Capitolo II - Tariffa civile, amministrativa e tributaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo II - Tariffa civile, amministrativa e tributaria"

Transcript

1 Capitolo II - Tariffa civile, amministrativa e tributaria giusto compenso ed il rimborso delle spese ai loro difensori - anche nel caso di accordo (che assume, nei riguardi del professionista, la valenza di un presupposto di fatto ai fini, appunto, dell ottenimento degli onorari e delle spese), stipulato con o senza l intervento del giudice o l ausilio dei patroni, dalle parti stesse, le quali abbiano previsto semplicemente l abbandono della causa dal ruolo o rinunciato ritualmente agli atti del giudizio (come nella specie, con derivante estinzione del processo), e prescinde, perciò, dalla persistenza del ministero difensivo; ciò si verifica sempre che i difensori non abbiano rinunciato alla solidarietà passiva delle parti (nel qual caso obbligato nei confronti del difensore continua ad essere solo il cliente) ovvero, intervenendo nella transazione, non abbiano liberato il cliente dalla relativa obbligazione ed accettato che nei loro confronti, a detto titolo, resti tenuta solo l altra parte, a carico della quale la transazione medesima abbia definitivamente posto le spese giudiziali nel loro complesso. Art. 4 (Inderogabilità della tariffa. Condizioni e limiti) 1. Gli onorari minimi ed i diritti stabiliti per le prestazioni dell avvocato sono inderogabili. 2. Soltanto qualora fra le prestazioni dell avvocato e l onorario previsto dalle tabelle appaia, per particolari circostanze del caso, una manifesta sproporzione, possono essere superati i massimi indicati nelle tabelle, anche oltre il raddoppio previsto dal secondo comma del successivo art.5, ovvero diminuiti i minimi indicati nelle tabelle, purché la parte che vi abbia interesse esibisca il parere del competente Consiglio dell Ordine. SOMMARIO: 1. Inderogabilità della tariffa. Ambito di operatività - 2. Determinazione del compenso professionale - 3. Il patto di quota lite ed il palmario - 4. Superamento dei massimi e diminuzione dei minimi - 5. RIFERIMENTI BIBLIO- GRAFICI - 6. RASSEGNA DI GIURISPRUDENZA 1. Inderogabilità della tariffa. Ambito di operatività Il d.l. 4 luglio 2006, n. 223, convertito in legge 4 agosto 2006, n. 248, all art. 2, commi 1, 2, 2 bis, ha abrogato il primo comma dell articolo 4 della tariffa forense; statuisce, infatti, l abrogazione delle disposizioni legislative e regolamentari che prevedono, con riferimento alle attività libero professionali e intellettuali, l obbligatorietà di tariffe fisse o minime (l abrogazione decorre dalla data di entrata in vigore della l. n. 248/2006, con la conseguenza che le disposizioni precedenti conservano piena efficacia in relazione a fatti verificatesi prima: Cass. 15 aprile 2008, n. 9878). E ciò in conformità al principio comunitario di libera concorrenza ed a quello di libertà di circolazione delle persone e dei servizi, nonché al fine di assicurare agli utenti un effettiva facoltà di scelta nell esercizio dei propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato. La riforma Bersani nel rimuovere la inderogabilità dei minimi delle tariffe professionali, ha rafforzato il Derogabilità dei minimi tariffari 163

2 La tariffa forense nella giurisprudenza e prassi amministrativa ruolo dell accordo delle parti nella determinazione del compenso professionale. Legittimità costituzionale Inderogabilità dei minimi e Comunità europea La questione di legittimità costituzionale della lett. a) del comma 1 dell art. 2 del d.l. n. 233 del 2006, nel testo originario ed in quello modificato dalla legge di conversione n. 248 del 2006, è stata ritenuta infondata da Corte cost. 21 dicembre 2007 n. 443, in Foro it., 2008, I, 1396, (ed in Giur. it., 2008, 1372), in cui si afferma che la norma nell abrogare le disposizioni che prevedono l obbligatorietà di tariffe fisse o minime ovvero il divieto di pattuire compensi parametrati al raggiungimento degli obiettivi perseguiti, tende a stimolare una maggiore concorrenzialità nell ambito delle attività libero professionali e intellettuali, offrendo all utente una più ampia possibilità di scelta tra le diverse offerte, maggiormente differenziate tra loro, con la nuova normativa, sia per i costi che per le modalità di determinazione dei compensi. Ad avviso della Corte, tale conclusione trova conferma anche in sede comunitaria; ed infatti, con specifico riferimento alle restrizioni alla concorrenza nel settore delle professioni, segnala la Relazione sulla concorrenza nei servizi professionali presentata dalla Commissione il 9 febbraio Il 5 settembre 2005 la Commissione ha presentato il seguito della suddetta Relazione, in cui si giunge alla conclusione che gli Stati membri dovrebbero avviare un processo di revisione delle restrizioni esistenti, con riferimento sia alle tariffe fisse sia alle limitazioni di pubblicità. Con specifico riferimento alle professioni legali ed all interesse generale al funzionamento dei sistemi giuridici, ricorda la Corte con la citata sentenza n. 443/2007, il Parlamento europeo ha adottato il 23 marzo 2006 una risoluzione nella quale si riconosce che le tabelle degli onorari o altre tariffe obbligatorie, non violano gli artt. 10 e 81 del Trattato, purché la loro adozione sia giustificata dal perseguimento di un legittimo interesse pubblico. La legge 4 agosto 2006 n. 248 (in sede di conversione del d.l. n. 223/ 2006) ha, però, previsto che il giudice provvede alla liquidazione delle spese di giudizio e dei compensi professionali, in caso di liquidazione giudiziale di gratuito patrocinio, sulla base della tariffa professionale. La tariffa professionale, quindi, non soltanto non è stata abolita (è stata abolita solo l inderogabilità dei minimi tariffari) ma resta tuttora un elemento utilizzabile (per la determinazione del corrispettivo dovuto) dal giudice, qualora si trovi a decidere sulle spese di giudizio sui compensi professionali dovuti per le attività svolte a favore di procedure giudiziali (ma anche in tutte le ipotesi in cui tra cliente ed avvocato non vi è stata alcuna pattuizione scritta sul compenso dovuto). In tema di inderogabilità della tariffa forense, Corte di Giustizia delle Comunità Europee, grande sezione, 5 dicembre 2006, cause riunite C-94/ 04 e C-202/04, in Foro it., 2006, IV, 2, (ed in: Foro Amm., Consiglio di Stato, 2007, 20), afferma che gli artt. 10, 81 e 82 del Trattato Ce non ostano all adozione, da parte di uno Stato membro, di un provvedimento normativo che approvi sulla base di un progetto elaborato da un ordine professionale forense quale il Consiglio nazionale forense, una tariffa che fissi un limite 164

3 Capitolo II - Tariffa civile, amministrativa e tributaria minimo per gli onorari degli avvocati e a cui, in linea di principio, non sia possibile derogare né per le prestazioni riservate agli avvocati né per quelle, come le prestazioni di servizi stragiudiziali, che possono essere svolte anche da qualsiasi altro operatore economico non vincolato da tale tariffa. La stessa sentenza afferma, poi, che una normativa che vieti in maniera assoluta di derogare convenzionalmente agli onorari minimi determinati da una tariffa forense, per prestazioni che sono al tempo stesso di natura giudiziale e riservate agli avvocati costituisce una restrizione della libera prestazione dei servizi prevista dall art. 49 del Trattato Ce; spetta al giudice del rinvio verificare se tale normativa, alla luce delle sue concrete modalità di applicazione, risponda realmente agli obiettivi della tutela dei consumatori e della buona amministrazione della giustizia, che possono giustificarla, e se le restrizioni che essa impone non appaiano sproporzionate rispetto a tali obiettivi. Prima dell entrata in vigore del menzionato d.l. n. 223/06, l art. 24 della l. 13 giugno 1942 n. 794, stabiliva che gli onorari e i diritti stabiliti per le prestazioni dei procuratori e gli onorari minimi stabiliti per le prestazioni degli avvocati erano inderogabili e che ogni convenzione contraria era nulla. Il menzionato art. 24 traeva la sua legittimità dall analoga previsione contenuta nell art. 24 della l. n. 794/42. La ratio dell inderogabilità dei minimi tariffari era quella di evitare l accaparramento della clientela ed assicurare la dignità e il decoro della professione (Cass. 12 febbraio 1988, n. 1519). La inderogabilità dei minimi tariffari (non più in vigore), era stata confermata dalla Corte di Cassazione (Cass. 29 maggio 2006, n ; Cass. 7 marzo 2003, n. 3432; 25 marzo 2003, n. 4355), e dalla Corte di Giustizia U.E. del 19 febbraio 2002 nella causa n. C-35/39, che ha ritenuto la tariffa forense non in contrasto con il trattato U.E.; alla luce della citata sentenza 19 febbraio 2002, vincolante ultras parte et erga omnes, era da ritenersi, quindi, conforme al Trattato CEE la disposizione interna che fissava l inderogabilità dei minimi degli onorari per l avvocato (Cass. 15 luglio 2003, n ). Il giudice, nel liquidare le spese giudiziali al difensore, dopo l entrata in vigore del d.l. 223/06 deve determinare il compenso ai sensi degli artt e 2234 c.c. sulla base della tariffa professionale forense. La inderogabilità dei minimi tariffari comportava la nullità di ogni convenzione tra il cliente e l avvocato, nella parte in cui, per determinati affari, contemplava una rinuncia totale o parziale ai suddetti compensi minimi, qualora la rinuncia medesima non si ricollegava ad un fine di liberalità meritevole di tutela, ma risultava mero strumento per conseguire vantaggi economici, attraverso un non consentito accaparramento di affari futuri (Cass. 29 novembre 1988, n. 6449; Cass. 19 febbraio 1971, n.432). La liquidazione degli onorari al di sotto del minimo era applicabile solo a carico della parte soccombente e non a carico del cliente (Cass. 3 settembre 2003, n ); nei rapporti tra l avvocato ed il cliente, nella liquidazione degli onorari, era consentito al giudice soltanto di superare i limiti tariffari massimi e non anche di ridurre i minimi in quanto questa ultima Disciplina previgente 165

4 La tariffa forense nella giurisprudenza e prassi amministrativa possibilità era circoscritta al solo rapporto fra la parte vincitrice ed il soccombente (Cass. 29 maggio 1991, n. 6061). Compensi inferiori ai minimi tariffari La possibilità di liquidare i compensi di avvocato in misura inferiore ai minimi tariffari ( possibilità limitata alla sola voce dell onorario e non anche a quelle dei diritti e delle spese: Cass. 7 settembre 2007, n ), trovava indefettibile presupposto nella richiesta del vincolante parere del Consiglio dell Ordine da esibirsi al giudice cui la liquidazione stessa veniva devoluta (Cass. 25 ottobre 1985, n. 5259; Cass. 7 gennaio 1981, n. 107). La parte che intendeva impugnare per cassazione la liquidazione delle competenze dell avvocato per pretesa violazione dei minimi tariffari, aveva l onere dell analitica specificazione delle voci e degli importi considerati (Cass. 11 febbraio 2004, n. 2626). Rimborso spese e minimi tariffari Occorre evidenziare che il principio dell inderogabilità delle relative tariffe minime si estendeva anche alle prestazioni stragiudiziali (Cass. 16 novembre 2006, n ). L inderogabilità degli onorari non si estende (né si estendeva) anche alla voce rimborso spese, ostandovi una differenza ermeneutica secondo cui gli onorari compensano la prestazione dell attività intellettuale, nel mentre le spese traggono origine dal compimento di operazioni materiali per conto e nell interesse del cliente (Tar Puglia, sez. I, 3 ottobre 2007 n. 2440, in Il Foro Amministrativo, Tar, 2007, 3214). 2. Determinazione del compenso professionale Il codice civile (art c.c.) stabilisce il principio della libera determinazione del compenso nella prestazione dell attività professionale. Criteri di determinazione In base all art c.c., quindi, per gli avvocati, con il proprio cliente, vige il principio della libera determinazione del compenso professionale (Cass. 5 luglio 1990, n. 7051); solo in mancanza di convenzione tra le parti il compenso è determinato dalla tariffa (Cass. 21 febbraio 1987, n. 1899; Cass. 14 gennaio 1977, n. 180), o dagli usi, ovvero dall autorità giudiziaria, sentito il parere dell associazione professionale cui il professionista appartiene. In ogni caso la misura del compenso deve essere adeguata all importanza dell opera e al decoro della professione. Per gli avvocati, dopo l entrata in vigore del d.l. n. 223 del 2006, conv. in l. n. 248/2006, che ha abolito i minimi tariffari, si è modificato il comma 3 dell art c.c., in modo da consentire i patti conclusi tra gli avvocati (o praticanti abilitati) e i loro clienti, aventi ad oggetto i compensi professionali, assoggettandoli alla forma scritta ad substantiam; è possibile, quindi, pattuire con il cliente il compenso, con la possibilità di fissare compensi superiori ai massimi previsti dalla tariffa (Cass. 5 luglio 1990 n. 7051), ma anche inferiori ai minimi tariffari essendo stati abrogati i minimi tariffari. Sul tema in questione occorre evidenziare la Corte cost. n. 443/2007 (in Foro it., 2008, I, 1396), che ha dichiarato infondata la questione di legit- 166

5 Capitolo II - Tariffa civile, amministrativa e tributaria timità costituzionale dell art. 2, comma 2 bis, d.l. n. 223/06, inserito dalla legge di conversione 4 agosto 2006 n. 248, nella parte in cui modifica l art c.c., stabilendo che sono nulli, se non redatti in forma scritta, i patti conclusi tra gli avvocati e i praticanti abilitati con i loro clienti, che stabiliscono i compensi professionali. 3. Il patto di quota lite e il palmario L art. 2, commi 1, 2 e 2-bis, del d.l. 4 luglio 2006, n.223, conv. con modificazioni in l. 4 agosto 2006 n. 248, ha abolito il divieto di pattuire compensi parametrati al raggiungimento degli obiettivi perseguiti, con l unico limite di redazione di tali patti in forma scritta. Il comma 2 bis, del d.l. 223/06 prevede che sono nulli, se non redatti in forma scritta, i patti conclusi tra gli avvocati ed i praticanti abilitati con i loro clienti che stabiliscono i compensi professionali. In pratica, è stato modificato l art c.c., che prevedeva il divieto per gli avvocati di stipulare con i loro clienti patti relativi ai beni che formano oggetto delle controversie affidate al loro patrocinio. Il menzionato d.l. n. 223/2006 ha dato validità ai c.d. patti in quota lite, in cui il compenso è pattuito facendo riferimento ai vantaggi conseguiti dal cliente. A dire il vero la questione dell abolizione del patto di quota lite ad opera del decreto Bersani non è pacifica, in quanto si sostiene (G. Scarselli, Il decreto Bersani e le tariffe forensi, Foro it., 2006, V, 24) che la fattispecie relativa alla possibilità per l avvocato di pattuire con il cliente un compenso rapportato al risultato professionale, va tenuta distinta dal c.d. patto di quota lite, che si ha quando un avvocato concordi invece con il cliente di trattenere per sé, a titolo di compenso, una parte della res litigiosa. Infatti si afferma che il patto di quota lite anche a seguito della nuova disciplina, deve continuare a ritenersi vietato in forza dell art c.c., norma rimasta invariata. Lo stesso Consiglio Nazionale Forense, con la delibera 1 giugno 2008, n. 15, nell aggiornare il codice deontologico, ha sostituito il testo dell art. 45 con il seguente, titolato Accordi sulla definizione del compenso : E consentito all avvocato pattuire con il cliente compensi parametrati al raggiungimento degli obiettivi perseguiti, fermo il divieto dell art c.c. e sempre che i compensi siano proporzionati all attività svolta, fermo il principio disposto dall art del codice civile. A seguito del c.d. decreto Bersani, quindi, a partire dal 18 gennaio 2007 l avvocato potrà pattuire il proprio compenso con il cliente esclusivamente in forma scritta, anche prevedendo un compenso in percentuale sul valore dei beni oggetto della controversia, stando attento a non incorrere nel divieto di rendersi cessionario di diritti su tali beni, sancito dall art c.c.; potrà essere previsto anche un compenso inferiore ai minimi tariffari, ma non potrà comunque superare i massimi, salve le ipotesi derogative per i massimi che sono già vigenti al momento e che non sono stati modificati. In precedenza (prima dell entrata in vigore del d.l. n. 223/06) in base all art. 2233, comma 3, c.c., l avvocato non poteva pattuire un compenso Pattuizione in forma scritta 167

6 La tariffa forense nella giurisprudenza e prassi amministrativa che prevedeva l attribuzione dei beni o diritti oggetto della controversia, né un compenso da determinarsi in percentuale del valore dei beni litigiosi, concretandosi tale patto in una partecipazione agli interessi dei quali è stato assunto il patrocinio: il compenso andava sempre ragguagliato all importanza dell opera professionale (Cass. 19 novembre 1997, n ); e ciò perché l interessamento dell avvocato alle sorti della lite attenuava quella obiettività e serenità che si richiede nella esplicazione del mandato. Il divieto di partecipare alla lite per un interesse che derivi dai diritti che l avvocato è chiamato a difendere (c.d. patto di quota lite) era assoluto, trovando applicazione sia in campo giudiziale che stragiudiziale (Cass. 29 aprile 1982, n. 2709); il patto di quota lite, oltre che nullo, costituiva, poi, anche violazione deontologica sanzionabile in sede disciplinare. Palmario Diverso dal patto di quota lite è il c.d. palmario, che trova la sua legittimità nell art. 2233, comma 1, c.c.. Il palmario è un compenso suppletivo straordinario che il cliente per l esito vittorioso della lite si obbliga a dare all avvocato in aggiunta all onorario spettantegli in base alla tariffa forense (Cass. 18 giugno 1986, n. 4078), compenso legittimo essendo consentito alle parti di convenire un compenso superiore ai massimi di tariffa. 4. Superamento dei massimi e diminuzione dei minimi Il giudice, nella determinazione dell onorario dell avvocato, in base all art. 2 comma 2 bis, d.l. n. 223/06, conv. in l. n. 248/06, provvede alla liquidazione delle spese di giudizio e dei compensi professionali, in caso di liquidazione giudiziale e di gratuito patrocinio, sulla base della tariffa professionale. Il giudice non deve, quindi, rispettare i limiti minimi e massimi della tariffa, pur disponendo di un potere discrezionale nell ambito di detti limiti, nel senso che il superamento di questi è consentito solo nella ricorrenza di particolari condizioni e con l obbligo di espressa motivazione al riguardo. L art. 4 in commento prevede espressamente la possibilità da parte del giudice, nella liquidazione delle competenze professionali all avvocato, di superare i massimi indicati nelle tabelle, anche oltre il raddoppio, ovvero diminuire i minimi, quando fra la prestazione dell avvocato e l onorario previsto dalle tabelle, appaia una manifesta sproporzione. Per tale operazione da parte del giudice è necessario, però, il parere del competente Consiglio dell Ordine. Stante la formulazione del citato art. 4, è da ritenersi che la norma si applichi solo agli onorari dell avvocato, per i quali sono previsti dei minimi e dei massimi, e non anche ai diritti di procuratore, per i quali non sono previsti minimi e massimi. Sul tema si è infatti affermato (Cass. 7 settembre 2007, n ) che l art. 60, comma 5, del r.d.l. n. 1578/33, che consente al giudice di scendere sotto i limiti minimi fissati dalle tariffe professionali quando la causa risulti di facile trattazione, purché sia adottata espressa ed adeguata motivazione, va interpretato nel senso che tale facoltà è limitata alla sola voce dell onorario e non anche a quelle dei diritti e delle 168

7 Capitolo II - Tariffa civile, amministrativa e tributaria spese cui non fa riferimento detta norma, dovendosi preferire tale interpretazione letterale della norma, limitativa del diritto della parte al rimborso delle spese processuali. Il parere del Consiglio dell Ordine per superare i massimi indicati nelle tabelle o diminuire i minimi nel senso prima indicato, se è obbligatorio (perché espressamente previsto) non è vincolante, però, per il giudice, il quale però è tenuto comunque a dare conto del suo discostamento dal parere del Consiglio dell Ordine (Cass. 5 agosto 1975, n. 2981; Cass. 19 febbraio 1971, n. 432). Non è necessario, comunque, il pronunciamento del Consiglio dell Ordine essendo sufficiente la produzione in giudizio della richiesta al Consiglio (Cass. 25 ottobre 1985, n. 5259; Cass. 11 giugno 1968, n. 1863). Stante la gerarchia delle fonti in tema di onorario di avvocato, è valida, dopo l entrata in vigore del menzionato d.l. n. 223/2006, la pattuizione dell avvocato con il cliente di un compenso in misura superiore al massimo tariffario, e di c.d. patto di quota lite, tenendo presente che non è più vietato fissare un compenso inferiore al minimo tariffario (Cass. 5 luglio 1990, n. 7051). In materia di superamento dei minimi tariffari si è affermato (Cass. 22 ottobre 2007, n ) che è il cliente che deve fornire la prova che l avvocato abbia svolto l attività difensionale affidatagli con imperizia o comunque con impegno inferiore alla comune diligenza, altrimenti le singole voci ben possono essere liquidate al di sopra del minimo tariffario; solo se si chieda compensi al di sopra del massimo previsti, il professionista deve fornire, a norma dell art c.c., la prova degli elementi costitutivi del diritto fatto valere, cioè delle circostanze che nel caso concreto giustifichino detto maggiore compenso, restando in difetto applicabile la tariffa nell ambito dei parametri previsti. Criteri pattuizione avvocato-cliente 5. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI BARBERO M., Per la Corte di giustizia Ce le tariffe professionali sono un affare (quasi) di Stato, inforo Amm., Consiglio di Stato, 2007, 20; CANGIANO R., Il patto di quota lite negli ordinamenti italiano e statunitense Brevi riflessioni su potenzialità competitive e limiti della riforma introdotta dalla l. n. 248/2006 (di conversione del c.d. decreto Bersani), in Mercato, concorrenza, regole, 2007, 255; CAPONI R., Parziale incostituzionalità del divieto di patto di quota lite nell ordinamento tedesco, inforo it., 2007, IV, 408; CAPPAGLI E., Patto di quota lite stipulato tra un lavoratore e legale attraverso il sindacato, ingiust. Civ., 984, I, 2313; CARBONE L., Il decreto Bersani e la scure sull Avvocatura, in Toga Picena, 2006, 1-2, 48; CARBONE P., Nota minima in tema di patto di quota lite, in Giur.it., 1983, I, 2, 829; Id., Brevi considerazioni in tema di patto di quota lite, ingiur. it., 1983, I, 2, 139; Id., Patto di quota lite: eccezionalità ed ambito soggettivo di un divieto, in Giur. it., 1984, I, 2, 677; CUOCCI V., Libera concorrenza e libera prestazione di servizi: le tariffe forensi italiane al vaglio del diritto comunitario, innuovo Giur. Civ. Comm., 2007, I, 936; DANOVI R., Il divieto del patto di quota lite, in La previdenza forense, 2008, 2, 136; Id., 169

8 La tariffa forense nella giurisprudenza e prassi amministrativa Consulente tecnico di parte e patto di quota lite,inforo pad.,1984,i,391;id.,il legato di quota lite,ingiust. Civ.,1985, I, 3184; Id., Patto di quota lite, cessione di diritti litigiosi e pluralità di soggetti interessati, inresp.civ., 1985, 1; DE TILLA M., Perché è stato abolito il divieto del patto di quota lite, in Prev. forense, 2006, 324; DITTRICH L., Profili applicativi del patto di quota lite, in Riv.dir.proc., 2007, 1141; ERMINI M., Il divieto del patto di quota lite e l estensione della categoria dei patrocinatori, in Giur. it., 1999, I, 1, 1839; GAFFURI V., Le professioni intellettuali tra regolazione nazionale e concorrenza comunitaria davanti alla Corte costituzionale, in Giur. it., 2008, 1372; GASBARRI F., Brevi considerazioni sui fondamenti del divieto di patto di quota lite, ingiust. Civ., 1998, I, 3208; LEGA C., Inderogabilità di tariffe forensi e pattuizione di tariffe a forfait, in Giur. it., 1960, I, 1, 1092; Id., In tema di inderogabilità di onorari forensi, in Dir. lav., 1967, II, 14; Id., Nullità delle convenzioni normative con cui l avvocato rinuncia all onorario delle cause perdute e di quelle in cui furono dichiarate compensate fra le parti le spese e le competenze, in Giur. it., 1967, I, 1, 400; Id., In tema di riduzione degli onorari di avvocato, in Giur. it., 1976, I, 1, 761; MAGRONE C., Sull inderogabilità dei minimi di tariffa degli onorari professionali, in Foro it., 1959, I, 1760; PAJARDI P., I giudici tagliatori di parcelle, in Dir. Giur., 1980, 750; PASSARELLI C., Imperatività delle tariffe professionali e nullità dei patti in deroga, in Giur. it., 1989, IV, 216; SANTORO PASSARELLI G., Sulla (pretesa) inderogabilità dei minimi di tariffa per le prestazioni professionali continuative e coordinate dei legali esterni, ingiur. it., 1984, I, 1, II, 217; PERFETTI U., Patti e modalità di determinazione del compenso nella novella di cui alla l. n. 248 del La morte apparente del patto di quota lite, in Contratto e impresa, 2007, 47; PIZZIGATI M., Onorario di risultato - Relazione presentata al congresso Fbe svoltosi a Zurigo dela 19 al 20 maggio, in Prev. forense, 2006, 222; SCARSELLI G., Il decreto Bersani e le tariffe forensi, inforo it., 2006, V, 24; VIGORITI V., Patto di quota lite e libertà di concorrenza, in Riv. trim. dir. e proc. civ., 2003, 583; VITTORIA D., Patto di quota lite, incontratto e impresa, 1989, 1101; Id., Il premio per la vittoria e I patti mascherati di quota lite, indir. e giur., 1988, RASSEGNA DI GIURISPRUDENZA Liquidazione inferiore ai minimi Patto di quota lite Cass., 25 ottobre 1985, n. 5259, in Foro it., Rep. 1985, voce Avvocato, n. 69 Il giudice non può liquidare alla parte vittoriosa le spese di avvocato e procuratore in misura inferiore ai minimi previsti dalla tariffa di legge, a meno che, trattandosi di controversia di particolare semplicità, la parte interessata non esibisca in giudizio il parere del competente consiglio dell ordine ovvero, in caso di inerzia di questo, non faccia ricorso alla disciplina della messa in mora della p. a. con la previa diffida a provvedere sì che il persistente silenzio del detto consiglio integri una situazione analoga a quella del rifiuto nei rapporti con la p.a. Cass., 18 giugno 1986, n. 4078, in Foro it., Rep. 1986, voce Avvocato, n. 84 Non sussiste il patto di quota lite, vietato dal comma 3 dell art c.c., non solo nel caso di convenzione che preveda il pagamento al difensore, sia in 170

9 Capitolo II - Tariffa civile, amministrativa e tributaria caso di vittoria che di esito sfavorevole della causa, di una somma di denaro (anche se in percentuale all importo, riconosciuto in giudizio alla parte) ma non in sostituzione, bensì in aggiunta all onorario, a titolo di premio (cosiddetto palmario), o di compenso straordinario per l importanza e difficoltà della prestazione professionale, ma anche quando la pattuizione del compenso al professionista, ancorché limitato agli acconti versati, sia sostanzialmente, anche se implicitamente, collegata all importanza delle prestazioni professionali od al valore della controversia e non in modo totale o prevalente all esito della lite. Cass., 12 febbraio 1988, n. 1519, in Foro it., Rep.1988, voce Avvocato, n. 77 In materia di onorari e di diritti di avvocato e procuratore la disposizione dell art. 24, l. 13 giugno 1942, n. 794 che sancisce il principio della inderogabilità delle relative tariffe minime in materia civile con testuale riferimento alle prestazioni giudiziali va interpretato nel senso dell estensione di detto principio anche alle prestazioni stragiudiziali alla stregua sia della ratio legis legata alle esigenze del decoro della professione forense che si prospettano con identico rilievo nei riguardi di entrambi i tipi di prestazione, sia del criterio di adeguamento al precetto costituzionale del principio di eguaglianza, sia, infine, per ragioni sistematiche tese alla generale tendenza legislativa volta a tutelare il lavoro ed il lavoratore anche nelle prestazioni d opera intellettuale. Corte giustizia Comunità europee, 19 febbraio 2002, n. 35/99, in Foro it., 2002, IV, 187 con nota di Bastianon Gli artt. 5 e 85 del Trattato Ce (divenuti, in seguito a modifica, artt. 10 e 81) non ostano all adozione, da parte di uno stato membro, di una misura legislativa o regolamentare che approvi, sulla base di un progetto stabilito da un ordine professionale forense, una tariffa che fissa dei minimi e dei massimi per gli onorari dei membri dell ordine, qualora tale misura statale sia adottata nell ambito di un procedimento come quello previsto dal r.d.l. 27 novembre 1933, n e successive modifiche. Inderogabilità dei minimi tariffari Corte di giustizia europea Cass., sez. II, 15 luglio 2003, n , in Foro it., Rep. 2003, voce Avvocato, n. 208 Alla luce della sentenza della Corte di giustizia delle comunità europee 19 febbraio 2002, in causa C-35/99, vincolante ultra partes ed erga omnes, deve ritenersi conforme alle disposizioni del trattato la disposizione interna che fissa il principio della normale inderogabilità dei minimi degli onorari d avvocato. Cass., sez. II, 29 maggio 2006, n , in Foro it., Rep.2006, voce Avvocato, n. 186 Secondo il mutato orientamento espresso dalla Corte di giustizia con la sentenza 19 febbraio 2002, causa C-35/99 è legittima l applicazione delle tariffe professionali (nella specie forensi) che fissano i minimi e i massimi degli onorari dei membri degli ordini professionali qualora siano adottate con misura legislativa o regolamentare da parte di uno stato membro dell Unione europea. 171

10 La tariffa forense nella giurisprudenza e prassi amministrativa Necessità di patto scritto Corte cost., 21 dicembre 2007, n. 443, in Foro it., 2008, I, 1396 È infondata la questione di legittimità costituzionale dell art. 2, comma 2 bis, d.l. 4 luglio 2006 n. 223, inserito dalla legge di conversione 4 agosto 2006 n. 248, nella parte in cui modifica l art c.c., stabilendo che sono nulli, se non redatti in forma scritta, i patti conclusi tra gli avvocati ed i praticanti abilitati con i loro clienti che stabiliscono i compensi professionali, in riferimento all art. 117, comma 3, Cost. Art. 5 (Criteri generali per la liquidazione) 1. Nella liquidazione degli onorari a carico del soccombente deve essere tenuto conto della natura e del valore della controversia, dell importanza e del numero delle questioni trattate, del grado dell autorità adita, con speciale riguardo all attività svolta dall avvocato davanti al giudice. 2. Nelle causa di particolare importanza per le questioni giuridiche tratte, la liquidazione degli onorari a carico del soccombente può arrivare fino al doppio dei massimi stabiliti. 3. Nella liquidazione degli onorari a carico del cliente, oltre che dei criteri di cui ai commi precedenti, può essere tenuto conto dei risultati del giudizio e dei vantaggi, anche non patrimoniali, conseguiti, nonché dell urgenza richiesta per il compimento di singole attività e, nelle cause di straordinaria importanza, la liquidazione può arrivare fino al quadruplo dei massimi stabiliti, previo parere del Consiglio dell Ordine. 4. Qualora in una causa l avvocato assista e difenda più persone aventi la stessa posizione processuale l onorario unico può essere aumentato per ogni parte oltre la prima del 20% fino ad un massimo di dieci e, ove le parti siano in numero superiore, del 5% per ciascuna parte oltre le prime dieci e fino ad un massimo di venti. La stessa disposizione trova applicazione, ove più cause vengano riunite, dal momento dell avvenuta riunione e nel caso in cui l avvocato assista e difenda una parte contro più parti quando la prestazione comporti l esame di particolari situazioni di fatto o di diritto. 5. Nella ipotesi in cui, pur nella identità di posizione processuale dei vari clienti, la prestazione professionale comporti l esame di loro situazioni particolari di fatto o di diritto rispetto all oggetto della causa, l avvocato ha diritto al compenso secondo tariffa, ridotto del 30%. 6. La liquidazione dell onorario prevista dall art. 91 del codice di procedura civile deve essere fatta in relazione a tutte le prestazioni effettivamente occorse ogni volta che vi sia stata una decisione anche se espressa con ordinanza collegiale o con sentenza non definitiva. 7. Nelle cause riservate alla esclusiva competenza funzionale del giudice di pace e nelle cause accessorie o di garanzia sono dovuti gli onorari di cui al paragrafo II della tabella A, avuto riguardo al valore della controversia. Nelle cause di competenza del giudice di pace, ai sensi dell art. 7, comma 2, codice di procedura civile, eccedenti il valore di euro 2.600,00 sono ugualmente dovuti gli onorari di cui al paragrafo II. 172

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG LA CORTE DEI CONTI In Sezione delle Autonomie nell adunanza del 31 marzo 2010 Visto il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. 12 luglio 1934,

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA CODICE DEONTOLOGICO FORENSE (Testo approvato dal Consiglio Nazionale Forense nella seduta del 17 aprile 1997 ed aggiornato con le modifiche introdotte il 16 ottobre 1999, il 26 ottobre 2002, il 27 gennaio

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Quando è valida la procura alle liti?

Quando è valida la procura alle liti? PROCESSO / PROCURA ALLE LITI Quando è valida la procura alle liti? L esiguo dettato normativo ha portato ad incertezze e contrasti sulle ipostesi di validità della procura e sulle conseguenze della sua

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis). CONSIGLIO NOTARILE DI BOLOGNA (6 Dicembre 2002) CONVEGNO - La nuova disciplina delle società di capitali: prime indicazioni operative I DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana Francesco Castaldi Avvocato Sommario: 1. L art. 155 c.p.c. - 2. Il ricorso straordinario

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli