Anno 0 Numero 0 Natale 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno 0 Numero 0 Natale 2010"

Transcript

1 Anno 0 Numero 0 Natale 2010 Premettiamo che è motivo di orgoglio dare il LA a questa nuova iniziativa che vede protagonisti i nostri, i vostri figli e, come in tutte le cose, partiamo con i ringraziamenti, che in primis vanno a Don Mario, nostro amatissimo Parroco. E infatti grazie a lui che, avendo messo a disposizione i locali, oggi possiamo dire che sta prendendo corpo, se può passare il termine, (è questo un piccolo desiderio celato nei meandri del mio cuore sin da bambino) un ORATORIO. Ed è proprio qui che ha inizio la nostra storia che, se vogliamo, per alcuni è il continuo della crescita Cristiana. Nasce SPAZIOGIOVANI! Un associazione? Un circolo? Un club? NO! assolutamente niente di tutto ciò. SPAZIOGIOVANI è il luogo di accoglienza o di ritrovo di tutti coloro che colgono in esso un ambiente di socializzazione, di esperienza, di valori; e che non hanno preclusioni nei confronti della proposta Cristiana. Il nostro intento è quello di promuovere iniziative sportive, ricreative, di animazione, educative che arricchiscono l umanità di ognuno, senza trascurare la dimensione religiosa che poi è alla base di tutto. Questo giornalino quindi è una delle tante iniziative poste in cantiere, sperando di fare cosa gradita. Non ha nessuna pretesa, se non il fatto di farvi periodicamente compagnia con argomenti che vanno dall impegnativo, al frivolo, piuttosto che sportivi. Abbiamo l'opportunità tramite questo spazio di dare voce a qualcosa che ci sta veramente a cuore, avvicinare i nostri figli a Dio, e noi da genitori possiamo dire che non è assolutamente cosa facile, d'altra parte, le alternative a Dio oggi, purtroppo, sono tante, ma il divertirsi facile porta ad essere completi? Ma siamo sicuri che poi questa sia la strada giusta? Siamo sicuri che si può andare avanti senza la presenza nei nostri cuori, nel nostro animo di una guida che cammini al nostro fianco? E proprio in virtù di queste nostre non pretenziose idee che invitiamo tutti i giovani a dare voce al loro essere, a non essere indifferenti alla propria crescita culturale e cristiana, a non oziare davanti alle cose importanti ed essenziali, ma a dare un senso alla vita stessa. Crescere, ma sopratutto, crescere insieme. Certamente non è facile, ma abbiamo l'obbligo morale di mettercela tutta e, sicuramente, con l'aiuto di Dio possiamo raggiungere questo obiettivo. p.p. Il Natale pag. 2 e 3 Mode Giovanili.... pag. 4 e 5 Cronaca pag. 6 Versi DiVersi pag. 7 Corale Parrocchiale... pag. 8 I Nostri Programmi... pag. 8 Pagina 1

2 Natale e dintorni Che cosa significa "Natale"? "Natale" deriva in generale dal Latino natum che significa "generato", e più in particolare dagli aggettivi natale(m) e nataliciu(m), che significano "riguardante la nascita". Nel Latino ecclesiastico il sostantivo (dies) natalis "(giorno della) nascita" veniva usato per indicare la ricorrenza della nascita di un santo o, spesso, della sua morte, in quanto la morte terrena nella tradizione cristiana assume un significato di nascita in riferimento alla vita ultraterrena. Natale significa quindi "giorno della nascita", "compleanno" e riguarda la nascita di una personalità d'eccezione: Gesù. Che giorno è nato Gesù? Nella tradizione consolidata della Cristianità Occidentale, Gesù nasce alla mezzanotte del 24 Dicembre, anche se curiosamente nessuno dei vangeli cita il mese dell'anno in cui la nascita avvenne. Nella Cristianità orientale il Natale viene celebrato il 6 Gennaio, in quanto era questa la data che storicamente i Cristiani d'egitto cominciarono a considerare come giorno della nascita di Gesù. Nel calendario giuliano il 25 dicembre, riconosciuto come il solstizio d'inverno, era celebrato come il giorno della nascita del Sole, poiché a partire da questa data i giorni cominciano ad allungarsi e la potenza del sole aumenta. In che anno è nato Gesù? Tradizionalmente l'anno della nascita di Gesù è l'anno zero dell'era Cristiana. Più precisamente, intorno al 523 il monaco Dionigi il Piccolo calcolò che l'anno 1 dell'era cristiana era quello che iniziava la settimana dopo il 25 dicembre dell'anno 753 dalla fondazione di Roma (auc: ab Urbe condita). L'unico elemento valido è il riferimento che i Vangeli fanno ad Erode il grande a proposito della strage degli innocenti. Essendo Erode morto nell'anno 4 AC (anno -3) la nascita di Gesù dovrebbe essere anteriore a quest'anno. Ovviamente calendario ed era cristiana sono rimasti quelli tradizionali, essendo impensabile di rivoluzionare un conteggio degli anni ormai di uso consolidato. La nascita di Gesù viene fatta quindi risalire dal 10 al 4 a.c. con molte incertezze. Qual'e' l'origine della tradizione dei regali e dei giochi di Natale? Nell antica Roma dal 17 al 24 dicembre venivano celebrati i Saturnali, in onore di Saturno per salutare il Solstizio di Inverno. Durante i festeggiamenti si chiudevano le scuole ed i tribunali e si scambiavano doni. Mentre durante tutto l anno era proibito il gioco d azzardo, durante i Saturnali esso era consentito, in quanto era strettamente legato a Saturno. Per questo oggi forse si gioca a carte o alla tombola durante i giorni di Natale. NATALE! Ma cos è il Natale per noi cristiani? I Profeti annunciano il Natale come l Emmanuele: Il Dio con noi. Un Dio che ha creato l uomo per amore, non lo lascia in balia di se stesso quando quest uomo tradisce il suo amore. Continua ad amarlo, anzi, fa qualcosa di più; viene ad essere un di noi. Viene ad essere come noi, viene a stare con noi, viene ad essere il Dio con noi. Un augurio che tutti, ma proprio tutti, questo Natale, possiamo sperimentare la sua presenza, nonostante tutto. Don Mario Pagina 2

3 Natale è arrivato! È quasi arrivato il giorno tanto aspettato, quello tanto desiderato e quello tanto amato: il Natale. Esso è la festività cristiana che celebra la nascita di Gesù ed è la festa più popolarmente sentita tra i cristiani, ma negli ultimi anni ha assunto anche un significato laico, legato allo scambio di regali, alla famiglia e a figure del folklore come Babbo Natale. L'atmosfera natalizia già si riesce a sentire con l'avvento dell'immacolata (8 dicembre). In questo giorno si è soliti fare, come nella tradizione antica, l'albero di Natale e il presepe. Questi ultimi rappresentano ancora oggi una risorsa essenziale e una grande forza all'interno di ogni famiglia. L'unione familiare è la cosa più bella e semplice che possa esistere, poiché al tempo d'oggi la comunicazione tra genitori e figli è molto complicata. Con il Natale si riesce a comunicare nel vero senso della parola senza incertezza e oscurità, ma con chiarezza e semplicità. Ognuno di noi in questo periodo ha un unico desiderio e non vede l'ora di realizzarlo perchè l'aggettivo su cui si basa il Natale è la felicità. Un bene prezioso di cui non possiamo fare a meno. Molte persone percepiscono la felicità come un perfezionamento personale; altre, invece, temono la felicità pensando che sia un bene molto lontano, quasi irraggiungibile, motivo per cui corrono a più non posso nella speranza di avvicinarla, senza rendersi conto che più corrono e più se ne allontanano. Io riesco a sentire la felicità nell'aiuto ad un anziano abbandonato, che non è considerato da nessuno; vedo la felicità nel curare e amare i bambini del terzo mondo, poiché per loro il Natale è come il vento non lo vedono ma lo percepiscono; con un piccolo sorriso ed un semplice gesto si può fare tanto. Tutte le persone bianche o nere, forti o deboli, anziani o giovani dovrebbero vivere in un unico Universo senza discriminazioni, ma con l'affermazione della fratellanza, dell'uguaglianza e della libertà. A Natale si può fare di più, essere più buoni, ma non è sufficiente fare del bene, bisogna anche saperlo fare. Un bene fatto male può essere più dannoso che utile. Aiutiamoci gli uni con gli altri per superare tutti gli ostacoli. Non giudichiamo, ma perdoniamo; non odiamo, ma amiamo: non sprechiamoci in indifferenza e cattiverie.. Nella nascita di Gesù Bambino i dolci sospiri di gioia si trasformeranno in sollievi per le nostre anime. Il nuovo arrivato sarà un sostegno per il bene di ogni comunità. Avrei ancora da parlare sul significato del Natale, mi prolungherei ancora per molto ma mi fermo perchè vi cedo la parola. Riflettete sul Natale perchè io l'ho fatto e sapete dove ho trovato la risposta? Ebbene si nella fede e nell'amore!! a.d.l. E questo il Natale? L'arrivo del Natale ogni anno è preannunciato da un'atmosfera particolare. Le strade illuminate dalla città si riempiono di gente animata da entusiastica frenesia, che chiacchiera con vivacità o si precipita nei n e g o z i, s o n t u o s a m e n t e addobbati per l'occasione. Ai bambini luccicano gli occhi, alla vista di montagne di giocattoli. Della festività natalizia forse si è persa l'origine religiosa. Prevale oggi il conformistico rituale dell'acquisto dei regali, lo scambio tra le persone di oggetti ben impacchettati, ma spesso inutili. In una parola: il consumismo, ormai emblema della società contemporanea. Eppure sono convinta che, dietro la gioia collettiva che sembra accompagnare i giorni antecedenti la festa, ci siano anche motivi spirituali, riti, credenze, tradizioni, valori che si sono sedimentati da secoli nel nostro inconscio. L'albero e il presepe, che riempiono in questi giorni le nostre case, mi sembrano alludere al desiderio di una vita migliore, da sviluppare nella pace e nell'amore reciproco. Pagina 3 Mi sembrano simboleggiare l'idea che il mondo può essere salvato. Ben venga dunque, la bontà, che ci costringe in questi giorni di festa a pensare a quelle persone che trascorrono il Natale lontano dalla patria d'origine, staccate dai loro affetti e dalle loro tradizioni, a quelli che sono sommersi dalle difficoltà economiche e a coloro che hanno motivi di grave infelicità per malattie o altri rovesci esistenziali che non possono essere sereni neppure in questi giorni, in cui tutti gli altri sembrano felici. Dentro di me coltivo la certezza che il Natale porterà una luce anche nelle loro tribolate esistenze, riserverà loro un sorriso, la speranza e dei momenti belli, più frequenti e possibili nella sofferenza, secondo me, di quanto non siamo disposti comunemente a credere. Infine penso che l'attuale crisi economica, che colpisce un po tutto il mondo, diminuirà quest'anno il numero e il valore dei regali sotto l'albero. Sicuramente non me ne importa molto, credo che la felicità di ognuno di noi, fortunatamente, stia altrove. o.d.n.

4 Negli ultimi anni, soprattutto nell ambiente giovanile, si sente parlare spesso di bolletta. No, non si tratta della bolletta da pagare periodicamente, ma di una scommessa multipla a quota fissa sulle varie partite di calcio, nazionali e non. La formula proposta da questo tipo di scommessa sembra essere molto gradita alla stragrande maggioranza delle persone, giovani e meno giovani, poiché la cosiddetta bolletta è facile da giocare, non ha una quota di gioco predefinita e si possono giocare tutte le partite a scelta, senza alcun obbligo o restrizione. Di fatto questo tipo di scommessa è una delle più popolari, anche perché si può raggiungere facilmente la vincita e si possono giocare anche solo 2 euro. Un altro aspetto da considerare può essere l effetto psicologico; la bolletta aumenta l interesse sulle partite, che altrimenti si concentrerebbe solo sulla squadra del cuore; colui che scommette guarda con interesse tutto il panorama del calcio, magari per controllare o sperare nel risultato scommesso. In aggiunta a tutto questo, possiamo dire che la bolletta può essere considerata anche oggetto di integrazione e di socializzazione; parlare con il vicino del risultato giocato, confrontarsi, fare pronostici, possono aiutare a conoscere il prossimo, integrarsi nell ambiente in cui si vive. Insomma la bolletta rappresenta un qualcosa sulla quale si può sperare, imprecare, confrontarsi, in poche parole è uno dei passatempi preferiti delle persone, che possono così sentirsi protagonisti delle partite, insieme ai 22 calciatori che sono in mezzo al campo di gioco. Purtroppo, ci troviamo di fronte ad una delle nuove dipendenze giovanili, essa rappresenta un qualcosa di cui i giovani non riescono a fare a meno: crea sconforto, ansia, felicità, in caso di vincita e comporta una maggiore partecipazione nel seguire l evento sportivo su cui si è scommesso. Vincere una bolletta necessita, come tutti i giochi e i sistemi di scommesse, di una buona dose di fortuna, oltre ad una sufficiente conoscenza dello sport e del tipo di incontro su cui si va a puntare. Ovviamente i mass-media hanno contribuito ad enfatizzare tale tipo di dipendenza, attraverso pubblicità e sponsor che spingono molti a tentare la fortuna. Per alcuni, la scommessa diventa un ancora di salvezza, una scialuppa di salvataggio, per migliorare la propria condizione. Spesso troppi soldi vengono investiti in un qualcosa che molto probabilmente si perderà, ma ciò che è ancora più grave è vedere i tanti bambini nei centri scommesse, anche se per la legge le scommesse sono vietate ai minorenni, generalmente i proprietari dei centri sono propensi a chiudere un occhio. Giocare la bolletta può essere un qualcosa di positivo, un momento di svago e di condivisione, di divertimento e un po anche di speranza. Tuttavia, come in tutte le cose, un accanimento eccessivo, può essere solo negativo: giocare con moderazione può essere una soluzione per risolvere il problema dipendenza. d.i. & f.s. & f.r. 30 ottobre Parrocchia di Cervino: Presente! Quest anno si è svolto a Roma l incontro nazionale per ragazzi e giovanissimi di Azione Cattolica. Migliaia di persone in Piazza San Pietro erano pronte a salutare Sua Santità Benedetto XVI con il cuore aperto ad accogliere il calore, le emozioni che incontri di questo genere suscitano. La giornata si è aperta con un momento di preghiera e tutta la mattinata è volata ascoltando le parole del Santo Padre. Il pomeriggio è trascorso all insegna di canti e balli, giochi ed incontri. Nel gruppo A.C.R. della parrocchia di Cervino abbiamo raccolto testimonianze dei nostri ragazzi per comprendere cosa ha lasciato quest esperienza nel loro cuore: stupore di fronte a un evento di rilevanza nazionale; emozioni forti per la vicinanza al Papa durante la mattinata; gioia e contentezza per i balli e i canti, gli inni vecchi e nuovi cantati e animati a Villa Borghese nel p o m e r i g g i o ; infine a parole loro i ragazzi hanno cercato di far capire che nutrono anche gratitudine, perché è stato un evento grazie al quale hanno avuto la possibilità di interagire con realtà diverse e rafforzare legami. E ancora una volta l Azione Cattolica ci ha dato l opportunità di fare un indimenticabile esperienza che i nostri ragazzi, i nostri giovani, noi stesse, porteremo sempre nel cuore perché ci ha caricato veramente di un di più, dandoci la consapevolezza che con l A.C. possiamo diventare grandi insieme. m. & a. v. Pagina 4

5 Secondo una recente statistica riguardante i siti internet più visitati del mondo, stilata da Google, Facebook occupa il primo posto. Nato nel 2004, dall idea di uno studente di Harvard, Mark Zuckenberg, che intendeva creare un album fotografico degli allievi della scuola, Facebook è tecnicamente un social network, un tipo di sito, cioè, che permette agli utenti un alto grado di interazione con gli iscritti. Al di là degli innovativi aspetti tecnici, Facebook ha avuto un impatto sociale grandissimo. Se non rivoluzionato, ha senz altro cambiato radicalmente il nostro modo di comunicare e di socializzare. Facebook conta quasi 500 milioni di utenti in tutto il mondo e il loro numero sembra destinato ad aumentare. Facebook è uno strumento duttile, che consente di fare molte cose: rintracciare vecchie conoscenze, mantenersi in contatto con i propri amici, conoscere persone nuove sulla base di Don Mario Parroco: Altri contatti : Carmine Paolo Alex criteri di affinità, partecipare a gruppi ed eventi, condividere foto, giocare. Esaltato o demonizzato, a seconda delle circostanze, Facebook è a mio avviso, uno strumento di comunicazione ancora troppo giovane per consentire di esprimere un giudizio definitivo, attendibile e ponderato, sul suo utilizzo. Divenuto ormai uno dei principali strumenti di comunicazione della nostra epoca, l affermazione di Facebook, al di là dei giudizi favorevoli e delle critiche, rappresenta un caso esemplare di economia creativa. Al suo fondatore va dato il merito di aver avuto il genio di individuare un nuovo bisogno diffuso nella società, legato alla comunicazione e alle relazioni sociali, finora parzialmente ignorate. News dell ultim ora: Mark Zuckenberg è stato eletto dal Times, uomo dell anno. o.d.n. John Winston Lennon (Liverpool, 9 Ottobre 1940 New York, 8 Dicembre 1980) è stato un chitarrista, compositore e cantante inglese. Dal 1962 al 1970 è stato compositore e cantante (solista) del gruppo musicale dei Beatles. È il cantautore di maggior successo nella storia delle classifiche inglesi seguito da Paul McCartney. Happy Xmas (WAR IS OVER)! Canzone scritta da John Lennon e Yoko Ono (la moglie), da loro incisa ai Record Plast (East) Studios di New York il 28 e 29 ottobre Nato come brano di protesta contro la guerra in Vietnam, è diventato tra i più noti del repertorio natalizio. Alla fine del 1969, John Lennon e Yoko Ono promossero una campagna in undici città tra cui New York, Tokyo, Roma e Amsterdam con manifesti che annunciavano: "WAR IS OVER! (If You Want It)",ovvero LA GUERRA E FINITA! (Se tu lo vuoi) Due anni dopo questo motto divenne il messaggio base di questa canzone, e fu proprio questo a portare Lennon all apice delle classifiche! E così è Natale, per i deboli ed i forti, per i ricchi ed i poveri, il mondo è così sbagliato. E così è Natale, per i neri ed i bianchi, per i gialli ed i rossi, smettiamola di combattere, afferma Lennon. In fondo è Natale per tutti, non esistono differenze, e per questo è inutile combattere! Partendo dalla domanda iniziale della canzone E così è arrivato il Natale, e tu cosa hai fatto?, ognuno di noi dovrebbe farsela allo stesso modo in cuor suo per riflettere se veramente è riuscito a portare un buon contributo alla difficile società, sottolineando sempre il principio di fratellanza e di uguaglianza! a.i. Pagina 5

6 Cronaca da Avetrana... Ripercorrendo alcuni eventi di quest anno, uno in particolare è stato fonte di animata discussione, il caso di Sarah Scazzi. Sarah aveva 15 anni e viveva ad Avetrana (Taranto) con la sua famiglia; il 26 agosto 2010 uscì di casa verso le 14:30 per raggiungere a piedi l'abitazione della cugina Sabrina Misseri con la quale aveva intenzione di andare al mare. Come consuetudine, fece uno squillo sul cellulare dell'amica per avvertirla del suo arrivo, ma questa, non vedendola arrivare, dopo un po la richiamò sul cellulare per sapere che fine avesse fatto. Purtroppo il cellulare squillava a vuoto e in seguito risultò irraggiungibile. La strada presumibilmente percorsa da Sarah a quell'ora del pomeriggio era deserta, infatti nessuno dei vicini aveva visto o sentito nulla. I familiari della ragazza molto preoccupati iniziano così ad escludere un allontanamento volontario e temono un rapimento. Il 2 settembre il sindaco di Avetrana, Mario de Marco, fà un appello a tutti i cittadini del piccolo paese, asserendo che se qualcuno avesse saputo qualcosa sulla scomparsa di Sarah lo avrebbe potuto comunicare anche in forma anonima. In un secondo momento, dopo aver tenuto una conferenza stampa convocata in accordo con la famiglia della ragazza scomparsa e le forze dell'ordine, il sindaco dà un suo contributo per la ricerca di Sarah facendo stampare volantini con la sua foto che vengono distribuiti ovunque nel paese e in quelli limitrofi. Il 9 settembre, giornata della fiaccolata organizzata per Sarah, la madre della ragazza lancia un appello riportando queste esatte parole: Sarah è stata rapita da più persone, me lo sento è stata una trappola. A coloro che l'hanno presa chiedo di lasciarla, prendere una bambina così è pazzesco. La signora fiduciosa, sperando nel ritrovo della figlia non si arrende affatto e và fino in fondo alla vicenda anche con il contributo del Presidente della Repubblica, le forze dell'ordine e il Corpo forestale regionale. Il 7 ottobre dopo una lunga giornata sotto il pressante interrogatorio dei carabinieri, Michele Misseri (zio di Sarah e padre di Sabrina) confessa l'omicidio della nipote. Egli ha ammesso di aver strangolato la nipote nel garage della sua abitazione e di aver occultato il corpo, in un podere vicino ad Avetrana, il giorno stesso della scomparsa. I carabinieri, seguendo le indicazioni di Misseri, in stato di fermo per omicidio volontario, ritrovano il corpo di Sarah. Successivamente subentra nella vicenda anche Sabrina Misseri che viene sottoposta a fermo per concorso nell'omicidio. Ancora oggi non siamo a conoscenza della verità, di ciò che è successo a Sarah, molte sono state le possibilità ipotizzate, tra queste, l ipotesi che Sabrina abbia ucciso la cugina (probabilmente per motivi di gelosia) e in quel momento, presa dal panico e non sapendo cosa fare del corpo della cugina, ha ricevuto l aiuto del padre che persino nell'interrogatorio si è assunto tutte le responsabilità affermando di aver ucciso lui la nipote, solo per coprire e difendere la figlia. Tutto ciò è ancora da chiarire in quanto la situazione sta andando ancora avanti senza giungere a nessuna conclusione precisa, soprattutto perché nei vari interrogatori Michele Misseri ha affermato sempre tesi diverse, spesso in contraddizione tra di loro. L'unica certezza è la disgrazia capitata alla ragazza e alla sua famiglia, che è un fatto scandaloso, ma ancora più scandaloso è il polverone che hanno fatto alzare i media che, a mio parere, hanno certamente approfittato e lucrato sulle disgrazie altrui. Anche se ritengo giusto che siano svolte le indagini e che sia fatta chiarezza sopra quest'incresciosa realtà, chiedo che si usi maggiore discrezione e appena giunti ad un punto concreto esporre quella che è la verità dell'accaduto, piuttosto che paventare molteplici verità e confondere ed angosciare ancora di più la famiglia. v.p. Pagina 6

7 ...in diretta Una vicenda che ultimamente ha tolto il respiro a tutta l'italia è quella che ha tristemente coinvolto una ragazza come tante altre, Sarah Scazzi. É stata infatti tradita dalle persone di cui si fidava maggiormente. Non ci si abitua mai ad un delitto e ancora di meno ad un efferato atto di violenza che coinvolge una giovanissima piena di aspettative, passioni, ma soprattutto con una vita davanti in cui avrebbe deciso, sbagliato e sognato, se non fosse stata bruscamente interrotta dai suoi assassini. La tranquilla Avetrana è stata il palcoscenico di una delle vicende più tristi di quest'anno, che ha inevitabilmente sconvolto gran parte di noi. Complici sono stati anche i media a cui questa vicenda è stata data in pasto senza alcuna pietà. A richiamare l'attenzione della televisione sono stati proprio i due indagati che hanno presentato la vittima come una ragazza piena di sogni irrealizzabili che l'avrebbero portata a spingersi fino alla fuga dalla realtà familiare, per arrivare facilmente alle luci della ribalta, ma queste affermazioni altro non erano che una farsa, che avrebbe dovuto coprire la realtà, una verità che è stata scandita in diretta tv quando hanno annunciato la morte della giovane Sarah, con la madre e i parenti in collegamento da una nota trasmissione Rai. Fin dove può spingersi la fama di audience? Fino a dove può spingersi la voglia di strumentalizzare le vicende anche più tristi, in questo caso le tragedie, per attirare sempre più pubblico o semplicemente per distogliere l'attenzione da altri problemi? Gli accusati ad oggi sono due: lo zio di Sarah, Michele, e la sua amica cugina Sabrina, il movente sarebbe una questione di tipo «intrafamiliare», ma gli inquirenti stanno ancora indagando per portare alla luce qualche altra amara verità. La vicenda è stata vissuta dall'opinione pubblica come una soap opera, come fosse una farsa, una fiction che ci inorridisce, ma che è vissuta con un certo distacco e con l'attenzione ad ogni singolo particolare e nuovo aggiornamento. Non è un caso che in questi giorni sono stati proposti tanti speciali sulla vicenda con ospiti appositamente scelti per studiare le sfumature della vicenda. Questo modo di portare tragedie in uno studio televisivo ha inevitabilmente innescato un secondo processo: quello di voler visitare di persona quei luoghi di cui tanto si parla. Avetrana è oggi un luogo di pellegrinaggio per molte persone che per curiosità o per pietà vogliono portare un saluto o un ricordo alla piccola Sarah, tutto questo però sembra ignorare i sentimenti veri della famiglia e di chi è coinvolto direttamente in questa situazione che, secondo me avrebbe bisogno di pace e giustizia. o.d.n. Fredda Capanna Nella fredda capanna Una madre s affanna Una luce risplende Un padre attende. Dalla fredda capanna Si eleva un Osanna Un vagito è arrivato Il Bambino Divino è nato Sulla fredda capanna La speranza canta una ninna nanna Ogni sguardo si posa Ogni cuore riposa m.s. Povera Sarah! E vulato n cielo n at angiulillo na creatura bella comm a na stella nu ciore bello, appena sbocciato che na mano assassina ha spezzato. Senza pietà, senza raggione, senza mutivo, peggio e nu cane; l unica colpa d a puverella sulo chella ch era bellella. Mo a gente è rimasta scioccata senza parole, confusa, allibita pe stu fatto ch è capitato. Nun se rassegna, nun se dà pace, pe sta morte accussì atroce pe na coscienza misa n croce. Denara (su La Valle di Suessola) É Natale (Madre Teresa) che sorridi a un fratello e gli tendi la mano. che rimani in silenzio per ascoltare l altro. che non accetti quei principi che relegano gli oppressi ai margini della società. che speri con quelli che disperano nella povertà fisica e spirituale. che riconosci con umiltà i tuoi limiti e la tua debolezza. che permetti al Signore di rinascere per donarlo agli altri. Pagina 7

8 Ad Maiorem Dei Gloriam Grande gioia per questo Natale: la funzione delle ore 23 della sera della Vigilia natalizia, quest anno sarà allietata dal Coro Parrocchiale di recente costituzione (a voci miste, preposto per l accompagnamento delle funzioni ufficiali della nostra parrocchia), guidato dal nostro sacerdote don Mario, il quale ne ha fortemente desiderato la nascita, la costituzione e l avviamento verso un nuovo cammino comunitario. Proprio per quest ultimo motivo, la messa della notte di Natale rappresenterà (per ripetere le parole del nostro parroco) il battesimo del Coro, essendo la sua prima esibizione ufficiale, esprimendo così la forte affinità tra i valori che impregnano il nostro gruppo (comunione, vicinanza, armonia) e i molteplici significati della venuta di nostro Signore sulla terra. Il Coro (aperto a chiunque voglia accostarvisi) affronta con grande serenità e disciplina tutte le molteplici sfaccettature della musica liturgica: dai toni gregoriani (dal Kyriale Romano) ai canti post-conciliari (di autori contemporanei vari), dalle melodie popolari (ormai memoria storica della nostra comunità parrocchiale) alla polifonia (antica e moderna), tenendo sempre bene in mente che, al di là del piacere insito nel canto stesso, lo scopo fondamentale del Coro è innalzare canti per la maggiore Gloria di Dio! Concludo con le parole del Concilio Vaticano II, dal documento Sacrosantum Concilium, capitolo VI Musica Sacra, par. 112: La tradizione musicale della Chiesa costituisce un patrimonio d'inestimabile valore, che eccelle tra le altre espressioni dell'arte, specialmente per il fatto che il canto sacro, unito alle parole, è parte necessaria ed integrante della liturgia solenne. Il canto sacro è stato lodato sia dalla sacra Scrittura, sia dai Padri, sia dai romani Pontefici; [ ]. Perciò la musica sacra sarà tanto più santa quanto più strettamente sarà unita all'azione liturgica, sia dando alla preghiera un'espressione più soave e favorendo l'unanimità, sia arricchendo di maggior solennità i riti sacri. La Chiesa poi approva e ammette nel culto divino tutte le forme della vera arte, purché dotate delle qualità necessarie. m.g.v. Da settembre ad oggi sono diverse le iniziative che hanno caratterizzato le attività di SpazioGiovani. Incontri di Formazione, Giornalino, Presepe, Proiezione di film, Serate Karaoke e Balli, Torneo di Ping Pong, Gruppo Facebook. E per altre iniziative......attendiamo i vostri consigli. La Sala è aperta tutti i Lunedì Mercoledì Venerdì Continueremo ad animare le serate con diverse iniziative, in particolare rivolgiamo a tutti i Giovani l invito a partecipare agli incontri di formazione (ogni Venerdì alle 20:00). Concludiamo con una serie di eventi per i prossimi mesi: 26 dic 2010 Presepe Vivente a cura di Kelacas 05 gen 2011 Tombolata - ore 18:00 Bambini Tombolata - ore 20:30 Giovani e Adulti 31 gen 2011 Marcia per la Pace A.C. ad Acerra 20 feb 2011 Giornata per la Vita ad Acerra Pagina 8 Redazione a cura dei ragazzi di SpazioGiovani

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014

DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014 CENTRO PARROCCHIALE OSNAGO PROGRAMMA DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014 È Natale È Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano. È Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Laici cristiani nel mondo di oggi

Laici cristiani nel mondo di oggi Laici cristiani nel mondo di oggi Francesco Benvenuto Roma Centro Nazareth 3 settembre 2015 3 settembre 2015 Roma - Centro Nazareth 1 Una riflessione Dal dopo concilio siamo stati abituati a progettare,

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto educativo nel quale l'apprendimento si accorda all'essere e

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

La Gazzetta di Emmaus

La Gazzetta di Emmaus E D I T O R E E M M A U S S P A A N N O 2 N U M E R O 1 1 Buone Feste da S O M M A R I O In Prima 1 Luci in sala 2 Eventi 3 Lavelli 4 Tre mesi fa è stata ripresa l attività laboratoriale del giornalino

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Frasi Immacolata Concezione

Frasi Immacolata Concezione Frasi Immacolata Concezione Oggi la città si riempie di luci e colori; è un trionfo di bagliori, nell aria c è già il profumo di festa e la voglia di donare un sorriso, un abbraccio e un augurio di una

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani L indagine Obiettivo Indagare l opinione delle utenti di alfemminile sul concetto di famiglia al giorno d oggi. Date ottobre 2011 Numero di rispondenti

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

Natale del Signore - 25 dicembre

Natale del Signore - 25 dicembre Natale del Signore - 25 dicembre La Messa della notte sviluppa il tema di Gesù luce e pace vera donata agli uomini ( colletta); viene commentata attraverso una lettura tipologica la nascita di Gesù con

Dettagli

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI RIVA DEL GARDA, 14 NOVEMBRE 2013 IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI Dott.ssa Mara Marchesoni Hospice Amedeo Bettini Medico Da soli o insieme Tutte le persone sono diverse

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Voci dall infinito. richiami per l Anima

Voci dall infinito. richiami per l Anima Voci dall infinito richiami per l Anima Copertina di Rocco Vassallo. Disegni di Mario G. Galleano. Mario Giovanni Galleano VOCI DALL INFINITO richiami per l Anima www.booksprintedizioni.it Copyright 2013

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi

Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi Distretto: torino nord - ciriè Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi Animatore/trice: verderone daniela -momenti di aggregazione

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

Promettere (da pro + mitto, mando, pongo avanti) significa impegnarsi a fare o a dare qualcosa.

Promettere (da pro + mitto, mando, pongo avanti) significa impegnarsi a fare o a dare qualcosa. PROMESSA SCOUT Nella nostra vita quante volte abbiamo fatto delle promesse e quante volte non l abbiamo mantenute; quante volte abbiamo ricevuto delle promesse e quante volte non sono state mantenute.

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli