, anche nel settore della produzione di cappelli. La domanda non è quindi ferma e l andamento di crescita moderata si presume possa mantenersi anche per l immediato futuro, visto che si tratta di un dato consolidato nel tempo. Nel caso di vendita all estero, invece, la domanda è decisamente in crescita, a un tasso che arriva a raggiungere, per talune imprese, anche il 20%. L analisi del settore ha permesso di individuare una nicchia di mercato non servita dagli attuali produttori di cappelli, e che corrisponde all area evidenziata nel grafico sottostante. spazio innovazione andamento fatturato 6

7 Età Alta Imitazioni non di marca Cappello classico di marca Area scoperta Bassa Cappellini Bassa Qualità Alta Posizionandosi in tale area, la concorrenza dei numerosi competitors presenti nel settore risulterebbe essere in gran parte ridotta. Infatti dallo studio delle principali aziende del settore, in particolare del nord-italia, è emerso che la produzione attuale si indirizza principalmente o verso cappelli classici di marca, o verso imitazioni di tali cappelli, naturalmente di qualità inferiore e minor costo, oppure verso cappellini più semplici per il tempo libero. L analisi dei concorrenti ha quindi confermato la valenza strategica di una politica di nicchia basata sulla differenziazione del prodotto. concorrenza L analisi dei fornitori ha portato a individuare la presenza di diversi fornitori di feltro di buona qualità. Poiché si tratta di produttori in forte competizione fra di loro, la nostra impresa potrà beneficiare di un relativo vantaggio in termini di potere contrattuale. fornitori I clienti, invece, che sono rappresentati in gran parte dagli esercizi commerciali situati nei centri storici delle principali città, detengono una forza di contrattazione notevole. Si tratta, il più delle volte, di negozi di prestigio, tali per la posizione ma spesso anche per tradizione famigliare, che godono di forte richiamo nei confronti dei consumatori e che rivestono, di fatto, un ruolo importante nel referenziare i prodotti. Ciò consente loro di detenere un ampia discrezionalità nella determinazione dei margini da applicare al consumatore. Dalle indagini svolte, è emerso che il margine solitamente applicato ai negozi dalle aziende produttrici di cappelli è pari all incirca al 40% del clienti 7

8 costo di fabbrica del prodotto, mentre i negoziante arriva ad applicare ricarichi, sugli stessi prodotti, anche fino al 70-80% del costo di acquisto. Adottando una strategia di differenziazione e di mercato di nicchia, si punta a ottenere una fedeltà al prodotto e un apprezzamento tale da parte del consumatore, da mettere l azienda al riparo dalla concorrenza di potenziali nuovi entranti o di produttori di beni sostitutivi. LA STRATEGIA DI COMMERCIALIZZAZIONE E DI PREZZO Con riferimento alla strategia di commercializzazione, un ruolo rilevante è quello assunto, almeno inizialmente, dal socio Valentini, che da anni svolge attività di agente nel settore. L esperienza maturata nel settore, unita alla visibilità acquisita negli anni, hanno permesso al socio Valentini di godere di una notevole stima da parte di alcuni operatori del settore, che hanno appoggiato la scelta produttiva della società e che si sono impegnati, in via informale, ad acquisire un numero complessivo di cappelli di nuova produzione intorno alle unità. vendite iniziali Il canale distributivo di cui si avvarrà la società sarà, in futuro, quello della vendita indiretta, tramite agenti, inizialmente solo nel territorio italiano, successivamente anche verso Paesi esteri. Nel caso di acquisto da parte dello stesso fornitore di un quantitativo di cappelli pari o superiore alle unità si concederà uno sconto variabile del 4-5% dell importo totale dei prodotti venduti al netto IVA. Così come in caso di pagamento immediato di almeno il 50% della fornitura si concederanno sconti variabili del 3-4%, a seconda dell ammontare dell importo pagato per pronta cassa. Per i regolamenti a termine, la dilazione concessa sarà normalmente di 30 giorni.. È già in previsione di aumentare a 40 giorni la tempistica prevista per le dilazioni concesse ai clienti a partire dal terzo l anno, dopo aver superato la fase più difficile per l azienda per quanto riguarda la gestione finanziaria. La scelta di concedere ai debitori tempi di pagamento più lunghi, di fatto una sorta di piccolo finanziamento implicito, ha il chiaro obiettivo di contribuire ad acquisire nuove e più vaste quote di mercato. politiche di prezzo 8

9 Durante il primo anno la società si avvarrà, per la promozione e la vendita del prodotto, esclusivamente dell attività del socio Valentini, che ha accettato di svolgere l attività senza provvigioni. Le sue prestazioni saranno remunerate indirettamente all interno del compenso di socio amministratore, a cui, in futuro, si aggiungerà una quota utili. Il numero di pezzi che si presume di vendere sul mercato durante il primo anno sarà di circa cappelli. La quantità è determinata in ragione di quanto alcuni negozianti si sono già dichiarati disponibili ad acquistare e di quanto è possibile ipotizzare come ulteriore richiesta futura in base a indagini di mercato. In base sempre a studi di fattibilità e ad analisi statistiche sul livello medio dei prezzi sul mercato, tenuto conto del grado di elasticità della domanda, si è stimato di poter applicare un prezzo di vendita ai negozi di euro, con un ricarico di circa il 40% sul costo di produzione. Il prezzo a cui mediamente il prodotto potrebbe essere rivenduto al consumatore finale dovrebbe collocarsi intorno a euro. Il secondo anno, la società si dovrà necessariamente avvalere di un secondo agente, plurimandatario, che dovrà occuparsi del procacciamento degli affari nel centro-sud d Italia. Al nuovo agente sarà riconosciuta una percentuale del 4% sulle vendite procurate, in relazione a un incremento del fatturato di circa il 20%. Il terzo anno, si può ipotizzare una prosecuzione dell attività dello stesso agente, che dovrebbe consentire di mantenere un trend di crescita del fatturato almeno del 15%. Ipotizzando un prezzo di vendita di 39,50, il piano delle vendite del triennio può essere così riepilogato Ricavi Anno Anno 1 Anno 2 Anno 3 Ricavi Sconti (15.800) (18.960) (23.700) Ricavi Netti La stima dei costi relativi alla scontistica è stata fatta con riferimento alle tipologie di pagamento attuate nel settore, nonché all analisi percentuale dell incidenza di costi dello stesso tipo nelle aziende concorrenti, analisi effettuata per fasce progressive di fatturato. 9

10 Nei primi tre anni di attività, si è ritenuto di non considerare la possibilità di vendere in mercati non nazionali. Poiché comunque si ritiene che il prodotto potrebbe risultare interessante in diversi Stati Europei, si può prevedere di iniziare il quarto anno ad inserire un terzo agente. La sua competenza specifica sarebbe quella di procacciare affari nella UE, e in particolare in mercati che si stimano molto recettivi quali quelli di Spagna, Portogallo Austria, e Olanda. Anche in questo caso, l aliquota garantita alla provvigione sarà pari al 4%. IL PIANO DI MARKETING La politica di marketing da adottare dovrà essere mirata a obiettivi specifici in funzione della posizione di mercato che si vorrà far assumere al prodotto. A livello di premessa, è importante sottolineare come la serietà e la grande esperienza dei soci fondatori all interno del settore, costituiscano già un primo importante elemento a garanzia della qualità del prodotto nei confronti dei singoli commercianti. Ciò è importante soprattutto in questo caso, in cui si andrà a lanciare sul mercato un prodotto di medioalta qualità. La politica promozionale di un prodotto quale un cappello da uomo, da realizzare in un mercato competitivo come quello della moda, in cui l immagine e l impatto anche emotivo sul consumatore sono tutto, è molto delicata e può assumere forme e contenuti molto vari. Pertanto, soprattutto nei primi anni di attività, si dovrà porre molta attenzione a scegliere i canali pubblicitari più opportuni, al fine di riuscire a far cogliere al consumatore la qualità e, soprattutto, la peculiarità del prodotto senza incidere eccessivamente sui costi dello stesso, elemento fondamentale di una iniziativa in fase di start up. Il budget di spesa per le attività di marketing è stato stabilito pari a euro, corrispondenti al 5% del fatturato previsto per il primo anno. La cifra è stata mantenuta invariata per il secondo anno e aumentata invece di euro per il terzo anno. 10

11 Il tasso di incidenza percentuale applicato sul fatturato previsto (dai al euro) è stato individuato attraverso la comparazione con imprese analoghe del settore. Imprescindibile per la società sarà la partecipazione a fiere del settore per fare conoscere il prodotto ai commercianti. Nel mercato della moda, una partecipazione a una fiera relativa a prodotti di alta qualità presenta un costo pari a circa euro circa a partecipazione. Sulla base di una analisi del comportamento dei principali competitors del settore, e dello studio di alcune imprese operanti nel mondo della moda nei loro primi anni di attività, si è stabilito di partecipare ad almeno a 2 fiere di settore durante il primo anno e a 3 fiere nel secondo e terzo anno, aggiungendo la partecipazione a una fiera minore. Inoltre, sarà necessario predisporre un catalogo fotografico, indispensabile per presentare agli eventuali acquirenti i prodotto offerti, con le connesse caratteristiche qualitative. La realizzazione di tale catalogo, con la gamma dei beni prodotti, dovrà essere ripetuta ogni anno e il costo previsto è di circa euro l anno. Altro materiale fotografico sarà necessario per iniziative pubblicitarie del tipo cartelloni pubblicitari o pagine di riviste di settore, come ad esempio Vogue. Per i negozianti dovranno essere realizzati dei cartelli vetrina, da esporre all interno degli esercizi commerciali in cui troveranno collocazione i cappelli. I cartelli vetrina, di forma rettangolare, potranno essere realizzati in plexiglass e conterranno il marchio dell impresa ed eventualmente uno slogan riferito al modello di prodotto. Importanti anche i giusti colori e la giusta visibilità, in modo da permettere l immediata percezione del prodotto offerto e consolidare nel consumatore la conoscenza del marchio dell azienda produttrice. La loro predisposizione dovrà avvenire a intervalli di due anni, nel caso specifico il primo e il terzo di attività, e comporterà una spesa stimata in euro per anno. Nel secondo anno si dovrà provvedere solo alla sostituzione dei cartelli eventualmente danneggiati o alla fornitura di quei negozi che decideranno solo successivamente di referenziare il prodotto. Il costo previsto per il secondo anno è di euro Nel contempo verrà programmata la campagna pubblicitaria per tre anni, con una presenza il più possibile continuativa all interno di periodici di settore, presenza che dovrà essere maggiore nei primi due anni di lancio fiere catalogo fotografico materiale pubblicitario campagna pubblicitaria 11

12 del prodotto. La cifra stimata è intorno ai euro nei primi due anni e euro nel terzo. I costi da sostenere nel triennio per l attività promozionale possono essere così riepilogati Tipologia di spesa Fiere Catalogo fotografico Cartelli vetrina Inserzioni pubblicitarie Totale La società si dovrà dare, come obiettivo strategico, la creazione progressiva, negli anni, di una rete commerciale che operi per consolidare il più possibile la clientela, in un contesto di espansione sia di volumi di produzione che di territorio. Anche per la rete commerciale, infatti, occorre porsi il problema di sfruttare le economie di scala che possono derivare da politiche promozionali corrette e lungimiranti. 3. IL PIANO DELLA PRODUZIONE Per avere il quadro globale di un impresa industriale occorre soffermarsi sul suo sistema di produzione. La produzione di cappelli di alta qualità ha ancora una forte impronta artigianale, con un processo produttivo caratterizzato da una rilevante incidenza di mano d opera specializzata e solo alcune fasi automatizzate. Un attività di questo tipo richiede uno spazio molto ampio, anche se non particolarmente attrezzato. Per questo motivo come sede dello stabilimento è stato individuato un capannone collocato in un area industriale: l edificio è ampio, dispone di uno spazio adeguato da adibire a magazzino, e la sua collocazione in un area industriale lo rende 12

13 facilmente raggiungibile, a tutto vantaggio dell organizzazione logistica dell attività. L affitto annuale dell immobile scelto è di circa euro all anno. Il processo produttivo di cappelli di alta qualità si divide in quattro fasi, ciascuna delle quali si identifica con un reparto separato. Taglio Le operazioni di taglio della materia prima, feltro o altro tessuto, vengono svolte manualmente da una squadra di 5 operaie specializzate, che lavorano in turni contemporanei di 8 ore al giorno. L attività richiede un impiego intensivo di mano d opera specializzata, che abbia maturato almeno 3 anni di esperienza nel settore. Lo stipendio annuo per operaia con questo tipo di specializzazione è di circa euro. L aumento di produzione previsto per gli anni successivi renderà necessaria l assunzione di una sesta persona, da inserire nel reparto già a partire dal secondo anno. Il fatto che l aumento della produzione dipenda in primo luogo dall aumento della manodopera piuttosto che dall acquisto di beni strumentali, mette in risalto come in questo settore produttivo, e nella fattispecie in quello dell industria per la fabbricazione dei cappelli, sia determinante il fattore umano. reparti di produzione Imbastitura e cucitura Questa fase della lavorazione può essere automatizzata grazie ad un macchinario che permette, in brevissimo tempo, di ottenere il cappello cucito e pronto per essere stirato. Il macchinario costa euro, ammortizzabile in 5 anni e potrebbe venire acquistato tramite un mutuo bancario triennale. La lavorazione avverrebbe sotto il controllo di un supervisore con esperienza nella programmazione di macchinari tessili. La macchina opera utilizzando un software che gestisce le diverse fasi del processo di cucitura sulla base di un disegno tridimensionale del cappello, nelle diverse misure, esplodibile nei diversi componenti. Il modello informatico trasmette istruzioni all apparecchiatura e consente di controllare, per confronto, la qualità di ogni singolo cappello alla fine della lavorazione. La retribuzione annua del supervisore sarebbe di circa euro 13

14 Stireria Le operazioni di stiratura vengono effettuate manualmente da una squadra di 5 operaie specializzate che lavorano in turni contemporanei di 8 ore al giorno. A loro compete anche, a stiratura completata, il controllo di qualità sui cappelli, prima di inviarli al finissaggio. Per lo svolgimento di questa attività non occorre personale che abbia già maturato esperienza nel settore, per cui è possibile avvalersi anche di giovani con contratto di apprendistato. E invece particolarmente importante la qualità del ferro da stiro utilizzato, che non deve lasciare segni sul feltro. La retribuzione annua di ogni operaia sarà di circa euro. Le apparecchiature per stirare, cinque in tutto, una per operaia, potrebbero essere acquistate per un importo totale di euro, corrispondente a un prezzo unitario di 375 euro, al netto di uno sconto del 25% sul prezzo di listino. Il prezzo è particolarmente favorevole grazie ad uno sconto decisamente elevato, ottenuto in forza degli ottimi rapporti preesistenti fra il fornitore e uno dei due soci. Finissaggio Le operazioni di finissaggio vengono effettuate meccanicamente da un apposito macchinario molto performante. Si tratta di una attrezzatura particolarmente sofisticata, che garantisce l alta qualità del cappello. Il trattamento effettuato permette al prodotto di durare nel tempo, di non sgualcirsi e di non usurarsi rapidamente anche in caso di utilizzo frequente. L utilizzo del macchinario suddetto è fondamentale per riuscire a collocare il nostro prodotto nella fascia alta di mercato e per garantire la buona riuscita del piano delle vendite esposto in precedenza. Per l acquisto la società è in contatto con i due fornitori leader nel settore, la Buone Macchine S.p.A. e la Clodel S.A. (francese). Entrambi i produttori hanno fornito preventivi molto simili. Poiché da parte della società sono stati richiesti degli adattamenti tecnici, si tratta di verificare quale dei due produttori potrà garantire la buona riuscita degli stessi. Il costo elevato da sostenere, circa euro, ammortizzabile in 5 anni, potrebbe essere sostenuto utilizzando un finanziamento regionale, in parte agevolato e in parte a fondo perduto. Il macchinario è ad alta automazione e opera sotto il controllo di un supervisore dotato di buona esperienza specifica. L esperienza è indispensabile sia per la complessità e l importanza di questa fase di lavorazione, sia per la necessità che la stessa persona sovrintenda al controllo finale di qualità sul prodotto finito. Per una figura professionale di questo tipo si stima una retribuzione annua lorda di circa euro. 14

15 L organizzazione di tutto il settore produttivo è affidata ad Alberto Iotti, molto esperto in materia di produzione di cappelli, avendo ricoperto per oltre 10 anni il ruolo di direttore della produzione in una delle aziende leader del settore. Il compenso del socio Iotti viene quantificato in euro lordi il primo anno, con un aumento di euro in ognuno dei due anni successivi, a cui si potranno aggiungere, in futuro, gli utili di esercizio. Le tre persone particolarmente qualificate all interno del settore produttivo, ossia Alberto Iotti e i due supervisori dei reparti di imbastitura e cucitura e di finissaggio, dovranno necessariamente essere intercambiabili e reciprocamente sostituibili per evitare rallentamenti o interruzioni della produzione in caso di assenza di uno dei tre. In un area confinante con i reparti produttivi viene organizzato il magazzino, dove sono stoccate le materie prime e nel quale i prodotti finiti, prima di essere spediti ai clienti, vengono confezionati in apposte cappelliere del prezzo unitario di 1,50 euro. La zona adibita allo scopo sarà adiacente al reparto di finissaggio, per evidenti ragioni logistiche, in particolare per coordinare le operazioni di confezionamento. L attrezzatura del magazzino sarà alquanto limitata, sia in considerazione dell ingombro ridotto tanto della materia prima che del prodotto finito sia, soprattutto, perché l azienda è orientata a organizzare la gestione in modo tale da poter produrre il più possibile a ordine pervenuto. Questo permetterà, almeno inizialmente, di avere poche rimanenze e, di conseguenza, una gestione più snella anche degli approvvigionamenti. Anche il costo dell attrezzatura, di circa euro, non è particolarmente elevato. Le operazioni di confezionamento e stoccaggio vengono svolte, manualmente, da 2 operai specializzati, con stipendio annuo di euro ciascuno. Questi operai, viste le dimensioni ridotte del magazzino, potrebbero essere addestrati per sostituire i colleghi della produzione in caso di necessità. Le materie prime di cui approvvigionarsi sono: feltro di ottima qualità, filo e fodere per gli interni. Grazie alla loro notevole conoscenza del settore, i soci hanno già contattato i migliori fornitori e hanno già potuto stabilire accordi di massima su prezzi e sconti medi per le future forniture. Tali accordi sono stati possibili in quanto le materie prime da utilizzare sono prodotti normalmente non soggetti a variazioni rilevanti di prezzo nel breve organizzazione magazzino materie prime 15

16 periodo. D altra parte si tratta di materia prima per la quale non si riscontrano sul mercato prezzi molto diversificati e concorrenziali. Il criterio di scelta del fornitore non è quindi tanto quello del prezzo, che tutt al più può variare in base ai quantitativi ordinati di volta in volta, quanto quello della qualità del materiale Si stima che per ogni cappello il costo del feltro impiegato sarà di circa 9,75 euro, che l incidenza del filo utilizzato, considerando anche l imbastitura e lo scarto, sarà di circa 0,20 euro, e quella della fodera di 0,25 euro. In considerazione della numerosa presenza di produttori di materie prime necessarie per la fabbricazione di cappelli (produttori di feltro, di filo e così via) e considerando la notevole forza contrattuale maturata dai due soci grazie a una presenza pluriennale nel settore, il tempo di dilazione media ottenibile dai fornitori potrebbe essere di 60 giorni, eventualmente incrementabili a partire dal terzo anno, una volta sviluppata a pieno ritmo la produzione. Come in parte già accennato in precedenza, la capacità produttiva della società Berretti così strutturata sarà, a pieno regime, di cappelli Tale quantitativo non comporta il pieno utilizzo dei macchinari, che potrebbero arrivare a un volume di produzione di oltre cappelli all anno. Per questo motivo la società potrebbe pianificare di implementare la produzione, in anni successivi, con la sola assunzione di altro personale qualificato nei reparti taglio e stiratura. I costi energetici da sostenere per il funzionamento dei macchinari aziendali sono stimati in circa euro Per quanto riguarda la classificazione come variabili o fissi dei costi del personale, si ritiene di dover distinguere fra il costo del personale impiegato come mano d opera nei reparti e il costo dei magazzinieri, oltre che del socio Iotti. I costi del personale addetto alla produzione si ritiene che debbano essere considerati fra i costi diretti di tipo variabile, e inseriti quindi nel calcolo del primo margine di contribuzione, in considerazione del fatto che si tratta di mano d opera facilmente ricollocabile da un reparto all altro. I costi relativi alle prestazioni del socio Iotta e dei magazzinieri saranno invece computati come costi fissi diretti. Lo spazio per gli uffici amministrativi sarà ricavato all interno dello stesso capannone, alzando delle pareti divisorie. I costi per gli arredi e l apparecchiatura informatica necessaria sono stimati in circa euro volume produzione mano d opera amministrazione 16

17 L amministrazione della società viene affidata a un amministratore unico, Daniele Valentini, che per il primo anno riceverà un compenso di euro, con un aumento di euro per ognuno degli anni successivi. Il compenso è stato stabilito di importo modesto, di comune accordo con l altro socio, al fine di gravare il meno possibile sul Conto economico di start up e consentire così alla società una migliore redditività iniziale. Nel settore amministrativo verrebbero occupati una segretaria esperta e un ragioniere, la prima con uno stipendio annuo di euro, il secondo, con mansioni di responsabile amministrativo, di euro. Fra i costi amministrativi sono previsti costi relativi alla consulenza di un dottore commercialista, stimati, in base ad preventivo ottenuto, intorno ai euro annui. Le utenze generali come riscaldamento, acqua, luce e telefono, sono previste dell ordine di circa euro all anno. I costi di costituzione della società Berretti Srl sono complessivamente stimati in circa euro

18 4. ORGANIZZAZIONE E MANAGEMENT La ricerca del luogo dove insediare l attività è stata orientata fin dall inizio verso il territorio piemontese, dove la produzione di cappelli è una tradizione e dove, di conseguenza, è possibile reperire la mano d opera specializzata necessaria per la produzione di cappelli di qualità. Il carattere tradizionale della produzione, abbinato a un alto standard qualitativo, porta con sé almeno due aspetti molto positivi : quello dell immagine, nella misura in cui la collocazione geografica diventa una sorta di referenza, e quello, ancor più concreto, della disponibilità di mano d opera qualificata ed esperta, cresciuta e formata nelle numerose botteghe artigiane presenti sul territorio. Per l insediamento dell attività è stato individuato un capannone che è sembrato rispondere in modo ottimale alle esigenze produttive della futura azienda. L edificio si trova nel quartiere industriale di Alessandria; è vuoto ma in ottimo stato di conservazione in quanto inutilizzato solo da un paio di mesi, ed è disponibile per la locazione a condizioni interessanti. La zona è facilmente raggiungibile dai mezzi di trasporto; è vicina allo sbocco autostradale ma anche collegata alla città con mezzi pubblici. localizzazione Come già indicato in precedenza, la società nasce per iniziativa di due soci che intendono dar vita a questa nuova attività d impresa partecipandovi a livello operativo e decisionale. Alberto Iotti vanta una esperienza pluriennale nel campo della produzione di cappelli di qualità, ed è quindi in grado di gestire e controllare l attività produttiva da vero esperto del settore. Daniele Valentini, dal canto suo, può vantare un altrettanto solida esperienza e grande conoscenza del settore per quanto riguarda l aspetto commerciale, della promozione e distribuzione del prodotto. I due soci quindi, oltre a prendere insieme le decisioni strategiche e di indirizzo dell attività aziendale, in fase di avvio svolgerebbero, individualmente, due funzioni aziendali ben distinte, di responsabile delle produzione Iotti e di responsabile commerciale e amministrativo Valentini. In particolare è stato deciso di assegnare formalmente a Valentini la funzione di amministratore unico della società, proprio in forza della sua management 18

19 ampia conoscenza delle dinamiche settoriali e della sua consolidata esperienza commerciale Fra le scelte da assumere. condividere ci sarà invece quella del personale da Il processo produttivo si svolge, necessariamente, per processo e, per quanto possibile, per lotti di ordinazione (vedi quanto ipotizzato a proposito della gestione scorte), utilizzando un numero di addetti limitato. In considerazione di questi elementi la struttura organizzativa che si è deciso di implementare prevede una suddivisione per funzioni. La presenza di una sola linea di prodotto e le ridotte dimensioni dell impresa escludono la scelta di altre strutture organizzative, ad esempio di tipo divisionale o misto. organizzazione Pertanto, l organigramma aziendale risulta il seguente: Direzione generale (Iotti Valentini) Funzione Amministrazione (Valentini Funzione Commerciale (Valentini) Funzione Produzione (Iotti) Magazzino (2 operai) Taglio (5 operai) Imbastitura e cucitura (1 tecnico) Stireria (5 operai) Finissaggio (1 tecnico) 19

20 5. IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI Gli investimenti necessari per iniziare l attività riguardano quasi esclusivamente la produzione. Infatti i reparti imbastitura e cucitura e finissaggio necessitano di macchinari costosi, in grado di garantire l alta qualità del prodotto e di consentire, per il futuro più prossimo, l aumento delle quantità prodotte, fino quasi al raddoppio della produzione prevista per i primi anni, senza ulteriori investimenti. Imbastitura e cucitura L apparecchiatura che si è scelto di acquistare consiste in un unico macchinario di grandi dimensioni, in grado di svolgere entrambe le funzioni con precisione e grande velocità. La macchina è capace di produrre circa cappelli l anno, con un margine di scarto massimo dello 0,1%. Sul mercato sono disponibili macchinari di dimensioni minori a costi più contenuti, ma la qualità del risultato non è altrettanto soddisfacente. Per questo motivo, vista la decisione della società di puntare alla fascia alta di mercato, si è scelto di investire su un apparecchio indubbiamente costoso, ma che garantisce le performance prospettate. I tre maggiori fornitori presenti sul mercato hanno fatto pervenire i seguenti preventivi: Mac Drive S.r.l Cucio Bene S.p.A. Tutto Cappelli S.p.A euro - costo comprensivo di installazione, addestramento del personale e garanzia di 1 anno euro - costo comprensivo di istallazione e garanzia di 1 anno euro - costo comprensivo di istallazione, addestramento del personale e garanzia di 2 anni. La scelta è evidentemente caduta sulla Tutto Cappelli S.p.A., garantisce una qualità pari a quella degli altri due fornitori. che Stireria I ferri da stiro richiesti in questa fase di lavorazione sono di un tipo speciale, in quanto devono consentire di eseguire la stiratura con assoluta precisione e senza lasciare sul feltro alcuna traccia. Dopo un attenta analisi del mercato è stato selezionato un fornitore francese che, al termine di una lunga contrattazione, ha inviato un preventivo di

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca -

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - AL LAVORO HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - 1 Azienda E il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa.

Dettagli

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Temi in preparazione alla maturità DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

TEMI DI DISCIPLINE GIURIDICHE

TEMI DI DISCIPLINE GIURIDICHE TEMI DI DISCIPLINE GIURIDICHE Tema n. 1: Dopo aver brevemente illustrato i presupposti soggettivi del fallimento, il candidato si soffermi, in particolare, sulle problematiche attinenti: - al fallimento

Dettagli

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 10 Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

SVOLGIMENTO IL PIANO DI MARKETING INTERNAZIONALE

SVOLGIMENTO IL PIANO DI MARKETING INTERNAZIONALE SVOLGIMENTO IL PIANO DI MARKETING INTERNAZIONALE La Pulcinella SpA è un azienda specializzata nella produzione di pizza surgelata con sede nella periferia di Napoli. La mission aziendale è quella di realizzare

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1) Immobilizzazioni Macchinari e attrezzature di produzione 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno a) 20% 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 b) 20% 33,0% 0,00 0,00

Dettagli

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Copyright 2008 Antonello Garzoni - Tutti i diritti riservati. Prof. Antonello Garzoni ARTI, 20-21-22 Maggio 2008 Agenda Gli

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN O.S. Organizzazione e servizi S.r.l. Dott. Dante Romanò Come realizzare un Business Plan : una guida semplice completa di un modello gratuito per il calcolo dei

Dettagli

Intraprendendo. www.intraprendendo.com

Intraprendendo. www.intraprendendo.com Business Plan la guida Intraprendendo 2012 Noi di Intraprendendo crediamo che lo sviluppo dell economia non sia altro che la somma della crescita nostra e delle nostre aziende e che fare impresa e farla

Dettagli

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN RICHIEDENTE Azienda, ragione sociale Indirizzo Persona di contatto Numero di telefono E-mail Luogo e data Firma e qualifica della persona autorizzata Business

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi MODELLO DI BUSINESS PLAN Schema esemplificativo per la redazione del piano d impresa 1) CURRICULUM VITA DEI PROPONENTI O SOCI DELL IMPRESA 2) DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1 DESCRIZIONE ANALITICA DEL PRODOTTO/SERVIZIO

Dettagli

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO IGEA Anno 2000 Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE

I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE I PROCESSI FINANZIARI DELLE IMPRESE Alessandro Russo Università degli studi di Catania Corso di Economia e Gestione delle Imprese IL RUOLO DEL MANAGER FINANZIARIO Ruolo del manager finanziario quale intermediario

Dettagli

DESCRIZIONE DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE

DESCRIZIONE DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE B U S I N E S S P L A N L A F O R N E R I A S.R.L. PRODUZIONE DI CRACKER BIOLOGICI SEDE E STABILIMENTO : VIA MANTOVA, 130 - CREMONA L idea imprenditoriale che sta alla base di questo business plan è la

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª C l a s s e 5 ª Costruiamo insieme un Business plan di Stefano Fontana Seconda e ultima tappa del nostro viaggio alla scoperta di come è fatto un Business plan. Dopo aver illustrato le competenze necessarie

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo di Riccardo Barni PARTE I SCOPO DEL BUSINESS PLAN 1. A COSA SERVE IL B. P. A determinare i progetti futuri A verificare il raggiungimento degli obiettivi A reperire

Dettagli

PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE

PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE Tema d esame PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE di Stefano RASCIONI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI

Dettagli

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Nota bene: qui di seguito troverete delle indicazioni per la compilazione del business plan. Per avere una idea più completa possibile della vostra

Dettagli

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE P.O.R. ABRUZZO Ob. 3 2000-2006 ALLEGATO PER LL.RR. 143/95 E 96/97 136/96-55/98 ANNUALITA MISURA / AZIONE (*) L.R. ART. (*) - Azione D3.1 per le LL.RR. 136/96 e 55/98

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009 PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA TRACCIA N. 1 I SESSIONE 2009 I P R O V A S C R I T T A Illustri il candidato la funzione di controllo contabile es art. 2409 ter, c.c., soffermandosi

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC Albez edutainment production Il patrimonio Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio patrimoniale e finanziario di un impresa Conoscere e classificare

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2013 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Nuove Imprese a Tasso Zero Guida alla compilazione del piano di impresa DECRETO MISE 8 LUGLIO 2015, n. 140 CIRCOLARE MISE

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di: Esaminare i prospetti economico/finanziari che compongono un Business Plan. Per rendere

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ALLEGATO 5 - Pag. 1 di 9 Per le imprese di nuova costituzione (ovvero quelle costituite o che hanno avviato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione al Fondo di Garanzia

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA Anno 2000 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare un attività imprenditoriale in

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo Giuridico Economico Aziendale (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali del progetto Sirio ) Tema di economia aziendale

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico Economico Aziendale) è incentrato

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 INDICE 1. Modalità di scrittura e stile del business plan... 3 2. Struttura di un business plan... 3 2.1 Sintesi...

Dettagli

Indirzzo: Giuridico Economico Aziendale Progetto IGEA

Indirzzo: Giuridico Economico Aziendale Progetto IGEA Indirzzo: Giuridico Economico Aziendale Progetto IGEA Anno 1999 Tema di Economia Aziendale Traccia La riduzione dei tassi di interesse e l avanzamento del processo di attuazione dell Unione Europea grazie

Dettagli

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali

Analisi per flussi. 1. Considerazioni generali Capitolo 8 Analisi per flussi 1. Considerazioni generali Il rendiconto finanziario è un prospetto che raggruppa, in relazione a determinati scopi di formazione, le variazioni (flussi) intervenute nella

Dettagli

L analisi di bilancio. Gli indici

L analisi di bilancio. Gli indici L analisi di bilancio Gli indici L analisi nel tempo e nello spazio L analisi di bilancio mediante indici deve sempre basarsi su confronti critici: Nel tempo: occorre osservare una serie storica di indici

Dettagli

RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE

RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE Il sottoscritto Vladimiro BOLDI COTTI, Dottore Commercialista con Studio in Mantova (MN), Via Cremona n.

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

Economia e Organizzazione Aziendale ESERCIZI SUGLI INVESTIMENTI

Economia e Organizzazione Aziendale ESERCIZI SUGLI INVESTIMENTI Economia e Organizzazione Aziendale ESERCIZIO 1 ESERCIZI SUGLI INVESTIMENTI La Fispo è una media azienda che produce motori elettrici per piccoli elettrodomestici. La fase di assemblaggio del prodotto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

Capitolo 3. Progetto di impresa

Capitolo 3. Progetto di impresa Capitolo 3 Progetto di impresa 3.1 La redazione del business plan: aspetti generali La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione. Molteplici possono essere le motivazioni di una scelta imprenditoriale:

Dettagli

Srl La predisposizione del piano finanziario

Srl La predisposizione del piano finanziario Srl La predisposizione del piano finanziario 1 Srl stato patrimoniale al 31/12/24 Attività Passività Software e licenze 55., 22., Impianti generici 15., 28., Mobili ed arredi 124., 12., Macchine elettroniche

Dettagli

La pianificazione strategica

La pianificazione strategica Esempio budget 1 Obiettivi 1. Capire cosa si intende per pianificazione strategica e in quale contesto si inserisce il processo di formazione del budget 2. Capire perché le aziende preparano il budget

Dettagli

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE Business Plan (PIANO DI IMPRESA) DELL IMPRESA CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE PAGE \*Arabic 1 PARTE DESCRITTIVA Parte generale a a descrizione dell impresa: - denominazione - forma giuridica

Dettagli

EASY BUSINESS PLAN. Guida facile al Business Plan con foglio di calcolo in excel

EASY BUSINESS PLAN. Guida facile al Business Plan con foglio di calcolo in excel EASY BUSINESS PLAN Guida facile al Business Plan con foglio di calcolo in excel Il foglio di calcolo utilizzato per lo sviluppo del Business Plan oggetto della seguente guida, denominato EASY BUSINESS

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2009 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

ALFA BETA SRL. Report Sintetico

ALFA BETA SRL. Report Sintetico Report Sintetico Trend su base biennale dei principali indici di bilancio Confronto con trend della media di settore registrata nel medesimo periodo Legenda: Anno 1 (2008) > Data inizio: 01/01/2008 - Data

Dettagli

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE ALLEGATO 4 - Pag. 1 di 21 ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE Art. 15 Legge Regionale n. 33 del 30.12.2010 DGR Basilicata n. 606 del 29/04/2011 (Regolamento) DGR Basilicata n.

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Che cos'è il Business Plan?

Che cos'è il Business Plan? Che cos'è il Business Plan? Sintesi del percorso per un piano d'impresa. Di seguito viene riportato un percorso guidato per la stesura di un business plan: si tratta di una traccia esemplificativa sui

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario GESTIONED IMPRESA ACCESSO AL CREDITO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI APPROFONDIMENTI ESEMPI FASCICOLO BANCHE COME NUOVO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE FINANZIARIA (valutazione del merito creditizio) La crescente

Dettagli

PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009)

PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009) PROVA PRATICA N. 13 BUSINESS PLAN: STRUTTURA E CONTENUTI (PROVA ASSEGNATA ALL UNIVERSITÀ DI VERONA - I SESSIONE 2009) Il candidato, dopo avere definito il concetto di business plan, ne specifichi la struttura

Dettagli

Il business plan. La New Paper srl. Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a.

Il business plan. La New Paper srl. Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a. Corso di Economia e gestione delle imprese II Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a. dott. Matteo Rossi Benevento, 04 febbraio 008 Il business plan E un esercizio che rappresenta

Dettagli

Proposta di svolgimento e riflessioni post- esame

Proposta di svolgimento e riflessioni post- esame Stefano Tulli Proposta di svolgimento e riflessioni post- esame Abstract - La costruzione del Bilancio di Esercizio con dati a scelta è stato l oggetto della seconda prova scritta di Economia Aziendale

Dettagli

- Salumificio - Business plan

- Salumificio - Business plan - Salumificio - Business plan (tabelle) 1 INDICE 1. Pianificazione economico-finanziaria 2009-2012... 3 a. Conto economico... 3 Ricavi... 3 Costi... 4 b. Stato Patrimoniale... 6 c. Analisi finanziaria...

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli