CONVENZIONE ENEA ARTI PER LA VALUTAZIONE DEL POTENZIALE DI RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA RESIDENZIALE E NEL TERZIARIO IN PUGLIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONVENZIONE ENEA ARTI PER LA VALUTAZIONE DEL POTENZIALE DI RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA RESIDENZIALE E NEL TERZIARIO IN PUGLIA"

Transcript

1 CONVENZIONE ENEA ARTI PER LA VALUTAZIONE DEL POTENZIALE DI RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA RESIDENZIALE E NEL TERZIARIO IN PUGLIA APPENDICE II: LE FONTI DI FINANZIAMENTO ED IL MECCANISMO DELLE ESCO E DEI CERTIFICATI BIANCHI REDAZIONE A CURA DI VINCENZO LATTANZI

2 INDICE APPENDICE II: LE FONTI DI FINANZIAMENTO ED IL MECCANISMO DELLE ESCO E DEI CERTIFICATI BIANCHI... 1 APPENDICE II LE FONTI DI FINANZIAMENTO... 3 APPENDICE II.1 E.S.CO. E FINANZIAMENTI TRAMITE TERZI (FTT)... 3 APPENDICE II.2 TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA APPENDICE II.3 INCENTIVI E FONDI ROTATIVI DELLA REGIONE PUGLIA APPENDICE II.4 I FONDI STRUTTURALI (POR, POIN)... 31

3 APPENDICE II LE FONTI DI FINANZIAMENTO APPENDICE II.1 E.S.CO. E FINANZIAMENTI TRAMITE TERZI (FTT) Cosa sono le ESCO L acronimo ESCO sta per Energy Service COmpany, ossia indica una società di servizi energetici, intesa in genere come un soggetto che opera nel settore dell energia offrendo servizi energetici integrati all utente, ossia progettazione, installazione, manutenzione e gestione degli impianti, in una logica di finanziamento tramite terzi. L idea di finanziare l intervento attraverso i risparmi ottenuti in bolletta è sempre stato un fattore caratterizzante di queste società, sebbene non sia adottabile in tutte le circostanze. Essa presuppone infatti un risparmio energetico ed economico individuabile e documentabile, oltreché dei margini tali da consentire di coprire l investimento in un tempo consono alla durata del contratto cercata. L attribuzione della qualifica di ESCO ad una società si è prestata ad una certa elasticità, ingenerando anche confusione. Da quest anno, con la pubblicazione del D.Lgs. 115/2008, è invece in vigore una nuova e più stringente definizione, che associa la garanzia dei risultati e la partecipazione al rischio finanziario dell intervento al concetto di ESCO, mentre indica più genericamente come ESPCO (energy service provider companies) quelle società che offrono servizi energetici senza tale valore aggiunto. Il finanziamento tramite terzi, sempre secondo il D.Lgs. 115/2008, si ha quando l intervento è finanziato da un soggetto terzo, che può essere una ESCO, diverso dall utente e dal fornitore di energia. Le attività che una ESCO deve svolgere, direttamente o avvalendosi di accordi con soggetti terzi, sono: diagnosi energetica approfondita; identificazione dei possibili interventi; finanziamento del progetto; progettazione esecutiva; installazione e realizzazione delle opere; gestione e manutenzione degli impianti; acquisto dei vettori energetici; monitoraggio e verifica dei risultati. Nella figura seguente sono riportati due schemi operativi tipici in presenza di finanziamento tramite terzi.

4 Parte del risparmio conseguito grazie all intervento, che per un grande utente industriale si aggira sui /tep, mentre può salire fino ai 800 /tep per un utente domestico o del terziario, viene utilizzato per ripagare la ESCO delle attività di gestione e manutenzione degli impianti e, nello schema dei risparmi condivisi, dei costi finanziari per la realizzazione della misura di risparmio energetico (nello schema a prestazioni garantite il relativo canone sarà invece indirizzato alle banche finanziatrici). Di seguito si approfondiscono queste due tipologie contrattuali e quella dei contratti servizio energia o servizio calore. Contratti a risparmi condivisi La ESCO anticipa i costi di investimento, cui eventualmente il cliente può partecipare. I risparmi mensili sono suddivisi fra la ESCO e l utente sulla base del tipo di intervento e del tempo di ritorno dell investimento. Le prestazioni del servizio reso sono stabilite contrattualmente e la ESCO è responsabile degli impianti e ne mantiene proprietà e gestione fino alla conclusione del contratto. In tale quadro è la ESCO ad assumere i rischi tecnici e finanziari dell intervento, e questo, insieme al finanziamento tramite terzi, rappresenta una delle attrattive principali di questa tipologia di energy performance contracting. Dal momento che la ESCO assume la maggior parte dei rischi, occorre determinare un metodo di valutazione e verifica dei risparmi che non dia adito a controversie, l entità dell investimento deve essere sufficiente a giustificare le spese di messa a punto del contratto e le tecnologie adottate devono esse note ed affidabili. Un tipo particolare di contratti shared savings è quello first out, in cui tutto il risparmio conseguito viene girato alla ESCO allo scopo di ridurre al massimo la durata del contratto. Da notare che spesso il contratto prevede una partecipazione del cliente al finanziamento dell impianto, sotto forma di equity. Contratti a prestazioni garantite In questo caso l intervento viene realizzato attraverso un leasing o altro tipo di finanziamento del cliente con un soggetto terzo. La ESCO si fa garante delle prestazioni minime dell impianto e l utente si assicura così un flusso di cassa non negativo.

5 Rispetto alla tipologia contrattuale precedente, questa presenta uno svantaggio per l utente: la ESCO può non essere interessata a far funzionare l impianto alla massima efficienza, in quanto le basta assicurare la prestazione minima garantita per ottenere la rata concordata. Diventa dunque essenziale che le performance soggette a contratto siano determinate con accortezza dal cliente. Questo contratto è in compenso più semplice da attuare, non crea problemi di esposizione finanziaria eccessiva per le ESCO, e può essere esteso ad interventi di minore dimensione. Ciò spiega perché risulti il più diffuso. Contratti di servizio energia o servizio calore Si tratta di una denominazione in cui rientrano contratti molto diversi, soprattutto per la climatizzazione degli edifici. La ESCO garantisce all utente un risparmio prefissato rispetto alla spesa energetica preesistente, con un conguaglio annuale collegato all andamento dei prezzi del combustibile, dell inflazione, del costo della manodopera, dei gradi giorno e delle ore di utilizzo effettivo del servizio. I costi di investimento e quelli di gestione possono essere condivisi con l utente e le prestazioni del servizio sono stabilite contrattualmente. Come nel caso precedente, rispetto ai contratti a risparmi condivisi, non è detto che l impianto sia esercito nel modo più efficace. Sebbene la ESCO abbia interesse a garantire un alto rendimento dell impianto stesso, se le condizioni di servizio non sono correttamente delineate essa può non avere interesse a ricercare la massima efficienza globale. In genere, inoltre, gli interventi di manutenzione straordinaria sono a carico del cliente. Va notato che il D.Lgs. 115/2008 interviene anche su questo tema, definendo a livello legislativo il contratto servizio energia e il contratto servizio energia plus. Perciò può essere opportuno indicare con contratti servizio calore quelli che non rispondono alle relative specifiche. Entrambe le fattispecie prevedono la realizzazione di diagnosi energetiche (con relativa certificazione energetica dell edificio) prima dell intervento, l individuazione e la definizione degli interventi di risparmio energetico e l individuazione di corrispettivi basati sulla prestazione (e non sui consumi). Il contratto plus impone in aggiunta il raggiungimento di un obiettivo minimo di risparmio del 10% alla stipula del primo contratto e la realizzazione di una seconda diagnosi/certificazione energetica. Considerazioni sulle attività condotte dalle ESCO Una ESCO è una società che deve presentare una forte competenza tecnica, che le consenta di valutare al meglio quali interventi proporre e come progettare e gestire gli impianti, la capacità di gestire rischi di vario genere (finanziari, tecnici, di impresa, di mercato, legati alla normativa, etc) ed un attitudine alla comprensione delle esigenze e peculiarità del cliente, alla comunicazione ed al dialogo. Ciò, almeno, sarà necessario per competere efficacemente in un mercato che si preannuncia piuttosto affollato ed in cui i margini di profitto tenderanno a calare anche per le minori possibilità di trovare interventi facili. Le attività più delicate che la ESCO si trova a condurre riguardano: la diagnosi energetica iniziale; i rapporti con le banche e i partner tecnologici; la gestione e manutenzione degli impianti.

6 Dall esito della prima dipendono le scelte sugli interventi e la predisposizione dei business plan. Eventuali errori, in verità piuttosto frequenti, possono costare molto cari. E essenziale che non ci si limiti ad analisi superficiali e non si prendano per buoni i dati forniti dai clienti senza verificarne la correttezza. Oltre agli aspetti tecnici vanno presi in considerazione le abitudini degli utilizzatori degli impianti, la logica di controllo e gestione di questi ultimi ed i possibili cambiamenti che potrebbero interessare il cliente con ripercussione sull uso degli impianti. La gestione dei rischi finanziari è una delle peculiarità che fanno forte una ESCO. E quindi essenziale stabilire dei rapporti proficui con gli istituti di credito, circostanza che richiede credibilità e business plan ben strutturati e solidi, e garantirsi per quanto riguarda la fornitura nei tempi previsti di macchine e componenti, appoggiandosi e stipulando accordi con più partner. Gli aspetti gestionali, infine, coprono spesso la maggior parte dei costi nell ambito dei contratti stipulati, potendo arrivare a percentuali dell ottanta percento del totale. Ciò significa che più che porre attenzione al valore degli investimenti iniziali, occorre essere in grado di ottimizzare la manutenzione e gestione degli impianti, essendo in grado di garantire tempi di intervento minimi, ad esempio attraverso idonee procedure di telegestione, di pianificare al meglio la presenza del personale sui territori interessati dalle attività o di coinvolgere il personale del cliente in esse, e di intrattenere rapporti chiari con i clienti. Saper instaurare un dialogo proficuo con gli utenti, curandone le esigenze, educandoli all utilizzo degli impianti e monitorando le prestazioni di questi ultimi, oltre a fornire preziose indicazioni su come migliorare i servizi offerti e renderli più efficaci, può evitare la nascita di contenziosi che, anche se favorevoli alla ESCO, si ripercuotono sempre in costi aggiuntivi ed in un danno d immagine. Uno dei temi più delicati è quello della verifica dei risultati. Negli Stati Uniti, caratterizzati da un mercato più maturo, sono stati messi a punto dei protocolli di misura e verifica 1 che richiederanno comunque una messa a punto per una possibile estensione al mercato italiano. Nel frattempo occorre valutare di volta in volta il da farsi. I casi in cui sia facile individuare i consumi energetici connessi ad un certo servizio sono pochi. In genere bisogna ricorrere a stime e valutazioni che si prestano forzatamente ad interpretazioni. E interesse sia della ESCO, sia dell utente trovare accordi precisi, da inserire nelle clausole contrattuali. Interventi tipici Le aree di intervento classiche per le ESCO comprendono: l illuminazione pubblica; l illuminazione d interni; il servizio energia; la cogenerazione; il rifasamento dei carichi elettrici; i motori elettrici industriali; la produzione e distribuzione di vapore ed aria compressa; la gestione ottimale dei contratti di fornitura dei vettori energetici. 1 Tali protocolli possono essere scaricati dal sito web

7 I progetti includono la maggior parte delle tecnologie disponibili sul mercato, almeno in linea di principio. In pratica per poter far ricorso alla garanzia dei risultati ed al finanziamento tramite terzi è necessario che le gli interventi considerati risultino affidabili e con tempi di ritorno congrui con le durate contrattuali accettabili da ESCO e committente. Di seguito si riporta un elenco sintetico di progetti più dettagliati ammissibili ai sensi dei DM 20 luglio 2004 (titoli di efficienza energetica), il principale strumento di incentivazione nazionale a favore dell efficienza energetica che indica le ESPCO come uno dei soggetti ammessi alla presentazione di progetti ed all ottenimento di certificati bianchi. Edifici adibiti ad uso ufficio, condomini e utenze residenziali Realizzazione interventi nel quadro del servizio energia Il servizio energia per definizione comporta per il fornitore la ricerca della massima efficienza, comportando la sostituzione degli impianti con altri più efficienti purché la durata del contratto lo consenta. In quest ottica il soggetto che affida il servizio può prevedere in sede contrattuale la realizzazione di interventi di ammodernamento, anche approfonditi, di impianti o la ridefinizione eventuale delle condizioni dell offerta all atto del rinnovo per tener conto dei minori tempi di ritorno degli investimenti eventualmente conseguibili dal fornitore. Sostituzione caldaia (tipologia a condensazione e taglia adeguata all utenza) L intervento di sostituzione delle caldaie rappresenta una tipica opportunità nell ambito dei Decreti. In tal caso è opportuno che sia previsto un dimensionamento dell impianto sulla base di opportune diagnosi energetiche, al fine di conseguire il massimo risultato utile. Parzializzazione dell impianto termico e sistema di controllo Soprattutto in presenza di edifici occupati in modo diversificato nel corso della giornata, come ad esempio le scuole, in cui alcuni locali sono utilizzati anche il pomeriggio e la sera, è opportuno installare sistemi di modulazione e parzializzazione delle caldaie e di zonizzazione dell edificio. In questo modo è possibile limitare il riscaldamento solo laddove effettivamente richiesto e far funzionare le caldaie nel modo più efficiente. Sistemi di schermatura esterna per la riduzione del carico estivo di condizionamento Fra gli interventi previsti dai Decreti rientrano quelli collegati all architettura solare passiva. Un esempio che può essere implementato in alcuni casi riguarda i sistemi di schermatura delle finestre per ridurre l apporto solare e quindi il carico di condizionamento. Sistemi di illuminazione ad alta efficienza Interventi semplici da contabilizzare e con tempi di ritorno contenuti riguardano la sostituzione dei corpi luminosi e delle lampade con altri a maggiore efficienza e l installazione di dispositivi per il controllo della tensione di alimentazione delle lampade e per quello della luminosità in funzione della luce naturale. Condizionamento e riscaldamento a pompa di calore con acqua di falda o simile Si tratta di un intervento che richiede un adeguato studio di fattibilità per valutarne la convenienza. Uso di apparecchiature informatiche a basso consumo Tutti gli interventi di sostituzione di dispositivi informatici con altri analoghi a minore consumo sono ammissibili. In particolare si sottolinea quello relativo alla sostituzione dei tradizionali monitor a tubi catodici con quelli LCD. Oltre a consumare meno elettricità, tali monitor presentano vantaggi negli ingombri limitati e negli aspetti sulla sicurezza correlati alla Legge 626 (assenza di radiazioni elettromagnetiche rispetto ai monitor tradizionali). Sistemi di contabilizzazione Si tratta di un intervento previsto per legge nei nuovi edifici e in grado di assicurare il raggiungimento delle migliori efficienze di esercizio, abbinando un impianto centralizzando ai vantaggi del riscaldamento autonomo. Comporta tra l altro il beneficio di sensibilizzare gli utenti ai propri consumi. Bisogna porre qualche attenzione nella suddivisione della

8 contabilizzazione qualora le tubazioni calde attraversino locali non riscaldati, come garage e vani scale. Telecontrollo degli impianti termici in funzione della temperatura esterna e di altri parametri Il controllo degli impianti termici in funzione della temperatura esterna, consente tra l altro la possibilità di non dover tener conto delle ore giornaliere di funzionamento, purché il sensore interno sia regolabile su due temperature diverse e sigillabile, ai sensi del DPR 551/99. Promozione di mini reti di riscaldamento con calore di recupero da fonti rinnovabili o cogenerazione Il ricorso al teleriscaldamento offre svariati vantaggi in termini di benefici energetici ed ambientali globali. Si tratta certamente di un intervento complesso dal punto di vista delle infrastrutture ed in taluni casi delle autorizzazioni per gli impianti di generazione. Può comunque essere il caso di considerarlo qualora sia prevista la manutenzione del sistema a rete di un Comune (ad es. con riferimento a quella idrica o a quella del gas). Coibentazione e sostituzione di infissi con altri a doppi vetri o a guadagno solare Sono interventi da eseguire in caso di ristrutturazione, per i quali caso per caso va valutata la convenienza. Fotovoltaico I Decreti ammettono il riconoscimento del risparmio di energia primaria conseguito tramite il fotovoltaico solo per impianti di dimensioni inferiori ai 20 kw. L accordo con le Regioni affinché parte dei fondi siano destinati a queste applicazioni è necessario, visti i tempi di ritorno prevedibili. Elettrodomestici ad alta efficienza Possono essere effettuate campagne di sostituzione di lavatrici, lavastoviglie, frigoriferi, forni, etc. specie in presenza di iniziative promosse dalle Regioni e dagli Enti Locali, oltreché dal Ministero dell Ambiente. Edifici sportivi ad alta occupazione Mini cogenerazione Le possibilità di utilizzo della produzione combinata di energia elettrica e gas sono consistenti in presenza di richiesta di calore estesa nel corso dell anno ed importante, come ad esempio per le piscine, anche in considerazione della defiscalizzazione sul combustibile di cui si viene a beneficiare. L elettricità generata può essere impiegata per la rete di illuminazione pubblica e le utenze comunali (edifici, ospedali, depuratori, etc), eventualmente costituendo un apposito consorzio. Particolare attenzione va però posta nella scelta e nel dimensionamento del sistema, cosa che presuppone la conoscenza e l andamento orario per giorni tipici del prelievo di elettricità e calore nelle utenze considerate. Solare termico per produzione acqua calda Per le utenze estive (stabilimenti balneari, piscine, campeggi) possono essere proficuamente impiegati i pannelli solari in materiale plastico, caratterizzati da investimenti unitari contenuti e da tempi di ritorno brevi. Negli altri casi conviene ricorrere ai pannelli vetrati, più costosi ma in grado di assicurare buone prestazioni tutto l anno. Per grandi impianti può essere conveniente richiedere la stipula di contratti a risultati garantiti. Illuminazione ad alta efficienza Oltre che l illuminazione di interni, già trattata nella categoria precedente, gli interventi in questo possono riguardare l illuminazione di esterni (campi da gioco e piazzali), con l installazione di lampade e corpi luminosi più efficienti e di regolatori di flusso luminoso. Caldaie a condensazione e/o biomasse Oltre alle già ricordate caldaie a condensazione, in questo caso, dopo aver valutato la disponibilità di spazi per le strutture di scarico, deposito ed alimentazione delle biomasse,

9 può essere conveniente l utilizzo di caldaie facenti uso di questo combustibile rinnovabile, in considerazione dei benefici ambientali e del costo del combustibile contenuto, soprattutto rispetto al gasolio ed al GPL. Controllo delle stratificazioni termiche Negli edifici con soffitti molto alti, quali possono essere quelli adibiti a campi da pallavolo e pallacanestro e le piscine, diventa fondamentale evitare la stratificazione termica dell aria, al fine di contenere i consumi per il riscaldamento. A tal fine sono disponibili diverse tecnologie sul mercato, dai destratificatori al riscaldamento mediante pannelli radianti. Nel caso delle piscine, dove l effetto è aumentato dall evaporazione, si possono inoltre ottenere risultati eccellenti con l adozione di sistemi di copertura notturna. Recupero del calore dagli effluenti Il recupero di calore dagli effluenti è sempre una buona pratica in presenza di elevate temperature allo scarico e di utenze in grado di sfruttare il calore recuperato, come ad esempio il preriscaldamento dell acqua sanitaria. Coibentazione e sostituzione di infissi con altri a doppi vetri o a guadagno solare Vale quanto detto per la categoria precedente. Sostituzione di scaldacqua elettrici con altri a gas Qualora non sia possibile impiegare i pannelli solari termici o le caldaie a biomasse è comunque conveniente effettuare questo tipo di intervento. Illuminazione Pubblica Sistemi ad alta efficienza Gli interventi realizzabili prevedono la sostituzione di lampade con altre più efficienti e l installazione di dispositivi per il controllo del flusso luminoso dei punti luce. A tale proposito va notato che, essendo la riduzione dell intensità luminosa ammessa funzione del traffico, i massimi risultati possono essere conseguiti in presenza di un piano comunale per il traffico. Semafori a led I semafori a led consentono di contenere i consumi, ma richiedono la presenza di dispositivi per la regolazione del flusso luminoso. Ciclo dell acqua Motori elettrici ad alta efficienza Si tratta di motori utilizzabili proficuamente nel caso di utenze con alto fattore di carico, come le pompe degli acquedotti o dei depuratori e le scale mobili. Motori a velocità variabile L installazione di sistemi di controllo a velocità variabile permette di ottenere ottimi risultati laddove il carico dell utenza sia variabile (es. depuratori, alcuni acquedotti e scale mobili). Ottimizzazione del carico da pompaggio mediante telecontrollo In alcune situazioni potrebbe essere impiegato il telecontrollo per la gestione remota ed ottimizzata dei carichi relativi ad uno o più impianti di pompaggio. Uso plurimo delle acque depurate In tal caso si potrebbe considerare il risparmio energetico associato alla captazione, trasporto e trattamento delle acque degli acquedotti e di falda non più utilizzate. Supermercati, negozi, magazzini frigoriferi, mercati, mattatoi, ecc. Condizionamento e riscaldamento a pompa di calore con acqua di falda o simile Coibentazione Vale quanto detto nelle categorie precedenti, esteso però anche a singoli locali frigoriferi. Recupero di acqua calda da cogenerazione e da effluenti

10 L acqua calda recuperata può essere impiegata sia direttamente, sia per alimentare sistemi ad assorbimento. Sistemi ad assorbimento Dove sia presente una sorgente di calore, da cogenerazione o da recupero, può essere conveniente l adozione di sistemi ad assorbimento, la cui convenienza economica rispetto ai tradizionali gruppi a compressione va valutata caso per caso, tenuto conto dei benefici economici conseguibili grazie ai decreti. Accumulo di freddo La rivisitazione delle fasce orarie per l acquisto di energia elettrica operata dall Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas nel 2004 rende interessante l adozione di sistemi ad accumulo di freddo, in grado di trasferire ai locali da climatizzare l energia termica accumulata nel funzionamento notturno. Installazione di motori ad alta efficienza e/o a velocità variabile Illuminazione ad alta efficienza Illuminazione piazzali e depositi Fotovoltaico Infrastrutture del trasporto Illuminazione piazzali e depositi Diffusione mezzi elettrici e a gas naturale I Decreti riconoscono fra gli interventi ammessi ai riconoscimenti anche le iniziative volte alla diffusione di veicoli elettrici ed a gas naturale, già portate avanti in anni recenti da alcune amministrazioni comunali. Fotovoltaico per illuminazione punti di fermata o segnalazione, specie extraurbani Fra gli interventi ammessi ricade il fotovoltaico al di sotto dei 20 kw, utilizzabile per l alimentazione di punti luce, cartelli stradali e fermate di mezzi pubblici non collegati alla rete elettrica (per i quali il costo evitato per la posa dei cavi e la connessione alla rete elettrica ripaga ampliamente i maggiori costi unitari dei dispositivi, con vantaggi di pubblica utilità). Sistema ospedaliero Illuminazione ad alta efficienza Recupero energia da effluenti Recupero calore da cogenerazione associato con consumi elettrici. Parzializzazione dell impianto termico e sistema di controllo Settore industriale Motori elettrici e meccanismi di trasmissione della coppia motrice ad alta efficienza Motori a velocità variabile Essiccazione e fusione con microonde ed altri sistemi Interventi realizzabili nei casi in cui sia possibile conseguire un risparmio energetico con la sostituzione dei sistemi di essiccazione, cottura e fusione. Ricompressione meccanica del vapore Quando il vapore proveniente dal processo deve essere compresso di nuovo con salti di pressioni limitati può essere conveniente sfruttare la ricompressione meccanica al posto di quella termica. Rifasamento elettrico presso l utenza Si tratta di uno degli interventi più semplici da individuare e realizzare: al risparmio energetico si accompagna il venire meno dell energia reattiva da pagare. Sostituzione bruciatori e caldaie con altri più efficienti e/o sistemi di regolazione della combustione

11 Tale tipo di intervento è particolarmente indicato in presenza di impianti caratterizzati da utilizzo prolungato nel tempo, specie in presenza di carico variabile. Trattamento catalitico dei VOC Gli obblighi di legge inerenti il trattamento dei composti organici volatili può in molti casi essere soddisfatto ricorrendo a tecnologie che permettano il recupero di parte dell energia sotto forma di calore, come l ossidazione catalitica. Controllo delle stratificazioni termiche Illuminazione ad alta efficienza Recupero energia da effluenti Recupero calore da cogenerazione associato con consumi elettrici Parzializzazione dell impianto termico e sistema di controllo Recuperi di energia sulla rete del gas naturale Si tratta di un intervento particolare, relativo a grandi consumatori o a reti di distribuzione.

12 APPENDICE II.2 TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA Premessa I decreti 20 luglio 2004 per la promozione di interventi di efficienza energetica hanno messo in moto un meccanismo che offre spazi alla Regione ed agli Enti Locali operanti nel suo territorio per promuovere lo sviluppo sostenibile. Più che gli incentivi economici, i Decreti mirano a promuovere il mercato agendo su distributori e società di servizi energetici (ESCO), al fine di innescare un meccanismo virtuoso in grado di produrre effetti positivi per il Paese e di crescere autonomamente. Un ruolo centrale lo dovrebbero avere le ESCO, e sarà tanto più positivo, quanto più potrà basarsi sul ricorso all energy performance contracting, ossia a contratti che prevedano l offerta di servizi energetici con un riconoscimento crescente al miglioramento delle prestazioni del servizio stesso, al finanziamento tramite terzi e ad una formazione adeguata del proprio personale. La Regione può intervenire in vari ambiti in sinergia con i Decreti: dalla programmazione/incentivazione alla realizzazione di diagnosi energetiche finanziate dal meccanismo, dalla partecipazione alle attività di verifica e certificazione dei risparmi conseguiti dagli interventi rientranti nel meccanismo al ruolo di utente finale beneficiario degli interventi stessi, dalla coordinazione degli Enti Locali, alla promozione di accordi territoriali con gli operatori di mercato. Gli interventi ammissibili comprendono la maggior parte delle soluzioni basate su tecnologie efficienti, dalle lampadine alle caldaie, dalla cogenerazione ai motori industriali, dal solare termico agli interventi sull involucro. In tal modo sono coinvolti nel meccanismo diversi operatori nazionali, sia fra i produttori, sia fra gli installatori e manutentori, e non manca lo spazio per nuovi entrati, soprattutto fra le società di servizi. Da un punto di vista numerico si parla di una riduzione complessiva nazionale al 2009 di circa ktep, che nel Lazio potranno significare, in base ai consumi regionali, interventi per ktep, in grado di evitare il consumo di m 3 di gas naturale (corrispondenti a circa caldaie autonome) e kwh elettrici (equivalenti a una centrale di MW funzionante ore anno). Ad un costo medio di /tep ciò significherà un giro di investimenti di milioni di l anno, di cui un terzo circa per attività di manutenzione e gestione (corrispondenti a posti di lavoro aggiuntivi). Il meccanismo I decreti ministeriali del 20 luglio 2004 sull'efficienza energetica (pubblicati sulla G.U. Serie Generale n. 205 del ) aggiornano e sostituiscono i precedenti DM 24 aprile 2001, istituendo un innovativo sistema di promozione delle tecnologie energeticamente efficienti. Essi fissano l'obbligo per i distributori di energia elettrica e gas con bacini di utenza superiori ai clienti di effettuare interventi di installazione di tecnologie per l'uso efficiente dell'energia presso gli utenti finali, in modo da ottenere un prefissato risparmio di energia primaria nei prossimi cinque anni (vedere il seguito della pagina). A tal fine le aziende distributrici possono: intervenire direttamente; avvalersi di società controllate;

13 acquistare titoli di efficienza energetica dalle società di servizi energetici (ESCO), comprese le imprese artigiane e loro forme consortili che abbiano effettuato interventi fra quelli ammessi dai Decreti stessi. Con riferimento alle prime due opportunità la legge 23 agosto 2004 n. 239 (Legge Marzano) ha introdotto dei limiti per i distributori e le società controllate nello svolgere attività post-contatore presso le proprie utenze, sebbene il vincolo sia praticamente aggirabile ricorrendo al franchising. Il Ministero delle Attività Produttive ha emanato al riguardo una circolare (circolare MAP 29 aprile 2005), che descrive cosa si debba intendere per postcontatore. Per ogni intervento ammesso al meccanismo è possibile richiedere il rilascio di appositi titoli di efficienza, che comprovano il risparmio conseguito dall intervento stesso. Tali titoli, che i distributori devono presentare all Autorità per la verifica del raggiungimento degli obiettivi previsti, possono essere oggetto di scambio sia attraverso contrattazione bilaterale, sia avvalendosi dell apposito mercato gestito dal Gestore del Mercato Elettrico. In linea teorica sono ammissibili tutte le tecnologie che comportino un risparmio di energia, ma i decreti riportano delle tabelle in cui sono indicate le tipologie tipiche afferenti ai settori industriale e civile. I distributori hanno inoltre l'obbligo di conseguire almeno il 50% delle riduzioni dei consumi previste attraverso azioni relative alla loro area di attività primaria. Per recuperare parte dei costi sostenuti, che vanno a sommarsi anche a mancati ricavi a causa delle minori quantità di energia distribuita, è previsto per i distributori un recupero attraverso le tariffe di distribuzione, sia per gli interventi riguardanti il vettore energetico distribuito, sia per l'altro vettore energetico toccato dai Decreti. Rimangono poi aperte la possibilità di accedere ai finanziamenti regionali, statali o comunitari eventualmente presenti e quella di ottenere un contributo più o meno sostanzioso dall'utente finale. Di converso, alle aziende che non ottempereranno ai propri obblighi saranno comminate sanzioni. Gli interventi realizzati, certificati mediante i titoli di efficienza rilasciati dal Gestore del Mercato Elettrico, potranno essere conteggiati, ai fini del soddisfacimento degli obblighi, per cinque anni, che diventano otto per alcuni interventi relativi all'edilizia (ultimo comma art. 4). Con futuri provvedimenti potranno essere individuati altri interventi caratterizzati da periodi di validità dei titoli di efficienza superiori o inferiori ai cinque anni. Sebbene gli utenti finali non possano ricevere incentivi diretti attraverso il meccanismo, possono comunque trarne vantaggio in quanto sede fisica dell'intervento, e quindi beneficiari del risparmio energetico ed economico ad esso corrispondente. In generale sarà possibile realizzare interventi ad un costo inferiore a quanto previsto in assenza del meccanismo. Nella figura seguente è illustrato il meccanismo di funzionamento dei decreti nel caso più generale di intervento effettuato da parte di una ESCO.

14 Si riportano di seguito due tabelle con gli obiettivi imposti alle aziende di distribuzione tratte dai decreti. Elettricità Obiettivo cumulato Obiettivo annuo Anno (Mtep) (Mtep) ,1 0, ,2 0, ,4 0, ,8 0, ,6 0,8 Gas Obiettivo cumulato Obiettivo annuo Anno (Mtep) (Mtep) ,1 0, ,2 0, ,4 0, ,7 0, ,3 0,6 Complessivamente si tratta di un risparmio in fonti primarie di 2,9 Mtep in cinque anni. I distributori sottoposti all obbligo sono i 34 riportati nella tabella seguente

15 Gas naturale Elettricità 1. ITALGAS 2. CAMUZZI GAZOMETRI 3. AEM Milano 4. NAPOLETANA GAS 5. HERA Bologna 6. ITALCOGIM 7. AMGA Genova 8. FIORENTINA GAS 9. AGAC Reggio Emilia 10. SICILIANA GAS 11. ASM Brescia 12. CONSIAG Prato 13. AGES Pisa 14. SGR Reti - Rimini 15. ASCO Piave - Treviso 16. APS Padova 17. AGSM Verona 18. META Modena 19. ACEGAS Trieste 20. AMG Palermo 21. AMPS - Parma 22. AMGas Bari 23. AES Torino 24. ENEL Distribuzione gas 1. ENEL Distribuzione 2. ACEA Roma 3. AEM Milano 4. AEM Torino 5. ACEGAS - Trieste 6. ASM Brescia 7. AEC Bolzano 8. META Modena 9. AMPS Parma 10. DEVAL - Aosta Da un punto di vista operativo il meccanismo messo in moto dai Decreti è regolato dall Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas, che ne ha definito i contorni attraverso varie delibere e decisioni, sintetizzate nel prossimo paragrafo. Gli aspetti operativi del meccanismo La delibera 103/03, modificato con la delibera 200/04 per tener conto delle modifiche introdotte dalla legge 23 agosto 2004 n. 239 di riordino del settore energetico, individua le linee guida per la preparazione, l'esecuzione e la valutazione dei progetti e per la definizione dei criteri e delle modalità per il rilascio dei titoli di efficienza energetica. I punti principali affrontati nel documento sono: le ESCO sono definite come le società, comprese le imprese artigiane e le loro forme consortili, che alla data di avvio del progetto hanno come oggetto sociale, anche non esclusivo, l offerta di servizi integrati per la realizzazione e l eventuale successiva gestione di interventi -> art. 1; le tre modalità di riconoscimento dei risparmi conseguiti attraverso gli interventi, ossia standardizzata, analitica, a consuntivo -> art. 3 e seguenti; la taglia minima degli interventi ammissibili (si passa dai 25 tep/anno per i progetti standardizzati ai 100 tep/anno per quelli a consuntivo tep/anno se realizzati da distributori) -> art. 10; il potere calorifico dei combustibili -> art. 8;

16 la documentazione da presentare e conservare ai fini del rilascio dei titoli -> art. 12 e seguenti; alcune azioni attivabili da Regioni e Province Autonome -> art. 15; dimensione (1 tep), durata e contabilizzazione dei titoli di efficienza energetica -> art. 17. L articolo 15, in particolare, prevede che le Regioni o i soggetti da esse indicati possono svolgere attività di verifica e certificazione dei risparmi, in base ad un apposita convenzione da attivare con il soggetto titolare di tali attività a livello nazionale, e hanno la facoltà di stabilire delle limitazioni alla richiesta di titoli di efficienza energetica per i progetti finanziati attraverso fondi regionali. I progetti possono essere presentati al fine del rilascio dei titoli dai soggetti abilitati, ossia i distributori (anche quelli non soggetti all obbligo), le società da essi controllate e le ESCO accreditate sul sito web dell Autorità. L accreditamento viene concesso non appena verificata la condizione relativa allo statuto segnalata come prima voce dell elenco precedente. L Autorità ha predisposto un apposita piattaforma informatica per l inoltro dei progetti, che rappresenta l unica modalità prevista a tale scopo, disponibile all indirizzo I titoli verranno invece rilasciati dal Gestore del Mercato Elettrico, che predisporrà a partire dalla seconda metà del 2005 un apposita piattaforma informatica nel proprio sito (www.mercatoelettrico.org), atta anche a gestire la borsa dei titoli. Per quanto concerne le sanzioni per gli inadempienti, al momento è stata emanata solo la comunicazione 29/12/2004, che si limita ad affermare che saranno attivate e saranno di entità adeguata. Il valore dei titoli di efficienza Le modalità per il recupero in tariffa da parte dei distributori sono state definite nella delibera 219/04, che prevede un riconoscimento tariffario di 100 /tep risparmiato. Sebbene da un punto di vista teorico il prezzo dei titoli dovrebbe essere compreso fra un valore di poco inferiore a tale riconoscimento tariffario (in quanto gli interventi che consentono il risparmio di vettori diversi da elettricità e gas non lo prevedono, pur dando diritto all emissioni di titoli) e quella delle sanzioni per gli inadempienti, la realtà sarà presumibilmente diversa e potrebbe comportare prezzi di compravendita più bassi di quelli ipotizzati. Il meccanismo dovrebbe avere l effetto non tanto di incentivare i singoli interventi (peraltro in genere di giustificarsi economicamente in modo autonomo), quanto di promuovere l azione degli operatori di mercato, affinché siano poi essi stessi a trainarlo. Se i distributori scendessero in campo come ESCO i Decreti funzionerebbero senza intoppi. Di fatto, però, aziende come Italgas e ENEL, sottoposte alla vigilanza dell antitrust, hanno assunto un atteggiamento più incline a concentrarsi sull acquisto di titoli sul mercato, che non a realizzare interventi diretti presso l utenza. Poiché però, in caso di assenza di investimenti l unico flusso di cassa positivo è collegato al recupero in tariffa, ne consegue che il prezzo dei titoli in tal caso dovrebbe essere minore o uguale quello del recupero in tariffa per evitare di ritrovarsi in perdita. Molto dipenderà dunque da come i distributori parteciperanno al meccanismo e da come l Autorità gestirà nei singoli anni il valore del recupero in tariffa (che può appunto essere modificato). Nell ipotesi di prendere per buono un prezzo dei titoli vicino ai 100 /tep, per molti interventi ciò corrisponde ad un finanziamento fra il 5 ed il 10% dell investimento, potendo

17 essere maggiore in casi rari (es. lampadine fluorescenti al posto di quelle tradizionali) e inferiore per i progetti più complessi e meno remunerativi (perché basati su tecnologie costose o indirizzati ad utenze non in grado di garantire un fattore di carico adeguato). Lo schema seguente illustra i possibili flussi finanziari nel caso di un intervento effettuato da una ESCO in un ottica di contratto a risparmi condivisi, ipotizzando che l utente benefici del 10% del risparmio in bolletta consentito dall intervento già nel corso della durata del contratto. Tenendo conto degli attuali costi di acquisto di energia elettrica e gas, si può determinare il costo evitato all utente finale per ogni tep risparmiato, che rientra in un intervallo dovuto alle differenze sui prezzi di acquisto fra utenti industriali e civili (a cui corrispondono i valori maggiori). Costo evitato per tep risparmiato /tep elettricità gas naturale Seguendo lo schema, ciò si traduce nel fatto che la ESCO riceva ogni anno una cifra intorno a /tep per i risparmi di elettricità e gas naturale. Per quanto detto precedentemente, in caso di vendita del titolo ad un distributore queste entrate andrebbero aggiunti, con un differimento temporale di un anno rispetto all investimento, circa 100 /tep per cinque anni (otto per alcuni interventi). Non si considera qui la possibilità di accedere a finanziamenti regionali, europei o di altro tipo. L entità dell investimento può andare dai /tep per le lampade fluorescenti ai /tep ed oltre di interventi costosi, come il retrofit dell isolamento termico degli edifici. E evidente che il peso dell incentivazione può essere molto diverso a seconda dell intervento considerato. Possibili interventi Si elencano qui esempi di interventi realizzabili nell ambito dei Decreti, suddivisi per tipologie, relativi ad edifici e servizi gestiti direttamente o indirettamente dalla Regione o dagli Enti Locali operanti nel proprio territorio. Si tratta di una lista non esaustiva, ma

18 comprensiva della maggior parte degli interventi effettivamente realizzabili in ambito comunale. La Regione può anche partecipare alla realizzazione di campagne di sensibilizzazione ed informazione rivolte agli utenti finali finanziabili almeno in parte attraverso il meccanismo. Edifici adibiti ad uso ufficio Realizzazione interventi nel quadro del servizio energia Il servizio energia per definizione comporta per il fornitore la ricerca della massima efficienza, comportando la sostituzione degli impianti con altri più efficienti purché la durata del contratto lo consenta. In quest ottica l Ente Locale può prevedere in sede contrattuale la realizzazione di interventi di ammodernamento, anche approfonditi, di impianti o la ridefinizione eventuale delle condizioni dell offerta all atto del rinnovo per tener conto dei minori tempi di ritorno degli investimenti eventualmente conseguibili dal fornitore. Sostituzione caldaia (tipologia a condensazione e taglia adeguata all utenza) L intervento di sostituzione del parco caldaie relativo agli edifici di competenza del Comune rappresenta una tipica opportunità nell ambito dei Decreti. In tal caso è opportuno che sia previsto un dimensionamento dell impianto sulla base di opportune diagnosi energetiche, al fine di conseguire il massimo risultato utile. Parzializzazione dell impianto termico e sistema di controllo Soprattutto in presenza di edifici occupati in modo diversificato nel corso della giornata, come ad esempio le scuole, in cui alcuni locali sono utilizzati anche il pomeriggio e la sera, è opportuno installare sistemi di modulazione e parzializzazione delle caldaie e di zonizzazione dell edificio. In questo modo è possibile limitare il riscaldamento solo laddove effettivamente richiesto e far funzionare le caldaie nel modo più efficiente. Sistemi di schermatura esterna per la riduzione del carico estivo di condizionamento Fra gli interventi previsti dai Decreti rientrano quelli collegati all architettura solare passiva. Un esempio che può essere implementato in alcuni casi riguarda i sistemi di schermatura delle finestre per ridurre l apporto solare e quindi il carico di condizionamento. Sistemi di illuminazione ad alta efficienza Interventi semplici da contabilizzare e con tempi di ritorno contenuti riguardano la sostituzione dei corpi luminosi e delle lampade con altri a maggiore efficienza e l installazione di dispositivi per il controllo della tensione di alimentazione delle lampade e per quello della luminosità in funzione della luce naturale. Condizionamento e riscaldamento a pompa di calore con acqua di falda o simile Si tratta di un intervento che richiede un adeguato studio di fattibilità per valutarne la convenienza. Uso di apparecchiature informatiche a basso consumo Tutti gli interventi di sostituzione di dispositivi informatici con altri analoghi a minore consumo sono ammissibili. In particolare si sottolinea quello relativo alla sostituzione dei tradizionali monitor a tubi catodici con quelli LCD. Oltre a consumare meno elettricità, tali monitor presentano vantaggi negli ingombri limitati e negli aspetti sulla sicurezza correlati alla Legge 626 (assenza di radiazioni elettromagnetiche rispetto ai monitor tradizionali). Sistemi di contabilizzazione

19 Si tratta di un intervento previsto per legge nei nuovi edifici e in grado di assicurare il raggiungimento delle migliori efficienze di esercizio, abbinando un impianto centralizzando ai vantaggi del riscaldamento autonomo. Comporta tra l altro il beneficio di sensibilizzare gli utenti ai propri consumi. Bisogna porre qualche attenzione nella suddivisione della contabilizzazione qualora le tubazioni calde attraversino locali non riscaldati, come garage e vani scale. Telecontrollo degli impianti termici in funzione della temperatura esterna e di altri parametri Il controllo degli impianti termici in funzione della temperatura esterna, consente tra l altro la possibilità di non dover tener conto delle ore giornaliere di funzionamento, purché il sensore interno sia regolabile su due temperature diverse e sigillabile, ai sensi del DPR 551/99. Promozione di mini reti di riscaldamento con calore di recupero da fonti rinnovabili o cogenerazione Il ricorso al teleriscaldamento offre svariati vantaggi in termini di benefici energetici ed ambientali globali. Si tratta certamente di un intervento complesso dal punto di vista delle infrastrutture ed in taluni casi delle autorizzazioni per gli impianti di generazione. Può comunque essere il caso di considerarlo qualora sia prevista la manutenzione del sistema a rete del Comune (ad es. con riferimento a quella idrica o a quella del gas. Coibentazione e sostituzione di infissi con altri a doppi vetri o a guadagno solare Sono interventi da eseguire in caso di ristrutturazione, per i quali caso per caso va valutata la convenienza. Fotovoltaico I Decreti ammettono il riconoscimento del risparmio di energia primaria conseguito tramite il fotovoltaico solo per impianti di dimensioni inferiori ai 20 kw. L accordo con le Regioni affinché parte dei fondi siano destinati a queste applicazioni è in tal caso necessario, visti i tempi di ritorno non brevi. Edifici sportivi ad alta occupazione Mini cogenerazione Per la cogenerazione il risparmio ammesso dai Decreti riguarda il recupero termico, non la produzione di elettricità. Ciò nulla toglie alle possibilità di utilizzo della produzione combinata di energia elettrica e gas, specie in presenza di richiesta di calore estesa nel corso dell anno ed importante, come ad esempio per le piscine. L elettricità generata può essere impiegata per la rete di illuminazione pubblica e le utenze comunali (edifici, ospedali, depuratori, etc), eventualmente costituendo un apposito consorzio. Particolare attenzione va però posta nella scelta e nel dimensionamento del sistema, cosa che presuppone la conoscenza e l andamento orario per giorni tipici del prelievo di elettricità e calore nelle utenze considerate. Solare termico per produzione acqua calda

20 Per le utenze estive (stabilimenti balneari, piscine, campeggi) possono essere proficuamente impiegati i pannelli solari in materiale plastico, caratterizzati da investimenti unitari contenuti e da tempi di ritorno brevi. Negli altri casi conviene ricorrere ai pannelli vetrati, più costosi ma in grado di assicurare buone prestazioni tutto l anno. Per grandi impianti può essere conveniente richiedere la stipula di contratti a risultati garantiti. Illuminazione ad alta efficienza Oltre che l illuminazione di interni, già trattata nella categoria precedente, gli interventi in questo possono riguardare l illuminazione di esterni (campi da gioco e piazzali), con l installazione di lampade e corpi luminosi più efficienti e di regolatori di flusso luminoso. Caldaie a condensazione e/o biomasse Oltre alle già ricordate caldaie a condensazione, in questo caso, dopo aver valutato la disponibilità di spazi per le strutture di scarico, deposito ed alimentazione delle biomasse, può essere conveniente l utilizzo di caldaie facenti uso di questo combustibile rinnovabile, in considerazione dei benefici ambientali e del costo del combustibile contenuto, soprattutto rispetto al gasolio ed al GPL. Controllo delle stratificazioni termiche Negli edifici con soffitti molto alti, quali possono essere quelli adibiti a campi da pallavolo e pallacanestro e le piscine, diventa fondamentale evitare la stratificazione termica dell aria, al fine di contenere i consumi per il riscaldamento. A tal fine sono disponibili diverse tecnologie sul mercato, dai destratificatori al riscaldamento mediante pannelli radianti. Nel caso delle piscine, dove l effetto è aumentato dall evaporazione, si possono inoltre ottenere risultati eccellenti con l adozione di sistemi di copertura notturna. Recupero del calore dagli effluenti Il recupero di calore dagli effluenti è sempre una buona pratica in presenza di elevate temperature allo scarico e di utenze in grado di sfruttare il calore recuperato, come ad esempio il preriscaldamento dell acqua sanitaria. Coibentazione e sostituzione di infissi con altri a doppi vetri o a guadagno solare Vale quanto detto per la categoria precedente. Illuminazione Pubblica Sistemi ad alta efficienza Gli interventi realizzabili prevedono la sostituzione di lampade con altre più efficienti e l installazione di dispositivi per il controllo del flusso luminoso dei punti luce. A tale proposito va notato che, essendo la riduzione dell intensità luminosa ammessa funzione del traffico, i massimi risultati possono essere conseguiti in presenza di un piano comunale per il traffico. Semafori a led I semafori a led consentono di contenere i consumi, ma richiedono la presenza di dispositivi per la regolazione del flusso luminoso. Ciclo dell acqua Motori elettrici ad alta efficienza Si tratta di motori utilizzabili proficuamente nel caso di utenze con alto fattore di carico, come le pompe degli acquedotti o dei depuratori e le scale mobili. Motori a velocità variabile

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI)

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) Normativa di riferimento Decreti ministeriali del 24 Aprile 2001 (elettrico e termico) Decreti ministeriali del 20 Luglio 2004 (elettrico e termico)

Dettagli

PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni

PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni Incentivazione del risparmio energetico nell industria tramite i Certificati Bianchi Linea Guida per accedere al contributo PREMESSA La legislazione

Dettagli

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Comuni di Airuno, Brivio Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Brivio, 25 giugno 2015 Sportello Energia Dal mese di maggio 2015 è aperto lo sportello energia : lo Sportello Energia

Dettagli

Adria Energy. risparmiare, naturalmente

Adria Energy. risparmiare, naturalmente Adria Energy risparmiare, naturalmente Le soluzioni ottimali per ottenere energia: cogenerazione, fotovoltaico, solare termico, biomasse, geotermico, idroelettrico, eolico. Adria Energy risparmiare, naturalmente

Dettagli

Rimini - Ricicla 2002 7 Novembre 2002

Rimini - Ricicla 2002 7 Novembre 2002 Rimini - Ricicla 2002 7 Novembre 2002 Opportunità per gli Energy manager per l attuazione dei Decreti sull Efficienza Energetica Ing. Franco Canci - Italgas Proposte di un Azienda Distributrice di Gas

Dettagli

FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL

FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL 1 - Presentazione FAREFFICIENZA SRL - Titoli di efficienza energetica - Tipologia di interventi ammissibili - Esempi economici

Dettagli

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014 Risparmiare si può con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico Energy Imperia, 11 luglio 2014 Service COmpany CORE BUSINESS DI AURA ENERGY Nuova mission Nel 2012 Aura Energy, conseguentemente

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Il quadro normativo sull efficienza energetica e gli strumenti incentivanti o Legge

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

Venerdì, 27 febbraio 2015 INCENTIVAZIONI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. prof. ing. Maurizio Fauri

Venerdì, 27 febbraio 2015 INCENTIVAZIONI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. prof. ing. Maurizio Fauri Venerdì, 27 febbraio 2015 INCENTIVAZIONI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA D. Lgs. n.102 del 4 luglio 2014 Il 19 luglio 2014 è entrato in vigore il Decreto Legislativo n.102 del 4 luglio 2014 di "Attuazione

Dettagli

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA L offerta di E.ON Energia Titoli di Efficienza energetica: COSA SONO Definizione I Titoli di Efficienza Energetica (TEE), detti anche Certificati Bianchi attestano il risparmio

Dettagli

IL MERCATO DELL EFFICIENZA ENERGETICA : IL MECCANISMO DEI CERTIFICATI BIANCHI E LE OPPORTUNITA PER LE ESCO

IL MERCATO DELL EFFICIENZA ENERGETICA : IL MECCANISMO DEI CERTIFICATI BIANCHI E LE OPPORTUNITA PER LE ESCO IL MERCATO DELL EFFICIENZA ENERGETICA : IL MECCANISMO DEI CERTIFICATI BIANCHI E LE OPPORTUNITA PER LE ESCO Ing.. Daniele Novelli, Ing.. Mario Gamberale POTENZIALE DI EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA Uno

Dettagli

Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica

Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica Dott.ssa Valeria Paoletti I certificati bianchi sono stati istituiti per raggiungere gli OBIETTIVI NAZIONALI di risparmio energetico, finalizzati all

Dettagli

Microcogenerazione La sostenibilità economica dell efficienza energetica

Microcogenerazione La sostenibilità economica dell efficienza energetica Microcogenerazione La sostenibilità economica dell efficienza energetica Rimini li 12 Dicembre 2014 Perché parlare di efficienza energetica? L'efficienza energetica è la capacità di sfruttare in modo razionale

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

Il percorso dell efficienza di CSE

Il percorso dell efficienza di CSE Il percorso dell efficienza di CSE Consulenza, Ottenimento TEE, Sistemi di gestione, Studi di fattibilità Cremona, 8 maggio 2013 I partner di Edison in Efficienza Energetica: CSE CSE è una società di consulenza

Dettagli

MIGLIORA LA TUA ENERGIA EFFICIENZA E RISPARMIO

MIGLIORA LA TUA ENERGIA EFFICIENZA E RISPARMIO MIGLIORA LA TUA ENERGIA EFFICIENZA E RISPARMIO EFFICIENZA ENERGETICA Utilizzare le risorse energetiche e idriche in modo corretto e responsabile, ridurre gli sprechi e le perdite, ottimizzare il ciclo

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE)

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO POMPE DI CALORE clima / comfort / risparmio Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) tel. 085 9771404 cell. 334 7205 930 MAIL energie@icaro-srl.eu WEB www.icaro-srl.eu

Dettagli

La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli. usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * *

La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli. usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * * La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * * Il presente breve contributo intende dare conto di un interessante fenomeno economico/industriale,

Dettagli

IL NUOVO CONTO TERMICO

IL NUOVO CONTO TERMICO IL NUOVO CONTO TERMICO Secondo il Decreto Ministeriale del 28/12/2012 G.U. n 1 del 2 gennaio 2013 Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica

Dettagli

CERTIFICATI BIANCHI:

CERTIFICATI BIANCHI: Divisione CERTIFICATI BIANCHI: UNO STRUMENTO PER FINANZIARE L EFFICIENZA ENERGETICA Ing. Alessio Schiavon Edilvi spa Divisione ESCO schiavon@edilvi.it Forum Green Economy 2014 Roma, 4/5 giugno 2014 EDILVI

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di Gennaio 2015 Santa Lucia di Piave, lì 19 gennaio 2015 Oggetto: Finanziaria 2015 NOVITA E CONFERME PER IL 65% ( RISPARMIO ENERGETICO ) E 50 %( RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA ) Con la Finanziaria

Dettagli

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012 FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI 14 marzo 2012 I settori d azione previsti dal Patto dei Sindaci Le Linee Guida del Joint

Dettagli

LA DIAGNOSI ENERGETICA e le PRINCIPALI TIPOLOGIE di INTERVENTO negli EDIFICI COMITATO SCIENTIFICO. Ing. Valerio DABOVE Direttore Comitato Scientifico

LA DIAGNOSI ENERGETICA e le PRINCIPALI TIPOLOGIE di INTERVENTO negli EDIFICI COMITATO SCIENTIFICO. Ing. Valerio DABOVE Direttore Comitato Scientifico INCONTRO TAVOLA ROTONDA 14 luglio 2008 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA E RISPARMIO ENERGETICO: COME ATTUARE GLI INTERVENTI NEGLI IMMOBILI LA DIAGNOSI ENERGETICA e le PRINCIPALI TIPOLOGIE di INTERVENTO negli

Dettagli

Efficienza energetica: ruolo e funzioni dell ENEA, la nuova Agenzia nazionale

Efficienza energetica: ruolo e funzioni dell ENEA, la nuova Agenzia nazionale L Agenzia nazionale per l efficienza energetica IlD.Lgs.30maggio2008,n.115,attuandoa livello nazionale la direttiva comunitaria 2006/32, ha istituito l Agenzia nazionale per l efficienza energetica affidandone

Dettagli

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Assoutility srl - Assolombarda Arch. Daniela Colalillo Comune di Settala, 08 novembre 2006 Efficienza energetica e mercato liberalizzato:

Dettagli

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Risparmio energetico ed efficienza energetica perché l'energia più economica è quella che non si consuma L importanza dell Efficienza Energetica e del Risparmio Energetico Importazioni energetiche 2012

Dettagli

Key Energy 2008 Certificati Bianchi verso la maturità. FederUtility Valeria Zingarelli

Key Energy 2008 Certificati Bianchi verso la maturità. FederUtility Valeria Zingarelli Key Energy 2008 Certificati Bianchi verso la maturità FederUtility Valeria Zingarelli Sintesi delle principali modifiche al meccanismo dei TEE Aumento obiettivi esistenti (anni 2008/2009); Introduzione

Dettagli

Maurizio Cenci. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica. 8 a Conferenza di Responsible Care

Maurizio Cenci. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica. 8 a Conferenza di Responsible Care 8 a Conferenza di Responsible Care Strumenti finanziari per supportare lo Sviluppo Sostenibile dell Industria. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica Maurizio Cenci Direttore

Dettagli

L uso di tecnologie per il miglioramento dell efficienza energetica

L uso di tecnologie per il miglioramento dell efficienza energetica L uso di tecnologie per il miglioramento dell efficienza energetica EFFICIENZA ENERGETICA L ANELLO DELLA CATENA ENERGETICA Consumi e Perdite nel sistema elettrico Italiano 350 300 250 200 Produzione lorda

Dettagli

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI 1 RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI ESISTENTI Legge finanziaria 2007 (L.296/2006 art. 1 comma 344-348); prorogata dalla Finanziaria 2008 (ART. 1, COMMA 20 e 24, 286, L.244 del 24 dicembre 2007) DM del

Dettagli

Il meccanismo dei certificati bianchi

Il meccanismo dei certificati bianchi KEY ENERGY RIMINI 9 NOVEMBRE 2012 Il meccanismo dei certificati bianchi Ing. Luigi De Sanctis, luigi.desanctis@enea.it ENEA-UTEE/IND ENEA - UTEE 1 Il meccanismo dei certificati bianchi L uso razionale

Dettagli

I certificati bianchi: aspetti generali e attori coinvolti

I certificati bianchi: aspetti generali e attori coinvolti I certificati bianchi: aspetti generali e attori coinvolti Enrico Biele, FIRE Convegno Efficienza energetica: normative ed opportunità per P.A. ed imprese 27 giugno 2013, Lomazzo (CO) Cos è la FIRE La

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

I PRESUPPOSTI GIURIDICI DELL INIZIATIVA CON RIFERIMENTO AL CONDOMINIO. Marinella Baldi - A.E.R.E.

I PRESUPPOSTI GIURIDICI DELL INIZIATIVA CON RIFERIMENTO AL CONDOMINIO. Marinella Baldi - A.E.R.E. I PRESUPPOSTI GIURIDICI DELL INIZIATIVA CON RIFERIMENTO AL CONDOMINIO Marinella Baldi - A.E.R.E. 1 CONDOMINI INTELLIGENTI: LE QUESTIONI GIURIDICHE Le principali questioni giuridiche inerenti al progetto

Dettagli

Incentivi e strumenti di finanziamento Quadro riassuntivo delle principali iniziative europee, nazionali e regionali

Incentivi e strumenti di finanziamento Quadro riassuntivo delle principali iniziative europee, nazionali e regionali ALLEGATO INCENTIVI E STRUMENTI DI FINANZIAMENTO Incentivi e strumenti di finanziamento Quadro riassuntivo delle principali iniziative europee, nazionali e regionali Programmi UE: ELENA (European Local

Dettagli

Gestione razionale dell'energia nei comuni: Quale novità porta il mercato liberalizzato?

Gestione razionale dell'energia nei comuni: Quale novità porta il mercato liberalizzato? 21-22-23 Gennaio 2003 Gestione razionale dell'energia nei comuni: Quale novità porta il mercato liberalizzato? Un nuovo ruolo per il distributore 05/02/2003 Fiera Forum Milano 21-22 - 23 Gennaio 2003 1

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 (e modifiche del Gennaio 2009) - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) Indice: pagina 3: le diverse possibilità di intervento

Dettagli

I servizi offerti dalle ESCO

I servizi offerti dalle ESCO I servizi offerti dalle ESCO Uni 11352 Aziende di Servizi Energetici Sergio LA MURA Direttore Tecnico R&I Napoli, 10 Aprile 2015 2 3 Da Norma 11352 e DLgs 115/08 art 2 e dal recente DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS)

SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS) SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS) Presentata da: Ing. Alan Sabia Cesena Venerdì 04 Aprile 2014 NUOVO SCENARIO FOTOVOLTAICO 6/7/13 - Fine Tariffe

Dettagli

Insieme per crescere

Insieme per crescere Insieme per crescere La gestione dei TEE. Aspetti contrattuali e criticità per ESCO ed Energy Manager Alessandra Mari Rödl & Partner Smart Energy Expo - Verona, 9.10.2014 Rödl & Partner 11.03.2013 1 I

Dettagli

D.5 Energy Manager. Controllo Utilizzazione Energia. Energy Manager TEE. Regolamenti Edilizi ESCO. Mobility Manager

D.5 Energy Manager. Controllo Utilizzazione Energia. Energy Manager TEE. Regolamenti Edilizi ESCO. Mobility Manager Controllo Utilizzazione Energia TEE Consumi Energetici Energy Manager Regolamenti Edilizi 31% 3% 31% agricoltura ESCO industria trasporti usi civili 35% Mobility Manager 1 Mobility Manager Il Mobility

Dettagli

I CONTRATTI DI RENDIMENTO ENERGETICO:

I CONTRATTI DI RENDIMENTO ENERGETICO: SERVIZI I CONTRATTI DI RENDIMENTO ENERGETICO: OPPORTUNITÀ ED ESPERIENZA Maurizio Bottaini Federesco (Federazione Nazionale delle Esco) Federesco BEST PRACTICE ENERGY SERVICE COMPANY, quali operatori di

Dettagli

ENERGY EFFICIENCY ENERGY SERVICE COMPANY ENERGY EFFICIENCY ENERGY SERVICE COMPANY ENERGY + EFFICIENCY

ENERGY EFFICIENCY ENERGY SERVICE COMPANY ENERGY EFFICIENCY ENERGY SERVICE COMPANY ENERGY + EFFICIENCY ENERGY + EFFICIENCY 1 2esco.it Il punto di riferimento per le imprese che puntano ad ottimizzare i propri consumi, attraverso il risparmio energetico. 2E Energy Efficiency è nata con lo scopo di assistere

Dettagli

Conto Termico 2013. Incentivi per l efficienza e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili. Vic Energy

Conto Termico 2013. Incentivi per l efficienza e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili. Vic Energy Conto Termico 2013 Incentivi per l efficienza e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili Introduzione Questo decreto nasce con lo scopo di incentivare interventi di piccole dimensioni per

Dettagli

CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L.

CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L. CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L. È LA SOCIETÀ DEL GRUPPO ESTRA CHE DA ANNI OPERA NEL SETTORE DEL RISPARMIO ENERGETICO, VANTANDO UNA LUNGA ESPERIENZA E NUMEROSE COMMITTENZE PUBBLICHE E PRIVATE. Il core business

Dettagli

19 giugno 2013. Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group www.energystrategy.it

19 giugno 2013. Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group www.energystrategy.it 19 giugno 2013 Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group Il trend dei consumi Gli obiettivi stabiliti dalla SEN per l efficienza energetica: - 24% sui consumi primari (-20 Mtep); -

Dettagli

RIQUALIFICAZIONI ENERGETICHE:

RIQUALIFICAZIONI ENERGETICHE: RIQUALIFICAZIONI ENERGETICHE: GLI INCENTIVI PER LE COOPERATIVE DI ABITANTI Sara Zoni, Finabita Legacoop Abitanti RIMINI, 6 NOVEMBRE 2015 I PRINCIPALI SCHEMI DI FINANZIAMENTO E DI INCENTIVO Le principali

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 140

LEGGE REGIONALE N. 140 VII LEGISLATURA ATTI: 011117 LEGGE REGIONALE N. 140 NORME PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI E PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI E CLIMALTERANTI Approvata nella seduta del 15 dicembre

Dettagli

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_18985 ITALIA-Ultime-notizie-paee-efficienza-energetica-Efficienza-energetica-online-il-Pianodazione-2014-PAEE.-IL-TESTO-.html Efficienza energetica, online il

Dettagli

Enrico Biele, FIRE Buone pratiche per la gestione dei consumi energetici in azienda

Enrico Biele, FIRE Buone pratiche per la gestione dei consumi energetici in azienda e altri incentivi per l efficienza energetica Enrico Biele, FIRE Buone pratiche per la gestione dei consumi energetici in azienda 11/06/14, Camera di Commercio di Como Cos è la FIRE La Federazione Italiana

Dettagli

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa CHECK-UP energetico CASA I love my house Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa Livello globale di efficienza energetica Esistono diverse soluzioni tecniche per

Dettagli

Ministero dello sviluppo economico

Ministero dello sviluppo economico Incentivi per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e per interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni Ministero dello sviluppo economico Dipartimento Energia - DGENRE - Div.

Dettagli

PROGRAMMA DI ISPEZIONI PER L ANNO 2002

PROGRAMMA DI ISPEZIONI PER L ANNO 2002 PROGRAMMA DI ISPEZIONI PER L ANNO 2002 1. Settore dell energia elettrica 1.1 Oggetto e ambito soggettivo delle verifiche Le operazioni ispettive saranno finalizzate alla verifica della corretta applicazione

Dettagli

AUTOCONSUMO ELETTRICO: UN NUOVO FUTURO PER IL FOTOVOLTAICO

AUTOCONSUMO ELETTRICO: UN NUOVO FUTURO PER IL FOTOVOLTAICO 1 AUTOCONSUMO ELETTRICO: UN NUOVO FUTURO PER IL FOTOVOLTAICO Avvocato Emilio Sani Via Serbelloni 4, Milano Tel. 02-763281 2 Definizione di autoconsumo e vantaggi generali dell autoconsumo. Come riportato

Dettagli

Conto Termico: ecco come funzionano i nuovi incentivi

Conto Termico: ecco come funzionano i nuovi incentivi Conto Termico: ecco come funzionano i nuovi incentivi Il suo nome richiama quello del fatidico Conto Energia, che nel frattempo vive i suoi ultimi mesi, ma in realtà il funzionamento del Conto Termico

Dettagli

Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna

Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna Il controllo degli impianti termici dal DPR 74/2013 alla Delibera 1578/2014 Regione Emilia Romagna Moreno Barbani, Responsabile Emilia Romagna DPR 74/2013 1 Ampliamento degli impianti assoggettati a procedure

Dettagli

Workshop Industria. Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria. Donata Susca Enel Distribuzione SpA

Workshop Industria. Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria. Donata Susca Enel Distribuzione SpA Workshop Industria Le iniziative per diffondere l efficienza energetica nell industria Donata Susca Enel Distribuzione SpA Agenda Titoli di efficienza energetica: contesto normativo Indagine Fire-Enel

Dettagli

Le ESCO, l energy performance contracting e il finanziamento tramite terzi

Le ESCO, l energy performance contracting e il finanziamento tramite terzi Le ESCO, l energy performance contracting e il finanziamento tramite terzi Milano, 22 novembre 2005 Napoli, 30 novembre 2005 Dario Di Santo, FIRE Premessa La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE

Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE Febbraio 2014 Efficienza energetica: guida normativa su ESCo, Esperti, contratti, diagnosi energetiche e TEE Nell era del risparmio energetico, le politiche e le più svariate forme di incentivo per l utilizzo

Dettagli

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Soggetti beneficiari Per gli interventi di cui all art. 1, commi da 2 a 5 del Decreto 19 febbraio 2007, la detrazione dall imposta

Dettagli

Le azioni strategiche della Regione Lazio per le energie rinnovabili e l efficienza energetica ENERGIA PULITA PER TUTTI.

Le azioni strategiche della Regione Lazio per le energie rinnovabili e l efficienza energetica ENERGIA PULITA PER TUTTI. Le azioni strategiche della Regione Lazio per le energie rinnovabili e l efficienza energetica ENERGIA PULITA PER TUTTI. NESSUNO ESCLUSO I FONDI DELLA REGIONE LAZIO PER LA PROMOZIONE DELLE ENERGIE DA FONTI

Dettagli

Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione. Il ruolo del GSE. www.gsel.it

Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione. Il ruolo del GSE. www.gsel.it Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione Il ruolo del GSE www.gsel.it 2 Indice La cogenerazione: informazioni generali Il D.lgs. 8/02/07, n 20 sulla promozione della

Dettagli

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Con la presente si analizzano i chiarimenti recentemente forniti dall Agenzia delle Entrate con la Risoluzione

Dettagli

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 A TUTTI GLI ISCRITTI Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 L ARES informa che ha predisposto un testo coordinato del Decreto Legislativo 192/2005 con le modifiche introdotte

Dettagli

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia. La

Dettagli

I mercati per l ambiente

I mercati per l ambiente I mercati per l ambiente Il piano «20-20-20» A marzo 2007, il Consiglio Europeo si è prefissato di raggiungere entro l anno 2020: a)la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 20%

Dettagli

I TEE come strumento per riqualificare i processi industriali

I TEE come strumento per riqualificare i processi industriali I TEE come strumento per riqualificare i processi industriali Domenico Santino ENEA, Unità Tecnica per l Efficienza Energetica 3 a Conferenza annuale FIRE Roma 10 aprile 2014 Sommario Evoluzione dei TEE

Dettagli

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Ufficio Territoriale Regione Marche Palazzo Leopardi

Dettagli

Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013

Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013 Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013 OBIETTIVI, CAMPO DI APPLICAZIONE E STRATEGIA Impegno preso dagli stati membri dell unione europea. Target raggiungibile tramite

Dettagli

il mini eolico quanto costa e quanto rende

il mini eolico quanto costa e quanto rende il mini eolico quanto costa e quanto rende quanto costa e quanto rende Il costo di un sistema mini eolico installato chiavi in mano (IVA esclusa) per taglie comprese fra 5 kw e 20 kw è compreso fra 3.000

Dettagli

RIDURRE I COSTI ENERGETICI!

RIDURRE I COSTI ENERGETICI! Otto sono le azioni indipendenti per raggiungere un unico obiettivo: RIDURRE I COSTI ENERGETICI! www.consulenzaenergetica.it 1 Controllo fatture Per gli utenti che sono o meno nel mercato libero il controllo

Dettagli

RespEt, Roma 19/12/2007. Interventi di riduzione dei consumi e di compensazione delle emissioni climalteranti: il ruolo delle ESCO

RespEt, Roma 19/12/2007. Interventi di riduzione dei consumi e di compensazione delle emissioni climalteranti: il ruolo delle ESCO RespEt, Roma 19/12/2007 Interventi di riduzione dei consumi e di compensazione delle emissioni climalteranti: il ruolo delle ESCO ing. Annalisa Corrado, Direttore tecnico AzzeroCO2 La società ing. Annalisa

Dettagli

Il Conto Termico 2.0

Il Conto Termico 2.0 Il Conto Termico 2.0 Il Conto Termico 2.0 potenzia e semplifica il meccanismo di sostegno già introdotto dal decreto 28/12/2012, che incentiva interventi per l incremento dell efficienza energetica e la

Dettagli

Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale

Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale Ing Alessandro Fatini del Grande 20 febbraio 2007 Il risparmio energetico è diventata un esigenza importante sia a livello ambientale (riduzione

Dettagli

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il decreto legislativo n. 311 del 29.12.2006 (che modifica il precedente decreto n. 192/2005), pubblicato sulla

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Incontro formativo sugli strumenti di sostegno all attuazione del PAES

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Incontro formativo sugli strumenti di sostegno all attuazione del PAES PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEI COMUNI PICCOLI E MEDI Fondazione Cariplo Area Ambiente bando 2012 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Incontro formativo sugli strumenti di sostegno all

Dettagli

Per ulteriori informazioni e consigli

Per ulteriori informazioni e consigli Per ulteriori informazioni e consigli Alcuni siti presso i quali è possibile visionare e scaricare consigli utili a risparmiare energia sia nell uso quotidiano sia nel corretto acquisto di determinati

Dettagli

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Ecoincentivi: interventi sul risparmio energetico e modifiche apportate portate nella finanziaria 2008 per la detrazione

Dettagli

TECNOLOGIE ED APPLICAZIONI

TECNOLOGIE ED APPLICAZIONI IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA TECNOLOGIE ED APPLICAZIONI AGIRE Agenzia Veneziana per l Energia ing. Michele Chieregato L AGENZIA VENEZIANA PER L ENERGIA FONTI RINNOVABILI EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico.

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. Il CERTIFICATO ENERGETICO : la Direttiva Europea 2002/91/CE del Parlamento e del Consiglio del 16 dicembre 2002

Dettagli

TERZO CONTO ENERGIA: www.riabitalia.it. infonord@riabitalia.it 02 47950601 infocentro@riabitalia.it 06 91712093 infosud@riabitalia.

TERZO CONTO ENERGIA: www.riabitalia.it. infonord@riabitalia.it 02 47950601 infocentro@riabitalia.it 06 91712093 infosud@riabitalia. TERZO CONTO ENERGIA: Possono usufruire degli incentivi definiti nel Decreto tutti gli impianti che entrano in esercizio dopo il 31/12/2010 a seguito di interventi di nuova costruzione, rifacimento totale

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI 151 COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità Settore Ambiente e Attività Produttive Servizio Ambiente Unità Organizzativa Energia PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI

Dettagli

STEA SpA. STEA SpA. EVOLVE S.r.l.

STEA SpA. STEA SpA. EVOLVE S.r.l. IL PUNTO DI VISTA DELL IMPRESA ESECUTRICE EVOLVE S.r.l. Evolve si occupa di progettare, realizzare e gestire impianti a gas naturale, cogenerazione, biomasse, reti di teleriscaldamento e servizio energia.

Dettagli

Il decreto legislativo 102/2014 sull efficienza energetica: scenari ed opportunità

Il decreto legislativo 102/2014 sull efficienza energetica: scenari ed opportunità Il decreto legislativo 102/2014 sull efficienza energetica: scenari ed opportunità Fare impresa con l efficienza energetica: il decreto legislativo 102/2014. Smart Energy Expo Verona -8 ottobre 2014 Mauro

Dettagli

Introdotto dai DD.MM. 20 luglio 2004 e ss. mm. (gas e energia elettrica) Ha come obbiettivo il risparmio energetico presso gli usi finali dell energia

Introdotto dai DD.MM. 20 luglio 2004 e ss. mm. (gas e energia elettrica) Ha come obbiettivo il risparmio energetico presso gli usi finali dell energia Introdotto dai DD.MM. 20 luglio 2004 e ss. mm. (gas e energia elettrica) Ha come obbiettivo il risparmio energetico presso gli usi finali dell energia I soggetti obbligati al raggiungimento degli obbiettivi

Dettagli

I punti cardine del risparmio energetico

I punti cardine del risparmio energetico IL RISPARMIO COME FONTE DI ENERGIA Tezze sul Brenta, mercoledì 21 gennaio 2009 Ing. Luca Cuccarollo I punti cardine del risparmio energetico La gestione accurata dei sistemi energetici come mezzo per ridurre

Dettagli

Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione

Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione Il certificati bianchi quale nuovo sistema di incentivazione dell innovazione Pasquale Monti Responsabile Efficienza Energetica Rozzano(MI) 21 Febbraio 2013 Enel.si srl Unità Sviluppo ed Efficienza Energetica

Dettagli

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Agenzia per l Energia e lo Sviluppo Sostenibile del Comune di Roma Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Abitazioni energeticamente efficienti Buona parte delle abitazioni

Dettagli

Banche e Green Economy. Giorgio Recanati Senior Research Analyst ABI Lab g.recanati@abilab.it

Banche e Green Economy. Giorgio Recanati Senior Research Analyst ABI Lab g.recanati@abilab.it Banche e Green Economy Giorgio Recanati Senior Research Analyst ABI Lab g.recanati@abilab.it Roma, 27 giugno 2013 Gli ambiti di ricerca su energia e ambiente in ABI Lab ABI Energia, Competence Center sull

Dettagli

Efficienza energetica: i servizi di illuminazione

Efficienza energetica: i servizi di illuminazione Efficienza energetica: i servizi di illuminazione Aprile 2013 1Beghelli Servizi Srl Quadro normativo Nel 2007 la Commissione Europea ha introdotto degli obiettivi quantitativi in materia di efficienza

Dettagli

DM Certificati bianchi 2013-2016

DM Certificati bianchi 2013-2016 DM Certificati bianchi 2013-2016 Certificati bianchi Bilanci e proposte a sette anni dall avvio ENEA 20 dicembre 2012 Div. Efficienza Energetica - DGENRE Dipartimento per l Energia Ministero dello Sviluppo

Dettagli