CONTRATTO COLLETTIVO AZIENDALE PER IL PERSONALE INSEGNANTE ASSUNTO IN LOCO DELLA SCUOLA GERMANICA DI ROMA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRATTO COLLETTIVO AZIENDALE PER IL PERSONALE INSEGNANTE ASSUNTO IN LOCO DELLA SCUOLA GERMANICA DI ROMA 2003-2007"

Transcript

1 CONTRATTO COLLETTIVO AZIENDALE PER IL PERSONALE INSEGNANTE ASSUNTO IN LOCO DELLA SCUOLA GERMANICA DI ROMA /06/05 1 di 23

2 INDICE PREMESSA PARTE GENERALE...3 Art. 1. CLASSIFICAZIONE DEL PERSONALE...4 Art. 2. ASSUNZIONE E PERIODO DI PROVA...5 Art. 3. MANSIONI...6 Art. 4. ORARIO DI INSEGNAMENTO...6 Art. 5. TRATTAMENTO ECONOMICO...8 Art. 6. INCARICHI SPECIALI...10 Art. 7. SITUAZIONI PARTICOLARI...12 Art. 8. ESTENSIONE DELL'ORARIO INDIVIDUALE...13 Art. 9. VACANZE...14 Art. 10. ASPETTATIVA Art. 11. PERMESSI E ASSENZE...15 Art. 12. AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE...15 Art. 13. GITE SCOLASTICHE E VIAGGI DI STUDIO...16 Art. 14. VIAGGI DI SERVIZIO...16 Art. 15. LIBERTA DI INSEGNAMENTO...16 Art. 16. ATTIVITA SINDACALE...17 Art. 17 ASSISTENZA SINDACALE...18 Art. 18 DIRITTI DI INFORMAZIONE...18 Art. 19 DOVERI SPECIFICI DEGLI INSEGNANTI...19 Art. 20. NORME DISCIPLINARI...19 Art. 21. RISOLUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO...20 Art. 22 TRATTAMENTO DI MALATTIA...22 Art. 23 GRAVIDANZA E PUERPERIO...22 Art. 24 CONTRATTI A TERMINE...22 Art. 25. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO...23 Art. 26. DECORRENZA E DURATA DEL CONTRATTO...23 Firme /06/05 2 di 23

3 Il giorno 23 giugno 2005 presso la sede della Scuola Germanica di Roma: tra - L Associazione Scolastica Germanica di Roma, rappresentata dalla sig.ra Catrine Zintel Branco e dal sig. Stefan Michels ed assistita dall avv. Ferdinando Greco; e - la RSA FLC CGIL della Scuola Germanica nella persona della Prof.ssa Ivana Simonelli, in qualità di capo-delegazione, assistita dalla FLC CGIL Nazionale e di Roma e Lazio nelle persone di Massimo Mari e M. Grazia Orfei; - la RSA SIADAL (Sindacato Indipendente Aziendale Docenti assunti in loco), nella persona della Prof.ssa Claudia Profumo in qualità di capo-delegazione, assistita dall avv. Dario Guidi Federzoni; è sottoscritto il presente Contratto Collettivo Aziendale che sostituisce ad ogni effetto economico e normativo ogni accordo precedentemente vigente e che entrerà in vigore secondo le modalità indicate nell'art. 26 PREMESSA Il presente contratto costituisce un complesso unitario di norme, non scindibile né cumulabile con altri trattamenti nell'ambito dei singoli istituti, e ha lo scopo di regolare compiutamente il rapporto di lavoro tra l ASSOCIAZIONE SCOLASTICA GERMANICA DI ROMA e il personale docente assunto in loco (ORTSKRÄFTE). Questo contratto trova applicazione nel rispetto delle leggi vigenti della Repubblica Italiana. 1 PARTE GENERALE Sfera di Applicazione Il presente contratto si applica agli insegnanti ed al personale dell asilo assunti in loco. Definizioni di Assunti in loco (Ortskräfte) Si definiscono assunti in loco o anche Ortskräfte, ai fini del presente contratto, tutti gli insegnanti che non siano inviati dalla Zentralstelle für das Auslandsschulwesen o dalle competenti autorità della Repubblica d Austria e che non siano professori di ruolo italiani messi a disposizione nel quadro dell accordo italo-germanico per il riconoscimento delle Scuole Germaniche in Italia (legge n. 181, Gazzetta Ufficiale n. 151 dell ). Si definiscono, altresì, assunti in loco o Ortskräfte i componenti del personale dell asilo. 25/06/05 3 di 23

4 Art. 1. CLASSIFICAZIONE DEL PERSONALE 1.1 REQUISITI E CLASSIFICAZIONI I candidati all assunzione devono aver superato, di regola, entrambi gli esami per l insegnamento in un Land tedesco ovvero essere in possesso dei titoli corrispondenti di uno Stato il cui sistema di insegnamento sia simile a quello tedesco. I candidati per l insegnamento della lingua italiana devono essere in possesso, qualora l incarico si riferisca alle classi dal 5 al 13 anno, dei requisiti per l insegnamento indicati nell accordo italo-germanico (l , n. 181) per il riconoscimento di cui al punto sopra. 1.2 Il personale insegnante della Scuola Germanica è inquadrato come segue: Livello I A Insegnante di ginnasio con almeno 10 ore di insegnamento prestato nella Oberstufe e con 10 anni di servizio nel livello 1B Livello I B Livello II A Livello II B Livello III Livello IV Livello VII Livello VIII Insegnante con il 1. e 2. esame di stato tedesco per la Sekundarstufe 1 e 2 Insegnante con laurea ed abilitazione, relativamente alle materie insegnate, per la scuola media superiore Insegnante italiano con laurea ed abilitazione, relativamente alle materie insegnate, per la scuola media inferiore, che insegna nelle classi 5-10 Insegnante con 1. esame di stato tedesco nella Sekundarstufe 1 e 2 o con diploma equipollente Insegnante con 1. e 2. esame di stato tedesco per la Sekundarstufe 1 (Gymnasium, Hauptschule und Realschule), che insegna nelle classi 5-10 Insegnante italiano con laurea che insegna nella scuola elementare Insegnante con 1. e 2. esame di stato tedesco che insegna nella scuola elementare Insegnante con diploma o laurea per sport, religione, musica e arte figurativa (Fachlehrer) Maestra d asilo con diploma (Erzieherin) Aiuto maestra d asilo (Kindergartenhelferin). 1.3 Ai fini dell inquadramento iniziale del lavoratore si farà riferimento alla lettera di assunzione. 25/06/05 4 di 23

5 1.4 Fermo restando quanto stabilito dell art. 2103, 2 comma, C.C., in caso di svolgimento di attività didattiche in livelli diversi, la retribuzione ordinaria mensile di cui all art verrà calcolata secondo i seguenti criteri: a) l insegnante che svolga, oltre alle ore di lezione proprie del suo livello di inquadramento, anche ore di lezione proprie di un livello superiore, percepirà la retribuzione ordinaria proporzionata in quota alle ore di insegnamento in ciascun livello; b) qualora l insegnante svolga più del 50% delle ore di lezione di cui all art in un livello superiore a quello di appartenenza, percepirà integralmente la retribuzione ordinaria mensile propria di tale livello superiore; c) l insegnante che svolga, oltre alle ore di lezione proprie del suo livello di inquadramento, ore di lezione proprie di un livello inferiore, percepirà la retribuzione ordinaria prevista per il proprio livello di appartenenza. In tal caso, l orario di lavoro dell insegnante resterà quello del proprio livello di inquadramento. 1.6 Ferme restando le disposizioni di legge, la classificazione di cui al punto 1.2 non produce alcuna modifica degli inquadramenti in atto alla stipula del presente contratto. Pertanto gli insegnanti già in forza rimangono in ogni caso nel livello in cui si trovano inquadrati. Art. 2. ASSUNZIONE E PERIODO DI PROVA 2.1 Per l'assunzione sono richiesti i seguenti documenti: a) certificato di nascita; b) certificato di diploma degli studi compiuti e diplomi o attestati dei corsi di formazione frequentati necessari, secondo l ordinamento della scuola, all insegnamento; c) attestato di conoscenza di una o più lingue estere per le mansioni che implichino tale requisito; d) certificato di servizio eventualmente prestato presso altre scuole; e) documenti relativi alle assicurazioni sociali per i docenti che ne siano provvisti; f) certificato dei carichi pendenti; g) eventuali altri documenti o certificati professionali richiesti dalla Scuola; 2.2 L insegnante è di regola assunto con periodo di prova - che deve risultare da atto scritto - della durata massima di sei mesi. 2.3 Durante il periodo di prova decorrono tutti i diritti derivanti dal rapporto di lavoro subordinato. 2.4 Durante il periodo di prova potranno avere luogo sino a due visite preannunciate, con valutazione scritta dell attività di insegnamento e didattica. Queste visite saranno effettuate dal Preside, che potrà avvalersi della presenza: - del Caposezione nelle classi 5 13; - del Direttore della scuola elementare nelle classi 1-4 e, per quanto riguarda le lezioni di italiano, anche del caposezione d'italiano della scuola elementare 25/06/05 5 di 23

6 - del Direttore della scuola materna per i gruppi della scuola materna. 2.5 Trascorso il periodo di prova senza che nessuna delle parti abbia dato regolare disdetta, l'assunzione dell'insegnante si intenderà confermata con decorrenza dall'inizio del rapporto di lavoro. 2.6 Il decorso del periodo di prova è sospeso da ferie, maternità, malattia e/o infortunio. Art. 3. MANSIONI 3.1 Oltre all attività di insegnamento il docente è tenuto a svolgere tutte le attività connesse alla sua funzione, compresa la sorveglianza degli alunni. Il compenso per le suddette attività è compreso nella retribuzione ordinaria delle ore di prestazione concordate. 3.2 A titolo indicativo si precisa quanto segue: a) Insegnamento: comprende la preparazione e lo svolgimento delle lezioni e la correzione dei compiti, secondo le direttive scolastiche. b) Attività connesse: consistono: nella partecipazione alle riunioni preparatorie all'inizio dell'anno scolastico; nel ricevimento dei genitori; nella partecipazione alle riunioni pedagogiche indette dal Preside, dal Coordinatore, dal Direttore delle elementari, dal Direttore della scuola materna, dal Caposezione; nella partecipazione agli scrutini e agli esami di maturità, salvo quanto previsto nell'art. 7. 1; più in generale in quant'altro necessario all'espletamento della funzione secondo l'organizzazione scolastica; nel consentire alla direzione didattica la verificabilità della corretta compilazione dei registri di classe, di corso e dei voti e la verifica delle presenze; nella sorveglianza secondo l orario individuale, e nell obbligo di intervenire in situazioni di pericolo anche potenziale all interno dell edificio scolastico per cercare di evitare che gli alunni cagionino danni a se stessi, nonché ad altri alunni, persone o cose; Art. 4. ORARIO DI INSEGNAMENTO 4.1 Il rapporto di lavoro a tempo pieno prevede un orario settimanale di insegnamento fissato come segue: Livello IA Livello IB Livello IIA Livello IIB Livello III n. 20 lezioni settimanali n. 20 lezioni settimanali n. 20 lezioni settimanali n. 20 lezioni settimanali n. 25 lezioni settimanali 25/06/05 6 di 23

7 Livello IV Livello VII Livello VIII n. 25 lezioni settimanali n. 27,5 ore settimanali n. 27,5 ore settimanali Attualmente le lezioni scolastiche sono di 45 minuti. 4.2 Le ore di lezione del singolo insegnante sono fissate dal contratto individuale; in nessun caso l'insegnante potrà essere obbligato ad aumentare il suo orario individuale già concordato. 4.3 Per orario normale settimanale si intende quello indicato nel contratto di individuale di assunzione; per orario normale giornaliero si intende quello compreso tra l inizio della prima ora di lezione e la fine dell ultima attribuita a ciascun insegnante per le ore effettivamente prestate. 4.4 LAVORO A TEMPO PARZIALE Il lavoro a tempo parziale è regolato dalle seguenti disposizioni: la Scuola può assumere a tempo parziale, rispetto al normale orario settimanale di cui all art. 4.1; è consentito esclusivamente il ricorso al lavoro a tempo parziale di tipo orizzontale, indipendentemente dalla distribuzione dell orario settimanale. Ai fini della trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale e viceversa è necessario il consenso di entrambe le parti. Il contratto di lavoro a tempo parziale deve essere stipulato in forma scritta e deve contenere l indicazione del livello di inquadramento, delle mansioni e la distribuzione dell orario e settimanale. La Scuola può chiedere occasionalmente prestazioni di lavoro supplementare, limitatamente alle attività di cui all art. 3.2, nell ambito della fascia di orario normale giornaliero individuale di cui all art.4.3, in immediata prosecuzione dello stesso. Tali prestazioni verranno retribuite come previsto dall art. 8 ( supplenze). L esecuzione del lavoro supplementare richiede in ogni caso il consenso del docente interessato. La Scuola è tenuta a dare priorità, nel passaggio da tempo pieno a tempo parziale e viceversa, agli insegnanti già in forza rispetto ad eventuali nuove assunzioni per le stesse mansioni, secondo i seguenti criteri: a) titoli; b) anzianità di servizio; c) anzianità anagrafica. Il trattamento economico dell insegnante a tempo parziale è riproporzionato sulla base dell orario settimanale ridotto rispetto al corrispondente orario intero previsto dal presente contratto per il personale a tempo pieno, salvo che per le indennità di servizio per incarichi speciali le quali verranno corrisposte integralmente. Gli insegnanti a tempo parziale godranno di un periodo di ferie pari a quello del personale a tempo pieno. La relativa retribuzione va commisurata alla prestazione di lavoro ordinario svolto, riferita al periodo di maturazione delle ferie. La trasformazione da tempo pieno a tempo parziale e viceversa va effettuata con atto scritto e necessita la convalida della firma del docente da parte della competente Direzione Provinciale del Lavoro. Alla fine dell anno scolastico la Scuola informerà le r.s.a. delle ore di lavoro residue disponibili. 25/06/05 7 di 23

8 Le r.s.a. verranno informate delle eventuali assunzioni o delle trasformazioni da tempo pieno a tempo parziale. 4.5 LAVORO A TEMPO PARZIALE E POST MATERNITA Al fine di consentire al personale docente assunto a tempo indeterminato l assistenza del bambino fino al compimento del terzo anno di età, la Scuola si impegna ad accogliere le richieste di trasformazione temporanea del rapporto da tempo pieno a tempo parziale da parte del genitore nell ambito del 5% dei docenti assunti in loco. La trasformazione non può avere una durata inferiore all anno scolastico in corso. La richiesta di passaggio temporaneo a tempo parziale dovrà essere presentata dal genitore con un preavviso di almeno 60 giorni e dovrà indicare il periodo, non frazionabile, per il quale viene ridotta la prestazione lavorativa. Al termine di tale periodo verrà ripristinato l orario di lavoro precedente alla richiesta di lavoro a tempo parziale. Salvo quanto previsto dall art. 4.4 per far fronte alla minore prestazione che si determina in tal modo, la Scuola potrà fare ricorso a contratti a termine di durata pari al periodo di riduzione della prestazione lavorativa. In caso di più richieste si farà riferimento alla graduatoria formata in base ai criteri oggettivi di cui all art.4.4. Art. 5. TRATTAMENTO ECONOMICO 5.1 RETRIBUZIONE ORDINARIA MENSILE La retribuzione ordinaria mensile, o tabellare, è costituita dalle seguenti voci: - paga base, in funzione dell effettivo livello di inquadramento; - contingenza comprensiva di EDR; - terzo elemento percepito all entrata in vigore del presente contratto; - scatti di anzianità in quanto dovuti e calcolati come previsto dall art. 5.6; - eventuali superminimi e compensi individuali. 5.2 INDENNITA DI SERVIZIO PER INCARICHI SPECIALI Sono dovute e calcolate secondo quanto previsto dall art.6; Gli importi mensili dello stipendio e degli aumenti periodici di anzianità sono quelli indicati nelle tabelle retributive accluse che sono parte integrante del presente contratto. La retribuzione ordinaria mensile viene corrisposta entro la fine di ciascun mese. 5.3 TREDICESIMA E QUATTORDICESIMA MENSILITA All insegnante verranno corrisposte una tredicesima ed una quattordicesima mensilità, di importo pari alla retribuzione ordinaria mensile prevista dall art. 5.1 in atto nel mese di dicembre e giugno. Tali mensilità verranno erogate rispettivamente entro il 20 dicembre e con la retribuzione di giugno di ogni anno. 25/06/05 8 di 23

9 Qualora nel corso dell anno il numero delle ore di normale insegnamento variasse, la tredicesima e la quattordicesima mensilità saranno calcolate sulla media annuale delle ore di insegnamento. La tredicesima e la quattordicesima vengono erogate sulla base dei mesi effettivamente lavorati. Sono esclusi dalla tredicesima e dalla quattordicesima mensilità l assegno per il nucleo familiare, i compensi percepiti per le supplenze, per le ore di sorveglianza e per gli esami di maturità art. 7. Per i nuovi assunti ed in caso di cessazione del rapporto di lavoro, la tredicesima e la quattordicesima mensilità verranno corrisposte per dodicesimi in relazione ai mesi di servizio prestato. 5.4 PREMI DI FEDELTA Alla fine del compimento del quindicesimo e del ventesimo anno di servizio nella Scuola Germanica di Roma, l insegnante riceverà un premio pari a lordi. Tale somma verrà riproporzionata in caso di rapporto part-time. 5.5 AUMENTI RETRIBUTIVI MENSILI A tutto il personale docente verranno erogati i seguenti aumenti, lordi e non assorbibili, della paga base mensile, per quattordici mensilità, a decorrere dalle scadenze di seguito indicate: dal 1 ottobre ,00 dal 1 ottobre ,00 dal 1 ottobre ,00 TOTALE 300,00 Per il periodo che decorre dal primo ottobre 2004 e fino alla sottoscrizione del presente contratto, al personale docente verranno erogati gli arretrati di cui al precedente comma, entro il mese di luglio Tali somme verranno riproporzionate in caso di rapporto part-time. 5.6 UNA TANTUM A tutto il personale docente verrà erogato un importo una tantum pari a euro 150,00 per il periodo intercorrente dal 1 ottobre 2003 al 30 settembre L importo una tantum di cui sopra verrà erogato in un unica soluzione con la retribuzione di luglio 2005 e non è computabile agli effetti di alcun istituto contrattuale, né del trattamento di fine rapporto. Tale somma verrà riproporzionata in caso di rapporto part-time nell anno di riferimento del pagamento. 5.7 SCATTI DI ANZIANITA Gli scatti biennali di anzianità relativi al periodo intercorrente tra il 1 ottobre 2003 e il 30 settembre 2007, e limitatamente a detto periodo, saranno calcolati in misura pari al 5% della paga base spettante a ciascun insegnante alla data del 30 settembre /06/05 9 di 23

10 A partire dal 1 ottobre 2007 gli scatti biennali di anzianità, che matureranno da tale data, verranno calcolati in misura pari al 5% della paga base in atto. Nota a verbale: In riferimento al comma 1 dello art. 5.6 le parti concordano che tali scatti non subiranno alcuna rivalutazione Art. 6. INCARICHI SPECIALI 6.1 TIPOLOGIE CAPOSEZIONE ( FACHLEITEIR ) L'incarico è temporaneo e rinnovabile, salvo diversa volontà delle parti, e viene conferito dal Preside annualmente Il caposezione indice le riunioni con gli insegnanti della materia, i quali elaborano collegialmente il programma da svolgere nelle varie classi, scelgono i testi e propongono gli acquisti di materiale didattico. Il caposezione riferisce al Preside e/o al Direttore della scuola elementare su tali orientamenti e se ne rende interprete. Il caposezione inoltre: - esamina a campione gli elaborati degli alunni svolti in classe durante il primo anno del rapporto di lavoro d'insegnamento ed in seguito ogni qualvolta ciò fosse necessario; - supporta, a richiesta, il Preside ed il Direttore della scuola elementare nelle visite previste durante il periodo di prova degli insegnanti INSEGNANTE DI CLASSE ( KLASSENLEHRER ) E nominato un insegnante di classe per ognuna delle sezioni dalla classe L'incarico è temporaneo, annuale, eventualmente rinnovabile ed è conferito dal Preside. L'insegnante di classe: - verifica la regolare tenuta e compilazione del registro di classe; - accerta che le assenze dei ragazzi della sua sezione siano corredate da giustificazioni; - avverte i genitori quando le assenze non siano giustificate o quando le giustificazioni non appaiano regolari o se ci sono problemi di disciplina o di profitto; - consiglia i ragazzi su eventuali problemi scolastici; - partecipa alle riunioni con i genitori; - durante gli scrutini espone le caratteristiche ed il profitto degli allievi e scrive le pagelle; - organizza le gite d intesa con la Direzione TUTORE DEI GRUPPI DELLE ULTIME TRE CLASSI ( TUTOR ) Le mansioni sono le stesse dell'insegnante di classe RAPPRESENTANTE DI FIDUCIA DEGLI STUDENTI ( VERTRAUENSLEHRER ) La scolaresca elegge un insegnante di fiducia per le classi Il docente prescelto ha il compito di ricevere le richieste degli alunni e, se le ritiene fondate, 25/06/05 10 di 23

11 di farsene portavoce presso gli insegnanti e il Preside. In caso di procedura disciplinare a carico di un alunno il Rappresentante di fiducia, su richiesta dell'interessato, partecipa alla riunione e ne sostiene le ragioni RESPONSABILE LABORATORI DI FISICA, BIOLOGIA E CHIMICA ( SAMMLUNGSLEITEIR ) L'incarico è conferito dal Preside annualmente, sentito il Collegio. L'incaricato cura la funzionalità dei laboratori e ne è responsabile RESPONSABILE AUDIOVISIVI ( MEDIENWART ) L'incarico è conferito dal Preside annualmente, sentito il Collegio. L'incaricato regola l'utilizzo del materiale esistente e ne cura la funzionalità COORDINATORE DEL PASSAGGIO TRA ASILO E PRIMA ELEMENTARE ( KOOPERATIONSLEHRER KIGA-GS ) L'incarico è conferito annualmente dal Direttore della Scuola Elementare, in accordo con il Preside. L incaricato effettua regolarmente una supervisione nelle classi in cui si trovano bambini all ultimo anno dell asilo; effettua altresì i test di ammissione alla scuola elementare COORDINATORE DELLA FORMAZIONE INTERNA ( SCHILF ) L incarico è conferito dal Preside annualmente L incaricato pianifica, coordina e segue l aggiornamento dei docenti in stretto collegamento con l incaricato della formazione a livello regionale, (ReFo) e con la Presidenza. Cura altresì alcuni aspetti inerenti il programma di offerta formativa e coadiuva lo sviluppo qualitativo delle singole materie RESPONSABILE DEI RAPPORTI CON GLI ENTI CULTURALI ( KULTURBEAUFTRAGTER ) L'incarico è conferito dal Preside annualmente L'incaricato: - informa gli insegnanti e il Preside sulle varie rappresentazioni in calendario (mostre, teatri ecc.) che siano ritenute interessanti ed educative per gli allievi; - si occupa degli abbonamenti e dell'acquisto dei biglietti per le scolaresche. 6.2 COMPENSI Gli insegnanti con i seguenti incarichi hanno diritto, per il tempo in cui dura l'incarico, ad una riduzione di una lezione/settimana, o al pagamento di una lezione aggiuntiva, senza maggiorazione e per 14 mensilità, qualora la riduzione non fosse possibile per motivi didattici: - i capisezione quando sia pari o superiore a 36 la somma delle ore settimanali di lezione dei componenti del gruppo, compreso il caposezione; - il caposezione di tedesco delle classi delle elementari; - il responsabile laboratori di fisica, biologia e chimica; - il responsabile audiovisivi; - il coordinatore del passaggio tra asilo e prima elementare; - il coordinatore della formazione interna 25/06/05 11 di 23

12 - il responsabile dei rapporti con gli enti culturali - rappresentante di fiducia degli studenti A coloro che ricoprono i seguenti incarichi: - capisezione quando sia inferiore a 36 la somma delle ore settimanali di lezione prestate dai componenti il gruppo, compreso il caposezione della materia; - insegnante di classe; - tutore di almeno cinque allievi delle ultime tre classi. verrà corrisposto, in coincidenza con la retribuzione del mese di febbraio, una indennità di euro 700,00, rapportata alla durata dell'incarico o della situazione particolare (le frazioni di più di 15 giorni vanno considerate come mesi interi). Tale indennità per l anno scolastico sarà pari a euro 235, per l anno scolastico sarà pari a euro 470, per lo anno scolastico sarà pari a euro 700. Art. 7. SITUAZIONI PARTICOLARI 7.1 Per gli esami di maturità verranno corrisposte a regime le seguenti indennità lorde: a) al relatore con esami scritti di maturità: per ogni proposta da inviare al Ministero Euro 170,00 Tale indennità per l anno scolastico sarà pari a euro 85,00, per l anno scolastico sarà pari a euro 130,00, per l anno scolastico sarà pari a euro 170,00. - per ogni compito corretto: Leistungskurs Euro 47,00 Grundkurs Euro 40,00 Esame integrativo Euro 36,00 Tale indennità per l anno scolastico gli importi saranno rispettivamente pari a: Leistungskurs Euro 24,00 Grundkurs Euro 20,00 Esame integrativo Euro 13,00 Tale indennità per l anno scolastico gli importi saranno rispettivamente pari a: Leistungskurs Euro 35,00 Grundkurs Euro 30,00 Esame integrativo Euro 27,00 b) al correlatore: per ogni compito corretto: Leistungskurs Euro 26,00 Grundkurs Euro 22,00 Esame integrativo Euro 18,00 25/06/05 12 di 23

13 Tale indennità per l anno scolastico sarä rispettivamente pari a: Leistungskurs Euro 13,00 Grundkurs Euro 11,00 Esame integrativo Euro 9,00 Tale indennità per l anno scolastico sarà rispettivamente pari a: Leistungskurs Euro 20,00 Grundkurs Euro 17,00 Esame integrativo Euro 14,00 Questi importi sono comprensivi di eventuali esami orali. c) al relatore che interroga allievi con solo esami orali: per ogni esame sostenuto Euro 36,00 Tale indennità per l anno scolastico sarà pari a: Tale indennità per l anno scolastico sarà pari a: Euro 13,00 Euro 27, I compensi di cui all art. 7.1 verranno corrisposti: - con lo stipendio di marzo le proposte e il 50% dell'importo risultante dalle correzioni; - con lo stipendio di giugno il rimanente 50% dell'importo risultante dalle correzioni e le competenze per i relatori con soli esami orali. Per l anno scolastico tali compensi di cui agli articoli precedenti verranno liquidati con lo stipendio di luglio. Art. 8. ESTENSIONE DELL'ORARIO INDIVIDUALE Per tale si intende l estensione verificatasi durante l'anno scolastico. 8.1 SUPPLENZE BREVI E ATTIVITÀ DI SORVEGLIANZA (EINZELNE VERTRETUNGSSTUNDEN) L insegnante dovrà svolgere le lezioni di supplenza e l attività di sorveglianza in caso di assenza di un collega, salvo casi di forza maggiore e nel rispetto dell orario giornaliero come definito all art ESTENSIONE DELL ORARIO CONTRATTUALE ( FACHVERTRETUNG ) Per tale si intende una estensione concordata dell'orario settimanale stabilito nel contratto individuale per un periodo inferiore all'anno scolastico. Il compenso per tale attività supplementare verrà corrisposto con la maggiorazione del 20%. Resta inteso che l'estensione a breve-medio termine non dà diritto al mantenimento della estensione di orario una volta cessate le necessità. 8.3 ESTENSIONE A LUNGO TERMINE ( DAUERVERTRETUNG ) Per tale si intende una estensione concordata dell'orario individuale per l'intero anno scolastico. 25/06/05 13 di 23

14 Il compenso per questo lavoro supplementare verrà corrisposto senza maggiorazione, ma per 14 mensilità. Resta inteso che tale estensione non dà diritto al mantenimento della stessa nell anno scolastico successivo. Le estensioni a lungo termine, qualora si protraggano per tre anni scolastici consecutivi determinano, dall'inizio del quarto anno scolastico, lo stabile incremento dell'orario contrattuale individuale. L'incremento è pari alla media dell estensione di orario verificatasi nei tre anni di riferimento. 8.4 PROLUNGAMENTO D ORARIO Al personale docente può essere attribuito, previa accettazione dell insegnante, all inizio o in corso dell anno scolastico un prolungamento dell orario settimanale di lavoro per un massimo di tre ore di lezione settimanali. Le ore di prolungamento di orario saranno retribuite con le stesse modalità previste dall art STRAORDINARIO Si intende per lavoro straordinario la prestazione effettuata al di fuori dell orario previsto agli art. 4.1 e 4.3. La retribuzione oraria viene maggiorata del 25%. Art. 9. VACANZE 9.1. Il periodo di ferie è pari a due mesi e coincide con le vacanze scolastiche dei mesi di luglio e agosto; la maturazione delle ferie avviene per anno scolastico, che si intende dal 1. settembre al 31 agosto Gli insegnanti hanno diritto all'intero periodo di ferie se in servizio dall'inizio dell'anno scolastico; in caso diverso, fermo restando il periodo di ferie sopraindicato, la retribuzione sarà riproporzionata in base ai periodi di servizio prestati nell anno scolastico di riferimento In caso di nuova assunzione o di cessazione del rapporto di lavoro il diritto alle ferie o alla relativa indennità sostitutiva sarà pari a 6 giorni di calendario per ogni mese lavorato Nel corso dell'anno scolastico non potranno essere chiesti permessi in conto ferie E' vincolante l'ordinamento delle vacanze stabilito di anno in anno dalla Scuola Germanica Le festività abolite dalla Legge n.54/77 si intendono compensate con il godimento del periodo feriale e con la chiusura per le vacanze natalizie e pasquali. Art. 10. ASPETTATIVA Gli insegnanti che abbiano prestato servizio per almeno tre anni nella Scuola Germanica di Roma, hanno diritto ad un solo periodo di aspettativa nell arco dell anno 25/06/05 14 di 23

15 scolastico non retribuita, non frazionabile, per un periodo massimo di dodici mesi in cui l insegnante la richiede e ne usufruisce. Il periodo di aspettativa non verrà calcolato ai fini dell anzianità e di qualsiasi altro diritto dell insegnante. Il docente ha diritto alla conservazione del posto. Terminato tale periodo di aspettativa all insegnante non potrà essere concessa una nuova aspettativa se non dopo che siano trascorsi quattro anni scolastici di servizio. Al termine dell aspettativa l insegnante ha diritto al reinserimento nella Scuola a condizioni invariate rispetto al proprio contratto. Il datore di lavoro potrà assumere in sostituzione dell insegnante assente per aspettativa non retribuita docenti con contratto a termine per il periodo dell aspettativa stessa. Art. 11. PERMESSI E ASSENZE 11.1 L insegnante ha diritto ad assentarsi dal lavoro in caso di comprovate necessità di ordine familiare e per il tempo strettamente necessario. La comunicazione circa l assenza, con la motivazione, va inoltrata per iscritto al Preside prima dell inizio dell assenza, tranne in casi di evidente impossibilità e comunque non oltre 48 ore dall inizio dell assenza. Il permesso sarà retribuito nei seguenti casi e per il tempo indicato: - lutto o grave infermità concernente genitori, figli e coniuge: tre giorni lavorativi elevabili a quattro se il luogo ove recarsi dista più di 500 km; - lutto o grave infermità concernente fratelli/sorelle: due giorni lavorativi elevabili a tre se il luogo ove recarsi dista più di 500 km; - lutto concernente cognati, nuore, suoceri e generi: un giorno lavorativo elevabile a due se il luogo ove recarsi dista più di 500 km; - matrimoni di figli: un giorno lavorativo; - nascita di figli: un giorno lavorativo; - trasloco dell insegnante: due giorni lavorativi L insegnante ha diritto a tre giorni lavorativi di permesso non retribuiti nell arco dell anno scolastico con un preavviso di almeno 24 ore Per tutti gli altri permessi previsti dalla legge si fa esplicito rinvio alla normativa vigente. Art. 12. AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE L aggiornamento professionale è interesse tanto dell insegnante quanto della Scuola e del datore di lavoro. Ad ogni insegnante, su proposta della Scuola, nella persona del Preside o del datore di lavoro, può essere richiesta la partecipazione ai corsi di aggiornamento che la Scuola reputi necessari anche se si svolgono nei giorni di chiusura scolastica, ad eccezione del periodo natalizio e pasquale e fatto salvo il periodo delle ferie di cui all art.9. Ad ogni insegnante che, a seguito di una sua iniziativa personale, ne facesse domanda, la Scuola può consentire la partecipazione ai corsi di aggiornamento compatibilmente con le esigenze didattiche e organizzative della Scuola. L interessato presenterà in 25/06/05 15 di 23

16 tempi utili la relativa domanda al Preside che la sottoporrà all esame ed alla decisione del datore di lavoro. Al fine di consentire l aggiornamento professionale possono essere concessi permessi retribuiti. In entrambe le ipotesi di aggiornamento le spese relative sono tutte a carico della Scuola, salvo per il vitto rimborsabile per 25 euro giornalieri. Complessivamente le ore relative all aggiornamento sono fissate in un numero massimo di 30 per ogni anno scolastico. Le spese di iscrizione, frequenza, ed alloggio sono a carico della Scuola, mentre per il viaggio il rimborso sarà non superiore al valore di un biglietto ferroviario di seconda classe. Art. 13. GITE SCOLASTICHE E VIAGGI DI STUDIO 13.1 In caso di gite scolastiche o viaggi di studio gli insegnanti che accompagneranno gli alunni saranno tutti pagati a tempo pieno, sia che abbiano l orario completo, sia che lavorino ad orario ridotto, ed avranno inoltre diritto al pagamento di una diaria pari ad Euro 40. Ai fini del pagamento della diaria, le gite devono determinare sempre l assenza da casa per almeno una notte Per ottenere il rimborso di eventuali spese accessorie, l'insegnante dovrà esibire le ricevute dei relativi esborsi In caso di viaggi di studio o gite proposti o organizzati dalla Scuola, l insegnante potrà non partecipare per motivi familiari e/o personali In ogni caso gli insegnanti che parteciperanno ai viaggi di studio/gite scolastiche provvederanno a comunicare tempestivamente il piano delle attività didattiche in relazione alla propria assenza per permettere all'insegnante supplente di svolgere regolare lezione. Art. 14. VIAGGI DI SERVIZIO Le spese sostenute verranno rimborsate a piè di lista, previo accordo con la Direzione della Scuola. Art. 15. LIBERTA DI INSEGNAMENTO Nella Scuola Germanica di Roma vige il principio della libertà di insegnamento. Le parti contraenti sono comunque concordi nel ritenere fine primario e fondamentale della Scuola Germanica di Roma promuovere e sviluppare, conformemente al suo carattere di scuola d incontro, l amicizia tra l Italia e la Repubblica Federale di Germania. Resta fermo, in ogni caso, il rispetto della Costituzione Italiana e della Legge Fondamentale della Repubblica Federale di Germania e lo Statuto dell Associazione 25/06/05 16 di 23

17 Scolastica Germanica, dei regolamenti vigenti nella Scuola Germanica di Roma e dei programmi didattici della stessa, nonché dell etica professionale. Art. 16. ATTIVITA SINDACALE 16.1 RAPPRESENTANZE SINDACALI Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa degli insegnanti della Scuola, nell ambito delle associazioni sindacali che siano firmatarie dei contratti collettivi di lavoro applicati nella Scuola I nominativi dei rappresentanti delle r.s.a. aderenti alle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative vengono comunicati alla Direzione della Scuola per iscritto dalle OO.SS. cui aderiscono; i nominativi dei rappresentanti delle altre r.s.a. vengono comunicati direttamente da queste 16.3 PERMESSI Ciascuna rappresentanza sindacale aziendale di cui ai precedenti commi ha diritto per l espletamento del mandato a permessi retribuiti pari a 70 ore annuali. Ciascuna rappresentanza comunicherà i nominativi dei dirigenti beneficiari dei permessi sindacali. La comunicazione del permesso sindacale deve avvenire per iscritto almeno 24 ore prima della fruizione del permesso stesso e comunque durante l orario di apertura della Scuola I componenti degli organi direttivi territoriali, regionali e nazionali delle associazioni di cui all art.19 legge n.300/70 hanno diritto a permessi retribuiti nel limite massimo di sei giorni per anno scolastico per partecipare alle riunioni degli organi suddetti ASSEMBLEE Il personale docente con rapporto di lavoro a tempo determinato e indeterminato ha diritto di partecipare, durante l orario di lavoro, ad assemblee sindacali all interno della Scuola, in locali idonei indicati dalla Direzione, per 10 ore individuali ad anno scolastico per le quali sarà corrisposta la retribuzione ordinaria CONVOCAZIONE ASSEMBLEE Le assemblee sono convocate dalle rappresentanze sindacali aziendali della Scuola, singolarmente o congiuntamente, per materie di interesse sindacale e/o di lavoro. Alle assemblee possono partecipare, previo avviso al datore di lavoro e al Preside, dirigenti esterni delle OO.SS. Le assemblee in orario di lavoro si svolgono nelle ultime due ore della mattinata scolastica. Ciascuna assemblea può avere una durata massima di due ore Le parti concordano che ciascuna r.s.a. non possa indire più di un assemblea al mese. La convocazione dell assemblea, la durata, l eventuale partecipazione di dirigenti sindacali esterni e l ordine del giorno, devono essere comunicate al Datore di 25/06/05 17 di 23

18 lavoro e al Preside almeno 5 giorni lavorativi prima in forma scritta entro l orario di apertura della Scuola. Entro 24 ore dalla data di richiesta, il Preside comunica a tutto il personale mediante circolare o iscrizione al libro delle comunicazioni la convocazione dell assemblea. Contemporaneamente all iscrizione nel libro delle comunicazioni, il Preside emana una comunicazione interna a tutto il personale docente al fine di raccogliere la dichiarazione individuale di partecipazione all assemblea del personale in servizio. Tale dichiarazione fa fede per il computo del monte ore individuale. Il Preside informa le famiglie interessate entro 48 ore dalla data di ricevimento della convocazione assembleare. L assistenza ai minori (scuola materna e classi 1-10) sarà garantita dalla Scuola con l utilizzo del personale inviato (Vermittelte) direttamente dalla Germania e dai docenti assunti in loco che non intendono partecipare all assemblea. Non possono essere svolte assemblee sindacali in ore e giorni coincidenti con lo svolgimento di esami e di scrutini finali RISCOSSIONE CONTRIBUTI SINDACALI La Scuola provvede ad effettuare l esazione dei contributi sindacali ai dipendenti che ne facciano richiesta mediante delega debitamente firmata. L Organizzazione sindacale nel cui ambito opera la rappresentanza invia alla Scuola l elenco nominativo dei dipendenti che hanno sottoscritto la delega e parte della delega firmata dal lavoratore con l indicazione della percentuale di esazione da trattenere sulla retribuzione individuale secondo i deliberati statutari delle OO.SS. L esazione decorre dal mese successivo alla comunicazione ed è permanente, salvo revoca scritta del dipendente o cessazione del rapporto di lavoro o sospensione della retribuzione RINVIO ALLA LEGGE 300/70 Per tutto quanto ivi non previsto relativamente ai diritti ed all attività sindacale si fa rinvio alla legge n. 300/70. Art. 17 ASSISTENZA SINDACALE In caso di eventuali controversie tra Scuola e docente, quest ultimo può farsi assistere dalla r.s.a. o dalle OO.SS. alle quali conferisce apposito mandato. Art. 18 DIRITTI DI INFORMAZIONE 18.1 Alle rappresentanze sindacali aziendali è riconosciuto il diritto all informazione preventiva e alla consultazione su tutte le variazioni della struttura didattica e organizzativa della Scuola, ivi compresi i rapporti tra la Scuola e gli organi ufficiali (politici e culturali) con cui essa è collegata, che interessano direttamente o indirettamente i rapporti di lavoro, in particolare riguardo all occupazione. 25/06/05 18 di 23

19 18.2 I componenti delle r.s.a. possono fotocopiare materiale informativo di carattere sindacale per i colleghi utilizzando gli impianti in dotazione alla Scuola. Art. 19 DOVERI SPECIFICI DEGLI INSEGNANTI Oltre al normale svolgimento delle proprie funzioni, il docente è tenuto a: a) rispettare l orario di lavoro; b) mantenere la riservatezza nei confronti di terzi estranei al rapporto di lavoro su tutte le questioni inerenti le proprie funzioni; c) non impartire lezioni private agli alunni della propria classe; d) in coerenza con la caratteristica della Scuola, imparare la lingua tedesca o italiana in misura sufficiente a comunicare con gli alunni, i genitori degli allievi e a seguire le riunioni scolastiche. Art. 20. NORME DISCIPLINARI 20.1 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E LORO GRADAZIONI L'inosservanza da parte dell'insegnante degli obblighi assunti con il presente contratto ed in generale i comportamenti contrari all etica professionale, comportano l'applicazione delle seguenti sanzioni disciplinari che verranno graduate a seconda dell entità della mancanza, alle circostanze che la accompagnano ed ad altri eventuali precedenti: l. rimprovero verbale; 2. rimprovero scritto; 3. multa nella misura non superiore a tre ore di retribuzione ordinaria; 4. sospensione dal lavoro e dalla retribuzione per un massimo di giorni tre; 5. licenziamento disciplinare Il datore di lavoro esercita il potere disciplinare che può anche delegare al Preside Fermo restando il caso di licenziamento, non possono essere disposte sanzioni disciplinari che comportino mutamenti definitivi del rapporto di lavoro. I provvedimenti disciplinari più gravi del rimprovero verbale non possono essere applicati prima che siano trascorsi trenta giorni dalla contestazione per iscritto del fatto che vi ha dato causa Non può essere adottato alcun provvedimento disciplinare nei confronti del docente senza preventivamente avergli contestato per iscritto l addebito e senza averlo sentito a sua difesa La contestazione degli addebiti è fatta con comunicazione scritta con l indicazione del termine, non inferiore a giorni dieci, entro il quale l insegnante potrà far pervenire le proprie giustificazioni per iscritto. 25/06/05 19 di 23

20 Trascorsi venti giorni dal ricevimento delle giustificazioni, qualora il datore di lavoro non provveda a comminare la sanzione, le giustificazioni del docente si intendono accolte Il docente potrà farsi assistere dall associazione sindacale cui aderisce, o conferire mandato ad un rappresentante di sua fiducia Non può tenersi conto ad alcun effetto delle sanzioni disciplinari decorsi due anni dalla loro applicazione I provvedimenti comminati senza il rispetto della procedura di cui al presente articolo sono nulli Per quanto non previsto dal presente articolo si fa esplicito rinvio all art. 7 legge n. 300 del Nota a verbale: Le parti si impegnano entro trenta giorni dalla ripresa dell attività didattica ad incontrarsi per concordare il relativo codice disciplinare. Art. 21. RISOLUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO 21.1 PREMESSA Il licenziamento del dipendente deve essere intimato per iscritto ed è disciplinato dalle leggi vigenti nel territorio dello Stato Italiano LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO E determinato da ragioni inerenti l attività della Scuola, l organizzazione del lavoro ed il regolare funzionamento di essa. Costituiscono ipotesi di giustificato motivo oggettivo, a titolo esemplificativo: a) riduzione del numero degli iscritti che comporti la soppressione di classi. b) decisioni delle Autorità Amministrative, tedesche o italiane; c) soppressione o riduzione del finanziamento che comportino la chiusura della Scuola o di singole classi. Nell'ambito del gruppo formato dagli insegnanti interessati alla riduzione, prima di procedere al licenziamento, verranno ridotte le ore assegnate in prolungamento d orario dopo di che si procederà alla individuazione del personale eccedente secondo il seguente ordine: - insegnanti con altro incarico presso altra scuola che sia prevalente rispetto a quello ricoperto presso la Scuola Germanica; - insegnanti con minore anzianità di servizio presso la Scuola Germanica Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo comporta il preavviso di sei mesi. 25/06/05 20 di 23

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità TITOLO XXX Trattamento economico Articolo 7 NORMALE RETRIBUZIONE La normale retribuzione del lavoratore è costituita dalle voci sotto indicate alle lettere a), b), c) e d), nonché da tutti gli altri elementi

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Integrazione malattia Durante l assenza del lavoratore l impresa, entro i limiti della conservazione del posto di cui all art. 27 del C.C.N.L in

Dettagli

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE Indice IL CONTRATTO DI LAVORO - LE CATEGORIE - I CONTRIBUTI INPS - IL PERIODO DI PROVA - LA TREDICESIMA MENSILITÀ I GIORNI FESTIVI - GLI SCATTI DI ANZIANITÀ - LE FERIE - VITTO E ALLOGGIO - L ORARIO DI

Dettagli

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 SINTESI CCNL LAVORO DOMESTICO decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 Indice della Sintesi Contrattuale Artt.

Dettagli

ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO

ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO Addì 2 maggio 2007 Tra ACI Global SpA, rappresentata dalla Dott.ssa I. Galmozzi e dalla Dott.ssa N. Caprioli,

Dettagli

Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale. giustificarsi al rientro in servizio con idonea documentazione:

Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale. giustificarsi al rientro in servizio con idonea documentazione: TUTTO SUI PERMESSI NEL GRUPPO INTESASANPAOLO- AGGIORNATO 2013 Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale 1) Al Personale possono essere concessi permessi retribuiti, da giustificarsi

Dettagli

Le ferie del personale docente con contratto a tempo indeterminato e determinato (artt. 13, 19 e 105 del CCNL 29.11.2007) di Libero Tassella

Le ferie del personale docente con contratto a tempo indeterminato e determinato (artt. 13, 19 e 105 del CCNL 29.11.2007) di Libero Tassella Le ferie del personale docente con contratto a tempo indeterminato e determinato (artt. 13, 19 e 105 del CCNL 29.11.2007) di Libero Tassella A) Le ferie dei docenti con contratti a tempo indeterminato

Dettagli

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute REGOLAMENTO Fondo mètasalute 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente regolamento disciplina il funzionamento di mètasalute, il Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dell industria metalmeccanica

Dettagli

Le novità nel CCNL 2006/2009 per il personale precario della scuola statale

Le novità nel CCNL 2006/2009 per il personale precario della scuola statale Le novità nel CCNL 2006/2009 per il personale precario della scuola statale Articolo 1: validità delle norme contrattuali per tutto il personale compreso il personale a tempo determinato La prima importante

Dettagli

Università degli studi di Napoli Parthenope

Università degli studi di Napoli Parthenope REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIDATTICI AI SENSI DEL D.M. 8 LUGLIO 2008 Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina il conferimento di incarichi di docenza, non rientranti negli obblighi

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE. Sommario

BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE. Sommario BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA SPA ACCORDI A LATERE Sommario DICHIARAZIONI DELL AZIENDA 2 N. 1 - Comodo di cassa 2 N. 2 - Interesse sul c/c intestato ai familiari dei dipendenti 2 N. 3 - Prestiti

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale MCN001 Secondo il CCNL Logistica, Spedizione e Trasporto Merci, l'impresa che intende chiedere il risarcimento dei danni al

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale - Ufficio V Ambito Territoriale Provinciale di Cosenza Corso Telesio, n. 17, 87100 - COSENZA - Tel. 0984 894111 Prot. n 8950 Cosenza, lì 20 ottobre 2015 Ai Dirigenti Scolastici di ogni

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA Atti preliminari ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA All inizio di ogni anno scolastico e comunque prima dell inizio delle lezioni, sulla base del POF e delle attività ivi previste:?? Il

Dettagli

PRESTAZIONI PROFESSIONALI

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PRESTAZIONI PROFESSIONALI fascicolo di supporto alla valutazione delle tariffe dei Revisori Contabili Iscritti all Istituto Nazionale Revisori Contabili Presentazione La prima formazione del Registro dei

Dettagli

POLITECNICO DI BARI ART. 1 ATTIVITA E REGIME DI IMPEGNO DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI

POLITECNICO DI BARI ART. 1 ATTIVITA E REGIME DI IMPEGNO DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO RECANTE NORME PER LA DISCIPLINA DELLO STATO GIURIDICO, DIRITTI E DOVERI DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI DI RUOLO (ex articolo 6, commi 2, 3, 7, 8 e 14, della Legge n. 240/2010)

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI Approvato con deliberazione n. 61 del 23.10.2006 ART. l Orario di servizio Per orario di servizio si intende il periodo di tempo giornaliero necessario per assicurare

Dettagli

IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ

IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ Il rinnovo del ccnl 28 maggio 2012 sottoscritto in data 9 luglio 2015, contiene novità di rilievo, come si illustra di seguito. DECORRENZA E DURATA (Art. 203) Il

Dettagli

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34;

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34; Accordo Sindacale Regolamento Lavoro Straordinario: durata minima lavoro straordinario e limite individuale ore/anno liquidabili nonché norme di utilizzo flessibilità modificative dell attuale regolamento

Dettagli

Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L.

Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L. Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L. In relazione alle convergenti valutazioni espresse in occasione del rinnovo del c.c.n.l., Vi confermiamo che, per la vigenza del contratto

Dettagli

C I R C O L A R E. Adempimenti per attuazione Accordo quadro sui Contratti di Collaborazione Coordinata Continuativa (CO.CO.CO.)

C I R C O L A R E. Adempimenti per attuazione Accordo quadro sui Contratti di Collaborazione Coordinata Continuativa (CO.CO.CO.) COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità SETTORE AFFARI ISTITUZIONALI SETTORE SVILUPPO ORGANIZZATIVO C I R C O L A R E OGGETTO: Adempimenti per attuazione Accordo quadro sui Contratti di Collaborazione

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

OGGETTO PREAVVISO IN CASO DI RAPPORTO A TEMPO DETERMINATO

OGGETTO PREAVVISO IN CASO DI RAPPORTO A TEMPO DETERMINATO OGGETTO PREAVVISO IN CASO DI RAPPORTO A TEMPO DETERMINATO QUESITO (posto in data 17 marzo 2010) Quali sono i termini del preavviso da dare all azienda in un rapporto di lavoro a tempo determinato della

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO IMPEGNO ORARIO RIDOTTO QUESITO (posto in data 2 aprile 2010) Quali sono le norme contrattuali che regolano la possibilità di accedere ad un rapporto di lavoro part time per un anestesista di

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che ACCORDO PER IL PASSAGGIO DEI QUADRI DIRETTIVI E DEL PERSONALE DELLE AREE PROFESSIONALI DELLA CASSA DEPOSIT I E PRESTITI SOCIETÀ PER AZIONI AL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I QUADRI DIRETTIVI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA"

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" RIPARTIZIONE II Settore IV REGOLAMENTO PER LE ATTRIBUZIONI DI ATTIVITA DIDATTICHE (conferimento affidamenti/supplenze attribuzioni contratti di insegnamento)

Dettagli

SEGRETERIA CENTRALE FABI

SEGRETERIA CENTRALE FABI SEGRETERIA CENTRALE FABI Gennaio 2008 BNL 1 IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO NELSETTOREDELCREDITO Il D. Leg.vo n. 276 del 10/09/2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolamentando la

Dettagli

IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO

IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO Introduzione al mondo del lavoro di cura L inquadramento (Minimi contrattuali in vigore PER L ANNO 2011) LIVELLO TABELLA A CONVIVENTI TABELLA B CONVIVENTI PART-TIME TABELLA

Dettagli

OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE

OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE 1 OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE QUESITO (in data 20 maggio 2009) Sono un medico anestesista che nel 2001 é stato operato di trapianto di cornea all occhio sinistro e nel

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n.

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. 0025035) SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Finalità e ambito di applicazione

Dettagli

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di C.C. n 88 del 20/12/2010 1 2 ART. 1 - OGGETTO 1. La mensa scolastica

Dettagli

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Le parti, visto la Legge n 53 dell 8 Marzo 2000, concernente i Congedi Parentali, hanno convenuto sull opportunità di aggiornare la disciplina contrattuale di tale Istituto

Dettagli

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano 1 art. 1 - finalità La Ludoteca infantile è un servizio educativo e sociale di interesse

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell'articolo 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014, n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Principi generali. Articolo 2 Graduatorie di sostegno. Articolo 3 Supplenze annuali

REGOLAMENTO. Articolo 1 Principi generali. Articolo 2 Graduatorie di sostegno. Articolo 3 Supplenze annuali REGOLAMENTO per il conferimento delle supplenze al personale educativo dei nidi d infanzia, delle scuole dell infanzia, dei ricreatori e del s.i.s. comunali Articolo 1 Principi generali 1. Al fine di garantire

Dettagli

1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione

1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione 1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione 1.1 La situazione dei docenti di religione 1.1.1 Contesto normativo Con l approvazione della Legge 18 luglio 2003, n. 186, si è conclusa una vicenda

Dettagli

SIR JAMES HENDERSON SCHOOL S.R.L.

SIR JAMES HENDERSON SCHOOL S.R.L. CONTRATTO AZIENDALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DOCENTE, TECNICO, AMMINISTRATIVO, AUSILIARIO SIR JAMES HENDERSON SCHOOL S.R.L. 1 gennaio 2010 31 agosto 2013 1 CONTRATTO AZIENDALE DI LAVORO PER IL PERSONALE

Dettagli

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AI DIPENDENTI DELLA CITTA' METROPOLITANA DI MILANO CON ESTINZIONE MEDIANTE L ISTITUTO DELLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO L anno nel mese di il giorno.in

Dettagli

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI ********************** Approvato con Deliberazione di

Dettagli

LAVORO A TEMPO DETERMINATO

LAVORO A TEMPO DETERMINATO ARTT. 19 29 D.LGS 81/2015 FORMA E CONTENUTI DEL CONTRATTO DI LAVORO Al contratto di lavoro subordinato può essere apposto un termine di durata non superiore a trentasei mesi. Fatte salve le diverse disposizioni

Dettagli

Via Duomo, 6 13100 Vercelli Tel 0161/261537 Fax 0161/210718

Via Duomo, 6 13100 Vercelli Tel 0161/261537 Fax 0161/210718 AREA DEL PERSONALE Via Duomo, 6 13100 Vercelli Tel 0161/261537 Fax 0161/210718 Decreto Rettorale n.190 Data 02.04.2001 IL RETTORE Vista la L. n. 168 del 9.5.1989 istitutiva del Ministero dell Università

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Approvato con deliberazione di C.C. n. 59 del 24.09.2009 1 ART. 1 - FINALITA La Baby

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino Il comma 14 dell art. 19 Ccnl 2003 finalmente sancisce quello che sosteniamo da tempo: al personale con contratto a tempo determinato si applica

Dettagli

BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013. Regole generali relative all orario di lavoro. ottobre 2014

BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013. Regole generali relative all orario di lavoro. ottobre 2014 BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013 Regole generali relative all orario di lavoro ottobre 2014 1 INDICE 1. ORARIO DI LAVORO pag. 3 2. ORARIO DI LAVORO PERSONALE APPARTENENTE AI LIVELLI IV-VIII pag. 3 2.1 Flessibilità

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE

Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIRITTO ALLO STUDIO AREA DEL COMPARTO SANITA

REGOLAMENTO DIRITTO ALLO STUDIO AREA DEL COMPARTO SANITA REGOLAMENTO DIRITTO ALLO STUDIO AREA DEL COMPARTO SANITA Redazione a cura di G. De Foresta Verifica a cura di G. D Angeli, F. Luvarà Riferimenti legislativi: - Legge 20.05.1970, n. 300, art. 10 lavoratori

Dettagli

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Il passato del futuro LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Viale Maria Luigia, 1-43125 Parma - Tel. 0521.282115 - Fax. 0521.385159 www.liceoromagnosi.org - ssromagn@scuole.pr.it - codice MIUR PRPC010001

Dettagli

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11:

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11: q) Legge provinciale 26 gennaio 2015, n. 1 1) Modifiche di leggi provinciali in materia di istruzione, di stato giuridico del personale insegnante e di apprendistato 1) Pubblicato nel supplemento n. 1,

Dettagli

Direzione Generale PREMESSO

Direzione Generale PREMESSO CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE COMPARTO SCUOLA Il giorno 9 dicembre 2008 in Bologna presso l Ufficio

Dettagli

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI Sono quei lavoratori che prestano la loro attività esclusivamente per le necessità familiari del datore di lavoro e del suo nucleo familiare. Rientrano in questa categoria:

Dettagli

Chimici - Abrasivi, Impiegati, Industria: CCNL, 30 aprile 1949. Scritto da Silvano Costanzi Mercoledì 05 Settembre 2012 09:49 -

Chimici - Abrasivi, Impiegati, Industria: CCNL, 30 aprile 1949. Scritto da Silvano Costanzi Mercoledì 05 Settembre 2012 09:49 - Tipologia: CCNL Data firma: 30 aprile 1949 Validità: 01.01.1949-31.12.1950 Parti: Associazione Nazionale degli Industriali della Ceramica e degli Abrasivi-Confindustria e Federazione Nazionale Vetrai Ceramisti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale 4 Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese Indice Premessa pag. 3 Parte Prima: i diritti dei genitori 1. Permessi per controlli

Dettagli

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA STATUTO ODV MIGRANTES SIENA 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: MIGRANTES SIENA assume la forma giuridica di associazione. E apartitica e aconfessionale. L organizzazione

Dettagli

La giusta soluzione in tempi brevi. Chiamaci subito allo: 328 2964969

La giusta soluzione in tempi brevi. Chiamaci subito allo: 328 2964969 In questo documento, abbiamo riportato alcuni passaggi del CCNL(contratto nazionale) del lavoro domestico, in particolare ciò che riguarda le figure di badante e colf/baby-sitter, in modo da fornire una

Dettagli

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 12097 del 5.6.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

CNA Servizi Srl via Millio, 26 10141 Torino tel. 011.19672111 fax 011.19672207 www.cna.to.it

CNA Servizi Srl via Millio, 26 10141 Torino tel. 011.19672111 fax 011.19672207 www.cna.to.it Dipartimento Sindacale e Consulenza del lavoro Torino, 24 agosto 2011 CIRCOLARE 36/11 Alle Imprese Industriali dei Servizi di Pulizia LORO SEDI OGGETTO: Rinnovo c.c.n.l. pulizia e servizi integrati industria

Dettagli

NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE

NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE ALL. 2 NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 Secondo le previsioni dello Statuto e del regolamento didattico di Ateneo la presente normativa disciplina il conferimento delle attività di didattica

Dettagli

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA STIPULA DI CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO A TITOLO ONEROSO O GRATUITO E DI ATTIVITA INTEGRATIVE AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con DR. 11460/I/003

Dettagli

Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto

Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto IL COMITATO TECNICO ORGANIZZATIVO Visto il D.P.R. 11.7.1980, n. 382; Vista la legge 9.5.1989 n. 168, concernente l istituzione del Ministero

Dettagli

Ccnl Lavoro Domestico

Ccnl Lavoro Domestico Ccnl Lavoro Domestico Parti contraenti Parti contraenti FIDALDO, DOMINA Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil, Federcolf Data CCNL 01/02/2007 Rinnovo economico 20/01/2009 parte economica Decorrenza

Dettagli

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2492 Roma 31 dicembre 2014 ALLE ALLE ALLE ASSOCIAZIONI E SINDACATI TERRITORIALI UNIONI REGIONALI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE COMPONENTI

Dettagli

Associazione Famiglie Persone con Disabilità I.R.P.E.A. Padova (organizzazione di volontariato) STATUTO

Associazione Famiglie Persone con Disabilità I.R.P.E.A. Padova (organizzazione di volontariato) STATUTO Associazione Famiglie Persone con Disabilità I.R.P.E.A. Padova (organizzazione di volontariato) STATUTO 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: «Associazione Famiglie

Dettagli

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro AGENDA In contratto di lavoro in Telecom Italia Sicurezza 1 Contrattazione: la vigenza Principali istituti Lo stato dell arte in Telecom Italia Principali temi trattati nel 1 livello di contrattazione

Dettagli

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLE GRADUATORIE PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO NELLE SCUOLE DELL INFANZIA - ASILI NIDO SEDI COMUNALI

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLE GRADUATORIE PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO NELLE SCUOLE DELL INFANZIA - ASILI NIDO SEDI COMUNALI ALLEGATO A MODALITÀ DI UTILIZZO DELLE GRADUATORIE PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO NELLE SCUOLE DELL INFANZIA - ASILI NIDO SEDI COMUNALI 1. GRADUATORIE Sono gestite con le presenti modalità le graduatorie

Dettagli

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato PART TIME NOZIONI GENERALI 1 L avvio del contratto a part time avviene con la firma del nuovo contratto di lavoro presso la Direzione provinciale del Lavoro. Il part time può essere: a tempo determinato

Dettagli

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI A cura di Alessandra Gerbaldi 1 LA BUSTA PAGA NEL CASO DI LAVORO STRAORDINARIO Di seguito si ipotizza il caso di un lavoratore, dipendente di azienda che applica

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali)

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali) Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali) Minimi contrattuali in vigore dal 1/1/2016 al 31/12/2016 Livello Profilo Tabella A C Non Conviventi Paga Oraria A Colf

Dettagli

CONGEDO PARENTALE 2015

CONGEDO PARENTALE 2015 CONGEDO PARENTALE 2015 Si riportano di seguito le modifiche, tardive e parziali, apportate a tale istituto dal Jobs act con validità limitata al periodo dal 25 giugno al 31 dicembre 2015 Art. 32 decreto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 13 agosto 2014 CCNL Area Tessile-Moda, il 25 luglio 2014 sottoscritto il rinnovo del contratto (per i settori TAC, pulitintolavanderia e occhialeria)

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale Articolo 1 Orario di lavoro 1. L orario normale di lavoro è di 40 ore settimanali corrispondenti a 8 ore al giorno

Dettagli

A relazione del Presidente Chiamparino:

A relazione del Presidente Chiamparino: REGIONE PIEMONTE BU28 10/07/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2014, n. 1-1 Conferimento incarico di portavoce del Presidente della Giunta regionale alla dottoressa Alessandra Perera,

Dettagli

PART TIME A.S. 2010-2011

PART TIME A.S. 2010-2011 PART TIME A.S. 2010-2011 Part-time 2 Marzo 2010 Il rapporto di lavoro a tempo parziale La domanda Il 15 marzo 2010 scade il termine per la presentazione della domanda di trasformazione del rapporto di

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore Minimi contrattuali in vigore dal 1/1/2015 al 31/12/2015 Livello Profilo Tabella A C Non Conviventi Paga Oraria A Colf senza esperienza 4,51 A Super Baby

Dettagli

ART. 12 - APPRENDISTATO

ART. 12 - APPRENDISTATO ART. 12 - APPRENDISTATO In attesa che diventi esecutiva la nuova normativa sull apprendistato ai sensi del D. Lgs. n. 276/2003, continua ad applicarsi quanto previsto dall art. 12 del precedente C.C.N.L.

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Art. 1 Normativa di riferimento

Art. 1 Normativa di riferimento REGOLAMENTO PER L UTILIZZO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI DI LAVORATORI TITOLARI DI TRATTAMENTI PREVIDENZIALI AI SENSI DELL ART. 1 E DELL ART. 7 DEL D. LGS. N. 468 DEL 01/12/1997 Art. 1 Normativa di riferimento

Dettagli

DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009

DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009 DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009 ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO CCNL 94 97 ART. 33 Cause di cessazione del rapporto

Dettagli

FormaFarma. Associazione culturale senza scopo di lucro S T A T U T O

FormaFarma. Associazione culturale senza scopo di lucro S T A T U T O FormaFarma Associazione culturale senza scopo di lucro Art 1 Denominazione e sede S T A T U T O È costituita l Associazione culturale sotto la denominazione: FormaFarma - Associazione culturale senza scopo

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione Dispositivo n. 29-2010 del 29 novembre 2010 Prot. n. 1949-2010 del 29 novembre 2010 La Preside della VISTO il DPR 11 luglio 1980, n 382, in particolare gli artt. 9, 100 e 114, e successive modificazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono:

Dettagli

Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013. Roma, 31 luglio 2013

Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013. Roma, 31 luglio 2013 Ipotesi di accordo per il nuovo CCNL A.S.SO.FARM. del 22 luglio 2013 Roma, 31 luglio 2013 1. Un nuovo contratto L accordo in oggetto (pur garantendo una continuità economica con il precedente CCNL a mezzo

Dettagli