RIVISTA DEL CONSIGLIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIVISTA DEL CONSIGLIO"

Transcript

1 RIVISTA DEL CONSIGLIO Bollettino dell Ordine degli Avvocati presso la Corte d Appello di Lecce Anno XI N DIRETTORE RESPONSABILE: Antonio De Giorgi COMITATO DI REDAZIONE: Luigi Rella - Raffaele Fatano - Antonio Sergi - Nicola Stefanizzo - Lucio Caprioli - Sergio Limongelli SOMMARIO Editoriale 3 L Avvocatura e le sfide della modernità di ANTONIO DE GIORGI 8 Rivista, la Rivista di SERGIO LIMONGELLI Politica Forense 10 Che cos è la politica forense di FRANCESCO GALLUCCIO MEZIO 14 Le Leggi son... Sul decentramento amministrativo della organizzazione della giurisdizione di LUCIO CAPRIOLI 17 Relazione sull attività del Consiglio Nazionale Forense svolta nell anno 2006 di GUIDO ALPA 66 Avvocatura e Decreto Bersani: I chiarimenti del CNF Formazione e aggiornamento 79 Regolamento per la Formazione permanente 87 La Formazione del Praticante e l aggiornamento dell avvocato di LUPIENSIS CIVIS 89 Les interdictions professionnels Congresso Giuridico Forense - Lecce La centralità del sistema ordinistico e le Scuole Forensi di LUCIO CAPRIOLI Centro Studi Giuridici Michele De Pietro 95 Il Centro Studi Michele De Pietro di ANTONIO SERGI 98 Rinnovato il Direttivo 100 Corso di Diritto Penale dell economia Interventi di saluto (MARCELLO MARCUCCIO - MENOTTI GUGLIELMI) Relazione introduttiva del Corso (S. E. NICOLA MARVULLI, Primo Presidente Corte di Cassazione) Attività del Consiglio 111 Regolamento per l Erogazione di contributi di assistenza 115 Protocollo di udienza Approvato dal Consiglio con delibera del IN COPERTINA: Lecce, Corte d Assise, 5 dicembre L avvocato Oronzo Massari, il Presidente Comm. Enrico Colagrosso (schizzi, autore ignoto, collezione privata).

2 120 Assemblea Ordine Avvocati del 9 marzo deliberato Diritto Amministrativo 123 Promemoria breve, in esergo di PIERLUIGI PORTALURI 125 La lotta per il Diritto e la responsabilità dell avvocato di PIETRO QUINTO 130 Relazione finale Nuove prospettive del diritto amministrativo di GIUSEPPE ABBAMONTE Deontologia e provvedimenti disciplinari 178 Limiti entro i quali possono assumersi incarichi da ex clienti di RAFFAELE FATANO Legislazione - Giurisprudenza 182 La normativa antiriciclaggio per gli avvocati a cura dell Unione Triveneta dei Consigli dell Ordine degli Avvocati di ALDO BULGARELLI ANDREA PASQUALIN Opinioni e Saggi 171 Sulla Commissione Tributaria Regionale di VALENTINO TORRICELLI 173 Deontologia e diritto positivo: la testimonianza dell avvocato di AGNESE CAPRIOLI Il Foro Salentino 199 La gloria di Francesco Rubichi nella parola di Alfredo De Marsico a cura di CESARE TAURINO 221 Fotografie cerimonia Toghe d Oro del DIREZIONE - REDAZIONE ORDINE DEGLI AVVOCATI presso la Corte d Appello di Lecce Palazzo di Giustizia - V.le M. De Pietro - Lecce Tel. Pres. 0832/ Segr. 0832/ Fax 0832/ Sito: PUBBLICITÀ Edizioni del Grifo - Via V. Monti, 18 - Lecce Tel. 0832/ fax 0832/ Tutti gli iscritti all Ordine possono collaborare alla rivista del Consiglio con articoli su problemi di interesse generale: la Direzione si riserva la facoltà di non pubblicare gli articoli che pervengono. I dattiloscritti non vengono restituiti. Tiratura n copie

3 EDITORIALE E D I T O R I A L E L Avvocatura e le sfide della modernità di ANTONIO DE GIORGI Al recente Congresso Nazionale Forense di Roma, l Avvocatura ha approvato all unanimità, tra gli altri, i seguenti principi: - riaffermare la libertà e l autonomia dell avvocato, soggetto della giurisdizione, per realizzare la conoscenza ed attuazione della legge e per tutelare i diritti ed interessi dei cittadini; - riaffermare la centralità degli Ordini e la loro natura pubblicistica, unica garanzia per il rispetto delle norme deontologiche, attraverso l autonomia disciplinare; - riformare l ordinamento professionale, secondo canoni che garantiscano la libertà di accesso e la qualità della professione, attraverso criteri selettivi rigorosi ed obiettivi; - attivare meccanismi idonei a garantire una costante ed elevata qualità della professione, anche attraverso la formazione permanente obbligatoria. Per riaffermare i principi ed avviare le riforme, però, occorre fare i conti con le sfide, che la modernità ha sferrato all Avvocatura. Esse possono così sintetizzarsi: 1) la sfida dell aggiornamento culturale; 2) la sfida della organizzazione della professione; 3) la sfida della collocazione dell avvocato nell ambito della società moderna. La prima sfida presenta molteplici problemi. Essa è orientata su tutte le fasi, che caratterizzano la formazione dell avvocato in Italia. Rivista del Consiglio 3

4 L Avvocatura e le sfide della modernità di A. De Giorgi Lo scollamento tra il bagaglio culturale a carattere nozionistico, acquisito dallo studente nell arco degli studi universitari, ed il tipo di preparazione, necessario per superare l esame di abilitazione professionale, è assai notevole. Per colmarlo non è sufficiente il biennio di tirocinio o il sussidio offerto dalle Scuole; è necessario uno studio rigido ed una rigorosa e costante verifica della relazione tra il richiamato bagaglio e la sua pratica applicazione nella difesa tecnica e nella attività di consulenza; è necessario modificare la stessa attuale concezione della Facoltà di Giurisprudenza per adattarla alla realtà; è necessario che i futuri avvocati imparino ed approfondiscano, sui banchi di scuola, il diritto vivente e la creazione della giurisprudenza, prima di tentare l accesso alla professione. La seconda sfida riguarda il metodo organizzativo. È luogo comune che, per assolvere compiutamente al compito assegnato, l avvocato moderno che è ritenuto non solo un tecnico, ma un operatore sociale dovrebbe organizzare il suo lavoro in studi di grandi dimensioni. Molti ritengono che la frantumazione degli studi professionali rappresenti una forma di debolezza della categoria ed un indice di arretratezza. Invece è esattamente il contrario. Invero, per dare adeguata risposta alla concezione che si ha dell avvocato nella società moderna, attraverso un condivisibile metodo organizzativo, è necessario: acquisire competenze sempre più specifiche ed aggregare energie ed esperienze, anche attraverso forme associative temporanee, allorché viene richiesta la soluzione di casi, o categorie di vicende, che coinvolgono competenze multiple; costituire società (eliminando qualsiasi ipotesi di ingresso di capitali, estranei al ceto professionale) per meglio distribuire vantaggi e rischi della professione. La terza sfida, relativa alla collocazione sociale dell Avvocatura, è la più dura e la più complessa. Essa, come ho avuto modo di affermare in altre occasioni, prende le mosse dalle recenti novità per deliberata decisione legislativa, che tentano di assimilare gli avvocati a commercianti, che minacciano di 4 Rivista del Consiglio

5 EDITORIALE far degenerare la funzione difensiva, che intaccano i fondamenti della sua indipendenza e sviliscono il significato del suo riconoscimento costituzionale. Si tratta della deformazione della funzione dell Avvocatura che scaturisce dalle Disposizioni urgenti per la tutela della concorrenza nel settore dei servizi professionali e dal Disegno di legge delega al Governo a procedere al riordino dell accesso alle professioni intellettuali, alla riorganizzazione degli Ordini, Albi e Collegi professionali, al riconoscimento delle associazioni professionali, alla disciplina delle società professionali. Con tali Disposizioni governo e Parlamento italiani vorrebbero adeguarsi ad un orientamento comunitario. L Avvocatura, in linea di principio, non contesta la opportunità dell adeguamento. - Contesta l omologazione della funzione dell Avvocatura, della natura delle sue prestazioni, del suo servizio, delle sue forme di esercizio a quelle di altre, pur nobili, ma assai diverse professioni. - Contesta l omologazione degli obiettivi perseguiti attraverso l attivazione della funzione dell Avvocatura, agli obiettivi perseguiti attraverso l esercizio di altre professioni. - Contesta il fatto che misure destinate allo sviluppo, alla crescita e alla promozione della concorrenza e della competitività possano snaturare il bene giuridico della certezza del diritto, alla cui tutela l Avvocatura concorre in modo decisivo, trasformandolo in un bene commercializzabile. - Contesta il fatto che autonomia, indipendenza e libertà dell Avvocatura, caratteri esclusivi della funzione giudiziaria, possano essere intaccati da comportamenti resi leciti, nonostante le loro perverse modalità d esercizio, in virtù della pretestuosa copertura che ad essi viene concessa da una insensata rappresentazione della concorrenza e della competizione. - Contesta il fatto che l applicazione delle regole comunitarie sulla concorrenza alle professioni liberali abbia potuto essere realizzata dal legislatore estendendo all Avvocatura presupposti d esercizio della sua attività che minano la uguale protezione e le condizioni di parità acquisite alla funzione giudiziaria nelle sue espressioni: difensiva, accusatoria e giurisdizionale. Rivista del Consiglio 5

6 L Avvocatura e le sfide della modernità di A. De Giorgi - Contesta il fatto che la tutela della salvaguardia dei diritti sia equiparata, nei suoi requisiti, alla tutela dei beni di consumo e ritiene assolutamente fallace l idea che il cittadino, anche come consumatore, sia tutelato da disposizioni urgenti, che rendono ancora più debole la sua posizione di fronte a cartelli di prestazioni. - Contesta che il Governo chieda una sostanziale delega in bianco su materia che va affrontata, dibattuta, analizzata ed approvata dal Parlamento. Ed allora le sfide vano orientate nel senso auspicato dal ceto forense. L Avvocatura, senza sottrarsi ad un attento e penetrante esame critico al suo interno, chiede una riforma del proprio ordinamento; chiede una riflessione profonda sui percorsi formativi e selettivi che regolano l accesso alla professione; chiede percorsi che garantiscano la specializzazione e l acquisizione reale di competenze adeguate alla complessità raggiunta dalle questioni giuridiche; chiede interventi che rinnovino e adeguino le garanzie dell esercizio della professione alle aperture degli spazi comunitari e alla estensione degli spazi del diritto, sempre più privi di barriere territoriali. Essa chiede il riconoscimento del risultato dell attività giudiziaria come un bene sociale che non può essere esposto alle aggressioni del mercato, ai rischi del commercio, alla contaminazione pubblicitaria o al monopolio di cartelli professionali. Quel risultato, invece, vuole essere imposto come un bene economico; bisogna riuscire a commercializzarlo: gonfiando le aspettative del destinatario; trasmettendo illusioni lecite, coperte da specializzazioni che nessuno può certificare perché non esistono; entrando attivamente nella litigiosità come parte economicamente interessata, ristabilendo così una reale, disdicevole disparità all interno della funzione giudiziaria. Alle richieste dell Avvocatura finora si è risposto frantumando i fragili requisiti di decoro e dignità professionale che avevano permesso di continuare ad operare nelle condizioni terribili nelle quali versa l amministrazione della giustizia in Italia. Un legislatore affrettato, affannoso di illudere l opinione pubblica, ha offerto i presupposti della pirateria avvocatesca e li chiama concorrenza; ha aperto le porte al rischio di un cannibalismo professionale 6 Rivista del Consiglio

7 EDITORIALE e lo chiama competitività; ha snaturato l aspettativa di diritto e lo chiama raggiungimento degli obiettivi perseguiti. L avvocatura si ribella per questa deformazione, che è un attentato alla sua libertà ed indipendenza; non può accettare questa minaccia di imbarbarimento della natura della fiducia che ad essa viene attribuita dai cittadini; così come non può accettare l idea che l insensibilità politica verso le condizioni della giustizia in Italia possa essere sublimata degradando i requisiti dell esercizio di una professione che è essa stessa requisito fondamentale di uno stato di diritto. Gli avvocati hanno manifestato il loro dissenso e continueranno a manifestarlo, pur tornando ad offrire la massima collaborazione per la soluzione dei complessi problemi, consapevoli, come sono, della indifferibile necessità che si attivi un condiviso processo di profonda modernizzazione. * * * Mentre la Rivista era in corso di impaginazione, è stato reso noto l esito delle elezioni, svoltesi il 18 giugno 2007, per il rinnovo del Consiglio Nazionale Forense, per il triennio Tra gli eletti siederà il nostro Presidente, Antonio De Giorgi, un incarico di grande responsabilità e di prestigio per l intera avvocatura leccese. La comunicazione ufficiale sarà sul prossimo Bollettino del Ministero della Giustizia del nr. 13. Questa la nuova composizione del Consiglio Nazionale Forense: Giuseppe Bassu - Nicola Bianchi - Alessandro Bonzo - Luigi Cardone - Corrado Lanzara - Carlo Allorio - Lucio Del Paggio - Raffaele Mauro - Giovanni Vaccaro - Bruno Grimaldi - Fabio Florio - Giovanni D Innella - Alarico Mariani Marini - Alessandro Cassiani - Antonio Baffa - Antonio De Giorgi - Aldo Bulgarelli - Emilio Nicola Buccico - Ubaldo Perfetti - Andrea Mascherin - Stefano Borsacchi - Silverio Sica - Marco Stefenelli - Pierluigi Tirale - Carlo Vermiglio. Ad Antonio De Giorgi va l augurio di buon lavoro da parte della Redazione della Rivista, del Consiglio e di tutto il Foro Salentino. Rivista del Consiglio 7

8 Rivista, la Rivista Rivista, la Rivista di SERGIO LIMONGELLI La Rivista del Consiglio ha da sempre costituito un punto di riferimento dell Avvocatura leccese, sia per l approfondimento scientifico, con particolare attenzione per le questioni più spinose e di attualità locale, sia per gli aspetti di politica forense, ed anche per la conoscenza della vita forense salentina. Siamo convinti che il momento storico che l Avvocatura sta vivendo, le metamorfosi nello stesso modo di svolgere la professione, la attenzione politica verso queste modifiche importanti, fino alle ipotesi di stravolgimento di principi basilari che reggono la nostra professione e le sue strutture istituzionali, impongano una riflessione approfondita, in primo luogo, sulla politica forense, sull accesso alla professione, sul ruolo e sulle prospettive della avvocatura in genere, e di quella salentina in particolare. La composizione della Rivista risentirà di questa fase storica, e dovrà necessariamente vivere dell apporto consultivo e collaborativo di tutto il Foro leccese, al quale il Direttore della Rivista e tutto lo staff rivolgono l invito ad aprire, dalle pagine della Rivista ed, in futuro, anche dal sito dell Ordine, una finestra sui problemi della professione e della pratica professionale, sulle difficoltà quotidiane nello svolgimento del ruolo dell Avvocato, sulle questioni disciplinari, sulla legislazione forense e su quella processuale, sulle carenze delle strutture giudiziarie locali e sui rimedi possibili. La Rivista dovrà rappresentare, con l aiuto di tutti, il luogo, ideale e fisico contemporaneamente, dove far confluire il pensiero dell avvocatura salentina, le nostre preoccupazioni e le aspirazioni dei giovani laureati. Per fare questo, è stato composto un gruppo di lavoro che, nelle intenzioni della Redazione, dovrà garantire l uscita di almeno quattro numeri annui della Rivista, ed essere un riferimento costante per la collaborazione esterna da parte di avvocati e praticanti. 8 Rivista del Consiglio

9 RIVISTA, LA RIVISTA Politica Forense Scuola di Giustizia Diritto e procedura civile Diritto e procedura penale Diritto Amministrativo Eventi forensi Attività del Consiglio Responsabilità disciplinare Direttore Responsabile Francesco Galluccio Mezio Lucio Caprioli Sergio Limongelli Angelo Pallara Pierluigi Portaluri Roberta Altavilla Cosimo Murri Dello Diago Luigi Rella Giuseppe Bonsegna Raffaele Fatano Antonio De Giorgi Rivista del Consiglio 9

10 Che cos è la politica forense di F. Galluccio Mezio P O L I T I C A F O R E N S E Che cosa è la politica forense o meglio, che cosa intendiamo per politica forense e perché parlare di politica forense di FRANCESCO GALLUCCIO MEZIO L avv. Antonio De Giorgi, direttore responsabile della rivista e Presidente del Consiglio dell Ordine, nell editoriale ha già illustrato le ragioni che hanno indotto la redazione a pensare ad una rivista sostanzialmente divisa in sezioni che, certamente non sono incomunicabili, ma sostanzialmente rispondono ad esigenze di tipo diverso. Esigenze essenzialmente informative, ma che intendono anche sollecitare un dibattito e commenti a fatti, notizie e iniziative che, specie negli ultimi tempi, in materia si susseguono e, mi sembra, rispetto alle quali noi avvocati, siamo a rimorchio. Sempre almeno un attimo in ritardo e troppo spesso chiamati a combattere battaglie di retroguardia e, a volte, già perdute in partenza, perché siamo stati totalmente estranei e indifferenti, non solo ai processi decisionali, ma anche al dibattito che detti processi ha generato. Vogliamo almeno tentare di essere edotti di quel dibattito. Politica forense è tutto quanto riguarda la nostra professione ed il rapporto tra la professione, coloro che la esercitano, e gli altri soggetti protagonisti della vita sociale, politica e giudiziaria del nostro paese, ma oggi forse, sarebbe più giusto parlare dell Unione Europea che tanto spesso viene invocata (alcune volte anche in materia non certo puntuale) a legittimare affermazioni, teorie o scelte anche discutibili. 10 Rivista del Consiglio

11 POLITICA FORENSE Politica forense, però, non è solamente quanto si agita nei palazzi della politica è, anche e forse soprattutto, il dibattito tra di noi, tra le varie associazioni forensi (che cosa pensiamo di farne del nostro mestiere, se ancora può chiamarsi mestiere) e tra di noi le nostre associazioni e gli altri soggetti attori che concorrono all amministrazione della giustizia, anche in sede distrettuale, circoscrizionale e qualche volta locale (penso anche al dibattito sulle sezioni staccate e le forze politiche locali che sul tema certamente sono chiamate ad esprimersi), oltre che ad eventuali posizioni di altri soggetti politicamente rilevanti rappresentanti sia di categoria che di associazione. Perché parlare di politica forense. In parte l ho già detto, perché all improvviso ciclicamente ci accorgiamo che altri assumono decisioni che ci riguardano direttamente e qualche volta sulla nostra pelle, ma che riguardano anche tutti i cittadini, utenti del servizio che concorriamo a dare, senza che noi, attori con parte rilevante, ci si sia resi conto di quello che si stava per decidere. Tanto vale non solo per quel che riguarda le tariffe professionali e il patto di quota lite, argomenti che di recente hanno sorpreso all improvviso tutti noi, ma anche e soprattutto riforme sostanziali e processuali che hanno inciso profondamente sul cittadino, sul nostro lavoro, sul modo di esercitarlo e incideranno sempre di più (penso al processo telematico, ma anche solo a innumerevoli nuovi provvedimenti regolamentari, amministrativi, legislativi attinenti ad atti depositi, copie e quant altro e tanto senza dimenticare temi più scottanti relativi alla riforma dell ordinamento giudiziario ed alla sua revisione, separazione delle carriere dei magistrati compresa, senza dimenticare gli ennesimi progetti di riforma sia del processo civile che del processo penale). La rivista, quindi, si pone un obiettivo, anzitutto informativo, vuole portare all attenzione di tutti i temi di volta in volta più rilevanti sia a livello nazionale che locale (vorrei che, per esempio, I protocolli d udienza oggetto di intesa in altre circoscrizioni d Italia tra avvocati, magistrati e personale di cancelleria non arrivassero all improvviso sulla testa di tutti noi senza che neanche ne immaginassimo l esistenza). Rivista del Consiglio 11

12 Che cos è la politica forense di F. Galluccio Mezio Troppo spesso, poi, mi rendo conto che sentiamo parlare di organismi ed associazioni senza neanche sapere bene in cosa consistono e cosa fanno e come sono costituite ed organizzate. Ci siamo, quindi, proposti di volta in volta di pubblicare delle brevi schede informative riguardanti le varie associazioni esistenti e sul punto, come su tutto il resto, chiedo espressamente l ausilio di tutti i colleghi, ma anche ovviamente dei responsabili delle stesse associazioni. Mi preme sottolineare che rispetto a quello che ci si propone due cose fondamentali: a) anzitutto intendiamo fare politica, nel senso già detto, di dibattere in merito alle scelte che riguardano la professione nella maniera assolutamente più aperta e democratica, senza alcuna pregiudiziale ideologica e ben pronti a ricevere il contributo di tutti, che sollecitiamo. Contributo che, per essere incisivo, riteniamo debba essere sintetico. b) Lungi da noi qualsivoglia interesse meramente corporativo o localistico. Non intendiamo fare battaglie di retroguardia. Vogliamo partecipare consapevolmente alle scelte e magari poter esprimere a riguardo la nostra opinione sia che essa sia poi seguita o avversata. Fedeli a tale linea in questa prima sede ci limitiamo ad elencare i temi più scottanti all ordine del giorno: a) i progetti di riforma della legge professionale, sia quello di iniziativa governativa attinente, per vero, alla riforma di tutte le professioni, sia quelli di iniziativa parlamentare. A riguardo, però, mi preme sottolineare che è in essere una commissione nominata dal C.N.F., di cui fa parte anche l avv. Antonio De Giorgi, che ha lo specifico compito di formulare un progetto che possa esprimere l iniziativa dell avvocatura, sicché da soggetto passivo, finalmente si proponga come propulsore di una riforma che necessariamente non può non tenere conto di obiettive esigenze mutate, ma che salvaguardi la specificità della nostra professione, garantendo, però, a tutela del cittadino, trasparenza e professionalità. b) I disegni di legge, già presentati al Parlamento, sulla ulteriore 12 Rivista del Consiglio

13 POLITICA FORENSE riforma del processo civile e del processo penale. L O.U.A. e le Camere penali sugli stessi si sono già espressi, ma a riguardo vorrei sentire la voce anche degli avvocati salentini e magari dei giovani, visto che ad una lettura sommaria, perlomeno, delle riforme relative al processo civile, mi sembra che emerga una ulteriore compressione della autonomia delle parti, un aggravio di responsabilità degli avvocati, ed una fideistica speranza che la riduzione dei termini (ovviamente a carico degli avvocati) possa finalmente portare ad un processo in termini ragionevoli. Il tutto, ovviamente, come sempre senza aumento di organico, ma ricorrendo all aumento della competenza del Giudice di Pace e, guarda caso, alle Sezioni Stralcio. Anche il tema dei giudici onorari, credo, merita una riflessione tesa anche a capire sino in fondo se oggi siamo oramai, anche sul piano giuridico da considerare, organicamente appartenenti al sistema giudiziario. c) I protocolli d udienza che stanno per arrivare. Non vi spaventate hanno l ambizione e la pretesa di cercare di tenere le udienze civili e penali in maniera civile, dignitosa per tutti (avvocati compresi), ma essenzialmente e soprattutto, a mio parere, per le parti e testimoni, e magari cercare anche di applicare le norme dei rispettivi codici di rito. C è qualcuno che si ricorda ancora che l udienza civile istruttoria si tiene in camera di consiglio, dove accedono volta per volta le parti della singola causa chiamata? Che le prove vengono assunte dal giudice? Che il giudice, dopo aver letto e studiato la causa, definito il tema decidendum, definisce il thema probadum, decidendo lui sull ammissione dei mezzi istruttori? Potrei continuare ma tutti conosciamo bene la realtà. E nessuno di noi può dimenticare lo stupore del cittadino che per la prima volta accede ad un aula sia essa civile o penale. Stupore che forse dovremmo concorrere a cancellare e questa è l ambizione che si propongono i protocolli d udienza cui il Consiglio dell Ordine e l Associazione Nazionale Magistrati stanno lavorando. Materia questa ancor più impellente se solo si pensi che le riforme in cantiere accentuano la centralità del giudice, giudice che, nella mente del legislatore, conosce la causa e non mutua da un udienza all altra. Rivista del Consiglio 13

14 Le Leggi son... di L. Caprioli Le Leggi son... Sul decentramento amministrativo della Organizzazione della Giurisdizione: dopo la Conferenza di Lecce e dopo il Congresso di Palermo: la accidia delle cosiddette Autonomie locali di LUCIO CAPRIOLI Ci battemmo: Maurizio Fumarola Mauro portò avanti la rivendicazione della Avvocatura sulla partecipazione diretta del Popolo alla Amministrazione della Giustizia proclamata dalla Carta Costituzionale, posto che, tra l altro, la Giustizia viene amministrata nel nome del popolo, il quale, perciò, non può avere rilasciato una sorta di... delega dimissionaria incostituzionale, ed ha conservato, invece, la responsabilità della funzione, del controllo su di essa e della sua organizzazione. Insistemmo lucidamente sul fatto che quella partecipazione non si esercita solo nel...fornire cittadini idonei per il reclutamento della Magistratura onoraria (oggi l...alibi di una giustizia inefficiente) ma abbraccia tutto il vasto campo della Organizzazione della Giurisdizione sul Territorio, con il compito della verifica della efficienza della attività giudiziaria: è quel minimum che, in buona sostanza (con riferimento alla sovranità ed alla partecipazione) postula la Carta Costituzionale, la quale, a scanso di equivoci, dopo avere riconosciuto che la Magistratura è costituita in potere autonomo ed indipendente da ogni altro, ha subito rinnovato l avvertimento, secondo il quale la sovranità appartiene al popolo ANCHE in materia di Giustizia, nonostante la autonomia del potere della Magistratura; la Giustizia, anzi, è proprio VIRTU DEL POPOLO. E chi scrive è, ahimé, convinto che se il Popolo, anzicché considerarsi suddito ed avesse cercato e trovato la opportunità di esercitare quel suo karisma (e non vi è alcun dubbio che grandissima responsabilità è da ricercarsi nella ignavia, nella ignoranza, nella sottomis- 14 Rivista del Consiglio

15 POLITICA FORENSE sione delle autonomie locali, cui compete di tutelare tutti gli interessi del Cittadino) la Amministrazione della Giustizia non sarebbe certamente quella che oggi è, dispersa, nella organizzazione, nei mille uffici inefficienti sul territorio, in contraddizione assoluta con i principi proclamati sulla unitarietà, sulla efficienza, per non dire di quello sul... Giudice naturale, terzo ed imparziale assunto per concorso. Organizzammo qui a Lecce quella Conferenza Nazionale Avvocatura Magistratura (maggio-giugno 2003), la quale, non a caso definita Conferenza registrò la partecipazione e la collaborazione tra Avvocatura (Giunta Centrale OUA, C.N.F., Unione Ordini Forensi di Puglia, Ordini di Lecce, Brindisi, Taranto) e Magistratura (Giunta Centrale e Sezione Distrettuale A.N.M.), registrò la persistente assenza delle Autonomie locali, ma registrò, anche tuttavia, infine, conclusioni unanimi sulla esigenza che alla Organizzazione della Giurisdizione venissero chiamate a collaborare le Autonomie locali (il riferimento alla Autonomia locale era, tuttavia, generico ed astratto); la Conferenza di Lecce ebbe una appendice operativa nel successivo Congresso Nazionale Forense di Palermo (ottobre 2003), che individuò in maniera meno generica gli enti locali cui attribuire responsabilità di organizzazione della giurisdizione, con particolare riferimento, sia alla organizzazione amministrativa (che si sottrae alla esclusiva attribuita allo Stato dall art. 117 Cost.) sia alla edilizia giudiziaria: in tal senso il Congresso di Palermo individuò ed indicò nella Regione, l ente autonomo privilegiato per quel genere di partecipazione operativa e le assegnò compiti soprattutto in materia di edilizia giudiziaria; per altro è intuibile che da tali compiti non si possono dissociare quelli più pregnanti di geografia giudiziaria. Il Legislatore non è rimasto insensibile; e, pur attento a non sconfinare in una devolution incostituzionale ha tentato di sperimentare il decentramento amministrativo: la L. 25 luglio 2005 n. 150; poi il d.lgvo 25 luglio 2006 n. 240, cui ha fatto seguito, almeno per ora, la Circolare 31 ottobre 2006 del Ministero della Giustizia Dipartimento della Organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi: molte cose nuove e buone si sarebbero dovute verificare entro il 15 febbraio 2007, sempre in funzione della realizzazione nel concreto dei principi della unitarietà dell ufficio giudiziario e della efficienza Rivista del Consiglio 15

16 Le Leggi son... di L. Caprioli della attività giudiziaria. Però, come da sempre, le apsettative sono rimaste deluse: permangono la frantumazione degli uffici, come schegge sul territorio, la inefficienza della loro attività, la autonomia incontrollata di tali uffici (quaranta anni addietro si parlò di... Sceiccati e di... rami secchi da recidere), e la autonomia incontrollata della attività giudiziaria; la maggior parte degli uffici anzidetti è abbandonata nelle mani dei Magistrati onorari, questi a loro volta per loro stessi, oltrecché per il cittadino sprovvisti di qualsiasi garanzia e protezione; ed è incredibile che in siffatto disastro, poi, debbano rendersi grazie proprio a quella schiera sempre più numerosa di Magistrati onorari cui si attribuisce il merito di...fornire comunque una Giustizia qualechesia; senza di loro non ci sarebbe neanche questa Giustizia, la quale, pur destinata, in gran parte, secondo le intenzioni del Legislatore, a... smaltire l arretrato (sic: le controversie che attendono giustizia da molti anni trattate come...indigestione o rifiuto!) ha avuto l effetto di aumentare le pendenze innanzi ai Giudici delle impugnazioni! Ed il cittadino che, nella stagione dei diritti e delle sussidiarietà, dovrebbe riscoprire la Giustizia come Virtù di Popolo, e sottrarla alla esclusiva delle toghe, continua a subire inerte, nella inerzia (rectius: nella accidia) delle cosiddette Autonomie locali! 16 Rivista del Consiglio

17 POLITICA FORENSE Relazione sull attività del Consiglio Nazionale Forense svolta nell anno 2006 di GUIDO ALPA (Presidente del Consiglio Nazionale Forense) Roma, 14 marzo 2007 Autorità, care Colleghe e cari Colleghi, questa relazione è particolarmente densa di dati e notizie, sia perché l anno appena trascorso è stato un annus horribilis, se si deve tener conto delle iniziative del Governo, del Parlamento e delle altre Istituzioni che si sono abbattute sulla professione forense senza peraltro portare alcun apparente beneficio agli interessi che si intendevano tutelare, sia perché è stato un anno affollato di avvenimenti, anche internazionali, in cui è stata coinvolta l Avvocatura, sia perché, approssimandosi la scadenza della nostra Consiliatura, vien quasi naturale fare un sintetico bilancio dell attività svolta nel triennio e tracciare le prospettive che attendono l Avvocatura nell immediato futuro. Tuttavia, prima di procedere a questo esame, desidero comunicare che nel corso del 2006 l attività giurisdizionale del CNF si è svolta regolarmente, tenendo 23 udienze, esaminando 213 ricorsi, rinviandone 56, decidendone 157; a fine anno erano pendenti 210 ricorsi. Quanto alle sanzioni, sono state comminate 8 radiazioni, 10 cancellazioni dagli albi, 59 sospensioni, 32 censure e 26 avvertimenti. Le tavole accluse alla relazione indicano le materie di volta in volta coinvolte e il prospetto dei procedimenti trasmessi dagli Ordini territoriali. Si sono tenute regolarmente le sedute amministrative, e si sono visitati ogni settimana uno o più Ordini, mantenendo uno stretto contatto con la base. In più, secondo l indirizzo inaugurato Rivista del Consiglio 17

18 Relazione sull attività del Consiglio Nazionale... di G. Alpa da questa Consiliatura, si sono tenuti numerosi incontri con i Presidenti degli Ordini territoriali, con le Associazioni forensi, con i Consigli nazionali di diversi Paesi d Europa. Segnalo in particolare il Convegno organizzato con il CCBE sul diritto contrattuale europeo che si inserisce nel progetto comunitario di realizzare un common frame of reference in materia di obbligazioni e contratti, gli incontri per la definizione di programmi comuni concernenti l Avvocatura nei Paesi del Mediterraneo, nonché i seminari tenuti con le Associazioni dei Magistrati per discutere le riforme dell ordinamento giudiziario, ma in particolare le modalità di soluzione della crisi della giustizia, civile, penale, amministrativa e tributaria. L incontro più commovente è avvenuto qualche giorno fa con gli esponenti della Comunità israelitica di Roma, nel corso della presentazione di uno dei volumi della collana di Storia dell Avvocatura in Italia, nel quale è stato ricostruito il ruolo dell Avvocatura e della Magistratura a seguito della applicazione delle leggi razziali persecutorie degli Avvocati Ebrei 1. La realizzazione del programma In verità, se si dovesse confrontare il programma che questa Consiliatura si è data nel maggio del 2004 e i risultati ottenuti fino ad oggi, credo che sia possibile documentare come, mediante il lungo, delicato e paziente lavoro svolto all unisono dai Consiglieri e con l ausilio degli Uffici, tutti gli obiettivi che ci eravamo originariamente prefissati sono stati raggiunti, anzi, in alcuni settori, siamo riusciti ad andare al di là di essi, e tutt oggi stiamo definendo programmi e iniziative che potranno essere sviluppate nel prossimo triennio. A tutti i Consiglieri, agli Avvocati che hanno collaborato con noi nei lavori delle commissioni, agli Avvocati che hanno partecipato come relatori ai congressi e ai seminari, ai Collaboratori e al personale vanno i sensi della mia più profonda gratitudine. 1 MENICONI, La maschia avvocatura. Istituzioni e professione forense in epoca fascista ( ), Bologna, Rivista del Consiglio

19 POLITICA FORENSE Per menzionare solo alcuni dei risultati raggiunti: (i) quanto alla funzione disciplinare, si sono migliorate la procedura di confezione e preparazione dei fascicoli, la composizione della banca dati della deontologia, lo smaltimento dell arretrato; (ii) si è raggiunta una maggiore coerenza nomofilattica nelle decisioni assunte; (iii) si è proceduto alla revisione del codice deontologico e all approvazione del regolamento per l aggiornamento professionale; (iv) quanto all attività amministrativa, si sono seguite con particolare attenzione le modalità di iscrizione all Albo dei Cassazionisti, la composizione della Commissione per l esame degli Avvocati che intendevano acquisire il titolo di Cassazionista; la composizione delle Commissioni per gli esami di ammissione alla professione forense; la composizione della Commissione per l esercizio della professione in Italia da parte degli avvocati stranieri; (v) quanto all attività di promozione della qualità della professione forense il Consiglio ha svolto direttamente o in collaborazione con i numerosi centri di studio, con le Università e gli Istituti italiani, stranieri e internazionali, corsi, incontri, seminari volti all approfondimento delle tematiche concernenti il diritto civile e penale sostanziale, il diritto processuale civile e penale, il diritto comunitario, il diritto privato europeo, il diritto vivente, le tecniche di esercizio della professione forense, la deontologia interna e internazionale; (vi) il Consiglio ha altresì tenuto uno stretto collegamento con le Scuole forensi per migliorare la preparazione dell aspirante avvocato non solo nelle materie di esame ma soprattutto per la formazione professionale, per la formazione culturale, per la formazione deontologica, che sono poi le tre componenti essenziali di ogni professione intellettuale, come accennerà tra poco, connotati essenzialmente distintivi da ogni altra attività economica, e, in particolare, dall attività d impresa; (vii) in questa Consiliatura si è promossa ulteriormente l attività della Fondazione dell Avvocatura, e si sono costituite la Fondazione per la Comunicazione forense, che consente di attivare processi telematici, contatti e iniziative con tutti gli Avvocati iscritti, e la Fondazione per la Scuola superiore dell Avvocatura, che consentirà di organizzare master e corsi di specializzazione per gli Avvocati ita- Rivista del Consiglio 19

20 Relazione sull attività del Consiglio Nazionale... di G. Alpa liani e pure per gli Avvocati stranieri che vorranno qualificarsi nel nostro Paese; la Scuola superiore dell Avvocatura è stata inaugurata proprio questa mattina, con un seminario dedicato alla educazione del giurista e alla formazione dell Avvocato: la Scuola, in collaborazione con le altre Scuole forensi e con le Scuole di specializzazione, con le Associazioni forensi, con le Università italiane e straniere, offrirà la possibilità a tutti gli Avvocati che volessero approfondire tematiche di diritto sostanziale e processuale, tematiche concernenti la consulenza stragiudiziale, il confronto tra ordinamenti giuridici, le prospettive del diritto comunitario di avvalersi di tutti gli strumenti utili per far sì che la preparazione universitaria, il tirocinio, le prime attività professionali, 1 obbligo di aggiornamento permanente siano messi a frutto per la migliore tutela degli interessi del cliente e per la promozione degli interessi morali ed economici del Paese; (viii) si sono poi pubblicati i risultati degli incontri in libri, CD, costituendo una vera e propria biblioteca del professionista alla quale possono attingere gli Ordini e le Associazioni per effettuare a loro volta le loro iniziative in questo settore; e si sono migliorate le riviste del Consiglio; (ix) il Consiglio ha poi rafforzato il suo ruolo all interno del CCBE e delle altre organizzazioni europee e internazionali, seguendo con i propri componenti e con gli avvocati che dall esterno hanno prestato la loro opera, le numerose iniziative, le ricerche e le riunioni con un lavoro assai impegnativo che ormai si rendono necessari per poter mantenere una posizione di prestigio dell Avvocatura italiana nell ambito dell Avvocatura europea e nel contempo adeguare i principi comportamentali e la pratica professionale alle esigenze di un mercato sempre più competitivo e aggressivo; (x) quanto alla cooperazione alla amministrazione della giustizia tema sul quale il Consiglio ha operato anche concretamente con la promozione delle ADR, del processo telematico, dell accesso alla Banca dati della Corte di Cassazione, nonché con le valutazioni e i contributi critici espressi in tante occasioni, istituzionali e congressuali rinvio agli Atti del XXVIII Congresso nazionale forense, di cui ho già accennato nella Relazione per il 2006 del 16 marzo scorso, e poi alla relazione di apertura della sessione romana del medesimo 20 Rivista del Consiglio

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA (Testo approvato in via preliminare dal Consiglio Nazionale Forense il 21 febbraio 2014) SOMMARIO RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO... 2 BASE NORMATIVA: ARTICOLI RILEVANTI

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana Francesco Castaldi Avvocato Sommario: 1. L art. 155 c.p.c. - 2. Il ricorso straordinario

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Artt. 123, 127, 134, 135, 136, 137 della Costituzione Costituzione della Repubblica Italiana (Gazzetta Ufficiale 27 dicembre 1947, n. 298) [ ] TITOLO V LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI Art. 123 Ciascuna

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della giustizia, provvedimento in più punti discutibile ma adottato nella forma più opportuna

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli