Licenze firmware CAMILLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Licenze firmware CAMILLO"

Transcript

1 Comm.SEC di Valter Foresto Cell Sede Operativa: Strada della Pronda 66/8bis Torino Sede Legale: Via Francesco Millio Torino Tel Partita IVA: Codice Fiscale: FRSVTR54A11C665T REA: Licenze firmware CAMILLO Revisione Valter Foresto Soluzioni e Prodotti Configurabili per Sistemi di Automazione, Monitoraggio e Controllo Distribuito Con le licenze firmware CAMILLO le risorse hardware della piattaforma ospite (come ad esempio CHAMELEON di EurogiDevices) vengono esposte sulle porte di comunicazione wired come Ethernet / RS485 / USB-Seriale e sulle porte di comunicazione wireless come Z-Wave / ZigBee / WiFi e Bluetooth. L'uso del Protocollo InterLINK per accedere e gestire le risorse hardware della piattaforma ospite rende i prodotti hardware con le licenze firmware CAMILLO estremamente attraenti per rapporto prestazioni/prezzo ed applicabili facilmente nella realizzazione di applicazioni per Sistemi di Misura, Automazione e Controllo Distribuito sia locale che remoto. Le applicazioni possono essere sviluppate tramite SCADA 'Supervisory Control And Data Acquisition' o con qualsiasi linguaggio di programmazione che supporti lo scambio di stringhe ASCII tramite linee Seriali ed Ethernet-Internet TCP/IP che vedono il prodotti con firmware CAMILLO installato come risorse distribuite in rete accessibili e controllabili esternamente dal software applicativo sviluppato ad-hoc dal Cliente stesso o da Comm.SEC su specifica del Cliente. Parallelamente al Protocollo InterLINK, sempre presente su tutte le licenze CAMILLO per permetterne una semplice configurabilità ed utilizzo dell'hardware della piattaforma ospite, le licenze CAMILLO ROSSO e CAMILLO GIALLO integrano anche il Protocollo ModbusTCP Server sulla porta di comunicazione Ethernet e ModbusRTU sulla porta di comunicazione RS485 sia in versione Server (CAMILLO ROSSO) che Client (CAMILLO GIALLO). Il firmware CAMILLO GIALLO realizza inoltre un Gateway sia InterLINK che ModbusTCP verso ModbusRTU. Le caratteristiche principali delle Licenze Firmware CAMILLO sono : Licenze Firmware "CAMILLO" VERDE ROSSO GIALLO Indirizzo IP / DHCP Client X X X Indirizzo InterLINK Server X X X InterLINK Server via USB-Seriale X X X InterLINK Server via HTTP X X X InterLINK Server via RS485 X InterLINK / ModbusRTU Gateway - - X Indirizzo ModbusTCP Server - X X Indirizzo ModbusRTU Server - X - Indirizzo ModbusRTU Client - - X ModbusTCP Server via Ethernet - X X ModbusRTU Server via RS485 - X - ModbusRTU Client su RS X ModbusTCP / ModbusRTU Gateway - - X Sincronizzazione RTC via Internet NTP X X X Acquisizione Automatica STATO X X X Trasmissione STATO via SYSLOG/Multicast X X X Rilevazione Automatica EVENTI X X X Trasmissione EVENTI via SYSLOG/Multicast X X X 1 / 17

2 Caratteristiche del Protocollo InterLINK Semplice e veloce da comprendere Semplice ed immediato da usare Utilizzabile manualmente o programmaticamente tramite applicazioni ad-hoc Basato sul set di caratteri ASCII raccolti in pacchetti trasmessi velocemente ed in unica soluzione I comandi sono stringhe ASCII raccolte in pacchetti che vengono trasmessi con il metodo dell'invio da riga di comando con editing di riga Le risposte sono stringhe ASCII raccolte in pacchetti e vengono ricevute con il metodo del display della riga di risposta Utilizzabile manualmente via Terminale Seriale RS-232 o RS-485 o USB-Seriale Utilizzabile manualmente su Ethernet / Internet via Web-Browser HTTP ed opzionalmente via Terminali TELNET Utilizzabile tramite qualsiasi applicazione scritta in un linguaggio di programmazione che supporti linee Seriali e/o Ethernet / Internet con protocollo TCP/IP Protocollo con feedback degli errori formali molto robusto soprattutto quando usato su Ethernet / Internet con protocollo TCP/IP Tutti i canali di comunicazione previsti dalla licenza firmware possono funzionare contemporaneamente Le singole transazioni comando / risposta sui singoli canali di comunicazione sono protette temporalmente e sono eseguite dall' inizio alla fine con il criterio first-in / firstout in fase di acquisizione / esecuzione Pacchetti con 'errori di comunicazione' o 'malformati' che non rispettano il Protocollo InterLINK vengono 'scartati in modo silente', mentre i pacchetti ben formati ottengono sempre una risposta dal Protocollo Applicativo di InterLINK con la segnalazione puntuale degli eventuali errori rilevati Tutti le licenze firmware Comm.SEC della Linea di firmware configurabili CAMILLO utilizzano il paradigma, il protocollo di comunicazione ed il protocollo applicativo InterLINK 2 / 17

3 Risorse Hardware e Registri InterLINK e Modbus Le RISORSE di qualunque piattaforma hardware sono rappresentate dal firmware CAMILLO che implementa InterLINK e Modbus da aree di memoria, lineari e limitate, a cui si accede tramite Comandi di Lettura e Scrittura. Le aree di memoria associate alle RISORSE (persistenti per EEPROM/FRAM o volatili per RAM) contengono i dati scambiati sempre e comunque in unità da 16 bits dette REGISTRI nel formato big-endian (cioè byte più significativo per primo seguito dal byte meno significativo) indipendentemente dall' architettura del processore utilizzato dalla piattaforma hardware ospite. Le diverse RISORSE sono raggruppate in sezioni diverse identificate ed accessibili mediante i seguenti criteri: 'I'nputs Read-Only INPUTS hardware dependent registers variables 'C'onfigurations Read-Only EEPROM/FRAM persistent parameters 'P'arameters Read-Write EEPROM/FRAM persistent parameters 'S'tored settings Read-Write EEPROM/FRAM persistent settings 'V'olatile settings Read-Write RAM volatile settings (copyed from 'S'tored settings at Power On Reset) 'E'rrors up-counters Read-Write RAM volatile up-counter registers 'L'CD Display image Read-Write RAM image for the Liquid Cristal Display 'T'ime RTC image Read-Write RAM image for the Real Time Clock 'H'oldings Read-Write RAM volatile registers variables and outputs 'M'odbus resources Read-Write Modbus registers / variables Tutte le RISORSE possono essere sempre LETTE 'R'ead mentre possono essere SCRITTE 'W'rite quelle che non siano di tipo 'I'nputs o 'C'onfigurations che sono invece 'solo leggibili' Tabella delle Risorse Hardware e dei Registri InterLINK e Modbus per piattaforma hardware CHAMELEON di EurogiDevices Tipo RISORSA Indirizzo Modbus Numero di registri Comando InterLINK (Decimale) (16 bits, big-endian) RW Formato: _cc,ii,oo,ll[,dd,dd, ]_ Ingressi Hardware X- "_ri,0,0,11_" Uscite (Holdings RAM) XX "_rh,0,2,4_" "wh,0,3,1,255_" "_wh,0,0,4,xff,255,x80,128_" Configurazione EEPROM X- "_rc,0,0,16_" Parametri EEPROM XX "_rp,0,0,16_" "_rp,0,17,13_" "_wp,0,0,1,1234_" Impostazioni EEPROM XX "_rs,0,0,16_" "_ws,0,0,4,1234,x56ab,sci,sao_" Impostazioni RAM XX "_rv,0,0,16_" "_wv,0,0,3,x800,1,x23_" Contatori Errore RAM XX "_re,0,0,16_" "_re,0,17,16_" "_we,0,15,4,0,0,0_" Display (copia RAM) XX "_rl,0,0,16_" "_wl,0,16,3,sic,soa,x2020_" Orologio (copia RAM) XX "_rt,0,0,16_" "_rt,0,17,16_" "_wt,0,0,3,x0230,x0116,x0522_" 3 / 17

4 Esempio di Power On Reset visto dalla Console su piattaforma CHAMELEON 1 La Console è accessibile dalla porta USB-Seriale alla velocità di bps N81 tamite Terminale (es: PuTTY ). Nell' ordine vengono riportati: Licenza Firmware installata Piattaforma hardware su cui è installata la licenza CAMILLO La revisione Firmware nel formato anno-mese-giorno L' indirizzo a 16 bits della porta InterLINK usata dal firmware CAMILLO Gli indirizzi Modbus RTU e TCP (porta 502) usati da firmware CAMILLO (presenti solo nelle versioni ROSSO e GIALLO, essendo il VERDE esclusivamente basato su InterLINK) L' indirizzo IP della porta Ethernet ( è il default) L' indirizzo IP del Server Syslog sulla porta 514 a cui il firmware CAMILLO invia STATI ed EVENTI in modalità automatica quando impostato per farlo tramite la bitmask relativa via InterLINK o Modbus. In questo caso sono abilitati entrambi, lo stato <STS> è alla Console ed al Server Syslog di default ogni 20 secondi, mentri gli eventi <EVT> sono inviati ogni qualvolta viene rilevato un cambiamento di stato sugli ingressi digitali od analogici, preceduti dal carattere '#' per evidenziarli nella stringa XML trasmessa La port 80 HTTP è sempre abilitata per inviare e ricevere pacchetti InterLINK tramite webservices Se la licenza CAMILLO prevede ModbusTCP viene indicato se il comportamento è Server o Server / Gateway Viene specificato l' uso fatto dalla licenza per la porta RS485 Viene letto l' RTC, quando presente, che tipicamente è impostato per lavorare in formato UTC, se abilitata, come di default, la funzione di sincronizzazione dell' RTC questo viene eseguito connettendosi con il Server di Tempo NTP in Internet configurato dopo 6 secondi dal Power On Reset e ripetuto di default ogni 12 ore *** InterLINK 'CAMILLO GIALLO' *** * Platform: CHAMELEON * Firmware: * USB-Serial: Console and InterLINK Server * InterLINK ID: 0 Addr: 1, ModbusTCP Addr: 247 * Camillo IP: * Syslog Server IP: * HTTP: InterLINK Server * ModbusTCP: Server / ModbusRTU Gateway * RS485: ModbusRTU Client used by InterLINK and ModbusTCP Gateway [9600 N 8 1] * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 15:09:55 [ ] * <EVT> i[0] t[ 0] ao[ ] di[#1 #1 #1 #1] ai[#0105 #0979 #0980 #0980 #0980 #0980 #0981 ] </EVT> * NTP Server reference time request * NTP Server response is * NTP Time (seconds since Jan ): * UNIX Time (seconds since Jan ): * UTC Time: 13:10:52 * <STS> i[0] t[ 20] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 13:11:04 [ ] * <EVT> i[0] t[ 32] ao[ ] di[# ] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 35] ao[ ] di[ 0 #0 1 1] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 37] ao[ ] di[ 0 #1 1 1] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 38] ao[ ] di[ 0 #0 1 1] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 39] ao[ ] di[#1 #1 1 1] ai[ ] </EVT> * <STS> i[0] t[ 40] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 13:11:24 [ ] * <EVT> i[0] t[ 51] ao[ ] di[ ] ai[# ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 56] ao[ ] di[ ] ai[# ] </EVT> 4 / 17

5 Esempi di Comandi InterLINK I commenti sono riportati in rosso nel log seguente CAMILLO riporta sempre sulla Console l' origine del canale di comunicazione con cui stà eseguendo l' attuale transazione _RI,0,0,11 RI,0,0,11,x0001,x0001,x0001,x0001,x03C7,x03D4,x03D4,x03D4,x03D5,x03D4,x03D5_ Read Inputs, i primi quattro registri rappresentano i 4 tasti di un CHAMELEON 1, i successivi 7 gli ingressi analogici a 10 bits (010Vdc) _WI,0,0,1,1-2_ Gli Inputs non possono essere scritti! Errore con causa 2 (dalla tabella Errori InterLINK COMMAND_UNKNOWN_ERROR) _RC,0,0,16 RC,0,0,16,xA5A5,x001F,x97FF,x0000,x0000,x0001,x0000,x0001,x436F,x6D6D,x2E53,x4543,x2D54,x6F72,x696E,x6F20_ I valori di Configurazione possono essere letti, per il loro significato vedere la descrizione dei Registri di Configurazione _WC,0,0,1,0-2_ I valori di Configurazione non possono essere scritti! Errore con causa 2 (dalla tabella Errori InterLINK COMMAND_UNKNOWN_ERROR) _RP,0,0,16 RP,0,0,16,x0000,x01F7,xC0A8,x0AC8,xFFFF,xFF00,xC0A8,x0A01,xC0A8,x0AFE,xC0A8,x0AFF,xC1CC,x72E8,x0000,x0000_ I valori dei Parametri operativi possono essere essere letti, per il loro significato vedere la descrizione dei Registri dei Parametri _RP,0,17,12 RP,0,17,12,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0808,x0808,x0000,x0000,x0050,x01F6,x0202_ InterLINK non legge/scrive più di 16 registri per volta per mantenere ridotti i buffer RAM con cui vengono scambiati dati con il mondo esterno, così, come in questo caso, essendo 29 i Registri dei Parametri sono stati letti i primi sedici seguiti poi dai rimanenti 13 _WP,0,0,1,X1234 WP,0,0,1,X1234_ I Parametri operativi possono essere variati, qui ad esempio di stà variando l' indirizzo InterLINK che verrà utilizzato, come avviene anche per tutti gli altri parametri come ad esempio l' indirizzo IP, SOLO al successivo Power On Reset così con il comando seguente leggiamo e riportiamo al default il registro precedentemente modificato _RP,0,0,1 RP,0,0,1,x1234 WP,0,0,1,0 WP,0,0,1,0 RS,0,0,16 RS,0,0,16,x0000,x0014,x0005,xA8C0,xFFFF,xFFFF,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000_ I Setting sono registri operativi in EEPROM che vengono copiati nei registri RAM Volatiles al successivo Power On Reset _WS,0,0,1,3 WS,0,0,1,3_ Quì stiamo impostando la trasmissione automatica di STATO ed EVENTI _WV,0,0,1,X8000 WV,0,0,1,X8000_ che rendiamo operativi immediatamente richiedendo un Power On Reset programmatico scrivendo la maschera REMOTE_SOFT_RESET nel registro RAM Volatiles 0 detto 'utilityfunctionsmasks' e descritto nel seguito viene eseguito il Power On Reset indotto dalla presenza della maschera REMOTE_SOFT_RESET nel registro Volatile 'utilityfunctionsmasks' *** InterLINK 'CAMILLO GIALLO' *** * Platform: CHAMELEON * Firmware: * USB-Serial: Console and InterLINK Server * InterLINK ID: 0 Addr: 1, ModbusTCP Addr: 247 * Camillo IP: * Syslog Server IP: / 17

6 * HTTP: InterLINK Server * ModbusTCP: Server / ModbusRTU Gateway * RS485: ModbusRTU Client used by InterLINK and ModbusTCP Gateway [9600 N 8 1] * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 13:29:41 [ ] * <EVT> i[0] t[ 0] ao[ ] di[#1 #1 #1 #1] ai[#0967 #0980 #0980 #0980 #0980 #0980 #0981 ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 8] ao[ ] di[# ] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 9] ao[ ] di[# ] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 15] ao[ ] di[ ] ai[# ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 16] ao[ ] di[ ] ai[# ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 17] ao[ ] di[ ] ai[# ] </EVT> * <STS> i[0] t[ 20] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * <STS> i[0] t[ 40] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> la maschera REMOTE_SOFT_RESET nel registro Volatile 'utilityfunctionsmasks' è stata riportata a 0 dal Power On Reset e come si visto si sono attivate le funzionalità richieste. Ora per comodità le fermiamo _WV,0,0,1,0 WV,0,0,1,0_ e leggiamo i valori dei registri Variables (vedi valori dei registri Settings e Variables nel seguito) _RV,0,0,16 RV,0,0,16,x0000,x0014,x0005,xA8C0,xFFFF,xFFFF,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000_ Leggiamo ora i registri che conteggiano gli Errors di sistema invrementando il loro valore (vedi tabella Errori di sistema più avanti) _RE,0,0,16 RE,0,0,16,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000_ scriviamo e poi rileggiamo il registro 2 (HTTP_OVERRUN_ERROR) _WE,0,2,1,X1234 WE,0,2,1,X1234 RE,0,0,4 RE,0,0,4,x0000,x0000,x1234,x0000_ Leggiamo l' intero contenuto dell' LCD di CHAMELEON 1 (il valore nei registri relativi ai caratteri ASCII attualmente visualizzati dall' LCD sono in formato Little-Endian a causa dell'architettura del processore ospite sul quale InterLINK scrive e legge in formato Big-Endian) _RL,0,0,16 RL,0,0,16,x6920,x694C,x6B6E,x2020,x4143,x494D,x4C4C,x204F,x4720,x6169,x6C6C,x206F,x3032,x3331,x3530,x3332_ Leggiamo qui invece i primi 32 bytes (16 registri) dei 64 bytes (32 registri) dell' RTC di CHAMELEON 1 _RT,0,0,16 RT,0,0,16,x3123,x0013,x0523,x0013,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000_ dovrebbe, rileggendo i 16 registri, risultare evidente in quale byte l' RTC rappresenta i secondi _RT,0,0,6 RT,0,0,6,x3140,x0013,x0523,x0013,x0000,x0000_ Essendo un CAMILLO GIALLO quello usato in questo momento, sono disponibili le funzioni di Gateway InterLINK / ModbusRTU che sono qui usate per connettersi ad un DAT3011 di DATEXEL per leggerne i primi 16 registri _RM,1,0,16_ * Tx RS485: * Rx RS485: A A 04 _RM,1,0,16,x0065,x0900,x0000,x3033,x3131,x0007,x0001,x0064,x0202,x0700,x0400,x0003,x000A,x0000,x0000,x0000_ attuare l' uscita 1 nel byte alto del registro 9 _WM,1,8,2,0,X200_ * Tx RS485: F3 69 * Rx RS485: C0 0A _WM,1,8,2,0,X200_ e rileggendo lo stato dei 16 registri per verificarne l' esecuzione _RM,1,0,16_ * Tx RS485: * Rx RS485: A D 00 _RM,1,0,16,x0065,x0900,x0000,x3033,x3131,x0007,x0001,x0064,x0200,x0200,x0400,x0003,x000A,x0000,x0000,x0000_ 6 / 17

7 HTTP Web-Services I comandi InterLINK sono stati dati negli esempi precedenti da Console, ma si può utilizzare un qualsiasi browser web invece della Console per comandare un Server InterLINK remoto via HTTP web-services: Il comando viene scritto nell' URL (nell'immagine di esempio ) ed inviato premento il tasto Return o F5, si ottiene una pagina web dal Server InterLINK con la risposta al comando inviato. Esempi di Comandi Modbus Per questa dimostrazione viene utilizzato come Client ModbusTCP e ModbusRTU il software ComTestPro di BaseBlock Software (http://www.baseblock.com/). Gli indirizzi ModbusTCP e ModbusRTU sono contenuti nel registro 1 dei Parametri EEPROM che ha come default il valore esadecimale 0x01F7, in particolare il byte più significativo (default 1) è l' indirizzo ModbusRTU mentre il meno significativo (default 247 decimale pari a 0xF7 esadecimale) è l' indirizzo ModbusTCP. Il valore 1 e 247 sono i limiti di indirizzamento del protocollo Modbus ed il firmware CAMILLO usa nella gestione lato InterLINK il concetto che qualunque indirizzo nel range è sempre considerato un indirizzo Modbus, mentre tutti gli altri (0, 248,, 65535) possono essere indirizzi InterLINK contenuto nel registro 0 dei Parametri EEPROM che ha come default il valore 0 come indirizzo InterLINK. Questo concetto è utilizzato dal firmware CAMILLO GIALLO per effettuare il Gateway da InterLINK lato Ethernet a ModbusRTU sul bus RS485. La documentazione Modbus di riferimento, sia a livello applicativo che a livello di struttura dei pacchetti TCP che Seriale RS485 che vedremo negli esempi seguenti, è reperibile sul sito ufficiale come Modbus Specifications and Implementation Guides che rappresentano le uniche specifiche ufficiali e pubbliche del protocollo Modbus. L' obbiettivo di InterLINK nei confronti di Modbus è quello di RENDERE TRASPARENTE ALL' UTILIZZATORE LE DIFFICOLTA' DI MODBUS come nel prodotto firmware CAMILLO GIALLO, essendo però Modbus uno standard industriale molto affermato le versioni CAMILLO ROSSO e CAMILLO GIALLO espongono oltre a InterLINK tutte le funzionalità Modbus di Client, Server e Gateway come descritto nella tabella, presentata in precedenza, che ne sintetizza le funzionalità nei confronti di ModbusTCP 7 / 17

8 e ModbusRTU. Questa prima serie di esempi usa CAMILLO ROSSO che espone un Server Modbus sia sulla porta 502 TCP che sulla porta RTU su bus RS485. Vengono presentati i comandi Modbus su entrambe le porte di comunicazione TCP e RTU/RS485, per questo la presentazione è un po' lunga ma non particolarmente complessa, i commenti sono al solito in rosso. Power On Reset di un CAMILLO ROSSO *** InterLINK 'CAMILLO ROSSO' *** * Platform: CHAMELEON * Firmware: * USB-Serial: Console and InterLINK Server * InterLINK ID: 0 Addr: 1, ModbusTCP Addr: 247 * Camillo IP: * Syslog Server IP: * HTTP: InterLINK Server * ModbusTCP: Server * RS485: ModbusRTU Server [9600 N 8 1] * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 18:22:25 [ ] * <EVT> i[0] t[ 0] ao[ ] di[#1 #1 #1 #1] ai[#0978 #0978 #1015 #1015 #0979 #0977 #0978 ] </EVT> * NTP Server reference time request * NTP Server response is * NTP Time (seconds since Jan ): * UNIX Time (seconds since Jan ): * UTC Time: 16:38:26 * <STS> i[0] t[ 20] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> Togliamo l' invio automatico di STATO es EVENTI usando la Console (disattiviamo tutte le funzioni azzerando il registro 0 Volatiles) _WV,0,0,1,0 WV,0,0,1,0_ Nel pacchetto TCP trascuriamo i primi 5 bytes (vedi documenti ufficiali Modbus consigliati in precedenza), il sesto (0x06) è la lunghezza PDU comando che riporta: 0xF7 indirizzo ModbusTCP di destinazione 0x03 funzione di Read Multiple Registers 0x0000 indirizzo registro Modbus iniziale 0x000B lunghezza / numero di registri da leggere, 11 in questo caso non c'è controllo CRC in quanto realizzato a livello IP tramite CRC-32 * Rx ModbusTCP: F B * Tx ModbusTCP: F D2 03 D2 03 F7 03 F7 03 D3 03 D1 03 D2 La risposta riporta 0x19 (25 decimale) bytes di PDU nella risposta: 0xF7 indirizzo ModbusTCP 0x03 funzione di Read Multiple Registers, senza errori 0x16 (22 bytes) lunghezza degli 11 valori dei registri letti 22 bytes contenenti gli 11 registri rappresentati in forma Big-Endian Lettura dei 16 registri Configurations (indirizzo Modbus iniziale 100 decimale, come da Tabella delle Risorse Modbus vista in precedenza) * Rx ModbusTCP: F * Tx ModbusTCP: F A5 A5 00 1F 97 FF F 6D 6D 2E D 54 6F E 6F 20 Lettura dei primi 16 registri Parameters (indirizzo Modbus iniziale 200 decimale, come da Tabella delle Risorse Modbus vista in precedenza) * Rx ModbusTCP: F C * Tx ModbusTCP: F F7 C0 A8 0A C8 FF FF FF 00 C0 A8 0A 01 C0 A8 0A FE C0 A8 0A FF C1 CC 72 E Lettura della seconda parte di registro Settings (indirizzo Modbus iniziale 317 decimale, con lunghezza 12) * Rx ModbusTCP: F D9 00 0C * Tx ModbusTCP: B F F Lettura dei 16 registri Settings (indirizzo Modbus iniziale 300 decimale, come da Tabella delle Risorse Modbus vista in precedenza) * Rx ModbusTCP: F C * Tx ModbusTCP: B F A8 C0 FF FF FF FF Scrittura del registro 0 Volatiles (indirizzo Modbus iniziale 400 decimale, con valore 0x0007 per l'attivazione 8 / 17

9 delle funzioni automatiche di reports STATO, EVENTI e TEMPO UTC) * Rx ModbusTCP: F * Tx ModbusTCP: F * <STS> i[0] t[220] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 16:42:08 [ ] * <EVT> i[0] t[233] ao[ ] di[ #0] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[236] ao[ ] di[ #1] ai[ ] </EVT> * <STS> i[0] t[240] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 16:42:28 [ ] Riscrittura del registro 0 Volatiles per disabilitare le funzioni automatiche di reports STATO, EVENTI e TEMPO UTC attivate dal comando precedente * Rx ModbusTCP: F * Tx ModbusTCP: F Lettura dei primi 16 registri Errors * Rx ModbusTCP: F F * Tx ModbusTCP: F Scrittura dei primi due registri Errors con i valori 0x4142 e 0x4243 * Rx ModbusTCP: B F F * Tx ModbusTCP: F F Rilettura dei primi 16 registri Errors per verifica * Rx ModbusTCP: F F * Tx ModbusTCP: F Scrittura dei primi 4 caratteri (2 registri) LCD all' indirizzo Modbus iniziale 600 * Rx ModbusTCP: B F * Tx ModbusTCP: F Rilettura dei 16 registri LDC * Rx ModbusTCP: F * Tx ModbusTCP: F B 6E D 4C 4C 20 4F F 6F Lettura dei 16 registri LCD * Rx ModbusTCP: F BC * Tx ModbusTCP: F E9 D4 D6 5E FE DC 65 E5 49 3C 14 6A 7E B 59 3B DC Rilettura dei primi 16 registri RTC * Rx ModbusTCP: F BC * Tx ModbusTCP: F E9 D4 D6 5E FE DC 65 E5 49 3C 14 6A 7E B 59 3B DC Rilettura dei primi 16 registri RTC, notare che sono trascorsi 2 secondi dal precedente comando (byte in verde) * Rx ModbusTCP: F BC * Tx ModbusTCP: F E9 D4 D6 5E FE DC 65 E5 49 3C 14 6A 7E B 59 3B DC Lettura dei 6 registri Holdings * Rx ModbusTCP: F * Tx ModbusTCP: F F7 03 0C Scrittura dei registri Holdings 0 con valore 0x00FF ed 1 con valore 0x0000 (le uscite PWM sono valori ad 8 bits che vanno così da 0x0000 a 0x00FF) * Rx ModbusTCP: B F FF * Tx ModbusTCP: F Rilettura dei 6 registri Holdings per veriica * Rx ModbusTCP: F * Tx ModbusTCP: F F7 03 0C 00 FF #### da questo punto in poi vengono ripetuti in senso inverso i comandi sul lato ModbusRTU #### si provi a descrivere autonomamente le azioni svolte partendo dalle informazioni acquisite nelle descrizioni precedenti delle azioni eseguite lato ModbusTCP * Rx RS485: C4 46 * Tx RS485: C 00 FF A / 17

10 * Rx RS485: FF A5 07 * Tx RS485: * Rx RS485: C4 46 * Tx RS485: C FF D6 84 * Rx RS485: BC * Tx RS485: C E9 D4 D * Rx RS485: BC * Tx RS485: C E9 D4 D6 8D 20 * Rx RS485: A3 * Tx RS485: C B 6E D EB 6F * Rx RS485: C 17 * Tx RS485: C1 2B * Rx RS485: A3 * Tx RS485: C B 6E D * Rx RS485: F C6 * Tx RS485: C B7 D8 * Rx RS485: F F0 88 * Tx RS485: F A * Rx RS485: F C6 * Tx RS485: C * Rx RS485: C4 19 * Tx RS485: C A8 C0 FF FF FF FF 21 1D * Rx RS485: EA 02 * Tx RS485: C * <STS> i[0] t[700] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 16:50:30 [ ] * <EVT> i[0] t[709] ao[ ] di[ #0] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[710] ao[ ] di[ #1] ai[ ] </EVT> * Rx RS485: AB C0 * Tx RS485: C * Rx RS485: C B1 3C * Tx RS485: C C1 B8 * Rx RS485: C FD * Tx RS485: C A8 C0 FF FF FF FF 21 1D * Rx RS485: C BB 6F * Tx RS485: C F _RI,0,0,11 RI,0,0,11,x0001,x0001,x0001,x0001,x03D2,x03D2,x03F7,x03F7,x03D3,x03D1,x03D2_ 10 / 17

11 * Rx RS485: C B6 18 * Tx RS485: C F * Rx RS485: C * Tx RS485: C F7 C0 A8 0A C8 FF FF FF B5 * Rx RS485: * Tx RS485: C A5 A5 00 1F 97 FF * Rx RS485: AE 74 * Tx RS485: D C0 * Rx RS485: C5 C8 * Tx RS485: C D2 03 D2 97 CC * Rx RS485: A6 50 * Tx RS485: D C0 * Rx RS485: A9 00 * Tx RS485: C * Rx RS485: A 00 * Tx RS485: C *** InterLINK 'CAMILLO ROSSO' *** * Platform: CHAMELEON * Firmware: * USB-Serial: Console and InterLINK Server * Set EEPROM Configurations and Parameters default * InterLINK ID: 0 Addr: 1, ModbusTCP Addr: 247 * Camillo IP: * Syslog Server IP: * HTTP: InterLINK Server * ModbusTCP: Server * RS485: ModbusRTU Server [9600 N 8 1] * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 18:37:39 [ ] * <EVT> i[0] t[ 0] ao[ ] di[#1 #1 #1 #1] ai[#0978 #0978 #1015 #1015 #0979 #0977 #0978 ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 13] ao[ ] di[ #0] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 15] ao[ ] di[ #1] ai[ ] </EVT> * <STS> i[0] t[ 20] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 18:37:59 [ ] * <STS> i[0] t[ 40] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 18:38:20 [ ] * <STS> i[0] t[ 60] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 18:38:40 [ ] 11 / 17

12 Questa seconda serie di esempi usa invece CAMILLO GIALLO che espone un Server ModbusTCP sulla porta 502 e che fa anche da Gateway ModbusTCP verso la porta ModbusRTU su bus RS485. Gli stessi esempi visti per CAMILLO ROSSO lato ModbusTCP valgono anche per CAMILLO GIALLO. La rete RS485 è questa volta però Client ModbusRTU che viene pilotato tramite ModbusTCP fornendo come indirizzo ModbusTCP non quello relativo a CAMILLO GIALLO ma bensì dei componenti ModbusRTU connessi sul lato Client della rete RS485, in questo caso un DAT3011 di DATEXEL. *** InterLINK 'CAMILLO GIALLO' *** * Platform: CHAMELEON * Firmware: * USB-Serial: Console and InterLINK Server * InterLINK ID: 0 Addr: 1, ModbusTCP Addr: 247 * Camillo IP: * Syslog Server IP: * HTTP: InterLINK Server * ModbusTCP: Server / ModbusRTU Gateway * RS485: ModbusRTU Client used by InterLINK and ModbusTCP Gateway [9600 N 8 1] * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 17:03:41 [ ] * <EVT> i[0] t[ 0] ao[ ] di[#1 #1 #1 #1] ai[#0910 #0980 #0980 #0980 #0980 #0980 #0982 ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 17] ao[ ] di[ #0] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 18] ao[ ] di[ #1] ai[ ] </EVT> * <STS> i[0] t[ 20] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> Disabilitazione delle funzioni automatiche di trasmissione STATO ed EVENTI _WV,0,0,1,0 WV,0,0,1,0_ Lettura dei primi 16 registri del modulo DAT3011 con indirizzo ModbusRTU 1 dalla porta RS485 utilizzata come Client ModbusRTU dal Gateway ModbusTCP * Rx ModbusTCP: * Tx RS485: * Rx RS485: A D 00 * Tx ModbusTCP: A Attivazione delle 3 uscite del DAT3011 tramite scrittura remota del suo registro 9 con il valore 0x0700 * Rx ModbusTCP: * Tx RS485: A4 F9 * Rx RS485: D1 CB * Tx ModbusTCP: Rilettura dei 16 registri del modulo DAT3011 con indirizzo ModbusRTU 1 a partire dal suo registro 9 * Rx ModbusTCP: * Tx RS485: * Rx RS485: A A FF FF E1 * Tx ModbusTCP: A A FF FF Rilettura manuale da Console tramite comando InteLINK dei primi 16 registri del modulo DAT3011 si noti la semplicità e la potenza del comando manuale del Gateway InterLINK / ModbusRTU di CAMILLO GIALLO _RM,1,0,16_ * Tx RS485: * Rx RS485: A _RM,1,0,16,x0065,x0900,x0000,x3033,x3131,x0007,x0001,x0064,x0200,x0700,x0400,x0003,x000A,x0000,x0000,x0000_ Comando InterLINK di attivazione delle uscite 1 e 3 del Modulo DAT3011 impostate dalla parte alta del registro 9 si noti la semplicità e la potenza del comando manuale del Gateway InterLINK / ModbusRTU di CAMILLO GIALLO _WM,1,9,1,X500_ * Tx RS485: A5 99 * Rx RS485: D1 CB _WM,1,9,1,X500_ Rilettura manuale da Console dei primi 16 registri del modulo DAT3011 _RM,1,0,16_ * Tx RS485: * Rx RS485: A B C7 _RM,1,0,16,x0065,x0900,x0000,x3033,x3131,x0007,x0001,x0064,x0200,x0500,x0400,x0003,x000A,x0000,x0000,x0000_ 12 / 17

13 Rilettura via Gateway ModbusTCP dei primi 16 registri del modulo DAT3011 posto sul bus ModbusRTU * Rx ModbusTCP: * Tx RS485: * Rx RS485: A A FF FF 0E F * Tx ModbusTCP: A A FF FF 0E Dettaglio RISORSE per piattaforme hardware CHAMELEON di EurogiDevices //--- InterLINK Errors --- // Transmitted with minus sign inside InterLINK packet response like "_-2_" (COMMAND_UNKNOWN_ERROR) #define PACKET_FORMAT_ERROR 1 #define COMMAND_UNKNOWN_ERROR 2 #define ID_DESTINATION_ERROR 3 #define ID_RESOURCE_ERROR 4 #define LENGTH_ERROR 5 #define FIELD_ERROR 6 #define RTC_ERROR 7 #define MODBUS_EXCEPTION_ERROR 10 //--- MODBUS EXCEPTION plus following Exception Code --- #define MODBUS_RESPONSE_TIMEOUT_ERROR 0 // RESPONSE TIMEOUT Exception Code #define MODBUS_ILLEGAL_FUNCTION #define MODBUS_ILLEGAL_DATA_ADDRESS #define MODBUS_ILLEGAL_DATA_VALUE 1 // ILLEGAL FUNCTION Exception Code 2 // ILLEGAL DATA ADDRESS Exception Code 3 // ILLEGAL DATA VALUE Exception Code //--- Read-Only INPUTS 'I' --- offset length description (0) (1) KEY_1 / Digital Input 1 (1) (1) KEY_2 / Digital Input 2 (2) (1) KEY_3 / Digital Input 3 (3) (1) KEY_4 / Digital Input 4 (4) (1) INPUT_1 / Analog Input 1 Passivi (no pull-up a 10Vdc) (5) (1) INPUT_2 / Analog Input 2 Passivi (no pull-up a 10Vdc) (6) (1) INPUT_3 / Analog Input 3 Analog Output su CHAMELEON 2 (7) (1) INPUT_4 / Analog Input 4 Analog Output su CHAMELEON 2 (8) (1) INPUT_5 / Analog Input 5 Attivi (pull-up a 10Vdc) (9) (1) INPUT_6 / Analog Input 6 Attivi (pull-up a 10Vdc) (10) (1) INPUT_7 / Analog Input 7 Non presente su CHAMELEON 2 //--- Persistent CONFIGURATIONS 'C' on EEPROM --- offset length description (0) (1) Products Hardware Configured (0xA5A5) (1) (3) Ethernet MAC Address (progressively changed on EEPROM in the laboratory before shipping, 13 / 17

14 [0x00, 0x1F, 0x97, 0xFF, 0x00, 0x00] is the firmware default (4) (2) Product Serial Number on EEPROM (6) (2) Product Identifier Number on EEPROM (8) (8) Product Information String on EEPROM 16 characters //--- Persistent PARAMETERS 'P' on EEPROM --- offset length description (0) (1) InterLINK Server ID [0 default, 248, 249,, 256, 257,, 65535] (1) (1) ModbusRTU (MSB byte) and ModbusTCP (LSB byte) addresses [1 default ModbusRTU, 2, 3,, 247 default ModbusTCP] (2) (2) Ethernet / Internet IP Address, [ ] default, 32 bits big-endian ( for Multicast IPs - UDP) (4) (2) IP Netmask, [ ] local default, 32 bits big-endian (not used for Multicast IPs) (6) (2) IP Gateway [ ] local default, 32 bits big-endian (8) (2) SYSLOG Server(s) Address, [ ] local Syslog default, 32 bits big-endian (10) (2) Broadcast/Multicast Server(s) Address, [ ] local Broadcast default, 32 bits big-endian (12) (2) NTP Network Time Server Address [ ] internet default (ntp1.ien.it), 32 bits big-endian (14) (2) T_IP_1 Trusted CLIENT Ethernet / Internet IP Address, 32 bits big-endian *** actually not used *** (16) (2) T_IP_2 Trusted CLIENT Ethernet / Internet IP Address, 32 bits big-endian *** actually not used *** (18) (2) T_IP_3 Trusted CLIENT Ethernet / Internet IP Address, 32 bits big-endian *** actually not used *** (20) (2) T_IP_4 Trusted CLIENT Ethernet / Internet IP Address, 32 bits big-endian *** actually not used *** (22) (2) DNS Server Address, [ ] internet default (Google), 32 bits big-endian (24) (1) spare register, reserved for future use (25) (1) RS485 / ModbusRTU baud rate (0=9600 default, 1=19200, 2=38400), always no parity, 8 bits, 1 stop bit minimum (26) (1) spare register, reserved for future use (HTTP Port, default 80) (27) (1) spare register, reserved for future use (MODBUS_TCP Port, default 502) (28) (1) spare register, reserved for future use (SYSLOG or Broadcast/Multicast Port, default 514) //--- Persistent 'S'ettings registers EEPROM --- // Note: SETTINGS area is copyed into VOLATILE area at CAMILLO Power On Reset // Changing SETTING area make changes persistent // Changing VOLATILE area make changes temporary (restored from SETTINGS at next CAMILLO Power On Reset // System Utility Functions defines for SETTING 'utilityfunctionsmasks' (into persistent S area and volatile V area) 14 / 17

15 #define utilityfunctionsmasks volatilesregisters[0] // Bit Masks into 'utilityfunctionsmasks' : #define SYSTEM_EVENTS_ENABLED 0x0001 // Automatic transmission of STATE CHANGES on Analog and Digital Inputs #define SYSTEM_STATE_ENABLED #define SYSTEM_TIME_ENABLED #define DHCP_ENABLED #define NTP_ENABLED #define TRUSTED_IP_ENABLED 0x0002 // Automatic transmission of STATE 0x0004 // Automatic TIME display on Consolle (use same temporization of SYSTEM_STATE_ENABLED) 0x0010 // DHCP is Not Recommended in Measure, Automation and Control Applications 0x0020 0x0040 // Not yet implemented, ready for future security improvements starting September 2013 #define DEBUG 0x0800 // Verbose CONSOLE messages, set on for troubleshooting #define RTC_RAM_CLEAR 0x1000 #define RELOAD_DEFAULTS 0x4000 // The Configuration table is not reloaded (MAC, Serial Number, Identification untouched) #define REMOTE_SOFT_RESET 0x8000 // Restart from remote 'S'ettings registers defaults ('S' and 'V' resource at Power On Reset) offset length description (0) (1) 'utilityfunctionsmasks' EEPROM image (1) (1) Automatic Display and Transmission of System Image and TIME display on Console any 'x' seconds (2) (1) Acquire any 'x' per 100 milliseconds the Inputs Image and Transmit any Inputs Events if enabled (3) (1) Syncronize with NTP Time Server any 'x' seconds, default is 12 hours = sec (0xA8C0) (4) (1) Inputs without (bit_mask=0) or with (bit_mask=1) 10Vcc pull-up 1k8 ohm (bit0=input1,, bitn-1=inputn), default 10Vcc pull-up (5) (1) Outputs PWM (bit_mask=0) or DIM (bit_mask=1), (bit0=output1,, bitn-1=outputn), default to DIM (6) reserved for future use (15) reserved for future use //--- Volatile 'V'olatile registers on RAM --- VOLATILE, RAM copy of SETTINGs Registers area at Power On Reset //--- 'E'rrors 16 bits up-counters on RAM --- // ERRORS are counted on a 16 bit up-counters at offset 'error' into the 'errorresgister[]' array using function 'void Error(unsigned char error)' // ERRORS can be readed / writed using InterLINK commands 'RE' and 'WE' //--- System ERRORS registers --- #define RTC_ACCESS_ERROR 0 #define CONSOLE_OVERRUN_ERROR 1 #define HTTP_OVERRUN_ERROR 2 15 / 17

16 #define TELNET_OVERRUN_ERROR 3 #define MODBUS_TCP_OVERRUN_ERROR 4 #define MODBUS_RTU_OVERRUN_ERROR 5 #define RS485_OVERRUN_ERROR 6 #define NTP_SYNCRONIZATION_ERROR 7 up to 32 registers //--- LCD Display Image --- *Non presente su CHAMELEON 2 16 bits registers (0..8 first LCD row in "Little Endian" mode, swapped couple of characters) (9..15 second LCD row in "Little Endian" mode, swapped couple of characters) //--- RTC and backup RAM Image --- *Non presente su CHAMELEON 2 16 bits registers (0) secondsbcd, minutesbcd (1) hoursbcd, weekdaybcd (2) daybcd, monthbcd (3) yearbcd, controlbits (431) rambackupuserregisters //--- Volatile REGISTERS 'H' OUTPUTs and RAM --- offset length description *Su CHAMELEON 1 (0) (1) OUTPUT_1 8 bits PWM Register (1) (1) OUTPUT_2 8 bits PWM Register (2) (1) OUTPUT_3 8 bits PWM Register (3) (1) OUTPUT_4 8 bits PWM Register (4) (1) Backligth LCD * seconds (5) (1) Buzzer ALARM * 0.1 seconds *Su CHAMELEON 2 (0) (1) OUTPUT_1 8 bits PWM Register (1) (1) OUTPUT_2 8 bits PWM Register (2) (1) OUTPUT_3 8 bits PWM Register (3) (1) OUTPUT_4 8 bits PWM Register (4) (1) OUTPUT_5 8 bits PWM Register (5) (1) OUTPUT_6 8 bits PWM Register (6) (1) OUTPUT_7 1 bits Digital Register State (Read Only) (7) (1) OUTPUT_8 1 bits Digital Register State (Read Only) (8) (1) OUTPUT_78 Digital Register Command (Read/Write) bit 8 = OUTPUT_7 Command (0=Off, 1=On) bit 9 = OUTPUT_8 Command (0=Off, 1=On) i bits sono numerati da 0 (lsb) a 15 (msb) (9) (1) ANALOG_OUTPUT_3 8 bits Analog I/O 3 (10) (1) ANALOG_OUTPUT_4 8 bits Analog I/O 4 16 / 17

17 Questo documento si propone di descrivere sinteticamente le funzioni e facilitare l' utilizzo delle piattaforme hardware che montano il firmware CAMILLO. Inviate i vostri commenti, segnalazioni e suggerimenti a con oggetto Firmware CAMILLO che pensate possano essere utili a migliorarne la qualità e la chiarezza espositiva di questa documentazione. Grazie sin d'ora per la collaborazione, Valter Foresto. 17 / 17

Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO

Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO 8.1 Introduzione I parametri Drive vengono riferiti nel capitolo come registri Modbus di 16 bit; un parametro Drive di 32 bit occupa quindi 2 registri

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 18 ModBus Tips

Technical Support Bulletin No. 18 ModBus Tips Technical Support Bulletin No. 18 ModBus Tips Sommario! Chiarimenti! Comandi implementati! Esempi di comandi o frames! Calcolo dell area logica! Lettura di variabile con segno! Esempi di comando con Ech200B!

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Configurazione moduli I/O serie EX

Configurazione moduli I/O serie EX Configurazione moduli I/O serie EX aggiornamento: 20-12-2014 IEC-line by OVERDIGIT overdigit.com Tabella dei contenuti 1. Moduli di I/O con protocollo Modbus... 3 1.1. Parametri di comunicazione... 4 1.2.

Dettagli

Blocchi funzione: FbModbusAsciiMs

Blocchi funzione: FbModbusAsciiMs Pagina 1 di 6 ELSIST Srl, www.elsist.it Blocchi funzione MNL041Q000 FbModbusAsciiMs Questo blocco funzione permette lo scambio di dati tra due sistemi, uno master ed uno slave, utilizzando una connessione

Dettagli

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1 MODBUS Stefano Panzieri Modbus - 1 La Storia Diventa uno STANDARD nel 1979 Nato come protocollo di comunicazione SERIALE si è successivamente adattato alle specifiche TCP/IP Permette una comunicazione

Dettagli

Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus

Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus Part. Y1792A - 06/06-01 PC Protocollo di comunicazione seriale Modbus 3 INDICE 1. Protocollo Modbus Pag. 4 1.1 Impostazione parametri di comunicazione Pag. 4 2. Protocollo Modbus RTU Pag. 5 2.1 Funzioni

Dettagli

Datalogger. Protocolli di comunicazione. Aggiornamento 09/06/2014. INSTUM_00727_it

Datalogger. Protocolli di comunicazione. Aggiornamento 09/06/2014. INSTUM_00727_it Datalogger Protocolli di comunicazione Aggiornamento 09/06/24 INSTUM_727_it Copyright 20-24 LSI LASTEM. Tutti i diritti riservati. Le informazioni contenute nel presente manuale sono soggette a modifiche

Dettagli

1. INTRODUZIONE ETH-BOX

1. INTRODUZIONE ETH-BOX Software ETH-LINK 10/100 Manuale d uso ver. 1.0 1. INTRODUZIONE Il Convertitore Ethernet/seriale ETH-BOX, dedicato alla connessione Ethernet tra PC (TCP/IP e UDP) e dispositivi di campo (RS-232, RS-485),

Dettagli

Collegamento di processori PLC-5 e SLC tramite rete DH+ Utilizzando processori SLC 5/04

Collegamento di processori PLC-5 e SLC tramite rete DH+ Utilizzando processori SLC 5/04 Guida di riferimento Collegamento di processori PLC-5 e SLC tramite rete DH+ Utilizzando processori SLC 5/04 Questo documento mette insieme la documentazione disponibile di PLC e SLC per mostrarvi come

Dettagli

Descrizione del protocollo

Descrizione del protocollo EFA Automazione S.r.l.Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Atlas Copco Power MACS (01 ITA).doc pag. 1 / 8 Descrizione del protocollo Sulla porta seriale collegata ad ATLAS COPCO vengono intercettate le

Dettagli

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Introduzione La RTU B200, ultima nata del sistema TMC-2000, si propone come valida risposta alle esigenze di chi progetta e implementa sistemi di automazione

Dettagli

EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP.

EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP. MANUALE ISTRUZIONI IM471-I v0.2 EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP. Transmission Control

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS INDICE 1. Introduzione... 2 1.1 Abbreviazioni... 2 1.2 Specifiche Modbus... 2 1.3 Tipologia rete Modbus... 2 2. Configurazione MODBUs... 3 2.1 Cablaggio...

Dettagli

DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE. LCD_SERv10

DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE. LCD_SERv10 DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE su CPU18LCD LCD_SERv10 035-693737 1 FUNZIONI del sistema: Il sistema è composto da: 1. una scheda con a bordo ÄÅ Un regolatore 12Vcc / 7Vcc Ä a 5Vcc ÄÇ Un microprocessore

Dettagli

PROTOCOLLO MODBUS RTU

PROTOCOLLO MODBUS RTU Progettato e prodotto interamente in Italia CONTABILIZZATORE DI IMPULSI MONTAGGIO GUIDA DIN PROTOCOLLO MODBUS RTU Il protocollo di comunicazione è MODBUS, conforme alle specifiche Modbus Application Protocol

Dettagli

PROCEDURA DI CONFIGURAZIONE: Per configurare i parametri di rete dell RCX LAN è necessario installare il software Tibbo DS Manager

PROCEDURA DI CONFIGURAZIONE: Per configurare i parametri di rete dell RCX LAN è necessario installare il software Tibbo DS Manager Via S. Antonio, 47 35030 Veggiano PD Tel: 04441800191 Fax: 0497960910 www.shitek.it info@shitek.it RCX LAN Wi -Fi RCX LAN Wi-Fi MAN_00023_ita_RCX_LAN Ca PROCEDURA DI CONFIGURAZIONE: 1. PARAMETRI PER LA

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to EIB (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to EIB (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to EIB (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Configurazione Una volta lanciato il Configuratore, per creare un nuovo progetto accedere al menu File -> Nuovo

Dettagli

SureCross DX80 Modbus RTU, Modbus/TCP, EtherNet/IP Guida di riferimento Host e configurazione

SureCross DX80 Modbus RTU, Modbus/TCP, EtherNet/IP Guida di riferimento Host e configurazione SureCross DX80 Modbus RTU, Modbus/TCP, EtherNet/IP Guida di riferimento Host e configurazione 08/08 Cod. 141759 rev. D Banner Engineering Corp. 9714 Tenth Ave. No. Minneapolis, MN USA 55441 Tel.: 763.544.3164

Dettagli

Datalogger web contaimpulsi

Datalogger web contaimpulsi Datalogger web contaimpulsi Versione 6 ingressi con Ethernet (GW-IMP-WEB-1) 1 Datalogger web conta impulsi Il datalogger web conta impulsi è in grado di conteggiare gli impulsi sugli ingressi digitali

Dettagli

PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE

PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE Manuale d Uso versione 1.06 PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE per indicatori di peso SERIE W (programmi BASE CARICO SCARICO 3/6/14 PROD.) SIMBOLOGIA Di seguito sono riportate le simbologie utilizzate nel manuale

Dettagli

Antonio Cianfrani. Fondamenti di Reti - Prof. Marco Listanti - A.A. 2010/2011. INFOCOM Dept

Antonio Cianfrani. Fondamenti di Reti - Prof. Marco Listanti - A.A. 2010/2011. INFOCOM Dept Antonio Cianfrani Laboratorio Fondamenti di Reti 1. Introduzione ai Router IP Funzioni svolte dai Router I router operano allo strato 3 della pila protocollare OSI Individuano il cammino dei pacchetti

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Rilheva - LAN. Manuale d uso. Ethernet System

Rilheva - LAN. Manuale d uso. Ethernet System Rilheva - LAN Manuale d uso Ethernet System INDICE DIMENSIONI 3 AVVERTENZE DI SICUREZZA 4 DESCRIZIONE GENERALE 4 ARCHITETTURA DEL SISTEMA 5 APPLICAZIONI 6 CONFIGURAZIONE DEL DISPOSITIVO 6 DIAGNOSTICA 7

Dettagli

CPU 32 bits. Specifiche Tecniche. Rif : MS-CPU32. Generale. Alimentazione. Batteria Interna al Litio. Memory

CPU 32 bits. Specifiche Tecniche. Rif : MS-CPU32. Generale. Alimentazione. Batteria Interna al Litio. Memory CPU 32 bits Rif : MS-CPU32 Scheda industriale con processore a 32bits IT Embedded (Web Server, email, FTP, IP forwarding, ) Supporto PLC completo (IEC1131-3, Basic, Linguaggio C, ) Hardware modulare rimovibile

Dettagli

Manuale utente. Quinx Box serie 200/300/400. Ethernet RS232 - TCP/IP converter

Manuale utente. Quinx Box serie 200/300/400. Ethernet RS232 - TCP/IP converter Manuale utente Quinx Box serie 200/300/400 Ethernet RS232 - TCP/IP converter A cura di: ICG Holding srl Div. Time & Access Via Leonardo da Vinci 45/47 20020 Lainate (MI) Nr. rif. Q 200 001 Versione 1.10.97

Dettagli

WLAN660 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP

WLAN660 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP WLAN660 GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP IP PHONE Wi-Fi VoIP 660 Guida alla Configurazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL WLAN660...3

Dettagli

RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO

RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO REMOTO TRAMITE terza parte TCP/IPdi Cristian Randieri randieri@intellisystem.it In questa terza parte della presentazione del dispositivo

Dettagli

Contatore d impulsi S0

Contatore d impulsi S0 Informazioni tecniche www.sbc-support.com Contatore d impulsi S con Modbus Il modulo S-Modbus è un apparecchio per la raccolta di impulsi S. Con questo modulo i dati di consumo di qualsiasi contatore con

Dettagli

Guida di riferimento per protocollo MODBUS MODBUS Protocol Reference Guide

Guida di riferimento per protocollo MODBUS MODBUS Protocol Reference Guide Guida di riferimento per protocollo MODBUS MODBUS Protocol Reference Guide MAPPATURA MODBUS... 3 FUNZIONI SUPPORTATE... 3 MAPPA DEI REGISTRI ALLARMI E DI STATO... 4 MAPPA DEI REGISTRI MISURE... 5 MAPPA

Dettagli

DUCA-LCD96 ETH MANUALE INTERFACCIA ETHERNET

DUCA-LCD96 ETH MANUALE INTERFACCIA ETHERNET DUCA-LCD96 ETH MANUALE INTERFACCIA ETHERNET Vers. 0 Rev. A FileName: Man_Ethernet_Ita_DUCA-LCD96_v0rA Pag. 1 di 27 REVISIONI VER. Rev. DATA MOTIVO 0 A 20/06/12 Prima emissione FileName: Man_Ethernet_Ita_DUCA-LCD96_v0rA

Dettagli

Il protocollo MODBUS. Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11

Il protocollo MODBUS. Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11 Il protocollo MODBUS Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11 1. IL PROTOCOL MODBUS II protocollo MODBUS definisce il formato e la modalità di comunicazione tra un "master" che gestisce il sistema e uno o più

Dettagli

KIT. Custom. Sviluppo

KIT. Custom. Sviluppo EUCOMM Rete tecnologica EuComm identifica la sinergia di Eurogi S.r.l. con il partner CommSEC www.commsec.it nelle tecnologie: progettazione ed ingegnerizzazione dispositivi hardware di alta qualità ed

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Applicazione Integrazione di tutta la gamma di Centrali Techno (Technodin, Techno32, Techno88 e Techno200)

Dettagli

CD-ROM (contiene Manual y garantía) Cavo Ethernet (CAT5 UTP/diritto) Cavo Console (RS-232)

CD-ROM (contiene Manual y garantía) Cavo Ethernet (CAT5 UTP/diritto) Cavo Console (RS-232) Il presente prodotto può essere configurato con un qualunque browser, come Internet Explorer 6 o Netscape Navigator 6 o versioni superiori. DFL-700 NETDEFEND Network Security Firewall Prima di cominciare

Dettagli

Max Configurator v1.0

Max Configurator v1.0 NUMERO 41 SNC Max Configurator v1.0 Manuale Utente Numero 41 17/11/2009 Copyright Sommario Presentazione... 3 Descrizione Generale... 3 1 Installazione... 4 1.1 Requisiti minimi di sistema... 4 1.2 Procedura

Dettagli

Informazioni Generali (1/2)

Informazioni Generali (1/2) Prima Esercitazione Informazioni Generali (1/2) Ricevimento su appuntamento (tramite e-mail). E-mail d.deguglielmo@iet.unipi.it specificare come oggetto Reti Informatiche 2 Informazioni Generali (2/2)

Dettagli

MANUALE UTENTE. ADFL Consulting - i -

MANUALE UTENTE. ADFL Consulting - i - MANUALE UTENTE ADFL Consulting - i - Manuale Utente ADFL Consulting S.r.l. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo manuale può essere riprodotta o copiata in qualsiasi forma senza il consenso

Dettagli

Moduli Bluetooth 02 - programmazione AT

Moduli Bluetooth 02 - programmazione AT Moduli Bluetooth 02 - programmazione AT Author: Mirco Piccin aka pitusso La programmazione AT permette di cambiare alcuni parametri dei moduli BT. Differenze tra moduli Esistono varie versioni di questi

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione:

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione: GENERALITÀ L'apparecchiatura CON232E è una unità a microprocessore equipaggiata di un canale ethernet e due canali seriali rs232c. Il dispositivo trasmette i dati ricevuti dal canale Ethernet con protocollo

Dettagli

ENERGY METER MOD.320C Energy Meter Din Rail per sistemi elettrici monofase

ENERGY METER MOD.320C Energy Meter Din Rail per sistemi elettrici monofase ENERGY METER MOD.320C Energy Meter Din Rail per sistemi elettrici monofase USER MANUAL v1.0 Importanti informazioni di sicurezza sono contenute nella sezione Manutenzione.. L utente quindi dovrebbe familiarizzare

Dettagli

PROGRAMMI ACCESSORI A CORREDO CON EUREKA

PROGRAMMI ACCESSORI A CORREDO CON EUREKA PROGRAMMI ACCESSORI A CORREDO CON EUREKA Oltre al programma di gestione EUREKA contenuto nel CD di installazione, altri software complementari vengono installati quando si installa il programma EUREKA.

Dettagli

QS-Summary Box QS GDO Box QS Lcd

QS-Summary Box QS GDO Box QS Lcd Il sistema Micro Q e' stato sviluppato per rispondere alle esigenze gestionali di sistemi eliminacode concepiti per la gestione integrata delle code nei supermercati, negli uffici e negli ambulatori medici

Dettagli

Modulo 1.3 Reti e servizi

Modulo 1.3 Reti e servizi Modulo 1.3 Reti e servizi 1. Introduzione al Networking Connettere il PC in rete; schede di rete e modem; Panoramica sulle reti ad alta velocita' e reti dial-up; Testare la connettivita' con ping; Introduzione

Dettagli

Z-GPRS2 / Z-GPRS2-SEAL IL PIÙ SEMPLICE SISTEMA DI TELEGESTIONE PER APPLICAZIONI UNIVERSALI

Z-GPRS2 / Z-GPRS2-SEAL IL PIÙ SEMPLICE SISTEMA DI TELEGESTIONE PER APPLICAZIONI UNIVERSALI / -SEAL IL PIÙ SEMPLICE SISTEMA DI TELEGESTIONE PER APPLICAZIONI UNIVERSALI DATALOGGER GSM/GPRS CON I/O INTEGRATO E FUNZIONI DI TELECONTROLLO 100% Made & Designed in Italy EASY Z GPRS2 EASY LOG VIEWER

Dettagli

Guida rapida alla configurazione della rete

Guida rapida alla configurazione della rete POWER REC NETWORK POWER REC NETWORK Guida rapida alla configurazione della rete Connessione alla rete mediante router Utilizzando un router, è possibile collegare il computer e i dispositivi DVR 1 ~ 3

Dettagli

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori I n d i c e 3 Capitolo primo Informatica e calcolatori 7 Capitolo secondo La rappresentazione delle informazioni 11 2.1 La codifica dei caratteri 2.1.1 Il codice ASCII, p. 11-2.1.2 Codifiche universali,

Dettagli

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Sielco Elettronica S.r.l. via Edison 209 20019 Settimo Milanese (MI ) Italia

Dettagli

I N T E G R A S. R. L. Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 MANUALE UTENTE T-MOD

I N T E G R A S. R. L. Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 MANUALE UTENTE T-MOD Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 UNI EN ISO 9001:2008 CERT. N. 50 100 6048 Controllo ambientale integrato MANUALE UTENTE T-MOD Rev. Data

Dettagli

MC-link Spa Collegamento e configurazione del router Vigor2800i per l accesso ad MC-link

MC-link Spa Collegamento e configurazione del router Vigor2800i per l accesso ad MC-link MC-link Spa Collegamento e configurazione del router Vigor2800i per l accesso ad MC-link Pannello frontale del Vigor2800i Installazione hardware del Vigor2800i Questa sezione illustrerà come installare

Dettagli

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15 Xpress I440I04_15 Software di configurazione e controllo remoto MANUALE OPERATIVO INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE... 3 3 SETUP... 3 4 PASSWORD... 4 5 HOME PAGE... 4 6 CANALE...

Dettagli

ModBus Constructor. Guida Quick Start

ModBus Constructor. Guida Quick Start 2006 by KurySoft, tutti i diritti riservati Web: www.kurysoft.com Data: 14-Nov-2006 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DI UN DISPOSITIVO MODBUS... 5 2.1. Coriolis Mass Flow Meter.... 5 2.1.1. T1.

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Indirizzi MODBUS per ETH4164 22 Mar 2012

Indirizzi MODBUS per ETH4164 22 Mar 2012 Indirizzi MODBUS per ETH4164 22 Mar 2012 Modalità di connessione : TCP ModBus e TCP ModBus RTU Porta di connessione di default : 502 (consigliata) GALAXY La funzione 06 Write Single Register o 16 Write

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! Il Machine Controller piattaforma integrata di Controllo, Motion, Robotica, Visione e Sicurezza su bus EtherCAT Omron Electronics spa Ing. Marco Filippis Product Manager Servo,

Dettagli

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS 1. Ambiente di sviluppo Sono stati analizzati diversi linguaggi e framework differenti utilizzabili per implementare i WebServices ONVIF. Il risultato

Dettagli

Employee Letter. Manuale DatabICS

Employee Letter. Manuale DatabICS Employee Letter Manuale DatabICS Manuale DatabICS 22023799 Versione 1.0 12.10.2012 Andreas Merz 1.1 29.10.2012 Andreas Merz 1.2 06.11.2012 Andreas Merz 1.3 08.11.2012 Andreas Merz 1.4 19.02.2013 Andreas

Dettagli

Resuscitare un router DLink-604+

Resuscitare un router DLink-604+ Resuscitare un router DLink-604+ v1.1.0 Copyright (c) 2006 by Ahasvero@users.sourceforge.net.This material may be distributed only subject to the terms and conditions set forth in the Open Publication

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

DSL-G604T Wireless ADSL Router

DSL-G604T Wireless ADSL Router Il presente prodotto può essere configurato con un browser web aggiornato come Internet Explorer 6 o Netscape Navigator 6.2.3. DSL-G604T Wireless ADSL Router Prima di cominciare 1. Se si intende utilizzare

Dettagli

Contatori CEWEPrometer R/W Convertitore di protocollo IEC 62056-21 (IEC1107) / Modbus RTU CEWEMod MANUALE DI CONFIGURAZIONE

Contatori CEWEPrometer R/W Convertitore di protocollo IEC 62056-21 (IEC1107) / Modbus RTU CEWEMod MANUALE DI CONFIGURAZIONE Tecniche di misura e Automazione Staer S.r.l. Uffici Via Sibilla Aleramo,4 20090 Segrate (MI) Tel. 02/26952067 Fax. 02/26922849 info@staermisure.it www.staermisure.it Sede legale Via Buonarroti, 3 20050

Dettagli

3URWRFROOR0RGEXVSHUS&2ñ0RGEXVSURWRFROIRUS&2ð 0DQXDOHG XVR 8VHUPDQXDO

3URWRFROOR0RGEXVSHUS&2ñ0RGEXVSURWRFROIRUS&2ð 0DQXDOHG XVR 8VHUPDQXDO 3URWRFROOR0RGEXVSHUS&2ñ0RGEXVSURWRFROIRUS&2ð Ã 0DQXDOHG XVR Ã 8VHUPDQXDO 9RJOLDPRIDUYLULVSDUPLDUHWHPSRHGHQDUR 9LDVVLFXULDPRFKHODFRPSOHWDOHWWXUDGLTXHVWRPDQXDOHYLJDUDQWLUjXQD FRUUHWWDLQVWDOOD]LRQHHGXQVLFXURXWLOL]]RGHOSURGRWWRGHVFULWWR

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli

Guida di installazione rete wireless NPD4759-00 IT

Guida di installazione rete wireless NPD4759-00 IT Guida di installazione rete wireless NPD4759-00 IT Controllo della rete Verificare le impostazioni di rete del computer, quindi scegliere cosa fare. Seguire le istruzioni per l'ambiente in cui funzionano

Dettagli

Guida all impostazione. Eureka Web

Guida all impostazione. Eureka Web Eureka Web Guida all impostazione Maggio 2015 1 IMPOSTAZIONE EUREKA WEB Accedere con un browser all EurekaWeb, per default l indirizzo ip è 192.168.25.101, utente : master password : master. Ad accesso

Dettagli

Dispense corso Laboratorio di Internet

Dispense corso Laboratorio di Internet Universitá di Roma Sapienza Dipartimento di Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Dispense corso Laboratorio di Internet Luca Chiaraviglio E-mail: {luca.chiaraviglio}@diet.uniroma1.it 3 marzo

Dettagli

ACE SL7000 Lettura remota con interfaccia Ethernet Nota Applicativa

ACE SL7000 Lettura remota con interfaccia Ethernet Nota Applicativa ACE SL7000 Lettura remota con interfaccia Ethernet Nota Applicativa Questo documento illustra la modalità di lettura remota del contatore SL7000 utilizzando un server di porta seriale collegato ad una

Dettagli

I.T.I. LEONARDO DA VINCI

I.T.I. LEONARDO DA VINCI I.T.I. LEONARDO DA VINCI 1 2 A.s. 2006-2007 Classe V Elettrotecnica e Automazione 3 Automazione Industriale in Rete Ethernet mediante dispositivi miniaturizzati 4 Esperienze realizzate nel 2006 nella nostra

Dettagli

Serial To Ethernet Converter STE02 Manuale Utente. Ver. 1.1

Serial To Ethernet Converter STE02 Manuale Utente. Ver. 1.1 Serial To Ethernet Converter STE02 Manuale Utente Ver. 1.1 1 Indice 1 Introduzione 4 1.1 Dichiarazione di Conformità.............................. 4 1.2 Contenuto della Confezione..............................

Dettagli

cej_ed Yedjhebb[h MODBUS Device interno Device interno - MODBUS Aggiornato il: 26/02/07

cej_ed Yedjhebb[h MODBUS Device interno Device interno - MODBUS Aggiornato il: 26/02/07 cej_ed Yedjhebb[h MODBUS Device interno Device interno - MODBUS Aggiornato il: 26/02/07 Il presente manuale è pubblicato dalla QEM S.r.l. senza alcun tipo di garanzia e si riserva di apportare modifiche

Dettagli

EK20-IDPAYI MANUALE D USO

EK20-IDPAYI MANUALE D USO RFID TRANSPONDER TECHNOLOGY DOC. 368-R1-IT EK20-IDPAYI MANUALE D USO EK20-IDPAYI (qui chiamato LETTORE) è un dispositivo fisso RFID adatto a eseguire pagamenti con il metodo a inserzione. -Opera con CARTE

Dettagli

Scheda tecnica. Enercom Srl Via Monti Urali, 1 42122 Reggio Emilia 0522 558791 www.enercomit.com

Scheda tecnica. Enercom Srl Via Monti Urali, 1 42122 Reggio Emilia 0522 558791 www.enercomit.com BAS920 fa parte di una famiglia di controller liberamente programmabili progettati per essere scalabili, dalle piccole installazioni a quelle di grandi dimensioni. BAS920 è perfettamente idoneo al controllo

Dettagli

MC-link Spa. Pannello frontale del Vigor2700e. Installazione hardware del Vigor2700e

MC-link Spa. Pannello frontale del Vigor2700e. Installazione hardware del Vigor2700e MC-link Spa Pannello frontale del Vigor2700e Installazione hardware del Vigor2700e Questa sezione illustrerà come installare il router attraverso i vari collegamenti hardware e come configurarlo attraverso

Dettagli

ETI/Domo. Italiano. www.bpt.it. ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14

ETI/Domo. Italiano. www.bpt.it. ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14 ETI/Domo 24810070 www.bpt.it IT Italiano ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14 Configurazione del PC Prima di procedere con la configurazione di tutto il sistema è necessario configurare il PC in modo che

Dettagli

MANUALE DRR132 DRR132. 6. Pannello frontale

MANUALE DRR132 DRR132. 6. Pannello frontale 5.3 Evaporator fans È possibile impostare da parametri lo stato dei ventilatori durante il funzionamento del compressore e durante il ciclo di sbrinamento. È inoltre selezionabile la temperatura sopra

Dettagli

Supporta tutti Marca Modbus Inverter FV e sensore

Supporta tutti Marca Modbus Inverter FV e sensore www.geoprotek.com SUPPORTED INVERTERS: ABB AEG AEI AROS CARLO DANFOSS DELTA EATON ELTEK FRONIUS GREEN POWER MASTERVOLT MITSUBISHI. Supporta tutti Marca Modbus Inverter FV e sensore Come system integrator

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

Contatori di energia trifase con interfaccia seriale Modbus integrata

Contatori di energia trifase con interfaccia seriale Modbus integrata Informazioni tecniche www.sbc-support.com Contatori di energia trifase con interfaccia seriale Modbus integrata I contatori di energia con interfaccia seriale RS-485 integrata consentono la lettura diretta

Dettagli

Unità di controllo WEB-IO BOX MANUALE D USO

Unità di controllo WEB-IO BOX MANUALE D USO Unità di controllo WEB-IO BOX MANUALE D USO Rel. 01.00.0001 (Codice prodotto: Web-IO-Box) 1 www.ipses.com Le informazioni contenute nel presente documento sono proprietà di IPSES S.r.l. e devono essere

Dettagli

eed quality electronic design INGRESSI

eed quality electronic design INGRESSI CONVERTITORE CORRENTE / TENSIONE Isolato a 4 vie - RS485 MODBUS- Datalogger CONVERTITORE CORRENTE / TENSIONE Isolato a 4 vie - RS485 MODBUS- Datalogger ALIMENTAZIONE 10..40 Vdc, 20-28 Vac, 50-60 Hz USCITA

Dettagli

deitag LA GESTIONE Per dare un approccio concreto alla progettare & costruire Usare la tecnologia RfId (parte seconda)

deitag LA GESTIONE Per dare un approccio concreto alla progettare & costruire Usare la tecnologia RfId (parte seconda) progettare & costruire di FRANCO TEDESCHI Usare la tecnologia RfId (parte seconda) LA GESTIONE deitag Terminata l analisi delle caratteristiche di base dei sistemi RfId, in questo articolo vedremo come

Dettagli

BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 www.reer.it

BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 www.reer.it BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 www.reer.it 2 8540641 Rev.1-11 Aprile 2008 BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 SOMMARIO Gestione linea seriale...5 Modalità linea

Dettagli

Z-GPRS2 Z-GPRS2-SEAL

Z-GPRS2 Z-GPRS2-SEAL 100% Made & Designed in Italy -SEAL DATALOGGER GSM/GPRS CON I/O INTEGRATO E FUNZIONI DI TELECONTROLLO EASY EASY LOG VIEWER ADVANCED LANGUAGE IL PIÙ SEMPLICE SISTEMA DI TELEGESTIONE PER APPLICAZIONI UNIVERSALI

Dettagli

Hitplayer. Audio Digitale per Network. La soluzione ideale per fornire e controllare l'audio in maniera remota

Hitplayer. Audio Digitale per Network. La soluzione ideale per fornire e controllare l'audio in maniera remota La soluzione ideale per fornire e controllare l'audio in maniera remota Hitplayer Hitplayer è in grado di fornire sorgenti audio ed essere configurato per lavorare in rete. Il dispositivo ha la grande

Dettagli

Eureka Web. Connessione remota a centrali via Web

Eureka Web. Connessione remota a centrali via Web Eureka Web Connessione remota a centrali via Web Luglio 2013 2 Connessione remota a centrali via Web INDICE ACCESSO E UTILIZZO DEL PANNELLO DI CONTROLLO DI EUREKA WEB IMPOSTAZIONE DI EUREKA WEB Impostazione

Dettagli

Unità di controllo WEB-IO MANUALE D USO

Unità di controllo WEB-IO MANUALE D USO Unità di controllo WEB-IO MANUALE D USO Rel. 01.06.0000 (Codice prodotto: Web-IO) 1 www.ipses.com Le informazioni contenute nel presente documento sono proprietà di IPSES S.r.l. e devono essere considerate

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Wireless Network Esercitazioni. Alessandro Villani avillani@science.unitn.it

Wireless Network Esercitazioni. Alessandro Villani avillani@science.unitn.it Wireless Network Esercitazioni Alessandro Villani avillani@science.unitn.it Configurazione AP CISCO Serie 1200 AP 1200: Features Col firmware 12.3(2)JA l AP supporta: SSID multipli (fino a 16), per ciascuno

Dettagli

Convertitori/Ripetitori in FIBRA OTTICA

Convertitori/Ripetitori in FIBRA OTTICA FUNZIONALITA ED AFFIDABILITA I convertitori in fibra ottica danno la possibilità di estendere su fibra ottica qualsiasi tipo di rete/bus (LAN/Ethernet, CAN o seriale) anche contemporaneamente e garantiscono

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE REMOTA

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE REMOTA MANUALE DI PROGRAMMAZIONE REMOTA 2.90 Protocollo di Comunicazione Modbus NV10P-MA2 Version 2.90 NV10P-MA2 Manuale-Programmazione-Remota Page: 1 of 53 Sommario Sommario...2 1 Comunicazioni seriali Modbus...3

Dettagli

ADDENDUM MANUALE VOICEGATE SIP

ADDENDUM MANUALE VOICEGATE SIP MANUALE VOICEGATE SIP Il presente documento integra il Manuale Operativo rev. 2.0 del 09/2005 includendo le nuove features implementate con il rilascio del firmware ver. 2.27D19. 3. MENU DI CONFIGURAZIONE

Dettagli

BY 2537. Sistema di Protezione Interfaccia CEI 0-21

BY 2537. Sistema di Protezione Interfaccia CEI 0-21 BY 2537 Sistema di Protezione Interfaccia CEI 0-21 (BY2537-01) La presente documentazione è di proprietà esclusiva di: Bytronic S.r.l. Via Como 55 21050 Cairate (VA) ITALY. Essa non può essere copiata,

Dettagli

SISTEMA DI CENTRALIZZAZIONE DEGLI ALLARMI SU RETE ETHERNET

SISTEMA DI CENTRALIZZAZIONE DEGLI ALLARMI SU RETE ETHERNET SISTEMA DI CENTRALIZZAZIONE DEGLI ALLARMI SU RETE ETHERNET 1. Descrizione EUREKA definisce un insieme di apparati che consente il controllo e la gestione di sistemi d allarme centralizzati in rete locale

Dettagli

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface CANPC-S1.doc - 01/03/04 SP02002 Pagina 1 di 13 Specifica tecnica CANPC-S1 Programmable CanBus-PC interface Specifica tecnica n SP02002 Versione Autore Data File Note Versione originale BIANCHI M. 16/09/02

Dettagli

Manuale per l utente di Ethernet

Manuale per l utente di Ethernet Manuale per l utente di Ethernet Indice 1. Nome della scheda dell interfaccia & stampante disponibile... 2 2. Specifiche... 3 3. Modalità d installazione... 4 4. Configurazione della scheda dell interfaccia

Dettagli

MANUALE UTENTE. - i -

MANUALE UTENTE. - i - MANUALE UTENTE - i - Manuale Utente ADFL Consulting S.r.l. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo manuale può essere riprodotta o copiata in qualsiasi forma senza il consenso scritto dell

Dettagli

DADO Manuale installatore ver. 2.0 Codice 144EVD2I204 DADO. Internet / Gateway MODBUS ITALIANO. MANUALE INSTALLATORE ver. 2.0 CODICE 144EVD2I204

DADO Manuale installatore ver. 2.0 Codice 144EVD2I204 DADO. Internet / Gateway MODBUS ITALIANO. MANUALE INSTALLATORE ver. 2.0 CODICE 144EVD2I204 DADO Internet / Gateway MODBUS ITALIANO MANUALE INSTALLATORE ver. 2.0 CODICE 144EVD2I204 pag 1 di 34 Importante Leggere attentamente questo documento prima dell installazione e prima dell uso del dispositivo

Dettagli

m0n0wall monowall Un firewall in 5 minuti Fausto Marcantoni Anno Accademico 2005-2006 fausto.marcantoni@unicam.it

m0n0wall monowall Un firewall in 5 minuti Fausto Marcantoni Anno Accademico 2005-2006 fausto.marcantoni@unicam.it m0n0wall monowall Un firewall in 5 minuti Fausto Marcantoni Anno Accademico 2005-2006 fausto.marcantoni@unicam.it Prevenire è meglio che curare Chi ben comincia Tutto ciò che non è espressamente permesso

Dettagli