SESSIONE POSTER. G. Bertoldi,A. Rist,G. Niedrist,S. Della Chiesa,M. Petitta,G. Leitinger,E. Tasser, U. Tappeiner

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SESSIONE POSTER. G. Bertoldi,A. Rist,G. Niedrist,S. Della Chiesa,M. Petitta,G. Leitinger,E. Tasser, U. Tappeiner"

Transcript

1 SESSIONE POSTER Sessione 1 Cambiamenti Climatici P1.1 Studio delle lunghe serie giornaliere di temperature e precipitazioni e definizione di indici climatici in Piemonte F. Acquaotta, S. Fratianni P1.2 Clima ed ambienti climatici in Abruzzo nel xx secolo M.G. Alessandroni., G. Remedia P1.3 Verso la modellazione del reticolo idrografico subglaciale antartico: modellazione dinamica della calotta C. Balconi,F. Baratelli,M. Giudici,C. Vassena P1.4 Climate change in South Tyrol: approccio multidisciplinare per lo studio degli impatti ecoidrologici in una valle alpina G. Bertoldi,A. Rist,G. Niedrist,S. Della Chiesa,M. Petitta,G. Leitinger,E. Tasser, U. Tappeiner P1.5 Analisi dell'impatto dei cambiamenti climatici sulla frequenza delle piene mediante modellistica idrologica in continuo L. Brocca,S. Camici,A. Tarpanelli, F. Melone,T. Moramarco P1.6 Cambiamenti climatici, innevamento e impatto sulle valanghe in veneto A. Cagnati, A. Crepaz,M. Valt, A. Chiaudani,A. Barbi,I. Delillo P1.7 Valutazione del l'impatto combinato dei cambiamenti climatici e degli scenari di gestione sulla risorse idriche sotterranee nel l'isola di Majorca, Spagna L. Candela, W. Von Igel, J.F. Elorza, G.T. Aronica P1.8 Un approccio alla valutazione del rischio frane indotte da cambiamenti climatici nella regione Campania E. Damiano,E.. Bucchignani,P. Mercogliano P1.9 Il centro meteorologico e climatologico della Campania (CEMEC) D.Di Gangi

2 P1.10 Universal kriging per un dataset di temperature in Italia dal 1960 a oggi G. Fioravanti,P. Fraschetti,W. Per conti,a.toreti P1.11 Influenza delle temperature superficiali dei mari tropicali sulla dinamica polare antartica: evidenze da analisi correlative multi-decadale B. Grassi, G. Redaelli,G. Visconti P1.12 Cambiamenti climatici e coste in Sicilia V. Liguori, A. Porcaro P1.13 Un nuovo metodo per la determinazione del mixing ratio di background per siti remoti continentali M. Maione,J. Arduini,U. Giostra,F. Furlani,D. Cava P1.14 Caratterizzazione pluviometrica dell'area romana F. Mangianti, F. Leone P1.15 Le precipitazioni eccezionali dell'autunno 2008 a Roma F. Mangianti, F. Leone P1.16 Serie storica climatologica di Napoli G. Martorano,G. Budillon P1.17 FLORAD: costellazione floreale di radiometri e ricevitori spaziali a microonde per osservazioni meteo-climatiche F.S. Marzano,D. Cimini, M. Monopoli, G. Giuliani,R. Ferretti,A. Nassisi P1.18 Sulla presenza significativa del l'onda di 60 mesi di El Niño A. Mazzarella, A. Giuliacci P1.19 Un modello di circolazione atmosferica alternativo ai GCM A. Mazzarella P1.20 Cambiamenti climatici e previsione della disponibilita` idrica in Calabria G. Mendicino, A. Senatore,G. Smiatek,H. Kunstmann P1.21 Uso di diagnostiche specifiche per l'analisi comparata di osservazioni e dati di modello: applicazione allo studio del trasporto nella regione Alta Troposfera/Bassa Stratosfera E. Palazzi,F. Fierli, F. Cairo,G. Di Donfrancesco,C.Cagnazzo,E. Mancini,S. Bekki P1.22 Variabilita' e cambiamenti climatici della dinamica in stratosfera: il progetto CLIVA E. Palazzi,L. Di Liberto,G.Di Donfrancesco,F. Cairo,F. Fierli P1.23 Metodi Data Driven per la previsione a medio termine dei livelli di PM10 E. Pasero,G. Raimondo P1.24 Impatto di scenari di cambiamento climatico sulle risorse idriche e la producibilita` idroelettrica nelle Alpi italiane R. Ranzi,S. Barontini, G. Grossi,P. Faggian,S. Maran

3 P1.25 Analisi delle variazioni recenti dei campi termoalini in Adriatico settentrionale A. Russo,M. Bastianini, F. Grilli,M. Krezlj,V. Mendozzi,E. Paschini,M. Ravaioli,G. Socal P1.26 Variabilita climatica sulle Alpi nord-occidentali: primi risultati dello studio sulla tendenza del l'innevamento attraverso l'uso di serie storiche e dati satellitari S. Terzago,C. Cassardo,R. Cremonini,S. Fratianni P1.27 Analisi delle aree di recente deglacializzazione in Valle d'aosta M. Vagliasindi, M. Curtaz,C. Lucianaz P1.28 Anthropic land-use cools summer season in central Europe M. Zampieri, P. Lionello P1.29 Regional climate change in the northern Adriatic M.Zampieri,F. Giorni,P. Lionello,G. Nikulin Sessione 2 Trasferimento radiativo e remote sensing P2.1 Caratterizzazione dello stato del mare con radar in banda X e confronto con misure SAR da satellite M. Allegretti,C. Lucianaz, O. Rorato,G. Perona P2.2 Misure accurate delle diverse componenti del bilancio di radiazione in regioni costiere e interne del l'antartide M. Busetto, C. Lanconelli,M. Mazzola,A.Lupi,V. Vitale,C. Tomasi P2.3 Misure di irradianza solare diretta e diffusa a San Pietro Capofiume e Torvergata per lo s tudio del l'effetto radiativo diretto degli aerosol M. Campanelli,A. Lupi,V. Estelles,C. Lanconelli,M. Mazzola,M. Busetto, C. Tomasi, V. Vitale P2.4 Stima di flussi radiativi al suolo a scala regionale G. Cervarolo,G. Mendicino,R. Palumbo,V. Pastore, G. Scalone,A. Senatore,V. Telesca P2.5 Studio delle proprietà ottiche del l' aerosol troposferico nel sito urbano di roma tramite l'utilizzo combinato di misure LIDAR da terra e da satellite V. Ciardini, M. Cacciani,G. Casasanta,T. Di Iorio,L. Di Liberto,A. di Sarra,D. Fuà,C. Tirelli P2.6 Firecast 2.0, The Previsional Fire Danger Index Computation System for Complex Orography Environments L. Corgnati, G. Perona P2.7 Ruolo chiave degli aerosol nel bilancio energetico del mediterraneo centrale: determinazione del forcing radiativo tramite misure da terra e da satellite C. Di Biagio,A.G. di Sarra,D. Meloni, F. Monteleone, S. Piacentino,D. Sferlazzo P2.8 MICROLIDAR PER REGIONI REMOTE, TEST CAMPAIGN: ASCOS - Arctic Summer Cloud Ocean Study L. Di Liberto,G. Di Donfrancesco, F. Cairo, O. Cavalieri,M. Viterbini,F. Cardillo,M. Snels

4 P2.9 Controllo del flusso di SO2 del l'etna usando dati MODIS TIR e profili atmosferici G. Gangale,S. Pugnagli,L. Guerrieri P2.10 L'osservatorio atmosferico del CNR-IMAA A. Giunta,A. Amodeo,A. Borselli,G.D'Amico,F. Madonna,L. Mona,G. Pappalardo, V. Cuomo P2.11 Valutazione della riflettanza superficiale bidirezionale sul territorio italiano da misure di radianza EOS-MISR C. Lanconelli,M. Mazzola,A. Lupi, M. Busetto,V. Vitale, C. Tomasi P2.12 Early forest fires detection: smoke identification through innovative image processing using commercial sensors A. Losso,L. Corgnati, G. Perona P2.13 Indici di umidità del suolo derivati da dati SAR ed ottici per studi climatici C. Notarnicola,M. Petitta,B. Ventura,M. Zebisch P2.14 Studio per la calibrazione del radiometro MFRSR in ambiente urbano e stima dello spessore ottico del l'aerosol. C. Tirelli,M. Cacciani,G. Casasanta, V. Ciardini,T. Di Iorio,A. di Sarra, D. Fuà Sessione 3 Cicli biogeochimici P3.1 Una metodologia di bilancio di massa per la stima dei flussi di CO2 su aree eterogenee S. Alfieri, M.F. Carfora, U. Amato, M. Esposito, V. Magliulo P3.2 Il monitoraggio della risorsa idrica attraverso un sistema integrato di dati climatici, idrologici e satellitari L. Angeli,R. Costantini,L. Costanza, R. Ferrari,L. Innocenti P3.3 Distribuzione spaziale della biomassa microbica e del l'attività respiratoria nel l'epi-, meso- e batipelago del mar mediterraneo (ottobre-novembre 2004) M. Azzaro,R. La Ferla,G. Maimone,R. d'alcalà P3.4 Variabilita temporale della biomassa microbica e del l'attivita respiratoria nel l'epi-, meso- e batipelago del Mar Tirreno M. Azzaro,R. La Ferla,G. Maimone,R. d'alcalà P3.5 Utilizzo di un modello ecologico-forestale per la stima degli effetti dei cambiamenti climatici A. Collalti, M. Santini, R. Valentini P3.6 Trasporto di aerosol di origine antropica e naturale nella regione dei ghiacciai himalayani: risultati delle osservazioni presso il Nepal Climate Observatory Pyramid (5079 m) S. Decesari,M.C. Facchini,S. Fuzzi,P. Bonasoni, P. Cristofanelli,A. Marinoni, E.Vuillermoz, M. Maione,P. Laj,K. Sellegri

5 P3.7 Utilizzo combinato dei dati climatologici al suolo e delle immagini telerilevate ndvi per il monitoraggio della variabilita interannuale della copertura vegetale sulla Sardegna A.M.S. Delitala, M. Vizzari,P. Capace,M. Fiori,G. Mannu, C.L. Cacicco, R. Pinna Nossai P3.8 Measuring carbon budget in a Mediterranean agro-ecosystem P. Di Tommasi, T. Bertolini, L. Vitale, M. Oliva, V. Magliulo P3.9 Variabilita temporale dei procarioti nel Mar Ionio: uno studio su dimensioni celluari e biomassa mediante analisi d immagine R. La Ferla, G.P. Irrora, G. Maimone,M. Azzaro P3.10 A sedimentary organic carbon budget for the western Adriatic sea L. Langone, T. Tesi,M.Giani, S. Miserocchi, M. Frignani, M. Ravaioli P3.11 Applicazione del modello ACASA per la simulazione degli scambi di carbonio e acqua in tre diversi ecosistemi S. Marras, D. Spano, R. D. Pyles,M. Falk,C. Sirca,R.L Snyder,U.K.T. Paw P3.12 Proprieta' ottiche colonnari degli aerosol in area urbana da misure MFRSR M. Mazzola, C. Lanconelli, A. Lupi,M. Busetto,V. Vitale,C. Tomasi P3.13 Evoluzione del contenuto volumetrico d acqua in uno strato finito omogeneo: soluzioni analitiche e misure sperimentali M. Menziani, S. Pugnaghi, S. Vincenzi. P3.14 Sviluppo di un sistema True Eddy Accumulation per la misura degli scambi gassosi tra atmosfera e biosfera G. Nicolini, G. Fratini, P. Stefani, R. Valentini P3.15 Emissioni di zolfo durante le eruzioni vulcaniche: effetto nell intorno strutturale dello S nei fusi silicatici E. Paris,G. Giuli,M. R. Carroll,P. Glatzel,R.A. Mori,S.G. Eeckhout,B. Scaillet P3.16 N2O emissions from maize crops in southern Italy S.Ranucci, L. Ottaiano, T. Bertolini, P. Di Tommasi, M. Oliva, L. Vitale, A. Forte, V. Magliulo,A. Fierro P3.17 Flussi di sabinene da un ecosistema dominato da Fagus sylvestris dell'italia centrale mediante la tecnica dei gradienti con pallone frenato nell'ambito del progetto CARBOITALY F. Rapparini,R. Baraldi,O. Facini, G. Matteucci,P.C. Kemper Pacieco,E. Brancaleoni, P. Ciccioli P3.18 Primi risultati sulla partizione della respirazione del suolo in un ecosistema a macchia mediterranea C. Sirca,S. Pisanu, M. Carta, A. Arca,D. Spano P3.19 I processi chimico-fisici che influenzano il ciclo del mercurio al variare della latitudine F. Sprovieri,I. M. Hedgecock, N. Pirrone

6 P3.20 Variazione dei parametri fotosintetici di un erbaio autunno-vernino di Trifolium alessandrinum l. e Lolium italicum durante la stagione di crescita L. Vitale, P. Di Tommasi, V. Magliulo P3.21 Evidenze di fertilizzazione del fitoplancton marino da deposizione di polvere sahariana nel mar Mediterraneo centrale durante l'anno 2007 C. Volta,S. Becagli,C. Bommarito,C. Di Biagio,A.di Sarra, F. Monteleone,D. Sferlazzo, R. Traversi, R. Udisti Sessione 4 Scienze dell atmosfera P4.1 Development of a SiC photo-detector system for the UV monitoring of solar radiation E. Borchi, R. Macii,M. Bruzzi P4.2 Attivita di previsione meteorologica numerica nel progetto ASI "PROSA" A. Buzzi,S. Davolio,O. Drofa,P. Malguzzi P4.3 Influenza di aerosol e ozono sulle misure del coefficiente di fotodissociazione dell'ozono: evidenze di un importante meccanismo di regolazione della qualità dell'aria G. Casasanta, A. di Sarra,D. Meloni,F. Monteleone,S. Piacentino,D.M. Sferlazzo P4.4 Problemi relativi alla definizione delle condizioni iniziali dei parametri idro-termici del suolo O. Drofa, A.Buzzi P4.5 Studio di un evento anomalo di valori elevati di concentrazione di CO2 misurati alla stazione alpina di Plateau Rosa. S. Ferrarese,F.Apadula,D.Heltai,A. Lanza, A Longhetto,M. Manfrin,C. Cassardo, A.Ferrero,C. Francone P4.6 Valutazione del l'impatto del l'aggiornamento del modello BOLAM del sistema idro-meteomare sulla qualità della previsione di un ciclone mediterraneo B. Lastoria,M. Casaioli,S. Mariani, M. Bussettini P4.7 Symmetry-break, mixing, instability, and low frequency variability in a minimal Lorenz-like system V. Lucarini, K. Fraedrich P4.8 Applicabilita` della Contiguous Rain Area analysis nella verifica di previsioni di precipitazione su aree limitate del bacino del mediterraneo S. Mariani P4.9 Approccio multi-metodo e multi-modello nella verifica delle previsioni prodotte nel l'ambito del progetto MAP D-PHASE S. Mariani,B. Lastoria,M. Casaioli,A. Lanciani, C. Accadia,N. Tartaglione P4.10 Classificazione e stima di densita` di idrometeore da radar polarimetrici a microonde F.S. Marzano, M. Montopoli,G. Botta,E. Picciotti,K. De Sanctis

7 P4.11 Microfisica di nubi vulcaniche: monitoraggio e validazione di stime di cenere da radar meteorologici a microonde F.S. Marzano, S. Pavone,S. Barbieri,P.F. Lombardo,B. Oddsson P4.12 Simulazioni ad alta risoluzione di un evento di precipitazione intensa sul sud Italia: confronto MM5 WRF D. Mastrangelo,M.M. Miglietta,A.Moscatello,K. Horvath,G. Budillon P4.13 Interazioni aria-mare in area antartica: simulazioni numeriche ed immagini da satellite S. Morelli,F. Parmigiani P4.14 Validazione scientifica del software di elaborazione operativo realizzato per il ricevitore italiano per radio occultatione a bordo della missione indiana OCEANSAT-2 R. Notarpietro,M. Cucca Manuela, S. Palella, G. Perona P4.15 Un check sperimentale sul criterio di stabilita' in atmosfera satura R. Richiardone,M. Manfrin P4.16 Valutazione numerica dei bilanci di temperatura potenziale ed energia cinetica turbolenta nelle correnti forzate termicamente in valli alpine S. Serafin, D. Caresia, F Panelatti,D. Zardi Sessione 5 Scienze dell oceano P5.1 Variabilita' spaziale del microfitoplancton nel mediterraneo occidentale nel periodo primaverile 2008 M. Abbate,A. Zingone P5.2 Analisi PCA di dati di temperatura di brillanza SSM/I per l'individuazione di indici di polarizzazione utili alla stima dello spessore del ghiaccio marino nelle regioni antartiche G. Aulicino, G. Fusco, G. Budillon P5.3 Monitoraggio dell'inquinamento marino con il SAR da satellite W. Biamino, M. Borasi,P. Trivero P5.4 Cambiamenti a lungo termine e produzioni di acque di fondo nel Mare di Ross Antartide P. Castagno,G. Budillon,S. Aliani,G. Spezie P5.5 Pattern superficiali di clorofilla-a rilevata da satellite nel canale di Sicilia e ionio meridionale dal 2003 al 2007 A. Ciappa P5.6 Identificazione di Eddies a cuore freddo nella corrente circumpolare antartica da misure in situ e telerilevate Y. Cotroneo,G. Budillon, G. Fusco, G. Spezie P5.7 Connessioni tra la north atlantic oscillation e l'area mediterranea A. M. Fragliasso,G. Fusco,G. Budillon

8 P5.8 La previsione dell acqua alta a Venezia con il Sistema-Idro-Meteo-Mare: nuove implementazioni del modello Idrodinamico VL-FEM e risultati preliminari L. Giannini,M. Bajo,F. De Pascalis, E. Piervitali, G. Umgiesser P5.9 Un modello non idrostatico ad altissima risoluzione dello Stretto di Gibilterra L. Liberti,G. Sannino, J. C. Sánchez Garrido P5.10 Rilevazione di tsunami da dati satellitari S. Paolella,R. Notarpietro,G. Perona P5.11 Multi-year analysis of Terra Nova bay winter polynya extents F. Parmiggiani P5.12 Studi di laboratorio sulla struttura e sulla separazione delle western boundary currents S. Pierini,P. Falco,G. Zambardino,T.A. McClimans,I. Ellingsen P5.13 Una teoria della bimodalita decadale dell estensione del Kuroshio S. Pierini, H. A. Dijkstra P5.14 Nuove tecnologie per implementare i modelli di gestione della pesca: il radar nautico in banda X F. Raffa,F. Serafino,T. Romeo,F. Soldovieri,F. Andaloro P5.15 Variabilità termoalina nella polynya di Baia Terra Nova (Antartide) in relazione alla copertura di ghiaccio marino ed al forzamento atmosferico E. Rusciano, G. Budillon,G. Spezie P5.16 Mappatura di habitat bentonici in ambiente profondo: la provincia a coralli bianchi di Santa Maria di Leuca (Mar Ionio settentrionale) A.Savini, C. Corselli,B. Loubrieu,A.Vertino,J.P. Foucher, M. C. Fabri, O. Karine, J. Sarazzin P5.17 Links between sea level in the Mediterranean and large scale patterns L. Scarascia,P. Lionello P5.18 Studi modellistici su aspetti di dinamica della corrente circumpolare antartica G. Sgubin,S. Pierini P5.19 Rischio geologico in area costiera e cambiamenti climatici: il caso di studio del margine calabro ionico C. Tessarolo, A.Savini,E. Malinverno,C. Corselli P5.20 Asymptotic analysis of the Run-up problem B. Tirozzi, S. Dobrokhotov, S. Morucci Sessione 6 Qualità dell'ambiente P6.1 Identification of particulate matter and vitreous fibers in the atmosphere of a metropolitan area P. Avino,C. Fanizza, M. Manirasso

9 P6.2 Il progetto Patos: uno studio integrato sulla composizione del PM10 e PM2.5 in Toscana per l'identificazione e la quantificazione delle principali sorgenti primarie e secondarie S. Becagli, E. Castellano,A. Cincinelli,M. Chiari, M. Giannoni, L. Lepri, F. Lucarelli, T. Martellini, F. Marino, S. Nava P6.3 Utilizzo della modellistica per la valutazione e la previsione dello stato di salute di un territorio W. Biamino, M. Borasi,M. Cavagnero,P. Trivero P6.4 La valutazione del degrado dei beni architettonici di Torino: confronto tra i risultati ottenuti con la formula di Lipfert e con la funzione di dose-risposta del progetto MULTIASSESS P. Bonanni,C. Cacace,M. Cusano,R. Gaddi,A. Giovagnoli,C. Sarti P6.5 Alghe tossiche e Ostreopsis ovata P. Borrello, S. Corsini, E. Spada P6.6 Lo studio del l'inquinamento atmosferico da particolato al laboratorio Labec di Firenze G. Calzolai,M. Chiari,F. Lucarelli,S. Nava P6.7 Tracciabilita delle sorgenti emissive del PM: selettivita delle metodiche di frazionamento chimico elementari. S. Canepari, M.L. Astolfi P6.8 Monitoraggio ambientale del l'no2 indoor e outdoor e impatto sulla salute respiratoria degli adolescenti F. Cibella,G. Cuttitta,S. La Grutta,M.R. Melis, G. Viegi P6.9 Immagini ad alta risoluzione per la governance ambientale nella zona tampone della riserva transnazionale di biosfera W, Africa D. Cimini, A. Vallodoro, L.Calandra P6.10 Determinazione in tempo reale della composizione chimica del particolato atmosferico da sorgenti primarie e secondarie in pianura padana S. Decesari, C. Perrino,R. Baraldi, E. Tagliavini,M. Dall'Osto, A. Laaksonen,M. Kulmala, J. Allan, C. Plass-Duelmer, J.K. Gietl P6.11 Considerazioni sulla rappresentativita spazio-temporale nei dati di PM10 dalle reti di monitoraggio in Italia A. Di Menno di Bucchianico, G. Cattani,A. Gaeta,G. Gandolfo, A.M. Caricchia P6.12 Concentrazione di materiale particellare PM10 e PM2,5 in area urbana: l'influenza di a lcuni parametri meteorologici. D.Dina,C. Notaro, M. Inglessis, G. Settimo, G. Viviano

10 P6.13 Studio delle proprieta chimiche di aerosol segregati dimensionalmente sul territorio italiano nel progetto Aerocloud M.C. Facchini, C. Carbone,S. Fuzzi,C. Perrino,N. Pirrone, M.R. Perrone, U. Giostra, E. Tagliavini, R. Udisti, G. Di Sarra P6.14 Caratterizzazione di materiale lapideo e identificazione delle cause ed entita del degrado L. Fraddosio Boccone,L. Scrano, F. Langerame,S. A. Bufo P6.15 Studio delle caratteristiche delle equazioni di flusso e trasporto nei mezzi porosi con l'utilizzo del l'analisi spettrale M. Giudici,C. Vassena P6.16 Aerosol e precipitazioni: effetti di attenuazione e ciclo settimanale I. Gladich,F. Turoldo,D. Goi, S. Del Frate,I. Gallai,D.B. Giaiotti D. B.,F. Montanari, Gp. Mordacchini, F. Stel P6.17 Studio del l'impatto a larga scala del NO2 da incendi di biomasse sul l'o3 troposferico, utilizzando l'assimilazione dei dati omi in chimere: il caso degli incendi delle foreste africane del 2007 B. Grassi,G. Curci, G. Redaelli,P. Bonasoni,P. Cristofanelli P6.18 Coalizioni in accordi internazionali sulle emissioni L. Mallozzi,S. Tijs P6.19 Una metodologia per l'apporzionamento del numero di particelle aereodisperse e del PM10 D. Massabò, E. Cuccia,P. Prati, V. Bernardoni, G.Valli,R. Vecchi P6.20 Caratterizzazione delle sorgenti di PM2.5 e PM10 nell'area urbana Genovese D. Massabò,V. Ariola, E. Cuccia, P. Prati P6.21 Implementazione di modelli numerici per lo studio e previsione comportamento delle sostanze chimiche in ambienti marino-costieri e urbani: il caso della laguna di Venezia C. Mugnai,J. Sommerfreund,M. Diamone,S. Giuliani,S. Romano,L.G. Bellucci,M. Frignani P6.22 Il danneggiamento di ambienti di interesse artistico: risultati di una campagna di misura a palazzo vecchio (Firenze) S. Nava,F. Becherini,A. Bernardi,A. Bonazza, M. Chiari,I. Garcia-Orellana,F. Lucarelli,N. Ludwig A. Migliori,C. Sabbioni P6.23 Caratterizzazione del microclima dei monumenti in aree urbane: il caso dell Arco d Augusto in Aosta D. Ponziani, E. Ferrero, L. Apolonia,S. Migliorini P6.24 Studi microclimatici su beni culturali in ambienti aperti con l'ausilio di modelli numerici (CFD) P.Semprini, U. Giostra,F. Furlani,M. Maione,L. Appolonia,S. Migliorini P6.25 L 'influenza delle condizioni meteorologiche sulla diffusione dei pollini rilevati all'osservatorio di Roma-Collegio romano. Analisi dei casi estremi M.C. Serra, C. Epifani, F. Mangianti

11 P6.26 Utilizzo di reti neurali per la previsione di inquinanti in atmosfera L. Trizio, M. Caselli, G. de Gennaro P6.27 Voc and Odor : valutazione delle emissioni di composti organici volatili e degli impatti odorigeni prodotti dai nuovi materiali e dalle nuove tecnologie per i sistemi produttivi M. Tutino, M. Brattoli,P Buono,M. Caselli, L. D Accolti, G. de Gennaro, A. Demarinis Loiotile, F. Longobardi,M. Musti P6.28 Studio del l'effetto delle eterogeneità a scala fine sul trasporto di soluti nei mezzi porosi C. Vassena,L. Cattaneo,M. Giudici

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Modulo 1 di 4. Il clima. cambia. I segnali. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

Modulo 1 di 4. Il clima. cambia. I segnali. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .1 Modulo 1 di 4 Il clima cambia I segnali Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 1Il clima cambia: I segnali vediamo i segnali in maniera chiara. Ecco

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Comune di Potenza ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Task 3.3. Programma di formazione sullo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili 1 Indice

Dettagli

Sistema modellistico multiscala per la qualità dell'aria. Stefano Bande Dipartimento tematico Sistemi Previsionali Qualità dell'aria Arpa Piemonte

Sistema modellistico multiscala per la qualità dell'aria. Stefano Bande Dipartimento tematico Sistemi Previsionali Qualità dell'aria Arpa Piemonte Sistema modellistico multiscala per la qualità dell'aria Stefano Bande Dipartimento tematico Sistemi Previsionali Qualità dell'aria Arpa Piemonte Simulare Conviene, I modelli ambientali strumento di previsione

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Miroslav Gačić Oceano, atmosfera e cambiamenti climatici: Cosa ne sappiamo

Miroslav Gačić Oceano, atmosfera e cambiamenti climatici: Cosa ne sappiamo Miroslav Gačić Oceano, atmosfera e cambiamenti climatici: Cosa ne sappiamo EUR-OCEANS Network of Excellence Oceano, atmosfera e cambiamenti climatici: Cosa ne sappiamo? Miroslav Gačić Istituto Nazionale

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Clima, cambiamenti climatici globali e loro impatto sul territorio nazionale

Clima, cambiamenti climatici globali e loro impatto sul territorio nazionale Clima, cambiamenti climatici globali e loro impatto sul territorio nazionale ISBN: 978-88-903028-0-0 Quaderni dell'isac, volume 1 Edito da ISAC-CNR, Via Gobetti 101, 40129 Bologna Curatore: Antonello Provenzale,

Dettagli

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations Present-day Vertical kinematic pattern in the Central and Northern Italy form permanent GPS stations N. Cenni 12, P. Baldi 2, F. Loddo 3, G. Casula 3, M. Bacchetti 2 (1) Dipartimento Scienze Biologiche,

Dettagli

Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni

Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni Ho voluto scrivere su questo argomento poiché in base ai dati in nostro possesso si può ben vedere come il clima sia cambiato negli ultimi 50 anni ma resta

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno.

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno. ITALIA FISICA Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 10 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE A. Le idee importanti l L Italia è una penisola al centro del Mar Mediterraneo, con due grandi isole l In Europa, l

Dettagli

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria Marco Vecchiocattivi Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale dell Umbria Sommario Introduzione Modellistica fotochimica Applicazione

Dettagli

L aria che respiro. L inquinamento atmosferico locale e globale. Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria

L aria che respiro. L inquinamento atmosferico locale e globale. Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria L inquinamento atmosferico locale e globale L aria che respiro Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria www.regione.lombardia.it L aria che respiro L inquinamento atmosferico

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

ANPA. Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente

ANPA. Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente ANPA Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente LINEE GUIDA PER LA SELEZIONE E L'APPLICAZIONE DEI MODELLI DI DISPERSIONE ATMOSFERICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA RTI CTN_ACE 4/2001

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA Dai cristalli di neve alle valanghe Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA www.fondazionemontagnasicura.org We are on facebook: Blog VdA mon amour: www.aineva.it Corso

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica OGGETTO: STUDIO DI CARATTERIZZAZIONE DEL BIANCO AMBIENTALE CONNESSO ALLA REALIZZAZIONE

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione 1 Carlo Sabbarese Gruppo di ricerca: R. Buompane, F. De Cicco, V. Mastrominico, A. D Onofrio 1 L attività di ricerca è svolta

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA a cura di Il clima del Friuli Venezia Giulia Il clima viene definito come l'insieme delle condizioni atmosferiche medie (temperatura, umidità, pressione, venti...) e

Dettagli

%$&' - 2 - /. 01' " "##$ ' (")"*+$+*$#,%" '-... "

%$&' - 2 - /. 01'  ##$ ' ()*+$+*$#,% '-... %$&'!"#$#%& ' (")"*+$+*$#,%" '-... " /. 01' "! "##$ - 2 - Indice Introduzione 5 1 Osservazioni paleoclimatiche e concentrazione dei gas serra in atmosfera 6 1.1 Il contributo radiativo antropico ai cambiamenti

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma Presenza dell arsenico nei suoli agricoli e nelle acque sotterranee in Italia: importanza dei determinanti geogenici e antropici per la gestione del rischio per la salute umana Rosario Napoli Centro di

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

Audit sulle fonti di energia rinnovabile in Sardegna

Audit sulle fonti di energia rinnovabile in Sardegna Unione Europea REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Audit sulle fonti di energia rinnovabile in Sardegna - Stato dell arte e prospettive delle energie rinnovabili in Sardegna - Dicembre 2008 REDATTORI: Situazione

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

6IILA. America Latina e Caraibi: lʼambiente ed il cambiamento climatico. Con la collaborazione di CEPAL, FAO, IICA. Con il contributo di

6IILA. America Latina e Caraibi: lʼambiente ed il cambiamento climatico. Con la collaborazione di CEPAL, FAO, IICA. Con il contributo di COLLANA DI STUDI LATINOAMERICANI - Economia e Società Istituto Italo- Latino Americano Comisión Económica para América Latina y el Caribe America Latina e Caraibi: lʼambiente ed il cambiamento climatico

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli