ALLEGATO RAPPORTO DI RICERCA N. 1 FORME DI COPERTURA DELLE PRESTAZIONI INTEGRATIVE A QUELLE EROGATE DAL SSN IN UN CONTESTO DI FEDERALISMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO RAPPORTO DI RICERCA N. 1 FORME DI COPERTURA DELLE PRESTAZIONI INTEGRATIVE A QUELLE EROGATE DAL SSN IN UN CONTESTO DI FEDERALISMO"

Transcript

1 ALLEGATO RAPPORTO DI RICERCA N. 1 FORME DI COPERTURA DELLE PRESTAZIONI INTEGRATIVE A QUELLE EROGATE DAL SSN IN UN CONTESTO DI FEDERALISMO Regione dell Umbria Direzione regionale Sanità e Servizi sociali Universita degli Studi di Perugia Dipartimento di Economia Finanza e Statistica Perugia, 17 ottobre 2005

2 I N D I C E RICERCA I - IL QUADRO NAZIONALE: I LEA E GLI INTERVENTI INTEGRATIVI...1 IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEI LEA (L.PELLICCIA)....1 MECCANISMI E RECENTI PROPOSTE DI FINANZIAMENTO DELLA NON AUTOSUFFICIENZA IN ITALIA (M. GIANNONI E L. PELLICCIA)...7 RECENTI PROPOSTE ED INTERVENTI A LIVELLO NAZIONALE:...8 RIFERIMENTI...23 BIBLIOGRAFIA...35 RICERCA II - IL MERCATO DELLE ASSICURAZIONI VOLONTARIE DI MALATTIA IN ITALIA (M.GIANNONI)...41 INTRODUZIONE...41 TIPOLOGIE DI ASSICURAZIONE CONTRO LE MALATTIE VOLONTARIE IN ITALIA...48 LIVELLI DI COPERTURA...52 LE POLIZZE VHI IN ITALIA...54 CARATTERISTICHE DEL MERCATO DELLE ASSICURAZIONI VOLONTARIE SANITARIE IN ITALIA...63 L'IMPATTO DELLE POLITICHE PUBBLICHE SUL MERCATO PER VHI...67 INCENTIVI FISCALI (G. RABITO)...70 LA REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DELLE ASSICURAZIONI DI MALATTIA IN ITALIA...74 BIBLIOGRAFIA...79 RICERCA I - L UMBRIA E IL RECEPIMENTO DEI LEA (L.PELLICCIA)...81 L UMBRIA E IL FINANZIAMENTO DELL INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA...82 EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE...85 ALCUNI DATI PRELIMINARI SULLA LUNGO ASSISTENZA IN UMBRIA L ASSISTENZA RESIDENZIALE AGLI ANZIANI L UNIVERSO DELLA DISABILITÀ I SERVIZI PER I DISABILI E I RELATIVI COSTI RICERCA II - ASSICURAZIONI SANITARIE VOLONTARIE IN ITALIA ED IN UMBRIA: PROBLEMI DI ACCESSO E PRIME STIME DI INDICATORI DI EQUITA ORIZZONTALE (M.GIANNONI E C.MASSERIA) I

3 INTRODUZONE LA CONDIZIONE SOCIOECONOMICA DEI NON AUTOSUFFICIENTI IN UMBRIA LA DOMANDA DI ASSICURAZIONE SANITARIA VOLONTARIA IN ITALIA : UNA ANALISI EMPIRICA LA DOMANDA DI ASSICURAZIONE SANITARIA VOLONTARIA IN ITALIA : UNA ANALISI EMPIRICA CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA APPENDICE: HOW TO MEASURE THE HORIZONTAL INEQUITY INDEX RICERCA II - PROBLEMI DI ACCESSO E ASSICURAZIONE SANITARIA VOLONTARIA: UNA PANORAMICA A LIVELLO EUROPEO (E. MOSSIALOS E S. THOMSON) IMPLICAZIONI DI EQUITA APPENDICE BIBLIOGRAFIA INTERNET RICERCA III - LA STIMA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA IN UMBRIA SULLE BASE DELL INDAGINE MULTISCOPO DELL ISTAT (G. MONTANARI) INTRODUZIONE LA RILEVAZIONE DELLA DISABILITÀ NELL INDAGINE MULTISCOPO DALLA DISABILITA ALLA NON AUTOSUFFICIENZA LA VALIDAZIONE DELLA CLASSIFICAZIONE IN CLASSE LATENTI CONSIDERAZIONI FINALI BIBLIOGRAFIA RICERCA IV - PROGETTO RILEVAZIONE COSTI DELLA RIABILITAZIONE IN STRUTTURE RESIDENZIALI (G. ACQUAVIVA) PREMESSA OBIETTIVO FASI DI SVILUPPO APPENDICE: SCHEDE DI RILEVAZIONE CRONOGRAMMA II

4 RICERCA I - IL QUADRO NAZIONALE: I LEA E GLI INTERVENTI INTEGRATIVI IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEI LEA (L.PELLICCIA). Il Servizio Sanitario Nazionale è stato istituito per assicurare una risposta pubblica di carattere globale e universale ai bisogni di salute della popolazione (ovvero estesa a tutte le prestazioni sanitarie di cui si può avere necessità e garantita indistintamente a tutti i cittadini), così come nelle intenzioni dalla legge istitutiva di questo programma (L. 833/78). Con ciò non si era voluto attivare una possibilità di accesso indiscriminato ai servizi sanitari: la stessa L. 833/78 aveva infatti precisato che occorreva operare una selezione delle prestazioni da erogare ai cittadini allo scopo di fornire livelli uniformi di assistenza e di salute. Di fatto, questo principio non è mai stato tradotto in termini operativi e, soprattutto, alla legge di istituzione del SSN non ha fatto seguito un provvedimento che costituisse una completa declinazione di tutte le prestazioni garantite e delle condizioni necessarie per l accesso. Alcuni particolari campi di attività (ad esempio l assistenza farmaceutica) sono stati regolati da normative di settore, mentre le restanti scelte riguardanti l offerta sono state affidate ai Piani Sanitari Nazionali, che però non si sono spinti ad elencare in maniera esaustiva la generalità dei servizi garantiti. La riforma operata dal Dlgs 502/92 ha richiamato la necessità si stabilire i confini dell intervento pubblico in campo sanitario, anche se attraverso una nuova formulazione che fa riferimento ai livelli uniformi di assistenza. Anche tale definizione non è mai stata trasformata in un elenco dettagliato delle prestazioni per le quali il SSN si impegnava fornire la copertura. Una nuova versione di questo concetto è stata sviluppata nel successivo e più recente decreto di riforma del SSN, cioè il Dlgs 229/99, che ha previsto che il SSN, quale complesso delle funzioni e delle attività assistenziali dei Servizi Sanitari Regionali, assicura le prestazioni sanitarie comprese nei livelli essenziali di assistenza e che le stesse devono essere fornite ai cittadini a titolo gratuito o con partecipazione alla spesa. Inoltre, si precisa che tale individuazione deve essere effettuata contestualmente alla determinazione delle risorse finanziarie destinate al SSN. 1

5 Nemmeno il Dlgs 229/99 ha fornito un elenco esaustivo delle prestazioni assicurate dal SSN, ma si è limitato a fare un rimando al PSN che, in ogni caso, elencava semplicemente tre macro aree nelle quali potevano essere riassunti questi livelli: 1. l assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro; 2. l assistenza distrettuale; 3. l assistenza ospedaliera. Inoltre, nel suddetto decreto è stato precisato che sono escluse dai livelli di assistenza erogati dal SSN le prestazioni sanitarie che non rispondono ai principi dell appropriatezza, dell efficacia e dell economicità. Per avere una visione completa circa le capacità del servizio pubblico di offrire una copertura sanitaria, non possono essere tralasciati due fenomeni che nel corso dell ultimo decennio hanno caratterizzato il nostro SSN: il processo avviato dal Dlgs 502/92 di attribuzione delle funzioni legislative ed amministrative in materia sanitaria alle regioni ed alle province autonome (la cosiddetta regionalizzazione); il processo di progressiva responsabilizzazione finanziaria delle regioni e delle province autonome che ha visto modificare i meccanismi di allocazione delle risorse dal livello centrale a quello territoriale e che ha trasformato il sistema di finanziamento delle spesa sanitaria; in questo modo è stata attivata una forma molto particolare di federalismo fiscale. La realizzazione di queste riforme ha sollevato il timore che potesse essere compromessa l uniformità dei servizi offerti a livello territoriale, dal momento che ci sarebbe stato il rischio di inaccettabili incrementi delle disegualianze regionali. Allo stesso tempo è diventata sempre più pressante la necessità di individuare regole per rimediare ai disavanzi pregressi del settore sanitario; nemmeno l attribuzione della responsabilità finanziaria alle regioni aveva di fatto impedito la generazione di deficit: infatti, anche dopo l avvio del processo federalista le risorse pubbliche destinate al finanziamento del SSN si sono dimostrate quasi sempre insufficienti rispetto alla effettiva spesa regionale. A ben vedere, anche ipotizzando la possibilità di coprire i disavanzi con nuove dotazioni finanziarie specifiche, sarebbe rimasta l esigenza di mettere in piedi un sistema di contenimento dei costi che fosse in grado di prevenire ulteriori deficit futuri. Doveva essere definito un sistema di razionamento delle prestazioni che, da un lato garantisse che le aziende dei singoli SSR non utilizzassero risorse fuori dall area dell essenzialità, ossia nella produzione di prestazioni non rispondenti ai principi di efficacia, appropriatezza ed 2

6 economicità, mentre dall altro assicurasse che il livello di offerta garantito su tutto il territorio dal SSN fosse uniforme. Riguardo questo secondo obiettivo i Lea potevano costituire uno strumento per fare in modo che anche in un contesto federale la risposta fornita dalle singole regioni fosse compatibile con uno standard definito dal centro (France 2003b). L individuazione dei confini dell assistenza erogata con risorse pubbliche sarebbe stata utile anche al fine di orientare l attivazione di forme di copertura integrative al SSN. Si trattava di un compito piuttosto complesso, come dimostrato peraltro dal fatto che, finora, in pochi altri contesti internazionali si è arrivati ad definizione esaustiva dell offerta pubblica; sono riusciti a stilare una lista completa delle prestazioni assicurate quasi esclusivamente quei paesi in cui l assistenza sanitaria è fornita tramite assicurazioni sociali, nei quali ha prevalso l esigenza di individuare un elenco delle prestazioni rimborsabili dai programmi assicurativi (Assr, 2003). Occorre precisare inoltre che l esperienza internazionale ha dimostrato che la stesura di questo tipo di liste può prestarsi ad utilizzi diametralmente opposti: le liste possono diventare uno strumento per restringere l area della copertura pubblica e lasciar spazio agli interventi privatistici; in alternativa esse possono essere impiegate per includere tra gli aventi diritto alle prestazione soggetti che precedentemente risultavano di fatto esclusi dalla copertura (Taroni, 2000). Nel dicembre 2001, dopo diversi mesi di attività del tavolo di lavoro tra il Ministero della salute, il Ministero dell'economia ed i rappresentanti delle Regioni e Province Autonome, con il supporto dell'agenzia per i Servizi Sanitari Regionali, è stato elaborato un documento tecnico che è stato sottoposto alla Conferenza Stato Regioni, all interno della quale è stato raggiunto un accordo sulla definizione dei servizi inclusi nei livelli essenziali di assistenza (LEA). Tale enunciazione è stata prodotta allo scopo di delimitare l area dei servizi a carico del SSN ed è stata recepita a livello centrale attraverso il Dpcm 29/11/2001. Come era già stato definito con un accordo precedente datato 8 agosto 2001, attraverso questi provvedimenti il Governo si è impegnato a rivalutare il fabbisogno complessivo del SSN, affinché fosse assicurato il riallineamento tra i livelli di assistenza sanitaria erogati ed i relativi costi, mentre le regioni e le province autonome si sono impegnate ad utilizzare le dotazioni finanziare ricevute esclusivamente per la produzione delle prestazioni incluse nei livelli essenziali di assistenza. 3

7 L Accordo sui Lea prevede che le prestazioni prescelte come incluse devono essere garantite a tutti i cittadini, e che tale garanzia possa operare sia attraverso l erogazione di servizi a titolo gratuito sia richiedendo ai cittadini una compartecipazione alla spesa; oltre queste enunciazioni di carattere generale, il provvedimento si articola in quattro liste di prestazioni, ciascuna con uno specifico scopo: 1) Una lista dei livelli essenziali di assistenza e delle relative prestazioni finanziate dal SSN. Si tratta di tre macroaree (Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro, Assistenza distrettuale e Assistenza ospedaliera), a loro volta articolate in micro-livelli. Per ciascun micro-livello sono riportati i riferimenti della normativa di settore e, non per tutti i casi, la lista delle prestazioni erogabili ed i parametri di offerta strutturali eventualmente previsti (Allegato 1). Per quanto riguarda l area dell integrazione socio-sanitaria, come era già stato anticipato dal Dpcm 14/2/2001 1, sono stati peraltro definiti i limiti tra la responsabilità finanziaria dei comuni e quella del SSN. Per alcune prestazioni dell assistenza distrettuale, riprendendo le indicazioni fornite dal Dpcm 14/2/2001, il decreto sui Lea ha specificato la percentuale dei costi che sono a carico della sanità. Oltre ai tre macrolivelli nell Allegato 1 sono elencate anche alcune forme di assistenza rivolta a particolari categorie di bisogno (invalidi, soggetti affetti da fibrosi cistica, soggetti affetti da diabete mellito, soggetti affetti da Morbo di Hansen, soggetti affetti da malattie rare, soggetti residenti in Italia autorizzati alle cure all estero) 2) Una lista delle prestazioni totalmente escluse dai Lea (Allegato 2 A) che non vengono finanziate dal SSN perché si desume che non costituiscono la risposta ad un bisogno sanitario 1 Il Dpcm 14/2/2001 aveva distinto tra: 1. Prestazioni sanitarie a rilevanza sociale, ovvero quegli interventi che rimuovono o contengono gli esiti degenerativi o invalidanti di patologie congenite o acquisite; essi dovrebbero essere finanziati dalle Asl. 2. Prestazioni sociali a rilevanza sanitaria, cioè quelle attività che supportano le persone con problemi di disabilità o emarginazione causate dal proprio stato di salute; i relativi costi sono a carico dei comuni che possono richiedere agli utenti di compartecipare ai costi; 3. Prestazioni sociosanitarie ad alta integrazione sanitaria, ossia quegli interventi che riguardano le fasi estensive e la lungo-assistenza, che rispondono a bisogni socio-sanitari e nelle quali prevale l impiego di fattori produttivi sanitari; il finanziamento è a carico del Fondo Sanitario. Relativamente ad attività della sfera dell integrazione socio-sanitaria, considerando la composizione tra le prestazioni delle tre tipologie sopra elencate, lo stesso decreto aveva indicato in una tabella allegata la percentuale a carico del SSN e quella a carico dei comuni. 4

8 (ad esempio la chirurgia estetica e la circoncisione) o per mancanza di evidenze di efficacia clinica (ad esempio le medicine non convenzionali e alcune prestazioni di fisioterapia ambulatoriale) (Arcà, 2002). 3) Una lista delle prestazioni parzialmente escluse dai Lea in quanto erogabili solo secondo specifiche indicazioni espresse nel decreto (Allegato 2 B). L accesso è assicurato solo per particolari bisogni clinici o economici. 4) Una lista delle prestazioni che, seppure incluse nei Lea, presentano un profilo organizzativo potenzialmente inappropriato, o per le quali occorre comunque individuare modalità più appropriate di erogazione, (per inappropriatezza si intende che esiste la possibilità di erogare le stesse prestazioni in un diverso setting assistenziale, con identico beneficio per il paziente e con minor impiego di risorse) (Allegato2 C). E stato osservato che l Accordo sui Lea non ha rappresentato la stesura di una lista dettagliata dei servizi considerati essenziali e che il testo lascia ancora alcuni margini di indeterminatezza. Sembrerebbe che non sia stata realizzata una completa selezione delle priorità ma che con il Dpcm 29/11/2001 sia stata semplicemente realizzata una ricognizione e classificazione dei servizi già esistenti (France 2003,b; Arcà, 2002; Sterpi, 2003). Oltre ai quattro allegati il decreto contiene alcune linee guida relative al ruolo delle regioni in materia di Lea. Queste ultime per mantenere gli impegni previsti nell Accordo, devono innanzi tutto trovare autonomamente le risorse per finanziare le prestazioni escluse dai Lea di cui eventualmente volessero perpetuare la fornitura. La programmazione regionale deve inoltre predisporre adeguati provvedimenti di recepimento della disciplina dell appropriatezza; devono anche essere attuate misure affinché, per quelle prestazioni garantite solo a segmenti molto specifici di bisogno sanitario e socio sanitario, il SSR fornisca tali prestazioni solo alle categorie individuate dal decreto sui Lea. Il testo del Dpcm 29/11/2001 rammenta infine alle regioni che oggi esse hanno a disposizione la possibilità di agire con la leva fiscale per finanziare spazi di offerta aggiuntivi. Le regioni sono infine invitate a promuovere forme di assistenza integrativa per garantire o agevolare livelli di servizi e prestazioni ulteriori rispetto a quelle garantite dai Lea. Dopo questo intervento normativo, altri provvedimenti hanno regolato la sfera delle modalità di accesso all offerta dei servizi del SSN: ad esempio, con l Accordo Stato-Regioni del 14/2/2002 e il Dpcm 16/4/2002 sono stati definiti i criteri di priorità per l accesso alle prestazioni diagnostiche e terapeutiche e sui tempi massimi di attesa. 5

9 Nel corso del 2003, con il Dpcm 28/11/2003 sono state reinserite tra le prestazioni assicurate dal SSN le certificazioni mediche per la pratica sportiva agonistica dei minori e dei disabili, precedentemente escluse dai LEA (sebbene molte regioni avessero, di fatto, continuato ad erogarle). Nonostante i problemi di indeterminatezza a cui si è precedentemente accennato, si può affermare che questi provvedimenti hanno definito alcuni punti fermi sugli standard di assistenza sanitaria che l intervento pubblico intende garantire a tutto il Paese. Per quel che riguarda invece le politiche sociali, ancora oggi a livello nazionale non esistono parametri di riferimento che definiscano un comune denominatore dell offerta (la L. 328/2000 si è infatti limitata ad un generico elenco degli interventi considerati essenziali): la definizione dei livelli essenziali di assistenza socio-assistenziali, intesa come individuazione di prestazioni, beneficiari, condizioni per l accesso (Ranci Ortigosa et al., 2003) sembra essere ancora oggi un obiettivo lontano da raggiungere. 6

10 MECCANISMI E RECENTI PROPOSTE DI FINANZIAMENTO DELLA NON AUTOSUFFICIENZA IN ITALIA (M. GIANNONI E L. PELLICCIA) I vincoli esistenti: principali provvedimenti sulla non autosufficienza nelle leggi finanziarie ( ) Prima di procedere a simulazioni che illustrino i diversi scenari di finanziamento di un eventuale programma regionale per la non autosufficienza, si è ritenuto utile ricostruire un quadro degli spazi di manovra consentiti dall attuale assetto legislativo in materia di finanza locale. I provvedimenti che nel corso del secondo quinquennio degli anni 90 hanno disegnato il nuovo assetto dei rapporti finanziari tra il sistema centrale e la periferia hanno conferito alle regioni a statuto ordinario una sempre maggiore autonomia tributaria. Questo processo ha comportato innanzi tutto l assegnazione di una serie di tributi propri alle regioni (il provvedimento decisamente più rilevante sotto questo aspetto è stato il Dlgs 446/97 che ha istituito l Imposta Regionale sulle Attività Produttive) e, allo stesso tempo, esse hanno avuto la possibilità di intervenire (anche se solo per quel che riguarda l addizionale regionale) su un tributo come l Irpef, precedentemente di competenza esclusiva dello Stato. Un potere analogo, per ciò che concerne l addizionale Irpef è stato peraltro concesso anche ai Comuni. Le regioni che desideravano reperire nuove risorse attraverso la leva fiscale potevano: maggiorare l aliquota dell Irap fino ad un massimo di un punto percentuale rispetto all aliquota base del 4,25%; solo Irap privata aumentare l addizionale Irpef fino a portarla al massimo all 1,4% (rispetto al valore base stabilito obbligatoriamente per tutte le regioni nella misura dello 0,9%); Le leggi finanziarie dell ultimo triennio sono intervenute su questa materia ed hanno blindato gli spazi per le manovre fiscali delle regioni. Il primo segnale di questo secondo processo è arrivato con la legge finanziaria per il 2003 (L. 289/2002) che ha sospeso la possibilità dei comuni e delle regioni di deliberare aumenti all addizionale Irpef e ha impedito alle regioni di definire provvedimenti di maggiorazione dell aliquota Irap. La finanziaria per il 2004 (L. 350/2003) ha nuovamente confermato queste disposizioni così che, anche nell ultimo anno, gli enti locali non hanno potuto ricorrere alla leva fiscale. 7

11 La finanziaria recentemente approvata (L. 311/2004) rivede parzialmente i vincoli posti negli anni precedenti, anche se, in sostanza, anche per il 2005 le possibilità di manovra saranno piuttosto limitate. In particolare: potranno procedere all aumento dell addizionale Irpef solo quei comuni che non hanno già fatto ricorso in passato a questo strumento e, in ogni caso, gli aumenti dovranno essere contenuti entro lo 0,1%. le regioni potranno aumentare l addizionale Irpef e maggiorare l Irap solamente per provvedere al ripiano dei disavanzi accertati o stimati nel settore sanitario relativi all anno in corso o al la regione Umbria ha utilizzato la possibilità di aumentare l addizionale Irpef a partire dal 2002,incrementandola in misura pari a 0,2 punti percentuali. Nel panorama regionale, alcuni comuni hanno inoltre già fatto ricorso agli aumenti dell addizionale comunale 2. RECENTI PROPOSTE ED INTERVENTI A LIVELLO NAZIONALE: La proposta Cer, CAPP e Servizi Nuovi di un fondo per le persone anziani non autosufficienti Il contributo di Capp, Cer, Servizi nuovi (2003, 2004) sottolinea la forte analogia tra i servizi per la NA e la spesa sanitaria e la spesa pensionistica, e sostiene l opportunità di un rilevante intervento pubblico, anche in considerazione della valutazione complessivamente critica circa l efficacia di soluzioni privatistiche, quali le forme di assicurazione volontaria privata. La proposta prevede la creazione di Fondo Nazionale unico universale e obbligatorio per finanziare i programmi di non autosufficienza (PNA) di tipo completo, laddove con quest ultimo termine si intende un programma che definisca adeguatamente i livelli essenziali di prestazione (lep), da garantirsi ai cittadini sul territorio nazionale con criteri di uniformita e che sia accompagnato da una corretta specificazione e individuazione delle modalità di finanziamento necessarie ai fini della realizzazione dello stesso. Le fonti da cui il Fondo verrebbe alimentato sarebbero in questa proposta le seguenti: 2 Umbria, dopo la stretta sindaci in ordine sparso, Il sole-24 ore Centronord, 12 gennaio

12 - Addizionale all Irpef Nazionale - Quota aliquota Irap - Altre compartecipazioni regionali (Iva ecc.) - Minori spese per indennita di accompagnamento - Minori spese per pensioni integrate al minimo (Ibid.) Viene inoltre proposto un meccanismo a ripartizione ed un meccanismo di riserva obbligatoria per fronteggiare eventuali rischi di insostenibilita finanziaria, di tipo collettivo e senza riferimento alle posizioni patrimoniali individuali. Questo in alternativa ai meccanismi previdenziali a capitalizzazione, dove l entita delle prestazioni coperte dal fondo dipende anche dai livelli di contribuzione individuale e dall esito della gestione patrimoniale. Viene inoltre proposto di estendere alle eventuali donazioni private al Fondo i benefici fiscali attualmente goduti da donazioni e onlus. Dal lato dei beneficiari, si prevedono altresi forme di compartecipazione degli utenti non solo per le prestazioni complementari a quelle erogate dal SSN ma anche per prestazioni essenziali al fine evitare eventuali fenomeni di moral hazard. Come sottolineano gli autori del rapporto in linea generale, un problema di azzardo morale può comunque porsi in tutte le situazioni in cui esistono percorsi alternativi, fra i quali l utente può scegliere. In tali situazioni la compartecipazione può avere il merito di indurre una adeguata attenzione ai prezzi relativi delle offerte a disposizione. Un livello di compartecipazione elevato può però avere l effetto negativo di indurre a scegliere soluzioni qualitativamente e quantitativamente inadeguate, o a fare ricadere l onere della cura esclusivamente sui famigliari. 9

13 Le proposte di assistenza integrativa a carattere regionale: contenuti e aspetti metodologici. Negli ultimi anni, alcune regioni e province autonome hanno manifestato un particolare interesse alla necessità di implementare la propria offerta di servizi sanitari e assistenziali e di sperimentare formule gestionali per l area dell integrazione socio-sanitaria: sono stati pertanto condotti appositi progetti di ricerca ed, in alcuni casi, sono già state individuate ed adottate apposite soluzioni operative. Queste esperienze sono derivate in parte dalla volontà di garantire l accesso ai propri residenti a quelle prestazioni sanitarie attualmente escluse dal decreto sui Lea. Allo stesso tempo, malgrado a livello nazionale non siano ancora stati identificati i Liveas, in vari angoli del Paese è stata avvertita l esigenza di potenziare la risposta assistenziale nei confronti di un particolare segmento di bisogno, ovvero i soggetti non autosufficienti (anziani e disabili): una questione, quella degli interventi per la non autosufficienza, considerata ormai per molti aspetti improcrastinabile, che ha portato a disegnare appositi programmi pubblici che garantiscano a questi soggetti, oltre che interventi sanitari, sostegni assistenziali per tutte quelle attività nelle quali essi non hanno autonomia. Ulteriori impulsi per la riorganizzazione dell assistenza su base locale sono provenuti dalla necessità di coordinare efficacemente l azione dei diversi attori chiamati a garantire l assistenza sanitaria e le azioni di protezione sociale: lo stesso Dlgs 229/99 art.3-septies c. 8 ha infatti affidato alle regioni il compito di individuare le modalità gestionali con cui comuni e Asl garantiscono l integrazione delle prestazioni sociosanitarie. Al fine di raccogliere utili suggerimenti per la progettazione di un fondo integrativo per la regione Umbria, si cercherà di tracciare una panoramica sulle proposte che sono attualmente in corso di discussione/sperimentazione nelle altre regioni, con un particolare riguardo agli aspetti metodologici. In particolare, sono state prese in considerazione le seguenti iniziative: a) Fondo odontoiatrico della Regione Lombardia b) Fondo per la non autosufficienza della Provincia di Bolzano c) Fondo per la non autosufficienza della Provincia di Trento d) Proposta di una tassa di scopo nella Regione Toscana per il sostegno della non autosufficienza in età anziana e) Società della salute di Firenze 10

14 f) Il fondo per la non autosufficienza e l indagine conoscitiva dell Emilia Romagna g) Una simulazione per la regione Marche di cui si riporta qui di seguito una sintetica descrizione. Il Fondo odontoiatrico della regione Lombardia Nel corso del 2004 si è concluso un progetto di ricerca finalizzata promosso dalla Direzione Generale Sanità che, con riferimento al settore odontoiatrico, ha dapprima ricostruito il quadro dell intervento pubblico in questo specifico campo d azione e, successivamente, ha disegnato una ipotesi di un fondo integrativo odontoiatrico che dovrebbe assicurare i cittadini lombardi per alcune prestazioni attualmente non incluse nei Lea (in questo senso il fondo si prefigura come complementare). L intenzione è stata in ogni caso quella di definire un fondo ad hoc, ovvero che rispettasse i requisiti dell art.9 del Dlgs 229/99: nel caso dell odontoiatria ciò ha significato non solo evitare politiche di selezione dei rischi ma anche escludere da questo tipo di copertura i programmi per l età evolutiva e per i soggetti a particolare vulnerabilità (il fondo è infatti rivolto ai cittadini da 15 a 65 anni di età e si ipotizza inoltre che i disoccupati non siano coperti dal fondo in quanto a carico direttamente del SSN). Nello specifico, è stata valutata la fattibilità di un programma che fornisce un pacchetto ben definito di prestazioni basilari (non la totalità delle esigenze di salute orale), ovvero una visita medica, una ablazione del tartaro e una otturazione semplice (in alternativa è stato considerato anche un secondo pacchetto che rispetto a quello base include non una ma due otturazioni) con la previsione di un co-finanziamento dell utente al momento dell acceso. La ricerca è stata accompagnata da un indagine campionaria Censis che ha rilevato alcuni aspetti dei consumi odontoiatrici dei cittadini lombardi (compresa la spesa mediamente sostenuta), la propensione alla sottoscrizione di una mutua integrativa, le opinioni su quale dovrebbe essere il soggetto che gestisce il fondo e le preferenze per un fondo volontario o obbligatorio. E stato inoltre chiesto agli intervistati quale sarebbe il livello di premio che sarebbero disposti a pagare per un fondo che coprisse un pacchetto di prestazioni come quello di cui è stata studiata la fattibilità 3. Per quel che riguarda la valutazione dell impatto economico, il fatto che si tratti di prestazioni per cui esiste un mercato privato con appositi tariffari e che siano anche disponibili evidenze sui costi delle prestazioni negli ambulatori pubblici ha consentito la stima del costo unitario delle 3 Il pacchetto proposto nell intervista è in realtà più generoso rispetto a quello di cui è stata ipotizzata la copertura. 11

15 prestazioni incluse nel pacchetto; allo stesso tempo l indagine Censis ha fornito stime della probabilità di consumo che, combinate con i costi unitari hanno permesso di stimare il livello di costo medio atteso del pacchetto per cittadino 4 (a cui è stata per giunta sommata una quota unitaria per oneri di gestione del fondo definita secondo criteri di ragionevolezza). La spesa da finanziare a carico del fondo è stata ottenuta considerando la popolazione occupata nella fascia anni e dipende, in ogni caso, dal livello delle compartecipazioni. La ricerca ha infine delineato alcuni scenari per le ipotesi del finanziamento del fondo e realizzato opportuni confronti tra i costi e le risorse ottenibili: secondo i dati del servizio tributi (presumibilmente sulla distribuzione dei cittadini per imponibile Irpef) il ricorso all addizionale Irpef (secondo gli spazi di manovra ancora consentiti alla Regione Lombardia) procurerebbe un gettito non sufficiente rispetto alla spesa, o sufficiente solo nel caso in cui si imponessero compartecipazioni ai costi molto elevate (ipotesi 1). E stato inoltre ipotizzato un utilizzo dell Irap secondo modalità alternative: aumentando l aliquota e, allo stesso tempo, dando alle aziende che volessero gestire in proprio fondi odontoiatrici per i propri dipendenti uno sconto sull imposta (ipotesi 2.a); prevedendo a priori uno sconto sull Irap alle aziende che costituiscono un fondo aziendale al cui finanziamento partecipano con una quota anche i lavoratori (che non sarebbero però sottoposti ad alcun ticket al momento dell erogazione delle prestazioni) (scenario 2.b). E stato calcolato il costo che deriverebbe per la fiscalità generale. In questo caso, come nell ipotesi 2.a, solo i beneficiari di imprese soggette a Irap potrebbero iscriversi al fondo. E stata infine valutata la possibilità di un finanziamento misto Irap-Irpef per estendere la copertura a tutti i residenti: perché il fondo sia in equilibrio è necessario prevedere compartecipazioni piuttosto elevate (al momento del consumo) per i lavoratori di imprese non soggette all Irap. Nel lavoro non sono presentati confronti tra costi del fondo e le disponibilità a pagare emerse dall indagine Censis. 4 Di fatto sono risultati costi medi attesi diversi a seconda delle tariffe utilizzate ed a seconda dei dati epidemiologici con cui è stata stimata la probabilità di consumo. Tra i tanti risultato è poi stato scelto di utilizzare un dato considerato ragionevole. 12

16 Simulazione di una tassa di scopo in Toscana per il sostegno della non autosufficienza in età anziana L Istituto Regionale per la Programmazione Economica (IRPET) della Toscana ha condotto uno studio (Mele e Sciclone, 2005) finalizzato a stimare gli effetti distributivi conseguenti alla realizzazione di un fondo regionale per la non autosufficienza per la regione Toscana, regione in cui il problema dell incidenza della popolazione anziana appare alquanto accentuato rispetto alla media del paese. La presenza di familiari non autosufficienti infatti incide sul 20% delle famiglie toscane: il 17% delle famiglie ha infatti un familiare non completamente autosufficiente che ha necessità di assistenza e cura, mentre il 3% ha due o più familiari in questa condizione; l 80% delle persone non autosufficienti ha infatti più di 65 anni e circa la metà è concentrata nella classe di età che ha 80 anni e oltre ; i portatori di handicap, concentrati nelle età non anziane, sono nel complesso del campione il 16% dei familiari non autosufficienti ( Ibid., p.1-2). In particolare nel lavoro vengono inizialmente presentate alcune caratteristiche delle famiglie toscane in cui vivono persone non autosufficienti così come risultanti da un indagine campionaria sulle condizioni di vita, dopodiché sono stati delineati i numeri e i costi della non autosufficienza in Toscana, sono state quindi analizzate le caratteristiche della soluzione al problema che passa dalla socializzazione del rischio non autosufficienza, e infine sono state presentate le caratteristiche essenziali di un possibile fondo regionale assicurativo per la non autosufficienza, di cui si sono stati gli effetti redistributivi. Dall analisi appare evidente come il il reddito equivalente ha una correlazione negativa con l ammontare delle ore destinate alla cura ed all assistenza 5. L ipotesi che viene fatta nel lavoro è quella di utilizzare uno schema assicurativo finanziato con l addizionale Irpef regionale e di intervenire su fasce di bisogno differenziate. Inoltre viene ipotizzato che le prestazioni siano fornite in ambito domiciliare o residenziale. Sulla base del quadro della non autosufficienza in Toscana fornito dall ARS, è stata effettuata una stima del numero di persone non autosufficienti per ambito di intervento assistenziale e per grado di non autosufficienza. 5 Un dato, questo, che si collega anzitutto alla minor frequenza con cui le famiglie più dotate di risorse coabitano con i familiari bisognosi di assistenza; in secondo luogo alla presenza di personale, anche non coabitante, che si dedica alla cura nelle famiglie più dotate di risorse. Occorre infine chiamare in causa, probabilmente, il pensionamento più tardivo e le migliori condizioni di salute delle persone più dotate di capitali economici e culturali (Ibid., p.5) 13

17 Inoltre è stata effettuata un analisi delle rette attualmente vigenti per le strutture assistenziali per anziani della Toscana e dei costi dell assistenza domiciliare, nonché delle prestazioni erogate da fondi assicurativi come quello realizzato dalla Provincia Autonoma di Trento, che ha consentito di elaborare un ipotesi circa gli importi delle prestazioni a carico del fondo, differenziate per grado di gravità della non autosufficienza e per ambito di intervento. Sulla base delle stime della platea dei potenziali beneficiari delle prestazioni del fondo è stato stimato l ammontare di spesa complessiva necessario per affrontare l universo degli anziani in Toscana. Secondo le stime degli autori, la spesa pubblica per le persone non autosufficienti sostenuta dalla Regione Toscana ammonta a 335 milioni di euro (comprensivi della spesa sanitaria e di quella sociale), mentre le risorse assorbite per assegni di accompagnamento erogati in Toscana ammontano a circa 411 milioni di euro. A questi dati vengono aggiunti gli introiti rivenienti dalle compartecipazioni dei cittadini, ad oggi 40 milioni di euro. Il disavanzo che si determina dalla differenza tra la spesa da finanziare (1 miliardi e 15 milioni di euro circa) e le risorse ad oggi esistenti (786 milioni di euro circa), sarevbbbe pari a circa 230 milioni di euro. Questo disavanzo potrebbe essere indicativamente coperto con l introduzione di un addizionale Irpef dello 0,7 in aggiunta all attuale addizionale. Secondo questo scenario, qualora cadesse il vincolo imposto dalle recenti disposizioni statali (Legge Finanziaria), l addizionale regionale dovrebbe aumentare dal 0,9% all 1,6%. In questo modo, si genererebbe un gettito aggiuntivo di 230 milioni di euro, con un valore medio della imposta personale del reddito che passerebbe, a livello familiare, da a euro (ibid., p.12). L analisi degli effetti redistributivi ha infine evidenziato che l impiego dell addizionale regionale come tassa di scopo con l obbligo quindi da parte della Regione di indirizzare tutto il gettito riscosso nel campo delle politiche per l assistenza ai non autosufficienti - risulta essere più vantaggiosa per le famiglie meno abbienti. 14

18 La Società della Salute La regione Toscana ha promosso un particolare modello operativo per la gestione integrata dei processi assistenziali socio-sanitari di cui sono recentemente partite forme di sperimentazione chiamato Società della Salute. La sperimentazione riguarda, in particolare il Comune di Firenze e l Azienda Usl di Firenze che si sono costituiti in un consorzio che esercita in maniera associata le funzioni di indirizzo, programmazione e governo delle attività socio-assistenziali, sociosanitarie, sanitarie territoriali e specialistiche di base e che gestisce in maniera integrata i relativi servizi. (art. 1 Statuto). Sono stati pertanto definiti gli organi di questo nuovo soggetto pubblico, le regole di finanziamento, le regole gestionali di finanza e contabilità e le forme di partecipazione dei cittadini e del terzo settore all attività della SdS. Per quanto riguarda gli aspetti finanziari, si prevede la costituzione di un unico fondo a cui, secondo lo statuto (art. 5), la Asl contribuisce con la parte delle quota capitaria corrispondente ai servizi definiti nel proprio contratto di erogazione e che il comune con i fondi corrispondenti alle attività e ai servizi sociali affidati alla gestione consortile. E inoltre previsto un sostegno da parte della regione per i costi iniziali di funzionamento. Da una ricerca in rete, non risulta che siano ancora stati pubblicati veri e propri studi sulla fattibilità economica di questa esperienza. Tuttavia, in fase di progettazione del nuovo sistema gestionale, per la definizione del budget 2004 (budget virtuale, perché all inizio la responsabilità contabile dei due soggetti si manterrà separata) si è proceduto ad una ricognizione dell attuale offerta sanitaria, sociosanitaria e sociale dei due soggetti che partecipano al consorzio e della relativa spesa. Il Comune, con riferimento ai bilanci ha classificato la propria spesa per l assistenza a seconda delle aree di intervento (anziani, disabili, etc.) ed ha ricostruito le fonti di finanziamento di queste uscite (trasferimenti, proventi, risorse proprie). L Azienda sanitaria di Firenze ha estrapolato dal bilancio di esercizio 2001 e 2002 i dati della zona di Firenze e li ha aggregati per livello di assistenza (considerando la sola assistenza territoriale). Il fondo per la non autosufficienza della provincia di Bolzano. La provincia autonoma di Bolzano ha istituito un fondo assicurativo che estende le garanzie precedentemente riconosciute dall ente pubblico ai cittadini che si trovano in una condizione di non autosufficienza. Lo scopo di questo programma è proprio quello di fare in modo che le 15

19 risorse destinate alla non autosufficienza divenissero certe e non fossero soggette alle oscillazioni delle politiche di bilancio pubblico: l assistenza per quei soggetti che si trovano in questo stato di bisogno viene così trasformata in un diritto soggettivo. E utile inoltre precisare che si tratta di un fondo che interviene esclusivamente sul versante assistenziale, ossia fornendo un sostegno per le incombenze quotidiane (nutrizione, igiene, esigenza di movimento) senza sostituirsi al ruolo del servizio sanitario che continuerà a provvedere, appunto, alle esigenze di carattere sanitario (assistenza infermieristica, riabilitazione, etc). Il fondo eroga prestazioni esclusivamente monetarie 6 tramite un assegno ai familiari per l assistenza prestata a domicilio, un assegno per l aiuto domiciliare per acquistare servizi del territorio o per i centri diurni o, in alternativa, un contributo per l assistenza in struttura residenziali: in tutti i casi resteranno a carico del cittadino i costi relativi a vitto e alloggio, pur considerando che, con l introduzione del fondo, gli oneri per gli assistiti si ridurranno drasticamente (ad esempio di dimezzerà la quota di compartecipazione delle rette negli istituti di degenza). Il programma della provincia di Bolzano si prefigge così di ampliare la libertà di scelta dell utente e, allo stesso tempo, dovrebbe permettere l accesso all assistenza domiciliare ad un numero molto più alto di beneficiari. Non è possibile risalire alla valutazione economica che ha preceduto l istituzione del fondo per la non autosufficienza e si conosce semplicemente una stima del costo complessivo annuo. Per quel che riguarda il finanziamento del fondo risulta che due terzi degli oneri saranno a carico del bilancio provinciale (una somma pari a quella attualmente spesa per l assistenza) mentre per la copertura del restante terzo è stato istituito un contributo obbligatorio per tutti i cittadini residenti in Alto Adige. Il tributo è in quota fissa ma ne sono esentati totalmente i componenti di famiglie con un reddito netto 7 al di sotto del RMI, i figli a carico e le persone non autosufficienti. Al di sotto di una ulteriore soglia di reddito netto sono inoltre previsti contributi ridotti alla metà. Per quel che riguarda la capacità del fondo di garantire l equilibrio finanziario nel corso del tempo, si è tenuto conto del fatto che l invecchiamento demografico comporterà un tendenziale incremento della spesa (non sono purtroppo note le valutazioni della misura di questo fenomeno) che sarà fronteggiato con l istituzione di un fondo di garanzia da parte della regione Trentino Alto Adige. 6 Differenziate su tre livelli di gravità del soggetto non autosufficiente,. 7 Il reddito netto è calcolato a partire da reddito annuo lordo Irpef più un fattore che tiene conto del patrimonio da cui si deducono l Irpef, gli affitti, le spese condominiali e le rate di mutuo. 16

20 Allo stato dell arte, il progetto di fondo per la non autosufficienza non è stato ancora reso operativo ma, nel corso dell ultimo anno sono proseguite le analisi di fattibilità e il lavoro di conoscenza dello stato di bisogno della popolazione altoatesina. E necessario segnalare che, per conto della Ripartizione per le Politiche Sociali della provincia di Bolzano, nel 2004 è stata condotta un indagine campionaria per rilevare la situazione degli anziani e il ruolo della famiglia nella cura di questo segmento di popolazione. Questa survey ha fatto emergere il grado di autonomia degli anziani nello svolgere alcune attività, da cui è stato dedotto un punteggio di sintesi sul livello di autosufficienza. Essa ha consentito anche di descrivere le caratteristiche di età, sesso, composizione del nucleo familiare e reddito dei soggetti fortemente dipendenti e di quelli non autosufficienti. E stato rilevato inoltre di quale tipo di assistenza gli anziani usufruiscono con regolarità (parenti/lavoro retribuito/ assistenza domiciliare) e la numerosità dei soggetti che non possono contare su nessuna forma di aiuto (Vanzo e Zanolla, 2004). Una ulteriore indagine campionaria ha invece sondato in quale misura le famiglie sono state impegnate in alcune contingenze critiche 8 e quale strategia assistenziale è stata adottata (con particolare riguardo al ruolo delle donne). Merita indubbiamente interesse anche il fatto che siano stati somministrati quesiti per conoscere: se esisteva disponibilità a pagare per migliorare l offerta di servizi pubblici le preferenze tra servizi in natura e monetari le opinioni sulla necessità di compartecipazioni alla spesa (Vanzo e Zanolla, 2004). Il fondo per la non autosufficienza della provincia di Trento Analogamente alla provincia di Bolzano, anche in quella di Trento è ormai da alcuni anni in discussione l avvio di un fondo per la copertura del rischio di non autosufficienza che ha lo scopo di implementare l offerta del servizio pubblico in senso quantitativo e qualitativo e, contemporaneamente, assicura nel tempo la certezza e la continuità degli interventi. Dopo un attività di ricerca e analisi sulla fattibilità di tale iniziativa nella realtà trentina, è stata avanzata una proposta operativa che è stata trasformata in una proposta di legge provinciale. 8 Figlio da 0-3 anni da accudire Disabilità o malattia seria di un familiare Anziano non più pienamente autosufficiente Acuzie grave che ha comportato un ricovero grave in ospedale 17

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

L ISE alla prova dei fatti: uno strumento irrinunciabile, ma da riformare Stefano Toso

L ISE alla prova dei fatti: uno strumento irrinunciabile, ma da riformare Stefano Toso L ISE alla prova dei fatti: uno strumento irrinunciabile, ma da riformare Stefano Toso Stefano Toso Università di Bologna L ISE alla prova dei fatti: uno strumento irrinunciabile, ma da riformare Abstract

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE

IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE La storia del SSN Ante 883/78 Legge 833/78 (Compromesso storico) (Creazione del SSN) Decreti Legislativi 502/92 (De Lorenzo) e 517/93

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO Previsioni elaborate con i modelli della Ragioneria Generale dello Stato aggiornati al 2014 Roma, Giugno 2014 Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO SUI SERVIZI SOCIALI PER LE NON AUTOSUFFICIENZE (SINA)

SISTEMA INFORMATIVO SUI SERVIZI SOCIALI PER LE NON AUTOSUFFICIENZE (SINA) DIREZIONE GENERALE PER L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI 16 SISTEMA INFORMATIVO SUI SERVIZI SOCIALI PER LE NON AUTOSUFFICIENZE (SINA) Indagine pilota sull offerta dei servizi sociali per la non autosufficienza

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 71 approvata il 2 aprile 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Tendenze dell autonomia tributaria degli enti territoriali di Alberto Zanardi Consigliere dell Ufficio

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

La proposta di un Sostegno per l Inclusione Attiva (SIA) in rapporto ad altre esperienze italiane

La proposta di un Sostegno per l Inclusione Attiva (SIA) in rapporto ad altre esperienze italiane Ministero del lavoro e delle politiche sociali Gruppo di lavoro sul reddito minimo La proposta di un Sostegno per l Inclusione Attiva (SIA) in rapporto ad altre esperienze italiane Paolo Bosi, Capp, Università

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli