GUIDA ALLA MEDIAZIONE TRA PARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA ALLA MEDIAZIONE TRA PARI"

Transcript

1 GUIDA ALLA MEDIAZIONE TRA PARI COMENIUS PROJECT School Conflicts Mediators Multilateral Partnership Realizzata da: CORDINATORE - Prof.ssa e psicoanalista Alina CUCU Petru Poni Technical College, Romania Prof.ssa Doina FERRANT Petru Poni Technical College, Romania Prof.ssa Alina ZAMFIR Petru Poni Technical College, Romania Prof.ssa Giovanna UDA ITCG Enrico Mattei Decimomannu, Italia La traduzione in italiano è a cura delle Prof.sse Giovanna Uda e Rosalia Marciano dell ITCG Enrico Mattei Decimomannu, Italia

2 A tutti quelli che hanno il coraggio e la saggezza di appellarsi ad altri meccanismi per risolvere i conflitti che non siano quelli tradizionali, e a quelli che hanno il genuino desiderio di vivere in pace e armonia con i loro pari, dedichiamo questa guida. CONTENUTI 1. La Mediazione 2. Il Percorso di formazione sulla mediazione scolastica 3. Il Ritratto dello studente mediatore 4. La Formazione dello studente mediatore 5. Il Corso di formazione per gli insegnanti mediatori 6. Bibliografia 2

3 1 LA MEDIAZIONE Cos è la mediazione? Quando due persone non riescono a risolvere un problema da soli, un mediatore può aiutarli. Un mediatore: Ascolta entrambe le parti ma non esprime giudizi su chi ha ragione; Crea l atmosfera adatta di modo che le parti coinvolte nel conflitto possano esprimere i loro sentimenti e interessi; Facilita la comunicazione tra le due parti così che possano provare insieme a risolvere il loro problema; Il ruolo del mediatore è di facilitare la conversazione, non quello di risolvere il conflitto; Le cinque chiavi della mediazione E molto difficile- perfino impossibile- aprire una porta chiusa ma se hai la chiave, la metti nella serratura, la fai girare, la porta si apre. A volte quando gli amici litigano sono come le porte chiuse. Se si possiede la chiave ai loro pensieri, possono essere aiutati a risolvere i loro problemi. Queste chiavi sono molto importanti perché aiutano gli amici e i compagni di scuola a parlare dei loro conflitti apertamente. Le cinque chiavi sono: 1. Non giudicare. I mediatori sono imparziali anche quando pensano che una delle parti abbia ragione e l altra torto. 2. Non dare consigli. A volte i mediatori possono avere delle idee per risolvere il conflitto ma non devono suggerirle alle due parti coinvolte; è il loro conflitto e devono risolverlo da soli a modo loro. Solo allora si sentiranno veramente responsabili. 3. Dimostrarsi equamente empatico. Il mediatore empatico cerca di capire come si sentono entrambe le persone coinvolte. Cerca di mettersi nei loro panni e di capire la situazione da tutte e due le prospettive, evitando di favorire una parte. 4. Mantenere la riservatezza. Le persone si sentono più a loro agio quando parlano dei loro sentimenti e problemi se sanno che i mediatori non ne parleranno con nessuno. 5. Mostrare interesse. I mediatori devono considerare il processo di mediazione e le persone. Devono fare del loro meglio per mettere d accordo le parti coinvolte e risolvere i loro conflitti. Se i mediatori rispettano il processo di mediazione, le parti confideranno nel fatto che questo li aiuterà a risolvere i loro conflitti. 3

4 Gli stadi della mediazione tra studenti Gli stadi della mediazione 1. Preparare il sito (area-luogo) 2. Accoglienza 3. Spiegare le regole 5. Scoprire gli interessi comuni 6. Pensare a possibili soluzioni 7.Prendere una decisione 8. Annotare su un foglio di carta Breve descrizione di ogni stadio Lo studente mediatore (è opportuno che la mediazione sia condotta da due studenti mediatori): -Trova un posto tranquillo e silenzioso; -Si assicura che il luogo sia disponibile e che nessuno possa sentire le conversazioni; -Prepara la stanza. Lo studente mediatore: -Da il benvenuto ai presenti alla sessione di mediazione; -I partecipanti all'incontro si presentano. 1 Lo studente mediatore dice: La mediazione vi darà l'opportunità di lavorare insieme e di andare d'accordo. Con questo processo sarete in grado di trovare una soluzione per migliorare la vostra situazione. Entrambi potete ottenere un risultato soddisfacente tramite la mediazione.. 2 Lo studente mediatore spiega le regole di base: "Prima di iniziare vi dirò alcune regole della mediazione. Due di queste regole che noi mediatori rispettiamo sono: -Noi non parteggiamo per l'uno o per l'altro e non giudichiamo nessuno; -Tutto ciò che è detto qua, è confidenziale; Ci sono anche alcune regole base che vorremmo stabilire: -Niente nomignoli, niente insulti; -Nessuna interruzione; -Siate onesti e rispettosi; -Fate un sincero sforzo per risolvere il problema. 3 Lo studente mediatore chiede a ogni parte in conflitto: " Sei d'accordo con queste regole?" Lo studente mediatore pone domande del tipo: Se tu fossi in lui, come ti sentiresti ora? ; Vuoi uscire da questo conflitto? ; Su cosa potreste entrambi mettervi d'accordo?. 1. Lo studente mediatore dice: "Impegniamoci a cercare possibili soluzioni a questo conflitto". 2. Spiega la procedura alle due parti in conflitto e dice: Quello che dovete fare: -Comunicate qualsiasi idea/soluzione vi viene in mente. -Cercate quante più idee/soluzioni possibili; Quello che non dovete fare: -Non giudicate nessuna idea/soluzione come buona o cattiva; -Non parlate di queste idee/soluzioni, dovete solo ricordarle; Uno dei due studenti mediatori annota le idee/soluzioni proposte dalle due parti. 1. Lo studente mediatore chiede ai confliggenti di valutare le possibili soluzioni: "Quali sarebbero le conseguenze positive e negative di ogni soluzione? Quale soluzione andrebbe incontro agli interessi di entrambi?" Gli studenti devono scegliere una soluzione dalla quale entrambi trarranno beneficio. 2. Se gli studenti non riescono a trovare una soluzione, lo studente mediatore può incoraggiarli a pensare ad altre possibili soluzioni e varianti. 3. Lo studente mediatore chiede alle parti in conflitto di elencare le cose nuove che hanno scoperto su se stessi e sul loro conflitto. 1. Se le due parti hanno raggiunto un punto d'incontro, lo studente mediatore lo riassume a voce alta e scrive su un foglio i risultati della mediazione. Poi chiede a entrambi gli studenti di firmarlo. 2. Si complimenta con loro. 4

5 2 LINEE GENERALI DEI PERCORSI DI FORMAZIONE SULLA MEDIAZIONE SCOLASTICA La mediazione può: Aiutare a risolvere i problemi prima che questi diventino seri; Mostrare agli studenti che possono risolvere le loro questioni da soli; Migliorare il clima scolastico; Ridurre la tensione nella scuola. Tipi di problemi da gestire I mediatori possono aiutare a risolvere i seguenti tipi di conflitto: Litigi; Litigi mancati; Pettegolezzi; Conflitti con estranei; Conflitti insegnante/studente; Conflitti ragazzo/ragazza; Conflitti riguardanti il denaro e la proprietà; Tensioni familiari. Tipi di problemi che non si dovranno gestire. I mediatori non dovranno occuparsi di problemi di: Armi Droga Aggressioni Cos è un mediatore Un mediatore agisce nel seguente modo: Rimane neutrale; Non prende le parti di nessuno; Tratta le persone con grande rispetto; Tratta i problemi con rispetto; Mantiene le questioni riservate; Non da consigli diretti. Cosa non è un mediatore Un mediatore non agisce nei seguenti modi: Come consulente/consigliere, Come giudice; Come avvocato; Come dispensatore di consigli; 5

6 I contenuti del percorso formativo: Saranno discussi i seguenti argomenti: Conflitto e cambiamento; Pressioni tra compagni; Pettegolezzi/voci di corridoio; Essere imparziale e neutrale; Trovare soluzioni: processi e requisiti. Le tecniche di mediazione Saranno svolte esercitazioni pratiche per migliorare/acquisire: Capacità di ascolto; Porre domande (aperte, chiuse, informative, chiarificatrici); Comunicazione non verbale Stendere un accordo. 6

7 3. IL RITRATTO DELLO STUDENTE MEDIATORE L analisi si basa sulla lettura dei dati del Questionario per lo studente mediatore (vedi pagg.11e 12), compilato dagli alunni dell ITCG E. Mattei che hanno frequentato i due corsi di formazione sulla mediazione, tenuti dalla Dott.ssa Maria Aurelia Dessì - mediatrice presso il Tribunale dei Minori di Cagliari, rispettivamente negli anni 2011 e Gli alunni che hanno frequentato il corso sono trentasei, ma solo trentatré di loro hanno restituito il questionario compilato. Le percentuali di seguito elencate si basano sul numero di risposte fornite. Gli studenti mediatori sono descritti dai propri compagni di scuola come simpatici, socievoli e generosi e capaci. Anche i loro genitori li descrivono come persone socievoli, simpatiche e capaci. Pochi sono descritti come irrequieti, impulsivi e nervosi. La stragrande maggioranza degli studenti intervistati afferma di dare il meglio di sé quando sono in gioco i propri interessi e di essere in grado di affrontare situazioni difficili. La maggior parte di loro non si butta a capofitto nelle situazioni senza pensare, anche se sono impulsivi e si pentono in seguito di ciò che hanno fatto. La metà degli intervistati è sensibile a quanto succede intorno a loro, ma non ritiene di essere influenzato da quanto dicono gli altri. Sono altruisti, socievoli e sono in grado di capire gli altri, ma la maggior parte di loro, alla domanda se, quando subiscono un torto da una persona, riescono a mantenere una buon rapporto, ha un atteggiamento neutro. Il 76% qualche volta si è ritrovato coinvolto in conflitti che non lo riguardavano in prima persona, il 18% mai. Rimani coinvolto in conflitti che non ti riguardano direttamente? Non risponde 3% sempre 3% mai 18% qualche volta 76% 7

8 Il 64% degli studenti mediatori ritiene che a scuola accadano spesso degli episodi di conflitto, il 36%qualche volta. Quanto spesso pensi che si verifichino episodi di conflitto a scuola? mai 0% qualche volta 36% spesso 64% Il 52% degli studenti mediatori non sono mai stati coinvolti in questi conflitti, il 42% raramente e il 6% mai. Quanto spesso sei rimasto coinvolto in questi conflitti? spesso 6% mai 52% qualche volta 42% 8

9 Il 55% pensa che la mediazione possa essere uno strumento per risolvere i conflitti, il 39% non lo sa, e il 6% pensa di no. Pensi che potrai essere in grado, con la mediazione, di risolvere i conflitti nella tua scuola? non lo so 39% si 55% no 6% Il 9% degli studenti è molto sicuro di poter essere un buon mediatore, il 33% è sicuro, il 40% ha una posizione neutrale e il 3% non è per niente sicuro. Su una scala da 1 a 5, quanto sei sicuro che sarai un buon studente mediatore? 5.per niente sicuro 3% non risponde 3% 4- un pò sicuro 12% 1- molto sicuro 9% 2- sicuro 33% 3-nè sicuro nè insicuro 40% 9

10 Gli studenti ritengono che il vantaggio maggiore nell essere un mediatore consista nella possibilità di aiutare gli altri e di capirli, nel non avere pregiudizi e nel fatto di aver imparato qualcosa utile anche per se stessi. Inoltre il 10% pensa che fare da mediatore sia gratificante. I vantaggi dall'essere un buon studente mediatore poter risolvere i problemi degli altri 7% perché quello che ho imparato serve anche a me 10% non avere pregiudizi 10% più amici e meno litigi 7% vedere i problemi da un altro punto di vista 3% capacità di mediare 7% è gratificante 10% aiutare gli altri 24% capire i sentimenti degli altri 14% parlare di più 4% essere meno impulsivi 4% La maggior parte degli studenti mediatori ritiene non ci siano svantaggi dall essere uno studente mediatore. Il 17% invece ha paura che il loro ruolo non possa essere compreso, altri di ritrovarsi coinvolti in conflitti da cui è meglio rimanerne fuori o di non essere in grado di essere d aiuto per gli altri. Gli svantaggi dall'essere uno studente mediatore che gli altri non possano comprendere il ruolo 17% le persone hanno il loro parere e nessuno riesce a distoglierle 4% paura di ritorsioni 4% se non so risolvere un problema 9% essere coinvolto in situazioni da dove preferiresti restare fuori 9% nessuno 57% 10

11 Sesso a. femmina b. maschio Il Questionario per lo Studente Mediatore Rispondi sinceramente. Il questionario è ANONIMO. 1.Ti trovi mai coinvolto in conflitti che non ti riguardano direttamente? a. sempre b. qualche volta c. mai 2. Secondo te quanto spesso si verificano dei conflitti nella nostra scuola? a. spesso b. di rado c. mai 3. Quanto spesso sei rimasto coinvolto in questi conflitti? a. spesso b. di rado c. mai 4. Rifletti sulle seguenti affermazioni ed esprimi quanto sei d accordo con esse cerchiando il numero che corrisponde alla tua risposta. E importante che tu esprima ciò che realmente fai o dici e NON ciò che pensi sia corretto o giusto. Molto d accordo D accordo Né d accordo né in disaccord o Disaccordo Do il meglio di me stesso quando sono in gioco i miei interessi. Ho un intelligenza pronta specialmente in situazioni difficili. Penso di essere perspicace nelle situazioni interpersonali. Il mio essere incontenibile spesso mi causa dei problemi. Mi butto a capofitto nelle azioni senza pensarci troppo. Mi adiro facilmente, anche se più tardi me ne pento. Presto più attenzione agli altri che a me stesso Fremo (m innervosisco) facilmente per qualsiasi cosa accade intorno a me. Tutto ciò che gli altri dicono o fanno m influenza Spesso i miei tantissimi pensieri sulle persone che mi circondano mi tormentano. Capisco gli altri Aiuto spesso gli altri Ho un carattere socievole Anche se qualcuno mi fa del male, continuo a mantenere un buon rapporto con quella persona Per nulla d accordo 11

12 5. Rispondi la prima cosa che ti viene in mente. I miei compagni di scuola mi descrivono così I miei genitori mi descrivono così. Sarò un buon studente mediatore perchè. 6. Pensi di poter contribuire, grazie alla mediazione, a risolvere i conflitti nella tua scuola? a. SI b. NO c. NON LO SO 7. Su una scala da 1 a 5,quanto sei sicuro che sarai un buon studente mediatore? 1- molto sicuro 2- sicuro 3- né sicuro né insicuro 4- un po sicuro 5- per nulla sicuro 8.Quali pensi possano essere i vantaggi nell essere un buon studente mediatore? Quali pensi possano essere gli svantaggi nell essere uno studente mediatore?. 12

13 4. PERCORSO DI FORMAZIONE ALLA MEDIAZIONE TRA PARI L attività di mediazione degli studenti formati tramite il progetto School Conflicts Mediators si è dimostrata una valida alternativa per eliminare/ridurre i conflitti scolastici. Gli studenti sono, infatti, in grado di facilitare la comunicazione tra le parti meglio di genitori o insegnanti. Essere uno studente mediatore significa non solo mediare la comunicazione tra compagni in conflitto ma anche iniziare a riflettere sul conflitto, cosi che entrambe le parti giungano ad una lettura del conflitto sulla base dei loro valori personali. Lo studente mediatore deve fare in modo che le parti, ostili, cambino atteggiamento e percezione rispetto al conflitto in corso e che trovino essi stessi una soluzione accettabile. E possibile mediare gli inevitabili conflitti tra compagni di scuola se le istituzioni scolastiche formassero mediatori, con l utilizzo di programmi adeguati, che garantiscano un modo efficace per affrontare i conflitti. Inoltre, perché gli studenti mediatori, formatisi a seguito di un corso al quale devono aderire in modo volontario, abbiano successo nel mettere in atto il processo di mediazione, dovranno dimostrare di avere precise abilità nel: Stabilire relazioni di mediazione efficienti con entrambe le parti in conflitto, così che i partecipanti al processo possano fidarsi, comunicare liberamente e accettare i suggerimenti; Creare un atteggiamento di cooperazione tra le parti in conflitto; Sviluppare un processo creativo di lavoro di gruppo e adottarne le decisioni; Identificare le singole informazioni intorno alle quali gravitano i conflitti. Queste abilità possono essere utili per arrivare a soluzioni che le parti altrimenti non prenderebbero in considerazione. Esse possono essere sviluppate durante le sessioni di formazione alla mediazione. Sono basate su una serie di caratteristiche della personalità che devono essere prese in considerazione al momento della selezione dei partecipanti alla formazione: empatia, tolleranza, socializzazione, onestà, sincerità, imparzialità e flessibilità, capacità di comunicazione, rispetto, capacità di gestire le proprie emozioni, una buona immagine di se stessi e perfino creatività. Queste caratteristiche sono utili sia per convincere i compagni ad accettare la mediazione immediatamente dopo l esplosione del conflitto, sia durante il processo di mediazione in se. Tutti i ragazzi che hanno partecipato alle sessioni di formazione erano in grado di riconoscere situazioni di conflitto nella classe o a scuola, anche se non direttamente coinvolti. Agli studenti in formazione è stato chiesto di annotare le situazioni di conflitto nelle quali erano coinvolti loro o i loro compagni e hanno riscontrato conflitti simili. Alcuni esempi: -Due compagni litigano perché uno di loro non vuole cedere i suoi compiti. - Menefreghismo e superficialità nell adempiere agli impegni presi; [ ] -Uno studente non porta a termine i suoi compiti quando fa parte di un gruppo; 13

14 -Un studente spinto da un senso di frustrazione diventa violento verso un compagno più fortunato di lui; -Un gruppo di studenti crea una situazione di conflitto perché gli studenti con buoni voti vengono presi in giro; - Studenti prendono in giro un compagno timido. In conclusione si può affermare che le situazioni conflittuali sono causate dalla mancanza o dalla cattiva comunicazione, dall assenza di obbiettività, dal procrastinare la risoluzione del problema/conflitto, dalla competizione, dall egoismo, dall incompatibilità, dalla stima di se, dall aggressività, da un comportamento non appropriato; ma anche dall assenza di qualità come la tolleranza e l empatia o perfino da alcuni fattori esterni come la mancanza di tempo, soldi o spazio. Coloro che non riescono a distinguere l aggressività dalla violenza sono più facilmente coinvolti nei conflitti. La linea di confine tra l aggressività e la violenza si situa tra l ironia e il rifiuto di aiutare. La violenza si manifesta in forma di minaccia, scontri fisici, spintoni e bullismo. Durante le sessioni di formazione, gli alunni avevano il compito di illustrare uno dei conflitti di cui avevano esperienza diretta o indiretta, attraverso un gioco di ruolo. Nelle simulazione gli studenti assumevano il ruolo delle due parti in conflitto, dei due mediatori e dei due osservatori. A fine corso erano in grado di applicare le regole della mediazione con l osservazione dei suoi cinque punti chiave : - Non giudicare - Non dare consigli - Essere equamente empatici - Mantenere la riservatezza/segreto - Dimostrare di tenerci Nella seconda parte della sua guida intitolata Mediating pupils: training and implementation Daniel Shapiro propone alcune fasi che gli insegnanti/formatori degli studenti mediatori dovrebbero seguire. In una prima fase si prepara l area, cioè si sceglie un posto deputato per le attività di mediazione, in modo da assicurare la sicurezza e la riservatezza. Il secondo stadio, quello dell accoglienza, è il più importante. Proprio ora il mediatore e le parti coinvolte nel conflitto devono presentarsi/conoscersi; poi si passa ad illustrare la motivazione dell'intervento di mediazione, il ruolo del mediatore, l idea d imparzialità e neutralità e in quale modo la mediazione sarà di aiuto per trovare una soluzione accettabile per entrambe le parti. Il terzo passo è essenziale per un efficiente sviluppo della mediazione: l analisi e la definizione del problema, con il mediatore che conduce la discussione, ascolta attivamente, riformula e sintetizza le idee presentate. Incoraggiare una comunicazione assertiva e chiedere agli studenti di esprimere le loro aspettative è il quarto passo. 14

15 La fase seguente è quella di scegliere una soluzione dalla quale entrambi i ragazzi coinvolti possano trarre beneficio, questo dopo aver analizzato le conseguenze e i lati positivi di ogni soluzione proposta. Se le parti in conflitto riescono a trovare soluzioni che incontrano i loro bisogni e interessi, il mediatore stende per iscritto un accordo formale nell ultimo stadio del processo di mediazione. Inoltre il mediatore ringrazia i compagni per gli sforzi fatti durante la sessione di mediazione, per il loro desiderio di incontrarsi e trovare una soluzione e si congratula con loro per il successo raggiunto. Il successo viene registrato e l accordo finale ricordato. Se non si raggiunge un accordo, i progressi fatti e gli aspetti non risolti sono comunque registrati e si predispone un prossimo incontro. Gli insegnanti mediatori hanno a diposizione materiale specializzato e diversificato per guidare gli alunni attraverso il labirinto dell arte di mediare nei conflitti. Imparando le tecniche per risolvere i conflitti, gli studenti sviluppano utili competenze per tutta la vita, e la loro capacità di approcciarsi ai conflitti in modo costruttivo li aiuterà ad essere più equilibrati. [ ] Alcune attività per gli studenti, da svolgere nei corsi di formazione. I. Esercizi per l apprendimento delle tecniche di ASCOLTO ATTIVO L idea di base dell ascolto attivo è quella di dimostrare all altra persona che: (a) si sta ascoltando; (b) che c è la possibilità di correggersi se chi lo ascolta ha sentito male; (c) farla sentire ascoltata. L ascolto attivo ha bisogno di pratica. Ecco alcune frasi che potrebbero aiutare il mediatore a riassumere, parafrasare, rielaborare e dare riconoscimento a quanto espresso dalle parti configgenti: Allora ti senti Quello che ti sento dire. Quindi come la vedi. Da quel che posso capire, stai dicendo. Mi sembra di capire. Non sono sicuro se ho capito ma. Ho la sensazione che forse tu ti senta Ti senti. Quello che ti sento realmente dire. Mi domando se stai esprimendo una preoccupazione che. Mi sembra che tu stia esprimendo una preoccupazione a proposito di Mi domando se tu stia dicendo. 15

16 Dai un alto valore a. Ti sembra?... Adesso credi. Adesso ti senti. Senti forse che. Sembra che tu ti senta. Ti sembra Da quello che sento tu Quindi dal tuo punto di vista I tuoi sentimenti ora sono Vedo che stai dicendo. Qualche volta tu Il tuo messaggio sembra essere io. Ascoltandoti sembra che Io intuisco. Quindi il tuo mondo è un posto Tu comunichi un senso di. II. Come presentare la comunicazione non verbale. Il formatore può: A. Iniziare una discussione sul tema dell ascoltare oltre ciò che le persone dicono; B. Fare un brainstorming sui segnali del linguaggio del corpo che ci fanno capire cosa c è oltre alla comunicazione verbale. Per esempio, si scelgono quattro studenti e si chiede a due di loro di pensare a un momento felice e agli altri due di pensare a un momento triste. Ogni studente deve descrivere il suo momento al gruppo usando il linguaggio del corpo, come se fosse l opposto. Cioè lo studente che stava pensando al momento triste, lo descriverà come se fosse felice. Il formatore chiede al gruppo: Cosa credete????quali indizi leggete???? Dove vedete le discrepanze???? III. Una simulazione/gioco di ruolo Questo caso coinvolge due studenti che litigano a proposito di soldi che uno di loro ha preso in prestito dall altro: Mark ha preso in prestito dei soldi da John. John ha chiesto a Mark di restituirgli i soldi diverse volte. Mark però ha sempre avuto una scusa per non restituirglieli. Un giorno tra una lezione e l altra, John litiga con Mark quando quest ultimo cerca di riprendersi i soldi. 16

17 E importante che lo studente che avrà il ruolo di mediatore abbia con sé l elenco dei punti importanti che vuole ricordare ai disputanti (dovrebbe conservare questa lista dove la può consultare, se ne ha bisogno, mentre fa pratica nelle prime fasi della formazione). 1 Due studenti avranno il ruolo di mediatori. 2 Due studenti avranno il ruolo di disputanti. 3 Scambio dei ruoli (cosi che tutti faranno entrambe le parti). 4 Ripetizione della simulazione fino a quando tutti riescono ad eseguirla in maniera corretta e con una certa facilità. IV Calmare la tempesta Durante la mediazione, i ragazzi dovranno calmare la tempesta molte volte, cioè dovranno calmare le parti in conflitto. La rabbia è il sentimento più comune in un conflitto. Per gestire quelle situazioni nelle quali la rabbia prevale e per evitarle, i ragazzi dovrebbero cercare di analizzare se stessi nei momenti di rabbia e cercare di mettere in relazione quanto imparato ad altre persone o situazioni. Il formatore può chiedere ai ragazzi di fare una lista di situazioni che li fanno arrabbiare (per esempio: io mi adiro quando mio fratello ). Poi chiede loro di descrivere (per ogni caso) come esprimono la loro rabbia (per esempio: picchio mio fratellino, divento scortese con i miei genitori ecc). A questo punto chiede loro di ricordare come gli altri hanno reagito alla loro rabbia (per esempio: mio fratello.). Infine il formatore propone ai ragazzi di scegliere un partner. Secondo quanto hanno scritto, ogni studente risponderà alle seguenti domande: -Quali sono le cose che mi fanno arrabbiare? -Quali sono i tre modi principali in cui io mostro maggiormente la rabbia? -Quali sono le reazioni di quelli intorno a me quando mi arrabbio? -Come potrei rispondere diversamente quando mi arrabbio? Discussione sui risultati ottenuti e generalizzazione. Gli studenti dovranno cercare di stabilire come ciò che hanno imparato possa essere usato per la mediazione: -Tenendo conto delle tue reazioni come potresti prevenire/calmare la rabbia dei partecipanti durante il processo di mediazione? -Quale dovrebbe essere la tua reazione durante un processo di mediazione se qualcuno si arrabbia? 17

18 Per i mediatori è complicato ottenere la fiducia delle persone in conflitto, specialmente all inizio perché queste sono stressate a causa del conflitto stesso o dal fatto che questo sia mediato da una persona estranea, ecc. Sarebbe opportuno pensare cosa sarebbe meglio fare in modo da diminuire lo stress psicologico. V Il Brainstorming Il brainstorming è un metodo per attivare le idee. Fu inventato da A.Osborn nel 1953, e prevede il coinvolgimento di ogni membro del gruppo con l obiettivo di raccogliere il più idee possibili dai partecipanti. Come è applicato il metodo? I. Tema del brainstorming: il conflitto Il concetto di conflitto è spiegato ai ragazzi partendo dalla sua definizione. Secondo Wasmuth il conflitto rappresenta un fatto sociale al quale partecipano almeno due parti (individui, gruppi, stati), che perseguono diversi obbiettivi inconciliabili o anche lo stesso obiettivo, ma che può essere raggiunto solo da una delle due parti. Partendo da questa definizione, si spiega agli studenti che le parti coinvolte nel conflitto sono incoraggiate ad esporre spontaneamente le loro idee riguardo a ciò che ha causato lo stato di tensione. Tutte le idee sono ascoltate attentamente. La discussione sulle idee deve essere fatta immediatamente cosi che i partecipanti non si sentano inibiti o non subentri un blocco di tipo intellettuale. Le soluzioni vengono date in un secondo momento dal mediatore insieme ai partecipanti. Le idee sono annotate in una tabella (vedi es. sotto). 18

19 negazione pregiudizi egoismo competitività mancanza di istruzione perfezionismo conflitto sfiducia alte aspettative mancanza di rispetto pensieri negativi senso di inferiorità mancanza di empatia arroganza di un collega 19

20 I RISULTATI DEL BRAINSTORMING EGOISMO SOLIDARIETÀ ALTE ASPETTATIVE COMPRENSIONE COMPETITIVITÀ ACCETTAZIONE PERFEZIONISMO INDULGENZA PENSIERI POSITIVI PENSIERI NEGATIVI MANCANZA DI ISTRUZIONE ISTRUZIONE PREGIUDIZI TOLLERANZA MANCANZA DI RISPETTO RISPETTO NEGAZIONE ACCETTAZIONE ASSENZA DI EMPATIA EMPATIA DIFFIDENZA FIDUCIA 20

21 II. Tema del brainstorming: la violenza Si comincia con la definizione di violenza. Violenza significa costringere, forzare, obbligare, far rispettare. Come si applica il metodo? 1. Brainstorming individuale debolezza paura violenza frustrazione senso di inferiorità 2. Intervista di gruppo - Quali sono i risultati del brainstorming? - Qual è il profilo psicologico della persona violenta? - Perché una persona attacca un altra persona? - Come possiamo diminuire il livello della violenza? 3.Preparare degli schemi con i quali ogni studente cerca le soluzioni al problema della violenza. 4. Mostrare i prodotti 5. Prendere visione dei prodotti 6. Dibattito 21

22 Esempio: Mostrare i prodotti sul tema della violenza Soluzioni 1. comunicare 2. aumentare l autostima 3. tollerare 4. aumentare l attenzione I Soluzioni 1. aumentare l attenzione 2. mantenere la calma 3. usare un tono di voce piacevole 4. usare il linguaggio appropriato II III Soluzioni 1. non giudicare 2. non ricorrere alla violenza verbale 3. non alzare il tono della voce 4. non attaccare 22

23 Modulo per il consenso alla mediazione tra pari Data: Contendente: Mediatore: Contendente: Mediatore: Tipo di conflitto: o Bisticcio o Pettegolezzo o Minaccia o Presa in giro o Proprietà personali o Infastidire o Amicizia o Costrizione o Altro: Abbiamo partecipato alla mediazione e abbiamo concordato su: io,, sono d accordo a:. io,, sono d accordo a:. (Firma, contendente) (Firma, mediatore) (Firma, contendente) (Firma, mediatore) 23

24 5 PERCORSO DI FORMAZIONE ALLA MEDIAZIONE PER GLI INSEGNANTI - Romania Il conflitto: chiarimenti concettuali; le strategie per gestire il conflitto. Definizione di conflitto: Il conflitto presuppone un opposizione, un incompatibilità, un disaccordo tra due o più parti. Le parti possono essere persone, gruppi con diverse idee, motivazioni, obiettivi, bisogni interessi o valori. I tipi di conflitto Mentre il conflitto coinvolge due o più parti che si oppongono, il loro livello di coinvolgimento può essere molto diverso. Nel libro Community Conflicts Skills Mari Fitzduff identifica diversi tipi di conflitto: Secondo il loro livello di localizzazione i conflitti possono essere: Intra-personali: si verificano all interno di una persona, dentro un processo intenso di incompatibilità tra le proprie idee, bisogni o valori. Inter-personali Intra- gruppi: all interno di un gruppo Inter-gruppi/organizzazioni: si verificano tra gruppi/organizzazioni o individui che rappresentano questi gruppi/ organizzazioni (compresi gli Stati, in senso più ampio). Secondo la fonte: Conflitti affettivi, di procedura, di obiettivi, di bisogni o di idee. Secondo la posizione occupata dagli attori coinvolti nel conflitto; Conflitti simmetrici e assi metrici. Secondo lo stadio/ forma del conflitto: Conflitti latenti e manifesti. Le cause / origini dei conflitti Le cause sono numerose: le differenze nei bisogni (materiali, di sicurezza e comodità, di identità, di appartenenza e di autostima), nei valori, nelle percezioni, nelle opinioni e attitudini. Differenze tra i bisogni I conflitti si manifestano quando ignoriamo i bisogni degli atri o i nostri stessi bisogni. E importante non confondere i bisogni con i desideri (le cose che vogliamo ma che non sono necessarie). Le differenze di percezione Le persone interpretano la realtà in modo diverso. La gravità, le cause e le conseguenze possono essere percepite in modo diverso da ciascuno, a cominciare dalla percezione che le persone hanno di se stesse, degli altri, delle diverse situazioni e dei pericoli. Le differenze di valore I valori sono convinzioni e principi, fortemente ancorati nella nostra mentalità e ai quali teniamo tantissimo. I conflitti seri si verificano quando le persone hanno dei valori incompatibili o quando i loro valori non sono abbastanza chiari. 24

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011 Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Studio e riflessione sui distinguo teorici e analisi delle affinità

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza.

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. Per definizione la Prosocialità è l insieme di quei comportamenti che, senza la ricerca di

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

NEGOZIAZIONE. Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012

NEGOZIAZIONE. Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012 NEGOZIAZIONE Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012 La negoziazione È una modalità per risolvere divergenze di interessi, attuabile quando ciascuna delle parti possiede, ed è disposta a cedere qualche

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

ANALISI TRANSAZIONALE

ANALISI TRANSAZIONALE ANALISI TRANSAZIONALE Modulo di training alla comunicazione efficace secondo il modello di Eric Berne dott. Rinaldi Livio COMUNICAZIONE ASIMMETRICA comunicativa Asimmetria Età scolare Adolescenza Maturità

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

Il processo della salute

Il processo della salute Louise L. Hay Il processo della salute Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Michele Ulisse Lipparini, Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 Guarisco

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

La valutazione degli insegnanti

La valutazione degli insegnanti La valutazione degli insegnanti Incipit Le considerazioni di questo breve testo in parte nascono da quanto letto in un articolo del Corriere della sera dell'11 giugno del 2008; un'intervista nella quale

Dettagli

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI MESTRE CONSIGLI PER IL VOLONTARIO INDICE Cosa fare pag. 4 Consigli pag. 7 Cosa non fare pag. 8 Codice deontologico del volontario pag. 10 Caro Amico,

Dettagli

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria 10 Maggio 2013 Dott.ssa Lucia Candria Mamma e papà devono: Offrire sostegno Dare fiducia Essere complice per superare gli ostacoli Alimentare l autostima AUTOSTIMA Rappresenta una valutazione globale su

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

La terapia dei disturbi del comportamento

La terapia dei disturbi del comportamento ISTITUTO EUROPEO RICERCA FORMAZIONE ORIENTAMENTO PROFESSIONALE ONLUS REGIONE EMILIA ROMAGNA VIA BIGARI 3-40128 BOLOGNA Tel. 051 6311768 e-mail bologna@ierfop.org www.ierfop.org La terapia dei disturbi

Dettagli

Lavorare sulla nonviolenza con persone che hanno ucciso di Pat Patfoort

Lavorare sulla nonviolenza con persone che hanno ucciso di Pat Patfoort Lavorare sulla nonviolenza con persone che hanno ucciso di Pat Patfoort Da sei anni lavoriamo regolarmente in 7 diverse prigioni del Belgio con gruppi di circa 10 prigionieri. Ci incontriamo con i gruppi

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Servizio Sanitario della Toscana GUIDA PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO URP. Ufficio Relazioni col Pubblico Tutela del Cittadino

Servizio Sanitario della Toscana GUIDA PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO URP. Ufficio Relazioni col Pubblico Tutela del Cittadino Servizio Sanitario della Toscana GUIDA PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO URP Ufficio Relazioni col Pubblico Tutela del Cittadino PER IL PERSONALE DEDICATO AI RAPPORTI CON IL PUBBLICO

Dettagli

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari)

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Più donne per i C.d.A. e le posizioni apicali Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Regione Piemonte Torino, 2 aprile 2014 I veri Leader non nascono tali, lo diventano grazie all impegno e

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

Uditori di voci e gruppi di auto mutuo aiuto

Uditori di voci e gruppi di auto mutuo aiuto Uditori di voci e gruppi di auto mutuo aiuto Cosa ci dice l esperienza l dei gruppi a.m.a e dei gruppi a.m.a di uditori di voci Alessandra SANTONI DSM - AO Sacco - Milano Nascita del Gruppo INCONTROVOCI

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

A CURA DELLA COMMISSIONE TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E MEDIAZIONE DISCORSO INTRODUTTIVO DEL MEDIATORE/CONCILIATORE

A CURA DELLA COMMISSIONE TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E MEDIAZIONE DISCORSO INTRODUTTIVO DEL MEDIATORE/CONCILIATORE A CURA DELLA COMMISSIONE TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E MEDIAZIONE DISCORSO INTRODUTTIVO DEL MEDIATORE/CONCILIATORE PRESENTAZIONE Mi presento sono il Dr/Avv., sono stato nominato dall Organismo di per svolgere

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

PROGETTO PER L INSEGNAMENTO DELLE COMPETENZE SOCIO- EMOTIVE IN UNA SCUOLA PRIMARIA cl. 2^

PROGETTO PER L INSEGNAMENTO DELLE COMPETENZE SOCIO- EMOTIVE IN UNA SCUOLA PRIMARIA cl. 2^ PROGETTO PER L INSEGNAMENTO DELLE COMPETENZE SOCIO- EMOTIVE IN UNA SCUOLA PRIMARIA cl. 2^ MAMMA MIA CHE EMOZIONE! PROGETTO PER L INSEGNAMENTO DELLE COMPETENZE SOCIO- EMOTIVE IN UNA SCUOLA PRIMARIA- classi

Dettagli

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti.

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Obiettivi: 1. Autoconsapevolezza: Saper riconoscere sul nascere e monitorare le proprie emozioni, saper essere consapevoli

Dettagli

Il pensiero positivo! www.skilla.com

Il pensiero positivo! www.skilla.com Il pensiero positivo! www. Come accrescere la propria autostima fronteggiando le situazioni difficili. Il pensiero positivo! L avvenire ci tormenta, il passato ci trattiene, il presente ci sfugge. Gustave

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Le abilità sociali e le regole. La scuola diventa autorevole

Le abilità sociali e le regole. La scuola diventa autorevole Le abilità sociali e le regole La scuola diventa autorevole Il perché delle regole e delle abilità sociali? Le abilità sociali permettono di mettere in atto tutti quei comportamenti che fanno sì che si

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze EDUCARE LE EMOZIONI Principi ed attività per lo sviluppo delle competenze socio-emotive nella scuola CHI S I A M O Sperimentiamo e valutiamo in quale modo competenze trasversali come quelle sociali ed

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE Dr.ssa Arianna Pomero Aspetto centrale dell essere essere

Dettagli

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali Questionario sulle abilità comunicativo relazionali a cura di Fabio Navanteri per il tutor: da leggere ai corsisti Il questionario che vi proponiamo vi permetterà di individuare alcuni tratti del vostro

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

1. Adolescenza e consapevolezza

1. Adolescenza e consapevolezza 1. Adolescenza e consapevolezza Riflessione E-ducazione (portar fuori) ed evoluzione La consapevolezza: conoscersi per autoeducarsi Il distacco dalle sicurezze dell infanzia Individuarsi: le mie attese,

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Situazione problematica rivolta alla classe 1^B Scuola Secondaria di 1 Grado-Bartolo da Sassoferrato-IC Sassoferrato- Prof. Ottavi

Situazione problematica rivolta alla classe 1^B Scuola Secondaria di 1 Grado-Bartolo da Sassoferrato-IC Sassoferrato- Prof. Ottavi Situazione problematica rivolta alla classe 1^B Scuola Secondaria di 1 Grado-Bartolo da Sassoferrato-IC Sassoferrato- Prof. Ottavi Contesto La situazione problema è rivolta ad una classe prima della scuola

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE.

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. WWW.DIDATTICAPERSUASIVA.COM In questo articolo apprenderai come strutturare una lezione semplice ed efficace per spiegare ai tuoi alunni con DSA e non, quali sono le

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

ANNA LA PROVA INSEGNARE LE ABILITA SOCIALI IN 3 PASSI TECNICHE DI DIDATTICA INCLUSIVA

ANNA LA PROVA INSEGNARE LE ABILITA SOCIALI IN 3 PASSI TECNICHE DI DIDATTICA INCLUSIVA ANNA LA PROVA INSEGNARE LE ABILITA SOCIALI IN 3 PASSI TECNICHE DI DIDATTICA INCLUSIVA 1 Ciao, sono Anna La Prova e in questa breve guida ti parlerò di come promuovere le abilità sociali per realizzare

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE Avviamento, sviluppo e potenziamento della competenza comunicativa, la chiave di volta del

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Attività per la scuola secondaria di II grado

Attività per la scuola secondaria di II grado Attività per la scuola secondaria di II grado Il punto di esplosione Gli adolescenti sperimentano ed esprimono la rabbia in diversi modi. Alcuni esplodono da un momento all altro, apparentemente senza

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE. Gabriele Prati

CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE. Gabriele Prati CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE Gabriele Prati COS È UN CONFLITTO? E una percezione di divergenza di interessi o obiettivi AMBITI DEI CONFLITTI Persona Gruppo Organizzazione Società Conflitti intraunità

Dettagli

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO?

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO? LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Ehi, ti è mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza? Cosa fa un bullo? Prende a calci e

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE EDUCARE è COSTRUZIONE DI SENSO gruppo classe = gruppo di lavoro? ma si differenzia da questo, che è regolato da ruoli, norme e obiettivi precisi e condivisi, perché non è la norma nella sua interezza che

Dettagli

PROGETTO La Mediazione Scolastica: strategie di regolazione dei conflitti

PROGETTO La Mediazione Scolastica: strategie di regolazione dei conflitti ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE MICHEA ONLUS PROGETTO La Mediazione Scolastica: strategie di regolazione dei conflitti Presentazione dell associazione L associazione di promozione sociale Michea onlus

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Programme "Prevention of and Fight against Crime" European Commission Directorate General Justice Freedom and Security

Programme Prevention of and Fight against Crime European Commission Directorate General Justice Freedom and Security Programme "Prevention of and Fight against Crime" European Commission Directorate General Justice Freedom and Security JUST. Juvenile Justice. Development of child rights based methods of intervention

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it

Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it Intervento a scuola: trattamento cognitivo-comportamentale e gestione delle emozioni Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it Bassa autostima Depressione Ansia Ostilità Problematiche emotive frequentemente

Dettagli