PRODUZIONE DI CAPPELLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRODUZIONE DI CAPPELLI"

Transcript

1 BUSINESS PLAN BERRETTI S.R.L. PRODUZIONE DI CAPPELLI PER UOMO SEDE E STABILIMENTO : VIA MARCONI, ALESSANDRIA PIANO ELABORATO IN DATA.. 1

2 SOMMARIO 1. DESCRIZIONE DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE IL PIANO DELLE VENDITE IL PIANO DELLA PRODUZIONE ORGANIZZAZIONE E MANAGEMENT IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI IMBASTITURA E CUCITURA STIRERIA FINISSAGGIO MAGAZZINO AMMINISTRAZIONE IL PIANO FINANZIARIO CAPITALE PROPRIO BILANCIO PREVISIONALE E ANALISI DI BREAK- EVEN

3 B E R R E T T I S. R. L. L idea imprenditoriale che sta alla base di questo business plan è la creazione di una nuova impresa industriale, con un attività nel settore della produzione di cappelli per uomo. La predisposizione di questo documento ha lo scopo di evidenziare la concreta ed effettiva realizzabilità del progetto, oltre che di presentare la società di nuova costituzione a potenziali investitori per reperire i circa euro considerati necessari per avviare la produzione e la commercializzazione dei primi prodotti e, nel contempo, lavorare alla messa a punto della linea di prodotti completa. 1. DESCRIZIONE DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE L idea imprenditoriale è semplice ed articolata allo stesso tempo. L osservazione della realtà moderna ha permesso di evidenziare come il prodotto cappello per uomo sia rimasto pressoché immutato nel tempo in quanto a forme e tessuti. Molte spesso, nell immaginario collettivo, il prodotto cappello, inteso in particolare come prodotto di moda, è concepito come un capo di abbigliamento maggiormente consono a persone di una fascia di età piuttosto elevata. Nella pluriennale esperienza nel campo della produzione e vendita di cappelli, ci si è resi conto dell esistenza di un vero e proprio buco di offerta nei confronti di una clientela di mezza e giovane età. Si tratta di un settore di mercato a forte potenziale di sviluppo, per il quale occorre trovare un prodotto maggiormente rappresentativo dei gusti di questa fascia d età che mantenga, nello stesso tempo, elevati standard qualitativi di produzione. L idea che si vuole concretamente realizzare è quella di una produzione di cappelli che, attraverso un campione inizialmente limitato di modelli, sia in grado di indirizzarsi verso una tipologia di clientela ben definita, rappresentata da uomini con un età compresa fra i 25 e i 35 anni. Si tratterebbe di realizzare cappelli di buona qualità, sostenuti comunque da un prezzo competitivo e contraddistinti da un forte carattere distintivo e da un marchio inconfondibile. presupposti e motivazioni 3

4 La scelta è caduta su una produzione di cappelli di tipo coppola, da realizzare utilizzando un tipo di feltro trattato con un processo di lavorazione innovativo che ne determina caratteristiche di impermeabilità e resistenza al di sopra della media. L utilizzo di linee e colori nel contempo semplici e particolari consentirà di differenziare il prodotto, oltre che nella qualità intrinseca, anche nella percezione del consumatore. prodotto L iniziativa imprenditoriale verrà realizzata attraverso la costituzione di una nuova società nella forma di società a responsabilità limitata. La compagine sociale sarà inizialmente composta da due soci, Alberto Iotti e Daniele Valentini, la cui presenza e il cui peso saranno forti e imprescindibili, soprattutto nella fase di start up, grazie alla esperienza pluriennale da loro maturata nel settore. La proprietà del capitale di rischio sarà, almeno inizialmente, detenuta dai due soci fondatori, cui verrà anche attribuita l amministrazione della società stessa. La forma di società di capitali è stata considerata preferibile a quella di società di persone in considerazione del fatto che meglio si presta, per il genere e il volume di attività, alla particolare tipologia di produzione da realizzare. A ciò occorre poi aggiungere i maggiori vantaggi fiscali per i soci al momento della distribuzione degli eventuali dividendi. Nel contempo, tra le forme di società di capitali, la società a responsabilità limitata si presenta come la forma più agile di gestione societaria, a livello di adempimenti da effettuare, rispetto alla società per azioni. forma sociale La società non avrà quindi alcun collegamento con strutture societarie preesistenti, a eccezione dei legami con il settore di mercato costruiti nel tempo da parte dei due soci. Come società di nuova costituzione si troverà, quindi, in una posizione privilegiata per sfruttare le opportunità di cui più sopra si è fatto cenno, grazie all esperienza settoriale dei suoi fondatori e ai vantaggi intrinseci dei suoi prodotti. In base alle proiezioni finanziarie elaborate in dettaglio più avanti, con un finanziamento iniziale di euro la società sarà in grado di generare profitti fin dal primo anno, che garantiranno quella solvibilità in grado di fare rientrare i mezzi finanziari dell investimento fatto nella società stessa dagli investitori. 4

5 La società sarà denominata B E R R E T T I e avrà sede nel nord Italia, in Piemonte, dove il socio Iotti ha maturato la sua pluriennale esperienza di artigiano del settore. Più precisamente, la sede e lo stabilimento saranno ad Alessandria, dove nella prima periferia della città è già stato individuato un capannone industriale adatto al futuro svolgimento dell attività. La zona si presenta facilmente raggiungibile sia per gli automezzi (autovetture o autocarri) provenienti da strade statali circostanti o dall autostrada, sia per chi proviene dalla città, a cui è collegata anche da mezzi pubblici. ubicazione Come accennato in precedenza, tutto il progetto trova fondamento nella esperienza pluriennale di lavoro dei due soci fondatori, che intenderebbero avviare la promozione e la vendita del prodotto a partire dall area geografica all interno della quale hanno da sempre svolto la loro attività, di produzione l uno e di agenzia l altro, ossia nell Italia settentrionale. Più precisamente la vendita potrebbe essere proposta inizialmente a quei negozianti con cui i due soci hanno spesso intrattenuto in passato rapporti commerciali, mantenendo, comunque, come obiettivo a breve-medio termine quello di espandere l attività fino a coprire l intero territorio italiano e, progressivamente, esportare all estero i capi di maggior impatto. Per la tipologia di produzione che si andrà a realizzare, un elemento essenziale è costituito dalla competenza specifica in merito al processo produttivo. La produzione di cappelli di elevata qualità è infatti prerogativa di pochissimi artigiani. Alberto Iotti può essere considerato uno di questi, data la sua ormai trentennale esperienza nel campo della produzione di cappelli nella zona piemontese, dapprima all interno di piccole botteghe artigiane e successivamente all interno di due tra le maggiori imprese del settore. Non meno importante, per un prodotto che si propone di qualità, è la collocazione sul mercato in esercizi commerciali di sicuro riferimento per il target che si vuole raggiungere. La pluriennale esperienza e il grado di conoscenza del settore di Daniele Valentini, da 20 anni agente per il nord Italia della maggior impresa italiana produttrice di cappelli, potranno fornire all attività da intraprendere quello sbocco commerciale iniziale consono all immagine di qualità che si vuole conferire al prodotto e che, gestito con lungimiranza, sarà propedeutico al futuro ampliamento dell attività. vertice e management canali di distribuzione 5

6 2. IL PIANO DELLE VENDITE L ANALISI DEL SETTORE Il settore all interno del quale si dovrà posizionare la società sarà quello manifatturiero, e in particolare quello dell abbigliamento per uomo. In generale, il settore dell abbigliamento, per uomo o per donna, è da sempre un settore molto competitivo, in cui molti sono i produttori presenti e l attenzione ai margini di ricarico da applicare ai prodotti sta sempre più assumendo importanza strategica. Difficile è, pertanto, proporre all interno di tale settore delle innovazioni forti, tali da far sorgere nuovi bisogni e nuove esigenze da parte dei clienti. Innovazioni di tipo radicale possono al massimo essere introdotte nelle metodologie produttive, o attraverso nuovi impianti o macchinari di produzione. Ciò non esclude però che possano cambiare gli stili di vita e i gusti dei consumatori. Sia indagini svolte da riviste specializzate (come Largo Consumo e Strategia ), sia i dati in possesso delle Camere di Commercio sulla congiuntura del comparto strategico di riferimento, descrivono il settore dell abbigliamento come un settore maturo, data la presenza di numerosi competitors e la pressione sui margini; ciò non esclude comunque che si possa realizzare una rivitalizzazione del prodotto cappello secondo le linee in precedenza descritte. Dagli studi effettuati analizzando i bilanci di gran parte delle società, il settore dell abbigliamento per uomo ha mostrato, nell ultimo triennio, una crescita media annua del fatturato sul territorio nazionale del 2%, anche nel settore della produzione di cappelli. La domanda non è quindi ferma e l andamento di crescita moderata si presume possa mantenersi anche per l immediato futuro, visto che si tratta di un dato consolidato nel tempo. Nel caso di vendita all estero, invece, la domanda è decisamente in crescita, a un tasso che arriva a raggiungere, per talune imprese, anche il 20%. L analisi del settore ha permesso di individuare una nicchia di mercato non servita dagli attuali produttori di cappelli, e che corrisponde all area evidenziata nel grafico sottostante. spazio innovazione andamento fatturato 6

7 Età Alta Imitazioni non di marca Cappello classico di marca Area scoperta Bassa Cappellini Bassa Qualità Alta Posizionandosi in tale area, la concorrenza dei numerosi competitors presenti nel settore risulterebbe essere in gran parte ridotta. Infatti dallo studio delle principali aziende del settore, in particolare del nord-italia, è emerso che la produzione attuale si indirizza principalmente o verso cappelli classici di marca, o verso imitazioni di tali cappelli, naturalmente di qualità inferiore e minor costo, oppure verso cappellini più semplici per il tempo libero. L analisi dei concorrenti ha quindi confermato la valenza strategica di una politica di nicchia basata sulla differenziazione del prodotto. concorrenza L analisi dei fornitori ha portato a individuare la presenza di diversi fornitori di feltro di buona qualità. Poiché si tratta di produttori in forte competizione fra di loro, la nostra impresa potrà beneficiare di un relativo vantaggio in termini di potere contrattuale. fornitori I clienti, invece, che sono rappresentati in gran parte dagli esercizi commerciali situati nei centri storici delle principali città, detengono una forza di contrattazione notevole. Si tratta, il più delle volte, di negozi di prestigio, tali per la posizione ma spesso anche per tradizione famigliare, che godono di forte richiamo nei confronti dei consumatori e che rivestono, di fatto, un ruolo importante nel referenziare i prodotti. Ciò consente loro di detenere un ampia discrezionalità nella determinazione dei margini da applicare al consumatore. Dalle indagini svolte, è emerso che il margine solitamente applicato ai negozi dalle aziende produttrici di cappelli è pari all incirca al 40% del clienti 7

8 costo di fabbrica del prodotto, mentre i negoziante arriva ad applicare ricarichi, sugli stessi prodotti, anche fino al 70-80% del costo di acquisto. Adottando una strategia di differenziazione e di mercato di nicchia, si punta a ottenere una fedeltà al prodotto e un apprezzamento tale da parte del consumatore, da mettere l azienda al riparo dalla concorrenza di potenziali nuovi entranti o di produttori di beni sostitutivi. LA STRATEGIA DI COMMERCIALIZZAZIONE E DI PREZZO Con riferimento alla strategia di commercializzazione, un ruolo rilevante è quello assunto, almeno inizialmente, dal socio Valentini, che da anni svolge attività di agente nel settore. L esperienza maturata nel settore, unita alla visibilità acquisita negli anni, hanno permesso al socio Valentini di godere di una notevole stima da parte di alcuni operatori del settore, che hanno appoggiato la scelta produttiva della società e che si sono impegnati, in via informale, ad acquisire un numero complessivo di cappelli di nuova produzione intorno alle unità. vendite iniziali Il canale distributivo di cui si avvarrà la società sarà, in futuro, quello della vendita indiretta, tramite agenti, inizialmente solo nel territorio italiano, successivamente anche verso Paesi esteri. Nel caso di acquisto da parte dello stesso fornitore di un quantitativo di cappelli pari o superiore alle unità si concederà uno sconto variabile del 4-5% dell importo totale dei prodotti venduti al netto IVA. Così come in caso di pagamento immediato di almeno il 50% della fornitura si concederanno sconti variabili del 3-4%, a seconda dell ammontare dell importo pagato per pronta cassa. Per i regolamenti a termine, la dilazione concessa sarà normalmente di 30 giorni.. È già in previsione di aumentare a 40 giorni la tempistica prevista per le dilazioni concesse ai clienti a partire dal terzo l anno, dopo aver superato la fase più difficile per l azienda per quanto riguarda la gestione finanziaria. La scelta di concedere ai debitori tempi di pagamento più lunghi, di fatto una sorta di piccolo finanziamento implicito, ha il chiaro obiettivo di contribuire ad acquisire nuove e più vaste quote di mercato. politiche di prezzo 8

9 Durante il primo anno la società si avvarrà, per la promozione e la vendita del prodotto, esclusivamente dell attività del socio Valentini, che ha accettato di svolgere l attività senza provvigioni. Le sue prestazioni saranno remunerate indirettamente all interno del compenso di socio amministratore, a cui, in futuro, si aggiungerà una quota utili. Il numero di pezzi che si presume di vendere sul mercato durante il primo anno sarà di circa cappelli. La quantità è determinata in ragione di quanto alcuni negozianti si sono già dichiarati disponibili ad acquistare e di quanto è possibile ipotizzare come ulteriore richiesta futura in base a indagini di mercato. In base sempre a studi di fattibilità e ad analisi statistiche sul livello medio dei prezzi sul mercato, tenuto conto del grado di elasticità della domanda, si è stimato di poter applicare un prezzo di vendita ai negozi di euro, con un ricarico di circa il 40% sul costo di produzione. Il prezzo a cui mediamente il prodotto potrebbe essere rivenduto al consumatore finale dovrebbe collocarsi intorno a euro. Il secondo anno, la società si dovrà necessariamente avvalere di un secondo agente, plurimandatario, che dovrà occuparsi del procacciamento degli affari nel centro-sud d Italia. Al nuovo agente sarà riconosciuta una percentuale del 4% sulle vendite procurate, in relazione a un incremento del fatturato di circa il 20%. Il terzo anno, si può ipotizzare una prosecuzione dell attività dello stesso agente, che dovrebbe consentire di mantenere un trend di crescita del fatturato almeno del 15%. Ipotizzando un prezzo di vendita di 39,50, il piano delle vendite del triennio può essere così riepilogato Ricavi Anno Anno 1 Anno 2 Anno 3 Ricavi Sconti (15.800) (18.960) (23.700) Ricavi Netti La stima dei costi relativi alla scontistica è stata fatta con riferimento alle tipologie di pagamento attuate nel settore, nonché all analisi percentuale dell incidenza di costi dello stesso tipo nelle aziende concorrenti, analisi effettuata per fasce progressive di fatturato. 9

10 Nei primi tre anni di attività, si è ritenuto di non considerare la possibilità di vendere in mercati non nazionali. Poiché comunque si ritiene che il prodotto potrebbe risultare interessante in diversi Stati Europei, si può prevedere di iniziare il quarto anno ad inserire un terzo agente. La sua competenza specifica sarebbe quella di procacciare affari nella UE, e in particolare in mercati che si stimano molto recettivi quali quelli di Spagna, Portogallo Austria, e Olanda. Anche in questo caso, l aliquota garantita alla provvigione sarà pari al 4%. IL PIANO DI MARKETING La politica di marketing da adottare dovrà essere mirata a obiettivi specifici in funzione della posizione di mercato che si vorrà far assumere al prodotto. A livello di premessa, è importante sottolineare come la serietà e la grande esperienza dei soci fondatori all interno del settore, costituiscano già un primo importante elemento a garanzia della qualità del prodotto nei confronti dei singoli commercianti. Ciò è importante soprattutto in questo caso, in cui si andrà a lanciare sul mercato un prodotto di medioalta qualità. La politica promozionale di un prodotto quale un cappello da uomo, da realizzare in un mercato competitivo come quello della moda, in cui l immagine e l impatto anche emotivo sul consumatore sono tutto, è molto delicata e può assumere forme e contenuti molto vari. Pertanto, soprattutto nei primi anni di attività, si dovrà porre molta attenzione a scegliere i canali pubblicitari più opportuni, al fine di riuscire a far cogliere al consumatore la qualità e, soprattutto, la peculiarità del prodotto senza incidere eccessivamente sui costi dello stesso, elemento fondamentale di una iniziativa in fase di start up. Il budget di spesa per le attività di marketing è stato stabilito pari a euro, corrispondenti al 5% del fatturato previsto per il primo anno. La cifra è stata mantenuta invariata per il secondo anno e aumentata invece di euro per il terzo anno. 10

11 Il tasso di incidenza percentuale applicato sul fatturato previsto (dai al euro) è stato individuato attraverso la comparazione con imprese analoghe del settore. Imprescindibile per la società sarà la partecipazione a fiere del settore per fare conoscere il prodotto ai commercianti. Nel mercato della moda, una partecipazione a una fiera relativa a prodotti di alta qualità presenta un costo pari a circa euro circa a partecipazione. Sulla base di una analisi del comportamento dei principali competitors del settore, e dello studio di alcune imprese operanti nel mondo della moda nei loro primi anni di attività, si è stabilito di partecipare ad almeno a 2 fiere di settore durante il primo anno e a 3 fiere nel secondo e terzo anno, aggiungendo la partecipazione a una fiera minore. Inoltre, sarà necessario predisporre un catalogo fotografico, indispensabile per presentare agli eventuali acquirenti i prodotto offerti, con le connesse caratteristiche qualitative. La realizzazione di tale catalogo, con la gamma dei beni prodotti, dovrà essere ripetuta ogni anno e il costo previsto è di circa euro l anno. Altro materiale fotografico sarà necessario per iniziative pubblicitarie del tipo cartelloni pubblicitari o pagine di riviste di settore, come ad esempio Vogue. Per i negozianti dovranno essere realizzati dei cartelli vetrina, da esporre all interno degli esercizi commerciali in cui troveranno collocazione i cappelli. I cartelli vetrina, di forma rettangolare, potranno essere realizzati in plexiglass e conterranno il marchio dell impresa ed eventualmente uno slogan riferito al modello di prodotto. Importanti anche i giusti colori e la giusta visibilità, in modo da permettere l immediata percezione del prodotto offerto e consolidare nel consumatore la conoscenza del marchio dell azienda produttrice. La loro predisposizione dovrà avvenire a intervalli di due anni, nel caso specifico il primo e il terzo di attività, e comporterà una spesa stimata in euro per anno. Nel secondo anno si dovrà provvedere solo alla sostituzione dei cartelli eventualmente danneggiati o alla fornitura di quei negozi che decideranno solo successivamente di referenziare il prodotto. Il costo previsto per il secondo anno è di euro Nel contempo verrà programmata la campagna pubblicitaria per tre anni, con una presenza il più possibile continuativa all interno di periodici di settore, presenza che dovrà essere maggiore nei primi due anni di lancio fiere catalogo fotografico materiale pubblicitario campagna pubblicitaria 11

12 del prodotto. La cifra stimata è intorno ai euro nei primi due anni e euro nel terzo. I costi da sostenere nel triennio per l attività promozionale possono essere così riepilogati Tipologia di spesa Fiere Catalogo fotografico Cartelli vetrina Inserzioni pubblicitarie Totale La società si dovrà dare, come obiettivo strategico, la creazione progressiva, negli anni, di una rete commerciale che operi per consolidare il più possibile la clientela, in un contesto di espansione sia di volumi di produzione che di territorio. Anche per la rete commerciale, infatti, occorre porsi il problema di sfruttare le economie di scala che possono derivare da politiche promozionali corrette e lungimiranti. 3. IL PIANO DELLA PRODUZIONE Per avere il quadro globale di un impresa industriale occorre soffermarsi sul suo sistema di produzione. La produzione di cappelli di alta qualità ha ancora una forte impronta artigianale, con un processo produttivo caratterizzato da una rilevante incidenza di mano d opera specializzata e solo alcune fasi automatizzate. Un attività di questo tipo richiede uno spazio molto ampio, anche se non particolarmente attrezzato. Per questo motivo come sede dello stabilimento è stato individuato un capannone collocato in un area industriale: l edificio è ampio, dispone di uno spazio adeguato da adibire a magazzino, e la sua collocazione in un area industriale lo rende 12

13 facilmente raggiungibile, a tutto vantaggio dell organizzazione logistica dell attività. L affitto annuale dell immobile scelto è di circa euro all anno. Il processo produttivo di cappelli di alta qualità si divide in quattro fasi, ciascuna delle quali si identifica con un reparto separato. Taglio Le operazioni di taglio della materia prima, feltro o altro tessuto, vengono svolte manualmente da una squadra di 5 operaie specializzate, che lavorano in turni contemporanei di 8 ore al giorno. L attività richiede un impiego intensivo di mano d opera specializzata, che abbia maturato almeno 3 anni di esperienza nel settore. Lo stipendio annuo per operaia con questo tipo di specializzazione è di circa euro. L aumento di produzione previsto per gli anni successivi renderà necessaria l assunzione di una sesta persona, da inserire nel reparto già a partire dal secondo anno. Il fatto che l aumento della produzione dipenda in primo luogo dall aumento della manodopera piuttosto che dall acquisto di beni strumentali, mette in risalto come in questo settore produttivo, e nella fattispecie in quello dell industria per la fabbricazione dei cappelli, sia determinante il fattore umano. reparti di produzione Imbastitura e cucitura Questa fase della lavorazione può essere automatizzata grazie ad un macchinario che permette, in brevissimo tempo, di ottenere il cappello cucito e pronto per essere stirato. Il macchinario costa euro, ammortizzabile in 5 anni e potrebbe venire acquistato tramite un mutuo bancario triennale. La lavorazione avverrebbe sotto il controllo di un supervisore con esperienza nella programmazione di macchinari tessili. La macchina opera utilizzando un software che gestisce le diverse fasi del processo di cucitura sulla base di un disegno tridimensionale del cappello, nelle diverse misure, esplodibile nei diversi componenti. Il modello informatico trasmette istruzioni all apparecchiatura e consente di controllare, per confronto, la qualità di ogni singolo cappello alla fine della lavorazione. La retribuzione annua del supervisore sarebbe di circa euro 13

14 Stireria Le operazioni di stiratura vengono effettuate manualmente da una squadra di 5 operaie specializzate che lavorano in turni contemporanei di 8 ore al giorno. A loro compete anche, a stiratura completata, il controllo di qualità sui cappelli, prima di inviarli al finissaggio. Per lo svolgimento di questa attività non occorre personale che abbia già maturato esperienza nel settore, per cui è possibile avvalersi anche di giovani con contratto di apprendistato. E invece particolarmente importante la qualità del ferro da stiro utilizzato, che non deve lasciare segni sul feltro. La retribuzione annua di ogni operaia sarà di circa euro. Le apparecchiature per stirare, cinque in tutto, una per operaia, potrebbero essere acquistate per un importo totale di euro, corrispondente a un prezzo unitario di 375 euro, al netto di uno sconto del 25% sul prezzo di listino. Il prezzo è particolarmente favorevole grazie ad uno sconto decisamente elevato, ottenuto in forza degli ottimi rapporti preesistenti fra il fornitore e uno dei due soci. Finissaggio Le operazioni di finissaggio vengono effettuate meccanicamente da un apposito macchinario molto performante. Si tratta di una attrezzatura particolarmente sofisticata, che garantisce l alta qualità del cappello. Il trattamento effettuato permette al prodotto di durare nel tempo, di non sgualcirsi e di non usurarsi rapidamente anche in caso di utilizzo frequente. L utilizzo del macchinario suddetto è fondamentale per riuscire a collocare il nostro prodotto nella fascia alta di mercato e per garantire la buona riuscita del piano delle vendite esposto in precedenza. Per l acquisto la società è in contatto con i due fornitori leader nel settore, la Buone Macchine S.p.A. e la Clodel S.A. (francese). Entrambi i produttori hanno fornito preventivi molto simili. Poiché da parte della società sono stati richiesti degli adattamenti tecnici, si tratta di verificare quale dei due produttori potrà garantire la buona riuscita degli stessi. Il costo elevato da sostenere, circa euro, ammortizzabile in 5 anni, potrebbe essere sostenuto utilizzando un finanziamento regionale, in parte agevolato e in parte a fondo perduto. Il macchinario è ad alta automazione e opera sotto il controllo di un supervisore dotato di buona esperienza specifica. L esperienza è indispensabile sia per la complessità e l importanza di questa fase di lavorazione, sia per la necessità che la stessa persona sovrintenda al controllo finale di qualità sul prodotto finito. Per una figura professionale di questo tipo si stima una retribuzione annua lorda di circa euro. 14

15 L organizzazione di tutto il settore produttivo è affidata ad Alberto Iotti, molto esperto in materia di produzione di cappelli, avendo ricoperto per oltre 10 anni il ruolo di direttore della produzione in una delle aziende leader del settore. Il compenso del socio Iotti viene quantificato in euro lordi il primo anno, con un aumento di euro in ognuno dei due anni successivi, a cui si potranno aggiungere, in futuro, gli utili di esercizio. Le tre persone particolarmente qualificate all interno del settore produttivo, ossia Alberto Iotti e i due supervisori dei reparti di imbastitura e cucitura e di finissaggio, dovranno necessariamente essere intercambiabili e reciprocamente sostituibili per evitare rallentamenti o interruzioni della produzione in caso di assenza di uno dei tre. In un area confinante con i reparti produttivi viene organizzato il magazzino, dove sono stoccate le materie prime e nel quale i prodotti finiti, prima di essere spediti ai clienti, vengono confezionati in apposte cappelliere del prezzo unitario di 1,50 euro. La zona adibita allo scopo sarà adiacente al reparto di finissaggio, per evidenti ragioni logistiche, in particolare per coordinare le operazioni di confezionamento. L attrezzatura del magazzino sarà alquanto limitata, sia in considerazione dell ingombro ridotto tanto della materia prima che del prodotto finito sia, soprattutto, perché l azienda è orientata a organizzare la gestione in modo tale da poter produrre il più possibile a ordine pervenuto. Questo permetterà, almeno inizialmente, di avere poche rimanenze e, di conseguenza, una gestione più snella anche degli approvvigionamenti. Anche il costo dell attrezzatura, di circa euro, non è particolarmente elevato. Le operazioni di confezionamento e stoccaggio vengono svolte, manualmente, da 2 operai specializzati, con stipendio annuo di euro ciascuno. Questi operai, viste le dimensioni ridotte del magazzino, potrebbero essere addestrati per sostituire i colleghi della produzione in caso di necessità. Le materie prime di cui approvvigionarsi sono: feltro di ottima qualità, filo e fodere per gli interni. Grazie alla loro notevole conoscenza del settore, i soci hanno già contattato i migliori fornitori e hanno già potuto stabilire accordi di massima su prezzi e sconti medi per le future forniture. Tali accordi sono stati possibili in quanto le materie prime da utilizzare sono prodotti normalmente non soggetti a variazioni rilevanti di prezzo nel breve organizzazione magazzino materie prime 15

16 periodo. D altra parte si tratta di materia prima per la quale non si riscontrano sul mercato prezzi molto diversificati e concorrenziali. Il criterio di scelta del fornitore non è quindi tanto quello del prezzo, che tutt al più può variare in base ai quantitativi ordinati di volta in volta, quanto quello della qualità del materiale Si stima che per ogni cappello il costo del feltro impiegato sarà di circa 9,75 euro, che l incidenza del filo utilizzato, considerando anche l imbastitura e lo scarto, sarà di circa 0,20 euro, e quella della fodera di 0,25 euro. In considerazione della numerosa presenza di produttori di materie prime necessarie per la fabbricazione di cappelli (produttori di feltro, di filo e così via) e considerando la notevole forza contrattuale maturata dai due soci grazie a una presenza pluriennale nel settore, il tempo di dilazione media ottenibile dai fornitori potrebbe essere di 60 giorni, eventualmente incrementabili a partire dal terzo anno, una volta sviluppata a pieno ritmo la produzione. Come in parte già accennato in precedenza, la capacità produttiva della società Berretti così strutturata sarà, a pieno regime, di cappelli Tale quantitativo non comporta il pieno utilizzo dei macchinari, che potrebbero arrivare a un volume di produzione di oltre cappelli all anno. Per questo motivo la società potrebbe pianificare di implementare la produzione, in anni successivi, con la sola assunzione di altro personale qualificato nei reparti taglio e stiratura. I costi energetici da sostenere per il funzionamento dei macchinari aziendali sono stimati in circa euro Per quanto riguarda la classificazione come variabili o fissi dei costi del personale, si ritiene di dover distinguere fra il costo del personale impiegato come mano d opera nei reparti e il costo dei magazzinieri, oltre che del socio Iotti. I costi del personale addetto alla produzione si ritiene che debbano essere considerati fra i costi diretti di tipo variabile, e inseriti quindi nel calcolo del primo margine di contribuzione, in considerazione del fatto che si tratta di mano d opera facilmente ricollocabile da un reparto all altro. I costi relativi alle prestazioni del socio Iotta e dei magazzinieri saranno invece computati come costi fissi diretti. Lo spazio per gli uffici amministrativi sarà ricavato all interno dello stesso capannone, alzando delle pareti divisorie. I costi per gli arredi e l apparecchiatura informatica necessaria sono stimati in circa euro volume produzione mano d opera amministrazione 16

17 L amministrazione della società viene affidata a un amministratore unico, Daniele Valentini, che per il primo anno riceverà un compenso di euro, con un aumento di euro per ognuno degli anni successivi. Il compenso è stato stabilito di importo modesto, di comune accordo con l altro socio, al fine di gravare il meno possibile sul Conto economico di start up e consentire così alla società una migliore redditività iniziale. Nel settore amministrativo verrebbero occupati una segretaria esperta e un ragioniere, la prima con uno stipendio annuo di euro, il secondo, con mansioni di responsabile amministrativo, di euro. Fra i costi amministrativi sono previsti costi relativi alla consulenza di un dottore commercialista, stimati, in base ad preventivo ottenuto, intorno ai euro annui. Le utenze generali come riscaldamento, acqua, luce e telefono, sono previste dell ordine di circa euro all anno. I costi di costituzione della società Berretti Srl sono complessivamente stimati in circa euro

18 4. ORGANIZZAZIONE E MANAGEMENT La ricerca del luogo dove insediare l attività è stata orientata fin dall inizio verso il territorio piemontese, dove la produzione di cappelli è una tradizione e dove, di conseguenza, è possibile reperire la mano d opera specializzata necessaria per la produzione di cappelli di qualità. Il carattere tradizionale della produzione, abbinato a un alto standard qualitativo, porta con sé almeno due aspetti molto positivi : quello dell immagine, nella misura in cui la collocazione geografica diventa una sorta di referenza, e quello, ancor più concreto, della disponibilità di mano d opera qualificata ed esperta, cresciuta e formata nelle numerose botteghe artigiane presenti sul territorio. Per l insediamento dell attività è stato individuato un capannone che è sembrato rispondere in modo ottimale alle esigenze produttive della futura azienda. L edificio si trova nel quartiere industriale di Alessandria; è vuoto ma in ottimo stato di conservazione in quanto inutilizzato solo da un paio di mesi, ed è disponibile per la locazione a condizioni interessanti. La zona è facilmente raggiungibile dai mezzi di trasporto; è vicina allo sbocco autostradale ma anche collegata alla città con mezzi pubblici. localizzazione Come già indicato in precedenza, la società nasce per iniziativa di due soci che intendono dar vita a questa nuova attività d impresa partecipandovi a livello operativo e decisionale. Alberto Iotti vanta una esperienza pluriennale nel campo della produzione di cappelli di qualità, ed è quindi in grado di gestire e controllare l attività produttiva da vero esperto del settore. Daniele Valentini, dal canto suo, può vantare un altrettanto solida esperienza e grande conoscenza del settore per quanto riguarda l aspetto commerciale, della promozione e distribuzione del prodotto. I due soci quindi, oltre a prendere insieme le decisioni strategiche e di indirizzo dell attività aziendale, in fase di avvio svolgerebbero, individualmente, due funzioni aziendali ben distinte, di responsabile delle produzione Iotti e di responsabile commerciale e amministrativo Valentini. In particolare è stato deciso di assegnare formalmente a Valentini la funzione di amministratore unico della società, proprio in forza della sua management 18

19 ampia conoscenza delle dinamiche settoriali e della sua consolidata esperienza commerciale Fra le scelte da assumere. condividere ci sarà invece quella del personale da Il processo produttivo si svolge, necessariamente, per processo e, per quanto possibile, per lotti di ordinazione (vedi quanto ipotizzato a proposito della gestione scorte), utilizzando un numero di addetti limitato. In considerazione di questi elementi la struttura organizzativa che si è deciso di implementare prevede una suddivisione per funzioni. La presenza di una sola linea di prodotto e le ridotte dimensioni dell impresa escludono la scelta di altre strutture organizzative, ad esempio di tipo divisionale o misto. organizzazione Pertanto, l organigramma aziendale risulta il seguente: Direzione generale (Iotti Valentini) Funzione Amministrazione (Valentini Funzione Commerciale (Valentini) Funzione Produzione (Iotti) Magazzino (2 operai) Taglio (5 operai) Imbastitura e cucitura (1 tecnico) Stireria (5 operai) Finissaggio (1 tecnico) 19

20 5. IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI Gli investimenti necessari per iniziare l attività riguardano quasi esclusivamente la produzione. Infatti i reparti imbastitura e cucitura e finissaggio necessitano di macchinari costosi, in grado di garantire l alta qualità del prodotto e di consentire, per il futuro più prossimo, l aumento delle quantità prodotte, fino quasi al raddoppio della produzione prevista per i primi anni, senza ulteriori investimenti. Imbastitura e cucitura L apparecchiatura che si è scelto di acquistare consiste in un unico macchinario di grandi dimensioni, in grado di svolgere entrambe le funzioni con precisione e grande velocità. La macchina è capace di produrre circa cappelli l anno, con un margine di scarto massimo dello 0,1%. Sul mercato sono disponibili macchinari di dimensioni minori a costi più contenuti, ma la qualità del risultato non è altrettanto soddisfacente. Per questo motivo, vista la decisione della società di puntare alla fascia alta di mercato, si è scelto di investire su un apparecchio indubbiamente costoso, ma che garantisce le performance prospettate. I tre maggiori fornitori presenti sul mercato hanno fatto pervenire i seguenti preventivi: Mac Drive S.r.l Cucio Bene S.p.A. Tutto Cappelli S.p.A euro - costo comprensivo di installazione, addestramento del personale e garanzia di 1 anno euro - costo comprensivo di istallazione e garanzia di 1 anno euro - costo comprensivo di istallazione, addestramento del personale e garanzia di 2 anni. La scelta è evidentemente caduta sulla Tutto Cappelli S.p.A., garantisce una qualità pari a quella degli altri due fornitori. che Stireria I ferri da stiro richiesti in questa fase di lavorazione sono di un tipo speciale, in quanto devono consentire di eseguire la stiratura con assoluta precisione e senza lasciare sul feltro alcuna traccia. Dopo un attenta analisi del mercato è stato selezionato un fornitore francese che, al termine di una lunga contrattazione, ha inviato un preventivo di

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Sede in Lecco - Via Amendola, n 4 Capitale Sociale 2.473.194 interamente versato Registro Imprese di Lecco n 02686430139 Rea C.C.I.A.A. di Lecco n 295486 BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Bilancio 2014

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli