DEL PER TUAZIONE QUALITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DEL PER TUAZIONE QUALITÀ"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTEE LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE E L ATT TUAZIONE DEL SISTEMA DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DI ATEN EO

2 Sistema d Assicurazione della Ateneo INDICE 1. Scopo 2 2. Acronimi 2 3. Riferimenti normativi 3 4. La struttura organizzativa per il Sistema Ateneo Requisiti generali Attori del Sistema Ateneo Compiti e funzioni 4 5. Calendario delle attività per la gestione dell offerta formativa e relativi adempimenti AVA Scopoo Lo scopo del presente documento è definire i ruoli e lee funzioni per l attuazione del Sistema Assicurazione della dell Ateneo Trieste, al fine assicurare, sia al suo interno che all esterno, la gestione dei processi attraverso cui realizzare le politiche Ateneo, in materia qualità dellaa datticaa e dellaa ricerca, non solo ai fini dell accretamento iniziale e perioco dei corsi stuo e delle se universitarie, ma anche in una logica orientata al continuoo miglioramento. 2. Acronimi ANVUR: Agenzia Nazionale Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca AQ: Assicurazione della AVA: Autovalutazione, Valutazione, Accretamento C-CdS: Coornatore del Corso Stuoo CdS: Corso Stuo CPDS: Commissione Paritetica Docenti-Studenti della Ricerca DG: Direttore Generale ERC: European Research Council (Consiglio Europeo della Ricerca) CVR: Commissione per la Valutazione LS: Life Sciences (Scienze della Vita) NV: Nucleo Valutazione PE: Physical and Engineering Sciences (Scienze Fisiche e Ingegneristiche) PQ: Presio della RAR: Rapporto Annuale Riesame SAD: Segreteria Amministrativa Dipartimento Pag. 2

3 Sistema d Assicurazione della Ateneo SAQ: Sistema Assicurazione della SSD: Segreterie Didattiche Dipartimento SUA-CdS: Scheda Unica Annuale per il Corso Stuo SUA-RD: Scheda Unica Annuale per la Ricerca Dipartimentale SH: Social Sciences and Humanities (Scienze Umanistiche, Giuriche Economiche e Sociali) Uff VCQ: Ufficio Valutazione e Controllo della Uff OF: Ufficio Offerta Formativa 3. Riferimenti normativi Per la definizione dei ruoli e dei compiti sono stati presi qualee riferimento: la Legge 30 cembre n.240 (http://www.camera.it/parlam/leggi/10240l.htm) i decreti in materia accretamento: : o D.Lgs. 27 gennaio 2012 n.19 (http://www.anvur.org/attachments/article/25/dlgs_19_del_27_01_ 2012.pdf) o D.M. 30 gennaio 2013 n..47 (http://attiministeriali.miur.it/anno-2013/gennaio/dm aspx) o D.M. 23 cembre 2013 n.1059 (http://attiministeriali.miur.it/anno-2013/cembre/dm aspx) il documento ANVUR del 28 gennaio 2013 sul Sistema Autovalutazione, Valutazione e Accretamento (AVA) (http://www.anvur.org/attachments/article/26/documento_finale_28_01_13.pdf) la normativa Ateneo, e in particolare: o lo Statuto dell Università degli Stu Triestee (http://www.amm.units.it/reguni.nsf/0/40b159314a449ef9c12579e /$file/statuto%20 vigente% pdf) o il D..R. n.1283 del 27 novembre 2013 che ha costituito il Presio della (https://web.units.it/sites/default/files/all/nucleo-valutazione/pagine/decretopq.pdf). 4. La struttura organizzativa per il Sistema Ateneo 4.1 REQUISITI GENERALI Il Presio della Ateneo (PQ), istituito con D.R. D 1283 del 27/11/2013, in conformità con quanto stabilito dagli Organi Governo, nel presente documentoo definiscee i ruoli e i compiti necessari per la gestione dei processi coinvolti, sia a livello centrale che struttura periferica, nell attuazione e nella valutazione interna dell proprio Sistema Assicurazione (SAQ). Definisce inoltre le modalità d interazione e comunicazione dei versi attori nell ambito del funzionamento del SAQ, specificando le verse competenzee e la calendarizzazione delle singole attività ai fini del Sistema Autovalutazione, Valutazione e Accretamento (AVA). Pag. 3

4 Sistema d Assicurazione della Ateneo 4.2 ATTORI DEL SISTEMA QUALITÀ DI ATENEO A livello centrale gli attori del Sistema Assicurazione Q Ateneo, coinvolti nei processi assicurazione della qualità della dattica e della ricerca, sono: a) gli Organi Governo b) il Direttore Generale c) il Nucleo Valutazione d) il Presio della e) la Commissione per la Valutazion ne della Ricerca f) la Commissione permanente per la Didattica dei Dipartimenti g) l Ufficio Valutazione e Controllo h) Sezione complessa Servizi agli Studenti e alla Didattica i) Sezione Ricerca e Dottorati j) Ripartizione Orientamento e URPP k) Sezione Servizi informativi l) Ripartizione Processi gestionali m) Ripartizione Servizi Web A livello periferico, ovvero a livello partimento e singolo corsoo stuo (CdS), il SAQ Ateneo prevede il coinvolgime ento nei processi d gestionee della qualità della dattica e della ricerca dei seguenti attori: n) il Direttore Dipartimento o) il Consiglio Dipartimento p) la Commissione Paritetica Docenti Studenti q) il Gruppo Assicurazione à Dipartimento r) il Coornatore del Corso Stuo s) il Consiglio del Corso Stuo (laddove istituito) t) i Gruppi per l Assicurazione dei Corsi Stuo (Gruppi Riesame dei Corsi Stuo) u) le Commissioni per la Ricerca partimentale v) la Segreteria Amministrativa Dipartimento w) la Segreteria Didattica Dipartimento 4.3 COMPITI E FUNZIONI L organizzazione e le responsabilità per l AQ facenti capoo ai singoli attori del SAQ Ateneo sono sintetizzati nelle tabelle seguenti stinte a livello centrale (Tabella 1) e partimentale (Tabella 2). Nella Figuraa 1 è rappresentata la struttura organizzativa del Sistema AQ dell Ateneo per quanto attiene in particolare il rispetto dei requisiti previsti dalla normativa nazionale e sono evidenziati i principali flussi informativi e comunicativi, nonché gli strumenti documentali atti a fornire evidenza dellee attività i AQ e valutazione dei CdS e della Ricerca. Pag. 4

5 Sistema d Assicurazione della Ateneo Tabella 1. Attori del SAQ Compiti e funzioni per l AQ della formazione e della ricerca a livello centrale ATTORE del SAQ Organi Governo (Rettore, Senato Accademico, Consiglio Amministrazione) Direttore Generale (DG) Nucleo Valutazione (NV) Compiti e funzioni Stabiliscono le politiche per la qualità Ateneo, volte a realizzare la propria visione dellaa qualità della formazione e della ricercaa (incluse le attività terza missione), meante la definizione delle linee strategiche e della programmazione triennale; si assumono la responsabilità primaria della qualitàà della formazione offerta dai CdS e dei servizi supporto connessi; tutelano l interesse della società per gli standard qualitativi dell istruzione superiore; sviluppano e migliorano la qualità della formazione e dei servizi supporto a vantaggio degli d studenti e degli altri fruitori dell istruzione superiore. Responsabile della complessiva gestione e organizzazione delle attività e dei servizi dell Ateneo, delle risorse professionali amministrative e tecniche, strumentali e finanziarie, e dei risultati raggiunti, inn correlazione alle linee inrizzo strategico formulate dal Consiglio d Amministrazione, nonché della legittimità degli atti e provvementi posti in essere, in ottemperanza ai principi d efficacia, efficienza, economicità, semplificazione, trasparenza, merito e pari opportunità; supporta gli organi Governo nella definizione dei documenti programmazione strategica; garantisce, in considerazione della trasversalità dei processi coinvolti, il coornamento tra lee verse strutture dell Ateneo per l attuazione dell Sistema AQ; assicura la presenza adeguate risorse incaricate del supporto tecnicoamministrativo al Presio della. Organo collegiale dell Ateneo, costituito Pag. 5

6 Presio della (PQ) Sistema d Assicurazione della Ateneo ai sensi della L.370/99 e regolato dallo Statuto Ateneo; svolge, ex-post, un ruolo controllo e inrizzo dell AQ, formulando pareri e raccomandazioni nei confronti del Presio della à e degli Organi Governo dell Ateneo; verifica la qualità q e l'efficacia dell'offerta dattica, anche sulla base degli incatori inviduati dalle d Commissioni Paritetiche Docenti-Studenti; verifica l'attività ricerca svolta dai Dipartimenti; accerta se l organizzazione e l attività documentataa del PQ siano strutturate in modo efficace; accerta la persistenza dei requisiti quantitativi e qualitativi per l Accretamento Iniziale e Perioco dei CdS e dell Ateneo; accerta se gli g Organi Governoo dei CdS e dell Ateneo tengonoo conto dell attività del PQ e delle valutazioni e delle proposte delle CP-DS contenute nelle Relazioni Annuali; verifica che i Rapporti Riesame delle attività formazionef e siano redatti r in modo corretto e siano funzionali al miglioramento continuo; prespone una relazione annuale, contenente gli esiti delle valutazioni dell a.a. precedente, da cui emergano pareri e incazioni retti al Presio della e agli Organii Governo per il miglioramento della qualità dell attività dattica e ricerca, e la trasmette all ANVUR e al MIUR. Organo responsabile dell AQ Ateneo, nominato dal Rettore.. Presieduto da un docente esperto in materia gestione per la qualità, è composto da altri 6 docenti per garantire la rappresentatività delle aree sciplinari secondo lo schema dei 3 macrosettori ricerca ERC, ovverosia le Scienze Fisiche e Ingegneristiche (PE), le Scienze della Vita (LS) e le Scienze Umanistiche, Pag. 6

7 Sistema d Assicurazione della Ateneo Commissione per Ricerca (CVR) Giuriche Economichee e Sociali (SH); definisce e sovraintende l attuazione del processo e delle procedure previste per l AQ della dattica e della ricerca partimentale, coerentemente con le linee guida dell ANVUR e la Politica per la d Ateneo, in particolare gli elementi relativi a SUA-CdS, SUA-RD, Riesame CdS, C Riesame RD, flussi informativi da/per il NdV e le CPDS; monitora il processo AQ e realizza iniziative in/formazione verso gli attori in esso coinvolti c promuovendo una cultura della qualità orientata al miglioramento continuo; valuta l efficacia degli interventi miglioramento dell attività formativa e dei servizi supporto e delle loroo effettive conseguenze; supporta e coorna l'attività dei Dipartimenti e dei CdS, fornendo linee guida comuni per l attuazione del SAQ e per il miglioramento del collegamento e dell integrazione tra servizi ateneo e partimenti; adotta set d incatori omogenei per le valutazioni e le analisi perioche anche meante confronti a livello nazionale e, laddove possibile, internazionale; prespone modelli documentazione per una metodologia lavoro uniforme ed efficace; relaziona agli organi governo dell Ateneo in merito all attività svolta e allo stato attuazionee del sistema AQ. la Valutazione della Commissione tecnicaa composta da un membro perr ciascuna delle aree/sub-aree scientifiche. I componenti della CVR sono designati dal Rettoree tra una rosa candati proposti dal Senato Accademico; fornisce agli a organi governo, valutazione e controllo dell Ateneo, elementi cognitivi e istruttori, utili a orientare le strategie in materia ricerca scientifica e terza missione; promuove loo stuo, la sperimentazione, Pag. 7

8 Sistema d Assicurazione della Ateneo l'applicazione e la ffusione metodologiee e pratiche valutazione, strumentali al a rilevamento, all analisi e al sostegno della qualità dell'attività scientifica svolta nell'ateneo; definisce e aggiorna periocamente standard, parametri e criteri per l'analisi e la valutazione dell'attività scientifica dell'ateneo, in conformità ai criteri utilizzati dagli d organi nazionali e internazionali valutazione della ricerca; si raccorda con c i Collaboratori e i Delegati del Rettore per p le specifiche materie. si coorna con c il Presio della al quale trasmette annualmente una relazione sull attività svolta. Commissione permanente per la Didattica Commissione composta da un dei Dipartimenti rappresentante (delegato per la dattica) ogni Dipartimento, con il coornamento del Collaboratore rettorale per l Area Didattica, politiche per gli studenti, ritto allo stuo ; incaricata garantiree il coornamento tra le strutture partimentali, nell ottica della razionalizzazione delle risorse r e dell uniformità dei procementi, nonché l approfonmento delle problematiche dattica che coinvolgono più Dipartimenti. Ufficio Valutazione e Controllo della Supporta il PQ P collaborando all analisi dei (Uff. VCQ) versi processi chee concorrono alla realizzazionee dell offerta formativa (dalla progettazione, all erogazione, alla verifica dell efficaciaa del corsoo stuo offerto) e le loro interazioni, allaa definizione ruoli e responsabilità dei versi attori coinvolti nel sistemaa AQ e alla ffusione, attraverso la gestione un sito web decato, degli obiettivi del sistema e della documentazione riferimento, nonché dei risultati r delle attività svolte; coerentemente con laa funzione ufficio statistico prespone e rende sponibile la reportistica contenente dati e incatori, coerenti conn quelli proposti dall ANVUR, da utilizzare per le valutazioni e le analisi perioche della d qualità della dattica e Pag. 8

9 Sistema d Assicurazione della Ateneo della ricerca, anchee derivanti dalle indagini customer satisfaction ; supporta i Dipartimenti nella programmazione dell offerta formativa, f anche meante verifiche sostenibilità dell offerta nel sistemaa accretamento; pianifica le attività funzionali ai meccanismi valutazione e accretamento dei CdS, anche meante presposizione, in stretta collaborazione con il PQ, rettivee e linee guida attuazione della d normativa nazionale riferimento e delle incazioni degli organi valutazione e controllo dell Ateneo finalizzate alla a standarzzazione delle procedure; fornisce, in stretta collaborazione con il Presio della, il supporto al Nucleo Valutazione per l attività istruttoria finalizzata alla redazione, da parte del Nucleo stesso, della Relazione annuale prevista dall art.14 D..Lgs.19/2012 e ne cura la trasmissione all ANVUR. Tabella 2. Attori del SAQ Compiti e funzioni per l AQ delle d attività formative e della ricerca a livello partimentale e CdS ATTORE del SAQ Compiti e funzioni Direttore Dipartimento Responsabile della qualità della dattica Organi Governo del Dipartimento e della ricerca responsabilee dell implementazione della SUA-RD. Consiglio Dipartimento Definisce le strategie per la pianificazione delle attività dattiche e della ricerca; stabilisce ruoli e responsabilità nella propria organizzazionee è responsabile dellaa progettazione e attuazione dei CdS; approva (o ratifica il Consiglio CdS) i Rapporti Riesame R dei CdS; approva lee azioni correttivee e miglioramento proposte dai CdS; approva il fabbisognoo risorse per il raggiungimento degli obiettivi qualità e miglioramento; approva la SUA-RD. S Pag. 9

10 Sistema d Assicurazione della Ateneo Commissione Paritetica Docenti Studenti Nominata dal Consiglio Dipartimento e (CPDS) composta inn misura paritetica da docenti e studenti; valuta, sulla base delle informazioni contenute nella n SUA-CdS e altre fonti sponibili, l'offerta formativa e la qualità della dattica, nonchéé l'attività servizio agli studenti da parte dei professori e dei ricercatori; invidua incatori per la valutazione dei risultati dellaa datticaa e dei servizi agli studenti; esprime parere sull'attivazione, mofica e soppressione dei CdS, nonché sulla copertura degli insegnamenti; esprime parere sui regolamenti dattici dei CdS attivati; svolge attività vulgativa delle politiche qualità dell ateneo nei confronti degli studenti; rege una relazione r annuale contenente proposte per p il miglioramento e la trasmette al Nucleo Valutazione, al Presio della e all Ufficio Valutazione e Controllo della, ai fini della successiva pubblicazione entro il 31 cembre ognii anno, nonché ai Coornatori dei CdSS e ai Direttori Dipartimento. Nota 1. In merito alla composizione della CPDS, il PQ P raccomanda il non coinvolgimentoo dei Coornatori dei CdS e dei componen ti dei Gruppi AQ dei CdS al fine assicurarne l autonomia. Gruppo per l AQ Dipartimento Costituito daa un minimo 3 componenti nominati dall Consiglioo Dipartimento su proposta del Direttore, tra i docenti afferenti al Dipartimento, quali referenti per l AQ relativamente alle attività formative, della ricerca e terza missione, nonché n da una risorsa personale amministrativo con competenzee in materiaa AQ; si attiene alle linee guida per l AQ definite dal PQ e le ffonde all interno del Dipartimento; Pag. 10

11 Sistema d Assicurazione della Ateneo Consiglio istituito) garantisce laa corretta compilazione della SUA-CdS e della SUA-RD (per quanto sua competenza) e dei Rapporti Riesame; coauva il Direttore D Dipartimento nella pianificazione delle azioni miglioramento e ne verifica l efficacia; favorisce laa comunicazione al proprio interno e con le altree strutture coinvolte nei processi formazione. Nota 2. Nell attuale fasee attuazione del Sistema AQ il PQ suggerisce che il Gruppo per l AQ partimentale venga costituito dai Delegati D perr la Didattica, per la Ricerca, per il Trasferimento Tecnologico e i Rapporti con il Territorio, l Orientamento (ingresso e uscita). del Corso Stuo (laddove Il consiglio un corso stuo può essere istituito con deliberazione consiliare dei partimenti interessati; qualora istituito è composto da tutti i titolari degli insegnamenti ufficiali del corso stuo e dalle rappresentanze degli studenti; elegge al suo interno un Coornatore corso stuo (C-CdS) tra i professori e i ricercatori ruolo; determina lee linee programmatiche e coornamento della dattica dei corsi stuo e propone al consiglio partimentoo l attivazione degli insegnamenti e la loro copertura; esamina e approva i piani stuo proposti dagli studenti per il conseguimento dei titoli stuo; formula proposte p in materia riconoscimento dei curriculum dattici sostenuti dagli d studenti presso altre università italiane e straniere, nonché riconoscimento dei titoli conseguiti presso le medesimee università; organizza i servizi orientamento e tutorato, inn coornamento con il partimentoo e con i competenti servizi centrali Ateneo; verifica la qualità dellaa dattica, anche in base agli incatori della commissione Pag. 111

12 Sistema d Assicurazione della Ateneo Coornatore del Corso Stuo (C-CdS) Sovrintende alle attività del corso stuo, cura i rapporti con il partimento, convoca e presiede p ill consiglio, laddove istituito, e promuove p l esecuzione delle rispettive deliberazioni. responsabilee operativo periferico dell intero processo p AQ del CdS, risponde in merito allaa progettazione, allo svolgimento e alla verifica (Riesame annuale e Riesame ciclico) del CdS; garante dell AQ del CdS a livello periferico; informa il Direttore D Dipartimento in merito a eventuali e problematiche che potrebbero influire sul corretto svolgimento delle attività dattiche, anche sulla base segnalazioni degli studenti; comunica i risultati r delle proprie attività, in particolare meante laa SUA-CdS; assolve ogni compito o ad esso delegato dal Consiglioo Dipartimento. Gruppo AQ del CdS Coornato dal docente responsabile delle attivitàà del CdSS (Coornatore del CdS), prevede la partecipazione almeno un docente d afferente al CdS e uno studente; monitora i dati relativi al CdS (attività dattiche e servizi supporto); svolge il riesame del CdS inviduandone i punti i forza e debolezza, identificandoo le azioni miglioramento e verificandone la corretta attuazione nei confronti tutte t le parti interessate. Nota 3. Il PQ raccomanda che, in una fase successiva, il Gruppo per l AQ del CdS venga coinvolto nell intero processo assicurazione della qualità del corso stuo (progettazione, svolgimento e verifica) Commissione per la Ricerca partiment tale paritetica docenti-studenti, e adotta le misure ritenute idonee al miglioramento del servizio offerto o aglii studenti. Nominata dal Consiglio Dipartimento su proposta del Direttore è responsabile dell attività Pag. 12

13 Sistema d Assicurazione della Ateneo Segreteria Didatticaa Dipartimento (SDD) Segreteria Amministrativa (SAD) monitoraggioo perioco nel singolo partimentoo retto a valutare i risultati della attivitàà ricercaa ed evidenziare le eventuali criticità esistenti (riesame della ricerca partimentale) ); può inoltre programmare le attività ricerca e definire i criteri per la stribuzionee dei relativi fon all interno del Dipartimento. Rappresentata dal Segretario Didattico Dipartimentoo (SDD); supporta i Coornatori dei CdS nella fase progettazione/programmazione dell offerta dattica; assicura assistenza e informazione agli studenti e ai docenti nell erogazione dell offerta dattica; collabora con c l Ufficio Valutazione e Controllo per p la supportando l allineamento alle linee guida da esso fornite per lo svolgimento delle attività connesse alla a programmazione della dattica; implementa l offerta formativa e dattica negli applicativi gestionali; fornisce supporto tecnico-amministrativo a tutti gli attori coinvolti nel processo AQ dei CdS. Dipartimento Gestisce le attivitàà necessarie al funzionamento ornario del Dipartimento, nonchè quelle necessarie alla realizzazione dell attività ricerca e trasferimento dellaa conoscenza. Tra queste, a titolo esempio: l acquisto beni e servizi, la gestione dei contratti, incarichi, ecc., rencontazioni progetti e supporto agli organi partimentali (Direttore, Consiglio Dipartimento, Giunta); supporta il Direttoree nelle attività implementazione dellaa SUA-RD. Pag. 13

14 Sistema d Assicurazione della Ateneo Figura 1. Struttura organizzativaa del Sistema AQ dell Ateneo comunicativii e principali flussi informativi e LEGENDA ATTORI DEL SAQ COINVOLTI NELLA GESTIONE DELL OFFERTA FORMATIVA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA UFFICI AMMINISTRATIVI A SUPPORTO DOCUMENTAZIONE PER IL SAQ ATTORI DEL SAQ COINVOLTI NELLA VALUTAZIONE INTERNA ED ESTERNAA E NELL ACCREDITAMENTO DOCUMENTAZIONE DEL SAQ MONITORAGGIO DEI RISULTATI DELLA RICERCA SCIENTIFICA FLUSSI DI COMUNICAZIONE Pag. 14

15 Sistema d Assicurazione della Ateneo 5. Calendario delle attività per laa gestione dell offerta formativa e relativi adempimenti AVA Il calendario della attività per la gestionee dell offerta formativaa e degli ulteriori adempimenti collegati al sistema AVA vienee aggiornato periocamente edd è pubblicato alla pagina: https://web.units.it/node/1666/ /adminnode Pag. 15

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO Documento approvato dal Consiglio Direttivo dell ANVUR il 09 gennaio 2013 FINALITA DEL DOCUMENTO Questo documento riassume

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Indice 1. Le basi normative e aspetti generali 2. Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

STATUTO TITOLO 1 IDENTITÀ, MISSIONE, OGGETTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA.

STATUTO TITOLO 1 IDENTITÀ, MISSIONE, OGGETTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA. STATUTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA TITOLO 1 IDENTITÀ, MISSIONE, OGGETTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA Definizioni 1. Ai fini dello Statuto, dei Regolamenti e degli atti dell Ateneo

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

STATUTO DELL AUTONOMIA

STATUTO DELL AUTONOMIA Atti della Commissione statutaria 1 Università degli Studi di Sassari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI STATUTO DELL AUTONOMIA SOMMARIO PREAMBOLO Definizioni TITOLO I - PRINCIPI Capo I - Principi generali

Dettagli

Contenuti dell'obbligo. Programma triennale per la trasparenza e l'integrità e relativo stato di attuazione (art. 10, cc. 1, 2, 3, d.lgs.

Contenuti dell'obbligo. Programma triennale per la trasparenza e l'integrità e relativo stato di attuazione (art. 10, cc. 1, 2, 3, d.lgs. llegato 1 Data compilazione 30/01/2015 (Tipologie mbito soggettivo (ve foglio 3 "mbito LLEG 1 LL DELIBER. 148/2014- GRIGLI DI RILEVZIO L 31/12/2014 Tempo ione/ ggiornamento PUBBLICZIO è nella "mministrazion

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SUA-CDS OSSERVAZIONI GENERALI

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SUA-CDS OSSERVAZIONI GENERALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA PRESIDIO PER LA QUALITA DELLA FORMAZIONE LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SUA-CDS OSSERVAZIONI GENERALI 1) La Scheda Unica Annuale del (SUA-) e in particolare la sezione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga TITOLO I ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga TITOLO I ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA n. 1/2011 LEGGE 30 dicembre 2010, n. 240 (in G.U. n. 10 del 14 gennaio 2011 - Suppl. Ord. n. 11 - in vigore dal 29 gennaio 2011) - Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico

Dettagli

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 SUA-RD Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 Finalità della presentazione Questa presentazione ha lo scopo di esaminare le modalità di compilazione della

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

TTORATO. Il Dichiarante. Cognome nubile) Nome nato/a a il (2) provincia ( Codice fiscale residente a. Provincia (1) C.A.P. e-mail. L addetto.

TTORATO. Il Dichiarante. Cognome nubile) Nome nato/a a il (2) provincia ( Codice fiscale residente a. Provincia (1) C.A.P. e-mail. L addetto. BANDO DI SELEZIONE N.. 27/2014 PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 ASSEGNO DI RICERCA POST-DOT TTORATO SCADENZAA BANDO: ore o 12.00 del 29 settembre 2014 DOMANDA DI AMMISSIONE Al Direttore del CIMeCC IL/LA SOTTOSCRITTO/A

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna Gualtiero Gandini Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Università di Bologna membro del tavolo tecnico ANVUR

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso

Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso Breve Introduzione Questo è un documento di lavoro per la composizione delle schede SUA-RD 2011, 2012 e 2013. In questa prima sezione vengono rapidamente ricapitolate

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA. Università degli studi di Roma Foro Italico 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA. Università degli studi di Roma Foro Italico 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Università degli studi di Roma Foro Italico 2014-2016 Approvato nel Consiglio di Amministrazione del 22 Gennaio 2014 1 INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento Emanuela Stefani - Fondazione CRUI f Vincenzo Zara - Università del Salento LA RIFORMA UNIVERSITARIA LA NORMATIVA NAZIONALE La normativa nazionale Riferimenti normativi Corsi di Laurea Corsi di Laurea

Dettagli

Informazioni personali

Informazioni personali Informazioni personali Nome e cognome Alessandro Melchionna Laurea Scienze Statistiche Presetaie Le mie esperienze professionali e le competenze acquisite gravitano in diversi domini, quali quello del

Dettagli

Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Mecina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE CORSO DI FORMAZIONE PRIVACY AGLI INCARICATI AL TRATTAMENTI

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Versione 1.1 2 dicembre 2014 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Cosa devono fare docenti, ricercatori,

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture SUA-RD - NOTE TECNICHE PER L UTILIZZO DELL INTERFACCIA Utenze abilitate alla compilazione della scheda SUA-RD: - Ateneo - Strutture (Dipartimenti/Facoltà) - Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo

Dettagli

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10)

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) Roma, aprile 2011 DENTRO IL LABIRINTO La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) di Emanuela Stefani e Vincenzo Zara DENTRO IL LABIRINTO. LA SOSTENIBILITA'

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) SCHEDA TERZA MISSIONE Indice Parte III: Terza missione Sezione I I.1 - PROPRIETÀ INTELLETTUALE I.1.a - Brevetti

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

TTORATO. Il Dichiarante. Cognome nubile) Nome nato/a a il (2) provincia ( Codice fiscale residente a. Provincia (1) C.A.P. e-mail. L addetto.

TTORATO. Il Dichiarante. Cognome nubile) Nome nato/a a il (2) provincia ( Codice fiscale residente a. Provincia (1) C.A.P. e-mail. L addetto. BANDO DI SELEZIONE N.. 35/2014 PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 ASSEGNO DI RICERCA POST-DOT TTORATO SCADENZA BANDO: ore 12.000 del 15 gennaio 2015 DOMANDA DI AMMISSIONE Al Direttore del CIMeCC IL/LA SOTTOSCRITTO/A

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04

Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04 Roma, ottobre 2009 Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04 Interazioni con il processo di autovalutazione GUIDA PRATICA ALLA PROGETTAZIONE DI UN CORSO DI STUDIO

Dettagli

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto " ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA L'UNIVERSITA' DI SCIENZE GASTRONOMICHE E L'UNIVERSIT A' DEGLI STUDI DI TORINO. L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con sede legale

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233 ed in particolare l articolo 1, comma 8; VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli