Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "http://www.assind.vi.it/notiziario/guideschede.nsf/p/guida_176"

Transcript

1 Page 1 of 8 Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 30/09/2005. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario aprire il singolo allegato e stamparlo. File PDF creato in data Per maggiori informazioni rivolgersi: Servizio Legislazione Industriale e del Territorio Piazza Castello Vicenza tel fax TRASPORTO MERCI IN CONTO TERZI E TARIFFE OBBLIGATORIE Introduzione Capitolo n. 1. La normativa Capitolo n. 2. Le sanzioni Capitolo n. 3. La documentazione obbligatoria Capitolo n. 4. Gli accordi collettivi Capitolo n. 5. La tassa di concessione governativa Capitolo n. 6. Gli ultimi aggiornamenti tariffari Capitolo n. 7. Le variazioni tariffarie dal 1983 ad oggi Capitolo n. 8. Le tariffe della prima classe merceologica Capitolo n. 9. Le tariffe della seconda classe merceologica Capitolo n. 10. Le tariffe della terza classe merceologica Capitolo n. 11. Le tariffe per le soste ed i carichi e scarichi intermedi Introduzione Trasporto merci in conto terzi e tariffe obbligatorie Lo scopo di questa guida è quello di fornire una sintesi della normativa attualmente in vigore in materia di tariffe sull'autotrasporto di merci in conto terzi, valida per i viaggi effettuati all interno del territorio nazionale. Capitolo n. 1

2 Page 2 of 8 La normativa L'autotrasporto merci in Italia è regolato dalla legge 6 giugno 1974 n. 298 ("Istituzione dell'albo Nazionale degli Autotrasportatori di cose per conto di terzi, disciplina degli autotrasportatori di cose e istituzione di un sistema di tariffe a forcella per i trasporti di merci su strada"), che, come indicato nel suo titolo, prevede una serie di articoli dedicati al sistema delle tariffe obbligatorie a forcella alle quali devono sottostare i trasporti di merci effettuati per conto di terzi sul territorio italiano. Si rammenta che è trasporto di cose per conto terzi l'attività imprenditoriale per la prestazione di servizi di trasporto verso un determinato corrispettivo. Il sistema di tariffe a forcella così definite consiste in tariffe aventi un limite massimo ed un limite minimo; lo scarto fra questi limiti costituisce l'apertura della forcella che è fissata al 23% del limite massimo della tariffa. I prezzi per un trasporto determinato possono essere liberamente fissati tra i due limiti, mentre è vietata la stipulazione di contratti che comportino prezzi di trasporto determinati al di fuori dei limiti massimi e minimi delle forcelle. Non sono soggetti all'applicazione delle tariffe: a) i trasporti di merci inviate da un mittente a uno stesso destinatario, purchè il peso non superi le 5 tonnellate; b) i trasporti di merci effettuati nell'ambito dei centri abitati di cui all'art. 2 del Testo Unico delle norme sulla disciplina della circolazione stradale, approvata con decreto del Presidente della Repubblica 15 giugno 1959 n. 393; c) i trasporti che richiedono necessariamente l'impiego di veicoli eccezionali a norma dell'art. 10 del predetto Testo Unico; d) i seguenti trasporti: - trasporti occasionali di merci destinate o provenienti da aeroporti in caso di deviazione dei servizi; - trasporti di bagagli per mezzo di rimorchi aggiunti ai veicoli adibiti ai trasporti di viaggiatori e trasporti di bagagli per mezzo di qualsiasi tipo di veicolo diretto verso aeroporti o da essi provenienti; trasporti postali; - trasporti di veicoli danneggiati ma non fuori uso; - trasporti di rifiuti e immondizie; trasporti di animali morti, per lo squartamento; trasporti di api e avannotti; - trasporti funebri; trasporti di oggetti e d'opere d'arte per esposizoni o a fini commerciali; - trasporti occasionali di oggetti o di materiali destinati esclusivamente alla pubblicità o all'informazione; - traslochi effettuati da imprese specificamente attrezzate per quanto riguarda sia il personale che il materiale; - trasporti di materiali, di accessori e di animali destinati o provenienti da manifestazioni teatrali, musicali, cinematografiche, sportive, di circo, di fiere e feste oppure destinati alla registrazioni rediofoniche, alle riprese cinematografiche e alla televisione; - trasporti di merci per mezzo di autoveicoli il cui peso complessivo a pieno carico, compreso quello del rimorchio (o dei rimorchi) non superi le 6 tonnellate. Sono altresì esclusi dall'applicazione delle tariffe, a norma del DM 1 agosto 1985, i trasporti effettuati su percorrenze non superiori a 50 chilometri. Per alcuni tipi di trasporti, poi, vigono le tariffe che sono stabilite all'interno dei c.d. accordi collettivi, dei quali si tratterà nelle prossime pagine. L'operatività delle tariffe obbligatorie, istituite come si è visto dalla legge n. 298/1974, è avvenuta però solo con il DM 18 novembre 1982 (c.d. decreto Balzamo), che ha impresso un'accelerazione vertiginosa a tutti gli aspetti della regolamentazione del settore.

