Alcol.piacere di conoscerti!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alcol.piacere di conoscerti!"

Transcript

1 Alcol.piacere di conoscerti! Cesenatico, 10 Settembre 2010 Marco Matassoni

2 Cosa ci fa pensare la parola alcol? un abitudine piacevole con molte controindicazioni un abitudine che si può modificare abbastanza facilmente con la forza di volontà un abitudine innocua un abitudine consolidata nella nostra cultura una trasgressione un abitudine che hanno tutti una consuetudine associata alle abitudini alimentar una grave forma di dipendenza fisica da una sostanza una grave forma di dipendenza psicologica da una sostanza una grave dipendenza psicofisica causata da una sostanza

3 e ancora il sintomo di una malattia il sintomo di problemi più gravi una fonte di interesse economico un fattore di rischio per la salute un fenomeno che può creare problemi di ordine pubblico una causa indiscutibile di danno sociale ed economico (malattie, incidenti stradali, sul lavoro, e domestici, invalidità, danni in gravidanza, assenteismo, abusi sessuali, violenze su minori) uno stile di vita incongruo con ripercussioni sul piano educativo una sofferenza prolungata per numerose famiglie un aiuto per socializzare un grave rischio ma solo in alcune circostanze

4

5 tra i 15 ed i 24 anni l incidente stradale costituisce la prima causa di decesso ISTAT ANNO 2004

6

7 Probabilita di incidente/infortunio in funzione dell alcolemia valore dell alcolemia % probabilita 0,5 2 0,8 5 1,5 25

8 Definizione di ALCOL L alcol etilico o etanolo è una sostanza liquida ed incolore che si forma per fermentazione di alcuni zuccheri semplici o per distillazione del mosto fermentato. Le bevande alcoliche sono tutte quelle che contengono alcol etilico in una determinata concentrazione (gradi) indicata per legge nella etichetta della bottiglia o della lattina

9 Formula per calcolare i grammi di alcol contenuti in una bevanda: ml di bevanda alcolica x grado alcolico x 0, gradi 8,8 275 ml grammi da alcol 61 Kcal. Formula per calcolare le calorie: Kcal = gradi (quantità in litri) 7,9 7

10 Unità alcolica = 12 grammi di alcol

11 Che cos è l alcolemia? è la quantità di alcol presente nel sangue di una persona che ha bevuto; si misura in grammi di alcol per litro di sangue (g/l)

12 Da quali fattori dipende il valore dell alcolemia? quantità di alcol assunto; tempo di assunzione (in quanto tempo si è assunto alcol); gradazione della bevanda; peso corporeo (le persone magre hanno in genere valori più alti); sesso (donne e uomini metabolizzano l alcol in modo differente); assunzione a stomaco vuoto o pieno; condizioni di salute (persone con malattie acute o croniche metabolizzano l alcol più lentamente e tendono ad avere valori più alti); età (i giovani hanno generalmente valori più alti).

13 L assunzione di medesime quantità di alcol non produce gli stessi valori di alcolemia in tutte le persone e quindi.. non produce gli stessi effetti su tutte le persone.

14 Assorbi mento dell et anolo La maggior parte viene assorbita nel tratto digestivo alto (20% nello stomaco 80% nel tenue) A digiuno l assorbimento massimo si ha da 30 a 60 minuti dall assunzione. L attività alcol deidrogenasica della mucosa gastrica è in grado di ossidare una significativa quantità di alcol in prima istanza first pass metabolism

15 Assorbimento dell etanolo La maggior parte dell alcol assorbito arriva per via portale al fegato sede principale del suo metabolismo (90-95%) Una certa quota giunge immodificata ai tessuti specie quelli ad alto contenuto in lipidi come encefalo e sistema nervoso un fegato sano trasforma 1/2 U.A./ora; in alcune popolazioni, nelle donne e nei ragazzi under 16 l efficienza di questo sistema è molto ridotto.

16 Età del primo bicchiere Italia media europea anni 14,5 anni

17 Quali effetti produce l alcol nell organismo dei ragazzi? Per l incapacità dell organismo a metabolizzare (distruggere ed eliminarne le scorie) l alcol prima dei anni, bere sotto i 16 anni può produrre nei ragazzi gravi effetti sul sistema nervoso centrale e più in generale sull intero organismo, con episodi di intossicazione da alcol: perdita di coordinamento, riduzione della lucidità, diminuzione della memoria, rallentamento dei riflessi o anche perdita di coscienza (possibili danni futuri). RICORDARE!!! Bere alcolici non è la stessa cosa per ragazzi e ragazze

18

19 ..altri aspetti dell alcol l alcol può avere un effetto depressivo, sedativo o eccitante, spesso si può associare o essere la causa di comportamenti violenti e può influenzare negativamente l attività cerebrale; è una sostanza che ha interazioni con molti farmaci, anche con i più comuni come gli antibiotici e l aspirina ed è particolarmente pericolosa da associare a sedativi e tranquillanti. al pari di altre sostanze, l alcol può essere responsabile della Sindrome da Dipendenza : una condizione patologica bisogno spesso forte, talora irresistibile, di assumere la sostanza, aumentandone sempre più le quantità incapacità di smettere di bere nonostante si abbia la consapevolezza di avere un problema fisico o psicologico.

20 Cosa non fa l alcol: l luoghi comuni (1) l alcol aiuta la digestione il vino fa buon sangue le bevande alcoliche sono dissetanti l alcol da calore non è vero! non è vero! non è vero! non è vero! la rallenta e determina un alterato svuotamento dello stomaco il consumo di alcol può determinare anemia ed aumento dei grassi nel sangue disidratano: l alcol l richiede una maggior quantità di acqua per il suo metabolismo (blocca ADH e quindi induce poliuria e sete) la dilatazione dei vasi sanguigni produce solo una sensazione iniziale di calore in superficie, a cui subentra poi un ulteriore raffreddamento

21 Cosa non fa l alcol: l luoghi comuni (2) l alcol aiuta a riprendersi da uno shock l alcol dà forza l alcol rende sicuri non è vero! non è vero! non è vero! provoca dilatazione dei capillari e quindi una diminuzione di afflusso di sangue agli organi, compreso il cervello è un sedativo e produce solo minor senso di affaticamento e di percezione del dolore in fase iniziale disinibisce, eccita, aumenta il grado di socializzazione, ma poi agisce come un potente agente depressivo del SNC; senso della sicurezza svincolata dal pieno controllo del comportamento (dispercezione del rischio per sé e per gli altri)

22 Cosa non fa l alcol: l luoghi comuni (3) la birra fa latte l alcol è una sostanza che protegge non è vero! non è vero! allattamento: per produrre il latte la donna ha bisogno di liquidi, frutta, nutrienti; l alcol l passa nel latte materno e viene assunto dal bambino; gravidanza: due bicchieri di bevanda alcolica al giorno sono potenzialmente in grado di distruggere le cellule del cervello del feto >>> sindrome feto-alcolica nei maschi adulti minime quantità di alcol possono contribuire a ridurre il rischio di mortalità cardiovascolare, ma alle stesse quantità aumenta il rischio di cirrosi epatica, alcuni tumori, accidenti cerebrovascolari, incidenti sul lavoro, incidenti stradali e domestici, episodi di violenza.

23

24 Virus dell epatite Virus dell epatite Sistema nervoso Sistema nervoso Gravidanza (sindrome feto-alcolica) Gravidanza (sindrome feto-alcolica) Apparato respiratorio Apparato respiratorio Cute Cute Reni Reni Apparato cardiovascolare Apparato cardiovascolare Cancro Cancro Apparato muscoloscheletrico Apparato muscoloscheletrico Apparato emopoietico Apparato emopoietico Apparato digerente Apparato digerente ALCOL ALCOL Problematiche cliniche alcol correlate

25 Scenari Riduzione dei consumi Aumento del numero dei consumatori Maggiore richiesta di aperitivi alcolici, drinks, superalcolici (alcolemie elevate, maggiori effetti psicoattivi) Binge-drinking al di sopra della media europea Maggiore precocità d uso

26 Carico di malattia superiore alla media europea Carico di malattia in crescita per > 65 aa Crescita del valore farmacologico ed edonistico del bere, calo del valore alimentare Aumento dei pz in carico ai Servizi per PPAC (sempre più giovani e sempre più vecchi)

27 Centro Alcologico del Ser.T Nuovi Già conosciuti Totale Anno 2009: 232 utenti, 81 dei quali (59 maschi e 23 femmine) nuovi inserimenti nei programmi di trattamento/riabilitazione bio-psico-sociale. A questi vanno aggiunte 59 persone che dopo il colloquio di accoglienza, non hanno accettato di intraprendere un percorso di cura.

28 Incremento della popolazione femminile con PPAC Carenza di strutture di accoglienza Venir meno di evidenze scientifiche sull azione protettiva dell alcol a bassi dosaggi Modelli di consumo e di dipendenza inusuali proposti dai migranti

29 Più evidente correlazione tra disturbi affettivi e di personalità e abuso di alcol Sempre maggior ricorso all alcol in termini di autocura Utilizzo dell alcol in associazione ad energizzanti ed integratori (caffeina, taurina, ginkgo, damiana - prodotti con caratteristiche attivanti, lipolitiche, diuretiche, stimolanti la libido)

30 La media dei maschi italiani che negli ultimi dieci hanno consumato alcolici è del 33% della popolazione maschile e del 27.8% di quella femminile Una popolazione stabile negli ultimi dieci anni Anche se: +18.5% dei giovani tra i 14 ed i 17 anni che consumano più alcolici +12.3% dei giovani in età compresa tra i 18 ed i 24 anni

31 Il 25% dei maschi ed il 14.8% delle femmine presenta condotte a rischio Binge-drinking maggiormente diffuso negli agglomerati urbani con popolazione inferiore ai abitanti

32

33

34 IL MESSAGGIO In quali condizioni è raccomandabile non bere: se hai meno di 16 o più di 65 anni di età se hai programmato una gravidanza se sei in gravidanza o se allatti se assumi farmaci (ansiolitici, anticoagulanti, ASA, ) se soffri di una patologia acuta o cronica se sei un alcolista se hai o hai avuto altri tipi di dipendenza se sei a digiuno o lontano dai pasti se devi andare al lavoro o durante l attività lavorativa se devi guidare un veicolo o usare un macchinario O.M.S.

35 Ci sono persone molto avvedute che credono che, se si continuano a chiudere gli occhi davanti a una cosa, questa non esista più Frammenti postumi, 1880 F. Nietzsche

PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO.

PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO. PER VOLERSI BENE CI VUOLE FEGATO. 1 L alcol è un nemico per la tua salute. (*) fonte: EPICENTRO - Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute L uso di alcol può provocare

Dettagli

Asl8_AW_Alcool:Layout 1 10/07/12 18.40 Pagina 1

Asl8_AW_Alcool:Layout 1 10/07/12 18.40 Pagina 1 Asl8_AW_Alcool:Layout 1 10/07/12 18.40 Pagina 1 Asl8_AW_Alcool:Layout 1 10/07/12 18.40 Pagina 2 2 La Salute non è solo assenza di malattia ma molto di più: è vivere con ritmi che rispettano i propri limiti,

Dettagli

A cura dei ragazzi del biennio ITIS Coordinatore: prof Donato Saini

A cura dei ragazzi del biennio ITIS Coordinatore: prof Donato Saini Progetto: SICUREZZA STRADALE 2007 Sede Centrale ISISS Mostra informativa sui pericoli dell alcol A cura dei ragazzi del biennio ITIS Coordinatore: prof Donato Saini per mille : questi illustri sconosciuti

Dettagli

Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti

Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti 16 Aprile 2014 Carnate Auditorium Scuola di v. Magni Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti M. Raffaella Rossin, psicologa-psicoterapeuta - SIA Lombardia L obiettivo di questo

Dettagli

ETANOLO. Tuttavia influenza sia positivamente che negativamente diverse funzioni fisiologiche.

ETANOLO. Tuttavia influenza sia positivamente che negativamente diverse funzioni fisiologiche. L etanolo, nonostante l elevato valore energetico, non può essere considerato un nutriente poiché: non svolge una funzione plastica non è essenziale. Tuttavia influenza sia positivamente che negativamente

Dettagli

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Valutazione del rischio Alcol dipendenza Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Euservice s.r.l. - Largo Principessa Brancaccio, 2-00027 Roviano (RM)- info@euservice.it 81@euservice.it www.euservice.it

Dettagli

L Alcol tra i giovani

L Alcol tra i giovani L Alcol tra i giovani Nella nostra cultura si va affermando un certo consenso sociale per il consumo di bevande alcoliche. La iniziazione avviene spesso in famiglia, con un consumo di alcol in genere alimentare

Dettagli

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino.

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino. NON BERE BEVANDE ALCOLICHE IN GRAVIDANZA ED IN ALLATTAMENTO U.O. Consultorio Familiare Distretto n 1 e n 2 Ostetrica t CRISTINA FILIPPI Ostetrica BIANCA PIVA 1 Non bere bevande alcoliche in gravidanza

Dettagli

Opuscolo. Soltanto sorseggiandolo piano e assaporandolo lentamente, si può apprezzare e godere appieno del gusto composito di un vino.

Opuscolo. Soltanto sorseggiandolo piano e assaporandolo lentamente, si può apprezzare e godere appieno del gusto composito di un vino. Opuscolo Il vino con moderazione Il vino: la cultura della moderazione Da millenni la produzione e il consumo di vino fanno parte del retaggio europeo. L UE è il principale produttore di vino al mondo,

Dettagli

Opuscolo. Informativo/Formativo. Alcol e Alcoldipendenza

Opuscolo. Informativo/Formativo. Alcol e Alcoldipendenza N Prot. Sicurezza sul Lavoro Opuscolo Informativo/Formativo per i Lavoratori della Scuola Alcol e Alcoldipendenza Salute e Benessere La salute ed il benessere sono elementi essenziali per lo sviluppo personale,

Dettagli

della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI

della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI A. Messineo P. Abetti T. Antoniozzi S. Villarini A. Imperatore A B C della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI Manuale ad uso dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008

Dettagli

Il vino con moderazione

Il vino con moderazione Il vino con moderazione Il vino: la cultura della moderazione Da millenni la produzione e il consumo di vino fanno parte del retaggio europeo. L UE è il principale produttore di vino al mondo, come anche

Dettagli

In collaborazione con

In collaborazione con In collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESPS bere SIA WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS SOCIETÀ ITALIANA ALCOLOGIA non

Dettagli

Quello che c è da sapere sull alcol

Quello che c è da sapere sull alcol Schede di approfondimento Quello che c è da sapere sull alcol Vi siete mai chiesti cosa accade quando si consumano alcolici, se è proprio vero che le donne sopportano l alcol meno degli uomini, o se un

Dettagli

FONDO NAZIONALE DI INTERVENTO PER LA LOTTA ALLA DROGA,

FONDO NAZIONALE DI INTERVENTO PER LA LOTTA ALLA DROGA, Autori: Emanuele Scafato (coordinatore e responsabile del progetto, Istituto Superiore Sanità), Valentino Patussi (responsabile scientifico), Calogero Surrenti (coordinatore Università degli Studi di Firenze),

Dettagli

Gli incidenti stradali

Gli incidenti stradali Nel mondo ogni anno ci sono Gli incidenti stradali 1 milione 200 mila morti (1 ogni 25 secondi) 50 milioni feriti (1 al secondo circa) In Italia in un giorno ci sono 633 incidenti stradali in media con

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Decidi di cambiare. un percorso guidato per uno stile di vita più sano. Piano Nazionale Alcol e Salute PROGETTO NAZIONALE

Decidi di cambiare. un percorso guidato per uno stile di vita più sano. Piano Nazionale Alcol e Salute PROGETTO NAZIONALE PROGETTO NAZIONALE Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Formazione sull identificazione precoce e l intervento breve per la prevenzione dei problemi e danni alcolcorrelati nei contesti

Dettagli

Decidi di cambiare. un percorso guidato per uno stile di vita più sano

Decidi di cambiare. un percorso guidato per uno stile di vita più sano Decidi di cambiare un percorso guidato per uno stile di vita più sano Autori: Emanuele Scafato (Coordinatore e Responsabile, Istituto Superiore di Sanità), Valentino Patussi (Responsabile Scientifico),

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI I DATI EPIDEMIOLOGICI Sez. III Consumo di Alcol e Sicurezza Stradale 2 Consumo di Alcol L alcol insieme a fumo, attività fisica e alimentazione ha assunto nell ambito della

Dettagli

Isili 17 novembre 2012

Isili 17 novembre 2012 Club Alcologico Territoriale Isili Isili 17 novembre 2012 1 Centro Alcologico Senorbì Comune di Isili ... stato di benessere fisico, psichico e sociale e non solo assenza di malattia o infermità... presuppone

Dettagli

CHE COSA E L ALCOL ALCOL E ALCOLISMI

CHE COSA E L ALCOL ALCOL E ALCOLISMI CHE COSA E L ALCOL Con il termine alcol si definisce comunemente l alcol etilico o etanolo, alcol monovalente, primario, saturo che si presenta come sostanza liquida, incolore e che si forma per fermentazione

Dettagli

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Alcol e salute In Europa (OMS) terza causa di mortalità prematura, dopo

Dettagli

A B C. della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI. Manuale ad uso dei lavoratori. A. Messineo S. Villarini A.

A B C. della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI. Manuale ad uso dei lavoratori. A. Messineo S. Villarini A. A. Messineo S. Villarini A. Imperatore A B C della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI Manuale ad uso dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m., dell art.

Dettagli

sai quando basta? www.sai-quando-basta.it

sai quando basta? www.sai-quando-basta.it sai quando basta? www.sai-quando-basta.it ... per mille : questi illustri sconosciuti... La quantità di alcol presente nel sangue di una persona che ha bevuto alcolici viene chiamata alcolemia e può essere

Dettagli

13.4. Gli effetti dell'etanolo comprendono a. aumento del sonno REM b. aumento della secrezione gastrica c. (a e b) d. (nessuna delle precedenti)

13.4. Gli effetti dell'etanolo comprendono a. aumento del sonno REM b. aumento della secrezione gastrica c. (a e b) d. (nessuna delle precedenti) 56 13. Alcol etilico - Proprietà farmacologiche, effetti collaterali, usi clinici. - Farmacocinetica. - Intossicazione acuta e cronica e loro trattamento. - Dipendenza e sindrome da astinenza, loro trattamento.

Dettagli

ALCOOL. Burattin - Loreti

ALCOOL. Burattin - Loreti ALCOOL Burattin - Loreti INDICE -COS è L ALCOOL; -EFFETTI DELL ALCOOL; -EFFETTI SULLE DONNE; -EFFETTI SUI MINORI; -COME SI SVILUPPA LA DIPENDENZA DALL ALCOOL. COS è L ALCOOL L'alcol etilico, o etanolo,

Dettagli

ALCOL E GUIDA INCIDENTI STRADALI E ALCOL

ALCOL E GUIDA INCIDENTI STRADALI E ALCOL ALCOL E GUIDA L alcol viene da alcuni considerato una bevanda, da altri un alimento, da altri ancora un farmaco, assume a volte significati simbolici e presenta aspetti culturali e rituali di tipo sociale

Dettagli

Decidi di cambiare. un percorso guidato per uno stile di vita più sano. rendere facili le scelte salutari

Decidi di cambiare. un percorso guidato per uno stile di vita più sano. rendere facili le scelte salutari MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Decidi di cambiare un percorso guidato per uno stile di vita più sano rendere facili le scelte salutari Autori: Emanuele Scafato (Istituto Superiore

Dettagli

TUTTO (O QUASI) QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PER BERE IN MODO CONSAPEVOLE

TUTTO (O QUASI) QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PER BERE IN MODO CONSAPEVOLE TUTTO (O QUASI) QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PER BERE IN MODO CONSAPEVOLE A cura di: Kashem Lubaba Omerovic Ismeta Omerovic Ramayana III A Anno Scolastico 2009 2010 LE BEVANDE ALCOLICHE L alcool è l ingrediente

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

"RACCOMANDAZIONI SUL TEMA ALCOL"

RACCOMANDAZIONI SUL TEMA ALCOL Palmanova 20 novembre 2013 "RACCOMANDAZIONI SUL TEMA ALCOL" dott.ssa Cinzia Celebre A.S.S.1 Triestina D.d.D. S.C. D. Sostanze Legali ZORAN, IL MIO NIPOTE SCEMO CHI LASSA EL VIN FURLAN, XÈ PROPRIO UN FIOL

Dettagli

se guidi, non bere! Conoscere, Capire, Scegliere

se guidi, non bere! Conoscere, Capire, Scegliere Comune di Genova Direzione Città Sicura Societa' Italiana di Alcologia Sezione Ligure se guidi, non bere! Conoscere, Capire, Scegliere A cura di : Prof. A.c. Ornella Ancarani Prof. A.c. Gianni Testino

Dettagli

Il testo è a cura di: Tiziana Fanucchi, Valentino Patussi, Giulia Marini, Alessio Nastruzzi, Gabriele Magri, Ilaria Londi, Fiorella Alunni.

Il testo è a cura di: Tiziana Fanucchi, Valentino Patussi, Giulia Marini, Alessio Nastruzzi, Gabriele Magri, Ilaria Londi, Fiorella Alunni. Il testo è a cura di: Tiziana Fanucchi, Valentino Patussi, Giulia Marini, Alessio Nastruzzi, Gabriele Magri, Ilaria Londi, Fiorella Alunni. Testo basato sulla revisione e sull adattamento del libretto

Dettagli

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA 5 aprile 2011 Anno 2010 L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA Nel 2010 la quota di popolazione di 11 anni e più che ha consumato almeno una bevanda alcolica l anno è pari al 65,7%, in diminuzione rispetto

Dettagli

Rischio alcolcorrelato nei contesti lavorativi: misure di prevenzione e strategie per la sua gestione ALCOL e CERVELLO. Dott.

Rischio alcolcorrelato nei contesti lavorativi: misure di prevenzione e strategie per la sua gestione ALCOL e CERVELLO. Dott. Rischio alcolcorrelato nei contesti lavorativi: misure di prevenzione e strategie per la sua gestione ALCOL e CERVELLO Dott.Guido Intaschi Psichiatra -dirigente medico Responsabile U.F.S. SERT Azienda

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

CREATIVAMENTE SENZA ALCOOL

CREATIVAMENTE SENZA ALCOOL CREATIVAMENTE SENZA ALCOOL Progetto di prevenzione all abuso di alcolici tra i giovani Creativamente senza alcol è il titolo dell iniziativa promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria

Dettagli

Il ruolo dei servizi di Alcologia nel giudizio di idoneità alla guida SECONDA PARTE. Giovanni Greco - Ravenna- Società Italiana di Alcologia

Il ruolo dei servizi di Alcologia nel giudizio di idoneità alla guida SECONDA PARTE. Giovanni Greco - Ravenna- Società Italiana di Alcologia Il ruolo dei servizi di Alcologia nel giudizio di idoneità alla guida SECONDA PARTE Giovanni Greco - Ravenna- Società Italiana di Alcologia Il Certificato Consumo continuativo ed incongruo di bevande

Dettagli

Alcol: sei sicura? Le ragazze e l alcol.

Alcol: sei sicura? Le ragazze e l alcol. rendere facili le scelte salutari OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESPS WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS SIA SOCIETÀ ITALIANA ALCOLOGIA

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

LE NUOVE TENDENZE ALCOLICHE

LE NUOVE TENDENZE ALCOLICHE LE NUOVE TENDENZE ALCOLICHE» EYEBALLING» DRUNKOREXIA EYEBALLING Letteralmente alcol negli occhi, nuova tendenza diffusasi negli ultimi anni, in particolare in elementi di giovani età. I ragazzi, per sballarsi

Dettagli

Alcol e alimentazione sul posto di lavoro

Alcol e alimentazione sul posto di lavoro 01 Alcol e alimentazione sul posto di lavoro Introduzione La promozione della salute nei luoghi di lavoro si attua attraverso la corretta applicazione delle normative, la qualità degli ambienti, l organizzazione

Dettagli

Alcol: sei sicura? Le ragazze e l alcol. Il libretto per conoscere e non rischiare.

Alcol: sei sicura? Le ragazze e l alcol. Il libretto per conoscere e non rischiare. OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESP WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS SIA SOCIETÀ ITALIANA ALCOLOGIA Alcol: sei sicura? Le ragazze

Dettagli

CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI

CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI IV.6.1. I consumatori di bevande alcoliche IV.6.2. Le modalità di consumo IV.6.3. I consumatori a rischio (criterio ISS) IV.6.4. Modelli di

Dettagli

Le bevande alcoliche sono costituite per la maggior parte da acqua, e per la restante parte da alcol

Le bevande alcoliche sono costituite per la maggior parte da acqua, e per la restante parte da alcol 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata Le bevande alcoliche sono costituite per la maggior parte da acqua, e per la restante parte da alcol etilico (o etanolo); una quota di entità minima

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

Informazioni di base. ALCOL: informazioni di base 1

Informazioni di base. ALCOL: informazioni di base 1 Informazioni di base ALCOL: informazioni di base 1 Pur rappresentando una sostanza giuridicamente legale, l alcol è una sostanza psicotropa che può dare dipendenza, oltre a causare patologie, traumi gravi,

Dettagli

PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE

PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE 1. Perché l allattamento al seno è importante 3 Sessione 1 PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE Introduzione Prima di imparare come aiutare le madri, dovete capire perché l allattamento al seno è

Dettagli

Alcol: storia, effetti e meccanismi d'azione

Alcol: storia, effetti e meccanismi d'azione Alcol: storia, effetti e meccanismi d'azione L'alcol, più propriamente l'alcol etilico o etanolo, ha un effetto bifasico. A dosi molto basse induce risposte euforizzanti che corrispondono all'attivazione

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

Gruppo di lavoro Guadagnare salute

Gruppo di lavoro Guadagnare salute REGIONE DEL VENETO AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA www.ulss16.padova.it Via Enrico degli Scrovegni n. 14 PADOVA 35131 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Gruppo di lavoro Guadagnare salute LE BEVANDE ALCOLICHE ED

Dettagli

Alcol: sei sicura? Donna e Alcol. Il libretto per conoscere e non rischiare OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESPS

Alcol: sei sicura? Donna e Alcol. Il libretto per conoscere e non rischiare OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESPS SIA OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESPS WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS SOCIETÀ ITALIANA ALCOLOGIA Donna e Alcol Alcol: sei sicura?

Dettagli

ALCOL? NO, GRAZIE IO GIOCO A CALCIO!

ALCOL? NO, GRAZIE IO GIOCO A CALCIO! ALCOL? NO, GRAZIE IO GIOCO A CALCIO! L'alcol è uno dei principali fattori di rischio per la salute. Bere è una libera scelta individuale e familiare, ma è necessario essere consapevoli che rappresenta

Dettagli

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi Consumo di alcol Nell ambito della promozione di stili di vita sani, il consumo di alcol ha assunto un importanza sempre maggiore, perché l alcol è associato a numerose malattie: cirrosi del fegato, malattie

Dettagli

Alcol: sei sicura? Donna e Alcol. Il libretto per conoscere e non rischiare OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESP

Alcol: sei sicura? Donna e Alcol. Il libretto per conoscere e non rischiare OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESP SIA OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESP WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS SOCIETÀ ITALIANA ALCOLOGIA Donna e Alcol Alcol: sei sicura?

Dettagli

Medicina sociale. Prof. Giovanna Tassoni Istituto di Medicina legale Università degli Studi di Macerata

Medicina sociale. Prof. Giovanna Tassoni Istituto di Medicina legale Università degli Studi di Macerata Medicina sociale Prof. Giovanna Tassoni Istituto di Medicina legale Università degli Studi di Macerata Alcolemia Concentrazione di alcool nel sangue Prof.. Istituto di Medicina legale Università degli

Dettagli

TUTORIAL!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!www.protezionecitta.it!

TUTORIAL!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!www.protezionecitta.it! TUTORIALwww.protezionecitta.it Effetti dell'alcool (limiti e sanzioni) Effetti oggettivi dell alcool Gli effetti negativi dell alcool sulla guida sono ben noti. Esso agisce su diverse funzioni cerebrali

Dettagli

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 REGIONE ABRUZZO I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 A cura di: Claudio Turchi SIESP ASL Lanciano-Vasto-Chieti Cristiana Mancini SIESP ASL Avezzano-Sulmona-L Aquila Progressi

Dettagli

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro.

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Alcol e droghe sul lavoro Perché dire NO Non vogliamo vietare nulla Mettiamo le cose in chiaro: non

Dettagli

Dipartimento per le Dipendenze - U.O. Ser.T. Dipartimento Prevenzione - U.O. Igiene e Sanità Pubblica. Progetto Grafi co federico grazzini

Dipartimento per le Dipendenze - U.O. Ser.T. Dipartimento Prevenzione - U.O. Igiene e Sanità Pubblica. Progetto Grafi co federico grazzini Dipartimento per le Dipendenze - U.O. Ser.T. Dipartimento Prevenzione - U.O. Igiene e Sanità Pubblica Progetto Grafi co federico grazzini BERE... tira su? Volevi passare una serata da latin lover e credevi

Dettagli

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

PROGETTO SCUOLA: ALCOL E SOSTANZE D ABUSO NEI LUOGHI DI LAVORO GRAVIDANZA E LAVORO

PROGETTO SCUOLA: ALCOL E SOSTANZE D ABUSO NEI LUOGHI DI LAVORO GRAVIDANZA E LAVORO PROGETTO SCUOLA: ALCOL E SOSTANZE D ABUSO NEI LUOGHI DI LAVORO GRAVIDANZA E LAVORO Dr.ssa Lucia Bramanti Servizio di Prevenzione, Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro AUSL Viareggio 24 25 novembre 2009

Dettagli

Progetto finanziato dal Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Progetto finanziato dal Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri Progetto finanziato dal Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri Con questo breve opuscolo vogliamo darti qualche informazione rispetto ai danni che l uso e

Dettagli

ALCOL. per saperne di più. per saperne di più

ALCOL. per saperne di più. per saperne di più per saperne di più Il consumo di bevande alcoliche è uno dei fattori che influenzano lo stato di salute e quindi il benessere della persona. Bere è un comportamento individuale ma è necessario essere consapevoli

Dettagli

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile L ALCOLISMO Un problema risolvibile MAPPA INTRODUZIONE DIPENDENZA PERCHÈ SI ABUSA? ASPETTI SOCIALI 1. GIOVANILE 2. VIOLENZA TERAPIE ASSOCIAZIONI UTILI L ALCOLISMO INTRODUZIONE È LA PIÙ ANTICA E DIFFUSA

Dettagli

Le 10 regole per una corretta alimentazione nel periodo estivo.

Le 10 regole per una corretta alimentazione nel periodo estivo. Le 10 regole per una corretta alimentazione nel periodo estivo. Dott.ssa Stefania Marzona Tecnologa Alimentare Incontro pubblico gratuito Come affrontare le vacanze senza problemi promossa dal Distretto

Dettagli

ALCOL E LAVORO. PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA

ALCOL E LAVORO. PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA ALCOL E LAVORO PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA Marco Chiaravalli, Laura Guzzetti, Mario Tavani PIANO D AZIONE EUROPEO

Dettagli

Sicurezza Ovunque ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE

Sicurezza Ovunque ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE Sicurezza Ovunque Gioca con i nostri consigli per essere più SICURO nella tua vita di tutti i giorni... In ogni sezione potrai trovare informazioni e materiali che ti guidano nelle situazioni che affronti

Dettagli

Alcol e giovani I rischi e le tendenze

Alcol e giovani I rischi e le tendenze Alcol e giovani I rischi e le tendenze Emanuele Scafato, ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Direttore Centro OMS Ricerca e promozione salute alcol e problemi alcol correlati Direttore Osservatorio Nazionale

Dettagli

ALCOL & LAVORO Decreto Legislativo n. 9 aprile 2008 n. 81

ALCOL & LAVORO Decreto Legislativo n. 9 aprile 2008 n. 81 Istituto Superiore Statale Bianchi-Virginio Liceo Artistico e Istituto tecnico per Geometri di Cuneo ALCOL & LAVORO Decreto Legislativo n. 9 aprile 2008 n. 81 Aggiornamento 2013 ing. Ezio MEINERI viale

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli

IC RIPI Tiberio Galloni INS. Visca Tullia Paniccia Pina. UDA (ambito disciplinare: matematico, tecnologico-scientifico) Un cin cin di troppo

IC RIPI Tiberio Galloni INS. Visca Tullia Paniccia Pina. UDA (ambito disciplinare: matematico, tecnologico-scientifico) Un cin cin di troppo IC RIPI Tiberio Galloni INS. Visca Tullia Paniccia Pina UDA (ambito disciplinare: matematico, tecnologico-scientifico) Un cin cin di troppo Denominazione Un cin cin di troppo Compito Un sabato sera Luca

Dettagli

Alcool. Scienze Motorie

Alcool. Scienze Motorie Alcool Scienze Motorie Contenuto delle bevande alcoliche Alcol etilico: nutriente ad alto valore energetico, capace di fornire all ossidazione 7kcal/g. Il contenuto in alcol viene espresso come grado alcolico,

Dettagli

Associazione Culturale G. Dossetti I Valori

Associazione Culturale G. Dossetti I Valori Associazione Culturale G. Dossetti I Valori Prevenzione Alimentazione Nutrizione Roma, 9 novembre 2007 Camera dei Deputati Palazzo Marini, Sala delle Conferenze Alcol e Giovani Antonio Comito Primario

Dettagli

Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19

Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19 Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19 I dati del sistema di sorveglianza PASSI anni 2011-2012 Rapporto a cura di: Annamaria Del Sole (Coordinatore Aziendale PASSI Dipartimento di Prevenzione AULSS 19),

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESPS

OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESPS OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESPS in collaborazione con WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS rendere facili le scelte salutari Testo

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

CONSUMO E DANNI POTENZIALI DERIVANTI DALL ALCOOL

CONSUMO E DANNI POTENZIALI DERIVANTI DALL ALCOOL CONSUMO E DANNI POTENZIALI DERIVANTI DALL ALCOOL Centro Sperimentale per l Educazione Sanitaria - Perugia 1 Definizione: le caratteristiche della sostanza alcool Le bevande alcooliche sono composte principalmente

Dettagli

15x21 corretto 18-03-2005 14:30 Pagina 1

15x21 corretto 18-03-2005 14:30 Pagina 1 15x21 corretto 18-03-2005 14:30 Pagina 1 OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESPS-OssFad in collaborazione con WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH

Dettagli

parole sull alcol R.Stella, 2013 1

parole sull alcol R.Stella, 2013 1 R.Stella, 2013 1 parole sull alcol Che cosa è una dose moderata di alcol 2 Gli effetti dell alcol sull organismo sono molto variabili da individuo a individuo, risentendo di numerosi fattori come il sesso,

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE.

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE. VADEMECUM ALCOOL DEF:Layout 1 15/02/11 10:57 Pagina 1 Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici Polizia di Stato ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI

Dettagli

Acqua: nutriente essenziale

Acqua: nutriente essenziale Acqua: nutriente essenziale Funzioni dell acqua 1. Solvente delle reazioni metaboliche; 2. Regola il volume cellulare; 3. Regola la temperatura corporea; 4. Permette il trasporto dei nutrienti; 5. Permette

Dettagli

Sistema di Sorveglianza PASSI

Sistema di Sorveglianza PASSI ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale della Sanità Osservatorio Epidemiologico Regionale Sistema di Sorveglianza PASSI Schede Tematiche e 2008-2011 Alcol Consumo

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera MALORI IMPROVVISI PERDITE DI SENSI MALORI DOVUTI A DISTURBI DEL S.N. MALORI PER CAUSE AMBIENTALI 1. Perdite di coscienza transitorie Lipotimia (debolezza con o senza perdita coscienza) Sincope (improvvisa

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

a cura di: Ornella Ancarani Anna Maria Micantoni Giorgio Schiappacasse Gianni Testino Società Italiana di Alcologia Sezione Ligure

a cura di: Ornella Ancarani Anna Maria Micantoni Giorgio Schiappacasse Gianni Testino Società Italiana di Alcologia Sezione Ligure Comune di Genova Assessorato Città Sicura Società Italiana di Alcologia Sezione Ligure a cura di: Ornella Ancarani Anna Maria Micantoni Giorgio Schiappacasse Gianni Testino Ornella Ancarani Capo Sala Alcologia

Dettagli

Centro Nazionale Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute

Centro Nazionale Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Testo a cura di Società Italiana di Alcologia Centro Alcologico Regionale della Toscana-Regione Toscana IAssociazione Italiana Club Alcolisti in Trattamento Istituto Superiore di SanitàOsservatorio Nazionale

Dettagli

Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare. Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it

Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare. Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it Epidemiologia Disturbi dell Umore Prevalenza Maschi/ femmine Età di esordio Depressione

Dettagli

La donna tossicodipendente e la sindrome feto alcolica. Matr. 1207176

La donna tossicodipendente e la sindrome feto alcolica. Matr. 1207176 La donna tossicodipendente e la sindrome feto alcolica Relatore: Dott. Saverio Pompili Studentessa: Jessica Valeri Matr. 1207176 La donna tossicodipendente in gravidanza La gravidanza di una donna tossicodipendente

Dettagli

Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere

Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere Elisa Albini - Medico Competente Spedali Civili di Brescia, Medicina del Lavoro, Igiene, Tossicologia e Prevenzione

Dettagli

REGIONE BASILICATA Azienda Sanitaria U.S.L.n 2. Salute e Lavoro. L Alcol negli ambienti di Lavoro

REGIONE BASILICATA Azienda Sanitaria U.S.L.n 2. Salute e Lavoro. L Alcol negli ambienti di Lavoro REGIONE BASILICATA Azienda Sanitaria U.S.L.n 2 Salute e Lavoro L Alcol negli ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria U.S.L. n. 2 Potenza Progetto realizzato da: U.O. Medicina del Lavoro e Sicurezza degli

Dettagli

Le droghe legali: alcol e tabagismo

Le droghe legali: alcol e tabagismo Le droghe legali: alcol e tabagismo 1. Le bevande alcoliche Nel linguaggio comune la parola alcol indica l alcol etilico o etanolo, presente in molte bevande tra le quali il vino, la birra e i superalcolici.

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. NIMODIPINA EG 30 mg/0,75 ml gocce orali, soluzione. Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. NIMODIPINA EG 30 mg/0,75 ml gocce orali, soluzione. Medicinale equivalente Foglio illustrativo: informazioni per il paziente NIMODIPINA EG 30 mg/0,75 ml gocce orali, soluzione Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

I RISCHI CORRELATI ALL USO DI SOSTANZE ALCOLICHE

I RISCHI CORRELATI ALL USO DI SOSTANZE ALCOLICHE I RISCHI CORRELATI ALL USO DI SOSTANZE ALCOLICHE FEBBRAIO 2009 L'alcol alimentare (alcol etilico o etanolo) presente in diversa concentrazione nelle bevande alcoliche è una sostanza che deriva dalla fermentazione

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche V.le A. De Gasperi, 51 800-239220 sralcologiche@libero.it LE ABITUDINI ALCOLICHE DEGLI ADOLESCENTI A.S. 2006-07

Dettagli