DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO. Brescia, 17 Dicembre 2007

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO. Brescia, 17 Dicembre 2007"

Transcript

1 DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO Brescia, 17 Dicembre 2007

2 Decreto Legislativo 6 settembre 2005 n.ro 206, ovvero Codice del Consumo Rapporto tra professionista e consumatore :asimmetria contrattuale Diritto all educazione: art. 153 TCE al fine di promuovere gli interessi dei consumatori ed assicurare un elevato livello di protezione Diritto all informazione come linea direttrice di tutto il rapporto di consumo: le disposizioni in merito ad etichette, indicazioni dei prezzi, pubblicità e comunicazioni commerciali

3 L etichettatura dei prodotti alimentari Le esigenze sottese all etichettatura: tutela del consumatore, la difesa del principio della libera circolazione delle merci, la protezione del segreto industriale esigenze di carattere pubblicistico, quali la necessità di ritiro dal mercato di un prodotto in caso di crisi alimentare.

4 Decreto Legislativo 27 Gennaio 1992 n.ro 109: disposizioni generali Definizione di etichettatura: l insieme delle menzioni, delle indicazioni, dei marchi di fabbrica o di commercio, delle immagini o dei simboli che si riferiscono al prodotto alimentare e che figurano direttamente sull imballaggio o su un etichetta appostavi o sul dispositivo di chiusura o su cartelli, anelli o fascette legati al prodotto medesimo, o, in mancanza, sui documenti di accompagnamento del prodotto alimentare Ambito di applicazione: prodotto alimentare preconfezionato: unità di vendita costituita dal prodotto alimentare e dall imballaggio in cui è confezionato, in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che l imballaggio sia aperto o alterato ; prodotto alimentare sfuso venduto al dettaglio: unicamente l unità di vendita come prodotto alimentare tale e quale.

5 Decreto Legislativo 27 Gennaio 1992 n.ro 109: disposizioni generali Informazioni obbligatorie: denominazione di vendita, quantità, termine minimo di conservazione o data di scadenza, titolo alcolometrico effettivo. Caratteri dell informazione obbligatoria: presenza nel medesimo campo visivo; Chiarezza; Indelebilità; Leggibilità.

6 Le indicazioni di cui all Art. 3 a) La denominazione di vendita; b) L elenco degli ingredienti; c) La quantità netta o, nel caso di prodotti preconfezionati in quantità unitarie costanti, la quantità nominale; d) Il termine minimo di conservazione o, nel caso di prodotti molto deperibili dal punto di vista microbiologico, la data di scadenza; e) Il nome o la ragione sociale o il marchio depositato e la sede o del fabbricante o del confezionatore o di un venditore stabilito nella Comunità economica europea; f) La sede dello stabilimento di produzione o di confezionamento; g) Il titolo alcolometrico volumico effettivo per le bevande aventi un contenuto alcolico superiore a 1,2% in volume; h) Una dicitura che consenta di identificare il lotto di appartenenza del prodotto;

7 Le indicazioni di cui all Art. 3 i) Le modalità di conservazione e di utilizzazione qualora sia necessaria l adozione di particolari accorgimenti in funzione della natura del prodotto; l) Le istruzioni per l uso, ove necessario; m) Il luogo di origine o di provenienza, nel caso in cui l omissione possa indurre in errore l acquirente circa l origine o la provenienza del prodotto; m-bis) La quantità di taluni ingredienti o categorie di ingredienti, come previsto dall articolo 8.

8 La denominazione di vendita Definizione: nome con cui il prodotto viene commercializzato Denominazione comunitaria Denominazione nazionale Usi e consuetudini Indicazione dello stato fisico

9 Ingredienti Definizione: qualsiasi sostanza, compresi gli addittivi, utilizzata nella fabbricazione o nella preparazione di un prodotto alimentare, ancora presente nel prodotto finito, anche se in forma modificata Designazione con il loro nome specifico: deroghe espresse le categorie di ingredienti la cui indicazione della categoria può sostituire quella del nome specifico; ad esempio: olio, burro di cacao,formaggio, verdure.. (allegato I); le categorie di ingredienti obbligatoriamente designati con il nome della loro categoria, seguito dal nome specifico o dal numero CE; ad esempio:colorante, acidificante, emulsionante (allegatoii).

10 Ingredienti Indicazioni particolari l indicazione dell acqua non è richiesta 1) se l acqua è utilizzata nel processo di fabbricazione unicamente per consentire la ricostituzione nel suo stato originale di un ingrediente utilizzato in forma concentrata o disidrata; 2) nel caso di liquido di copertura che non viene normalmente consumato; 3) per l aceto, quando è indicato il contenuto acetico e per l alcol e le bevande alcoliche quando è indicato il contenuto alcolico; miscugli di frutta, ortaggi e funghi, dei quali nessuno abbia una predominanza di peso rilevante, possono essere raggruppati nell elenco sotto la denominazione generica di frutta, ortaggi o funghi, immediatamente seguita dalla menzione in proporzione variabile e dalla elencazione dei tipi di frutta, ortaggi o funghi presenti; miscugli di spezie o di piante aromatiche in cui nessuna delle componenti abbia una predominanza di peso rilevante, gli ingredienti possono essere elencati in un altro ordine, purchè la loro elencazione sia accompagnata da una dicitura del tipo in proporzione variabile ;

11 Ingredienti Indicazioni particolari le carni utilizzate come ingredienti di un alimento devono essere indicate con il nome della specie animale da cui provengono e devono essere menzionate le percentuali di grasso e di tessuto connettivo, secondo le prescrizioni appositamente riportate nell allegato I; gli ingredienti composti (ovvero costituiti da due o più ingredienti), possono figurare nell elenco con la propria denominazione prevista da norme specifiche o consacrata dall uso in funzione del peso globale, purchè sia immediatamente seguita dalla enumerazione dei propri componenti. Esenzioni i costituenti di un ingrediente che durante il procedimento di lavorazione siano stati temporaneamente tolti per esservi immessi successivamente in quantità non superiore al gli addittivi, la cui presenza nel prodotto alimentare è dovuta tenore iniziale;

12 Ingredienti Esenzioni gli addittivi, la cui presenza nel prodotto alimentare è dovuta unicamente al fatto che erano contenuti in uno o più ingredienti di detto prodotto, purchè essi non svolgano più alcuna funzione nel prodotto finito i coadiuvanti tecnologici le sostanze utilizzate, nelle dosi strettamente necessarie come solventi o supporti per gli addittivi e per gli aromi e le sostanze il cui uso è prescritto come rilevatore le sostanze che, pur non essendo addittivi, sono utilizzate secondo le stesse modalità e con le stesse finalità dei coadiuvanti tecnologici e che rimangono presenti nel prodotto finito, anche se in forma modificata

13 Ingredienti Ingrediente caratterizzante evidenziato: ingrediente la cui presenza è tale da caratterizzare un prodotto in modo determinante, distinguendolo dagli altri dello stesso tipo. Risulta pertanto necessario indicare la quantità, in percentuale, degli ingredienti che: figurano nella denominazione di vendita (yogurt alla fragola) o vengono associati dal consumatore alla denominazione di vendita sono messi in rilievo nell etichettatura con parole, immagini o rappresentazioni grafiche (confezione di ravioli che reca l immagine, ad esempio, di un formaggio quale componente del ripieno); sono essenziali per caratterizzare un prodotto alimentare e distinguerlo dai prodotti con i quali potrebbe essere confuso per la sua denominazione o il suo aspetto.

14 Ingredienti Aromi: Chinino e caffeina Liquirizia Allergeni: Decreto legislativo 114/2006: Obbligo di indicazione in etichetta degli allergeni di cui all Allegato II Possibilità di omissione di componenti di prodotti composti se presenti in misura inferiore al 2% del prodotto finale

15 La quantità netta Definizioni: Quantità netta: la quantità netta di un preimballaggio è la quantità che esso contiene al netto della tara. Quantità nominale: è la quantità media che considera anche il sistema di tolleranza previsto dalle relative disposizioni metrologiche e dei conseguenti controlli Prodotto in liquido di governo:indicazione della quantità di prodotto sgocciolato

16 Termine minimo di conservazione Definizione: è la data fino alla quale il prodotto alimentare conserva le sue proprietà specifiche in adeguate condizioni di conservazione; esso va indicato con la dicitura da consumarsi preferibilmente entro quando la data contiene l indicazione del giorno o con la dicitura da consumarsi preferibilmente entro la fine negli altri casi, seguita dalla data oppure dalla indicazione del punto della confezione in cui essa figura Termini differenziabili a seconda della deperibilità del prodotto Tre mesi Da tre mesi a 18 mesi Più di 18 mesi

17 Data di scadenza Definizione: termine di conservazione per prodotti facilmente deperibili Indicazione del giorno, del mese e delle condizioni di conservazione Esenzioni: Ortofrutticoli freschi Aceti Sale da cucina Zuccheri allo stato solido Gomme da masticare Caramelle e pastigliaggi

18 Sede di stabilimento, indicazione del nome, ragione sociale o marchio depositato Rilevanti ai fini dell individuazione di eventuali responsabili in caso di frode o allarme alimentare

19 Titolo alcolometrico Indicazione obbligatoria esclusivamente per le bevande aventi un contenuto alcolico superiore a 1,2% in volume

20 Lotto Definizione: un insieme di unità di vendita di una derrata alimentare, prodotte, fabbricate o confezionate in circostanze praticamente identiche. Indicazione obbligatoria: rilevanza in caso di allarme alimentare Esenzioni: Quando il termine minimo di conservazione o la data di scadenza figurano con la menzione almeno del giorno e del mese; Per i gelati monodose, venduti tal quali, e sempre che essa figuri sull imballaggio globale;

21 Lotto Esenzioni Per i prodotti agricoli che all uscita dall azienda agricola sono: 1) venduti o consegnati a centri di deposito, di condizionamento o di imballaggio; 2) avviati verso organizzazioni di produttori o 3) raccolti per essere immediatamente integrati in un sistema operativo di preparazione o trasformazione; Per i prodotti alimentari preincartati nonché per i prodotti alimentari venduti nei luoghi di produzione o di vendita al consumatore finale non preconfezionati ovvero confezionati su richiesta dell acquirente ovvero preconfezionati ai fini della loro vendita immediata; Per le confezioni ed i recipienti il cui lato più grande abbia una superficie inferiore ai 10 cm2

22 Modalità di conservazione, di utilizzazione, e istruzioni per l uso Modalità di conservazione e data di scadenza Modalità di utilizzazione: destinazione dell alimento a fasce di consumatori o a regimi alimentari Istruzioni per l uso: preparazione dell alimento e/o particolari accorgimenti per la sua fruizione

23 Luogo di origine e di provenienza Indicazione necessaria se l omissione può indurre in errore l acquirente circa l origine o la provenienza del prodotto

24 Il Pacchetto Igiene Insieme di regolamenti (regolamenti CE 852/04; 853/04; 854/04; 882/04), destinato a approfondire e precisare le tematiche relative alla sicurezza alimentare Prodotti di origine animale: marchio di identificazione Carni fresche: il bollo sanitario

25 Vendita di prodotti sfusi I prodotti alimentari non preconfezionati devono essere muniti di un apposito cartello, applicato ai recipienti che li contengono oppure applicati nei comparti in cui sono esposti. Su tale cartello devono necessariamente comparire tali indicazioni: Denominazione di vendita; Elenco degli ingredienti salvo i casi di esenzione; Le modalità di conservazione per i prodotti alimentari rapidamente deperibili, ove necessario; La data di scadenza per le paste fresche e le paste fresche con ripieno di cui al D.P.R. n. 187/2001; Il titolo alcolometrico volumico effettivo per le bevande con contenuto alcolico superiore a 1,2% vol.; La percentuale di glassatura, considerata tara, per i prodotti congelati glassati.

26 Altre indicazioni presenti in etichetta Indicazioni con finalità pubblicitarie: ricette, numeri verdi, raccolte punti, etc Pittogrammi a tutela dell ambiente Simbolo metrologico comunitario: e :attesta che il produttore o il confezionatore hanno ottemperato a tutte le disposizione metrologiche comunitarie, nel momento in cui hanno provveduto ad effettuare il confezionamento.ciò significa che la quantità di prodotto esistente nell imballaggio ha un valore determinato e non può essere modificata senza aprire o alterare palesemente l imballaggio. Codice a barre Etichette nutrizionali:informazioni non obbligatorie; diventano obbligatorie se in etichetta o nella pubblicità figurano particolari proprietà nutrizionali Il reg del 2006 individua a quali condizioni possono essere utilizzate le indicazioni nutrizionali (es: senza zucchero)

27 Altre indicazioni presenti in etichetta Organismi geneticamente modificati (OGM) Necessaria indicazione della denominazione geneticamente modificato nell elenco degli ingredienti In assenza dell elenco la denominazione geneticamente modificato deve apparire sull etichetta In mancanza di etichetta o per imballaggi di superficie inferiore a 10 cm2 la denominazione deve apparire dove l alimento è esposto Obbligo di indicare le caratteristiche e le proprietà specifiche dell alimento qualora: Un alimento sia diverso dalla versione tradizionale per quanto concerne alcune caratteristiche o proprietà (composizione, valori nutrizionali, implicazioni per la salute..); Un alimento possa dar luogo a preoccupazioni di ordine etico o religioso.

28 Altre indicazioni presenti in etichetta Organismi geneticamente modificati (OGM) Esenzioni: Per alimenti con ingredienti con una quota di OGM inferiore allo 0,9% Riduzione allo 0,5% (in via transitoria fino ad Aprile 2007) se l OGM ha ricevuto valutazione favorevole dagli organismi scientifici competenti Ulteriori riduzioni della soglia di tolleranza: Nel caso di ogm venduti direttamente al consumatore finale Nel caso di alimenti che contengono o sono costituiti a partire da ogm al fine di tener conto dei progressi scientifici e tecnologici.

29 Altre indicazioni presenti in etichetta Marchio Definizione: qualunque segno suscettibile di essere rappresentato graficamente, purchè atto a distinguere i prodotti o i servizi di un impresa da quelli di un altra impresa Tipi di marchio: Di conformità Collettivi Commerciali o di fabbrica Marchi di qualità Denominazione di origine protetta (DOP) Indicazione geografica protetta (IGP) Specialità tradizionale garantita (STG)

30 Contraffazione dei beni di consumo Definizione di bene di consumo :qualsiasi bene mobile, anche da assemblare, tranne: I beni oggetto di vendita forzata o comunque venduti secondo altre modalità dalle autorità giudiziarie, anche mediante delega ai notai; L acqua e il gas, quando non confezionati per la vendita in un volume determinato o in quantità determinata; L energia elettrica (art. 1, decreto legislativo 24/02) Effetti negativi della contraffazione Danno economico alle imprese Danni ai consumatori Danno al mercato Danni sociali

31 Contraffazione dei beni di consumo Tipologie di contraffazione Contraffazione di marchi ed etichette Contraffazione in senso stretto Contraffazione illecita Articolo 473 C.P. Irrilevanza del falso grossolano Alterazione del contenuto originale di un etichetta: art. 515 C.P. Intenzionale apposizione di etichetta irregolare: reato di frode in commercio e illecito amministrativo

32 Contraffazione dei beni di consumo Tipologie di contraffazione Contraffazione di indicazioni geografiche e denominazioni protette Usurpazioni e indicazioni di provenienza ingannevole: atti di concorrenza sleale CGCE: l evocazione di una denominazione protetta può ricorrere in concreto anche in mancanza di qualunque rischio di confusione dei prodotti, se comunque si induce il consumatore ad avere in mente, come immagine di riferimento, la merce che fruisce della denominazione

33 Contraffazione dei beni di consumo Tipologie di contraffazione Contraffazione dei diritti di brevetto Divieto di imitazione e contraffazione del prodotto protetto Contraffazione di brevetto: forte disincentivo all attività inventiva Ripercussioni negative per il consumatore

34 Grazie per l attenzione! Dott.ssa Sara Stefanini Università degli studi di Brescia Facoltà di giurisprudenza

Etichettatura: partita o lotto

Etichettatura: partita o lotto Etichettatura: partita o lotto Articolo 118 Applicabilità delle regole orizzontali Salvo ove altrimenti disposto dal presente regolamento, all etichettatura e alla presentazione si applicano la direttiva

Dettagli

Le etichette alimentari

Le etichette alimentari Le etichette alimentari Le etichette riportate sulle confezioni dei prodotti alimentari aiutano a compiere una scelta informata su ciò che consumeremo L etichettatura dei prodotti alimentari destinati

Dettagli

Presentazione delle informazioni obbligatorie

Presentazione delle informazioni obbligatorie Le principali novità sul Regolamento (UE) 1169/2011 e raffronto tra la normativa nazionale e la normativa Ue Prof.ssa Erica Varese Dipartimento di Scienze Merceologiche Università degli Studi di Torino

Dettagli

01/02/2013 LE ETICHETTE ALIMENTARI. Docente Francesca Montuori

01/02/2013 LE ETICHETTE ALIMENTARI. Docente Francesca Montuori LE ETICHETTE ALIMENTARI Docente Francesca Montuori in Italia, la normativa vigente è il D.Lgs109/1992, che definisce l'etichetta di un alimento come "l'insieme delle menzioni, delle indicazioni, delle

Dettagli

Le etichette dei prodotti alimentari: termine minimo di conservazione e data di scadenza

Le etichette dei prodotti alimentari: termine minimo di conservazione e data di scadenza Vania Patrone Istituto di Microbiologia NUTRIGEN - Centro di ricerca sulla Nutrigenomica Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Le etichette dei prodotti alimentari: termine minimo di conservazione

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

L etichettatura dei prodotti alimentari. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino L etichettatura dei prodotti alimentari Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Milano, 6 marzo 2015 ETICHETTATURA qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale,

Dettagli

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014 Bologna, 03 ottobre 2014 Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari Graziella Lasi Resp. Consumer Care, Leg.Alimentare, Nutr, Com. medico-scient. Gruppo GRANAROLO

Dettagli

I prodotti alimentari preconfezionati destinati al consumatore devono riportare le seguenti indicazioni:

I prodotti alimentari preconfezionati destinati al consumatore devono riportare le seguenti indicazioni: ETICHETTATURA Decr. L.vo 27.1.92 n. 109 Attuazione delle Dir. 89/395/CEE e 89/396/CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari Finalità a) non indurre in errore

Dettagli

ABC di un etichetta alimentare: accorgimenti utili per la sua comprensione. Dott.ssa Serena Pironi serenapironi@pigaservice.it www.pigaservice.

ABC di un etichetta alimentare: accorgimenti utili per la sua comprensione. Dott.ssa Serena Pironi serenapironi@pigaservice.it www.pigaservice. ABC di un etichetta alimentare: accorgimenti utili per la sua comprensione Dott.ssa Serena Pironi serenapironi@pigaservice.it www.pigaservice.it NOI SIAMO CIO CHE MANGIAMO FEUERBACH Etichettatura: [ ]l'insieme

Dettagli

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92 TITOLO DOCUMENTO Etichettatura degli alimenti: le nuove disposizioni del Reg. UE 1169/11 AREA TEMATICA Ambiente ed Energia SETTORE Qualità e Sicurezza alimentare ARGOMENTO SPECIFICO Sicurezza degli alimenti

Dettagli

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE 1. Assicurare una corretta e trasparente informazione al consumatore 2. Permettere la libera circolazione delle merci all interno dell Unione Europea

Dettagli

pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 167 del 21 luglio 2003 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 167 del 21 luglio 2003 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 23 giugno 2003, n. 181 "Attuazione della direttiva 2000/13/CE concernente l'etichettatura e la presentazione dei prodotti alimentari, nonchè la relativa pubblicità" pubblicato nella

Dettagli

L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI. TORINO 26 maggio 2009

L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI. TORINO 26 maggio 2009 L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI TORINO 26 maggio 2009 A cosa serve l etichettatura? l l insieme di tutte le indicazioni fornite all acquirente, necessarie al fine di consentire l acquisto con piena

Dettagli

FUNZIONI DELL IMBALLAGGIO ALIMENTARE

FUNZIONI DELL IMBALLAGGIO ALIMENTARE Moncalieri, 23 maggio 2010 Cibo nel pacco e cibo pacco FUNZIONI DELL IMBALLAGGIO ALIMENTARE Dr.ssa Stefania Gelati Stazione Sperimentale per l Industria delle Conserve Alimentari Parma CONTENITORE PRIMARIO:

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI RACCOLTA NORMATIVA PER GLI ADDETTI AL CONTROLLO UFFICIALE E GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Parte Generale Dott. Mauro Bardelli Tecnico della prevenzione nell ambiente

Dettagli

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Etichettature alimentari- le sanzioni sugli errori dopo le modifiche del regolamento UE n. 1169/2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Corso di formazione sugli additivi alimentari 23 gennaio 2013 I edizione 24 gennaio 2013 II edizione Benevento Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Antonella Semeraro

Dettagli

Legislazione: Paste alimentari / Consumi, etichettatura e pubblicità

Legislazione: Paste alimentari / Consumi, etichettatura e pubblicità Legislazione: Paste alimentari / Consumi, etichettatura e pubblicità Decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 109 Attuazione delle direttive 89/395/CEE e 89/396/CEE concernenti l etichettatura, la presentazione

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n.109

DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n.109 1 N.B.: La presente normativa, aggiornata con i vari provvedimenti che si sono susseguiti nel tempo, è stata realizzata con la finalità di agevolare il lettore nella consultazione del testo integrato;

Dettagli

Diciture o marche che consentono di identificare la partita alla quale appartiene una derrata alimentare ***I

Diciture o marche che consentono di identificare la partita alla quale appartiene una derrata alimentare ***I P7_TA-PROV(2011)0208 Diciture o marche che consentono di identificare la partita alla quale appartiene una derrata alimentare ***I Risoluzione legislativa del Parlamento europeo dell'11 maggio 2011 sulla

Dettagli

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Articolo 117 reg. 1308/13 Definizione Ai fini della presente sezione si intende per: a) etichettatura, i termini, le diciture, i marchi

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

Prodotti da forno particolare attenzione al pane e ad alcuni prodotti dolciari della tradizione DM del 20 dicembre 1994

Prodotti da forno particolare attenzione al pane e ad alcuni prodotti dolciari della tradizione DM del 20 dicembre 1994 Prodotti da forno Oltre alle norme di carattere generale sull etichettatura, esistono diverse norme nazionali che regolamentano il settore dei prodotti da forno; la legislazione italiana presta particolare

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Centro Studi per la Sicurezza Alimentare IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Una attenta lettura delle etichettature può aiutare a scegliere meglio e a mangiare in modo sicuro. Nella

Dettagli

NUOVE INFORMAZIONI ALIMENTARI. Francesco Aversano. www.avvocatoaversano.it

NUOVE INFORMAZIONI ALIMENTARI. Francesco Aversano. www.avvocatoaversano.it NUOVE INFORMAZIONI ALIMENTARI Campobasso 27 aprile OTAM Francesco Aversano www.avvocatoaversano.it ETICHETTATURA PRESENTAZIONE PUBBLICITA INFORMAZIONI REGOLAMENTO (UE) N. 1169/2011 DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE

LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE Con il Decreto Legislativo n. 206 del 6 settembre 2005, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 235 dell 8 ottobre 2005 Supplemento ordinario n. 162, è

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI RACCOLTA NORMATIVA PER GLI ADDETTI AL CONTROLLO UFFICIALE E GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Parte Generale 'RWW 0DXUR %DUGHOOL 7HFQLFR GHOOD SUHYHQ]LRQH QHOO DPELHQWH

Dettagli

Vademecum etichettatura. Vademecum. etichettatura alimenti

Vademecum etichettatura. Vademecum. etichettatura alimenti Vademecum Vademecum etichettatura etichettatura alimenti alimenti Introduzione Gli interventi europei sull etichettatura degli alimenti hanno attraversato diverse fasi che rispecchiano gli orientamenti

Dettagli

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014 Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura Roma 18 dicembre 2014 Il Nuovo Regolamento Regolamento (UE) n. 1169/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla fornitura di informazioni

Dettagli

L etichettatura degli alimenti a norma del regolamento (UE) n. 1169/2011

L etichettatura degli alimenti a norma del regolamento (UE) n. 1169/2011 L etichettatura degli alimenti a norma del regolamento (UE) n. 1169/2011 Corso SITI PESCARA 16 maggio 2015 Dr. Giuseppe De Giovanni 1 Finalità Le finalità del regolamento sono essenzialmente tre: a) Assicurare

Dettagli

Sicurezza Alimentare: Etichettatura carni bovine.

Sicurezza Alimentare: Etichettatura carni bovine. Sicurezza Alimentare: Etichettatura carni bovine. SALVATORE dott. Gerardo Regione Basilicata Assessorato Salute Ufficio Veterinario, Igiene Alimenti, Tutela Sanitaria Consumatori Potenza, lì 07.03.2012

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti SANZIONI Il panorama giurisprudenziale è rappresentato principalmente da: Codice penale D. L.gs n. 109/92

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele

Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele 22 maggio 2015 Basovizza Incontro informativo con gli apicoltori Dott. A. Fiordelisi Veterinario ufficiale A.A.S. n.1 Triestina Etichettatura

Dettagli

Venerdì 24 aprile 2015

Venerdì 24 aprile 2015 Venerdì 24 aprile 2015 LUCIANO BOANINI LEZIONE del 24,04,2015 Aggiornamento 2015.2 NORMATIVA SULLA ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI DIFESA DEL CONSUMATORE Tutte le tabelle, il materiale didattico

Dettagli

L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI

L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI il ravvicinamento delle legislazioni in materia di etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari Il reg. 1169/2011 In Italia, prima dell armonizzazione

Dettagli

Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento?

Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento? PROGETTO AGRICOLTURA E ALIMENTAZIONE: BIODIVERSITÀ, CULTURA, AMBIENTE, INNOVAZIONE, SICUREZZA Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento? Milena Casali Istituto

Dettagli

CNA Alimentare Etichettatura Alimenti Regolamento 1169/2011/UE

CNA Alimentare Etichettatura Alimenti Regolamento 1169/2011/UE CNA Alimentare Etichettatura Alimenti Regolamento 1169/2011/UE CNA Unione Alimentare_Etichettatura alimenti 1 Sintesi delle Novità SOMMARIO Elenco sintetico delle novità principali Approfondimenti a) Ambito

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 167 del 21Luglio 2003

Gazzetta Ufficiale N. 167 del 21Luglio 2003 Gazzetta Ufficiale N. 167 del 21Luglio 2003 DECRETO LEGISLATIVO 23 giugno 2003, n.181 Attuazione della direttiva 2000/13/CE concernente l'etichettatura e la presentazione dei prodotti alimentari, nonche'

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI D.Lgs. 27 gennaio 1992, n. 109: Attuazione delle direttive (CEE) n. 395/89 e (CEE) n. 396/89, concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari. (Gazzetta Ufficiale

Dettagli

INDICE CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI

INDICE CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI 1. Mercato, concorrenza e regole... 1 2. Esperienze del sistema europeo di regolazione del mercato... 3 3. Garanzie e tecniche di intervento nel mercato... 6 4. Fisionomia

Dettagli

ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016

ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016 ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016 Marcella Cabiddu, Ignazio Ibba, Danilo Muggianu Contribuire ad assicurare un livello elevato di

Dettagli

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006 Alle Imprese Associate del Settore Alimentazione e Pubblici Esercizi Oggetto: etichettatura alimenti ed indicazione alergeni La piena applicazione del Regolamento (CE) 25 ottobre 2011, n. 1169 ha comportato

Dettagli

NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO

NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO L etichetta è certamente la carta d identità di un prodotto che tutela sia il produttore che il consumatore e, accanto ad una generale disciplina applicabile

Dettagli

PRODOTTI PRECONFEZIONATI Elenco delle indicazioni dei prodotti preconfezionati

PRODOTTI PRECONFEZIONATI Elenco delle indicazioni dei prodotti preconfezionati Rif Normativo Decr. L.vo 27.1.92 n. 109 Art. 2 ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI a) non indurre in errore l'acquirente sulle caratteristiche del prodotto alimentare e precisamente sulla

Dettagli

4. La disciplina in tema di etichettatura

4. La disciplina in tema di etichettatura 4. La disciplina in tema di etichettatura L esigenza di tutela nel campo dell alimentazione ha trovato conferma anche nella disciplina normativa del c.d. controllo ufficiale dei prodotti alimentari realizzato

Dettagli

Legislazione: Paste alimentari / Consumi, etichettatura e pubblicità

Legislazione: Paste alimentari / Consumi, etichettatura e pubblicità Legislazione: Paste alimentari / Consumi, etichettatura e pubblicità Decreto Legislativo 23 giugno 2003, n.181 Attuazione della direttiva 2000/13/CE concernente l'etichettatura e la presentazione dei prodotti

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Campo di applicazione

DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Campo di applicazione Decreto Legislativo 27.1.92 n. 109 Attuazione delle Dir. 89/395/CEE e 89/396/CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari come modificato da Decr. P.C.M. 6.2.96

Dettagli

LA POLIZIA MUNICIPALE E LA TUTELA DEL CONSUMATORE

LA POLIZIA MUNICIPALE E LA TUTELA DEL CONSUMATORE LA POLIZIA MUNICIPALE E LA TUTELA DEL CONSUMATORE A queste brevi note si rende necessaria una premessa: Il Comune è l istituzione più vicina al cittadino, rappresenta l interfaccia naturale, l interlocutore

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 27 GENNAIO 1992, N.

DECRETO LEGISLATIVO 27 GENNAIO 1992, N. DECRETO LEGISLATIVO 27 GENNAIO 1992, N. 109 Attuazione delle direttive 89/395/CEE e 89/396 CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari (Suppl. Ord. n.31 alla

Dettagli

Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni

Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni L etichettatura delle confetture, delle gelatine e delle marmellate, nonché della crema di marroni, è disciplinata, per gli aspetti generali, dal D.lgs.

Dettagli

Dott. Lattanzio Carlo

Dott. Lattanzio Carlo Dott. Lattanzio Carlo CONSULENZA E FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO E IGIENE DEGLI ALIMENTI L'ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI (D.lgs.109/1992 modificato dai d.lgs. 181/2003 e d.lgs.114/2006)

Dettagli

Cacao e cioccolato l etichettatura dei prodotti di cacao e del cioccolato D.lgs. 178/2003 denominazioni di vendita burro di cacao

Cacao e cioccolato l etichettatura dei prodotti di cacao e del cioccolato D.lgs. 178/2003 denominazioni di vendita burro di cacao Cacao e cioccolato Il cioccolato deriva da una serie di processi di produzione che hanno inizio a partire dalla tostatura dei semi della pianta del cacao (Theobroma cacao) e continuano con la miscelazione

Dettagli

Disciplinare Tecnico di Produzione

Disciplinare Tecnico di Produzione Disciplinare Tecnico di Produzione Disciplinare Tecnico di Produzione di ArtiGelato Gelato Artigianale Tradizionale Garantito Tipo di prodotto Gelato artigianale. Denominazione del prodotto ARTIGELATO

Dettagli

AVVERTENZA IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

AVVERTENZA IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n. 109 Attuazione delle direttive n. 89/395/CEE e n. 89/396/CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari. AVVERTENZA IL

Dettagli

Etichettatura degli alimenti e produzioni

Etichettatura degli alimenti e produzioni Etichettatura degli alimenti e produzioni alimentari tipiche PRINCIPIO FONDAMENTALE è necessario garantire la rintracciabilità dei percorsi dei mangimi e degli alimenti nonché dei loro ingredienti RINTRACCIABILITA

Dettagli

31/05/2013. Relatore: Volani Antonio Campagna finanziata con il contributo della Comunità Europea e dell Italia REG.

31/05/2013. Relatore: Volani Antonio Campagna finanziata con il contributo della Comunità Europea e dell Italia REG. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Associazione Interregionale Produttori Olivicoli Viale Del Lavoro, 52-37135 Verona Norme per la corretta etichettatura dell'olio extra di oliva Relatore Volani Antonio Campagna

Dettagli

Normativa vecchia e nuova a confronto

Normativa vecchia e nuova a confronto Normativa vecchia e nuova a confronto D.Lgs. 25-2-2000 n. 84 D.Lgs. 6-9-2005 n. 206 Capo III - Particolari modalità di informazione Sezione I - Indicazione dei prezzi per unità di misura 1. Definizioni

Dettagli

CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi e Formazione

CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi e Formazione CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 113 Informativa OGGETTO: Attività produttive. D.L.vo n. 109/92. Etichettatura dei prodotti alimentari.

Dettagli

Prot. 50/2013 Roma, 14 ottobre 2013. OGGETTO: Etichettatura prodotti alimentari. Reg. Ue n. 1169/2011. -

Prot. 50/2013 Roma, 14 ottobre 2013. OGGETTO: Etichettatura prodotti alimentari. Reg. Ue n. 1169/2011. - Prot. 50/2013 Roma, 14 ottobre 2013 ALLE ORGANIZZAZIONI PROVINCIALI DEI PANIFICATORI L O R O S E D I OGGETTO: Etichettatura prodotti alimentari. Reg. Ue n. 1169/2011. - Con la pubblicazione del Regolamento

Dettagli

Capo I. Disposizioni generali

Capo I. Disposizioni generali D.Lgs. 27/01/1992, n. 109 Attuazione della direttiva 89/395/CEE e della direttiva 89/396/CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

Etichettatura degli additivi

Etichettatura degli additivi LABORATORIO CHIMICO CAMERA COMMERCIO TORINO Etichettatura degli additivi Laura Bersani Novara 7 dicembre 2011 laura.bersani@lab-to.camcom.it Miglioratori alimentari (food improvement agents package) Reg

Dettagli

- - Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 4 dicembre 1991;

- - Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 4 dicembre 1991; D.Lgs. Governo n 109 del 27/01/1992 Attuazione delle direttive 89/395/CEE e 89/396 CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari. pubblicato/a su: Gazz. Uff.

Dettagli

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva dott. Salvatore Alberino ICQRF Toscana e Umbria 24 Apr 2015 dott S. Alberino 1 L evoluzione normativa Dal 13 dicembre

Dettagli

Reggio Calabria, 22 ottobre 2015

Reggio Calabria, 22 ottobre 2015 Sicurezza igienico-sanitaria ed etichettatura dei prodotti alimentari: principi generali, disposizioni specifiche in materia di manifestazioni temporanee e ristorazione collettiva Dr.ssa Paola Rebufatti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 924/2013 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 924/2013 DELLA COMMISSIONE L 254/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.9.2013 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 924/2013 DELLA COMMISSIONE del 25 settembre 2013 recante apertura e modalità di gestione di contingenti tariffari

Dettagli

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Avv. Chiara Marinuzzi G a e t a n o F o r t e Studio Legale Seminario Legacoop - Bologna, 3

Dettagli

Cesena, 13 maggio 2014 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI. Maria Severina Liberati

Cesena, 13 maggio 2014 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI. Maria Severina Liberati Cesena, 13 maggio 2014 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI Maria Severina Liberati 1 La nuova ratio Etichettatura e informazione dei consumatori Direttiva 2000/13/CE relativa

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO n. 109 del 27 gennaio 1992

DECRETO LEGISLATIVO n. 109 del 27 gennaio 1992 DECRETO LEGISLATIVO n. 109 del 27 gennaio 1992 Attuazione delle direttive 89/395/CEE e 89/396/CEE concernenti l etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari. G.U. n. 39 del 17

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI

IL CONTROLLO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI : LA NORMATIVA DELL UNIONE EUROPEA E NAZIONALE IL CONTROLLO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI E LA VERIFICA DELL'ETICHETTATURA Novara 30 Gennaio 2013 ASL NO NOVARA SERVIZIO D IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE

Dettagli

Q uando fai la spesa e sullo scaffale

Q uando fai la spesa e sullo scaffale L etichettatura L etichettatura I PRODOTTI PRECONFEZIONATI Q uando fai la spesa e sullo scaffale trovi confezioni di pasta, detersivi, tonno, shampoo, bottiglie di vino, olio, acqua etc., stai comprando

Dettagli

Per etichettatura s intende l insieme delle

Per etichettatura s intende l insieme delle L etichettatura degli alimenti: al servizio del consumatore I prodotti alimentari in vendita sono obbligatoriamente accompagnati da un etichetta, una sorta di carta d identità del bene acquistato. Ma solo

Dettagli

etichettatura DEC RETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n. 109

etichettatura DEC RETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n. 109 etichettatura DEC RETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n. 109 Etichetta: l'insieme delle indicazioni, dei marchi di fabbrica o di commercio, che si riferiscono al prodotto alimentare e che figurano direttamente

Dettagli

Il Testo di Legge 109/92 riportato qui di seguito, è stato. redatto sulla base delle leggi che successivamente ne

Il Testo di Legge 109/92 riportato qui di seguito, è stato. redatto sulla base delle leggi che successivamente ne Il Testo di Legge 109/92 riportato qui di seguito, è stato redatto sulla base delle leggi che successivamente ne hanno aggiornato gli articoli integrando o correggendo i vari commi. Le leggi sono: D. Lgs

Dettagli

La disciplina dei prodotti alimentari

La disciplina dei prodotti alimentari Associazione Italiana di Diritto Alimentare La disciplina dei prodotti alimentari Etichettatura, marchi e pubblicità dei prodotti alimentari Le normative europee e nazionali (Stefano Masini) Roma, Cassa

Dettagli

941.281 Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali

941.281 Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali (Ordinanza sulle dichiarazioni) dell 8 giugno 1998 (Stato 1 luglio 1998) Il Consiglio federale

Dettagli

ETICHETTATURA DEL MIELE

ETICHETTATURA DEL MIELE L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE VETERINARIA IN APICOLTURA 25 novembre 2011 ETICHETTATURA DEL MIELE Dott.ssa Giulia Stazzoni Decreto legislativo109/92 e decreto legislativo 181/03 L etichetta e le relative

Dettagli

Scheda identificativa dei prodotti in legno

Scheda identificativa dei prodotti in legno Scheda identificativa dei prodotti in legno Legge 10.04.1991 n. 126 Decreto Ministeriale 8.02.1997 n. 101 Circolare Ministeriale 3.08.2004 n. 1 1 Ambito di applicazione ed entrata in vigore la legge 126/1991

Dettagli

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali Torino 27 marzo 2013 Laura Bersani L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali REQUISITI OBBLIGATORI PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI PRECONFEZIONATI

Dettagli

Istruzioni in materia di etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari.

Istruzioni in materia di etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari. Circ. 12 marzo 2001, n. 166 (G.U. 20 marzo 2001 n.66) Istruzioni in materia di etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari. Con circolare n. 165 del 31 marzo 2000, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L

MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L Etichetta del Cacao e Cioccolato uno Novità Normative La normativa che disciplina il

Dettagli

Ordinanza del DFI sulla caratterizzazione e la pubblicità delle derrate alimentari

Ordinanza del DFI sulla caratterizzazione e la pubblicità delle derrate alimentari Ordinanza del DFI sulla caratterizzazione e la pubblicità delle derrate alimentari (OCDerr) Modifica del 13 ottobre 2010 Il Dipartimento federale dell interno (DFI) ordina: I L ordinanza del DFI del 23

Dettagli

INDICAZIONI OBBLIGATORIE PER L'ETICHETTATURA

INDICAZIONI OBBLIGATORIE PER L'ETICHETTATURA INDICAZIONI OBBLIGATORIE PER L'ETICHETTATURA L'etichetta dei prodotti alimentari deve avere tutte le informazioni obbligatorie. Queste informazioni si devono: capire con facilità, vedere bene, leggere

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Etichettatura degli alimenti ASL di Mantova - Mantova 16/06/2009 Slide 1 ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI 1. LA LEGISLAZIONE NAZIONALE, COMUNITARIA E LE LINEE GUIDA 2. IL DECRETO

Dettagli

941.281 Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali

941.281 Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali (Ordinanza sulle dichiarazioni) dell 8 giugno 1998 (Stato 1 luglio 2010) Il Consiglio federale

Dettagli

ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI DI LARGO CONSUMO: ALIMENTI, COSMETICI, MODA, ELETTRODOMESTICI GUIDA PRATICA PER IL CONSUMATORE

ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI DI LARGO CONSUMO: ALIMENTI, COSMETICI, MODA, ELETTRODOMESTICI GUIDA PRATICA PER IL CONSUMATORE ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI DI LARGO CONSUMO: ALIMENTI, COSMETICI, MODA, ELETTRODOMESTICI GUIDA PRATICA PER IL CONSUMATORE APRILE 2010 La presente Guida al Consumo è stata realizzata dalla

Dettagli

Etichettatura del Miele

Etichettatura del Miele Workshop Ricerca applicata in Apicoltura per la tutela dell Ambiente e la Valorizzazione delle Produzioni Etichettatura del Miele Sulmona 18 Ottobre 2013 Dr. Carlo Ferrari - ASL Roma G Etichettatura l

Dettagli

Informazione al consumatore suiprodotti alimentari, reg.ue n. 1169/11

Informazione al consumatore suiprodotti alimentari, reg.ue n. 1169/11 Informazione al consumatore suiprodotti alimentari, reg.ue n. 1169/11 Avv. Dario Dongo responsabile Politiche UE e Regolative, Federalimentare dongo@federalimentare.it - GSM (+39) 335 7313 726 Background

Dettagli

Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D.

Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D. Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D.lvo 109/92 e successivi,a carattere speciale DM 27/03/2002, E comunitaria

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto n. 5389 del 1 agosto 2011 Attuazione dell articolo 17 del regolamento (CE) n. 110/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 gennaio 2008, concernente la definizione, la designazione,

Dettagli

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige DISCIPLINARE per il settore SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014

Dettagli

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..)

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..) ALLEGATO 1 Spazio per apporre il timbro di protocollo Data Prot. Al Dipartimento di Prevenzione ASL 1 Imperiese I - Oggetto: Notifica di inizio attività ai fini della registrazione (art. 6 Reg. CE 852/2004)

Dettagli

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA' AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE N. 7 RAGUSA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE -AREA DI SANITA' PUBBLICA VETERINARIA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

Dettagli

VADEMECUM IN MATERIA DI ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI

VADEMECUM IN MATERIA DI ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI VADEMECUM IN MATERIA DI ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI Approfondimento normativo delle principali indicazioni da riportare in etichetta dei prodotti alimentari destinati al commercio

Dettagli

L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI

L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI GARANZIA DI SICUREZZA ALIMENTARE Le ricorrenti emergenze alimentari degli ultimi decenni hanno generato una crescente domanda di sicurezza Contemporaneamente si

Dettagli

INDICAZIONI NUTRIZIONALI E SULLA SALUTE. REG.CE n. 1924/2006

INDICAZIONI NUTRIZIONALI E SULLA SALUTE. REG.CE n. 1924/2006 INDICAZIONI NUTRIZIONALI E SULLA SALUTE REG.CE n. 1924/2006 1 OBIETTIVI SPECIFICI Integrazione dei principi generali in tema di etichettatura dei prodotti alimentari che impongono un divieto generale di

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 501/2014 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 501/2014 DELLA COMMISSIONE L 145/14 16.5.2014 REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 501/2014 DELLA COMMISSIONE dell'11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio mediante la modifica del

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari

L etichettatura dei prodotti alimentari UNIONE EUROPEA. Istruzioni per l uso n. 3/2012 L etichettatura dei prodotti alimentari La normativa dell Unione europea e nazionale Unioncamere Piemonte Alps - Enterprise Europe Network Via Cavour, 17

Dettagli

4.4 Il Termine minimo di conservazione e la data di scadenza

4.4 Il Termine minimo di conservazione e la data di scadenza 4.4 Il Termine minimo di conservazione e la data di scadenza Il Termine minimo di conservazione (Tmc) rappresenta la data fino alla quale il prodotto alimentare mantiene le sue proprietà specifiche in

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO TERRITORIO E SICUREZZA URBANA NORD Ufficio Studi e Formazione Ufficio Studi

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO TERRITORIO E SICUREZZA URBANA NORD Ufficio Studi e Formazione Ufficio Studi CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO TERRITORIO E SICUREZZA URBANA NORD Ufficio Studi e Formazione Ufficio Studi CIRCOLARE N. 26 Informativa OGGETTO: Attività Produttive. Etichettatura.

Dettagli