I CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE DELLE SOCIETÀ PER AZIONI FRA MITOLOGIE ROMANTICHE E PATOLOGIE SEMPITERNE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE DELLE SOCIETÀ PER AZIONI FRA MITOLOGIE ROMANTICHE E PATOLOGIE SEMPITERNE"

Transcript

1 Università degli Studi di Brescia Dipartimento di Economia Aziendale Arnaldo CANZIANI I CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE DELLE SOCIETÀ PER AZIONI FRA MITOLOGIE ROMANTICHE E PATOLOGIE SEMPITERNE Paper numero 122 Dicembre 2011

2 I CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE DELLE SOCIETÀ PER AZIONI FRA MITOLOGIE ROMANTICHE E PATOLOGIE SEMPITERNE di Arnaldo CANZIANI Università degli Studi di Brescia Il saggio che segue costituisce la versione organica della relazione al Convegno Ruolo, composizione e funzionamento del Consiglio di Amministrazione, XVI Seminario di Studio, Bressanone, settembre 2011 L'autore ringrazia la Biblioteca "Umberto Balestrazzi" e l'istituto Gramsci di Parma per la riproduzione generosa di materiale d'archivio, nonché per il permesso di pubblicarne alcune sezioni nel. 3

3 Indice Prefazione Introduzione I consigli di amministrazione tra utilità e futilità, i.e. operanti o ratificativi La fisiologia silenziosamente operante La deprivazione decisionale, alias patologia ratificativa L'ampiezza delle deleghe e il formalismo ratificativo Alcune fattispecie patologiche dagli anni Trenta del secolo XX alla Prima Repubblica Premessa Lo svolgimento dei consigli di amministrazione in due Banche di Interesse Nazionale La banca A La banca B Altre fattispecie degli anni Novanta del secolo XX Premessa Il caso Parmalat Il caso Telecom-Serbia I prodotti finanziarî strutturati della banca A, Le operazioni in titoli della Banca E, Vertici tiranni, consiglieri asserviti: la gestione strategica e organizzativa nei gruppi di società e i "conigli di amministrazione" delle controllate Conclusioni... 36

4 <videbis, fili mi, quā pauca sapientiā regitur mundus> (Gabriel THURESON conte di OXENSTIRN) 1 1 Gli OXENSTIERN(A) furono una fra le più illustri famiglie di Svezia, consiglieri della Corona sino dal secolo XIV, poi Reggenti nel secolo XV, Cancellieri del Regno e Ministri degli Esteri nel XVII, fino a Johan Gabriel conte di Corsholm e Wasa ( ), poeta di Corte sotto Gustavo III. L'esergo è invece dovuto a un componente storicamente minore ma più rilevante nella storia della letteratura (e della pietà cristiana): militare, diplomatico, Governatore sotto Carlo II, finisce successivamente in miseria ma, da ex-libertino e festaiolo poi convertito al cattolicesimo, raccoglie queste riflessioni morali pubblicate già lui vivente (cfr. in generale Enciclopedia Biografica Universale, Roma, Treccani, vol. XIV, pp , e sul Nostro il Dizionario biografico universale, vol. IV, p. 336). L'edizione standard è la seconda tedesca, pur poi discussa per le impefezioni e gli errori, Pensées sur divers sujets morales. Nouvelle edition revue, corrigée & augmentée de maximes et reflections par le meme auteur, Francfort, F. Varrrentrapp, 1736, 2 tomi in 12, pp. (8)-342, (8)-282; l'edizione da cui si cita è la francese, largamente rivista, Pensées de Monsieur le comte d'oxenstirn sur divers sujets, La Haye, Jean van Duren, 1759, 2 tomi in 12, pp. (16)-298, 261-(3); esiste di questa una traduzione italiana, Pensieri sopra diversi soggetti con le riflessioni morali del medesimo autore. Recato dala francese nell'italiana favella da Dom. Carrari, Venezia, Giammaria Bassaglia, 1770, 2 volumi in 8, pp. 333, 258

5 I Consigli di Amministrazione delle S.p.A. fra mitologie romantiche e patologie sempiterne Prefazione Il tema del contrasto e dell'equilibrio di interessi e di poteri nelle Società per Azioni risale in vario modo alle Compagnie des Indes, per poi rafforzarsi nel corso dell'ottocento specialmente dopo il Code Napoléon e lungo il corso delle prime e seconde Rivoluzioni Industriali (in particolare le continentali, dalla Francia alla Germania all'italia). Il tema è noto o dovrebbe nei suoi svolgimenti giuridici sin dalla metà dell'ottocento come pure nelle trattazioni dell'economia marxista (Rudolf Hilferding, Das Finanzkapital, 1911), e nondimeno nei suoi svolgimenti aziendali a principiare da Fabio Besta (specialmente nell'edizione postuma della Ragioneria, Milano, Vallardi, 1922, 3 volumi). In particolare, ciò che oggi molti o tutti ripetono, ripetendo più o meno dall'american English cioè la differenza fra shareholders e stakeholders è già in Commons, poi nel countervailing power di J.K. Galbraith, ed è infne assolutamente compiuta in Carlo Masini, da ultimo in Lavoro e Risparmio (Torino, UTET, 2 a edizione, 1980), in questo caso incardinata nel tomismo, e in particolare nel sempre attuale p. Vittore Cathrein. D'altra parte inutile lamentarsi, oggi è così, e forse è così da sempre se Daniele Varé, Ministro d'italia in Cina , ricordava: "Noi oggi percorriamo la Cina in treno, in auto, col vapore; ma ovunque giungiamo scopriamo che Marco Polo c'era già stato, a piedi o a cavallo, centinaia di anni prima di noi: è proprio vero che noi diciamo nuovo nel mondo solo ciò che abbiamo dimenticato" (Il diplomatico sorridente, Milano, Hoepli, 1941). Anzi oggi il tema, dopo tante ripetizioni aziendali, e la di lui opportuna ripresa giuridica (Montalenti), parrebbe divenuto secondo taluni un tema puramente economicista! È questo un ulteriore problema dell'epoca spiritualmente sconvolta, speculativamente irrazionale, e specialmente delle scienze sociali a causa della loro latitudine di confini. È inoltre un problema particolare di molte branche dell'economia politica le quali incerte, spaesate, disperse si ritrovano nel mondo economico come o' ciuccio in mezzo ai suoni, e pretendono di uscire dal proprio marasma applicando algoritmi. Anzi, credendosi rafforzate dal possesso d'un "metodo esatto", invece di dedicarsi allo studio di problemi pensano a inventarsi bandite di caccia, con un'estensione di campo pari soltanto alla propria impotenza teoretica. Così esse hanno da ultimo rivendicato, quale proprio terreno, il diritto nella sua interezza (the Economics of Law), e dunque fra l'altro pure la corporate governance. 1

6 Arnaldo Canziani Il problema invece, se è senz'altro giuridico, è non di meno economico-aziendale. E poiché il punto risulta piuttosot ovvio, lo riassumeremo icasticamente limitandoci a evocare categorie quali sostanza e forma, processo e contenuto, infine più propriamente materia economica in forma giuridica. Se infatti l'ordinamento esprime categorie le quali definiscono nel bene e nel male l'armatura del vivere civile (Stahl), ciò vale in via speciale per la disciplina delle società. Tramite questa vengono infatti regolate le modalità di organizzazione ed espressione della volontà sociale nonché di delega della stessa. Ciò compiuto, la dinamica ancorché svolta in forme giuridiche (ma talora anche anti-giuridiche, o propriamente illecite) è una dinamica di scelte economico-aziendali che si esprimono in decisioni strategiche, gestionali, operative, le quali a propria volta definiscono combinazioni produttive e coordinazioni lucrative nello spazio e nel tempo. Al di là dunque della regolamentazione giuridica di rapporti, connessioni e processi, sono ben quelle a generare poi sviluppi e declini, espansioni e crisi, utili e perdite; e con essi gli equilibrî (e squilibrî) di potere fra portatori di interessi istituzionali, pur variamente riconosciuti come tali dall'ordinamento. Momento cruciale certo non l'unico del tema in argomento risiede allora nella struttura, composizione e funzionalità dei consigli di amministrazione. È ben in questi che si decidono infatti deleghe e protagonisti (key actors), si varano scelte strategiche e operazioni straordinarie, si approvano il bilancio e le di lui risultanze, si propongono all'assemblea dividendi e riserve; e il punto non necessita di ulteriori sottolineature. La composizione e il funzionamento di tale organo pare dunque rivestire rilevanza fondamentale ex se. Ma se la composizione strutturale è definita dall'ordinamento (struttura tradizionale o duale, presenza di consiglieri "indipendenti" o attribuiti alle minoranze, et al.) e poi dallo Statuto sociale, e se la composizione personale è frutto della volontà dell'azionariato (specie nei casi ove una minoranza coesa domini o prevarichi una maggioranza disgregata), il funzionamento interno è problema a sè stante. Il funzionamento dei comitati è infatti trattabile dal punto di vista della psicologia cognitiva e organizzativa, in particolare della psicologia degli small groups specie se con compiti decisionali (dalle Camere di Consiglio della Magistratura ai Consigli di Facoltà degli Atenei, fino ai consigli direttivi di partiti, associazioni, circoli e comitati): ne sono derivate l'attenzione ai ruoli (e.g. leader, follower, antagonista, contro-dipendente, et 2

7 I Consigli di Amministrazione delle S.p.A. fra mitologie romantiche e patologie sempiterne al.), e poi soprattutto alle dinamiche organizzative, più o meno convergenti, conflittuali, conciliative, e inoltre armoniche o disarmoniche. Peraltro, il tema dei consigli di amministrazione delle società è reso ulteriormente complesso dal novero di implicazioni economiche dirette e indirette che dalle scelte degli stessi deriva. Inoltre, quanto maggiore è l'impresa, dal novero di conseguenze anche sindacali, sociali, politiche che possono sortirne (conseguenze in alcuni casi anche internazionali, parlamentari, partitiche, diplomatiche). E qui occorre allora intendersi, giacché troppo spesso quelle dinamiche vengono in toto ignorate, e trattate soprattuto dalla letteratura da Thomas Mann a Dino Buzzati a Giuseppe Luraghi o dalla cinematografia, da I grattacieli uccidono (1942) a Una poltrona per due (1983). Certo, le empirie fedeli e oggettivamente disponibili sono in fondo minori, ma non mancano del tutto; e invece troppe volte il tema risulta appunto trascurato, oppure trattato in due modi sostanzialmente filistei: a. o meramente formale fino al formalismo, nella descrizione elencatoria e letterale di compiti e doveri; b. o idealizzato e deferente fino all'adulazione, nella descrizione illusoria di ottimati il cui comportamento adduca naturalmente, ed esclusivamente, ad optima economici e giuridici. Come ovvio, le dinamiche vere sono dinamiche altre: se alcune Muse già ce le hanno descritte, d'altra parte empirie al riguardo sono oggi diffusamente disponibili, solo a volerle cercare, iniziando con gli importanti e oggi negletti studî di Eugenio Greco dal 1935 al L'occasione dunque del XVI Seminario di Studio, Bressanone, settembre 2011, questa volta in tema appunto di Ruolo, composizione e funzionamento del Consiglio di Amministrazione si è rivelato momento inaspettato, opportuno, gradito e davvero giovevole al fine di adattare parte di un lavoro da anni fra i tanti in faticosa gestazione, e per presentarla al pubblico. L'autore ringrazia con sensi di profonda gratitudine gli organizzatori, i professori Saverio Bozzolan e Antonio Parbonetti per avere accettato la proposta di paper, e per aver reso poi il medesimo introduttivo al Convegno. Li ringrazia inoltre e con loro l'università degli Studi di Padova per l'ospitalità generosa. Ringrazia infine tutti i partecipanti per avere ascoltato con disponibilità ancor più generosa le forse troppe osservazioni che, molto interessato dai loro lavori, egli non ha resistito al desiderio di proporre pur essendo, come partecipante, solo l'ultimo arrivato. Brescia, Università degli Studî, dicembre 2011 l'autore 3

8 4

9 I Consigli di Amministrazione delle S.p.A. fra mitologie romantiche e patologie sempiterne 1. Introduzione Le problematiche riguardanti il ruolo, composizione e funzionamento del consiglio di amministrazione affondano le proprie radici in Europa continentale nella giuridicità dell Ottocento, dunque sostanzialmente nell eredità del Code Napoléon. Si trattava pertanto d una costruzione normativa anteriore alle rivoluzioni industriali, quasi perfino alla inglese, e comunque anteriore salve le eccezioni note dalla storia e dalla storiografia al diffondersi della Società per Azioni. Dominavano infatti all epoca le società di persone, viste nella percezione omnium con la fiducia riservata a chi si dichiarava pronto a rispondere delle obbligazioni sociali con tutti i propri averi; e in tale percezione esse domineranno ad esempio in Germania fino al secolo XX, ove la capogruppo rivestirà sovente per molti decenni ben contenti creditori e obbligati la forma di Kommanditegesellschaft. La Società per Azioni quale tipo sociale si diffonderà poi rapidamente in Francia prima e dopo il Secondo Impero (si ricordino e.g. le agitate dinamiche dei fratelli Pereire e del Crédit Mobilier), in Belgio con gli sfruttamenti coloniali, in Germania e in Italia secondo percorsi la cui documentazione può forse ancora completarsi con le rivoluzioni industriali circa, in particolare i) per le imprese di grandi dimensioni, bancarie e assicurative, ii) nei settori altamente capitalizzati o frutto di iniziative consortili, iii) nelle imprese dal rapido sviluppo dimensionale specie durante e dopo le epoche bismarkiana e giolittiana. Ma anche in questi casi, le statuizioni codicistiche non parliamo della giurisprudenza tesero ad impostare la normazione, almeno quale presupposto ideale (ideologico?), sulla base dell ottimismo se non del sentimentalismo giuridici. Si immaginava cioè si dica in forme icastiche l assemblea quale adunanza festosa di tutti gli azionisti; il dibattito ispirato a sensi di competenza lungimirante e oblativa; l elezione del consiglio quale scelta di ottimati; infine l operare di questi quale dispiegamento di capacità nell interesse esclusivo della società e dei suoi proprietarî deleganti. La realtà era, già allora, sovente diversa, ma per ragioni che non rilevano in questa sede, non solo non riconosciuta da più stringente normativa né sanzionata in sede di giudizio: essa normalmente neppure giungeva nelle aule di giustizia, preferendo i padroni del vapore (avrebbe detto Ernesto Rossi) risolvere all'interno del Consiglio o della società o all'esterno, ma in modo stragiudiziale le controversie che tanto spesso li contrapponevano. 5

10 Arnaldo Canziani In particolare la realtà fisiologica o patologica che fosse si incentrava allora come oggi (talora già prima del I conflitto mondiale) sulla diffusione di maggioranze disgregate, assenti dalle adunanze assembleari, nelle quali minoranze coese decidevano per sé e per gli assenti, non di rado a proprio esclusivo vantaggio. Giacché il tema è noto in tutte le letterature, nella tedesca è documentato dal tempo di Hilferding ( Das Finanzkapital, 1911), e nella italiana è trattato da ormai sessant anni (anche se specialmente da autori marxisti), ci si contenti qui di averlo meramente richiamato. Altrettanto avveniva e avviene nei gruppi di società ove per il noto fenomeno delle società a catena (Vivante), il quale porta nomi differenziati fra cui pyramiding, ma che esprimono la stessa sostanza ovunque, mentre le percentuali di controllo potevano estendersi quasi senza fine, in parallelo le percentuali di interessenza cioè di coinvolgimento patrimoniale si riducevano progressivamente, fino a potersi rendere infinitesimali (per gli studi aziendali già L. Azzini, I gruppi, 1964). La composizione del consiglio di amministrazione è dunque di norma determinata almeno nelle società quotate dal dominio in sede assembleare da parte delle citate minoranze coese, poco importa se tali per proprietà di titoli, diritto di esercizio del diritto di voto, patto di sindacato (di controllo o di voto), o altro ancora. Così vengono parimenti delineati i poteri dello stesso, derivanti dallo statuto, quindi dall assemblea, dunque determinati ancora una volta dalle medesime minoranze di prima. Nei gruppi di società, infine, quella composizione è determinata dal gruppo di controllo della capogruppo, non importa se con (ridotta) percentuale di interessenza nel livello n-esimo, o se comunque essa vi destini in caso di possesso maggioritario, o anche totale (come usa negli Stati Uniti d'america) proprî managers quali consiglieri. Ciò che conta è che sempre in tesi generale, e soprattutto per le quotate il consiglio eletto a quel modo si troverà a esercitare poteri grandi, talora quasi sovrani, e per di più delegabili, dei cui risultati renderà conto tranne casi eccezionali normalmente dopo un triennio. E come li eserciterà tali poteri? Qui nuovamente si apre il confronto (il conflitto?) fra l ottimismo delle speranze (o delle idealità) e la ragionata, talora pessimistica freddezza del realismo. Esistono infatti operatori capaci e altri meno, consiglieri disinteressati e altri meno, infine homines naturaliter etici e altri meno (talora assai meno); così pure esistono e sono sempre esistiti i consiglieri delegati e i consiglieri dileguati. Pur con l ottimismo della speranza, e della volontà, il presente paper intende quindi presentare l alternativa citata per diffondersi poi sulla seconda fattispecie, tratta dalla storia degli ultimi ottant anni di grandi 6

11 I Consigli di Amministrazione delle S.p.A. fra mitologie romantiche e patologie sempiterne società italiane private ma soprattutto pubbliche, epitome peraltro di dinamiche le quali dal Credit Lyonnais a Enron, da Lehman Brothers a Royal Bank of Scotland coinvolgono ormai tutto il mondo. 2. I consigli di amministrazione tra utilità e futilità, i.e. operanti o ratificativi 2.1. La fisiologia silenziosamente operante Vi sono in giro per il mondo più spesso di quanto non si pensi consigli d'amministrazione i quali specie se non pletorici, e se costituiti di individui i) competenti, ii) disinteressati (o interessati soprattutto all'unternehmer an sich), iii) di carattere, costituiscono i cosiddetti "consigli di amministrazione che funzionano". Nella conoscenza che il Lettore avveduto ha di tali situazioni, ne sintetizzeremo brevemente alcuni profili organizzativi e comportamentali: 1. adunanze ripetute a intervalli adeguati i) alla complessità e alle dimensioni dell'attività; ii) alla complessità dell'ambiente nazionale e internazionale anche per dinamiche turbolente, irregolari, eventualmente agitate (per l'apparire di impreviste forze-shock); 2. adunanze non eccessivamente intervallate, non fosse che apprezzamento e indirizzamento continuo della gestione, pur delegata; 3. sedute straordinarie ove lo impongano appunto fatti straordinarî, e non gli interessi o il capriccio dell'amministratore delegato o della proprietà; 4. sedute "di contenuti", i.e. adeguatamente predisposte: i) nella conferenza e completezza dell'o.d.g.; ii) nei dossiers preparatorî, nella loro disponibilità anticipata, nel loro fedele riassunto ove riservati, nel giudizio onesto in tema di riservatezza, iii) last but not least nei termini della convocazione, nei luoghi, negli orarî (sedute le quali dunque vengano calendarizzate per periodi, e con un certo anticipo, né vengano convocate ad horas; oppure vengano appunto convocate ad horas quando richiesto dalla rilevanza o urgere dei problemi); 5. sedute armoniche anche in presenza di i) contrasti di interessi (tipicamente fra soci), ii) contrasti di visuale, e di apprezzamento di situazioni pur identiche, iii) contrasti in tema effettive linee d'azione da adottarsi, con particolare riguardo a scelte alternative (tecniche, economiche, giuridiche), ai profili organizzativi e personali delle stesse, ai tempi di attuazione; 6. sedute "di rinvìo" non per elusione di problemi né sine die, quanto piuttosto effettivamente tese all'approfondimento di problemi, alla ricerca di vie saggiamente conciliative, se necessario con azione di 7

12 Arnaldo Canziani stimolo al quaeta movere, ma nel contempo, ove necessario, al mota quaetare; 7. eventuali votazioni a maggioranza questi consiglî, proprio perché funzionanti, rifuggono dall'unanimismo spacciato per concordia, ma con cooperazione comunque unanime, anche successiva, sempre nel senso della Gemeinschaft; 8. rapporti concordi e strutturalmente adeguati (salva descrizione) fra consiglio di amministrazione e comitato esecutivo ove esistente; 9. u.s.w La deprivazione decisionale, alias patologia ratificativa Quella ricordata è, peraltro, solo una fra le fattispecie possibili, cui tutti forse riandiamo non fosse che inconsciamente sia per un fondo di incoercibile ottimismo idealistico, sia per il citato influsso del romanticismo giuridico dall Ottocento in poi. Questo configura si premetteva : a) l assemblea quale momento topico di incontro degli azionisti, dibattito fra gli stessi relativamente alla gestione da imprimersi alla società, elezione parlamentaristica degli amministratori quali proprî rappresentanti; b) il collegio degli amministratori (vulgo consiglio di amministrazione) quale insieme di competenti rappresentanti degli azionisti, fiduciarî i quali con eguale procedura parlamentare dibattano e deliberino in tema di amministrazione, e di gestione anche futura della società, nell'esclusivo interesse della stessa. Tale inquadramento può (forse) risultare plausibile nei casi di imprese non importa di quali dimensioni costituite e governate da pochi, ristretti gruppi di soci, eventualmente aggregati da nessi parentali. Ma anche qui la conoscenza della realtà, e del resto l'affiorare dei problemi c.d. di family business (nonché del business del family business) lascia immaginare situazioni non sempre così facilmente armoniche. La fenomenica relativa è poi ovviamente ben diversa ove si parli di imprese quotate in Borsa, come sempre quando si transiti dalle visioni romantiche (anche se istituzionalizzate) alla realtà. Questa è ben immaginabile, ove si rifletta al fatto che in quelle sedi si amministrano complessi economici fra i principali di una provincia, regione o nazione; che da quell'amministrazione derivano scelte di grande portata produttive, commerciali, finanziarie, economico-sociali; che gli effetti di tali scelte si riverberano sui contesti socio-territoriali talora perfino aggregati, o 8

13 I Consigli di Amministrazione delle S.p.A. fra mitologie romantiche e patologie sempiterne internazionali; che quegli effetti manifestano (o consentono di manifestare) influssi politici. Che più in generale da quell'insieme derivano per i protagonisti effetti rilevanti in tema di ricchezza e potere, due dei grandi assi che da sempre auri sacra fames determinano purtroppo il nostro agire terreno. La realtà in parola, dunque meno armonica e idealistica di quanto romanticamente immaginato (o da quanto statuito con voluto disinteresse pseudo-romantico?) è peraltro così nota e dibattuta da tempo da aver dato luogo, proprio fra i giuristi, a dibattiti variegati in tema di ruolo e funzionalità vuoi dell assemblea vuoi del consiglio degli amministratori: il punto può venire tralasciato in questa sede se già nel 1972 nell'articolo Società per Azioni del Novissimo Digesto parlava Gastone Cottino di <azionisti quali parco-buoi>. La realtà vede dunque <minoranze di controllo> le quali: dominano (e se del caso opprimono) in sede d assemblea le maggioranze effettive in quanto disgregate; eleggono sé stesse al governo della società nominando quali amministratori propri esponenti o mandatarî; eleggono da sé i controllori di sé stesse prescegliendo i membri del collegio sindacale e nominando la società di revisione; premono su questa per ottenere comunque ove la situazione non sia fluida una certificazione c.d. clean, i.e. senza eccezioni e riserve; approvano i bilanci predisposti dai propri rappresentanti-mandatari, e votano conseguentemente nei casi degli artt (azione di responsabilità) e di altri rilevanti. Ancora, la realtà vede consigli di amministrazione dominati dai principali (talora dall unico) esponente delle citate minoranze di controllo, con dinamiche en consequence che il lettore avveduto conosce, e che il lettore dogmaticamente illuso, o romantico, o formalisticamente giuridicizzato non comprenderà mai già, in fondo non vuole comprenderle, per sentimentalismo o per convenienza. Consigli di amministrazione i quali, anche nel "migliore" dei casi, tendono dunque a deliberare secondo le forme "meno efficienti" della teoria delle decisioni di comitato (Duncan Black), cioè agglutinandosi senza riserva, o con riserve meramente dialettiche e formali, non registrate in verbale alle scelte degli esponenti della maggioranza, questa espressione delle <minoranze di controllo> ricordate. Ma in casi peggiori, e tuttavia diffusi, consigli di amministrazione meramente formali; ritualizzati; criptici sulle questioni nodali; tenuti non di 9

14 Arnaldo Canziani rado all oscuro di dinamiche rilevanti quando non svolte a latere, in sede antecedente-concomitante-susseguente allo stesso, e all insaputa del medesimo; infine posti di fronte al fatto compiuto giustificato dall'urgenza di provvedere, o da scadenze ex ante imprevedibili con il compito di ratificarlo. E tranne eccezioni la ratifica da parte dei consiglieri avviene quasi sempre tempestiva, giubilante, encomiastica e festosa, tanto poi a Milano si pranzava al Savini o da Boeucc per i seguenti motivi: per mandato (se del caso implicito, ed estensivo) della minoranza di controllo cui si deve la nomina; per interesse privato; per assuefazione, indifferenza, viltà, o per la deferenza implicita nelle cariche assunte ad pompam. Del resto, aggravante non meramente procedurale è costituita dalla prassi senatoria secondo la quale il voto "contrario" equivale a una <dichiarazione di guerra>, e il voto "astenuto" equivale notoriamente in assenza di motivazioni verbalizzate all'approvazione, con la conseguente condivisione di responsabilità. E qui pure per gli amministratori che frequentano i consiglî appunto ad pompam o a fini di prebende, fauna questa altamente diffusa anche in persone abbienti giacché il decoro e l'influsso sociale càspita vanno ben mantenuti, e con quelli il treno di vita, e poi tanto la giustizia è lentissima e se necessario i nostri avvocati molto bravi, qui pure chi abbia conoscenza del mondo sa bene come, prima dell'annuncio della votazione, o non appena uditolo, nei casi più gravi sguardi si levino guardinghi, sfuggenti ed ansiosi, al fine di verificare se, nell'eventualità, si rischierebbe di rimanere ahinoi unici ad esprimere voto di astensione, non dicasi poi "contrario"! Forse per questo si è anche abbastanza diffusa la <chiamata inversa>, che chiede i "contrari" dardeggiando minacciosamente i convenuti; quindi gli "astenuti", eventualmente sfidandoli a motivare ai fini di verbale; infine i "favorevoli", ormai ovviamente tutti (almeno di solito), risultato giovevole sia ai fini di sventolar perenni unanimismi bùlgari, sia ai fini della collettivizzazione talora peraltro rischiosa delle responsabilità L'ampiezza delle deleghe e il formalismo ratificativo Tema forse non frequentemente, non adeguatamente affrontato sono poi le deleghe ad amministratori per il compimento di operazioni ordinarie e straordinarie, nonché l ampiezza delle medesime. Per l Italia ad esempio in tema di deleghe interne al consiglio risulta infatti quanto segue dalle comunicazioni di corporate governance 10

15 I Consigli di Amministrazione delle S.p.A. fra mitologie romantiche e patologie sempiterne alla CONSOB, e riportate dai quotidiani e nei siti finanziarî (anno 2008, estratto relativo a imprese quotate nei settori industriale e dei servizî). Tabella 1. Ampiezza delle deleghe dei poteri di firma in alcune grandi imprese quotate Società quotata Carica Limite per operazione (milioni di ) AEM (P) e (CD) 5 Alitalia (CD) 7,5 Garanzie Indebitamento Bulgari (P) (CD) ENEL (CD) 25 ENI (CD) Finmeccanica (P) e (CD) (CD) e (CD) Italcementi (P) e (CD) 50 (VP) 15 (C) 20 (DG) 20 Lottomatica (P) 10 (CD) 10 Mediaset (P) 12,9 (CD) 5,16 Mediolanum (CD) 1,5 5 Merloni (P) 5% del Cap. Ne. 5% del Cap. Ne. (CD) 5 0,5 15 SEAT (CD) 10 Telecom (P) (CD) (CD) 75 TIM (P) 70 TIM (CD) 50 Anche se la situazione da allora è mutata, e se all'epoca poteva forse venire giustificata in alcuni casi da "speciali esigenze", pare tuttavia chiaro che, quando si parla di funzionamento del consiglio di amministrazione non si possono sottacere le provvidenze statutarie: 11

16 Arnaldo Canziani alcuni dei casi in Tab. 1. paiono auto-esplicativi, e qui non li si commenta solo per brevità dialettica; e altri consentirebbero poi di distinguere la veste formale delle cariche rispetto al contenuto operativo dalle medesime consentite (come la multinazionale liquoristica nella quale verso la fine del secolo XX al Presidente era riservata la rappresentanza della società nelle Associazioni liquoristiche nazionali nonché internazionali, mentre al Vice-Presidente una delega così larga da comprendere perfino "l'acquisizione e la cessione libere di rami d'azienda, salva la successiva comunicazione al Consiglio e ratifica da parte dello stesso")( ). 3. Alcune fattispecie patologiche dagli anni Trenta del secolo XX alla Prima Repubblica 3.1. Premessa Posto quanto ricordato al 2., riprenderemo ora il tema dal punto di vista fattuale e specifico, con una spigolatura di fattispecie patologiche le quali si estendono dagli anni Trenta del secolo XX fino alla fine dello stesso, e che potrebbero facilmente risalire all'ottocento persino nel teatro si ricordano La Presidentessa di Feydeau e i Colpi di timone di Gilberto Govi, come pure potrebbero altrettanto facilmente procedere è chiaro, vero? fino ai nostri giorni. Tali fattispecie sono riportate: i) da fonti archivistiche ora accessibili ai sensi di legge; ii) da pubblicazioni a stampa; iii) ovvero da quotidiani o periodici dalla varia diffusione quotidiani nazionali, ebdomadari, notiziari provinciali o locali ; nella gran parte dei casi i nomi certo presenti negli originali sono stati omessi in primo luogo per carità di Patria, e poi perché in questa sede interessa non tanto ricordare nominativamente i sempiterni e sempre diversi padroni del vapore (Ernesto Rossi) dei quali ben si comprendono le origini del tenore di vita, ma soltanto l'enucleazione di fattispecie purtroppo regolari e ripetute, appunto veri "fatti scientifici", di interesse anche per la teorizzazione veritativa nelle scienze sociali Lo svolgimento dei consigli di amministrazione in due Banche di Interesse Nazionale La banca A Un competente conoscitore di problemi finanziari d'impresa e di sistema, nonché professore nell'università Bocconi di Milano, così scrive nel 1929 al 12

17 I Consigli di Amministrazione delle S.p.A. fra mitologie romantiche e patologie sempiterne Presidente della propria banca, la quale diverrà di lì a poco "di interesse nazionale": "Nel colloquio che ho avuto l'onore di avere sabato 16 corrente con la S.V. mi sono permesso di richiamare la Sua attenzione sullo stato di disagio che esiste nel nostro Istituto. Ella ne ha inteso la portata. C'è un'eredità da gradualmente liquidare. Oltre un miliardo e mezzo di titoli mobiliari (se le informazioni che ho cercato di avere sono esatte, perché nessun Direttore Centrale ha mai visto il dettaglio delle cifre di un bilancio complessivo dell'istituto), oltre un miliardo e mezzo di titoli figurano o si nascondono sotto le voci più diverse non solo nel portafoglio titoli, nelle partecipazioni, nei sindacati, ma fra i debitori, o all'infuori della nostra contabilità. Ribassi del 20 o del 30% nel valore dei titoli - ribassi che non sono poi degli avvenimenti eccezionali, specie quando i prezzi di rinvegno non sono bassi - si ripercuoterebbero in una diminuzione dell'attivo pari a una cifra di ben 300=450 milioni. D'altra parte congetturalmente è da ritenere che il capitale della Banca non sia totalmente versato, perché le azioni (quante?), possedute direttamente o indirettamente nella Finanziaria ***, detentrice della maggioranza delle azioni della Banca, ed i finanziamenti alla stessa da noi accordati, annullano altrettanta parte del nostro capitale. Il capitale effettivo della Banca sono duecento? sono duecentocinquanta, sono centocinquanta milioni? Io non lo so. Ora di fronte a un capitale così limitato il pericolo insito nell'eccessivo possesso di titoli e nelle oscillazioni nel valore delle azioni è troppo evidente. Ricordo che il bilancio 1927 è tuttora in contestazione di fronte al fisco, specie per l'operazione Eridania e Distillerie, cui si attribuiscono riverberi di natura anche personale. Cito un altro fatto. Fu recentemente costituita la XYZ, col programma della cessione ad essa di 400 milioni di titoli di proprietà della Banca, e si seguì una procedura che agli uffici apparve singolare per la volontà espressa dal Consigliere Delegato di trasferirne immediatamente l'amministrazione fuori dell'istituto, pur dichiarandosi che tutte le sue azioni sarebbero rimaste nelle mani della Banca. La S.V. quindi comprenderà e giustificherà il disagio di cui Le ho parlato. Una chiarificazione è indispensabile. Ci possono essere varie soluzioni, le quali hanno evidentemente un presupposto comune: riduzione progressiva della posizione titoli e chiarificazione del bilancio. I Direttori Centrali non mancarono di cogliere in passato qualsiasi circostanza per manifestare il loro avviso concordemente contrario ad ogni operazione implicante vasti immobilizzi industriali o cospicue posizioni speculative, precisato che i finanziamenti e le interessenze industriali avvennero di regola senza collaborazione preventiva della 13

18 Arnaldo Canziani Direzione Centrale, che non suole essere chiamata a dare il suo avviso nella fase preparatoria ed [è] messa dinanzi ai fatti compiuti nel Comitato Centrale. Il Consigliere Delegato ribadiva il concetto delle grandi operazioni industriali e in titoli per aumentare -secondo lui- il rendimento dei denari amministrati e prospettava, come soluzione opposta, un indirizzo di pura Cassa di risparmio. L'ideale di gerenza bancaria [è] quello intermedio, un tipo di Banca di depositi, ma agile e diffonditrice del credito frazionatamente fra le categorie produttive e commerciali, con una moderata attività finanziaria e mobiliare. Il lavoro ordinario dovrebbe costituire la base e l'ossatura dell'istituto. Naturalmente occorre che chi detiene la prerogativa di attore unico la eserciti con energia in tutti i momenti. Non bisogna che nei periodi difficili chi è unicamente responsabile cerchi con pretesti di non firmare le situazioni, rinviandole ai soli Direttori Centrali e al Capocontabile Non bisogna che, quando ci sono contestazioni fiscali che vertono su operazioni fatte e registrate secondo le precise istruzioni del Consigliere Delegato, e contrariamente all'opinione del Capocontabile, il Consigliere Delegato dica di non ricordare, di non saperne niente Non bisogna, come quando si costituì or è poco la XYZ con trasferimenti di 400 milioni, prima far tutto all'infuori dei direttori Centrali e poi, a cose fatte, tentare di ottenerne la corresponsabilità facendo circolare un foglietto e chiedendo il loro avviso circa l'opportunità di costituire. una ulteriore holding! In queste condizioni non è possibile esercitare il potere assoluto in una azienda." 2. Al di là delle mascherature e degli intrallazzi, la situazione era ovviamente ingestibile: l'istituto venne "salvato" nel 1931 da <gruppi amici>, la situazione continuò a peggiorare, nel 1933 dovette intervenire come noto e non così volentieri il Governo Fascista. E i consiglieri? i consiglieri cominciarono a dimettersi (o cercarono) nel Ma nel frattempo? Nel frattempo si infrattavano, i.e. si astenevano dall'intervenire alle riunioni del Consiglio e del Comitato esecutivo (immaginiamoci la delusione, e il dispiacere, del ricordato <attore unico> di prima! ma come l'avranno messa con il problema del numero legale?, sarà bastato conteggiarvi gli "assenti giustificati" o si sarà provveduto intanto ampliando le deleghe, e poi sperando?). 2 Archivio Antonio PESENTI, Busta n. 70, Archivio Guido Jung, fascicolo A, sezione 1. Sul punto cfr. anche M. DALL'ACQUA, Inventario dell'archivio Antonio M. Pesenti della biblioteca «Umberto Balestrazzi» di Parma, Parma, Istituto Gramsci, 1984, Collana «Studi e Ricerche», N. 3 14

19 I Consigli di Amministrazione delle S.p.A. fra mitologie romantiche e patologie sempiterne Si astenevano, certo; oppure come un Vice-presidente tenacemente avvinghiato alla poltrona, ma voglioso di "protezioni", una delle principali personalità dell'economia italiana del Fascismo e della Repubblica scrivevano al Ministro delle Finanze; e il Lettore avveduto delle cose del mondo è ben in grado di apprezzare nella semantica, nella sintassi, nelle argomentazioni sfumate e allusive la di lui lettera che qui si riporta: "Caro Amico, io so bene che la situazione della Banca non è lieta, e personalmente non avrei ragione alcuna - né morale né materiale - per rimanere al mio posto di Vice-Presidente. Tale posto ho occupato, nolente, in circostanze speciali che credo tu conosca. Non ho mai avuto e non ho il tempo per occuparmi, se non sporadicamente, della Banca ( ) ma ho avuto la costante e precisa sensazione che era mio dovere di non lasciare la carica. Sono dunque finora rimasto, confortato in ciò: - dalla piena fiducia nella capacità e rettitudine degli uomini che sono preposti all'istituto così da ritenere che la situazione maturatasi negli ultimi anni sia dovuta a quelle stesse circostanze di carattere generale che hanno avuto analoghe, e spesso peggiori, conseguenze per altri Istituti anche fuori d'italia, - dal sapere che tanto il Governo che la Banca d'italia sono stati e sono tenuti pienamente al corrente intorno alla situazione patrimoniale e all'andamento economico dell'istituto, nonché all'appartenenza del capitale azionario, ed hanno, in particolare, approvato l'ultimo bilancio. Ma l'appartarsi di alcuni Colleghi può apparire oggi, o potrebbe essere interpretato domani, in modo profondamente ingiusto per me Io mi rivolgo pertanto al ministro delle Finanze ed al vecchio e caro Amico, perché voglia considerare la situazione " 3. Ah, ma queste cosacce accadevano al tempo del <deprecato ventennio> e della Monarchia; poi, con la Repubblica Tale destituito pensiero può ancora albergare nell'intelletto di qualche lettore troppo giovane per conoscere alcune dinamiche italiane per restare vicini a noi, e non farla troppo lunga degli anni Novanta del secolo XX, nonché seguenti. Provvediamo subito a disilluderlo, precisando comunque che da Enron a Crédit Lyonnais nessuna nazione può dirsene immune, e che l'esemplificazione nazionale è dunque dovuto solo all'illustrazione del tema per il Lettore italiano. 3 Ibidem, Busta 70, Archivio Guido Jung, fascicolo A, sezione 2 15

20 Arnaldo Canziani La banca B Circa settanta anni più tardi un consigliere di "Banca di Interesse Nazionale" (ovviamente un'altra) concedeva a un quotidiano a diffusione nazionale la pubblica denuncia-intervista che segue: «Vorrei attirare l attenzione sul meccanismo di ratifica che vige nel consiglio di amministrazione. Parlavano solo ***, Presidente, e ***, Amministratore delegato. Chi chiedeva, voleva documentarsi, domandare, leggere, sapere era considerato un fastidio. Nessuno apriva bocca. È questo che intendo per < logica di ratifica >. Formalmente 48 ore prima che si riunisca il consiglio si possono consultare le carte in una stanzetta. Ma dopo un po ho smesso di andarci: trovavo solo le pratiche di ordinaria amministrazione. I documenti più importanti arrivavano sempre all ultimo momento. Ci sono delibere che abbiamo approvato e che io non co-no-sco. La rottura è avvenuta sulla relazione di Bankitalia il 2 settembre. La legge bancaria prevede che sia data lettura della relazione. Ma trattandosi di questioni di estrema complessità pensavo che ai consiglieri fosse consegnata una copia. Invece no. Il consiglio di amministrazione che deve assumere decisioni di grande responsabilità non ha la relazione di Bankitalia. Ne viene data una lettura frettolosa da cui si capisce solo che è piena di osservazioni negative. Nessuno ha avuto da obiettare, non c è stato il tempo. Innanzitutto sono questioni complesse. Tutti pensavano che ci sarebbe stata la possibilità di un approfondimento nei due consigli dedicati alla replica. Il primo è andato a vuoto perché il documento non era pronto, [nel] secondo la risposta firmata dal Consiglio è pletorica, di 80 pagine, fumosa: il presidente legge per due ore e il consiglio, abbia capito o no, non interferisce. Usciti gli ispettori di Bankitalia, il Presidente *** ha concluso: Per ovvi motivi di riservatezza la relazione la tengo io in cassaforte.. E lì è rimasta. La relazione conteneva tutta una serie di osservazioni negative, di valutazioni sulla differenza fra incagli e sofferenze, su eccessi di affidamenti ad alcuni gruppi Il 13 novembre i rappresentanti degli azionisti aderenti al nuovo patto di sindacato si sono dimessi facendo decadere il consiglio di amministrazione. Ero l unico a non essere al corrente di nulla e così mi sono ritrovato, come dire, dimissionato d ufficio.». Anche questa banca finì come ci si può ben immaginare e fu poi "salvata", seppure secondo altra modalità, comunque salvaguardando il ruolo degli amministratori che la avevano rovinata, l'impunibilità delle loro azioni societarie, gli importi delle laute prebende che avevano prelevato a spese delle imprese che amministravano; salvaguardando dunque i 16

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss.

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss. Presentazione Proprio quarant anni fa, dopo un periodo di tempo dedicato allo studio specifico della pubblicità 1 allora, a livello internazionale e non solo italiano, di gran lunga il più importante strumento

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SOCIO-CULTURALE L ATRIO TITOLO PRIMO. Denominazione - Sede - Finalità Scopi sociali

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SOCIO-CULTURALE L ATRIO TITOLO PRIMO. Denominazione - Sede - Finalità Scopi sociali STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SOCIO-CULTURALE L ATRIO TITOLO PRIMO Denominazione - Sede - Finalità Scopi sociali Art. 1 E costituita e acquista operatività l Associazione socio-culturale con denominazione

Dettagli

TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE

TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE 84 a GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE TREMONTI: Per quanto è possibile in

Dettagli

Statuto dell Associazione di volontariato Zucchero Amaro

Statuto dell Associazione di volontariato Zucchero Amaro Statuto dell Associazione di volontariato Zucchero Amaro TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 E costituita in Chiavari, Via Entella 205, l Associazione di volontariato denominata Zucchero Amaro

Dettagli

Statuto della Società Storica della Valdelsa

Statuto della Società Storica della Valdelsa Statuto della Società Storica della Valdelsa Approvato dall Assemblea dei soci in data 20 gennaio 2014. Approvato dalla Regione Toscana con Decreto n. 1271 del 2 aprile 2014 e conseguente iscrizione, nella

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Banca Tercas S.p.A. Sede Legale e Amministrativa: Teramo, Corso San Giorgio n.36 Iscritta all albo delle Banche al n.5174 ABI 6060 Capogruppo del

Banca Tercas S.p.A. Sede Legale e Amministrativa: Teramo, Corso San Giorgio n.36 Iscritta all albo delle Banche al n.5174 ABI 6060 Capogruppo del Banca Tercas S.p.A. Sede Legale e Amministrativa: Teramo, Corso San Giorgio n.36 Iscritta all albo delle Banche al n.5174 ABI 6060 Capogruppo del Gruppo bancario Tercas, iscritto all Albo dei Gruppi Bancari

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE Sui passi di Pollicino - ONLUS

STATUTO ASSOCIAZIONE Sui passi di Pollicino - ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE Sui passi di Pollicino - ONLUS TITOLO I. DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1. Costituzione È costituita una Associazione avente le caratteristiche di organizzazione non lucrativa di utilità

Dettagli

STATUTO FEDERCONGRESSI&EVENTI

STATUTO FEDERCONGRESSI&EVENTI STATUTO FEDERCONGRESSI&EVENTI ARTICOLO 1 COSTITUZIONE E SEDE E costituita l associazione senza scopo di lucro Federcongressi&eventi, in appresso denominata "Associazione" (già Federcongressi, organismo

Dettagli

Elementi di Corporate Governance

Elementi di Corporate Governance Elementi di Corporate Governance Direzione d impresa Ing. Marco Greco 9 ottobre 2009 Definizione Il sistema di strutture, processi e meccanismi che regolano il governo dell impresa, ossia la direzione

Dettagli

Gli Amministratori di società quotate

Gli Amministratori di società quotate CORSO DI CORPORATE GOVERNANCE Gli Amministratori di società quotate Prof. Alberto Nobolo 1 Le fonti: - Codice civile 1942 modificato dal D. Lgs. n. 6/2003 Art. 2364, co. 1, nn. 2 e 3: nomina/revoca/attribuzione

Dettagli

STATUTO. È costituita l associazione denominata PROGETTO PULCINO - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità

STATUTO. È costituita l associazione denominata PROGETTO PULCINO - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità ALLEGATO A STATUTO Art. 1. Denominazione e sede È costituita l associazione denominata PROGETTO PULCINO - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale, in seguito chiamata per brevità associazione.

Dettagli

STATUTO TITOLO I. Denominazione, Sede e Scopi

STATUTO TITOLO I. Denominazione, Sede e Scopi STATUTO TITOLO I Denominazione, Sede e Scopi Art. 1 - DENOMINAZIONE È costituita ad opera di: - San Quirico S.p.A. - ERG S.p.A. Una Fondazione denominata Fondazione Edoardo Garrone (in breve Fondazione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DON GUIDO BORTOLUZZI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DON GUIDO BORTOLUZZI STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DON GUIDO BORTOLUZZI ART. 1 - COSTITUZIONE SEDE E DENOMINAZIONE È costituita ai sensi delle disposizioni vigenti l Associazione denominata ASSOCIAZIONE DON GUIDO BORTOLUZZI, con

Dettagli

Servizi integrati per la tutela dei crediti COMAS

Servizi integrati per la tutela dei crediti COMAS Servizi integrati per la tutela dei crediti COMAS 00 DALLA PREVENZIONE DEL RISCHIO DI INSOLVENZA AL RECUPERO EFFETTIVO DEL CREDITO In uno scenario economico così complesso e mutevole come quello attuale,

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE MILANISTI IN AZIONE. TITOLO I Costituzione, sede, durata. Art. 1 1.1. È costituita l Associazione denominata MILANISTI IN AZIONE.

STATUTO ASSOCIAZIONE MILANISTI IN AZIONE. TITOLO I Costituzione, sede, durata. Art. 1 1.1. È costituita l Associazione denominata MILANISTI IN AZIONE. STATUTO ASSOCIAZIONE MILANISTI IN AZIONE TITOLO I Costituzione, sede, durata Art. 1 1.1. È costituita l Associazione denominata MILANISTI IN AZIONE. Art. 2 2.1. L Associazione ha sede a ( omissis ) Potranno

Dettagli

Statuto: Statuto di associazione Onlus (art. 10, d.lgs. n. 460/1997)

Statuto: Statuto di associazione Onlus (art. 10, d.lgs. n. 460/1997) Statuto: Statuto di associazione Onlus (art. 10, d.lgs. n. 460/1997) Art. 1. Denominazione e sede È costituita l associazione denominata EFrem Economia di riconciliazione Onlus Organizzazione Non Lucrativa

Dettagli

PARMALAT FINANZIARIA S.p.A. IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA

PARMALAT FINANZIARIA S.p.A. IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA PARMALAT FINANZIARIA S.p.A. IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA Prime sette pagine della relazione del Commissario Straordinario sulle cause di insolvenza di Parmalat Finanziaria S.p.A e Società Controllate

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CONFERENZA DEI COLLEGI UNIVERSITARI DI MERITO

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CONFERENZA DEI COLLEGI UNIVERSITARI DI MERITO STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CONFERENZA DEI COLLEGI UNIVERSITARI DI MERITO Art. 1 Denominazione, sede e durata È costituita ai sensi degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile, l Associazione denominata

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

Domande pervenute dall azionista Carlo Fabris (titolare di n. 2 azioni)

Domande pervenute dall azionista Carlo Fabris (titolare di n. 2 azioni) Assemblea Ordinaria e Straordinaria di Lottomatica Group S.p.A. 8 maggio 2013 Risposte a domande pervenute prima dell Assemblea ai sensi dell art. 127-ter del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ. È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ. È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio I. COSTITUZIONE, FINALITÀ, MODALITÀ STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ Art. 1 COSTITUZIONE È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio Direttivo ha la

Dettagli

STATUTO. Costituzione - Denominazione Sede. Finalità e attività

STATUTO. Costituzione - Denominazione Sede. Finalità e attività STATUTO Costituzione - Denominazione Sede Art. 1. E' costituita con sede in Sondrio, Via Romegialli n. 27, l Associazione culturale senza scopo di lucro, apolitica e apartitica, denominata Amici del Teatro

Dettagli

Il presente saggio e quello di Valeria Messina, pubblicato su questo stesso numero della rivista, si configurano

Il presente saggio e quello di Valeria Messina, pubblicato su questo stesso numero della rivista, si configurano STATUTO DELLA Il presente saggio e quello di Valeria Messina, pubblicato su questo stesso numero della rivista, si configurano Statuto della Fondazione Bergamo nella storia* Art. 1 - È costituita la fondazione

Dettagli

- 1 - sede-delegazioni

- 1 - sede-delegazioni - 1 - Allegato A ad atto rep. n.77925/15335 STATUTO Fondazione Bracco Articolo 1 Costituzione-sede sede-delegazioni delegazioni È costituita una Fondazione denominata "Fondazione Bracco", con sede in Milano,

Dettagli

1.a. Aspetti gestionali

1.a. Aspetti gestionali 1.a. Aspetti gestionali Per le Associazioni sportive l attività istituzionale è quella svolta in conformità alle finalità statutarie e rivolta agli associati. Il decreto legislativo del 4 dicembre 1997,

Dettagli

TRACCIA DI STATUTO PER ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO

TRACCIA DI STATUTO PER ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO TRACCIA DI STATUTO PER ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 - COSTITUZIONE E' costituita l'associazione degli Studenti del Continente Africano in Ferrara, Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale,

Dettagli

ECCELLENTISSIMA CORTE DEI CONTI DI ROMA PROCURA GENERALE ESPOSTO

ECCELLENTISSIMA CORTE DEI CONTI DI ROMA PROCURA GENERALE ESPOSTO ECCELLENTISSIMA CORTE DEI CONTI DI ROMA PROCURA GENERALE ESPOSTO Io sottoscritto Lucio Malan, nato a Luserna San Giovanni il giorno 30 luglio 1960, ivi residente in strada vecchia di Bricherasio 8, Senatore

Dettagli

STATUTO DELLA. "Associazione MODA E MODI. per una cultura della moda e per una moda di cultura" --==oo0oo==-- TITOLO I. Art. 1. Denominazione e sede

STATUTO DELLA. Associazione MODA E MODI. per una cultura della moda e per una moda di cultura --==oo0oo==-- TITOLO I. Art. 1. Denominazione e sede Allegato "A" al n. STATUTO DELLA "Associazione MODA E MODI per una cultura della moda e per una moda di cultura" o più brevemente: "Associazione MODA E MODI" --==oo0oo==-- TITOLO I Art. 1 Denominazione

Dettagli

FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI

FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI C 95/22 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 21.3.2015 FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STATUTO DEL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI adottato il 14 giugno 1994 e modificato dall assemblea generale

Dettagli

Preliminari di compravendita: occultarli è reato

Preliminari di compravendita: occultarli è reato Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 08 07.02.2013 Preliminari di compravendita: occultarli è reato Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati tributari In tema di reati tributari,

Dettagli

Statuto Fondazione Unipolis

Statuto Fondazione Unipolis Statuto Fondazione Unipolis Statuto in vigore dal 18/12/2009 Art. 1 - Fondazione È costituita, con sede in Bologna, attualmente in via Marconi n. 1, la Fondazione denominata UNIPOLIS. Uffici e sedi secondarie

Dettagli

IL FIDO BANCARIO. Prof. Pietro Samarelli

IL FIDO BANCARIO. Prof. Pietro Samarelli IL FIDO BANCARIO Prof. Pietro Samarelli In questo modulo: il fido bancario e le sue classificazioni modalità di utilizzo regole tecniche e amministrative dei fidi la Centrale dei rischi i Confidi Basilea

Dettagli

STATUTO Art.1 - Costituzione, denominazione e sede La Via dell Albero Art.2 - Scopo e oggetto sociale

STATUTO Art.1 - Costituzione, denominazione e sede La Via dell Albero Art.2 - Scopo e oggetto sociale STATUTO Art.1 - Costituzione, denominazione e sede E costituita l associazione di promozione sociale, ai sensi della legge n.383/2000, denominata La Via dell Albero, con sede a Bibbiena, in via Roma nr.

Dettagli

STATUTO SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA

STATUTO SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE STATUTO SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA TEL. 06-6920781 FAX 06-6789102 sioi@sioi.org - WWW.SIOI.ORG STATUTO STATUTO DELLA

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS

ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS Sede Legale e Operativa: Via Livigno, 2 20158 MILANO e-mail: info@anffaslombardia.it Codice

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI IN MATERIA DI CORPORATE GOVERNANCE

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI IN MATERIA DI CORPORATE GOVERNANCE RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI IN MATERIA DI CORPORATE GOVERNANCE La presente relazione, redatta ai sensi delle disposizioni regolamentari di cui al Titolo IA.2, Sezione IA.2.12 delle Istruzioni al Regolamento

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK

STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK Articolo 1: COSTITUZIONE Ai sensi degli artt. 14 ss. del Codice Civile e della Legge 11 agosto 1991, n.266, è costituita, con sede legale a Trento, l Associazione

Dettagli

STATUTO CON SEDE IN VENEZIA. Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione. Art. 2. La Deputazione ha personalità giuridica e sede in Venezia.

STATUTO CON SEDE IN VENEZIA. Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione. Art. 2. La Deputazione ha personalità giuridica e sede in Venezia. STATUTO DELLA DEPUTAZIONE DI STORIA PATRIA PER LE VENEZIE CON SEDE IN VENEZIA Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione Art. 1. La Deputazione di storia patria per le Venezie è un associazione che

Dettagli

STATUTO GIORNALISTI SPECIALIZZATI ASSOCIATI

STATUTO GIORNALISTI SPECIALIZZATI ASSOCIATI STATUTO ART. 1 La Denominazione E costituita l Associazione apartitica, apolitica e senza scopo di lucro denominata o, più brevemente GSA, di seguito denominata Associazione. L Associazione ha tempo indeterminato

Dettagli

3. Gli organi della società per azioni

3. Gli organi della società per azioni 3. Gli organi della società per azioni 3.1 L organizzazione della società per azioni L organizzazione interna della società per azioni comprende tradizionalmente i seguenti organi fondamentali: l assemblea

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.V.G. FANCONI ART. 1 1. È costituita ai sensi della legge n. 266 del 1991 l organizzazione di volontariato, denominata: «A.V.G. Fanconi» 2. L organizzazione ha

Dettagli

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di VERBALE DELL'ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 20 APRILE 2012 Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di Spoleto Spa in via

Dettagli

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Mi faccia dire innanzitutto, che è davvero molto bello entrare in questa gigantesca tensostruttura

Dettagli

STATUTO dell Associazione Centro di Formazione e di Iniziativa sulla Cooperazione e l Etica d Impresa Titolo I - Denominazione, sede, scopo, durata.

STATUTO dell Associazione Centro di Formazione e di Iniziativa sulla Cooperazione e l Etica d Impresa Titolo I - Denominazione, sede, scopo, durata. STATUTO dell Associazione Centro di Formazione e di Iniziativa sulla Cooperazione e l Etica d Impresa Titolo I - Denominazione, sede, scopo, durata. Art. 1 - Costituzione e sede. E costituita l Associazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE AMICI ALZHEIMER

ASSOCIAZIONE AMICI ALZHEIMER STATUTO Associazione di Volontariato ASSOCIAZIONE AMICI ALZHEIMER Costituzione - Denominazione - Sede Art. 1. E' costituita con Sede in Via Nino Taranto, 30 l'associazione denominata "Associazione di volontariato

Dettagli

Art. l Denominazione, sede e scopo

Art. l Denominazione, sede e scopo STATUTO ANCI MARCHE Art. l Denominazione, sede e scopo In conformità agli Articoli n 3, 32, 33 dello Statuto dell Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) è costituita l Associazione Regionale

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA IL RETTORE VISTA VISTI VISTO VISTO la Legge 9 maggio 1989, n.168, Istituzione del Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica ; i Decreti del Ministro dell Istruzione dell Università

Dettagli

Genova, 20 gennaio 2015

Genova, 20 gennaio 2015 Genova, 20 gennaio 2015 Approfondimenti sulle società di capitali: modelli di governance, sistemi di controllo, quote e azioni, diritti particolari, operazioni su azioni proprie Sede di svolgimento Ordine

Dettagli

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase STRUMENTI DI SOLUZIONE DELLA CRISI D IMPRESA ALTERNATIVI AL FALLIMENTO Con la riforma del diritto fallimentare ad opera della l. n. 80 del

Dettagli

Statuto associazione ideali Persone, Progetti, Territori

Statuto associazione ideali Persone, Progetti, Territori Statuto associazione ideali Persone, Progetti, Territori Art. 1. Costituzione E costituita l Associazione ideali, Persone, Progetti, Territori, di seguito ideali, quale luogo di elaborazione culturale

Dettagli

IL FACTORING COME SOLUZIONE AD ALCUNE PROBLEMATICHE FINANZIARIE LEGATE AL SETTORE DELLA VENDITA

IL FACTORING COME SOLUZIONE AD ALCUNE PROBLEMATICHE FINANZIARIE LEGATE AL SETTORE DELLA VENDITA Factoring tour: Brescia - Il factoring: la gestione professionale dei crediti al servizio dell impresa (10 ottobre 2006 ) Giuseppe Masserdotti - Stefana S.p.A. Il factoring come soluzione ad alcune problematiche

Dettagli

Studio Legale Avv. Paolo Savoldi Via Verdi, 14 24121 Bergamo

Studio Legale Avv. Paolo Savoldi Via Verdi, 14 24121 Bergamo LA CULTURA E LA PRATICA DELLA CONCILIAZIONE: GLI ESPERTI SI CONFRONTANO Bergamo, 23 Ottobre 2008 Palazzo dei Contratti e delle Manifestazioni Sala del Mosaico Come noto i procedimenti di conciliazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Svolta Donna. Statuto Stralcio

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Svolta Donna. Statuto Stralcio ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Svolta Donna Statuto Stralcio Art.1 Costituzione, denominazione, sede e durata. a E costituita l Associazione di volontariato denominata Svolta Donna, nella forma di associazione

Dettagli

Adempimenti societari. Spa o Srl? Un aiuto per scegliere. di Massimiliano Di Pace

Adempimenti societari. Spa o Srl? Un aiuto per scegliere. di Massimiliano Di Pace Adempimenti societari Informativa Spa o Srl? Un aiuto per scegliere di Massimiliano Di Pace Quale forma è preferibile per la costituzione di una società tra la Spa e la Srl? Questo contributo si propone

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE BIMBI DEL MADAGASCAR ONLUS

STATUTO ASSOCIAZIONE BIMBI DEL MADAGASCAR ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE BIMBI DEL MADAGASCAR ONLUS ART. 1 - COSTITUZIONE 1.1 E costituita un Associazione senza scopo di lucro denominata BIMBI DEL MADAGASCAR - ONLUS. L Associazione è costituita ai sensi

Dettagli

Rilevazioni audiovisive

Rilevazioni audiovisive TRASCRIZIONE Nº 47 RADIO 3 SCIENZA ORE 11:30 DATA 14/11/2007 PIETRO GRECO (CONDUTTORE): E' dunque in discussione al Parlamento Europeo una proposta che è quella che gli esperti chiamano di pubblicità diretta

Dettagli

SOCIETA' DI INIZIATIVA SPORTIVA " GENS ITALICA "

SOCIETA' DI INIZIATIVA SPORTIVA  GENS ITALICA SOCIETA' DI INIZIATIVA SPORTIVA " GENS ITALICA " STATUTO TITOLO I: COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1) La Associazione Veterani Gens Italica società dilettantistica è costituita da tutti i volontari sportivi

Dettagli

GLI ITALIANI E IL RISPARMIO

GLI ITALIANI E IL RISPARMIO COMUNICATO STAMPA Sondaggio realizzato per Acri da Abacus in occasione della 78ª Giornata Mondiale del Risparmio GLI ITALIANI E IL RISPARMIO Roma, 30 ottobre 2002. Gli Italiani sono sempre meno soddisfatti

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO Art. 1) 1.1 È costituita una Associazione denominata Centro Studi Americani (di seguito il Centro ). L Associazione non ha scopi

Dettagli

Regolamento dell Associazione Noi del Tosi

Regolamento dell Associazione Noi del Tosi Regolamento dell Associazione Noi del Tosi Disposizioni preliminari Art. I Con questo regolamento interno l Associazione Noi dell Enrico Tosi intende darsi un insieme di norme pratiche atte a favorire

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE SIETAR ITALIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE SIETAR ITALIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE SIETAR ITALIA CAPITOLO I Nome, scopo, e domicilio dell associazione 1. Nome ed affiliazioni 1.1 L Associazione SIETAR Italia (associazione culturale per l educazione,

Dettagli

Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese

Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese A quella di truffa è arrivata anche quella per corruzione a carico del presidente dell INPGI,

Dettagli

STATUTO A.I.R.A. Associazione Italiana Rivenditori Autoveicoli

STATUTO A.I.R.A. Associazione Italiana Rivenditori Autoveicoli A.I.R.A. Associazione Italiana Rivenditori Autoveicoli Via Campostrini 76-37020 Pedemonte (Vr) Tel.: 045/680.16.88 - Fax:045/683.16.84 STATUTO A.I.R.A. Associazione Italiana Rivenditori Autoveicoli A.I.R.A.

Dettagli

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate Sommario La Consob ha concluso l iter di approvazione della nuova disciplina sulle operazioni con parti correlate effettuate, direttamente o tramite società controllate, da società che fanno ricorso al

Dettagli

ISPI ISTITUTO PER GLI STUDI DI POLITICA INTERNAZIONALE STATUTO

ISPI ISTITUTO PER GLI STUDI DI POLITICA INTERNAZIONALE STATUTO ISPI ISTITUTO PER GLI STUDI DI POLITICA INTERNAZIONALE STATUTO Il presente Statuto è stato approvato dall Assemblea Generale Straordinaria dell 11 dicembre 1986 e modificato dalle Assemblee Generali Straordinarie

Dettagli

ORDINARIA E STRAORDINARIA AMMINISTRAZIONE

ORDINARIA E STRAORDINARIA AMMINISTRAZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA AMMINISTRAZIONE In riferimento al punto 9.3 Ordinaria e Straordinaria Amministrazione pagg. 74 80 dei documenti preparatori al CG 2010, il Comitato nazionale intende proporre

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 998 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Disposizioni per la tutela dei risparmiatori e istituzione del Fondo di garanzia

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI Articolo 1 - Attività del Consiglio L attività del Consiglio dell Ordine

Dettagli

MOZIONE. L Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna. Premesso che

MOZIONE. L Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna. Premesso che Servizio Segreteria Assemblea Legislativa REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ASSEMBLEA LEGISLATIVA ATTO DI INDIRIZZO - MOZIONE Oggetto n. 4543 - Mozione proposta dai consiglieri Grillini, Monari, Barbati, Naldi,

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli

STATUTO G.F. IL CUPOLONE DLF-BFI. Approvato Dall Assemblea dei soci in data

STATUTO G.F. IL CUPOLONE DLF-BFI. Approvato Dall Assemblea dei soci in data STATUTO G.F. IL CUPOLONE DLF-BFI Approvato Dall Assemblea dei soci in data 29-05 - 2008 Art. 1 Costituzione e denominazione 1. E costituita in Firenze nel 1961, una associazione denominata Gruppo Fotografico

Dettagli

STATUTO. della Fondazione SENIOR ITALIA FOUNDATION ONLUS. Art.1 Denominazione e sede

STATUTO. della Fondazione SENIOR ITALIA FOUNDATION ONLUS. Art.1 Denominazione e sede STATUTO della Fondazione SENIOR ITALIA FOUNDATION ONLUS Art.1 Denominazione e sede E costituita la Fondazione avente natura di organizzazione non lucrativa di utilità sociale denominata Senior Italia Foundation

Dettagli

"CROT VARIA UMANITA' ONLUS"

CROT VARIA UMANITA' ONLUS STATUTO Art. 1. Denominazione e sede È costituita l associazione denominata: "CROT VARIA UMANITA' ONLUS" in seguito chiamata per brevità "associazione" L associazione è apartitica, apolitica e aconfessionale,

Dettagli

STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO ITALO-LIBICA

STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO ITALO-LIBICA Art. 1 STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO ITALO-LIBICA COSTITUZIONE TITOLO I Costituzione sede-finalità-durata È costituita una Camera di Commercio mista denominata Camera di Commercio italo-libica, avente

Dettagli

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana Angelo Tantazzi Presidente di Borsa Italiana Signor Presidente della Repubblica, Signor Presidente del Consiglio, Autorità, Signore e Signori, è per me un onore e un piacere porgere il benvenuto a quanti

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

STATUTO Art. 1 Art. 2 Art. 3

STATUTO Art. 1 Art. 2 Art. 3 STATUTO Art. 1 La società per azioni denominata Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale S.p.A. (in forma abbreviata BdM - MCC S.p.A. ) è regolata dal presente Statuto. La Società può utilizzare anche

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO Approvato dall Assemblea il 10 marzo 2011 Art. 1 Costituzione 1. È costituita l associazione di volontariato

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

STATUTO. SLOW FOOD ITALIA - Sede Nazionale. 0172/421.293 info@slowfood.it www.slowfood.it

STATUTO. SLOW FOOD ITALIA - Sede Nazionale. 0172/421.293 info@slowfood.it www.slowfood.it STATUTO Art. 1 Denominazione. E' costituita ai sensi dello Statuto Nazionale di Slow Food Italia la Condotta di RAVENNA, associazione senza fini di lucro, organizzazione locale aderente al movimento internazionale

Dettagli

AVEVA RAGIONE ENRICO C.

AVEVA RAGIONE ENRICO C. AVEVA RAGIONE ENRICO C. di Debora Cremasco I. PREMESSA. Siamo convinti che il conflitto societario sia endemico in tutte le realtà organizzate per l esercizio collettivo di un attività economica. Siamo

Dettagli

$662&,$=,21(()$ (WLFD)LQDQ]DH$PELHQWH 67$7872

$662&,$=,21(()$ (WLFD)LQDQ]DH$PELHQWH 67$7872 $662&,$=,21(()$ (WLFD)LQDQ]DH$PELHQWH 67$7872 Costituzione e sede I signori comparenti convengono di costituire tra loro un associazione culturale di volontariato ONLUS sotto la denominazione E.F.A. (Etica,

Dettagli

GNL Italia - STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO SEDE - DURATA DELLA SOCIETA - CAPITALE - OBBLIGAZIONI ARTICOLO 1

GNL Italia - STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO SEDE - DURATA DELLA SOCIETA - CAPITALE - OBBLIGAZIONI ARTICOLO 1 GNL Italia - STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO SEDE - DURATA DELLA SOCIETA - CAPITALE - OBBLIGAZIONI ARTICOLO 1 1.1 E costituita la Società GNL Italia S.p.A.. La denominazione può essere scritta in qualsiasi

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi delle Disposizioni di Vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle Banche di Banca d Italia, nonché

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE MARIO TOBINO

STATUTO FONDAZIONE MARIO TOBINO STATUTO FONDAZIONE MARIO TOBINO Articolo 1 Costituzione E costituita la Fondazione Mario Tobino. La Fondazione Mario Tobino ha sede in Lucca, località Maggiano in Via di Fregionaia. Essa risponde ai principi

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE

CORPORATE GOVERNANCE 49 CORPORATE GOVERNANCE Un buon sistema di corporate governance pone al centro dell impresa il Consiglio di Amministrazione in quanto massimo organo deputato alla gestione della Società nell interesse

Dettagli

STATUTO. A.I.S.M.M.E. Onlus Associazione Italiana Studio Malattie Metaboliche Ereditarie

STATUTO. A.I.S.M.M.E. Onlus Associazione Italiana Studio Malattie Metaboliche Ereditarie STATUTO A.I.S.M.M.E. Onlus Associazione Italiana Studio Malattie Metaboliche Ereditarie ART. 1 La denominazione, la sede e la durata dell associazione 1. L Associazione di Volontariato A.I.S.M.M.E. Onlus

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE LE VIE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - Denominazione e sede È costituita l associazione denominata LE VIE con sede nel comune di Bologna in Via Adriano Banchieri,

Dettagli

Operazioni sulle azioni

Operazioni sulle azioni Protocollo 231/ 1 di 11 Protocollo per la prevenzione del reato di cui all art. 2628 c.c. Illecite operazioni sulle azioni o quote sociali o della società controllante Situazione Revisione Vers. emissione

Dettagli

I MODELLI DI CORPORATE GOVERNANCE 3

I MODELLI DI CORPORATE GOVERNANCE 3 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO ANNO ACCADEMICO 2008/2009 PERIODO: II TRIMESTRE

Dettagli