Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie"

Transcript

1 Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo stradale Gallerie Soprastrutture Materiali e miscele stradali Sovrastrutture stradali Cenni di calcolo delle sovrastrutture Sovrastruttura ferroviaria Impianti stradali Aree di sosta

2 Dimensionamento della sovrastruttura (1) Progettare una sovrastruttura stradale (pavimentazione) significa dimensionare i suoi elementi (strati) e definire le caratteristiche dei materiali componenti con l obiettivo di ottenere una certa durata nel tempo. In particolare: La sua vita utile è intesa come il numero di anni durante il quale la pavimentazione deve assicurare, attraverso normali opere di manutenzione, condizioni di funzionalità superiori allo stato limite (livello minimo di funzionalità al di sotto del quale è necessario intervenire). La sua affidabilità invece è la probabilità che essa sia in grado di assicurare, con normali operazioni di manutenzione, condizioni di circolazione superiori allo stato limite, per l intera l durata della sua vita utile. Il progetto di una sovrastruttura si effettua assegnando numero e spessori degli strati,, le caratteristiche dei materiali e verificando che tale configurazione, sottoposta alle azione del traffico e degli agenti atmosferici, soddisfi gli obiettivi specifici (vita utile e affidabilità). E quindi un problema di verifica e gli approcci progettuali (metodi) disponibili sono di tipo empirico, razionale o a mezzo cataloghi di sovrastrutture. (1) R, Di Martini - P. Giannattasio - V. Nicolosi, La sovrastruttura per strade e aeroporti In Manuale di Ingegneria Civile Volume 3, Zanichelli/ESAC, Bologna, 1996.

3 Carichi e traffico I carichi per le pavimentazioni sono costituiti dai veicoli transitanti che con il loro passaggio esercitano delle pressioni sull area di contatto (tra pneumatico e superficie pavimentata). L area L di contatto A è funzione della pressione di gonfiaggio del pneumatico p e del carico gravante su quest ultimo ultimo P.. Per l equilibrio l della ruota deve valere l equivalenza: l A = P / p. In figura 1 sono riportate rispettivamente l area l d impronta approssimata e le aree d impronta d equivalenti (rettangolare e circolare). Il tipo di traffico considerato è quello dei veicoli commerciali con massa lorda (massa veicolo + massa trasportata) superiore alle 3 t, composto da diverse tipologie veicolari così come riportato in figura 2. Il numero totale di passaggi di ciascuna categoria veicolare V k durante la vita utile, viene valutato in base al volume ed alla composizione del traffico transitante nonché alla sua distribuzione nei due sensi di marcia e nelle varie corsie presenti: N V k = (1 + G) j-1 x p k / 100 x V g x D x C x 365 j=1 Progetto di Infrastrutture viarie dove: N è la vita utile espressa in anni, G è il prevedibile tasso d incremento d annuo del traffico, p k è la percentuale di veicoli k-esimi k rispetto al volume di traffico commerciale, V g è il volume del traffico commerciale, D è il fattore di distribuzione direzionale (per traffico equamente distribuito 0,5), C è il fattore di distribuzione per corsia (% di veicoli presenti sulla corsia più lenta), 365 è il numero di giorni in un anno.

4 Aree d impronta d approssimata e equivalenti

5 Composizione del traffico commerciale

6 Asse standard Nelle pavimentazioni stradati flessibili è verosimile supporre che il regime di sollecitazione prodotto da un asse di un veicolo non risenta delle le azioni esercitate dagli altri assi dello stesso veicolo che si trovano ad una distanza maggiore di 2 m. Pertanto si può considerare un numero limitato di classi di assi caratterizzati dalla loro tipologia: assi singoli (S), tandem (T) o tridem (TR) ed il carico da loro trasmesso globalmente (generalmente distano tra loro di circa cm). Il numero di passaggi di ciascuna delle classi di assi individuate n i viene valutato con la seguente relazione: n i = (V k x m ik ) k dove: V k è in numero di veicoli della tipologia k-esima, k m ik è il numero di assi dell i- esima classe presenti nel veicolo della tipologia k-esima k e k sono le tipologie di veicoli di cui è composto il traffico commerciale transitante. Introducendo un ulteriore ulteriore approssimazione, in alcuni casi, si fa riferimento al numero di passaggi di una sola classe di asse n s, detto asse standard (equivalente all intero traffico commerciale transitante), ai fini della perdita di funzionalit ionalità indotta nella sovrastruttura. Attraverso un coefficiente d equivalenzad (tra le classi di assi presenti e l asse l standard) si ottiene un omogeneizzazione, per cui : n s = (n i x e i ),, dove: i sono le classi di assi, n i è il numero di passaggi per la classe i-esima i e e i è il coefficiente d equivalenza d tra assi standard e assi della i-esima i classe. i

7 Portanza del sottofondo Il sottofondo è la porzione di ammasso terroso sottostante la pavimentazione stradale, nel quale i carichi trasmessi dai veicoli producono una a variazione apprezzabile dello stato tensionale e deformativo. La capacità portante è la resistenza che i sottofondi presentano nei confronti delle deformazioni e quindi deve essere in grado di: garantire un adeguata azione di sostentamento della pavimentazione, assicurare l assenza l di cedimenti permanenti di entità tale da compromettere l integrità e la funzionalità della pavimentazione. consentire, in fase costruttiva, il passaggio dei mezzi di cantiere ed il costipamento degli strati sovrastanti. A seconda del tipo di pavimentazione e del metodo di calcolo che si intende adoperare, la portanza viene caratterizzata mediante uno o più parametri come riportato in figura 3. In figura 4 invece sono riportate le relazioni (di larga approssimazione) tra i parametri maggiormente utilizzati per la valutazione della capacità portante dei sottofondi. La capacità portante del sottofondo di una sovrastruttura stradale di solito o si presenta variabile, sia lungo lo sviluppo dell asse stradale, sia nel tempo, a causa delle variazioni geologiche, dello stato di addensamento e dell umidit umidità del terreno e dei fattori climatici. Pertanto è necessario operare una scelta del valore (o valori in caso di variabilità stagionale) da considerare nella progettazione.

8 Capacità portante dei sottofondi: parametri utilizzati

9 Relazioni tra i parametri utilizzati

10 Condizioni climatiche Le condizioni climatiche influenzano il regime di sollecitazione che si ha nelle pavimentazioni stradali in quanto: la portanza del sottofondo è modificata dalle precipitazioni meteoriche e dai cicli di gelo e disgelo, influenzano le caratteristiche dei materiali (per effetto delle e temperature sui diversi strati). inducendo variazioni termiche e quindi sollecitazioni. Il primo aspetto influenzerà la scelta di valori di portanza del sottofondo funzione della stagione dell anno, gli altri invece riguarderanno gli strati della pavimentazione. ione. Il regime termico che s instaura s infatti nella sovrastruttura dipende, sia da scambi di calore per conduzione tra strati della pavimentazione e sottofondo,, sia da scambi di calore per convezione ed irraggiamento con l ambiente l esterno.. Gli scambi di calore con l ambiente l esterno, a loro volta, dipendono dai fattori climatici quali la temperatura dell aria T a, dalla velocità del vento V e dall intensit intensità dell irraggiamento solare I r. In figura 5 vengono forniti alcuni dati climatologici per il territorio t italiano. In letteratura esistono diversi metodi di valutazione dell andamento delle temperature nelle pavimentazioni. Di seguito si riporta un espressione, valida per pavimentazioni flessibili e semirigide (formula di Marchionna) e sintesi di interpretazioni sperimentali: T pav (z) = (1, ,043 z )+ (1,362-0,005 z) T am, con am temperatura media mensile o stagionale dell aria ( C).( T am Progetto di Infrastrutture viarie

11 Dati climatologici per il territorio italiano

12 Caratteristiche dei materiali 1 I metodi per la verifica ed il proporzionamento delle pavimentazioni ioni stradali richiedono la conoscenza delle proprietà dei diversi materiali utilizzati per il confezionamento dei diversi elementi (strati e piastre). In figura 6 sono riportati i parametri richiesti e caratterizzanti le diverse pavimentazioni. Tra questi: Modulo di elasticità e rapporto di Poisson: Per gli strati costituiti da conglomerati bituminosi si fa riferimento al modulo complesso ed al rapporto complesso di Poisson.. Per gli strati in misti cementati in figura 7 si riportano alcuni valori indicativi del modulo di elasticit sticità E s e si ricorda che il rapporto di Poisson può essere assunto paria a circa 0,25. Il modulo elastico di progetto delle pavimentazioni rigide (piastre), in mancanza di misure m dirette (norma UNI 6556/1976), si può valutare, in funzione della resistenza cubica caratteristica R ck, con la seguente relazione: E = C (R ck ) 1/2 [MPa] o [N/mm 2 ], dove C= 5700 (norme italiane: DM 9/1/1996) e per i calcestruzzi il rapporto di Poisson può essere assunto pari a 0,15-0,20. 0,20. Per gli strati in misto granulare non legati si fa generalmente riferimento al modulo resiliente M r (tensione applicata/deformazione restituita) o al modulo di reazione K al di sopra dello strato di fondazione. In generale gli M r sono compresi tra 50 e 210 Mpa per i misti naturali e tra 55 e 4204 Mpa per i misti granulari di frantumazione e per pavimentazioni stradali è bene utilizzare K inferiori a 120 Mpa/m. Il rapporto di Poisson per misti m granulari assume in genere valori compresi tra 0,2 e 0,5.

13 Parametri caratteristici delle pavimentazioni stradali

14 Valori indicativi del E s per misti cementati

15 Caratteristiche dei materiali 2 Resistenza alla fatica: Tale parametro di resistenza è utilizzato, nel dimensionamento delle pavimentazioni stradali con i metodi razionali, per valutare il danno prodotto dal ripetersi delle sollecitazioni (tensioni e deformazioni) causate dal passaggio dei d veicoli. E E possibile, attraverso leggi di fatica, rappresentare il legame esistente tra il valore della massima deformazione, o tensione, e il numero di ripetizioni della stessa a che produce la fessurazione. Tali relazioni possono essere determinate o sperimentalmente (sottoponendo il materiale a prove di laboratorio) o facendo ricorso a metodi previsionali. Per i conglomerati bituminosi Verstraeeten propone una legge di fatica di tipo previsionale in cui il numero di ripetizioni che producono l innesco l della fessurazione N I dipende dalla deformazione di trazione massima che si verifica nello strato ε x, dalla percentuale di bitume V b, dalla percentuale in volume dei vuoti V v e da un coefficiente Γ che dipendente dal tipo di bitume usato (1,25 per i bitumi di più largo impiego in Italia) e la cui espressione è: log N I = [ log (Γ( x V b / V b + V v ) log ε x ]. Analogamente per i misti granulari con leganti idraulici: log N = β(1- σ/r f ),, dove σ è la tensione massima di trazione che produce la fessurazione dopo un numero N di ripetizioni di carico, R f è la resistenza media alla rottura a flessione dopo 90 giorni di maturazione e β è un parametro che dipende dal tipo e composizione della miscela (per misto cementato: 12). Per conglomerati cementizi: log N = f 1-17,61(σ/R TF ), f 1 è un coefficiente di affidabilità e R TF è la tensione di rottura a flessione (al 1 1 ciclo).

16 Caratteristiche dei materiali 3 Resistenza alle deformazioni permanenti: Per i conglomerati bituminosi tale resistenza è espressa da relazioni (grafiche o analitiche) che legano il numero di ripetizioni di un determinato stato tensionale alla deformazione specifica irreversibile che esso produce. Tali relazioni si ottengono dai risultati delle prove di Creep Dinamico e vengono utilizzate nei metodi razionali di progetto delle pavimentazioni, per valutare l entitl entità delle irregolarità superficiali generate dall accumulo accumulo delle deformazioni permanenti (ormaie). Il valore della deformazione specifica permanente dipende, per ciascuna specifica miscela, oltre che dall entit entità,, dalla frequenza e dal numero di ripetizioni dello stato tensionale, nale, anche dalla temperatura. Il CRR (Centre( de Recherches Routiers) ) propone, a livello previsionale, la seguente espressione: ε p = A (N / f x 10 3 ) B, dove ε p è la deformazione specifica permanente dopo N cicli di carico, f è la frequenza della sollecitazione [Hz], B è un coefficiente dipendente dalle caratteristiche della miscela (varia tra 0.14 e 0,35, normalmente 0,25), A = H (σ( 1 - σ 3 ) / E* con H dato da: V L / (V L + V v ) e generalmente pari a 115, σ 1 tensione verticale, σ 3 tensione orizzontale media di confinamento e E* è il valore assoluto del modulo complesso del conglomerato bituminoso (per date condizioni di temperatura e di frequenza). Le deformazioni permanenti che si hanno negli strati delle pavimentazioni costituiti da misto granulare non legato di solito vengono trascurate, anche se in alcuni a casi il loro ordine di grandezza è paragonabile a quelle che hanno luogo negli strati in conglomerato bituminoso. A questo proposito si propone l espressione l di Descornet: ε p (N) = ε p (1) x N α, dove ε p (N) e ε p (1) sono le deformazioni permanenti dopo N e 1 ciclo di carico e α = S (ε( r / σ 3 ) con ε r deformazione verticale reversibile, σ 3 tensione orizzontale di confinamento, S costante funzione del tipo di materiale (40 per misti granulari e 60 per ghiaia naturale). E opportuno ricordare che anche nei sottofondi possono esistere deformazioni d permanenti.

17 Caratteristiche dei materiali 4 Resistenza a rottura: Indica la qualità dei materiali nei metodi empirici di progetto delle pavimentazioni ed attraverso i suoi valori è possibile prevedere, per alcune tipologie di materiali, i valori assunti dal modulo di elasticità. Nei conglomerati bituminosi la resistenza a rottura viene misurata o con prove a trazione indiretta o con prove convenzionali (Marshall( Marshall). Nei conglomerati cementizi la resistenza a rottura viene misurata attraverso prove di compressione semplice (solo per la classificazione), prove di flessione e prove a trazione indiretta (dette prove brasiliane). Il rapporto tra la resistenza alla trazione indiretta σ TI e la resistenza alla flessione σ TF assume indicativamente il valore di 0,86. Valori approssimati della resistenza media alla trazione per flessione possono ricavarsi dalla resistenza alla compressione caratteristica su provini p cubici con la relazione (DM 9/1/1996): R TF = (R ck2 ) 1/3 [Mpa]. Nelle miscele legate con leganti idraulici,, la resistenza a rottura in Italia è misurata con prove di compressione semplice o di trazione indiretta; per i misti cementati il rapporto tra la resistenza alla trazione per flessione e quella indiretta vale circa 1,1. Nei misti granulari non legati in Italia vi è la consuetudine di valutarne la resistenza a rottura attraverso la prova convenzionale CBR.

18 Caratteristiche dei materiali 5 Parametri termoigrometrici: I coefficienti di dilatazione o contrazione dei conglomerati cementizi per effetti termici ed igrometrici (ritiro) sono utilizzati nella progettazione one razionale delle pavimentazioni rigide per valutare le sollecitazioni indotte dalle le distorsioni che si verificano nelle piastre di calcestruzzo a causa delle variazioni i di temperatura (uniformi e/o variabili con la profondità) ) e della stagionatura. Il coefficiente di dilatazione termica dei calcestruzzi dipende sostanzialmente dal tipo di aggregati che lo compongono. In figura 8 sono riportati, per alcuni tipi di aggregato, i valori del coefficiente di dilatazione termica. Il ritiro dei conglomerati cementizi dipende dalla maturazione della pasta a di cemento per cui la sua entità è influenzata dal rapporto acqua / cemento, mentre la sua evoluzione nel tempo dipende dalla superficie specifica esposta (superficie esposta / volume totale) e dalle condizioni climatiche del sito (temperatura ed umidità dell aria). In figura 9 vengono riportati i valori approssimati della deformazione specifica ε r da ritiro per i conglomerati cementizi dopo 28 giorni di maturazione al variare della resistenza alla trazione indiretta Rti forniti dall AASHTO in quanto la resistenza a rottura per trazione indiretta é anch essa influenzata dal rapporto acqua / cemento.

19 Valori del coefficiente di dilatazione termica e valori approssimati di ε r al variare di R ti

20 Metodi di dimensionamento L approccio empirico utilizza, nella definizione degli elementi della sovrastruttura in progetto, i risultati derivanti da esperienze su circuiti di prova o in strade in esercizio di cui, attraverso metodi statistici, si individuano le relazioni i tra numero di veicoli (assi) transitati, caratteristiche strutturali della pavimentazione (qualità dei materiali, spessore degli strati, ecc.), portanza del sottofondo e decadimento delle qualità funzionali (regolarità,, aderenza, ecc.) esistenti. Con l approccio razionale si costruisce un modello della pavimentazione in grado di riprodurre nel miglior modo possibile il funzionamento meccanico delle struttura che viene utilizzato per determinare lo stato tensionale e deformativo nei diversi strati e nel terreno di sottofondo. Tensioni e deformazioni trovate permettono poi, sulla base delle leggi che descrivono il comportamento dei materiali, di effettuare fettuare la verifica della sovrastruttura. Un ausilio alla progettazione delle nuove sovrastrutture stradali è fornito anche dai Cataloghi delle pavimentazioni che suggeriscono un ventaglio di soluzioni progettuali in funzione di un numero limitato di parametri iniziali. Il Catalogo italiano delle Pavimentazioni Stradali, come quelli di altri paesi, è uno strumento d uso d immediato, i dati d ingresso d necessari infatti riguardano: la tipologia della strada (si fa riferimento alla classificazione funzionale del CdS), la portanza del sottofondo (presenta valori di buona, media e scarsa portanza), l entitl entità del traffico pesante: : sono considerati 6 livelli di traffico. In figura 10 è riportata la scheda del catalogo per una strada extraurbana secondaria F.

21 Scheda Catalogo n. 4F - Strade extraurbane secondarie

22 Dimensionamento delle pavimentazioni flessibili e semirigide L approccio razionale delle pavimentazioni flessibili e semirigide prevede: a) Si devono determinare per i periodi climatici uniformi le temperature medie,, diurne e notturne, degli strati di della sovrastruttura (o per approssimazione giornaliere), b) Nota la velocità media di percorrenza dell infrastruttura viaria, si valuta la frequenza della sollecitazione indotta nei vari strati, c) In base alla frequenza della sollecitazione ed alle temperature che si verificano, si calcolano, per ciascun periodo temporale individuato (ad esempio: : inverno/notte), le caratteristiche pseudo-elastiche elastiche (modulo complesso d elasticitd elasticità e rapporto complesso di Poisson) degli strati costituiti da miscele legate con bitume e si valutano le caratteristiche elastiche degli strati composti da altre miscele (le cui proprietà non variano con la temperatura e la frequenza), d) Attraverso indagini di traffico s individuano s le tipologie di assi transitanti e per ciascuna di esse le aree d impronta d dei pneumatici e la pressione di contatto, e) Noti carichi e caratteristiche dei materiali, si effettua l analisi in campo elastico della sovrastruttura attraverso i metodi di calcolo strutturale (multistrato elastico o o elementi finiti) per ciascuna delle tipologie di assi transitanti (maggior approssimazione) o per l asse l standard (minor approssimazione). Noto lo stato tensionale e deformativo, si effettuano le verifiche di funzionalità (per fenomeni di fatica e per per effetto delle deformazioni permanenti). In figura 11 è raffigurato il diagramma di flusso per il dimensionamento delle pavimentazioni flessibili e semirigide.

23 Diagramma di flusso per il dimensionamento delle pavimentazioni flessibili e semirigide

24 Dimensionamento delle pavimentazioni rigide Il progetto delle pavimentazioni rigide, sia con giunti che con armatura continua, si presenta più complesso in quanto è necessario definire un numero maggiore di elementi come risulta dal quadro sinottico riportato in figura 12 e relativo alle pavimentazioni rigide con giunti (PRG) e alle pavimentazioni rigide ad armatura continua (PRAC). Nel calcolo razionale delle pavimentazioni rigide con giunti si procede alle seguenti verifiche: 1) verifica dello spessore della piastra e delle sue dimensioni (distanza tra giunti di contrazione trasversali e longitudinali) in relazione ai fenomeni di rottura,, per fatica o per superamento della resistenza limite del materiale, indotti dalle azioni congiunte dei carichi (traffico e peso proprio) e delle variazioni termiche (uniformi e gradienti); 2) verifica dei giunti di contrazione trasversali (distanziamento giunti, distanziamento e diametro delle barre di compartecipazione) al fine di garantire la ripartizione delle azioni tra le piastre e di evitare fenomeni di erosione e di rottura del calcestruzzo; 3) verifica dei giunti di contrazione longitudinali (dimensionamento e diametro dei ferri di legatura) al fine di garantire la trasmissione degli sforzi tra t le piastre contigue (compartecipazione). Nel calcolo razionale delle pavimentazioni rigide ad armatura continua si procede invece alla: 1) verifica dello spessore della piastra in relazione ai fenomeni a rottura, per fatica o per superamento della resistenza limite del materiale, indotti dalle azioni congiunte dei carichi (traffico e peso proprio) e delle variazioni termiche (uniformi e gradienti); 2) verifica dell entit entità dell armatura longitudinale da inserire nella pavimentazione per controllare il distanziamento e l apertura l delle fessure e garantire quindi le dimensioni in pianta delle piastre e la compartecipazione one tra le stesse. Nelle figure successive 13, 14 e 15 sono rispettivamente riportate: te: Rappresentazione degli effetti prodotti da gradienti di temperatura, Posizioni tipiche di un asse se singolo per le verifiche, Schema di piastra in corrispondenza di un giunto.

25 Verifiche delle pavimentazioni rigide

26 Rappresentazione degli effetti prodotti da gradienti di temperatura

27 Posizione tipica di un asse singolo per le verifiche

28 Schema di piastra in corrispondenza di un giunto.

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

Comune di SELARGIUS. Provincia di CAGLIARI. Relazione geotecnica

Comune di SELARGIUS. Provincia di CAGLIARI. Relazione geotecnica Comune di SELARGIUS Provincia di CAGLIARI Relazione geotecnica OGGETTO: OPERE DI INFRASTRUTTURAZIONE RURALE. LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE RURALI BIA E MESU E SESTU SETTIMO COMMITTENTE: Comune

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

SCELTA E DIMENSIONAMENTO DELLA SOVRASTRUTTURA

SCELTA E DIMENSIONAMENTO DELLA SOVRASTRUTTURA PREMESSA La presente relazione riguarda il dimensionamento della sovrastruttura che andrà a costituire la pavimentazione del piazzale da adibire a deposito dei mezzi ARST. S.p.A da realizzare nella zona

Dettagli

INTRODUZIONE 3 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO ATTUALE 3 TRAFFICO 3 FATTORI DI DIMENSIONAMENTO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI 4

INTRODUZIONE 3 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO ATTUALE 3 TRAFFICO 3 FATTORI DI DIMENSIONAMENTO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI 4 INTRODUZIONE 3 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO ATTUALE 3 TRAFFICO 3 FATTORI DI DIMENSIONAMENTO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI 4 TRAFFICO DI PROGETTO 4 LE CONDIZIONI CLIMATICHE 5 IL SOTTOFONDO 5 CALCOLO DELLA

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Università Univ degli Studi di ersità Cagliari Organizzazione delle attività didattiche

Università Univ degli Studi di ersità Cagliari Organizzazione delle attività didattiche Organizzazione delle attività didattiche L attività didattica si svolge in 5 ore settimanali dedicate alle lezioni in aula, alle esercitazioni in laboratorio e alle escursioni presso cantieri di costruzioni.

Dettagli

ASPETTI INNOVATIVI DI RECENTI INTERVENTI SU INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI

ASPETTI INNOVATIVI DI RECENTI INTERVENTI SU INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI 7 CONVEGNO ORGANIZZATO DALL OSSERVATORIO SULLE ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE DEGLI AEROPORTI ASPETTI INNOVATIVI DI RECENTI INTERVENTI SU INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI PROF. ING. MAURIZIO CRISPINO Professore Ordinario

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DELLE PAVIMENTAZIONI FLESSIBILI STRADALI SECONDO IL METODO AASHTO

DIMENSIONAMENTO DELLE PAVIMENTAZIONI FLESSIBILI STRADALI SECONDO IL METODO AASHTO DIMENSIONAMENTO DELLE PAVIMENTAZIONI FLESSIBILI STRADALI SECONDO IL METODO AASHTO Il metodo è applicabile, a rigore, in condizioni simili a quelle della sperimentazione (traffico, materiali, temperature,

Dettagli

Macrorinforzo delle pavimentazioni flessibili con GEOSINTETICI

Macrorinforzo delle pavimentazioni flessibili con GEOSINTETICI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria DCT ICAR/04 STRADE, FERROVIE, AEROPORTI Macrorinforzo delle pavimentazioni flessibili con GEOSINTETICI Ing. Nicola Baldo e-mail: nicola.baldo@unipd.it

Dettagli

Il calcolo delle pavimentazioni stradali ha originato una molteplicità di metodi che possono essere raggruppati in:

Il calcolo delle pavimentazioni stradali ha originato una molteplicità di metodi che possono essere raggruppati in: 1. Metodi e fattori del dimensionamento 2. Il traffico come elemento di progetto 3. Influenza della temperatura 4. Il Catalogo Italiano delle Pavimentazioni Stradali 5. Il metodo di Ivanov o della massima

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784 05 04 03 02 01 08.11.2010 VARIANTE 1 00 14.03.2009 Prima emissione Rev. DATA: Motivo Il Direttore dei Lavori Piano di Lottizzazione UTOE Pontedera Est Comparto 12 OPERE DI URBANIZZAZIONE PONTEDERA PI Loc.tà

Dettagli

Materiali e tecnologie per il ripristino stradale 8 luglio 2009

Materiali e tecnologie per il ripristino stradale 8 luglio 2009 IEEE Giornata di studio su: Tecniche impiantistiche e tecnologie ottiche per l accesso di nuova generazione Materiali e tecnologie per il ripristino stradale 8 luglio 2009 Maurizio Crispino Maurizio Crispino

Dettagli

Formazione del corpo stradale e sottofondo I sottofondi

Formazione del corpo stradale e sottofondo I sottofondi Formazione del corpo stradale e sottofondo I sottofondi Corso di Costruzioni di strade Prof. Maurizio Bocci Dipartimento di Idraulica, Strade, Ambiente e Chimica Collaboratori: Ing. Andrea Graziani, a.graziani@univpm.it

Dettagli

Progetto di una sovrastruttura stradale di tipo flessibile

Progetto di una sovrastruttura stradale di tipo flessibile Progetto delle Sovrastrutture Viarie Progetto di una sovrastruttura stradale di tipo flessibile Prof. Ing. Pietro Giannattasio Prof. Ing. Vittorio Nicolosi ALLIEVO/A: Relazione SOMMARIO 2. DATI INIZIALI...

Dettagli

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice Anno XIII - Numero 45-2009 Silvia Collepardi e Roberto Troli Enco srl, Ponzano Veneto (TV) - info@encosrl.it 1. PREMESSA Esistono fondamentalmente

Dettagli

TECNICA DELLE COSTRUZIONI: PROGETTO DI STRUTTURE LE FONDAZIONI

TECNICA DELLE COSTRUZIONI: PROGETTO DI STRUTTURE LE FONDAZIONI LE FONDAZIONI Generalità sulle fondazioni Fondazioni dirette Plinti isolati Trave rovescia Esecutivi di strutture di fondazione Generalità Le opere di fondazione hanno il compito di trasferire le sollecitazioni

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO 1 LEZIONE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO ARGOMENTI 1. Introduzione Presentazione del corso 2.

Dettagli

Università degli Studi di Parma Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile

Università degli Studi di Parma Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile Università degli Studi di Parma Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile Lezioni di PROGETTAZIONE AVANZATA DI INFRASTRUTTURE VIARIE (5CFU) Prof. Ing. Felice Giuliani LEZIONE

Dettagli

STABILIZZAZIONE DELLE TERRE A CALCE STUDIO DI LABORATORIO DELLA MISCELA TERRA CALCE

STABILIZZAZIONE DELLE TERRE A CALCE STUDIO DI LABORATORIO DELLA MISCELA TERRA CALCE STUDIO DI LABORATORIO DELLA MISCELA TERRA CALCE INTERAZIONE CALCE TERRENO L aggiunta di calce in un terreno argilloso provoca: 1) la sostituzione degli ioni Na2+, K+, H+ con ioni Ca2+ (scambio ionico);

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO (PROVINCIA DI MODENA) 41026 Pavullo n/f. - Piazza R. Montecuccoli, 1 AREA SERVIZI TECNICI - SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Tel. 0536/29932 - Fax. 0536/324307 OGGETTO D.L. 1010/48

Dettagli

Le soluzioni Recodi per la progettazione e la realizzazione di pavimentazioni in calcestruzzo ad alta resistenza. Pavimentazioni in calcestruzzo

Le soluzioni Recodi per la progettazione e la realizzazione di pavimentazioni in calcestruzzo ad alta resistenza. Pavimentazioni in calcestruzzo Le soluzioni Recodi per la progettazione e la realizzazione di pavimentazioni in calcestruzzo ad alta resistenza Pavimentazioni in calcestruzzo Sommario 04. Recodi, innovazione e qualità nelle pavimentazioni

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

Calcestruzzi Italcementi Group. Prescrizioni generali

Calcestruzzi Italcementi Group. Prescrizioni generali Calcestruzzi Italcementi Group Prescrizioni generali Calcestruzzi a prestazione specifici per pavimentazioni industriali durevoli Recentemente è stata pubblicata la norma UNI 11146-05, la quale stabilisce

Dettagli

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi SICUREZZA e FUNZIONALITÀ delle strutture in elevazione (edificio in c.a., rilevato, etc.) sono garantite anche da alcuni requisiti che il SISTEMA FONDALE deve rispettare. In particolare il carico trasmesso

Dettagli

Affidabilità del modello di Winkler

Affidabilità del modello di Winkler COMASTRI imp 14-09-2004 11:00 Pagina 50 Dal punto di vista fisico il mezzo alla Winkler può essere assimilato a un letto di molle elastiche mutuamente indipendenti, o meglio a un liquido di peso specifico

Dettagli

esercizio e le verifiche di durabilità.

esercizio e le verifiche di durabilità. Normativa: aspetti generali e di dettaglio FONDAZIONI PER EDIFICI Le scelte progettuali per le opere di fondazione devono essere effettuate t contestualmente e congruentemente con quelle delle strutture

Dettagli

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A.

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Paolo Varagnolo Giorgio Pilloni ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Ingegneri liberi professionisti Padova luglio 2010 ------------------------- Nella progettazione esecutiva

Dettagli

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI.

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. 4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. La tipologia è descritta in figura (pianta piano tipo). In figura sono anche evidenziati

Dettagli

COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo

COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo DICEA Dipartimento di Ingegneria Mantova Civile, 17 aprile Edile 2015 e Architettura COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo Prof. Ing.Maurizio Bocci Università

Dettagli

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 I SISTEMI DI CONNESSIONE Tipologie di connettori Calcolo della sollecitazione nei connettori Connettori a totale ripristino di resistenza Connettori a parziale ripristino

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione ROMANE 28-02-2007 16:20 Pagina VII Prefazione Presentazione XIII XVIII Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1 1.2 Leganti aerei e idraulici 2 1.3 Il gesso

Dettagli

Normative di riferimento

Normative di riferimento Aztec Informatica CARL 9.0 Relazione di calcolo 1 RELAZIONE DI CALCOLO GEOTECNICO Normative di riferimento - Legge nr. 1086 del 05/11/1971. Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio,

Dettagli

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti TRASMISSIONE AD INGRANAGGI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti GEOMETRIA DELLE RUOTE DENTATE La geometria delle ruote dentate si fonda sul modulo, m, dato da Dal modulo dipendono

Dettagli

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1.2 Leganti aerei e idraulici 1.3 Il gesso 1.4 La calce aerea 1.5 Le calci idrauliche 1.6 Dalle calci idrauliche

Dettagli

IL NUOVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA COSTRUZIONE E MANUTENZIONE DELLE «STRADE VERDI»

IL NUOVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA COSTRUZIONE E MANUTENZIONE DELLE «STRADE VERDI» STRADE VERDI E AGGREGATI RICICLATI Il nuovo Capitolato per le Costruzioni Stradali 18 Aprile 2013 TORINO IL NUOVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA COSTRUZIONE E MANUTENZIONE DELLE «STRADE VERDI» Alessandro

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

SCORRIMENTO VISCOSO TEORIA E APPLICAZIONI. Scorimento Viscoso Costruzione di Macchine 3

SCORRIMENTO VISCOSO TEORIA E APPLICAZIONI. Scorimento Viscoso Costruzione di Macchine 3 SCORRIMENTO VISCOSO TEORIA E APPLICAZIONI 1 DEFINIZIONI Lo scorrimento viscoso o scorrimento plastico permanente (in inglese creep) è la deformazione permanente di un materiale sottoposto, ad alta temperatura,

Dettagli

2 CARATTERISTICHE ED AZIONI DEL TRAFFICO DA MONITORARE AI FINI DEL PROGETTO E DELLA MANUTENZIONE DELLE PAVIMENTAZIONI STRADALI

2 CARATTERISTICHE ED AZIONI DEL TRAFFICO DA MONITORARE AI FINI DEL PROGETTO E DELLA MANUTENZIONE DELLE PAVIMENTAZIONI STRADALI 2 CARATTERISTICHE ED AZIONI DEL TRAFFICO DA MONITORARE AI FINI DEL PROGETTO E DELLA MANUTENZIONE DELLE PAVIMENTAZIONI STRADALI Una completa definizione delle caratteristiche ed azioni del traffico da monitorare

Dettagli

RELAZIONE RISPOSTA A DOMANDA N. 2. Generalità. Fondazioni. Caratteristiche del terreno

RELAZIONE RISPOSTA A DOMANDA N. 2. Generalità. Fondazioni. Caratteristiche del terreno RISPOSTA A DOMANDA N. 2 RELAZIONE Generalità La presente relazione illustra gli aspetti geotecnici e delle fondazioni relativi alle strutture delle seguenti opere: EDIFICIO SERVIZI BUNKER PROTEXIMETRICO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

BOZZA. Materiale muratura e verifiche per carichi verticali. Luca Salvatori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Università di Firenze

BOZZA. Materiale muratura e verifiche per carichi verticali. Luca Salvatori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Università di Firenze BOZZA Materiale muratura e verifiche per carichi verticali Luca Salvatori Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Firenze Materiale Muratura 1 Il materiale muratura Materiale complesso

Dettagli

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE Prevenzione Incendi LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE COSTRUZIONI E DI CLASSIFICAZIONE AI FINI DELLA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE L APPROCCIO PRESTAZIONALE I REQUISITI DELLE

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni 1 Azioni sulle costruzioni Classificazione Un modello completo di una azione descrive diverse proprietà di una azione: intensità posizione direzione durata interazione

Dettagli

Riferimenti Lucio Amato Direzione Tecnica Alessandro Sorrentino Luciano Ardito. Clienti Ingegneri, architetti, geometri, CTU

Riferimenti Lucio Amato Direzione Tecnica Alessandro Sorrentino Luciano Ardito. Clienti Ingegneri, architetti, geometri, CTU TECNO IN GEOSOLUTIONS - CASE HISTOY TECNO IN GEOSOLUTIONS - CASE HISTOY La valutazione della resistenza a compressione del calcestruzzo in opera: dalla resistenza del campione cilindrico prelevato mediante

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Prof. Giacomo Sacco LEZIONI SUL CEMENTO ARMATO Sforzo normale, Flessione e taglio CONCETTI FONDAMENTALI Il calcestruzzo ha una bassa resistenza

Dettagli

Giornate aicap 2014. Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA. Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari

Giornate aicap 2014. Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA. Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari Giornate aicap 2014 Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari 1 Percentuali dei volumi tra i vari costituenti del calcestruzzo

Dettagli

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Gianfranco Righetti ASSOUNISOL, VERONA 1 - unisol : caratteristiche e prestazioni 1.1 - Caratteristiche generali Il solaio unisol è formato

Dettagli

MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI

MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI COS E LA MARCATURA CE? La marcatura CE, é il principale indicatore della conformità di un prodotto alle normative UE e ne consente la libera commercializzazione entro

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

Pavimenti industriali in calcestruzzo senza rete metallica in assenza di stagionatura umida

Pavimenti industriali in calcestruzzo senza rete metallica in assenza di stagionatura umida Pavimenti industriali in calcestruzzo senza rete metallica in assenza di stagionatura umida Mario Collepardi, Silvia Collepardi, Jean Jacob Ogoumah Olagot, Roberto Troli Enco srl (info@encosrl.it) 1. INTRODUZIONE

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 45 I CALCESTRUZZI LEGGERI I calcestruzzi leggeri hanno massa volumica inferiore a 2000 kg/m 3, minore di quella dei calcestruzzi normali ( 2250-2400 Kg/m 3 ), per la presenza all interno del conglomerato

Dettagli

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA PROGRAMMA DEL CORSO Indagine Sclerometrica: determina la durezza

Dettagli

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti FONDAZIONI SU PALI Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti Si ricorre a fondazioni su pali quando:

Dettagli

La tecnologia FBG per il monitoraggio in ambito aeroportuale

La tecnologia FBG per il monitoraggio in ambito aeroportuale 9 CONVEGNO Aeroporti: esperienze operative e innovazioni tecnologiche 30 ottobre 2014 - Aeroporto Malpensa Nuove tecnologie per ambiente sicurezza e monitoraggio in aeroporto: La tecnologia FBG per il

Dettagli

Dimensionamento delle strutture

Dimensionamento delle strutture Dimensionamento delle strutture Prof. Fabio Fossati Department of Mechanics Politecnico di Milano Lo stato di tensione o di sforzo Allo scopo di caratterizzare in maniera puntuale la distribuzione delle

Dettagli

Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE. Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania

Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE. Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania Azioni variabili da traffico Azioni sugli impalcati Azioni variabili da traffico I carichi variabili da traffico

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

Parte I: Basi del progetto

Parte I: Basi del progetto XV XVII Introduzione Prefazione Parte I: Basi del progetto 3 CAP. 1 - LA CONCEZIONE STRUTTURALE 3 1.1 Carattere di una costruzione 5 1.2 La forma tecnica della costruzione in calcestruzzo armato 11 1.3

Dettagli

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio COPERTINA Prototipo di Relazione geotecnica di esempio GENERALITA RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI (NTC 2008 CAP. 6 e CIRCOLARE 617/2009 punto C6.2.2.5) OGGETTO COMUNE: Progetto di una struttura in

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. RICCARDO

Dettagli

4. Altre azioni. 4.1. Effetti della temperatura ( 3.5)

4. Altre azioni. 4.1. Effetti della temperatura ( 3.5) P 4. Altre azioni La versione 2014 delle NTC introduce, come già visto in precedenza, alcune novità a livello di azioni da considerare nella progettazione strutturale. In particolare son trattate in modo

Dettagli

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO CARATTERISTICHE TECNICHE: Solidone è un legante idraulico formulato con cementi speciali ad alta resistenza

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Il legno IL LEGNO COME MATERIALE STRUTTURALE (1) PREMESSA: Il legno è un materiale: - di origine biologica; - disponibile in natura in elementi

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Organi di propulsione e sostegno Prof. S. Pascuzzi 1 Organi di propulsione e sostegno Organi di propulsione

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno,

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno, Come indicato al Par. 4.4.14 del D.M. 14/01/2008, VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO ELEMENTI LIGNEI Le verifiche di resistenza al fuoco potranno eseguirsi con riferimento a UNI EN 1995-1-2, utilizzando i

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

Confronto economico-energetico tra i diversi tipi di pavimentazioni stradali

Confronto economico-energetico tra i diversi tipi di pavimentazioni stradali Confronto economico-energetico tra i diversi tipi di pavimentazioni stradali M.Coni,.Pinna,.Annunziata 1. Premessa La memoria nasce dall esigenza di meglio valutare il costo economico ed energetico delle

Dettagli

8.1. INCREMENTO DELLA DISTANZA TRA L'EDIFICIO E L'INFRASTRUTTURA

8.1. INCREMENTO DELLA DISTANZA TRA L'EDIFICIO E L'INFRASTRUTTURA 8. MISURE DI MITIGAZIONE I possibili interventi adottabili per la riduzione degli effetti delle vibrazioni sugli edifici e sulle attività umane possono essere schematicamente suddivisi in: Incremento della

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione Dall equazione alle

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI INDICE

Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI INDICE Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI Convenzione di ricerca con Fixolite-Isobloc Prove di laboratorio tipologia prova 3a - spess=14cm INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PROGRAMMA DI PROVA E DETTAGLI COSTRUTTIVI

Dettagli

Fondazione Geometri Ferraresi In collaborazione con Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Ferrara

Fondazione Geometri Ferraresi In collaborazione con Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Ferrara Fondazione Geometri Ferraresi In collaborazione con Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Ferrara CONVEGNO ROCCE E TERRE DA SCAVO E LA GESTIONE DEI RIFIUTI NELLE SEDI E NEI CANTIERI

Dettagli

VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A"

VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO A VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A" 1 VERIFICA PIASTRA FONDALE...3 VERIFICA RESTANTI OPERE IN C.A...9 VERIFICHE SLE...11 2 VERIFICA PIASTRA FONDALE Verifica a flessione Stati limiti La piastra fondale presenta

Dettagli

Giusto CEM II/B-LL 32,5 R

Giusto CEM II/B-LL 32,5 R Giusto CEM II/B-LL 32,5 R CEMENTO PER APPLICAZIONI STRUTTURALI Come si utilizza Giusto è un prodotto che si consiglia per la confezione di calcestruzzi con resistenza caratteristica inferiore a 30 C25/30

Dettagli

ALLEGATO A. RELAZIONE TECNICA Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

ALLEGATO A. RELAZIONE TECNICA Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia ALLEGATO A RELAZIONE TECNICA Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia 1 Prove sperimentali sull efficacia di supporti in polipropilene per piastrelle Nella presente relazione tecnica si riportano

Dettagli

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo

I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo I processi di tempra sono condotti sul manufatto finito per generare sforzi residui di compressione in superficie. Vengono sfruttate allo scopo diverse metodologie. 1 La tempra termica (o fisica) si basa

Dettagli

Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI

Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI B R E V E T TAT O Calcestruzzo drenante e fonoassorbente a elevate prestazioni, ideale per la realizzazione di pavimentazioni DrainBeton

Dettagli

SCHEDA TECNICA : GEOTESSILE

SCHEDA TECNICA : GEOTESSILE COMPOSIZIONE: Mix di fibre sintetiche in fiocco (Poliestere 100%). CARATTERISTICHE: Tessuto non tessuto calandrato e termofissato.esente da collanti o leganti chimici. Prodotto ecologico completamente

Dettagli

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE Pag. 1 di 1 PROVE SUL CALCESTRUZZO NELLE STRUTTURE CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE 1. Scopo La presente prova è specifica nel prelievo di carote di calcestruzzo indurito e contempla l esame,

Dettagli

COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE

COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE. Cedimenti nel caso di falda profonda e fondazione a p.c. 3 t δ 3 I cedimenti sono non lineari con il carico falda Al termine della fase di carico, i cedimenti sono trascurabili.

Dettagli

PROVE DI CARICO SU PIASTRA (Plate Load Test PLT)

PROVE DI CARICO SU PIASTRA (Plate Load Test PLT) Il progetto stradale principi e casi pratici 24 ottobre 2012 PROVE DI CARICO SU PIASTRA (Plate Load Test PLT) Dott. Geol. Diego Italiano Laboratorio ALTAIR s.r.l. 1 INDICE Introduzione Normativa Obiettivi

Dettagli

condizioni per la posa su massetto riscaldante

condizioni per la posa su massetto riscaldante condizioni per la posa su massetto riscaldante Parchettificio Toscano s.r.l. - 56024 Corazzano - S. Miniato (PI) Italia - Tel. (0039) 0571 46.29.26 Fax (0039) 0571 46.29.39 info@parchettificiotoscano.it

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

Dinamica del veicolo in moto aberrante

Dinamica del veicolo in moto aberrante II WORKSHOP Tecniche ed analisi scientifica per la ricostruzione dei sinistri stradali Dinamica del veicolo in moto aberrante Francesco Timpone Salone dei Quadri - Sessa Aurunca (CE) 05 dicembre 2013 Definizioni

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

INDICE. Un cls di qualità 1/6

INDICE. Un cls di qualità 1/6 INDICE,OFDOFHVWUX]]RIUHVFR 7UDVSRUWR /DYRUDELOLWj 0HVVDLQRSHUDSHUYLEUD]LRQH 6HJUHJD]LRQHHFRHVLRQH %OHHGLQJ GHOFOV 3RPSDJJLRGHOFOV 0L['HVLJQRSURSRU]LRQDPHQWR GHO FDOFHVWUX]]R 1 Un cls di qualità 1/6 I fenomeni

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 POSIZIONE DEL PROBLEMA... 2 3 SOLUZIONE PROPOSTA... 4 3.1 Tipologia speroni... 5 4 STIMA DEI COSTI... 6 5 ALLEGATI...

1 PREMESSA... 2 2 POSIZIONE DEL PROBLEMA... 2 3 SOLUZIONE PROPOSTA... 4 3.1 Tipologia speroni... 5 4 STIMA DEI COSTI... 6 5 ALLEGATI... Spett.le AOB2 S.r.l. Via XXV Aprile, 18 25038 Rovato (BS) OGGETTO: Stima di massima importo intervento di consolidamento vasche di ossidazione linea 2 impianto di depurazione di Chiari, in previsione di

Dettagli

Quadri fessurativi in situazioni particolari

Quadri fessurativi in situazioni particolari Seminario di Aggiornamento Professionale DIAGNOSI E MONITORAGGIO DEI DISSESTI DEGLI EDIFICI Matera 3 ottobre 2009 Quadri fessurativi in situazioni particolari Prof. Ing. Geol. Vincenzo Simeone Professore

Dettagli