LA PIAGA NASCOSTA DEL SIGNORAGGIO BANCARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PIAGA NASCOSTA DEL SIGNORAGGIO BANCARIO"

Transcript

1 LA PIAGA NASCOSTA DEL SIGNORAGGIO BANCARIO E' un bene che il popolo non comprenda il funzionamento del nostro sistema bancario e monetario, perché se accadesse credo che scoppierebbe una rivoluzione prima di domani mattina. (Henry Ford). E' la prima volta che scrivo un articolo per "Sindacato Libero" e quest'occasione mi giunge propizia per introdurre un argomento che molte persone iniziano ora ad approcciare, soltanto alcuni ne hanno sufficiente cognizione, relativamente pochi conoscono a fondo e si stanno da anni impegnando a diffondere attraverso internet, convegni, conferenze, incontri, pubblicazioni, libri e trasmissioni radio-televisive su canali privati. Questo problema di remota origine ma così tragicamente attuale, coinvolge e colpisce tutti noi perlopiù ignari burattini d un potere che si regge quasi esclusivamente sulla nostra mancanza d'informazione e di conoscenza giacché i mezzi di comunicazione del sistema lo ignorano e mancano di occuparsene. Ai più il termine risulterà ignoto: "Signoraggio Bancario". A prima vista questo termine appare innocuo pur essendo, in realtà, la fonte d ogni nostro guaio economico e finanziario, e non solo; indebita polla del famigerato "Debito Pubblico", terribile spada di damocle che incombe sulle nostre teste e su quelle dei nostri figli. Debito pubblico di fatto inestinguibile e generatore di interessi che lievitano esponenzialmente d'anno in anno, tanto da dovergli sistematicamente dedicare molto più di una finanziaria (70 miliardi di euro). Si definisce il diritto di "signoraggio" quale potere del "signore" di emettere moneta con un valore nominale ampiamente superiore a quello intrinseco e quindi di ricavare un lucro dalla sovranità sulla moneta. Perché debba farlo una banca privata (che, come vedremo, sono di fatto la Banca d'italia S.p.A., la Banca Centrale Europea, o qualsivoglia banca centrale) non è dato a sapere. Pertanto il signoraggio è garantito dalla sovranità monetaria assoluta che i banchieri internazionali detengono inspiegabilmente e che permette loro di mantenere in toto il potere economico mondiale. Prima di proseguire nell analisi del problema tengo a precisare che esistono oggi alcune definizioni di "signoraggio" che creano soprattutto confusione. Il termine "signoraggio" comunemente usato, viene in alcuni casi definito applicando diversi gradi di "verità". Definizione illusoria: in alcuni manuali d economia universitari si definisce "signoraggio" il denaro creato dal nulla dalla Banca Centrale per comprare titoli di Stato. Esso è in questo caso inteso come un ricavo del Governo, che in tal modo evita di chiedere tasse o soldi presso il pubblico (ma aumenta il debito pubblico!). Definizione realistica: guadagno del sistema bancario derivante dalla differenza di interessi sui prestiti e sui depositi. Definizione reale: guadagno del sistema bancario (fatto salvo il signoraggio sulle monete metalliche che va allo Stato) dato dalla differenza tra valore nominale e valore intrinseco della moneta emessa (di carta o elettronica che sia), al quale si aggiunge il guadagno sugli interessi. Approfondiremo tale definizione strada facendo. A questo punto si rende opportuna una precisazione: la Banca d'italia è una società a capitale privato diviso tra varie banche (87%), assicurazioni (8%), e l'inps (5%). Il n. 01 del 4 gennaio 2004 di "Famiglia Cristiana", riporta alla pag. 22 l'elenco dei soci di Bankitalia con le relative percentuali di interesse: "Stranamente la Banca d Italia è una società per azioni che appartiene a banche italiane e, in misura minore, a compagnie d assicurazione. Altrettanto sorprendentemente notiamo che l elenco dei suoi azionisti è riservato. Per fortuna ci ha pensato un dossier di Ricerche & Studi di Mediobanca, diretta da Fulvio Coltorti, a scoprire quasi tutti i proprietari della Banca d Italia. Spulciando i bilanci di banche, assicurazioni, eccetera, ha annotato le quote che segnalavano una partecipazione nel capitale della Banca d Italia. Così il ricercatore è riuscito a ricostruire gran 1/7

2 parte dell azionariato della nostra massima istituzione finanziaria. Come si può notare, tre banche da sole "controllano" la Banca d Italia (da R & S, Ricerche & Studi di Mediobanca, 2003, pag )". Nel dettaglio: - GRUPPO INTESA 27,2 % - GRUPPO SAN PAOLO 17,23 % - GRUPPO CAPITALIA 11,15 % - GRUPPO UNICREDITO 10,97 % - ASSICURAZIONI GENERALI 6,33 % - INPS 5,0 % - BANCA CARIGE 3,96 % - BNL 2,83 % - MONTE DEI PASCHI DI SIENA 2,50 % - CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE 1,85 % - RAS 1,33 % - GRUPPO LA FONDIARIA 2,0 % - GRUPPO PREMAFIN 2,0 %. Nella lista mancano ancora i nomi del rimanente 5,83%: chi saranno costoro? (Fonte: Il 20 settembre 2005 la Banca d'italia pubblica finalmente sul proprio sito internet i veri partecipanti al proprio capitale (vedi: Scorrendo l'elenco si scopre un'ulteriore anomalia: l'inps risulta essere proprietario del 5% della quota azionaria di Bankitalia SpA. Si rende dunque necessaria una riflessione: ci viene posto di fronte in continuazione il problema delle pensioni, ci viene detto e ripetuto che l'inps non ce la fa più a pagarle, con tutta la serie di considerazioni, problematiche e conseguenze che ben conosciamo in quanto coinvolgono la vita quotidiana dell intera società. Se è vero che la Banca d'italia gestisce e lucra il signoraggio, risulterebbe altrettanto vero che i proventi sono immensi e, come accade per ogni SpA, che questi utili vengono ripartiti tra gli azionisti. L'INPS dovrebbe quindi beneficiare annualmente del 5% di questa immane fortuna. Non solo, stando a quanto ci dicono ed insegnano gli esperti e gli studiosi del signoraggio la Banca d'italia (Bankitalia SpA) partecipa con le altre banche centrali degli stati membri (e non solo) anche agli utili della BCE. Disponendo di queste informazioni, chi può esimersi dall informarsi in merito a dove potrebbe confluire l immensa massa monetaria proveniente da questi dividendi? Come mai nessuno parla mai di quest enorme quantità di denaro che l'inps riceve esternamente ed aggiuntivamente ai contributi previdenziali? Nella pratica i vigilati sono proprietari del vigilante, una gravissima incompatibilità istituzionale, un conflitto d'interessi dalla portata spropositata, tenendo conto che la Banca d'italia ha la responsabilità della tutela della concorrenza e dell'integrità finanziaria. Di fatto Bankitalia SpA e la Banca Centrale Europea sono totalmente in balìa delle banche private. La Banca d'italia detiene il 14,57% del pacchetto azionario della B.C.E., la Banca Centrale Europea. Analoghe stranezze appartengono alle banche centrali delle altre nazioni ed alla FED, la Federal Reserve U.S.A. Nel corso d un dibattito in diretta su Canale Italia, l'ing. Argo Fedrigo, un imprenditore di Gorizia, ora presidente del comitato di liberazione monetaria, esibì in diretta davanti alle telecamere una dichiarazione d una banca delle Cayman Island attestante che teneva due conti segreti della Banca D'italia (fonte: "Euroschiavi", di M. Della Luna & A. Miclavez). Vi presento ora i soci della BCE: Banca Nazionale del Belgio (2,83%); Banca Centrale del Lussemburgo (0,17%); Banca Nazionale della Danimarca (1,72%); Banca d Olanda (4,43%); Banca Nazionale della Germania (23,40%); Banca nazionale d'austria (2,30%); Banca della Grecia (2,16%); Banca del Portogallo (2,01%); Banca della Spagna (8,78%); Banca di Finlandia (1,43%); Banca della Francia (16,52%); Banca Centrale di Svezia (2,66%); Banca Centrale d Irlanda (1,03%); Banca d Inghilterra (pur non adottando l'euro) (15,98%); Banca d'italia (14,57), e della FED: Rothschild Bank di Londra; Kuhn Loeb Bank di New York; Warburg Bank di Amburgo; Israel Moses Seif Banks d Italia; Rothschild Bank di Berlino; Goldman, Sachs di New York; Lehman Brothers di New York; Warburg Bank di Amsterdam; Lazard Brothers di Parigi; Chase Manhattan Bank di New York (fonte: Esaminati questi dati, rapportandoci alla nostra nazione, possiamo facilmente constatare che l intera istituzione monetaria si configura in una lampante contraddizione: la Banca d Italia che dovrebbe garantire la validità della nostra moneta, non è un istituto del popolo o del governo per servire gli 2/7

3 interessi dei cittadini, ma è costituita da soci privati per conseguire gli interessi di una grande società per azioni, il cui nome per esteso è Bankitalia S.p.A. Due fondamentali domande che il cittadino dovrebbe porsi per comprendere le minime implicazioni di quanto detto finora sono: 1) chi è il proprietario della moneta al momento dell emissione?; 2) chi è il vero creditore finale del nostro Debito Pubblico? La risposta è una sola: le banche centrali, smascherate e riconosciute quali società a capitale privato. Il mondo ha un problema, la società soffre di una piaga che va dilagando e intaccando progressivamente tutto il suo tessuto. E' un problema esclusivamente economico che riguarda in primis l'emissione del denaro, la creazione di denaro dal nulla, e con l'usura su grande scala delle banche centrali d emissione (ricordo che si tratta di banche a capitale privato) e delle organizzazioni bancarie mondiali private (BIS, IMF, World Bank), il popolo è ridotto in schiavitù attraverso l'uso della moneta-debito cartacea (non coperta da alcun bene reale se non dal lavoro di chi la riconosce e l'accetta) prodotta da banchieri centrali, che ne detengono il monopolio, attraverso la pura e semplice stampa. Il denaro così generato viene concesso in prestito agli Stati Nazionali con un tasso d interesse a scelta insindacabile dei banchieri e nella quantità che a loro aggrada maggiormente. L'importo del prestito è calcolato sul valore nominale (valore facciale) e non sul valore intrinseco delle banconote (costo di produzione, pari a circa 0,30 euro per ogni pezzo, indipendentemente dal valore nominale). Il fatto che l'importo del prestito ed il calcolo dei relativi interessi viene determinato dal valore facciale e non sulla base del costo reale di produzione costituisce una terribile aggravante per il problema stesso e non può trovare giustificazione alcuna. Per completezza di informazione è bene precisare che il conio delle monetine metalliche è esente dal diritto del signoraggio bancario in quanto viene operato direttamente dallo Stato. E' altrettanto vero che tale conio è minimamanete redditizio in quanto il costo di produzione delle "monetine" (15 centesimi di euro per ogni pezzo) è generalmente superiore al valore nominale delle stesse, e che le monetine circolanti sono insignificanti rispetto alla massa monetaria complessiva. Riguardo a questo aspetto del problema ritengo interessante e significativo riportare una notizia del 2002 che indirettamente conferma quanto finora espresso. Si tratta d un estratto dalla conferenza stampa dell'allora presidente della BCE, Willem F. Duisenberg, Francoforte , che risponde ad una domanda pertinente alla proposta di Giulio Tremonti, al tempo nostro ministro dell'economia, il quale chiedeva l'adozione di banconote da 1 e 2 euro. "Domanda: "Mr Tremonti, il ministro italiano dell Economia, ha proposto l adozione delle banconte da 1 e 2 euro, insieme con le monete allo scopo di impedire ulteriori aumenti dei prezzi. Il 74% degli italiani è d accordo con questa proposta e noi vogliamo sapere che cosa pensa lei di questo e se ne avete parlato alla Banca centrale europea. Grazie". Duisenberg: Non abbiamo progetti di introdurre banconote da 1 o 2 euro, ma ne abbiamo sentito parlare. Naturalmente, ne abbiamo discusso. Stiamo valutando le implicazioni di introdurre tali banconote. In linea di principio non abbiamo niente contro questo progetto, ma stiamo valutando le implicazioni e spero che Mr Tremonti si renda conto che se tale banconota dovesse essere introdotta, egli perderebbe il diritto di signoraggio che si accompagna ad essa. Dunque se egli, come ministro dell Economia, ne sarebbe contento non lo so. Ecco il testo originale in inglese: Question: Mr. Tremonti, the Italian finance minister, proposed the adoption of EUR 1 and EUR 2 banknotes together with coins in order to prevent more rises in price. 74% of Italians agree with this proposal, and I want to know what you think about it and if you have discussed this in the European Central Bank. Thank you. Duisenberg: We have no plans to introduce EUR 1 or EUR 2 banknotes, but we have also heard those noises. Of course, we have discussed it. We are assessing the implications of introducing such a banknote. In principle we have nothing against it, but we are assessing the implications and I hope that Mr. Tremonti realises that if such a banknote were to be introduced, he would lose the seigniorage which goes 3/7

4 with it. So whether he, as a minister of finance, would be all that pleased, I do not know (Fonte: Come valutare una tale proposta da parte di un ministro dell'economia di uno Stato Europeo? Ingenuità, ignoranza, o che altro? E come non provare un grande sconcerto dinnanzi ad una risposta tanto chiara e resa pubblicamente dal presidente della BCE il quale ammette candidamente l'esistenza del signoraggio? Di fronte a tutto questo lo sconforto e lo sconcerto di un onesto cittadino, che paga le tasse, rispetta le leggi e le regole e si comporta correttamente, sono veramente enormi. "Essenzialmente, l'attuale creazione di denaro ex nihilo operata dal sistema bancario è identica alla creazione di moneta da parte di falsari. In concreto, i risultati sono gli stessi. La sola differenza è che sono diversi coloro che ne traggono profitto" (M. Allais, premio Nobel per l'economia 1988). Gli Stati Nazionali piuttosto che dichiarare la moneta di proprietà del cittadino sin dal momento dell'emissione, producendola autonomamente e dunque facendola circolare al fine di generare il credito necessario a soddisfare le possibilità di spesa del Governo per lo sviluppo del Paese, in modo da garantire il potere d'acquisto del popolo, abdicano a favore e nell'esclusivo interesse dei banchieri centrali privati la sovranità monetaria di interesse nazionale, spettante costituzionalmente ai cittadini. Come mai la Costituzione Italiana stabilice che il popolo è Sovrano, mentre in termine di gestione monetaria tale sovranità ed il monopolio risultano essere detenuti dalle banche ed da alcuni soggetti privati? I Governi che si susseguono si limitano ad occuparsi di emanare leggi e manovre finanziarie per spremere denari dai propri cittadini, dai servizi e dalle attività produttive, utilizzando l imposizione fiscale, la tassazione, che verrà destinata principalmente al pagamento degli interessi ingenerati da un "debito pubblico" fittizio e inestinguibile, il quale scaturisce proprio dall'uso della monetadebito. I servizi, le spese sociali ed i finanziamenti pubblici vengono tagliati di anno in anno, per contro le tasse che dovrebbero garantire il mantenimento dello stato sociale crescono in continuazione. La garrota fiscale si stringe sempre più soffocando il tessuto sociale e produttivo, causando crescente insicurezza, instabilità, precariato, paura, povertà, impoverimento economico, culturale e morale, e le degenerazioni ad ogni livello che di fatto ormai dimorano stabilmente la nostra società. La piaga dilaga ed è sempre più purulenta. Nel 2005, come si evince dal bilancio dello Stato Italiano, il costo per interessi è stato di 70 miliardi di euro, il rimborso prestiti è stato di 180 miliardi di euro, ed il Signoraggio per nuove emissione, è stato di 55 miliardi di euro. Quindi si è effettuato un esborso di 305 miliardi di euro rispetto ad un totale delle uscite di 645 miliardi di euro (fonte: La moneta-debito viene utilizzata dai banchieri per mantenere ed espandere il potere ed il controllo sull'economia. In tal modo essi sfruttano le ricchezze produttive di una nazione dopo l'altra, mantenendone i popoli in schiavitù, esercitando con il loro potere condizionamenti e pressioni su tutti i governi che si succedono. Il dominio sull'intera economia produttiva avviene attraverso la regolazione del credito e la monetizzazione del debito e, in particolare, esercitando il controllo sui mezzi di informazione di massa al fine di evitare che le masse diventino consapevoli delle tecniche e dei meccanismi bancari che sono stati architettati nel corso degli anni per la confisca occulta delle ricchezze e del patrimonio dei cittadini e degli Stati, ed utilizzando il sistema dei partiti politici finanziati e indebitati nei confronti dei daneistocrati (daneistocrazia = dominio dei prestatori di denaro) per 4/7

5 dividere il popolo e fargli sprecare le proprie energie lottando su questioni insignificanti e distogliendo in tal modo l'attenzione dalla fonte autentica di ogni problema: il signoraggio bancario. Certuni affermano che il passaggio del potere di emettere moneta dall'attuale Banca Centrale (privata) allo Stato (pubblico) genererebbe inflazione. Questa curiosa asserzione equivale alla barzelletta citante che fabbricare automobili con motore elettrico, invece che a benzina, genera traffico. L'inflazione invece è causata dalla creazione del denaro dal nulla, sia a causa del signoraggio primario (emissione di banconote) sia a causa alla tecnica della riserva frazionaria, o signoraggio secondario (emissione di denaro "bancario", di denaro "scritturale" o "virtuale", ad esempio mutui sulla casa). Asserire che un governo di uno Stato Sovrano non possa onestamente adempiere al diritto/dovere di emettere moneta costituisce una grave offesa nei confronti dei cittadini onesti. Il Governo eventualmente sorpreso nell'uso fraudolento della gestione monetaria verrebbe, semplicemente, punito e sostituito da altri più onesti. E' palesemente insostenibile e contraddittorio, oltre che infamante, affermare che un Governo dotato del potere di emanare leggi che regolano la vita sociale in ogni suo aspetto, dalla sanità alla scuola, al mondo del lavoro, alle pensioni, fino alla dichiarazione di una guerra, non possa essere sufficientemente maturo e onesto da stampare, emettere e garantire la moneta nazionale. Tutto ciò denota una sfiducia aberrante nei confronti della democrazia. Il 15 agosto 1971, a Camp David, il presidente statunitense Richard Milhous Nixon (37 Presidente degli Stati Uniti d'america ed unico Presidente americano a dimettersi dalla carica per anticipare l'imminente impeachment in seguito allo Scandalo Watergate) pose fine agli accordi di Bretton Woods chiudendo la c.d. Gold Window, che prevedeva l'aggancio dollaro-oro dal 1944 (un'oncia d'oro = circa dollari USA), ed annunciando al mondo la decisione di sospendere la convertibilità del dollaro in oro, perché il Tesoro americano non era più in grado di sostenere le richieste di convertibilità, esso aveva già erogato tonnellate di oro, ma nella gestione del Fondo Monetario Internazionale erano già operativi i Diritti Speciali di Prelievo con un valore puramente convenzionale di un diritto speciale di prelievo per un dollaro. Lo standard aureo fu quindi sostituito da un non sistema di cambi flessibili. A partire da tale data, 15 agosto 1971, continua la convertibilità delle valute mondiali in dollari, ma cessa la convertibilità del dollaro in oro. Perciò da quel momento in poi le monete mondiali sono ufficialmente prive di copertura aurifera. E importante altresì sapere che il denaro contante (pur se interamente scoperto di per sé stesso) copre soltanto una minima percentuale della massa monetaria nella sua totalità (cartamoneta e monetine metalliche, denaro "scritturale" o "virtuale"). Siete a conoscenza del fatto che il denaro virtuale, o scritturale, è coperto solamente per molto meno del 2% del suo ammontare, il resto è aria fritta, non rimborsabile con cartamoneta o monete metalliche, in quanto esse sono assolutamente insufficienti a garantirlo? Ipotizzando che, per una ragione qualsiasi, una piccola percentuale di risparmiatori, per esempio italiani, si recasse nello stesso giorno presso il proprio sportello bancario per ritirare in contanti i propri risparmi ivi depositati, accadrebbe che nel giro di poche ore il sistema collasserebbe in quanto non esiste al mondo denaro contante a sufficienza. Questa situazione si è determinata a causa della possibilità che le banche hanno di prestare denaro di cui non dispongono, possibilità altrimenti denominata "signoraggio secondario". Esse infatti, le banche, possono creare senza alcuna copertura il denaro (scritturale, o virtuale). E' la legge bancaria che lo permette. Attraverso questo meccanismo le banche possono moltiplicare la moneta cedendo in prestito gli averi versati sui conti, tranne una minima parte che trattengono come riserva. L'autorità che regola 5/7

6 la produzione del denaro creato dal nulla è quella monetaria, che dispone per legge la quantità di riserva frazionaria che le banche devono conservare a fronte dei depositi. Infatti il depositante potrebbe desiderare di ritirare i suoi soldi. In tal caso le frazioni di depositi degli altri depositanti servirebbero alla restituzione. Cos'è la riserva frazionaria (e la moltiplicazione inflazionistica della moneta)? Ci dicono [gli esperti economisti ortodossi] che aumentare la massa monetaria provoca «inflazione», il mostro da evitare, nemico di ogni civiltà! Vediamo come agisce una Banca a tal proposito. Le banche ricevono il denaro dei risparmiatori per prestarlo ai debitori. Con quest'attività d'intermediazione del credito le banche creano nuova moneta. Ad illustrare questo meccanismo basta un semplice esempio. Ammettiamo che un risparmiatore versi sul suo conto in banca euro in banconote. Questo versamento non modifica la quantità di moneta presente nel sistema economico. Le banconote non si trovano più in circolazione, bensì nella cassaforte della banca. I euro, tuttavia, sono accreditati sul conto del risparmiatore. Per la banca non ha senso lasciare il denaro in cassaforte. Ecco che un'azienda ha bisogno di denaro per un nuovo impianto elettronico. Con un credito, la banca le presta dei euro che il risparmiatore ha versato. L'importo è accreditato sul conto dell'impresa. Sul conto del risparmiatore continuano a figurare euro. L'impresa debitrice dispone di euro. La quantità di moneta (virtuale) è quindi aumentata di Se ora l'impresa si serve del credito per comprare nuovi apparecchi e il venditore versa l'importo ricevuto in contanti sul proprio conto, la banca ne cederà di nuovo una parte in credito. La quantità di moneta aumenterà un'altra volta. In questo modo, la creazione di moneta (virtuale) prosegue. La banca del risparmiatore non ha ceduto in credito l'intera somma di euro. Solamente euro sono rimasti in riserva. La banca deve infatti prevedere la possibilità che il risparmiatore voglia operare un prelievo. La costituzione di riserve limita la possibilità delle banche di creare moneta. Ciononostante, le banche sono vere e proprie «moltiplicatrici della moneta». Se è vero che l'inflazione è un aumento della massa di denaro in circolazione (compresa la moneta scritturale) allora quanto appena mostrato chiude definitivamente il discorso su CHI CREA INFLAZIONE, con buona pace di chi ottusamente vuole proteggere i soliti noti o ha paura di affrontare la dura realtà. La riserva frazionaria è la pratica per cui: a) le banche emettevano banconote per un valore non pari al valore delle riserve auree di copertura, ma per un multiplo di esso; b) le banche erogano credito per un valore non pari alle loro riserve di banconote e titoli di stato, ma multiplo di esso (moltiplicatore bancario, che va fino a 60 volte con gli accordi di Basilea II). Entrambe queste forme di riserva frazionaria producono signoraggio secondario a favore delle banche. Queste informazioni ci fanno "sospettare" che il sistema bancario attuale potrebbe essere basato su una truffa ignobile e disumana. Questa truffa sarebbe realizzata attraverso il signoraggio e la riserva frazionaria delle Banche Centrali e private. Per quale motivo i sistemi di informazione non parlano mai di questi argomenti, nonostante esista una vasta letteratura ed una significativa mole di materiale documentato disponibile in web? Eppure ci sono stati Presidenti di Stato e uomini di grandezza mondiale che hanno provato a creare denaro a nome ed in nome del Popolo anziché in servitù di banche centrali "agghindate di denominazioni nazionali". Malauguratamente questi grandi uomini non hanno potuto procedere con i loro progetti poiché non hanno avuto la fortuna di trapassare nel proprio letto ad età avanzata. Inspiegabilmente, nessuno tra i loro successori si è mai occupato di continuare sulle orme di questi coraggiosi personaggi. Diffondere informazioni su questo argomento-tabù e contribuire a rendere consapevole la società della malattia che la attanaglia è un dovere di TUTTI noi, di OGNUNO di noi. Cosa succederebbe se si riuscisse ad attuare una riforma monetaria per restituire la proprietà del denaro al Popolo, rimuovendola dall'indebita sovranità delle banche centrali? Il debito pubblico 6/7

7 verrebbe immediatamente azzerato, le tasse scenderebbero sotto il 20%, si creerebbe un reddito di cittadinanza, si rilancerebbe immediatamente l'economia e l'occupazione, si genererebbe rapidamente autentico benessere sociale e finanziario per tutti. Queste sono le previsioni degli studiosi e dei ricercatori che si occupano da molti anni di questo problema. Chi ha compreso le problematiche monetarie ed il signoraggio sa benissimo che la libertà d un popolo dipende dalla sua sovranità monetaria; se per emettere moneta deve indebitarsi allora sarà legato anima e corpo al creditore senza possibilità d appello. Per questo motivo le monete complementari che stanno rapidamente diffondendosi in tutto il mondo potrebbero essere utilizzate solo come uno strumento di passaggio, che allevia le iniquità di una moneta basata sul debito e nello stesso tempo crea consapevolezza, la quale inevitabilmente porterà nel tempo a riconquistare la completa sovranità monetaria. Le monete complementari sono da tempo già diffuse in tutto il mondo, e finalmente stanno nascendo anche in Italia. Ovunque questo strumento ha riportato benessere e prosperità all'interno delle comunità che l'hanno adottato, ci si augura che anche nel nostro Paese la moneta complementare possa finalmente superare le difficoltà incontrate con i primi tentativi del passato. Mi auguro che il presente articolo possa servire da stimolo alla Cisl Vercellese per l'organizzazione di un convegno sul tema al fine di meglio conoscere le problematiche e le implicazioni scaturenti dal signoraggio bancario, e di favorire lo studio e la realizzazione di soluzioni concrete a beneficio del nostro territorio. Per la realizzazione di questo articolo mi sono avvalso di alcuni spunti tratti da: Bibliografia consigliata: - "Euroschiavi" Marco Della Luna, Antonio Miclavez, la Banca d'italia - la grande frode del debito pubblico - i segreti del signoraggio. Chi si arricchisce davvero con le nostre tasse. - "Misteri dell'euro, misfatti della finanza" Nino Galloni. Cosa si nasconde dietro l'introduzione della moneta unica in Europa? Quali poteri economici ne sono stati tutelati? A questi ed altri quesiti il volume tenta di dare una risposta. - "Bankenstein" Marco Saba. Bankenstein è un titolo, volutamente provocatorio, per un libro che cerca di spiegare e far capire come il mondo occidentale sia diventato preda della cleptocrazia. 21 novembre 2007 Danilo Perolio Segretario Generale Responsabile FIBA/CISL Territoriale di Vercelli 7/7

LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE

LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE 0 COSA IMPAREREMO La teoria classica dell inflazione cause effetti Costi sociali In che senso classica? Assumiamo che i prezzi siano flessibili

Dettagli

Il signoraggio secondario. Peggiore del primo e smisuratamente più grande, forse oserei dire incalcolabile

Il signoraggio secondario. Peggiore del primo e smisuratamente più grande, forse oserei dire incalcolabile Il signoraggio secondario Peggiore del primo e smisuratamente più grande, forse oserei dire incalcolabile Il signoraggio secondario, vero male del nostro tempo è generato dal fatto che le banche possono

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Anticapitalismo.it. Paolo Bogni Simone Boscali Enrico Labanca Ennio Poloni

Anticapitalismo.it. Paolo Bogni Simone Boscali Enrico Labanca Ennio Poloni Anticapitalismo.it Paolo Bogni Simone Boscali Enrico Labanca Ennio Poloni La via del denaro Sezioni del libro Introduzione e primo capitolo: storia della Banca d'italia Secondo capitolo: introduzione al

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 22 La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea In questa lezione La moneta e le sue funzioni: come si misurano gli aggregati monetari banche commerciali e creazione di moneta Il ruolo della

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI Vicenç Navarro 13/01/2014 Se

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Il documento conferma che l oro d Italia e allocato in 4 luoghi del pianeta, 3 dei quali fuori dal territorio nazionale Italiano.

Il documento conferma che l oro d Italia e allocato in 4 luoghi del pianeta, 3 dei quali fuori dal territorio nazionale Italiano. Oro Fisico La Banca d Italia ha recentemente pubblicato un documento ufficiale attraverso il suo sito internet, riguardo lo stoccaggio e la composizione delle riserve auree italiane. Il documento conferma

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

La moneta però riporta sulla facciata un numero che indica un altro valore: il VALORE NOMINALE (o, per l appunto, DI FACCIATA o anche LEGALE).

La moneta però riporta sulla facciata un numero che indica un altro valore: il VALORE NOMINALE (o, per l appunto, DI FACCIATA o anche LEGALE). IL SIGNORAGGIO Tecnicamente il signoraggio è il lucro che si genera dal creare moneta. Vediamo dunque come si genera questo lucro e da chi è percepito... La legislatura internazionale prevede attualmente

Dettagli

Una percentuale di una certa importanza nel mondo economico è il tasso di interesse. Il tasso di

Una percentuale di una certa importanza nel mondo economico è il tasso di interesse. Il tasso di Capitalizzazione e attualizzazione finanziaria Una percentuale di una certa importanza nel mondo economico è il tasso di interesse. Il tasso di interesse rappresenta quella quota di una certa somma presa

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Economia monetaria. Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria

Economia monetaria. Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria Economia monetaria Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria Cosa sono i soldi? Definizione problematica (x gli economisti!) Moneta-merce: un bene intrinsecamente dotato di valore

Dettagli

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo Banca centrale europea a cura di G.Garofalo Tanti acronimi, un unica Banca BCE [Francia, Spagna, Irlanda, Italia, Portogallo, Malta] ECB [Inghilterra, Danimarca, Olanda, Svezia, Slovenia, Slovacchia] EZB

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Lezione 6: La moneta e la scheda LM

Lezione 6: La moneta e la scheda LM Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 6: La moneta e la scheda LM Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Moneta DEFINIZIONE. In macroeconomia

Dettagli

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea http://europa.eu.int/euro/quest/ Commissione europea È consentita la riproduzione a fini didattici e non commerciali, a condizione

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE Vicenç Navarro 2/10/2014 Una

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito, ma la cosa è conosciuta da pochi.

Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito, ma la cosa è conosciuta da pochi. Moneta e Debito (di Josef Hasslberger) Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito, ma la cosa è conosciuta da pochi. Alcuni personaggi importanti che si misero a cambiare la situazione furono

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 Il percorso La moneta Cos è la moneta: funzioni e tipi. Offerta di moneta: strumenti. Domanda di moneta o o Teoria quantitativa. Teoria delle preferenze per la liquidità.

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO L ASSICURAZIONE ITALIANA Continua a crescere ad un tasso elevato la raccolta premi complessiva, in particolare nelle assicurazioni vita. L esercizio si chiude in utile soprattutto grazie alla gestione

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

LA MONETA. identifica l insieme dei mezzi di pagamento comunemente accettati

LA MONETA. identifica l insieme dei mezzi di pagamento comunemente accettati LA MONETA identifica l insieme dei mezzi di pagamento comunemente accettati DAL BARATTO ALLA MONETA Prima dell avvento della moneta gli scambi avvenivano attraverso il baratto: scambio di beni con beni

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorale. Tutti

Dettagli

Cosa è la moneta e quale è la sua funzione. Sistema Postale e Sistema Monetario

Cosa è la moneta e quale è la sua funzione. Sistema Postale e Sistema Monetario Perché le tasse non sono dovute. Indice Introduzione I Armi di distrazione di massa II Il denaro non è ricchezza III Cosa è la moneta e quale è la sua funzione. IV Sistema Postale e Sistema Monetario V

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO PENSIONI: DAL 1 GENNAIO 2012 è CAMBIAto TUTTO Una nuova riforma pensionistica L evoluzione demografica ha determinato un aumento esponenziale del numero dei pensionati rispetto

Dettagli

GLI STRUMENTI DI PAGAMENTO. Anno scolastico 2014-15

GLI STRUMENTI DI PAGAMENTO. Anno scolastico 2014-15 GLI STRUMENTI DI PAGAMENTO Anno scolastico 2014-15 1 SOMMARIO LA MONETA BANCARIA LE CARTE DI PAGAMENTO LA CARTA DI CREDITO LA CARTA DI DEBITO LE CARTE PREPAGATE I PAGAMENTI SEPA L ASSEGNO 2 STRUMENTI ALTERNATIVI

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Quanti lavorano (o hanno lavorato) per una banca?

Quanti lavorano (o hanno lavorato) per una banca? 1 2 Quanti lavorano (o hanno lavorato) per una banca? 3 Domanda filosofica Il denaro è un mezzo o un fine? 4 Domanda pratica n.1 A cosa serve il denaro? 5 Domanda pratica n.1 A cosa serve il denaro? 1.

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

PENSARE AL FUTURO LO SAPEVATE CHE...?

PENSARE AL FUTURO LO SAPEVATE CHE...? LO SAPEVATE CHE...? PENSARE AL FUTURO Si potrebbe anche pensare che, vista l attuale situazione economica nazionale e mondiale, l argomento possa essere anacronistico, sbagliato, non aderente alla situazione

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Audizione presso le Commissioni riunite VI (Finanze) e X (Attività produttive, commercio e turismo) della Camera dei Deputati: istruttoria legislativa sul disegno di legge C.

Dettagli

Le nuove regole sulla riscossione delle pensioni

Le nuove regole sulla riscossione delle pensioni CIRCOLARE A.F. N.05 del 17 gennaio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Le nuove regole sulla riscossione delle pensioni Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che per effetto delle disposizioni

Dettagli

Da dove viene e dove va questa crisi. Bernardo Bertoldi, PhD Docente Università di Torino Dipartimento di Management Co-fondatore 3H Partners

Da dove viene e dove va questa crisi. Bernardo Bertoldi, PhD Docente Università di Torino Dipartimento di Management Co-fondatore 3H Partners Da dove viene e dove va questa crisi Bernardo Bertoldi, PhD Docente Università di Torino Dipartimento di Management Co-fondatore 3H Partners 1 Indice Da dove viene questa crisi e dove va 2 Il 16/08/1971

Dettagli

retemmt www.retemmt.it

retemmt www.retemmt.it MMT Primer di L. Randall Wray Blog 25 retemmt www.retemmt.it La solvibilità della valuta e il caso particolare del Dollaro USA di L. Randall Wray Postato il 20 novembre 2011 Nei blog recenti stiamo esaminando

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

marzo 2013 La Soluzione della crisi Finanziaria per l'italia

marzo 2013 La Soluzione della crisi Finanziaria per l'italia marzo 2013 La Soluzione della crisi Finanziaria per l'italia Le manovre fiscali stanno sottraendo 200 miliardi all'economia. La repressione dell'evasione la deprime L'euro è troppo alto per l'italia e

Dettagli

Pensioni: gli aumenti per il 2014

Pensioni: gli aumenti per il 2014 Pensioni: gli aumenti per il 2014 Per il 2014 i pensionati debbono accontentarsi di un aumento di appena l 1,3%. Da tempo l adeguamento delle pensioni al costo della vita (la cosiddetta perequazione automatica)

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Capire la finanza e la finanza etica

Capire la finanza e la finanza etica Corso Intensivo Capire la finanza e la finanza etica Sabato 5 febbraio 2011 Seminario di Marco Passarella (Università di Bergamo) PRIMA PARTE Il ruolo del pubblico nella regolazione dei mercati. L'evoluzione

Dettagli

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA (art. 28 Reg. del Consiglio Comunale di Lavagno)

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA (art. 28 Reg. del Consiglio Comunale di Lavagno) Lavagno, 04.08.2008 AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI LAVAGNO INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA (art. 28 Reg. del Consiglio Comunale di Lavagno) I sottoscritti Consiglieri Comunali appartenenti al gruppo consigliare

Dettagli

FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA

FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA Marco Calì FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA Edizione Gennaio 2008 Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun mezzo.

Dettagli

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179 Quoziente familiare Nel corso dei dibattiti si sente molto spesso parlare di quoziente familiare, ma di cosa si tratta? Con questo termine ci si riferisce a una particolare modalità di tassazione del reddito

Dettagli

10.060. Decreto federale concernente l'iniziativa popolare "Sicurezza dell'alloggio per i pensionati" ARGOMENTI PRO

10.060. Decreto federale concernente l'iniziativa popolare Sicurezza dell'alloggio per i pensionati ARGOMENTI PRO 10.060 Decreto federale concernente l'iniziativa popolare "Sicurezza dell'alloggio per i pensionati" ARGOMENTI PRO Argomenti-In breve Iniziativa Sicurezza dell alloggio per i pensionati in breve Occasione

Dettagli

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library.

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library. Questo Documento fa parte del corso N.I.Tr.O. di ProfessioneForex che a sua volta è parte del programma di addestramento Premium e non è vendibile ne distribuibile disgiuntamente da esso. I testi che seguono

Dettagli

LA GRANDE BUFALA DELLA

LA GRANDE BUFALA DELLA 805 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE BUFALA DELLA COMMISSIONE EUROPEA SULLA CORRUZIONE IN ITALIA (1) 5 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta 2 Lunedì 3 febbraio 2014 la

Dettagli

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE?

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 476 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 21 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I temi in agenda La ricapitalizzazione

Dettagli

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano)

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) La Moneta e i Mercati Monetari In questa lezione: Determiniamo le funzioni e l origine della moneta Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) Data

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa 1. Il surplus persistente della bilancia dei pagamenti correnti giapponese

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

Crediti? Mutui? Non servono più!

Crediti? Mutui? Non servono più! Crediti? Mutui? Non servono più! La formula beepartner rende i nostri patrimoni: Compravendibili senza che l acquirente debba accedere al credito Una fonte di reddito garantito Interessanti come investimento...e

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

i dossier ECCO COME L IMU HA DISTRUTTO ANCHE IL MERCATO DEGLI AFFITTI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it

i dossier ECCO COME L IMU HA DISTRUTTO ANCHE IL MERCATO DEGLI AFFITTI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 318 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME L IMU HA DISTRUTTO ANCHE IL MERCATO DEGLI AFFITTI 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 ECCO COME L IMU HA DISTRUTTO ANCHE IL

Dettagli

DISCIPLINA BOLLI E TASSAZIONE CONTI CORRENTI POST DECRETO SALVA ITALIA

DISCIPLINA BOLLI E TASSAZIONE CONTI CORRENTI POST DECRETO SALVA ITALIA DISCIPLINA BOLLI E TASSAZIONE CONTI CORRENTI POST DECRETO SALVA ITALIA Con il Decreto Salva Italia si introduce una nuova tassazione sugli strumenti finanziari, sui conti correnti bancari e sui conti di

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria Capitolo 16 Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria La quantità di moneta in circolazione può influenzare l'andamento macroeconomico Che cosa si considera moneta? Tipicamente, la

Dettagli

Progetto di educazione al risparmio e all'uso consapevole del denaro

Progetto di educazione al risparmio e all'uso consapevole del denaro Progetto finanziato dalla Progetto di educazione al risparmio e all'uso consapevole del denaro a cura delle associazioni di consumatori Che cos è la moneta? Per gli economisti il termine moneta non ha

Dettagli

Le funzioni della banca. Lezione 1 1

Le funzioni della banca. Lezione 1 1 Le funzioni della banca Lezione 1 1 Le principali funzioni svolte dalle banche sono: Funzione monetaria; Funzione creditizia; Funzione di mobilizzazione del risparmio; Funzione di trasmissione degli impulsi

Dettagli

Circolari della Fondazione Studi

Circolari della Fondazione Studi ANNO 2014 CIRCOLARE NUMERO 12 Circolari della Fondazione Studi Le Circolari n.12 del 29.05.2014 Niente Sanzioni se non si installa il POS POS PER I PROFESSIONISTI: NORMATIVA A decorrere dal prossimo 30

Dettagli

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta Domande di ripasso 1. In un sistema a riserva frazionaria il sistema bancario crea moneta perché in genere le banche detengono come riserva solo una parte dei

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Piedimonte Matese. Prof.ssa A. Malinconico 1

Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Piedimonte Matese. Prof.ssa A. Malinconico 1 Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Piedimonte Matese 1 Rendimento, tassi di interesse, commissioni Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Piedimonte Matese 25 febbraio 2016 Prof.ssa

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli