Licenze firmware CAMILLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Licenze firmware CAMILLO"

Transcript

1 Comm.SEC di Valter Foresto Cell Sede Operativa: Strada della Pronda 66/8bis Torino Sede Legale: Via Francesco Millio Torino Tel Partita IVA: Codice Fiscale: FRSVTR54A11C665T REA: Licenze firmware CAMILLO Revisione Valter Foresto Soluzioni e Prodotti Configurabili per Sistemi di Automazione, Monitoraggio e Controllo Distribuito Con le licenze firmware CAMILLO le risorse hardware della piattaforma ospite (come ad esempio CHAMELEON di EurogiDevices) vengono esposte sulle porte di comunicazione wired come Ethernet / RS485 / USB-Seriale e sulle porte di comunicazione wireless come Z-Wave / ZigBee / WiFi e Bluetooth. L'uso del Protocollo InterLINK per accedere e gestire le risorse hardware della piattaforma ospite rende i prodotti hardware con le licenze firmware CAMILLO estremamente attraenti per rapporto prestazioni/prezzo ed applicabili facilmente nella realizzazione di applicazioni per Sistemi di Misura, Automazione e Controllo Distribuito sia locale che remoto. Le applicazioni possono essere sviluppate tramite SCADA 'Supervisory Control And Data Acquisition' o con qualsiasi linguaggio di programmazione che supporti lo scambio di stringhe ASCII tramite linee Seriali ed Ethernet-Internet TCP/IP che vedono il prodotti con firmware CAMILLO installato come risorse distribuite in rete accessibili e controllabili esternamente dal software applicativo sviluppato ad-hoc dal Cliente stesso o da Comm.SEC su specifica del Cliente. Parallelamente al Protocollo InterLINK, sempre presente su tutte le licenze CAMILLO per permetterne una semplice configurabilità ed utilizzo dell'hardware della piattaforma ospite, le licenze CAMILLO ROSSO e CAMILLO GIALLO integrano anche il Protocollo ModbusTCP Server sulla porta di comunicazione Ethernet e ModbusRTU sulla porta di comunicazione RS485 sia in versione Server (CAMILLO ROSSO) che Client (CAMILLO GIALLO). Il firmware CAMILLO GIALLO realizza inoltre un Gateway sia InterLINK che ModbusTCP verso ModbusRTU. Le caratteristiche principali delle Licenze Firmware CAMILLO sono : Licenze Firmware "CAMILLO" VERDE ROSSO GIALLO Indirizzo IP / DHCP Client X X X Indirizzo InterLINK Server X X X InterLINK Server via USB-Seriale X X X InterLINK Server via HTTP X X X InterLINK Server via RS485 X InterLINK / ModbusRTU Gateway - - X Indirizzo ModbusTCP Server - X X Indirizzo ModbusRTU Server - X - Indirizzo ModbusRTU Client - - X ModbusTCP Server via Ethernet - X X ModbusRTU Server via RS485 - X - ModbusRTU Client su RS X ModbusTCP / ModbusRTU Gateway - - X Sincronizzazione RTC via Internet NTP X X X Acquisizione Automatica STATO X X X Trasmissione STATO via SYSLOG/Multicast X X X Rilevazione Automatica EVENTI X X X Trasmissione EVENTI via SYSLOG/Multicast X X X 1 / 17

2 Caratteristiche del Protocollo InterLINK Semplice e veloce da comprendere Semplice ed immediato da usare Utilizzabile manualmente o programmaticamente tramite applicazioni ad-hoc Basato sul set di caratteri ASCII raccolti in pacchetti trasmessi velocemente ed in unica soluzione I comandi sono stringhe ASCII raccolte in pacchetti che vengono trasmessi con il metodo dell'invio da riga di comando con editing di riga Le risposte sono stringhe ASCII raccolte in pacchetti e vengono ricevute con il metodo del display della riga di risposta Utilizzabile manualmente via Terminale Seriale RS-232 o RS-485 o USB-Seriale Utilizzabile manualmente su Ethernet / Internet via Web-Browser HTTP ed opzionalmente via Terminali TELNET Utilizzabile tramite qualsiasi applicazione scritta in un linguaggio di programmazione che supporti linee Seriali e/o Ethernet / Internet con protocollo TCP/IP Protocollo con feedback degli errori formali molto robusto soprattutto quando usato su Ethernet / Internet con protocollo TCP/IP Tutti i canali di comunicazione previsti dalla licenza firmware possono funzionare contemporaneamente Le singole transazioni comando / risposta sui singoli canali di comunicazione sono protette temporalmente e sono eseguite dall' inizio alla fine con il criterio first-in / firstout in fase di acquisizione / esecuzione Pacchetti con 'errori di comunicazione' o 'malformati' che non rispettano il Protocollo InterLINK vengono 'scartati in modo silente', mentre i pacchetti ben formati ottengono sempre una risposta dal Protocollo Applicativo di InterLINK con la segnalazione puntuale degli eventuali errori rilevati Tutti le licenze firmware Comm.SEC della Linea di firmware configurabili CAMILLO utilizzano il paradigma, il protocollo di comunicazione ed il protocollo applicativo InterLINK 2 / 17

