PROVINCIA DI COSENZA SETTORE AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA Servizio Sviluppo della Produzione Agricola Sostenibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI COSENZA SETTORE AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA Servizio Sviluppo della Produzione Agricola Sostenibile"

Transcript

1 PROVINCIA DI COSENZA SETTORE AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA Servizio Sviluppo della Produzione Agricola Sostenibile Esercitazione corso per l ottenimento del certificato di abilitazione all acquisto ed utilizzo di prodotti fitosanitari e loro coadiuvanti per utilizzatori professionali Responsabile Didattica Colella Ermenegildo 1

2 ESERCITAZIONE N 1 1)Cosa si intende per sostanza attiva? a) La sostanza contenuta in un prodotto fitosanitario che agisce contro l avversità da combattere b) Un prodotto che può essere acquistato solamente da chi possiede l abilitazione c) Il residuo massimo sugli alimenti 2)Com è contrassegnato un prodotto fitosanitario tossico? a) Con un teschio nero su ossa incrociate b) Con una croce di Sant Andrea in un riquadro di colore giallo arancio c) Con scritto, in caratteri ben visibili: attenzione manipolare con prudenza 3)Cosa sono i coformulati? a) Sostanze che servono a ridurre la DL b) Sostanze che servono a ridurre la concentrazione della sostanza attiva c) Sostanza che hanno lo scopo di aumentare l efficacia della sostanza attiva 4) Secondo la nuova normativa vigente come vengono chiamati i formulati commerciali? a) Fitofarmaci b) Prodotti fitosanitari c) Pesticidi 5) Cosa sono i coadiuvanti? a) Sostanze che riducono l efficacia di un prodotto fitosanitario b) Sostanze che completano o rafforzano l azione di un prodotto fitosanitario c) Sostanze che prolungano il tempo di sicurezza 6) Con gli insetticidi di impiego agricolo possono essere trattati i parassiti animali? 1) Si, solo se questi non producono latte 2) No, mai c) Si, solo se non esistono prodotti alternativi 7) Cosa si intende per un prodotto fitosanitario fitotossico? a) Che è mortale per l uomo b) Che provoca danno alle colture agrarie c) Che è dannoso per gli animali 8) Cosa significa dose letale DL 50? a) Il 50% del prodotto può essere letale b) La dose uccide il 50% degli animali da esperimento sottoposti al trattamento c) La dose da diluire al 50% per avere effetti letali 2

3 SEGUE ESERCITAZIONE N 1 9) Cosa si intende per compatibilità? a) Proprietà dei prodotti di miscelarsi con altri, mantenendo inalterate le rispettive caratteristiche b) Compatibilità tra coltura agricola e prodotto fitosanitario c) Il mantenimento nel tempo delle caratteristiche chimiche e fisiche di un prodotto fitosanitario 10) Cosa si intende per prodotti fitosanitari per utilizzatori non professionali? a) Prodotti fitosanitari utilizzati nei centri urbani b) Prodotti fitosanitari per piante ornamentali c) Prodotti fitosanitari per piante ortive 11) Quale simbolo è apposto sul prodotto fitosanitario nocivo secondo la nuova normativa? a) La croce di Sant Andrea b) Nessuno c) Punto esclamativo di pericolo 12) Che si intende per stabilità di un prodotto fitosanitario? a) Mantenimento nel tempo delle caratteristiche chimiche e fisiche b) La proprietà di miscelarsi con altri prodotti fitosanitari c) La proprietà di aderire a parti di piante (foglie, fusto) 13) Cosa indica la sigla PB accanto al nome del formulato? a) Prodotto a base di piombo b) Polvere bagnabile c) Prodotto Biologico 14) A quale classe apparteneva il prodotto fitosanitario Tossico? a) Prima classe b) Seconda classe c) Terza classe 15) Posso cedere un prodotto fitosanitario nocivo ad altra persona? a) Si, se munita di certificato di abilitazione b) Si, se maggiorenne c) No, mai 3

4 ESERCITAZIONE N 2 1) Di che tipo è l apparato boccale delle api? a) Lambente e succhiante b) Masticatore c) Pungente e succhiante 2) Un prodotto aficida può essere impiegato su qualsiasi coltura per la lotta agli afidi? a) Si, in quanto è un prodotto specifico b) No, solo per le colture indicate in etichetta c) No, solamente in base all esperienza 3) Esiste una correlazione tra l età dell insetto e il Prodotto Fitosanitario da utilizzare? a) No, il P.F. indicato combatte l insetto qualunque sia la sua età b) Dipende dell apparato masticatore dell insetto per cui si utilizza il P. F. c) Si, esistono prodotti fitosanitari larvicida e prodotti fitosanitari adulticidi 4) Il ragnetto rosso è: a) Un acaro b) Un insetto c) Un nematoda 5) Un afide lo combatto con: a) Insetticida b) Anticrittogamico c) Erbicida 6) Per combattere una virosi, cosa faccio? a) Utilizzo un prodotto fitosanitario anticrittogamico b) Utilizzo un erbicida c) Non c è nulla da fare 7) All impianto di una coltura arborea: a) Utilizzo le piante più belle b) Utilizzo piante certificate CE e CAC c) Mi faccio consigliare dal rivenditore 8) Di quale tipo è l apparato boccale degli afidi? a) Pungente succhiatore b) Lambente c) Masticatore 9) Cos è l occhio di pavone? a) Una virosi b) Una malattia fungina c) Una specie di cocciniglia 4

5 SEGUE ESERCITAZIONE N 2 10) Quale insetto, tra altri danni, provoca anche la melata? a) Coccinella b) Cocciniglia c) Mosca 11) Un insetto parassita: a) Si nutre di insetti dannosi b) Si sviluppa a carico di insetti dannosi c) Si sviluppa a carico delle piante 12) Quali insetti sono i più efficaci vettori di virus? a) Coleotteri b) Afidi c) Acari 13) Qual è la più temibile malattia degli agrumi? a) Exocortite b) Minatrice serpentina c) Citrus Tristeza virus 14) Che significa endoterapia? a) Inoculazione del prodotto con apposite siringhe al tronco b) Copertura della chioma con prodotto fitosanitario c) Trattamento effettuato in coltivazioni allevate in serra 15) Il Citrus Tristeza Virus su quali piante di agrumi è più attecchibile? a) Innesto su arancio amaro b) Innesto su porta innesto CE c) Innesto su porta innesto CAC 5

6 ESERCITAZIONE N 3 1) Cosa sono i prodotti fitosanitari citotropici? a) Prodotti fitosanitari che penetrano nei primi strati dei tessuti degli organi trattati (foglie, frutti, ecc.), senza entrare in circolazione nella linfa. b) Prodotti fitosanitari che non penetrano nei vegetali c) Prodotti fitosanitari efficaci per la lotta a piante del genere Citrus 2) Cosa sono i nematodi? a) Parassiti vegetali b) Virosi c) Parassiti animali 3) Quale apparato è importante per la scelta di un prodotto fitosanitario selettivo? a) Apparato respiratorio b) Apparato boccale c) Apparato motorio 4) Cosa significa prodotti a largo spettro? a) Prodotti che distruggono varie specie di parassiti b) Prodotti utilizzabili su molte colture c) Prodotti che rispettano largamente l ecosistema 5) Cosa sono i prodotti sistemici? a) Prodotti che vengono assorbiti dalle foglie o dalle radici e messi in circolazione attraverso la linfa b) Prodotti che agiscono sistematicamente contro ogni tipo di parassita vegetale c) Prodotti che agiscono sistematicamente contro ogni tipo di parassita animale 6) I prodotti fitosanitari di copertura... a) Non penetrano nei vegetali b) Entrano nella pagina superiore delle foglie c) Sono prodotti utilizzati per fornire copertura alle sole coltivazioni erbacee 7) Cos è la difesa a calendario? a) Il metodo di lotta che tiene conto del periodo di eventuale presenza di parassiti con effetto preventivo b) Il metodo di lotta che tiene conto del periodo di eventuale presenza di parassiti con effetto curativo c) Il metodo di lotta che tiene conto del periodo di eventuale presenza di parassiti con effetto eradicante 8) L'agricoltura biologica è: a) Un metodo di coltivazione che esclude l'impiego di prodotti fitosanitari e di fertilizzanti di sintesi b) Un metodo di coltivazione che esclude l utilizzo di prodotti rameici c) Un metodo di coltivazione che esclude l utilizzo di tutti i prodotti fitosanitari 9) Cosa si fa nell agricoltura integrata? a) La difesa delle piante viene attuata con l uso congiunto e razionale di mezzi chimici, agronomici, genetici, fisici e biologici b) La difesa delle piante viene attuata senza l ausilio di mezzi chimici c) La difesa delle piante viene attuata con l ausilio di particolari prodotti fitosanitari 6

7 SEGUE ESERCITAZIONE N 3 10) Cosa determina l applicazione della difesa guidata: a) La soglia di dannosità del parassita nel proprio fondo b) La presenza del parassita nel proprio fondo c) La presenza del parassita nei fondi vicini 11) Come si determina la soglia di dannosità? a) Con stima a vista b) Con la tecnica del campionamento c) Seguendo i bollettini fitosanitari della zona 12) Cosa sono le trappole cromotromiche? a) Trappole che attirano gli insetti tramite il colore b) Trappole che attirano gli insetti tramite l odore c) Trappole che attirano gli insetti tramite ultrasuoni 13) Di che colore sono le trappole cromotropiche? a) Rosse o marrore b) Verdi o nere c) Gialle o azzurre 14) Quali parassiti possono soccombere per ingestione? a) Insetti b) Virus c) Batteri 15) Cosa sono gli insetti pronubi? a) Insetti non dotati di ali b) Insetti estremamente nocivi all agricoltura c) Insetti utili all uomo ed all agricoltura 16) Quali prodotti fitosanitari sono più selettivi? a) Quelli che agiscono per asfissia b) Quelli che agiscono per contatto c) Quelli che agiscono per ingestione 17) L apparato boccale influisce sulla scelta del prodotto fitosanitario? a) Si b) No c) E indifferente 18) La modalità per asfissia ha efficacia su: a) Insetti ed acari e nematodi b) Funghi patogeni c) Batteriosi 19) Quali sono le precauzioni da osservare effettuando trattamenti vicino ad alveari? a) Non avvicinarsi per almeno 500 metri dalle arnie b) Vietato trattare nei periodi di fioritura, allontanare gli alveari c) Evitare i trattamenti nel periodo riproduttivo 20)Quali prodotti fitosanitari sono i più dilavabili? a) Prodotti citotropici b) Prodotti di copertura c) Prodotti sistemici 7

8 ESERCITAZIONE N 4 1) Cos è il tempo di carenza? a) Il limite di scadenza del prodotto fitosanitario b) L intervallo minimo di tempo (espresso in giorni) che deve intercorrere tra il trattamento e la raccolta e commercializzazione del prodotto c) L intervallo minimo di tempo tra due trattamenti 2) I prodotti fitosanitari non più utilizzabili come possono essere smaltiti? a) Sotterrandoli in luogo lontano da abitazioni b) Custoditi in attesa di essere conferite a Ditte o centri specializzati c) Utilizzando i cassonetti della nettezza urbana 3) Chi è responsabile di eventuali intossicazioni che potrebbero verificarsi in seguito all uso scorretto dei prodotti fitosanitari? a) Il titolare dell abilitazione che ha acquistato il prodotto b) Chi ha venduto il prodotto c) Chi ha effettuato il trattamento 4) Il tempo di carenza è indicato in etichetta? a) Si, sempre b) A discrezione della ditta produttrice del formulato c) No, mai 5) Cosa si intende per intervallo di sicurezza? a) L intervallo espresso in giorni che deve intercorrere tra un trattamento e l altro b) Corrisponde al tempo di carenza c) L intervallo tra il trattamento ed il tempo di rientro 6) Cos è il tempo di rientro per l operatore agricolo? a) L intervallo di tempo tra il trattamento ed il rientro in azienda b) L intervallo di tempo tra il trattamento ed il rientro nell area trattata per svolgere attività lavorativa senza mezzi protettivi c) L intervallo di tempo tra il trattamento e l assorbimento del prodotto all interno della pianta. 7) Nel deposito adibiti alla conservazione dei prodotti fitosanitari cos è possibile custodire: a) Gli indumenti di protezione b) Mangimi, c) Indumenti di uso comune 8) Qualora si verifichino incidenti che possono provocare lo spargimento nell ambiente di ingenti quantità di prodotti fitosanitari, quali misure è opportuno prendere? a) Evitare che qualsiasi persona entri in contatto con la sostanza fuoriuscita e disperdere il prodotto lontano dai luoghi abitati b) Allontanarsi immediatamente dal luogo dell incidente ed avvertire quanto prima la Guardia Forestale c) Avvertire immediatamente il Servizio di Igiene Pubblica della U.S.L. o i Vigili del Fuoco, cercando nel frattempo di limitare il più possibile la dispersione del prodotto 9) Quante ore si consigliano indicativamente come tempo di rientro? a) Da ore. b) Si può rientrare dopo un paio d ore c) Da 4 a 12 ore 10) Cosa si intende per contaminazione indiretta? a) Si verifica mangiando della carne o del latte e suoi derivati provenienti da animali che si siano cibati di foraggio contaminato b) Si verifica quando ci si alimenta direttamente dei vegetali o di loro derivati contenenti residui tossici. c) Si verifica quando si ingerisce un prodotto fitosanitario molto tossico 8

9 SEGUE ESERCITAZIONE N 4 11) Che si intende per condizionalità? a) Il rispetto di alcune condizioni per ottenere i benefici dell Unione Europea b) Le condizioni ottimali per effettuare un trattamento c) Il rispetto delle distanza da altri fondi nell effettuare un trattamento 12) Cosa si fa per evitare l effetto deriva? a) L irrorazione va effettuata dal lato della strada verso l interno del campo b) L irrorazione va effettuata dal lato della strada verso l esterno del campo c) L irrorazione va effettuata a bassa velocità della trattrice 13) Entro quale raggio, da pozzi o sorgenti di acque destinate al consumo umano, non bisogna impiegare prodotti fitosanitari? a) Almeno 10/20 metri b) Almeno 200 metri c) Distanza di sicurezza 14) Che si intende per residuo? a) La quantità di sostanza attiva che è presente nei frutti pronti per essere raccolti b) La quantità di sostanza attiva che è presente nei frutti dopo un temporale c) Il residuo dell efficacia di un prodotto fitosanitario dopo la sua scadenza 15) Cosa si intende per DPI? a) Dispositivo di pulitura irroratori b) Dispositivo di protezione individuale c) Dispositivo per l irrorazione del prodotto fitosanitario 16) Come si conservano la maschera ed il filtro dopo il trattamento? a) Appesi in luogo fresco e riparato b) Puliti ed al riparo da polvere ed umidità c) Lontano dalla portata dei bambini 17) Per proteggere le mani durante l impiego dei prodotti fitosanitari è opportuno utilizzare guanti in: a) Gomma impermeabile marchiata CE b) Tessuto c) Pelle 18) Con quali colori è contrassegnato un filtro combinato per polveri e vapori organici? a) Grigio Bianco b) Bianco Marrone c) Marrone Grigio 19) Cos è il limite di tolleranza? a) La quantità massima di residui di cui è tollerata la presenza nei prodotti destinati all alimentazione. b) La quantità massima dei prodotti fitosanitari da miscelare c) Il periodo massimo oltre il quale il prodotto fitosanitario perde la sua efficacia 20) Cos è la degradazione dei prodotti fitosanitari? a) La perdita dell efficacia del coadiuvante del prodotto fitosanitario b) Un graduale processo di decomposizione del prodotto fitosanitario c) La perdita dell efficacia del coformulato del prodotto fitosanitario 9

10 ESERCITAZIONE N 5 1) E necessaria la manutenzione ordinaria alle macchine utilizzate per i trattamenti? a) No b) Solo lavaggio manuale c) Si, controllando ugelli, raccordi e tubi, rubinetti e manometri 2) La taratura e la manutenzione alle macchine irroratrici sono necessarie per? a) Fare meno trattamenti b) Ridurre i tempi necessari per i trattamenti c) Ridurre le perdite dei prodotti fitosanitari nell ambiente e migliorare l efficacia del trattamento 3) Quali prodotti fitosanitari devono essere registrati sul Registro dei trattamenti? a) Tossici e nocivi b) Solo i molto tossici c) Tutti i prodotti fitosanitari 4) La tracimazione della miscela dall attrezzatura è sempre pericolosa? a) No, purchè il prodotto così perduto non inquini corsi d acqua vicini b) Si, sempre c) No, se si tratta di prodotti poco tossici 5) Dove si conserva il Registro dei trattamenti? a) Dal commercialista b) Dal rivenditore dei prodotti fitosanitari c) In azienda o presso il proprio domicilio fiscale 6) Entro quanto tempo è obbligatorio effettuare l annotazione dei trattamenti sul Registro? a) Entro 3 giorni b) Entro 15 giorni c) Entro un mese 7) Cos è una macchina agricola applicativa semovente? a) Una macchina dotata di motore proprio b) Una macchina trainata dalla trattrice c) Una macchina a spalla 8) Per chi è obbligatorio il Registro dei trattamenti? a) Per tutti i possessori del certificato di abilitazione b) Per tutti i conduttori di aziende che effettuano trattamenti fitosanitari c) Per le aziende che aderiscono al regime dell agricoltura integrata 9) Cos è obbligato a fare il contoterzista? a) Controfirmare il registro dei trattamenti b) Non ha alcun obbligo c) Apporre i cartelli di pericolo ai margini dell area trattata 10) Cosa fanno le irroratrici? a) Distribuiscono sostanze polverulenti b) Distribuiscono sostanze liquide c) Distribuiscono sostanze gassose al terreno 10

11 SEGUE ESERCITAZIONE N 5 11) Il livello del liquido all interno del serbatoio deve essere sempre visibile? a) Si, sempre b) Non è necessario c) E importante conoscerne preventivamente la quantità 12) Qual è uno dei controlli più importanti nella taratura? a) Determinare la velocità di avanzamento del binomio trattrice-irroratrice b) Controllare le eventuali perdite di olio dal circuito idraulico c) Controllare la pressione delle ruote 13) Il controllo meccanico funzionale è reso obbligatorio a partire da quale data? a) Non c è alcun obbligo b) Dal 26 novembre 2016 c) Si, sempre da 1 gennaio ) Che significa fase fenologica? a) Fase acuta dell azione di una batteriosi b) Fase di sviluppo delle piante c) Fase di infestazione di un insetto nocivo 15) Chi non è obbligato alla tenuta del registro dei trattamenti? a) Le aziende che aderiscono a regime biologico o integrato b) Le aziende che non utilizzano prodotti fitosanitari c) Le aziende monocolture 11

12 ESERCITAZIONE N 6 1)Se capita di essere bagnati dalla nube irrorante, quale precauzione occorre seguire? a) Cambiare gli indumenti protettivi b) Sospendere il lavoro, togliersi gli indumenti indossati e lavarsi accuratamente c) Spogliarsi ed asciugarsi con un panno pulito 2) Attraverso quali vie può avvenire una intossicazione acuta? a) Solamente per ingestione b) Solamente per contatto c) Per contatto, per ingestione ed attraverso l apparato respiratorio 3) Non rispettando le norme precauzionali a quale rischio si sottopone l operatore? a) Solo intossicazione acuta b) Intossicazione acuta, cronica ed allo sviluppo di malattie allergiche c) Solo intossicazione cronica ed allo sviluppo di malattie allergiche 4) All insorgere di un malessere che si ritiene collegato all impiego dei PF, come è opportuno comportarsi? a) Bere latte e distendersi per qualche ora b) Provocare il vomito e mettersi a riposo c) Rivolgersi al Pronto Soccorso mostrando le etichette dei prodotti utilizzati 5) Nel caso di intossicazione acuta da PF quali provvedimenti immediati occorre adottare? a) Lavare l intossicato con acqua e somministrare una bevanda calda b) Mettere a letto il soggetto e chiamare il medico curante c) Trasportare il soggetto lontano dalla fonte di contaminazione, spogliarlo e lavarlo con acqua, non somministrare alcuna bevanda e portarlo in ospedale, consegnando l etichetta del prodotto usato 6)Cosa si deve fare in caso il prodotto vada in contatto con gli occhi? a) Sciacquarli per minuti e recarsi al Pronto Soccorso b) Mettere un collirio c) Tenere gli occhi chiusi 7) Un PF molto tossico può provocare intossicazioni mortali per l uomo? a) No, solo intossicazioni croniche b) Si, può provocare intossicazioni acute anche mortali c) No, solo intossicazioni sub-acute 8)Che tipo di intossicazione si può avere utilizzando PF nocivi? a) Lieve b) Grave c) Trascurabile 9) Come si puliscono gli ugelli? a) Utilizzare un apposito attrezzo b) Sbattendolo energicamente su un corpo solido c) Soffiandoci dentro con più forza possibile 10) Qual è il rapporto compressioni- insufflazioni nel B.L.S.? a) 15 compressioni e 2 insufflazioni b) 30 compressioni e 2 insufflazioni c) 20 compressioni e 4 insufflazioni 12

13 SEGUE ESERCITAZIONE N 6 11) Cosa significa iperestensione del capo? a) Giragli il capo sul lato destro b) Sollevargli il mento e possibilmente porre uno spessore sotto il collo c) Effettuare un lieve trazione del capo 13) Cosa fare se si sospetta un trauma (caduta rovinosa dalla trattrice) in persona cosciente? a) Consultare immediatamente il 118, tranquillizzare l infortunato ed aspettare istruzioni in merito b) Accompagnare immediatamente l infortunato all ospedale con propri mezzi c) Vedere se l infortunato riesce a sorreggersi in piedi 13) Quale rischio può comportare l ingestione di alcolici durante un trattamento fitosanitario? a) Nessun rischio b) Interazione tossica con l alcool etilico c) Disturbi gastroenterici. 14)Una intossicazione acuta può provocare danni al sistema nervoso centrale? a) No b) Solo se si utilizzano prodotti fitosanitari Tossici c) Si 15) Che significa azione teratogena? a) Provoca alterazioni del patrimonio genetico dell individuo b) Determina la trasformazione delle cellule normali in cellule tumorali c) Altera le cellule del feto provocando anomalie nel nascituro 13

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Guida al patentino per l acquisto dei prodotti in Emilia-Romagna MODULO 2 Sistemi di sicurezza per l acquisto, la conservazione, il trasporto e l utilizzo

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA AREA SERVIZIO FITOSANITARIO E RISORSE GENETICHE GUIDA AL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA AREA SERVIZIO FITOSANITARIO E RISORSE GENETICHE GUIDA AL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA AREA SERVIZIO FITOSANITARIO E RISORSE GENETICHE GUIDA AL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Elaborato a cura dell Area Servizio Fitosanitario e Risorse

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

HARMONY 50 SX Granuli idrosolubili Erbicida selettivo per il diserbo in post-emergenza di mais e soia.

HARMONY 50 SX Granuli idrosolubili Erbicida selettivo per il diserbo in post-emergenza di mais e soia. (S20/21). Non gettare i residui nelle fognature (S29). Non disfarsi è un erbicida selettivo per il diserbo in postemergenza viene assorbito dalle foglie delle piante trattate e, con sintomi visibili (ingiallimento,

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

Introduzione alla Relazione del convegno

Introduzione alla Relazione del convegno PIANO D AZIONE NAZIONALE PER L USO SOSTENIBIL E DEI PRODOTTI FITOSANIT ARI E PROPOSTE DI STRUMENT I APPLICAT IV I 19 novembre 2012 Environmental Park Centro Congressi Sala Kyoto Via Livorno, 60 Torino

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Scheda dei dat Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/8 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società PYRAMIN DF 1KG Uso: antiparassitario, erbicida Ditta: BASF Italia Spa Divisione Agro Via

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Marzo 2011 Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

: acido 4-Formilfenilboronico

: acido 4-Formilfenilboronico UnaveraChemLab GmbH SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione 04.07.2013 Data di stampa 12.11.2014 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI REGOLAMENTI CE N.

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155 1 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa produttrice. - Dati del prodotto Denominazione commerciale: mega-trim Polvere Produttore/fornitore: Megadental Vertrieb

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

per un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari

per un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Linee guida per un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Sicurezza ambiente Salute agricoltura R. Bassi, A. Bernard, F. Berta (Syngenta Crop Protection S.p.A.) - M. Calliera (Università Cattolica del

Dettagli

Cosa sono? Conoscenze di base (alcune) Comportamento nell ambiente

Cosa sono? Conoscenze di base (alcune) Comportamento nell ambiente PRODOTTI FITOSANITARI: Cosa sono? Conoscenze di base (alcune) Comportamento nell ambiente 1 DEFINIZIONE: I Prodotti Fitosanitari, definiti dall'art.2 del D. Lgs. n. 194/955 e dall art.2 del DPR 290/01,

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6

SCHEDA DI SICUREZZA. Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6 SCHEDA DI SICUREZZA Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6 Scheda di sicurezza n 871 Revisione: Ottobre 2006 1 - Denominazione del preparato e della Ditta DRY PERC Ditta: Clean Life s.r.l. via Tommaso Piroli 22

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione"

Roma, 14 aprile 2015 Convegno Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione" Attività del CRA-ING 1. Ricerca: sistemi per la determinazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Convegno. Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole. Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011

Convegno. Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole. Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011 Convegno Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011 AGRICENTER S.r.l. Import Export Via Facchinelle, 1 37014

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: A4972 Numero CAS: 9001-63-2 Numeri CE: 232-620-4 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO ---------------------------- Resoconto preliminare L importanza di una rete di monitoraggio Al fine di avere idee precise sulla natura e sull entità degli spopolamenti

Dettagli

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI Ferruccio Trifirò LA DIRETTIVA BIOCIDI PER CAPIRE GLI EFFETTI DEL REACH Con l applicazione della direttiva biocidi, diventata operativa nel 2000, c è stata una forte riduzione dei principi attivi e delle

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH)

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH) Data di revisione: 2008 04 29 Versione: 3.0 1. Identificazione del preparato e della società produttrice Prodotto otto: ZytoDot CISH 2C Probe Kit Codice prodotto: C-3022 Applicazi zione one: Solo per uso

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

PRIM SILICAT CH 10 L KAN

PRIM SILICAT CH 10 L KAN 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA Identificazione della sostanza o preparato Uso della sostanza/preparato Identificazione della società/dell'impresa Dipartimento

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Salute e sicurezza. Aspetti di tutela

Salute e sicurezza. Aspetti di tutela Salute e sicurezza. Aspetti di tutela Pasquale Cavallaro MINISTERO della SALUTE DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE Uff. VII Requisiti per l autorizzazione (Articoli

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

PROTEZIONE CEREALI. prodotti per la protezione dei cereali stoccati, silos e magazzini

PROTEZIONE CEREALI. prodotti per la protezione dei cereali stoccati, silos e magazzini PROTEZIONE CEREALI prodotti per la protezione dei cereali stoccati, silos e magazzini ACCORGIMENTI CHE FANNO LA DIFFERENZA Per una corretta impostazione del progetto è importante INDIVIDUARE GLI INSETTI

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato

Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato Introduzione 1 Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato Luglio 2011 Il glifosato è la sostanza attiva utilizzata in molti erbicidi venduti su scala mondiale, compreso l'ormai

Dettagli