Il Piccolo 8 luglio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Piccolo 8 luglio 2015"

Transcript

1 Il Piccolo 8 luglio 2015 Economia Pensioni, ecco la ricetta dell Inps Oggi la relazione di Boeri. La Cisl boccia l estensione del sistema contributivo: «Impraticabile» ROMA. No all estensione del contributivo per andare in pensione prima: la Cisl con il segretario generale Annamaria Furlan boccia l ipotesi di allargare la cosiddetta opzione donna a tutti, prevedendo il calcolo contributivo per l intera pensione a fronte di una uscita anticipata. È «impraticabile», ha detto Furlan: si tradurrebbe in «un taglio dal 20% al 30%» dell assegno pensionistico, un effetto ancora più pesante considerando che «la media delle pensioni è euro». L opzione è stata considerata «condivisibile» dal presidente dell Inps, Tito Boeri, che oggi in occasione della relazione annuale dell Istituto di previdenza alzerà il velo sulla sua ricetta per consentire maggiore flessibilità in uscita. Boeri la scorsa settimana ha incontrato Renzi ed i ministri Poletti e Padoan. A decidere sulle modifiche da apportare al sistema pensionistico, dopo la rigidità introdotta dalla riforma Fornero, sarà comunque il governo, che da parte sua continua a ribadire la linea secondo cui gli interventi saranno realizzati in sede di legge di stabilità, anche perché ogni correzione non potrà che fare i conti con le risorse a disposizione. Boeri nei giorni scorsi ha già bocciato non solo l ipotesi di staffetta generazionale ma anche la proposta Damiano- Baretta per uscire dal lavoro a 62 anni di età e 35 di contributi con una penalizzazione dell assegno tra il 2% e l 8% l anno perché sarebbe troppo costosa; così come, per lo stesso motivo, ha fatto per la quota 100, ovvero la possibilità di uscire con un mix tra età e contributi. Quanto all eventuale estensione della opzione donna, che invece sarebbe neutra sotto il profilo dei conti pubblici nel lungo periodo, andrebbero probabilmente rivisti i requisiti per uscire in anticipo sia per l età anagrafica, sia per il minimo di contributi necessari. I sindacati però continuano il pressing sull esecutivo: «Noi vorremmo sentire la riforma delle pensioni targata governo, perché al governo spetta fare la proposta», su cui aprire il confronto, ha rimarcato il numero uno della Cisl, tornando a puntare il dito contro la riforma Fornero, la «peggiore d Europa. Bisogna ripristinare la flessibilità in uscita. Il governo - ha detto Furlan - si sbrighi a convocarci e ad iniziare un confronto serio che riguarda milioni di persone». Intanto i sindacati dei pensionati hanno in agenda un incontro con Boeri per domani e con Poletti per giovedì 16, dopo il tavolo già aperto sul sistema di rivalutazione delle pensioni e in generale sulla condizione dei pensionati. Segnalazioni CATTINARA. La Prima Chirurgica deve restare No alla soppressione della prima chirurgica all ospedale di Cattinara! Va bene la razionalizzazione dei servizi sanitari ma non è accettabile che la Regione operi continui tagli alla sanità, dico che c è da preoccuparsi. L impegno di questa nuova riforma doveva essere: meno ospedale più territorio. Il territorio non è pronto, finora abbiamo visto solo tagli delle risorse economiche e umane, di attrezzature e anche di strutture e non abbiamo visto fiorire nulla sul territorio in termini di distretti e altre strutture di accoglienza. Viene amputata di due strutture sanitarie basilari, come la Medicina d urgenza e la Prima Chirurgica all ospedale di Cattinara in questo caso patiscono i cittadini coloro i quali sono colpiti nel loro momento di fragilità: la malattia! Razionalizzazione è una parola terribile dietro cui negli anni più recenti si sono nascoste azioni che hanno toccato in misura pesante soprattutto le professionalità ospedaliere e come riportato dal Piccolo in un recente articolo il consigliere Marini punta il 1

2 dito sul intento di sfoltire le direzioni a proposito delle attuali due strutture complesse di Chirurgia generale che operano nell Azienda Ospedaliero Universitaria. È già stato stabilito di mantenere la struttura a direzione universitaria e sopprimere quella ospedaliera. E ancora, obietta i consigliere, il reparto destinato a scomparire svolge da sempre un ruolo insostituibile perché garantisce un attività di primissimo ordine, con casistica di interventi di particolare complessità Credo che questo la dica lunga sul fatto che a sparire non sono dei doppioni ma delle strutture complesse uniche come medicina d urgenza, e la prima chirurgica uno dei fiori all occhiello dell azienda ospedaliera. Per salvaguardare quello che resta dell eccellente sanità triestina e sorto spontaneamente dai cittadini un comitato con una raccolta firme che mi risulta essere vicino alle cinquemila L auspicio è che la Regione riveda i tagli ma soprattutto corregga i criteri in base ai quali verranno effettuati, perché non si vuole che a sparire siano le eccellenze. Claudio Visintin Grado - Latisana La polemica Punti nascita, Latisana ribatte: «La stessa media di Palmanova» LATISANA. La stessa media di parti per operatore sanitario. L unico dato che fornisce la sicurezza di un Punto Nascita. E Latisana, con meno personale in servizio, ha lo stesso parametro di Palmanova. Se è di numeri che si vuole parlare, li si utilizzi in modo corretto, è il messaggio che il sindaco di Latisana, Salvatore Benigno, manda al collega di Palmanova, ricordandogli che dei 10 punti nascita regionali, quello di Latisana, è fra quei tre che non stanno registrando cali, «nonostante tutte le manovre di strozzamento poste in essere in questi anni in termini di risorse umane non assegnate. E l aumento registrato da Palmanova rimarca Benigno - è comunque inferiore alle aspettative e legato in buona parte alla chiusura del punto nascita di Gorizia. C è un concreto rischio di calo non appena Udine e Monfalcone si riapproprieranno della loro utenza, a seguito dell apertura del nuovo padiglione materno infantile nell azienda di Udine e con l arrivo a Monfalcone del nuovo primario». Rispondendo alle affermazioni del suo collega di Palmanova e smontando punto per punto quanto affermato in una nota, qualche giorno fa, il sindaco di Latisana, ricorda che nel parlare delle eccellenza del dipartimento materno infantile di Palmanova, «Martines dimentica che l ostetricia e ginecologia dell ex Ass 5 è unica da diverso tempo, quindi l'eccellenza è data dalle perfomance delle equipe e non dal contenitore ospedale». Nel suo intervento il sindaco di Palmanova parlava di un studio di fattibilità del 2011, «ignorando volutamente il fatto che il nuovo assetto delle Ass 2, con l accorpamento del goriziano, ha completamente ridisegnato i confini delle Aziende sanitarie e quindi la redistribuzione dei servizi all'utenza, che va fatta dando a tutti i cittadini le stesse possibilità di accesso ai servizi. Non è assolutamente pensabile concentrare tre punti nascita a 20 chilometri gli uni dagli altri (Palmanova, Monfalcone, Udine) e lasciare scoperta un intera area territoriale, andando contro gli stessi principi posti alla base della riforma sanitaria». Paola Mauro 2

3 Messaggero Veneto 8 luglio 2015 Latisana «I numeri danno ragione all ospedale di Latisana» Punto nascita: il sindaco Benigno replica al collega di Palmanova, Martines «E pensi a cosa accadrà quando Udine e Monfalcone riavranno la loro utenza» di Paola Mauro. LATISANA. La stessa media di parti per operatore sanitario. L unico dato che fornisce la sicurezza di un Punto nascita. E Latisana, con meno personale in servizio, ha lo stesso parametro di Palmanova. Se è di numeri che si vuole parlare, li si utilizzi in modo corretto, è il messaggio che il sindaco di Latisana, Salvatore Benigno, manda al collega di Palmanova, Francesco Martines, ricordandogli che dei dieci punti nascita regionali, quello di Latisana è fra quei tre che non stanno registrando cali «nonostante tutte le manovre di strozzamento poste in essere in questi anni in termini di risorse umane non assegnate». «E l aumento registrato da Palmanova rimarca Benigno è comunque inferiore alle aspettative e legato in buona parte alla chiusura del Punto nascita di Gorizia. C è un concreto rischio di calo non appena Udine e Monfalcone si riapproprieranno della loro utenza a seguito dell apertura del nuovo padiglione materno- infantile nell azienda di Udine e con l arrivo a Monfalcone del nuovo primario». Rispondendo alle affermazioni del suo collega di Palmanova e smontando punto per punto quanto affermato in una nota, qualche giorno fa, il sindaco di Latisana, ricorda che nel parlare delle eccellenza del dipartimento materno- infantile di Palmanova «Martines dimentica che l ostetricia e ginecologia dell ex Ass 5 è unica da diverso tempo, quindi l eccellenza è data dalle perfomance delle equipe e non dal contenitore ospedale». Nel suo intervento, il sindaco di Palmanova parlava di un studio di fattibilità del 2011 «ignorando volutamente il fatto che il nuovo assetto delle Ass 2, con l accorpamento del Goriziano, ha completamente ridisegnato i confini delle Aziende sanitarie e quindi la redistribuzione dei servizi all utenza, che va fatta dando a tutti i cittadini le stesse possibilità di accesso ai servizi». «Non è assolutamente pensabile è la conclusione del sindaco di Latisana concentrare tre punti nascita a venti chilometri gli uni dagli altri (Palmanova, Monfalcone, Udine) e lasciare scoperta un intera area territoriale, andando contro gli stessi principi posti alla base della riforma sanitaria». Gorizia Dopo- Pilati, in pole position c è un consulente di Obama È il 50enne padovano Gino Gumirato, che ha lavorato nello staff artefice della riforma sanitaria Usa. Le dimissioni del direttore preoccupano: la riorganizzazione ora rischia di andare ancora più a rilento Vincenzo Compagnone. Ha fatto parte nientemeno che dello staff internazionale di dieci esperti chiamati da Barack Obama per varare la riforma sanitaria americana, il possibile sostituto di Giovanni Pilati alla guida dell Azienda sanitaria Bassa friulana- Isontina. Secondo voci di corridoio, Gino Gumirato - 50 anni, padovano di Camposanpiero - sarebbe in pole position per raccogliere, in settembre, l eredità del direttore generale che si è dimesso lunedì. Carriera con tappe in tutta Italia Gumirato, esperto di management dei sistemi sanitari, ha al suo attivo un curriculum punteggiato da esperienze dirigenziali, sia nel pubblico sia nel privato, su tutto il territorio nazionale. In particolare, è stato direttore generale dell Asl di Cagliari (nominato con il compito di risanarne i conti), dg facente funzioni dell Asl di Roma, direttore amministrativo a Modena e, da ultimo, direttore generale dell Ulss 13 di Mirano (Venezia). Si tratterebbe di un nome di notevole prestigio e il fatto che già se ne parli significa che l addio di Pilati non è stato poi un vero e proprio fulmine a ciel sereno, anche se i soliti bene informati avevano da qualche tempo fatto trapelare l indiscrezione che il manager 3

4 avrebbe potuto andarsene in settembre, dopo l emanazione dell atto aziendale. Due mesi di interregno Pilati, invece, ha anticipato i tempi e il suo abbandono ha scatenato una ridda di ipotesi. Le motivazioni addotte nella lettera di dimissioni fanno riferimento a ragioni «familiari e personali», ma c è chi dice che dietro, o accanto a queste spiegazioni ci sarebbero delle difficoltà manifestate da Pilati nel far conciliare le sue idee di medico e di esperto con le ragioni e i tempi della politica (non dimentichiamo che i direttori generali devono comunque rappresentare determinate situazioni e proposte alla Regione, alla quale spettano però le scelte definitive). Certo, è singolare un addio dopo soli sette mesi dalla nomina, pur considerando le difficoltà legate anche alla necessità di accorpare le due aziende pre- esistenti, quella della Bassa friulana e quella Isontina. Ora, per due mesi, il ruolo di Pilati sarà ricoperto ad interim dal direttore amministrativo Antonio Poggiana. Rallentamento o paralisi? Il timore più diffuso, negli ambienti sanitari goriziani e isontini, è che le dimissioni di Pilati, in un momento molto delicato di applicazione della riforma regionale, possano paralizzare o quantomeno rallentare le procedure in atto. Vero è che nei due mesi cruciali dell estate, luglio e agosto, l attività procede a rilento, ma è altrettanto vero che - al pari peraltro di tutte le aziende regionali - non è stato ancora emanato l atto aziendale in mancanza delle linee d indirizzo di cui la Regione ha inviato ai dg soltanto una bozza. L atto aziendale è la cornice che definisce tutti gli aspetti organizzativi dell apparato sanitario, con la definizione dei servizi ospedalieri e la suddivisione in strutture complesse (quelle guidate da un primario) e semplici (affidate a un medico specialista). Tutto rimandato a dopo settembre Aumenta insomma il tasso d incertezza che caratterizza l attuale situazione, anche perché, chiunque sarà il nuovo direttore generale, oltre all atto aziendale da promulgare, si troverà di fronte a una realtà del tutto nuova di cui prendere le redini. Oltre tutto, anche il mandato di Poggiana (direttore amministrativo) e di Laura Regattin (direttore sanitario) rischia di decadere con la nomina del sostituto di Pilati, poiché è consuetudine dei manager farsi affiancare da uomini di fiducia. Tanti nodi sul tappeto Pilati, all atto dell insediamento, aveva osservato come i nodi più importanti da sciogliere fossero la scelta del secondo Punto nascita da chiudere (fra Palmanova e Latisana, questione tuttora irrisolta) e dell ospedale (Gorizia o Monfalcone) in cui mantenere l Unità coronarica. Proprio nel consiglio comunale di lunedì, la capogruppo di Gorizia è Tua, Rosy Tucci, aveva manifestato le preoccupazioni per le voci sulla soppressione, al San Giovanni di Dio, della guardia cardiologica notturna e per la sospensione della terapia del dolore a domicilio. Problemi e carenze che, insieme con altri, si troverà sul tavolo, a settembre, il nuovo direttore generale. Cronaca Pordenone Ospedale, rischio causa da 400 mila euro Infezione dopo un intervento a una gamba. Si cercherà un accordo alla Curia mercatorum cittadina Un infezione a una gamba dopo le cure per una frattura: per questo l Azienda per l'assistenza sanitaria 5 di Pordenone è stata chiamata davanti a un organismo di mediazione, la Curia Mercatorum cittadina, chiedendo un risarcimento di circa 400 mila euro. L Aas si è costituita in giudizio in vista del primo incontro previsto nel procedimento di mediazione che, se dovesse fallire, aprirebbe la strada a una causa civile. Il fatto risale allo scorso anno, quando un uomo si sottopose alle cure dell ospedale dell Aas 5. Ritenendo di avere avuto conseguenze da un erroneo trattamento sanitario, decise di chiamare in causa, in questa prima fase con la procedura di mediazione, l Aas 5. «Il caso spiega l avvocato dell uomo, di Pravisdomini, che ha presentato richiesta di risarcimento, Roberto Tumiotto, di San Donà di Piave è relativo a un soggetto che a seguito di una frattura ha contratto un infezione che ha causato una 4

5 osteomielite». L osteomielite è un processo infiammatorio che interessa contemporaneamente un osso e il midollo osseo che vi è contenuto. E di natura infettiva, provocato da germi che giungono all osso per via sanguigna anche per infezione diretta dell osso dall esterno, come ad esempio per contaminazione di fratture ossee. «Nei mesi scorsi afferma ancora il legale l ex centro servizi condivisi ci ha comunicato di avere richiesto all Aas 5 la nomina di un medico legale per una perizia, al fine di valutare la situazione. Ma, nonostante le sollecitazioni, non vi è stata alcuna nomina: di qui la mediazione». Un percorso previsto dalla legge: prima di attivare la causa civile, infatti, c è proprio il tentativo di mediazione. La richiesta di risarcimento è di poco più di 400 mila euro, cifra al di sotto dei 500 mila euro che richiedono l intervento dell assicurazione del servizio sanitario regionale. L Egas, il nuovo ente per la gestione accentrata per i servizi condivisi (l ex centro dei servizi condivisi) ha ritenuto il sinistro di propria competenza e ha ritenuta opportuna la partecipazione dell Aas 5 alla mediazione. L incarico è stato conferito all avvocato Vittoria Colò, dirigente avvocato dell Aas5, con facoltà di transigere. Nelle prossime settimane ci sarà il primo incontro davanti alla Curia Mercatorum di Pordenone, organismo per la soluzione delle controversie di natura civile. Donatella Schettini 5

10 DOMANDE SULL ASSISTENZA AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN ITALIA 1

10 DOMANDE SULL ASSISTENZA AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN ITALIA 1 10 DOMANDE SULL ASSISTENZA AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN ITALIA 1 Network Non Autosufficienza (NNA) 2, giugno 2012 1.Perchè la politica dimentica gli anziani non autosufficienti? Non certo per i

Dettagli

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 Odg Fondi contrattuali, varie ed eventuali. Per l'azienda sono presenti: dott.ssa Valori, dott.ssa Biancheri, dott.ssa Battistoni, dott.ssa Pellegrini, dott. Orlando Valori

Dettagli

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore di Gianni Trovati19 maggio 2015 il sole 24 ore Un rimborso quasi integrale per le più basse fra le pensioni coinvolte dal blocco-monti appena bocciato dalla

Dettagli

Cinque idee per la pensione

Cinque idee per la pensione 1 Cinque idee per la pensione LE PROPOSTE DELLA CISL In pensione un po prima: per un nuovo patto fra le generazioni, per una previdenza più equa e sostenibile, per il lavoro dei giovani 1 2 Cinque idee

Dettagli

Il Piccolo 27 maggio 2015

Il Piccolo 27 maggio 2015 Il Piccolo 27 maggio 2015 Neurologia e nefrologia, ok per i primari L ospedale di Gorizia riesce a salvare i due reparti, ora si aspetta solo che la Regione completi la riorganizzazione di Francesco Fain.

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO D.L. 201/2011 Il D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011 (nota come Riforma delle pensioni), ha modificato in modo radicale il sistema previdenziale

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

Pensioni delle donne: un analisi di genere

Pensioni delle donne: un analisi di genere Argomento A cura dello Spi-Cgil dell Emilia-Romagna n. 1 gennaio 2015 Pensioni delle donne: un analisi di genere Questo numero è a cura di Roberto Battaglia e Gabriella Dionigi con la collaborazione di

Dettagli

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE Direzione centrale salute e protezione sociale PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE 2006-2008 (ex articolo 7 L.R. 23 del 29 luglio 2004) Documento N.2 di 2 Schede di ospedale Dicembre 2005 INDICE

Dettagli

Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 "Bassa Friulana-Isontina"

Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 Bassa Friulana-Isontina Pagina n.1 Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 "Bassa Friulana-Isontina" Gorizia N. 173 del 22/04/2015 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE OGGETTO: ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI GUARDIA MEDICA TURISTICA NEL

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Residenza Domicilio Telefono 335/5794180 Fax 085/9067015 E-mail MENDUNI PAOLO Via Civiltà del, 54 66026 Ortona

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Carenze nell attribuire le specialità mediche

Carenze nell attribuire le specialità mediche Auflage: 56545 Gewicht: Seitenaufmachung, gross 19. April 2015 Zurück zum Inhaltsverzeichnis PAGINA 10/11 Carenze nell attribuire le specialità mediche Ecco le principali critiche alla Pianificazione ospedaliera

Dettagli

Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00

Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00 Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00 La nostra Confederazione, quale Organizzazione maggiormente rappresentativa della Dirigenza dello Stato, dei Ministeri, degli

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FUCCI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FUCCI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 262 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FUCCI Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario Presentata

Dettagli

Tavolo. Crescita ed equità

Tavolo. Crescita ed equità Tavolo Crescita ed equità Roma 19 giugno 2007 Le Organizzazioni dell artigianato e del commercio, preso atto delle linee di intervento indicate nella relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza

Dettagli

Il Piccolo 5 ottobre 2015

Il Piccolo 5 ottobre 2015 Il Piccolo 5 ottobre 2015 Regione La sanità investe su esami e cure hi tech La Regione, con un riparto bis di quasi 19 milioni, finanzia 36 interventi dalle risonanze più all avanguardia alle ambulanze

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

rassegna stampa 2 Dicembre 2014 IL CITTADINO Lodi Scala mobile ferma in ospedale, ora non si può nemmeno risalire

rassegna stampa 2 Dicembre 2014 IL CITTADINO Lodi Scala mobile ferma in ospedale, ora non si può nemmeno risalire Pagina 1 di 6 rassegna stampa 2 Dicembre 2014 IL CITTADINO Lodi Scala mobile ferma in ospedale, ora non si può nemmeno risalire Codogno Il caso ospedale finisce ancora sotto i riflettori Casalpusterlengo

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 5 Novembre 2014. Le contraddizioni della sanità pubblica lodigiana

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 5 Novembre 2014. Le contraddizioni della sanità pubblica lodigiana Pagina 1 di 7 rassegna stampa Data 5 Novembre 2014 IL CITTADINO Lodi Le contraddizioni della sanità pubblica lodigiana Lettere & opinioni Rossi proprio come Renzi non si confronta con il sindacato Codogno

Dettagli

Documento unitario dei gruppi di lavoro della Facoltà di Medicina e Chirurgia

Documento unitario dei gruppi di lavoro della Facoltà di Medicina e Chirurgia Il documento unitario della Facoltà di Medicina e Chirurgia (28 febbraio 2009) Pubblichiamo il documento della Facoltà di Medicina e Chirurgia che è stato approvato nel Consiglio di Facoltà del 24 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA (ricognizione del gennaio-febbraio 2015 a cura del Presidente Regionale SID, Dr. Riccardo Candido) PROVINCIA DI GORIZIA

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA (ricognizione del gennaio-febbraio 2015 a cura del Presidente Regionale SID, Dr. Riccardo Candido) PROVINCIA DI GORIZIA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA (ricognizione del gennaio-febbraio 2015 a cura del Presidente Regionale SID, Dr. Riccardo Candido) ASL/USSL (pubblico/ privato) Luogo con indirizzo postale Tipo di Struttura

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

La Legge di Stabilità e le disposizioni di interesse per le persone con sclerosi multipla. Commenti a cura dell Osservatorio AISM diritti e servizi

La Legge di Stabilità e le disposizioni di interesse per le persone con sclerosi multipla. Commenti a cura dell Osservatorio AISM diritti e servizi SINTESI RAGIONATA DELLA LEGGE 27 DICEMBRE 2013, n. 147 DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE E PLURIENNALE DELLO STATO (LEGGE DI STABILITA 2014) La Legge di Stabilità e le disposizioni di

Dettagli

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche.

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche. In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento delle maggiori Gestioni pensionistiche amministrate dall Istituto. Questo

Dettagli

Solidarietà Veneto - Fondo Pensione. Tavola rotonda. Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1

Solidarietà Veneto - Fondo Pensione. Tavola rotonda. Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1 Solidarietà Veneto - Fondo Pensione Tavola rotonda Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1 Intervento di Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP Vicenza, 22 novembre 2012 1 Il testo costituisce

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Giovedì, 04.09.2014

RASSEGNA STAMPA Giovedì, 04.09.2014 RASSEGNA STAMPA Giovedì, 04.09.2014 Il Sole 24 Ore 1 Per gli stipendi pubblici blocco anche nel 2015 La Repubblica 1 Eterologa lo strappo dei governatori Il Secolo XIX - Ed. Levante 1 Eterologa al via

Dettagli

Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti

Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti Per la riforma dell articolo 18 il governo Monti potrebbe seguire il modello tedesco: si tratterebbe, scrive il Corriere della Sera,

Dettagli

Come va la nostra Sanità?

Come va la nostra Sanità? Come va la nostra Sanità? Dopo un lungo periodo di commissariamento imposto dai governi centrali per correggere gli sprechi di molte regioni,quasi sempre meridionali, la Campania, per bocca del suo governatore,

Dettagli

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 Centri di Prelievo e Centri di Trapianto della Regione Friuli Venezia Giulia Centro trapianti Cuore Centro trapianti Fegato

Dettagli

Convegno sull ENPAM: quale futuro? La CAO Nazionale sulla. Abolito l obbligo

Convegno sull ENPAM: quale futuro? La CAO Nazionale sulla. Abolito l obbligo N 49 Maggio 2012 Commissione Odontoiatri Presidente Valerio Brucoli Segretario Convegno sull ENPAM: quale futuro? Intervento del Dr Brucoli Ercole Romagnoli Componenti Dino Dini La CAO Nazionale sulla

Dettagli

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015 Camera dei Deputati XI Commissione Lavoro pubblico e privato Audizione D.L. n. 65/2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 giugno 2015 Premessa Il

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Quando si parla di previdenza del lavoro autonomo il riferimento normativo ancor oggi

Dettagli

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione 21 Agevolazioni Contributive Politiche del lavoro La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione Con il decreto del 6 ottobre 2004 il Ministro del Lavoro ha reso note le disposizioni

Dettagli

OSSERVATORIO PREVIDENZA Anno VII n. 2 6 FEBBRAIO 2015

OSSERVATORIO PREVIDENZA Anno VII n. 2 6 FEBBRAIO 2015 OSSERVATORIO PREVIDENZA Anno VII n. 2 6 FEBBRAIO 2015 IN PRIMO PIANO IN QUESTO NUMERO In primo piano INPS. Sindacati, con Poletti incontro interlocutorio, attesa proposta Governo (Adnkronos) p. 1 Lo sciopero

Dettagli

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi C era una volta. Le pensioni ieri ed oggi Dalla riforma Amato a Monti. I fondamentali della previdenza Piramide società Spesa Protezione sociale Speranza di vita Rapporto attivi/non attivi L invecchiamento

Dettagli

Direzione Centrale Politiche Sociali 2013 07296/019 Servizio Anziani FE 5 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE.

Direzione Centrale Politiche Sociali 2013 07296/019 Servizio Anziani FE 5 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Direzione Centrale Politiche Sociali 2013 07296/019 Servizio Anziani FE 5 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 10 dicembre 2013 Convocata la Giunta presieduta dal Vicesindaco Elide TISI,

Dettagli

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Il Segretario Confederale Liliana Ocmin Indice I valori delle donne, i valori della Cisl pg. 3 Il sistema di Welfare

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme Nascere all Ospedale San Giuseppe Guida pratica per future mamme Indice Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme La storia Pag. 2 Benvenuta Pag. 3 L accoglienza Pag. 4 L assistenza

Dettagli

INDICE ARTICOLI REGIONE

INDICE ARTICOLI REGIONE MESSAGGERO VENETO domenica 18 aprile 2010 (Gli articoli della presente rassegna, dedicata esclusivamente ad argomenti di carattere economico e sindacale, sono scaricati dal sito internet del quotidiano.

Dettagli

RASSEGNA STAMPA SINDACALE

RASSEGNA STAMPA SINDACALE RASSEGNA STAMPA SINDACALE Venerdì 21 ottobre 2011 Pagina: www.oggitreviso.it I TAGLI NEGLI AMBULATORI DI SOLIGO IN UN DOSSIER DELLA CISL I sindacati chiedono un incontro urgente al direttore generale della

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

L e lauree biennali specialistiche per le professioni

L e lauree biennali specialistiche per le professioni editoriale Lauree specialistiche un traguardo importante per la professione Corsa ad ostacoli all italiana per l accesso Giovanni Muttillo, Presidente L e lauree biennali specialistiche per le professioni

Dettagli

Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! PENSIONI blog. Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile!

Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! PENSIONI blog. Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! Pagina 1 di 6 Search PENSIONI blog Europa Informazioni Notizie Ultimo aggiornamento: 29 marzo 2014-08:24 RSS In Notizie Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! 29 marzo 2014-08:24

Dettagli

Qualche dato sulla magistratura onoraria

Qualche dato sulla magistratura onoraria Lo stato dell arte Da un punto di vista definitorio i giudici onorari sono soggetti abilitati alla giurisdizione non appartenenti all ordine dei giudici professionali. La loro esistenza nel nostro ordinamento

Dettagli

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Sei idee per una riforma delle pensioni Position Paper - Draft Settembre 2011 Il documento costituisce una prima bozza di un position paper che Vision svilupperà

Dettagli

Massimo Annicchiarico Azienda Usl di Modena Luca Baldino Azienda Usl di Piacenza Paola Bardasi Azienda Usl di Ferrara Tiziano Carradori

Massimo Annicchiarico Azienda Usl di Modena Luca Baldino Azienda Usl di Piacenza Paola Bardasi Azienda Usl di Ferrara Tiziano Carradori Massimo Annicchiarico è nato a Taranto nel 1958. Si è laureato in medicina e chirurgia presso l Università degli Studi di Bologna e successivamente specializzato in Medicina Interna e in Cardiologia. Dal

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASSANTE MARIA DOLORES Data di nascita 3/07/1957 Qualifica Dirigente medico Unità operativa/ ufficio Cure Primarie Distretto di Serra San Bruno Incarico attuale

Dettagli

Come è noto, in Europa sussistono grandi differenze tra i servizi sanitari, sia per quel

Come è noto, in Europa sussistono grandi differenze tra i servizi sanitari, sia per quel FO Focus on La revisione della spesa 6 Spesa sanitaria e sistema di welfare in tempi di crisi economica di Giuseppe Zuccatelli Presidente Agenas Come è noto, in Europa sussistono grandi differenze tra

Dettagli

Come recuperare efficienza

Come recuperare efficienza Dopo la presentazione del modello lombardo di Cota e Ferrero Come recuperare efficienza La proposta del Partito Democratico per la sanità piemontese 1 Quattro premesse 1. Qui non parliamo di come migliorare

Dettagli

Il contributo della Professione amministrativa

Il contributo della Professione amministrativa Regione FVG - ASS N. 5 Bassa Friulana Il contributo della Professione amministrativa dott.ssa Paola Menazzi Convegno interregionale CARD Tra corsi e ricorsi regionali, i migliori percorsi di governance

Dettagli

AOU Cagliari Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari DIREZIONE GENERALE

AOU Cagliari Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari DIREZIONE GENERALE AOU Cagliari Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari DIREZIONE GENERALE AOU Cagliari Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari CONDIVISIONE DEL BUDGET 2012 Programmazione e Controllo di Gestione Email:

Dettagli

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche I docenti delle Università pubbliche, in quanto dipendenti civili dello Stato, sono iscritti alla cassa per i trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS), istituita il 1 gennaio 1996 come

Dettagli

Friuli Venezia Giulia: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione.

Friuli Venezia Giulia: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Friuli Venezia Giulia: Ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Da oggi per diversi importanti problemi di salute i

Dettagli

Quotidiano. www.ecostampa.it

Quotidiano. www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Immigrazione. In Italia si stimano 5.186mila stranieri residenti. Ma la sanità non è ugu... http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=18112

Dettagli

Egregio Presidente, egregi Componenti della Commissione,

Egregio Presidente, egregi Componenti della Commissione, AUDIZIONE PRESSO LA COMMISSIONE LAVORO, PREVIDENZA SOCIALE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA SUL DISEGNO DI LEGGE N. 3350 DI CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. N. 57 12 MAGGIO 2012 Egregio Presidente, egregi Componenti

Dettagli

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera

Strutture complesse della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Allegato 2 della rete dei servizi di assistenza ospedaliera Di seguito sono elencate le schede dei seguenti presidi ospedalieri Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico Burlo Garofolo di Trieste

Dettagli

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011 Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Decreto Salva Italia: le novità in materia di pensione Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla

Dettagli

LA NUOVA CITTA METROPOLITANA PER UNA NUOVA SANITA IN LOMBARDIA. La riforma sanitaria e socio-sanitaria

LA NUOVA CITTA METROPOLITANA PER UNA NUOVA SANITA IN LOMBARDIA. La riforma sanitaria e socio-sanitaria LA NUOVA CITTA METROPOLITANA PER UNA NUOVA SANITA IN LOMBARDIA La riforma sanitaria e socio-sanitaria Per iniziare a parlare di riforma sanitaria, socio-sanitaria e sociale nel nostro territorio dobbiamo

Dettagli

inserto speciale la PENSIONE può ATTENDERE I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare

inserto speciale la PENSIONE può ATTENDERE I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare Finestre che si chiudono e altre che si aprono, ma con una differenza sostanziale: la via di uscita dal mondo del lavoro è una sola volta all anno.

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

Blocco della scala mobile sulle pensioni per gli anni 2012 e 2013

Blocco della scala mobile sulle pensioni per gli anni 2012 e 2013 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 121 Maggio 2015 Blocco della scala mobile sulle pensioni per gli anni 2012 e 2013 DECRETO-LEGGE 21 maggio 2015, n. 65 E stato pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

IL FUTURO DEGLI ENTI PREVIDENZIALI. Il tema dell accorpamento degli enti previdenziali è stato inserito all ottavo posto tra i dodici punti

IL FUTURO DEGLI ENTI PREVIDENZIALI. Il tema dell accorpamento degli enti previdenziali è stato inserito all ottavo posto tra i dodici punti IL FUTURO DEGLI ENTI PREVIDENZIALI Il tema dell accorpamento degli enti previdenziali è stato inserito all ottavo posto tra i dodici punti prioritari indicati dal Governo per rilanciare l azione programmatica.

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

OSSERVAZIONI DELLA CIDA ALLA LEGGE 92 DEL 28 GIUGNO 2012 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MERCATO DEL LAVORO IN UNA PROSPETTIVA DI CRESCITA

OSSERVAZIONI DELLA CIDA ALLA LEGGE 92 DEL 28 GIUGNO 2012 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MERCATO DEL LAVORO IN UNA PROSPETTIVA DI CRESCITA OSSERVAZIONI DELLA CIDA ALLA LEGGE 92 DEL 28 GIUGNO 2012 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MERCATO DEL LAVORO IN UNA PROSPETTIVA DI CRESCITA giugno 2013 Premessa Il testo della legge n. 92/2012 in materia

Dettagli

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA L invecchiamento della popolazione rappresenta una dei fenomeni più importanti che riguardano la popolazione dell intera Regione Veneto e del

Dettagli

Scheda Curriculum Vitae EUROPEO

Scheda Curriculum Vitae EUROPEO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono DONATELLA ALBINI E-mail Nazionalità ITALIANA Data di nascita Codice fiscale Date (da a)

Dettagli

SICUREZZA: SINDACATI INCONTRANO ALFANO E CESA, DA GOVERNO SILENZIO ASSORDANTE

SICUREZZA: SINDACATI INCONTRANO ALFANO E CESA, DA GOVERNO SILENZIO ASSORDANTE PENSIONI: SINDACATI COMPARTO SICUREZZA VEDONO ALFANO E CESA PENSIONI: SINDACATI COMPARTO SICUREZZA VEDONO ALFANO E CESA DOMANI BERSANI, PREOCCUPAZIONE SU SCELTE GOVERNO (ANSA) - ROMA, 18 APR - ''Molto

Dettagli

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra?

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? Il problema Nel particolare momento di elezioni, tutti gli animi si scaldano: i politici promettono tutto a tutti pur di guadagnare qualche punto

Dettagli

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) L organizzazione del primo pilastro Interventi legislativi: Decreto legislativo n.

Dettagli

Prende il via la stretta sulle pensioni

Prende il via la stretta sulle pensioni a cura di Pino Pignatta testi di Paolo Ferri In collaborazione col Patronato Adi si allontana Dal 1 * gennaio la riforma che porta il nome del ministro del Welfare Elsa Fornero inizia a far sentire i suoi

Dettagli

AZIENDA U.L.S.S. N. 16 - PADOVA Incarico di direzione strutt.semplice DISTRETTO SOCIO SANITARIO N.2 DIREZIONE DEL DISTRETTO

AZIENDA U.L.S.S. N. 16 - PADOVA Incarico di direzione strutt.semplice DISTRETTO SOCIO SANITARIO N.2 DIREZIONE DEL DISTRETTO INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome BASTA GIUSEPPINA Data di nascita (gg/mm/aaaa) 25/08/1957 Qualifica Dirigente medico a rapp.esclusivo ( +15) Amministrazione Incarico attuale In servizio presso l Unità

Dettagli

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Gentile Signora, gentile Signore, La nostra Azienda sta conducendo un indagine tra i pazienti ricoverati per valutare la qualità dei

Dettagli

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella manovra Finanziaria 2008 La sanità nella manovra Finanziaria 2008/1 Più risorse per i livelli essenziali di assistenza e cresce il Fondo per i non autosufficienti Potenziato il piano pluriennale

Dettagli

MEMORIA DELLA CGIL E DELLO SPI CGIL AUDIZIONE del 8 giugno 2015 XI COMMISSIONE CAMERA DEI DEPUTATI SU DECRETO LEGGE 65/2015 Disposizioni urgenti in

MEMORIA DELLA CGIL E DELLO SPI CGIL AUDIZIONE del 8 giugno 2015 XI COMMISSIONE CAMERA DEI DEPUTATI SU DECRETO LEGGE 65/2015 Disposizioni urgenti in MEMORIA DELLA CGIL E DELLO SPI CGIL AUDIZIONE del 8 giugno 2015 XI COMMISSIONE CAMERA DEI DEPUTATI SU DECRETO LEGGE 65/2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie

Dettagli

Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa

Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa Secondo le stime più attendibili, di 350 mila lavoratori che si trovano a dover

Dettagli

Fondo Pensione Complementare

Fondo Pensione Complementare Fondo Pensione Complementare Per i lavoratori dei Ministeri, Enti Pubblici non Economici, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dell Enac e del Cnel Sirio incontra i lavoratori dell Università La

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

AUDIZIONE DEL 21 OTTOBRE 2008 ALLA COMMISSIONE DIDATTICA DEL CUN INTERVENTO DI VITO CARDONE - PRESIDENTE DELLA CoPI

AUDIZIONE DEL 21 OTTOBRE 2008 ALLA COMMISSIONE DIDATTICA DEL CUN INTERVENTO DI VITO CARDONE - PRESIDENTE DELLA CoPI AUDIZIONE DEL 21 OTTOBRE 2008 ALLA COMMISSIONE DIDATTICA DEL CUN INTERVENTO DI VITO CARDONE - PRESIDENTE DELLA CoPI Ringrazio la Commissione Didattica del CUN e il suo coordinatore, prof. Stella, per questa

Dettagli

Pensionamento flessibile e (Ri)equilibrio tra generazioni

Pensionamento flessibile e (Ri)equilibrio tra generazioni Pensionamento flessibile e (Ri)equilibrio tra generazioni Brevi considerazioni con qualche numero di Maggio 2013 Si riaperto il cantiere delle pensioni. L obiettivo è irrobustire i risultati raggiunti

Dettagli

DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com daldegansonia@legalmail.

DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com daldegansonia@legalmail. FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com

Dettagli

Area Politiche per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità. Servizi Sistema Integrato Servizi Sociali

Area Politiche per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità. Servizi Sistema Integrato Servizi Sociali R E G I O N E P U G L I A ALL. C Area Politiche per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità Servizi Sistema Integrato Servizi Sociali Via Caduti di Tutte le Guerre, 15-70123

Dettagli

sabato 13 ottobre 2012

sabato 13 ottobre 2012 Rassegna Stampa CISL Bergamo sabato 13 ottobre 2012 sabato 13 ottobre 2012 LA TRAGEDIA Un uomo è morto a Martinengo dopo essere precipitato sul posto di lavoro. L incidente mortale è avvenuto intorno

Dettagli

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tumiati Marina Data di nascita 31 gennaio 1964 Qualifica Infermiera Amministrazione Azienda U.L.S.S. 19 Incarico attuale Infermiera con incarico di tutor degli

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI Premessa I Trattamenti Pensionistici In Italia, come anche in tutti i paesi maggiormente industrializzati, alla precarietà del mercato del

Dettagli

ANGELA ZANELLO via Lestizza, 26 33050 MORTEGLIANO. angela.zanello@alice.it

ANGELA ZANELLO via Lestizza, 26 33050 MORTEGLIANO. angela.zanello@alice.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità ANGELA ZANELLO via Lestizza, 26 33050 MORTEGLIANO angela.zanello@alice.it italiana Data di nascita 17

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità SORU ANTONIO MARIA Dato omesso ai sensi dell art. 3, n.2, dell avviso

Dettagli

Le politiche di revisione della rete ospedaliera in Friuli Venezia Giulia (L. R. n. 13/1995)

Le politiche di revisione della rete ospedaliera in Friuli Venezia Giulia (L. R. n. 13/1995) Note informative sull attuazione delle politiche regionali n. 1/2010 COMITATO PER LA LEGISLAZIONE IL CONTROLLO E LA VALUTAZIONE Le politiche di revisione della rete ospedaliera in Friuli Venezia Giulia

Dettagli

Modelli di gestione. Confederazione Generale Italiana del Lavoro. 3 Sessione. Comunicazione di: Daniela Cappelli. Segreteria regionale Cgil Toscana

Modelli di gestione. Confederazione Generale Italiana del Lavoro. 3 Sessione. Comunicazione di: Daniela Cappelli. Segreteria regionale Cgil Toscana 3 Sessione Modelli di gestione Comunicazione di: Daniela Cappelli Segreteria regionale Cgil Toscana Anche la CGIL Regionale Toscana, in collegamento con la piattaforma della CGIL Nazionale Per il diritto

Dettagli

Fondo pensione Sirio

Fondo pensione Sirio Fondo pensione Sirio 2 È necessario un secondo pilastro Pensionistico? Come funziona la previdenza Tipologia di lavoratori e Enti di previdenza INPS 3 Gli anni turbolenti della previdenza in Italia A partire

Dettagli

Commissione Parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale

Commissione Parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale Commissione Parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale Audizione su Indagine conoscitiva sulla funzionalità del sistema previdenziale

Dettagli

Il MIUR ha emanato il D.M. N. 886 del 1 Dicembre 2014 dove viene fissato il 15 gennaio 2015 come termine per la presentazione delle domande.

Il MIUR ha emanato il D.M. N. 886 del 1 Dicembre 2014 dove viene fissato il 15 gennaio 2015 come termine per la presentazione delle domande. REQUISITI PER COLLOCAMENTO QUIESCENZA Quali sono i requisiti per presentare la domanda nel 2015? Ci sono anche delle novità per quanto riguarda i prepensionamenti, una legata all'iter della Legge di Stabilità.

Dettagli

Che cosa ci preoccupa tanto nell obesità dei giovanissimi? Vi è un filo che lega l obesità infantile alle malattie cardio-vascolari nell adulto.

Che cosa ci preoccupa tanto nell obesità dei giovanissimi? Vi è un filo che lega l obesità infantile alle malattie cardio-vascolari nell adulto. Ed ecco la quarta serie di diapositive tratte da alcune presentazioni sull obesità infantile e problemi correlati che ho illustrato durante incontri con i genitori di bambini ed adolescenti desiderosi

Dettagli

Presidenza del Presidente Vuga

Presidenza del Presidente Vuga RIUNIONE DEL 22 ottobre 2009 PROCESSO VERBALE Presidenza del Presidente Vuga Comune di Cividale del Friuli Attilio Vuga, Sindaco Comune di Pasiano di Pordenone Claudio Fornasieri, Sindaco Provincia di

Dettagli

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Consiglio italiano per le Scienze Sociali Italiadecide Intergruppo parlamentare per l Agenda urbana presentano In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Seminario 23 gennaio 2013

Dettagli