3 Page 3 of 8 Con il decreto del 1982 sono state impartite le nozioni tecniche per l'applicazione delle tariffe; queste costituiscono il corrispettivo: a) delle operazioni di trasporto propriamente dette; tali operazioni hanno inizio dal momento in cui la merce è caricata sull'autoveicolo, a cura del mittente, nel luogo di carico e terminano al momento della messa a disposizione del destinatario della merce sull'autoveicolo nel luogo di scarico; b) dei tempi di sosta del veicolo per il carico o lo scarico della merce in ragione di 6 minuti per tonnellata o frazione di tonnellata lorda, con un minimo di ore 1,00, per ognuna delle due operazioni. Qualora i tempi di sosta, come sopra calcolati, vengano superati per l'attesa del carico o dello scarico, per cause non imputabili al vettore, questi ha diritto, in aggiunta, alla tariffa oraria per l'ulteriore tempo di sosta con il massimo complessivo di 8 ore ogni 24 ore, secondo quanto previsto dalla tabella A del decreto 18 novembre Ai fini dell'applicazione delle tariffe, le merci sono distinte in tre classi (I, II, III): criterio generale della classificazione è che tutte le merci cosiddette povere, di massa, le derrate alimentari in qualsiasi fase del ciclo produttivo, i fertilizzanti ed in generale tutte le merci in sacchi, pallets, fusti ed altri imballi, trasportate con normali veicoli cassonati e che non abbiano un elevato valore intrinseco, sono inserite nella III classe; nella II classe sono inserite di norma tutte le merci che non possono viaggiare in cassone, ma richiedono l'uso di cisterne, autosili, bisarche, ecc.; nella I classe sono infine inseriti quei prodotti che richiedono veicoli del tutto particolari, quali quelli a temperatura controllata, autobotti kilolitriche ecc., o presuppongono da parte del vettore una elevata cautela nel carico e nella manipolazione. I livelli tariffari della II e della I classe merceologica sono quelli della III aumentati rispettivamente del 5,26% e del 10,53%. La distanza in base alla quale si calcola il prezzo del trasporto è quella intercorrente fra il luogo di carico e quello di scarico indicati nella lettera di vettura e calcolato in base all'apposito prontuario previsto dal decreto ministeriale. Per le località di carico e scarico che non figurano nel prontuario, le distanze saranno calcolate sulla carta stradale al del TCI; la distanza fra dette località e quella più vicina contenuta nel prontuario e posta sul percorso previsto, è quella più breve con esclusione delle autostrade con pagamento di pedaggio e va sommata e sottratta alla distanza del tratto di percorso rilevato dal prontuario stesso. Esiste anche la possibilità di applicare appositi sconti; attualmente vi sono due tipi di sconto: quello per il rapporto diretto vettore-utente, indipendentemente dai quantitativi trasportati (5%) e quello di quantità. Quest ultimo prevede che, se il mittente fa eseguire al vettore, nel periodo di tre mesi consecutivi, diversi trasporti per un numero definito di tonnellate/chilometro, le tariffe minime applicabili e le relative maggiorazioni vanno ridotte secondo percentuali del 4 o del 6%. Gli sconti quantità si sommano con quello per il rapporto diretto fino ad un massimo complessivo del 7%. Il contratto che prevede l esecuzione dei servizi alle condizioni di cui sopra deve essere stipulato in forma scritta, a pena di nullità e deve essere inviato a cura del vettore entro 10 giorni al competente ufficio provinciale del Dipartimento dei Trasporti Terrestri. Capitolo n. 2 Le sanzioni La non applicazione delle disposizioni previste in materia tariffaria comporta l'applicazione delle sanzioni

4 Page 4 of 8 previste dall'art. 58 della legge n. 298/1974. La non conforme applicazione delle tariffe in vigore è sanzionata per il vettore con il pagamento di una somma da L a L (con la necessaria conversione in euro). La stessa sanzione (in base alla legge n. 132/87) viene comminata anche al committente di trasporto di cose su strada. In questo senso devono essere anche citati alcuni contenuti della legge 27 maggio 1993 n. 162 riguardante le misure urgenti per il settore dell'autotrasporto di cose per conto terzi. Essa prevedeva, che chiunque affida l'effettuazione di un autotrasporto di cose per conto di terzi a chi esercita abusivamente l'attività di autotrasporto, è punito con l'ammenda da lire 500 mila a un milione. Si procede altresì al sequestro della merce trasportata, di cui può essere disposta la confisca con la sentenza di condanna. Ora, con il decreto-legislativo n. 507/99 sulla depenalizzazione dei reati minori, l affidamento del trasporto ad un soggetto non autorizzato è soggetto solo alla sanzione pecuniaria da 3 a 18 milioni di lire (con la necessaria conversione in euro). Al momento della conclusione del contratto di autotrasporto (legge n. 162/93), a cura di chi effettua il trasporto, devono essere annotati nella copia del contratto di trasporto da consegnare al committente, pena la nullità del contratto stesso, i dati relativi agli estremi dell'attestazione di iscrizione all'albo e dell'autorizzazione al trasporto di cose per conto di terzi rilasciati dai competenti comitati provinciali dell'albo nazionale degli autotrasportatori, da cui risulti il possesso dei prescritti requisiti di legge. Per i contratti stipulati successivamente al 29 marzo 1993 (data di entrata in vigore del DL n. 82/93, convertito nella legge n. 162/93), ai diritti derivanti dal contratto di autotrasporto per i quali è previsto il sistema di tariffe a forcella, si applica il termine di prescrizione quinquennale. Il termine di prescrizione applicabile ai contratti in cui la prestazione di autotrasporto di cose per conto di terzi sia prevista congiuntamente ad altra prestazione, stipulati successivamente al 29 marzo 1993, è quello del contratto nel quale la prestazione di autotrasporto è ricompresa. In tali casi il termine di prescrizione è comunque sospeso quando vi sia un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa tra committente e vettore. Va tuttavia aggiunto che con il DL 3 luglio 2001 n. 256, convertito nella legge n. 334/01, è stata fornita la c.d. interpretazione autentica della legge n. 162/93: secondo la legge n. 334/01, infatti, la forma scritta dei contratti di trasporto determina la nullità degli stessi esclusivamente se è stata scelta dalle parti contraenti. In sostanza, un contratto stipulato verbalmente non potrà mai essere dichiarato nullo, mentre uno stipulato in forma scritta, ma privo anche di una sola delle annotazioni prescritte, è nullo a tutti gli effetti. Tale disposizione ha determinato tutta una serie di controversie giuridiche, non ancora risolte. Pertanto, riassumendo, le condizioni per l'applicazione delle tariffe sono tre: - che i trasporti si eseguano, in modo esclusivo, nel territorio italiano; - che chi li esegue, sia iscritto nell'albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi; - che l'iscritto sia autorizzato dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, in virtù delle norme della legge n. 298/1974. Le tariffe non sono, di conseguenza, applicabili: - ai trasporti internazionali; - ai trasporti eseguiti con licenza per conto proprio; - ai trasporti eseguiti, in modo abusivo, da chi non sia iscritto nell'albo suddetto e non abbia ottenuto l'autorizzazione ministeriale al trasporto per conto terzi. Capitolo n. 3 La documentazione obbligatoria Per ogni spedizione soggetta a regime tariffario è obbligatoria la compilazione di una apposito documento (denominato lettera di vettura), emesso dal vettore e contenente tutte le indicazioni atte a consentire il controllo sull'osservanza delle norme previste. La lettera di vettura deve essere redatta in almeno quattro esemplari dei quali: il primo viene rilasciato al

5 Page 5 of 8 mittente; il secondo accompagna la merce per essere consegnato al destinatario ed essere esibito per i controlli in corso di trasporto; il terzo deve essere conservato dal vettore per un periodo di almeno due anni dopo la data di esecuzione del trasporto; il quarto è utilizzato per fini di controllo. Sempre in merito alla documentazione obbligatoria, va aggiunto che per ciascun autoveicolo mediante il quale vengono eseguiti trasporti in conto terzi soggetti al regime tariffario, le imprese di autotrasporto devono adottare un giornale di bordo; su tale documento (costituito da un insieme di fogli), devono essere numerati e registrati, cronologicamente e senza soluzione di continuità, tutti i viaggi eseguiti in corrispondenza di una spedizione per la quale è stata compilata la lettera di vettura. Gli esemplari della lettera di vettura destinati al controllo e le copie staccabili del giornale di bordo, opportunamente abbinati per ciascuna spedizione, devono essere inviati a cura del vettore ai competenti uffici provinciali del Dipartimento dei Trasporti Terrestri entro il decimo giorno del mese successivo a quello in cui sono stati effettuati i trasporti. Va ricordato che con decreto del 16 febbraio 1984 il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti ha disposto l'integrazione della bolla di accompagnamento, prescritta ai fini dell'lva dal DPR n. 627/1978, con la lettera di vettura (c.d. documento integrato) occorrente, come si è visto, per le spedizioni di merci su strada per conto terzi in territorio nazionale, soggette a regime tariffario. In base all'art. 2 del già citato DM 16 febbraio 1984 il documento integrato deve essere compilato nelle due copie destinate al vettore ed al controllo tariffario. La quarta copia, valida soltanto ai fini tariffari, deve recare, sulla parte relativa al documento di accompagnamento dei beni trasportati, una striscia con la dicitura: "non valida ai fini del DPR n. 627 del 6 ottobre 1978". Tale normativa si riferisce esclusivamente ai trasporti per i quali è ancora vigente l'obbligo di emissione sia della bolla (adempimento che grava sul mittente), sia della lettera di vettura (adempimento che fa capo al vettore). Rimangono esclusi i trasporti effettuati in conto proprio in quanto non sottoposti alla disciplina tariffaria. In base al DPR 14 agosto 1996 n. 472, pubblicato sulla G.U. n. 214 del 12 settembre 1996, recante il regolamento di attuazione delle disposizioni contenute nell'art. 3, comma 147, lettera d, della legge 28 dicembre 1995, l'obbligo dell'emissione della bolla rimane ancora per le cessioni che riguardino tabacchi, fiammiferi, prodotti soggetti al regime delle accise, prodotti soggetti ad imposte di consumo e prodotti soggetti a vigilanza fiscale. Sono pertanto esclusi dall'obbligo di emissione del documento integrato: a) i trasporti non assoggettati nè all'emissione della lettera di vettura, nè a quella della bolla; b) i trasporti assoggettati all'emissione della lettera di vettura ma non a quella della bolla di accompagnamento; c) i trasporti per i quali è obbligatorio emettere il documento di accompagnamento ma non la lettera di vettura. Per quanto riguarda, infine, il controllo tariffario, esso può essere espletato in tre forme: controllo sulla base dei documenti di trasporto inviati dalle singole imprese, ad opera degli uffici provinciali Dipartimento Trasporti Terrestri; controllo su strada, nel corso del trasporto, ad opera degli ufficiali ed agenti di polizia giudiziaria e dei funzionari del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Dipartimento Trasporti Terrestri; controllo presso le imprese di trasporto, i mittenti, i destinatari e gli ausiliari del trasporto ad opera dei funzionari del Dipartimento dei Trasporti Terrestri e degli ufficiali ed agenti di polizia giudiziaria. Capitolo n. 4 Gli accordi collettivi Oltre alle tariffe previste a livello governativo, esistono quelle previste negli accordi collettivi conclusi tra le associazioni più rappresentative dei vettori, da un lato, dei produttori commercianti ed agricoli, dall'altro.

6 Page 6 of 8 La legge n. 298/1974 non prevede questo istituto che però è nato da esigenze improcrastinabili di alcuni settori economici nel lungo periodo intercorso tra l'emanazione della legge n. 298 (giugno 1974) e la prima applicazione concreta del titolo lll di questa legge (dedicato alle tariffe appunto) che è avvenuta a partire dal Oggi, gli accordi collettivi riguardano, tra gli altri, il trasporto di prodotti chimici liquidi, il trasporto dei prodotti petroliferi (che è il primo ad essere stato siglato nel 1977, prima ancora dell'operatività delle tariffe a forcella), il trasporto dei prodotti ceramici, il trasporto di vetro in pallets ed il trasporto di container con percorrenza annua garantita. Capitolo n. 5 La tassa di concessione governativa Prevista dall'art. 49 della legge n. 298/74 per ciascuna autorizzazione in conto terzi (ora, tra l altro, sostituite dall autorizzazione globale per azienda), la tassa di concessione governativa non è più dovuta dal 1 gennaio 1996 a seguito della sua soppressione operata dal DM 28 dicembre Capitolo n. 6 Gli ultimi aggiornamenti tariffari Dopo gli ultimi incrementi del 7,5% entrato in vigore dal 1 dicembre 1991, del 3,5% dal 1 agosto 1993, del 2,5% dal 1 gennaio 1994, del 2,5% dal 30 marzo 1995, del 2% dal 1 luglio 1995, del 4% dal 24 settembre 1996, del 2,5% dal 1 luglio 2000, del 2,5% dal 3 aprile 2001, del 5% dal 13 agosto 2003, il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti con il decreto 9 giugno 2005 ha disposto un ulteriore adeguamento delle tariffe obbligatorie per i trasporti di merci su strada eseguiti sul territorio nazionale. Tale provvedimento, prevede un aumento delle tariffe obbligatorie nella misura del 5% a far data dal 24 giugno Capitolo n. 7 Le variazioni tariffarie dal 1983 ad oggi Si riporta una tabella con la cronologia completa delle variazioni tariffarie intervenute dal momento della loro istituzione ad oggi.

7 Page 7 of 8 Capitolo n. 8 Le tariffe della prima classe merceologica Si riporta una tabella (fonte A.N.I.T.A. Roma) con le tariffe della prima classe merceologica riferite al Le tariffe riportate non includono l'ultimo aggiornamento del 5% decorrente dal 24 giugno 2005 e pertanto dovranno rivalutarsi secondo tale percentuale. Capitolo n. 9 Le tariffe della seconda classe merceologica Si riporta una tabella (fonte A.N.I.T.A. Roma) con le tariffe della seconda classe merceologica del Le tariffe riportate non includono l'ultimo aggiornamento del 5% decorrente dal 24 giugno 2005 e pertanto dovranno rivalutarsi secondo tale percentuale. Capitolo n. 10 Le tariffe della terza classe merceologica Si riporta una tabella (fonte A.N.I.T.A. Roma) con le tariffe per la terza classe merceologica per il Le tariffe riportate non includono l'ultimo aggiornamento del 5% decorrente dal 24 giugno 2005 e pertanto dovranno rivalutarsi secondo tale percentuale.

8 Page 8 of 8 Capitolo n. 11 Le tariffe per le soste ed i carichi e scarichi intermedi Si riporta una tabella (fonte A.N.I.T.A. Roma) con le tariffe per le tasse di sosta e le maggiorazioni per carichi e scarichi intermedi per il Le tariffe riportate non includono l'ultimo aggiornamento del 5% decorrente dal 24 giugno 2005 e pertanto dovranno rivalutarsi secondo tale percentuale. Confindustria Vicenza

TRASPORTO MERCI IN CONTO PROPRIO E DICHIARAZIONE DELLE COSE TRASPORTATE

TRASPORTO MERCI IN CONTO PROPRIO E DICHIARAZIONE DELLE COSE TRASPORTATE Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 30/06/2008. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

SCHEDA DI TRASPORTO. Luglio 2009

SCHEDA DI TRASPORTO. Luglio 2009 Luglio 2009 SCHEDA DI TRASPORTO Supplemento a Polimerica Reg Tribunale MI 710 del 11/10/2004 Direttore responsabile: Michele Latorre Editore: Cronoart Srl - Milano Tutti i diritti riservati www.trasportoeuropa.it

Dettagli

La scheda di trasporto : le istruzioni rese con la circolare dei Ministeri dei Trasporti e dell Interno del 17 luglio 2009

La scheda di trasporto : le istruzioni rese con la circolare dei Ministeri dei Trasporti e dell Interno del 17 luglio 2009 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 11 6 AGOSTO 2009 La scheda di trasporto : le istruzioni rese con la circolare dei Ministeri

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. CIRCOLARE Padova, 19 luglio 2009 Spettabili CLIENTI LORO SEDI Scheda di trasporto Dal 19 luglio 2009 è obbligatoria la "scheda di trasporto da compilare a cura del committente e conservare a bordo del

Dettagli

Scheda di trasporto. La scheda dovrà essere compilata dal committente e conservata a bordo del veicolo, a cura del vettore.

Scheda di trasporto. La scheda dovrà essere compilata dal committente e conservata a bordo del veicolo, a cura del vettore. Scheda di trasporto CNA Fita Trasporto Dal 19 Luglio le imprese di autotrasporto sono tenute alla compilazione della scheda di trasporto. L istituzione del nuovo documento si inserisce all interno del

Dettagli

TRASPORTI ECCEZIONALI: I MEZZI D'OPERA ED IL LORO REGIME DI CIRCOLAZIONE

TRASPORTI ECCEZIONALI: I MEZZI D'OPERA ED IL LORO REGIME DI CIRCOLAZIONE Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 30/06/2008. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI DR. MATTEO DUROLA DR. BRUNO PARI DR.SSA CHIARA MACCHETTO Gentili Clienti Loro sedi Oggetto: istituzione della scheda di trasporto. Premesse, riferimenti normativi e

Dettagli

DISCIPLINA B TRASPORTO DI MERCI

DISCIPLINA B TRASPORTO DI MERCI REGIONE CAMPANIA COMMISSIONE D ESAME PER L ACCESSO ALL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO EX ART. 5 LEGGE 264/91 ANNO 2002 DISCIPLINA B TRASPORTO DI MERCI B01 - L Albo degli

Dettagli

Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente

Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente Francesca Belinghieri 13 maggio 2013 Andamento e modalità del trasporto delle merci in Italia,

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Pagina 1 di 5 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 24 settembre 2008 Modalita' operative per l'erogazione di contributi a sostegno delle imprese di autotrasporto di merci per conto di

Dettagli

Revisione delle macchine agricole e delle macchine operatrici, ora è operativa Di Girolamo Simonato

Revisione delle macchine agricole e delle macchine operatrici, ora è operativa Di Girolamo Simonato Revisione delle macchine agricole e delle macchine operatrici, ora è operativa Di Girolamo Simonato Con il d.lgs. 285/92 (Nuovo Codice della Strada) all art. 111 era stata disciplinata la revisione della

Dettagli

FATTURA DEL COSTO DEL CARBURANTE

FATTURA DEL COSTO DEL CARBURANTE OGGETTO: GLI AUTOTRASPORTATORI E L INDICAZIONE IN FATTURA DEL COSTO DEL CARBURANTE A seguito dell acuirsi della crisi economica e l aumento dell incidenza del prezzo del carburante gli operatori del settore

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI. DECRETO 2 Agosto 2007, n. 161

MINISTERO DEI TRASPORTI. DECRETO 2 Agosto 2007, n. 161 MINISTERO DEI TRASPORTI DECRETO 2 Agosto 2007, n. 161 Regolamento recante la fissazione delle tariffe applicabili alle operazioni di revisione dei veicoli. IL MINISTRO DEI TRASPORTI di concerto con IL

Dettagli

Contrattualistica del trasporto Applicazione del D.Lgs. 286/2005 e s.m.i.

Contrattualistica del trasporto Applicazione del D.Lgs. 286/2005 e s.m.i. Spettabile CLIENTE e FORNITORE Sua Sede Rif.: 001-2011 C&F SICDT Milano, 10-01-2011 Oggetto: Contrattualistica del trasporto Applicazione del D.Lgs. 286/2005 e s.m.i. Egregi Signori e Gentili Signore,

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO,DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO,DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI D.A. n.152/gab REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO,DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI * * * * Modalità e requisiti per il rilascio delle

Dettagli

BALIN & ASSOCIATI. Autotrasporto: istituita la scheda di trasporto. Padova, 30 luglio 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n.

BALIN & ASSOCIATI. Autotrasporto: istituita la scheda di trasporto. Padova, 30 luglio 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n. BALIN & ASSOCIATI Umberto Balin Margherita Cabianca Enrico Cecchinato Consulente del Lavoro Francesca Gardellin Viviana Pigal Raffaella Martellani Massimo Coppola Dott.ssa Diana Pérez Corradini Dott. Alberto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI (AFFARI ESTERI E COMUNITARI)

CAMERA DEI DEPUTATI (AFFARI ESTERI E COMUNITARI) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4880-A RELAZIONE DELLA III COMMISSIONE PERMANENTE (AFFARI ESTERI E COMUNITARI) (Ai sensi dell articolo 79, comma 15, del regolamento) Presentata

Dettagli

TRASPORTO MERCI IN CONTO TERZI - LE ISTRUZIONI SCRITTE DEL COMMITTENTE - * di Franco MEDRI

TRASPORTO MERCI IN CONTO TERZI - LE ISTRUZIONI SCRITTE DEL COMMITTENTE - * di Franco MEDRI TRASPORTO MERCI IN CONTO TERZI - LE ISTRUZIONI SCRITTE DEL COMMITTENTE - * di Franco MEDRI L art. 7, comma 4, del D. Lgs n. 286/05 prescrive che, qualora il contratto di trasporto non sia stipulato in

Dettagli

La misura degli interessi moratori è stata determinata nel 5,27%. RITARDATI PAGAMENTI NEGLI APPALTI DI LAVORI PUBBLICI

La misura degli interessi moratori è stata determinata nel 5,27%. RITARDATI PAGAMENTI NEGLI APPALTI DI LAVORI PUBBLICI Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 11/09/2012. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO *

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * Ai sensi dell art. 1803 del codice civile, approvato con R.D. 16 marzo 1942, n. 262, «il comodato è il

Dettagli

SVELIAMO I CONTENUTI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO

SVELIAMO I CONTENUTI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO SVELIAMO I CONTENUTI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO Che cos'è. Si tratta di un documento che permette di risalire in modo certo ai diversi soggetti della filiera del trasporto, cui sono imputabili le responsabilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 24/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 24/E QUESITO RISOLUZIONE N. 24/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 marzo 2010 OGGETTO: Istanza di interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Imposta di bollo su Comunicazione unica presentata con modalità

Dettagli

QUESITI TRASPORTO MERCI

QUESITI TRASPORTO MERCI 1 L ART. 15 DELLA LEGGE 298/74 DISCIPLINA IN MATERIA DI FUSIONI E TRASFORMAZIONI DI IMPRESE. QUALE CASO NON E PREVISTO? 1 - TRASFORMAZIONE DI IMPRESE INDIVIDUALI IN SOCIETA DI CAPITALI. 2 - CONFERIMENTO

Dettagli

Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto»

Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto» Trasporti internazionali Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto» di Maria Giulia Furlanetto (*) Dal 19 luglio 2009, è divenuta a tutti gli effetti obbligatoria la scheda di trasporto documento

Dettagli

SCHEDA DI TRASPORTO. Settembre 2009

SCHEDA DI TRASPORTO. Settembre 2009 Settembre 2009 SCHEDA DI TRASPORTO Supplemento a Polimerica Reg Tribunale MI 710 del 11/10/2004 Direttore responsabile: Michele Latorre Editore: Cronoart Srl - Milano Tutti i diritti riservati www.trasportoeuropa.it

Dettagli

STRALCIO N. 259-01. <>

STRALCIO N. 259-01. <<Disposizioni concernenti le revisioni periodiche dei veicoli a motore >> Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI STRALCIO N. 259-01

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria. Imposta di registro. Determinazione della base imponibile degli

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 26 27.01.2015 1 Le novità in tema di autotrasporto Le novità introdotte dallo Sblocca Italia e della Legge di Stabilità 2015 Categoria: Autotrasportatori

Dettagli

Noleggio Con Conducente, molte proroghe e molti dubbi 15 proroga

Noleggio Con Conducente, molte proroghe e molti dubbi 15 proroga A cura del dott. Mario Maccantelli mario.maccantelli@omniavis.it Consulente Omniavis per la Toscana Omniavis Srl Lungarno Colombo 44 50136 Firenze Tel. +39 0556236286, Tel. +39 0556145319 www.omniavis.it

Dettagli

Incontro informativo. Le novità ADR 2011

Incontro informativo. Le novità ADR 2011 ISO 9001 : 2000 Certificato n. 97039 Settore Territorio, Ambiente, Energia Incontro informativo Le novità ADR 2011 Presentazione Francesca Belinghieri Federchimica Documentazione di viaggio Autotrasporto

Dettagli

- TRASPORTO MERCI CONTO TERZI - LA RESPONSABILITA CONCORSUALE INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 21/11/2005 N.

- TRASPORTO MERCI CONTO TERZI - LA RESPONSABILITA CONCORSUALE INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 21/11/2005 N. - TRASPORTO MERCI CONTO TERZI - LA RESPONSABILITA CONCORSUALE INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 21/11/2005 N. 286 di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** Con l entrata in vigore del Decreto Legislativo

Dettagli

La riforma dell autotrasporto per conto terzi

La riforma dell autotrasporto per conto terzi La riforma dell autotrasporto per conto terzi Milano, 11 luglio 2007, Hotel dei Cavalieri dott. Paolo Stella I decreti attuativi che completano la riforma prevista dal D.Lgs. 286/2005 Con il decreto dirigenziale

Dettagli

D.d.t. Documento di Trasporto

D.d.t. Documento di Trasporto D.d.t. Documento di Trasporto a 3 copie autoricalcanti Magazzino e Trasporti (D.d.t.) D.P.R. 472 14-08-1996 - D.P.R. 696 21-12-1996 N. DESTINATARIO: Ditta, Dipendenza, Domicilio o Residenza, Codice Fiscale,

Dettagli

www.vigilaresullastrada.it

www.vigilaresullastrada.it Com è noto, la lettera d) del 1 comma dell articolo 54 c.d.s. definisce gli autocarri come veicoli destinati al trasporto di cose e delle persone addette all'uso o al trasporto delle cose stesse. Per questo

Dettagli

STUDIO GIAMPAOLI Gall. Dei Fonditori 3 PESARO

STUDIO GIAMPAOLI Gall. Dei Fonditori 3 PESARO STUDIO GIAMPAOLI Gall. Dei Fonditori 3 PESARO Pesaro, lì 30 luglio 2009 A TUTTI I SIGNORI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE n. 07/2009 1 Proroga di ferragosto; 2 Autotrasporto di merci per Conto Terzi: Obbligo

Dettagli

- ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI

- ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA FERROVIARIA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI

Dettagli

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi SOGGETTI RICHIEDENTI Le imprese che intendono avviare l attività di recupero di rifiuti

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

Leoncini & Associati Srl BROKER DI ASSICURAZIONI

Leoncini & Associati Srl BROKER DI ASSICURAZIONI CIRCOLARE INFORMATIVA Alla Clientela Collaboratori Soggetti interessati Autotrasporto - Liberalizzazione tariffaria Decreto Legislativo 21.11.2005, n. 286, su G.U. n. 6 del 9.1.2006. Sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

2. Vincoli alla compensazione dei crediti IVA e altre novità in materia di IVA

2. Vincoli alla compensazione dei crediti IVA e altre novità in materia di IVA Lissone, 21 luglio 2009 Circolare n 14 / 09 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: LE NOVITA DELLA MANOVRA D ESTATE : La detassazione Tremonti/ter Le restrizioni in materia di crediti e compensazioni IVA

Dettagli

Art. 83-bis (Tutela della sicurezza stradale e della regolarita' del mercato dell'autotrasporto di cose per conto di terzi)

Art. 83-bis (Tutela della sicurezza stradale e della regolarita' del mercato dell'autotrasporto di cose per conto di terzi) Testo in vigore dal: 15-8-2012 Decreto-Legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133 Modificato dalla L.127/2010, dalla L.10/2011, dalla L.148/2011 e dalla

Dettagli

Oggetto: Autotrasporto Nuovo regime tariffario - Costi medi chilometrici del gasolio del mese di ottobre 2008.

Oggetto: Autotrasporto Nuovo regime tariffario - Costi medi chilometrici del gasolio del mese di ottobre 2008. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 - tel. 06/8559151 - fax 06/8415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 21 novembre

Dettagli

ASSOLOGISTICA PACENGO DI LAZISE (VR) 12.11.2014 GLOBAL SUMMIT - LOGISTICS & MANUFACTURING

ASSOLOGISTICA PACENGO DI LAZISE (VR) 12.11.2014 GLOBAL SUMMIT - LOGISTICS & MANUFACTURING ASSOLOGISTICA PACENGO DI LAZISE (VR) 12.11.2014 GLOBAL SUMMIT - LOGISTICS & MANUFACTURING La responsabilità del Committente in relazione ai costi minimi di esercizio dell autotrasporto RELAZIONE DI ROSADA

Dettagli

!!"#$#%&'()!*'++'!,$-(.%&(/&&/('!!!!!!!!!!!!!!'!*'#!0(.%1)(&#!

!!#$#%&'()!*'++'!,$-(.%&(/&&/('!!!!!!!!!!!!!!'!*'#!0(.%1)(&#! !!"#$#%&'()!*'++'!,$-(.%&(/&&/('!!!!!!!!!!!!!!'!*'#!0(.%1)(&#! DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER IL TRASPORTO STRADALE E PER L INTERMODALITA

Dettagli

CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia Regionale di Palermo REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DELLA PUBBLICITA FONICA

CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia Regionale di Palermo REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DELLA PUBBLICITA FONICA CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia Regionale di Palermo REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DELLA PUBBLICITA FONICA ART. 1 FINALITA 1. Il presente regolamento è diretto a disciplinare il rilascio di autorizzazioni

Dettagli

Oggetto: Autotrasporto Tariffe minime per i contratti verbali determinate dal Ministero dei Trasporti - Aggiornamento al mese di febbraio 2011.

Oggetto: Autotrasporto Tariffe minime per i contratti verbali determinate dal Ministero dei Trasporti - Aggiornamento al mese di febbraio 2011. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 tel.068559151-3337909556 - fax 068415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 31 marzo

Dettagli

1. LE NOVITÀ SALIENTI DELLA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO DI COSE IN CONTO TERZI

1. LE NOVITÀ SALIENTI DELLA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO DI COSE IN CONTO TERZI TRASPORTO MERCI Roma, 14 luglio 2006 Circ. del Ministero dell'interno N. 300/A/1/52609/108/13/7 Il Decreto Legislativo 21.11.05, n. 286, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 9.1.06 n. 6, dando attuazione

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

OGGETTO: Auto in comodato. In vigore l obbligo di comunicazione

OGGETTO: Auto in comodato. In vigore l obbligo di comunicazione Informativa per la clientela di studio N. 09C del 21.11.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Auto in comodato. In vigore l obbligo di comunicazione Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

ESENZIONE PEDAGGI AUTOSTRADALI

ESENZIONE PEDAGGI AUTOSTRADALI ESENZIONE PEDAGGI AUTOSTRADALI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE E DI ATTUAZIONE DEL NUOVO CODICE DELLA STRADA Art.373 Pedaggi (Art.176 del codice della strada) 1. Al pagamento del pedaggio, quando esso è dovuto,

Dettagli

0574/534439 417 (Ing. F.Agostini Dott. C.Renzi) Fax. 0574/534281 e-mail: motorizzazione@provincia.prato.it; fagostini@provincia.prato.

0574/534439 417 (Ing. F.Agostini Dott. C.Renzi) Fax. 0574/534281 e-mail: motorizzazione@provincia.prato.it; fagostini@provincia.prato. Amministrazione Trasparente Servizi erogati - Carta dei servizi e Standard di qualità art.32 c.1 D.Lgs.33/2013 > Iscrizione Albo Autotrasportatori di cose per conto di terzi > Licenze per l autotrasporto

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

ORDINANZA N. 47 DEL 11/03/2014

ORDINANZA N. 47 DEL 11/03/2014 Città di Nardò (Provincia di Lecce) Prot. N. 8621 del 11/03/2014 AREA ISTITUZIONALE - STAFF SINDACO Servizio Corpo degli Operatori di Polizia Locale ORDINANZA N. 47 DEL 11/03/2014 OGGETTO: Ordinanza di

Dettagli

NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE

NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE Anno rif.: 2005 Pagina 1 di 8 NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE 1. QUADRO GENERALE....2 2. DEFINIZIONI....2 3. MODALITA DI NOMINA...2 4. INTEGRAZIONE

Dettagli

Provincia di Viterbo Esame 264/91- Sessione anno 2009

Provincia di Viterbo Esame 264/91- Sessione anno 2009 Provincia di Viterbo Esame 264/91- Sessione anno 2009 Trasporto Merci Le imprese che svolgono il trasporto di cose in conto proprio, al rilascio della prima licenza sono : A Iscritte in una sezione separata

Dettagli

VISTO il decreto legge 28 dicembre 1998, n. 451, convertito con legge 26 febbraio 1999, n.40;

VISTO il decreto legge 28 dicembre 1998, n. 451, convertito con legge 26 febbraio 1999, n.40; DELIBERAZIONE 2013 Disposizioni relative alla riduzione compensata dei pedaggi autostradali per i transiti effettuati nell'anno 2012. (Deliberazione n.10/2013). IL COMITATO CENTRALE per l'albo nazionale

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER IL TRASPORTO STRADALE E PER L INTERMODALITA DIVISIONE

Dettagli

IL CONTROLLO DI POLIZIA STRADALE NELL AUTOTRASPORTO

IL CONTROLLO DI POLIZIA STRADALE NELL AUTOTRASPORTO IL CONTROLLO DI POLIZIA STRADALE NELL AUTOTRASPORTO TRASPORTO PER CONTO TERZI NAZIONALE Documenti conducente: Documento di identità; Patente di guida; Cqc; Documento rapporto di lavoro; Fogli di registrazione;

Dettagli

Gazzetta Ufficiale 9 febbraio 1989, n. 33. [Preambolo] [Applicazione] [Ruolo degli agenti di affari in mediazione]

Gazzetta Ufficiale 9 febbraio 1989, n. 33. [Preambolo] [Applicazione] [Ruolo degli agenti di affari in mediazione] www.sistema24immobili.ilsole24ore.com Legge 3 febbraio 1989, n. 39 Gazzetta Ufficiale 9 febbraio 1989, n. 33 Modifiche ed integrazioni alla legge 21 marzo 1958, n. 253, concernente la disciplina della

Dettagli

DIRETTIVA 17 marzo 1998 (G.U. n.82 dell'8.3.98)

DIRETTIVA 17 marzo 1998 (G.U. n.82 dell'8.3.98) DIRETTIVA 17 marzo 1998 (G.U. n.82 dell'8.3.98) MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE 17 MARZO 1998 Alla Direzione Generale dell'anas - Ente Nazionale

Dettagli

Circolare N.10 del 17 Gennaio 2013. Quota annuale all albo autotrasportatori prorogata al 31 marzo 2013

Circolare N.10 del 17 Gennaio 2013. Quota annuale all albo autotrasportatori prorogata al 31 marzo 2013 Circolare N.10 del 17 Gennaio 2013 Quota annuale all albo autotrasportatori prorogata al 31 marzo 2013 Quota annuale all albo autotrasportatori prorogata al 31 marzo 2013 Gentile cliente con la presente

Dettagli

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA FERROVIARIA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI

Dettagli

VISTO il decreto legge 28 dicembre 1998, n. 451, convertito con legge 26 febbraio 1999, n.40;

VISTO il decreto legge 28 dicembre 1998, n. 451, convertito con legge 26 febbraio 1999, n.40; DELIBERAZIONE 2011 Disposizioni relative alla riduzione compensata dei pedaggi autostradali per i transiti effettuati nell'anno 2010. (Deliberazione n. 11/2011). IL COMITATO CENTRALE per l'albo nazionale

Dettagli

Circolare N. 117 del 2 Settembre 2015

Circolare N. 117 del 2 Settembre 2015 Circolare N. 117 del 2 Settembre 2015 La revisione delle macchine agricole Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, con il DM 20.5.2015 è stata recentemente disposta la revisione generale,

Dettagli

L. 8 agosto 1991, n.264 1. Disciplina dell'attività di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto 1/a 1/circ.

L. 8 agosto 1991, n.264 1. Disciplina dell'attività di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto 1/a 1/circ. L. 8 agosto 1991, n.264 1. Disciplina dell'attività di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto 1/a 1/circ. Art. 1. Attività di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto. 1. Ai

Dettagli

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9 Modifiche apportate al DL 28 giugno 1990,n.167 (Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori) dalla Legge 6 agosto 2013, n.97, Art.9 (Legge europea 2013).

Dettagli

CHIEDE. l'iscrizione all albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi di Verona.

CHIEDE. l'iscrizione all albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi di Verona. Timbro dello studio di consulenza automobilistica o dell associazione di categoria Marca da bollo 16,00 Marca da bollo 16,00 Alla Provincia di Verona Settore trasporti traffico mobilità Unità operativa

Dettagli

LA DISCIPLINA DEI PUBBLICI SPETTACOLI

LA DISCIPLINA DEI PUBBLICI SPETTACOLI LA DISCIPLINA DEI PUBBLICI SPETTACOLI Secondo quanto affermato dal Ministero delle Finanze, nella circolare n.165/e del 7 settembre 2000, avente per oggetto "Riforma della disciplina fiscale relativa alle

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 luglio 2008 Oggetto: Adempimenti necessari per l immatricolazione di veicoli di provenienza comunitaria articolo 1, comma 9, del decreto

Dettagli

Servizi provinciali della Motorizzazione Civile LORO SEDI

Servizi provinciali della Motorizzazione Civile LORO SEDI Palermo Prot. n. 99264 del 02 dicembre 2010 Allegati n.1 OGGETTO: Procedure per l espletamento delle attività già di competenza dei soppressi comitati provinciali per l albo degli autotrasportatori di

Dettagli

ATTESTATO PER IL CONDUCENTE EXTRACOMUNITARIO A BORDO DI VEICOLI CON TARGA COMUNITARIA

ATTESTATO PER IL CONDUCENTE EXTRACOMUNITARIO A BORDO DI VEICOLI CON TARGA COMUNITARIA Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 30/06/2008. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Circolare Ministeriale prato

Circolare Ministeriale prato \. LEADER IN SEMPLICITA' Circolare Ministeriale prato 300jAj8980j09jl08j44 Roma, 17 luglio 2009 MINISTERO DELL'INTERNO Dipartimento della Pubblica Sicurezza MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Dettagli

P r o d u t tive. Circolare n.

P r o d u t tive. Circolare n. Circolare n. Legge 23 agosto 2004, n. 239 - articoli 53 e 54, recanti modifiche e integrazioni ai requisiti per l accesso ai contributi in favore degli autoveicoli alimentati a GPL e metano di cui al decreto

Dettagli

Circolare 21. del 3 novembre 2014. Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE

Circolare 21. del 3 novembre 2014. Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE Circolare 21 del 3 novembre 2014 Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE 1 Premessa... 2 2 Decorrenza... 2 3 Ambito soggettivo... 3 3.1 Soggetti legittimati

Dettagli

Modifiche la CdS. Sanzione 38 conducente che supera la durata dei periodi di guida prescritti dal Regolamento CE 561/2006.

Modifiche la CdS. Sanzione 38 conducente che supera la durata dei periodi di guida prescritti dal Regolamento CE 561/2006. Modifiche la CdS Tempi di guida e di riposo dei conducenti nuove sanzioni previste dall art. 174 c.d.s. Tutti i calcoli e le percentuali delle eccedenze Scheda riassuntiva Comma 4 38 conducente che supera

Dettagli

COMUNE DI ORZINUOVI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE COATTA DEI VEICOLI. Provincia di Brescia

COMUNE DI ORZINUOVI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE COATTA DEI VEICOLI. Provincia di Brescia COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE COATTA DEI VEICOLI Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 13 del 22/02/2010 Art. 1 OGGETTO DEL DISCIPLINARE Il presente

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DELIBERA 26 ottobre 2015

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DELIBERA 26 ottobre 2015 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DELIBERA 26 ottobre 2015 Determinazione delle quote che le imprese iscritte all'albo degli autotrasportatori alla data del 31 dicembre 2015 devono corrispondere,

Dettagli

Novità in materia di responsabilità solidale committente appaltatore subappaltatore in ambito fiscale (D.l. 83/2012)

Novità in materia di responsabilità solidale committente appaltatore subappaltatore in ambito fiscale (D.l. 83/2012) Novità in materia di responsabilità solidale committente appaltatore subappaltatore in ambito fiscale (D.l. 83/2012) Avv. Lucia Secchiaroli lucia.secchiaroli@studiopirola.com Novità normative Art. 13 ter

Dettagli

NOLEGGIO CON CONDUCENTE (NCC) Tutte le regole per autovetture, autobus e taxi a cura di Franco Medri*

NOLEGGIO CON CONDUCENTE (NCC) Tutte le regole per autovetture, autobus e taxi a cura di Franco Medri* NOLEGGIO CON CONDUCENTE (NCC) Tutte le regole per autovetture, autobus e taxi a cura di Franco Medri* Premessa: le parti evidenziate in rosso non sono ancora entrate in vigore se non dopo la pubblicazione

Dettagli

Principale Normativa Nazionale IN MATERIA DI SICUREZZA A PARTIRE DALL ENTRATA IN VIGORE DEL 626/94 omogeneizzata con la normativa 494/96

Principale Normativa Nazionale IN MATERIA DI SICUREZZA A PARTIRE DALL ENTRATA IN VIGORE DEL 626/94 omogeneizzata con la normativa 494/96 Circ.Min.Lav.Prev. N. 30 del 03/11/2006 Art. 36-quater, D. Leg.vo n. 626/94 e successive modifiche e integrazioni - Obblighi del datore di lavoro relativi all impiego dei ponteggi - Chiarimenti concernenti

Dettagli

di concerto con VISTA la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante "Disciplina della subfornitura nelle attività produttive"

di concerto con VISTA la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante Disciplina della subfornitura nelle attività produttive Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

LA DISCIPLINA DETTATA DALL ART. 62 DELLA L. 24/03/2012 N. 27

LA DISCIPLINA DETTATA DALL ART. 62 DELLA L. 24/03/2012 N. 27 Forlì, 04 aprile 2013 Prot. n. 56/2013 LA DISCIPLINA DETTATA DALL ART. 62 DELLA L. 24/03/2012 N. 27 AMBITO DI APPLICAZIONE Le disposizioni di cui all art. 62 della legge 24/03/2012 n. 27 si applicano alle

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Trasporti e Attività Produttive

PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Trasporti e Attività Produttive PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Trasporti e Attività Produttive BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE ALL ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITÀ PROFESSIONALE PER L ACCESSO ALLA

Dettagli

c) risiedere nella circoscrizione della camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura nel cui ruolo intendono iscriversi;

c) risiedere nella circoscrizione della camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura nel cui ruolo intendono iscriversi; L. 3 febbraio 1989, n. 39 (1). Modifiche ed integrazioni alla L. 21 marzo 1958, n. 253, concernente la disciplina della professione di mediatore. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 9 febbraio 1989, n. 33.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 119 /E

RISOLUZIONE N. 119 /E RISOLUZIONE N. 119 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 dicembre 2014 OGGETTO: Interpello ordinario, art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Tassazione decreto ingiuntivo con enunciazione di fideiussione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO NORME DI RIFERIMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO NORME DI RIFERIMENTO COMUNE di LARI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 02/04/2009 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA

Dettagli

CAMPO DI APPLICAZIONE

CAMPO DI APPLICAZIONE Campo di applicazione - CAMPO DI APPLICAZIONE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Articoli da 1742 a 1752 del Codice civile; Legge 3 maggio 1985, n. 204 Disciplina dell attività di agente e rappresentante di commercio

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo Z2 : Domanda di certificazione attestante il possesso di requisiti per lavoro autonomo ai sensi dell'art. 26 T.U. Immigrazione e dell'art. 39, comma 9, del D.P.R. n. 394/99 e successive modifiche

Dettagli

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. di concerto con IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. di concerto con IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 20 maggio 2015 Revisione generale periodica delle macchine agricole ed operatrici, ai sensi degli articoli 111 e 114 del decreto legislativo 30 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE ART. 1 (Definizione di trasporto funebre) Per trasporto funebre si intende il

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO INTERMINISTERIALE 20 maggio 2015 (G.U. n. 149 del 30.6.2015)

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO INTERMINISTERIALE 20 maggio 2015 (G.U. n. 149 del 30.6.2015) MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO INTERMINISTERIALE 20 maggio 2015 (G.U. n. 149 del 30.6.2015) Revisione generale periodica delle macchine agricole ed operatrici, ai sensi degli articoli

Dettagli

SCHEDA DI TRASPORTO. Premessa. Contenuto della scheda di trasporto

SCHEDA DI TRASPORTO. Premessa. Contenuto della scheda di trasporto SCHEDA DI TRASPORTO Premessa Dal 19/07/2009 è entrato in vigore il D.M. 30/06/2009, pubblicato sulla G.U. n 153 del 04/07/2009, che ha istituito l obbligo della Scheda di trasporto. Sono obbligati alla

Dettagli

R.D. 8 ottobre 1931, n. 1604. Approvazione del testo unico delle leggi sulla pesca TITOLO 1. Norme per l'esercizio della pesca.

R.D. 8 ottobre 1931, n. 1604. Approvazione del testo unico delle leggi sulla pesca TITOLO 1. Norme per l'esercizio della pesca. R.D. 8 ottobre 1931, n. 1604. Approvazione del testo unico delle leggi sulla pesca (modificato con: L.16 marzo 1933 n. 260; R.D.L. 11 aprile 1938 n. 1183; L. 12 luglio 1938 n. 1487; L. 20 marzo 1940 n.

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO IMPOSTA DI BOLLO DOVUTA IN MISURA FISSA AUMENTO DAL 26 GIUGNO 2013 CLASFICAZIONE DT II.II. Imposta di bollo RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 7 bis, comma 3 DL 26.4.2013, n. 43 convertito in Legge

Dettagli

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE Eugenio Onori Presidente dell Albo Nazionale Gestori Ambientali Modifiche all art.212

Dettagli

Roma, 15 marzo 2007. Prot. n. 3498-2007/DPF/UFF. All Ufficio XY. Oggetto:

Roma, 15 marzo 2007. Prot. n. 3498-2007/DPF/UFF. All Ufficio XY. Oggetto: Roma, 15 marzo 2007 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento per le Politiche Fiscali Ufficio Federalismo Fiscale Reparto IV Prot. n. 3498-2007/DPF/UFF All Ufficio XY Oggetto: Legge 27 dicembre

Dettagli

ALLEGATO 2) CIG: Z5C0B3412A CUP: F79G13000370005

ALLEGATO 2) CIG: Z5C0B3412A CUP: F79G13000370005 ALLEGATO 2) DICHIARAZIONI PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO PER L'APPALTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO PER GLI STUDENTI PENDOLARI RESIDENTI NEL COMUNE DI

Dettagli

Istruzioni fornite al vettore dai soggetti facenti parte della filiera

Istruzioni fornite al vettore dai soggetti facenti parte della filiera FITA Unione Nazionale Imprese di Trasporto Sede Provinciale 27100 PAVIA Viale Montegrappa 15 Tel (0382) 433111 Fax (0382) 578504 E Mail : m.carvani@cnapavia.it OGGETTO: Scheda di Trasporto DM 30.06.2009

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione auto in comodato. L'obbligo di aggiornamento della carta di circolazione. Gentile Cliente,

OGGETTO: Comunicazione auto in comodato. L'obbligo di aggiornamento della carta di circolazione. Gentile Cliente, OGGETTO: Comunicazione auto in comodato Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto che a partire dal prossimo 3 novembre 2014, ci saranno

Dettagli

Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione dei prodotti agricoli e agroalimentari

Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione dei prodotti agricoli e agroalimentari Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione dei prodotti agricoli e agroalimentari Art. 62 del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo

Dettagli