FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE"

Transcript

1 Allegato A Regione Marche Programma Operativo Marche F.S.E. 2007/2013 FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE Intervento pubblico di garanzia sul Prestito d Onore regionale DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLE OPERAZIONI DI GARANZIA Aggiornate con Decreto n. 202/POC del 15/12/2011 aggiornamento efficacia contributiva 1 dicembre 2012 Intermediario Aggiudicatario: RTI tra MedioCredito Centrale SpA e UniCredit SpA 1

2 INDICE DISPOSIZIONI OPERATIVE PAG. PREMESSA... 3 PARTE I - OBIETTIVI E FINALITA PARTE II DEFINIZIONI... 5 PARTE III GARANZIA PER PRESTITO D ONORE REGIONALE... 7 A. GARANZIA, RICHIEDENTI, BENEFICIARI, OPERAZIONI AMMISSIBILI... 7 B. AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO C. ATTIVAZIONE DEL FONDO ED ESCUSSIONE DELLA GARANZIA... 9 PARTE IV VERSAMENTI AL FONDO PARTE V METODOLOGIE DI CALCOLO DELL INTENSITA DI AIUTO

3 PREMESSA Le presenti disposizioni attuative disciplinano la concessione di garanzie da parte di MedioCredito Centrale SpA a valere su plafond di risorse comunitarie del Programma Operativo Regionale F.S.E. Marche , a seguito della stipula del contratto tra la Regione Marche e l RTI tra MedioCredito Centrale SpA e UniCredit SpA del 19/01/2010 in favore delle nuove iniziative di microimprese in Regione Marche. Detti interventi agevolativi sono gestiti da MedioCredito Centrale SpA in regime di affidamento di servizio da parte della Regione Marche a seguito dell espletamento della procedura di gara di evidenza pubblica (DDS 41/POC_03 del 06/08/2009). Tutte le informazioni sono disponibili sui siti: 3

4 PARTE I OBIETTIVI E FINALITA 1. Favorire l accesso alle fonti finanziarie mediante concessione di garanzia pubblica nell ambito degli strumenti di ingegneria finanziaria (Articolo 44, Regolamento (CE) n. 1083/2006). L obiettivo viene perseguito attraverso l utilizzo dello specifico intervento previsto nel POR FSE Marche I regolamenti comunitari relativi ai Fondi Strutturali precisano che sono considerati strumenti di ingegneria finanziaria quelli strumenti capaci di attivare, a livello finanziario, un effetto moltiplicatore delle risorse comunitarie. 3. Alla chiusura del programma il valore atteso dell'effetto leva sarà pari a 2,75 (garanzie erogate / importo del fondo di garanzia supportato dal Programma Operativo). 4

5 Nelle presenti disposizioni l espressione: PARTE II DEFINIZIONI a) Fondo, indica il Fondo di garanzia istituito dalla Regione Marche, di cui al Programma Operativo Regionale F.S.E. Marche , con una dotazione iniziale - dedicata al Prestito d Onore regionale - di ,00, fatte salve le eventuali ulteriori disponibilità finanziarie dello stesso a seguito delle modifiche e/o integrazioni del Decreto del Dirigente della P.F. Servizi per l Impiego e Mercato del Lavoro n. 103/SIM del 5 ottobre 2010 (Avviso Pubblico); b) Gestore, indica il Gestore del Fondo, MedioCredito Centrale S.p.A., mandataria della RTI tra MedioCredito Centrale SpA e UniCredit S.p.A.; c) Comitato di investimento, indica l organo regionale competente a definire gli indirizzi strategici cui il Gestore è tenuto a dare attuazione, istituito con decreto regionale 69/POC_03 del 03 dicembre 2009 e successive modifiche ed integrazioni; d) Comitato interno, indica l organo collegiale di MedioCredito Centrale S.p.A. competente a deliberare in merito alle operazioni ci cui alle presenti disposizioni attuative; e) Prestito d Onore regionale, Avviso Pubblico indica lo strumento di incentivazione per la creazione di nuove imprese di cui al Decreto del Dirigente della P.F. Servizi per l Impiego e Mercato del Lavoro n.103/sim del 5 ottobre 2010 ed alle successive modifiche e/o integrazioni dello stesso; f) Banca, indica Banca delle Marche S.p.A., Mandataria e Capogruppo del RTI aggiudicatario della Gara per la gestione dei servizi di raccolta, istruttoria, valutazione, tutoraggio e promozione inerenti il Prestito d Onore Regionale; g) Garanzia, indica la garanzia prestata dal Fondo direttamente a favore della Banca; h) Microimprese, indica le Ditte Individuali, Società Semplici, Società in nome Collettivo, Società in Accomandita Semplice e piccole Cooperative, quest ultime con una compagine sociale composta da un minimo di 3 soci fino ad massimo di 8 soci, iscritte al registro delle imprese ed avviate attraverso il finanziamento concesso con il Prestito d Onore regionale; i) Investimenti, indica gli investimenti finalizzati alla realizzazione di nuove attività di impresa, ivi comprese le spese di cui all art. 10 del Prestito d Onore regionale, in forma individuale, di Società di Persone e di Società Cooperativa, che rientrino in tutti i settori economici ad eccezione delle libere professioni e della attività escluse dal Regolamento (CE) n del 15/12/2006; j) Finanziamento, indica il prestito chirografario erogato ai beneficiari del Prestito d Onore regionale di durata pari a 6 anni, comprensivo di un periodo di differimento della decorrenza del piano di ammortamento pari a 1 anno, di importo fino a euro nel caso di finanziamento concesso ad imprese individuali e società con meno di 3 soci; di importo fino a nel caso di società con almeno 3 soci; k) Beneficiario, indica il soggetto ammesso al Prestito d Onore regionale che ha sottoscritto il contratto di finanziamento con la Banca; 5

6 l) Inadempimento, indica il mancato pagamento, anche parziale, da parte del Beneficiario di tre rate consecutive del Finanziamento concesso dalla Banca, che legittimi quest ultima ad avviare le procedure di attivazione del Fondo e di escussione della Garanzia, nonché il verificarsi delle fattispecie, previste dall Art. 11 dell Avviso Pubblico, che costituiscono causa di risoluzione del contratto di finanziamento. 6

7 PARTE III GARANZIA PER PRESTITO D ONORE REGIONALE A. GARANZIA, RICHIEDENTI, BENEFICIARI, OPERAZIONI AMMISSIBILI 1. GARANZIA 1.1. La Garanzia rilasciata dal Fondo è diretta, esplicita, escutibile a prima richiesta La Garanzia è prestata con formale rinuncia al beneficio della preventiva escussione, volendo il Fondo restare obbligato in solido con il Beneficiario fino al soddisfacimento dell'obbligazione garantita nei limiti di cui al successivo punto La Garanzia è rilasciata dal Fondo per ogni Finanziamento erogato dalla Banca a valere sul Prestito d Onore regionale. 2. SOGGETTI BENEFICIARI FINALI DELLA GARANZIA 2.1. La Garanzia è prestata nell interesse delle Microimprese in possesso dei requisiti di cui agli artt. 3, 4 e 5 del Prestito d Onore regionale avviate dai Beneficiari che hanno ottenuto il Finanziamento dalla Banca. 3. OPERAZIONI AMMISSIBILI 3.1. Sono ammissibili alla Garanzia i Finanziamenti. 4. DURATA E MISURA MASSIMA DELL AGEVOLAZIONE 4.1. Durata della garanzia la Garanzia decorre ed ha effetto dalla data di valuta della prima erogazione del Finanziamento ed ha durata massima pari a quella del Finanziamento stesso Copertura massima dell ammontare dell esposizione - la Garanzia copre l ammontare dell esposizione per capitale, interessi, contrattuali e di mora della Banca nei confronti dei Beneficiari in misura pari al 50%, fermo restando l importo massimo garantito complessivo, in linea capitale per Microimpresa, fino a euro nel caso di Finanziamenti concessi ad imprese individuali e società con meno di 3 soci e fino a euro nel caso di società con almeno 3 soci Sul Finanziamento oggetto della Garanzia del Fondo non può essere acquisita alcuna altra garanzia personale, reale, assicurativa e/o bancaria ad eccezione di quella prestata dal Fondo. 7

8 B. AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO 5. RICHIESTE DI AMMISSIONE 5.1. Il Prestito d Onore regionale prevede che il Finanziamento è assistito da uno specifico Fondo, attivato dalla Regione Marche e gestito da Medio Credito Centrale S.p.A., che garantisce alla Banca la copertura pari al 50% delle eventuali insolvenze relative ai Finanziamenti concessi ai Beneficiari del Prestito d Onore regionale, in termini di capitale, interessi contrattuali e di mora La Banca è autorizzata a verificare i requisiti di accesso e a concedere i Finanziamenti esclusivamente ai Beneficiari che risultino possedere i suddetti requisiti per l ammissione al Prestito d Onore regionale; tutti i Finanziamenti erogati dalla Banca sono ammessi alla Garanzia dal Fondo senza alcuna ulteriore attività di istruttoria da parte del Gestore La Banca ha l obbligo di acquisire e trattenere la documentazione prevista dal Prestito d Onore regionale sulla cui base la Banca ha concesso il Finanziamento al Beneficiario La Banca, con frequenza mensile, provvederà a trasmettere al Gestore un elenco dei Finanziamenti La Banca ed il Gestore concorderanno, con separato atto, i dati da inserire nell elenco di cui al precedente 5.4., nonché le modalità, anche informatiche, di trasmissione dello stesso La Banca si impegna a comunicare al Gestore eventuali variazioni della denominazione e/o ragione sociale del Beneficiario di cui sia venuta a conoscenza Inefficacia - La Garanzia è inefficace qualora il Finanziamento sia stato concesso sulla base di dati, notizie o dichiarazioni, mendaci, inesatte o reticenti, se quantitativamente e qualitativamente rilevanti ai fini dell ammissibilità che la Banca avrebbe potuto verificare con la dovuta diligenza professionale. Non rappresenta motivo di inefficacia l eventualità che il Beneficiario abbia ottenuto l ammissione al Prestito d Onore regionale sulla base di dichiarazioni non veritiere che la Banca non era tenuta a verificare, quali a titolo di mero esempio le informazioni contenute nella dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà presentata dal Beneficiario fatta salva l attività di controllo a campione previsto dall art. 11 del Prestito d Onore regionale. 6. AMMISSIONE DEI FINANZIAMENTI ALLA GARANZIA 6.1. Il possesso dei requisiti previsti per l ottenimento del Prestito d Onore regionale, che viene verificato dalla Banca, determina la concessione automatica della Garanzia del Fondo Comunicazione del Gestore Il Gestore, al ricevimento dell elenco di cui al precedente 5.4., assegna ai Finanziamenti un numero di posizione progressivo e 8

9 comunica alla Banca, in forma scritta (posta, o fax secondo modalità da concordare) entro 15 giorni lavorativi dall arrivo del suddetto elenco, il numero di posizione assegnato, l elemento di aiuto sviluppato dalla garanzia ed i riferimenti del responsabile dell unità organizzativa competente. Sarà cura della Banca comunicare l elemento di aiuto sviluppato dalla garanzia al soggetto beneficiario finale L assegnazione del numero di posizione da parte del Gestore indica l ammissione del Finanziamento alla Garanzia del Fondo. L elenco delle operazioni ammesse alla Garanzia del Fondo viene portato a conoscenza del Comitato interno con cadenza almeno trimestrale. 7. EROGAZIONE DEI FINANZIAMENTI 7.1. Termine per l erogazione Il Finanziamento dovrà essere erogato secondo quanto previsto dall art. 10 del Prestito d Onore regionale, fatta salva la presenza di motivazioni oggettive non imputabili alla Banca Proroga dei termini per l erogazione - I termini per l erogazione del Finanziamento possono essere prorogati, in conformità con quanto previsto dal Prestito d Onore regionale ed in presenza di motivazioni oggettive non imputabili alla Banca Contratto di finanziamento - Le operazioni di Finanziamento sono perfezionate secondo quanto previsto dall art. 6 del Prestito d Onore regionale. C. ATTIVAZIONE DEL FONDO ED ESCUSSIONE DELLA GARANZIA 8. PROCEDURA DI ATTIVAZIONE DEL FONDO ED ESCUSSIONE DELLA GARANZIA 8.1. Avvio delle procedure - In caso di Inadempimento del Beneficiario, la Banca deve avviare le procedure di recupero del credito inviando al Beneficiario inadempiente e, per conoscenza, al Gestore, l intimazione del pagamento dell ammontare dell esposizione per rate insolute (capitale ed interessi contrattuali) e interessi di mora, tramite raccomandata con avviso di ricevimento, entro 6 mesi dalla data dell Inadempimento, intendendosi per tale la data della terza rata trimestrale consecutiva rimasta insoluta. Si considera altresì inadempimento il verificarsi di fattispecie che costituiscono causa di risoluzione del contratto di finanziamento ai sensi dell Art. 11 dell Avviso Pubblico. In tal caso la Banca deve avviare le procedure di recupero del credito inviando al Beneficiario inadempiente e, per conoscenza, al Gestore, l intimazione del pagamento dell ammontare dell esposizione per rate insolute (capitale ed interessi contrattuali) e interessi di mora, tramite raccomandata con avviso di ricevimento, entro 6 mesi dalla data in cui si è verificato l evento che da luogo all inadempimento o dalla quale la Banca ne è venuta a conoscenza Intimazione del pagamento L intimazione del pagamento di cui al punto 8.1. può avvenire, alternativamente, mediante l invio al Beneficiario inadempiente di: diffida di pagamento; 9

10 decreto ingiuntivo, ovvero, in caso di procedure concorsuali, istanza di ammissione allo stato passivo o atto equivalente. Il Gestore si riserva di richiedere copia della predetta documentazione Termine per la presentazione delle richieste di attivazione del Fondo Trascorsi 60 giorni dalla data di invio dell intimazione di cui al punto 8.1. (in caso di decreto ingiuntivo dalla data di notifica dello stesso) senza che sia intervenuto il pagamento degli importi dovuti da parte del Beneficiario, la Banca può richiedere l attivazione del Fondo Richiesta di attivazione del Fondo La richiesta di attivazione del Fondo deve essere inviata - attraverso apposito modulo - dalla Banca al Gestore, mediante raccomandata con avviso di ricevimento, entro 150 giorni dalla scadenza del termine di cui al punto Documentazione Alla richiesta di attivazione del Fondo, deve essere allegata da parte della Banca la seguente documentazione: copia della delibera di concessione del finanziamento; dichiarazione della Banca che attesti: a) la causa dell Inadempimento; b) la data della prima rata rimasta insoluta, anche parzialmente, nell ipotesi prevista dal primo comma dell Art o, nell ipotesi previste dal secondo comma dell Art. 8.1., la data in cui si è verificata la causa di Inadempimento o la Banca ne è venuta a conoscenza; c) la data di avvio delle procedure di recupero del credito con indicazioni sugli eventuali atti intrapresi, sullo stato delle procedure di recupero del credito e sulle eventuali somme già recuperate; d) l ammontare dell esposizione, rilevato al sessantesimo giorno successivo alla data della intimazione di pagamento di cui al punto 8.1., comprensivo delle rate scadute e non pagate, del capitale residuo e degli interessi contrattuali e di mora; copia della documentazione sulla base della quale la Banca ha concesso il Prestito d Onore regionale; copia del contratto di finanziamento; copia dell atto di erogazione; copia del piano di ammortamento con le relative scadenze Completamento delle richieste di ammissione - Qualora il Gestore nel corso dell istruttoria richiedesse il completamento dei dati previsti, ivi compresa la rettifica o integrazione di dichiarazioni erronee o incomplete, ovvero i chiarimenti 10

11 necessari ai fini dell istruttoria stessa, il termine per la delibera decorre dalla data in cui pervengono i dati, le rettifiche o integrazioni ovvero i chiarimenti richiesti Istruttoria delle richieste di attivazione del Fondo - Le richieste di liquidazione, complete della documentazione di cui al precedente 8.5. sono deliberate dal Comitato interno, nel rispetto dell ordine cronologico di arrivo o di completamento entro il termine di 90 giorni dalla data di arrivo della richiesta o di completamento della stessa Termine per la liquidazione dell importo massimo garantito - Entro i successivi 30 giorni dalla delibera il Gestore liquida alla Banca l importo garantito, nella misura massima dell importo ammesso al Fondo, dell ammontare dell esposizione di cui al punto 8.5. lettera d) e nel limite delle disponibilità del Fondo Inefficacia La Garanzia è inefficace nei casi di cui al precedente 5.7 e qualora non siano stati rispettati i termini previsti ai punti 8.1., 8.2. e Surrogazione legale - Ai sensi dell art del codice civile, nell effettuare il pagamento, il Fondo acquisisce il diritto di rivalersi sul soggetto beneficiario finale per le somme pagate. Il Gestore nello svolgimento delle procedure di recupero del credito per conto del Fondo applica le procedure previste dall'art. 9 del D.Lgs 31 marzo 1998, n

12 PARTE IV VERSAMENTI AL FONDO 1. La Garanzia prestata dal Fondo viene concessa senza oneri a carico dei soggetti beneficiari finali o della Banca. 12

13 PARTE V METODOLOGIE DI CALCOLO DELL INTENSITA DI AIUTO La garanzia del Fondo viene concessa secondo quanto previsto dal Reg.CE 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d importanza minore («de minimis»). Ai fini del calcolo dell elemento di aiuto è stata applicata la nuova metodologia di calcolo dell equivalente sovvenzione lorda, conforme alle Linee Guida per l applicazione del Metodo Nazionale per calcolare l elemento di aiuto nelle garanzia a favore delle PMI (N.182/2010 pubblicata sulla G.U.R.I. n. 179 del 3 agosto notificato dal Ministero dello Sviluppo economico ed approvato dalla Commissione europea con decisione N del 6 luglio 2010.) I valori dell ESL per il Fondo sono stati calcolati tenendo conto dei costi amministrativi di gestione della garanzia, della remunerazione del capitale impegnato e dei fattori di rischio relativi alle operazioni per investimenti. L ESL é calcolato come differenza tra il costo teorico di mercato di una garanzia con caratteristiche simili concessa su un finanziamento a PMI economicamente e finanziariamente sana e il costo della garanzia del Fondo pari a zero. Il costo teorico di mercato di una garanzia è determinato nel seguente modo: [1] I = D Z (FR + C + R) Dove: - I = Costo teorico di mercato della garanzia - D = Importo del finanziamento in essere assistito dalla garanzia - Z = Percentuale di copertura della garanzia rispetto al finanziamento D - FR = Fattore di rischio del regime (in percentuale) - C = Costi amministrativi (in percentuale) - R = Remunerazione delle risorse pubbliche impiegate nell ambito del regime di garanzia (in percentuale) Nel caso di garanzia superiore ad un anno, i premi teorici determinati alle varie scadenze annuali devono essere attualizzati alla data di concessione della garanzia al vigente tasso di riferimento comunitario di cui alla Comunicazione relativa alla revisione del metodo di fissazione dei tassi di riferimento e di attualizzazione (GUUE C 14 del ). In tal caso, pertanto, l ESL è dato da: [2] ESL = Σ It(1+i)-t Dove: - i = tasso di riferimento fissato dalla Commissione Europea; - It = premio teorico annuo relativo all anno t calcolato secondo la formula [1] in cui, in tal caso, D rappresenta il debito residuo del finanziamento garantito, calcolato convenzionalmente ipotizzando un piano di ammortamento a rate annuali costanti al tasso i; - t = tempo espresso in anni (la frazione viene conteggiata per un anno intero). Il parametro Z della formula [1] esprime la quota di risorse pubbliche interessate dall intervento di garanzia alla quale applicare il metodo per la quantificazione dell aiuto e pertanto indica la percentuale direttamente garantita con risorse pubbliche dell importo del finanziamento concesso alla PMI. 13

14 La durata massima delle garanzie a cui si applica il presente metodo di calcolo dell ESL è di 6 anni. I valori del fattore di rischio FR, attualmente pari a 0,65% nel caso di garanzie a copertura dei prestiti per capitale circolante sono in vigore per i 12 mesi successivi al 3 agosto 2010, data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell avviso relativo alle Linee guida per l'applicazione del Metodo nazionale per calcolare l elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI. Il Ministero rende noti gli aggiornamenti dei valori del suddetto parametro con cadenza annuale e pubblica i relativi dati sul proprio sito Internet, Il parametro R (remunerazione del capitale) è pari allo 0,32% mentre il parametro C (incidenza dei costi amministrativi) è pari allo 0,60%. I valori di efficacia contributiva in termini di percentuale dell importo garantito dal Fondo, in applicazione dei seguenti parametri: - fattore di rischio (Fr) per circolante: 0,65% - tasso di riferimento comunitario (i): 1,76% - incidenza dei costi amministrativi (C): 0,60% - remunerazione del capitale (R): 0,32% risulta pari a 5,4151%. Per quantificare l assorbimento de minimis occorre moltiplicare l importo garantito dal Fondo per il valore sopra individuato. 14

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE POLITICHE COMUNITARIE AUTORITA DI GESTIONE FESR E FSE N. 114/POC DEL 11/06/2014

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE POLITICHE COMUNITARIE AUTORITA DI GESTIONE FESR E FSE N. 114/POC DEL 11/06/2014 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE POLITICHE COMUNITARIE AUTORITA DI GESTIONE FESR E FSE N. 114/POC DEL 11/06/2014 Oggetto: POR FSE 2007-13 Intervento 1.4.1.09.01 Modifica delle disposizioni

Dettagli

REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO

REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO ALLEGATO A REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Art. 1 (Definizioni) 1. Nel presente regolamento

Dettagli

PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO

PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO I valori dell ESL per il Fondo sono stati calcolati tenendo conto dei costi della garanzia, diversi per area d intervento e dimensione del soggetto

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE

FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE Regione Marche Programma Operativo Marche F.E.S.R. 2007/2013 FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE per l utilizzo di fonti da energia alternative e il risparmio energetico Intervento pubblico

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. (Legge Regionale 17 novembre 2010, n. 15, art. 12, comma 3)

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. (Legge Regionale 17 novembre 2010, n. 15, art. 12, comma 3) Fondo Regionale di Garanzia Cogaranzia e Controgaranzia a sostegno della realizzazione di impianti per la produzione di energie rinnovabili nelle aziende agricole della Sardegna. (Legge Regionale 17 novembre

Dettagli

Repubblica Italiana REGOLAMENTO

Repubblica Italiana REGOLAMENTO FONDO REGIONALE DI COGARANZIA E CONTROGARANZIA PER LE PMI DELLA SARDEGNA Legge regionale 7 maggio 2009, n. 1, art. 4, comma 4 P.O. FERS 2007-20132013 - Linea di Attività A Obiettivo operativo 6.2.2 Sostenere

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Fondo di

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA EX LEGE 289/2002, ARTICOLO 90, COMMA 12 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI CRITERI DI GESTIONE

FONDO DI GARANZIA PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA EX LEGE 289/2002, ARTICOLO 90, COMMA 12 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI CRITERI DI GESTIONE FONDO DI GARANZIA PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA EX LEGE 289/2002, ARTICOLO 90, COMMA 12 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI CRITERI DI GESTIONE Definizioni Ai fini di quanto disciplinato dai presenti

Dettagli

PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO

PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO L ESL correlato alla concessione di garanzie a valere sul Fondo è calcolato come differenza tra il costo teorico di mercato di una garanzia

Dettagli

PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO

PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO L ESL correlato alla concessione di garanzie a valere sul Fondo è calcolato come differenza tra il costo teorico di mercato di una garanzia

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Linee guida per l'applicazione del Metodo nazionale per calcolare l elemento di aiuto nelle garanzie

Dettagli

PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO

PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO L ESL correlato alla concessione di garanzie a valere sul Fondo è calcolato come differenza tra il costo teorico di mercato di una garanzia

Dettagli

PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI

PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI MCC REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI AREA SERVIZI PER LO SVILUPPO Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA A SOSTEGNO E PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE BENEFICIARIE DELLE AGEVOLAZIONI GESTITE DA SVILUPPO ITALIA SPA PAG. PARTE I DEFINIZIONI 2 PARTE

Dettagli

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Vers 3/2014 GARANZIA DIRETTA (Banca) Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle PMI mediante la concessione

Dettagli

PIANO DI SVILUPPO RURALE (PSR) CALABRIA 2007 2013 FONDO DI GARANZIA A FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL SETTORE AGRICOLO CONVENZIONE TRA

PIANO DI SVILUPPO RURALE (PSR) CALABRIA 2007 2013 FONDO DI GARANZIA A FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL SETTORE AGRICOLO CONVENZIONE TRA PIANO DI SVILUPPO RURALE (PSR) CALABRIA 2007 2013 FONDO DI GARANZIA A FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL SETTORE AGRICOLO CONVENZIONE TRA la società Fincalabra Spa, di seguito denominata Fincalabra,

Dettagli

CENTROMARCA BANCA - CREDITO COOPERATIVO

CENTROMARCA BANCA - CREDITO COOPERATIVO CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI IN FAVORE DELLE FAMIGLIE CON NUOVI NATI O FIGLI ADOTTATI NEGLI ANNI 2009, 2010, 2011 TRA Il Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del

Dettagli

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELLA LEGGE 24.4.1990 N.100, ART. 4, E SUCCESSIVE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

IL MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITA SPORTIVE IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITA SPORTIVE IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITA SPORTIVE di concerto IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Visto il decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006,

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Allegato B al D.D.G. n /2009 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Modalità e procedure per il concorso regionale nel pagamento degli interessi sul prestiti

Dettagli

Finmolise S.p.A. Socio Unico. Allegato A-1 alla Deliberazione di Giunta Regionale n. 812 del 03/08/2009 REGOLAMENTO RELATIVO ALLA CONVENZIONE

Finmolise S.p.A. Socio Unico. Allegato A-1 alla Deliberazione di Giunta Regionale n. 812 del 03/08/2009 REGOLAMENTO RELATIVO ALLA CONVENZIONE Allegato A-1 alla Deliberazione di Giunta Regionale n. 812 del 03/08/2009 REGOLAMENTO RELATIVO ALLA CONVENZIONE GARANZIE DIRETTE E CONTROGARANZIE SU FINANZIAMENTI ALLE PMI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE

Dettagli

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione Allegato alla Delib. G.R. n. 9/13 del 8.3.2006 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive

Dettagli

lo Statuto speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E Centro Regionale di Programmazione 00-03-60-00 Centro Regionale di Programmazione DETERMINAZIONE N. 1337 REP. N. 97 Oggetto: P.O.R. FESR Sardegna

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ DI EROGAZIONE E REINTEGRO DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L. R. 6 AGOSTO 2009 N.

CRITERI E MODALITÀ DI EROGAZIONE E REINTEGRO DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L. R. 6 AGOSTO 2009 N. Allegato CRITERI E MODALITÀ DI EROGAZIONE E REINTEGRO DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L. R. 6 AGOSTO 2009 N. 22 1. Obiettivi del Programma e linee di intervento previste

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA di concerto con IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA di concerto con IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE DECRETO 17 dicembre 1999, n. 539 (pubblicato nella G.U.R.I. dell 8 febbraio 2000 serie generale n. 31) Regolamento recante condizioni e modalità dell intervento del Fondo centrale di garanzia per il credito

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 Codice DB1512 D.D. 5 agosto 2014, n. 531 Legge regionale 22 dicembre 2008, n. 34, articolo 42, comma 6. Affidamento a Finpiemonte S.p.A. delle funzioni e delle attivita'

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO

REGOLAMENTO OPERATIVO REGOLAMENTO OPERATIVO degli interventi di garanzia agevolata attuati da Veneto Sviluppo mediante il supporto del Fondo Regionale costituito ai sensi della L.R. Veneto 19/04, DGR 1116 del 26 luglio 2011

Dettagli

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE Decreto Dirigenziale n. 181 del 14 aprile 2008 Area Generale di Coordinamento: Sviluppo Economico n. 12 - L.R. n. 12 del 28.11.2007 - Art. 6 - Incentivi per il Consolidamento delle Passivita' a Breve -

Dettagli

Il Dirigente Carlo Chiostri

Il Dirigente Carlo Chiostri 30.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 44 di certificazione del presente decreto che prevedano scadenze successive al 30/4/2014 che pertanto risultano confermate e per le quali si

Dettagli

REGIONE TOSCANA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO DELLA DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N. 344 DEL 28.04.2014

REGIONE TOSCANA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO DELLA DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N. 344 DEL 28.04.2014 ALLEGATO A REGIONE TOSCANA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO DELLA DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N. 344 DEL 28.04.2014 FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI

Dettagli

Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI

Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.07.2010 C(2010)4505 definitivo Oggetto: Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI Signor Ministro,

Dettagli

art. 1 finalità art. 2 modifiche all articolo 1 del DPReg 191/2009 art. 3 modifiche all articolo 2 del DPReg 191/2009

art. 1 finalità art. 2 modifiche all articolo 1 del DPReg 191/2009 art. 3 modifiche all articolo 2 del DPReg 191/2009 Regolamento recante modifiche al Regolamento concernente le modalità per lo smobilizzo dei crediti da parte delle banche, nonché le modalità e le condizioni per la concessione da parte del Fondo regionale

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

Allegato 8 Richiesta di attivazione del Fondo di garanzia Garanzia diretta a prima richiesta Pag. 1 di 6

Allegato 8 Richiesta di attivazione del Fondo di garanzia Garanzia diretta a prima richiesta Pag. 1 di 6 Richiesta di attivazione del Fondo di garanzia Garanzia diretta a prima richiesta Pag. 1 di 6 Data: Spett.le Banca del Mezzogiorno - MedioCredito Centrale Spa Area Fondi di Garanzia e Interventi per il

Dettagli

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO

SCHEMA DI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO ALLEGATO N. 4 SCHEMA DI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO Il giorno del mese di anno in Roma: tra - La società finanziaria (nel prosieguo, per brevità, anche solo Società finanziaria ), con sede in, Via, n. Codice

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Visto l articolo 14 della legge 17 febbraio 1982, n. 46 e successive modifiche e integrazioni; Visto il decreto

Dettagli

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 1. OBIETTIVI E BENEFICIARI 1. I criteri e le modalità che seguono si riferiscono

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER LE PMI DELLA Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, art. 4,

Dettagli

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO per la gestione del PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Visto il regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006 relativo; all applicazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI D.A. n. 2740 Dip.Int.Strutt. Servizio III Unità operativa n. 32 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI VISTO lo Statuto della Regione Siciliana; VISTA la

Dettagli

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 50/27 del 10.11.2009 CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI L.R.10 gennaio 2001 n.. 2 Titolo T II DIRETTIVE DI

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Allegato 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU FONDO REGIONALE

Dettagli

FONDO DI GARANZIA A FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LEGGE 662/96 art. 2 comma 100 lett. a), LEGGE 266 /97 art. 15, D.M. 248/99, DM del 26/6/2012

FONDO DI GARANZIA A FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LEGGE 662/96 art. 2 comma 100 lett. a), LEGGE 266 /97 art. 15, D.M. 248/99, DM del 26/6/2012 Richiesta di attivazione del Fondo di garanzia - Controgaranzia sussidiaria Pagina 1 di 5 Data: Spett.le Banca del Mezzogiorno - MedioCredito Centrale Spa Area Fondi di Garanzia e Interventi per il Capitale

Dettagli

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt.

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. 12 e 13 CIRCOLARE n. 6/2013 approvata con delibera del 2 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO. 1.1. le Banche - anche in qualità di capofila di pool di banche con sede nel territorio della Provincia di Rimini;

REGOLAMENTO. 1.1. le Banche - anche in qualità di capofila di pool di banche con sede nel territorio della Provincia di Rimini; REGOLAMENTO PARTE I DEFINIZIONI Nelle presenti disposizioni l espressione: Fondo, indica il Fondo di garanzia a favore dei privati cittadini dipendenti delle aziende aventi sede nella Provincia di Rimini

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

REQUISITI SOGGETTIVI DI AMMISSIBILITA AL PRESTITO. 1.Possono essere ammessi ai finanziamenti concessi dalla Banca ai sensi della Convenzione:

REQUISITI SOGGETTIVI DI AMMISSIBILITA AL PRESTITO. 1.Possono essere ammessi ai finanziamenti concessi dalla Banca ai sensi della Convenzione: Allegato A) REQUISITI SOGGETTIVI DI AMMISSIBILITA AL PRESTITO 1.Possono essere ammessi ai finanziamenti concessi dalla Banca ai sensi della Convenzione: Persone fisiche e famiglie che versino in situazione

Dettagli

Assicurato/Beneficiario: il soggetto cui l Impresa deve corrispondere l indennizzo in caso di sinistro.

Assicurato/Beneficiario: il soggetto cui l Impresa deve corrispondere l indennizzo in caso di sinistro. Condizioni di Assicurazione della Polizza per l Assicurazione sul Credito a garanzia delle perdite patrimoniali derivanti dalla Contraente in caso di perdita dell impiego del mutuatario relativa a prestiti

Dettagli

Contratto di Finanziamento per la erogazione di un Microcredito (Fondo di Sostegno e Garanzia PO FSE Basilicata 2007/2013) tra Sviluppo Basilicata

Contratto di Finanziamento per la erogazione di un Microcredito (Fondo di Sostegno e Garanzia PO FSE Basilicata 2007/2013) tra Sviluppo Basilicata Contratto di Finanziamento per la erogazione di un Microcredito (Fondo di Sostegno e Garanzia PO FSE Basilicata 2007/2013) tra Sviluppo Basilicata S.p.A. (in seguito anche SB ) società unipersonale, con

Dettagli

FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE

FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE UNIONE EUROPEA COMUNE DI CIRO MARINA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO BILANCIO E PROGRAMMAZIONE FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE Entità e finalità del Fondo Il Fondo

Dettagli

REGIONE TOSCANA GARANZIA E CONTROGARANZIA PER GLI INVESTIMENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE TOSCANE. POR CREO 2007-2013 Linea di intervento 1.4.b.

REGIONE TOSCANA GARANZIA E CONTROGARANZIA PER GLI INVESTIMENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE TOSCANE. POR CREO 2007-2013 Linea di intervento 1.4.b. Allegato A REGIONE TOSCANA GARANZIA E CONTROGARANZIA PER GLI INVESTIMENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE TOSCANE POR CREO 2007-2013 Linea di intervento 1.4.b.1 CAPO I (Disposizioni generali) Art. 1 (Definizioni)

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE

REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE POLITICHE DELL IMPRESA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE Art. 15 Legge Regionale n.

Dettagli

Schema di Convenzione

Schema di Convenzione Schema di Convenzione tra il Confidi., successivamente denominata per brevità Confidi, con sede in alla Via.., n.., Codice Fiscale.., per il quale interviene il Sig. nato a (. ) il.., nella sua qualità

Dettagli

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE Massimo Generali MPS Capital Services SpA RTI per la Gestione del Fondo di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R.

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. 34/04 PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE 2011-2015 Misura 1.3 Innovazione

Dettagli

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO AGGIORNATO AL 16 NOVEMBRE 2010 PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO Prodotti e servizi per il consolidamento delle passività a breve Pag. 1. Credimpresa BNL per associati Assolombarda Finanziamento per aziende

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Allegato 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU FONDO REGIONALE

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015 Bando aperto dal 2/3/2015 Disponibilità di bilancio: 45.000 Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI

Il Fondo di Garanzia per le PMI Il Fondo di Garanzia per le PMI Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità L assistenza alla Sezione Speciale per le Imprese Femminili Silvia Lorenzini

Dettagli

Il meccanismo degli aiuti alle imprese

Il meccanismo degli aiuti alle imprese Il meccanismo degli aiuti alle imprese Gestione gestiti delle da Finpiemonte Agevolazioni Torino, 25 gennaio 2012 Premessa Gli aiuti alle imprese gestiti da Finpiemonte sono istituiti sotto forma di regime

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

GARANZIA DEL FONDO SU PORTAFOGLI DI FINANZIAMENTI MODALITÀ OPERATIVE

GARANZIA DEL FONDO SU PORTAFOGLI DI FINANZIAMENTI MODALITÀ OPERATIVE ALLEGATO GARANZIA DEL FONDO SU PORTAFOGLI DI FINANZIAMENTI MODALITÀ OPERATIVE RIFERIMENTI NORMATIVI E DEFINIZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 23 dicembre 1996 n. 662 (art. 2, comma 100, lettera a): Misure

Dettagli

Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012

Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012 Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012 Nell ambito del Fondo per il sostegno all accesso al credito delle imprese del Lazio (art. 20 LR 9/2005)

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 82496 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 GARANZIA DIRETTA (Banca) Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle PMI mediante la concessione di una garanzia

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, nel quadro delle proprie

Dettagli

Schema di garanzia fideiussoria per la richiesta dell anticipazione

Schema di garanzia fideiussoria per la richiesta dell anticipazione Allegato 3 fidejussione bancaria o polizza assicurativa REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE Finanziamento agevolato nell ambito dell Asse VII, Linea di Intervento 7.1.1.3 del P.O.R. F.E.S.R.

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Allegato 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU FONDO REGIONALE

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA N. 8/POC DEL 16/01/2014

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA N. 8/POC DEL 16/01/2014 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. POLITICHE COMUNITARIE E AUTORITA DI GESTIONE FESR E FSE N. 8/POC DEL 16/01/2014 Oggetto: POR FESR 2007-13 Concessione di un finanziamento agevolato per le imprese del

Dettagli

Pagina 1. Circolare n. 2/2010

Pagina 1. Circolare n. 2/2010 Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST in base alla Convenzione stipulata il 16.10.1998 tra il Ministero del Commercio con l Estero (ora Ministero dello Sviluppo Economico) e la SIMEST CIRCOLARE

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

FONDO DI CONTROGARANZIA e FONDO TRANCHED COVER

FONDO DI CONTROGARANZIA e FONDO TRANCHED COVER Allegato 1 FONDO DI CONTROGARANZIA e FONDO TRANCHED COVER DIRETTIVE DI ATTUAZIONE INDICE DEFINIZIONI... 2 A. RICHIEDENTI, BENEFICIARI, OPERAZIONI AMMISSIBILI... 4 SOGGETTI RICHIEDENTI... 4 SOGGETTI BENEFICIARI

Dettagli

Avviso per lo sviluppo delle PMI Campane - Misura Tranched Cover attraverso finanziamenti erogati da Banca Popolare di Bari S.c.p.A.

Avviso per lo sviluppo delle PMI Campane - Misura Tranched Cover attraverso finanziamenti erogati da Banca Popolare di Bari S.c.p.A. Avviso per lo sviluppo delle PMI Campane - Misura Tranched Cover attraverso finanziamenti erogati da Banca Popolare di Bari S.c.p.A. P.O. FESR Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 2.4 Credito e Finanza

Dettagli

Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015

Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015 Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015 Giovani agricoltori: per l avvio delle attività contributi fino a 70.000 euro per l acquisto dei terreni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

REGIONE TOSCANA. Regolamento GARANZIA E CONTROGARANZIA PER LA LIQUIDITA DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE TOSCANE

REGIONE TOSCANA. Regolamento GARANZIA E CONTROGARANZIA PER LA LIQUIDITA DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE TOSCANE Allegato A REGIONE TOSCANA Regolamento GARANZIA E CONTROGARANZIA PER LA LIQUIDITA DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE TOSCANE CAPO I (Disposizioni generali) Art. 1 (Definizioni) 1. Nel presente regolamento l

Dettagli

In corso di pubblicazione le procedure per accedere agli interventi del Fondo di Garanzia in favore del microcredito

In corso di pubblicazione le procedure per accedere agli interventi del Fondo di Garanzia in favore del microcredito Fabio Mora Dottore Commercialista Revisore Contabile partita iva 01520610443 Cod. Fisc. MROFBA66B10G920A A mezzo fax / e.mail Circolare n. 6/2015 A tutti i signori clienti loro sedi Porto San Giorgio,

Dettagli

L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO

L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO Oggetto e finalità Favorire la microimprenditorialità nell'accesso alle fonti finanziarie mediante la concessione di una garanzia

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA INFORMAZIONI SU ARTIGIANCREDITO TOSCANO Artigiancredito Toscano Consorzio Fidi della Piccola e Media Impresa società cooperativa (in breve ACT) Sede legale

Dettagli

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt.

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. 12 e 13 CIRCOLARE n. 7/2013 approvata con delibera del 2 dicembre

Dettagli

REGIONE TOSCANA. Articolo 1 (Definizioni)

REGIONE TOSCANA. Articolo 1 (Definizioni) Allegato A REGIONE TOSCANA Regolamento del Prestito d onore per l alta formazione e modalità di presentazione della domanda D.G.R. n. 908 del 24 ottobre 2011 come modificata da DGR 390 del 14 maggio 2012

Dettagli

ACCORDO PER INTERVENTI A SOSTEGNO DEL CREDITO D IMPRESA

ACCORDO PER INTERVENTI A SOSTEGNO DEL CREDITO D IMPRESA (schema) PROVINCIA DI PIACENZA ACCORDO TRA LA PROVINCIA DI PIACENZA E I CONFIDI ACCORDO PER INTERVENTI A SOSTEGNO DEL CREDITO D IMPRESA Piacenza, 2010 PROVINCIA DI PIACENZA TRA La Provincia di Piacenza

Dettagli

FONDO PROVINCIALE DI GARANZIA PER I PRIVATI E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. Disposizioni operative

FONDO PROVINCIALE DI GARANZIA PER I PRIVATI E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. Disposizioni operative FONDO PROVINCIALE DI GARANZIA PER I PRIVATI E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Disposizioni operative PARTE I DEFINIZIONI Nelle presenti disposizioni l espressione: Fondo, indica il Fondo di garanzia a favore

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO FINANZIARIO RELATIVO ALLA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DECENNALE DI 750.

CAPITOLATO SPECIALE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO FINANZIARIO RELATIVO ALLA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DECENNALE DI 750. CAPITOLATO SPECIALE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO FINANZIARIO RELATIVO ALLA CONTRAZIONE DI UN MUTUO DECENNALE DI 750.000,00 Procedura aperta Criterio di aggiudicazione: prezzo

Dettagli

Pagina 1. Circolare n. 3/2010

Pagina 1. Circolare n. 3/2010 Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST in base alla Convenzione stipulata il 16.10.1998 tra il Ministero del Commercio con l Estero (ora Ministero dello Sviluppo Economico) e la SIMEST DELIBERA

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 CCI N 2007 IT 051 PO 002 Decisione della Commissione Europea C (2007) 6711 del 17 dicembre 2007 MANUALE

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

Data: Spett.le MedioCredito Centrale SPA Area Fondi di Garanzia e interventi per il capitale di rischio

Data: Spett.le MedioCredito Centrale SPA Area Fondi di Garanzia e interventi per il capitale di rischio Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale Pagina 1 di 7 Data: Spett.le MedioCredito Centrale SPA Area Fondi di Garanzia e interventi per il capitale di rischio FONDO DI GARANZIA

Dettagli

Regione Marche. Giunta Regionale. Assessorato alla Conoscenza, Istruzione, Formazione e Lavoro

Regione Marche. Giunta Regionale. Assessorato alla Conoscenza, Istruzione, Formazione e Lavoro REGIONE MARCHE Regione Marche Giunta Regionale Assessorato alla Conoscenza, Istruzione, Formazione e Lavoro Obiettivo 3 FSE 2000-2006 Attuazione delle Misure B1, D3, E1, Annualità 2005 AVVISO PUBBLICO

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

ALLE BANCHE CONCESSIONARIE ALLA CONFINDUSTRIA ALL ABI ALL A.N.I.A.

ALLE BANCHE CONCESSIONARIE ALLA CONFINDUSTRIA ALL ABI ALL A.N.I.A. Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICA DIREZIONE GENERALE PER L INCENTIVAZIONE DELLE ATTIVITA IMPRENDITORIALI Prot. 43138 del 21 dicembre 2012 ALLA AGENZIA

Dettagli

[SU CARTA INTESTATA DELLA BANCA / IMPRESA DI ASSICURAZIONI / SOCIETÀ DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA]

[SU CARTA INTESTATA DELLA BANCA / IMPRESA DI ASSICURAZIONI / SOCIETÀ DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA] Allegato 3 Schema di fideiussione [SU CARTA INTESTATA DELLA BANCA / IMPRESA DI ASSICURAZIONI / SOCIETÀ DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA] Spett.le Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del

Dettagli