LA SICUREZZA NEI CANTIERI NASCE A SCUOLA. Da Studente a RSPP Progetto sperimentale per gli Istituti superiori per Geometri della Provincia di Modena

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SICUREZZA NEI CANTIERI NASCE A SCUOLA. Da Studente a RSPP Progetto sperimentale per gli Istituti superiori per Geometri della Provincia di Modena"

Transcript

1 LA SICUREZZA NEI CANTIERI NASCE A SCUOLA Da Studente a RSPP Progetto sperimentale per gli Istituti superiori per Geometri della Provincia di Modena La valutazione dei rischi in relazione alla relativa normativa di sicurezza:il rischio biologico docente: Dr.ssa Roberta Bergamini INAIL Sede di Modena Modena 2 dicembre

2 Rischio Biologico 2

3 Rischio Biologico incontro-esposizione agente biologico infezione malattia 3

4 Definizioni Capo I art.267 agente biologico : microrganismo coltura cellulare endoparassita umano malattia 4

5 NORMATIVA NAZIONALE Decreto Legislativo 626/94 Decreto Legislativo 81/08 Decreto Legislativo 106/09 5

6 D.Lgs 81/08 Titolo X Esposizione ad agenti biologici 266. Campo di applicazione 267. Definizioni 268. Classificazione degli agenti Biologici 269. Comunicazione 270. Autorizzazione 279. Prevenzione e controllo 280. Registri degli esposti e degli eventi accidentali 281. Registro dei casi di malattia e di decesso CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO II OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO CAPO III SORVEGLIANZA SANITARIA CAPO IV SANZIONI 271. Valutazione del rischio 272. Misure tecniche, organizzative, Procedurali 273. Misure igieniche 274. Misure specifiche per le strutture sanitarie e veterinarie 275. Misure specifiche per i laboratori e gli stabulari 276. Misure specifiche per i processi Industriali 277. Misure di emergenza 278. Informazione e formazione 282. A carico del DL 283. A carico dei preposti 284. A carico del MC 285. A carico dei lavoratori 286. Concernenti divieto di assunzione in luoghi esposti 6

7 Campo di applicazione Capo I art 266 tutte le attività lavorative nelle quali vi è rischio di esposizione ad agenti biologici includendo anche quelle in cui l esposizione agli agenti biologici è potenziale e/o riveste carattere di occasionalità 7

8 Campo di applicazione Capo I art. 266 ESPOSIZIONE DA USO DELIBERATO Ad esempio, nei laboratori di analisi microbiologiche ESPOSIZIONE DA USO OCCASIONALE SORVEGLIANZA SANITARIA REGISTRO ESPOSTI ACCIDENTALI REGISTRO DEI CASI DI MALATTIA E DECESSO 8

9 USO DELIBERATO USO OCCASIONALE Qualora gli agenti biologici siano introdotti deliberatamente come materia prima, substrato o prodotto in un processo lavorativo Qualora la presenza, anche concentrata di agenti biologici sia facilmente prevedibile e riscontrabile, ma tali agenti non siano oggetto dell attività lavorativa 9

10 Settori lavorativi che fanno uso deliberato di agenti biologici/1 SETTORE LAVORATIVO ATTIVITA SVOLTA Università, Centri ricerca ricerca e sperimentazione nuovi materiali e processi utilizzanti agenti biologici laboratori di microbiologia (diagnostica e saggio) Sanità ricerca e sperimentazione nuovi metodi diagnostici farmaci contenenti agenti biologici (uso e sperimentazione) prove biologiche (su animali e su cellule) laboratori di microbiologia Zootecnia e Veterinaria ricerca e sperimentazione nuovi metodi diagnostici farmaci contenenti agenti biologici (uso e sperimentazione) prove biologiche (su animali e su cellule) laboratori di microbiologia Industria biotecnologie produzione di microrganismi selezionati Farmaceutica ricerca e produzione vaccini ricerca e produzione farmaci processi di biotrasformazione separazione, concentrazione, centrifugazione e produzione di sostanze derivate ricerca e produzione nuovi kit diagnostici prove biologiche (su animali e su cellule) 10

11 Settori lavorativi che fanno uso deliberato di agenti biologici/2 SETTORE LAVORATIVO ATTIVITA SVOLTA Alimentare produzione per biotrasformazione (vino, birra, formaggi, zuccheri,etc.) produzione di microrganismi selezionati laboratori di microbiologia per prove di saggio (ricerca patogeni) Chimica Energia Ambiente Miniere Agricoltura produzione per biotrasformazione di composti vari (detersivi, prodotti concia cuoio) biotrasformazione vettori energetici (etanolo, metanolo, metano) usando residui agricoli e agroalimentari o altre biomasse trattamento rifiuti uso di microrganismi (batteri) con funzione degradativa aerobica e anaerobica recupero metalli uso di microrganismi per la concentrazione dei metalli da soluzioni acquose fertilizzazione colture uso di microrganismi azotofissatori inoculazione micorrize sviluppo nuove sementi uso di antiparassitari microbici: batteri, funghi, virus Industria bellica produzione armi biologiche 11

12 ESPOSIZIONE POTENZIALE OD OCCASIONALE AD AGENTI BIOLOGICi (All.XLIV D.Lgs.81/08) Attività in industrie alimentari Attività nell agricoltura Attività nelle quali vi è contatto con gli animali e/o con prodotti di origine animale Attività nei servizi sanitari, comprese le unità di isolamento e post mortem Attività nei laboratori clinici, veterinari e diagnostici, esclusi i laboratori di diagnosi microbiologica Attività in impianti di smaltimento rifiuti e di raccolta di rifiuti speciali potenzialmente infetti Attività negli impianti per la depurazione delle acque di scarico 12

13 Definizione di agente biologico: Capo I art.267 Agente biologico microrganismo, coltura cellulare o endoparassita umano che potrebbe provocare infezioni, allergie o intossicazioni Microrganismo entità microbiologica in grado di riprodursi o trasferire materiale genetico Coltura cellulare il risultato della crescita in vitro di cellule derivate da organismi pluricellulari 13

14 Pur non essendo espressamente compresi nelle definizioni del D.lgs. 81/08, andrebbero comunque considerati tra gli agenti biologici: I metaboliti o i derivati dei microrganismi (tossine) prioni prodotti cellulari di origine vegetale o animale artropodi 14

15 Classificazione agenti biologici capo I art.268 infettività: capacità di penetrare e moltiplicarsi in un ospite patogenicità: capacità di indurre patologia in seguito ad infezione trasmissibilità: capacità di propagarsi nella comunità per trasmissione da soggetti malati a soggetti sani disponibilità di efficaci misure profilattiche 15

16 GRUPPO I GRUPPO II GRUPPO III GRUPPO IV Ha poche probabilità di causare malattie in soggetti umani può causare malattie in soggetti umani e costituire un rischio per i lavoratori Ha poche probabilità di propagazione nella comunità Sono di norma disponibili efficaci misure profilattiche e terapeutiche Può causare malattie gravi in soggetti umani e costituisce un serio rischio per lavoratori Può propagarsi nella comunità Può causare malattie gravi in soggetti umani e costituisce un serio rischio per i lavoratori Nel caso in cui l agente biologico non possa essere attribuito in modo inequivocabile ad uno tra due dei gruppi indicati, esso va classificato nel gruppo di rischio più elevato tra le due possibilità. Sono di norma disponibili efficaci misure profilattiche e terapeutiche Può presentare un elevato rischio di propagazione nella comunità L allegato XLVI riporta l elenco degli agenti biologici classificati nei gruppi 2,3 e 4 Non sono di norma disponibili efficaci misure profilattiche terapeutiche 16

17 GRUPPO II GRUPPO III GRUPPO IV Virus dell epatite A Virus influenzale A, B, C (V(c)) Virus del morbillo, della rosolia della varicella Virus dell epatite B HIV BSE, altre TSE animali Virus Ebola Clostridium tetani E.coli (ceppi non patogeni) Pseudomonas aeruginosa Staphilococcus aureus Salmonella spp. Aspergillus fumigatus Candida albicans Entamoeba histolytica Brucella abortus Escherichia coli (ceppi patogeni) Micobacterium tuberculosis Salmonella typhi Coccidioides immitis Blastomyces dermatitidis Echinococcus granulosus Plasmodium falciparum 17

18 Comunicazioni all autorità competente Capo I art.276 attività lavorativa con uso DELIBERATO microrganismi Datore di lavoro USL Ministero Salute 18

19 Comunicazioni all autorità competente Capo I art.276 Attività che comportano l uso DELIBERATO di agenti biologici dei gruppi 2 o 3 Il Datore di Lavoro comunica alla ASL competente Quando: Almeno 30 giorni prima dell inizio dei lavori Cosa: Nome e indirizzo azienda e titolare Documento di valutazione dei rischi 19

20 Richiesta di autorizzazione Capo I art.270 Attività che comportano l uso deliberato di di agenti biologici del gruppo 4 Il Datore di Lavoro richiede autorizzazione al Ministero della Salute Durata autorizzazione: 5 ANNI e rinnovabile Cosa: Nome e indirizzo azienda e titolare Documento di valutazione dei rischi Elenco degli agenti che si intendono utilizzare Il ministero della Salute comunicare alla usl l autorizzazione ed eventuali variazioni 20

21 USO DELIBERATO: COMUNICAZIONE E AUTORIZZAZIONE Chi intende utilizzare organismi geneticamente modificati del gruppo II, nella comunicazione all organo di vigilanza territorialmente competente sostituisce la documentazione richiesta con il documento previsto dal D.Lgs. 206/2001 (impiego confinato di OGM). I laboratori che forniscono un servizio diagnostico (che non rientrano nell uso deliberato), sono tenuti alla comunicazione alla ASL e alla richiesta di autorizzazione al Ministero della Salute. Non sono, invece tenuti alla comunicazione al Ministero della Salute di ogni nuovo agente del gruppo 4 utilizzato, nonché di ogni avvenuta cessazione di impiego 21

22 USO DELIBERATO: COMUNICAZIONE E AUTORIZZAZIONE NUOVA COMUNICAZIONE Si verificano mutamenti nella lavorazione che comportano una variazione del rischio biologico per la salute dei lavoratori Intende utilizzare un nuovo agente classificato in via provvisoria Si verifica l impiego di un nuovo agente o si cessa l impiego di un agente del gruppo 4 22

23 OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO Capo II Art. 271 Valutazione rischi normativa letteratura scientifica. classificazione degli agenti biologici (secondo Allegato XLVI o effettuata dal DL) informazione sulle malattie che possono essere contratte potenziali effetti allergici e tossici segnalazioni o raccomandazioni emanate da autorità competenti conoscenza di eventuali patologie a carico del lavoratore sinergia dei diversi gruppi di agenti biologici utilizzati 23

24 OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO Capo II Art. 271 Valutazione rischi Applica principi di buona prassi microbiologica Adotta le misure protettive e preventive di cui pres.tit.. ripete la valutazione ogni 3 anni ripete la valutazione in caso di modifiche att.lav. consulta RP prima della effettuazione valutazione RP ha accesso ai dati integra il DVR fasi del processo che comportano rischio di esposizione n lavoratori addetti esposti generalità RSPP metodi e misure adottate + misure preventive e protettive programma emergenza per protezione (agenti 3 e 4) 24

25 Misure tecniche, organizzative, procedurali capo II art.272 cerca dievitare utilizzo di agenti biologici nocivi limita al minimo numero di lavoratori esposti progetta adeguatamente processi lavorativi,; adotta misure collettive di protezione ovvero misure individuali per evitare l esposizione adotta misure igieniche per prevenire e ridurre al minimo la propagazione usa il segnale di rischio biologico Il Datore di Lavoro elabora idonee procedure per prelevare, manipolare e trattare campioni di origine umana e animale definisce procedure emergenza per affrontare gli incidenti verifica la presenza di agenti biologici al di fuori del contenimento primario predispone i mezzi per la raccolta, l immagazzinamento e lo smaltimento dei rifiuti in sicurezza concorda procedure per il trasporto di agenti biologici in sicurezza all interno e all esterno del luogo di lavoro 25

26 Valutazione e prevenzione del rischio infettivo CRITICITA Non è nota la Dose Minima Infettante (DI 0 ) di tutte le specie che possono comportare un rischio per la salute quindi per molti microrganismi si considera, al pari del rischio cancerogeno DI 0 = 1 La suscettibilità alle infezioni è variabile tra individui diversi Il bioaerosol è una miscela complessa di agenti biologici diversi Non ci sono dati epidemiologici sufficienti a stabilire relazioni dose risposta 26

27 Valutazione e prevenzione del rischio infettivo CRITICITA E difficile misurare l esposizione reale, spesso valutata in base ai monitoraggi ambientali I monitoraggi ambientali non sono standardizzati e sono influenzati dal campionamento stesso Non esistono limiti di esposizione, quindi non esistono valori soglia L esposizione individuale deve sempre essere ridotta al più basso livello possibile 27

28 MODI E VIE DI CONTAMINAZIONE Contatto diretto o indiretto con una sorgente di infezione Contatto diretto o indiretto con un serbatoio di infezione Raccolta, manipolazione o trasporto di liquidi biologici infetti Utilizzo di microrganismi in ambito industriale Via inalatoria Contatto cutaneo (soprattutto se la cute presenta lesioni) Ingestione Contatto con mucose (oculari, della bocca) Parenterale 28

29 VIE DI CONTAMINAZIONE INALATORIA ORALE CUTANEA PARENTERALE Particolarmente pericolosa data la difficoltà di attuazione di efficaci interventi di prevenzione e controllo Si può prevenire efficacemente adottando semplici misure di igiene personale e ambientale Si può prevenire facilmente attraverso misure di igiene e l utilizzo di DPI Si può prevenire attraverso l adozione di procedure e l utilizzo di DPI difficilmente circoscrivibile data la natura del veicolo più facilmente circoscrivibile data la natura dei veicoli 29

30 Misure igieniche Capo II art. 273 I Servizi Sanitari Gli Indumenti I DPI Protettivi Gli Indumenti di Lavoro siano adeguati, dotati di docce e se del caso di lavaggi oculari siano disponibili antisettici per la pelle idonei e riposti separatamente dagli abiti civili ove non siano mono uso, siano controllati, disinfettati e puliti riparati o sostituiti se difettosi siano conservati separatamente dagli altri indumenti siano controllati, disinfettati e puliti se necessario distrutti Attenzione a mangiare, fumare,bere conservare cibi, usare pipette, cosmetici 30

31 Misure specifiche per le strutture sanitarie e veterinarie Capo II art. 274 In sede di valutazione rischi attenzione a possibile presenza di agenti biologici nell organismo di pazienti o animale o loro campioni e residui ad al rischio in base a tipo di attività svolta Nei servizi di isolamento che ospitano pazienti o animali che sono o potrebbero essere contaminati (gruppo 3 o 4 ) attuano le misure di contenimento per ridurre al minimo il rischio di infezione previste nell ALLEGATO XLVII In base a valutazione rischi provvede a definizione ed applicazione procedure per manipolare decontaminare eliminare materiali e rifiuti contaminati senza rischi per operatore e comunità 31

32 Misure specifiche peri laboratori e stabulari Capo II art. 275 Nei laboratori di ricerca,didattica,diagnostica che utilizzano AB gruppi 2,3 e 4 e nei locali destinati ad animali da laboratorio deliberatamente contaminati. MISURE di CONTENIMENTO Allegato XLVII In caso di uso di materiale che può essere contaminato e nei lab. di animali possibili portatori. MISURE almeno del 2 Livello di contenimento In luoghi in cui si fa uso di AB non ancora classificati ma con rischio grave per la salute lavoratori. MISURE almeno del 3 Livello di contenimento 32

33 Misure specifiche per i processi industriali Capo II art. 276 Nei processi industriali che utilizzano A.B. dei gruppi 2,3 e4 le misure da adottare sono tra quelle elencate in all. XLVIII Per A.B non ancora classificati le misure da adottare sono quelle corrispondenti al livello 3 di contenimento 33

34 Emergenza Capo II art. 277 I lavoratori segnalano immediatamente qualsiasi infortunio o incidente relativo all uso di agenti biologici In caso di dispersione di agenti biologici dei gruppi 2, 3 o 4 i lavoratori devono abbandonare immediatamente l area, possono accedere solo gli addetti all intervento ll datore di lavoro informa l organo di vigilanza territorialmente competeinte, i lavoratori e il rappresentante per la sicurezza. 34

35 Informazione e formazione Capo II art. 278 Fornisce informazioni e istruzioni su: i rischi per la salute le precauzioni da adottare le misure igieniche, gli indumenti di lavoro e i DPI, le procedure, la prevenzione degli infortuni Sul luogo di lavoro sono apposti cartelli ben visibili su cui sono riportate le procedure da seguire in caso di incidente o infortuni Il datore di lavoro assicura la formazione e l informazione ai lavoratori prima che siano adibiti alle attività e successivamente con frequenza almeno quinquennale 35

36 Sorveglianza Sanitaria - Prevenzione e controllo Capo III, art. 279 Valutazione rischi Necessità Sorveglianza Sanitaria 36

37 Sorveglianza Sanitaria - Prevenzione e controllo Capo III, art. 279 Mette a disposizione misure speciali di protezione Vaccini efficaci ( MC ) Allontana il lavoratore (art 4) Effettua nuova valutazione dei rischi Informato da M.C. si risultati degli accertamenti sanitari Informa il datore di lavoro - se gli accertamenti sanitari evidenziano anomalie Fornisce informazione ai lavoratori su: - controllo sanitario - necessità di sottoporsi agli stessi anche dopo cessazione attività a rischio- - vantaggi e svantaggi della vaccinazione e non 37

38 Visite e accertamenti sanitari Visita e accertamenti sanitari preventivi Visita e accertamenti sanitari periodici Visita e accertamenti sanitari straordinari Visita preventiva in fase preassuntiva Visita precedente alla ripresa del lavoro Profilassi post esposizione Sorveglianza sanitaria del personale in formazione Vaccinazioni Sorveglianza Sanitaria e Rischio Biologico Modulistica: T.U. art.41,comma 5, alleg. 3A (cartella sanitaria e di rischio) 38

39 REGISTRO DEGLI ESPOSTI E DEGLI EVENTI ACCIDENTALI Capo III art. 280 per ogni lavoratore che fa uso di agenti del gruppo 3 o 4 datore di lavoro istituisce e aggiorna un registro per il tramite del medico competente L attività svolta Gli agenti utilizzati Gli eventuali casi di esposizione L RSPP e il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza hanno accesso al registro 39

40 REGISTRO DEGLI ESPOSTI E DEGLI EVENTI ACCIDENTALI Capi III art. 280 Il datore di lavoro - consegna copia registro a ISS, ISPSEL e ORGANO di VIGILANZA e comunica ogni 3 anni ( e in caso di richiesta da parte loro ) le variazioni intervenute - in caso di cessazione rapporto di lavoro: Comunica all ISPSEL e all ORGANO di VIGILANZA la cessazione del rapporto di lavoro registro Consegna all Ispsel le cartelle sanitarie e di rischio - in caso di cessazione attività: Consegna copia del registro all ISS e all ORGANO di Vigilanza Consegna copia registro + cartelle sanitarie all ISPSEL - in caso di assunzione lavoratori già precedentemente esposti a stesso agente chiede ad ISPSEL copia cartella sanitaria + annotazioni individuali contenute in registro 40

41 REGISTRO DEGLI ESPOSTI E DEGLI EVENTI ACCIDENTALI Capi III art. 280 Il datore di lavoro - Comunica tramite il medico competente: ai LAVORATORl interessati le annotazioni individuali contenute nel registro e nelle cartelle sanitarie e di rischio al RAPPRESENTANTE per sicurezza i dati collettivi - Conserva le annotazioni individuali contenute nel Registro e le Cartelle Sanitarie e di Rischio fino a risoluzione del rapporto di lavoro (l ISPSEL sino a 10 anni dalla cessazione della attività che espone ad agenti biologici) - D.M. Salute n. 155: modello per la tenuta registro e cartelle sanitari - ISPSEL trasmette annualmente al Ministero Salute i dati dei registri ( disponibili a richiesta per Regioni ) 41

42 REGISTRO DEI CASI DI MALATTIA E DI DECESSO Capo III art.281 I medici Le strutture sanitarie pubbliche e private che REFERTANO casi di malattia o decesso da esposizione lavorativa ad agenti biologici trasmettono all ISPESL copia della relativa documentazione clinica PRESSO L ISPESL E TENUTO UN REGISTRO DEI CASI DI MALATTIA E DECESSO DOVUTI AD ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Su richiesta, il Ministero della Salute fornisce alla CE informazioni sull utilizzo dei dati contenuti nel registro 42

43 copia registro cessazione attività variazioni attività rischi Istituto Superiore Sanità cessazione rapporto lavoro cartelle sanitarie copia registro organo vigilanza ISPSEL cartella sanitaria casi di decessi cartella sanitaria annotazioni registro assunzione lavoratore esposto a stesso rischio casi di malattia 43

44 REGISTRI DI ESPOSIZIONE RISCHIO CANCEROGENO E MUTAGENO Titolo IX Capo III - art. 243 per ogni lavoratore esposto Il datore di lavoro istituisce e aggiorna un registro per il tramite del medico competente; in esso sono riportati: Attività svolta Agente cancerogeno o mutageno utilizzato Valore di esposizione (ove noto) a tale agente L RSPP e l RSL hanno accesso al registro degli esposti Il medico competente istituisce e aggiorna una cartella sanitaria e di rischio 44

45 REGISTRI DI ESPOSIZIONE RISCHIO CANCEROGENO E MUTAGENO Titolo IX Capo III - art. 243 Il datore di lavoro - Comunica ai LAVORATORI (su richiesta) le annotazioni individuali contenute nel REGISTRO e tramite il MC i dati della CARTELLA SANITARIA - in caso di cessazione rapporto di lavoro: Invia all ISPSEL la cartella sanitaria + annotazioni individuali registro Consegna copia all interessato - in caso di cessazione attività: Consegna il registro + cartelle sanitarie a ISPSEL Consegna copia registro all ORGANO di VIGILANZA - conserva le annotazioni individuali della cartella sanitaria e registro sino a risoluzioni rapporto di lavoro (e presso ISPSEL fino a 40 anni da cessazione attvità ) - rispetta il segreto professionale (relativamente ai dati custoditi) 45

46 REGISTRI DI ESPOSIZIONE RISCHIO CANCEROGENO E MUTAGENO Titolo IX Capo III - art. 243 Il datore di lavoro - consegna copia registro a ISPSEL e ORGANO di VIGILANZA e comunica ogni 3 anni ( e in caso di richiesta da parte loro ) le variazioni intervenute - consegna copia registro a ISTITUTO SUP. SANITA (su richiesta) - in caso cessazione attività consegna copia registro a ORGANO Vigilanza -in caso di assunzione lavoratori già esposti in precedenza (a cancerogeni) chiede copia delle annotazioni individuali del registro e copia cartella sanitaria all ISPSEL (o al lavoratore). -D.M. Salute n. 155: modello per la tenuta registro e cartelle sanitari - ISPSEL trasmette annualmente al Ministero Salute i dati dei registri ( disponibili a richiesta per Regioni ) 46

47 REGISTRI DI ESPOSIZIONE RISCHIO CANCEROGENO E MUTAGENO Titolo IX Capo III - art. 244 I medici Le strutture sanitarie pubbliche e private Gli istituti previdenziali assicurativi pubblici e privati che IDENTIFICANO casi di neoplasie da esposizione lavorativa ad agenti cancerogeni ne danno SEGNALAZIONE all ISPESL, tramite i Centri Operativi Regionali, trasmettendo le relative informazioni di cui al DPCM 308/

48 copia registro cessazione attività variazioni attività rischi Istituto Superiore Sanità cessazione rapporto lavoro cartelle sanitarie copia registro organo vigilanza ISPSEL cartella sanitaria casi di decessi cartella sanitaria annotazioni registro assunzione lavoratore esposto a stesso rischio casi di malattia 48

49 REGISTRAZIONE DEI TUMORI RISCHIO CANCEROGENO E MUTAGENO Sistemi di Registrazione Regionali INPS MEDICI L ISPESL realizza sistemi di monitoraggio dei rischi da cancerogeni e rende disponibili i dati al Ministero della Salute, Ministero del Lavoro, all INAIL e alle Regioni INAIL ISTAT ALTRE ISTITUZIONI PUBBLICHE STRUTTURE SANITARIE 49

50 REGISTRO DI ESPOSIZIONE E CARTELLE SANITARIE E DI RISCHIO RISCHI DA ESPOSIZIONE AD AMIANTO Titolo IX Capo III art.260 In caso di attività che possono esporre ad amianto Il medico competente: - effettua la sorveglianza sanitaria - istituisce ed aggiorna la cartella sanitaria e di rischio (art 25). Dati disponibili relativi al rischio sono forniti dal Datore di Lavoro Il datore di lavoro: nel caso in cui vengano superati i limiti di esposizione (0,1 fibre cm 3 in aria o 0,01 nell aria filtrata dal DPI): - iscrive i lavoratori nel registro di esposizione così come previsto per il rischio cancerogeno e mutageno e ne invia copia agli organi di vigilanza e all ISPESL, invio eventualmente ripetuto su richiesta. 50

51 REGISTRO DI ESPOSIZIONE E CARTELLE SANITARIE E DI RISCHIO RISCHI DA ESPOSIZIONE AD AMIANTO Titolo IX - Capo III art.260 Il datore di lavoro alla cessazione del rapporto di lavoro trasmette all ISPESL, tramite il medico competente - la cartella sanitaria - le annotazioni individuali contenute nel registro degli esposti L ISPESL conserva i documenti per 40 anni dalla cessazione dell esposizione 51

52 REGISTRAZIONE DEI MESOTELIOMI RISCHI DA ESPOSIZIONE AD AMIANTO T.U. 81/08 Titolo IX - Capo III art.261 I casi accertati di mesotelioma, sono inseriti nel registro nazionale tumori istituito presso l ISPESL, nella apposita sezione ReNaM (Registro Nazionale dei Mesoteliomi). 52

53 FINE GRAZIE per l attenzione.. 53

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

Il Rischio Biologico Relatore Dr. Mattia Gargano Cosa è il Rischio Biologico? E la possibilità di contrarre durante l espletamento della propria attività lavorativa: INFEZIONI (penetrazione e la moltiplicazione

Dettagli

Rischio Biologico. Rischio Biologico. frareg.com 1/48

Rischio Biologico. Rischio Biologico. frareg.com 1/48 Rischio Biologico 1/48 La cellula Le cellule sono i mattoni che costituiscono i tessuti degli organismi viventi vegetali e animali 2/48 I tessuti I tessuti sono costituiti da cellule specializzate che

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO

IL RISCHIO BIOLOGICO LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA IL RISCHIO BIOLOGICO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Definizione Il rischio biologico è legato alla possibilità che ha l agente biologico di penetrare nell organismo e di provocare

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO Definizioni

RISCHIO BIOLOGICO Definizioni RISCHIO BIOLOGICO Definizioni Titolo VIII D.L.gs. 626/94 Art. 74 (definizioni): Agente biologico: qualsiasi microorganismo, coltura cellulare ed endoparassita che potrebbe provocare: INFEZIONI, ALLERGIE,

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

CORSO PER R.S.P.P. MODULO B RISCHIO BIOLOGICO

CORSO PER R.S.P.P. MODULO B RISCHIO BIOLOGICO CORSO PER R.S.P.P. MODULO B RISCHIO BIOLOGICO Corso per RSPP modulo B Rischio biologico 1 Definizione Probabilità di contrarre una infezione o una malattia infettiva a causa del proprio lavoro in seguito

Dettagli

Gli obblighi normativi in merito alla valutazione e gestione del rischio chimico. Ing. Davide Casaro Area Ambiente e Sicurezza 1 dicembre 2015

Gli obblighi normativi in merito alla valutazione e gestione del rischio chimico. Ing. Davide Casaro Area Ambiente e Sicurezza 1 dicembre 2015 Gli obblighi normativi in merito alla valutazione e gestione del rischio chimico Ing. Davide Casaro 1 dicembre 2015 GLI AGENTI CHIMICI Il d.lgs. n.81/08 individua quali agenti chimici da considerare tutti

Dettagli

Rischi da esposizione ad agenti biologici

Rischi da esposizione ad agenti biologici Rischi da esposizione ad agenti biologici Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 Titolo X Esposizione ad agenti biologici Campo di applicazione Tutte le attività lavorative nelle quali

Dettagli

TITOLO X ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI CAPO I

TITOLO X ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI CAPO I TITOLO X ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI CAPO I Articolo 266 Campo di applicazione 1. Le norme del presente titolo si applicano a tutte le attività lavorative nelle quali vi è rischio di esposizione ad

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI STUDI ODONTOIATRICI

IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI STUDI ODONTOIATRICI IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI STUDI ODONTOIATRICI INQUADRAMENTO NORMATIVO AI SENSI DEL D.Lgs. 81/08 dott. Davide Ferrari Titolo X D.Lgs. 81/08 Protezione da agenti biologici Campo di applicazione Tutte le

Dettagli

COS E UN AGENTE BIOLOGICO?

COS E UN AGENTE BIOLOGICO? RICHIO BIOLOGICO Rischio connesso con l esposizione a organismi e microrganismi patogeni e non, colture cellulari, endoparassiti umani presenti nell ambiente di lavoro a seguito di emissione e/o trattamento

Dettagli

DVR. Esempio di Stampa. VALUTAZIONE ESPOSIZIONE AGENTI BIOLOGICI (Titolo X, D. Lgs.81/08 come modificato da D. Lgs. 106/09)

DVR. Esempio di Stampa. VALUTAZIONE ESPOSIZIONE AGENTI BIOLOGICI (Titolo X, D. Lgs.81/08 come modificato da D. Lgs. 106/09) DVR VALUTAZIONE ESPOSIZIONE AGENTI BIOLOGICI (Titolo X, D. Lgs.81/08 come modificato da D. Lgs. 106/09) Azienda: Azienda Esempio SPA Indirizzo: Via sede legale esempio, 8 Città: Milano 1. PREMESSA La durata

Dettagli

Il nuovo testo unico sulla prevenzione aggiornato al D.Lgs 106/2009: indicazioni per i dirigenti. Albano Laziale, 13/15 Aprile 2010

Il nuovo testo unico sulla prevenzione aggiornato al D.Lgs 106/2009: indicazioni per i dirigenti. Albano Laziale, 13/15 Aprile 2010 Il nuovo testo unico sulla prevenzione aggiornato al D.Lgs 106/2009: indicazioni per i dirigenti Albano Laziale, 13/15 Aprile 2010 Agenti Chimici Pericolosi Dr. Sandro Sanna Dirigente Medico SPRESAL ASL

Dettagli

1) l introduzione del concetto stesso di

1) l introduzione del concetto stesso di Con l introduzione del D.Lgv. 626/94 (oggi D.Lgs.81/08 e s.m.i.) gli elementi innovativi sono molteplici. Quelli che interessano il rischio biologico sono: 1) l introduzione del concetto stesso di rischio,

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

Agenti biologici Agenti chimici Sorveglianza sanitaria. Dott.ssa Claudia Berti New Servit S.r.l.

Agenti biologici Agenti chimici Sorveglianza sanitaria. Dott.ssa Claudia Berti New Servit S.r.l. Agenti biologici Agenti chimici Sorveglianza sanitaria Dott.ssa Claudia Berti New Servit S.r.l. Rischio da agenti biologici Normativa Titolo X del D. Lgs. 81 del 9 aprile 2008 Agente biologico definizione:

Dettagli

LA REALTA PIEMONTESE

LA REALTA PIEMONTESE LA REALTA PIEMONTESE Annalisa Lantermo S.Pre.S.A.L. TO1 Convegno Nazionale DIAGNOSI DELLA INFEZIONE TUBERCOLARE LATENTE: LUCI E OMBRE Torino, 20-21 settembre 2012 CAMPO DI APPLICAZIONE D.Lgs. 81/08 (art.

Dettagli

STATO DELLE REVISIONI. REV. N. OGGETTO DELLA REVISIONE DATA 0 Prima stesura Gennaio 2010 ELENCO DEGLI ALLEGATI

STATO DELLE REVISIONI. REV. N. OGGETTO DELLA REVISIONE DATA 0 Prima stesura Gennaio 2010 ELENCO DEGLI ALLEGATI REDAZIONE RESPONSABILE PROCEDURA VERIFICA APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE Simona Rossi; Paolo Flori Commissione Sicurezza dei Plessi di Agraria Servizio di Prevenzione e Protezione/Università di Bologna -

Dettagli

TITOLO IV Uso dei dispositivi di protezione individuale. blica 18 marzo 1956, n. 303, dopo il comma 2 sono aggiunti, in fine, i seguenti commi:

TITOLO IV Uso dei dispositivi di protezione individuale. blica 18 marzo 1956, n. 303, dopo il comma 2 sono aggiunti, in fine, i seguenti commi: APPENDICE LEGISLATIVA blica 18 marzo 1956, n. 303, dopo il comma 2 sono aggiunti, in fine, i seguenti commi: [ ]. 8. Le disposizioni del presente articolo entrano in vigore tre mesi dopo la pubblicazione

Dettagli

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto»

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» Amianto Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» (artt. da 246 a 265). Fermo restando quanto previsto dalla

Dettagli

Riferimenti Normativi

Riferimenti Normativi Riferimenti Normativi Decreto Legislativo 81/2008 come modificato da D. Lgs. 106/09 TITOLO X ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Art. 267 Definizione agente biologico: qualsiasi microrganismo anche se geneticamente

Dettagli

Il rischio biologico. Richiami normativi La valutazione del rischio biologico. Corso di Formazione per ASPP/RSPP Modulo B8 per Agenzia delle Dogane

Il rischio biologico. Richiami normativi La valutazione del rischio biologico. Corso di Formazione per ASPP/RSPP Modulo B8 per Agenzia delle Dogane Il rischio biologico Richiami normativi La valutazione del rischio biologico Modulo B8 per Agenzia delle Dogane Il rischio biologico nel D.Lgs. 81/08 TITOLO X - ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI CAPO I -

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE

PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE A cura di: Servizio Prevenzione e Protezione Servizio di Prevenzione e Protezione Data: 03/03/2015

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE D.Lgs.81 - Introduzione D.Lgs.81 - Introduzione TITOLO I: PRINCIPI COMUNI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1: Finalità; Art. 2: Definizioni; Art. 3: Campo di

Dettagli

La tutela della salute negli ambienti di lavoro. La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008

La tutela della salute negli ambienti di lavoro. La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008 La tutela della salute negli ambienti di lavoro La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008 D.Lgs. 81/2008 Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Art. 18. Obblighi del datore di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI Articolo 1 - Premessa 1. Di seguito sono riassunte le norme generali di prevenzione e quelle di emergenza, alle quali tutti gli studenti-ospiti dell Università

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro S.P.I.S.A.L. Indicazioni Operative per

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

BS OHSAS 18001: 2007. Occupational. Health. Safety. Assesments. Series

BS OHSAS 18001: 2007. Occupational. Health. Safety. Assesments. Series BS OHSAS 18001: 2007 Occupational Health Safety Assesments Series Prefazione La Norma è stata sviluppata per essere compatibile con le Norme: ISO 9001:2000 (Qualità) ISO 14001:2004 (Ambiente) Dr.ssa Carlotta

Dettagli

La valutazione del rischio chimico

La valutazione del rischio chimico La valutazione del rischio chimico Introduzione Per sua stessa definizione, l agente chimico è una sostanza o un preparato di natura chimica. L agente chimico può presentarsi sotto forma di gas, vapore,

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi

PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi DIPARTIMENTO: Direzione Sanitaria UNITA OPERATIVA: Servizio Prevenzione Protezione Preparato da: Operatori

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA Definizione e obiettivi Negli anni '80, nel corso di una riunione della Comunità Economica Europea, la sorveglianza sanitaria è stata definita come "la valutazione

Dettagli

Specialista in Medicina del Lavoro

Specialista in Medicina del Lavoro LA SORVEGLIANZA SANITARIA ALLA LUCE DEL D.LGS.81/08 TESTO UNICO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Prof. Vincenzo Terracino consulente Specialista in Medicina del

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DI CANCEROGENICITÀ

CLASSIFICAZIONE DI CANCEROGENICITÀ Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Rischio cancerogeno MODULO A Unità didattica A5.5 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 CLASSIFICAZIONE DI CANCEROGENICITÀ

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Azienda Sede BLUCAR COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via Diaz 18 Datore di lavoro Rossi Paolo Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione De Santis Francesca

Dettagli

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità Perché e come implementare un SGSL nei luoghi di lavoro Seminario del 10 marzo 2010 1 COMPITI DEL D.d.L. E DEL DIRIGENTE (art.18,

Dettagli

La tutela dei lavoratori esposti ad amianto Dr. Mario Gobbi SPISAL ULSS 20 Verona

La tutela dei lavoratori esposti ad amianto Dr. Mario Gobbi SPISAL ULSS 20 Verona Verona, 17 febbraio 2015 La tutela dei lavoratori esposti ad amianto Dr. Mario Gobbi SPISAL ULSS 20 Verona Obblighi del datore di lavoro valuta i rischi dovuti alla polvere proveniente dall amianto, al

Dettagli

CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO Sezione I Disposizioni generali Art. 246.

CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO Sezione I Disposizioni generali Art. 246. CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO Sezione I Disposizioni generali Art. 246. Campo di applicazione 1. Fermo restando quanto previsto dalla legge 27 marzo 1992, n. 257,

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 04 ATTIVITÀ DI RICERCA CHE UTILIZZA ANIMALI DA LABORATORIO

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 04 ATTIVITÀ DI RICERCA CHE UTILIZZA ANIMALI DA LABORATORIO ATTIVITÀ DI RICERCA CHE UTILIZZA ANIMALI DA LABORATORIO Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 ATTIVITÀ DI RICERCA CHE UTILIZZA ANIMALI DA LABORATORIO

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER L UTENZA. RISCHIO BIOLOGICO Titolo X D. Lgs. 81/2008

NOTA INFORMATIVA PER L UTENZA. RISCHIO BIOLOGICO Titolo X D. Lgs. 81/2008 NOTA INFORMATIVA PER L UTENZA RISCHIO BIOLOGICO Titolo X D. Lgs. 81/2008 Segnale di rischio biologico Il Titolo X del D. Lgs. 81/2008 riguarda la prevenzione e la protezione dei lavoratori dall esposizione

Dettagli

Il rischio cancerogeno e mutageno

Il rischio cancerogeno e mutageno Il rischio cancerogeno e mutageno Le sostanze cancerogene Un cancerogeno è un agente capace di provocare l insorgenza del cancro o di aumentarne la frequenza in una popolazione esposta. Il cancro è caratterizzato

Dettagli

LEGIONELLA. La normativa a tutela dei lavoratori e della salute pubblica.

LEGIONELLA. La normativa a tutela dei lavoratori e della salute pubblica. LEGIONELLA La normativa a tutela dei lavoratori e della salute pubblica. Le legionelle sono batteri aerobi ampiamente diffusi in natura, dove si trovano principalmente associati alla presenza di acqua.

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Datore di lavoro e il dirigente

Datore di lavoro e il dirigente Datore di lavoro e il dirigente Mancata effettuazione della Valutazione dei rischi (VDR) e adozione del documento in collaborazione con l RSPP e il MC Mancata nomina del RSPP (anche se svolto direttamente)

Dettagli

Dott. Sandro Polini Dott. Sergio Piazzolla

Dott. Sandro Polini Dott. Sergio Piazzolla Dott. Sandro Polini Dott. Sergio Piazzolla Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro ASL di Bergamo A. B.: Nulla è cambiato Il Decreto Lgs 81 non ha nel testo nessuna variazione rispetto

Dettagli

RSPP - CARATTERISTICHE

RSPP - CARATTERISTICHE RSPP - CARATTERISTICHE Figura obbligatoria Consulente del Datore di Lavoro La designazione deve essere scritta ed accettata Deve aver frequentato corsi di formazione professionale specifici per il macro-settore

Dettagli

NORMATIVA. TITOLO IX Dlgs 81/08 - SOSTANZE PERICOLOSE. Art. 221 CAMPO DI APPLICAZIONE. Art. 222 Definizioni

NORMATIVA. TITOLO IX Dlgs 81/08 - SOSTANZE PERICOLOSE. Art. 221 CAMPO DI APPLICAZIONE. Art. 222 Definizioni NORMATIVA TITOLO IX Dlgs 81/08 - SOSTANZE PERICOLOSE CAMPO DI APPLICAZIONE Tutte le attività lavorative (compreso immagazzinamento, trasporto, trattamento rifiuti) Tutti gli agenti chimici pericolosi:

Dettagli

TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE CONTENITORI IDONEI

TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE CONTENITORI IDONEI TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE Via San Carlo, 13 Arluno (Milano) 4 marzo 2014 2 Introduzione Le attività connesse con la spedizione ed il trasporto di sostanze infettive o potenzialmente

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

Bio-Ritmo. Lo scopo di INAIL e ARPAL nel mettere a punto. un algoritmo per valutare il rischio biologico

Bio-Ritmo. Lo scopo di INAIL e ARPAL nel mettere a punto. un algoritmo per valutare il rischio biologico un algoritmo per valutare il rischio biologico Un esempio applicativo del metodo realizzato da INAIL e ARPA Liguria chiarisce le modalità per adattare l algoritmo a tutte le attività lavorative di Daniela

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

Modifica il DLgs 25/02 (costituente il titolo VII bis del DLgs 626/94) che recepiva la direttiva 98/24/CE del 7.4.98

Modifica il DLgs 25/02 (costituente il titolo VII bis del DLgs 626/94) che recepiva la direttiva 98/24/CE del 7.4.98 Protezione da agenti chimici titolo IX capo 1 DLgs 81/08 Modifica il DLgs 25/02 (costituente il titolo VII bis del DLgs 626/94) che recepiva la direttiva 98/24/CE del 7.4.98 Protezione da agenti chimici

Dettagli

La Prevenzione dei Tumori Occupazionali. il Registro di Esposizione ad Agenti Cancerogeni e Mutageni

La Prevenzione dei Tumori Occupazionali. il Registro di Esposizione ad Agenti Cancerogeni e Mutageni La Prevenzione dei Tumori Occupazionali il Registro di Esposizione ad Agenti Cancerogeni e Mutageni La prevenzione dei tumori occupazionali Premessa L Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC)

Dettagli

Il rischio da agenti biologici per marittimi e operatori portuali: accertamento e prevenzione

Il rischio da agenti biologici per marittimi e operatori portuali: accertamento e prevenzione Fattori di Incidenza sulla Salute dei marittimi e degli operatori portuali Napoli 27 giugno2014 Il rischio da agenti biologici per marittimi e operatori portuali: accertamento e prevenzione Liliana Frusteri

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

Sicurezza nei laboratori di Chimica e Biologia. A cura della prof.ssa Fino Maria Pia

Sicurezza nei laboratori di Chimica e Biologia. A cura della prof.ssa Fino Maria Pia Sicurezza nei laboratori di Chimica e Biologia A cura della prof.ssa Fino Maria Pia Manuale di rischio chimico Sicurezza: caratteristica di ciò che non presenta pericoli o ne è ben difeso. Salvaguardia

Dettagli

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i CONOSCERE E PREVENIRE per lavorare SENZA pericoli Modulo Formativo per RLS I SOGGETTI della PREVENZIONE e le RELAZIONI ultimo aggiornamento - ottobre 2008 Chi sono i SOGGETTI della prevenzione in azienda?

Dettagli

Area igienico sanitaria. 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1

Area igienico sanitaria. 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1 Area igienico sanitaria 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1 SALUTE SICUREZZA 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 2 Cosa intendiamo per sicurezza. Sicurezza: situazione certa e costante

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

La formazione degli addetti alle attività che comportano esposizione ad amianto

La formazione degli addetti alle attività che comportano esposizione ad amianto La formazione degli addetti alle attività che comportano esposizione ad amianto 1 Riferimenti normativi Decreto Legislativo 19 settembre 1994 n. 626 capo VI Decreto Ministeriale 16 gennaio 1997 Decreto

Dettagli

Quiz sicurezza sul lavoro 1. QUALE DISPOSIZIONE LEGISLATIVA HA DATO ATTUAZIONE ALL ART. 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123 IN

Quiz sicurezza sul lavoro 1. QUALE DISPOSIZIONE LEGISLATIVA HA DATO ATTUAZIONE ALL ART. 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123 IN 1. QUALE DISPOSIZIONE LEGISLATIVA HA DATO ATTUAZIONE ALL ART. 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123 IN MATERIA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO? D.LGS. 81/2008 LEGGE 244/2007 LEGGE 203/2008

Dettagli

Testo Unico. Il sistema sanzionatorio del D.Lgs. 81/08. Le sanzioni previste dal nuovo D.Lgs. 81/08 sono:

Testo Unico. Il sistema sanzionatorio del D.Lgs. 81/08. Le sanzioni previste dal nuovo D.Lgs. 81/08 sono: Testo Unico Salute e sicurezza sul lavoro Dr. Biagio Calò NORMATIVA SULL IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Le nuove disposizioni penali introdotte dal D.Lgs. 81/08 12 Giugno 2008 Direttore SPRESAL

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA PER LAVORATORI ESPOSTI AD AMIANTO. Dott. Massimo Caironi Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL)

SORVEGLIANZA SANITARIA PER LAVORATORI ESPOSTI AD AMIANTO. Dott. Massimo Caironi Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL) SORVEGLIANZA SANITARIA PER LAVORATORI ESPOSTI AD AMIANTO Dott. Massimo Caironi Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL) SORVEGLIANZA SANITARIA PER LAVORATORI ESPOSTI AD AMIANTO

Dettagli

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

NON E STATA ABROGATA LA LEGGE 257 / 92 E TUTTI I RELATIVI DECRETI APPLICATIVI

NON E STATA ABROGATA LA LEGGE 257 / 92 E TUTTI I RELATIVI DECRETI APPLICATIVI Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia Dipartimento di Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO D. Lgs. 81 del 30.04.2008 TITOLO IX CAPO III : Amianto cosa cambia William

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Scheda n. 1 DENOMINAZIONE DEL TRATTAMENTO: TUTELA DAI

Dettagli

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative PIANO FORMATIVO REGIONALE 2012 Evento N 7 La gestione delle allerte sanitarie in ambito di sicurezza alimentare Pisa 10 giugno 2013 Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida

Dettagli

Sito nazionale di documentazione e informazione sul Problema Amianto

Sito nazionale di documentazione e informazione sul Problema Amianto The Italian Association of Asbestos Remediation and Disposal Contractors & Consultants www.assoamianto.it Sito nazionale di documentazione e informazione sul Problema Amianto Sedi: MILANO - CIVATE (LECCO)

Dettagli

LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO DECRETO LEGISLATIVO N. 81 / 2008 e D.Lgs. 106/2009 LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO A cura del Geom. Enrico Clarelli - info@geoclarelli.it Programmazione: attività normale e

Dettagli

SIFO Milano 19 05-2014

SIFO Milano 19 05-2014 Settore Ricerca Dip.to Igiene del Lavoro Dip.to Tecnologie di Sicurezza Aspetti innovativi nella definizione e selezione delle misure di sicurezza nella gestione del rischio biologico da prodotti e formulazioni

Dettagli

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 in possesso di uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali (art.38) collabora con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei

Dettagli

Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94

Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94 INFORMAZIONE 99 SICUREZZA. Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94 UN DOCUMENTO PRODOTTO DAL GRUPPO 3 ALL INTERNO DELLA COMMISSIONE SICUREZZA Con l'emissione della documentazione

Dettagli

* RISCHIO CHIMICO alcune definizioni

* RISCHIO CHIMICO alcune definizioni * * RISCHIO CHIMICO alcune definizioni Ai sensi dell art. 222 del D.Lgs. 81/08 e smi si intendono per agenti chimici: tutti gli elementi o composti chimici, sia da soli sia nei loro miscugli, allo stato

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA

GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA Titolo IX Sostanze Pericolose Capo I Protezione da Agenti Chimici Il rischio infortuni è da ricondurre

Dettagli

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica A cura dell ufficio legale della Federfarma INDICE 1. Ambito di applicazione p.3

Dettagli

Servizio Prevenzione e Protezione Piano Lavoro Amianto. Indice

Servizio Prevenzione e Protezione Piano Lavoro Amianto. Indice Indice Generalità... 2 Caratteristiche di intervento... 2 Gestione del Rifiuto... 3 Gestione del materiale a deposito... 4 Comunicazione agli Organi Competenti... 4 Idoneità del personale... 5 Gestione

Dettagli

Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e

Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e 1 Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori finalizzata ad individuare le adeguate

Dettagli

Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione

Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione 1 2 Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione protezione,rls e lavoratori, consistente nello svolgimento

Dettagli

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 LE NUOVE SANZIONI D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 Obblighi e sanzioni per i Datori di Lavoro Art. 17 Obblighi del Datore di Lavoro non delegabili Datore di Lavoro a) la valutazione di tutti

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 852/2004 Regolamento

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA

RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA Unità didattica 3 CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA DEI LAVORATORI RISCHIO CHIMICO IL RISCHIO ESISTE LADDOVE CI SIA UNA ESPOSIZIONE AD UN QUALUNQUE AGENTE CHIMICO.

Dettagli

www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it

www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it Le Biotecnologie La fine del XX secolo ha conosciuto un incredibile sviluppo della

Dettagli

Indice. 1. Generalità relative agli infortuni biologici a rischio HIV e virus epatitici

Indice. 1. Generalità relative agli infortuni biologici a rischio HIV e virus epatitici Azienda Ulss n 8 Asolo Gestione infortuni biologici a rischio HIV e virus epatitici IO 02 Rev. 01 del 18/01/2010 Pag. 1/2 Indice 1. Generalità relative agli infortuni biologici a rischio HIV e virus epatitici...1

Dettagli

Il D.Lgs. 81/08: aspetti interpretativi alla luce del nuovo D.Lgs. 106/09. Il punto di vista dei Servizi di prevenzione

Il D.Lgs. 81/08: aspetti interpretativi alla luce del nuovo D.Lgs. 106/09. Il punto di vista dei Servizi di prevenzione Il D.Lgs. 81/08: aspetti interpretativi alla luce del nuovo D.Lgs. 106/09 Il punto di vista dei Servizi di prevenzione Davide Ferrari SPSAL AUSL Modena Parma, 16 settembre 2009 1 Collaborazione alla vdr

Dettagli

Definizione di Rischio Biologico

Definizione di Rischio Biologico 1 Definizione di Rischio Biologico D.Lgs. 81/08 - Titolo X Art. 267 Definizioni: a) agente biologico: qualsiasi microrganismo anche se geneticamente modificato, coltura cellulare ed endoparassita umano

Dettagli

Allegato n. 9 (punto 6 del PRAL) Corsi di formazione

Allegato n. 9 (punto 6 del PRAL) Corsi di formazione Allegato n. 9 (punto 6 del PRAL) Corsi di formazione A. Programma del corso per addetti delle imprese di da amianto (30 ore) TEMA 1. Aspetti introduttivi 2. Aspetti sanitari 2. Dispositivi di Protezione

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i FORMAZIONE GENERALE Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i Indice 1. PREMESSA... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART. 28)... 2 4. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE IN AZIENDA...

Dettagli

atteso che Considerato quanto sopra,

atteso che Considerato quanto sopra, CONVENZIONE TRA L ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE E L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO PER LA TRASMISSIONE DEI DATI DI CUI ALL ART. 244 DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico Corso per Direttori Sanitari di strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI MODENA 8 MAGGIO 2007 Dr

Dettagli

Schema per la presentazione di un progetto di ricerca ai sensi dell art.31. 1. Utilizzatore UNIVERSITA degli STUDI di PERUGIA

Schema per la presentazione di un progetto di ricerca ai sensi dell art.31. 1. Utilizzatore UNIVERSITA degli STUDI di PERUGIA Schema per la presentazione di un progetto di ricerca ai sensi dell art.31 1. Utilizzatore UNIVERSITA degli STUDI di PERUGIA 2. Titolo del progetto di ricerca 3. Parole chiave (massimo 5 parole) 4. Responsabile

Dettagli

CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO SEZIONE I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO SEZIONE I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO SEZIONE I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 246 Campo di applicazione 1. Fermo restando quanto previsto dalla legge 27 marzo 1992, n. 257,

Dettagli