Anno XLXI - n 15 del 10 Settembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno XLXI - n 15 del 10 Settembre 2014"

Transcript

1 Anno XLXI - n 15 del 10 Settembre 2014 L Editoriale: In attesa che le istituzioni si rimettano in moto, in Europa torna a calare la produzione pag. 5 Seminario: Time Management: i fattori di inefficienza e di successo nella gestione aziendale Mercoledì, 24 Settembre 2014 ore 8.45 pag. 6 Workshop: Aspetti fiscali del commercio elettronico di beni e servizi in Italia e all estero Mercoledì, 8 Ottobre 2014 ore 9.00 pag. 8 Missione imprenditoriale in Myanmar e Vietnam 2 /7 Novembre 2014 pag. 10 Blocco importazioni prodotti agroalimentari in Russia pag. 19 Partecipazione collettiva ICE alla FOODEX 2015 Tokyo, Giappone - 3/6 Marzo 2015 pag. 23 Export beni a duplice uso - Modifica Reg. (CE) n. 428/2009 pag. 32 pag. Esportazioni 1 verso la Russia, regolamento UE 833/2014, decisione 2014/512/PESC pag. 33

2 E a disposizione dei Soci la pubblicazione Atradius Country Report Czech Republic - July 2014 a cura di Atradius, leader nel settore assicurazione crediti commerciali. Le tematiche affrontate sono: informazioni generali sul Paese, situazione politica - maggior stabilità con il nuovo governo, situazione economica - ritorno alla crescita. La pubblicazione è in lingua inglese. Le aziende che desiderano ricevere una copia gratuita della pubblicazione via sono pregate di richiederla alla Segreteria Aice (Tel /1- Fax Ricordiamo le ultime pubblicazioni a disposizione dei Soci richiedibili presso la Segreteria Aice: Rapporto ICE - PROMETEIA (Notiziario nr. 14 del 25 Luglio 2014). Country Report Japan - June 2014 (Notiziario nr. 13 del 10 Luglio 2014). WTO Trade Facilitation Agreement (Notiziario nr. 12 del 25 Giugno 2014). pag. 2

3 IL COMMERCIO CON L ESTERO 5 QUI AICE L Editoriale: In attesa che le istituzioni si rimettano in moto, in Europa torna a calare la produzione pag. 5 Seminario: Time Management: i fattori di inefficienza e di successo nella gestione aziendale Mercoledì, 24 Settembre 2014 ore 8.45 pag. 6 Workshop: Aspetti fiscali del commercio elettronico di beni e servizi in Italia e all estero Mercoledì, 8 Ottobre 2014 ore 9.00 pag. 8 Missione imprenditoriale in Myanmar e Vietnam 2 /7 Novembre 2014 pag. 10 NUOVO CALENDARIO DEL SERVIZIO AICE parliamone con l avvocato pag. 11 Convenzione AICE - ATRADIUS COLLECTIONS Servizi di recupero crediti internazionale pag LA FINESTRA DEI SOCI AICE Scheda di presentazione di VERALLIA (Saint-Gobain Vetri SpA) pag. 13 Scheda di presentazione di Intertek Italia Spa 15 UNIONE CTSP E DINTORNI pag. 14 SPORTELLO INTRASTAT - Elenchi riepilogativi degli acquisti e delle cessioni intracomunitarie. Periodo di competenza: MESE DI SETTEMBRE e 3 TRIMESTRE 2014 Lunedì, 7 Ottobre 2014 pag. 15 Autorizzazione preventiva per l'assunzione di lavoratori all'estero pag. 15 Le indicazioni del Ministero del Lavoro sui contratti a termine e apprendistato dopo il Jobs Act pag. 15 pag. 3 Servizi Unione Confcommercio FIDICOMET - Il credito agevolato per le PMI pag. 16 Convenzioni Unione a disposizione dei Soci Aice pag PRIMO PIANO SULLA CONFCOMMERCIO Rimborsi di imposte - Richiesta del codice Iban da parte dell'agenzia delle Entrate pag. 18 Blocco importazioni prodotti agroalimentari in Russia pag. 19 Convenzioni Confcommercio a disposizione dei Soci Aice pag FIERE E MANIFESTAZIONI Partecipazione collettiva ICE alla SIRHA 2015 Lione, Francia - 24/28 Gennaio 2015 pag. 22 Partecipazione collettiva ICE alla FOODEX 2015 Tokyo, Giappone - 3/6 Marzo 2015 pag. 23 Fiere all estero 25 NOTIZIE DAL MONDO pag. 24 BRASILE - Apertura per import dall Italia ai salumi di breve stagionatura pag. 25 CINA - Rafforzata la vigilanza su alimentari e medicinali pag. 25 SIRIA - Sanzioni economiche UE prorogate fino al 1 giugno 2015 pag. 25 L'export di formaggi supera la soglia dei 2 miliardi di euro, la Russia è tra i mercati emergenti pag. 26 Food products advertising in China pag. 27

4 32 DALL UNIONE EUROPEA Export beni a duplice uso - Modifica Reg. (CE) n. 428/2009 pag. 32 Esportazioni verso la Russia, regolamento UE 833/2014, decisione 2014/512/PESC pag. 33 Ifo World Economic Climate Results of the Ifo World Economic Survey (WES) of the 3rd quarter 2014 pag. 34 Organizzazione mondiale del commercio - Azevêdo: membri incapaci di colmare il divario sulla facilitazione del commercio pag GARE D APPALTO INTERNAZIONALI Gare d appalto internazionali 39 IL PUNTO SULLA NORMATIVA ITALIANA Informazioni in materia tributaria 40 WORLD BUSINESS Opportunità di business per gli associati pag. 38 pag. 39 pag. 40 pag. 4

5 In attesa che le istituzioni si rimettano in moto, in Europa torna a calare la produzione L editoriale Stiamo entrando nel vivo del semestre italiano di Presidenza europea, e si sta sbloccando anche la situazione delle nomine alle alte cariche, con Federica Mogherini e Donald Tusk nominati rispettivamente a Alto Rappresentante per la Politica Estera e Presidente del Consiglio UE. Dovremo, poi attendere almeno fino a novembre per l'insediamento della nuova Commissione. Nel frattempo infuria il dibattito tra crescita e stabilità, la situazione economica non migliora e le diverse crisi internazionali, in primis quella russo-ucraina, hanno effetti negativi sulla salute delle nostre imprese. Il quadro negativo è confermato dall'indicatore Pmi (Purchasing Managers Index), elaborato da Markit Economics, che anticipa il ciclo economico e scivola ai minimi da oltre un anno, invertendo lo spunto positivo registrato nei primi mesi del 2014 che aveva lasciato ben sperare per la ripresa. Scende il dato dell'intera Eurozona, male in particolare Italia e Francia, tiene meglio la Spagna, la Germania cala ma resta in espansione. Nell'aprile scorso l'indicatore Pmi per l'italia aveva toccato i massimi da tre anni. Sembrava che il peggio della recessione fosse alle spalle e che per la manifattura italiana si avviasse un periodo di ripresa. Oggi, invece, la situazione è tornata a complicarsi. L'indice, costruito in base a questionari inviati ai responsabili degli acquisti di o l t r e a z i e n d e manifatturiere, è scivolato a quota 49,8 punti, scendendo sotto la soglia (50 punti) che separa l'aspettativa di crescita da quella di recessione. La frenata è attribuibile alle notevoli incertezze su fattori quali economia e geopolitica che stanno avendo un evidente effetto contrario sul settore manifatturiero. Ciò si riscontra anche sul piano della domanda, con il rallentamento del volume sia dei nuovi ordini che delle commesse per l'estero. A determinare la frenata è stata in particolare la scarsa crescita della produzione, per di più confinata al settore dei beni intermedi. Per quelli di consumo e per i beni capitali, cioè gli investimenti veri e propri, si è confermata la riduzione delle produzioni. I riflessi di questa stagnazione si vedono anche nella rinuncia, da parte delle imprese, alla manodopera. Le commesse inevase presso i manifatturieri sono diminuite per l'ottavo mese consecutivo. Guardando fuori dai confini nazionali, si rileva una diminuzione per l'indice Pmi manifatturiero dell'intera Eurozona che si attesta a 50,7 punti, ai minimi degli ultimi 13 mesi. Nel quadro della moneta unica la sola Irlanda rappresenta un'eccezione, mentre rallenta tutto il resto del blocco e si registrano nuove contrazioni dell'occupazione. La Germania, con un calo da 52 a 51,4 punti, fa peggio di quanto si aspettassero gli analisti. Rosso su tutta la linea per la Francia ai minimi da maggio La Spagna, infine, resta ben salda me nte nella zo na dell'espansione economica e i nuovi ordini registrano la maggior crescita dall'aprile del Le prospettive, quindi, non sono rosee per il settore manifatturiero e di conseguenza per l'intera economia. Lo sguardo torna, dunque, verso la BCE nella speranza di un intervento decisivo a base di stimoli monetari e fiscali, in attesa che anche l'europa "politica" inizi ad agire in questa direzione. Claudio Rotti pag. 5

6 Seminario: Time Management: i fattori di inefficienza e di successo nella gestione aziendale Mercoledì, 24 Settembre 2014 ore 8.45 qui Aice Seminario Time Management: i fattori di inefficienza e di successo nella gestione aziendale Mercoledì, 24 Settembre 2014 ore 8.45 Unione Confcommercio Sala Colucci Corso Venezia, 47 Milano RELATORE: Carlo Tagliabue Consulente in comunicazione d impresa La partecipazione all incontro è gratuita per le aziende associate. Le adesioni saranno accettate sino ad esaurimento dei posti disponibili e sarà data conferma tramite 3 giorni prima dell evento. Per maggiori informazioni: Segreteria Aice D.ssa Raffaella Perino Tel /1 Una gestione aziendale efficiente è elemento essenziale per la competitività di un'impresa, indipendentemente dal settore e dalla tipologia di attività, e il time management (gestione del tempo) ne è un fattore fondamentale. Spesso il fattore tempo non è considerato come una risorsa esauribile e preziosa e viene affrontato lasciando spazio ad abitudini, stili e modalità di soluzione di problemi e di gestione dei rapporti interpersonali che non sempre sono produttivi. Il seminario intende offrire utili suggerimenti sul processo di pianificazione delle attività lavorative: come rafforzare la capacità di analisi e di gestione del proprio tempo come acquisire metodi e comportamenti per la gestione di priorità e urgenze come riconoscere l'approccio adeguato in funzione delle richieste organizzative come sperimentare strumenti e tecniche di pianificazione e di programmazione come individuare best practices nella gestione del tempo Registrazione partecipanti 9.00 Apertura lavori 9.15 Il tempo nel contesto aziendale PROGRAMMA Il tempo è denaro! A che punto siamo Test individuale e debriefing I ladri di tempo interni ed esterni Pausa I concetti di importanza, urgenza, priorità La matrice per la pianificazione La delega: sconosciuta moltiplicatrice del tempo Gli approcci personali al tempo Quesiti e dibattito pag. 6

7 pag. 7

8 Workshop: Aspetti fiscali del commercio elettronico di beni e servizi in Italia e all estero Mercoledì, 8 Ottobre 2014 ore 9.00 qui Aice Seminario Workshop Aspetti fiscali del commercio elettronico di beni e servizi in Italia e all estero Mercoledì, 8 Ottobre 2014 ore 9.00 Unione Confcommercio Sala Colucci Corso Venezia, 47 Milano RELATORE: Gian Luca Giussani Studio Commercialista Gian Luca Giussani La partecipazione all incontro è gratuita per le aziende associate. Le adesioni saranno accettate sino ad esaurimento dei posti disponibili e sarà data conferma tramite 3 giorni prima dell evento. Per maggiori informazioni: Segreteria Aice D.ssa Raffaella Seveso Tel /1 Il seminario ha l'obiettivo di illustrare gli aspetti fiscali (fatturazione, a- dempimenti etc) della vendita di prodotti su internet. Si prenderanno in esame gli aspetti fiscali del commercio elettronico indiretto, ossia della vendita tramite internet di beni fisici, e gli aspetti fiscali relativi al commercio elettronico diretto (vendita per via telematica di beni virtuali quali software, musica, immagini, libri). Il commercio elettronico indiretto (vendita di beni fisici) presenta delicati risvolti di carattere doganale e fiscale. Le procedure fiscali di vendita si differenziano in funzione: della tipologia del soggetto acquirente (consumatore finale B2C o operatore economico B2B) del Paese di invio dei beni (Italia, Paese UE o Paese extra-ue) della natura dei prodotti oggetto dell operazione (prodotti diversi da quelli soggetti ad accisa o prodotti soggetti ad accisa, come ad esempio bevande alcoliche e tabacchi). Infine verranno illustrate le nuove regole del mini sportello unico che entrerà in vigore dal 1 gennaio del 2015 per la vendita di servizi di telecomunicazione e di teleradiodiffusione a privati consumatori Registrazione partecipanti 9.15 Apertura lavori PROGRAMMA 9.30 Definizione di commercio elettronico Commercio elettronico di beni - a consumatori finali comunitari o extra comunitari - a operatori economici comunitari o extra comunitari Pausa Commercio elettronico di bevande alcoliche - a clienti italiani - a clienti di altro Paese UE - a clienti di Paesi extra-ue nuove regole One Stop Shop Quesiti e dibattito pag. 8

9 pag. 9

10 Missione imprenditoriale in Myanmar* e Vietnam 2 /7 Novembre 2014 qui Aice Missione imprenditoriale in Myanmar* e Vietnam 2/7 Novembre 2014 AICE, in collaborazione con Promos - Camera di Commercio di Milano - organizza una missione imprenditoriale in Myanmar (Yangon) e in Vietnam (Ho Chi Minh) dal 2 al 7 Novembre La missione prevede un programma di incontri b2b con operatori economici e controparti locali, selezionati in base al settore di appartenenza e alle richieste delle singole imprese aderenti. Myanmar - Grazie a tassi di crescita di oltre il 7% annuo e alla rimozione delle sanzioni internazionali, è uno dei Paesi più promettenti dell area. In fase di ricostruzione, il Paese offre notevoli opportunità per tutto il comparto dell edilizia e infrastrutture, settore agricolo e agro-industria, macchinari industriali, in particolare per tessile e oil&gas. Vietnam - Il Vietnam ha confermato la propria posizione di spicco tra le economie maggiormente dinamiche del continente asiatico, grazie principalmente all incremento della produzione industriale e manifatturiera. I settori più rilevanti dell export italiano sono i macchinari, prodotti chimici, articoli in pelle, mezzi di trasporto, prodotti tessili, farmaceutici, elettronica ed elettromedicali. PROGRAMMA 2 Novembre Partenza da Milano per Yangon 3 Novembre Incontri d affari a Yangon 4 Novembre Incontri d affari a Yangon 5 Novembre Partenza per Ho Chi Minh Incontri d affari a Ho Chi Minh 6 Novembre Incontri d affari a Ho Chi Minh 7 Novembre Rientro in Italia *le date per il Myanmar possono essere soggette a variazioni ADESIONI entro il 21 Settembre 2014 Il servizio offerto comprende nel dettaglio: ricerca e selezione di partner locali sulla base delle esigenze delle aziende; organizzazione di agende personalizzate di incontri d affari B2B; assistenza durante la missione; interpretariato durante gli incontri facilities e/o transfer in loco per la realizzazione degli incontri d affari dossier Paese La quota di adesione è pari a 2.800,00 + Iva per la parte relativa al Vietnam e 500,00 + Iva per la parte relativa al Myanmar. Per le PMI Lombarde che usufruiscono del VOUCHER B il costo della missione in Vietnam sarà di 1.688,00 (pari a 1.072,00 quota di partecipazione + 616,00 Iva). Le aziende possono aderire ad uno o entrambi i paesi. Le micro, piccole e medie imprese con sede con sede legale e/o operativa in Lombardia potranno beneficiare di finanziamenti regionali (voucher) ad abbattimento della quota di adesione. AICE è a disposizione per informazioni in merito a possibilità di finanziamento. Sarà predisposto inoltre un pacchetto logistico facoltativo comprendente: Volo a/r, voli interni, transfer da/per aeroporti locali, soggiorno. Per maggiori informazioni: Segreteria Aice Dr Pierantonio Cantoni tel /1 pag. 10

11 NUOVO CALENDARIO DEL SERVIZIO AICE parliamone con l avvocato qui Aice Le relazioni commerciali internazionali presentano, spesso, diverse complessità da affrontare. Infatti, nei rapporti con partners stranieri è necessario, sin dall inizio, impostare correttamente gli aspetti contrattuali in un ottica di protezione dei diritti e prevenzione di eventuali contenziosi che in questa materia possono, talvolta, rivelarsi tanto lunghi quanto dispendiosi. Inoltre, in caso di insorgenza di controversie, è opportuno gestire tempestivamente le relative criticità per evitare il rischio di pregiudizi poi difficilmente rimediabili. Nel corso degli anni la nostra Associazione ha dimostrato una particolare sensibilità riguardo alle suddette problematiche, riscontrando nei propri interlocutori una crescente attenzione in proposito. Per questa ragione AICE ha deciso di offrire alle proprie aziende associate un qualificato e gratuito servizio di consulenza di primo orientamento sulle tematiche sopra evidenziate. A tal fine, una volta al mese, l Avv. Paolo Lombardi ed i suoi colleghi dello Studio Legale ELEXI metteranno a disposizione delle aziende associate AICE la loro esperienza pluriennale nell ambito della contrattualistica internazionale e della gestione del contenzioso transfrontaliero con incontri di carattere personale della durata di circa 45 minuti. Il calendario dei prossimi incontri è: mercoledì 17 Settembre 2014 dalle 9.30 alle mercoledì 22 Ottobre 2014 dalle 9.30 alle mercoledì 19 Novembre 2014 dalle 9.30 alle mercoledì 17 Dicembre 2014 dalle 9.30 alle Per maggiori informazioni e iscrizioni gli interessati possono rivolgersi alla Segreteria AICE, Dr.ssa Raffaella Perino - tel /1. pag. 11

12 Convenzione AICE - ATRADIUS COLLECTIONS Servizi di recupero crediti internazionale qui Aice Aice ha stipulato una convenzione con ATRADIUS COLLECTIONS - società appartenente al Gruppo Atradius, leader nel settore dell assicurazione dei crediti commerciali - con l obiettivo di fornire alle aziende associate AICE, un servizio di Recupero Crediti Commerciali nazionale ed internazionale, atto a gestire i ritardati o mancati pagamenti dei propri clienti italiani e/o stranieri. Il servizio di recupero crediti offerto da Atradius Collections consente oggi alle aziende di selezionare in relazione alle proprie necessità, i crediti insoluti da affidare in outsourcing per l'attività di recupero, con conseguente ottimizzazione dei flussi finanziari e della liquidità aziendale. Atradius Collections dispone di un network di professionisti e di partner operanti in oltre 220 Paesi ed è presente con proprie sedi ed uffici nei principali Paesi Europei (Italia, Belgio, Francia, Gran Bretagna, Irlanda. Germania, Olanda, Danimarca, Spagna, Polonia, Ungheria, Svizzera, Repubblica Ceca) in Australia, ad Hong Kong, Singapore, negli Stati Uniti, in Canada e in Messico. Atradius Collections gestisce il servizio di recupero crediti, direttamente e localmente in base all'ubicazi ne dei debitori, in un'ottica buyer focus, ovvero un'ottica di intervento diretto nel Paese in cui insorge il rischio di insolvenza. L'azione di recupero è quindi svolta nella stessa lingua del debitore e secondo le procedure legali e di recupero proprie di ciascun Paese. Atradius Collections gestisce tutte le pratiche attraverso un unico sistema informatico operativamente condiviso fra tutte le sedi, ha creato un portale, che permette ai propri Clienti di operare completamente on line e dispone comunque all'interno di ogni sede, di un ufficio Client Relations Team (CRT) che funge da contact point per tutte le richieste di informazioni e di aggiornamento per le pratiche gestite all estero. Atradius Collections è in grado di assistere i propri clienti in tutte le fasi di recupero del credito, dall iniziale fase stragiudiziale a quella legale ed al monitoraggio delle procedure concorsuali. Le Commissioni di Atradius Collections rispondono al principio di no cure no pay, con una percentuale di Commissioni di Recupero applicata solo in caso di recupero totale o parziale del credito insoluto. Rispetto alle condizioni normalmente applicate, verrà concessa a tutte le aziende associate all AICE, una riduzione pari a 10 sui Costi di Introduzione ed una riduzione pari al 10% delle Commissioni di Recupero relativamente ai Paesi di interesse dell impresa. Per maggiori informazioni le aziende interessate possono contattare la Segreteria Aice, Dr.ssa Veronica Caprotti (Tel /1, Fax , pag. 12

13 La Finestra dei Soci Aice Rubrica a disposizione dei soci per presentare la propria attività La Finestra dei Soci Aice La rubrica La finestra dei Soci Aice, è dedicata alle aziende associate che vogliono presentare la propria attività, alla business community alla quale la nostra Associazione si rivolge. L iniziativa, volta a favorire la conoscenza reciproca fra soci e a far nascere eventuali collaborazioni, alleanze e nuove opportunità di business fra aziende nostre associate o appartenenti ad enti ed associazioni collegate, ha ricevuto sin da subito un ottima adesione da parte delle aziende associate. Invitiamo pertanto le aziende interessate ad inviarci via , la propria scheda monografica che pubblicheremo sui prossimi numeri. Per maggiori informazioni, le aziende interessate possono contattare la Segreteria Aice, Dr.ssa Veronica Caprotti (Tel /321, Fax: , ). VERALLIA (Saint-Gobain Vetri SpA) Verallia produce bottiglie e vasi in vetro per alimenti. Ha tutta la Forza del gruppo internazionale Saint-Gobain e la capacità di trasformarla in Prossimità per incidere con pragmatismo sul territorio in cui opera. Nel mondo, come nei suoi 6 stabilimenti presenti in Italia, Verallia gestisce con senso di responsabilità ed efficacia tutte le problematiche sociali ed etiche che la coinvolgono, dall'impegno per l'ambiente alla sicurezza dei dipendenti. Considera i valori del vetro come centrali, l'innovazione come motore di sviluppo, la qualità come obiettivo e le persone come punto di forza. Le aziende interessate ad entrare in contatto con VERALLIA (Saint-Gobain Vetri SpA), possono contattare la Segreteria Aice (Tel /1 - Fax pag. 13

14 Attività: Test, Ispezioni, Certificazioni Intertek è uno dei fornitori leader di soluzioni di qualità per una vasta gamma di settori industriali in tutto il mondo. Audit ed ispezioni, prove di laboratorio e formazione, certificazioni e servizi regulatory, sono esempi di soluzioni ad alto valore aggiunto che Intertek offre ai propri clienti. Come aiutiamo i nostri clienti? Collaboriamo con i nostri clienti lungo tutta la loro supply chain, aiutandoli a sviluppare ed a gestire la qualità nei loro processi e nei loro prodotti - in termini di sicurezza, prestazioni, integrità, sostenibilità e di piena rispondenza alle attese ed alle preferenze di buyer e consumatori. Offriamo soluzioni per raggiungere un vantaggio competitivo, riducendo i rischi, rafforzando i brand dei clienti e facilitando il miglioramento dell efficienza. Network globale con forte presenza italiana Con la portata mondiale di un network di oltre laboratori in più di 100 paesi, Intertek unisce una conoscenza approfondita dei diversi settori con l esperienza locale in Italia, grazie a: - Servizi regulatory per l industria chimica - Prove e certificazioni di prodotti elettrici ed elettronici - Prove e verifica di conformità per prodotti tessili ed accessori moda, calzature e pelletteria, casalinghi e giocattoli (comprese prove chimiche) - Servizi di ispezioni tecniche, vendor inspection e technical staffing per i settori oil&gas, energy e construction - Servizi di supporto alle esportazioni con: Programmi di Verifica di Conformità della merce per mercati come: Algeria, Arabia Saudita, Egitto, Kuwait, Qatar, Nigeria, Tanzania, Uganda, Etiopia, Botswana, Russia & Customs Union, India (macchinari usati), Filippine Controlli sulla produzione (quantità, qualità, imballi e marcature), supervisione al carico/scarico container e certificati d ispezione per pagamenti contro Lettera di Credito - Audit per la verifica di sistemi, processi, servizi e supply chain. Certificazioni di qualità (ISO 9001, ISO/TS 16949, AS/EN 9100), ambiente (ISO 14001) e energia (ISO 5001); - Ispezioni qualitative e quantitative su carichi di petrolio grezzo e derivati, derrate agricole e oli alimentari, carbone e minerali Per una panoramica dettagliata sui servizi e sulle attività di Intertek visitate il nostro sito web Le aziende interessate ad entrare in contatto con INTERTEK ITALIA SPA, possono contattare la Segreteria Aice (Tel /1 - Fax pag. 14

15 SPORTELLO INTRASTAT - Elenchi riepilogativi degli acquisti e delle cessioni intracomunitarie. Periodo di competenza: MESE DI SETTEMBRE e 3 TRIMESTRE 2014 Ai fini dell elaborazione e presentazione dei modelli INTRASTAT, lo sportello intrastat per la raccolta delle fatture di acquisto e di vendita, periodo di c o m p e t e n z a - m e s e d i S E T T E M B R E e 3 TRIMESTRE, sarà aperto in data LUNEDI 6 OTTOBRE Lo sportello sarà in funzione dalle alle 15.30, presso l Unione Confcommercio Milano - Corso Venezia Milano, in SALA COMITATI. Le aziende associate che r i c o r r e r a n n o a l s e r v i z i o, usufruiranno dei seguenti vantaggi: - avranno un sensibile risparmio economico; - saranno assistite in caso di controlli da parte delle autorità doganali; - s a r a n n o s g r a v a t e d a responsabilità per eventuali errori mater iali co mme s si nell a compilazione dell Intrastat. La Direzione Settore Commercio E s t e r o d e l l U n i o n e Confcommercio Milano (Tel ) è a V o s t r a disposizione per ogni ulteriore informazione. Il Ministero del lavoro, con nota n del 5 agosto c.a., in merito al rilascio telematico dell'autorizzazione preventiva all'assunzione di un lavoratore italiano per lo svolgimento di Autorizzazione preventiva per l'assunzione di lavoratori all'estero lavoro all'estero, ha precisato qualora il rapporto di lavoro, a p r e s c i n d e r e d a l l u o g o d'instaurazione, è regolato dal diritto nazionale, il datore di lavoro è obbligato ad inviare il modello Unilav e, preventivamente, a richiedere l'autorizzazione al lavoro all'estero. Diversamente, se il rapporto di lavoro si instaura all'estero ed è regolato dal diritto locale non è dovuta né la comunicazione obbligatoria né la richiesta di autorizzazione. [Fonte: LavoroNews] Le indicazioni del Ministero del Lavoro sui contratti a termine e apprendistato dopo il Jobs Act Il Ministero del Lavoro, con circolare n. 18 del 30 luglio c.a., ha fornito chiarimenti interpretativi relativamente alle nuove disposizioni previste per il contratto a tempo determinato, la somministrazione di lavoro ed il contratto di apprendistato, dopo l'entrata in vigore della Legge n. 78/2014 di conversione del Decreto Legge n. 34/2014 (c.d. Jobs Act). Confcommercio ha redatto una nota esplicativa di Confcommercio che, oltre a fornire le principali indicazioni sulle novità, propone una lettura coordinata della circolare con le norme del CCNL del Terziario, Distribuzione e Servizi. Le aziende interessate a ricevere gratuitamente via la nota esplicativa di Confcommercio possono contattare la Segreteria Aice, D.ssa Veronica Caprotti (Tel /1, Fax , E- mail: pag. 15

16 Servizi Unione Confcommercio FIDICOMET - Il credito agevolato per le PMI Per maggiori informazioni le aziende interessate possono contattare la Segreteria Aice (Tel /1 - Fax: , pag. 16

17 Convenzioni Unione a disposizione dei Soci AICE Convenzioni Unione Continua su questo numero la panoramica delle convenzioni, valide su tutto il territorio n a z i o n a l e, c h e l U n i o n e Confcommercio Imprese per l Italia di Milano, Lodi, Monza e Brianza mette a disposizione delle aziende associate. Convenzione con ipayst ipayst è un marchio della società UMS Italia. L applicazione scaricabile su smartphone e tablet, basata sulla tecnologia QR Code, riproduce un portafoglio elettronico (Mobile Wallet), tramite il quale è possibile pagare con le proprie carte di credito e debito. ipayst permette di portare innovazione tecnologica nei negozi, risparmiare tempo sul ciclo di vendita, accelerare le vendite, avvicinare nuovi clienti ai punti di v e n d i t a e t r a s f o r m a r e i consumatori occasionali in Loyalty Consumer. ipayst è il POS tecnologicamente più moderno e completo. Riduci il contante Nessun problema di resti, minori rischi di frode, minori rischi di furto Conosci i tuoi clienti Il contante è anonimo e i pagamenti elettronici non ti danno informazioni. E' tempo di cambiare: con ipayst puoi profilare i clienti, offrirgli un servizio personalizzato, fare iniziative di marketing ad hoc Risparmia e inizia a svincolarti dal POS Solo un minimo canone mensile Fai parlare di te Dai una spinta alla tua immagine offrendo ai clienti qualcosa di nuovo e di utile PER GLI ASSOCIATI UNIONE CONFCOMMERCIO Canone mensile del servizio di piattaforma telematica 12,00 anziché 15,00 (sconto del 20%). A fronte di un contratto annuale, i primi 3 mesi saranno considerati di prova gratuita. Per maggiori informazioni le aziende interessate possono contattare la Segreteria Aice, D.ssa Veronica Caprotti (Tel /1 - Fax: , E- mail: pag. 17

18 Rimborsi di imposte - Richiesta del codice Iban da parte dell'agenzia delle Entrate Primo piano sulla Confcommercio Con il Comunicato stampa del 31 luglio 2014, l'agenzia delle Entrate ha reso noto che - al fine di velocizzare l'erogazione dei rimborsi di imposte - sta chiedendo ai contribuenti, attraverso la posta elettronica certificata (Pec) o la posta ordinaria, di comunicare il proprio codice Iban per ricevere le somme direttamente sul conto corrente. Al riguardo, l'amministrazione finanziaria ha precisato che la richiesta indirizzata alle persone fisiche arriva tramite posta ordinaria, mentre quella rivolta alle aziende arriva, tramite posta elettronica certificata, all'indirizzo Pec della società presente nel registro delle imprese. 1. Due modalità per fornire l'iban: i servizi telematici o gli uffici dell'agenzia delle Entrate. L'Agenzia delle Entrate ha evidenziato che comunicare l'iban è necessario per poter ricevere le somme con accredito sul proprio conto corrente. Per evitare il rischio di "phishing", si precisa che l'amministrazione finanziaria non accetta Iban per posta, o via Pec. Questi canali sono, invece, utilizzati dall'agenzia delle Entrate per informare i contribuenti sulle uniche due modalità ammesse per comunicare il codice Iban del conto corrente bancario o postale: - la prima, utilizzando i servizi onli ne d isponibili s ul sito Per comunicare il codice (o modificare quello precedentemente fornito) basta accedere alla propria area autenticata, riservata agli utenti abilitati ai servizi telematici; - la seconda, rivolgendosi agli uffici territoriali dell'agenzia delle Entrate e presentando il modello per la richiesta di accreditamento disponibile presso gli stessi uffici o sul sito al percorso: Home > Cosa devi fare > Richiedere > Rimborsi > Accredito rimborsi su conto corrente. Sempre per motivi di sicurezza, l'agenzia delle Entrate ha precisato che non invia o messaggi cui sono allegati file da compilare e trasmettere, né software e applicazioni da scaricare su computer o dispositivi mobili. pag. 18

19 Blocco importazioni prodotti agroalimentari in Russia Primo piano sulla Confcommercio ELENCO di prodotti agricoli, materie prime e prodotti alimentari i cui paesi di provenienza sono gli Stati Uniti d America, i paesi dell Unione Europea, il Canada, l Australia e il Regno di Norvegia, la cui importazione nella Federazione Russa e vietata per un anno S u l l e m i s u r e p e r l a realizzazione del Decreto del Presidente della Federazione Russa del 06 agosto 2014 N.560 Sull applicazione di singole misure economiche speciali allo scopo di garantire la sicurezza della Federazione Russa. In esecuzione del Decreto del Presidente della Federazione Russa del 06 agosto 2014 N.560 Sull applicazione di singole misure economiche speciali allo scopo di garantire la sicurezza della Federazione Russa, il Governo della Federazione Russa delibera quanto segue. 1. Introdurre per un anno il divieto di importazione nella Federazione Russa di prodotti agricoli, materie prime e prodotti alimentari i cui paesi di provenienza sono gli Stati Uniti d America, I paesi dell Unione Europea, il Canada, l Australia e il Regno di Norvegia, in base all elenco allegato. 2. Il Servizio Federale Doganale garantisce il controllo degli adempimenti di cui al punto 1 della presente delibera. 3. L a c o m m i s s i o n e g o v e r n a t i v a p e r i l monitoraggio e la risposta operativa alle variazioni della pag. 19

20 congiuntura dei mercati alimentari, di concerto con gli organi supremi dell apparato esecutivo del potere statale dei soggetti della Federazione Russa garantisce l equilibrio dei mercati delle materie prime imp edend o l accelerazione dell aumento dei prezzi su prodotti agricoli, materie prime e prodotti alimentari. 4. Il Ministero del commercio e dell industria della Federazione R u s s a e i l M i n i s t e r o dell agricoltura della Federazione Russa di concerto con gli organi supremi dell apparato esecutivo del potere statale dei soggetti della Federazione Russa, organizzano il monitoraggio operativo quotidiano ed il controllo sullo stato dei rispettivi mercati dei prodotti agricoli, materie prime e prodotti alimentari. 5. Il Ministero dell agricoltura della Federazione Russa di concerto con gli organi federali interessati del potere esecutivo e con la partecipazione dei consorzi di prodotti agricoli, di materie prime e di prodotti alimentari e dei produttori di merci, elabora e realizza un complesso di misure atte ad ampliare l offerta di prodotti agricoli, materie prime e prodotti alimentari allo scopo di evitare l aumento dei prezzi. 6. Il Ministero del commercio e dell industria della Federazione Russa, il Ministero dell agricoltura della Federazione Russa, il M i n i s t e r o d ello s v i luppo economico della Federazione Russa e il Servizio federale a n t i m o n o p o l i o c o n l a partecipazione dei consorzi delle reti commercilai e degli enti commerciali garantiscono il coordinamento dell attivita allo scopo di contenere l aumento dei prezzi. 7. Il presente decreto entra in vigore dal giorno della sua pubblicazione ufficiale. [Fonte: Il Presidente del Governo della Federazione Russa D.A. Medvedev] pag. 20

21 Convenzioni Confcommercio a disposizione dei Soci Aice Convenzioni Questa sezione offre una panoramica delle convenzioni che Confcommercio - Imprese per l Italia mette a disposizione delle aziende associate. In questo numero presentiamo le convenzioni relative al settore telefonia. Convenzione con Aura Sud - Vodafone Vodafone è il primo operatore nel segmento Business di telefonia mobile in Italia. La convenzione con il partner commerciale nazionale di Vodafone Aura Sud garantisce condizioni privilegiate per gli Associati, con sconti fino al 50%. Per usufruire della convenzione, ti sarà richiesta copia della Tessera C o n f c o m m e r c i o, o l a Confcommercio Card, valida per l anno in corso. I dettagli della convenzione Gli Associati Confcommercio hanno il diritto di usufruire delle seguenti offerte: - Sconto 50% sull acquisto di Tablet Samsung ed Apple - Sconto 50% sui servizi di RETE FISSA, ADSL, FIBRA OTTICA e CENTRALINO - Sconto fino al 20% sui servizi di RETE MOBILE - Sconto fino al 100% sul canone del MOBILE POS - Sconto del 25% sul canone di s e r v i z i d i V I D E O SORVEGLIANZA Inoltre, Vodafone, tramite l a g e n z i a A u r a S u d offre consulenza e assistenza dedicate su tutto il territorio nazionale tramite una rete capillare di consulenti certificati. Per ricevere maggiori informazioni riguardo i dettagli delle proposte e le modalità di fruizione delle stesse, contattare la Segreteria Aice, D.ssa Veronica Caprotti (Tel /1, Fax , E- mail: pag. 21

22 Partecipazione collettiva ICE alla SIRHA 2015 Lione, Francia - 24/28 Gennaio 2015 Fiere e manifestazioni L'ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane, nell ambito del Piano Export Sud a sostegno delle Regioni della Convergenza - Calabria, Campania, Puglia e Sicilia - organizza una partecipazione collettiva alla Fiera SIRHA 2015 che si terrà a Lione dal 24 al 28 Gennaio Nel 2013 il valore complessivo delle esportazioni agro-alimentari italiane è ammontato a milioni di euro, evidenziando un incremento in valore del 4,9% rispetto all anno precedente. L Unione Europea si conferma il principale mercato di sbocco dei prodotti agroalimentari Made in Italy con milioni di euro (+4,9%) - La Francia, in particolare, con milioni di euro (2,8%) si conferma il secondo mercato di sbocco - subito dopo la Germania - per le esportazioni agroalimentari nazionali - L Italia detiene il quinto posto nella classifica dei principali fornitori della Francia di prodotti agroalimentari, con una quota del 8,8%, mentre la Francia rappresenta per l Italia il primo mercato di importazione (principalmente animali, carni, prodotti lattiero-caseari, cereali e prodotti dolciari). In occasione della fiera SIRHA 2015, L ICE - Agenzia ha opzionato pe le aziende italiane delle quattro Regioni obiettivo un area di 225 mq, suddivisa in moduli di 9 mq. L offerta comprende: - stand di 9mq allestito e arredato - assicurazione obbligatoria Ente Fiera - Centro Servizi comune presso desk informativo ICE - Agenzia (fax, internet, etc.) - campagna di comunicazione - realizzazione di una brochure della Collettiva italiana a cura dell ICE - Agenzia - inserimento nel catalogo ufficiale della fiera - assistenza in Fiera La quota di partecipazione è pari a: Quota Export Sud modulo di 9 mq 1.500,00/mq + IVA Le adesioni dovranno pervenire entro e non oltre il 19 Settembre Per maggiori informazioni le aziende interessate possono contattare la Segreteria Aice, Dr. Pierantonio Cantoni (Tel /1, pag. 22

23 Partecipazione collettiva ICE alla FOODEX 2015 Tokyo, Giappone - 3/6 Marzo 2015 Fiere e manifestazioni L'ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane organizza la partecipazione della Collettiva italiana alla Fiera FOODEX 2015 che si terrà a Tokyo dal 3 al 6 Marzo La FOODEX Japan, giunta alla sua 40esima edizione, è considerata la piu importante manifestazione fieristica agroalimentare del Giappone e rappresenta un evento di grande richiamo commerciale per tutta l area Asia Pacifico. Con la partecipazione a FOODEX si intende consolidare le posizioni già acquisite sul mercato giapponese per i prodotti piu esposti alla concorrenza internazionale, nonché incrementare l offerta italiana con una presenza sempre piu qualificata e diversificata delle nostre produzioni tipiche. Grazie alle politiche espansive messe in atto dalle autorità economiche e monetarie, che hanno portato alla svalutazione dello Yen, le vendite di tutti i department stores giapponesi nel 2013 hanno registrato un aumento dell 1% rispetto all anno precedente. La quota di partecipazione comprende: - affitto area espositiva - allestimento e arredamento dello stand, inclusi servizi generali (allacci tecnici e relativi consumi) - assicurazione del campionario esposto durante lo svolgimento della Fiera - pulizie giornaliere dello stand - iscrizione nel catalogo ufficiale della Fiera - servizi (utilizzo di apparecchi fax, fotocopiatrici, computer e collegamento ad internet) all interno del Centro Servizi ICE che sarà realizzato all interno della Collettiva - attività organizzativa e di assistenza in favore degli espositori italiani e di accoglienza e primo orientamento nei confronti dei visitatori stranieri - prima assistenza commerciale - azioni pubblicitarie e di sensibilizzazione nei confronti degli operatori locali del settore Resteranno a totale carico dei partecipanti tutte le spese e le prestazioni non espressamente sopra indicate. La quota di partecipazione è pari a: 700,00/mq + IVA Le adesioni dovranno pervenire entro e non oltre il 20 Settembre Per maggiori informazioni le aziende interessate possono contattare la Segreteria Aice, Dr. Pierantonio Cantoni (Tel /1, pag. 23

24 Fiere all estero Fiere e manifestazioni MODEF 2014 İnegöl/Bursa, Turchia - 4/8 Novembre esima edizione della fiera internazionale specializzata dedicata ad arredamento e decorazione di interni. Tra i prodotti esposti ci saranno: arredo moderno, classico, antico e modulare, arredo per sale e camere, divani, poltrone e sedie, camerette, accessori, tessuti e pelli, prodotti semilavorati. Tra i visitatori sono attesi negozi di arredo, catene di negozi, grossisti, distributori, importatori, esportatori, acquirenti, architetti, decoratori di interni, disegna tori industriali, decoratori. La scorsa edizione ha visto la partecipazione di 145 aziende espositrici, oltre buyers, 2454 visitatori stranieri da 62 paesi. M a g g i o r i i n f o r m a z i o n i disponibili sul sito: H O N G K O N G INTERNATIONAL WINE & SPIRITS FAIR 6/8 Novembre 2014 Settima edizione della fiera dedicata al mondo del vino e delle bevande alcoliche. Grazie al suo ambiente cosmopolita, Hong Kong è il luogo ideale per i distributori e gli operatori vinicoli. La domanda di vino e alcolici sul mercato di Hong Kong è in forte crescita e i consumatori diventano sempre piu esigenti e alla ricerca di prodotti di qualità. Tra le principali categorie di prodotti : Liquori e bevande (vino, brandy, whisky, cocktails, tequila, vino di riso, alcolici, birra, sakè, champagne, v o d k a ), S e r v i z i (imbottigliamento vino, packaging, turismo enologico, etichettatura, logistica), Investimenti, Accessori e attrezzature (Bicchieri e calici, decantatori, apribottiglie, tappi), Area formazione. La Hong Kong International Wine & Spirits non è solo una manifestazione espositiva ma un luogo d incontro dove i produttori di vino e alcolici possono educare al vino attraverso la loro filosofia, i loro metodi e i loro brand. Dal 2012 infatti è stata creata all interno dell evento la zona Wine Education per coltivare l apprezzamento per il vino e fornire formazione per i professionisti del settore a t t r a v e r s o s e m i n a r i, dimostrazioni e degustazioni. La scorsa edizione ha registrato la presenza di oltre espositori, buyers su un area espositiva di oltre mq. M a g g i o r i i n f o r m a z i o n i disponibili sul sito: -e n / H K T D C -H o n g -K o n g - International-Wine-and-Spirits- Fair.html SEGUI AICE SU TWITTER all indirizzo twitter.com/aicemilano pag. 24

25 BRASILE - Apertura per import dall Italia ai salumi di breve stagionatura notizie dal mondo Le autorità brasiliane hanno comunicato l approvazione del nuovo certificato sanitario per l esportazione dall Italia verso il Brasile di prodotti derivati dalle carni suine. In particolare, le autorità locali hanno riconosciuto la regionalizzazione della malattia vescicolare, come proposto dal nostro Ministero della Salute, e quindi autorizzato l ingresso di prodotti di salumeria a breve stagionatura (salami, pancette, coppe, ecc.) provenienti dalla macroregione del nord, che comprende Valle d Aosta, Piemonte, Lombardia. [Fonte: Mondomercati] CINA - Rafforzata la vigilanza su alimentari e medicinali notizie dal mondo Dal 1 Giugno sono in vigore in Cina le disposizioni riguardanti la p r o c e d u r a s a n z i o n a t o r i a amministrativa di alimenti e medicinali (Provisions on Food and Drug Administrative Penalty Procedure (CFDA Order No.3), emanate dall autorità cinese in materia medicinale ed alimentare, la China Food and Drug Administration (CFDA). Il provvedimento mira a disciplinare i meccanismi di vigilanza su alimenti e medicinali e a salvaguardare gli interessi di cittadini, persone giuridiche ed altre organizzazioni. Le disposizioni chiariscono le procedure sanzionatorie amministrative (competenza, archiviazione, ricerca, raccolta delle prove, punizione, consegna, esecuzione e chiusura del giudicato) per quanto riguarda beni alimentari, farmaci, cosmetici e dispositivi medici. Inoltre, otto categorie di prodotti alimentari rientrano nella sup er visione d ei processi produttivi e di trasformazione, vale a dire latte artificiale, alimenti per bambini, prodotti lattierocaseari, prodotti a base di carne, liquori cinesi, bevande e olii vegetali commestibili. Maggiori informazioni possono essere reperite al seguente ind irizzo inter net: w w w. c h i n a - b r i e f i n g. c o m / n e w s / / 0 5 / 2 8 / aggiornamentinormativi- chinasalvaguardia-d el-cibo-e- daziantidumping. html#more [Fonte: Mondomercati] SIRIA - Sanzioni economiche UE prorogate fino al 1 giugno 2015 notizie dal mondo La CE, con Decisione 2014/309/ PESC del 28 maggio 2014, pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell Unione europea L160/2014 ed entrata in vigore il 29 maggio 2014, ha modificato la decisione 2013/255/PESC relativa a misure restrittive nei confronti della Siria adottata il 31 maggio Le misure si applicano fino al 1 giugno 2015 e comprendono un c e r t o n u m e r o d i v i e t i d i esportazione e di importazione, ad esempio un embargo petrolifero, così come restrizioni sugli investimenti, attività finanziaria e settore dei trasporti. Due persone e un ente sono stati rimossi dalla lista originale delle persone ed entità soggette a misure restrittive. 179 persone associate con la violenta repressione in Siria rimangono colpite da un congelamento dei beni e dal divieto di viaggiare. 53 enti collegati alle politiche repressive, compresa la Banca centrale della Siria, continueranno ad avere i loro patrimoni bloccati all interno dell UE. [Fonte: Mondomercati] pag. 25

26 L'export di formaggi supera la soglia dei 2 miliardi di euro, la Russia è tra i mercati emergenti notizie dal mondo L'export di formaggi italiani abbatte il muro dei 2 miliardi. Nel 2013 il nostro Paese si è inserito nei primissimi posti della classifica europea dei prodotti lattiero-caseari: ci precedono solo Olanda, Germania e Francia. Il valore complessivo della produzione nel comparto raggiunge i 15 miliardi e l'anno scorso le esportazioni sono cresciute del 7,4% a volume e del 4,2% a valore. Come spiegare la forbice tra valore e quantità? «La causa è stata la crisi economica e la volontà di mantenere un buon livello competitivo - risponde Adriano Hribal, delegato alla presidenza di Assolatte, l'associazione dei produttori del lattiero-caseario - Lo scorso anno abbiamo dovuto ridurre del 3% i prezzi medi dei nostri prodotti ma non ci aspettavamo di superare la barriera dei 2 miliardi. Con un attivo lusinghiero della bilancia dei pagamenti caseari: 245 milioni di euro». Comunque anche nel primo bimestre del 2014 lo slancio dell'export non si è affievolito: +6% a volume e +8,4% a valore. I nostri formaggi sono riusciti a migliorare i prezzi medi, soprattutto in alcuni mercatichiave come la Francia e gli Stati Uniti. I dati del settore sono emersi dall'assemblea annuale di Assolatte, svoltasi ieri a Milano, che ha confermato alla presidenza Giuseppe Ambrosi; Hribla; invece ha mantenuto il suo ruolo di consigliere delegato della presidenza. La Francia rimane il paese più goloso di formaggi italiani: in un anno ne ha consumati per 378 milioni (+7,6%), la Germania per 340 (+10%) e gli Stati Uniti per 238 (-2,1%). Tra i mercati emergenti la Russia ha aumentato l'import del 35%. I prodotti più apprezzati restano la mozzarella e i formaggi freschi che l'anno scorso hanno registrato un ulteriore aumento del 15% a volume, seguono poi Grana e Parmigiano (+5,9%) e i grattugiati (+4%), buona annata anche per le esportazioni di Gorgonzola che crescono del 5,1%. In calo solo le vendite estere di Pecorino e Fiore Sardo (-6,4%). Tuttavia il lattiero caseario non è un'isola felice e l'export non risolve i problemi della crisi dei consumi in Italia: nel 2013 la produzione di latte pastorizzato (rappresenta il 43% dei litri totali) si è contratta del 5% e quella del latte a lunga conservazione (57%) del 2%. Complessivamente sono stati lavorati 12,68 miliardi di litri di latte con cui si sono prodotti oltre 2,6 miliardi di litri di latte confezionato, 1,6 miliardi di vasetti di yogurt, 160 milioni di kg di burro, 1 miliardo di kg di formaggi freschi e stagionati e latticini come panna, ricotta e mascarpone. Bilancio di segno negativo anche per la produzione complessiva di formaggi: le principali Dop italiane hanno chiuso il 2013 con un calo del 2,75% a volume. Il Grana Padano si è riconfermato il formaggio Dop leader per produzioni, con il 36% dei volumi complessivi del settore, seguito dal Parmigiano Reggiano con il 27,4%, il Gorgonzola con il 10,4%, la Mozzarella di Bufala Campana con il 7,7%, il Pecorino Romano con il 5,1% e l'asiago con il 4,6%. [Fonte: Russia24] pag. 26

27 Food products advertising in China notizie dal mondo pag. 27

28 pag. 28

29 pag. 29

30 pag. 30

31 pag. 31

32 Export beni a duplice uso - Modifica Reg. (CE) n. 428/2009 dall Unione Europea La CE, con Reg. (UE) N. 599/2014 del 16 aprile 2014, ha modificato il Reg. (CE) n. 428/2009 del Consiglio che istituisce un regime comunitario di controllo delle esportazioni, del trasferimento, dell intermediazione e del transito di prodotti a duplice uso. In particolare, all articolo 9, paragrafo 1, sono aggiunti i commi seguenti: Per garantire che le autorizzazioni generali di esportazione dell Unione di cui agli allegati da II bis a II septies coprano solo le operazioni a basso rischio, alla Commissione è conferito il potere di adottare atti d e l e g a t i c o n f o r m e m e n t e all articolo 23 bis per eliminare destinazioni dall ambito di applicazione di tali autorizzazioni g e n e r a l i d i e s p o r t a z i o n e dell Unione se tali destinazioni diventano soggette a un embargo sugli armamenti di cui all articolo 4, paragrafo 2. Qualora, in caso di tale embargo sugli armamenti, motivi imperativi di urgenza richiedano la rimozione di determinate destinazioni dall ambito di applicazione di un autorizzazione generale di esportazione dell Unione, la procedura di cui all articolo 23 ter si applica agli atti delegati adottati ai sensi del presente paragrafo. ; All articolo 15 è aggiunto il paragrafo seguente: 3. Alla Commissione è conferito il potere d i adottare atti d elegati conformemente all articolo 23 bis riguardo all aggiornamento dell elenco dei prodotti a duplice uso di cui all allegato I. L aggiornamento dell allegato I avviene all interno dell ambito di applicazione di cui al paragrafo 1 del presente articolo. Nel caso in cui l aggiornamento dell allegato I riguardi prodotti a duplice uso elencati anche negli allegati da II bis a II octies o nell allegato IV, tali allegati sono modificati di conseguenza. ; Sono inseriti gli articoli seguenti: Articolo 23 bis 1. Il potere di adottare atti delegati è conferito alla Commissione alle condizioni stabilite nel presente articolo. 2. Il potere di adottare atti delegati di cui all articolo 9, paragrafo 1, e all articolo 15, paragrafo 3, è conferito alla Commissione per un periodo di cinque anni a decorrere dal 2 luglio La Commissione elabora una relazione sulla delega di potere al più tardi nove mesi prima della scadenza del periodo di cinque anni. La delega di potere è tacitamente prorogata per periodi di identica durata, a meno che il Parlamento europeo o il Consiglio non si oppongano a tale proroga al più tardi tre mesi prima della scadenza di ciascun periodo. 3. La delega di potere di cui all articolo 9, paragrafo 1, e all articolo 15, paragrafo 3, può essere revocata in qualsiasi momento dal Parlamento europeo o dal Consiglio. La decisione di revoca pone fine alla delega di potere ivi specificata. Gli effetti della decisione decorrono dal g i o r n o s u c c e s s i v o a l l a pubblicazione della decisione nella Gazzetta ufficiale dell Unione europea o da una data successiva ivi specificata. Essa non pregiudica la validità degli atti delegati già in vigore. 4. Non appena adotta un atto delegato, la Commissione ne dà contestualmente notifica al Parlamento europeo e al Consiglio. 5. L atto delegato adottato ai sensi dell articolo 9, paragrafo 1, e dell articolo 15, paragrafo 3, entra in vigore solo se né il Parlamento europeo né il Consiglio hanno sollevato obiezioni entro il termine di due mesi dalla data in cui esso è stato loro notificato o se, prima della scadenza di tale termine, sia il Parlamento europeo che il Consiglio hanno informato la Commissione che non intendono sollevare obiezioni. Tale termine è prorogato di due mesi su iniziativa del Parlamento europeo o del Consiglio. Articolo 23 ter 1. Gli atti delegati adottati ai sensi del presente articolo entrano in vigore immediatamente e si applicano finché non siano sollevate obiezioni conformemente al paragrafo 2. La notifica di un atto delegato al Parlamento europeo e al Consiglio illustra i motivi del ricorso alla procedura d urgenza. 2. Il Parlamento europeo o il Consiglio possono sollevare obiezioni a un atto delegato secondo la procedura di cui all articolo 23 bis, paragrafo 5. In tal caso, la Commissione abroga l atto immediatamente a seguito della notifica della decisione con la quale il Parlamento europeo o il Consiglio hanno sollevato obiezioni. [Fonte: Mondomercati] pag. 32

33 Esportazioni verso la Russia, regolamento UE 833/2014, decisione 2014/512/PESC dall Unione Europea Lo scorso 31 agosto sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale della UE i seguenti provvedimenti: -regolamento UE 833/2014 "concernente misure restrittive in considerazione delle azioni della Russia che destabilizzano la situazione in Ucraina". -d ecisione /5 12 /PESC "concernente misure restrittive in considerazione delle azioni della Russia che destabilizzano la situazione in Ucraina" I testi sono disponibili ai link o n t e n t / I T / T X T / P D F /? uri=oj:jol_2014_229_r_0001&f rom=it o n t e n t / I T / T X T / P D F /? uri=oj:jol_2014_229_r_0003&f rom=it Altri documenti esplicativi possono essere reperiti al seguente link h t t p : / / w w w. e u r o p e a n - council. europa. eu/home-page/ highlights/additional-restrictivemeasures-against-russia?lang=en C o m e g i à b e n n o t o, e preannunciato dagli organi di stampa, la UE ha emesso queste misure restrittive a seguito delle delicata situazione creatasi in Ucraina ed in Crimea, in modo analogo a quanto già fatto dagli U.S.A.nei giorni passati. Le disposizioni normative suddette, che entrano in vigore il 1 agosto 2014, sono di struttura molto complessa e prevedono vincoli sia all'attività di esportazione, sia a quella di assistenza tecnica, sia a determinate operazioni finanziarie. I settori sui cui impattano sono quelli dei materiali d'armamento, dei beni e tecnologie del settore petrolifero e dei beni dual use ( reg. CE 428/2009) se destinati ad uso militare o alle forze armate russe. Riepilogo quindi a seguito le disposizioni, riproducendo parte dei testi dei provvedimenti, =Sono vietati la vendita, la fornitura, il trasferimento o l'esportazione diretti o indiretti alla Russia di armamenti e materiale connesso di qualsiasi tipo, compresi armi e munizioni, veicoli ed equipaggiamento militari, equipaggiamento paramilitare e relativi pezzi di ricambio, da parte di cittadini degli Stati membri o in provenienza dal territorio degli Stati membri ovvero mediante navi o aeromobili battenti bandiera degli stessi, siano tali armamenti o materiali originari o no di tale territorio. = È vietato vendere, fornire, trasferire o esportare, direttamente o indirettamente, i beni e le tecnologie a duplice uso ( VEDI REG CE 428/2009 ), anche non originari dell'unione, a qualsiasi persona fisica o giuridica, entità od organismo in Russia, o per un uso in Russia, se i prodotti in questione sono o possono essere destinati, in tutto o in parte, a un uso militare ovvero a un utilizzatore finale militare =Occorre un'autorizzazione preventiva per vendere, fornire, trasferire o esportare, direttamente o indirettamente, le tecnologie elencate nell'allegato II, anche non originarie dell'unione, a qualsiasi persona fisica o giuridica, entità od organismo in Russia o in qualsiasi altro paese, se tali attrezzature o tecnologie sono destinate a un uso in Russia Si prega di prendere visione delle merci elencate nell'all. II del regolamento UE 833/2014 che sono essenzialmente materiali legati all'attività di esplorazione petrolifera di genere (ad es.tubi). Sino ad ora l' esportazione di tali beni non era vincolata al rilascio di a l c u n a a u t o r i z z a z i o n e d i esportazione, ciò significa quindi che, ad oggi, i suddetti prodotti NON sono esportabili se non prima di avere ottenuto una specifica autorizzazione di esportazione. ll processo autorizzativo dovrebbe essere gestito secondo le regole dettate per le autorizzazioni dei prodotti dual use; se di vs necessità il ns ufficio può assistervi n e l l ' o t t e n i m e n t o d e l l e autorizzazioni presso il Ministero competente. Si tenga inoltre ben presente che le disposizioni delle suddette normative UE si applicano anche se le merci non sono destinate d i r e t t a m e n t e a l l a R u s s i a Negli articoli viene infatti riportato : pag. 33

34 fornire, trasferire o esportare, direttamente o indirettamente,..., a qualsiasi persona fisica o giuridica, entità od organismo in Russia o in qualsiasi altro paese, se tali attrezzature o tecnologie sono destinate a un uso in Russia Nei prossimi giorni potrebbero giungere ulteriori chiarimenti dai Ministeri competenti in ordine all' applicazione pratica delle misure della U.E. [Fonte: Commissione Europea] Ifo World Economic Climate Results of the Ifo World Economic Survey (WES) of the 3rd quarter 2014 dall Unione Europea Ifo World Economic Climate Brightens Slightly The Ifo Index for the world economy rose to points from points in the previous quarter. Both assessments of the current economic situation, as well as the economic outlook, improved somewhat versus April. World economic activity remains on the rise. The risks, however, have grown: almost three quarters of the WES experts surveyed believe that rising energy prices and supply shortages pose a moderate to high potential threat to the world economy. The driving forces behind the world economic climate result primarily from North America with an increase of 3.4 points in the Ifo index (USA: 5.9) and Asia with a plus of almost 10 points. The index for Europe, by contrast fell (-0.9), and particularly sharp decreases were reported in the Near East (-5.7) and Latin America (-5.4 points). In Latin America the Ifo index fell to its lowest level since the end of According to a WES special question on the expected negative impact of the Ukraine conflict, experts, especially in direct neighbouring countries, cited negative effects in terms of trade channels, as well as energy prices a n d s u p p l y. E x p e r t s i n geographically distant regions like Latin America, Oceania, Asia and Africa, by contrast, reported that the impact of the conflict is relatively minor. Inflation expectations remain unchanged on worldwide average at 3.2 percent. While the expected price increase has declined steadily for over a year in Europe, price expectations in North America and Asia were upwardly revised. The experts surveyed expect long-term interest rates to continue to rise over the next six months, although somewhat less frequently than in the last survey. In their opinion, short-term interest rates should remain largely stable for the next six months. The US dollar and the Japanese yen are perceived to be undervalued on worldwide average; while the euro and the British pound are seen as overvalued. Overall, experts expect the US dollar to strengthen in the next six months. [Fonte: IFO] pag. 34

35 Organizzazione mondiale del commercio - Azevêdo: membri incapaci di colmare il divario sulla facilitazione del commercio dall Unione Europea Lo scorso 31 luglio il Direttore Generale Roberto Azevêdo ha riferito agli ambasciatori dell'omc che, nonostante intense consultazioni, "non siamo stati in grado di trovare una soluzione che ci permetterebbe di colmare il divario" sull'adozione del protocollo sull'accordo per la facilitazione degli scambi. Azevêdo ha esortato i membri "a riflettere a lungo e duramente sulle conseguenze di questa battuta d'arresto". Pubblichiamo un estratto del discorso di Azevêdo tenutosi lo scorso 31 luglio. Ho convocato questo incontro come capo delegazione - ma dati gli ultimi sviluppi credo sia opportuno ritenerla una riunione TNC (The Trade Negotiations Committee) informale prima di rilasciare la mia dichiarazione. Queste sono le ultime ore lavorative prima della deadline per adottare il protocollo sull'accordo sulla Facilitazione del Commercio, così ho voluto cogliere l'occasione per informarvi su tutto quello che è successo da quando il Consiglio Generale è stato sospeso venerdì sera. L Ambasciatore Fried, in qualità di Presidente del Consiglio Generale, è qui al mio fianco. Abbiamo discusso la situazione e confermato che cio che ha annunciato venerdì vale ancora. Quindi, il punto 2 all'ordine del giorno sarà chiuso senza alcuna azione se non quella di prendere atto, come di consueto, delle dichiarazioni rese. E la riunione del Consiglio Generale sarà quindi formalmente chiusa senza l'adozione del protocollo. Naturalmente è vero che tutto rimane in gioco fino alla mezzanotte di oggi - ma al momento non vi è alcuna soluzione fattibile, e non ho alcuna indicazione che se ne troverà una a breve. Questo sarà solo un resoconto verbale da me a voi, per motivi di trasparenza, in mod o d a informarvi tutti sulla situazione. Se qualcuno avesse un'idea che non sia già stata proposta o testata è pregato di informare la presidenza del Consiglio Generale perché potrebbe essere ancora fattibile. Ma, come ho detto, non ho alcuna indicazione che questo sia il caso. Q u i n d i, p e r m e t t e t e m i d i aggiornarvi sugli eventi degli ultimi giorni. Da venerdì sono in contatto con diverse delegazioni. Martedì ho convocato una riunione dei coordinatori del gruppo per informarli delle mie attività, e ho chiesto loro di riferirvi il tutto. In queste discussioni sono state testate delle idee che potrebbero farci progredire. Ho esaminato se ci sono eventuali modi dove poter trovare un accordo. Tuttavia, sono spiacente di comunicarvi che, nonostante questi sforzi non ho gli elementi necessari per dirvi che sia possibile una svolta. Ci siamo vicini, ma non abbastanza. In questo momento, con una deadline così imminente, non ho nulla nelle mie mani che mi faccia credere che possiamo raggiungere con successo un consenso sul punto 2 dell'ordine del giorno del Consiglio Generale. La mia impressione è che i divari ancora esistenti siano incolmabili con il poco tempo rimasto. Da un lato abbiamo la ferma convinzione, condivisa da molti, che le decisioni che i ministri hanno raggiunto a Bali non possono essere cambiate o modificate in alcun modo - e che tali decisioni devono essere pienamente rispettate. Dall'altra parte del dibattito ci sono alcuni che credono che tali decisioni lascino dubbi irrisolti che devono essere affrontati in modo che, in vista di altri, cambino l'equilibrio di ciò che è stato concordato a Bali. Non siamo stati in grado di trovare una soluzione che ci permetterebbe di colmare questo divario. pag. 35

36 Abbiamo tentato tutto cio che potevamo. Ma non è stato possibile. Il fatto che non abbiamo una conclusione significa che stiamo entrando in una nuova fase del nostro lavoro - una fase che mi sembra essere piena di incertezze. Da Bali vi ho riferito l incoraggiante impegno che avevo visto nei negoziati. C'è stato uno stato d'animo costruttivo e positivo. I membri sono stati flessibili, tolleranti e pronti ad impegnarsi sulle questioni sostanziali in un modo che non vedevamo da molti anni. Insieme stiamo lavorando per progredire in tutti i settori del nostro lavoro - nell attuare le decisioni di Bali e nel far progressi con l'agenda post-bali. Naturalmente trovare un accordo non sarà facile, ma stiamo lavorando duro per raggiungerlo. Ma, mentre vi stavo riferendo questa notizia, allo stesso tempo ho detto che se abbiamo perso la deadline del 31 luglio per l'adozione del protocollo relativo all'accordo sulla Facilitazione del Commercio, sarebbe probabile avere un impatto su tutti i settori del nostro lavoro. Ho ripetuto più volte che non credo questo sia solo un altro punto di riferimento procedurale minore. La mia sensazione, alla luce delle cose che sento da voi, è che questo non sia solo un altro ritardo che può essere semplicemente ignorato in un nuovo programma - questo avrà conseguenze. E mi sembra, da quello che ho sentito nei miei colloqui con voi, che le conseguenze rischiano di essere significative. Ma naturalmente non sarò io a decidere quali saranno le conseguenze. Quello spetterà a voi. Cio che tutto questo significherà per l'omc sarà nelle vostre mani. Nel nostro calendario abbiamo una pausa perché nei prossimi giorni inizieranno le vacanze estive. Pertanto vi invito ad utilizzare questo tempo per riflettere attentamente su quali potrebbero essere i passi successivi. Vi esorto a riflettere a lungo e duramente sulle conseguenze di questa battuta d'arresto. Io cercherò di fare lo stesso. Nel mese di agosto sarò in viaggio e parlerò ai membri per vedere a che punto siamo, per sentire le vostre opinioni, e per parlare di come dovremmo procedere. E quando tutti saranno tornati a Ginevra, chiederò ai presidenti dei gruppi di negoziazione e agli organi regolari di consultarsi con i membri su cosa si può fare in queste circostanze. Come ho detto, cercherò di fare lo stesso - parlerò ai membri e ai presidenti- e vi riferirò tutto a tempo debito. Vorrei sottolineare l'importanza dei tre pilastri del OMC: controversie, monitoraggio e negoziazioni - per non parlare del nostro lavoro di assistenza tecnica e aiuto al commercio. Abbiamo visto l'importanza del nostro lavoro durante la crisi f i n a n z i a r i a, q u a n d o, c o n t r a r i a me n t e a l l e c r i s i precedenti, non c'e stata un'ondata di protezionismo. Era normale vedere il valore di tali pilastri. Ma, quando ho assunto l'incarico lo scorso settembre, avevo reali preoccupazioni per il futuro del pilastro negoziale. Bali è stato un momento molto importante nel rilanciare e rivitalizzare la funzione negoziale. Ma, appena sette mesi più tardi, ancora una volta, sono molto, molto preoccupato. La mia opinione è sempre stata che i l s i s t e m a c o m m e r c i a l e multilaterale è essenziale non solo per sostenere la crescita economica e lo sviluppo, ma anche per affrontare altre sistemiche questioni globali di governance - come ad esempio: proteggersi contro il protezionismo; rispondere a nuove sfide a livello mondiale; e lavorare per risolvere non solo controversie specifiche, ma piu grandi e fondamentali squilibri. In questo modo, dalla sua creazione nel 1948, il sistema multilaterale è stata una forza potente per l'apertura, la cooperazione - e la pace. Ma è chiaro che tutti e tre i pilastri sono necessari affinchè il sistema funzioni correttamente. E se il s i s t e m a n o n f u n z i o n a correttamente allora le nazioni più piccole saranno i grandi perdenti. Le principali economie avranno altre opzioni a loro disposizione. Ma le più piccole e più vulnerabili pag. 36

37 non ne avranno. Sono quelle con meno opzioni, ad essere a rischio. Il mio timore è che più un economia è piccola e vulnerabile, tanto più soffrirà. Ho ribadito questo alla cerimonia di apertura della 9 Conferenza Ministeriale - e rimane il mio punto di vista ad oggi. Sarebbe un esito tragico per quelle economie - e di conseguenza per tutti noi. Quindi spero che tutti rifletterete molto seriamente e con molta attenzione al fine di considerare quali potrebbero essere i prossimi passi. Come ho detto, sarete quelli che determineranno le conseguenze degli eventi di oggi. Immagino avrete alcune domande e dubbi - e mi aspetto che vi vogliate prendere un po 'di tempo. Vi consiglio di farlo al più alto livello possibile. Vi esorto a sottolineare l'importanza della situazione in cui ci troviamo, e quanto sarà significativa la posizione che prenderete a settembre. Quindi, per favore, prendetevi questo tempo per riflettere - e cerchiamo di essere pronti al nostro ritorno. Il futuro del sistema commerciale multilaterale è nelle vostre mani. A mezzanotte il Consiglio Generale si chiuderà ufficialmente. E 'deplorevole che abbiamo solo qualche ora. Ma vi ricordo che il 31 luglio non è la mia deadline - ma è quella di Bali decisa dai ministri - e una deadline che molte delegazioni hanno messo in chiaro dobbiamo osservare. Sono sicuro che tutti avrete molto da dire. Ma spero che capirete che questo incontro non è il momento giusto per farlo. Penso dovremmo prenderci il tempo per riflettere e tornare a settembre. [Fonte: WTO] pag. 37

38 Gare d appalto internazionali Gare di appalto internazionali In q uesta nuo va sezio ne pubblichiamo le gare d appalto internazionali segnalateci dalle rappresentanze commerciali italiane all estero. NUOVE GARE FORNITURA TITOLO: The Government of the Republic of the Union of M y a n m a r Ministry of Energy Invitation to Tender Thanlyin Refinery Joint Venture Project (TRJVP) PAESI GARA: (Birmania) MYANMAR D E S CRI ZIONE, S PE CIFICHE TECNICHE E NOTE: Joint venture nel settore petrolchimico PROCEDURA:Procedura aperta CAPITOLATO DISPONIBILE PRESSO: Myanma Petrochemical Enterprise Building No. 44 Nay Pyi Taw Myanmar COSTO CAPITOLATO: kyats SCADENZA ACQUISTO CAPITOLATO: - DATA LIMITE MANIFESTAZIONE INTERESSE: 13/10/2014 DATA SCADENZA PRESENTAZIONE OFFERTE: 13/10/2014 T I T O L O : A c q u i s i t i o n, installation et mise en service de trois lignes de conditionnement de sucre blanc PAESI GARA: TUNISIA D E S CRI ZIONE, S PE CIFICHE TECNICHE E NOTE: - PROCEDURA: Procedura aperta CAPITOLATO DISPONIBILE PRESSO: Ente appaltante C O S T O C A P I T O L A T O : disponibile N o n SCADENZA ACQUISTO CAPITOLATO: - DATA LIMITE MANIFESTAZIONE INTERESSE: - DATA SCADENZA PRESENTAZIONE OFFERTE: 17/09/2014 TITOLO: Public Works Authority Invitation to s u b m i t prequalification d o c u m e n t ( P Q D ) for Pre-Contract Consultant P ro fessional Ser vices fo r Integrated Industrial Wastewater Treatment Facilities. PAESI GARA: QATAR PROCEDURA: Altro (procedura semplificata, procedura negoziata,.) CAPITOLATO DISPONIBILE PRESSO: Non disponibile COSTO CAPITOLATO: Gratuito S C A D E N Z A A C Q U I S T O C A P I T O L A T O : 25/09/2014 DATA LIMITE MANIFESTAZIONE INTERESSE: - DATA SCADENZA PRESENTAZIONE OFFERTE: 25/09/2014 TITOLO: Contenitori per rifiuti PAESI GARA: UNGHERIA D E S CRI ZIONE, S PE CIFICHE TECNICHE E NOTE: Contenitori per rifiuti. Casse per terricciato. Gamelle. Cassonetti per rifiuti. Contenitori e cestini per rifiuti e immondizia. PROCEDURA: Procedura aperta CAPITOLATO DISPONIBILE PRESSO: EuProcure Consult Közbeszerzési Tanácsadó és Szolgáltató Kft. COSTO CAPITOLATO: - SCADENZA ACQUISTO CAPITOLATO: 16/09/2014 DATA LIMITE MANIFESTAZIONE INTERESSE: - DATA SCADENZA PRESENTAZIONE OFFERTE: 16/09/2014 P e r ma g g i o r i d e t t a g l i e informazioni contattare la Segreteria Aice, Dott. Pierantonio Cantoni (Tel /1, Fax , E - m a i l : pag. 38

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria LE FIERE PER LA COMPETITIVITA E LO SVILUPPO DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE LOMBARDO. INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE 1. Finalità pag.

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI denominata Mini collection Q8easy

REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI denominata Mini collection Q8easy Kuwait Petroleum Italia SPA OO144 Roma, Viale dell oceano Indiano,13 Telefono 06 5208 81 Telex 621090 Fax 06 5208 8655 REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI denominata Mini collection Q8easy 1. SOCIETA PROMOTRICE

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli