UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA. Facoltà di Ingegneria. Sviluppo di servizi di controllo remoto della scheda DSP DM355 EVM per il laboratorio ISILab

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA. Facoltà di Ingegneria. Sviluppo di servizi di controllo remoto della scheda DSP DM355 EVM per il laboratorio ISILab"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Biofisica e Elettronica Sviluppo di servizi di controllo remoto della scheda DSP DM355 EVM per il laboratorio ISILab Relatori: Anna Marina Scapolla Giancarlo Parodi Correlatori: Paolo Buschiazzo Davide Leoncini Candidati: Gabriele Campodonico Emanuele Fumeo Genova, 11 Marzo 2011

2 Alla Commissione di Laurea e di Diploma Alla Commissione Tirocini e Tesi Sottopongo la tesi redatta dagli studenti Gabriele Campodonico ed Emanuele Fumeo dal titolo: Sviluppo di servizi di controllo remoto della scheda DSP DM355 EVM per il laboratorio ISILab. Ho esaminato, nella forma e nel contenuto, la versione finale di questo elaborato scritto, e propongo che la tesi sia valutata positivamente assegnando i corrispondenti crediti formativi. I Relatori Accademici Anna Marina Scapolla Giancarlo Parodi

3 Abstract This thesis is concerned with the realization of plug-in and programs for the remote control of the evaluation board DM355 EVM within ISILab, a remote laboratory present at the University of Genoa. Our work aims to allow users to connect remotely to the board we mentioned before, to compile and then to execute specific programs for this architecture. Plug-in and test programs have been developed using C and C++ programming languages in GNU/Linux Ubuntu and Montavista Linux operating systems. This thesis has been developed in the "Electronic Systems and Networking Group" (ESNG) laboratory at the Departement of Biophysical and Electronics Engineering (DIBE) of the University of Genoa.

4 Sommario Questa tesi é incentrata sulla realizzazione di alcuni plugin e programmi che consentano l utilizzo remoto della scheda di sviluppo DM355 EVM per il processore DaVinci TMS320 di Texas Instruments all interno di ISILab, un laboratorio remoto presente nell Universitá di Genova. Tramite il nostro lavoro si vuole dare quindi la possibilitá ad un utente di collegarsi da remoto alla scheda di cui sopra, compilare e successivamente eseguire programmi specifici per l hardware in questione. I plugin e i programmi di test sono stati sviluppati utilizzando i linguaggi di programmazione C e C++ e i sistemi operativi GNU/Linux Ubuntu e Montavista Linux. La tesi è stata svolta nel laboratorio Electronic Systems and Networking Group (ESNG), presso il Dipartimento di Ingegneria Biofisica ed Elettronica (DIBE) dell Universitá di Genova.

5 Ringraziamenti Vogliamo ringraziare prima di tutto gli Ing. Paolo Buschiazzo, Davide Leoncini e Alessio Leoncini e anche tutti i ragazzi del laboratorio ESNG per la grande disponibilitá e i preziosi consigli e aiuti che ci hanno sempre dato durante tutto il lavoro della tesi. Ringraziamo la Prof.ssa Scapolla per la sua gentilezza e disponibilitá e per il prezioso lavoro di revisione che é andato oltre a quello che é consueto per una laurea triennale. Ci teniamo a ringraziare anche le nostre famiglie che ci hanno sempre sostenuto moralmente e anche fisicamente con deliziosi pranzetti nelle lunghe giornate di studio. Grazie per esserci stati vicini nei momenti di difficoltá e di sconforto. Grazie davvero! Un grazie va anche ai nostri amici e colleghi coi quali abbiamo passato tanti bei momenti. iv

6 Indice Indice Introduzione v viii 1 I Laboratori Remoti Cos é un laboratorio remoto? Architettura generale Esempi di laboratori remoti NetLab - University of South Australia WebLab-Deusto - Universitá di Deusto Laboratorio DSP - Universitá di Maribor edsplab - EED, Universitá di Siviglia RESP - Arizona State University Conclusioni Il laboratorio ISILab Un po di storia Il primo ISILab Un nuovo approccio: il service oriented framework Architettura di ISILab La Homepage di ISILab v

7 Indice vi 2.2 FoxController Architettura del software Interfaccia del web service Plugin dei dispositivi Cos é un plugin? Funzionamento e integrazione con l applicazione host Gestione dei plugin di FoxController Plugin e Metadati Punti di forza della soluzione Controllo remoto della scheda DSP DM355 EVM Introduzione La scheda di sviluppo DM355 EVM Visione d insieme della scheda La memoria Formato di acquisizione Setup della Macchina Virtuale I plugin Il Template plugin Il Plugin per il compilatore Il Plugin per la scheda I Makefile Cos é un Makefile? Realizzazione dei nostri Makefile L intero sistema in funzione Il sistema in prova 54

8 Indice vii 4.1 FoxControllerMonitor Test della scheda e dimostrazione delle sue potenzialitá Il filtro passa basso Il filtro di Sobel Sviluppi futuri 68 Appendice 69 I thread I mutex Bibliografia 74

9 Introduzione Nell insegnamento delle materie scientifiche l utilizzo dei laboratori é uno strumento essenziale sia per introdurre gli studenti alla materia, sia per dare loro l occasione di toccare con mano gli argomenti trattati durante le lezioni. Purtroppo in alcune occasioni si deve rinunciare all attivitá di laboratorio per mancanza di setup sperimentale appropriato e per l assenza di spazi adeguati al numero degli studenti. Altre volte le apparecchiature hanno un costo elevato, e quindi non si possono fornire unitá sufficienti per tutti gli studenti, o ugualmente non possono essere utilizzate dagli studenti senza che siano seguiti da tecnici di laboratorio. Questo peró ci porta a considerare il problema della scarsa disponibilitá di personale che abbia le conoscenze e l attenzione necessaria ad utilizzare gli strumenti di laboratorio. Ancora, alcuni esperimenti possono avere dei setup non facilmente riproducibili (ad esempio un esperimento di fisica come il pendolo di Focault). Questi sono i principali motivi per i quali in molte universitá si é deciso di creare dei laboratori remoti che permettano agli studenti di usufruire di strumentazioni da remoto, ovvero attraverso la rete Internet. Per quanto riguarda i piú famosi laboratori remoti accessibili via Internet, possiamo citare il progetto ilabs del MIT, il progetto VISIR, il progetto WebLab-Deusto dell Universitá di Deusto, il progetto Low-Cost Remote Lab for Internet Services Distance Education dell Universitá dell Illinois, il viii

10 INTRODUZIONE ix progetto dell Universitá di Singapore e i laboratori remoti presenti in Italia nelle Universitá di Pisa e Ancona. Anche il corso di studi di Ingegneria Elettronica dell Universitá di Genova ha sviluppato un laboratorio remoto denominato ISILab (Internet Shared Instrumentation Laboratory), che comprende sia una parte dedicata ad effettuare misure su circuiti elettronici analogici e digitali collegati con un oscilloscopio e un generatore di forme d onda, sia una parte per operare su sistemi embedded, in particolare DSP. Il nostro lavoro dunque si inserisce nel progetto ISILab e nello specifico ci siamo occupati della progettazione e dello sviluppo dei plugin necessari all utilizzo della scheda DM355 EVM all interno del laboratorio remoto. Vogliamo presentare la nostra tesi in questo modo: il primo capitolo descrive vantaggi e svantaggi associati all utilizzo dei laboratori remoti, e la loro architettura generale; il secondo capitolo invece descrive quello che é giá presente nella nostra facoltá e quindi il contesto nel quale abbiamo lavorato; il terzo capitolo descrive il lavoro fatto, quindi gli strumenti utilizzati e i programmi sviluppati al fine di rendere operativa da remoto la scheda DM355EVM; nel quarto capitolo presentiamo i tool utilizzati e i programmi scritti per testare il sistema al termine della sua realizzazione, per poi passare ad una visione d insieme di quanto fatto decrivendo l interazione tra le varie parti che costituiscono il nostro progetto; infine parleremo dei progetti futuri resi possibili grazie al lavoro compiuto. É presente alla fine dell elaborato anche un appendice che introduce all utilizzo dei thread, strumento fondamentale per la realizzazione del nostro progetto, descrivendone caratteristiche principali, regole d implementazione e motivazione del loro utilizzo oltre ad un ampia definizione.

11 Capitolo 1 I Laboratori Remoti Nel seguente capitolo verranno descritte le principali caratteristiche dei laboratori remoti e la loro importanza per l apprendimento. In particolare il discorso si incentrerá sugli obiettivi, su cosa mettono a disposizione, sulle potenzialitá, su come funzionano e in generale sugli elementi che li costituiscono per poi fare una breve panoramica sullo stato dell arte in questo settore. 1.1 Cos é un laboratorio remoto? Un laboratorio remoto é un sistema hardware/software che dá la possibilitá di interagire con la strumentazione di un laboratorio scientifico al quale non si ha fisicamente accesso [5]. Esso nasce dalla necessitá di migliorare alcuni aspetti dell esperienza di laboratorio tradizionale che é innegabilmente un fattore fondamentale per l apprendimento soprattutto nel campo scientifico. Rispetto a quest ultimo infatti, quello remoto mantiene la possibilitá di 1

12 CAPITOLO 1. I LABORATORI REMOTI 2 interagire con sistemi reali e non con loro simulazioni, avendone la piena accessibilitá spaziale e temporale. Spaziale perché é sufficiente solo una connessione ad internet e se ne puó quindi usufruire in qualsiasi parte del mondo ci si trovi; temporale perché l accesso é consentito 24 ore su 24. Inoltre, cosa non meno importante, viene data la possibilitá di utilizzare strumenti sofisticati e nella maggior parte dei casi anche costosi, garantendo una maggiore efficienza del laboratorio. Si risolve infatti il problema di laboratori troppo affollati che costringono piú studenti a lavorare sullo stesso dispositivo, e di conseguenza se ne consente l utilizzo individuale per un tempo maggiore anche in orari diversi da quelli previsti dalla facoltá. Tuttavia bisogna anche tenere conto del fatto che l accesso alla risorsa non puó avvenire contemporaneamente da parte di piú utenti, cioé si deve anche contare che si sta operando su uno strumento reale che non puó soddisfare diverse richieste nello stesso istante. Bisogna anche considerare poi la necessitá di sistemi di sicurezza atti alla protezione del dispositivo: essendo a disposizione di un qualunque utente diventa ancora piú importante prevenire il suo danneggiamento. Nel prossimo paragrafo verrá illustrata l architettura generale di un laboratorio remoto. 1.2 Architettura generale Per comprendere meglio il sistema laboratorio remoto nella sua completezza é importante conoscere la struttura generale che li accomuna tutti per poi poter affrontare piú agevolmente il prossimo capitolo nel quale descriveremo ISILab, ovvero il contesto in cui si inserisce la nostra tesi. In un laboratorio remoto possiamo individuare tre componenti:

13 CAPITOLO 1. I LABORATORI REMOTI 3 Figura 1.1: Schema generale di un laboratorio remoto. 1. l interfaccia utente; 2. il server del laboratorio; 3. i dispositivi e le applicazioni controller. L interfaccia utente é quella che permette l utilizzo del laboratorio nelle vere applicazioni. Nasconde dietro a poche funzioni (ad esempio dei pulsanti) la complessitá delle operazioni che devono essere effettuate sulla strumentazione e/o sull esperimento stesso per svolgere una determinata azione. Puó essere un programma da installare sul computer client oppure un applicazione web. Il server del laboratorio si occupa di gestire le richieste che arrivano dagli utenti del laboratorio e di comunicare con le applicazioni controller che controllano i dispositivi. I controller gli comunicano quali risorse sono libere e quali sono occupate. Gli utenti del laboratorio possono fare richieste

14 CAPITOLO 1. I LABORATORI REMOTI 4 diverse contemporaneamente e cercare di utilizzare la stessa risorsa nello stesso istante. In queste situazioni il server del laboratorio deve schedulare le richieste degli utenti controllando quali siano le risorse occupate e quali quelle libere. Le applicazioni controller sono dei programmi che controllano i dispositivi del laboratorio. Esse implementano la comunicazione a basso livello con i dispositivi, utilizzando protocolli e hardware specifici. Raccolgono e mettono a disposizione del server centrale tutte le informazioni disponibili appartenenti ai dispositivi controllati, come ad esempio lo stato. 1.3 Esempi di laboratori remoti Questa sezione illustra alcune implementazioni realizzate da altre istituzioni nell ambito della didattica per permettere l accesso e l utilizzo sia di esperimenti di elettronica di base, sia di schede DSP o piú in generale di sistemi embedded. Ogni sottosezione é relativa ad un determinato laboratorio remoto NetLab - University of South Australia NetLab é un laboratorio remoto sviluppato alla University of South Australia. Attualmente é usato dagli studenti e dallo staff della Scuola di Ingegneria elettrica e dell informazione a scopo dimostrativo ed esercitativo. Puó essere anche utilizzato da visitatori esterni previa registrazione e prenotazione del tempo necessario al proprio esperimento sul sito del laboratorio. NetLab permette l accesso remoto a strumentazione reale e circuiti con componenti a valore variabile, e restituisce misurazioni reali. Ha un interfaccia grafica realistica che consente agli utenti di premere bottoni, girare

15 CAPITOLO 1. I LABORATORI REMOTI 5 manopole come farebbero davanti ad uno strumento reale. Inoltre il modulo circuit builder permette di scegliere da un set limitato i componenti da inserire nel circuito. Dal punto di vista software, NetLab é un applicazione basata su Java. Per utilizzare il laboratorio bisogna scaricare e installare un applet sul proprio pc. La connessione con gli strumenti é resa possibile da un estensione della libreria VISA di National Instruments. Il circuit builder é basato su una matrice che é capace di connettere fisicamente i componenti installati su di essa. Il modulo consiste di 256 nodi disposti in 16 file e 16 colonne. I nodi sono connessi grazie a dei relé DPDT (double pole double throw) [11]. Per la struttura di questi dispositivi elettrici, al massimo si potranno usare 16 componenti a due terminali. Gli strumenti disponibili sono un oscilloscopio, un generatore di forme d onda, un multimetro digitale, quattro resistori variabili, due condensatori a capacitá variabile, un induttore variabile e un trasformatore WebLab-Deusto - Universitá di Deusto L Universitá di Deusto ha sviluppato per il proprio laboratorio remoto il WebLab-Deusto, un framework che ospita numerosi esperimenti. Questi esperimenti possono essere utilizzati dagli studenti attraverso un interfaccia web user-friendly: possono caricare una loro applicazione per lo specifico sistema embedded, usare pulsanti e interruttori per controllare i dispositivi remoti e infine possono visualizzare i risultati ottenuti tramite una webcam. Il WebLab-Deusto rende disponibili tre diversi test-bench: il WebLab-CPLD, il WebLab-FPGA e il WebLab-PIC.

16 CAPITOLO 1. I LABORATORI REMOTI Laboratorio DSP - Universitá di Maribor Il laboratorio remoto DSP del Universitá di Maribor usa un hardware sviluppato appositamente dai suoi ricercatori e un sistema software di controllo basato su MATLAB/Simulink e LabVIEW. Questo laboratorio remoto permette agli utenti di interagire con facilitá con un insieme di esperimenti attraverso una gradevole interfaccia grafica. Inoltre include un sistema di prenotazioni che abilita gli utenti a riservare in anticipo alcuni esperimenti edsplab - EED, Universitá di Siviglia L edsplab si trova all Electronic Engineering Department dell Universitá di Siviglia ed é utilizzato in un corso di base sui microprocessori. Il laboratorio usa come dispositivo di test un digital signal processor TMS320C30 di Texas Instruments connesso ad un generatore di forme d onda e a un comune oscilloscopio. La strumentazione di laboratorio puó essere monitorata tramite una webcam che offre un feedback visuale in tempo reale del banco di lavoro del laboratorio RESP - Arizona State University Un altro esempio di laboratorio remoto rivolto ai DSP é il laboratorio RESP (Real-Time Embedded Signal Processing), sviluppato dall Arizona State University. Il laboratorio offre due differenti test bench: il primo é basato su una scheda Freescale EVM su cui é montato un DSP56858, mentre il secondo é basato sul kit DSK5510 di Texas Instruments che é una piattaforma di sviluppo a basso costo che permette agli utenti di creare applicazioni per la famiglia di DSP TI C55XX. Questo laboratorio é utilizzato al momento

17 CAPITOLO 1. I LABORATORI REMOTI 7 in un corso sull utilizzo Real-Time dei DSP, i cui esercizi sono incentrati su FFT, filtri FIR (Finite Impulse Response) e sintesi di note musicali Conclusioni L analisi di questi laboratori mostra che molti di essi per essere utilizzati necessitano di installare plugin extra oppure run-time framework sul lato client. Questo puó provocare problemi di compatibilitá con il sistema dell utente finale, oppure, in presenza di firewall, puó non essere possibile la corretta comunicazione col server.

18 Capitolo 2 Il laboratorio ISILab Questo capitolo descrive il laboratorio remoto ISILab, l ambiente nel quale si inserisce il nostro lavoro di tesi. Innanzitutto parleremo della storia del laboratorio, ripercorrendo le innovazioni apportate nel corso degli anni, per poi analizzare meglio l architettura attuale del sistema e gli aspetti caratterizzanti. 2.1 Un po di storia ISILab, acronimo di Internet Shared Instrumentation Lab, é un laboratorio remoto per la formazione nel settore dell elettronica. ISILab é il risultato di un progetto nato al DIBE (Dipartimento di Ingegneria Biofisica ed Elettronica) nel 1999, ed é disponibile all indirizzo it/ Il primo ISILab Le idee che hanno spinto professori e ricercatori coinvolti nel progetto sono quelle presentate nel primo capitolo, in sintesi eseguire esperimenti da re- 8

19 CAPITOLO 2. IL LABORATORIO ISILAB 9 Figura 2.1: Architettura del primo ISILab moto con strumentazione e circuiti reali. In effetti il laboratorio nelle sue prime realizzazioni comprendeva solamente dei circuiti analogici e digitali, ed é per questo che quando parliamo di strumentazione ci riferiamo a oscilloscopi e ad generatori di forme d onda. I dispositivi in questione erano controllati da uno o piú server dedicati, detti RLS (Real Laboratory Server), sui quali era attiva un applicazione LabVIEW, e le richieste da parte dell utente sugli specifici esperimenti erano gestite da un web server centralizzato detto VLS (Virtual Laboratory Server), che connetteva gli esperimenti alle interfacce web dei client. La Figura 2.1 illustra l architettura di cui sopra. L interfaccia utente, nel primo prototipo del 2000, si basava su LabVIEW, come del resto il motore lato server; cosí facendo peró, si costringeva l utilizzatore ad installare sul proprio sistema il LabVIEW Run-Time Engine. Per migliorare questo aspetto e rendere piú accessibile il laboratorio si decise di passare ad una versione basata su Java. É molto piú frequente trovare una Java Virtual Machine installata sul computer dell utilizzatore rispetto

20 CAPITOLO 2. IL LABORATORIO ISILAB 10 Figura 2.2: La scheda ISIBoard al LabVIEW Run-Time. In questo modo le interfacce grafiche potevano ora essere caricate piú facilmente. Inizialmente ogni esperimento necessitava di strumentazione propria, perdendo di fatto i vantaggi principali di avere un laboratorio remoto, per cui si pensó ad una soluzione che permettesse di utilizzare la stessa strumentazione per piú circuiti. Fu cosí che venne ideata ISIBoard, che vediamo in Figura 2.2 una scheda dedicata alla gestione di piccole schede-esperimento su cui erano installati i circuiti da utilizzare. Negli anni dal 2001 al 2007 continui aggiornamenti hanno portato ad una offerta di numerosi esperimenti di elettronica analogica e digitale. Il laboratorio gestisce la multiutenza e consente di utilizzare la stessa strumentazione per diversi esperimenti Un nuovo approccio: il service oriented framework Recentemente l architettura del laboratorio é stata aggiornata sotto la spinta delle nuove tecnologie nel mondo delle applicazioni web. Dal 2009, anno di pubblicazione dell articolo [1], si adotta un approccio completamente

21 CAPITOLO 2. IL LABORATORIO ISILAB 11 nuovo basato sull uso di web services. Il W3C (World Wide Web Consortium), la principale organizzazione degli standard per il web, definisce un web service come un sistema software progettato per supportare l interazione tra macchine (computer) diverse tra di loro attraverso una rete. Un web service ha un interfaccia descritta in un formato comprensibile da ogni macchina, ovvero il WSDL (Web Services Description Language). Altri sistemi comunicano con il web service in modi conformi a questa sua descrizione usando messaggi SOAP, solitamente veicolati da pacchetti HTTP. Inoltre si utilizza la serializzazione XML dei dati unitamente ad altri standard [3]. Un web service consente quindi alle applicazioni che vi si collegano di usufruire delle funzioni che esso mette a disposizione. Una caratteristica importante é che ogni operazione ha una sua descrizione comprendente i parametri che si aspetta di ricevere, quelli che restituirá e il tipo di entrambi. Quindi la descrizione delle caratteristiche di un web service e l interfaccia software che fornisce ci permettono di utilizzarlo correttamente con facilitá non appena ci si é collegati. L approccio service-oriented é stato scelto perché permette di modellare con facilitá un qualsiasi sistema elettronico complesso, che puó essere analizzato dal punto di vista delle funzioni che esso offre al suo utilizzatore. Ognuna di esse é tale che i suoi input o output sono modellabili come sorgenti di dati e si possono definire come risorse astratte. Ad esempio, in un sistema di riscaldamento con alcuni sensori di temperatura e una caldaia elettronica, le risorse astratte sarebbero i valori di temperatura registrati dai sensori e lo stato della caldaia (accesa o spenta). I primi possono essere letti, mentre lo stato puó essere sia letto che scritto, cosicché il sistema di controllo dovrebbe leggere i dati in arrivo e decidere se é il caso di accendere o meno la

22 CAPITOLO 2. IL LABORATORIO ISILAB 12 caldaia. Se i dispositivi sono piú complessi, si potrebbe dover lavorare non solo con variabili, ma anche con testi oppure comandi codificati in XML, o anche flussi di dati. In questi casi potrebbe essere conveniente decidere di nascondere la complessitá dei dispositivi all utente finale mediante un unica interfaccia general purpose, come quella di un web service, che quindi puó essere utilizzata per descrivere qualsiasi tipo di dispositivo elettronico. L idea é quella di avere un interfaccia che contenga dei metodi per leggere, scrivere ed elencare tutte le risorse disponibili, che possono essere descritte tramite metadati strutturati, ad esempio via RDF(Resource Description Framework). L RDF é un modello standard per lo scambio di dati nel web. Ha delle features che facilitano l aggregazione dei dati anche se lo schema sottostante ad essi é diverso, e supporta in particolare le evoluzioni degli schema nel tempo senza richiedere che tutti i dati debbano essere cambiati. L RDF estende la struttura a collegamenti del web introducendo gli URI (Uniform Resource Identifier) per dare un nome alle relazioni tra risorse. Ad esempio nel caso di un link di una pagina web l URI permette di dare un nome alla relazione che intercorre tra i due capi del link, ovvero tra la pagina nella quale troviamo il collegamento e quella collegata. Usando questo semplice modello, l RDF rende possibile la combinazione, l utilizzo e la condivisione di dati strutturati e semi-strutturati tra diverse applicazioni. La struttura a collegamenti forma un grafo con una ben precisa direzione (quella dei collegamenti) e facilmente leggibile grazie alle etichette (i nomi delle relazioni). In questo grafo i nodi rappresentano le risorse e le frecce rappresentano la relazione che intercorre fra i nodi. Costruendo il grafo si ha una chiara rappresentazione dei dati che si stanno analizzando [2]. Il modello RDF é utilizzato come metodo generale per descrivere l informa-

23 CAPITOLO 2. IL LABORATORIO ISILAB 13 zione in termini di risorse astratte, e quindi si presta perfettamente all utilizzo nel caso in cui si debbano descrivere le funzionalitá di un dispositivo. Parleremo piú approfonditamente dei documenti RDF quando tratteremo dell architettura software del laboratorio remoto ISILab. Riassumiamo le principali caratteristiche del nuovo modello service-oriented come segue: ogni dispositivo é considerato dal punto di vista delle funzionalitá che offre; una o piú funzionalitá appartententi a uno o piú dispositivi costituiscono insieme una risorsa; ogni risorsa disponibile nel laboratorio corrisponde ad una funzione fornita dal web service; nuove funzionalitá del laboratorio possono essere aggiunte piú agevolmente; Le precedenti affermazioni sono vere indipendententemente dal tipo di dispositivo considerato e conseguentemente dall hardware e dai protocolli che permettono di comunicare con i dispositivi. Questo risultato si ottiene applicando il concetto dell incapsulamento: l implementazione software del servizio é nascosta all utente finale dalla molto piú semplice interfaccia software fornita dal web service Architettura di ISILab Come giá detto, ISILab ha un architettura service-oriented. Vogliamo concentrarci sulla parte che ci riguarda piú da vicino, ovvero ISILab DSP [7], di cui diamo una schematizzazione grafica in Figura 2.3. L architettura

24 CAPITOLO 2. IL LABORATORIO ISILAB 14 Figura 2.3: Schema dell architettura di ISILab DSP di ISILab DSP é organizzata in tre diversi livelli: le risorse, il lab server e l interfaccia utente. Analizziamo nel dettaglio il server, che é il modulo software del sistema che interagisce con le risorse e gestisce le richieste in arrivo dall esterno. In figura le risorse disponibili sono la scheda di sviluppo ADSP BF533 Ez-Kit Lite e il suo software di sviluppo Visual DPS++, comprensivo di compilatore. Il fulcro di questo sistema é rappresentato da due applicazio-

25 CAPITOLO 2. IL LABORATORIO ISILAB 15 ni, dette controller, vale a dire FoxController e FoxService. Il ruolo delle due applicazioni di cui sopra si delinea se si considera il fatto di poter avere risorse eterogenee che utilizzano protocolli di comunicazione e hardware dedicati. FoxController e FoxService devono quindi rispondere all esigenza di mettere in comunicazione i dispositivi e il server del laboratorio. Un controller puó essere installato direttamente su un dispositivo, se esso dispone di un sistema operativo, oppure su un personal computer usato come nodo intermedio, il quale é connesso direttamente al dispositivo. Ogni controller mostra al server la stessa interfaccia del servizio web, che descrive metodi per inviare dati e comandi ai dispositivi disponibili e per leggere da essi. Per fare un esempio sulla situazione attuale, nel laboratorio la scheda DSP é connessa direttamente ad un personal computer su cui é in esecuzione un controller. Il sistema permette di inviare un eseguibile, mandarlo in esecuzione sulla scheda e recuperarne l output come pure lo stato del dispositivo. Grazie al fatto di avere delle applicazioni controller, risorse virtuali come ad esempio il compilatore per il DSP della serie Blackfin possono essere gestite in modo identico. Quindi, per completare il precedente esempio, un progetto software puó essere inviato al nodo compilatore, il quale si occupa di creare l eseguibile corrispondente. Successivamente il file binario creato puó essere recuperato dall utente con l invio di un altro comando. La comunicazione a basso livello tra i controller e i sistemi elettronici é implementata attraverso i plugin, di cui parleremo piú avanti. Di fatto i plugin sono librerie dinamiche (DLL) in sistemi operativi Windows, oppure shared objects nel contesto Linux, scritti in linguaggio C/C++. Essi implementano un set di funzioni in modo da rispondere ai bisogni dell interfaccia del web service, usando primitive di basso livello e specifici protocolli. Ogni

26 CAPITOLO 2. IL LABORATORIO ISILAB 16 dispositivo ne ha uno specifico per il suo hardware. Poiché il controller puó gestire contemporaneamente piú plugin, é possibile costruire complessi insiemi di dispositivi capaci di cooperare perché ad esempio connessi tutti alla stessa rete (nel nostro caso, la rete locale del laboratorio). Inoltre questa architettura riduce al minimo gli sforzi in caso di aggiornamento, sostituzione oppure spostamento dei dispositivi, poiché il modulo software del server resta invariato, mentre é sufficiente modificare i plugin di interesse per ottenere le configurazioni desiderate. Il server del laboratorio rappresenta il cuore di tutta l architettura. Fa da tramite tra l utente finale e le risorse reali. Un esempio di sequenza complessa di operazioni comprende la ricezione di comandi da eseguire sul sistema, quindi l interpretazione di essi, e conseguentemente l interazione con i controller dei dispositivi, poi la ricezione dei dati e successivamente il loro invio ad altre risorse, e cosí via. Ogni interfaccia utente contiene un ben definito insieme di funzioni, ad esempio per configurare gli strumenti oppure per acquisire dati, il tutto mediato dalla semplice interfaccia del web service. Ogni funzione dell interfaccia utente puó contattare piú di una risorsa ed effettuare piú di un azione sullo stesso dispositivo. Un altra importante funzione del server é quella di scheduling delle richieste, implementato da un saldo sistema di lock delle risorse che tiene traccia dei dispositivi giá in uso. Se viene richiesta un azione su una risorsa giá occupata, essa viene accodata e verrá eseguita non appena il dispositivo si sará liberato. Dati gli scopi applicativi dell architettura, ovvero quelli di poter servire un gruppo di studenti, il sistema utilizzato permette lo svolgimento di esercitazioni e altro senza un ritardo percepibile.

27 CAPITOLO 2. IL LABORATORIO ISILAB 17 Figura 2.4: Attuale home page di ISILab La Homepage di ISILab La Figura 2.4 mostra l attuale home page di ISIlab [4], in cui possiamo notare tre link che portano a tre diverse sezioni del laboratorio. La prima é relativa ad esperimenti su circuiti elettronici oggetto dei corsi di elettronica di base della facoltá di Ingegneria. Gli altri collegamenti puntano alla sezione ISILab DSP e all ilab Service Broker. ISILab DSP é la parte nella quale si inserisce il nostro lavoro, poiché tratta dei sistemi embedded e della programmazione su questa particolare classe di dispositivi. L architettura service-oriented descritta nel paragrafo precedente ha reso piú agevole questa estensione. ISILab DSP comprende un IDE (Integrated Development

28 CAPITOLO 2. IL LABORATORIO ISILAB 18 Figura 2.5: L IDE del REmLab per il Blackfin 533 Environment) per la creazione di progetti software compilabili da remoto con il tool di sviluppo VisualDSP++ fornito da Analog Devices, ed é predisposto per l esecuzione (sempre da remoto) di questi progetti sulla board ADSP - BF533 EZ-Kit Lite che monta un DSP della serie Blackfin. In pratica la DM355 EVM su cui abbiamo lavorato dovrebbe essere aggiunta a questa sezione, con il suo specifico IDE, cosí da dare la possibilitá di lavorare con due architetture DSP diverse. Come vedremo nel prossimo capitolo, il processore della serie DaVinci montato sulla nostra scheda di sviluppo é un microprocessore ibrido in parte DSP e in parte ARM9, mentre il Blackfin é un DSP puro. In ogni caso, tutte e due le architetture sono orientate al video processing, per cui hanno come target applicazioni simili. Per finire, in Figura 2.5 possiamo vedere come si presenta all utente la schermata di

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

Introduzione alla Progettazione per Componenti

Introduzione alla Progettazione per Componenti Introduzione alla Progettazione per Componenti Alessandro Martinelli 6 ottobre 2014 Obiettivo del Corso Il Progetto Software Reale Il Componente Software La Programmazione Ad Oggetti Fondamenti di Informatica

Dettagli

Laboratori remoti ad uso didattico: generalità ed applicazioni

Laboratori remoti ad uso didattico: generalità ed applicazioni Università di Siena Laboratori remoti ad uso didattico: generalità ed applicazioni Marco Casini Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Email: casini@ing.unisi.it - 4 Aprile 2008

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Web Service Architecture

Web Service Architecture Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila dellapenna@di.univaq.it http://dellapenna.univaq.it Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta Nous Informatica

Dettagli

MDaemon e Outlook Connector for MDaemon

MDaemon e Outlook Connector for MDaemon MDaemon e Outlook Connector for MDaemon Introduzione...2 Cos'è il groupware...2 Che cosa significa groupware?...2 Cos è WorldClient...2 MDaemon e l evoluzione delle funzionalità groupware...3 Nuove funzionalità

Dettagli

ASPETTI GENERALI DI LINUX. Parte 2 Struttura interna del sistema LINUX

ASPETTI GENERALI DI LINUX. Parte 2 Struttura interna del sistema LINUX Parte 2 Struttura interna del sistema LINUX 76 4. ASPETTI GENERALI DEL SISTEMA OPERATIVO LINUX La funzione generale svolta da un Sistema Operativo può essere definita come la gestione dell Hardware orientata

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi Evoluzione dei sistemi operativi (4) Sistemi multiprogrammati! più programmi sono caricati in contemporaneamente, e l elaborazione passa periodicamente dall uno all altro Evoluzione dei sistemi operativi

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA. Presentazione

FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA. Presentazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA Presentazione Tesi di Laurea in Misure per l Automazione

Dettagli

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE Relatore: prof. Michele Moro Laureando: Marco Beggio Corso di laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2006-2007

Dettagli

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4)

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) Architettura del WWW World Wide Web Sintesi dei livelli di rete Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) - Connessione fisica - Trasmissione dei pacchetti ( IP ) - Affidabilità della comunicazione

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Sistema operativo Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Architettura a strati di un calcolatore

Dettagli

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH F42-LAB-pag 11-13-ok 27-04-2006 16:15 Pagina 11 LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH COMPONENTI 1. Il componente allegato a questo fascicolo è il più sofisticato di tutta la fase di assemblaggio: con esso il

Dettagli

Classificazione del software

Classificazione del software Classificazione del software Classificazione dei software Sulla base del loro utilizzo, i programmi si distinguono in: SOFTWARE Sistema operativo Software applicativo Sistema operativo: una definizione

Dettagli

NOTE OPERATIVE. Prodotto Inaz Download Manager. Release 1.3.0

NOTE OPERATIVE. Prodotto Inaz Download Manager. Release 1.3.0 Prodotto Inaz Download Manager Release 1.3.0 Tipo release COMPLETA RIEPILOGO ARGOMENTI 1. Introduzione... 2 2. Architettura... 3 3. Configurazione... 4 3.1 Parametri di connessione a Internet... 4 3.2

Dettagli

20 Giugno 2013 Gianni Rosa Gallina giannishub@hotmail.com @giannirg http://giannishub.cloudapp.net/it/

20 Giugno 2013 Gianni Rosa Gallina giannishub@hotmail.com @giannirg http://giannishub.cloudapp.net/it/ 20 Giugno 2013 Microsoft Kinect introduzione Gianni Rosa Gallina giannishub@hotmail.com Twitter: @giannirg Blog: http://giannishub.cloudapp.net/it/ Agenda Cos è Microsoft Kinect? Cosa si può fare con Kinect?

Dettagli

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS Il modello SaaS Architettura 3D Cloud Il protocollo DCV Benefici Il portale Web EnginFrame EnginFrame

Dettagli

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Chiamate del sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progettazione e realizzazione

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Programmabili

Elettronica dei Sistemi Programmabili Elettronica dei Sistemi Programmabili Introduzione Stefano Salvatori Università degli Studi Roma Tre (stefano.salvatori@uniroma3.it) Università degli Studi Roma Tre Elettronica dei Sistemi Programmabili

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO REMOTO PER ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA: LATO CLIENT

REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO REMOTO PER ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA: LATO CLIENT TESI DI LAUREA REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO REMOTO PER ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA: LATO CLIENT RELATORE: Prof. Michele Moro LAUREANDO: Marco Beggio Corso di laurea Specialistica in Ingegneria

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

2. Strutture dei Sistemi Operativi

2. Strutture dei Sistemi Operativi 1 2. Strutture dei Sistemi Operativi Quali servizi un generico sistema operativo mette a disposizione degli utenti, e dei programmi che gli utenti vogliono eseguire? interfaccia col sistema operativo stesso

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it Programmazione II Lezione 4 Daniele Sgandurra daniele.sgandurra@iit.cnr.it 30/09/2011 1/46 Programmazione II Lezione 4 30/09/2011 Sommario 1 Esercitazione 2 Panoramica della Programmazione Ad Oggetti 3

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Dispensa di Informatica I.1

Dispensa di Informatica I.1 IL COMPUTER: CONCETTI GENERALI Il Computer (o elaboratore) è un insieme di dispositivi di diversa natura in grado di acquisire dall'esterno dati e algoritmi e produrre in uscita i risultati dell'elaborazione.

Dettagli

SOLUZIONI DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CON I PRODOTTI H/W E S/W DI CJB GENNAIO 2011

SOLUZIONI DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CON I PRODOTTI H/W E S/W DI CJB GENNAIO 2011 SOLUZIONI DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CON I PRODOTTI H/W E S/W DI CJB GENNAIO 2011 Questo documento illustra in modo sintetico le possibili soluzioni di Automazione & Controllo, utilizzando i prodotti CJB

Dettagli

Introduzione a Internet e al World Wide Web

Introduzione a Internet e al World Wide Web Introduzione a Internet e al World Wide Web Una rete è costituita da due o più computer, o altri dispositivi, collegati tra loro per comunicare l uno con l altro. La più grande rete esistente al mondo,

Dettagli

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu 02 L Informatica oggi Dott.ssa Ramona Congiu 1 Introduzione all Informatica Dott.ssa Ramona Congiu 2 Che cos è l Informatica? Con il termine Informatica si indica l insieme dei processi e delle tecnologie

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE Curriculum: Esperto di formazione a distanza DISSERTAZIONE FINALE Raccontami :

Dettagli

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Mattia Gentilini Relatore: Renzo Davoli Laurea Specialistica in Informatica I Sessione A.A. 2005/2006

Dettagli

Introduzione al sistema operativo. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Introduzione al sistema operativo. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione al sistema operativo Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Che cos è un sistema operativo Alcuni anni fa un sistema operativo era definito come: Il software necessario a controllare

Dettagli

Il sistema Mitrol si presenta come un pannello operatore dotato di display LCD a colori con Touch Screen, all interno del quale è installata

Il sistema Mitrol si presenta come un pannello operatore dotato di display LCD a colori con Touch Screen, all interno del quale è installata Il sistema Mitrol si presenta come un pannello operatore dotato di display LCD a colori con Touch Screen, all interno del quale è installata tipicamente una monoscheda, contenente tutte le CPU richieste

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

Configurare una rete con PC Window s 98

Configurare una rete con PC Window s 98 Configurare una rete con PC Window s 98 In estrema sintesi, creare una rete di computer significa: realizzare un sistema di connessione tra i PC condividere qualcosa con gli altri utenti della rete. Anche

Dettagli

Banca dati Professioniste in rete per le P.A. Guida all uso per le Professioniste

Banca dati Professioniste in rete per le P.A. Guida all uso per le Professioniste Banca dati Professioniste in rete per le P.A. Guida all uso per le Professioniste versione 2.1 24/09/2015 aggiornamenti: 23-set-2015; 24-set-2015 Autore: Francesco Brunetta (http://www.francescobrunetta.it/)

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

LAN. Coassiale Doppino Fibra ottica

LAN. Coassiale Doppino Fibra ottica LAN Il cablaggio Tralascio la stesa dei cavi, in quanto per tale operazione basta una conoscenza di base di elettricità e tanta pazienza. Passiamo invece al tipo di supporto da utilizzare per realizzare

Dettagli

Introduzione al sistema operativo Il file system: file, directory,...

Introduzione al sistema operativo Il file system: file, directory,... ,OVRIWZDUHGLVLVWHPD cosa vedremo: Introduzione al sistema operativo Il file system: file, directory,...... 223,OVRIWZDUHLQWURGX]LRQH L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

CAPITOLO 5 - Sistemi Operativi Moderni

CAPITOLO 5 - Sistemi Operativi Moderni CAPITOLO 5 - Sistemi Operativi Moderni PRESENTAZIONE DI INSIEME Vedremo ora come si è evoluta nel tempo la struttura di un sistema operativo, per passare dalle vecchie strutture di tipo normalmente modulari,

Dettagli

Scheda IEEE 1394. Versione 1.0

Scheda IEEE 1394. Versione 1.0 Scheda IEEE 1394 Versione 1.0 Indice 1.0 Che cosa è l IEEE1394.P. 2 2.0 Caratteristiche del 1394..P.2 3.0 Requisiti del sistema PC..P.2 4.0 Informazioni tecniche..p.3 5.0 Installazione dell hardware...p.3

Dettagli

Corso Sviluppatore servizi per il Web (WCF) Lezione 01

Corso Sviluppatore servizi per il Web (WCF) Lezione 01 01 Introduzione Introduzione alla tecnologia WCF Premessa Il corso su WCF di cui state leggendo la prima lezione, vi guiderà alla scoperta di questa nuova tecnologia introdotta da Microsoft per venire

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER LEZIONI IN AULA VIRTUALE, SEMINARI E RIUNIONI A DISTANZA

VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER LEZIONI IN AULA VIRTUALE, SEMINARI E RIUNIONI A DISTANZA Grifo multimedia Srl Via Bruno Zaccaro, 19 Bari 70126- Italy Tel. +39 080.460 2093 Fax +39 080.548 1762 info@grifomultimedia.it www.grifomultimedia.it VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER

Dettagli

didattica da laboratorio

didattica da laboratorio didattica da laboratorio LABORATORIO LINGUISTICO MULTIMEDIALE IDM Premium IDM PREMIUM è una rete didattica multimediale hardware ideata per rendere l insegnamento in laboratorio sempre più dinamico ed

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

Cercare è per metà trovare

Cercare è per metà trovare Introduzione Cercare è per metà trovare Cercare su Internet Un Web nella Rete Struttura del libro I n t r o d u z i o n e La prima edizione del libro che avete tra le mani nasceva nel 2005. Si trattava

Dettagli

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer Tecnologie per il Web Il web: architettura e tecnologie principali Una analisi delle principali tecnologie per il web Tecnologie di base http, ssl, browser, server, firewall e proxy Tecnologie lato client

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Informatica. Classe Prima

Informatica. Classe Prima Informatica Classe Prima Obiettivo formativo Conoscenze Abilità Conoscere e utilizzare il computer per semplici attività didattiche Conoscere i componenti principali del computer. o Distinguere le parti

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Operativi

Introduzione ai Sistemi Operativi Introduzione ai Sistemi Operativi Sistema Operativo Software! Applicazioni! Sistema Operativo! È il livello di SW con cui! interagisce l utente! e comprende! programmi quali :! Compilatori! Editori di

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

FileMaker Pro 13. Utilizzo di una Connessione Desktop Remota con FileMaker Pro13

FileMaker Pro 13. Utilizzo di una Connessione Desktop Remota con FileMaker Pro13 FileMaker Pro 13 Utilizzo di una Connessione Desktop Remota con FileMaker Pro13 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054

Dettagli

Internet e il World Wide Web. Informatica di Base A -- Rossano Gaeta 1

Internet e il World Wide Web. Informatica di Base A -- Rossano Gaeta 1 Internet e il World Wide Web 1 Domande chiave 2.1 Quali sono i mezzi di connessione a Internet e qual è la loro velocità? 2.2 Quali sono i tre tipi di provider Internet e quali tipi di servizi offrono?

Dettagli

Lezione E5. Sistemi embedded e real-time

Lezione E5. Sistemi embedded e real-time Lezione E5 sistema bare-metal Sistemi embedded e real-time 25 ottobre 2012 Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Università degli Studi di Roma Tor Vergata SERT 13 E5.1 Di cosa parliamo

Dettagli

Marco Cesati Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Marco Cesati Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Università degli Studi di Roma Tor Vergata Lezione E4 sistema bare-metal Sistemi operativi open-source, embedded e real-time 22 ottobre 2013 Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Università degli Studi di Roma Tor Vergata SOSERT

Dettagli

Sistemi e Tecnologie per l Automazione LS

Sistemi e Tecnologie per l Automazione LS Sistemi e Tecnologie per l Automazione LS (Corso da 60 ore, 6CFU) C.D.L. SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA C.D.L. SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRONICA E DELLE TELECOMUNICAZIONI SECONDA FACOLTÀ

Dettagli

Caratteristiche HW. Clock Speed 16 MHz

Caratteristiche HW. Clock Speed 16 MHz ARDUINO YÚN Caratteristiche HW AVR Arduino Microcontroller ATmega32u4 Operating Voltage 5V Input Voltage 5V Digital I/O Pins 20 PWM Channels 7 Analog Input Channels 12 DC Current per I/O Pin 40 ma DC Current

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T1 4-Panoramica delle generazioni 1 Prerequisiti Monoprogrammazione e multiprogrammazione Multielaborazione Linguaggio macchina Linguaggi di programmazione e compilatori Struttura

Dettagli

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante CONOSCENZE DI INFORMATICA 1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante 2) Una memoria in sola lettura con la particolarità di essere cancellata in particolari condizioni è detta:

Dettagli

Qualità dei siti Web Culturali

Qualità dei siti Web Culturali Qualità dei siti Web Culturali Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Soggetto culturale pubblico (SCP) Un istituzione, organismo o progetto di interesse pubblico che abbia quale finalità statuita quella di

Dettagli

IL SISTEMA SMART RESPONSE

IL SISTEMA SMART RESPONSE IL SISTEMA SMART RESPONSE Intervideo Srl Via E. Fermi, 24 37026 Settimo di Pescantina (Vr) Tel: 045 8900022 Fax: 045 8900502 e-mail: info@intervideosrl.com 1 LO SMART RESPONSE Il sistema di risposta interattiva

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine. port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento

Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine. port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento I protocolli del livello di applicazione Porte Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento utilizzato per permettere

Dettagli

Manuale di Desktop Sharing. Brad Hards Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Desktop Sharing. Brad Hards Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Brad Hards Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Desktop Sharing 7 3.1 Gestione degli inviti di Desktop Sharing.........................

Dettagli

Ubiquity getting started

Ubiquity getting started Introduzione Il documento descrive I passi fondamentali per il setup completo di una installazione Ubiquity Installazione dei componenti Creazione del dominio Associazione dei dispositivi al dominio Versione

Dettagli

MODELLO CLIENT/SERVER. Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it

MODELLO CLIENT/SERVER. Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it MODELLO CLIENT/SERVER Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it POSSIBILI STRUTTURE DEL SISTEMA INFORMATIVO La struttura di un sistema informativo

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Lezione 10 Business Process Modeling

Lezione 10 Business Process Modeling Lezione 10 Business Process Modeling Ingegneria dei Processi Aziendali Modulo 1 - Servizi Web Unità didattica 1 Protocolli Web Ernesto Damiani Università di Milano Step dell evoluzione del business process

Dettagli

Informatica di Base - 6 c.f.u.

Informatica di Base - 6 c.f.u. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica di Base - 6 c.f.u. Anno Accademico 2007/2008 Docente: ing. Salvatore Sorce Il Sistema Operativo Gerarchia del software

Dettagli

Corso basi di dati Introduzione alle ASP

Corso basi di dati Introduzione alle ASP Corso basi di dati Introduzione alle ASP Gianluca Di Tomassi Email: ditomass@dia.uniroma3.it Università di Roma Tre Web statico e Web interattivo In principio il Web era una semplice collezione di pagine

Dettagli

LABORATORIO DI TELEMATICA

LABORATORIO DI TELEMATICA LABORATORIO DI TELEMATICA COGNOME: Ronchi NOME: Valerio NUMERO MATRICOLA: 41210 CORSO DI LAUREA: Ingegneria Informatica TEMA: Analisi del protocollo FTP File Transfer Protocol File Transfer Protocol (FTP)

Dettagli

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Sistemi Operativi Modulo 2 Schema di un Sistema di Calcolo Programmi Dati di Input Calcolatore Dati di output Modello di von Neumann Bus di sistema CPU Memoria Centrale Memoria di Massa Interfaccia Periferica

Dettagli

Programmatore per telaio scheller

Programmatore per telaio scheller Divo Di Lupo Sistemi per telai Cotton Bentley Monk Textima Scheller Closa Boehringer http://www.divodilupo.191.it/ Programmatore per telaio scheller Attuatore USB semplificato Numero totale di pagine =

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Installazione SOFTWARE JDK ECLIPSE 03/03/2011 2 ALGORITMI E PROGRAMMI PROBLEMA ALGORITMO PROGRAMMA metodo risolutivo linguaggio di

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Protocolli e architetture per WIS

Protocolli e architetture per WIS Protocolli e architetture per WIS Web Information Systems (WIS) Un Web Information System (WIS) usa le tecnologie Web per permettere la fruizione di informazioni e servizi Le architetture moderne dei WIS

Dettagli

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps SOFTWARE PER LA GESTIONE DEI TELECONTROLLI SMS-GPS MANAGER Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps Rev.0911 Pag.1 di 8 www.carrideo.it INDICE 1. DESCRIZIONE

Dettagli

Virtualizzazione e Macchine Virtuali

Virtualizzazione e Macchine Virtuali Virtualizzazione e Macchine Virtuali Gabriele D Angelo, Ludovico Gardenghi {gda, garden}@cs.unibo.it http://www.cs.unibo.it/~gdangelo/ http://www.cs.unibo.it/~gardengl/ Università di Bologna Corso di Laurea

Dettagli

NAL DI STAGING. Versione 1.0

NAL DI STAGING. Versione 1.0 NAL DI STAGING Versione 1.0 14/10/2008 Indice dei Contenuti 1. Introduzione... 3 2. Installazione NAL di staging... 3 VMWare Server... 3 Preistallazione su server linux... 6 Preinstallazione su server

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI 1 Web Link Monitor... 2 2 Database Browser... 4 3 Network Monitor... 5 4 Ghost Site... 7 5 Copy Search... 9 6 Remote Audio Video

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

1) La rete INTERNET pag. 106-110 Origini della rete INTERNET RETE ARPANET geograficamente distanti esigenze MILITARI

1) La rete INTERNET pag. 106-110 Origini della rete INTERNET RETE ARPANET geograficamente distanti esigenze MILITARI 1) La rete INTERNET pag. 106-110 Origini della rete INTERNET: RETE ARPANET:collegava computer geograficamente distanti per esigenze MILITARI, poi l uso venne esteso alle UNIVERSITA ed in seguitoatuttiglialtri.

Dettagli

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5.1. Introduzione Due macchine si parlano solo se conoscono l'indirizzo fisico di sottorete Due applicazioni si parlano solo se conoscono

Dettagli

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato SCP: SCHEDULER LAYER a cura di Alberto Boccato PREMESSA: Negli ultimi tre anni la nostra scuola ha portato avanti un progetto al quale ho partecipato chiamato SCP (Scuola di Calcolo Parallelo). Di fatto

Dettagli

27/03/2013. Contenuti

27/03/2013. Contenuti Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Contenuti Virtualizzazione - 3 Macchina virtuale - 4 Architetture delle macchine virtuali - 6 Tipi di virtualizzazione - 7 Monitor della

Dettagli