Capitolo 7 La previdenza forense

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 7 La previdenza forense"

Transcript

1 Parte prima L ordinamento forense Capitolo 7 La previdenza forense Sommario 1. La cassa nazionale di previdenza e assistenza forense Gli organi della cassa Il patrimonio e la sua gestione Le prestazioni erogate. 1. La cassa nazionale di previdenza e assistenza forense L istituzione della Cassa nazionale di previdenza e assistenza a favore degli avvocati con la legge , n. 6 aveva dotato l ente di personalità giuridica di diritto pubblico. Successivamente alla legge istitutiva, ulteriori provvedimenti legislativi hanno definito l assetto previdenziale degli avvocati (la legge , n. 576 e quella dell , n.141). Solo con la legge , n. 537 ed il decreto legislativo del , n. 509, la Cassa nazionale da ente pubblico è stata trasformata in fondazione di diritto privato ed ha assunto la denominazione di Cassa Nazionale di previdenza e assistenza forense, sempre con sede in Roma. L iscrizione alla Cassa è obbligatoria per gli avvocati che esercitano l attività forense con carattere di continuità, e solo tale criterio è ritenuto sufficiente per consentire il godimento del trattamento pensionistico; l obbligo di iscrizione segue al raggiungimento dei limiti reddituali annui, secondo il reddito o il volume d affari dell avvocato. L iscrizione alla Cassa può avvenire con provvedimento della giunta esecutiva su domanda dell interessato o di ufficio, qualora la richiesta non venga presentata entro l anno solare successivo a quello di raggiungimento del minimo di reddito o di volume di affari professionale stabiliti. È consentito a chi si iscrive per la prima volta alla Cassa e non abbia ancora compiuto il quarantesimo anno di fare retroagire l iscrizione, pagando i relativi contributi per ogni anno di iscrizione a partire dalla iscrizione all albo inclusi gli anni di pratica con abilitazione al patrocinio. Con la legge n. 141 del 1992 è poi stata introdotta la possibilità del riscatto per il periodo del corso legale di laurea in giurisprudenza, per la durata del servizio militare e per il periodo del praticantato. Tra gli scopi istituzionali della Cassa (art. 21, l , n. 141) rientrano altresì la gestione delle forme di previdenza integrativa.

2 70 2. Gli organi della cassa A) Comitato dei delegati Parte prima L ordinamento forense In base allo statuto adottato dal Comitato dei delegati, gli organi della cassa sono il Presidente, il Comitato dei delegati, il consiglio di amministrazione, la giunta esecutiva ed il collegio dei sindaci. La funzione essenziale della Cassa, la gestione del sistema previdenziale, è demandato al Comitato dei delegati che viene eletto da tutti i consigli dell ordine ed è, pertanto, l organo più rappresentativo in quanto ingloba tutte le istanze della classe forense. Tale organo, in base al nuovo regolamento elettorale approvato con D.M. del , è costituito dai rappresentanti dei collegi elettorali coincidenti coi distretti di corte d appello, in un numero invariabile di 80 componenti. Esso dura in carica 4 anni ed i suoi componenti sono rieleggibili non più di due volte consecutivamente. Il Comitato deve essere convocato almeno 4 volte l anno dal presidente con l avviso dell indicazione dell oggetto o materie da trattare, giorno e ora dell adunanza; le funzioni più importanti demandate alla decisione del Comitato sono: 1) l adozione delle norme dello statuto e del regolamento dell organo; 2) stabilisce gli indirizzi ed i criteri generali cui uniformare la gestione della Cassa; 3) elegge il presidente ed il consiglio di amministrazione; 4) approva i bilanci preventivi e consuntivi; 5) determina le indennità spettanti ad amministratori, sindaci e delegati; 6) istituisce commissioni di studio. B) Altri organi Il consiglio di amministrazione viene nominato a scrutinio segreto dal comitato dei delegati tra gli iscritti alla cassa; il consiglio è composto dal presidente e da dieci consiglieri che durano in carica 4 anni e viene convocato per la nomina del direttore generale al quale vengono impartite le direttive in merito alla organizzazione dei servizi e degli uffici; il consiglio predispone ogni anno il bilancio preventivo e consuntivo con le relative relazioni, propone i criteri di individuazione e ripartizione del rischio nella scelta degli investimenti, determina la quantità della riserva legale, assume il personale, delibera sui reclami avverso i provvedimenti della giunta, nomina il direttore responsabile del periodico edito dalla Cassa, amministra e gestisce il patrimonio della Cassa e compie tutte le attività che concernono l amministrazione dell ente. Il consiglio nomina anche una giunta esecutiva di cui fanno parte il presidente ed alcuni membri e supplenti; essa si occupa di deliberare su materie delegate dal consiglio, sulle iscrizioni e cancellazioni, provvede alla liquidazione dei trattamenti previdenziali ed alla restituzione dei contributi in caso di cancellazione, delibera sui ricorsi proposti dagli iscritti avverso i provvedimenti degli uffici e sostituisce il consiglio di amministrazione in casi di urgenza.

3 Capitolo 7 La previdenza forense 71 Il presidente è eletto dal comitato dei delegati e dura in carica due anni; è il rappresentante legale della Cassa, convoca e presiede il C.d.A., il Comitato dei delegati e la giunta esecutiva. Il collegio dei sindaci è costituito da 5 membri, uno dei quali è designato dal Ministro della giustizia, uno dal Ministro dell economia, un altro dal Ministro del lavoro e due tra gli iscritti alla Cassa; il collegio svolge il controllo sull attività dell ente ed i sindaci, all uopo, assistono alle riunioni del C.d.A. e del Comitato per chiedere e dare informazioni ed esprimere pareri. 3. Il patrimonio e la sua gestione La Cassa ha un patrimonio costituito da beni mobili ed immobili, oltre ad un fondo di garanzia; le entrare sono naturalmente rappresentate dalle contribuzioni obbligatorie o volontarie degli iscritti che sono destinate a finanziare le prestazioni previdenziali quali le pensioni di vecchiaia, di anzianità, di inabilità, di invalidità e di reversibilità, dagli importi delle sanzioni dovute ai ritardi negli adempimenti prescritti, dai redditi patrimoniali e da ogni altra entrata. Come si diceva, tutti gli iscritti devono corrispondere alla Cassa il contributo, che è soggettivo ed integrativo e viene versato attraverso i ruoli esattoriali ed in parte attraverso la autodichiarazione e l autotassazione; infatti, il sistema previdenziale adottato con la L , n. 576 è basato sulla cd. ripartizione dove tutte le contribuzioni servono per le esigenze attuali da soddisfare; tale sistema ha modificato il vecchio sistema (quello della L. 576/1952) della cd. capitalizzazione, dove i contributi versati erano accantonati per fronteggiare le future erogazioni. I contributi degli iscritti formano, unitamente a beni mobili ed immobili ed alla riserva legale istituita dal D.Lgs , n. 509, il patrimonio della Cassa, la cui gestione finanziaria è controllata dalla Corte dei Conti che ne dà comunicazione al Presidente della Repubblica ed al Parlamento. Oltre alle pensioni, la Cassa eroga trattamenti assistenziali per circostanze eccezionali e stati di bisogno, contributi per spese di malattia e funerari nonché contributi ai consigli dell ordine per assistenza, facilitazioni per mutui e simili. L esercizio finanziario annuale della Cassa inizia il 1 gennaio e termina il 31 dicembre. Per ciascun esercizio il C.d.A. predispone il bilancio preventivo e quello consuntivo. A) Contribuzioni L assetto definitivo al sistema previdenziale-contributivo-assistenziale per gli avvocati si è avuto con la legge , n. 576, la quale ha posto a carico degli iscritti alla Cassa due tipi di contributi: uno soggettivo ed uno integrativo, abolendo i precedenti oneri su incarichi conferiti e quelli per singoli procedimenti (cd. ciceroni). Il contributo soggettivo obbligatorio è parametrato ad una percentuale di reddito professionale netto prodotto nell anno come risultante dalla relativa dichiarazione IRPEF.

4 72 Parte prima L ordinamento forense Esiste altresì un contributo integrativo del 2% su tutti i corrispettivi pagati dai clienti. Dal 1993 è stato poi applicato il contributo di maternità mirato alla copertura dell indennità erogata in favore delle avvocatesse iscritte alla Cassa, ed è dovuto da tutti gli iscritti per tale finalità. I contributi sono riscossi col sistema degli avvisi di pagamento (M.A.V. bancario o postale) previa comunicazione obbligatoria da parte del professionista del reddito netto e del volume di affari. L inottemperanza agli obblighi di comunicazione provoca il pagamento di una penale alla Cassa oltre ad una comunicazione al consiglio dell ordine di appartenenza per l eventuale valutazione del comportamento sul piano disciplinare. Coloro che cessano dall iscrizione alla Cassa senza avere maturato i requisiti assicurativi per il diritto alla pensione non hanno diritto di ottenere il rimborso dei contributi soggettivi versati, salvo per quelli versati per gli anni ritenuti inefficaci ai fini previdenziali; in effetti, a decorrere dal dicembre 2004 i contributi soggettivi versati alla Cassa non sono più restituibili agli iscritti, ad eccezione di quelli relativi ad anni ritenuti inefficaci ai fini previdenziali. Tale rimborso è dovuto anche nei confronti degli eredi che ne facciano richiesta, sempre che non sia maturato il diritto alla pensione. Infine, la legge , n. 45 ha previsto per i liberi professionisti la possibilità di ricongiunzione dei periodi assicurativi ai fini previdenziali: dunque, ogni periodo di assicurazione obbligatoria può essere calcolato nel fondo o nella cassa cui il professionista è iscritto, allo scopo di usufruire di un unica pensione, potendosi inglobare tutti i versamenti effettuati presso le diverse gestioni. 4. Le prestazioni erogate La Cassa nazionale di previdenza e assistenza eroga le pensioni di vecchiaia, anzianità, contributiva, di inabilità ed invalidità, quella di reversibilità ai superstiti. La pensione di vecchiaia è corrisposta a coloro che abbiano compiuto almeno 65 anni di età e dopo almeno 30 anni di effettiva iscrizione e contribuzione alla Cassa. Per coloro che restano iscritti agli albi dopo avere maturato il diritto alla pensione, hanno diritto ad un supplemento di pensione. La pensione di anzianità è corrisposta a coloro che abbiano compiuto un determinato numero di anni di effettiva iscrizione e di contribuzione alla Cassa: 35 anni di anzianità contributiva e almeno 58 anni di età, ovvero 40 anni di anzianità contributiva, indipendentemente dagli anni anagrafici. La pensione contributiva ha sostituito il rimborso dei contributi, ed offre la possibilità a tutti gli avvocati che abbiano compiuto i 65 anni di età e maturato almeno 5, ma meno di 30 anni di effettiva iscrizione e contribuzione alla Cassa, di fruire di un trattamento di pensione; essa viene erogata in base al calcolo dei contributi soggettivi versati alla Cassa. La pensione di invalidità spetta all iscritto la cui capacità all esercizio della professione sia ridotta in modo continuativo per infermità o difetto fisico o mentale, ma il soggetto deve essere iscritto alla Cassa da almeno 10 anni.

5 Capitolo 7 La previdenza forense 73 Tutte le prestazioni erogate sono reversibili ai superstiti, mentre le pensioni indirette spettano ai soli superstiti di chi sia stato iscritto alla Cassa con continuità in data anteriore al compimento del 40 anno di età. Esistono, infine, a scopo solidaristico, erogazioni di assistenza per chi versa in stato di bisogno, una assistenza indennitaria ed altre provvidenze. Le prime comportano un vaglio ed una verifica dello stato di bisogno da parte del consiglio di appartenenza che richiede la prestazione alla Cassa; l assistenza indennitaria è dovuta nei casi di catastrofe o calamità naturali dichiarate dal presidente del consiglio dei ministri; le altre provvidenze sono le borse di studio, i contributi per l assistenza infermieristica domiciliare, le spese per i ricoveri e le indennità di maternità per i periodi di gravidanza delle libere professioniste. Questionario 1. Quali sono gli organi della Cassa? (par. 2, lett. B) 2. Quali sono le prestazioni erogate dalla Cassa di previdenza e assistenza? (par. 4)

6 Parte prima L ordinamento forense Capitolo 7 La previdenza forense Sommario 1. La cassa nazionale di previdenza e assistenza forense Gli organi della cassa Il patrimonio e la sua gestione Le prestazioni erogate. 1. La cassa nazionale di previdenza e assistenza forense L istituzione della Cassa nazionale di previdenza e assistenza a favore degli avvocati con la legge , n. 6 aveva dotato l ente di personalità giuridica di diritto pubblico. Successivamente alla legge istitutiva, ulteriori provvedimenti legislativi hanno definito l assetto previdenziale degli avvocati (la legge , n. 576 e quella dell , n.141). Solo con la legge , n. 537 ed il decreto legislativo del , n. 509, la Cassa nazionale da ente pubblico è stata trasformata in fondazione di diritto privato ed ha assunto la denominazione di Cassa Nazionale di previdenza e assistenza forense, sempre con sede in Roma. L iscrizione alla Cassa è obbligatoria per gli avvocati che esercitano l attività forense con carattere di continuità, e solo tale criterio è ritenuto sufficiente per consentire il godimento del trattamento pensionistico; l obbligo di iscrizione segue al raggiungimento dei limiti reddituali annui, secondo il reddito o il volume d affari dell avvocato. L iscrizione alla Cassa può avvenire con provvedimento della giunta esecutiva su domanda dell interessato o di ufficio, qualora la richiesta non venga presentata entro l anno solare successivo a quello di raggiungimento del minimo di reddito o di volume di affari professionale stabiliti. È consentito a chi si iscrive per la prima volta alla Cassa e non abbia ancora compiuto il quarantesimo anno di fare retroagire l iscrizione, pagando i relativi contributi per ogni anno di iscrizione a partire dalla iscrizione all albo inclusi gli anni di pratica con abilitazione al patrocinio. Con la legge n. 141 del 1992 è poi stata introdotta la possibilità del riscatto per il periodo del corso legale di laurea in giurisprudenza, per la durata del servizio militare e per il periodo del praticantato. Tra gli scopi istituzionali della Cassa (art. 21, l , n. 141) rientrano altresì la gestione delle forme di previdenza integrativa.

7 70 2. Gli organi della cassa A) Comitato dei delegati Parte prima L ordinamento forense In base allo statuto adottato dal Comitato dei delegati, gli organi della cassa sono il Presidente, il Comitato dei delegati, il consiglio di amministrazione, la giunta esecutiva ed il collegio dei sindaci. La funzione essenziale della Cassa, la gestione del sistema previdenziale, è demandato al Comitato dei delegati che viene eletto da tutti i consigli dell ordine ed è, pertanto, l organo più rappresentativo in quanto ingloba tutte le istanze della classe forense. Tale organo, in base al nuovo regolamento elettorale approvato con D.M. del , è costituito dai rappresentanti dei collegi elettorali coincidenti coi distretti di corte d appello, in un numero invariabile di 80 componenti. Esso dura in carica 4 anni ed i suoi componenti sono rieleggibili non più di due volte consecutivamente. Il Comitato deve essere convocato almeno 4 volte l anno dal presidente con l avviso dell indicazione dell oggetto o materie da trattare, giorno e ora dell adunanza; le funzioni più importanti demandate alla decisione del Comitato sono: 1) l adozione delle norme dello statuto e del regolamento dell organo; 2) stabilisce gli indirizzi ed i criteri generali cui uniformare la gestione della Cassa; 3) elegge il presidente ed il consiglio di amministrazione; 4) approva i bilanci preventivi e consuntivi; 5) determina le indennità spettanti ad amministratori, sindaci e delegati; 6) istituisce commissioni di studio. B) Altri organi Il consiglio di amministrazione viene nominato a scrutinio segreto dal comitato dei delegati tra gli iscritti alla cassa; il consiglio è composto dal presidente e da dieci consiglieri che durano in carica 4 anni e viene convocato per la nomina del direttore generale al quale vengono impartite le direttive in merito alla organizzazione dei servizi e degli uffici; il consiglio predispone ogni anno il bilancio preventivo e consuntivo con le relative relazioni, propone i criteri di individuazione e ripartizione del rischio nella scelta degli investimenti, determina la quantità della riserva legale, assume il personale, delibera sui reclami avverso i provvedimenti della giunta, nomina il direttore responsabile del periodico edito dalla Cassa, amministra e gestisce il patrimonio della Cassa e compie tutte le attività che concernono l amministrazione dell ente. Il consiglio nomina anche una giunta esecutiva di cui fanno parte il presidente ed alcuni membri e supplenti; essa si occupa di deliberare su materie delegate dal consiglio, sulle iscrizioni e cancellazioni, provvede alla liquidazione dei trattamenti previdenziali ed alla restituzione dei contributi in caso di cancellazione, delibera sui ricorsi proposti dagli iscritti avverso i provvedimenti degli uffici e sostituisce il consiglio di amministrazione in casi di urgenza.

8 Capitolo 7 La previdenza forense 71 Il presidente è eletto dal comitato dei delegati e dura in carica due anni; è il rappresentante legale della Cassa, convoca e presiede il C.d.A., il Comitato dei delegati e la giunta esecutiva. Il collegio dei sindaci è costituito da 5 membri, uno dei quali è designato dal Ministro della giustizia, uno dal Ministro dell economia, un altro dal Ministro del lavoro e due tra gli iscritti alla Cassa; il collegio svolge il controllo sull attività dell ente ed i sindaci, all uopo, assistono alle riunioni del C.d.A. e del Comitato per chiedere e dare informazioni ed esprimere pareri. 3. Il patrimonio e la sua gestione La Cassa ha un patrimonio costituito da beni mobili ed immobili, oltre ad un fondo di garanzia; le entrare sono naturalmente rappresentate dalle contribuzioni obbligatorie o volontarie degli iscritti che sono destinate a finanziare le prestazioni previdenziali quali le pensioni di vecchiaia, di anzianità, di inabilità, di invalidità e di reversibilità, dagli importi delle sanzioni dovute ai ritardi negli adempimenti prescritti, dai redditi patrimoniali e da ogni altra entrata. Come si diceva, tutti gli iscritti devono corrispondere alla Cassa il contributo, che è soggettivo ed integrativo e viene versato attraverso i ruoli esattoriali ed in parte attraverso la autodichiarazione e l autotassazione; infatti, il sistema previdenziale adottato con la L , n. 576 è basato sulla cd. ripartizione dove tutte le contribuzioni servono per le esigenze attuali da soddisfare; tale sistema ha modificato il vecchio sistema (quello della L. 576/1952) della cd. capitalizzazione, dove i contributi versati erano accantonati per fronteggiare le future erogazioni. I contributi degli iscritti formano, unitamente a beni mobili ed immobili ed alla riserva legale istituita dal D.Lgs , n. 509, il patrimonio della Cassa, la cui gestione finanziaria è controllata dalla Corte dei Conti che ne dà comunicazione al Presidente della Repubblica ed al Parlamento. Oltre alle pensioni, la Cassa eroga trattamenti assistenziali per circostanze eccezionali e stati di bisogno, contributi per spese di malattia e funerari nonché contributi ai consigli dell ordine per assistenza, facilitazioni per mutui e simili. L esercizio finanziario annuale della Cassa inizia il 1 gennaio e termina il 31 dicembre. Per ciascun esercizio il C.d.A. predispone il bilancio preventivo e quello consuntivo. A) Contribuzioni L assetto definitivo al sistema previdenziale-contributivo-assistenziale per gli avvocati si è avuto con la legge , n. 576, la quale ha posto a carico degli iscritti alla Cassa due tipi di contributi: uno soggettivo ed uno integrativo, abolendo i precedenti oneri su incarichi conferiti e quelli per singoli procedimenti (cd. ciceroni). Il contributo soggettivo obbligatorio è parametrato ad una percentuale di reddito professionale netto prodotto nell anno come risultante dalla relativa dichiarazione IRPEF.

9 72 Parte prima L ordinamento forense Esiste altresì un contributo integrativo del 2% su tutti i corrispettivi pagati dai clienti. Dal 1993 è stato poi applicato il contributo di maternità mirato alla copertura dell indennità erogata in favore delle avvocatesse iscritte alla Cassa, ed è dovuto da tutti gli iscritti per tale finalità. I contributi sono riscossi col sistema degli avvisi di pagamento (M.A.V. bancario o postale) previa comunicazione obbligatoria da parte del professionista del reddito netto e del volume di affari. L inottemperanza agli obblighi di comunicazione provoca il pagamento di una penale alla Cassa oltre ad una comunicazione al consiglio dell ordine di appartenenza per l eventuale valutazione del comportamento sul piano disciplinare. Coloro che cessano dall iscrizione alla Cassa senza avere maturato i requisiti assicurativi per il diritto alla pensione non hanno diritto di ottenere il rimborso dei contributi soggettivi versati, salvo per quelli versati per gli anni ritenuti inefficaci ai fini previdenziali; in effetti, a decorrere dal dicembre 2004 i contributi soggettivi versati alla Cassa non sono più restituibili agli iscritti, ad eccezione di quelli relativi ad anni ritenuti inefficaci ai fini previdenziali. Tale rimborso è dovuto anche nei confronti degli eredi che ne facciano richiesta, sempre che non sia maturato il diritto alla pensione. Infine, la legge , n. 45 ha previsto per i liberi professionisti la possibilità di ricongiunzione dei periodi assicurativi ai fini previdenziali: dunque, ogni periodo di assicurazione obbligatoria può essere calcolato nel fondo o nella cassa cui il professionista è iscritto, allo scopo di usufruire di un unica pensione, potendosi inglobare tutti i versamenti effettuati presso le diverse gestioni. 4. Le prestazioni erogate La Cassa nazionale di previdenza e assistenza eroga le pensioni di vecchiaia, anzianità, contributiva, di inabilità ed invalidità, quella di reversibilità ai superstiti. La pensione di vecchiaia è corrisposta a coloro che abbiano compiuto almeno 65 anni di età e dopo almeno 30 anni di effettiva iscrizione e contribuzione alla Cassa. Per coloro che restano iscritti agli albi dopo avere maturato il diritto alla pensione, hanno diritto ad un supplemento di pensione. La pensione di anzianità è corrisposta a coloro che abbiano compiuto un determinato numero di anni di effettiva iscrizione e di contribuzione alla Cassa: 35 anni di anzianità contributiva e almeno 58 anni di età, ovvero 40 anni di anzianità contributiva, indipendentemente dagli anni anagrafici. La pensione contributiva ha sostituito il rimborso dei contributi, ed offre la possibilità a tutti gli avvocati che abbiano compiuto i 65 anni di età e maturato almeno 5, ma meno di 30 anni di effettiva iscrizione e contribuzione alla Cassa, di fruire di un trattamento di pensione; essa viene erogata in base al calcolo dei contributi soggettivi versati alla Cassa. La pensione di invalidità spetta all iscritto la cui capacità all esercizio della professione sia ridotta in modo continuativo per infermità o difetto fisico o mentale, ma il soggetto deve essere iscritto alla Cassa da almeno 10 anni.

SOMMARIO. Presentazione... Prefazione...

SOMMARIO. Presentazione... Prefazione... SOMMARIO Presentazione... Prefazione... V VII Capitolo I - Profili generali della previdenza forense 1. La previdenza dei liberi professionisti... 3 2. (Segue): caratteristiche generali del regime previdenziale

Dettagli

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense IL PRATICANTE E LA CASSA. Il praticante non ha alcun tipo di obbligo nei confronti della Cassa. Non deve inviare il MODELLO 5, non deve applicare in fattura il contributo integrativo del 4% e di conseguenza

Dettagli

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA La Cassa è stata istituita con legge 8 gennaio 1952 ed è stata trasformata, a decorrere da 1 gennaio 1995, in fondazione con personalità giuridica di diritto

Dettagli

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ART. 21 COMMI 8 E 9 LEGGE N. 247/2012 (Delibera del Comitato dei Delegati del 31 gennaio 2014 e successive modificazioni - Approvato con nota ministeriale del 7 agosto 2014

Dettagli

Testo integrato * * * * * STATUTO. CAPO I - Istituzione ed ordinamento ART. 1. Denominazione

Testo integrato * * * * * STATUTO. CAPO I - Istituzione ed ordinamento ART. 1. Denominazione Testo integrato * * * * * STATUTO CAPO I - Istituzione ed ordinamento ART. 1 Denominazione 1.1 La CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI GEOMETRI LIBERI PROFESSIONISTI è Ente di diritto privato

Dettagli

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE -

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - Premessa La Previdenza Forense è materia complessa, che riguarda tutti gli Avvocati. Oggi è argomento di dibattito, spesso anche acceso, date le novità

Dettagli

ASSISTENZA WELFARE DOMANI

ASSISTENZA WELFARE DOMANI ASSISTENZA OGGI WELFARE DOMANI In attuazione del principio costituzionale di sicurezza sociale, la Cassa, oltre ai trattamenti previdenziali, tutela gli iscritti mediante erogazione di trattamenti assistenziali,

Dettagli

Statuto della Cassa Italiana Previdenza e Assistenza Geometri (aggiornato a gennaio 2007)

Statuto della Cassa Italiana Previdenza e Assistenza Geometri (aggiornato a gennaio 2007) Statuto della Cassa Italiana Previdenza e Assistenza Geometri (aggiornato a gennaio 2007) CAPO I Istituzione ed ordinamento Art. 1 1.1 La Cassa ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI GEOMETRI LIBERI

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA GEOMETRI

CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA GEOMETRI CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA GEOMETRI La Cassa Italiana di Previdenza ed Assistenza dei Geometri Liberi Professionisti, è l Ente previdenziale della nostra Categoria, privatizzato e trasformato

Dettagli

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Anno 2012 PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Percorso ENPAPI: previdenziale ENTRAT ISCRIZIONE A GESTION E CONTRIBUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

LEGGE 5 agosto 1991, n. 249. RIFORMA DELL ENTE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER I CONSULENTI DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale 10 agosto 1991, n.

LEGGE 5 agosto 1991, n. 249. RIFORMA DELL ENTE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER I CONSULENTI DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale 10 agosto 1991, n. LEGGE 5 agosto 1991, n. 249. RIFORMA DELL ENTE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER I CONSULENTI DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale 10 agosto 1991, n. 187) Art. 1. (Prestazioni) L Ente nazionale di previdenza

Dettagli

PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PRESTAZIONI PREVIDENZIALI 1 TIPOLOGIA DI PRESTAZIONI Pensione di vecchiaia Pensione di vecchiaia anticipata Pensione di vecchiaia contributiva Pensione anzianità Pensione di inabilità Pensione di invalidità

Dettagli

Gorizia, 21 ottobre 2014

Gorizia, 21 ottobre 2014 Gorizia, 21 ottobre 2014 1 «L avvocato, sin da giovane, deve essere consapevole della suo c.d. percorso previdenziale, allo scopo non solo di sfruttare appieno le opportunità offerte, ma anche -eventualmente-

Dettagli

A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca Delegati Cassa per la circoscrizione di

A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca Delegati Cassa per la circoscrizione di A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca per la circoscrizione di Torino, Pinerolo e Ivrea D. COS E LA CASSA DI PREVIDENZA? R. La Cassa

Dettagli

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014 La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti Latina, 18 novembre 2014 La Previdenza dei Dottori Commercialisti o1 La previdenza dei Dottori Commercialisti: La posizione assicurativa Dottore Commercialista

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

Art. 1. Art. 4. Art. 2

Art. 1. Art. 4. Art. 2 LEGGE 24 DICEMBRE 1969, N. 991 Adeguamento delle pensioni degli avvocati e dei procuratori (Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3 gennaio 1970 ed in vigore dal 4 gennaio 1970) Art. 1 Il secondo

Dettagli

sportello previdenza ogni mercoledì dalle 11.30 alle 12.30 previo appuntamento a info@avvocati.ud.it

sportello previdenza ogni mercoledì dalle 11.30 alle 12.30 previo appuntamento a info@avvocati.ud.it sportello previdenza ogni mercoledì dalle 11.30 alle 12.30 previo appuntamento a info@avvocati.ud.it obbligo iscrizione praticanti NO praticanti con patrocinio NO obbligo avvocati NO obbligo salvo superamento

Dettagli

LEGGE 5 MARZO 1990, n. 45

LEGGE 5 MARZO 1990, n. 45 LEGGE 5 MARZO 1990, n. 45 Norme per la ricongiunzione dei periodi assicurativi ai fini previdenziali per i liberi professionisti Art. 1 - Facoltà di ricongiunzione 1.1 - Al lavoratore dipendente, pubblico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Art. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali: a) Pensione di vecchiaia; b) Pensione di anzianità; c) Pensione di invalidità;

Dettagli

aiga Associazione Italiana Giovani Avvocati

aiga Associazione Italiana Giovani Avvocati aiga Associazione Italiana Giovani Avvocati VADEMECUM CASSA FORENSE 1 ISCRIZIONE ALLA CASSA L Iscrizione alla Cassa Forense è obbligatoria al raggiungimento e/o al superamento di uno dei due limiti reddituali

Dettagli

Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail.

Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail. Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail.com TRIBUNALE DI MILANO Magistratura del Lavoro - Ricorso ex artt. 414-442

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali:

Dettagli

I SISTEMI PREVIDENZIALI

I SISTEMI PREVIDENZIALI I SISTEMI PREVIDENZIALI 1 DEFINIZIONE Il sistema previdenziale, in generale, è un meccanismo di ridistribuzione che trasferisce risorse prodotte dalla popolazione attiva a favore di chi: ha cessato l attività

Dettagli

Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto LORO SEDI

Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto LORO SEDI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI PRESIDENZA Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto

Dettagli

FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA

FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA Allegato alla Deliberazione della Giunta Camerale n. 72 del 21 luglio 2015 FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA STATUTO

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Legislatura 14º - Disegno di legge N. 404-B SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Attesto che la 12ª Commissione permanente (Igiene e sanità), il 15 giugno 2005, ha approvato, con modificazioni, il seguente

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA E PREVIDENZA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA E PREVIDENZA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA E PREVIDENZA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE Art. 1 Istituzione E istituito il fondo di assistenza e previdenza per

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE LE FINALITÀ DI PREVIDENZA OBBLIGATORIA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Collegio Provinciale IPASVI di Gorizia L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ISTITUITA IL 24/3/1998

Dettagli

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente)

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L ENPAM (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza medici è fondazione senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato;

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica FINALITA ASSICURA LA COPERTURA PREVIDENZIALE OBBLIGATORIA IN FAVORE DEGLI ISCRITTI, DEI LORO FAMILIARI E SUPERSTITI ATTRAVERSO

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA. CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni. Art. 1 Ambito di applicazione

STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA. CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni. Art. 1 Ambito di applicazione STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il «Fondo Assistenza Sanitaria» (FAS) assicura l assistenza

Dettagli

LA CASSA DI PREVIDENZA

LA CASSA DI PREVIDENZA LA CASSA DI PREVIDENZA LEGGE 8 GENNAIO 1952, N. 6 Istituzione della Cassa nazionale di previdenza e di assistenza a favore degli avvocati e dei procuratori (Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 16 del

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2 Regolamento della gestione approvato con decreto interministeriale del 25 marzo 1998 PREVIDENZA obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI CAPO PRIMO DEI SOGGETTI

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

PRESENTAZIONE ENPAV PER GLI ORDINI PROVINCIALI

PRESENTAZIONE ENPAV PER GLI ORDINI PROVINCIALI PRESENTAZIONE ENPAV PER GLI ORDINI PROVINCIALI ISCRIZIONE ISCRIZIONE ALL ALBO PROFESSIONALE COMUNICAZIONE DELL ORDINE PROVINCIALE ISCRIZIONE ALL ENPAV COMUNICAZIONE DI ISCRIZIONE ALL ENPAV L ORDINE PUO

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEL REGIME PREVIDENZIALE 1

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEL REGIME PREVIDENZIALE 1 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEL REGIME PREVIDENZIALE 1 1 Aggiornato all ultima modifica approvata il 7/3/13 INDICE SCOPI E PRINCIPI TITOLO I CONTRIBUTI Articolo 1 Contributo soggettivo Articolo 2 Contributo

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 TIPOLOGIA DEI CONTRIBUTI 1. Sono dovuti alla Cassa in forza di quanto disposto dall art.

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Costituzione 1. Con deliberazione del 21 febbraio 2011, ai sensi dell'art. 18 del D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28 e

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI. Art. 1 Tipologia dei contributi

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI. Art. 1 Tipologia dei contributi REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI Art. 1 Tipologia dei contributi 1. Sono dovuti alla Cassa in forza di quanto disposto dell art. 1, comma 3 del D.lgs 30/6/1994 n. 509 ed in conformità a quanto stabilito dal

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE NUOVO REGOLAMENTO PER L ACCERTAMENTO DELLA INABILITA E DELLA INVALIDITA (Testo modificato con Ministeriale del 20 maggio 2010 - G.U. n. 128 del 4 giugno

Dettagli

SOCIETA PER AZIONI VILLA D ESTE. SEDE SOCIALE IN CERNOBBIO - COMO Via Regina, 40 STATUTO

SOCIETA PER AZIONI VILLA D ESTE. SEDE SOCIALE IN CERNOBBIO - COMO Via Regina, 40 STATUTO SOCIETA PER AZIONI VILLA D ESTE SEDE SOCIALE IN CERNOBBIO - COMO Via Regina, 40 STATUTO (Testo approvato dall Assemblea Straordinaria degli Azionisti del 28 giugno 2004) STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

ENPAF: PASSATO, PRESENTE, FUTURO ENPAF

ENPAF: PASSATO, PRESENTE, FUTURO ENPAF ENPAF: PASSATO, PRESENTE, FUTURO ENPAF tra passato e presente Dr. Romeo Salvi Presidente Ordine dei Farmacisti di Pesaro e Urbino METODO CONTRIBUTIVO E un metodo di determinazione della restazione pensionistica

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE del COMUNE DI CORATO (Regolamento approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

CASSA FORENSE. Conoscerla in breve

CASSA FORENSE. Conoscerla in breve CASSA FORENSE Conoscerla in breve 1 A cura della Commissione Formazione di Cassa Forense: Avv. Barilli Cecilia Avv. Cecchin Pietro Paolo - Coordinatore Avv. Facchetti Eleonora - Segretario Avv. Giacchetti

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

STATUTO Cassa Edile di mutualità ed assistenza della Provincia di Cagliari

STATUTO Cassa Edile di mutualità ed assistenza della Provincia di Cagliari STATUTO Cassa Edile di mutualità ed assistenza della Provincia di Cagliari 2 STATUTO CASSA EDILE DI MUTUALITÀ ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI CAGLIARI 3 INDICE Art. 1 COSTITUZIONE DELLA CASSA EDILE E

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO IN VIGORE DAL 23 LUGLIO 2012

NUOVO REGOLAMENTO IN VIGORE DAL 23 LUGLIO 2012 NUOVO REGOLAMENTO IN VIGORE DAL 23 LUGLIO 2012 Il Comitato Amministratore nella seduta del 18/01/2012 ha approvato il testo del nuovo Regolamento. il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, avente

Dettagli

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Art. 1 Costituzione, sede e durata Conformemente a quanto previsto dall art. 48 del Contatto Collettivo Nazionale

Dettagli

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona.

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona. 1) Costituzione, denominazione, natura E costituita una fondazione, a norma degli artt. 14 e segg. del codice civile, denominata Fondazione Cattolica Assicurazioni. La Fondazione è persona giuridica di

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE

VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE (a cura dell'avv. Rosario Tucci - Responsabile Dipartimento dell'a.i.g.a. sulla Previdenza Forense) La

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 2014 1 Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota A Quota B 2 QUOTA

Dettagli

ENPAF: PASSATO, PRESENTE, FUTURO ENPAF

ENPAF: PASSATO, PRESENTE, FUTURO ENPAF ENPAF: PASSATO, PRESENTE, FUTURO ENPAF tra passato e presente Dr. Romeo Salvi PUBBLICAZIONI ORDINE FARMACISTI PU - La preparazione al Tirocinio Professionale in Farmacia (3 edizione maggio 2014) - 1970

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

Osservatorio sull ENPAPI

Osservatorio sull ENPAPI Novembre 2011 www.logicaprevidenziale.it Sommario Osservatorio sull ENPAPI Ente di Previdenza per gli Infermieri (E.N.P.A.P.I)... 3 1.1 Quadro Generale... 3 1.2 L Assetto Contabile... 6 1.3 Dal 2000 al

Dettagli

TESTO DDL. ART. 2 1. Il FITQ provvede alle prestazioni previste dalla presente legge con le seguenti entrate:

TESTO DDL. ART. 2 1. Il FITQ provvede alle prestazioni previste dalla presente legge con le seguenti entrate: Disegno di legge concernente Riforma della disciplina in materia di prestazioni integrative del trattamento di quiescenza e norme per l erogazione del trattamento di fine rapporto. Modificazioni alla L.R.

Dettagli

Art.1 - Denominazione e sede. Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul

Art.1 - Denominazione e sede. Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul STATUTO DELLA FONDAZIONE ARETINA DI STUDI SUL CLASSICISMO Art.1 - Denominazione e sede Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul classicismo costituiscono la Fondazione Aretina

Dettagli

STATUTO. PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991

STATUTO. PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991 Approvato dalla assemblea dei soci del 18.2.2012 STATUTO PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991 ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) 1. E costituita

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti Le prestazioni previdenziali LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI DIRETTE Pensione di vecchiaia Pensione di vecchiaia anticipata Supplemento

Dettagli

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo.

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. A) La prestazioni per invalidità nel regime generale obbligatorio La legge

Dettagli

STATUTO DEL MUSEO STORICO ITALIANO DELLA GUERRA

STATUTO DEL MUSEO STORICO ITALIANO DELLA GUERRA STATUTO DEL MUSEO STORICO ITALIANO DELLA GUERRA TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO Art. 1 Il Museo Storico Italiano della Guerra, organizzazione non lucrativa di utilità sociale ONLUS, fondato nel 1921,

Dettagli

COSTITUZIONE - SEDE & SCOPO

COSTITUZIONE - SEDE & SCOPO COSTITUZIONE - SEDE & SCOPO ARTICOLO 1 È costituita l Associazione Nazionale denominata LEGA DEL FILO D ORO - organizzazione non lucrativa di utilità sociale avente sede in Osimo (Ancona) in via Linguetta

Dettagli

STATUTO. Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia. Art. 4) La fondazione si propone di promuovere studi ed analisi sui temi

STATUTO. Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia. Art. 4) La fondazione si propone di promuovere studi ed analisi sui temi STATUTO Art. 1) E costituita una fondazione denominata Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia Art. 2) La fondazione ha sede in Palermo, in Via Messina n. 15 Art. 3) La fondazione ha durata illimitata.

Dettagli

Statuto del Fondo di Previdenza per i Dirigenti di Aziende Commerciali e di Spedizione e Trasporto Mario Negri

Statuto del Fondo di Previdenza per i Dirigenti di Aziende Commerciali e di Spedizione e Trasporto Mario Negri FONDO DI PREVIDENZA PER I DIRIGENTI COMMERCIALI E DI SPEDIZIONE E TRASPORTO MARIO NEGRI Via Palestro, 32, - 00185 Roma GIURIDICAMENTE RICONOSCIUTO CON D.P.R. 26 LUGLIO 1957 N. 780 ISCR. ALBO n. 1460/99

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

Statuto della Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus

Statuto della Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus Statuto della Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus 1 STATUTO DELLA FONDAZIONE DELLA COMUNITA DI MONZA E BRIANZA ONLUS ART.1 DENOMINAZIONE E SEDE E costituita una fondazione, con le caratteristiche

Dettagli

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense Art. 1 Disposizioni generali E costituita in Roma, con sede legale presso il Tribunale Civile,

Dettagli

LE NOSTRE PENSIONI a cura di Marco Perelli Ercolini. ENPAM - Fondo Generale

LE NOSTRE PENSIONI a cura di Marco Perelli Ercolini. ENPAM - Fondo Generale LE NOSTRE PENSIONI a cura di Marco Perelli Ercolini ENPAM - Fondo Generale CONVENZIONE ENPAM Fondi Speciali LIBERA PROFESSIONE ENPAM Reddituale DIPENDENZA INPDAP INPS ISCRIZIONE ALL ALBO PROFESSIONALE

Dettagli

ASSONIDI Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia

ASSONIDI Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia ASSONIDI Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia STATUTO ART.1 DENOMINAZIONE E AMBITI DI RAPPRESENTANZA 1. L Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia -

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum

Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum Denominazione Oggetto Sede Art. 1 1. E costituita, ai sensi dell art. 36 c.c., l Associazione culturale denominata Cinaforum. La denominazione

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori

C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori Norme in materia di riduzione dei contributi pubblici in favore dei partiti e movimenti politici, nonché misure per garantire la trasparenza

Dettagli

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione (Legge sulla CPC) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 34 quater e 85 numeri 1 e 3 della Costituzione

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1 LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA Sezione prima Disposizioni generali Art. 1 1. E istituita in Roma la Libera Università degli Studi S. Pio V, di seguito denominata Università.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 796 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Nuova regolamentazione delle attività di informazione scientifica e istituzione

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO Art. 1 - Natura e fondatori La Fondazione Orchestra di Padova e del Veneto (di seguito indicata come Fondazione) è un istituzione di alta cultura,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI Approvato in data con deliberazione consiliare n. 1. E istituita la Consulta Anziani. Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

TITOLO I PENSIONE DI INABILITÀ

TITOLO I PENSIONE DI INABILITÀ REGOLAMENTO PER L'ACCERTAMENTO DELL'INABILITÀ E DELL'INVALIDITÀ (ai sensi degli artt. 18, comma 8, e 20, comma 7, del Regolamento per l'attuazione delle attività di previdenza approvato con D.M. 15/10/1997,

Dettagli

Regolamento del Fondo di Solidarietà SIAE

Regolamento del Fondo di Solidarietà SIAE Regolamento del Fondo di Solidarietà SIAE Art. 1 - Scopo 1.1 Il Fondo di Solidarietà (di seguito anche solo il Fondo ) ha lo scopo esclusivo di attuare forme di solidarietà sociale di beneficenza, assistenza

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza Forense

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza Forense Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza Forense STATUTO (Approvato con decreto interministeriale 23 dicembre 2003) CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 Natura giuridica dell'ente 1. La Cassa Nazionale

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL' ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA TEDESCA

Dettagli

Informativa dei delegati Cassa Geometri relativa al Comitato delegati dei giorni 23/24/25 maggio c.a.. Il referente regionale Geom.

Informativa dei delegati Cassa Geometri relativa al Comitato delegati dei giorni 23/24/25 maggio c.a.. Il referente regionale Geom. Informativa dei delegati Cassa Geometri relativa al Comitato delegati dei giorni 23/24/25 maggio c.a.. Il referente regionale Geom. Betti Elio comunica ai collegi della Regione i risultati del bilancio

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale STATUTO dell Associazione di associazioni Volontà Solidale Art. 1 COSTITUZIONE E' costituita con sede legale a Cosenza l'associazione Volontà Solidale, di seguito denominata Associazione. Volontà Solidale

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

Scritto da Lunedì 04 Febbraio 2013 12:11 - Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Febbraio 2013 13:39

Scritto da Lunedì 04 Febbraio 2013 12:11 - Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Febbraio 2013 13:39 SOMMARIO: - ERRATA CORRIGE BROCHURE ENPAF - Contributi - riscossione 2013 - Prestazioni - invio CUD ERRATA CORRIGE BROCHURE ENPAF Si riportano di seguito le correzioni alla versione della brochure dell'enpaf

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, ed, in particolare, gli articoli 8, concernente l espressione della volontà del lavoratore circa la destinazione

Dettagli