CARTINA APPENNINO - BORGHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTINA APPENNINO - BORGHI"

Transcript

1

2 CARTINA APPENNINO - BORGHI 1 Rossena 2 Bergogno 3 Vercallo 4 Castello di San Valentino 5 S. Maria di Castello 6 Ca Toschi 7 I Borghi di Roncaglio 8 Vedriano 9 Crovara 10 Santo Stefano di Pineto 11 Il Fariolo 12 Il Fornacione 13 Pieve di San Vitale 14 Corneto 15 Gazzolo 16 Montedello 17 Frassinedolo 18 Ca Ferrari 19 Minozzo 20 Vallisnera di Sotto 21 Cecciola 22 Mulino di Cerreto Alpi 23 Ligonchio 24 Civago 2

3 Borghi Rurali dell Appennino Reggiano Valorizzazione e recupero realizzati attraverso il Piano di Sviluppo Rurale della Provincia di Reggio Emilia Il territorio rurale della Regione Emilia-Romagna è ricco di testimonianze storico-architettoniche talvolta a torto considerate minori, quali piccoli borghi, edifici rurali ed elementi correlati, il cui pregio risiede nella storia secolare, nella originale tipologia costruttiva nei materiali utilizzati. Il recupero di tali testimonianze può diventare il fulcro della valorizzazione paesaggistico-ambientale del territorio, accrescere l attrattività turistica rurale e, così, contribuire al sostegno di una economia sostenibile, fortemente connessa alle espressioni tradizionali del paesaggio rurale. Uno specifico stanziamento sui fondi del Programma di Sviluppo Rurale (Asse 3, Misura 322), efficacemente attuato nell ambito del PRIP - Programma Rurale Integrato Provinciale, approvato dal Consiglio provinciale nel 2007, ha permesso di finanziare un articolata serie di interventi che hanno contribuito al recupero ed alla valorizzazione di borgate, edifici rurali, fontane, spazi comuni. Gli interventi sono stati distribuiti su ampia parte del territorio provinciale, interessando soprattutto le aree collinari e montane, dove i fenomeni di progressiva perdita di cura del territorio erano più consistenti e dove il patrimonio architettonico tradizionale era più diffuso, ma anche più a rischio. Le Provincia di Reggio Emilia, anche grazie all attenzione delle amministrazioni comunali e del Parco Nazionale dell Appennino Tosco-Emiliano, è risultata prima in tutta la Regione Emilia-Romagna nella progettazione e realizzazione di questi interventi, portando a termine nel corso della programmazione ben 37 restauri, per oltre 6,3 milioni di euro di investimento pubblico. Saldandosi efficacemente alle azioni già avviate con la precedente programmazione , solo di poco inferiore in termini economici ma con altri 38 interventi già attuati, si può tracciare un bilancio che rende orgogliosi, non solo in termini quantitativi ma anche per la qualità delle realizzazioni. Gli uffici della Provincia hanno infatti avuto cura di assicurare un approccio interdisciplinare, grazie al quale è stata coinvolta anche la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Bologna, Modena e Reggio Emilia, che ha fornito preziose indicazioni progettuali e di scelta dei materiali da impiegare nei restauri. In questa pubblicazione vengono illustrati 24 tra i più recenti interventi di ripristino edilizio ed ambientale dei nostri borghi. La finalità non è quella soltanto quella di rendere conto del lavoro fatto, ma piuttosto di invitare i cittadini, semplicemente, a conoscere e frequentare i borghi rurali, così ben riqualificati, con l occhio attento del visitatore curioso e informato. Conseguendo questo obiettivo, avremo arricchito di un significato aggiuntivo l opera di recupero che Unione Europea, Regione, la Provincia e gli Enti Locali tutti hanno realizzato in questi anni per lo sviluppo rurale, nelle sue diverse e talora inaspettate forme. Roberta Rivi Provincia di Reggio Emilia Assessore Agricoltura, Promozione Territoriale, Tutela dei Consumatori, Benessere Animale 3

4 LE TERRE DI CANOSSA: CASTELLI, PIEVI E ANTICHI BORGHI Nello scenario dell Appennino Reggiano, dalle prime colline che si affacciano sulla pianura fino alla media montagna, intorno all anno mille si rappresentavano le grandi vicende della storia d Europa. Protagonista di tanti episodi di lotte e rappacificazioni tra impero e papato fu la contessa Matilde di Canossa, discendente dell antica famiglia longobarda degli Attonidi, che qui aveva collocato il centro politico e militare di un vastissimo feudo, esteso dalla Lombardia alla Toscana. Di quel grande potere restano, come muti testimoni, i numerosi castelli che ancora oggi ricordano al viaggiatore un periodo di forti passioni politiche e religiose. Il più conosciuto di questi castelli, anche fuori dall Italia, è Canossa, che diede nome alla casata e che ospitò uno degli avvenimenti più celebri di tutto il medioevo: nel gennaio del 1077 per tre giorni l imperatore Enrico IV, scalzo e in veste di pellegrino, implorò sotto le sue mura il perdono del Papa Gregorio VII. L episodio, ricordato dal cancelliere tedesco Bismark come esempio di una umiliazione storica della 4

5 nazione tedesca, è diventato proverbiale in molte lingue europee dove l espressione andare a Canossa ha assunto il significato di chiedere perdono. A Canossa si possono visitare i ruderi imponenti sopra la bianca rupe e un piccolo ma suggestivo museo. Vicino si trova l intatto castello di Rossena, una formidabile macchina da guerra che vigila sulla valle del fiume Enza. Altri castelli rimandano all epopea matildica, tra cui Carpineti, che ospitò due concili e fu chiamato, per la frequente presenza del Papa la nuova Roma, e Sarzano di Casina, recentemente restaurato. E rimangono le pievi, a ricordo dall azione riformatrice di Matilde nel capo ecclesiastico: Toano, Marola, San Vitale di Carpineti, Beleo, Paullo, Pianzo, ricche di testimonianze romaniche ancora leggibili e suggestive. Ma forse il lascito più diffuso e più pervasivo di questa storia antica sono i numerosi borghi rurali, nati nel medioevo ma la cui impostazione urbana risente delle corti e della case a torre edificate a cominciare dal Quattro-Cinquecento. Essi per secoli hanno rappresentato una originale tipologia di insediamento del medio Appennino che gli interventi recenti di recupero edilizio vogliono riproporre all attenzione dei turisti curiosi, attenti alla storia dell Italia minore. La recente apertura del casello autostradale sulla A 1 Terre di Canossa - Campegine ha reso più facilmente raggiungibile, e più noto, questo straordinario comprensorio dove ambiente, storia e turismo si sposano con una perfetta sintesi tipicamente italiana. Ed è una storia ancora viva e sentita, come testimoniano le feste in costume e i cortei storici, partecipati da centinaia di cittadini. 5

6 L APPENNINO, NATURA E INSEDIAMENTI STORICI Del sistema montuoso noto come Appennino Tosco Emiliano, l Appennino Reggiano costituisce una sezione tra le più interessanti. Dalle rocce nude e dai prati di mirtillo del crinale, l Appennino scende a valle attraverso una serie di dorsali scavate dai torrenti che ospitano boschi di castagni, faggi, pini e abeti, laghi glaciali, torbiere che costituiscono gli elementi di maggior interesse ambientale. Cervi, caprioli, mufloni, cinghiali rappresentano la fauna più vistosa, arricchita dalla ricomparsa dell animale più simbolico di tutti: il lupo. Il territorio naturalisticamente più pregiato è tutelato, con legge dello Stato, all interno del Parco Nazionale dell Appennino Tosco-Emiliano che comprende anche territori al di là dello spartiacque, nella regione toscana e, dal lato reggiano, arriva a comprendere lo splendido monolito della Pietra di Bismantova, una rupe fantastica ricordata da Dante nel canto IV del Purgatorio, oggi conosciuta soprattutto nel mondo degli scalatori. Ai suoi piedi, il centro di Castelnovo Monti, una cittadina fra le più eleganti ed attrezzate di tutto l Appennino settentrionale. L Appennino è terra di tradizioni autentiche, come il Maggio drammatico che si ricollega alle medioevali chansons de geste ed è imparentato con il folklore toscano (a Villaminozzo gli è stato dedicato un museo, che si affianca al museo dei 6

7 presepi, nel vicino paese di Gazzano). Manifestazioni musicali di prestigio hanno ricucito il rapporto tra la montagna e le nuove generazioni, in un processo ormai bene avviato di ringiovanimento dell immagine e della frequentazione della montagna. L Appennino reggiano è meritevole di visita anche per i borghi antichi, con le tipiche costruzioni in sasso, in alcuni casi di origine quattrocentesca. L Appennino reggiano, e il parco nazionale che ne tutela la fascia più pregiata, non è infatti solo un meraviglioso espositore di bellezze naturali ma in esso la componente storica e umana assume un rilievo più forte rispetto ad altre catene montane, forse più spettacolari ma meno ricche di transumanze, meticciati culturali, sovrapposizioni di popoli e di viaggiatori. Se l Appennino Tosco-Emiliano può vantare i pregi e le qualità naturalistiche ed ambientali dei territori del Parco, non si può dimenticare che molto si deve alla sua cultura. Una cultura che si è conservata fino a noi, generata dalla storia di queste terre e protetta nella memoria dei luoghi e delle genti che li abitano. Le numerose chiese, pievi, maestà, borghi, castelli e torri nella persistenza della pietra ci hanno regalato i frammenti di una storia vissuta che si preservano e si valorizzano con intelligenti interventi di restauro e con una adeguata promozione. 7

8 ROSSENA - Canossa Il Castello di Rossena è situato su una rupe vulcanica rossastra che gli dà il nome. Domina un amplissimo panorama sulla pianura e la valle dell Enza, a circa tre chilometri ad ovest di Canossa. Rossena costituisce una delle emergenze più importanti delle Terre di Canossa. Il suo profilo costituisce uno degli scorci paesaggistici più suggestivi di tutta l area matildica. A differenza di altri castelli che nel tempo si sono trasformati in residenze signorili, Rossena ha conservato l impianto originario di vera e propria macchina da guerra che doveva fermare eventuali aggressioni nemiche provenienti dalla valle dell Enza. Il castello, forse iniziato nel 950, all inizio era costituito da un mastio isolato, la cui struttura (ora ribassata) è ancora leggibile al centro della costruzione principale. Di proprietà della Diocesi reggiana, Rossena ha subito un profondo restauro in occasione del Giubileo dell anno 2000 che ne ha permesso il recupero per usi ricettivi. Oggi ospita un ostello con una cinquantina di posti letto. E interamente visitabile, a pagamento, con accesso alle cisterne e al cammino di ronda dove, nelle giornate limpide, si ammira uno splendido panorama. Di fronte a Rossena si staglia la torre di Rossenella. I colli vulcanici su cui sorgono il castello e la torre fanno parte della Riserva Naturale Integrata della Rupe di Campotrera, istituita con legge regionale. Il borgo conserva il caratteristico impianto direzionale focalizzato, ben riscontrabile inoltre dalla lettura del catasto di Maria Luigia del All ingresso del borgo, in corrispondenza del primo sottopasso, in cui è visibile un tondo con l immagine della Madonna, rimane memoria di una antica torretta. Il restauro ha interessato la pavimentazione del borgo e lo scolo dell acqua piovana. 8

9 bergogno - Casina Il nucleo del paese presenta un impianto a sviluppo lineare disposto sulle falde settentrionali del Poggio Coste, alla destra del torrente Campola lungo l antica mulattiera da Paullo porta a Canossa. Con la costruzione della Strada Nazionale nel 1785, sviluppatasi con un tracciato di crinale ed alte coste, il paese, che aveva rivestito in passato una funzione importante nella zona, fu relegato ad un ruolo secondario, allacciato alla viabilità con una semplice strada mulattiera, ora completamente asfaltata e transitabile. La strada che attraversa il paese prosegue con un percorso di antica origine, non carreggiabile, sino al torrente Campola, biforcandosi verso Cavandola/Canossa e verso Votigno. All ingresso del borgo, sulla destra, si trova l oratorio con fronte a capanna. Sulla sinistra è il pregevole complesso cinquecentesco già dei conti Giovanardi con impianto a pianta quadrangolare e torre colombaia. Discosta dalla strada, a destra, è visibile una casa a torre, probabilmente ribassata con coronamento ad altana e parte del cordolo di colombaia a dente di sega. Un rustico a fronte mostra ancora diversi particolari architettonici caratteristici tra cui finestrelle a tre elementi con architrave triangolare, feritoie e tracce di un portale sopraelevato. Proseguendo lungo la strada si osserva un interessante caseggiato dalla massiccia struttura cinquecentesca dominante lo stretto vicolo, che scende verso rio Bergogno. Al centro dell abitato si innalza un altra casa torre su pianta rettangolare e coperto a quattro falde. Diversi sono gli interventi di recupero effettuati dai proprietari che hanno reso l antico borgo piacevolmente fruibile e ospitale. L intervento pubblico di restauro ha integrato questi interventi operando sulle strutture comuni e sulle reti tecnologiche e di servizio. 9

10 VERCALLO - Casina Nucleo rurale disposto su un piccolo terrazzo delle falde occidentali del Monte Pulce. Conserva ancora pressochè inalterate le caratteristiche originarie del tipico borgo rurale del nostro appennino, sviluppandosi in un aggregato morfologicamente omogeneo. Rimangono diverse testimonianze, per lo più portali e finestre architravati, a semplici elementi monolitici, talvolta zigrinati e riferibili al XVI-XVII secolo. Interessante è la dicitura riscontrata in un edificio AMA DIO NON FA(L)LIRE FA BENE E LASCIA DIRE LI 9 GIUGNO E ancora notabile una casa con torre del XVI secolo cui si accompagna un sottopasso che la articola con i fabbricati vicini ad un complesso rurale. La raccolta delle castagne rappresentava per il borgo una importante fonte di sostentamento. Ne fa fede il metato (struttura per l essicazione delle castagne) che si trova all ingresso dell abitato. Nel complesso il borgo appare discretamente restaurato negli edifici privati, tutti a sasso a vista. L intervento pubblico ha recuperato alcuni percorsi storici, curandone la pavimentazione, l illuminazione e lo scolo delle acque. 10

11 IL CASTELLO DI SAN VALENTINO - Castellarano Il castello e il borgo di San Valentino determinano un impianto tipicamente medievale, arroccato su un costone elevato, tra le valli del Tresinaro e del Secchia, a sviluppo lineare focalizzato sull emergenza del castello cui si accede per un erta stradetta fiancheggiata da case. All inizio del borgo sono ancora individuabili le tracce del portale d ingresso e di un largo fossato. Una piccola lapide datata Aprile 1384 ricorda i restauri di Bonifacio Fogliani dopo le distruzioni subite da parte dei Reggiani e dei Gonzaga (una precedente distruzione con ricostruzione successiva è testimoniata nell anno 1288 a causa di lotte interne alla famiglia Fogliani). Oggi spicca il torrione merlato medievale unito alla parte dell antico maniero ricostruito nel XVI secolo. Oltre alla torre e alle mura perimetrali di sostegno a forte scarpata, è da segnalare un bel loggiato cinquecentesco con quattro colonne in pietra, decorate da capitelli con lo stemma della famiglia Sacrati. Lo stesso stemma orna anche un camino in arenaria con decorazioni a fogliami ed animali, posto in una sala al piano terreno. Entro il recinto del castello si trovava anche un oratorio dedicato a S. Biagio, diroccato nel In suo luogo è stato in seguito costruito un oratorio dedicato a S. Domenico ed alla Madonna del Rosario. Il castello, acquistato dal Comune di Castellarano,è stato oggetto di restauri e di interventi di protezione resi necessari per contrastare alcuni gravi fenomeni di dissesto che avevano interessato nel 2010 le murature di contenimento, in parte crollate a causa di infiltrazioni di acqua. Nei pressi si trova l antica pieve, già citata nei privilegi dell Imperatore Ottone II del 960, conserva in parte l impianto risalente alla ricostruzione quattrocentesca. 11

12 Santa maria Castello - Viano Il sito è di grande suggestione paesaggistica. Lo sguardo spazia tutto intorno dal vicino monte Valestra alla Pietra di Bismantova, con la vallata del Tresinaro e - sullo sfondo, a nord - la pianura. Il borgo è articolato linearmente e scalarmente lungo lo spartiacque in sommità alla linea di costa alla destra del rio Fagiano. Il castello è già citato in documenti del X secolo ma la sua fortuna è legata alla potente famiglia dei Fogliani, già possessori di decine di castelli nel territorio reggiano. A Castello Querciola (altro nome con cui è nota la località) i Fogliani resistettero come feudatari fino al 1720, con un possesso che è durato per cinquecento anni. La zona, al centro di una conca dal rilevante pregio naturalistico, presenta l interessante fenomeno delle salse. Getti di fango che si sollevano rilasciando strutture coniformi simili a piccoli vulcani (siamo all interno di una fascia che attraversa con questi fenomeni l Appennino modenese e reggiano). L impianto del borgo è quello tipico della rocca medioevale a cui si accede da un unica strada che si conclude sul sagrato della chiesa di impianto ancora romanico. Il paramento murario della chiesa è ancora quello originario in conci squadrati ed orsati, molti dei quali siglati ed incisi. L interno si sviluppa con una pianta ad aula. Il campanile si innalza sul lato sud ed è concluso da una cella ottocentesca a monofore. L originale palazzo dominicale, residenza del feudatario, è stato inglobato dalla canonica. Nell antico annesso oratorio del Rosario rimangono interessanti affreschi raffiguranti la Madonna col Bambino, S. Antonio Abate e un frate in preghiera, di scuola emiliana della fine XIV-inizi XV secolo. La sala al piano superiore è invece caratterizzata da un fregio ad affresco con figure fantastiche e stemmi, tradizionalmente riferito al grande pittore rinascimentale Lelio Orsi e databile tra il 1535 ed il 1540, ed è quindi da considerarsi un opera giovanile. Del castello poco o nulla rimane, essendo stato inglobato in un edificio recente di nessun interesse. Il restauro ha riguardato le mura, il palazzo feudale e ha riqualificato gli edifici del borgo. 12

13 CA TOSCHI - Baiso Proveniendo dalla pianura, poco prima del capoluogo Baiso si incontra il borgo noto come Ca Toschi. A lato della strada provinciale è ben visibile un interessante complesso padronale. Sull abitazione è murata una lapide che ricorda Giovan Battista Toschi ( ), illustre studioso di storia dell arte, con particolare riferimento all Appennino, che, nato qui, lasciò al comune in eredità la sua ricca biblioteca. Nell edificio è visibile un portale di ingresso archivoltato sormontato da un oculo con formella siglata PRI DIE NONAS - MAII - ACTA FUIT. Sul tetto è posto un campaniletto a vela, forse nel luogo dove un tempo si trovava l oratorio di San Prospero di cui si sono perdute le tracce. Grazie ai recuperi edilizi e all attività di valorizzazione pubblica, Casa Toschi ospita una pluralità di attività sociali, educative e culturali. Nel centro di documentazione sono raccolti, e resi fruibili al pubblico, i libri e manoscritti frutto della donazione originaria mentre nel contiguo laboratorio multimediale un aula attrezzata è stata destinata agli studenti per approfondimenti storico-artistici. Concerti serali estivi e l ormai consolidata iniziativa La Tavola di Bisanzio rappresentano le manifestazioni più rilevanti ospitate nella piazzetta del borgo, ora resa più accessibile dal restaurato percorso pedonale e abbellita da interventi sulle facciate e dall interramento di cavi e tubature. La Tavola di Bisanzio ricorda le peculiarità gastronomiche della vallata, fra cui la rara tradizione della carne di pecora, cucinata in molti modi, che rappresenta un probabile lascito delle truppe bizantine che nel primo medioevo a lungo tennero queste terre contendendole ai Longobardi lungo una linea di confine che passava proprio da queste parti. 13

14 I BORGHI DI RONCAGLIO - Canossa Un unica tipologia di pavimentazione in pietra arenaria appenninica delle strade maestre medioevali che attraversano i borghi rappresenta l intervento unificante che valorizza questi insediamenti del comune di Canossa che si affacciano sulla valle dell Enza. Si tratta di abitati di antica origine medioevale, con la presenza diffusa della tipologia della casa a torre che, innalzandosi al centro degli abitati, definiscono una specie di paesaggio turrito di grande effetto visivo. La villa di Roncaglio è citata in un diploma del Re Lotario dell anno 948 con il quale, in adempimento della volontà di Alda, sua madre, dona al Vescovo di Parma Adeodato, tre corti fra le quali quella di Runcaria sul fiume Enza. Seguì poi le vicende di questo territorio, passando ai Canossa, ai Da Correggio e agli Estensi. La chiesa è un vero gioiello di arte rurale e conserva una ancona intagliata, probabilmente della scuola del Ceccati. Al complesso è unita un torre colombaia del sec. XVII. Da Roncaglio si raggiunge Albareto, interessante nucleo ad impianto direzionale disposto ai margini dei pendii declinanti a nord del monte Cavaliere. All ingresso dell abitato è visibile una cappellina dedicata alla Madonna. Nel borgo si trova un complesso rustico dove, alla base di una finestra, è visibile la data Poco oltre si trova un altro impianto a torre della seconda metà del secolo XVI. Case Curti, Iagarone, Solara e Verlano sono anch essi piccoli nuclei abitati che conservano in parte le caratteristiche tipologiche originarie con la diffusa presenza di pregevoli case a torre variamente databili dal secolo XVI al secolo XVIII. 14

15 VEDRIANO - Canossa Villa costituita da diversi nuclei di case sparse dai nomi propri di La Villa, La Corte, Il Casale, La Chiesa, disposti sui pendii alla destra del torrente Tassobbio. L Overmann e lo Schumann identificano con questa località il Verianum ricordato nel documento del 958 in cui Adalberto Atto di Canossa risulta acquistare delle masserie. D altra parte, viene spontanea la supposizione che tale forma possa riflettere più da vicino l attuale toponimo Verlano, che corrisponde ad un centro abitato non distante. Vedriano già feudo della casa Pepoli di Bologna, fu annesso allaprovincia di Reggio nel 1847 alla morte della Duchessa Maria Luigia di Parma. Il Molossi ne indica una popolazione di 258 abitanti agli inizi del XIX secolo. La chiesa parrocchiale, dedicata a S. Salvatore, appartenne alla Diocesi di Parma (il territorio fu a possesso del ducato parmense fino al 1847) ed era una antica cappella della Pieve di Bazzano come risulta in un documento del Nel 1691 è soggetta al Vicariato di Scurano. Presenta una semplice struttura con campanile a monofore, cuspidato ed è orientata in senso liturgico. Interventi privati hanno permesso una discreta conservazione del tessuto edilizio, che appare ben curato. Gli interventi effettuati sulla pavimentazione e sulle aree pubbliche hanno completato il recupero di questa interessante testimonianza di abitato rurale del medio appennino. 15

16 CROVARA - Vetto E un piccolo nucleo situato sui rilievi al margine sinistro del rio Tassaro che, incassato in una profonda vallata, sfocia nel torrente Tassobbio, un affluente dell Enza, in un luogo di grande suggestione panoramica. Ospita, su una collinetta, i resti di un castello che appartenne stabilmente ai Da Palude (la famiglia feudale originaria della pianura reggiana il cui personaggio più celebre è Arduino, il principale capo militare di Matilde di Canossa). La prima menzione del castello risale al 1267 quando, in possesso di Jacopino della Palude, di fazione ghibellina, viene espugnato dai Parmigiani e Reggiani. Il castello fu nuovamente assediato nel 1271 da truppe di Reggio, Parma e da altre di Mantova e Castiglione di Toscana. Dopo lunga lotta fu espugnato e distrutto. I Signori della Palude lo rifabbricarono come leggiamo nella Cronaca Parmigiana del Nello stesso anno Matteo da Correggio tentò invano di espugnare il castello. Ancora nel 1312 dovette subire una nuova distruzione da parte dei Reggiani. Tornati in possesso del castello i Signori della Palude ne conservarono in seguito il feudo confermato da molte investiture degli Estensi. Nella prima metà del secolo XVIII una cronaca segnala l esistenza di un altissima torre ove sono orrende prigioni, trabocchetti e profondi spechi fabbricati con insidie dentro cui precipitano le persone; dall altro lato la Chiesa parrocchiale dedicata a S. Giorgio ma tutto è disabitato. La chiesa di S. Giorgio, ad unica nave rivolta ad oriente, conserva ancora su di un fianco una specie di grande sfera di arenaria scolpita con una raffigurazione demoniaca rintracciata tra le rovine del castello. Il restauro ha interessato un vecchio edificio rurale nei pressi della chiesa che ora viene adibito a punto di ospitalità e ristoro, in un luogo dove si incontrano diversi sentieri, lungo la vallata dell Enza, nel cuore delle Terre di Canossa. Anche il sovrastante sito del castello è stato oggetto di interventi di scavo archeologico che hanno evidenziato le poche strutture ancora leggibili (una cisterna, un sotterraneo e tracce di muri). 16

17 SANTO STEFANO DI PINETO - Vetto Borgo situato alla destra del rio Tassaro, affluente di sinistra del torrente Tassobbio. L abitato occupa la sommità di un colle arenaceo su cui è distribuito linearmente. Vi si conservano numerosi edifici di interesse, in parte manomessi. La località è citata negli Estimi Reggiani del 1315 seguendo poi le vicende della chiesa parrocchiale di S. Stefano. All ingresso del paese si osserva la così detta Casa dei Da Palude già residenza patrizia di questa antica famiglia; l edificio ha subito danni ad opera del terremoto del 1920 ma conserva un eccezionale interesse storico-artistico. La facciata è caratterizzata da due ordini di loggiato con colonnine tonde. All interno del loggiato e dei vani sono notabili numerosi affreschi raffiguranti immagini sacre attribuibili al XVII sec., mentre un secondo portale quadrangolare ad architrave modanato, situato al primo piano, è datato Si evidenzia l antico oratorio interno, ancora officiato riportante affreschi seicenteschi. Nel centro del paese si erge una massiccia casa a torre con rosone in pietra databile al XVII secolo, cui è adiacente un fabbricato riferibile ad una torre abbassata e rimaneggiata, con un portale sopraelevato tamponato a mensole concave. All estremità ovest della borgata è visibile un ampio edificio che la tradizione locale indica come la più antica dimora dei Conti Da Palude. Alcuni interventi edilizi hanno alterato la costruzione che tuttavia conserva una cantina con ampi sotterranei e portali a tutto sesto; è possibile infine accedere ad un oratorio abbandonato con un portale e due finestre riquadrate attribuibili al XVII-XVIII secolo. Il restauro ha consentito il recupero ad uso pubblico di un edificio storico del borgo. 17

18 IL FARIOLO - Castelnovo Monti Il borgo di Fariolo (conosciuto localmente come Il Fariolo ma anche con la variante Feriolo) fu sede di podestà e per secoli costituì il principale centro politico della montagna reggiana, trasferito poi nel vicino abitato di Castelnovo Monti nel corso del secolo XV. Anticamente faceva parte di un nucleo di tre insediamenti raggruppati sotto la comune denominazione di Felina (termine che oggi si applica solo alla frazione più importante, a pochi chilometri dal Fariolo attuale). Dai documenti storici emerge come questa borgata, oltre alla tradizionale economia agricola di sussistenza, abbia svolto nei secoli funzioni amministrative che giustificano le dimensioni rilevanti dell insediamento. Il nucleo si presenta come un impianto indifferenziato, con costruzioni soprattutto ottocentesche non sempre restaurate con il dovuto rispetto, situato ai margini sud-orientali dei pendii del monte Tosco. Vi sorge dal XVII secolo l oratorio della Concezione. L oratorio presenta una semplice facciata a capanna con portale architravato, nicchia del titolare ed oculo superiore. Ha un basamento a bugnato, conci angolari a denti alterni, cornice di gronda e rivestimento ad intonaco rustico. Di fronte è posta una maestà dedicata all Ave Maria. Un altra icona della Beata Vergine è murata, poco oltre, sul prospetto di una abitazione. All inizio dell abitato è visibile il fabbricato antica sede della Podesteria; la pianta è quadrangolare con portale d ingresso archivoltato e chiave di volta scolpita, con elegante porta lignea intagliata; a lato dello stesso portale si apre una feritoia. Sullo stesso prospetto è notabile una finestrella a tre elementi monolitici con architrave triangolare. Le abitazioni conservano senza manifeste alterazioni l impianto volumetrico e distributivo originario. Si riscontrano diversi particolari architettonici tra cui interessanti paramenti in pietra, finestre e portali di diversa fattura riferibili ai secoli XVI-XVII. Gli interventi di recupero hanno interessato i percorsi storici, l illuminazione, gli allacciamenti tecnologici e il restauro dell oratorio della Concezione. 18

19 IL FORNACIONE DI FELINA - Castelnovo Monti A valle della chiesa di S. Maria di Felina, ad una distanza di circa 500 ml. ad est della stessa, è visibile un impianto industriale per la cottura di laterizi. Il complesso è indicativo per la tipologia ed è interessante come archeologia paleoindustriale. Figura già esistente agli inizi del XX secolo ed è attivo fino al Gestito nelle ultime fasi produttive dalla famiglia Prampolini, nel 2004 è stato acquisito dal Comune di Castelnovo Monti che ne ha curato il restauro. Verso la fine dell Ottocento in regione cominciarono a diffondersi le industrie con una intensificata richiesta di materiale edilizio per la costruzione dei capannoni. La fornace di Felina (popolarmente detta il fornacione, al fornason in dialetto) rispondeva a questa esigenza ed era costruito secondo la tipologia della fornace di Hoffmann, una tecnologia presentata e brevettata alla esposizione mondiale di Parigi del La fornace è costituita da due gallerie circolari concentriche. Quella esterna, di maggiori dimensioni, è detta canale di cottura, con aperture laterali a distanze uguali per introdurre il materiale da cuocere. Un complesso sistema di griglie e canalette, controllato da valvole, consentiva il riscaldamento delle dodici stanze poste a raggiera dove ruotava il materiale a seconda delle fasi di lavorazione. Particolarmente vistosa è la ciminiera di 27 metri. Il restauro è consistito in una serie di interventi sulla copertura, i solai, i muri e le pavimentazioni e ha consentito la conservazione di una importante testimonianza di archeologia industriale del territorio legata alla utilizzazione dell argilla locale che del resto risale a tempi antichissimi come è testimoniato dal rinvenimento nelle cave della fornace di reperti fittili attribuibili alla prima età del ferro. 19

20 LA PIEVE DI SAN VITALE - Carpineti Tutto fa pensare che l area di San Vitale fosse in origine un luogo di insediamento bizantino, come suggerisce la dedicazione a un santo caro alla liturgia dell impero romano di oriente, e quindi polo di diffusione del cristianesimo nell Appennino. La pieve viene nominata per la prima volta nel 980 nel diploma di Ottone II. Nel 1070 è compresa tra i possessi del Marchese Bonifacio di Canossa. Il tempio risulta consacrato il 29 agosto 1145 dal Vescovo Alberio e diventa il centro di un sistema di chiese che fa ad esso riferimento, anche per la riscossione delle decime. La visita del Vescovo Rangone nel 1593 la descrive ad una navata grande e due minori con colonne ad archi in pietra picchiata. L edificio doveva comunque già presentare alcuni problemi strutturali e funzionali se la visita del Vescovo Coccapani del 1625 lascia disposizioni per ripristinare il tetto della pieve. Nel 1677 minaccia rovina; nel frattempo il titolo di pieve inizia ad essere trasferito a S. Caterina. II successivo crollo delle due navate laterali consentì all arciprete conte Francesco della Palude di ricavare, nella canonica a fronte, un palazzo principesco con seminterrato a foggia di cripta. Del vicino edificio religioso non rimangono che alcuni muri e il portale strombato con due colonnine a capitelli fogliati; la lunetta superiore è decorata con due cornici in arenaria, l una con motivo a treccia e l altra a foglie di vite. Una serie di preziosi capitelli, trasferiti dalla chiesa diroccata alla contigua canonica, sono ora conservati al museo diocesano di Reggio Emilia che dal 2008 ospita anche la mensa d altare prima visibile presso la Chiesa di S.Andrea al Castello delle Carpinete. L acquisto da parte del Comune della canonica e il successivo restauro hanno consentito di ricavare una struttura ricettiva con ristoro ed ostello. San Vitale è raggiungibile a piedi dal castello di Carpineti con mezz ora di cammino percorrendo il sentiero dorato o direttamente in auto, con l ultimo tratto su strada sterrata. San Vitale è centro turistico vivace, con una pluralità di offerte e di iniziative, collegate con la gestione del vicino castello. 20

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI -numero luoghi: 10 -tempo necessario: 1 giorno (2 giorni x itinerari 1 e 2) -sequenza consigliata:

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monti di Carate Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monte di Carate (Freccia gialla) visto da Brunate (*) Monte di Carate visto dalla strada del Bisbino E' formato da una cinquantina di baite immerse

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO 3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO Anno 1781 Mulino di Gallina Località: Rio Piastroso Fiume: Dx Rio Piastroso Palmenti: 2 1781, Arch. Stor. S. Marcello, Lettere e Negozi, Vol. 799

Dettagli

Attravers Arna e Sentieri Aperti

Attravers Arna e Sentieri Aperti La XII^ Circoscrizione ARNA del Comune di Perugia, con le Associazioni del territorio, presenta: Attravers Arna e Sentieri Aperti Edizione 2009 Cinque camminate mattutine tra sapori, colori e suoni nella

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

6) I LUOGHI DEL SACRO

6) I LUOGHI DEL SACRO 6) I LUOGHI DEL SACRO Gli edifici di culto spesso hanno orientato l organizzazione territoriale in maniera incisiva e hanno avuto ruolo distintivo nell identità locale: nelle varie epoche hanno creato

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE SCIARE AL CORNO ALLE SCALE IL CORNO ALLE SCALE SPORT INVERNALI PER TUTTI E A TUTTI I LIVELLI, CALDA OSPITALITÀ E PIACEVOLI MOMENTI DI SVAGO E DI RELAX: È CIÒ CHE OFFRE IL CORNO ALLE SCALE, LA STAZIONE

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE ::Lago di Carezza:: :: Caratteristiche: i primi 200 m dopo l'albergo Lärchenwald (Gummer - S. Valentino) sono piuttosto ripidi, quindi si prosegue su strada forestale con discreti saliscendi fino al Passo

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Area sciistica Merano 2000 Malga di Verano Dal parcheggio nr. 5 di Avelengo si procede verso il municipio per poi prendere il sentiero 2/a che porta

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA!

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! Febbio (1200-2063 m.) Comune di Villa Minozzo, alle pendici del Monte Cusna; località inserita nel meraviglioso contesto

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli