La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi"

Transcript

1 La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta tutele nei confronti dei lavoratori espulsi dal mercato del lavoro, individualmente o collettivamente, e nei confronti dei lavoratori sospesi dal rapporto di lavoro. Le linee di intervento possono sin da ora così sunteggiarsi: a) istituzione di una nuova forma di tutela nei confronti dei lavoratori che abbiano perso involontariamente la propria occupazione; b) modulazione al ribasso dell indennità di mobilità per il triennio e sua successiva soppressione; c) estensione dell ambito di efficacia delle disposizioni in materia di trattamento straordinario di integrazione salariale; d) istituzione dei fondi di solidarietà per la tutela dei lavoratori appartenenti a settori non coperti dalla normativa in materia di integrazione salariale; e) riconoscimento in capo ai datori di lavoro del potere di stipulare incentivi all esodo dei lavoratori più anziani; f) la permanenza degli accordi in deroga e la possibile reiterazione di quelli antecedenti all entrata in vigore della legge, anche se con efficacia temporalmente limitata al triennio Nelle successive pagine, nei limiti dell odierno intervento e restando intesa la necessità della lettura del testo legislativo, si procederà a individuare gli aspetti salienti per ciascuno delle linee di intervento retro delineate. I) La tutela dei lavoratori espulsi dal mercato del lavoro I disoccupati Il legislatore ha introdotto, in favore dei lavoratori che abbiano perso involontariamente il lavoro a far data dall , una nuova forma di tutela denominata Assicurazione sociale per l impiego (ASpI). Beneficiari di tale indennità sono tutti i lavoratori dipendenti, ivi compresi gli apprendisti e i soci lavoratori di cooperativa; e i lavoratori che abbiano consensualmente risolto il rapporto a seguito di esito positivo della conciliazione innanzi alla Direzione territoriale; nonché i collaboratori coordinati e continuativi (ma questi ultimi con modalità peculiari che meglio si preciseranno infra). 1

2 Per il triennio e in via sperimentale, l ASpI è altresì riconosciuta ai lavoratori sospesi per crisi aziendali od occupazionali che siano in possesso dei requisiti previsti in capo a ciascuno di essi dall art. 2.4 l. n. 92/12, e subordinatamente ad un intervento integrativo pari ad almeno alla misura del 20% dell indennità stessa a carico degli istituendi fondi di solidarietà. Tale beneficio è però escluso nei confronti di quei lavoratori dipendenti da aziende destinatarie di trattamenti di integrazione salariale, nonché nei casi di contratti di lavoro a tempo indeterminato con previsioni di sospensioni lavorative programmate e di contratti di lavoro a tempo parziale verticale. La nuova disciplina non si applica agli operai agricoli a tempo determinato o indeterminato, per i quali resta ferma la disciplina ad hoc per gli stessi dettata antecedentemente; e si deve altresì ritenere che fuori restino anche i lavoratori rimpatriati e frontalieri per i quali esiste una specifica disciplina. Sono esclusi dalla nuova disciplina i dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni individuate nell art. 1.2 del d. lgs. n. 165/2001. Per accedere all ASpI i lavoratori dipendenti: a) devono avere perduto involontariamente la propria occupazione; b) devono essere in stato di disoccupazione, ovverosia devono essere nella condizione del soggetto privo di lavoro, che sia immediatamente disponibile allo svolgimento ed alla ricerca di una attività lavorativa secondo modalità definite con i servizi competenti; c) devono far valere almeno due anni di assicurazione; d) devono far valere almeno un anno di contribuzione nel biennio precedente l inizio del periodo di disoccupazione. Di converso ai collaboratori coordinati e continuativi, esclusi coloro che sono individuati dall art l. n. 662/96, l indennità è riconosciuta: 1) nei limiti delle risorse fissate dallo stesso legislatore per il Fondo per l occupazione; 2) se il lavoratore è iscritto in via esclusiva alla gestione separata e sempre che siano congiuntamente presenti cinque requisiti tassativamente individuati dallo stesso legislatore (art. 2.51); requisiti che, per il triennio , trovano una disciplina peculiare (art. 2.56). I lavoratori, sia subordinati sia autonomi, per avere diritto alla prestazione o all indennità devono presentare apposita domanda, esclusivamente in via telematica, all Inps entro due mesi dalla data di spettanza del trattamento. Nella domanda può anche essere resa la 2

3 dichiarazione attestante l'eventuale attività lavorativa precedentemente svolta, nonché l'immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa. L indennità in favore dei lavoratori subordinati spetta dall ottavo giorno successivo alla data di cessazione dell ultimo rapporto di lavoro o dal giorno successivo a quello in cui sia stata presentata la domanda. L indennità, nella sua interezza, è rapportata alla retribuzione imponibile ai fini previdenziali degli ultimi due anni, comprensiva degli elementi continuativi e non continuativi e delle mensilità aggiuntive, divisa per il numero di settimane di contribuzione e moltiplicata per il numero 4,33. L indennità mensile è rapportata alla retribuzione mensile ed è pari al 75% nei casi in cui la retribuzione mensile sia pari o inferiore nel 2013 a euro mensili e nei casi in cui la retribuzione mensile è superiore a euro è pari al 75% della predetta somma incrementata di una somma pari al 25% del differenziale tra la retribuzione mensile e il predetto importo. In ogni caso, l importo non può superare l importo mensile massimo individuato con l aumento dell 80% derivante dalla variazione ISTAT. L importo erogato si riduce del 15% dopo i primi sei mesi e si riduce di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese e, in via sperimentale per il triennio , su richiesta del lavoratore può liquidarsi in unica soluzione se lo stesso vuole intraprendere un attività di lavoro autonomo o avviare un attività in forma di auto impresa o di micro impresa o associarsi in cooperativa. La fruizione della prestazione è connessa alla permanenza dello stato di disoccupazione e per i periodi di fruizione della medesima sono riconosciuti i contributi figurativi nella misura settimanale pari alla media delle retribuzioni imponibili ai fini previdenziali degli ultimi due anni. L accredito della contribuzione figurativa è utile ai fini del diritto e della misura del trattamento pensionistico, mentre non è utile ai fini del conseguimento del diritto qualora la legislazione previdenziale richieda il computo della sola contribuzione effettiva. La durata dell indennità ha una disciplina ad applicazione temporalmente limitata riguardante il triennio (art. 2.45) e una disciplina a regime valevole dall (art. 2.11), in entrambe le ipotesi la durata è legata all età del lavoratore, superiore o inferiore a 50 anni; e nella disciplina a regime si tiene altresì conto dell eventuale fruizione della miniaspi, e per gli over 50 l indennità è erogata in ogni caso nei limiti delle settimane di contribuzione negli ultimi due anni. 3

4 Se il lavoratore, durante il periodo di fruizione della prestazione, trova una nuova occupazione con contratto di lavoro subordinato, l Inps sospende d ufficio l erogazione fino a un massimo di sei mesi, con la conseguenza pertanto che una volta decorso tale termine si decade dalla prestazione se l occupazione continua. Di converso, al termine di un periodo di sospensione di durata inferiore a sei mesi, l indennità riprende a decorrere. La contribuzione effettiva accreditata in conseguenza della nuova occupazione può essere fatta valere per il riconoscimento di un nuovo trattamento di disoccupazione ordinaria (ASpI) o a requisiti ridotti (mini-aspi). Se il lavoratore, nel corso della fruizione della prestazione, svolge un attività di lavoro autonomo dalla quale derivi un reddito inferiore al limite utile ai fini della conservazione dello stato di disoccupazione, il lavoratore deve informare l Inps entro un mese dall inizio dell attività, dichiarando il reddito annuo che prevede di trarre. Preso atto della comunicazione l Inps riduce il pagamento dell indennità di un importo pari all 80% dei proventi preventivati, rapportati al tempo intercorrente tra la data di inizio e di fine dell attività o, se antecedente, la fine dell anno. La riduzione è conguagliata d ufficio al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi. Infine la contribuzione versata in conseguenza dello svolgimento di tale attività di lavoro autonomo non dà luogo ad alcun accredito contributivo ed è riversata nella Gestione prestazioni temporanee dei lavoratori dipendenti. La prestazione di disoccupazione, al pari dell assegno sociale, della pensione sociale e della pensione per gli invalidi civili, è revocata con la sentenza di condanna per i reati specificamente individuati all art. 2.58, costituendo sanzione accessoria. Con la stessa sentenza il giudice revoca i trattamenti previdenziali erogati al condannato, nel caso in cui accerti, o sia stato accertato con sentenza in altro processo, che i predetti trattamenti sorgano, in tutto o in parte, da un rapporto di lavoro fittizio a copertura di attività illecite connesse a taluno dei reati specificamente individuati. La sentenza è comunicata, entro 15 gg. dalla loro adozione, all ente previdenziale che eroga le prestazioni, ai fini della loro immediata esecuzione. I condannati, ai quali sia stata applicata la predetta sanzione accessoria del primo periodo, una volta che la pena sia stata completamente eseguita, su domanda possono beneficiare delle prestazioni sempre che ne ricorrano i presupposti. Il lavoratore decade dalla prestazione di disoccupazione, ma anche dall indennità di mobilità o da qualsivoglia indennità o sussidio la cui corresponsione è collegata allo stato di disoccupazione o di inoccupazione qualora: a) perde lo stato di disoccupazione; 4

5 b) inizi un attività di lavoro autonomo senza avere effettuato la prescritta comunicazione all Inps; c) raggiunga i requisiti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato; d) acquisisca il diritto all assegno ordinario di invalidità, sempre ché non opti per l indennità erogata dall ASpI. La decadenza si realizza dal momento in cui si verifica l evento che la determina, con obbligo di restituire l indennità che eventualmente si sia continuato a percepire (art. 2.41), ma non riguarda i diritti già maturati. Lo stato di disoccupazione si perde (art. 4.41) allorché il lavoratore: a) rifiuti di partecipare senza giustificato motivo ad un iniziativa di politica attiva o di attivazione proposta dai centri per l impiego e dagli altri organismi autorizzati o accreditati, o non vi partecipi regolarmente; b) non accetti un offerta di un lavoro inquadrato in un livello retributivo superiore almeno del 20% rispetto all importo lordo dell indennità cui ha diritto. Le predette regole si applicano quando le attività lavorative o di formazione ovvero di riqualificazione si svolgono in un luogo che non dista più di 50 Km dalla residenza del lavoratore, o comunque che è raggiungibile mediamente in 80 minuti con i mezzi di trasporto pubblici. I centri per l impiego e gli altri organismi accreditati o autorizzati hanno l obbligo di comunicare tempestivamente all Inps gli eventi che danno luogo alla decadenza della prestazione e l Inps provvede a emettere il provvedimento di decadenza, recuperando le somme eventualmente erogate per i periodi di non spettanza della prestazione (art. 4.44). Avverso il provvedimento dell Inps è ammesso ricorso al comitato provinciale. L indennità riconosciuta ai collaboratori coordinati e continuativi è pari a un importo del 5% del minimale annuo di reddito individuato dal legislatore per il versamento della contribuzione dai lavoratori autonomi, moltiplicato per il minor numero tra le mensilità accreditate l anno precedente e quelle non coperte da contribuzione. L indennità è liquidata in unica soluzione se pari o inferiore a euro, o in importi mensili pari o inferiori a tale somma se superiore. 5

6 Il legislatore, al pari di quel che accadeva precedentemente, delinea accanto alla disoccupazione/aspi ordinaria una disoccupazione a requisiti ridotti/miniaspi. Ai lavoratori individuati secondo le regole fissate per la concessione dell ASpI, sempre a far data dall , che possano far valere almeno tredici settimane di contribuzione di attività lavorativa negli ultimi dodici mesi, attività per la quale siano stati versati o siano dovuti i contributi, è erogata un indennità di importo pari a quelle determinata secondo le regole dell ASpI. La predetta indennità è corrisposta mensilmente per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione nell ultimo anno, detratti i periodi di indennità eventualmente fruiti nel lasso temporale. L erogazione dell indennità è sospesa nell ipotesi di nuova occupazione del beneficiario con contratto di lavoro subordinato. La sospensione è operata d ufficio, una volta ricevuta la comunicazione, fino a un massimo di cinque giorni e al termine della sospensione ricomincia a decorrere dal momento in cui era rimasta sospesa. Il legislatore, infine, elenca specificamente le disposizioni dettate in tema di ASpI che sono applicabili per l erogazione della mini-aspi (art. 2.22). II) L indennità di mobilità. Il legislatore prevede, nei confronti dei lavoratori collocati in mobilità nel periodo , una rideterminazione del periodo massimo durante il quale fruire della predetta indennità (si v. l art. 2.46) e, a far data dall l abrogazione del beneficio (art. 2.71). III) Ampliamento dell ambito di efficacia delle disposizioni in materia di trattamento straordinario di integrazione salariale. Dall l integrazione salariale straordinaria è estesa alle: a) imprese esercenti attività commerciali con più di 50 dipendenti; b) agenzie di viaggio e turismo, compresi gli operatori turistici con più di 50 dipendenti; c) imprese di vigilanza con più di quindici dipendenti; d) imprese del trasporto aereo e del sistema aeroportuale a prescindere dal numero di dipendenti. 6

7 Sempre dalla medesima data, l integrazione salariale straordinaria è riconosciuta ai lavoratori addetti a prestazioni di lavoro temporaneo occupati con contratto di lavoro a tempo e di fornitura di lavoro temporaneo per l esecuzione delle operazioni o dei servi aeroportuali od occupati nelle società derivate dalla trasformazione delle compagnie portuali è riconosciuta un indennità di importo pari a un ventiseiesimo del trattamento mensile di integrazione salariale straordinaria, comprensiva della relativa contribuzione figurativa e degli assegni per il nucleo familiare, per ogni giornata di mancato avviamento al lavoro, nonché per le giornate di mancato avviamento al lavoro che coincidano, in base al programma, con le giornate definite festive, durante le quali il lavoratore sia risultato disponibile. La predetta indennità è riconosciuta per un numero di giornate di mancato avviamento al lavoro pari alla differenza tra il numero massimo di 26 giornate mensili erogabili e il numero delle giornate effettivamente lavorate in ciascun mese, incrementato del numero delle giornate di ferie, malattia, infortunio, permesso e indisponibilità. L Inps eroga il trattamento previa acquisizione degli elenchi recanti il numero, distinto per ciascuna impresa o agenzia, delle giornate di mancato avviamento al lavoro, predisposti dal Ministro delle infrastrutture e dei trasporti (art. 3.2). Anche per i lavoratori che fruiscono della predetta indennità valgono le regole in tema di decadenza dalla prestazione retro delineate allorché si è parlato di ASpI. IV) Fondi di solidarietà per la tutela dei lavoratori appartenenti a settori non coperti dalla normativa in materia di integrazione salariale. Il legislatore, al dichiarato fine di assicurare, entro l anno 2013, la definizione di un sistema inteso ad assicurare adeguate forme di sostegno per i lavoratori dei diversi comparti, prevede che le OO.SS. sindacali e imprenditoriali, comparativamente più rappresentative a livello nazionale, stipulano, entro sei mesi dall entrata in vigore della legge, accordi collettivi e contratti collettivi, anche intersettoriali, aventi ad oggetto la costituzione di fondi di solidarietà bilaterali per i settori non coperti dalla disciplina in tema di integrazione salariale, con la finalità di assicurare ai lavoratori una tutela in costanza di rapporto di lavoro nei casi di riduzione o sospensione dell attività lavorativa per cause previste dalla normativa in materia di integrazione salariale ordinaria o straordinaria. L istituzione dei fondi di solidarietà è obbligatoria per tutti i settori non coperti dalla normativa in materia di integrazione salariale in relazione alle imprese che occupano 7

8 mediamente più di quindici dipendenti escluso il personale dirigente, a meno che non sia espressamente previsto. I predetti accordi o contratti possono altresì prevedere che nell istituendo fondo di solidarietà confluisca anche l eventuale fondo interprofessionale. Il fondo di solidarietà non ha personalità giuridica e costituisce gestione dell Inps. Una volta stipulato l accordo, entro tre mesi, si provvede all istituzione presso l Inps dei predetti fondi con decreto del Ministro del lavoro di concerto con il Ministro dell economia. Gli oneri di amministrazione di ciascun fondo sono determinati secondo i criteri fissati dal regolamento di contabilità dell Inps. I fondi di solidarietà, oltre a erogare prestazioni omologhe alle integrazioni salariali, possono erogare ulteriori e diverse prestazioni individuate specificamente dal legislatore. È prevista altresì la possibilità di istituire fondi di solidarietà anche per i settori coperti dalla legislazione in tema di integrazione salariale, per l erogazione delle prestazioni indicate supra. Per i settori, tipologie datori di lavoro e classi dimensionali comunque superiori ai quindici dipendenti, non coperti dalla normativa in materia di integrazione salariale, per i quali non vi sia stata l istituzione di un fondo di solidarietà, è istituito, con decreto non regolamentare del Ministro del lavoro, un fondo di solidarietà residuale, cui contribuiscono i datori di lavoro dei settori identificati. Il fondo di solidarietà residuale è finanziato con i contributi dei datori di lavoro e dei lavoratori dei settori coperti e l aliquota contributiva ordinaria è determinato con decreto ministeriale e garantisce la prestazione di un assegno ordinario di importo pari all integrazione salariale, per una durata non superiore a un ottavo delle ore complessivamente lavorabili da computare in un biennio mobile, in relazione alle causali di riduzione o sospensione dell attività lavorativa previste dalla normativa in materia di cassa integrazione guadagni ordinaria e straordinaria. È la decretazione ministeriale a fissare le aliquote di contribuzione ordinaria, ripartita tra datori di lavoro e lavoratori nella misura rispettivamente, di due terzi e un terzo, in maniera tale da garantire la precostituzione di risorse continuative adeguate. Alla contribuzione versata ai fondi si applica la normativa in materia di contribuzione previdenziale obbligatoria, ad eccezione di quelle relative agli sgravi contributivi. 8

9 La contribuzione versata per garantire l erogazione delle prestazioni è versata alla gestione di iscrizione del lavoratore interessato. Il fondo assicura almeno la prestazione di un assegno ordinario di importo pari all integrazione salariale, di durata non superiore a un ottavo delle ore complessivamente lavorabili da computare in un biennio mobile, in relazioni alle causali previste dalla normativa in materia di cassa integrazione ordinaria o straordinaria. Possono altresì essere erogate altre prestazioni specificamente individuate dal legislatore, quali: a) prestazioni integrative dell ASpI, b) assegni straordinari per il sostegno al reddito, c) contributi al finanziamento di programmi formativi di riconversione o riqualificazione professionale. Le prestazioni sono erogate dall Inps al lavoratore. L Inps non può erogare la prestazione se il fondo di solidarietà se non vi è la provvista contributiva. V) Incentivi all esodo. Nei casi di eccedenza del personale, il legislatore riconosce la possibilità che accordi tra datori di lavoro che impieghino mediamente più di 15 dipendenti e le OO.SS. maggiormente rappresentative a livello aziendale possono prevedere, al fine di incentivare l esodo dei lavoratori più anziani, che il datore di lavoro si impegni a corrispondere da un verso ai lavoratori una prestazione di importo pari al trattamento di pensione che spetterebbe in base alle regole vigenti e da altro verso all Inps la contribuzione in favore dei predetti lavoratori sino al raggiungimento dei requisiti minimi per il pensionamento. L accordo può riguardare solo i lavoratori che raggiungono i requisiti minimi per il pensionamento, di vecchiaia o anticipato, nei quattro anni successivi alla cessazione del rapporto di lavoro. L accordo, una volta sottoscritto, per essere efficace necessita di una validazione da parte dell Inps e a tal fine il datore di lavoro presenta domanda all ente previdenziale, corredandola da una fideiussione bancaria a garanzia della propria solvibilità in funzione degli obblighi assunti. Una volta siglato l accordo e ancor prima della validazione da parte dell Inps, il datore di lavoro assume l obbligo di versare mensilmente all Inps le somme necessarie per l erogazione da parte di questi della prestazione ai lavoratori e per la contribuzione figurativa. 9

10 L Inps paga la prestazione con le modalità previste per i trattamenti pensionistici e accredita la contribuzione figurativa. L ente previdenziale non può erogare la prestazione, né accreditare la contribuzione figurativa, se manca il versamento della provvista da parte del datore di lavoro. In ipotesi di mancato pagamento della provvista da parte del datore di lavoro l Inps notifica un avviso di addebito e decorsi 180 giorni senza il pagamento spontaneo da parte del debitore inadempiente procede all escussione della fideiussione. VI) Accordi in deroga. Per il triennio , al fine di garantire la graduale transizione verso il nuovo regime degli ammortizzatori sociali e di assicurare la gestione delle situazioni derivanti dal perdurare dello stato di debolezza dei livelli produttivi del Paese, il Ministro del lavoro può disporre sulla base di specifici accordi governativi e per periodi non superiori a dodici mesi, in deroga alla normativa vigente, la concessione, anche senza soluzione di continuità, di trattamenti di integrazione salariale e di mobilità, anche con riferimento a settori produttivi e ad aree regionali, il tutto nei limiti delle risorse del Fondo sociale per l occupazione e la formazione. È possibile altresì la proroga dei trattamenti in deroga in essere, sempre nei limiti delle risorse finanziarie, sulla base di specifici accordi governativi e per periodi non superiori a dodici mesi, sempre con decreto ministeriale (art. 2.66). In questa ipotesi però il trattamento prorogato è ridotto del 10% in caso di prima proroga, del 30% in caso di seconda proroga e del 40% nel caso di proroghe successive. Nel caso di proroghe successiva alla seconda, le stesse possono essere «erogate» (così testualmente) esclusivamente nel caso di frequenza di specifici programmi di reimpiego, anche miranti alla riqualificazione professionale. Il legislatore, al fine di garantire criteri omogenei di accesso a tutte le forme di integrazione del reddito, prevede l applicazione nei confronti dei lavoratori destinatari di trattamenti di integrazione salariale e di mobilità in deroga delle seguenti regole (art. 2.67): a) anzianità lavorativa presso l impresa di almeno novanta giorni alla data di richiesta del trattamento; 10

11 b) anzianità aziendale di almeno dodici mesi, di cui almeno sei di lavoro effettivamente prestato, ivi compresi i periodi di sospensione del lavoro derivanti da ferie, festività e infortuni, con un rapporto di lavoro a carattere continuativo e comunque non a termine. 11

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

Inoltre, nel campo di applicazione dell ASPI, poiché non espressamente esclusi, rientrano anche i ASPI E NUOVO ASSETTO DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

Inoltre, nel campo di applicazione dell ASPI, poiché non espressamente esclusi, rientrano anche i ASPI E NUOVO ASSETTO DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 28/03/2013. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA

L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) è il nuovo trattamento di disoccupazione destinato a tutti i lavoratori subordinati che

Dettagli

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro ASPI (assicurazione sociale per l impiego) la nuova di disoccupazione In sintesi: La legge n.92/2012 (c.d. Riforma Fornero ) ha previsto l istituzione, a decorrere dal 1 gennaio 2013, della nuova assicurazione

Dettagli

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012 La riforma degli ammortizzatori sociali Legge n. 92 del 28 giugno 2012 1 Il nuovo sistema degli ammortizzatori sociali si fonda su 3 pilastri: O Istituzione dell ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego)

Dettagli

CIRCOLARE INPS CIRCA ASPETTI CARATTERE CONTRIBUTIVO ASPI. Colaci.it

CIRCOLARE INPS CIRCA ASPETTI CARATTERE CONTRIBUTIVO ASPI. Colaci.it CIRCOLARE INPS CIRCA ASPETTI CARATTERE CONTRIBUTIVO ASPI. Colaci.it Tra le novita introdotte dalla riforma di cui alla legge n.92/2012, che entra in vigore dal 18 luglio corrente,figura,in materia di ammortizzatori

Dettagli

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER I DIPENDENTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI ASpI 1) COS E? 2) A CHI SI APPLICA? 3) QUANDO SI PUO RICHIEDERE? 4) QUAL È LA RETRIBUZIONE DI RIFERIMENTO PER IL CALCOLO DELL

Dettagli

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria I decreti attuativi del jobs act Il Governo, alla vigilia di Natale, ha approvato due schemi di D.Lgs, il primo sul contratto a tutele crescenti e il secondo sulla nuova prestazione sociale per l impiego

Dettagli

UNA NUOVA PRESTAZIONE INPS: L ASPI

UNA NUOVA PRESTAZIONE INPS: L ASPI Numero 61 luglio 2013 UNA NUOVA PRESTAZIONE INPS: L ASPI Licenziata su due piedi dalla Riforma del Lavoro del Ministro Fornero (è la legge 92/2012) la vecchia indennità di disoccupazione ha ceduto il posto,

Dettagli

Assicurazione sociale per l impiego

Assicurazione sociale per l impiego Aspi Assicurazione sociale per l impiego La riforma del lavoro voluta dal Governo Monti Fornero ha introdotto una nuova prestazione Inps a sostegno dei disoccupati. Si tratta dell Assicurazione sociale

Dettagli

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere.

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere. La legge 92/2012, composta da 4 articoli, ha modificato ed eliminato numerosi istituti giuridici in materia di lavoro. Nelle pagine che seguono potrete trovare una sintesi delle principali novità contenute

Dettagli

La tutela contro la disoccupazione

La tutela contro la disoccupazione La tutela contro la disoccupazione La nuova Assicurazione Sociale per l Impiego Enrico Barraco Premessa Art. 2, comma 1, riforma A decorrere dal 1 gennaio 2013 e in relazione ai nuovi eventi di disoccupazione

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI

AMMORTIZZATORI SOCIALI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ammortizzatori Sociali Cosa Sono? Ammortizzatori Sociali Art. 38 I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego 11. ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO di Barbara Buzzi Dal 1 gennaio 2013 è istituita una nuova prestazione di sostegno al reddito (Assicurazione Sociale per l Impiego ASpI) che sostituisce le attuali

Dettagli

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 Per gli anni 2014 2017 confermato il percorso di allineamento graduale dell aliquota contributiva ordinaria ASpI e Mini ASpI dovuta

Dettagli

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI)

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ART. 1 - NASPI A decorrere dal 1 Maggio 2015 è istituita una

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

L'Assicurazione Sociale per l'impiego

L'Assicurazione Sociale per l'impiego L'Assicurazione Sociale per l'impiego (ASpI) è la nuova forma di assicurazione istituita presso la Gestione prestazioni temporanee dei lavoratori dipendenti, finalizzata a garantire l'indennità mensile

Dettagli

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI FEDERAZIONE ITALIANA TRASPORTI DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI Come noto il Consiglio dei Ministri ha approvato i primi due decreti attuativi

Dettagli

Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione. LA TUTELA DEL REDDITO nella Legge 28 giugno 2012 n. 92 di Riforma del Mercato del Lavoro

Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione. LA TUTELA DEL REDDITO nella Legge 28 giugno 2012 n. 92 di Riforma del Mercato del Lavoro Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione LA TUTELA DEL REDDITO nella Legge 28 giugno 2012 n. 92 di Riforma del Mercato del Lavoro Marzo 2013 Il sistema di ammortizzatori sociali in Italia Un SISTEMA

Dettagli

Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014. Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI)

Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014. Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014 Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Art. 1 Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego

Dettagli

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015:

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015: GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015: NASPI ASDI DIS-COLL 2015 Con il Jobs Act ideato dal Governo Renzi, l Aspi diventa Naspi, la Nuova prestazione di Assicurazione sociale dell impiego, l indennità

Dettagli

La NASpI è riconosciuta ai lavoratori che hanno perduto involontariamente l occupazione e che presentano congiuntamente i seguenti requisiti:

La NASpI è riconosciuta ai lavoratori che hanno perduto involontariamente l occupazione e che presentano congiuntamente i seguenti requisiti: Schema di decreto legislativo recante Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 67 del 6 Maggio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Dall ASPI alla NASPI: da maggio sono cambiate le tutele dei lavoratori che hanno perso l impiego Gentile cliente, con

Dettagli

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi ASPI e MINI ASPI LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2 Cessazioni dal 1/1/2013 Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi sostituiscono disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti normali disoccupazione

Dettagli

La NASpI sostituisce le prestazioni di ASpI e mini ASpI

La NASpI sostituisce le prestazioni di ASpI e mini ASpI La NASpI sostituisce le prestazioni di ASpI e mini ASpI (articolo 1 comma 2 legge 183/2014) I nuovi Ammortizzatori Sociali: NASpI (Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego) ASDI (Assegno

Dettagli

DISOCCUPAZIONE: ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) (art. 2, commi da 1 a 10 e 12 - entrata in vigore: 1 gennaio 2013)

DISOCCUPAZIONE: ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) (art. 2, commi da 1 a 10 e 12 - entrata in vigore: 1 gennaio 2013) DISOCCUPAZIONE: ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) (art. 2, commi da 1 a 10 e 12 - entrata in vigore: 1 gennaio 2013) Chi sono i destinatari: tutti i lavoratori dipendenti, compresi gli apprendisti

Dettagli

Ivrea, 8 maggio 2015

Ivrea, 8 maggio 2015 Ivrea, 8 maggio 2015 NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) D.LGS 22 DEL 4 MARZO 2015 A decorrere dal 1 maggio 2015 è istituita presso la Gestione prestazioni temporanee ai lavoratori

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

SPECIALE RIFORMA MERCATO DEL LAVORO AMMORTIZZATORI SOCIALI

SPECIALE RIFORMA MERCATO DEL LAVORO AMMORTIZZATORI SOCIALI Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita. LEGGE n. 92 28 giugno 2012 Affrontiamo una prima analisi del testo di legge pubblicato in gazzetta ufficiale, focalizzando

Dettagli

La riforma degli ammortizzatori sociali ASPI e MINIASPI

La riforma degli ammortizzatori sociali ASPI e MINIASPI La riforma degli ammortizzatori sociali ASPI e MINIASPI La legge 28 giugno 2012 n. 92, di riforma del mercato del lavoro, opera un riassetto dell intera disciplina degli ammortizzatori sociali. Sul fronte

Dettagli

Quadro di sintesi normativa

Quadro di sintesi normativa Allegato n.1 Quadro di sintesi normativa Articolo 19 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 Articolo 7 ter del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito

Dettagli

NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS

NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS Come è noto, il decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22, pubblicato nella G.U. n. 54 del 6/3/2015, ha dettato nuove norme

Dettagli

Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze INPS

Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze INPS 1 Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze 3 3 Provincia di Firenze POPOLAZIONE RESIDENTE 998.098 LAVORATORI OCCUPATI

Dettagli

Tabelle di sintesi in materia di ammortizzatori sociali e disoccupazione involontaria D.L.vo n. 22/2015

Tabelle di sintesi in materia di ammortizzatori sociali e disoccupazione involontaria D.L.vo n. 22/2015 Tabelle di sintesi in materia di ammortizzatori sociali e disoccupazione involontaria D.L.vo n. 22/2015 Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Argomento CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

ASPI assicurazione sociale per impiego

ASPI assicurazione sociale per impiego ASPI assicurazione sociale per impiego Riforma del mercato del lavoro Legge 92/2012 Enzo Mologni 01-10-2013 ASPI Assicurazione sociale per impiego dal 01-01-2013 In vigore dal 1/1/2013 è un indennità mensile

Dettagli

Articolo 2: Ammortizzatori sociali

Articolo 2: Ammortizzatori sociali Articolo 2: Ammortizzatori sociali di D. Morena Massaini - Consulente del lavoro Commi 1-24, 40-43 La legge di riforma si prefigge il riordino e miglioramento delle tutele in caso di perdita involontaria

Dettagli

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 TUTELA ottavo 10-2012:Layout 1 18-10-2012 14:44 Pagina 3 quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 Tutela IISN 0010-6348 Sped. in abb. postale 45% Roma - art. 2 comma 20 b legge 662/96

Dettagli

Paola Sanna e Luca Vichi

Paola Sanna e Luca Vichi MERCATO DEL LAVORO: sostegno al reddito 6 ammortizzatori sociali a cura di Paola Sanna e Luca Vichi IN COLLABORAZIONE CON LA RIFORMA DEL LAVORO AMMORTIZZATORI SOCIALI 6 LA RIFORMA DEL LAVORO continua ONLINE

Dettagli

e, per conoscenza, 1. Disciplina della indennità di disoccupazione ASpI ai lavoratori sospesi

e, per conoscenza, 1. Disciplina della indennità di disoccupazione ASpI ai lavoratori sospesi Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 14/03/2013 Circolare n. 36 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA?

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A C U R A D I F R A N C E S C O G E R I A C O N S U L E N T E D E L L A V O RO W W W. L A B O R T R E. W O R D P RE S S. C O M In queste pagine potete trovare una breve sintesi

Dettagli

I Contributi dei Soci 2/2015 CENTRO STUDI

I Contributi dei Soci 2/2015 CENTRO STUDI I Contributi dei Soci 2/2015 CENTRO STUDI Marzo 2015 Carissimi amici e amiche, Ancora un contributo proveniente dal mondo produttivo, che sarà interessato molto dai decreti sugli ammortizzatori sociali,

Dettagli

Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA

Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA Premessa L attuale sistema di ammortizzatori sociali è caratterizzato da una estrema disomogeneità delle tutele tra settori, classe di ampiezza dell impresa

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Maurizio

Dettagli

Milano Bologna Roma Catania. 17 marzo 2015 CIRCOLARE n. (3)

Milano Bologna Roma Catania. 17 marzo 2015 CIRCOLARE n. (3) 17 marzo 2015 CIRCOLARE n. (3) DECRETO LEGISLATIVO 4 MARZO 2015 N. 22 Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione

Dettagli

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL Decreto Legislativo n. 22 del 4/03/2015 (G.U. n. 54 de 6/03/2015) Disposizioni per il riordino della normativa in materia

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta. Consulenti del Lavoro DESTINATARI

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta. Consulenti del Lavoro DESTINATARI Studio Nicco Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta Consulenti del Lavoro Carcare, 26.05.2015 A tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: NASpI Circolare Inps 94/2015 Il 1 maggio

Dettagli

Ammortizzatori sociali NASPI INDICE Art 1 - NASpI Art 15 Indennità per Lavoratori in Co. Co. Co. e a progetto (DIS-COLL)

Ammortizzatori sociali NASPI INDICE Art 1 - NASpI Art 15 Indennità per Lavoratori in Co. Co. Co. e a progetto (DIS-COLL) Ammortizzatori sociali NASPI SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

Note esplicative dell'emendamento 22.900, sostitutivo degli articoli da 22 a 40

Note esplicative dell'emendamento 22.900, sostitutivo degli articoli da 22 a 40 Note esplicative dell'emendamento 22.900, sostitutivo degli articoli da 22 a 40 Riguarda gli ammortizzatori sociali, le tutele nel corso di un rapporto di lavoro e la protezione dei lavoratori anziani

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PENSIONI 2013 PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE IL DECRETO PER LA PEREQUAZIONE AUTOMATICA DELLE PENSIONI 2012 E 2013 La perequazione automatica - o rivalutazione

Dettagli

DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE VISTO l articolo 3 della legge 28 giugno 2012, n. 92, volto ad assicurare, ai lavoratori dei settori non coperti dalla normativa in materia d integrazione salariale, una tutela in costanza di rapporto

Dettagli

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione.

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione. CIRCOLARE SETTIMANALE N. 3 FEBBRAIO 2013 INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASPI E MINI ASPI A decorrere dal 1 gennaio 2013 a tutti i lavoratori dipendenti (compresi gli apprendisti; i soci lavoratori di cooperativa

Dettagli

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Dott. Salvatore Vitiello Consulente del lavoro Convegno «La riforma del lavoro - Jobs Act. COSA CAMBIA DAVVERO» Milano, 24 marzo 2015 www.hrcapital.it

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

La riforma Fornero. Milano, 5 e 12 settembre 2012

La riforma Fornero. Milano, 5 e 12 settembre 2012 La riforma Fornero Milano, 5 e 12 settembre 2012 Dimissioni Con il termine dimissioni in bianco si indica una pratica, in realtà molto più diffusa di quanto correntemente si pensi e si dica, per la quale

Dettagli

www.inas.it febbraio 2015

www.inas.it febbraio 2015 www.inas.it febbraio 2015 Ammortizzatori sociali Il Jobs act prevede l istituzione di nuove prestazione a sostegno del reddito: si tratta di Naspi, Dis-coll e Asdi. La legge ha stabilito che, in caso di

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI. NASpI E DIS-COLL

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI. NASpI E DIS-COLL NASpI E DIS-COLL A tutte le Aziende Clienti Del settore paghe Con la riforma del lavoro, cd. JOBS ACT, il governo è stato incaricato di riordinare la normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 33 del 4 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Jobs act: le novità in materia di tutele crescenti e ammortizzatori sociali Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

AGENS Agenzia confederale dei Trasporti e Servizi

AGENS Agenzia confederale dei Trasporti e Servizi Roma, 11 marzo 2015 Prot. n. 019/15/D.11. Alle Aziende associate L o r o S e d i OGGETTO: D.Lgs. 4 marzo 2015 n. 22 Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in

Dettagli

10 GIUGNO 2015 PRESSO ENFAP PIEMONTE

10 GIUGNO 2015 PRESSO ENFAP PIEMONTE Seminario Jobs Act PRESSO ENFAP PIEMONTE Jobs Act FLESSIBILITA IN ENTRATA E IN USCITA POLITICHE SOSTEGNO AL REDDITO POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Jobs Act LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183 (legge delega)

Dettagli

JOBS ACT LEGGE 10 dicembre 2014, n. 183

JOBS ACT LEGGE 10 dicembre 2014, n. 183 JOBS ACT LEGGE 10 dicembre 2014, n. 183 Livorno, c/o CGIL Livorno Via Giotto Ciardi, 8 Porta a Terra JOBS ACT LEGGE 10 dicembre 2014, n. 183 (G.U. 15.12.2014, n. 290) Deleghe al Governo in materia di riforma

Dettagli

ASpI e mini-aspi: l Inps individua i destinatari e detta le istruzioni per i datori di lavoro

ASpI e mini-aspi: l Inps individua i destinatari e detta le istruzioni per i datori di lavoro www.bollettinoadapt.it, 21 gennaio 2013 ASpI e mini-aspi: l Inps individua i destinatari e detta le istruzioni per i datori di lavoro di Nicola Porelli L articolo 2 della Legge 28 giugno 2012, n. 92, di

Dettagli

CIRCOLARE n. 11 / 2013

CIRCOLARE n. 11 / 2013 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

Jobs Act : i nuovi ammortizzatori sociali NASPI ASDI DIS-COLL

Jobs Act : i nuovi ammortizzatori sociali NASPI ASDI DIS-COLL Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 114 Marzo 2015 Jobs Act : i nuovi ammortizzatori sociali NASPI ASDI DIS-COLL Riprendiamo l argomento sui nuovi ammortizzatori sociali già sommariamente

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 INDENNITA DIS-COLL Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 1 DESTINATARI Dal 1 gennaio 2015 è stata istituita, in via sperimentale, in relazione agli eventi di cessazione dal lavoro verificatisi

Dettagli

Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione

Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308111 e-mail: alessandria@cgil.al.it - Sito Internet www.cgil.al.it Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori

Dettagli

ESAME DEC.LEGVO AMMORTIZZATORI COLLEGATI STATO DISOCCUPAZIONE E CONTRATTO RICOLLOCAZIONE

ESAME DEC.LEGVO AMMORTIZZATORI COLLEGATI STATO DISOCCUPAZIONE E CONTRATTO RICOLLOCAZIONE API TERAMO Incontro Api Teramo del 5 giugno 2015 Argomento:Ammortizzatori sociali vecchi e nuovi =============== 1. Ammortizzatori sociali vecchi 1.1.Ammortizzatori in costanza di rapporto di lavoro Trattamenti

Dettagli

Circolare di studio n. 1/2015 STUDIO COMMERCIALE E DEL LAVORO DANIELA DI CIOCCIO

Circolare di studio n. 1/2015 STUDIO COMMERCIALE E DEL LAVORO DANIELA DI CIOCCIO Circolare di studio n. 1/2015 STUDIO COMMERCIALE E DEL LAVORO DANIELA DI CIOCCIO Gentile_Cliente, pensando di fare cosa gradita, lo studio Di Cioccio Daniela, vi invia una circolare informativa, riguardante

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Errata Corrige : All articolo 6, punto 3 è stato aggiunto il riferimento al trattamento di mobilità

Dettagli

INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASpI AI LAVORATORI SOSPESI

INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASpI AI LAVORATORI SOSPESI INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASpI AI LAVORATORI SOSPESI L. 92/2012, Art. 3, comma 17 Fonte Dati: INPS Seminari EBAM febbraio2015 Quadro normativo di riferimento Art. 3, comma 17 legge 92/2012 Riconosce

Dettagli

Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO SINDACALE Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 80 Oggetto: Istruzioni Inps su nuova Aspi La circolare Inps sulla nuova Aspi è uscita: è la n. 94 del 12-5-2015. Si tratta

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Le novità del Jobs Act La riforma degli ammortizzatori sociali. Carlo Benedetti Consulente del Lavoro in Trento

Le novità del Jobs Act La riforma degli ammortizzatori sociali. Carlo Benedetti Consulente del Lavoro in Trento Le novità del Jobs Act La riforma degli ammortizzatori sociali Carlo Benedetti Consulente del Lavoro in Trento Legge 183/2014 La legge delega La legge è in vigore dal 16 dicembre 2014. Contiene deleghe

Dettagli

La nuova indennità di disoccupazione: A.S.P.I.

La nuova indennità di disoccupazione: A.S.P.I. La nuova indennità di disoccupazione: A.S.P.I. INDENNITA DI MOBILITA L indennità di mobilità è destinata ad essere progressivamente sostituita dall ASPI (vedi tabella cronologica più avanti) INDENNITA

Dettagli

Politiche del lavoro

Politiche del lavoro Politiche del lavoro insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione Ampia gamma di politiche pubbliche, riconducibili a 3 tipi principali: 1) politiche per

Dettagli

a) favoriscano il mutamento e il rinnovamento delle professionalità; b) realizzino politiche attive di sostegno del reddito e dell occupazione.

a) favoriscano il mutamento e il rinnovamento delle professionalità; b) realizzino politiche attive di sostegno del reddito e dell occupazione. DM 1 luglio 2005, n. 178 Regolamento per l istituzione del Fondo di solidarietà per il sostegno al reddito, dell occupazione, della riconversione e della riqualificazione professionale del personale di

Dettagli

Assicurazione Sociale Per l'impiego A.S.P.I.

Assicurazione Sociale Per l'impiego A.S.P.I. Assicurazione Sociale Per l'impiego A.S.P.I. A.S.P.I. tutela la disoccupazione, ma prevede anche misure di tutela in costanza del rapporto di lavoro in ipotesi di sospensione dell'attività Tutela della

Dettagli

Riforma degli ammortizzatori sociali. a cura di Michele De Carlo

Riforma degli ammortizzatori sociali. a cura di Michele De Carlo a cura di Michele De Carlo 1 Ammortizzatori (ASPI-MOBILITA -CIGS) Istituzione di FONDI di solidarietà di settore Protezione dei lavoratori anziani 2 UNICITA UNIVERSALITA GRADUALITA 3 ASPI - ASSICURAZIONE

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 94 20.05.2015 NASpI: le istruzioni dell INPS Il periodo di contribuzione figurativa per NASpI è utile per la maturazione dell

Dettagli

a) operino in regime di monocommittenza;

a) operino in regime di monocommittenza; Art. 19. Potenziamento ed estensione degli strumenti di tutela del reddito in caso di sospensione dal lavoro o di disoccupazione, nonche' disciplina per la concessione degli ammortizzatori in deroga 1.

Dettagli

Piscaglia Rag. Luca Consulente del lavoro

Piscaglia Rag. Luca Consulente del lavoro San Mauro Pascoli li 14/01/2014 Ai Signori Clienti Loro indirizzi Oggetto: LEGGE DI STABILITÀ 2014 IN SINTESI Sul supplemento ordinario n.87 alla Gazzetta Ufficiale n.302 del 27 dicembre 2013 è stata pubblicata

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 83 del 13 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Indennità ASPI anche per i soci lavoratori delle cooperative Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

SINTESI DELLE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DALLA LEGGE 92/2012 LA RIFORMA DEL LAVORO

SINTESI DELLE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DALLA LEGGE 92/2012 LA RIFORMA DEL LAVORO SINTESI DELLE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DALLA LEGGE 92/2012 LA RIFORMA DEL LAVORO IN VIGORE DAL 18 LUGLIO 2012 1 MERCATO DEL LAVORO L articolo 1 della riforma del mercato del lavoro si fonda principalmente

Dettagli

CAPITOLO 13 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

CAPITOLO 13 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI CAPITOLO 13 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Sommario 13.1. Il nuovo ammortizzatore sociale: la NASpI; 13.2. L Assegno di Disoccupazione. ASDI; 13.3. Contratto di ricollocazione; 13.4. La Cassa Integrazione

Dettagli

Roma, 08/08/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 99

Roma, 08/08/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 99 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 08/08/2014 Circolare n. 99 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli