PROVINCIA DI COSENZA SETTORE AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA Servizio Sviluppo della Produzione Agricola Sostenibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI COSENZA SETTORE AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA Servizio Sviluppo della Produzione Agricola Sostenibile"

Transcript

1 PROVINCIA DI COSENZA SETTORE AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA Servizio Sviluppo della Produzione Agricola Sostenibile Esercitazione corso per l ottenimento del certificato di abilitazione all acquisto ed utilizzo di prodotti fitosanitari e loro coadiuvanti per utilizzatori professionali Responsabile Didattica Colella Ermenegildo 1

2 ESERCITAZIONE N 1 1)Cosa si intende per sostanza attiva? a) La sostanza contenuta in un prodotto fitosanitario che agisce contro l avversità da combattere b) Un prodotto che può essere acquistato solamente da chi possiede l abilitazione c) Il residuo massimo sugli alimenti 2)Com è contrassegnato un prodotto fitosanitario tossico? a) Con un teschio nero su ossa incrociate b) Con una croce di Sant Andrea in un riquadro di colore giallo arancio c) Con scritto, in caratteri ben visibili: attenzione manipolare con prudenza 3)Cosa sono i coformulati? a) Sostanze che servono a ridurre la DL b) Sostanze che servono a ridurre la concentrazione della sostanza attiva c) Sostanza che hanno lo scopo di aumentare l efficacia della sostanza attiva 4) Secondo la nuova normativa vigente come vengono chiamati i formulati commerciali? a) Fitofarmaci b) Prodotti fitosanitari c) Pesticidi 5) Cosa sono i coadiuvanti? a) Sostanze che riducono l efficacia di un prodotto fitosanitario b) Sostanze che completano o rafforzano l azione di un prodotto fitosanitario c) Sostanze che prolungano il tempo di sicurezza 6) Con gli insetticidi di impiego agricolo possono essere trattati i parassiti animali? 1) Si, solo se questi non producono latte 2) No, mai c) Si, solo se non esistono prodotti alternativi 7) Cosa si intende per un prodotto fitosanitario fitotossico? a) Che è mortale per l uomo b) Che provoca danno alle colture agrarie c) Che è dannoso per gli animali 8) Cosa significa dose letale DL 50? a) Il 50% del prodotto può essere letale b) La dose uccide il 50% degli animali da esperimento sottoposti al trattamento c) La dose da diluire al 50% per avere effetti letali 2

3 SEGUE ESERCITAZIONE N 1 9) Cosa si intende per compatibilità? a) Proprietà dei prodotti di miscelarsi con altri, mantenendo inalterate le rispettive caratteristiche b) Compatibilità tra coltura agricola e prodotto fitosanitario c) Il mantenimento nel tempo delle caratteristiche chimiche e fisiche di un prodotto fitosanitario 10) Cosa si intende per prodotti fitosanitari per utilizzatori non professionali? a) Prodotti fitosanitari utilizzati nei centri urbani b) Prodotti fitosanitari per piante ornamentali c) Prodotti fitosanitari per piante ortive 11) Quale simbolo è apposto sul prodotto fitosanitario nocivo secondo la nuova normativa? a) La croce di Sant Andrea b) Nessuno c) Punto esclamativo di pericolo 12) Che si intende per stabilità di un prodotto fitosanitario? a) Mantenimento nel tempo delle caratteristiche chimiche e fisiche b) La proprietà di miscelarsi con altri prodotti fitosanitari c) La proprietà di aderire a parti di piante (foglie, fusto) 13) Cosa indica la sigla PB accanto al nome del formulato? a) Prodotto a base di piombo b) Polvere bagnabile c) Prodotto Biologico 14) A quale classe apparteneva il prodotto fitosanitario Tossico? a) Prima classe b) Seconda classe c) Terza classe 15) Posso cedere un prodotto fitosanitario nocivo ad altra persona? a) Si, se munita di certificato di abilitazione b) Si, se maggiorenne c) No, mai 3

4 ESERCITAZIONE N 2 1) Di che tipo è l apparato boccale delle api? a) Lambente e succhiante b) Masticatore c) Pungente e succhiante 2) Un prodotto aficida può essere impiegato su qualsiasi coltura per la lotta agli afidi? a) Si, in quanto è un prodotto specifico b) No, solo per le colture indicate in etichetta c) No, solamente in base all esperienza 3) Esiste una correlazione tra l età dell insetto e il Prodotto Fitosanitario da utilizzare? a) No, il P.F. indicato combatte l insetto qualunque sia la sua età b) Dipende dell apparato masticatore dell insetto per cui si utilizza il P. F. c) Si, esistono prodotti fitosanitari larvicida e prodotti fitosanitari adulticidi 4) Il ragnetto rosso è: a) Un acaro b) Un insetto c) Un nematoda 5) Un afide lo combatto con: a) Insetticida b) Anticrittogamico c) Erbicida 6) Per combattere una virosi, cosa faccio? a) Utilizzo un prodotto fitosanitario anticrittogamico b) Utilizzo un erbicida c) Non c è nulla da fare 7) All impianto di una coltura arborea: a) Utilizzo le piante più belle b) Utilizzo piante certificate CE e CAC c) Mi faccio consigliare dal rivenditore 8) Di quale tipo è l apparato boccale degli afidi? a) Pungente succhiatore b) Lambente c) Masticatore 9) Cos è l occhio di pavone? a) Una virosi b) Una malattia fungina c) Una specie di cocciniglia 4

5 SEGUE ESERCITAZIONE N 2 10) Quale insetto, tra altri danni, provoca anche la melata? a) Coccinella b) Cocciniglia c) Mosca 11) Un insetto parassita: a) Si nutre di insetti dannosi b) Si sviluppa a carico di insetti dannosi c) Si sviluppa a carico delle piante 12) Quali insetti sono i più efficaci vettori di virus? a) Coleotteri b) Afidi c) Acari 13) Qual è la più temibile malattia degli agrumi? a) Exocortite b) Minatrice serpentina c) Citrus Tristeza virus 14) Che significa endoterapia? a) Inoculazione del prodotto con apposite siringhe al tronco b) Copertura della chioma con prodotto fitosanitario c) Trattamento effettuato in coltivazioni allevate in serra 15) Il Citrus Tristeza Virus su quali piante di agrumi è più attecchibile? a) Innesto su arancio amaro b) Innesto su porta innesto CE c) Innesto su porta innesto CAC 5

6 ESERCITAZIONE N 3 1) Cosa sono i prodotti fitosanitari citotropici? a) Prodotti fitosanitari che penetrano nei primi strati dei tessuti degli organi trattati (foglie, frutti, ecc.), senza entrare in circolazione nella linfa. b) Prodotti fitosanitari che non penetrano nei vegetali c) Prodotti fitosanitari efficaci per la lotta a piante del genere Citrus 2) Cosa sono i nematodi? a) Parassiti vegetali b) Virosi c) Parassiti animali 3) Quale apparato è importante per la scelta di un prodotto fitosanitario selettivo? a) Apparato respiratorio b) Apparato boccale c) Apparato motorio 4) Cosa significa prodotti a largo spettro? a) Prodotti che distruggono varie specie di parassiti b) Prodotti utilizzabili su molte colture c) Prodotti che rispettano largamente l ecosistema 5) Cosa sono i prodotti sistemici? a) Prodotti che vengono assorbiti dalle foglie o dalle radici e messi in circolazione attraverso la linfa b) Prodotti che agiscono sistematicamente contro ogni tipo di parassita vegetale c) Prodotti che agiscono sistematicamente contro ogni tipo di parassita animale 6) I prodotti fitosanitari di copertura... a) Non penetrano nei vegetali b) Entrano nella pagina superiore delle foglie c) Sono prodotti utilizzati per fornire copertura alle sole coltivazioni erbacee 7) Cos è la difesa a calendario? a) Il metodo di lotta che tiene conto del periodo di eventuale presenza di parassiti con effetto preventivo b) Il metodo di lotta che tiene conto del periodo di eventuale presenza di parassiti con effetto curativo c) Il metodo di lotta che tiene conto del periodo di eventuale presenza di parassiti con effetto eradicante 8) L'agricoltura biologica è: a) Un metodo di coltivazione che esclude l'impiego di prodotti fitosanitari e di fertilizzanti di sintesi b) Un metodo di coltivazione che esclude l utilizzo di prodotti rameici c) Un metodo di coltivazione che esclude l utilizzo di tutti i prodotti fitosanitari 9) Cosa si fa nell agricoltura integrata? a) La difesa delle piante viene attuata con l uso congiunto e razionale di mezzi chimici, agronomici, genetici, fisici e biologici b) La difesa delle piante viene attuata senza l ausilio di mezzi chimici c) La difesa delle piante viene attuata con l ausilio di particolari prodotti fitosanitari 6

7 SEGUE ESERCITAZIONE N 3 10) Cosa determina l applicazione della difesa guidata: a) La soglia di dannosità del parassita nel proprio fondo b) La presenza del parassita nel proprio fondo c) La presenza del parassita nei fondi vicini 11) Come si determina la soglia di dannosità? a) Con stima a vista b) Con la tecnica del campionamento c) Seguendo i bollettini fitosanitari della zona 12) Cosa sono le trappole cromotromiche? a) Trappole che attirano gli insetti tramite il colore b) Trappole che attirano gli insetti tramite l odore c) Trappole che attirano gli insetti tramite ultrasuoni 13) Di che colore sono le trappole cromotropiche? a) Rosse o marrore b) Verdi o nere c) Gialle o azzurre 14) Quali parassiti possono soccombere per ingestione? a) Insetti b) Virus c) Batteri 15) Cosa sono gli insetti pronubi? a) Insetti non dotati di ali b) Insetti estremamente nocivi all agricoltura c) Insetti utili all uomo ed all agricoltura 16) Quali prodotti fitosanitari sono più selettivi? a) Quelli che agiscono per asfissia b) Quelli che agiscono per contatto c) Quelli che agiscono per ingestione 17) L apparato boccale influisce sulla scelta del prodotto fitosanitario? a) Si b) No c) E indifferente 18) La modalità per asfissia ha efficacia su: a) Insetti ed acari e nematodi b) Funghi patogeni c) Batteriosi 19) Quali sono le precauzioni da osservare effettuando trattamenti vicino ad alveari? a) Non avvicinarsi per almeno 500 metri dalle arnie b) Vietato trattare nei periodi di fioritura, allontanare gli alveari c) Evitare i trattamenti nel periodo riproduttivo 20)Quali prodotti fitosanitari sono i più dilavabili? a) Prodotti citotropici b) Prodotti di copertura c) Prodotti sistemici 7

8 ESERCITAZIONE N 4 1) Cos è il tempo di carenza? a) Il limite di scadenza del prodotto fitosanitario b) L intervallo minimo di tempo (espresso in giorni) che deve intercorrere tra il trattamento e la raccolta e commercializzazione del prodotto c) L intervallo minimo di tempo tra due trattamenti 2) I prodotti fitosanitari non più utilizzabili come possono essere smaltiti? a) Sotterrandoli in luogo lontano da abitazioni b) Custoditi in attesa di essere conferite a Ditte o centri specializzati c) Utilizzando i cassonetti della nettezza urbana 3) Chi è responsabile di eventuali intossicazioni che potrebbero verificarsi in seguito all uso scorretto dei prodotti fitosanitari? a) Il titolare dell abilitazione che ha acquistato il prodotto b) Chi ha venduto il prodotto c) Chi ha effettuato il trattamento 4) Il tempo di carenza è indicato in etichetta? a) Si, sempre b) A discrezione della ditta produttrice del formulato c) No, mai 5) Cosa si intende per intervallo di sicurezza? a) L intervallo espresso in giorni che deve intercorrere tra un trattamento e l altro b) Corrisponde al tempo di carenza c) L intervallo tra il trattamento ed il tempo di rientro 6) Cos è il tempo di rientro per l operatore agricolo? a) L intervallo di tempo tra il trattamento ed il rientro in azienda b) L intervallo di tempo tra il trattamento ed il rientro nell area trattata per svolgere attività lavorativa senza mezzi protettivi c) L intervallo di tempo tra il trattamento e l assorbimento del prodotto all interno della pianta. 7) Nel deposito adibiti alla conservazione dei prodotti fitosanitari cos è possibile custodire: a) Gli indumenti di protezione b) Mangimi, c) Indumenti di uso comune 8) Qualora si verifichino incidenti che possono provocare lo spargimento nell ambiente di ingenti quantità di prodotti fitosanitari, quali misure è opportuno prendere? a) Evitare che qualsiasi persona entri in contatto con la sostanza fuoriuscita e disperdere il prodotto lontano dai luoghi abitati b) Allontanarsi immediatamente dal luogo dell incidente ed avvertire quanto prima la Guardia Forestale c) Avvertire immediatamente il Servizio di Igiene Pubblica della U.S.L. o i Vigili del Fuoco, cercando nel frattempo di limitare il più possibile la dispersione del prodotto 9) Quante ore si consigliano indicativamente come tempo di rientro? a) Da ore. b) Si può rientrare dopo un paio d ore c) Da 4 a 12 ore 10) Cosa si intende per contaminazione indiretta? a) Si verifica mangiando della carne o del latte e suoi derivati provenienti da animali che si siano cibati di foraggio contaminato b) Si verifica quando ci si alimenta direttamente dei vegetali o di loro derivati contenenti residui tossici. c) Si verifica quando si ingerisce un prodotto fitosanitario molto tossico 8

9 SEGUE ESERCITAZIONE N 4 11) Che si intende per condizionalità? a) Il rispetto di alcune condizioni per ottenere i benefici dell Unione Europea b) Le condizioni ottimali per effettuare un trattamento c) Il rispetto delle distanza da altri fondi nell effettuare un trattamento 12) Cosa si fa per evitare l effetto deriva? a) L irrorazione va effettuata dal lato della strada verso l interno del campo b) L irrorazione va effettuata dal lato della strada verso l esterno del campo c) L irrorazione va effettuata a bassa velocità della trattrice 13) Entro quale raggio, da pozzi o sorgenti di acque destinate al consumo umano, non bisogna impiegare prodotti fitosanitari? a) Almeno 10/20 metri b) Almeno 200 metri c) Distanza di sicurezza 14) Che si intende per residuo? a) La quantità di sostanza attiva che è presente nei frutti pronti per essere raccolti b) La quantità di sostanza attiva che è presente nei frutti dopo un temporale c) Il residuo dell efficacia di un prodotto fitosanitario dopo la sua scadenza 15) Cosa si intende per DPI? a) Dispositivo di pulitura irroratori b) Dispositivo di protezione individuale c) Dispositivo per l irrorazione del prodotto fitosanitario 16) Come si conservano la maschera ed il filtro dopo il trattamento? a) Appesi in luogo fresco e riparato b) Puliti ed al riparo da polvere ed umidità c) Lontano dalla portata dei bambini 17) Per proteggere le mani durante l impiego dei prodotti fitosanitari è opportuno utilizzare guanti in: a) Gomma impermeabile marchiata CE b) Tessuto c) Pelle 18) Con quali colori è contrassegnato un filtro combinato per polveri e vapori organici? a) Grigio Bianco b) Bianco Marrone c) Marrone Grigio 19) Cos è il limite di tolleranza? a) La quantità massima di residui di cui è tollerata la presenza nei prodotti destinati all alimentazione. b) La quantità massima dei prodotti fitosanitari da miscelare c) Il periodo massimo oltre il quale il prodotto fitosanitario perde la sua efficacia 20) Cos è la degradazione dei prodotti fitosanitari? a) La perdita dell efficacia del coadiuvante del prodotto fitosanitario b) Un graduale processo di decomposizione del prodotto fitosanitario c) La perdita dell efficacia del coformulato del prodotto fitosanitario 9

10 ESERCITAZIONE N 5 1) E necessaria la manutenzione ordinaria alle macchine utilizzate per i trattamenti? a) No b) Solo lavaggio manuale c) Si, controllando ugelli, raccordi e tubi, rubinetti e manometri 2) La taratura e la manutenzione alle macchine irroratrici sono necessarie per? a) Fare meno trattamenti b) Ridurre i tempi necessari per i trattamenti c) Ridurre le perdite dei prodotti fitosanitari nell ambiente e migliorare l efficacia del trattamento 3) Quali prodotti fitosanitari devono essere registrati sul Registro dei trattamenti? a) Tossici e nocivi b) Solo i molto tossici c) Tutti i prodotti fitosanitari 4) La tracimazione della miscela dall attrezzatura è sempre pericolosa? a) No, purchè il prodotto così perduto non inquini corsi d acqua vicini b) Si, sempre c) No, se si tratta di prodotti poco tossici 5) Dove si conserva il Registro dei trattamenti? a) Dal commercialista b) Dal rivenditore dei prodotti fitosanitari c) In azienda o presso il proprio domicilio fiscale 6) Entro quanto tempo è obbligatorio effettuare l annotazione dei trattamenti sul Registro? a) Entro 3 giorni b) Entro 15 giorni c) Entro un mese 7) Cos è una macchina agricola applicativa semovente? a) Una macchina dotata di motore proprio b) Una macchina trainata dalla trattrice c) Una macchina a spalla 8) Per chi è obbligatorio il Registro dei trattamenti? a) Per tutti i possessori del certificato di abilitazione b) Per tutti i conduttori di aziende che effettuano trattamenti fitosanitari c) Per le aziende che aderiscono al regime dell agricoltura integrata 9) Cos è obbligato a fare il contoterzista? a) Controfirmare il registro dei trattamenti b) Non ha alcun obbligo c) Apporre i cartelli di pericolo ai margini dell area trattata 10) Cosa fanno le irroratrici? a) Distribuiscono sostanze polverulenti b) Distribuiscono sostanze liquide c) Distribuiscono sostanze gassose al terreno 10

11 SEGUE ESERCITAZIONE N 5 11) Il livello del liquido all interno del serbatoio deve essere sempre visibile? a) Si, sempre b) Non è necessario c) E importante conoscerne preventivamente la quantità 12) Qual è uno dei controlli più importanti nella taratura? a) Determinare la velocità di avanzamento del binomio trattrice-irroratrice b) Controllare le eventuali perdite di olio dal circuito idraulico c) Controllare la pressione delle ruote 13) Il controllo meccanico funzionale è reso obbligatorio a partire da quale data? a) Non c è alcun obbligo b) Dal 26 novembre 2016 c) Si, sempre da 1 gennaio ) Che significa fase fenologica? a) Fase acuta dell azione di una batteriosi b) Fase di sviluppo delle piante c) Fase di infestazione di un insetto nocivo 15) Chi non è obbligato alla tenuta del registro dei trattamenti? a) Le aziende che aderiscono a regime biologico o integrato b) Le aziende che non utilizzano prodotti fitosanitari c) Le aziende monocolture 11

12 ESERCITAZIONE N 6 1)Se capita di essere bagnati dalla nube irrorante, quale precauzione occorre seguire? a) Cambiare gli indumenti protettivi b) Sospendere il lavoro, togliersi gli indumenti indossati e lavarsi accuratamente c) Spogliarsi ed asciugarsi con un panno pulito 2) Attraverso quali vie può avvenire una intossicazione acuta? a) Solamente per ingestione b) Solamente per contatto c) Per contatto, per ingestione ed attraverso l apparato respiratorio 3) Non rispettando le norme precauzionali a quale rischio si sottopone l operatore? a) Solo intossicazione acuta b) Intossicazione acuta, cronica ed allo sviluppo di malattie allergiche c) Solo intossicazione cronica ed allo sviluppo di malattie allergiche 4) All insorgere di un malessere che si ritiene collegato all impiego dei PF, come è opportuno comportarsi? a) Bere latte e distendersi per qualche ora b) Provocare il vomito e mettersi a riposo c) Rivolgersi al Pronto Soccorso mostrando le etichette dei prodotti utilizzati 5) Nel caso di intossicazione acuta da PF quali provvedimenti immediati occorre adottare? a) Lavare l intossicato con acqua e somministrare una bevanda calda b) Mettere a letto il soggetto e chiamare il medico curante c) Trasportare il soggetto lontano dalla fonte di contaminazione, spogliarlo e lavarlo con acqua, non somministrare alcuna bevanda e portarlo in ospedale, consegnando l etichetta del prodotto usato 6)Cosa si deve fare in caso il prodotto vada in contatto con gli occhi? a) Sciacquarli per minuti e recarsi al Pronto Soccorso b) Mettere un collirio c) Tenere gli occhi chiusi 7) Un PF molto tossico può provocare intossicazioni mortali per l uomo? a) No, solo intossicazioni croniche b) Si, può provocare intossicazioni acute anche mortali c) No, solo intossicazioni sub-acute 8)Che tipo di intossicazione si può avere utilizzando PF nocivi? a) Lieve b) Grave c) Trascurabile 9) Come si puliscono gli ugelli? a) Utilizzare un apposito attrezzo b) Sbattendolo energicamente su un corpo solido c) Soffiandoci dentro con più forza possibile 10) Qual è il rapporto compressioni- insufflazioni nel B.L.S.? a) 15 compressioni e 2 insufflazioni b) 30 compressioni e 2 insufflazioni c) 20 compressioni e 4 insufflazioni 12

13 SEGUE ESERCITAZIONE N 6 11) Cosa significa iperestensione del capo? a) Giragli il capo sul lato destro b) Sollevargli il mento e possibilmente porre uno spessore sotto il collo c) Effettuare un lieve trazione del capo 13) Cosa fare se si sospetta un trauma (caduta rovinosa dalla trattrice) in persona cosciente? a) Consultare immediatamente il 118, tranquillizzare l infortunato ed aspettare istruzioni in merito b) Accompagnare immediatamente l infortunato all ospedale con propri mezzi c) Vedere se l infortunato riesce a sorreggersi in piedi 13) Quale rischio può comportare l ingestione di alcolici durante un trattamento fitosanitario? a) Nessun rischio b) Interazione tossica con l alcool etilico c) Disturbi gastroenterici. 14)Una intossicazione acuta può provocare danni al sistema nervoso centrale? a) No b) Solo se si utilizzano prodotti fitosanitari Tossici c) Si 15) Che significa azione teratogena? a) Provoca alterazioni del patrimonio genetico dell individuo b) Determina la trasformazione delle cellule normali in cellule tumorali c) Altera le cellule del feto provocando anomalie nel nascituro 13

SETTORE AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA. ed utilizzo dei prodotti fitosanitari e loro coadiuvanti. E.Colella

SETTORE AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA. ed utilizzo dei prodotti fitosanitari e loro coadiuvanti. E.Colella PROVINCIA DI COSENZA SETTORE AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA Servizio Sviluppo della Produzione Agricolo Sostenibile Corso per l ottenimento dell abilitazione all acquisto ed utilizzo dei prodotti fitosanitari

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133)

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133) S C A M S.r.l. Pag. 1 di 5 SCHEDA DI SICUREZZA 1. Denominazione della sostanza/preparato e della Ditta (Registr. n. 11624 del 11/03/2003) MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA

Dettagli

ELENCO DELLE DOMANDE TIPO PER IL TEST DEGLI UTILIZZATORI FITOSANITARI

ELENCO DELLE DOMANDE TIPO PER IL TEST DEGLI UTILIZZATORI FITOSANITARI ELENCO DELLE DOMANDE TIPO PER IL TEST DEGLI UTILIZZATORI FITOSANITARI Nei seguenti quesiti, le risposte corrette sono quelle evidenziate in giallo MODULO 1 - I prodotti fitosanitari e i metodi di difesa

Dettagli

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R Le sigle R e S sempre presenti sulle etichette dei prodotti chimici utilizzati in laboratorio rappresentano rispettivamente una definizione dei rischi specifici connessi con l impiego della sostanza chimica

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ATTENZIONE: MANIPOLARE CON PRUDENZA

SCHEDA DI SICUREZZA ATTENZIONE: MANIPOLARE CON PRUDENZA Pag. 1 di 5... SCHEDA DI SICUREZZA 1. Denominazione della sostanza/preparato e della Ditta (Registr. n. 10113 del 27/07/1999) Ditta: 2. Composizione - Informazioni sui componenti Carattere chimico Contiene

Dettagli

Dipartimento Politiche Agricole e Forestali UFFICIO FITOSANITARIO

Dipartimento Politiche Agricole e Forestali UFFICIO FITOSANITARIO QUESTIONARIO PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME PREVISTO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI ABILITAZIONE ALL ACQUISTO E ALL UTILIZZO DEI PRODOTTI FITOSANITARI INDICE A. Definizione, autorizzazione e composizione

Dettagli

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS)

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Come si legge un etichetta L etichetta di un agrofarmaco deriva dalla valutazione di numerosi studi effettuati sul prodotto inerenti aspetti

Dettagli

ALLEGATO 4. ELENCO DOMANDE DI ESAME PER IL RILASCIO DEL Certificato di abilitazione all acquisto e all utilizzo dei prodotti fitosanitari

ALLEGATO 4. ELENCO DOMANDE DI ESAME PER IL RILASCIO DEL Certificato di abilitazione all acquisto e all utilizzo dei prodotti fitosanitari Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Organismo responsabile dell informazione: Veneto Agricoltura Autorità di gestione: Regione del Veneto Dipartimento Agricoltura

Dettagli

Sicurezza sul lavoro ( 626/94 D.lgs 81/2008) - Salvaguardia dell ambiente- Condizionalità E.Colella

Sicurezza sul lavoro ( 626/94 D.lgs 81/2008) - Salvaguardia dell ambiente- Condizionalità E.Colella PROVINCIA DI COSENZA SETTORE AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA Servizio Sviluppo della Produzione Agricola Sostenibile Corso per l ottenimento dell abilitazione all acquisto ed utilizzo dei prodotti fitosanitari

Dettagli

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSERVARE SOTTO CHIAVE - FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI - LONTANO DA LOCALI ABITAZIONE - LONTANO

Dettagli

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S )

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE Frasi di Rischio ( R ) e Consigli di Prudenza ( S ) ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S ) La Legge 29 Maggio 1974, N 0 256 obbliga tutti i fabbricanti di prodotti aventi determinate caratteristiche

Dettagli

QUESTIONARIO COMPLETO. 2. dei prodotti fitosanitari? a) 10 anni b) 5 anni c) 3 anni

QUESTIONARIO COMPLETO. 2. dei prodotti fitosanitari? a) 10 anni b) 5 anni c) 3 anni Il patentino 1. Chi può richiedere il patentino? tutti i lavoratori agricoli tutti i cittadini maggiorenni solo chi effettua i trattamenti antiparassitari 2. dei prodotti fitosanitari? 10 anni 5 anni 3

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un

Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un quadro per l azione comunitaria ai fini dell utilizzo sostenibile dei pesticidi. La direttiva assegna agli Stati Membri il compito di garantire

Dettagli

Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi. exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv

Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi. exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv D.Lvo 150/2012 art. 17 MANIPOLAZIONE E STOCCAGGIO Fatte salve le

Dettagli

SCHEDA TECNICA DEL FORMULATO DENOMINATO: TOTAL CE

SCHEDA TECNICA DEL FORMULATO DENOMINATO: TOTAL CE SCHEDA TECNICA DEL FORMULATO DENOMINATO: TOTAL CE 1 IDENTITA DEL PRODOTTO 1.1 Denominazione: Insetticida concentrato emulsionabile 1.2 Composizione su 100 g di prodotto/informazione sugli ingredienti:

Dettagli

Effetti sulla salute e responsabilità

Effetti sulla salute e responsabilità Effetti sulla salute e responsailità 8.1 Vie di intossicazione Un prodotto fitosanitario può penetrare all interno dell organismo umano e prov o c a re intossicazioni. Le modalità di intossicazione sono

Dettagli

Decisione generale concernente l omologazione di un prodotto fitosanitario in casi particolari

Decisione generale concernente l omologazione di un prodotto fitosanitario in casi particolari Decisione generale concernente l omologazione di un prodotto fitosanitario in casi particolari del 6 gennaio 2015 L Ufficio federale dell agricoltura, visto l articolo 40 dell ordinanza del 12 maggio 2010

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Ferro III Cloruro 6-idrato 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC

Dettagli

PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az.

PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az. PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az. USL 3 Pistoia ABSTRACT Ci sono novità per i prodotti fitosanitari, a decorrere

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

LIQUIDO ELETTROLITICO

LIQUIDO ELETTROLITICO 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA DITTA 1.1 Identificazione del preparato Nome del prodotto: 1.2 Usi previsti: liquido elettrolitico per marcatura/incisione su metalli 1.3 Identificazione della

Dettagli

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi Allegato I Parte A Obiettivi formativi Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012, si riportano di seguito i contenuti comuni degli specifici corsi

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO 1 IDENTIFICAZIONE PREPARATO E SOCIETA PRODUTTRICE 1.1 Denominazione commerciale : DILUENTE DELCO 1.2 Ditta produttrice : MGR ELECTRO SRL 1.3 Numero telefonico : 02/9660699

Dettagli

Scheda di Sicurezza REPLENISHER PER BAGNO PLACCATURA ACIDA A SPESSORE 24KT

Scheda di Sicurezza REPLENISHER PER BAGNO PLACCATURA ACIDA A SPESSORE 24KT Scheda di Sicurezza REPLENISHER PER BAGNO PLACCATURA ACIDA A SPESSORE 24KT 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: REPLENISHER BAGNO PLACCATURA ACIDA A SPESSORE

Dettagli

Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A. Askoll. L acquario facile

Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A. Askoll. L acquario facile Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A Askoll L acquario facile Test ph acqua dolce Askoll test ph acqua dolce 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA / PREPARATO E DELLA SOCIETÀ 1.1 Identificazione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 DATA DI REVISIONE: GENNAIO 2006

SCHEDA DI SICUREZZA DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 DATA DI REVISIONE: GENNAIO 2006 SCHEDA DI SICUREZZA UFO ULTRA FINE OIL DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Nome commerciale UFO - ULTRA FINE OIL Identificazione

Dettagli

SCHEDA TECINCA. BROMOTOP (esca fresca) 1.2 Composizione su 100 g di prodotto/informazione sugli ingredienti:

SCHEDA TECINCA. BROMOTOP (esca fresca) 1.2 Composizione su 100 g di prodotto/informazione sugli ingredienti: SCHEDA TECINCA BROMOTOP (esca fresca) 1 IDENTITA DEL PRODOTTO 1.1 Denominazione: Esca rodenticida pronto all uso. 1.2 Composizione su 100 g di prodotto/informazione sugli ingredienti: Bromadiolone: 0.005

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 1.00.02 del 31/05/2006 COD. OL.ES.11 Pag. 1 di 5

SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 1.00.02 del 31/05/2006 COD. OL.ES.11 Pag. 1 di 5 SCHEDA DI SICUREZZA COD. OL.ES.11 Pag. 1 di 5 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA' NOME COMMERCIALE: OLIO ESSENZIALE ARANCIO AMARO Codice commerciale: OL.ES.11 Tipo di prodotto ed impiego:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA CERE ALLA CITRONELLA SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA CERE ALLA CITRONELLA SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA CERE ALLA CITRONELLA SANDOKAN Data: aprile 2010 1. Identificazione del preparato e della Società/Impresa 1.1.1 Identificazione del preparato: Cere alla Citronella 1.1.2. Tipologia del

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 8 revisione del 20/10/2014 SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Nome commerciale: Granuli di noce. 1.2. Nome del prodotto: Granuli di gusci di noce. 1.3.

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. Identificazione del prodotto e della società Nome preparato: BIXAN MG Polvere insetticida microgranulare Società: EUROEQUIPE srl Via del Lavoro, 3-40056 Crespellano (BO) Telefono

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE. Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti

1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE. Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE Nome Kling-on Blue Descrizione Fornitore Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti Forum Products Ltd 41 51 Brighton Road Redhill

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 142833 Cafeina (R.F.E., USP, BP, Ph. Eur.) PRS-CODEX 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione secondo l allegato

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1/6 Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1 - Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Denominazione commerciale: ACIDE D,L-MALIQUE Impiego: Preparato per uso enologico

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA

SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA (In accordo alla direttiva 91/155/CE e s.m.i.) P016 Intonaco Cementizio Fibrorinforzato 1/8 1. Identificazione del preparato e del produttore 1.1 Identificazione

Dettagli

Insetticidi. Rodenticidi PMC Concimi Erbicidi Fungicidi Insetticidi PAB PPO

Insetticidi. Rodenticidi PMC Concimi Erbicidi Fungicidi Insetticidi PAB PPO Rodenticidi PMC Concimi Erbicidi Fungicidi PAB PPO Calypso Protector SE Confidor 200 SL Decis Energy Confidor Oil Decis Jet Oliocin Reldan 22 Lumachicida Mesurol M Plus Insetticida acaricida Spaikil Team

Dettagli

Scheda di sicurezza ANTISTATICO DATT SCHEDA DI SICUREZZA

Scheda di sicurezza ANTISTATICO DATT SCHEDA DI SICUREZZA SCHEDA DI SICUREZZA 1.0 IDENTIFICAZIONE PRODOTTO E SOCIETA' 1.1 Nome commerciale 1.2 Impieghi Ausiliario per l'industria tessile. 1.3 Produttore ed assistenza DATT CHIMICA SRL Via Clerici, 16 22070 Bulgarograsso

Dettagli

SCHEDA SICUREZZA MATERIALI

SCHEDA SICUREZZA MATERIALI SCHEDA SICUREZZA MATERIALI 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Nome preparato: FALGRO TABLET Utilizzo del preparato: Regolatore della crescita orticola per uso professionale

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Frasi H informazioni sui rischi

Frasi H informazioni sui rischi 2 Analisi chimica strumentale Frasi H informazioni sui rischi Pericoli fisici H200 Esplosivo instabile. H201 Esplosivo; pericolo di esplosione di massa. H202 Esplosivo; grave pericolo di proiezione. H203

Dettagli

Precauzioni per l ambiente

Precauzioni per l ambiente Precauzioni per l amiente DOMANDE &RISPOSTE 86 L impiego dei prodotti fitosanitari può causare danni all amiente? a no, se il prodotto non è molto tossico sì, possono contaminare il s u o l o, l aria,

Dettagli

DM-BS 230 DETERGENTE SGRASSANTE CONCENTRATO

DM-BS 230 DETERGENTE SGRASSANTE CONCENTRATO Pagina 1 di 5 DETERGENTE SGRASSANTE ALCALINO CONCENTRATO 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA NOME PRODOTTO: TIPO DI PRODOTTO ED IMPIEGO: NOME DEL DISTRIBUTORE: INDIRIZZO COMPLETO: DETERGENTE

Dettagli

Gli obblighi normativi in merito alla valutazione e gestione del rischio chimico. Ing. Davide Casaro Area Ambiente e Sicurezza 1 dicembre 2015

Gli obblighi normativi in merito alla valutazione e gestione del rischio chimico. Ing. Davide Casaro Area Ambiente e Sicurezza 1 dicembre 2015 Gli obblighi normativi in merito alla valutazione e gestione del rischio chimico Ing. Davide Casaro 1 dicembre 2015 GLI AGENTI CHIMICI Il d.lgs. n.81/08 individua quali agenti chimici da considerare tutti

Dettagli

Innu-Science NU-Flow

Innu-Science NU-Flow 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome commerciale Innu-Science NU-Flow 1.2. Pertinenti usi identificati della sostanza o miscela

Dettagli

Glossario dei termini usati nella difesa antiparassitaria

Glossario dei termini usati nella difesa antiparassitaria Glossario dei termini usati nella difesa antiparassitaria Acaricida impiegato per il controllo degli acari. Adesivante Coadiuvante che favorisce l adesione del prodotto fitosanitario sulle piante irrorate.

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

della Regione Toscana Parte Seconda n. 23 del 10.6.2015 Supplemento n. 89 mercoledì, 10 giugno 2015

della Regione Toscana Parte Seconda n. 23 del 10.6.2015 Supplemento n. 89 mercoledì, 10 giugno 2015 Anno XLVI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Seconda n. 23 del 10.6.2015 Supplemento n. 89 mercoledì, 10 giugno 2015 Firenze Bollettino Ufficiale: piazza dell'unità Italiana,

Dettagli

Scheda di sicurezza SALE RICRISTALLIZZATO INDUSTRIALE SENZA ANTIMPACCANTE

Scheda di sicurezza SALE RICRISTALLIZZATO INDUSTRIALE SENZA ANTIMPACCANTE Versione del 05.06.2009 Sostituisce la versione dell 01.04.2009 Pagina 1 di 5 Sezione 1: Identificazione del prodotto/della preparazione e del fornitore Descrizione del prodotto o della preparazione: Articolo:

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI MARIOTTI CALCESTRUZZI SRL

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI MARIOTTI CALCESTRUZZI SRL Pagina 1 di 9 1. INFORMAZIONI GENERALI: IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DEL PRODOTTO 1.1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO Conglomerato cementizio fresco, prima dell indurimento. In base alla diversa miscelazione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA VAPOR GARD DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 DATA DI REVISIONE: GENNAIO 2006

SCHEDA DI SICUREZZA VAPOR GARD DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 DATA DI REVISIONE: GENNAIO 2006 SCHEDA DI SICUREZZA VAPOR GARD DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Identificazione della sostanza/preparato Utilizzazione

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione secondo l allegato I: Trióxido de di-antimonio 1.2 Nome della societá

Dettagli

ALLEGATO 4. 02. La presenza di patine e muffe è tipica di malattie: a) batteriche b) fungine c) virali

ALLEGATO 4. 02. La presenza di patine e muffe è tipica di malattie: a) batteriche b) fungine c) virali Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Organismo responsabile dell informazione: Veneto Agricoltura Autorità di gestione: Regione del Veneto Dipartimento Agricoltura

Dettagli

FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE

FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE PRINCIPI DI FITOPATOLOGIA DEFINIZIONE MALATTIA: insorgenza nelle pianta di processi fisiologici anormali di tipo persistente o semipersistente che

Dettagli

La difesa del tappeto erboso alla luce del PAN. Massimo Mocioni

La difesa del tappeto erboso alla luce del PAN. Massimo Mocioni La difesa del tappeto erboso alla luce del PAN Massimo Mocioni QUADRO NORMATIVO EUROPEO REGOLAMENTO (CE) N. 1107/2009 del 21 ottobre 2009 relativo all immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari;

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA CLEM CANDEGGINA

SCHEDA DI SICUREZZA CLEM CANDEGGINA Pagina: 1/5 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO PRODUTTORE/FORNITORE CLEM DETERGENTI S.R.L. INDIRIZZO Via Corcioni, 7 Ottaviano (NA) TEL./FAX 081/8279995 E-mail clem.detergenti@virgilio.it CENTRI ANTIVELENO:

Dettagli

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE'

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' INTRODUZIONE Il termine sicurezza nella comune accezione indica una caratteristica di ciò che non presenta pericoli o ne è ben difeso. Sicurezza è una caratteristica anche delle

Dettagli

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nel PAN, nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012,

Dettagli

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE ISTITUTO DI ENTOMOLOGIA AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STU DI DI MILAN O I - 20133 MILANO Via G. Celoria, 2 Tel. 02/50316754 Fax 02/50316748 E-mail: luciano.suss@unimi.it http://users.unimi.it/~agra/entol.html

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1/5 Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1 - Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Denominazione commerciale: VIVACTIV PERFORMANCE Impiego: Preparato per uso enologico

Dettagli

VINILIKA D2 valida da: 01/2012. 1. Identificazione della sostanza, della preparazione e dell impresa

VINILIKA D2 valida da: 01/2012. 1. Identificazione della sostanza, della preparazione e dell impresa Scheda dei dati di sicurezza VINILIKA D2 valida da: 01/2012 1. Identificazione della sostanza, della preparazione e dell impresa Indicazioni sul prodotto: Nome commerciale: VINILIKA D2 (Colla vinilica

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA secondo direttiva 2001/58/CE RTV12C 01P-Bottle (0.800 Lbs-0.363 Kg)

SCHEDA DI SICUREZZA secondo direttiva 2001/58/CE RTV12C 01P-Bottle (0.800 Lbs-0.363 Kg) 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Informazioni sul prodotto Marchio : Società : GE Silicones 260 Hudson River Road 12188 Waterford Telefono : Telefax : +49 (0)214/3072397

Dettagli

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH)

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH) Data di revisione: 2012 03 28 Versione: 5.0 1. Identificazione del preparato e della società produttrice Prodotto otto: ISH Accessories (Buffers, Wash Buffers, Mounting Solutions) Codice prodotto to: AB-0001,

Dettagli

1 - I PRODOTTI FITOSANITARI ED I COADIUVANTI

1 - I PRODOTTI FITOSANITARI ED I COADIUVANTI 1 - I PRODOTTI FITOSANITARI ED I COADIUVANTI Fino ad oggi abbiamo comunemente utilizzato i termini presidi sanitari, fitofarmaci, antiparassitari e pesticidi, ora dovremo usare solo il termine di prodotti

Dettagli

141269 Rame II Ossido PRS 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

141269 Rame II Ossido PRS 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Rame II Ossido 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A.

Dettagli

Set domande per l'esame per il rilascio del certificato di autorizzazione all'acquisto e utilizzo di prodotti fitosanitari

Set domande per l'esame per il rilascio del certificato di autorizzazione all'acquisto e utilizzo di prodotti fitosanitari Allegato A Set domande per l'esame per il rilascio del certificato di autorizzazione all'acquisto e utilizzo di prodotti fitosanitari Unità 1 Nozioni legislative e amministrative 1) Che cosa sono i prodotti

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Scheda di sicurezza Revisione 1 CLEVEX s.r.l. In accordo con la Direttiva 2001/58/CE

Scheda di sicurezza Revisione 1 CLEVEX s.r.l. In accordo con la Direttiva 2001/58/CE Scheda di sicurezza Revisione 1 CLEVEX s.r.l. In accordo con la Direttiva 2001/58/CE 1. Identificazione del preparato e della Società Identificazione del preparato Nome del Prodotto: CLEVI LUB Identificazione

Dettagli

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI 5/5 6.9 Pulire l irroratrice al termine del trattamento 6.10 Smaltire le rimanenze e gli imballaggi dei PF File n. 15 di 15 della raccolta Materiale didattico

Dettagli

Mini guida sul significato dei

Mini guida sul significato dei Mini guida sul significato dei Vediamo spesso questi simboli sulle etichette dei prodotti per la pulizia, ma conosciamo davvero il loro significato? Con questa mini guida Samar ti aiuterà a scoprire il

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Ferro II Solfuro 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A.

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione secondo l allegato I: Sodio Clorato 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Edizione riveduta no : 6. Responsab. della distribuzione

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Edizione riveduta no : 6. Responsab. della distribuzione Pagina : 1 êc { C : Corrosivo 8 : Sostanza corrosiva. Pericolo M» Produttore Responsab. della distribuzione Avenue Albert Einstein, 15 Avenue Albert Einstein, 15 1348 Louvain-la-Neuve Belgium 1348 Louvain-la-Neuve

Dettagli

Informazioni di Sicurezza del materiale- foglio 1 Envirolyte ANK-Anolyte Neutro (91/155/EWG)

Informazioni di Sicurezza del materiale- foglio 1 Envirolyte ANK-Anolyte Neutro (91/155/EWG) Informazioni di Sicurezza del materiale- foglio 1 Envirolyte ANK-Anolyte Neutro (91/155/EWG) Sezione 1: Identificazione del Prodotto e Produttore Nome Commerciale: ANK-Anolyte Neutro Fabbricante/Fornitore:

Dettagli

1. Prodotto / preparazione e dati del produttore

1. Prodotto / preparazione e dati del produttore 1. Prodotto / preparazione e dati del produttore Identificazione del prodotto: Nome commerciale : Produttore : Isel - Automation Tel.: 0049-6672-898-0 Am Leibolzgraben 16 Fax.: 0049-6672-898-888 36132

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA Pagina 1 di 9 SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA NITRATO POTASSICO / MULTIGREEN NK 13.0.46 1. Identificazione del prodotto e dell azienda 1.1. Identificazione della sostanza / preparato: - Denominazione NITRATO

Dettagli

ABX MINOTROL CRP A91A00707CIT Revisione 08/09/2008

ABX MINOTROL CRP A91A00707CIT Revisione 08/09/2008 Scheda di sicurezza ABX MINOTROL CRP A91A00707CIT Revisione 1. Identificazione del prodotto e dell'azienda 1.1. Identificazione del prodotto Identificazione del prodotto: Denominazione del prodotto: 1.2.

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza

Scheda dei Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione secondo l allegato I: Acetonitrilo 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC

Dettagli

COFARM srl via matteotti 12-18038 sanremo - Italy phone:0184532703 - fax 0184575445 EMail:info@cofarm-srl.it - www.cofarm-srl.it

COFARM srl via matteotti 12-18038 sanremo - Italy phone:0184532703 - fax 0184575445 EMail:info@cofarm-srl.it - www.cofarm-srl.it SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1) IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA - DENOMINAZIONE DEL PRESIDIO EXYDINA 10 - SOCIETA PRODUTTRICE COFARM srl-via MATTEOTTI 12 SANREMO TEL.0184532703 2) COMPOSIZIONE

Dettagli

Allegato parte integrante MISURE PER L'IMPIEGO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI NELLE AREE FREQUENTATE DALLA POPOLAZIONE O DA GRUPPI VULNERABILI

Allegato parte integrante MISURE PER L'IMPIEGO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI NELLE AREE FREQUENTATE DALLA POPOLAZIONE O DA GRUPPI VULNERABILI Allegato parte integrante MISURE PER L'IMPIEGO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI NELLE AREE FREQUENTATE DALLA POPOLAZIONE O DA GRUPPI VULNERABILI Articolo 1 Principi e quadro normativo di riferimento

Dettagli

Fattori di rischio a scuola 2 a parte CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 2.1

Fattori di rischio a scuola 2 a parte CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 2.1 Fattori di rischio a scuola 2 a parte Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 2.1 Rischio nelle attività di pulizia I prodotti chimici Sono da considerare potenzialmente

Dettagli

Foglio dati di sicurezza, su 6-pagine (secondo 91/155/EWG) No. 8038 Data di elaborazione: 12/98 Ultima rielaborazione:

Foglio dati di sicurezza, su 6-pagine (secondo 91/155/EWG) No. 8038 Data di elaborazione: 12/98 Ultima rielaborazione: Eberhard-Finckh-Straße Nome Commerciale: S-U-DENTA-VLIES 39 D-89075 Ulm (Donau) Germany Foglio dati di sicurezza, su 6-pagine (secondo 91/155/EWG) No. 8038 Data di elaborazione: 12/98 Ultima rielaborazione:

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome del prodotto: SODIUM ACETATE Solution Nome del corredo: SOLiD(TM) FRAGMENT SEQUENCING BUFFER KIT

Dettagli

PEARL VIA F.LLI CERVI 75 50010 CAMPI B.ZIO (FI)

PEARL VIA F.LLI CERVI 75 50010 CAMPI B.ZIO (FI) 50010 CAMPI B.ZIO (FI) SCHEDA DI SICUREZZA White Pearl 10.01.2006 1. Identificazione del prodotto e Ragione Sociale Indicazione del prodotto: Nome commerciale: Codice Commerciale: Tipo di prodotto ed impiego:

Dettagli

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010 22 febbraio 2011 Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010 L Istat rende disponibili, per l annata agraria 2009-2010, i principali risultati dell indagine

Dettagli

Scheda di sicurezza FLEX

Scheda di sicurezza FLEX 1. Identificazione della Sostanza o del Preparato e del Produttore o/e Distributore Identificazione della sostanza o preparato Nome del prodotto FLEX Design Code A11928B Utilizzo Erbicida. Da impiegarsi

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 30% in metanolo PS 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Sodio Metilato soluzione 30% in metanolo 1.2 Nome

Dettagli

MODULO DIFESA Programma dettagliato (8 CFU)

MODULO DIFESA Programma dettagliato (8 CFU) MODULO DIFESA Programma dettagliato (8 CFU) Titolo: Prodotti fitosanitari utilizzabili in Agricoltura biologica Docente: Renato Capasso Finalità. L'uso dei prodotti fitosanitari di origine naturale si

Dettagli

FOSPHYCON 54. Contenuto Acido Ortofosforico 75 % p / p ( 53 BE ) Provoca gravi ustioni. I fumi fosforici sono tossici.

FOSPHYCON 54. Contenuto Acido Ortofosforico 75 % p / p ( 53 BE ) Provoca gravi ustioni. I fumi fosforici sono tossici. Corso Alba, 85/89 12043 - CANALE d Alba (CN) SCHEDA DATI DI SICUREZZA Tel. (0173) 95.433 Fax (0173) 979.464 nr. P/L/0030 FOSPHYCON 54 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA E DELLA SOCIETA Sostanza Nome Chimico

Dettagli

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Definizioni Danno: alterazione transitoria o permanente dell organismo umano o/e delle sue funzioni Danno biologico: infortunio o malattia

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA DEL PRODOTTO

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA DEL PRODOTTO SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA DEL PRODOTTO 1. Identificazione della sostanza/preparato e della impresa Nome del preparato: Uso del preparato: Fornitore: DAZIDE ENHANCE Regolatore orticolo della crescita

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE. Denominazione: Verde di Malachite Ossalato (C.I. 42000) Formula: C 52

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE. Denominazione: Verde di Malachite Ossalato (C.I. 42000) Formula: C 52 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione secondo l allegato I: Sales de Acido Oxálico 1.2 Nome della societá

Dettagli

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO DESCRIZIONE DEL PRODOTTO Il flussante Ecoflux ACQUA 4000 della serie no clean rappresenta un significativo sviluppo tecnologico dei flussanti organici, esso è idrosolubile ed è completamente costituito

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA NOME DEL PRODOTTO: PRODOTTONUMERO : 401750 PIPERIDINE FORNITORE: APPLIED BIOSYSTEMS 7 KINGSLAND

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA RAME OSSIDO ROSSO M-0701 Pag. 1/5

SCHEDA DI SICUREZZA RAME OSSIDO ROSSO M-0701 Pag. 1/5 RAME OSSIDO ROSSO M-0701 Pag. 1/5 1 Nome e/o marchio Azienda produttrice data compilazione :16.02.1998 SOSTANZA Data di revisione : 09.02.1998 Utilizzazione: RAME OSSIDO! mat.prima! solvente ROSSO! prod.intermedio!

Dettagli

Gruppo di lavoro Controllo funzionale Macchine irroratrici

Gruppo di lavoro Controllo funzionale Macchine irroratrici NORMATIVA COMUNITARIA CHE REGOLAMENTA L UTILIZZO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI E DEI MEZZI DI DISTRIBUZIONE Gruppo di lavoro Controllo funzionale Macchine irroratrici LE NUOVE DIRETTIVE EUROPEE

Dettagli