Norme per la redazione del testo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Norme per la redazione del testo"

Transcript

1 Norme per la redazione del testo Norme ortografiche e per la redazione dei segni di interpunzione Puntini di sospensione Sono sempre solo tre e si inseriscono con l apposito carattere unico. Come ogni segno di punteggiatura vanno staccati dalla parola che segue ma attaccati a quella che li precede. Parentesi La parentesi di apertura non è mai preceduta da virgola. Il punto fermo andrà all interno della parentesi se questa contiene una frase autonoma rispetto al testo, andrà invece all esterno quando conclude un periodo cominciato prima della parentesi. Le parentesi quadre si usano ogni volta che si introduce nel testo un aggiunta, una spiegazione, un riferimento, una traduzione. Vengono inoltre utilizzate per segnalare un taglio o una lacuna nel testo, inserendo tra parentesi il simbolo dei puntini di sospensione [ ]. Trattino Il trattino delimitatore di incisi e quello usato nelle elencazioni è sempre medio ( e non -). Non essendo facilmente disponibile sulla tastiera si può usare il doppio trattino breve: -- (facilmente sostituibile in fase di impaginazione dal grafico). Il trattino breve ( - ) si usa per legare due parole in un unico concetto (per esempio: nordest). Va usato solo nei casi in cui sia effettivamente necessario. Virgolette Vanno scritti tra virgolette i termini che specificano il significato di un altro termine, i dialoghi e le frasi indirette, i titoli di riviste o giornali. Quando viene citato un brano da un opera, la citazione si racchiude tra virgolette basse (); le intercitazioni tra virgolette elevate doppie ( ); eventuali ulteriori intercitazioni tra virgolette elevate semplici ( ). Se non si sanno immettere dalla tastiera i caporali, possono essere sostituiti con i segni < e >. L uso delle virgolette esclude quello del corsivo. Nei dialoghi ogni battuta è introdotta dalle virgolette basse, che si chiudono anche in caso di inciso. Esempio: «Mi spieghi», disse, «mi racconti tutto!». Apostrofi L apostrofo deve essere usato per operare l elisione della vocale finale di articoli, preposizioni articolate e aggettivi, quando la parola che segue incomincia per vocale producendo una cacofonia. Si usa anche per indicare l elisione della vocale finale in alcune forme imperative. Es. fa = fai, va = vai. Non si usa l apostrofo, invece, in caso di caduta della sillaba finale o della vocale finale di una parola a prescindere da come inizi la parola che segue (per esempio: «po» quando sta per «poco»). Si usa l apostrofo nelle date in sostituzione del millennio e del secolo ( 64); l apostrofo non deve essere girato. Non vanno mai usati due apostrofi di seguito. 1

2 Accenti Le lettere maiuscole vanno accentate, non apostrofate. Es. È e non E. Si usa l accento grave sulle parole: è (verbo essere), cioè, caffè, tè, piè. Si usa l accento acuto sulle parole: perché, poiché, né, affinché, sé, benché, finché. Si usa l accento sui monosillabi: dì (quando vuol dire giorno), lì, là (quando sono avverbi), dà (indicativo presente, terza persona di «dare»), sì (quando è affermazione), sé (quando non precede «stesso»), né (negazione). Non si usa l accento sui monosillabi «fa» (verbo «fare»), «do» (verbo dare ). D eufoniche Eliminare le d eufoniche, tranne di fronte al verbo essere o nel caso di incontro di vocali uguali. Va sempre evitato l uso di «od». Alla forma «ad esempio» va sempre preferita la forma «per esempio». Stili Fra i diversi stili disponibili nei programmi di videoscrittura utilizzare solo il corsivo per le parti di testo che lo richiedono (titoli di libri, termini stranieri o altro). Non usare mai né il neretto (o grassetto) né il sottolineato (eccetto per il caso dei nomi degli autori nella bibliografia). Per le sigle e gli acronimi utilizzare il maiuscoletto (ONU). Per i numeri romani, invece, sempre il MAIUSCOLO. Non scrivere mai, nemmeno i titoli, in TUTTO MAIUSCOLO. In generale: se non esplicitamente necessario, è bene evitare l uso dell iniziale maiuscola. Si scrivono con l iniziale minuscola i nomi dei giorni e dei mesi e i nomi di popolazioni, di razze, di religioni. Sigle, numeri, simboli e segni diacritici Le sigle e gli acronimi si scrivono in maiuscoletto omettendo i punti divisori, e devono essere di norma sciolte alla loro prima occorrenza. I numeri vanno in genere espressi in lettere, a meno che non siano troppo lunghi o molto numerosi nel testo. Le percentuali si esprimono con il simbolo % in una tabella o in un elencazione, ma in lettere nel testo (il 10 per cento della popolazione), a meno che si tratti di un testo molto tecnico in cui la percentuale ricorre spesso. I periodi di tempo vanno preferibilmente espressi così: negli anni Settanta, negli anni Quaranta. Indicare la presenza di caratteri o segni particolari (lettere greche, segni diacritici, simboli matematici, ecc.), evidenziando in modo ben visibile sulla copia stampata la parola modificata e scrivendo a penna il tipo di segno. Abbreviazioni All interno del testo le abbreviazioni vanno usate il meno possibile: si preferisce che le parole siano scritte per esteso. Nelle note e nelle bibliografie si fa invece uso di abbreviazioni. 2

3 Rimandi all interno del testo I rimandi non dovrebbero mai riferirsi a numeri di pagina: si può invece rimandare a sezioni del testo (capitoli, paragrafi, sottoparagrafi), alle illustrazioni, alle tabelle, alle equazioni e/o formule, alle appendici e agli esempi, che sono opportunamente numerati. Se indicare il numero di pagina sarà necessario, indicare in neretto i rimandi interni a capitoli, note, disegni, ecc., il cui numero di pagina dovrà essere individuato sulle bozze definitive. Citazioni Le citazioni di lunghezza minore alle tre righe vanno incorporate nel testo, fra virgolette caporali. Le citazioni di lunghezza superiore alle tre righe vanno composte in corpo minore, non tra virgolette, separate con uno spazio dal testo che le precede e le segue. Scrivere l eventuale riferimento al testo citato tra parentesi tonde alla fine della citazione. Figure e tabelle Le figure e le tabelle devono essere numerate e accompagnate da didascalie illustrative. Ogni illustrazione che non sia creazione dell autore del testo nel quale essa appare, inoltre, deve riportare: le indicazioni complete di titolo, autore, anno di realizzazione; l indicazione della fonte (altro libro, museo, località e così via); l indicazione del detentore dei diritti di riproduzione, al quale si sarà richiesto l assenso alla riproduzione. Indicazioni bibliografiche per le citazioni Non si dovrebbero mescolare le note esplicative con quelle bibliografiche. È preferibile creare la bibliografia alla fine del volume e all interno del testo utilizzare il rimando con il sistema autore-data per esempio: (Carré, 1996) indicando tra parentesi il nome dell autore e la data originale di pubblicazione: l autore e la data vanno fra parentesi tonda; se l autore è già menzionato nel testo, fra parentesi va solo la data; il nome dell autore e la data sono separate da una virgola; le indicazioni di pagina vanno dopo la data (anche in questo caso seguita da una virgola); quando di un autore si cita contemporaneamente più di un opera, le date di riferimento vanno separate da un punto e virgola; quando di un autore si citano due o più titoli apparsi nello stesso anno, questi si distinguono da una lettera alfabetica minuscola e progressiva in tondo. Nella bibliografia finale apparirà il testo completo di data originale, seguita dal titolo della versione tradotta in italiano che è stata l edizione di riferimento per l autore. Esempio: rutter m., rutter m. (1992), L arco della vita, Firenze, Giunti,

4 Note La numerazione delle note ricomincia a ogni capitolo. I numeri delle note vanno posti sempre prima dei segni di punteggiatura e a esponente. Uniche eccezioni: dopo il punto interrogativo, quello esclamativo e i puntini di sospensione. Nelle note l autore va citato con il nome di battesimo puntato che precede il cognome (il contrario di quello che accade nella bibliografia). Bibliografie Alla fine del testo è opportuno offrire un elenco di tutte le opere citate nel testo con i dati bibliografici completi. Nel caso di opere straniere, è necessario verificare se ne esista la traduzione italiana. Compilazione Per la compilazione delle bibliografie alla fine del testo procedere secondo il seguente ordine: a. cognome e nome completo dell autore a lettere sottolineate (che nell impaginazione finale diventeranno maiuscoletto); anche le iniziali devono essere minuscole (leopardi g.). Nel caso di iniziali doppie di nomi propri eliminare lo spazio tra l una e l altra: j.j. rousseau. b. data dell edizione originale tra parentesi; d. titolo completo dell opera (i capitoli in opere collettanee in tondo tra caporali); e. città di edizione (nella lingua d origine) ed editore; f. data di pubblicazione. minois g. (2003), Storia del mal di vivere, Bari, Dedalo, morselli g., Dissipatio H.G., Milano, Adelphi, rutter m., rutter m. (1992), L arco della vita, Firenze, Giunti, I titoli di capitoli, parti o paragrafi interni a un volume vanno in tondo tra virgolette basse. Le bibliografie vanno sempre italianizzate. Per esempio togliendo i due punti usati in quelle americane, e mettendo «a cura di» invece di «ed.» o «eds». Per tutti i casi più complessi fare riferimento all uso consolidato della casa editrice, consultando qualche libro Magi già pubblicato. Per articoli tratti da riviste: a. cognome e iniziale del nome dell autore a lettere sottolineate (che nell impaginazione finale diventeranno maiuscoletto); anche le iniziali devono essere minuscole (leopardi g.) b. data della redazione originale tra parentesi; d. titolo (in corsivo); e. nome della rivista tra caporali; f. numero progressivo, anno, data. g. numeri di pagina. migone p., Farmaci antidepressivi nella pratica psichiatrica: efficacia reale, «Psicoterapia e scienze umane», 3, mendlewicz j., rainer p., Morbidity risk and genetic transmission in maniac-depressive illness, «America Journal of Human Genetics», 26, 1974, pp Elenchi Le strutture a lista, o elenchi, hanno la funzione di dare al testo un impostazione funzionale e chiara quando chi scrive deve elencare più elementi di una serie o passaggi successivi di una procedura. Sono previsti due tipi di elenchi: 4

5 quelli in cui ogni elemento della lista inizia con lettera minuscola e finisce con un punto e virgola, tranne l ultimo, seguito da un punto fermo; in questo caso l elenco è quasi sempre evidenziato da trattini (lunghi ), qualche volta da lettere (minuscole, tonde e puntate); quelli in cui ogni elemento della lista inizia con lettera maiuscola e finisce con il punto, perché ognuno di essi costituisce un lungo periodo autonomo, articolato e completo. Sono segnalati inizialmente da numeri o da un pallino nero e sono preceduti e seguiti da una riga vuota che li distanzia dal testo. Traduzioni 1. Il traduttore deve rispettare i capoversi del testo originale. 2. Se nel testo originale ci sono infratesti spaziati e con corpo minore, mantenerli nella traduzione in modo che siano facilmente individuabili in fase di impaginazione. 3. Effettuare la ricerca bibliografica, per integrare eventuali dati mancanti di un testo citato o verificare se ne esista la traduzione italiana. 4. Segnalare ogni manchevolezza del testo originale (dati contraddittori, inesattezze) ed evidenziare in neretto le parole o i periodi dubbi. È comunque auspicabile che la maggior parte dei problemi venga risolta prima della consegna del manoscritto. Indicare sulla stampa la presenza di caratteri o segni particolari (lettere greche, segni diacritici, simboli matematici, ecc.). 5. Non omettere di tradurre alcuna parte, pagina, paragrafo o riga, e in caso segnalarlo. Oltre al testo, tradurre: i titoli dei libri citati all interno del testo e non pubblicati in italiano (porre il titolo tradotto tra parentesi quadre); le dediche o citazioni; l indice generale; le note (attenzione: le note aggiunte dal traduttore devono sempre essere differenziate da quelle dell autore, per esempio con l indicazione [N.d.T] posta all inizio); le didascalie delle figure; la quarta di copertina; l indice analitico (attenzione: le voci dell indice analitico non vanno ordinate alfabeticamente. Questo lavoro verrà fatto successivamente in redazione). 6. Eseguire il controllo ortografico sul documento. 7. Controllare l esatta trascrizione di nomi e cognomi su tutto il testo. 8. Lo stile e il linguaggio dell autore/traduttore non vanno alterati e anzi devono essere rispettati il più possibile. 9. Alla consegna del lavoro il dischetto deve essere accompagnato da una stampa su carta, e da una nota con commenti per segnalare problemi, peculiarità o tutto ciò che possa essere utile ai fini delle successive impaginazione e correzione di bozze. 10. Le voci di un eventuale indice analitico sono minuscole e non vanno ordinate alfabeticamente. A questo provvederà successivamente la redazione quando l impaginato sarà in fase finale. 5

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5 «Filosofia» Norme redazionali Regole generali Autore: Times New Roman, corpo 14, corsivo, interlinea 1,5 Titolo saggio: Times New Roman, corpo 14, grassetto, interlinea 1,5 Titolo paragrafo: Times New

Dettagli

FORMATO PROVA FINALE

FORMATO PROVA FINALE FORMATO PROVA FINALE Il Consiglio di Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione ha deliberato di adottare un nuovo format per le tesi cui occorre dunque attenersi. Quelle qui riportate sono le regole

Dettagli

mimesis edizioni norme editoriali

mimesis edizioni norme editoriali mimesis edizioni norme editoriali Norme editoriali Pagina 1 di 6 UTILIZZO DI WORD Usare l inserimento automatico delle note a piè di pagina e NON ricominciare la numerazione da 1 per un nuovo capitolo,

Dettagli

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare:

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare: ADEMPIMENTI PER LAUREANDI Scadenze da rispettare per potersi laureare: 1) Prima della consegna della domanda di laurea il laureando dovrà accedere al sito di AlmaLaurea (http://www.unica.it/almalaurea),

Dettagli

Norme redazionali Liguori

Norme redazionali Liguori Norme redazionali Liguori 1. Indicazioni generali A) Si prega di utilizzare, per la stesura dei documenti destinati alla pubblicazione, il word processor Microsoft Word (sistema operativo Windows oppure

Dettagli

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea Brevi istruzioni su come fare una tesi I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea L inizio e la fine Una delle prime cose da fare per cominciare

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO

NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO Chiediamo a ciascun Autore di fornire i propri testi in file Word. Formato: mandare i testi in Word (o.doc o.docx), e.rtf.

Dettagli

Centro Studi ed Esperienze Scout Baden-Powell Norme redazionali di Esperienze e Progetti NORME REDAZIONALI

Centro Studi ed Esperienze Scout Baden-Powell Norme redazionali di Esperienze e Progetti NORME REDAZIONALI NORME REDAZIONALI Per agevolare la lavorazione degli articoli da pubblicare su Esperienze e Progetti proponiamo ai collaboratori queste norme redazionali. Le ragioni sono molte, la più ovvia è la necessità

Dettagli

Prova finale / Regole tipografiche

Prova finale / Regole tipografiche Prova finale / Regole tipografiche Copertina: scaricare dal sito http://www.unibg.it/provafinale il file della Facoltà di riferimento ed inserire i dati personali. Di seguito si forniscono indicazioni

Dettagli

Corso Intensivo di Formazione per Redattore di Casa Editrice

Corso Intensivo di Formazione per Redattore di Casa Editrice Corso Intensivo di Formazione per Redattore di Casa Editrice Bando del corso 2016 I. IL CORSO IN BREVE L obiettivo del corso è quello di formare delle figure che siano in grado di operare nel difficile

Dettagli

- controllare che le virgolette doppie non siano dritte (" ") ma tonde doppie o all inglese ( )

- controllare che le virgolette doppie non siano dritte ( ) ma tonde doppie o all inglese ( ) Norme Redazionali I contributi devono essere presentati in file Word, carattere Garamond corpo 12 (note corpo 10), interlinea 1,5, giustificato, senza tabulazioni o rientri. Il titolo deve essere in grassetto,

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Norme per gli autori e i collaboratori

Norme per gli autori e i collaboratori Norme per gli autori e i collaboratori Gli articoli vanno consegnati su file, e non devono superare le 20 cartelle (circa 3000 battute ciascuna, spazi inclusi). Le recensioni non devono superare le due

Dettagli

Norme redazionali HB

Norme redazionali HB Norme redazionali HB 1. Impostazioni di pagina Per il LAYOUT PAGINA, impostare: Formato pagina: A5 Margini: superiore cm 2,5 inferiore cm 2 sinistro cm 2 destro cm 2 piè di pagina: cm 2 rilegatura: 0 Per

Dettagli

Linee Guida Editoriali AIRInforma

Linee Guida Editoriali AIRInforma Linee Guida Editoriali AIRInforma Ogni articolo deve seguire le norme qui riportate. E molto importante che ogni autore controlli che il proprio articolo si adegui alle seguenti norme, prima di sottometterlo

Dettagli

PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA. Facoltà di Missiologia

PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA. Facoltà di Missiologia PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA Facoltà di Missiologia ELEMENTI DI METODOLOGIA SCIENTIFICA ALCUNI SUGGERIMENTI 1. CITAZIONE IN NOTA, A PIÈ PAGINA: 1.1. Per un libro: Nome (si consiglia che sia per esteso,

Dettagli

PER GLI AUTORI. Norme Redazionali

PER GLI AUTORI. Norme Redazionali PER GLI AUTORI Norme Redazionali Lunghezza Gli articoli, comprensivi di note e di riferimenti bibliografici, non devono superare le 7.000 parole. Le recensioni dei libri non devono superare le 1.500 parole.

Dettagli

NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI INDICE

NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI INDICE NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI CAROCCI EDITORE S.P.A. Via Sardegna N 50-00187 Roma Indirizzo Internet: http://www.carocci.it - E-mail: red@carocci.it Sede Redazione: via Santa Teresa, 23-00198 Roma

Dettagli

Corso Universitario Intensivo per Redattore di Casa Editrice

Corso Universitario Intensivo per Redattore di Casa Editrice Corso Universitario Intensivo per Redattore di Casa Editrice I. Il corso in breve L obiettivo del corso è quello di formare delle figure che siano in grado di operare nel difficile e sempre più articolato

Dettagli

Guida allo Stile per traduzioni. (italiano)

Guida allo Stile per traduzioni. (italiano) Guida allo Stile per traduzioni (italiano) 1 1. INTRODUZIONE 2. PUNTEGGIATURA Punto Virgolette Virgola Punto e Virgola Due Punti Accento 3. ORTOGRAFIA Parole Straniere 4. GRAMMATICA Uso del Corsivo invece

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II VADEMECUM DEL TESISTA PREMESSA Questo scritto costituisce un supporto alla stesura dell elaborato finale. Per questo motivo, ciascun candidato è tenuto a prenderne visione prima di procedere alla redazione

Dettagli

Norme redazionali AItLA foglio di stile per gli autori

Norme redazionali AItLA foglio di stile per gli autori foglio di stile per gli autori 1. Generalia Si prega di seguire scrupolosamente le norme redazionali della collana e di non utilizzare fogli di stile o altri tipi di formattazione automatica diversi da

Dettagli

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto:

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto: UN ESEMPIO Il testo che troverete qui sotto è un esempio di testo regolativo. Esso è stato scritto per facilitare la realizzazione di un testo tecnico di tipo particolare, la relazione di stage. Osservate

Dettagli

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali Italiano Tecnico 2007-2008 Note e bibliografia Criteri redazionali Le note Funzione e collocazione I testi professionali e scientifici possono essere corredati da note, testi generalmente brevi che accompagnano

Dettagli

0 libro 0 interno 0 testo libro 0 immagini 0 titoli e didascalie img 0 file foto e figure 0 tabelle 0 titoli e didascalie tab 0 file tabelle

0 libro 0 interno 0 testo libro 0 immagini 0 titoli e didascalie img 0 file foto e figure 0 tabelle 0 titoli e didascalie tab 0 file tabelle NORME DI REDAZIONE EDIZIONI POLIPRESS 1. FORMATO DEL MATERIALE Tutto il materiale necessario per l edizione di un testo Polipress deve essere consegnato in formato digitale. 1 Il contenuto dovrà essere

Dettagli

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE GLI ELEMENTI ESSENZIALI DELLA LETTERA COMMERCIALE Intestazione Individua il nome e il cognome o la ragione sociale di chi scrive; contiene inoltre l indirizzo e i recapiti

Dettagli

Norme redazionali Rubbettino editore. «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre

Norme redazionali Rubbettino editore. «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre Norme redazionali Rubbettino editore «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre Corsivi va usato esclusivamente per i titoli dei libri

Dettagli

Correzioni delle bozze di stampa

Correzioni delle bozze di stampa Correzioni delle bozze di stampa Le tabelle di questa appendice descrivono l impiego dei simboli di correzione elle bozze prescritti dall UNI (UNI 5041, Correzioni delle bozze di stampa). In generale,

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

Norme Editoriali RACCOMANDAZIONI GENERALI

Norme Editoriali RACCOMANDAZIONI GENERALI Norme Editoriali RACCOMANDAZIONI GENERALI Si invitano i collaboratori a seguire scrupolosamente le norme grafiche e redazionali qui di seguito riportate. In ogni caso è bene attenersi alla massima uniformità

Dettagli

ESAME DI STATO REGOLE PER LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA ALL ESAME DI STATO

ESAME DI STATO REGOLE PER LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA ALL ESAME DI STATO REGOLE PER LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA ALL ESAME DI STATO La cosiddetta tesina dell Esame di Stato è in realtà un argomento scelto liberamente dal candidato, con il quale ha inizio il colloquio dell

Dettagli

SUGGERIMENTI FORMALI PER SCRITTURA TESI E TESINE

SUGGERIMENTI FORMALI PER SCRITTURA TESI E TESINE SUGGERIMENTI FORMALI PER SCRITTURA TESI E TESINE Premessa È evidente che una tesi di laurea deve servire soprattutto a chi la scrive, come impegnativo momento di esercizio formale e di ricerca approfondita

Dettagli

Berk, K. N. (1978), "Comparing Subset Regression Procedures," Technometrics, 20, 1-6.

Berk, K. N. (1978), Comparing Subset Regression Procedures, Technometrics, 20, 1-6. Erasmo VASSALLO DICAP, Univ.Palermo Di seguito alcuni consigli per la redazione della tesi o del report di stage. Non sono ovviamente tutti criteri obbligatori; l importante è rispettare il principio di

Dettagli

Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale

Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale L elaborato deve contenere nell ordine le seguenti parti: 1. copertina 2. frontespizio 3. indice 4.

Dettagli

Unifepress - Norme redazionali

Unifepress - Norme redazionali Ai collaboratori si richiede di osservare le seguenti norme: Invio dei contributi. I contributi devono essere inviati esclusivamente in formato elettronico al Comitato di Redazione di Unifepress (unifepress@unife.it),

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

CINERGIE ONLINE Norme redazionali

CINERGIE ONLINE Norme redazionali CINERGIE ONLINE Norme redazionali CINERGIE MEDIA I testi devono essere compresi tra 5000 e 7000 battute e NON devono contenere note. Per tutto il resto si rimanda alle norme di CINERGIE SEMESTRALE CINERGIE

Dettagli

Note per la redazione delle tesi di laurea

Note per la redazione delle tesi di laurea Note per la redazione delle tesi di laurea (proff. Pietro Perconti e Alessio Plebe) Introduzione Queste note intendono guidare lo studente alla stesura della propria tesi di laurea, affinché il documento

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125 Stampa unione buste: passaggio 2 di 6 Con il pulsante Sfoglia, come nei casi precedenti, seleziona il file elenco per i destinatari da stampare sulle buste. Nel quarto

Dettagli

Norme redazionali. Gli articoli proposti per la pubblicazione devono conformarsi alle seguenti norme redazionali:

Norme redazionali. Gli articoli proposti per la pubblicazione devono conformarsi alle seguenti norme redazionali: Norme redazionali Gli articoli proposti per la pubblicazione devono conformarsi alle seguenti norme redazionali: 1) Gli articoli inediti e non sottoposti alla valutazione di altre riviste, devono essere

Dettagli

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali TESI Laurea Triennale - Norme redazionali Formattazione 1. I testi devono essere redatti utilizzando il font Times New Roman 2. Il corpo del carattere deve essere di 12 o 13 punti (le note vanno in corpo

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione. Linee guida editoriali atti dell Autorità

Autorità Nazionale Anticorruzione. Linee guida editoriali atti dell Autorità Autorità Nazionale Anticorruzione Linee guida editoriali atti dell Autorità Premessa Con il presente documento si intende rendere omogenee le modalità di scrittura degli atti dell Autorità per uniformarli

Dettagli

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Corso di Laurea in Scienze della Formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione SPORTELLO TESI Istruzioni per lo svolgimento della TESI DI LAUREA o della PROVA FINALE in SCIENZE DELLA FORMAZIONE

Dettagli

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte.

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Tutte le altre informazioni, non contenute in questo documento, potete trovarle nel sito http://www.ababo.it/aba/tesi/ Caratteristiche

Dettagli

INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA. IIS V. Benini Prof. Marco Menna

INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA. IIS V. Benini Prof. Marco Menna INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA IIS V. Benini Prof. Marco Menna 1 NORME PER LO SVOLGIMENTO DEL COLLOQUIO D ESAME O.M. 37/2014, ART. 16 c. 2. Il colloquio ha inizio con un argomento

Dettagli

Norme per la compilazione della tesi di diploma accademico di 1 e di 2 livello

Norme per la compilazione della tesi di diploma accademico di 1 e di 2 livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Via Galilei 40-57122 Livorno tel 0586.403724 fax 0586 426089 http://www.istitutomascagni.it/ - segreteria@istitutomascagni.it Norme per la compilazione

Dettagli

NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI

NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI PONTIFICA FACOLTÀ TEOLOGICA DELL ITALIA MERIDIONALE SEZIONE SAN LUIGI - NAPOLI NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI Nella stesura di un lavoro scritto bisogna attenersi

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA NUMERO UNITÀ D APPRENDIMENTO 1 ASCOLTARE Comprendere l argomento e le informazioni principali di discorsi affrontati in classe. Seguire la narrazione di testi ascoltati o letti mostrando di saperne cogliere

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

ISTRUZIONI PER GLI AUTORI. Invio dei testi

ISTRUZIONI PER GLI AUTORI. Invio dei testi ISTRUZIONI PER GLI AUTORI Invio dei testi I contributi vanno inviati esclusivamente alla redazione della rivista al seguente indirizzo di posta elettronica: sociologiadeldiritto@unimi.it Gli articoli devono

Dettagli

Italiano Tecnico 2006-2007. Note e bibliografia Criteri redazionali

Italiano Tecnico 2006-2007. Note e bibliografia Criteri redazionali Italiano Tecnico 2006-2007 Note e bibliografia Criteri redazionali Le note Funzione e collocazione I testi professionali e scientifici possono essere corredati da note, testi generalmente brevi che accompagnano

Dettagli

Indicazioni generali per la grafica delle tesi1

Indicazioni generali per la grafica delle tesi1 Elio Padoano Indicazioni generali per la grafica delle tesi1 (Consiglio generale: redigere le prime bozze seguendo già le impostazioni definitive.) 1. Impostazione pagina Margini: Superiore 2,5+3,0 cm

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA IL CONTENUTO Attraverso la tesi di laurea lo studente deve elaborare in modo approfondito ed originale l argomento di ricerca assegnato. Il lavoro di tesi

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE... 1 1. Le parti di una tesi/tesina... 1 L indice-sommario... 1 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 1 La introduzione...

Dettagli

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA PASSO 1 Per prima cosa pensiamo al formato generale della pagina: i margini richiesti da una tesi sono quasi sempre più ampi di quelli di un testo normale. Apriamo ora

Dettagli

CRITERI REDAZIONALI PER LA PUBBLICAZIONE DI WORKING PAPERS NELLA COLLANA ENTER WORKING PAPERS SERIES

CRITERI REDAZIONALI PER LA PUBBLICAZIONE DI WORKING PAPERS NELLA COLLANA ENTER WORKING PAPERS SERIES CRITERI REDAZIONALI PER LA PUBBLICAZIONE DI WORKING PAPERS NELLA COLLANA ENTER WORKING PAPERS SERIES Ottobre 2010 Versione 1.1 Via Roentgen 1 20136 Milano Telefono: +39.02 5836.2533 2532 Telefax : +39.02

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI Carlo Bo. Corso di Diploma triennale in Scienze della Mediazione Linguistica

SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI Carlo Bo. Corso di Diploma triennale in Scienze della Mediazione Linguistica SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI Carlo Bo Corso di Diploma triennale in Scienze della Mediazione Linguistica Guida alla Dissertazione scritta di Prova finale 1. Premessa Con la dissertazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA Raccomandazione iniziale: E opportuno che le note siano poste a pie di pagina

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione I. Linee guida generali L elaborato finale va presentato, entro il termine perentorio di 30 giorni

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE 1. Le parti di una tesi/tesina... 2 L indice-sommario... 2 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 2 La introduzione... 3 L elaborato... 3 Gli indici bibliografici...

Dettagli

Sommari, indici e riferimenti incrociati in Word 2010 Strutturare i documenti in modo ordinato

Sommari, indici e riferimenti incrociati in Word 2010 Strutturare i documenti in modo ordinato Sommari, indici e riferimenti incrociati in Word 2010 Strutturare i documenti in modo ordinato Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2010 Quando lavorate con documenti piuttosto

Dettagli

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI La Casa editrice Olschki è da sempre particolarmente attenta alla cura e uniformità grafica delle proprie pubblicazioni. Nell intento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

Suggerimenti per la normalizzazione della grafia dei termini in uso nei testi correnti della Sapienza

Suggerimenti per la normalizzazione della grafia dei termini in uso nei testi correnti della Sapienza Suggerimenti per la normalizzazione della grafia dei termini in uso nei testi correnti della Sapienza Versione 03 aprile 2007 Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma Suggerimenti per la

Dettagli

Il Nuovo Manuale di Stile

Il Nuovo Manuale di Stile I LIBRI SEMPRE APERTI Il Nuovo Manuale di Stile di Roberto Lesina EDIZIONE 2.0 GUIDA ALLA REDAZIONE DI DOCUMENTI, RELAZIONI, ARTICOLI, MANUALI, TESI DI LAUREA I LIBRI SEMPRE APERTI Il Nuovo Manuale di

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

Vademecum di scrittura per la tesi prof. Stefano Casi stefano.casi2@unibo.it

Vademecum di scrittura per la tesi prof. Stefano Casi stefano.casi2@unibo.it Vademecum di scrittura per la tesi prof. Stefano Casi stefano.casi2@unibo.it Queste pagine sono un vademecum per aiutare il laureando nella scrittura della tesi. Le indicazioni qui contenute vanno seguite

Dettagli

CORREZIONE BOZZE Una breve guida di riferimento

CORREZIONE BOZZE Una breve guida di riferimento CORREZIONE BOZZE Una breve guida di riferimento Per effettuare le correzioni sul testo attivate lo strumento Revisione presente sia in Word che in Open Office, in modo che l autore possa avere immediatamente

Dettagli

NORME REDAZIONALI. per gli autori della Rassegna Italiana di Linguistica Applicata

NORME REDAZIONALI. per gli autori della Rassegna Italiana di Linguistica Applicata NORME REDAZIONALI per gli autori della Rassegna Italiana di Linguistica Applicata Questa pagina viene aggiornata regolarmente. La presente versione è datata 12 dicembre 2013 Accesso La RILA è uno strumento

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA Luglio, 2012 1 0. PREMESSA Le tesi di laurea essere di due tipi: Tesi di Ricerca Sperimentale: lavori che si caratterizzano per la raccolta e/o l'analisi

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA Via A. Volta, 31 27100 Pavia Tel. 0382 399206 Fax 0382 399205 e-mail: vittadini @ comune.pv.it BIENNIO INTERPRETATIVO INDICAZIONI GENERALI E

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Scrivere la tesi di laurea Una premessa Il lavoro di tesi, oltre ad essere un documento amministrativo ufficiale, è un opera dell

Dettagli

Come impaginare in formato libro

Come impaginare in formato libro Come impaginare in formato libro 1. Perché è importante imitare il libro a stampa quando lo si scrive pag. 2 2. Le dimensioni del volume e l impostazione della pagina» 2 3. Caratteri, corpi (dimensione

Dettagli

La Ricp (Rivista italiana di cure palliative) è un periodico con cadenza trimestrale che pubblica:

La Ricp (Rivista italiana di cure palliative) è un periodico con cadenza trimestrale che pubblica: Norme per gli autori La Ricp (Rivista italiana di cure palliative) è un periodico con cadenza trimestrale che pubblica: articoli (ricerche originali); contributi (revisioni della letteratura, messe a punto

Dettagli

Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010

Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010 Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010 Indice 1. Come inviare i testi 2. Immagini 3. Divisione capitoli e paragrafi, titoli 4. Citazioni

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

"NORMA": MANUALE PER LA REDAZIONE DEI TESTI

NORMA: MANUALE PER LA REDAZIONE DEI TESTI "NORMA": MANUALE PER LA REDAZIONE DEI TESTI NORMATIVI c:\users\user\desktop\codicenorma.doc ii Codice per la redazione degli atti normativi ENRICO PATTARO, GIOVANNI SARTOR, ALESSANDRA CAPELLI Codice per

Dettagli

lo schema di partenza

lo schema di partenza COSTRUZIONE DELLA TESI DI LAUREA lo schema di partenza Inquadrare l argomento Individuare l oggetto della ricerca Argomentare ogni affermazione Documentare correttamente i supporti tecnologici e bibliografici

Dettagli

Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara

Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara Corso di Metodologia Teologica per gli studenti del primo anno Prof. Bruno Marien Lezione 4 16 novembre 2009 La descrizione dell'informazione

Dettagli

CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana di Cure Palliative

CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana di Cure Palliative Allegato al n. 4 2008 DI CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana Società Italiana BANDO DI CONCORSO NAZIONALE PER L ASSEGNAZIONE DI DUE PREMI PER ARTICOLI SCIENTIFICI SUL TEMA L APPROCCIO

Dettagli

OPERA OMNIA MULTIMEDIALE BEATO GIACOMO ALBERIONE AIUTO PER "CERCA NEL TESTO"

OPERA OMNIA MULTIMEDIALE BEATO GIACOMO ALBERIONE AIUTO PER CERCA NEL TESTO OPERA OMNIA MULTIMEDIALE BEATO GIACOMO ALBERIONE AIUTO PER "CERCA NEL TESTO" Lo strumento cerca nel testo permette una ricerca: nei testi di don Alberione divisi per punti (i numeri a bordo pagina dell

Dettagli

NORME EDITORIALI. nome esatto dell'opera in tondo alto/basso, ad eccezione degli acronimi

NORME EDITORIALI. nome esatto dell'opera in tondo alto/basso, ad eccezione degli acronimi NORME EDITORIALI ArchiDiAP è un portale web di contenuti riguardanti opere e contesti fisici e ambientali di particolare rilevanza e interesse per l`architettura da ogni parte del mondo. Sfruttando le

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ISTRUZIONE GENERALI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ISTRUZIONE GENERALI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI OTTICA E OPTOMETRIA BENIGNO ZACCAGNINI SEDE DI «indicare la sede in cui si è frequentato il corso» Anno formativo «indicare l'ultimo anno di frequenza» [Digitare qui il titolo della

Dettagli

AVVERTENZE PER LA CORRETTA DIGITAZIONE DI UN TESTO

AVVERTENZE PER LA CORRETTA DIGITAZIONE DI UN TESTO Norme redazionali INTRODUZIONE Queste norme sono state raccolte per facilitare il lavoro dei collaboratori della casa editrice. In queste pagine sono state inserite anche una serie di brevi avvertenze

Dettagli

I quaderni del MdS. La correzione di bozze di Francesca Pacini

I quaderni del MdS. La correzione di bozze di Francesca Pacini I quaderni del MdS La correzione di bozze di Francesca Pacini giugno 2006 2 Indice La correzione di bozze 3 Gli strumenti 4 Come correggo? 5 Che errori cerco? 8 La differenza tra editing e correzione di

Dettagli

LA PUNTEGGIATURA IL PUNTO LA VIRGOLA PUNTO E VIRGOLA I DUE PUNTI PUNTO INTERROGATIVO PUNTO ESCLAMATIVO I SEGNI DI INTERPUNZIONE E LE PARENTESI IL PUNTO si usa quando tra due frasi oppure due periodi c

Dettagli

EUT - Edizioni Università di Trieste Norme Redazionali

EUT - Edizioni Università di Trieste Norme Redazionali EUT - Edizioni Università di Trieste Norme Redazionali Copyright 2008 EUT Proprietà letteraria riservata. I diritti di traduzione, memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale e

Dettagli

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo.

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. II^ lezione IMPARIAMO WORD Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. Oggi prendiamo in esame, uno per uno, i comandi della

Dettagli

Norme redazionali per le tesi di laurea

Norme redazionali per le tesi di laurea Norme redazionali per le tesi di laurea Come costruire le note a piè pagina? Il modello autore-data consente di costruire un apparato di note estremamente economico, poiché non richiede la menzione di

Dettagli

NORME EDITORIALI FUP (Scienze umane e scienze sociali) Sommario. I. Norme generali 2

NORME EDITORIALI FUP (Scienze umane e scienze sociali) Sommario. I. Norme generali 2 NORME EDITORIALI FUP (Scienze umane e scienze sociali) Sommario I. Norme generali 2 1) Preparazione dei testi 2 2) Criteri editoriali di base 2 3a) Riferimenti bibliografici secondo il sistema harvardiano

Dettagli

STRUTTURA DELLE TESI

STRUTTURA DELLE TESI Master in: Management per Funzioni di Coordinamento delle Professioni Sanitarie Tecniche A.A. 2010/2011 STRUTTURA DELLE TESI La modalità di svolgimento della prova finale consiste nella presentazione orale

Dettagli

WORD per WINDOWS95. Un word processor e` come una macchina da scrivere ma. con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera

WORD per WINDOWS95. Un word processor e` come una macchina da scrivere ma. con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera WORD per WINDOWS95 1.Introduzione Un word processor e` come una macchina da scrivere ma con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera ed appare sullo schermo. Per scrivere delle maiuscole

Dettagli

Access. Microsoft Access. Aprire Access. Aprire Access. Aprire un database. Creare un nuovo database

Access. Microsoft Access. Aprire Access. Aprire Access. Aprire un database. Creare un nuovo database Microsoft Access Introduzione alle basi di dati Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale limitato Meccanismi di sicurezza, protezione di dati e gestione

Dettagli

Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi

Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi Per facilitare il lavoro della redazione e ridurre i tempi di lavorazione, si raccomanda agli autori di attenersi alle seguenti raccomandazioni.

Dettagli

Imparare a vendere la nostra professionalità.

Imparare a vendere la nostra professionalità. Imparare a vendere la nostra professionalità. Imparare a vendere la nostra professionalità. 2010 La preparazione del proprio curriculum è un momento intenso e come tale deve essere vissuto. Presentarsi

Dettagli