Progetto PATTO PER L INNOVAZIONE NELL ECONOMIA SOCIALE IT G2 ABR Azione 4.3. Modellizzazione di un sistema di supporto alla creazione d impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto PATTO PER L INNOVAZIONE NELL ECONOMIA SOCIALE IT G2 ABR - 002. Azione 4.3. Modellizzazione di un sistema di supporto alla creazione d impresa"

Transcript

1 Progetto PATTO PER L INNOVAZIONE NELL ECONOMIA SOCIALE IT G2 ABR Azione 4.3. Modellizzazione di un sistema di supporto alla creazione d impresa Documento a cura di: Dr.ssa Emanuela d Arielli Dr. Armando Di Luca Dr. Giovanni Tremante Marzo 2006

2 INDICE INTRODUZIONE L ESIGENZA DI UN MODELLO PER LA CREAZIONE D IMPRESA NEL SOCIALE LA STRUTTURA DEL MODELLO PER LA CREAZIONE D IMPRESA LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DI UN BUSINESS PLAN PER L AVVIO DI UN IMPRESA SOCIALE IL TURORING IN FASE DI START-UP LA COOPERATIVA SOCIALE COME FORMA GIURIDICA RICORRENTE NEL TERZO SETTORE LE COOPERATIVE A MUTUALITÀ PREVALENTE LE AGEVOLAZIONI E LE NOVITÀ IN TEMA DI TASSAZIONE DELLE SOCIETA COOPERATIVE LE COOPERATIVE SOCIALI LA DESTINAZIONE DEL 5 PER MILLE DELL IRPEF A FAVORE DELLE ATTIVITÀ SOCIALI GLI ADEMPIMENTI PER LA COSTITUZIONE DELLE COOPERATIVE NUOVE OPPORTUNITÀ DI INSERIMENTO DEI SOGGETTI SVANTAGGIATI NELLE COOPERATIVE SOCIALI I COSTI DI AVVIO E DI GESTIONE DELLE SOCIETÀ COOPERATIVE RISPETTO ALLE DIVERSE FORME GIURIDICHE REPORT SULLE ESTERNALIZZAZIONI DELLE IMPRESE NEL SANGRO - AVENTINO LA RETE DEGLI SPORTELLI SOCIALI Allegato 1 Modello di Atto Costitutivo e Statuto Cooperative Allegato 2 Modello di Apertura della Partita I.V.A Allegato 3 Modello di iscrizione al Registro delle Imprese Allegato 4 - Modello richiesta di iscrizione presso il registro prefettizio

3 INTRODUZIONE A partire dagli anni ottanta hanno iniziato a diffondersi numerose iniziative private con finalità solidaristiche, sia nei tradizionali ambiti di politica sociale (assistenza, sanità, istruzione, occupazione), sia in altri settori (tutela ambientale, protezione civile, difesa dei diritti umani). Questo fenomeno ha dato origine al terzo settore, chiamato anche privato sociale o settore non profit. Il suo sviluppo è stato favorito anche dalla crisi del welfare state, ossia della capacità dello stato di assicurare assistenza sociale minima ai propri cittadini, e dalla crisi che ha colpito organizzazioni sociali intermedie che promuovevano solidarietà o valori etico/morali (es. sindacati, partiti politici). Per indicare questo nuovo fenomeno sono stati coniati diversi termini: terzo settore, privato sociale e settore non profit. Esso è una realtà di operatori in grado di coniugare, nelle loro attività, i principi di solidarietà e d intraprendenza. Le istituzioni non profit sono definite come enti giuridici o sociali creati per lo scopo di produrre beni o servizi il cui status non permette loro di essere fonte di reddito, profitto o altro guadagno di tipo finanziario per chi o coloro che le costituiscono, controllano o finanziano. In base a tale definizione non si esclude né che dall attività delle non profit si generi il reddito necessario a remunerare il lavoro di chi vi opera, né che l attività di produzione sia accompagnata dalla vendita dei beni e dei servizi prodotti, né che da tale attività si generino redditi, profitti o altri guadagni finanziari 1. L unico vincolo riguarda la non distribuzione degli utili (non distribution constraint) che debbono essere reinvestiti per il perseguimento primario dell organizzazione. In particolare, le cooperative sociali sono nate alla fine degli anni 70 come soggetto in grado di interpretare e rispondere ai bisogni emergenti della popolazione con lo scopo di avvicinare le risposte ai bisogni e di prevenire le situazioni di disagio intervenendo nel territorio. Successivamente, esse sono state riconosciute e regolamentate con la legge 381/1991, che ne ha definito le caratteristiche peculiari, riconoscendone la funzione sociale e definendone gli ambiti operativi, distinguendole tra quelle che si occupano di gestire servizi socio-sanitari, assistenziali ed educativi (cooperative sociali di tipo A) e quelle che hanno lo scopo di inserire socialmente e professionalmente persone svantaggiate, riconoscendone la possibile presenza del volontariato nella base sociale (cooperative sociali di tipo B). Le imprese con finalità non profit sono una particolare tipologia di imprese ma sono pur sempre delle imprese che devono essere gestite in modo ottimale per arrivare al raggiungimento degli obiettivi prefissati. 1 La società cooperativa Mosconi R. Il Sole 24 Ore, 3

4 Gli imprenditori sociali sono quindi una specie particolare di imprenditori che si prefiggono una missione sociale esplicita e centrale che influenza il modo in cui essi percepiscono e valutano le opportunità. La ricchezza è un significato e non il fine degli imprenditori sociali. 1. L ESIGENZA DI UN MODELLO PER LA CREAZIONE D IMPRESA NEL SOCIALE Il modello di creazione d impresa assurge a strumento fondamentale sia per testare la validità di un qualsiasi progetto imprenditoriale rispetto all idea di business ed alla coerenza di tutte le sue componenti, sia per indirizzare in maniera corretta ed efficiente le procedure di avvio d impresa.. In particolare, il modello per la creazione d impresa nel sociale poggia le sua basi e crea, allo stesso tempo, delle sinergie fra quanto emerso nell analisi dei fabbisogni sul territorio Sangro- Aventino e quanto dettato dal modello standard di creazione d impresa. Dall indagine condotta sul territorio sono emersi i seguenti nuovi bacini di consumo strategici, i quali giustificano ed avvalorano la creazione di uno specifico modello per l impresa sociale: I servizi per la vita quotidiana I Servizi a domicilio La Custodia dei bambini La Comunicazione L Assistenza ai giovani in difficoltà e loro inserimento I servizi per il miglioramento delle condizioni di vita Il miglioramento delle abitazioni; la Sicurezza I Trasporti collettivi locali Il Risanamento degli spazi pubblici urbani Il Commercio di prossimità Il Controllo dell energia Lo Sviluppo culturale locale Lo Sport I servizi per l ambiente La Gestione dei rifiuti La Gestione dell acqua La Protezione e conservazione delle zone naturali La Regolamentazione, il controllo dell inquinamento degli impianti I servizi culturali e per il tempo libero Turismo L Audiovisivo La Valorizzazione del Patrimonio culturale 4

5 Considerando, inoltre, che la fase di start-up è quella più difficile ed incerta per l impresa e che le cause di cessazione dell attività durante tale periodo sono imputabili prevalentemente ad un insufficiente o errata attività di tutoraggio e pianificazione, si comprende come standardizzare il processo di creazione d impresa, anticipando la valutazione dei rischi ed i conseguenti meccanismi di aggiustamento possa traslare la curva delle probabilità di sopravvivenza verso l alto, in modo tale che tale probabilità sia fin dall inizio maggiore di zero. 2. LA STRUTTURA DEL MODELLO PER LA CREAZIONE D IMPRESA Un primo indicatore delle potenzialità di successo dell impresa consiste nella c.d. attitudine all imprenditorialità del o dei promotori dell iniziativa, per cui il modello prende avvio proprio dal testing delle capacità imprenditoriali dei soggetti coinvolti nel progetto d impresa. Tale fase consiste in un colloquio fra gli stessi promotori dell idea imprenditoriale e professionisti esperti in creazione d impresa, con o senza l ausilio di un software che utilizzi la c.d. metodologia Delphi. La valutazione finale del grado di attitudine all imprenditorialità si baserà sui seguenti argomenti: 1. Motivazioni alla creazione d impresa; 2. Esperienza tecnica nel settore di riferimento; 3. Conoscenze sulla legislazione specifica del settore di riferimento; 4. Percorso di studi e delle conoscenze in campo manageriale ed amministrativo Una volta valutata la coerenza fra motivazioni, esperienza professionale, capacità manageriali e progetto d impresa dovrà essere effettuata una prima valutazione di massima sul grado di definizione del progetto imprenditoriale, ovvero sulla conoscenza che i promotori hanno in merito a: Gamma dei prodotti/servizi da offrire; Forma Giuridica dell impresa; Investimenti e dimensionamento della struttura produttiva; Localizzazione e logistica; Approvvigionamenti; Fabbisogno finanziario e fonti di copertura. 5

6 Inoltre, dovrà essere verificata la compatibilità fra motivazioni, esperienze ed obiettivi dei potenziali soci, nell ottica di minimizzare le probabilità di insuccesso riferibili alle diversità caratteriali, strategiche e di propensione al rischio dei soggetti coinvolti nel progetto. Il colloquio di valutazione dell attitudine all imprenditorialità può produrre i seguenti esiti: POSITIVO: il progetto ha una valutazione positiva di pre-fattibilità, per cui si può passare alla fase successiva di approfondimento; NEGATIVO MA CON POSSIBILITÀ DI ADATTAMENTO a contesti geografici e/o settori di riferimento diversi, apportando delle modifiche al progetto originario. In questo caso occorre procedere ad una definizione ex novo delle caratteristiche del progetto; NEGATIVO SENZA POSSIBILITÀ DI ADATTAMENTO per cui l unica soluzione è l abbandono del progetto d impresa. In caso di ESITO POSITIVO del primo colloquio, il modello segue la seguente procedura: PRIMA FASE: APPROFONDIMENTO DELL IDEA IMPRENDITORIALE. Tale fase si sostanzia in un secondo colloquio dove le controparti coinvolte sono, oltre all esperto in creazione d impresa, tutti i soggetti che entreranno a far parte dell impresa. Infatti, mentre nel primo colloquio l intervento può essere limitato ad uno o pochi referenti, in questo caso occorre l ausilio di tutti i partecipanti all impresa, in quanto devono essere conferiti all esperto tutti i dati necessari per la successiva predisposizione del Business Plan. SECONDA FASE: REDAZIONE DEL PIANO D IMPRESA In questa fase sarà valutata la fattibilità del progetto d impresa in relazione sia ai dati emersi nel corso del secondo colloquio, sia all analisi del mercato, sia in riferimento alla congruenza finanziaria ed alla profittabilità dell iniziativa. Il piano d impresa può evidenziare i seguenti risultati: ESITO POSITIVO: il progetto è valido sotto il profilo sia economico che finanziario, per cui consente il passaggio alla terza fase ed alla eventuale Formazione correlata alla creazione d impresa ; ESITO NEGATIVO: il progetto risulta debole sotto il profilo economico e/o finanziario, per cui occorre apporre delle correzioni ai presupposti iniziali oppure abbandonare l iniziativa. 6

7 TERZA FASE: TUTORAGGIO ALLO START-UP Se il piano d impresa evidenzia una profittabilità coerente con le aspettative dei proponenti, l impresa può essere effettivamente avviata. In questa fase l impresa dovrà essere assistita in una serie di attività da consulenti ed esperti in diversi settori. Tali attività sono riassumibili in: 1. FORMAZIONE professionale 2. CONSULENZA di marketing finalizzata allo start-up 3. CONSULENZA GESTIONALE finalizzata allo start-up 4. ASSISTENZA nella ricerca di finanziamenti 5. ASSISTENZA per l accesso a INCUBATORI di imprese 6. ASSISTENZA PER L INSERIMENTO IN DATA BASE ON-LINE QUARTA FASE: ASSISTENZA ALLO SVILUPPO DELL IMPRESA. Superata la fase di start-up, l impresa dovrà essere guidata nel processo di sviluppo. FIG. 1 7

8 3. LA STRUTTURA ED IL PROCESSO DI REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Una fase preliminare a quella di redazione del Business Plan riguarda l acquisizione, con l ausilio dei proponenti, dei dettagli del progetto. I dati da approfondire concernono, in particolare: la gamma dei prodotti/servizi offerti; la combinazione dei fattori produttivi, il loro costo per unità di misura e l incidenza percentuale sul prodotto finito di ciascuno di essi; i canali di approvvigionamento ed i costi di trasporto correlati; il processo produttivo e le eventuali fasi concesse in outsourcing; la forma giuridica ed i soci coinvolti; i preventivi di spesa per tipologia di investimento; la localizzazione della sede legale e dell unità produttiva; l ammontare di mezzi propri a disposizione per il progetto; l eventuale possibilità di accesso a capitale di credito ed a garanzie reali o personali. Dopo aver definito puntualmente l idea imprenditoriale l attività di elaborazione del Business Plan si struttura nelle seguenti fasi: 1) Analisi di mercato e redazione del piano marketing. L attività è suddivisa principalmente in due fasi, la prima consistente nell espletamento della ricerca di mercato e nella redazione della relativa relazione di ricerca; la seconda diretta alla definizione del piano di marketing, sulla base delle conclusioni emergenti nella relazione di ricerca. In particolare: a) RICERCA DI MERCATO La ricerca di mercato sarà preceduta dall analisi degli obiettivi di ricerca e dall individuazione delle metodologie di ricerca, normalmente effettuata sulla base di analisi statistiche esistenti, nonché di relazioni, rapporti e osservatori economici redatti da istituti specializzati. L analisi sarà, poi, condotta per macro-aree, studiando le dinamiche rispettivamente: 1. MACROECONOMICHE, ovvero della congiuntura nazionale e, se l oggetto dello studio lo richiede, anche internazionale, a livello economico, politico e sociale, con le relative prospettive di sviluppo. 2. DEL SETTORE E DEL MERCATO DI RIFERIMENTO attraverso l analisi della struttura del mercato e della sua profittabilità. 8

9 3. DELLA CONCORRENZA, attraverso l analisi del numero di imprese concorrenti (sia diretti che indiretti) presenti sul mercato, del grado di concentrazione dell offerta, dei fattori critici di successo ed il benchmarking con le strategie adottate dalle aziende leaders di mercato; 4. DELLA DOMANDA, attraverso l analisi del segmento e del target di riferimento in quanto a numerosità, fattori e abitudini di acquisto, reddito, aspettative, età, istruzione ecc. Sempre nell ambito della ricerca di mercato, in funzione di connessione fra i risultati della ricerca stessa e la successiva fase di stesura del piano di marketing, si andrà ad effettuare l analisi dell impresa e successivamente l analisi S.W.O.T., cioè lo studio incrociato dei punti di forza e di debolezza dell impresa con le opportunità e le minacce emergenti dall analisi del mercato, dove l analisi dei punti di forza e di debolezza comporta l analisi dell impresa sotto il punto di vista organizzativo, gestionale, finanziario, della responsabilità sociale, del livello tecnologico e della competitività. b) PIANO DI MARKETING Sulla base delle conclusioni emerse dalla ricerca di mercato si redige il Piano di Marketing, ovvero quel documento nel quale: vengono riepilogati gli obiettivi aziendali sulla base ed in riferimento ai quali vengono elaborate le opportune strategie; viene definita la politica di marketing mix (politiche di prodotto, prezzo, comunicazione e distribuzione); vengono individuate le risorse da impiegare ed i relativi costi; vengono fissati i punti di controllo dell attività di marketing. 2) Definizione della struttura organizzativa. Sempre in relazione all analisi dell impresa, si andranno ad evidenziare le maggiori criticità strutturali del settore di riferimento ed i riflessi che le stesse hanno sulla struttura organizzativa dell impresa, con la rilevazione delle conseguenti caratteristiche e specifiche tecniche da adottare per il buon funzionamento dell azienda. Tali caratteristiche potranno riguardare, ad esempio: la flessibilità dell apparato tecnico-produttivo, in caso di elevata instabilità e variabilità della domanda; la dotazione di macchinari tecnologicamente avanzati capaci di ottenere lo stesso standard di qualità del prodotto attraverso diverse combinazioni dei fattori produttivi o in modo da generare economie sui costi o sulla produttività; 9

10 la possibilità di trarre dei vantaggi attraverso una corretta politica delle scorte e della gestione del magazzino. La struttura organizzativa sarà analizzata, oltre che dal punto di vista strettamente produttivo, anche sotto il profilo: della suddivisione del lavoro per centri di attività e per modelli organizzativi più congeniali al settore produttivo di riferimento; dell opportunità di outsourcing; della differenziazione verticale dei ruoli e della definizione dei livelli gerarchici; della corretta localizzazione dell unità produttiva. 3) Pianificazione economico finanziaria. La sezione numerica del Business Plan si baserà su previsioni economico-finanziarie proiettate in un arco temporale dai tre ai cinque anni e sarà composta da cinque piani operativi settoriali e da quattro documenti consolidati. Fanno parte dei c.d. Piani Operativi : 1. il piano delle vendite, nel quale viene stimato il fatturato per ciascun esercizio previsionale; 2. il piano della produzione, nel quale viene stimato il costo di produzione dei beni in termini di materie prime (o di acquisto delle merci) per ciascun esercizio previsionale; 3. il piano dei costi generali di produzione, amministrativi e commerciali; 4. il piano del personale, nel quale sono riassunte tutti i costi connessi alle risorse umane impiegate nell azienda; 5. il piano degli investimenti riassuntivo delle spese per immobilizzazioni. A tale piano operativo è connesso il piano degli ammortamenti. I dati provenienti dai singoli piani operativi sono, infine, consolidati e riepilogati in quattro prospetti aventi ciascuno una diversa funzione informativa, ovvero: 1. il Conto Economico previsionale, dal quale emerge la stima dei profitti o le perdite conseguibili; 2. lo Stato Patrimoniale previsionale, che evidenzia le poste di natura sia patrimoniale che finanziaria dell impresa e che può essere successivamente riclassificato in base alla durata delle fonti e degli impieghi per agevolare l analisi dell equilibrio finanziario e della correlazione fra le scadenze relative alle poste dell attivo e del passivo patrimoniale. 3. il Budget di cassa, dal quale si evince la ripartizione temporale delle entrate e delle uscite monetarie, utile al fine della previsione di eventuali tensioni di liquidità; 10

11 4. il Piano di Finanziamento, necessario al fine di prevedere il fabbisogno finanziario complessivo per l avvio del progetto d investimento e per la sua copertura con capitale proprio e di credito. Attraverso tale prospetto si valuta la fattibilità finanziaria del progetto e la congruità con le risorse disponibili. La sezione economica è anche corredata dalla valutazione della redditività del progetto condotta attraverso indici di bilancio e dall analisi dei rischi correlati alla fase sia di implementazione che di gestione dell impresa. FIG. 2 IL PROCESSO DI REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN ANALISI DEL MERCATO DI RIFERIMENTO DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE E DEGLI STRUMENTI OPERATIVI DI MARKETING DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA PIANIFICAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA PIANO DELLE VENDITE PIANO DELLA PRODUZIONE PIANO DEI COSTI GENERALI PIANO DEL PERSONALE PIANO DEGLI INVESTIMENTI PIANO DI FINANZIAMENTO BUDGET DI CASSA CONTO ECONOMICO PREVISIONALE STATO PATRIMONIALE PREVISIONALE 11

12 4. LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DI UN BUSINESS PLAN PER L AVVIO DI UN IMPRESA SOCIALE La caratteristica distintiva di un piano d impresa nel c.d. terzo settore consiste, fondamentalmente, nella predominanza del capitale umano rispetto al capitale fisico ed, al tempo stesso alla necessità di qualifiche professionali altamente specializzate, nonché di spiccate doti caratteriali di altruismo, pazienza, dedizione alle persone in difficoltà. La tipologia d impresa sociale più ricorrente è quella di servizi socio-sanitari ed educativi verso i minori, anziani e disabili, prevalentemente con erogazione di assistenza sanitaria domiciliare (Fonte: Progetto O.L.T.RE. Equal Sangro Aventino Azione 3). Al riguardo, si elencano i target più significativi: Servizi per l infanzia distinti, in genere, in due sub-categorie in funzione della condizione o meno di disagio dei destinatari: 1. interventi socio-psico educativi a favore di minori in stato di bisogno e di disagio familiare; 2. servizi per l infanzia a minori non in stato di bisogno. Il target è, inoltre, ulteriormente suddivisibile in tre fasce d età (da 0 a 5 anni, da 6 a 13 anni e da 14 a 17 anni), in virtù delle diverse esigenze ed anche del diverso stadio del ciclo di vita della famiglia associabile ad ognuna di esse. Servizi per gli anziani (generalmente dai 65 anni in sù) distinti nelle seguenti sub-categorie: 1. anziani autosufficienti; 2. anziani parzialmente non autosufficienti o a rischio di emarginazione; 3. anziani non autosufficienti e bisognosi di cure sanitarie. Assistenza ai disabili. In tutti i casi in cui intervenga la necessità di cure sanitarie e di assistenza domiciliare qualificata, occorre che il soggetto imprenditoriale possegga competenze specifiche e/o disponga di personale altamente specializzato ed in possesso della qualifica di Assistente Domiciliare Integrata conseguita attraverso la frequenza di un idoneo corso di formazione e di relativo tirocinio. Crea valore aggiunto al progetto il conseguimento, da parte dei proponenti, di 12

13 studi in psicologia ed esperienze lavorative presso presidi ospedalieri, case di cura ed altre strutture sanitarie. Inoltre, il seguente prospetto riepiloga le tipologie di servizi più frequenti per ciascun target: TIPOLOGIA UTENTI TIPOLOGIA DI SERVIZI Minori. o baby sitting; o baby sitting pre e post scuola; o ripetizioni e doposcuola; o organizzazione di feste ed eventi; o assistenza domiciliare integrata rivolta a minori. Terza età: o cura ed igiene della persona; o aiuto nel governo e la pulizia della casa; o lavaggio e sistemazione biancheria; o accompagnamento ed espletamento disbrigo pratiche; o preparazione dei pasti o consegna pasti a domicilio; o organizzazione di eventi culturali; o accompagnamento negli spostamenti e in città per necessità mediche e personali; o assistenza diurna e notturna per ricoveri ospedalieri; o assistenza domiciliare integrata rivolta ad anziani. Diversamente abili: o servizi, assistenza integrata mediante progetti individuali. 13

14 5. IL TURORING IN FASE DI START-UP La fase di tutoraggio segue, a livello temporale, quella di business planning, in quanto prevedendo una serie di attività complesse relative all effettivo avvio dell impresa, necessitano della preventiva validazione del progetto stesso attraverso il piano d impresa, volto proprio a testarne la fattibilità da un punto di vista sia finanziario che economico. Il tutoraggio si sostanzia nel processo di affiancamento dei promotori dell iniziativa nelle procedure necessarie al corretto inizio dell attività d impresa riassumibili in: FORMAZIONE MANAGERIALE per l amministrazione e la gestione d impresa. Tale formazione è generalmente diretta ai soci ed alle risorse umane che all interno dell impresa assumeranno funzioni di tipo amministrativo-contabile e/o ai responsabili dell area commerciale e verterà, prevalentemente, su materie quali: elementi di diritto commerciale, contabilità, finanza, organizzazione aziendale, marketing, budgeting e controllo di gestione. FORMAZIONE TECNICA specifica per tipologia di settore economico di riferimento dell impresa. Tale formazione è volta a trasferire o ad approfondire le competenze e le conoscenze specifiche del ciclo produttivo e sarà, dunque, destinata a coloro i quali saranno direttamente impegnati nella produzione dei beni e/o nell erogazione dei servizi. CONSULENZA DI MARKETING e COMUNICAZIONE volta, principalmente, ad affiancare l impresa nella elaborazione di una efficace campagna di comunicazione d ingresso sul mercato. Tale consulenza deve essere coerente con le strategie di prezzo, prodotto e distribuzione definite antecedentemente nel piano di marketing e nello stesso Business Plan e deve essere progettata in sinergia fra i soci o i responsabili delle pubbliche relazioni all interno dell impresa e gli esperti in comunicazione. Generalmente, infine, la fase di introduzione sul mercato necessita di investimenti in consulenze di marketing più ampi rispetto alla successiva fase di consolidamento e riguarda almeno le seguenti voci di spesa: o Analisi delle possibilità di differenziazione del prodotto/servizio; o Progettazione del logo, dei cataloghi e dei pieghevoli; o Stampa del materiale pubblicitario; o Progettazione e gestione della campagna di comunicazione. 14

15 CONSULENZA GESTIONALE, sostanzialmente riassumibile nell insieme delle consulenze esterne necessarie per la costituzione e l organizzazione dell impresa, per la gestione del personale e per gli adempimenti civilistici e fiscali. L impresa dovrà, dunque, poter fare riferimento almeno alle seguenti figure professionali: o Un notaio; o Un commercialista; o Un consulente del lavoro. Consulenze che arricchiscono la fase di tutoraggio sono, infine, quelle relative: Alla predisposizione della documentazione necessaria per la richiesta di fidi bancari o di finanziamenti a valere su fondi pubblici (bandi per il sostegno dell imprenditorialità); Alla predispostone della documentazione necessaria per accedere ad incubatori di imprese, ovvero a strutture demandate ad accogliere neo-aziende meritevoli per sostenerle nel raggiungimento dell obiettivo della minimizzazione dei costi fissi (locazione degli uffici, utenze, servizi di sergreteria ecc.) durante tutta la fase di start-up (variabile dai 24 ai 36 mesi). FIG. 3 15

16 6. LA COOPERATIVA SOCIALE COME FORMA GIURIDICA RICORRENTE NEL TERZO SETTORE La forma giuridica più adatta e ricorrente nel terzo settore è quella della Cooperativa sociale. Le cooperative sono società a capitale variabile con scopo mutualistico e si distinguono in cooperative riconosciute, dette a mutualità prevalente e cooperative diverse che, pur non essendo riconosciute rientrano nella fattispecie della cooperazione. La denominazione sociale deve contenere l indicazione di società cooperativa e la costituzione deve avvenire per atto pubblico. L Atto Costitutivo stabilisce le regole per lo svolgimento dell attività mutualistica e può prevedere che la società svolga la sua attività anche con i terzi. Per la costituzione delle cooperative è previsto un numero minimo di nove soci. Tuttavia, può essere costituita una cooperativa da almeno tre soci (c.d. piccola cooperativa ) quando i medesimi siano esclusivamente persone fisiche e la società adotti le norme della società a responsabilità limitata, anziché quelle previste, in quanto compatibili, dalla disciplina delle Società per Azioni. Il capitale sociale non è determinato in un ammontare prestabilito e l ammissione di nuovi soci non comporta la modificazione dell atto costitutivo. Tale ammissione avviene mediante deliberazione degli amministratori e conseguente annotazione, a cura di questi ultimi, nel libro soci, su domanda dell interessato. Non possono divenire soci della cooperativa i soggetti che esercitano in proprio un attività d impresa in concorrenza con quella della cooperativa. Il valore nominale di ciascuna azione o quota non può essere inferiore a venticinque Euro né superiore, per le azioni, a cinquecento Euro. Inoltre, nessun socio può avere una quota superiore a centomila Euro né tante azioni il cui valore nominale superi tale importo. Ai sensi dell'art quater c.c., qualunque sia l ammontare del fondo di riserva legale, deve essere ad esso destinato almeno il 30% degli utili netti annuali (tale percentuale si riduce al 20% solo per quelle cooperative che non accedano ai benefici fiscali). 16

17 Una quota degli utili netti annuali (attualmente il 3%) deve, inoltre, essere corrisposta ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione. La destinazione degli utili non assegnati viene determinata dall assemblea. In particolare, le possibili soluzioni per tale destinazione sono: Assegnazione ad altre riserve o fondi indivisibili per scelta statutaria; Rivalutazione gratuita delle quote possedute dai soci (al tasso di inflazione ISTAT) Dividendi, nella misura e nei limiti dettati dalle leggi speciali; Ristorni. I ristorni corrispondono all equivalente monetario del vantaggio mutualistico che: o Nelle cooperative di consumo si sostanziano nel rimborso del maggior prezzo pagato dal socio rispetto al costo del bene/servizio e che si evidenzia dalla differenza fra il prezzo di vendita ed il costo effettivo di produzione/erogazione; o Nelle cooperative di lavoro si sostanziano nelle somme corrisposte ai soci ad integrazione del minor salario percepito rispetto agli introiti netti della cooperativa. La differenza sostanziale fra gli utili ed i ristorni consiste nel fatto che mentre questi ultimi sono espressione del vantaggio mutualistico, i primi rappresentano la remunerazione del capitale conferito nella società da ciascun socio. Gli organi sociali della cooperativa sono i seguenti: 1. Assemblea (artt c.c.), nella quale hanno diritto di voto coloro che sono iscritti da almeno 90 giorni nel libro dei soci. Ciascun socio cooperatore ha diritto ad un voto, qualunque sia il valore della quota o il numero di azioni possedute. Sono previste assemblee speciali per i possessori di strumenti finanziari. Devono, inoltre, essere previste assemblee separate qualora la cooperativa abbia più di tremila soci e svolga la propria attività in più province oppure quando la stessa abbia più di cinquecento soci e realizzi più gestioni mutualistiche. 2. Consiglio di Amministrazione (art c.c.). La nomina degli amministratori spetta all assemblea, fatta eccezione per i primi amministratori nominati nell atto costitutivo. La maggioranza degli amministratori deve essere scelta fra i soci cooperatori. 17

18 3. Organo di Controllo (art c.c.). La nomina del Collegio Sindacale è obbligatorio quando: a. il capitale sociale non è inferiore a quello minimo stabilito per le società per azioni; b. per due esercizi consecutivi siano stati superati due dei limiti indicati per le società a responsabilità limitata, ai sensi degli articoli 2477 e 2435-bis 1 comma c.c. (in particolare quest ultimo detta i limiti per la redazione del bilancio in forma abbreviata, che prevede, a sua volta, il possesso, per due esercizi consecutivi, di almeno due dei seguenti requisiti: 1) totale attivo dello Stato Patrimoniale Euro ,00; 2) Ricavi delle vendite e delle prestazioni Euro 6.250,000,00; 3) Dipendenti occupati in media durante l esercizio 50 unità); c. la società emette strumenti finanziari non partecipativi. La società cooperativa si scioglie: 1. per decorso del termine; 2. per il conseguimento dell oggetto sociale; 3. per l impossibilità di funzionamento; 4. per recesso dei soci ex artt quater e 2473; 5. per deliberazione dell assemblea; 6. per le altre cause previste dall atto costitutivo o dallo statuto; 7. per la perdita del capitale sociale. In caso di insolvenza della cooperativa l autorità competente ne dispone la liquidazione coatta amministrativa, precludendone la dichiarazione di fallimento. Tuttavia, le cooperative che svolgono attività commerciale sono soggette al fallimento, il quale provvedimento preclude la liquidazione coatta amministrativa. La disciplina generale in materia di cooperazione è dettata dal codice civile; tale disciplina è, poi, integrata dalle leggi speciali destinate a regolamentare ciascuna specifica categoria di cooperative. 18

19 7. LE COOPERATIVE A MUTUALITÀ PREVALENTE Come anticipato nel paragrafo precedente, le cooperative possono essere classificate in una delle seguenti due categorie: o cooperative a mutualità prevalente; o cooperative diverse (a mutualità non prevalente). La distinzione assume notevole rilevanza in considerazione del fatto che, ai sensi dell'art. 223-duodecies delle disposizioni di attuazione del C.c. e transitorie, soltanto le prime possono fruire delle agevolazioni di natura fiscale previste dalle leggi speciali. A tale proposito va, peraltro, evidenziato che, a seguito delle modifiche al regime di tassazione delle cooperative introdotto dalla Finanziaria 2005, anche a favore delle cooperative a mutualità non prevalente sono previste alcune agevolazioni, sia pure in misura più ridotta rispetto a quanto disposto per le cooperative a mutualità prevalente (l'esenzione da IRES è infatti limitata al 30% dell'utile a condizione che tale quota sia accantonata a riserva indivisibile) 2. Come disposto dall'art c.c., sono considerate cooperative a mutualità prevalente quelle che presentano le seguenti caratteristiche: svolgono l'attività prevalentemente in favore dei soci, consumatori o utenti di beni e servizi (ad esempio, cooperative di consumo); si avvalgono prevalentemente, nello svolgimento dell'attività, delle prestazioni lavorative dei soci (ad esempio, cooperative di produzione e lavoro); si avvalgono prevalentemente, nello svolgimento dell'attività, degli apporti di beni o servizi da parte dei soci (ad esempio, cooperative agricole). 2 Informativa fiscale SEAC del 31/01/

20 Nel caso in cui si verifichino contestualmente più tipologie di scambi mutualistici (cooperativa "mista"), la prevalenza va verificata applicando la media ponderata dei predetti parametri. Le cooperative sociali che osservano le norme di cui alla Legge n. 381/91 sono considerate a mutualità prevalente a prescindere dal rispetto dei parametri sopra evidenziati. La condizione di prevalenza deve essere documentata, da parte degli amministratori e dei sindaci, nella Nota Integrativa, con l'evidenziazione dei predetti parametri contabili. Inoltre, lo statuto della cooperativa a mutualità prevalente deve prevedere, ai sensi dell'art C.c.: il divieto di distribuire i dividendi in misura superiore all'interesse massimo dei buoni postali fruttiferi aumentato di 2 punti e mezzo rispetto al capitale effettivamente versato; il divieto di remunerare gli strumenti finanziari offerti in sottoscrizione ai soci in misura superiore a 2 punti rispetto al limite massimo previsto per i dividendi; 20

LE COOPERATIVE SOCIALI. Dott. Raffaele MARCELLO

LE COOPERATIVE SOCIALI. Dott. Raffaele MARCELLO LE COOPERATIVE SOCIALI Dott. Raffaele MARCELLO Diretta 19 ottobre 2009 DEFINIZIONE DI COOPERATIVA SOCIALE Le cooperative sociali rappresentano, nell ordinamento italiano un soggetto sui generis, caratterizzato

Dettagli

Legge n 381 del 8 novembre 1991, Disciplina delle cooperative sociali

Legge n 381 del 8 novembre 1991, Disciplina delle cooperative sociali Legge n 381 del 8 novembre 1991, Disciplina delle cooperative sociali Art. 1 (Definizione) 1. Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana

Dettagli

3. La denominazione sociale, comunque formata, deve contenere l'indicazione di «cooperativa sociale».

3. La denominazione sociale, comunque formata, deve contenere l'indicazione di «cooperativa sociale». L. 8 novembre 1991, n. 381 Disciplina delle cooperative sociali 1. Definizione. 1. Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione

Dettagli

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 1. RIFORMA DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E ISTITUZIONE DELLE ONLUS modifica la disciplina degli enti non commerciali in materia di imposte sul

Dettagli

Onlus Qual e' il riferimento normativo per le Onlus? La onlus e' un nuovo tipo di associazione? Chi può acquisire la qualifica di Onlus?

Onlus Qual e' il riferimento normativo per le Onlus? La onlus e' un nuovo tipo di associazione? Chi può acquisire la qualifica di Onlus? Qual e' il riferimento normativo per le Onlus? Il decreto legislativo n. 460 del 1997 istituisce le onlus: organizzazioni non lucrative di utilità sociale. La onlus e' un nuovo tipo di associazione? Il

Dettagli

LE COOPERATIVE SOCIALI. Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello

LE COOPERATIVE SOCIALI. Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello LE COOPERATIVE SOCIALI Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello 11 novembre 2014 LEGGE 8 novembre 1991 n. 381 Art. 1 Definizione Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l INTERESSE GENERALE

Dettagli

Leggi di riferimento sulle cooperative

Leggi di riferimento sulle cooperative Leggi di riferimento sulle cooperative Legge 8 novembre 1991, n. 381 - Disciplina delle cooperative sociali (in Gazz. Uff., 3 dicembre, n. 283) Art. 1. Definizione. 1. Le cooperative sociali hanno lo scopo

Dettagli

ONLUS (D.Lgs.. N. 460/97; circolare n. 168/2008)

ONLUS (D.Lgs.. N. 460/97; circolare n. 168/2008) ONLUS (D.Lgs.. N. 460/97; circolare n. 168/2008) 1 Requisiti per la qualificazione delle Onlus Possono essere considerati ONLUS: (art. 10, comma 1) Associazioni riconosciute e non riconosciute; Comitati;

Dettagli

Come e quando far valere le erogazioni liberali

Come e quando far valere le erogazioni liberali Il sistema tributario italiano prevede numerose agevolazioni fiscali, per i contribuenti che effettuano erogazioni liberali a favore di determinate categorie di enti di particolare rilevanza sociale, sia

Dettagli

Agevolazioni fiscali per le società cooperative

Agevolazioni fiscali per le società cooperative Agevolazioni fiscali per le società cooperative Determinazione del reddito La determinazione del reddito delle cooperative viene effettuata con i criteri previsti per le società e gli enti commerciali.

Dettagli

Istruzioni per la compilazione della modulistica Albo Cooperative

Istruzioni per la compilazione della modulistica Albo Cooperative Istruzioni per la compilazione della modulistica Albo Cooperative Istruzioni generali La modulistica per gli adempimenti verso l Albo nazionale delle società Cooperative è costituita da un unico Modulo

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITA SOCIALE ( O.N.L.U.S. ) INDICE. Compilazione e presentazione del modello di comunicazione

ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITA SOCIALE ( O.N.L.U.S. ) INDICE. Compilazione e presentazione del modello di comunicazione ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITA SOCIALE ( O.N.L.U.S. ) INDICE Tipologie di Onlus Requisiti Onlus Compilazione e presentazione del modello di comunicazione Controlli e sanzioni Riepilogo per il

Dettagli

I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre

I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE (O.N.L.U.S.) D.LGS. 4 dicembre 1997 n 460 (ART. 10 e SS.) C.M. 26

Dettagli

Circolare 22 gennaio 1999 n. 22/E

Circolare 22 gennaio 1999 n. 22/E Circolare 22 gennaio 1999 n. 22/E DECRETO LEGISLATIVO 4 DICEMBRE 1997 N. 460, CONCERNENTE IL RIORDINO DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DELLE ONLUS. Con la presente circolare si

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE E IRES

SOCIETA COOPERATIVE E IRES FISCALITÀ PER LE COOPERATIVE: NOVITÀ INTRODOTTE DALLA MANOVRA FINANZIARIA Brescia 5 Novembre 2011 1 SOCIETA COOPERATIVE E IRES Art. 73, comma 1, lettera a) del Tuir Sono soggetti all imposta sul reddito

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011 CIRCOLARE N. 15/E Roma, 14 aprile 2011 Direzione Centrale Normativa Oggetto: Articolo 42, decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 Reti di imprese

Dettagli

ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE VS. NON RICONOSCIUTE

ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE VS. NON RICONOSCIUTE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE VS. NON RICONOSCIUTE Le associazioni sono un insieme di individui che si riuniscono e si vincolano tramite un contratto al fine di perseguire uno scopo comune volto al soddisfacimento

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI Torino 18 novembre 2014 Luisella Fontanella Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Torino Il socio lavoratore l

Dettagli

ASPETTI FISCALI DELLA SOCIETÀ COOPERATIVA

ASPETTI FISCALI DELLA SOCIETÀ COOPERATIVA UGDCEC PALERMO PALERMO 12 MARZO 2014 ASPETTI FISCALI DELLA SOCIETÀ COOPERATIVA ANDREA DILI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE SCOPO MUTUALISTICO La prima definizione esauriente di tale scopo va

Dettagli

Rappresentazione in bilancio dei parametri di prevalenza

Rappresentazione in bilancio dei parametri di prevalenza Rappresentazione in bilancio dei parametri di prevalenza 1. Requisiti Requisiti di mutualità prevalente 2. Rappresentazione in bilancio 3. Adeguamenti contabili e rappresentazione in bilancio 4. Valutazione

Dettagli

2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS

2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS LA DEDUCIBILITÀ DAL REDDITO DELLE EROGAZIONI LIBERALI ALLE ONLUS Per effetto del cosiddetto decreto sulla competitività (D.L. n. 35 del 2005), le persone fisiche e gli enti

Dettagli

CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS

CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS Sede in VIA ANTOLINA, 273 SAVIGNANO SUL RUBICONE Codice Fiscale 01465520409 - Numero Rea 197375 197375 P.I.: 01465520409 Capitale Sociale Euro 12377.12 Forma giuridica:

Dettagli

L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013

L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013 INFORMATIVA N. 087 29 MARZO 2013 ADEMPIMENTI L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013 Art. 2, commi da 4-novies a 4-undecies, DL n. 40/2010 DPCM 23.4.2010 Art. 23, comma 2, DL n. 95/2012

Dettagli

LA DISCIPLINA FISCALE DELLE ONLUS: LE IMPOSTE INDIRETTE

LA DISCIPLINA FISCALE DELLE ONLUS: LE IMPOSTE INDIRETTE LA DISCIPLINA FISCALE DELLE ONLUS: LE IMPOSTE INDIRETTE 1 LA DISCIPLINA IVA (art. 14 D.Lgs. 460/97) Per l IVA non operano le esclusioni e le esenzioni previste per le imposte sui redditi, ma si prevede

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE Presentazione...................................... V Introduzione...................................... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE 1.1. Nozioni generali................................

Dettagli

SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE

SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE SPECIALE RIFORMA DIRITTO SOCIETARIO SOCIETA COOPERATIVE Approfondimenti connessi alla predisposizione delle modifiche statutarie necessarie in seguito alla riforma del Codice, introdotta dal D.Lgs. 17/1/2003

Dettagli

ONLUS AGEVOLAZIONI FISCALI

ONLUS AGEVOLAZIONI FISCALI ONLUS AGEVOLAZIONI FISCALI 1 ONLUS Le ONLUS costituiscono un autonoma e distinta categoria di enti rilevante ai soli fini fiscali, destinataria di un regime fiscale di favore in materia di imposte sui

Dettagli

UN MODELLO DI SVILUPPO NO PROFIT PER LA LIGURIA. Direzione Regionale della Liguria Ufficio Accertamento e Riscossione

UN MODELLO DI SVILUPPO NO PROFIT PER LA LIGURIA. Direzione Regionale della Liguria Ufficio Accertamento e Riscossione UN MODELLO DI SVILUPPO NO PROFIT PER LA LIGURIA. FISCALITÀ DELLE ONLUS:DIRITTI E DOVERI Direzione Regionale della Liguria Ufficio Accertamento e Riscossione Genova, 28 maggio 2013 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Dettagli

Onlus ed enti non commerciali

Onlus ed enti non commerciali CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Onlus ed enti non commerciali Thomas Tassani Aggregato di Diritto Tributario Università di Urbino Carlo Bo

Dettagli

Circolare n. 6/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma, 21 marzo 2013

Circolare n. 6/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma, 21 marzo 2013 Circolare n. 6/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 21 marzo 2013 OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2013 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI PER GLI ENTI DEL VOLONTARIATO

Dettagli

Società di capitali. Forma giuridica

Società di capitali. Forma giuridica Società di capitali Forma giuridica Le società di capitali sono definite tali in quanto in esse prevale l'elemento oggettivo, costituito dal capitale, rispetto a quello soggettivo rappresentato dai soci.

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

6 CAMPO DI APPLICAZIONE DELL IVA INFORMAZIONI FISCALI IL TRATTAMENTO DELLE ONLUS Per quanto riguarda le agevolazioni fiscali che si possono adottare per l associazione A.I.D.O. (Associazione Italiana Donatori

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

La disciplina fiscale delle cooperative: l IRES. Reggio Emila, 10 febbraio 2014

La disciplina fiscale delle cooperative: l IRES. Reggio Emila, 10 febbraio 2014 La disciplina fiscale delle cooperative: l IRES Reggio Emila, 10 febbraio 2014 ACCORDIAMOCI SU ALCUNI PASSAGGI FONDAMENTALI 2 Chi comanda in coop? Chi amministra? Chi controlla? 3 Assemblea dei soci Consiglio

Dettagli

Istruzioni per la compilazione della modulistica Albo Cooperative

Istruzioni per la compilazione della modulistica Albo Cooperative Istruzioni per la compilazione della modulistica Albo Cooperative 1) Istruzioni generali La modulistica per gli adempimenti verso l Albo nazionale delle società Cooperative è costituita da un unico modello

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO

Dettagli

Informazioni utili sulle associazioni di volontariato

Informazioni utili sulle associazioni di volontariato Informazioni utili sulle associazioni di volontariato Sono associazioni di volontariato quelle organizzazioni riconosciute (dotate di personalità giuridica) e non riconosciute (prive di personalità giuridica)

Dettagli

LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA

LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA 1 Persone giuridiche e soggetti no profit nel sistema giuridico italiano Nel sistema giuridico italiano sono previsti enti che hanno una soggettività

Dettagli

6 La revisione legale nelle cooperative di Andrea Dili

6 La revisione legale nelle cooperative di Andrea Dili di Andrea Dili 6.1 Premessa Nel presente capitolo sono analizzate le particolari problematiche connesse all attività di revisione legale nelle società cooperative. Occorre preliminarmente sottolineare

Dettagli

Linee Guida per la scelta della tipologia societaria

Linee Guida per la scelta della tipologia societaria Linee Guida per la scelta della tipologia societaria elaborate da Chiara Piconi- Dottore commercialista e Revisore legale Consorzio Nazionale per la Formazione, l Aggiornamento e l Orientamento Via Ludovisi,

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 12/E Roma, 09 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Art. 30 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009,

Dettagli

N. CIRCOLARE N. 39/E. Roma, 19 agosto 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

N. CIRCOLARE N. 39/E. Roma, 19 agosto 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso N. CIRCOLARE N. 39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 agosto 2005 OGGETTO: Imposte sui redditi. ONLUS e terzo settore. Erogazioni liberali. Articolo 14 del decreto-legge 14 marzo 2005,

Dettagli

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato Start up innovativa di Leonardo Serra Con il termine start up innovativa, si definisce la società di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero la società europea residente

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

O.N.L.U.S. D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460

O.N.L.U.S. D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460 O.N.L.U.S. D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460 1 SOGGETTI CHE POSSONO DIVENTARE ONLUS 1. Associazioni riconosciute e non riconosciute 2. Comitati 3. Fondazioni 4. Società cooperative 5. Altri enti di carattere

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91

PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91 PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91 Art. 1. Finalità e oggetto della legge 1. La Repubblica italiana riconosce il valore sociale e la funzione dell attività di volontariato

Dettagli

D A N I E L A C E R V I R E S P O N S A B I L E U F F I C I O E C O N O M I C O F I N A N Z I A R I O L E G A C O O P R E G G I O E M I L I A

D A N I E L A C E R V I R E S P O N S A B I L E U F F I C I O E C O N O M I C O F I N A N Z I A R I O L E G A C O O P R E G G I O E M I L I A E LEMENTI D ISTINTIVI E FONDANTI D ELLA S OCIETÀ COOPERATIVA: D AL D IRITTO S OCIETARIO A LLE PECULIARITÀ F ISCALI E GESTIONALI D A N I E L A C E R V I R E S P O N S A B I L E U F F I C I O E C O N O M

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

Il calcolo delle imposte per le società a mutualità prevalente: quadro normativo

Il calcolo delle imposte per le società a mutualità prevalente: quadro normativo L'Ires per le cooperative Il calcolo delle imposte per le società a mutualità prevalente: quadro normativo Fonte: www.agenziadelleentrate.it Le società cooperative, in linea generale, sono assoggettate

Dettagli

Roma, 31 ottobre 2007

Roma, 31 ottobre 2007 CIRCOLARE N. 59/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 ottobre 2007 OGGETTO: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS). Decreto Legislativo 4 dicembre 1997, n. 460. Indirizzi

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Servizio Tributi

COMUNE DI CESENA. Servizio Tributi COMUNE DI CESENA SETTORE ENTRATE TRIBUTARIE E SERVIZI ECONOMICO FINANZIARI Servizio Tributi TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI ( IUC-TASI ) - ANNO 2015 L art. 1, comma 639, della Legge n. 147/2013 (c.d.

Dettagli

Le Onlus. Le ONLUS: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale...51. Anagrafe delle ONLUS e procedura di iscrizione...53

Le Onlus. Le ONLUS: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale...51. Anagrafe delle ONLUS e procedura di iscrizione...53 Le Onlus Le ONLUS: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale...51 Anagrafe delle ONLUS e procedura di iscrizione...53 Obblighi formali e contabili delle ONLUS...54 Le principali agevolazioni fiscali

Dettagli

Principali riferimenti normativi

Principali riferimenti normativi Principali riferimenti normativi Legge Basevi (D.Lgs.CPS 14/12/47 n 1577) Capo I - Vigilanza e ispezioni (1-12) Capo II - Registri prefettizi e schedario gen. (13-16) Capo III - Commissioni (17-21) Capo

Dettagli

Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5

Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5 Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5 La checklist fornisce utili indicazioni per agevolare il lavoro del revisore cooperativo, nell'ottica di una

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DISPOSIZIONI GENERALI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCA- LI AGEVOLAZIONI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE L. 7.12.2000, n. 383 La Costituzione Italiana riconosce il valore sociale

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

In questo capitolo si analizzano e approfondiscono gli oneri e le spese per le quali il contribuente gode di particolari agevolazioni fiscali.

In questo capitolo si analizzano e approfondiscono gli oneri e le spese per le quali il contribuente gode di particolari agevolazioni fiscali. CAPITOLO SETTIMO INTRODUZIONE AGLI oneri e spese In questo capitolo si analizzano e approfondiscono gli oneri e le spese per le quali il contribuente gode di particolari agevolazioni fiscali. 1 premessa

Dettagli

Il regime fiscale delle società cooperative: una ricognizione sistematica di Antonio Visconti Introduzione L Avvocato generale presso la Corte di Giustizia europea, relativamente alle cause riunite C-

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP RISOLUZIONE N.79/E Roma,31 marzo 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano 1. Premessa La legge delega 7 aprile 2003, n. 80, ha modificato radicalmente l ordinamento

Dettagli

O N L U S. Realizzazione MOVIDA per Sport&Management

O N L U S. Realizzazione MOVIDA per Sport&Management O N L U S Possono essere ONLUS le associazioni, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e altri enti privati con o senza personalità giuridica O N L U S Non possono essere ONLUS gli enti pubblici,

Dettagli

I RAPPORTI TRA COOPERATIVA E SOCIO

I RAPPORTI TRA COOPERATIVA E SOCIO I RAPPORTI TRA COOPERATIVA E SOCIO REQUISITI DEI SOCI La persona del socio è l elemento fondamentale dell impresa cooperativa, che nasce ed opera in funzione degli obiettivi che i soci si pongono e con

Dettagli

CIRCOLARE n. 8 del 24 marzo 2014 LE NOVITA DELL IMPOSIZIONE INDIRETTA SUI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI

CIRCOLARE n. 8 del 24 marzo 2014 LE NOVITA DELL IMPOSIZIONE INDIRETTA SUI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI \ CIRCOLARE n. 8 del 24 marzo LE NOVITA DELL IMPOZIONE INDIRETTA SUI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI INDICE 1. PREMESSA 2. LE IMPOSTE INDIRETTE APPLICABILI 1 GENNAIO 3. L AGEVOLAZIONE PRIMA CASA 3.1 Trasferimento

Dettagli

ATTIVITA DI VIGILANZA E CONTROLLO CONTABILE NELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO

ATTIVITA DI VIGILANZA E CONTROLLO CONTABILE NELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO ATTIVITA DI VIGILANZA E CONTROLLO CONTABILE NELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Premessa Le società di Mutuo Soccorso, se pur assimilate agli enti di tipo associativo, hanno una propria legge di riferimento

Dettagli

Convegno IL MODELLO COOPERATIVISTICO: QUALI OPPORTUNITÀ PER I PROFESSIONISTI? *** PECULIARITÀ DEL SISTEMA FISCALE NELLE SOCIETÀ COOPERATIVE

Convegno IL MODELLO COOPERATIVISTICO: QUALI OPPORTUNITÀ PER I PROFESSIONISTI? *** PECULIARITÀ DEL SISTEMA FISCALE NELLE SOCIETÀ COOPERATIVE Convegno IL MODELLO COOPERATIVISTICO: QUALI OPPORTUNITÀ PER I PROFESSIONISTI? Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Cagliari Cagliari, 24 aprile 2015 *** PECULIARITÀ DEL SISTEMA

Dettagli

CIRC.AG.ENTRATE 6/E/2013 Cinque per mille per l'esercizio finanziario 2013

CIRC.AG.ENTRATE 6/E/2013 Cinque per mille per l'esercizio finanziario 2013 CIRC.AG.ENTRATE 6/E/2013 Cinque per mille per l'esercizio finanziario 2013 INDICE 1 Adempimenti per gli enti del volontariato e per le associazioni sportive dilettantistiche 2 Regolarizzazione della domanda

Dettagli

Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli enti associativi

Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli enti associativi Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli enti associativi Articolo 30 del decreto legge 29/11/08, n. 185 convertito, con modificazioni, dalla Legge 28/01/09, n. 2

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

adempimenti in tema di costituzione modello di riferimento srl/spa - iscrizione all Albo

adempimenti in tema di costituzione modello di riferimento srl/spa - iscrizione all Albo Le società cooperative: adempimenti in tema di costituzione modello di riferimento srl/spa - iscrizione all Albo Relazione di Barbara Daniele Nozione di società cooperativa: l art. 2511 c.c. stabilisce

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.3 L'IVA e le altre imposte indirette

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.3 L'IVA e le altre imposte indirette 106 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.3 L'IVA e le altre imposte indirette L'Imposta sul Valore Aggiunto (IVA), emanata con il D.P.R. 633/72, si qualifica come imposta sugli affari

Dettagli

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310

Codice Fiscale, Partita I.v.a. e iscrizione al Registro delle Imprese di Padova n. 04689260281 Rea di Padova n. 410310 CHI È SALVA SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO Le mutue sono state istituite e sono regolamentate dalla Legge 3818 del 15 aprile 1886 recentemente rivista dall art 23 della Legge 17 Dicembre 2012, n.221, Conversione

Dettagli

11 dicembre 2008 Dott. Comm. Giorgio Gentili

11 dicembre 2008 Dott. Comm. Giorgio Gentili !!"! 1 REVISIONE EX D.LGS. 220/02 Dal primo gennaio 2005 è in vigore il Decreto del Ministro delle Attività Produttive che disciplina la revisione delle società cooperative e loro consorzi. La revisione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 93/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 93/E QUESITO RISOLUZIONE N. 93/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: IVA Trattamento tributario applicabile alle prestazioni sociosanitarie. Interpello ai sensi dell art. 11, legge 27 luglio

Dettagli

Scissione societaria: novità e semplificazioni. A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano

Scissione societaria: novità e semplificazioni. A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 45 12.02.2013 Scissione societaria: novità e semplificazioni Dallo scorso 18 agosto 2012 è entrato in vigore il D. Lgs. 123 del 22 giugno 2012

Dettagli

ASPETTI FISCALI DEGLI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

ASPETTI FISCALI DEGLI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Le differenze tra queste due attengono al momento della formazione e a quello delle responsabilità economiche.

Le differenze tra queste due attengono al momento della formazione e a quello delle responsabilità economiche. Enti no profit (associazioni) Una organizzazione no profit si caratterizza per il fatto che, non avendo scopo di lucro e non essendo destinata alla realizzazione di profitti, reinveste gli utili interamente

Dettagli

ASSOCIAZIONI NO PROFIT Associazioni/gruppi sportivi Associazioni Sportive Dilettantistiche

ASSOCIAZIONI NO PROFIT Associazioni/gruppi sportivi Associazioni Sportive Dilettantistiche ASSOCIAZIONI NO PROFIT Associazioni/gruppi sportivi Associazioni Sportive Dilettantistiche ASSOCIAZIONI/GRUPPI SPORTIVI ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Normativa di riferimento D.lgs 460/97 (riforma

Dettagli

La manovra governativa antielusione AGEVOLAZIONI IN MATERIA DI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE

La manovra governativa antielusione AGEVOLAZIONI IN MATERIA DI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE AGEVOLAZIONI IN MATERIA DI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE 1 AGEVOLAZIONI IN MATERIA DI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE Normativa - Art. 35, comma 19 D.L. 223/2006 - Art. 35, comma 20 D.L. 223/2006 - Art. 35, comma

Dettagli

TASSAZIONE E AGEVOLAZIONI SULLA PRIMA CASA: NOVITÀ 2016

TASSAZIONE E AGEVOLAZIONI SULLA PRIMA CASA: NOVITÀ 2016 STUDIO PASSARELLI Rag. Adriano Commercialista - Revisore Contabile Tributi Lavoro - Società Circolare informativa per la clientela TASSAZIONE E AGEVOLAZIONI SULLA PRIMA CASA: NOVITÀ 2016 In questa Circolare

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE. R E L A Z I O N E Il disegno di legge, che si compone

Dettagli

COOPERATIVE PRODUZIONE & LAVORO

COOPERATIVE PRODUZIONE & LAVORO COOPERATIVE PRODUZIONE & LAVORO SCOPO MUTUALISTICO: Principio: mutualità senza fini di speculazione privata Scopo: perseguire in forma mutualistica l'autogestione dell'impresa che ne è l'oggetto dando

Dettagli

5 PER MILLE 2013: DOMANDA DI ISCRIZIONE ENTRO IL 7 MAGGIO 2013 E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI

5 PER MILLE 2013: DOMANDA DI ISCRIZIONE ENTRO IL 7 MAGGIO 2013 E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI SERVIZIO FISCALE CIRCOLARE 14.2013 24/04/2013 5 PER MILLE 2013: DOMANDA DI ISCRIZIONE ENTRO IL 7 MAGGIO 2013 E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI (Circolare Agenzia Entrate n. 6/E del 21/03/2013 - D.P.C.M. 23/04/2010)

Dettagli

Legge 11 agosto 1991, n. 266. "Legge-quadro sul volontariato" (Pubblicata in G.U. 22 agosto 1991, n. 196)

Legge 11 agosto 1991, n. 266. Legge-quadro sul volontariato (Pubblicata in G.U. 22 agosto 1991, n. 196) Legge 11 agosto 1991, n. 266 "Legge-quadro sul volontariato" (Pubblicata in G.U. 22 agosto 1991, n. 196) 1. Finalità e oggetto della legge. - 1. La Repubblica italiana riconosce il valore sociale e la

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli