SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA"

Transcript

1 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione LE DELIZIE DEL SUD SRL A2) Forma giuridica SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA A3) Codice Fiscale Partita IVA A4) Sede legale ERCOLANO NA Comune Provincia CAP VIA MORTA VIOLA N 2 Via e n. civico A5) Telefono Fax zie.it A6) Legale Rappresentante BAGNATI SALVATORE AMMINISTRATORE Cognome Nome Qualifica A7) Atto costitutivo (1) 04/09/1998 REP RACC /12/2050 Estremi Scadenza A8) Capitale sociale (1) ,00 di cui versato ,00 A9) Iscrizione al Registro delle Imprese NAPOLI /09/19 98 Di Al n Dal A10) Iscrizione all INPS NAPOLI 21/12/199 9 COMMERCIO Ufficio di Dal Settore A11) Categoria di impresa (2) , Periodo di riferimento Effettivi ULA Fatturato Totale di bilancio A12) Incaricato dell impresa per la pratica CIRILLO GENNARO Sig. Tel. Fax A13) Indirizzo cui inviare la corrispondenza NAPOLI NA Comune Provincia CAP

2 VIA CERVANTES 55/27 Via e n. civico (1) Solo per le società ed i consorzi; (2) Tutti i dati devono riguardare l ultimo esercizio contabile chiuso e sono calcolati su base annua. Per le imprese di costituzione recente i cui conti non sono stati ancora chiusi, i dati sono stimati in buona fede ad esercizio in corso. 2 / 13

3 B) DATI SUL PROGRAMMA DI INVESTIMENTI B1) Ubicazione dell unità locale oggetto dell investimento: Comune NOLA Provincia NA CAP Via e n civico BOSCOFANGONE ZONA ASI Telefono Fax B2) Tipologia del programma di investimenti ACQUISIZIONE SOFTWARE E HARDWARE B3) Date effettive o previste relative al programma: B3.1) Data (gg/mm/aaaa) di avvio a realizzazione del programma 01/11/2009 B3.2) Data (gg/mm/aaaa) di ultimazione del programma 30/06/2010 B4) Spese del programma (al netto dell IVA) a fronte delle quali si richiedono le agevolazioni Voci di spesa Spese dirette Importo in migliaia di Euro A Progettazione, direzione lavori, piano marketing,accessorie B Impianti C Macchinari, attrezzature e strumenti 10 D Immobilizzazioni immateriali 25 TOTALE 35 C) ELEMENTI PER IL CALCOLO DEL VALORE TECNICO DEL PROGETTO C1) Caratteristiche innovative e qualitative del progetto, sia ai fini dell incremento di efficienza della macchina gestionale, sia in funzione del completamento/ potenziamento di infrastrutture ICT già esistenti : Le strutture ICT già esistenti sono strutture di impianto tradizionale, ovvero un programma di contabilità generale che consente tutte le registrazioni ed elaborazioni richieste dal Legislatore civilistico e fiscale ed un programma di magazzino adottato in ossequio agli obblighi imposti dal Legislatore fiscale. La realizzazione del progetto consentirà di adottare un moderno strumento direzionale, in cui le registrazioni obbligatorie saranno solo un sottosistema. L Amministrazione della società avrà a disposizione un cruscotto direzionale completo, attraverso l introduzione di adeguati strumenti di ITC. a)azioni specifiche da svolgere, con particolare riguardo alle modalità organizzative e gestionali : Le azioni organizzative e gestionali da compiere in attuazione del progetto prevedono un potenziamento dell organico societario attraverso tre nuove assunzioni, una ridefinizione dei ruoli e mansioni, un programma di formazione ed un graduale percorso verso la certificazione in qualità delle procedure aziendali b) gli interventi da realizzare potenzieranno le attività della filiera produttiva (impianti di trasformazione, punti vendita aziendali, introduzione e/o sviluppo dell e-commerce) Il programma da realizzare consentirà di : - definire le procedure immissione e vendita del prodotto, con un costante controllo a due livelli; - controllare in maniera costante il livello delle dotazioni di scorte; 3 / 13

4 - impiantare una contabilità per reparti e centri di costo; - razionalizzare tutti i processi collegati quali ad es. la raccolta remote degli ordini provenienti dalla rete agenti - disporre in tempo reale delle risultanze contabili e statistiche da imputare ai reparti ed ai centri di costo che si impianteranno a seguito di una preliminare fase di analisi della struttura dei costi aziendali preesistente. - disporre di un report aziendale analitico e per macroaree; - condurre tutte le necessarie azioni per la correzione degli scostamenti e per le strategie commerciali di sviluppo; - fornire i dati analitici a consuntivo occorrenti per la redazione dei budget aziendali. c) il progetto è a completamento/potenziamento di infrastrutture di Information & Communication Technology già esistenti: Il progetto introduce, in maniera innovativa, con l investimento ivi descritto, la filosofia di Information & Communication. L innovazione si rende necessaria in considerazione della dimensione aziendale raggiunta e delle concrete prospettive di sviluppo aziendale. d) il progetto prevede il miglioramento dell organizzazione aziendale (riduzione della sottoccupazione aziendale, riconversione e/o incremento occupazionale, ecc.) e della sicurezza sui luoghi di lavoro : L azienda ha già intrapreso il percorso della sicurezza sui luoghi di lavoro. Il progetto consentirà di raggiungere livelli elevati di economicità della gestione e di monitoraggio delle procedure da certificare in qualità. L organizzazione aziendale sarà di riflesso migliorata. L organico attuale prevede sei dipendenti di cui due addetti amministrativi e quattro operai. Il programma comporterà l assunzione di quattro ulteriori dipendenti di cui due addetti all amministrazione e due operai. Attualmente in organico vi sono due dipendenti donne. Altre due donne saranno assunte e saranno collocate in amministrazione. C2) Incidenza sulla qualificazione del prodotto/servizio con un relativo aumento della competitività sul mercato L impresa svolge l attività di commercio all ingrosso e i vantaggi di una effettiva realizzazione del progetto saranno misurabili in termini di vantaggio competitivo sul mercato in ordine al servizio ed al prezzo. a) il progetto prevede la realizzazione di nuovi prodotti e/o la diversificazione di alcuni altri e/o la certificazione di qualità delle produzioni/servizi aziendali : Il progetto complessivo prevede la certificazione di qualità delle procedure aziendali. b) Incremento percentuale del Valore Aggiunto aziendale atteso con gli interventi cofinanziati a regime : L incremento percentuale del valore aziendale è valutabile nella misura del 10%. c) Sostenibilità economica, deducibile dal rapporto fra costo totale del progetto e fatturato annuo aziendale : La sostenibilità aziendale è piena se si considera che il fatturato previsto per il 2009 è di ,00 e l investimento previsto per il programma è di ,00 d) Sostenibilità ambientale, in presenza di interventi e/o macchinari che consentono di ridurre le emissioni in atmosfera ovvero di migliorare la gestione dei rifiuti aziendali : L investimento non ha impatto ambientale. L attività dell impresa non ha alcun impatto ambientale. L impresa, in ogni caso, è già in linea con i dettami ambientali imposti con particolare attenzione al ciclo di smaltimento dei rifiuti. (ampliare lo spazio quanto necessario) 4 / 13

5 C3) Rilevanza della componente giovanile e femminile a) - Età dell'amministratore unico ovvero media dei componenti il consiglio di amministrazione (per Società di capitali): Il socio ed amministratore unico Bagnati Salvatore ha 33 anni e l altro socio, Custini Carolina è di sesso femminile ed ha 35 anni, essendo nata il 05/03/1974. I due sono soci entrambi al 50%. b) Sesso del richiedente (impresa individuale), Sesso prevalente dei soci (per Società di persone), dell'amministratore Unico ovvero prevalente fra i componenti del consiglio di amministrazione (per Società di capitali) L amministratore unico della società è di sesso maschile Il capitale è detenuto in maniera paritaria da un socio di sesso maschile e da un altro di sesso femminile (ampliare lo spazio quanto necessario) D) - Allegato Tecnico Spese agevolabili Descrizione (In k/euro) A) PROGETTAZIONE Progettazione 0,00 Direzione dei lavori 0,00 Piano di marketing e accessorie 0,00 TOTALE A) PROGETTAZIONE 0,00 TOTALE SPESE DI PROGETTAZIONE AMMISSIBILI 0,00 B) IMPIANTI Elettrico 0,00 Telematico 0,00 TOTALE B) IMPIANTI 0,00 C) MACCHINARI, ATTREZZATURE E STRUMENTI C.1) Macchinari Macchinario 1 Hardware 10,00 Macchinario 2 0,00 Macchinario 3 0,00 TOTALE MACCHINARI 10,00 C.2) Attrezzature Attrezzatura 1 0,00 5 / 13

6 Attrezzatura 2 0,00 Attrezzatura 3 0,00 C.3) Strumenti TOTALE ATTREZZATURE 0,00 Strumento 1 0,00 Strumento 2 0,00 Strumento 3 0,00 D) IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI TOTALE STRUMENTI 0,00 TOTALE C) MACCHINARI, ATTREZZATURE E STRUMENTI 0,00 Programmi informatici Software integrato 25,00 Acquisizione tecnologia 0,00 0,00 TOTALE D) IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 25,00 TOTALE INVESTIMENTO 35,00 Il sottoscritto Bagnati Salvatore nato a Torre del Greco il 09/05/1976 residente in via Benedetto Cozzolino n 98 Comune Ercolano CAP Provincia Napoli in qualità di /titolare/legale rappresentante/ dell impresa denominata: Le Delizie del Sud Srl forma giuridica società a responsabilità limitata con sede legale in via Morta Viola, n 2 Comune Ercolano CAP Provincia Napoli Iscritta al registro delle imprese di Napoli con il n C.F P.IVA DICHIARA ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445 del 28/12/2000, consapevole delle sanzioni penali, nel caso di dichiarazioni non veritiere e falsità negli atti, richiamate dall art. 76 che tutte le notizie fornite nella presente Scheda tecnica, composta di n. 7 fogli, e nell altra documentazione a corredo del modulo di domanda corrispondono a verità. Luogo e data Napoli li, 06/10/2009 IL LEGALE RAPPRESENTANTE (3) (3) Allegare copia di un documento di identità in corso di validità e sottoscritto, avendo cura che tale copia sia leggibile. In caso di cittadini extracomunitari occorre invece l autenticazione da parte di un pubblico ufficiale (circoscrizione, notaio o ambasciata). 6 / 13

7 BUSINESS PLAN DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N Descrizione dell attività dell impresa e del mercato dove opera a) Forma giuridica e compagine sociale Le Delizie del Sud Srl, società a responsabilità limitata, costituita in data 04/09/1998. capitale sociale ,00 i.v.. Soci: Salvatore Bagnati, nato a Torre del Greco il 09/05/1976 e residente in Ercolano, alla Via Benedetto Cozzolino, 98 C.F. BGNSVT76E09L259M; socio al 50% ed amministratore unico. Carolina Custini, nata a Torre del Greco il 05/03/1974 e residente in Ercolano, alla Via Benedetto Cozzolino, 98 C.F. CSTCLN74C45L259U, coniugata con Salvatore Bagnati; socio al 50%. b) Oggetto sociale La società ha per oggetto le seguenti attività: - il commercio all ingrosso di generi alimentari freschi e secchi, di largo consumo. c) Breve storia I soci sono Salvatore Bagnati, imprenditore da più di 10 anni nel settore, con una quota di partecipazione pari al 50% del capitale sociale e la moglie, Sig.ra Carolina Custini che detiene la restante quota del 50%. L attività aziendale viene svolta in Nola Via Boscofangone zona ASI, in un capannone industriale con condotto in seguito a stipula di contratto di leasing immobiliare (10/06/2008). In pochi anni, grazie alla corretta impostazione commerciale dell azienda e all esperienza che, se recepita in maniera veloce e corretta, può costituire il know - how aziendale più rilevante, l azienda ha potuto raggiungere livelli di fatturato ragguardevoli, ed è in continua espansione. Nel novembre del 2005 la società fu trasformata da società in accomandita semplice a società a responsabilità limitata, con un capitale iniziale da trasformazione di ,00. In data 27/07/2007 il capitale fu portato ad ,00, utilizzando per l aumento ,00 di finanziamenti infruttiferi ai quali i soci avevano avevano rinunciato ed ,00 attinti dalla riserva c/futuro aumento di capitale. In sede di aumento del capitale sociale, fu conseguentemente nominato il collegio sindacale, formato da tre membri effettivi e da due membri supplenti. La società si avvale dell apporto dell amministratore, di due addetti all amministrazione/contabilità, e di altri quattro dipendenti con mansioni miste di magazzinieri/addetti alle consegne. I dipendenti sono tutti regolarmente assunti. Viene inoltre effettuata una costante opera consulenziale, da parte di professionisti incaricati, presso la sede amministrativa della società. La politica societaria di destinazione dei profitti aziendali è stata dall inizio improntata all autofinanziamento in capitale circolante e in capitale fisso nonché all impiego in attività finanziarie con rischio nullo, anche se a rendimento contenuto. La società è in fase di continua espansione, come testimoniato dai fatturati e dall andamento della redditività. A questo punto della vita societaria occorre ridefinire l assetto organizzativo e programmare criteri moderni di gestione aziendale. 7 / 13

8 d) settore di attività Il settore di riferimento di partenza è quello alimentare. La zona geografica di competenza è la Campania ed il basso Lazio. Nella prima fase l impresa nasce e si sviluppa come impresa di commercializzazione all ingrosso di generi alimentari. I pr I prodotti commercializzati sono quelli cosiddetti secchi, a lunga conservazione, e dal 2005 anche la linea di prodotti freschi conservati in apposita cella frigo. A ti A titolo esemplificativo e non esaustivo fra i prodotti secchi è possibile includere: - Le - legumi in scatola ed in vetro; - Oi - oli alimentari; - Pr_ prodotti derivati dalla lavorazione del pomodoro; - Pa- pasta, fette biscottate, biscotti e dolciumi; - M - marmellata e conserve; - Tè- caffé e zucchero; - Fo- formaggi a pasta dura stagionati. Tra - formaggi a pasta molle; - Al- altri derivati dalla produzione del latte. L azielala società opera, per quanto concerne le forniture, in maniera prevalente, con primari gruppi internazionale della GdO, con aziende direttamente produttrici (Mellin, Conserve Italia Spa) Il mil mercato di riferimento della società è costituito da due tipologie di clientela: - P- piccoli distributori e grossisti per una percentuale pari al 70% del fatturato complessivo; - -- rivenditori al dettaglio (minimarket, salumerie ed esercizi assimilabili) per la residua quota di fatturato. 8 / 13

9 c)risultati conseguiti e prospettive di sviluppo La società realizzò nel 2003 un fatturato di ,94. Nel 2004 il fatturato passò ad ,84, con un incremento percentuale del 37%. Il fatturato realizzato nel 2005 fu di ,00 con un incremento di circa il 20% rispetto al Nel 2006 il fatturato fu di ,00, con un ulteriore incremento di oltre il 16%. Il fatturato definitivo al 31/12/2007 è stato di ,00 Nel 2008 si è raggiunto un fatturato di circa ,00. Le previsioni per il 2009 attestano il fatturato intorno ad ,00. d) Descrizione del mercato di riferimento (potere contrattuale dei clienti, rapporti con i fornitori, grado di stagionalità/ciclicità, ecc ) Una rappresentazione a matrice che tenga conto della ripartizione geografica e delle tipologie di clienti potrebbe essere la seguente: Situazione di partenza Zone Grossisti Supermercati Dettaglianti Tot. Napoli e provincia 85% 40% 40% 20% 100% Avellino e provincia 5% 100% 100% Salerno e provincia 5% 20% 80% 100% Caserta e provincia 3% 10% 90% 100% Basso Lazio 2% Tot. 100% Il potere contrattuale dei clienti non è molto forte e la società, in virtù delle leve prezzo/consegna rapida è in grado di selezionare la clientela e di dettare tempi di pagamento rapidi. I rapporti con i fornitori interessati all approvvigionamento sono stati instaurati in questi anni di esperienze commerciale pregressa. Sono rapporti consolidati e non scontano barriere all ingresso di nessun tipo. Il mercato di riferimento non è stagionale e non ha andamenti ciclici che possano assumere particolare rilievo. e) Dimensioni del mercato, andamento storico e previsioni, interscambio con l estero (riportare i risultati di ricerche di mercato, se sono state svolte) Il mercato di riferimento è quello sovradescritto, con una prevalenza di clientela concentrata nell area del Napoletano. Gli obiettivi di sviluppo del fatturato dovrebbero essere raggiunti attraverso una diversa composizione della clientela che dovrebbe privilegiare le dimensioni più grandi e progressivamente abbandonare la dimensione del dettaglio. Le aree in cui espandersi, in considerazione del nuovo posizionamento nell area Nolana, sono state individuate nella provincia di Caserta e di Avellino. Anche nel basso Lazio esistono prospettive di sviluppo potenzialmente molto interessanti. 9 / 13

10 f) Struttura e caratteristiche del sistema competitivo aziendale (descrizione della struttura dell offerta; profilo dei principali concorrenti; grado di competitività del settore; definizione di eventuali barriere all entrata e all uscita; identificazione dei prodotti/servizi sostitutivi) L impresa ha esaminato le determinanti della competitività/redditività del settore. In sintesi: f.1 Concorrenti del settore L intensità della concorrenza è stata esaminata per imprese di dimensioni simili. I vantaggi competitivi della società Le Delizie del Sud Srl in ordine a questa determinante sono il costo fisso competitivo e la possibilità di programmare perfettamente la produzione, senza eccessi di produttività. f.2 Barriere all entrata ed all uscita. La possibilità di penetrare, in partenza, nel medesimo mercato di attività commerciale costituisce una facilitazione all abbattimento delle barriere di ingresso costituite essenzialmente dall identità di marchio. Il mercato è pronto a recepire un marchio che deriva da un impresa già assestata. Le barriere all uscita del settore sono irrilevanti se rapportate ad un azienda con una dimensione ed una flessibilità siffatte. 2. Descrizione tecnica del programma di investimento, in relazione alla quale si chiede il contributo Installazione di un software gestionale integrato Il programma prevede una visita di preinstallazione da parte dei tecnici della ditta che sarà prescelte, allo scopo di controllare la dotazione hardware già suggerita ed indicata nel preventivo di spesa, un export delle anagrafiche dei sistemi attuali, un controllo di coerenza degli archivi e delle strutture merceologiche, un allineamento data base, una fase di istruzioni per l operatività, per il back office e per la direzione, una fase di accompagnamento alla piena funzionalità del programma. Successivamente, i consulenti societari appronteranno le procedure aziendali in stretta collaborazione con la società di certificazione qualità da designare e le procedure saranno delineate sulle possibilità offerte dall impianto strutturale del programma. Un probabile upgrade futuro, al momento non quantificabile, potrà essere la gestione in ITC delle procedure aziendali, che di solito richiedono un utilizzo cospicuo di moduli cartacei. Le aziende fornitrici di software contattate hanno già dato parere favorevole all esigenza gestionale prospettata. 2. descrizione degli obiettivi che si vogliono perseguire 10 / 13

11 Gli obiettivi salienti del programma sono: - una progressiva spersonalizzazione della gestione aziendale attraverso l utilizzo di strumenti che consentano il report aziendale sui principali aggregati economici e sui risultati di dettaglio della gestione; - una condotta gestionale che tenga conto dell approccio di interdipendenza delle varie aree dell impresa, al fine di garantire le decisioni in maniera rapida e razionale; - una formazione qualificata del personale ed un approccio gestionale incentrato sull adozione delle procedure e del rispetto di esse da parte dei centri di responsabilità; - un progressivo avvio alla fase di certificazione in qualità delle procedure aziendali complessive; - un ottenimento di vantaggio competitivo significativo, tale da poter affrontare con la necessaria solidità la vita aziendale futura; - la massimizzazione del profitto aziendale attraverso il controllo delle diseconomie aziendali; 3. indicazione delle modalità attraverso cui l acquisizione di beni e servizi finalizzati all utilizzazione dei sistemi informativi ed informatici introducano presso l impresa richiedente innovazione rispetto ai settori ICT L innovazione aziendale è totale ed è raggiungibile attraverso un investimento estremamente contenuto. L input all innovazione deriva dall Amministratore e dallo staff di consulenti che intendono impostare la condotta gestionale secondo criteri di modernità ed efficienza. Oltre all introduzione dello strumento applicativo che già consente di per se un innovazione sostanziale, c è da valutare il programma di formazione continua del personale e l introduzione di una nuova filosofia di gestione a tutti i livelli. L innovazione consisterà in un approccio lavorativo diverso, in una razionalizzazione dei tempi di lavoro e nella possibilità per la direzione di poter costantemente monitorare tutte le aree aziendali 11 / 13

12 4.prospetto analitico delle spese (al netto d IVA) che si vogliono sostenere In allegato EXCEL si riporta il dettaglio dell investimento riconducibile a Macchinari impianti ed attrezzature (hardware) per ,00 e ad Immobilizzazioni immateriali (Software) PER ,0 Si riporta il conto economico previsionale Programma degli investimenti Piano finanziario del programma con indicazione delle modalità di copertura a carico dell impresa Descrizione del piano finanziario per la copertura dei fabbisogni derivanti dalla realizzazione dell investimento proposto (v. tabella in calce). La proprietà interverrà con capitale proprio per ,00, pari al 54% dell investimento. La restante quota, di ,00, pari al restante 46% viene richiesta a contributo Fonti di finanziamento 12 / 13

13 PROIEZIONI ECONOMICO-FINANZIARIE IMPRESA RICHIEDENTE Si riportano le previsioni per l anno a regime (2010) e per l anno immediatamente precedente (2009). Dati economico-finanziari Luogo e data Napoli li, 06/10/2009 IL LEGALE RAPPRESENTANTE 13 / 13

14 Relazione Tecnica In premessa è opportuno riportare l iter decisionale che spinto il sottoscritto nella qualità di amministratore e socio della società Le Delizie del Sud Srl a intraprendere il percorso di ITC nella propria azienda. L esperienza più che decennale in questa attività ha comportato il confronto continuo con realtà aziendali di dimensioni maggiori o con realtà di dimensioni simili alla società Le Delizie del Sud che però,già da tempo,avevano adottato soluzioni gestionali all avanguardia. In particolare, alcune aziende di commercio all ingrosso ubicate al Centro Nord ed alcune aziende campane di Cash&Carry, adottavano strumenti gestionali estremamente innovativi e di utilizzo immediato. Nel contempo c è da dire che l area consulenziale della società spingeva per un cambiamento strategico degli strumenti di gestione; tale cambiamento passava anche attraverso la progressiva spersonalizzazione della gestione e la formalizzazione di procedure soggette a controllo e verifica costante. A ciò si aggiunga che i livelli di fatturato raggiunti e le previsioni di rafforzamento ed incremento dell organico societario attuale, consigliavano di introdurre nell azienda il cambiamento. Il passo successivo è stato quello di sondare il mercato di riferimento e di convocare presso l azienda i tecnici delle ditte selezionate, allo scopo di fornire dimostrazioni all amministrazione ed agli addetti aziendali direttamente interessati. La selezione delle offerte ha privilegiato gli aspetti gestionali e procedurali, la qualità del servizio pre e post vendita. LE DELIZIE DEL SUD S.r.l. SEDE LEGALE: VIA MORTA VIOLA n 2 ERCOLANO NA - UNITA LOCALE VIA CERVANTES N.55/27 NAPOLI NA CAPITALE SOCIALE ,00 INTERAMENTE VERSATO - PARTITA I.V.A TELEFONO: FAX web:

15 Alla fine si è ritenuto di mettere in concorrenza le due offerte presentate nella documentazione di spesa del presente bando. Entrambi sono strumenti di gestione integrata che ogni PMI, con prospettiva di crescita deve avere. Grazie all efficace e tempestivo accesso a un numero consistente di informazioni totalmente affidabili, manager e dipendenti possono prendere decisioni fondate su dati consistenti. Gli strumenti di cui un impresa ha bisogno per gestire il proprio business sono per le varie aree definite all interno: Amministrazione Rapida configurazione e backup dei dati, definizione dei tassi di cambio, configurazione di autorizzazioni e messaggi di allarme, accesso a informazioni presenti in altre applicazioni. Contabilità Snellimento di tutte le attività contabili, tra cui contabilità generale, configurazione e aggiornamento del piano dei conti, gestione multivaluta, budget, elaborazioni previsionali quali business plan e valutazioni d investimenti. Vendite Creazione di offerte, registrazione di ordini cliente, gestione delle consegne, aggiornamento dello stock a magazzino, registrazione fatture e gestione pagamenti. Acquisti Gestione di tutte le attività dei fornitori, tra cui contratti, ordini d acquisto, aggiornamenti livello giacenze, gestione resi, note di credito e pagamenti. LE DELIZIE DEL SUD S.r.l. SEDE LEGALE: VIA MORTA VIOLA n 2 ERCOLANO NA - UNITA LOCALE VIA CERVANTES N.55/27 NAPOLI NA CAPITALE SOCIALE ,00 INTERAMENTE VERSATO - PARTITA I.V.A TELEFONO: FAX web:

16 Business partner Gestione di tutte le informazioni relative a clienti, rivenditori e fornitori, incluse anagrafiche, storico contatti, saldi, analisi della pipeline. Transazioni bancarie Gestione di tutte le operazioni finanziarie, come entrate di cassa, depositi, pagamenti anticipati, pagamenti con carta di credito e riconciliazione estratti conto bancari. Gestione del magazzino Gestione anagrafica materiali, delle giacenze, listini prezzi, accordi speciali, movimentazione tra magazzini e valorizzazione merce a magazzino. Controlling Definizione dei centri di profitto e delle relazioni con il piano dei conti, generazione di report sui profitti e perdite per singolo centro di costo. Reporting Creazione di report mirati per qualsiasi area e attività dell impresa, tra cui situazioni debitorie di clienti/fornitori, vendite, flusso di cassa, storico contatti clienti, contabilità, stock magazzino, conto economico, pricing, attività clienti. Gestione delle opportunità commerciali Possibilità di utilizzare tutti gi strumenti che valutano le opportunità commerciali, inclusi margine lordo e inventario. Le altre caratteristiche tecniche illustrate sono: * Manualistica in linea oltre che stampabile * CRM integrato * Definizione cicli di approvazione * Invio documenti , fax LE DELIZIE DEL SUD S.r.l. SEDE LEGALE: VIA MORTA VIOLA n 2 ERCOLANO NA - UNITA LOCALE VIA CERVANTES N.55/27 NAPOLI NA CAPITALE SOCIALE ,00 INTERAMENTE VERSATO - PARTITA I.V.A TELEFONO: FAX web:

17 * Invio Allert via SMS, , fax * Configurazione password * Possibilità di scambiare dati con fogli elettronici * Gestione contemporanea di più esercizi e più aziende * Stampa di documenti fiscali su carta bianca. In sede di definizione dell acquisizione del software sarà espressamente richiesta un implementazione del programma che consenta la gestione informatizzata delle procedure aziendali con le schede di valutazione previste dal manuale della società che certificherà in qualità. Napoli li, 06/10/2009 In fede L Amministratore Unico Salvatore Bagnati LE DELIZIE DEL SUD S.r.l. SEDE LEGALE: VIA MORTA VIOLA n 2 ERCOLANO NA - UNITA LOCALE VIA CERVANTES N.55/27 NAPOLI NA CAPITALE SOCIALE ,00 INTERAMENTE VERSATO - PARTITA I.V.A TELEFONO: FAX web:

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione Topway S.r.l. A2) Forma giuridica Società a responsabilità limitata A3) Codice Fiscale 03305660619

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione Mavi Drink A2) Forma giuridica srl A3) Codice Fiscale 03196350361 Partita IVA 03196350361 A4) Sede

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione ALBA GAMMA S.R.L. A2) Forma giuridica SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA A3) Codice Fiscale 01196940629

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione 1..2..PRINT S.R.L. A2) Forma giuridica Società a Responsabilità Limitata A3) Codice Fiscale 05464751212

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione COOPERATIVA SOCIALE L UOMO E IL LEGNO A2) Forma giuridica COOPERATIVA SOCIALE A3) Codice Fiscale

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione ATELIER VACANZE SRL A2) Forma giuridica SOCIETA' A RESPONSABILITA'LIMITATA A3) Codice Fiscale 5275911211

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione RAMOS A2) Forma giuridica Società a responsabilità limitata A3) Codice Fiscale 07526020636 Partita

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione ITAL DATA S.R.L. A2) Forma giuridica SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA A3) Codice Fiscale 07513530639

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A1) Denominazione S.I.T.I. SOCIETA ITALIANA TURISMO INTERNAZIONALE S.R.L. A2) Forma giuridica Società a responsabilità

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI

Dettagli

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Solution Brief SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Business One è una soluzione semplice ed efficace, che soddisfa le esigenze specifiche delle piccole e medie imprese.

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione SCACCO MATTO A2) Forma giuridica COOPERATIVA SOCIALE A3) Codice Fiscale 02615730617 Partita IVA

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione SEMAK SRL A2) Forma giuridica Società a Responsabilità Limitata A3) Codice Fiscale 03973380656 Partita

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A1) Denominazione GEVI GRANDI IMPIANTI DI GENTILE GESUALDA & C. S.A.S. A2) Forma giuridica SOCIETA IN ACCOMANDITA

Dettagli

ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO

ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO REGIME DI AIUTI DE MINIMIS EX REG. (CE) N. 1998/2006 PER L INNOVAZIONE

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

Gestione aziendale semplificata

Gestione aziendale semplificata SAP Solution Brief Soluzioni SAP per la piccola e media impresa SAP Business One Obiettivi Gestione aziendale semplificata Gestisci efficacemente la tua piccola impresa assicurandone la crescita Gestisci

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI

Dettagli

Business plan: prima parte descrittiva; indice ragionato degli argomenti

Business plan: prima parte descrittiva; indice ragionato degli argomenti Allegato 2 Business plan: prima parte descrittiva; indice ragionato degli argomenti A. L impresa e i suoi protagonisti * Presentazione dell impresa (forma e composizione societaria, oggetto sociale, breve

Dettagli

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi.

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi. Criteri per la predisposizione del bando INNOVA RETAIL 3 Premessa La DG Commercio, Turismo e Servizi ha supportato le imprese lombarde nelle nuove sfide del mercato globalizzato, sia puntando sulle sinergie

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE ALLEGATO N. 5 A1) Denominazione CENTRO BENESSERE DOTT.SSA MEROLLA A2) Forma giuridica S.A.S. A3) Codice Fiscale 07769380630 Partita

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A1) Denominazione KOKO SAS DI SANDRO FUSCO A2) Forma giuridica SOCIETA IN ACCOMANDITA SEMPLICE A3) Codice Fiscale

Dettagli

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione integrata della produzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione e il controllo della produzione J-Mit di Revorg è la soluzione gestionale flessibile

Dettagli

ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO

ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO REGIME DI AIUTI DE MINIMIS EX REG. (CE) N. 1998/2006 PER L INNOVAZIONE

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione Devdata A2) Forma giuridica S.r.l. A3) Codice Fiscale 06017551216 Partita IVA 06017551216 A4) Sede

Dettagli

Ministero dello SviluppoEconomico

Ministero dello SviluppoEconomico ALLEGATO 1 Ministero dello SviluppoEconomico Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica Direzione Generale per l Incentivazione delle Attività Imprenditoriali FONDO PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA

Dettagli

PATRIMONIO DESTINATO Veneto Sviluppo S.p.A.

PATRIMONIO DESTINATO Veneto Sviluppo S.p.A. PATRIMONIO DESTINATO Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera (VE) Sito internet: www.venetosviluppo.it E-mail: partecipazioni@venetosviluppo.it PROPOSTA D INVESTIMENTO Patrimonio

Dettagli

Assistenza al Credito

Assistenza al Credito Assistenza al Credito GUIDA PRATICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 2 Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio di banche nato per semplificare l uso dei prodotti bancari e migliorare le conoscenze finanziarie

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione MAXFON CAMPANIA SRL A2) Forma giuridica SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA A3) Codice Fiscale 03170570612

Dettagli

Nominativo Codice fiscale Qualifica. Nominativo Codice fiscale Qualifica

Nominativo Codice fiscale Qualifica. Nominativo Codice fiscale Qualifica REPUBBLICA ITALIANA FONDO PER LO SVILUPPO DEL SISTEMA COOPERATIVISTICO IN SARDEGNA P.O. FSE 20072013 Obiettivo Competititvità Regionale e Occupazione Asse I Obiettivo c.1 Allegato Domanda di finanziamento

Dettagli

IL CASO DELL AZIENDA. www.softwarebusiness.it

IL CASO DELL AZIENDA. www.softwarebusiness.it LA SOLUZIONE SAP NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE IL CASO DELL AZIENDA Perché SAP Contare su un sistema che ci consente di valutare le performance di ogni elemento del nostro listino è una leva strategica

Dettagli

linee guida per la compilazione del Business Plan 1/11 Linee Guida per la compilazione del Business Plan

linee guida per la compilazione del Business Plan 1/11 Linee Guida per la compilazione del Business Plan linee guida per la compilazione del Business Plan / Linee Guida per la compilazione del Business Plan Business Plan / La presente guida illustra le modalità di compilazione del Business Plan da parte dell

Dettagli

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi MODELLO DI BUSINESS PLAN Schema esemplificativo per la redazione del piano d impresa 1) CURRICULUM VITA DEI PROPONENTI O SOCI DELL IMPRESA 2) DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1 DESCRIZIONE ANALITICA DEL PRODOTTO/SERVIZIO

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA DIPARTIMENTI SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007-2013

Dettagli

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio attraverso il quale l industria bancaria lavora per semplificare l uso dei prodotti

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

ALLEGATO B PROGETTO SISTEMA AMMINISTRATIVO CONTABILE DYNAMICS NAV

ALLEGATO B PROGETTO SISTEMA AMMINISTRATIVO CONTABILE DYNAMICS NAV ALLEGATO B PROGETTO SISTEMA AMMINISTRATIVO CONTABILE DYNAMICS NAV Indice 1 OGGETTO DELLA REALIZZAZIONE 1 2 ELEMENTI DELLA PROPOSTA TECNICA DEL SISTEMA E DEL PROGETTO DI IMPLEMENTAZIONE 2 3 INFORMAZIONI

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

Presenta domanda di FINANZIAMENTO AGEVOLATO ai sensi della L.R. n. 32 del 23/12/2000 art. 60 comma 1 punto 1

Presenta domanda di FINANZIAMENTO AGEVOLATO ai sensi della L.R. n. 32 del 23/12/2000 art. 60 comma 1 punto 1 tratto di finanziamento non può essere FONDO REGIONALE COMMERCIO Mod. n. 60.01 DOMANDA DI FINANZIAMENTO ai sensi della L.R. 23/12/2000 n. 32 art. 60 comma 1 punto 1 e succ. m. e i. AIUTI ALL INVESTIMENTO

Dettagli

SOLUZIONE GESTIONALE SISTEMI sistemi Professione Informatica www.sistemi.com QUATTRO ELEMENTI CHIAVE CHE ASSICURANO FUTURO ALLA TUA AZIENDA. 1 SEMPLICITÀ a disposizione della gestione aziendale. 2 GARANZIA

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT)

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) Sintesi dei requisiti e dei contenuti Il Piano Aziendale dovrà descrivere: la situazione iniziale dell azienda agricola e gli elementi cardine

Dettagli

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo di uscita Il Perito in Amministrazione, finanza e marketing ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico aziendali nazionali

Dettagli

Programma Attività Produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs.

Programma Attività Produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs. Programma Attività Produttive Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs. Misura Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle PMI piemontesi

Dettagli

Arca Evolution è: Controllo di Gestione Flussi Finanziari CRM Business Intelligence Logistica Produzione per Commessa

Arca Evolution è: Controllo di Gestione Flussi Finanziari CRM Business Intelligence Logistica Produzione per Commessa Arca Evolution è: Controllo di Gestione Flussi Finanziari CRM Business Intelligence Logistica Produzione per Commessa La soluzione software per la gestione completa dell Azienda EVOLUTION è Potente, integrato,

Dettagli

ALLEGATO C6. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 5 Art. 13 comma 12 lett. a

ALLEGATO C6. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 5 Art. 13 comma 12 lett. a ALLEGATO C6 PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 5 Art. 13 comma 12 lett. a 1. DATI IMPRESA RICHIEDENTE Denominazione o Ragione Sociale Sede Legale Partita Iva Regime contabile

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI

COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI ******* Formazione Unindustria Treviso 29 Novembre 2004 Indice Brevi richiami all attività direzionale e al budget...2 L Attività Direzionale... 2 Il Budget...

Dettagli

RAGIONE SOCIALE: SOCIETA DI CAPITALI, PERSONE, PER AZIONI, SETTORE MERCEOLOGICO: ANNO DI COSTITUZIONE DELLA SOCIETA : N SOCI E QUOTE: ALTRE SEDI:

RAGIONE SOCIALE: SOCIETA DI CAPITALI, PERSONE, PER AZIONI, SETTORE MERCEOLOGICO: ANNO DI COSTITUZIONE DELLA SOCIETA : N SOCI E QUOTE: ALTRE SEDI: AZIENDA RAGIONE SOCIALE: SOCIETA DI CAPITALI, PERSONE, PER AZIONI, SETTORE MERCEOLOGICO: TIPO AZIENDA: di produzione Commerciale Di servizio Altro: ANNO DI COSTITUZIONE DELLA SOCIETA : N SOCI E QUOTE:

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

Il business plan. La New Paper srl. Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a.

Il business plan. La New Paper srl. Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a. Corso di Economia e gestione delle imprese II Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a. dott. Matteo Rossi Benevento, 04 febbraio 008 Il business plan E un esercizio che rappresenta

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013

ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 ALLEGATO 9 CIRCOLANTE - Pag. 1 di 16 ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 DGR Basilicata n. 353 del 04.04.2013 DGR Basilicata n. 1399

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione FINCONTATTO S.R.L. SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A2) Forma giuridica SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA A3) Codice Fiscale 03250730615

Dettagli

All'IRFIS FinSicilia S.p.A.

All'IRFIS FinSicilia S.p.A. Mod. 03.F_UNICO Numero pratica Codice cliente DOMANDA DI FINANZIAMENTO (da presentarsi in duplice copia) All'IRFIS FinSicilia S.p.A. (Riservato all'irfis) Via G. Bonanno, 47 90143 - PALERMO LA DITTA PARTITA

Dettagli

Il Reporting Direzionale

Il Reporting Direzionale L offerta di consulenza di Professionisti per l Impresa www.piconsulenza.it A cosa serve il controllo individuare i fattori che determinano le performance misurare le performance informare i responsabili

Dettagli

SPAZIO RISERVATO A FRIE

SPAZIO RISERVATO A FRIE DOMANDA DI FINANZIAMENTO A TASSO AGEVOLATO PER L ATTIVAZIONE DI PRESTITI PARTECIPATIVI A VALERE SULLA SEZIONE PER I DISTRETTI INDUSTRIALI DELLA SEDIA E DEL MOBILE DEL FONDO DI ROTAZIONE PER LE INIZIATIVE

Dettagli

ALLEGATO C1. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI PORTANTI Art. 12 comma 12 lett. a SCHEDA 1

ALLEGATO C1. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI PORTANTI Art. 12 comma 12 lett. a SCHEDA 1 ALLEGATO C1 PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI PORTANTI Art. 12 comma 12 lett. a SCHEDA 1 1. DATI IMPRESA RICHIEDENTE Denominazione o Ragione Sociale Sede Legale Partita Iva Regime contabile utilizzato Ordinario

Dettagli

MODULO DI RICHIESTA PER IL RILASCIO DI GARANZIE SU FINANZIAMENTI Regione Lazio - Fondo di Garanzia

MODULO DI RICHIESTA PER IL RILASCIO DI GARANZIE SU FINANZIAMENTI Regione Lazio - Fondo di Garanzia MODULO DI RICHIESTA PER IL RILASCIO DI GARANZIE SU FINANZIAMENTI Regione Lazio - Fondo di Garanzia Beni e servizi culturali, promozione culturale, spettacolo dal vivo, cinema ed editoria Società: Forma

Dettagli

sistemi SPRING/Motori. La soluzione per la gestione dell'officina, del magazzino ricambi e dell'autosalone. La soluzione facile, completa e aggiornata. L offerta di Soluzioni Gestionali SISTEMI comprende

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

JUNAK3 SISTEMA GESTIONE AZIENDALE

JUNAK3 SISTEMA GESTIONE AZIENDALE JUNAK3 SISTEMA GESTIONE AZIENDALE Modulo di Gestione Magazzino www.kisar.it JUNAK3 - SISTEMA DI GESTIONE AZIENDALE Il Sistema di Gestione Aziendale JUNAK3 è una piattaforma realizzata in ambiente Windows,

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia 38599 pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia PO PUGLIA FSE 2007-2013 Asse II - Occupabilità Fondo Microcredito d Impresa della Regione Puglia Allegato 2 Spett.le Puglia Sviluppo S.p.A. Via delle

Dettagli

BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI

BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI INDICE 1. Sintesi del progetto imprenditoriale. In che cosa consiste il progetto proposto;

Dettagli

Contratto di Sviluppo Turistico per la Provincia di Foggia SCHEDA RACCOLTA DATI. Scheda anagrafica impresa proponente

Contratto di Sviluppo Turistico per la Provincia di Foggia SCHEDA RACCOLTA DATI. Scheda anagrafica impresa proponente Scheda anagrafica impresa proponente N.B. Se la Società proponente è neo costituita le informazioni seguenti dovranno essere fornite anche dalla Società controllante e dalle eventuali altre società azioniste/socie.

Dettagli

Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico

Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico Il caso pratico 45 di Laura Corsi Finanza agevolata per le imprese Ricerca e sviluppo Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico Il presente articolo analizza il caso di una società lombarda

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di: Esaminare i prospetti economico/finanziari che compongono un Business Plan. Per rendere

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

DETERMINA N. 515 / 11 DEL 23/12/2011

DETERMINA N. 515 / 11 DEL 23/12/2011 COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) SETTORE ECONOMATO CODICE SERVIZIO ALTRI SERVIZI GENERALI DETERMINA N. 515 / 11

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLA REDAZIONE DELLE SIMULAZIONI ECONOMIC0-FINANZIARIE DEL. Business Plan

GUIDA OPERATIVA ALLA REDAZIONE DELLE SIMULAZIONI ECONOMIC0-FINANZIARIE DEL. Business Plan GUIDA OPERATIVA ALLA REDAZIONE DELLE SIMULAZIONI ECONOMIC0-FINANZIARIE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Introduzione 2. Utilizzo dell applicazione 3. Impostazioni di base 4. Copertina impresa 5. Dati

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO!

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! I N F I N I T Y P R O J E C T PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! L avvento del web 2.0 ha modificato radicalmente il modo di pensare e sviluppare i processi aziendali. Velocità, precisione, aggiornamento continuo

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Punti di forza Punti di forza Funzionalità Funzionalità valuta estera

Punti di forza Punti di forza Funzionalità Funzionalità valuta estera SB sistemi Soluzione gestionale per la PMI COMPANY è la soluzione software gestionale per la PMI di CSB Sistemi. Facile da installare e da utilizzare, funzionalmente completo e dotato di una base dati

Dettagli

Guida alla compilazione e all invio della domanda

Guida alla compilazione e all invio della domanda Guida alla compilazione e all invio della domanda Avviso per la Selezione di Progetti da Ammettere al Finanziamento del Fondo Rotativo per lo Sviluppo delle PMI Campane Misura Start up P.O. FESR Campania

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE ALLEGATO N. 5 A1) Denominazione Paolo Scoppettuolo Srl A2) Forma giuridica Società a Responsabilità Limitata A3) Codice Fiscale

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione FA.GI.FER. ALLEGATO N. 5 A2)

Dettagli

MODULO di PRE-DOMANDA

MODULO di PRE-DOMANDA Convenzione del 31.01.2011 tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Regione Piemonte. Programma sperimentale di interventi straordinari a sostegno di lavoratori e imprese dei settori tessile,

Dettagli

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (ii) e 22 del Reg. (CE) N 1698/2005. Art. 13 e punto 5.3.1.1.2. dell allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

CONTRIBUTI ALLE PMI PER LA PARTECIPAZIONE A EXPO MILANO 2015

CONTRIBUTI ALLE PMI PER LA PARTECIPAZIONE A EXPO MILANO 2015 PO FESR SARDEGNA 2007-2013 CONTRIBUTI ALLE PMI PER LA PARTECIPAZIONE A EXPO MILANO 2015 Domanda di agevolazione Linea di attività 6.3.1.a Azioni di sistema e supporto all internazionalizzazione delle imprese

Dettagli

Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante della Società (forma giuridica) con sede legale in prov. CAP Via, n. Tel.

Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante della Società (forma giuridica) con sede legale in prov. CAP Via, n. Tel. Mod. AFF. - C.M.T.- FTV MODULO PER LA RICHIESTA DELLE AGEVOLAZIONI FINANZIARIE AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE N. 12/63 CREDITO A MEDIO TERMINE AGEVOLATO PER INVESTIMENTI PRODUTTIVI NEL CAMPO DELLE ENERGIE

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli