SESSIONE POSTER. G. Bertoldi,A. Rist,G. Niedrist,S. Della Chiesa,M. Petitta,G. Leitinger,E. Tasser, U. Tappeiner

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SESSIONE POSTER. G. Bertoldi,A. Rist,G. Niedrist,S. Della Chiesa,M. Petitta,G. Leitinger,E. Tasser, U. Tappeiner"

Transcript

1 SESSIONE POSTER Sessione 1 Cambiamenti Climatici P1.1 Studio delle lunghe serie giornaliere di temperature e precipitazioni e definizione di indici climatici in Piemonte F. Acquaotta, S. Fratianni P1.2 Clima ed ambienti climatici in Abruzzo nel xx secolo M.G. Alessandroni., G. Remedia P1.3 Verso la modellazione del reticolo idrografico subglaciale antartico: modellazione dinamica della calotta C. Balconi,F. Baratelli,M. Giudici,C. Vassena P1.4 Climate change in South Tyrol: approccio multidisciplinare per lo studio degli impatti ecoidrologici in una valle alpina G. Bertoldi,A. Rist,G. Niedrist,S. Della Chiesa,M. Petitta,G. Leitinger,E. Tasser, U. Tappeiner P1.5 Analisi dell'impatto dei cambiamenti climatici sulla frequenza delle piene mediante modellistica idrologica in continuo L. Brocca,S. Camici,A. Tarpanelli, F. Melone,T. Moramarco P1.6 Cambiamenti climatici, innevamento e impatto sulle valanghe in veneto A. Cagnati, A. Crepaz,M. Valt, A. Chiaudani,A. Barbi,I. Delillo P1.7 Valutazione del l'impatto combinato dei cambiamenti climatici e degli scenari di gestione sulla risorse idriche sotterranee nel l'isola di Majorca, Spagna L. Candela, W. Von Igel, J.F. Elorza, G.T. Aronica P1.8 Un approccio alla valutazione del rischio frane indotte da cambiamenti climatici nella regione Campania E. Damiano,E.. Bucchignani,P. Mercogliano P1.9 Il centro meteorologico e climatologico della Campania (CEMEC) D.Di Gangi

2 P1.10 Universal kriging per un dataset di temperature in Italia dal 1960 a oggi G. Fioravanti,P. Fraschetti,W. Per conti,a.toreti P1.11 Influenza delle temperature superficiali dei mari tropicali sulla dinamica polare antartica: evidenze da analisi correlative multi-decadale B. Grassi, G. Redaelli,G. Visconti P1.12 Cambiamenti climatici e coste in Sicilia V. Liguori, A. Porcaro P1.13 Un nuovo metodo per la determinazione del mixing ratio di background per siti remoti continentali M. Maione,J. Arduini,U. Giostra,F. Furlani,D. Cava P1.14 Caratterizzazione pluviometrica dell'area romana F. Mangianti, F. Leone P1.15 Le precipitazioni eccezionali dell'autunno 2008 a Roma F. Mangianti, F. Leone P1.16 Serie storica climatologica di Napoli G. Martorano,G. Budillon P1.17 FLORAD: costellazione floreale di radiometri e ricevitori spaziali a microonde per osservazioni meteo-climatiche F.S. Marzano,D. Cimini, M. Monopoli, G. Giuliani,R. Ferretti,A. Nassisi P1.18 Sulla presenza significativa del l'onda di 60 mesi di El Niño A. Mazzarella, A. Giuliacci P1.19 Un modello di circolazione atmosferica alternativo ai GCM A. Mazzarella P1.20 Cambiamenti climatici e previsione della disponibilita` idrica in Calabria G. Mendicino, A. Senatore,G. Smiatek,H. Kunstmann P1.21 Uso di diagnostiche specifiche per l'analisi comparata di osservazioni e dati di modello: applicazione allo studio del trasporto nella regione Alta Troposfera/Bassa Stratosfera E. Palazzi,F. Fierli, F. Cairo,G. Di Donfrancesco,C.Cagnazzo,E. Mancini,S. Bekki P1.22 Variabilita' e cambiamenti climatici della dinamica in stratosfera: il progetto CLIVA E. Palazzi,L. Di Liberto,G.Di Donfrancesco,F. Cairo,F. Fierli P1.23 Metodi Data Driven per la previsione a medio termine dei livelli di PM10 E. Pasero,G. Raimondo P1.24 Impatto di scenari di cambiamento climatico sulle risorse idriche e la producibilita` idroelettrica nelle Alpi italiane R. Ranzi,S. Barontini, G. Grossi,P. Faggian,S. Maran

3 P1.25 Analisi delle variazioni recenti dei campi termoalini in Adriatico settentrionale A. Russo,M. Bastianini, F. Grilli,M. Krezlj,V. Mendozzi,E. Paschini,M. Ravaioli,G. Socal P1.26 Variabilita climatica sulle Alpi nord-occidentali: primi risultati dello studio sulla tendenza del l'innevamento attraverso l'uso di serie storiche e dati satellitari S. Terzago,C. Cassardo,R. Cremonini,S. Fratianni P1.27 Analisi delle aree di recente deglacializzazione in Valle d'aosta M. Vagliasindi, M. Curtaz,C. Lucianaz P1.28 Anthropic land-use cools summer season in central Europe M. Zampieri, P. Lionello P1.29 Regional climate change in the northern Adriatic M.Zampieri,F. Giorni,P. Lionello,G. Nikulin Sessione 2 Trasferimento radiativo e remote sensing P2.1 Caratterizzazione dello stato del mare con radar in banda X e confronto con misure SAR da satellite M. Allegretti,C. Lucianaz, O. Rorato,G. Perona P2.2 Misure accurate delle diverse componenti del bilancio di radiazione in regioni costiere e interne del l'antartide M. Busetto, C. Lanconelli,M. Mazzola,A.Lupi,V. Vitale,C. Tomasi P2.3 Misure di irradianza solare diretta e diffusa a San Pietro Capofiume e Torvergata per lo s tudio del l'effetto radiativo diretto degli aerosol M. Campanelli,A. Lupi,V. Estelles,C. Lanconelli,M. Mazzola,M. Busetto, C. Tomasi, V. Vitale P2.4 Stima di flussi radiativi al suolo a scala regionale G. Cervarolo,G. Mendicino,R. Palumbo,V. Pastore, G. Scalone,A. Senatore,V. Telesca P2.5 Studio delle proprietà ottiche del l' aerosol troposferico nel sito urbano di roma tramite l'utilizzo combinato di misure LIDAR da terra e da satellite V. Ciardini, M. Cacciani,G. Casasanta,T. Di Iorio,L. Di Liberto,A. di Sarra,D. Fuà,C. Tirelli P2.6 Firecast 2.0, The Previsional Fire Danger Index Computation System for Complex Orography Environments L. Corgnati, G. Perona P2.7 Ruolo chiave degli aerosol nel bilancio energetico del mediterraneo centrale: determinazione del forcing radiativo tramite misure da terra e da satellite C. Di Biagio,A.G. di Sarra,D. Meloni, F. Monteleone, S. Piacentino,D. Sferlazzo P2.8 MICROLIDAR PER REGIONI REMOTE, TEST CAMPAIGN: ASCOS - Arctic Summer Cloud Ocean Study L. Di Liberto,G. Di Donfrancesco, F. Cairo, O. Cavalieri,M. Viterbini,F. Cardillo,M. Snels

4 P2.9 Controllo del flusso di SO2 del l'etna usando dati MODIS TIR e profili atmosferici G. Gangale,S. Pugnagli,L. Guerrieri P2.10 L'osservatorio atmosferico del CNR-IMAA A. Giunta,A. Amodeo,A. Borselli,G.D'Amico,F. Madonna,L. Mona,G. Pappalardo, V. Cuomo P2.11 Valutazione della riflettanza superficiale bidirezionale sul territorio italiano da misure di radianza EOS-MISR C. Lanconelli,M. Mazzola,A. Lupi, M. Busetto,V. Vitale, C. Tomasi P2.12 Early forest fires detection: smoke identification through innovative image processing using commercial sensors A. Losso,L. Corgnati, G. Perona P2.13 Indici di umidità del suolo derivati da dati SAR ed ottici per studi climatici C. Notarnicola,M. Petitta,B. Ventura,M. Zebisch P2.14 Studio per la calibrazione del radiometro MFRSR in ambiente urbano e stima dello spessore ottico del l'aerosol. C. Tirelli,M. Cacciani,G. Casasanta, V. Ciardini,T. Di Iorio,A. di Sarra, D. Fuà Sessione 3 Cicli biogeochimici P3.1 Una metodologia di bilancio di massa per la stima dei flussi di CO2 su aree eterogenee S. Alfieri, M.F. Carfora, U. Amato, M. Esposito, V. Magliulo P3.2 Il monitoraggio della risorsa idrica attraverso un sistema integrato di dati climatici, idrologici e satellitari L. Angeli,R. Costantini,L. Costanza, R. Ferrari,L. Innocenti P3.3 Distribuzione spaziale della biomassa microbica e del l'attività respiratoria nel l'epi-, meso- e batipelago del mar mediterraneo (ottobre-novembre 2004) M. Azzaro,R. La Ferla,G. Maimone,R. d'alcalà P3.4 Variabilita temporale della biomassa microbica e del l'attivita respiratoria nel l'epi-, meso- e batipelago del Mar Tirreno M. Azzaro,R. La Ferla,G. Maimone,R. d'alcalà P3.5 Utilizzo di un modello ecologico-forestale per la stima degli effetti dei cambiamenti climatici A. Collalti, M. Santini, R. Valentini P3.6 Trasporto di aerosol di origine antropica e naturale nella regione dei ghiacciai himalayani: risultati delle osservazioni presso il Nepal Climate Observatory Pyramid (5079 m) S. Decesari,M.C. Facchini,S. Fuzzi,P. Bonasoni, P. Cristofanelli,A. Marinoni, E.Vuillermoz, M. Maione,P. Laj,K. Sellegri

5 P3.7 Utilizzo combinato dei dati climatologici al suolo e delle immagini telerilevate ndvi per il monitoraggio della variabilita interannuale della copertura vegetale sulla Sardegna A.M.S. Delitala, M. Vizzari,P. Capace,M. Fiori,G. Mannu, C.L. Cacicco, R. Pinna Nossai P3.8 Measuring carbon budget in a Mediterranean agro-ecosystem P. Di Tommasi, T. Bertolini, L. Vitale, M. Oliva, V. Magliulo P3.9 Variabilita temporale dei procarioti nel Mar Ionio: uno studio su dimensioni celluari e biomassa mediante analisi d immagine R. La Ferla, G.P. Irrora, G. Maimone,M. Azzaro P3.10 A sedimentary organic carbon budget for the western Adriatic sea L. Langone, T. Tesi,M.Giani, S. Miserocchi, M. Frignani, M. Ravaioli P3.11 Applicazione del modello ACASA per la simulazione degli scambi di carbonio e acqua in tre diversi ecosistemi S. Marras, D. Spano, R. D. Pyles,M. Falk,C. Sirca,R.L Snyder,U.K.T. Paw P3.12 Proprieta' ottiche colonnari degli aerosol in area urbana da misure MFRSR M. Mazzola, C. Lanconelli, A. Lupi,M. Busetto,V. Vitale,C. Tomasi P3.13 Evoluzione del contenuto volumetrico d acqua in uno strato finito omogeneo: soluzioni analitiche e misure sperimentali M. Menziani, S. Pugnaghi, S. Vincenzi. P3.14 Sviluppo di un sistema True Eddy Accumulation per la misura degli scambi gassosi tra atmosfera e biosfera G. Nicolini, G. Fratini, P. Stefani, R. Valentini P3.15 Emissioni di zolfo durante le eruzioni vulcaniche: effetto nell intorno strutturale dello S nei fusi silicatici E. Paris,G. Giuli,M. R. Carroll,P. Glatzel,R.A. Mori,S.G. Eeckhout,B. Scaillet P3.16 N2O emissions from maize crops in southern Italy S.Ranucci, L. Ottaiano, T. Bertolini, P. Di Tommasi, M. Oliva, L. Vitale, A. Forte, V. Magliulo,A. Fierro P3.17 Flussi di sabinene da un ecosistema dominato da Fagus sylvestris dell'italia centrale mediante la tecnica dei gradienti con pallone frenato nell'ambito del progetto CARBOITALY F. Rapparini,R. Baraldi,O. Facini, G. Matteucci,P.C. Kemper Pacieco,E. Brancaleoni, P. Ciccioli P3.18 Primi risultati sulla partizione della respirazione del suolo in un ecosistema a macchia mediterranea C. Sirca,S. Pisanu, M. Carta, A. Arca,D. Spano P3.19 I processi chimico-fisici che influenzano il ciclo del mercurio al variare della latitudine F. Sprovieri,I. M. Hedgecock, N. Pirrone

6 P3.20 Variazione dei parametri fotosintetici di un erbaio autunno-vernino di Trifolium alessandrinum l. e Lolium italicum durante la stagione di crescita L. Vitale, P. Di Tommasi, V. Magliulo P3.21 Evidenze di fertilizzazione del fitoplancton marino da deposizione di polvere sahariana nel mar Mediterraneo centrale durante l'anno 2007 C. Volta,S. Becagli,C. Bommarito,C. Di Biagio,A.di Sarra, F. Monteleone,D. Sferlazzo, R. Traversi, R. Udisti Sessione 4 Scienze dell atmosfera P4.1 Development of a SiC photo-detector system for the UV monitoring of solar radiation E. Borchi, R. Macii,M. Bruzzi P4.2 Attivita di previsione meteorologica numerica nel progetto ASI "PROSA" A. Buzzi,S. Davolio,O. Drofa,P. Malguzzi P4.3 Influenza di aerosol e ozono sulle misure del coefficiente di fotodissociazione dell'ozono: evidenze di un importante meccanismo di regolazione della qualità dell'aria G. Casasanta, A. di Sarra,D. Meloni,F. Monteleone,S. Piacentino,D.M. Sferlazzo P4.4 Problemi relativi alla definizione delle condizioni iniziali dei parametri idro-termici del suolo O. Drofa, A.Buzzi P4.5 Studio di un evento anomalo di valori elevati di concentrazione di CO2 misurati alla stazione alpina di Plateau Rosa. S. Ferrarese,F.Apadula,D.Heltai,A. Lanza, A Longhetto,M. Manfrin,C. Cassardo, A.Ferrero,C. Francone P4.6 Valutazione del l'impatto del l'aggiornamento del modello BOLAM del sistema idro-meteomare sulla qualità della previsione di un ciclone mediterraneo B. Lastoria,M. Casaioli,S. Mariani, M. Bussettini P4.7 Symmetry-break, mixing, instability, and low frequency variability in a minimal Lorenz-like system V. Lucarini, K. Fraedrich P4.8 Applicabilita` della Contiguous Rain Area analysis nella verifica di previsioni di precipitazione su aree limitate del bacino del mediterraneo S. Mariani P4.9 Approccio multi-metodo e multi-modello nella verifica delle previsioni prodotte nel l'ambito del progetto MAP D-PHASE S. Mariani,B. Lastoria,M. Casaioli,A. Lanciani, C. Accadia,N. Tartaglione P4.10 Classificazione e stima di densita` di idrometeore da radar polarimetrici a microonde F.S. Marzano, M. Montopoli,G. Botta,E. Picciotti,K. De Sanctis

7 P4.11 Microfisica di nubi vulcaniche: monitoraggio e validazione di stime di cenere da radar meteorologici a microonde F.S. Marzano, S. Pavone,S. Barbieri,P.F. Lombardo,B. Oddsson P4.12 Simulazioni ad alta risoluzione di un evento di precipitazione intensa sul sud Italia: confronto MM5 WRF D. Mastrangelo,M.M. Miglietta,A.Moscatello,K. Horvath,G. Budillon P4.13 Interazioni aria-mare in area antartica: simulazioni numeriche ed immagini da satellite S. Morelli,F. Parmigiani P4.14 Validazione scientifica del software di elaborazione operativo realizzato per il ricevitore italiano per radio occultatione a bordo della missione indiana OCEANSAT-2 R. Notarpietro,M. Cucca Manuela, S. Palella, G. Perona P4.15 Un check sperimentale sul criterio di stabilita' in atmosfera satura R. Richiardone,M. Manfrin P4.16 Valutazione numerica dei bilanci di temperatura potenziale ed energia cinetica turbolenta nelle correnti forzate termicamente in valli alpine S. Serafin, D. Caresia, F Panelatti,D. Zardi Sessione 5 Scienze dell oceano P5.1 Variabilita' spaziale del microfitoplancton nel mediterraneo occidentale nel periodo primaverile 2008 M. Abbate,A. Zingone P5.2 Analisi PCA di dati di temperatura di brillanza SSM/I per l'individuazione di indici di polarizzazione utili alla stima dello spessore del ghiaccio marino nelle regioni antartiche G. Aulicino, G. Fusco, G. Budillon P5.3 Monitoraggio dell'inquinamento marino con il SAR da satellite W. Biamino, M. Borasi,P. Trivero P5.4 Cambiamenti a lungo termine e produzioni di acque di fondo nel Mare di Ross Antartide P. Castagno,G. Budillon,S. Aliani,G. Spezie P5.5 Pattern superficiali di clorofilla-a rilevata da satellite nel canale di Sicilia e ionio meridionale dal 2003 al 2007 A. Ciappa P5.6 Identificazione di Eddies a cuore freddo nella corrente circumpolare antartica da misure in situ e telerilevate Y. Cotroneo,G. Budillon, G. Fusco, G. Spezie P5.7 Connessioni tra la north atlantic oscillation e l'area mediterranea A. M. Fragliasso,G. Fusco,G. Budillon

8 P5.8 La previsione dell acqua alta a Venezia con il Sistema-Idro-Meteo-Mare: nuove implementazioni del modello Idrodinamico VL-FEM e risultati preliminari L. Giannini,M. Bajo,F. De Pascalis, E. Piervitali, G. Umgiesser P5.9 Un modello non idrostatico ad altissima risoluzione dello Stretto di Gibilterra L. Liberti,G. Sannino, J. C. Sánchez Garrido P5.10 Rilevazione di tsunami da dati satellitari S. Paolella,R. Notarpietro,G. Perona P5.11 Multi-year analysis of Terra Nova bay winter polynya extents F. Parmiggiani P5.12 Studi di laboratorio sulla struttura e sulla separazione delle western boundary currents S. Pierini,P. Falco,G. Zambardino,T.A. McClimans,I. Ellingsen P5.13 Una teoria della bimodalita decadale dell estensione del Kuroshio S. Pierini, H. A. Dijkstra P5.14 Nuove tecnologie per implementare i modelli di gestione della pesca: il radar nautico in banda X F. Raffa,F. Serafino,T. Romeo,F. Soldovieri,F. Andaloro P5.15 Variabilità termoalina nella polynya di Baia Terra Nova (Antartide) in relazione alla copertura di ghiaccio marino ed al forzamento atmosferico E. Rusciano, G. Budillon,G. Spezie P5.16 Mappatura di habitat bentonici in ambiente profondo: la provincia a coralli bianchi di Santa Maria di Leuca (Mar Ionio settentrionale) A.Savini, C. Corselli,B. Loubrieu,A.Vertino,J.P. Foucher, M. C. Fabri, O. Karine, J. Sarazzin P5.17 Links between sea level in the Mediterranean and large scale patterns L. Scarascia,P. Lionello P5.18 Studi modellistici su aspetti di dinamica della corrente circumpolare antartica G. Sgubin,S. Pierini P5.19 Rischio geologico in area costiera e cambiamenti climatici: il caso di studio del margine calabro ionico C. Tessarolo, A.Savini,E. Malinverno,C. Corselli P5.20 Asymptotic analysis of the Run-up problem B. Tirozzi, S. Dobrokhotov, S. Morucci Sessione 6 Qualità dell'ambiente P6.1 Identification of particulate matter and vitreous fibers in the atmosphere of a metropolitan area P. Avino,C. Fanizza, M. Manirasso

9 P6.2 Il progetto Patos: uno studio integrato sulla composizione del PM10 e PM2.5 in Toscana per l'identificazione e la quantificazione delle principali sorgenti primarie e secondarie S. Becagli, E. Castellano,A. Cincinelli,M. Chiari, M. Giannoni, L. Lepri, F. Lucarelli, T. Martellini, F. Marino, S. Nava P6.3 Utilizzo della modellistica per la valutazione e la previsione dello stato di salute di un territorio W. Biamino, M. Borasi,M. Cavagnero,P. Trivero P6.4 La valutazione del degrado dei beni architettonici di Torino: confronto tra i risultati ottenuti con la formula di Lipfert e con la funzione di dose-risposta del progetto MULTIASSESS P. Bonanni,C. Cacace,M. Cusano,R. Gaddi,A. Giovagnoli,C. Sarti P6.5 Alghe tossiche e Ostreopsis ovata P. Borrello, S. Corsini, E. Spada P6.6 Lo studio del l'inquinamento atmosferico da particolato al laboratorio Labec di Firenze G. Calzolai,M. Chiari,F. Lucarelli,S. Nava P6.7 Tracciabilita delle sorgenti emissive del PM: selettivita delle metodiche di frazionamento chimico elementari. S. Canepari, M.L. Astolfi P6.8 Monitoraggio ambientale del l'no2 indoor e outdoor e impatto sulla salute respiratoria degli adolescenti F. Cibella,G. Cuttitta,S. La Grutta,M.R. Melis, G. Viegi P6.9 Immagini ad alta risoluzione per la governance ambientale nella zona tampone della riserva transnazionale di biosfera W, Africa D. Cimini, A. Vallodoro, L.Calandra P6.10 Determinazione in tempo reale della composizione chimica del particolato atmosferico da sorgenti primarie e secondarie in pianura padana S. Decesari, C. Perrino,R. Baraldi, E. Tagliavini,M. Dall'Osto, A. Laaksonen,M. Kulmala, J. Allan, C. Plass-Duelmer, J.K. Gietl P6.11 Considerazioni sulla rappresentativita spazio-temporale nei dati di PM10 dalle reti di monitoraggio in Italia A. Di Menno di Bucchianico, G. Cattani,A. Gaeta,G. Gandolfo, A.M. Caricchia P6.12 Concentrazione di materiale particellare PM10 e PM2,5 in area urbana: l'influenza di a lcuni parametri meteorologici. D.Dina,C. Notaro, M. Inglessis, G. Settimo, G. Viviano

10 P6.13 Studio delle proprieta chimiche di aerosol segregati dimensionalmente sul territorio italiano nel progetto Aerocloud M.C. Facchini, C. Carbone,S. Fuzzi,C. Perrino,N. Pirrone, M.R. Perrone, U. Giostra, E. Tagliavini, R. Udisti, G. Di Sarra P6.14 Caratterizzazione di materiale lapideo e identificazione delle cause ed entita del degrado L. Fraddosio Boccone,L. Scrano, F. Langerame,S. A. Bufo P6.15 Studio delle caratteristiche delle equazioni di flusso e trasporto nei mezzi porosi con l'utilizzo del l'analisi spettrale M. Giudici,C. Vassena P6.16 Aerosol e precipitazioni: effetti di attenuazione e ciclo settimanale I. Gladich,F. Turoldo,D. Goi, S. Del Frate,I. Gallai,D.B. Giaiotti D. B.,F. Montanari, Gp. Mordacchini, F. Stel P6.17 Studio del l'impatto a larga scala del NO2 da incendi di biomasse sul l'o3 troposferico, utilizzando l'assimilazione dei dati omi in chimere: il caso degli incendi delle foreste africane del 2007 B. Grassi,G. Curci, G. Redaelli,P. Bonasoni,P. Cristofanelli P6.18 Coalizioni in accordi internazionali sulle emissioni L. Mallozzi,S. Tijs P6.19 Una metodologia per l'apporzionamento del numero di particelle aereodisperse e del PM10 D. Massabò, E. Cuccia,P. Prati, V. Bernardoni, G.Valli,R. Vecchi P6.20 Caratterizzazione delle sorgenti di PM2.5 e PM10 nell'area urbana Genovese D. Massabò,V. Ariola, E. Cuccia, P. Prati P6.21 Implementazione di modelli numerici per lo studio e previsione comportamento delle sostanze chimiche in ambienti marino-costieri e urbani: il caso della laguna di Venezia C. Mugnai,J. Sommerfreund,M. Diamone,S. Giuliani,S. Romano,L.G. Bellucci,M. Frignani P6.22 Il danneggiamento di ambienti di interesse artistico: risultati di una campagna di misura a palazzo vecchio (Firenze) S. Nava,F. Becherini,A. Bernardi,A. Bonazza, M. Chiari,I. Garcia-Orellana,F. Lucarelli,N. Ludwig A. Migliori,C. Sabbioni P6.23 Caratterizzazione del microclima dei monumenti in aree urbane: il caso dell Arco d Augusto in Aosta D. Ponziani, E. Ferrero, L. Apolonia,S. Migliorini P6.24 Studi microclimatici su beni culturali in ambienti aperti con l'ausilio di modelli numerici (CFD) P.Semprini, U. Giostra,F. Furlani,M. Maione,L. Appolonia,S. Migliorini P6.25 L 'influenza delle condizioni meteorologiche sulla diffusione dei pollini rilevati all'osservatorio di Roma-Collegio romano. Analisi dei casi estremi M.C. Serra, C. Epifani, F. Mangianti

11 P6.26 Utilizzo di reti neurali per la previsione di inquinanti in atmosfera L. Trizio, M. Caselli, G. de Gennaro P6.27 Voc and Odor : valutazione delle emissioni di composti organici volatili e degli impatti odorigeni prodotti dai nuovi materiali e dalle nuove tecnologie per i sistemi produttivi M. Tutino, M. Brattoli,P Buono,M. Caselli, L. D Accolti, G. de Gennaro, A. Demarinis Loiotile, F. Longobardi,M. Musti P6.28 Studio del l'effetto delle eterogeneità a scala fine sul trasporto di soluti nei mezzi porosi C. Vassena,L. Cattaneo,M. Giudici

La scienza del clima e la previsione. del nostro futuro

La scienza del clima e la previsione. del nostro futuro La scienza del clima e la previsione Ieri del nostro futuro Oggi Domani PM Ruti ENEA - Casaccia 0 min 30 min Abbiamo un problema! La concentrazione di anidride carbonica aumenta ad una velocità mai registrata

Dettagli

Numero dipendenti e collaboratori: 81 ricercatori e tecnologi 31 tecnici e amministrativi 63 ricercatori a contratto e in formazione

Numero dipendenti e collaboratori: 81 ricercatori e tecnologi 31 tecnici e amministrativi 63 ricercatori a contratto e in formazione Attività e ricerche ISAC è il maggior istituto che opera sulle tematiche di scienze dell atmosfera e del clima nel CNR e in Italia. Le competenze dell Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima (ISAC)

Dettagli

Cinzia Perrino. Composizione chimica del particolato atmosferico in aree industriali

Cinzia Perrino. Composizione chimica del particolato atmosferico in aree industriali Cinzia Perrino Composizione chimica del particolato atmosferico in aree industriali CONSIGLIO NAZIONALE delle RICERCHE ISTITUTO sull INQUINAMENTO ATMOSFERICO Area della Ricerca RM1 Montelibretti (Roma)

Dettagli

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio L Atmosfera Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio Protegge la superficie terrestre da temperature

Dettagli

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010 Mauro M. Grosa Responsabile del coordinamento delle attività di qualità dell aria di Arpa Piemonte Regione Piemonte nel 2000 ha avviato

Dettagli

Introduzione al telerilevamento

Introduzione al telerilevamento Introduzione al telerilevamento Telerilevamento = Remote Sensing Acquisizione di informazioni su un oggetto mediante un sensore non in contatto con esso, ossia mediante misure delle variazioni dei campi

Dettagli

Sistema modellistico previsionale della qualità dell'aria

Sistema modellistico previsionale della qualità dell'aria Sistema modellistico previsionale della qualità dell'aria La qualità dell'aria nell'agglomerato Torinese, Situazione e Prospettive, Torino 30 novembre 2011 ARPA Piemonte, su incarico del competente Settore

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale

Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale Giornata della cultura 16 Marzo 2006 Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale Prof. Giancarlo Spezie Attendiamo però i risultati del carotaggio di Dome-C (EPICA Project)

Dettagli

Sperimentazioni & Misure: progetto ATMOSFERA

Sperimentazioni & Misure: progetto ATMOSFERA Sperimentazioni & Misure: progetto ATMOSFERA Flavio Falcinelli RadioAstroLab s.r.l. 60019 Senigallia (AN) - Italy - Via Corvi, 96 Tel: +39 071 6608166 - Fax: +39 071 6612768 info@radioastrolab.it www.radioastrolab.it

Dettagli

Programma di Attività del Dipartimento Terra e Ambiente. CNR 19 Novembre 2004

Programma di Attività del Dipartimento Terra e Ambiente. CNR 19 Novembre 2004 Programma di Attività del Dipartimento Terra e Ambiente CNR 19 Novembre 2004 Articolazione del Dipartimento in Progetti P1 - Il sistema Terra: interazioni tra terra solida, mare, acque interne, atmosfera

Dettagli

Il Sole Variazioni dell energia solare entrante: Obliquità orbitale Attualmente l asse di rotazione terrestre è inclinato di 23.4 rispetto alla perpendicolare sul piano orbitale terrestre. Ogni 41 000

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

I cambiamenti climatici sulla regione Alpina: Osservazioni e proiezioni future

I cambiamenti climatici sulla regione Alpina: Osservazioni e proiezioni future I cambiamenti climatici sulla regione Alpina: Osservazioni e proiezioni future Filippo Giorgi Abdus Salam ICTP, Trieste Trento,, 2 Febbraio 2007 Il clima cambia su una vasta gamma di scale spaziali che

Dettagli

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico 300 250 200 media min max 150 100 50 0 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre (mm) Dicembre Fig. 4.9. Episodi di nebbia nel Porto di Venezia (anni 1985-1991).

Dettagli

PRESENTAZIONE DIDATTICA

PRESENTAZIONE DIDATTICA EDUCATIONAL BOX TEMA ENERGIA PRESENTAZIONE DIDATTICA Scuola primaria 2 ciclo Che cos è l'energia? Quali sono i diversi tipi di energia? Luce & Calore Cinetica & Elettrica Potenziale Rumore Chimica Che

Dettagli

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011 Qualità dell aria La rilevanza del fenomeno dell accumulo di biossido di azoto nella Pianura Padana rilevato da misure satellitari Concentrazione di biossido di azoto sull Europa tra Gennaio 2003 e Giugno

Dettagli

Programma di Tirocinio/Stage. Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli ecosistemi agrari e forestali

Programma di Tirocinio/Stage. Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli ecosistemi agrari e forestali Al Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 9010 Pula Programma di Tirocinio/Stage Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli

Dettagli

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Il Progetto ASI PRIMI PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Nonostante la protezione dell ambiente marino sia di interesse internazionale primario, lo scarico illegale di idrocarburi a mare

Dettagli

Specifiche e scopi delle reti di monitoraggio della radiazione UV solare: proposte per una rete italiana

Specifiche e scopi delle reti di monitoraggio della radiazione UV solare: proposte per una rete italiana Specifiche e scopi delle reti di monitoraggio della radiazione UV solare: proposte per una rete italiana H. Diémoz 1, G. Agnesod 1, A. M. Siani 2, G. Casale 2 1 ARPA Valle d Aosta 2 La Sapienza, Università

Dettagli

Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico

Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico Carlo Cacciamani Workshop Condivisione delle conoscenze e sviluppo di sistemi informativi e di monitoraggio per la fascia marino costiera e la pianificazione

Dettagli

Variabilità delle comunità autotrofe planctoniche nelle aree al largo dell Adriatico meridionale

Variabilità delle comunità autotrofe planctoniche nelle aree al largo dell Adriatico meridionale Workshop finale VECTOR Sede centrale CNR, Roma, 18-19 ottobre 2010 Variabilità delle comunità autotrofe planctoniche nelle aree al largo dell Adriatico meridionale F. Cerino a,1, F. Bernardi-Aubry b, J.

Dettagli

Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive

Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive Caratterizzazione del particolato fine atmosferico: attuale situazione e prospettive Sandro Fuzzi Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima Consiglio Nazionale delle Ricerche Bologna Aerosol atmosferico

Dettagli

Radiazione UV, clima e atmosfera Bonasoni, P. e Cristofanelli P.

Radiazione UV, clima e atmosfera Bonasoni, P. e Cristofanelli P. Radiazione UV, clima e atmosfera Bonasoni, P. e Cristofanelli P. Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima, Via Gobetti 101, 40129 Bologna, p.bonasoni@isac.cnr.it,

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

Impatto sulla qualità dell'aria della centrale elettrica a biomasse di Bazzano: valutazione modellistica e suggerimenti per un sito di monitoraggio

Impatto sulla qualità dell'aria della centrale elettrica a biomasse di Bazzano: valutazione modellistica e suggerimenti per un sito di monitoraggio Impatto sulla qualità dell'aria della centrale elettrica a biomasse di Bazzano: valutazione modellistica e suggerimenti per un sito di monitoraggio Gabriele Curci 1, Paolo Tuccella 1, Giovanni Cinque 2,

Dettagli

CAMBIAMENTI CLIMATICI...

CAMBIAMENTI CLIMATICI... CAMBIAMENTI CLIMATICI... ...O VARIABILITA? Riscaldamento Globale Cambiamenti Climatici Aumento del livello del mare Cambiamento pattern cicloni Cambiamento pattern idrologici e precipitazioni Cambiamento

Dettagli

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi Il clima della Valle d Aosta Precipitazioni durante l alluvione del 2000 Temperature estreme registrate in Valle d Aosta Il ruolo delle montagne

Dettagli

Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze

Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze Rosella Bertolotto (ARPAL) Andrea Pedroncini (DHI Italia) Torino,

Dettagli

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici ENERGY SOLUTIONS La forza del vento Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici L energia è diventata una priorità nella politica europea. Fino ad oggi

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 ENV/IT/000391 Beneficiario coordinatore: ISAC-CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Scienze dell'atmosfera e del Clima di Roma) Tel.: (+39) 06/49934343 Fax:

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Identificazione delle attività professionali alle quali l associazione si riferisce

Identificazione delle attività professionali alle quali l associazione si riferisce ALLEGATO 1 ANFeA - Associazione Nazionale Fisica e Applicazioni Identificazione delle attività professionali alle quali l associazione si riferisce Le attività professionali, alle quali si applica la legge

Dettagli

GLOBAL WARMING. Mario Giuliacci - Centro Epson Meteo

GLOBAL WARMING. Mario Giuliacci - Centro Epson Meteo GLOBAL WARMING certezze, quasi certezze e dubbi Mario Giuliacci - Centro Epson Meteo Non è tutto chiaro Le certezze Le quasi certezze I dubbi Il catastrofismo Il ruolo dell IPCC Le certezze Global Warming

Dettagli

Il vento nei modelli di clima

Il vento nei modelli di clima Il vento nei modelli di clima Alessandro Dell Aquila Sandro Calmanti ENEA UTMEA-CLIM Unità Tecnica Modellistica Energetica Ambientale Laboratorio Modellistica Climatica ed Impatti CNMCA Giovedì 29 Aprile

Dettagli

del Ventunesimo Secolo

del Ventunesimo Secolo Cambiamenti Climatici Una delle Grandi Sfide del Ventunesimo Secolo Filippo Giorgi Abdus Salam ICTP, Trieste IPCC WG1 Bureau Apertura dell Anno Accademico, Universita di Verona, 13 Marzo 2008, L Effetto

Dettagli

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Le attività svolte dai tre partners italiani del progetto CESAPO, l Istituto di Scienze dell Atmosfera

Dettagli

RADIAZIONE SOLARE. 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0.

RADIAZIONE SOLARE. 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0. BILANCIO AL TOP DELL ATMOSFERA RADIAZIONE SOLARE 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0.8µ) L intensità della radiazione solare

Dettagli

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine Dr. Geol. Gaetano La Bella Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine MoGeIFaCo Elaborazione di un modello di gestione integrata della

Dettagli

Università dell Insubria. Corso di laurea Scienze Ambientali FISICA GENERALE

Università dell Insubria. Corso di laurea Scienze Ambientali FISICA GENERALE Università dell Insubria Corso di laurea Scienze Ambientali FISICA GENERALE Modulo su Elementi di tematiche ambientali globali e dei processi fisici connessi Atmosfera e riscaldamento globale in collaborazione

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA Manuela Zublena, Giordano Pession Italia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Valle d Aosta Sezione

Dettagli

Clima e composizione dell atmosfera:

Clima e composizione dell atmosfera: Clima e composizione dell atmosfera: fatti certi e ipotesi da verificare. Maurizio Persico Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Università di Pisa Cultura e metodo scientifico. La Limonaia, Pisa,

Dettagli

(B) Finanziamento richiesto dal Cesi (migliaia di euro)

(B) Finanziamento richiesto dal Cesi (migliaia di euro) Tabella n. 1 (A) Denominazione del progetto (B) Finanziamento richiesto dal Cesi (migliaia di euro) (C) Finanziamento ammesso a carico del Fondo (migliaia di euro) SCENARI (1) 16058 11291 GEN 21 (2) 57610

Dettagli

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino In questa ricerca puramente statistica abbiamo pensato di mettere a confronto tutti gli inverni del passato concomitanti alla presenza

Dettagli

Comitato Intergovernativo per i Cambiamenti Climatici (creato nel 1988 da WMO e UNEP)

Comitato Intergovernativo per i Cambiamenti Climatici (creato nel 1988 da WMO e UNEP) IPCC Comitato Intergovernativo per i Cambiamenti Climatici (creato nel 1988 da WMO e UNEP) fornisce ai decisori politici una valutazione scientifica della letteratura tecnicoscientifica e socio-economica

Dettagli

Cambiamenti meteo-climatici in atto e ripercussioni sulle risorse idriche (la difficoltà di leggere il segnale climatico)

Cambiamenti meteo-climatici in atto e ripercussioni sulle risorse idriche (la difficoltà di leggere il segnale climatico) Cambiamenti meteo-climatici in atto e ripercussioni sulle risorse idriche (la difficoltà di leggere il segnale climatico) Prof. Massimiliano FAZZINI Climatologo Association Internationale de Climatologie

Dettagli

Cognome... Nome... IL CICLO DELL ACQUA

Cognome... Nome... IL CICLO DELL ACQUA Cognome... Nome... IL CICLO DELL ACQUA Nell idrosfera l acqua si sposta continuamente da un luogo all altro, seguendo un percorso di andata e ritorno detto ciclo dell acqua o ciclo idrologico; questo si

Dettagli

L umidità atmosferica

L umidità atmosferica L umidità atmosferica Gli stati fisici dell acqua Nell atmosfera è sempre contenuta una certa quantità di acqua, in parte allo stato solido e liquido (nubi), in parte allo stato gassoso. Quest ultima deriva

Dettagli

AUTUNNO 2011 Corpo idrico N. totale stazioni

AUTUNNO 2011 Corpo idrico N. totale stazioni AUTUNNO 2011 La qualità delle acque di transizione del Veneto è controllata, per conto della Regione, dal Settore Acque di ARPAV. Nella mappa riportata in Figura 1 sono indicati i corpi idrici di transizione

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

REPORT EVENTO METEO-IDROLOGICO DEI GIORNI 10 12 FEBBRAIO 2014

REPORT EVENTO METEO-IDROLOGICO DEI GIORNI 10 12 FEBBRAIO 2014 Regione Toscana Servizio Idrologico Regionale CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE TOSCANA DL 11/07/1998, n. 180; Legge 3/08/1998, n. 267; DPCM del 15/12/1998 Delibera G.R. n. 1003 del 10/09/2001; Delibera

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S.

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE SCIENTIFICO TECNOLOGICO SCIENZE INTEGRATE

Dettagli

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15 ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI Pagina 1 di 15 Indice Matrice dei prodotti erogabili a supporto della pianificazione e monitoraggio delle discariche...3 Analisi e Monitoraggio delle aree

Dettagli

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile 10.07.2015-10.11.2015 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari 1. Contenuto del

Dettagli

Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi

Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi Partner responsabile Giovanni Cinque Direttore Generale HIMET S.r.l. I Workshop Proge-o RoMA Giovedi 20 marzo 2014 ROMA Principali Obie%vi di OR4 (1)

Dettagli

CLIMI E ZONE CLIMATICHE

CLIMI E ZONE CLIMATICHE CLIMI E ZONE CLIMATICHE Tempo atmosferico e clima TEMPO ATMOSFERICO (O METEOROLOGICO) = Condizioni atmosferiche di breve durata, che esistono in un dato momento in una determinata area Il tempo atmosferico

Dettagli

II TRIMESTRE 2013. 1 di 6. N. totale stazioni Laguna di Baseleghe 4 Laguna di Caorle 5 Area centrale Laguna di Venezia 15.

II TRIMESTRE 2013. 1 di 6. N. totale stazioni Laguna di Baseleghe 4 Laguna di Caorle 5 Area centrale Laguna di Venezia 15. II TRIMESTRE 2013 La qualità delle acque di transizione della regione Veneto è controllata, in applicazione della normativa vigente, dal Servizio Osservatorio Acque Marine e Lagunari di ARPAV. Nella mappa

Dettagli

Le conseguenze in area mediterranea ed in Italia

Le conseguenze in area mediterranea ed in Italia Le conseguenze in area mediterranea ed in Italia Vincenzo Ferrara (Dirigente ENEA, Consigliere del Ministro dell Ambiente per i cambiamenti del clima) IN COLLABORAZIONE CON IL SISTEMA DELLE AGENZIE AMBIENTALI

Dettagli

Qualità dell aria. Il monitoraggio ambientale

Qualità dell aria. Il monitoraggio ambientale Il monitoraggio ambientale Qualità dell aria Obiettivo primario: garantire a tutto il territorio livelli di qualità dell aria compatibili con la salute umana e dell ambiente Il monitoraggio della qualità

Dettagli

Ciò su cui noi però concentreremo maggiormente l attenzione sono i differenti regimi Oceanici e Atmosferici che li caratterizzano.

Ciò su cui noi però concentreremo maggiormente l attenzione sono i differenti regimi Oceanici e Atmosferici che li caratterizzano. Artide ed Antartide per la loro posizione geografica nella filosofia come nella letteratura sono considerati gli estremi della Terra. Vari processi, forzati dal flusso geotermico terrestre e dalle correnti

Dettagli

10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna

10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna 10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna Michele Stortini, Giovanni Bonafè, Marco Deserti, Simona Maccaferri, Enrico Minguzzi, Antonella Morgillo Centro Tematico Regionale

Dettagli

Il radar meteorologico

Il radar meteorologico Il radar meteorologico Il radar meteorologico è uno strumento che sfrutta impulsi di onde elettromagnetiche per rilevare la presenza in atmosfera di idrometeore (goccioline d acqua, cristalli di neve o

Dettagli

Bianca Francesca Berardi Classe 1^ Liceo Esposizione di Geostoria a.s. 2012-2013 AL CENTRO DEL MEDITERRANEO

Bianca Francesca Berardi Classe 1^ Liceo Esposizione di Geostoria a.s. 2012-2013 AL CENTRO DEL MEDITERRANEO Bianca Francesca Berardi Classe 1^ Liceo Esposizione di Geostoria a.s. 2012-2013 AL CENTRO DEL MEDITERRANEO LA POSIZIONE E IL MARE La POSIZIONE al centro del Mediterraneo e la forma peninsulare rendono

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

Siccità, Acqua e Coste. Studio Pilota. L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia

Siccità, Acqua e Coste. Studio Pilota. L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia C E N T R O T E M AT I C O l Siccità, Acqua e Coste Studio Pilota L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia Il Centro Tematico Siccità, Acqua e Coste del progetto

Dettagli

ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI

ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI 8 Congresso Nazionale CIRIAF Perugia, 5 aprile 2008 ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI Rossella Prandi A. Bertello, E. Bracco,

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG )

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG ) Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Lucera ( FG ) Periodo di osservazione: 5/2/21-11/3/21

Dettagli

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE SIMULARE CONVIENE! I modelli ambientali strumento di previsione e pianificazione L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ

Dettagli

Qualità dell aria a Palermo

Qualità dell aria a Palermo Comitato di redazione del Bollettino dell Ordine degli Ingegneri della provincia di Palermo Qualità dell aria a Palermo A cura di: ing.a.bertuglia, ing.m. Sciortino,dott.ssa R.Barbiera Ambiente ed inquinamento

Dettagli

R&D PARTNERS: Presentazione Aziendale

R&D PARTNERS: Presentazione Aziendale R&D PARTNERS: Presentazione Aziendale Chi siamo WEST Systems opera da oltre 25 anni, a livello nazionale ed internazionale, nel settore dell innovazione tecnologica e metodologica applicata alle Scienze

Dettagli

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003 GRS Charter Dottorato di Ricerca in GEOINFORMAZIONE AES Charter in collaborazione con Associazione Laureati in Ingegneria Università Tor Vergata Roma Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

Cambiamenti climatici: Cause, effetti, rimedi (?) Maria Letizia Filippi. Il geologo e i cambiamenti climatici 29 marzo 2010

Cambiamenti climatici: Cause, effetti, rimedi (?) Maria Letizia Filippi. Il geologo e i cambiamenti climatici 29 marzo 2010 Cambiamenti climatici:, effetti, rimedi (?) Maria Letizia Filippi Il geologo e i cambiamenti climatici 29 marzo 2010 Organizzato da In collaborazione con Schema presentazione 1. Il clima 2. Il clima cambia:

Dettagli

Monitoraggio ambientale integrato del Lago di Garda

Monitoraggio ambientale integrato del Lago di Garda Progetto Monitoraggio ambientale integrato del Lago di Garda Garda ISTITUTO DI GEOFISICA E BIOCLIMATOLOGIA SPERIMENTALE DEL GARDA CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA Provincia di Brescia Studio ambientale del

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring)

SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring) 2 Bando Tematico riservato alle P.M.I. Osservazione della Terra SOS-MT-Monitoring (SOil Slow MoTion Monitoring) INNOVA Consorzio per l Informatica e la Telematica srl Dott. Antonio Valentino 13 luglio

Dettagli

PRECIPITAZIONI COLORATE

PRECIPITAZIONI COLORATE PRECIPITAZIONI COLORATE INTRODUZIONE Con tale dicitura si definiscono le piogge, o le nevicate, che assumono colorazioni particolari a causa della presenza di sostanze anomale. Tra queste le più diffuse

Dettagli

Le evidenze scientifiche del Cambiamento Climatico Globale. Marino Gatto Professore di Ecologia Politecnico di Milano

Le evidenze scientifiche del Cambiamento Climatico Globale. Marino Gatto Professore di Ecologia Politecnico di Milano Le evidenze scientifiche del Cambiamento Climatico Globale Marino Gatto Professore di Ecologia Politecnico di Milano L effetto serra I principali gas serra (oltre al vapore acqueo) Gas serra Anidride carbonica

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI OSSERVATORIO ALTO ADRIATICO POLO REGIONALE VENETO

SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI OSSERVATORIO ALTO ADRIATICO POLO REGIONALE VENETO www. arpa.veneto.it SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI OSSERVATORIO ALTO ADRIATICO POLO REGIONALE VENETO Rapporto di sintesi sugli andamenti dei principali parametri oceanografici e meteomarini

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Previsione mensile: maggio 2015 (4 maggio 3 giugno)

Previsione mensile: maggio 2015 (4 maggio 3 giugno) Previsione mensile: maggio 2015 (4 maggio 3 giugno) Modello GLOBO, CNR-ISAC, Bologna D. Mastrangelo, P. Malguzzi, A. Buzzi Previsione emessa il 4/05/2015 e basata sulle condizioni iniziali NOAA/NCEP del

Dettagli

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali 10 gennaio 2014 Anni 2004-2011 LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI Nel 2011 l ammontare della spesa ambientale delle amministrazioni regionali italiane è pari a 4.094 milioni di euro, con

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

INQUINANTI GASSOSI E PARTICOLATO:

INQUINANTI GASSOSI E PARTICOLATO: INQUINANTI GASSOSI E PARTICOLATO: CONFRONTO SIMULAZIONI/OSSERVAZIONI PER DIVERSE CONFIGURAZIONI DEL SISTEMA MODELLISTICO AMS-MINNI Massimo D Isidoro, Gino Briganti, Andrea Cappelletti, Mihaela Mircea ENEA

Dettagli

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05 NEWSLETTER n. 41 a cura dell Ufficio del Portavoce Ufficio Stampa di ARPA Lombardia Giovanni Galgano Tel. 02.69666.362 Grafica ProgettoWEB ARPA Lombardia Sommario CHE ARIA TIRA A VARESE 2 IL CENTRO DI

Dettagli

Progetto APICE. 1 a Newsletter GIUGNO 2011

Progetto APICE. 1 a Newsletter GIUGNO 2011 Progetto APICE Common Mediterranean Strategy and local practical Actions for the mitigation of Port, Industries and Cities Emissions 1 a Newsletter In questo numero: GIUGNO 2011 Gli obiettivi del progetto

Dettagli

Caratterizzazione dei Pascoli con tecniche di Telerilevamento

Caratterizzazione dei Pascoli con tecniche di Telerilevamento Caratterizzazione dei Pascoli con tecniche di Telerilevamento 1 Roberto Colombo, 2 Stefano Bocchi, 1,2 Francesco Fava, 1 -DISAT Università degli Studi di Milano-Bicocca 2 DIPROVE Università degli Studi

Dettagli

Il Clima che cambia: miti o realtà. Lucilla Capotondi Istituto di Scienze Marine CNR Sede di Bologna

Il Clima che cambia: miti o realtà. Lucilla Capotondi Istituto di Scienze Marine CNR Sede di Bologna Il Clima che cambia: miti o realtà Lucilla Capotondi Istituto di Scienze Marine CNR Sede di Bologna Gli ultimi 300 anni, dominati dall'esplosione industriale e tecnologica hanno visto un incremento straordinario

Dettagli

ACQUE DI BALNEAZIONE

ACQUE DI BALNEAZIONE ACQUE DI BALNEAZIONE SCHEDA INFORMATIVA PUNTO DI CAMPIONAMENTO N. 82 1.1 Dati identificativi 1 Denominazione acqua di balneazione* BARRICATA SUD 2 Id acqua di balneazione* IT005029039006 3 Id gruppo* 4

Dettagli

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Antonella Pannocchia Arpa Piemonte La provincia di Torino nel contesto territoriale della pianura padana La provincia di Torino è

Dettagli

Strumentazione Ottica Iperspettrale:

Strumentazione Ottica Iperspettrale: Strumentazione Ottica Iperspettrale: Applicazioni da piattaforme spaziali e avioniche per la tutela ambientale Roma Casa dell'aviatore - 9 Ottobre 2014 Principio Acquisizione Iperspettrale La Tecnica Iperspettrale

Dettagli

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico Ing. Luigi Di Matteo - AUTOMOBILE CLUB D'ITALIA Il PM10, materiale particolato di diametro aerodinamico 1 inferiore

Dettagli

Esperienze di reti di monitoraggio della radiazione UV

Esperienze di reti di monitoraggio della radiazione UV Esperienze di reti di monitoraggio della radiazione UV Henri Diémoz ARPA Valle d Aosta Giornata di cultura ambientale - 6 marzo 2009 1 introduzione 2 cronistoria del monitoraggio UV in Valle d Aosta 3

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Verona Via Massalongo Periodo di attuazione: 06/09/2010 20/09/2010 RELAZIONE TECNICA 1 Realizzato a cura di: A.R.P.A.V. Dipartimento Provinciale

Dettagli

Bollettino GNOO n.28 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 09 e Domenica 10 Luglio 2011

Bollettino GNOO n.28 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 09 e Domenica 10 Luglio 2011 Bollettino GNOO n.28 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 09 e Domenica 10 Luglio 2011 Imagery 2011 TerraMetrics - Terms of Use Previsione meteo sull'italia e previsione di temperatura

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

ACCORDO TRA LE REGIONI EMILIA ROMAGNA, FRIULI VENEZIA GIULA, LOMBARDIA, PIEMONTE, VALLE D'AOSTA, VENETO,

ACCORDO TRA LE REGIONI EMILIA ROMAGNA, FRIULI VENEZIA GIULA, LOMBARDIA, PIEMONTE, VALLE D'AOSTA, VENETO, '>, '''~ ACCORDO TRA LE REGIONI EMILIA ROMAGNA, FRIULI VENEZIA GIULA, LOMBARDIA, PIEMONTE, VALLE D'AOSTA, VENETO, LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO E LA REPUBBLICA E CAN TONE DEL TICINO PER LA PREVENZIONE

Dettagli