3 Risorse Hardware e Registri InterLINK e Modbus Le RISORSE di qualunque piattaforma hardware sono rappresentate dal firmware CAMILLO che implementa InterLINK e Modbus da aree di memoria, lineari e limitate, a cui si accede tramite Comandi di Lettura e Scrittura. Le aree di memoria associate alle RISORSE (persistenti per EEPROM/FRAM o volatili per RAM) contengono i dati scambiati sempre e comunque in unità da 16 bits dette REGISTRI nel formato big-endian (cioè byte più significativo per primo seguito dal byte meno significativo) indipendentemente dall' architettura del processore utilizzato dalla piattaforma hardware ospite. Le diverse RISORSE sono raggruppate in sezioni diverse identificate ed accessibili mediante i seguenti criteri: 'I'nputs Read-Only INPUTS hardware dependent registers variables 'C'onfigurations Read-Only EEPROM/FRAM persistent parameters 'P'arameters Read-Write EEPROM/FRAM persistent parameters 'S'tored settings Read-Write EEPROM/FRAM persistent settings 'V'olatile settings Read-Write RAM volatile settings (copyed from 'S'tored settings at Power On Reset) 'E'rrors up-counters Read-Write RAM volatile up-counter registers 'L'CD Display image Read-Write RAM image for the Liquid Cristal Display 'T'ime RTC image Read-Write RAM image for the Real Time Clock 'H'oldings Read-Write RAM volatile registers variables and outputs 'M'odbus resources Read-Write Modbus registers / variables Tutte le RISORSE possono essere sempre LETTE 'R'ead mentre possono essere SCRITTE 'W'rite quelle che non siano di tipo 'I'nputs o 'C'onfigurations che sono invece 'solo leggibili' Tabella delle Risorse Hardware e dei Registri InterLINK e Modbus per piattaforma hardware CHAMELEON di EurogiDevices Tipo RISORSA Indirizzo Modbus Numero di registri Comando InterLINK (Decimale) (16 bits, big-endian) RW Formato: _cc,ii,oo,ll[,dd,dd, ]_ Ingressi Hardware X- "_ri,0,0,11_" Uscite (Holdings RAM) XX "_rh,0,2,4_" "wh,0,3,1,255_" "_wh,0,0,4,xff,255,x80,128_" Configurazione EEPROM X- "_rc,0,0,16_" Parametri EEPROM XX "_rp,0,0,16_" "_rp,0,17,13_" "_wp,0,0,1,1234_" Impostazioni EEPROM XX "_rs,0,0,16_" "_ws,0,0,4,1234,x56ab,sci,sao_" Impostazioni RAM XX "_rv,0,0,16_" "_wv,0,0,3,x800,1,x23_" Contatori Errore RAM XX "_re,0,0,16_" "_re,0,17,16_" "_we,0,15,4,0,0,0_" Display (copia RAM) XX "_rl,0,0,16_" "_wl,0,16,3,sic,soa,x2020_" Orologio (copia RAM) XX "_rt,0,0,16_" "_rt,0,17,16_" "_wt,0,0,3,x0230,x0116,x0522_" 3 / 17

4 Esempio di Power On Reset visto dalla Console su piattaforma CHAMELEON 1 La Console è accessibile dalla porta USB-Seriale alla velocità di bps N81 tamite Terminale (es: PuTTY ). Nell' ordine vengono riportati: Licenza Firmware installata Piattaforma hardware su cui è installata la licenza CAMILLO La revisione Firmware nel formato anno-mese-giorno L' indirizzo a 16 bits della porta InterLINK usata dal firmware CAMILLO Gli indirizzi Modbus RTU e TCP (porta 502) usati da firmware CAMILLO (presenti solo nelle versioni ROSSO e GIALLO, essendo il VERDE esclusivamente basato su InterLINK) L' indirizzo IP della porta Ethernet ( è il default) L' indirizzo IP del Server Syslog sulla porta 514 a cui il firmware CAMILLO invia STATI ed EVENTI in modalità automatica quando impostato per farlo tramite la bitmask relativa via InterLINK o Modbus. In questo caso sono abilitati entrambi, lo stato <STS> è alla Console ed al Server Syslog di default ogni 20 secondi, mentri gli eventi <EVT> sono inviati ogni qualvolta viene rilevato un cambiamento di stato sugli ingressi digitali od analogici, preceduti dal carattere '#' per evidenziarli nella stringa XML trasmessa La port 80 HTTP è sempre abilitata per inviare e ricevere pacchetti InterLINK tramite webservices Se la licenza CAMILLO prevede ModbusTCP viene indicato se il comportamento è Server o Server / Gateway Viene specificato l' uso fatto dalla licenza per la porta RS485 Viene letto l' RTC, quando presente, che tipicamente è impostato per lavorare in formato UTC, se abilitata, come di default, la funzione di sincronizzazione dell' RTC questo viene eseguito connettendosi con il Server di Tempo NTP in Internet configurato dopo 6 secondi dal Power On Reset e ripetuto di default ogni 12 ore *** InterLINK 'CAMILLO GIALLO' *** * Platform: CHAMELEON * Firmware: * USB-Serial: Console and InterLINK Server * InterLINK ID: 0 Addr: 1, ModbusTCP Addr: 247 * Camillo IP: * Syslog Server IP: * HTTP: InterLINK Server * ModbusTCP: Server / ModbusRTU Gateway * RS485: ModbusRTU Client used by InterLINK and ModbusTCP Gateway [9600 N 8 1] * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 15:09:55 [ ] * <EVT> i[0] t[ 0] ao[ ] di[#1 #1 #1 #1] ai[#0105 #0979 #0980 #0980 #0980 #0980 #0981 ] </EVT> * NTP Server reference time request * NTP Server response is * NTP Time (seconds since Jan ): * UNIX Time (seconds since Jan ): * UTC Time: 13:10:52 * <STS> i[0] t[ 20] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 13:11:04 [ ] * <EVT> i[0] t[ 32] ao[ ] di[# ] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 35] ao[ ] di[ 0 #0 1 1] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 37] ao[ ] di[ 0 #1 1 1] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 38] ao[ ] di[ 0 #0 1 1] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 39] ao[ ] di[#1 #1 1 1] ai[ ] </EVT> * <STS> i[0] t[ 40] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 13:11:24 [ ] * <EVT> i[0] t[ 51] ao[ ] di[ ] ai[# ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 56] ao[ ] di[ ] ai[# ] </EVT> 4 / 17

5 Esempi di Comandi InterLINK I commenti sono riportati in rosso nel log seguente CAMILLO riporta sempre sulla Console l' origine del canale di comunicazione con cui stà eseguendo l' attuale transazione _RI,0,0,11 RI,0,0,11,x0001,x0001,x0001,x0001,x03C7,x03D4,x03D4,x03D4,x03D5,x03D4,x03D5_ Read Inputs, i primi quattro registri rappresentano i 4 tasti di un CHAMELEON 1, i successivi 7 gli ingressi analogici a 10 bits (010Vdc) _WI,0,0,1,1-2_ Gli Inputs non possono essere scritti! Errore con causa 2 (dalla tabella Errori InterLINK COMMAND_UNKNOWN_ERROR) _RC,0,0,16 RC,0,0,16,xA5A5,x001F,x97FF,x0000,x0000,x0001,x0000,x0001,x436F,x6D6D,x2E53,x4543,x2D54,x6F72,x696E,x6F20_ I valori di Configurazione possono essere letti, per il loro significato vedere la descrizione dei Registri di Configurazione _WC,0,0,1,0-2_ I valori di Configurazione non possono essere scritti! Errore con causa 2 (dalla tabella Errori InterLINK COMMAND_UNKNOWN_ERROR) _RP,0,0,16 RP,0,0,16,x0000,x01F7,xC0A8,x0AC8,xFFFF,xFF00,xC0A8,x0A01,xC0A8,x0AFE,xC0A8,x0AFF,xC1CC,x72E8,x0000,x0000_ I valori dei Parametri operativi possono essere essere letti, per il loro significato vedere la descrizione dei Registri dei Parametri _RP,0,17,12 RP,0,17,12,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0808,x0808,x0000,x0000,x0050,x01F6,x0202_ InterLINK non legge/scrive più di 16 registri per volta per mantenere ridotti i buffer RAM con cui vengono scambiati dati con il mondo esterno, così, come in questo caso, essendo 29 i Registri dei Parametri sono stati letti i primi sedici seguiti poi dai rimanenti 13 _WP,0,0,1,X1234 WP,0,0,1,X1234_ I Parametri operativi possono essere variati, qui ad esempio di stà variando l' indirizzo InterLINK che verrà utilizzato, come avviene anche per tutti gli altri parametri come ad esempio l' indirizzo IP, SOLO al successivo Power On Reset così con il comando seguente leggiamo e riportiamo al default il registro precedentemente modificato _RP,0,0,1 RP,0,0,1,x1234 WP,0,0,1,0 WP,0,0,1,0 RS,0,0,16 RS,0,0,16,x0000,x0014,x0005,xA8C0,xFFFF,xFFFF,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000_ I Setting sono registri operativi in EEPROM che vengono copiati nei registri RAM Volatiles al successivo Power On Reset _WS,0,0,1,3 WS,0,0,1,3_ Quì stiamo impostando la trasmissione automatica di STATO ed EVENTI _WV,0,0,1,X8000 WV,0,0,1,X8000_ che rendiamo operativi immediatamente richiedendo un Power On Reset programmatico scrivendo la maschera REMOTE_SOFT_RESET nel registro RAM Volatiles 0 detto 'utilityfunctionsmasks' e descritto nel seguito viene eseguito il Power On Reset indotto dalla presenza della maschera REMOTE_SOFT_RESET nel registro Volatile 'utilityfunctionsmasks' *** InterLINK 'CAMILLO GIALLO' *** * Platform: CHAMELEON * Firmware: * USB-Serial: Console and InterLINK Server * InterLINK ID: 0 Addr: 1, ModbusTCP Addr: 247 * Camillo IP: * Syslog Server IP: / 17

6 * HTTP: InterLINK Server * ModbusTCP: Server / ModbusRTU Gateway * RS485: ModbusRTU Client used by InterLINK and ModbusTCP Gateway [9600 N 8 1] * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 13:29:41 [ ] * <EVT> i[0] t[ 0] ao[ ] di[#1 #1 #1 #1] ai[#0967 #0980 #0980 #0980 #0980 #0980 #0981 ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 8] ao[ ] di[# ] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 9] ao[ ] di[# ] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 15] ao[ ] di[ ] ai[# ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 16] ao[ ] di[ ] ai[# ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 17] ao[ ] di[ ] ai[# ] </EVT> * <STS> i[0] t[ 20] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * <STS> i[0] t[ 40] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> la maschera REMOTE_SOFT_RESET nel registro Volatile 'utilityfunctionsmasks' è stata riportata a 0 dal Power On Reset e come si visto si sono attivate le funzionalità richieste. Ora per comodità le fermiamo _WV,0,0,1,0 WV,0,0,1,0_ e leggiamo i valori dei registri Variables (vedi valori dei registri Settings e Variables nel seguito) _RV,0,0,16 RV,0,0,16,x0000,x0014,x0005,xA8C0,xFFFF,xFFFF,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000_ Leggiamo ora i registri che conteggiano gli Errors di sistema invrementando il loro valore (vedi tabella Errori di sistema più avanti) _RE,0,0,16 RE,0,0,16,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000_ scriviamo e poi rileggiamo il registro 2 (HTTP_OVERRUN_ERROR) _WE,0,2,1,X1234 WE,0,2,1,X1234 RE,0,0,4 RE,0,0,4,x0000,x0000,x1234,x0000_ Leggiamo l' intero contenuto dell' LCD di CHAMELEON 1 (il valore nei registri relativi ai caratteri ASCII attualmente visualizzati dall' LCD sono in formato Little-Endian a causa dell'architettura del processore ospite sul quale InterLINK scrive e legge in formato Big-Endian) _RL,0,0,16 RL,0,0,16,x6920,x694C,x6B6E,x2020,x4143,x494D,x4C4C,x204F,x4720,x6169,x6C6C,x206F,x3032,x3331,x3530,x3332_ Leggiamo qui invece i primi 32 bytes (16 registri) dei 64 bytes (32 registri) dell' RTC di CHAMELEON 1 _RT,0,0,16 RT,0,0,16,x3123,x0013,x0523,x0013,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000,x0000_ dovrebbe, rileggendo i 16 registri, risultare evidente in quale byte l' RTC rappresenta i secondi _RT,0,0,6 RT,0,0,6,x3140,x0013,x0523,x0013,x0000,x0000_ Essendo un CAMILLO GIALLO quello usato in questo momento, sono disponibili le funzioni di Gateway InterLINK / ModbusRTU che sono qui usate per connettersi ad un DAT3011 di DATEXEL per leggerne i primi 16 registri _RM,1,0,16_ * Tx RS485: * Rx RS485: A A 04 _RM,1,0,16,x0065,x0900,x0000,x3033,x3131,x0007,x0001,x0064,x0202,x0700,x0400,x0003,x000A,x0000,x0000,x0000_ attuare l' uscita 1 nel byte alto del registro 9 _WM,1,8,2,0,X200_ * Tx RS485: F3 69 * Rx RS485: C0 0A _WM,1,8,2,0,X200_ e rileggendo lo stato dei 16 registri per verificarne l' esecuzione _RM,1,0,16_ * Tx RS485: * Rx RS485: A D 00 _RM,1,0,16,x0065,x0900,x0000,x3033,x3131,x0007,x0001,x0064,x0200,x0200,x0400,x0003,x000A,x0000,x0000,x0000_ 6 / 17

7 HTTP Web-Services I comandi InterLINK sono stati dati negli esempi precedenti da Console, ma si può utilizzare un qualsiasi browser web invece della Console per comandare un Server InterLINK remoto via HTTP web-services: Il comando viene scritto nell' URL (nell'immagine di esempio ) ed inviato premento il tasto Return o F5, si ottiene una pagina web dal Server InterLINK con la risposta al comando inviato. Esempi di Comandi Modbus Per questa dimostrazione viene utilizzato come Client ModbusTCP e ModbusRTU il software ComTestPro di BaseBlock Software (http://www.baseblock.com/). Gli indirizzi ModbusTCP e ModbusRTU sono contenuti nel registro 1 dei Parametri EEPROM che ha come default il valore esadecimale 0x01F7, in particolare il byte più significativo (default 1) è l' indirizzo ModbusRTU mentre il meno significativo (default 247 decimale pari a 0xF7 esadecimale) è l' indirizzo ModbusTCP. Il valore 1 e 247 sono i limiti di indirizzamento del protocollo Modbus ed il firmware CAMILLO usa nella gestione lato InterLINK il concetto che qualunque indirizzo nel range è sempre considerato un indirizzo Modbus, mentre tutti gli altri (0, 248,, 65535) possono essere indirizzi InterLINK contenuto nel registro 0 dei Parametri EEPROM che ha come default il valore 0 come indirizzo InterLINK. Questo concetto è utilizzato dal firmware CAMILLO GIALLO per effettuare il Gateway da InterLINK lato Ethernet a ModbusRTU sul bus RS485. La documentazione Modbus di riferimento, sia a livello applicativo che a livello di struttura dei pacchetti TCP che Seriale RS485 che vedremo negli esempi seguenti, è reperibile sul sito ufficiale come Modbus Specifications and Implementation Guides che rappresentano le uniche specifiche ufficiali e pubbliche del protocollo Modbus. L' obbiettivo di InterLINK nei confronti di Modbus è quello di RENDERE TRASPARENTE ALL' UTILIZZATORE LE DIFFICOLTA' DI MODBUS come nel prodotto firmware CAMILLO GIALLO, essendo però Modbus uno standard industriale molto affermato le versioni CAMILLO ROSSO e CAMILLO GIALLO espongono oltre a InterLINK tutte le funzionalità Modbus di Client, Server e Gateway come descritto nella tabella, presentata in precedenza, che ne sintetizza le funzionalità nei confronti di ModbusTCP 7 / 17

8 e ModbusRTU. Questa prima serie di esempi usa CAMILLO ROSSO che espone un Server Modbus sia sulla porta 502 TCP che sulla porta RTU su bus RS485. Vengono presentati i comandi Modbus su entrambe le porte di comunicazione TCP e RTU/RS485, per questo la presentazione è un po' lunga ma non particolarmente complessa, i commenti sono al solito in rosso. Power On Reset di un CAMILLO ROSSO *** InterLINK 'CAMILLO ROSSO' *** * Platform: CHAMELEON * Firmware: * USB-Serial: Console and InterLINK Server * InterLINK ID: 0 Addr: 1, ModbusTCP Addr: 247 * Camillo IP: * Syslog Server IP: * HTTP: InterLINK Server * ModbusTCP: Server * RS485: ModbusRTU Server [9600 N 8 1] * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 18:22:25 [ ] * <EVT> i[0] t[ 0] ao[ ] di[#1 #1 #1 #1] ai[#0978 #0978 #1015 #1015 #0979 #0977 #0978 ] </EVT> * NTP Server reference time request * NTP Server response is * NTP Time (seconds since Jan ): * UNIX Time (seconds since Jan ): * UTC Time: 16:38:26 * <STS> i[0] t[ 20] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> Togliamo l' invio automatico di STATO es EVENTI usando la Console (disattiviamo tutte le funzioni azzerando il registro 0 Volatiles) _WV,0,0,1,0 WV,0,0,1,0_ Nel pacchetto TCP trascuriamo i primi 5 bytes (vedi documenti ufficiali Modbus consigliati in precedenza), il sesto (0x06) è la lunghezza PDU comando che riporta: 0xF7 indirizzo ModbusTCP di destinazione 0x03 funzione di Read Multiple Registers 0x0000 indirizzo registro Modbus iniziale 0x000B lunghezza / numero di registri da leggere, 11 in questo caso non c'è controllo CRC in quanto realizzato a livello IP tramite CRC-32 * Rx ModbusTCP: F B * Tx ModbusTCP: F D2 03 D2 03 F7 03 F7 03 D3 03 D1 03 D2 La risposta riporta 0x19 (25 decimale) bytes di PDU nella risposta: 0xF7 indirizzo ModbusTCP 0x03 funzione di Read Multiple Registers, senza errori 0x16 (22 bytes) lunghezza degli 11 valori dei registri letti 22 bytes contenenti gli 11 registri rappresentati in forma Big-Endian Lettura dei 16 registri Configurations (indirizzo Modbus iniziale 100 decimale, come da Tabella delle Risorse Modbus vista in precedenza) * Rx ModbusTCP: F * Tx ModbusTCP: F A5 A5 00 1F 97 FF F 6D 6D 2E D 54 6F E 6F 20 Lettura dei primi 16 registri Parameters (indirizzo Modbus iniziale 200 decimale, come da Tabella delle Risorse Modbus vista in precedenza) * Rx ModbusTCP: F C * Tx ModbusTCP: F F7 C0 A8 0A C8 FF FF FF 00 C0 A8 0A 01 C0 A8 0A FE C0 A8 0A FF C1 CC 72 E Lettura della seconda parte di registro Settings (indirizzo Modbus iniziale 317 decimale, con lunghezza 12) * Rx ModbusTCP: F D9 00 0C * Tx ModbusTCP: B F F Lettura dei 16 registri Settings (indirizzo Modbus iniziale 300 decimale, come da Tabella delle Risorse Modbus vista in precedenza) * Rx ModbusTCP: F C * Tx ModbusTCP: B F A8 C0 FF FF FF FF Scrittura del registro 0 Volatiles (indirizzo Modbus iniziale 400 decimale, con valore 0x0007 per l'attivazione 8 / 17

9 delle funzioni automatiche di reports STATO, EVENTI e TEMPO UTC) * Rx ModbusTCP: F * Tx ModbusTCP: F * <STS> i[0] t[220] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 16:42:08 [ ] * <EVT> i[0] t[233] ao[ ] di[ #0] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[236] ao[ ] di[ #1] ai[ ] </EVT> * <STS> i[0] t[240] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 16:42:28 [ ] Riscrittura del registro 0 Volatiles per disabilitare le funzioni automatiche di reports STATO, EVENTI e TEMPO UTC attivate dal comando precedente * Rx ModbusTCP: F * Tx ModbusTCP: F Lettura dei primi 16 registri Errors * Rx ModbusTCP: F F * Tx ModbusTCP: F Scrittura dei primi due registri Errors con i valori 0x4142 e 0x4243 * Rx ModbusTCP: B F F * Tx ModbusTCP: F F Rilettura dei primi 16 registri Errors per verifica * Rx ModbusTCP: F F * Tx ModbusTCP: F Scrittura dei primi 4 caratteri (2 registri) LCD all' indirizzo Modbus iniziale 600 * Rx ModbusTCP: B F * Tx ModbusTCP: F Rilettura dei 16 registri LDC * Rx ModbusTCP: F * Tx ModbusTCP: F B 6E D 4C 4C 20 4F F 6F Lettura dei 16 registri LCD * Rx ModbusTCP: F BC * Tx ModbusTCP: F E9 D4 D6 5E FE DC 65 E5 49 3C 14 6A 7E B 59 3B DC Rilettura dei primi 16 registri RTC * Rx ModbusTCP: F BC * Tx ModbusTCP: F E9 D4 D6 5E FE DC 65 E5 49 3C 14 6A 7E B 59 3B DC Rilettura dei primi 16 registri RTC, notare che sono trascorsi 2 secondi dal precedente comando (byte in verde) * Rx ModbusTCP: F BC * Tx ModbusTCP: F E9 D4 D6 5E FE DC 65 E5 49 3C 14 6A 7E B 59 3B DC Lettura dei 6 registri Holdings * Rx ModbusTCP: F * Tx ModbusTCP: F F7 03 0C Scrittura dei registri Holdings 0 con valore 0x00FF ed 1 con valore 0x0000 (le uscite PWM sono valori ad 8 bits che vanno così da 0x0000 a 0x00FF) * Rx ModbusTCP: B F FF * Tx ModbusTCP: F Rilettura dei 6 registri Holdings per veriica * Rx ModbusTCP: F * Tx ModbusTCP: F F7 03 0C 00 FF #### da questo punto in poi vengono ripetuti in senso inverso i comandi sul lato ModbusRTU #### si provi a descrivere autonomamente le azioni svolte partendo dalle informazioni acquisite nelle descrizioni precedenti delle azioni eseguite lato ModbusTCP * Rx RS485: C4 46 * Tx RS485: C 00 FF A / 17

10 * Rx RS485: FF A5 07 * Tx RS485: * Rx RS485: C4 46 * Tx RS485: C FF D6 84 * Rx RS485: BC * Tx RS485: C E9 D4 D * Rx RS485: BC * Tx RS485: C E9 D4 D6 8D 20 * Rx RS485: A3 * Tx RS485: C B 6E D EB 6F * Rx RS485: C 17 * Tx RS485: C1 2B * Rx RS485: A3 * Tx RS485: C B 6E D * Rx RS485: F C6 * Tx RS485: C B7 D8 * Rx RS485: F F0 88 * Tx RS485: F A * Rx RS485: F C6 * Tx RS485: C * Rx RS485: C4 19 * Tx RS485: C A8 C0 FF FF FF FF 21 1D * Rx RS485: EA 02 * Tx RS485: C * <STS> i[0] t[700] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 16:50:30 [ ] * <EVT> i[0] t[709] ao[ ] di[ #0] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[710] ao[ ] di[ #1] ai[ ] </EVT> * Rx RS485: AB C0 * Tx RS485: C * Rx RS485: C B1 3C * Tx RS485: C C1 B8 * Rx RS485: C FD * Tx RS485: C A8 C0 FF FF FF FF 21 1D * Rx RS485: C BB 6F * Tx RS485: C F _RI,0,0,11 RI,0,0,11,x0001,x0001,x0001,x0001,x03D2,x03D2,x03F7,x03F7,x03D3,x03D1,x03D2_ 10 / 17

11 * Rx RS485: C B6 18 * Tx RS485: C F * Rx RS485: C * Tx RS485: C F7 C0 A8 0A C8 FF FF FF B5 * Rx RS485: * Tx RS485: C A5 A5 00 1F 97 FF * Rx RS485: AE 74 * Tx RS485: D C0 * Rx RS485: C5 C8 * Tx RS485: C D2 03 D2 97 CC * Rx RS485: A6 50 * Tx RS485: D C0 * Rx RS485: A9 00 * Tx RS485: C * Rx RS485: A 00 * Tx RS485: C *** InterLINK 'CAMILLO ROSSO' *** * Platform: CHAMELEON * Firmware: * USB-Serial: Console and InterLINK Server * Set EEPROM Configurations and Parameters default * InterLINK ID: 0 Addr: 1, ModbusTCP Addr: 247 * Camillo IP: * Syslog Server IP: * HTTP: InterLINK Server * ModbusTCP: Server * RS485: ModbusRTU Server [9600 N 8 1] * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 18:37:39 [ ] * <EVT> i[0] t[ 0] ao[ ] di[#1 #1 #1 #1] ai[#0978 #0978 #1015 #1015 #0979 #0977 #0978 ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 13] ao[ ] di[ #0] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 15] ao[ ] di[ #1] ai[ ] </EVT> * <STS> i[0] t[ 20] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 18:37:59 [ ] * <STS> i[0] t[ 40] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 18:38:20 [ ] * <STS> i[0] t[ 60] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 18:38:40 [ ] 11 / 17

12 Questa seconda serie di esempi usa invece CAMILLO GIALLO che espone un Server ModbusTCP sulla porta 502 e che fa anche da Gateway ModbusTCP verso la porta ModbusRTU su bus RS485. Gli stessi esempi visti per CAMILLO ROSSO lato ModbusTCP valgono anche per CAMILLO GIALLO. La rete RS485 è questa volta però Client ModbusRTU che viene pilotato tramite ModbusTCP fornendo come indirizzo ModbusTCP non quello relativo a CAMILLO GIALLO ma bensì dei componenti ModbusRTU connessi sul lato Client della rete RS485, in questo caso un DAT3011 di DATEXEL. *** InterLINK 'CAMILLO GIALLO' *** * Platform: CHAMELEON * Firmware: * USB-Serial: Console and InterLINK Server * InterLINK ID: 0 Addr: 1, ModbusTCP Addr: 247 * Camillo IP: * Syslog Server IP: * HTTP: InterLINK Server * ModbusTCP: Server / ModbusRTU Gateway * RS485: ModbusRTU Client used by InterLINK and ModbusTCP Gateway [9600 N 8 1] * RTC [UTC and UNIX] Time: 2013/05/23 17:03:41 [ ] * <EVT> i[0] t[ 0] ao[ ] di[#1 #1 #1 #1] ai[#0910 #0980 #0980 #0980 #0980 #0980 #0982 ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 17] ao[ ] di[ #0] ai[ ] </EVT> * <EVT> i[0] t[ 18] ao[ ] di[ #1] ai[ ] </EVT> * <STS> i[0] t[ 20] ao[ ] di[ ] ai[ ] </STS> Disabilitazione delle funzioni automatiche di trasmissione STATO ed EVENTI _WV,0,0,1,0 WV,0,0,1,0_ Lettura dei primi 16 registri del modulo DAT3011 con indirizzo ModbusRTU 1 dalla porta RS485 utilizzata come Client ModbusRTU dal Gateway ModbusTCP * Rx ModbusTCP: * Tx RS485: * Rx RS485: A D 00 * Tx ModbusTCP: A Attivazione delle 3 uscite del DAT3011 tramite scrittura remota del suo registro 9 con il valore 0x0700 * Rx ModbusTCP: * Tx RS485: A4 F9 * Rx RS485: D1 CB * Tx ModbusTCP: Rilettura dei 16 registri del modulo DAT3011 con indirizzo ModbusRTU 1 a partire dal suo registro 9 * Rx ModbusTCP: * Tx RS485: * Rx RS485: A A FF FF E1 * Tx ModbusTCP: A A FF FF Rilettura manuale da Console tramite comando InteLINK dei primi 16 registri del modulo DAT3011 si noti la semplicità e la potenza del comando manuale del Gateway InterLINK / ModbusRTU di CAMILLO GIALLO _RM,1,0,16_ * Tx RS485: * Rx RS485: A _RM,1,0,16,x0065,x0900,x0000,x3033,x3131,x0007,x0001,x0064,x0200,x0700,x0400,x0003,x000A,x0000,x0000,x0000_ Comando InterLINK di attivazione delle uscite 1 e 3 del Modulo DAT3011 impostate dalla parte alta del registro 9 si noti la semplicità e la potenza del comando manuale del Gateway InterLINK / ModbusRTU di CAMILLO GIALLO _WM,1,9,1,X500_ * Tx RS485: A5 99 * Rx RS485: D1 CB _WM,1,9,1,X500_ Rilettura manuale da Console dei primi 16 registri del modulo DAT3011 _RM,1,0,16_ * Tx RS485: * Rx RS485: A B C7 _RM,1,0,16,x0065,x0900,x0000,x3033,x3131,x0007,x0001,x0064,x0200,x0500,x0400,x0003,x000A,x0000,x0000,x0000_ 12 / 17

13 Rilettura via Gateway ModbusTCP dei primi 16 registri del modulo DAT3011 posto sul bus ModbusRTU * Rx ModbusTCP: * Tx RS485: * Rx RS485: A A FF FF 0E F * Tx ModbusTCP: A A FF FF 0E Dettaglio RISORSE per piattaforme hardware CHAMELEON di EurogiDevices //--- InterLINK Errors --- // Transmitted with minus sign inside InterLINK packet response like "_-2_" (COMMAND_UNKNOWN_ERROR) #define PACKET_FORMAT_ERROR 1 #define COMMAND_UNKNOWN_ERROR 2 #define ID_DESTINATION_ERROR 3 #define ID_RESOURCE_ERROR 4 #define LENGTH_ERROR 5 #define FIELD_ERROR 6 #define RTC_ERROR 7 #define MODBUS_EXCEPTION_ERROR 10 //--- MODBUS EXCEPTION plus following Exception Code --- #define MODBUS_RESPONSE_TIMEOUT_ERROR 0 // RESPONSE TIMEOUT Exception Code #define MODBUS_ILLEGAL_FUNCTION #define MODBUS_ILLEGAL_DATA_ADDRESS #define MODBUS_ILLEGAL_DATA_VALUE 1 // ILLEGAL FUNCTION Exception Code 2 // ILLEGAL DATA ADDRESS Exception Code 3 // ILLEGAL DATA VALUE Exception Code //--- Read-Only INPUTS 'I' --- offset length description (0) (1) KEY_1 / Digital Input 1 (1) (1) KEY_2 / Digital Input 2 (2) (1) KEY_3 / Digital Input 3 (3) (1) KEY_4 / Digital Input 4 (4) (1) INPUT_1 / Analog Input 1 Passivi (no pull-up a 10Vdc) (5) (1) INPUT_2 / Analog Input 2 Passivi (no pull-up a 10Vdc) (6) (1) INPUT_3 / Analog Input 3 Analog Output su CHAMELEON 2 (7) (1) INPUT_4 / Analog Input 4 Analog Output su CHAMELEON 2 (8) (1) INPUT_5 / Analog Input 5 Attivi (pull-up a 10Vdc) (9) (1) INPUT_6 / Analog Input 6 Attivi (pull-up a 10Vdc) (10) (1) INPUT_7 / Analog Input 7 Non presente su CHAMELEON 2 //--- Persistent CONFIGURATIONS 'C' on EEPROM --- offset length description (0) (1) Products Hardware Configured (0xA5A5) (1) (3) Ethernet MAC Address (progressively changed on EEPROM in the laboratory before shipping, 13 / 17

14 [0x00, 0x1F, 0x97, 0xFF, 0x00, 0x00] is the firmware default (4) (2) Product Serial Number on EEPROM (6) (2) Product Identifier Number on EEPROM (8) (8) Product Information String on EEPROM 16 characters //--- Persistent PARAMETERS 'P' on EEPROM --- offset length description (0) (1) InterLINK Server ID [0 default, 248, 249,, 256, 257,, 65535] (1) (1) ModbusRTU (MSB byte) and ModbusTCP (LSB byte) addresses [1 default ModbusRTU, 2, 3,, 247 default ModbusTCP] (2) (2) Ethernet / Internet IP Address, [ ] default, 32 bits big-endian ( for Multicast IPs - UDP) (4) (2) IP Netmask, [ ] local default, 32 bits big-endian (not used for Multicast IPs) (6) (2) IP Gateway [ ] local default, 32 bits big-endian (8) (2) SYSLOG Server(s) Address, [ ] local Syslog default, 32 bits big-endian (10) (2) Broadcast/Multicast Server(s) Address, [ ] local Broadcast default, 32 bits big-endian (12) (2) NTP Network Time Server Address [ ] internet default (ntp1.ien.it), 32 bits big-endian (14) (2) T_IP_1 Trusted CLIENT Ethernet / Internet IP Address, 32 bits big-endian *** actually not used *** (16) (2) T_IP_2 Trusted CLIENT Ethernet / Internet IP Address, 32 bits big-endian *** actually not used *** (18) (2) T_IP_3 Trusted CLIENT Ethernet / Internet IP Address, 32 bits big-endian *** actually not used *** (20) (2) T_IP_4 Trusted CLIENT Ethernet / Internet IP Address, 32 bits big-endian *** actually not used *** (22) (2) DNS Server Address, [ ] internet default (Google), 32 bits big-endian (24) (1) spare register, reserved for future use (25) (1) RS485 / ModbusRTU baud rate (0=9600 default, 1=19200, 2=38400), always no parity, 8 bits, 1 stop bit minimum (26) (1) spare register, reserved for future use (HTTP Port, default 80) (27) (1) spare register, reserved for future use (MODBUS_TCP Port, default 502) (28) (1) spare register, reserved for future use (SYSLOG or Broadcast/Multicast Port, default 514) //--- Persistent 'S'ettings registers EEPROM --- // Note: SETTINGS area is copyed into VOLATILE area at CAMILLO Power On Reset // Changing SETTING area make changes persistent // Changing VOLATILE area make changes temporary (restored from SETTINGS at next CAMILLO Power On Reset // System Utility Functions defines for SETTING 'utilityfunctionsmasks' (into persistent S area and volatile V area) 14 / 17

15 #define utilityfunctionsmasks volatilesregisters[0] // Bit Masks into 'utilityfunctionsmasks' : #define SYSTEM_EVENTS_ENABLED 0x0001 // Automatic transmission of STATE CHANGES on Analog and Digital Inputs #define SYSTEM_STATE_ENABLED #define SYSTEM_TIME_ENABLED #define DHCP_ENABLED #define NTP_ENABLED #define TRUSTED_IP_ENABLED 0x0002 // Automatic transmission of STATE 0x0004 // Automatic TIME display on Consolle (use same temporization of SYSTEM_STATE_ENABLED) 0x0010 // DHCP is Not Recommended in Measure, Automation and Control Applications 0x0020 0x0040 // Not yet implemented, ready for future security improvements starting September 2013 #define DEBUG 0x0800 // Verbose CONSOLE messages, set on for troubleshooting #define RTC_RAM_CLEAR 0x1000 #define RELOAD_DEFAULTS 0x4000 // The Configuration table is not reloaded (MAC, Serial Number, Identification untouched) #define REMOTE_SOFT_RESET 0x8000 // Restart from remote 'S'ettings registers defaults ('S' and 'V' resource at Power On Reset) offset length description (0) (1) 'utilityfunctionsmasks' EEPROM image (1) (1) Automatic Display and Transmission of System Image and TIME display on Console any 'x' seconds (2) (1) Acquire any 'x' per 100 milliseconds the Inputs Image and Transmit any Inputs Events if enabled (3) (1) Syncronize with NTP Time Server any 'x' seconds, default is 12 hours = sec (0xA8C0) (4) (1) Inputs without (bit_mask=0) or with (bit_mask=1) 10Vcc pull-up 1k8 ohm (bit0=input1,, bitn-1=inputn), default 10Vcc pull-up (5) (1) Outputs PWM (bit_mask=0) or DIM (bit_mask=1), (bit0=output1,, bitn-1=outputn), default to DIM (6) reserved for future use (15) reserved for future use //--- Volatile 'V'olatile registers on RAM --- VOLATILE, RAM copy of SETTINGs Registers area at Power On Reset //--- 'E'rrors 16 bits up-counters on RAM --- // ERRORS are counted on a 16 bit up-counters at offset 'error' into the 'errorresgister[]' array using function 'void Error(unsigned char error)' // ERRORS can be readed / writed using InterLINK commands 'RE' and 'WE' //--- System ERRORS registers --- #define RTC_ACCESS_ERROR 0 #define CONSOLE_OVERRUN_ERROR 1 #define HTTP_OVERRUN_ERROR 2 15 / 17

16 #define TELNET_OVERRUN_ERROR 3 #define MODBUS_TCP_OVERRUN_ERROR 4 #define MODBUS_RTU_OVERRUN_ERROR 5 #define RS485_OVERRUN_ERROR 6 #define NTP_SYNCRONIZATION_ERROR 7 up to 32 registers //--- LCD Display Image --- *Non presente su CHAMELEON 2 16 bits registers (0..8 first LCD row in "Little Endian" mode, swapped couple of characters) (9..15 second LCD row in "Little Endian" mode, swapped couple of characters) //--- RTC and backup RAM Image --- *Non presente su CHAMELEON 2 16 bits registers (0) secondsbcd, minutesbcd (1) hoursbcd, weekdaybcd (2) daybcd, monthbcd (3) yearbcd, controlbits (431) rambackupuserregisters //--- Volatile REGISTERS 'H' OUTPUTs and RAM --- offset length description *Su CHAMELEON 1 (0) (1) OUTPUT_1 8 bits PWM Register (1) (1) OUTPUT_2 8 bits PWM Register (2) (1) OUTPUT_3 8 bits PWM Register (3) (1) OUTPUT_4 8 bits PWM Register (4) (1) Backligth LCD * seconds (5) (1) Buzzer ALARM * 0.1 seconds *Su CHAMELEON 2 (0) (1) OUTPUT_1 8 bits PWM Register (1) (1) OUTPUT_2 8 bits PWM Register (2) (1) OUTPUT_3 8 bits PWM Register (3) (1) OUTPUT_4 8 bits PWM Register (4) (1) OUTPUT_5 8 bits PWM Register (5) (1) OUTPUT_6 8 bits PWM Register (6) (1) OUTPUT_7 1 bits Digital Register State (Read Only) (7) (1) OUTPUT_8 1 bits Digital Register State (Read Only) (8) (1) OUTPUT_78 Digital Register Command (Read/Write) bit 8 = OUTPUT_7 Command (0=Off, 1=On) bit 9 = OUTPUT_8 Command (0=Off, 1=On) i bits sono numerati da 0 (lsb) a 15 (msb) (9) (1) ANALOG_OUTPUT_3 8 bits Analog I/O 3 (10) (1) ANALOG_OUTPUT_4 8 bits Analog I/O 4 16 / 17

17 Questo documento si propone di descrivere sinteticamente le funzioni e facilitare l' utilizzo delle piattaforme hardware che montano il firmware CAMILLO. Inviate i vostri commenti, segnalazioni e suggerimenti a con oggetto Firmware CAMILLO che pensate possano essere utili a migliorarne la qualità e la chiarezza espositiva di questa documentazione. Grazie sin d'ora per la collaborazione, Valter Foresto. 17 / 17

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

QA-TEMP CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE. eed quality electronic design

QA-TEMP CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE. eed quality electronic design Power Fail Rx Tx Dout QEED www.q.it info@q.it CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE Isolato a 4 vie - RS485 MODBUS- Datalogger CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE Isolato a 4 vie - RS485 MODBUS- Datalogger

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

MANUALE D USO RTSDOREMIPOS

MANUALE D USO RTSDOREMIPOS MANUALE D USO RTSDOREMIPOS PROGRAMMA DI GESTIONE SCAMBIO IMPORTO E ALTRE FUNZIONI TRA APPLICATIVO GESTIONALE E POS INGENICO PER PAGAMENTO ELETTRONICO (prot. 17) Versione 1.0.0.0 INDICE INDICE... 2 LEGENDA...

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI GUIDA D INSTALLAZIONE E USO Contenuto della Confezione La confezione Alice Business Gate 2 plus Wi-Fi contiene il seguente

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless AP Router Portatile Wireless HNW150APBR www.hamletcom.com Indice del contenuto 1 Introduzione 8 Caratteristiche... 8 Requisiti dell apparato... 8 Utilizzo del presente documento... 9 Convenzioni di notazione...

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Pd10 Dc motor controll

Pd10 Dc motor controll PD Manuale Utente Pd Dc motor controll manuale utente cps sistemi progetti tecnologici Presentazione Congratulazioni per aver scelto Pd, una affidabile scheda elettronica per la movimentazione di precisione

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

UPS Communicator. UPS Communicator - Manuale Italiano Release 1.16 1

UPS Communicator. UPS Communicator - Manuale Italiano Release 1.16 1 UPS Communicator 1 Licenza d uso L'uso del SOFTWARE prodotto da Legrand (il PRODUTTORE) è gratuito. Procedendo di spontanea volontà all'installazione l UTENTE (persona fisica o giuridica) accetta i rischi

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it SmsMobile.it Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it Istruzioni Backoffice Post get http VERSION 2.1 Smsmobile by Cinevision srl Via Paisiello 15/ a 70015 Noci ( Bari ) tel.080 497 30 66

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Unità di controllo gruppi elettrogeni

Unità di controllo gruppi elettrogeni Unità di controllo gruppi elettrogeni Pag. 8 Pag. 9 CONTROLLORI PROTEZIONE MOTORE Avviamento con o senza selettore a chiave. Ingressi e uscite programmabili. LED frontali diagnostica e allarmi motore.

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

Manuale del fax. Istruzioni per l uso

Manuale del fax. Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Manuale del fax 1 2 3 4 5 6 Trasmissione Impostazioni di invio Ricezione Modifica/Conferma di informazioni di comunicazione Fax via computer Appendice Prima di utilizzare il prodotto

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Modulo opzionale PowerFlex 20-750-ENETR EtherNet/IP a due porte

Modulo opzionale PowerFlex 20-750-ENETR EtherNet/IP a due porte Manuale di istruzioni Modulo opzionale PowerFlex 20-750-ENETR EtherNet/IP a due porte Numero revisione firmware 1.xxx Informazioni importanti per l utente L apparecchiatura a stato solido presenta caratteristiche

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Altri cifrari a blocchi

Altri cifrari a blocchi Altri cifrari a blocchi Barbara Masucci Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno masucci@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/masucci RC2 [1989] IDEA (International

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Telecamera IP Wireless/Wired. Manuale d uso

Telecamera IP Wireless/Wired. Manuale d uso Telecamera IP Wireless/Wired VISIONE NOTTURNA & ROTAZIONE PAN/TILT DA REMOTO Manuale d uso Contenuto 1 BENVENUTO...-1-1.1 Caratteristiche...-1-1.2 Lista prodotti...-2-1.3 Presentazione prodotto...-2-1.3.1

Dettagli

Qualora il licenziatario si attenga alle condizioni del presente contratto di licenza, disporrà dei seguenti diritti per ogni licenza acquistata.

Qualora il licenziatario si attenga alle condizioni del presente contratto di licenza, disporrà dei seguenti diritti per ogni licenza acquistata. CONTRATTO DI LICENZA PER IL SOFTWARE MICROSOFT WINDOWS VISTA HOME BASIC WINDOWS VISTA HOME PREMIUM WINDOWS VISTA ULTIMATE Le presenti condizioni di licenza costituiscono il contratto tra Microsoft Corporation

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Imola Prontuario di configurazioni di base

Imola Prontuario di configurazioni di base Imola Prontuario di configurazioni di base vers. 1.3 1.0 24/01/2011 MDG: Primo rilascio 1.1. 31/01/2011 VLL: Fix su peso rotte 1.2 07/02/2011 VLL: snmp, radius, banner 1.3 20/04/2011 VLL: Autenticazione

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete FS-1118MFP Guida all'installazione dello scanner di rete Introduzione Informazioni sulla guida Informazioni sul marchio Restrizioni legali sulla scansione Questa guida contiene le istruzioni sull'impostazione

Dettagli

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli