Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014"

Transcript

1 Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura Roma 18 dicembre 2014

2 Il Nuovo Regolamento Regolamento (UE) n. 1169/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori che modifica i regolamenti (CE) n. 1924/2006 e (CE) n. 1925/2006 e abroga le direttive 87/250/CEE, 90/496/CEE, 1999/10/CE, 2000/13/CE, 2002/67/CE, 2008/5/CE e il regolamento (CE) n. 608/2004 GU

3 Entrata in vigore Il Regolamento è entrato ufficialmente in vigore il 13 dicembre Essendo un regolamento è direttamente applicabile negli Stati membri, senza bisogno di alcun atto di recepimento da parte dei Governi.

4 Ambito di applicazione Il presente regolamento si applica agli operatori del settore alimentare in tutte le fasi della catena alimentare quando le loro attività riguardano la fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori. Si applica a tutti gli alimenti destinati al consumatore finale, compresi quelli forniti dalle collettività, e a quelli destinati alla fornitura delle collettività.

5 Definizione di collettività Art. 2, comma 2, lett. d) del Regolamento: «collettività»: qualunque struttura (compreso un veicolo o un banco di vendita fisso o mobile), come ristoranti, mense, scuole, ospedali e imprese di ristorazione in cui, nel quadro di un attività imprenditoriale, sono preparati alimenti destinati al consumo immediato da parte del consumatore finale.

6 Le novità Il Regolamento detta nuove disposizioni sull etichettatura dei prodotti confezionati/preimballati nonché di quelli non preimballati (non-prepacked food) tra i quali rientrano sia i prodotti venduti sfusi che gli alimenti somministrati. Queste nuove norme devono essere coordinate con il D.Lgs. 109/1992, l attuale normativa italiana sull etichettatura dei prodotti alimentari.

7 Alimenti confezionati/preimballati Definizione art. 2, comma 2, lett. e) Regolamento: l unità di vendita destinata a essere presentata come tale al consumatore finale e alle collettività, costituita da un alimento e dall imballaggio in cui è stato confezionato prima di essere messo in vendita, avvolta interamente o in parte da tale imballaggio, ma comunque in modo tale che il contenuto non possa essere alterato senza aprire o cambiare l imballaggio; «alimento preimballato» non comprende gli alimenti imballati nei luoghi di vendita su richiesta del consumatore o preimballati per la vendita diretta.

8 Alimenti confezionati/preimballati Disciplina: L art. 3, comma 1, del D.Lgs. 109/1992 sull elenco delle indicazioni dei prodotti confezionati viene superato dall art. 9, comma 1, del Regolamento.

9 Art.3 D.Lgs. 109/1992 Elenco delle indicazioni dei prodotti preconfezionati. Denominazione di vendita Articolo 9 Reg. UE 1169/2011 Elenco delle indicazioni obbligatorie Denominazione dell alimento Elenco degli ingredienti Identica Quantità netta o nominale Quantità netta Termine minimo di conservazione o data di scadenza Il nome o la ragione sociale o il marchio depositato e la sede del fabbricante o del confezionatore o di un venditore stabilito nell UE La sede dello stabilimento di produzione e di confezionamento Il titolo alcolometrico volumico effettivo per le bevande aventi un contenuto alcolico superiore a 1,2 % in volume Identica Il nome o la ragione sociale e l indirizzo dell operatore del settore alimentare responsabile delle informazioni Non prevista Identica

10 Art.3 D.Lgs. 109/1992 Elenco delle indicazioni dei prodotti preconfezionati. Il lotto di appartenenza del prodotto Articolo 9 Reg. UE 1169/2011 Elenco delle indicazioni obbligatorie Non prevista dal regolamento, ma ancora obbligatoria ai sensi della direttiva 2011/91/UE Le modalità di conservazione e di utilizzazione, qualora sia necessaria l adozione di particolari accorgimenti in funzione della natura del prodotto Le istruzioni per l uso, ove necessario Il luogo di origine o di provenienza nel caso in cui l omissione possa indurre in errore l acquirente circa l origine o la provenienza del prodotto La quantità di taluni ingredienti o categorie di ingredienti (ingrediente caratterizzante evidenziato) Prevista dall art. 5, comma 2 Facoltativa Le condizioni particolari di conservazione o d impiego Le istruzioni per l uso, nei casi in cui la loro omissione renderebbe difficile un uso adeguato dell alimento Il paese di origine e il luogo di provenienza ove previsto dall art 26 Identica Allergeni: qualsiasi ingrediente o coadiuvante tecnologico (o suo derivato) che provochi allergie o intolleranze Una dichiarazione nutrizionale

11 Alimenti non preimballati Definizione art. 44, comma 1, Regolamento: alimenti offerti in vendita al consumatore finale o alle collettività senza preimballaggio oppure imballati sui luoghi di vendita su richiesta del consumatore o preimballati per la vendita diretta.

12 Alimenti non preimballati Disciplina art. 44 Regolamento: a) la fornitura delle indicazioni di cui all articolo 9, paragrafo 1, lettera c), è obbligatoria (ALLERGENI); b) la fornitura di altre indicazioni di cui agli articoli 9 e 10 non è obbligatoria, a meno che gli Stati membri adottino disposizioni nazionali che richiedono la fornitura, parziale o totale, di tali indicazioni o loro elementi.

13 Alimenti non preimballati Disciplina art. 44 Regolamento: 2. Gli Stati membri possono adottare disposizioni nazionali concernenti i mezzi con i quali le indicazioni o loro elementi come specificato al paragrafo 1 devono essere resi disponibili e, eventualmente, la loro forma di espressione e presentazione. 3. Gli Stati membri comunicano immediatamente alla Commissione il testo delle disposizioni di cui al paragrafo 1, lettera b), e al paragrafo 2.alimenti offerti in vendita al consumatore finale o alle collettività senza preimballaggio oppure imballati sui luoghi di vendita su richiesta del consumatore o preimballati per la vendita diretta.

14 Alimenti non preimballati Disciplina Chiarimenti Commissione UE gennaio 2013: L indicazione degli allergeni è obbligatoria e non può essere data a semplice richiesta del cliente, ma deve essere disponibile e facilmente visibile. Lo Stato membro può disciplinare la forma con cui dare queste informazione, in assenza di disposizioni nazionali la forma deve essere scritta.

15 Alimenti non preimballati Disciplina Chiarimenti MISE luglio 2014: Gli alimenti non preimballati sono: Gli alimenti venduti sfusi (gastronomia, pasticceria, ecc.) per i quali rimane in vigore l art. 16 del D.Lgs. 109/1992, quindi l elenco degli ingredienti prodotto per prodotto; Gli alimenti somministrati (piatto di pasta servito al tavolo) per i quali devono essere indicati gli allergeni, come previsto dal Regolamento.

16 Alimenti non preimballati venduti sfusi Disciplina Art. 16 D.Lgs. 109/1992 (verrà modificato, ad oggi occorre evidenziare l allergene presente nell elenco degli ingredienti): Vendita dei prodotti sfusi. 1. I prodotti alimentari non preconfezionati o generalmente venduti previo frazionamento, anche se originariamente preconfezionati, i prodotti confezionati sui luoghi di vendita a richiesta dell'acquirente ed i prodotti preconfezionati ai fini della vendita immediata, devono essere muniti di apposito cartello, applicato ai recipienti che li contengono oppure applicato nei comparti in cui sono esposti. 2. Sul cartello devono essere riportate: a) la denominazione di vendita; b) l'elenco degli ingredienti salvo i casi di esenzione; c) le modalità di conservazione per i prodotti alimentari rapidamente deperibili, ove necessario; d) la data di scadenza per le paste fresche e le paste fresche con ripieno di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 febbraio 2001, n. 187 ; e) il titolo alcolometrico volumico effettivo per le bevande con contenuto alcolico superiore a 1,2% in volume; f) la percentuale di glassatura, considerata tara, per i prodotti congelati glassati.

17 Alimenti non preimballati venduti sfusi 3. Per i prodotti della gelateria, della pasticceria, della panetteria e della gastronomia, ivi comprese le preparazioni alimentari, l'elenco degli ingredienti può essere riportato su un unico e apposito cartello tenuto ben in vista oppure, per singoli prodotti, su apposito registro o altro sistema equivalente da tenere bene in vista, a disposizione dell'acquirente, in prossimità dei banchi di esposizione dei prodotti stessi. 4. Per le bevande vendute mediante spillatura il cartello di cui al comma 1 può essere applicato direttamente sull'impianto o a fianco dello stesso. 5. Le acque idonee al consumo umano non preconfezionate, somministrate nelle collettività ed in altri esercizi pubblici, devono riportare, ove trattate, la specifica denominazione di vendita "acqua potabile trattata o acqua potabile trattata e gassata" se è stata addizionata di anidride carbonica. 6. I prodotti dolciari preconfezionati, ma destinati ad essere venduti a pezzo o alla rinfusa, generalmente destinati al consumo subito dopo l'acquisto, possono riportare le indicazioni di cui al comma 2 solamente sul cartello o sul contenitore, purché in modo da essere facilmente visibili e leggibili dall'acquirente. 7. Sui prodotti di cui al comma 1, nelle fasi precedenti la vendita al consumatore, devono essere riportate le menzioni di cui all' articolo 3, comma 1, lettere a), b), e) ed h); tali menzioni possono essere riportate soltanto su un documento commerciale relativo a detti prodotti, se è garantito che tale documento sia unito ai prodotti cui si riferisce al momento della consegna oppure sia stato inviato prima della consegna o contemporaneamente a questa.

18 Alimenti non preimballati somministrati Disciplina Art. 44 Regolamento: Indicazione degli allergeni in forma scritta.

19 Cosa sono gli allergeni? Sono ingredienti comunemente usati negli alimenti, che però in alcuni individui scatenano una reazione allergica non dovuta di per sé alle caratteristiche chimiche dell ingrediente ma dovuta al fatto che alcune persone hanno un assetto costituzionale (atopico) che li espone maggiormente ad una reazione avversa in seguito all ingestione di alcune sostanze (essenzialmente proteine).

20 Quali sono gli allergeni che devono essere indicati? L allegato II del Regolamento indica i 14 tipi di allergeni che devono essere indicati: 1) Cereali contenenti glutine (cioè grano, segale, orzo, avena, farro, kamut o i loro ceppi ibridati) e prodotti derivati; 2) Crostacei e prodotti derivati; 3) Uova e prodotti derivati; 4) Pesce e prodotti derivati; 5) Arachidi e prodotti derivati; 6) Soia e prodotti derivati; 7) Latte e prodotti derivati, incluso lattosio; 8) Frutta a guscio, cioè mandorle, nocciole, noci comuni, noci di anacardi, noci di pecan, noci del Brasile, pistacchi, noci del Queensland e prodotti derivati; 9) Sedano e prodotti derivati; 10) Senape e prodotti derivati; 11) Semi di sesamo e prodotti derivati; 12) Anidride solforosa e solfiti in concentrazioni superiori a 10 mg/kg o 10 mg/l espressi come SO2; 13) Lupini e prodotti derivati; 14) Molluschi e prodotti derivati.

21 Perché vanno indicati? Oggi si stima che le allergie interessino l 8% dei bambini e circa il 3% degli adulti; in Italia, secondo dati ISTAT, la popolazione affetta da tale problema ammonterebbe al 9,9%. Attualmente, gli unici strumenti per prevenire la malattia poggiano su due capisaldi: l identificazione del componente pericoloso e l esclusione temporanea o permanete dell alimento a rischio dalla dieta del soggetto affetto dalla malattia. Per questa ragione, l attuale normativa fa obbligo agli OSA di informare il soggetto allergico o intollerante con appropriate indicazioni della presenza di ogni sostanza o ingrediente utilizzati nella preparazione dei prodotti alimentari o residuati nel prodotto finito, anche se in forma alterata, indicandoli con il loro nome specifico qualora appartengano o siano derivati da un potenziale allergene.

22 Indicazioni operative La Federazione, conscia delle responsabilità che hanno gli operatori della ristorazione nei confronti della clientela che soffre di allergie od intolleranze e delle conseguenze civili e penali che possono derivare ai ristoratori in ragione di indicazioni omissive od errate fornite dai dipendenti, ha già previsto nel proprio Manuale di Corretta Prassi Operativa, validato dal Ministero della Salute (Gazzetta Ufficiale 11 giugno 2013 n. 135), una modalità di dichiarazione degli allergeni, attraverso l elenco, sotto ciascun allergene, dei piatti che lo contengono. Esempio: ALLERGENE: Piatti in menù : UOVA Omelette Insalata russa Tagliatelle ai funghi Cotoletta alla milanese Polpette Sarde impanate e fritte

23 Indicazioni operative Tabella contenente tutti i 14 tipi di allergeni Cereali contenenti glutine Crostacei e prodotti a base di crostacei Uova e prodotti a base di uova Pesce e prodotti a base di pesce Arachidi e prodotti a base di arachidi. Soia e prodotti a base di soia Latte e prodotti a base di latte Frutta a guscio Sedano e prodotti a base di sedano Senape e prodotti a base di senape Semi di sesamo e prodotti a base di semi di sesamo Anidride solforosa e solfiti Lupini e prodotti a base di lupini Molluschi e prodotti a base di molluschi

24 Criticità e novità Allergeni occulti; Informazioni dai fornitori; Vendita per asporto pizza o piatti ristorante; Vendita telefonica e consegna a domicilio; Catering/Banqueting; Sanzioni; Tavolo di concertazione al MISE.

25 GRAZIE PER L ATTENZIONE

Grosseto, 26 febbraio 2015 Allergie ed intolleranze alimentari 2 Le allergie alimentari interessano il 2 4% circa dell intera popolazione generale, con una incidenza maggiore nei bambini, dove raggiunge

Dettagli

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006 Alle Imprese Associate del Settore Alimentazione e Pubblici Esercizi Oggetto: etichettatura alimenti ed indicazione alergeni La piena applicazione del Regolamento (CE) 25 ottobre 2011, n. 1169 ha comportato

Dettagli

ELENCO A : SOSTANZE O PRODOTTI CHE PROVOCANO ALLERGIE ED INTOLLERANZE (Reg. Ue 1169/2011)

ELENCO A : SOSTANZE O PRODOTTI CHE PROVOCANO ALLERGIE ED INTOLLERANZE (Reg. Ue 1169/2011) ELENCO A : SOSTANZE O PRODOTTI CHE PROVOCA ALLERGIE ED INTOLLERANZE (Reg. Ue 1169/2011) Glutine:!! Cereali contenenti glutine,, cioè: grano, segale, orzo, avena, farro, kamut o i loro ceppi!!!! ibridati

Dettagli

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * *

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * * * Comoda Service Srl 25/01/12 * * SCHEDA TECNICA - 22558 SUCCO 200 ML "ARCO" BRIK -PERA- PZ.24... 11:24:28 * * * Codice : 22558 Descriz. : SUCCO 200 ML "ARCO" BRIK -PERA- PZ.24... 014 Ingredienti Purea

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Centro Studi per la Sicurezza Alimentare IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Una attenta lettura delle etichettature può aiutare a scegliere meglio e a mangiare in modo sicuro. Nella

Dettagli

Pancetta arrotolata senza cotenna

Pancetta arrotolata senza cotenna Scheda tecnica Pancetta arrotolata senza cotenna Prodotto a marchio: Descrizione prodotto: Salumificio Bonalumi snc Prodotto ottenuto dal pannicolo adiposo della parte ventrale della mezzena suina (pancetta),

Dettagli

COMUNICAZIONE N 12/01/2015

COMUNICAZIONE N 12/01/2015 Da: Assicurazione Qualità A: Clienti EcorNaturasì COMUNICAZIONE N 12/01/2015 Oggetto: Aggiornamento Etichettatura alimenti Reg.CE 1169/2011 Con la presente Vi informiamo in merito alle principali novità

Dettagli

Tronco di pesce spada ST PV Mare Più

Tronco di pesce spada ST PV Mare Più SCHEDA TECNICA PRODOTTO FINITO Cod. Prod. FTROSPA007 C66 REV.1 del 23/12/2014 Tronco di pesce spada ST PV Mare Più Catering Via Arno 7, 63824 Altidona (AP) - Telefono 0734 931254 Fa 0734 935014 info@marepiusrl.com

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

Gli allergeni alimentari: strumenti e soluzioni per il punto vendita

Gli allergeni alimentari: strumenti e soluzioni per il punto vendita Gli allergeni alimentari: strumenti e soluzioni per il punto vendita Le novità introdotte I punti chiave Il Regolamento UE 1169/2011 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori

Dettagli

CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti

CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti Mira (VE) CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti Revisione n : 00 Art. CI43 Data: 01/08/2011 DESCRIZIONE GENERALE DEL PRODOTTO Preparato

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti REGOLAMENTO UE 1169/2011 In vigore dal 13/12/2011 In applicazione dal 13/12/2014 In applicazione dal 01/01/2014

Dettagli

COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA

COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA Qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale, immagine o simbolo che si riferisce all alimento e che figura direttamente sull imballaggio o su un

Dettagli

NoProtein Frolla. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti.

NoProtein Frolla. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti. Pagina 1 di 5 NoProtein Frolla CODICE PRODOTTO: 2050 CARATTERISTICHE: NoProtein Frolla è un preparato per la produzione di Pasta Frolla senza glutine. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo

Dettagli

Barcode Labeling Solutions

Barcode Labeling Solutions TEKLYNX Barcode Labeling Solutions Soluzioni per etichettatura per codici a barre Consente la conformità al Regolamento UE in materia di etichettatura degli allergeni Siete pronti al nuovo regolamento

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GAZZETTA UFFICIALE N.252 DEL 29 OTTOBRE 2007 DECRETO LEGISLATIVO 27 Settembre 2007, n. 178 Disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo 8 febbraio 2006, n. 114, recante attuazione delle

Dettagli

Grissini astuccio ORAZIO gr. 125x12

Grissini astuccio ORAZIO gr. 125x12 Pag. 1 di 5 Grissini astuccio ORAZIO gr. 125x12 CODIFICA PRODOTTO EAN interna Grissino Tradizionale 8004583711409 1N2601AHB Denominazione articolo Grissini tipo 00 agli oli vegetali Marchio: ORAZIO Ingredienti

Dettagli

ALLERGENI: Metodi & Analisi

ALLERGENI: Metodi & Analisi ALLERGENI: Metodi & Analisi 1 PARLEREMO DI Allergeni (definizioni e classificazioni) Normativa e limiti di legge R&C Lab e gli allergeni Metodi e tecniche analitiche applicate 2 Allergeni (definizioni

Dettagli

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali Torino 27 marzo 2013 Laura Bersani L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali REQUISITI OBBLIGATORI PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI PRECONFEZIONATI

Dettagli

Allergie alimentari e sicurezza del consumatore

Allergie alimentari e sicurezza del consumatore Ministero della Salute Dipartimento sanità pubblica veterinaria, sicurezza alimentare organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Dettagli

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * *

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * * * Comoda Service Srl 25/01/12 * * SCHEDA TECNICA - 22998 SUCCO "ACE""STERILGARDA"BRIK 1 LT(SQUARE 11:24:28 * * * Codice : 22998 Descriz. : SUCCO "ACE""STERILGARDA"BRIK 1 LT(SQUARE 026 Ulteriore descrizione

Dettagli

la casa ristorante - vivande -

la casa ristorante - vivande - la casa ristorante - vivande - dal 1 9 9 8 Sacrifici, errori, crescita e soddisfazioni. Un grazie di cuore a tutti i collaboratori, alle masserie, alle aziende agricole alle macellerie e pescherie di fiducia,

Dettagli

Per etichettatura s intende l insieme delle

Per etichettatura s intende l insieme delle L etichettatura degli alimenti: al servizio del consumatore I prodotti alimentari in vendita sono obbligatoriamente accompagnati da un etichetta, una sorta di carta d identità del bene acquistato. Ma solo

Dettagli

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE 1. Assicurare una corretta e trasparente informazione al consumatore 2. Permettere la libera circolazione delle merci all interno dell Unione Europea

Dettagli

Realizzato in collaborazione con Federalimentare Servizi Srl

Realizzato in collaborazione con Federalimentare Servizi Srl ETICHETTATURA DEGLI ALLERGENI, LINEE GUIDA DI FEDERALIMENTARE Revisione n. 2, 6 novembre 2009 Realizzato in collaborazione con Federalimentare Servizi Srl Viale Luigi Pasteur, 10 00144 Roma (I) C.F. 97023320589

Dettagli

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA Ermanno Errani Responsabile Area Analitica Alimenti ARPA Emilia-Romagna Sezione Provinciale di Bologna REAZIONI AVVERSE

Dettagli

L executive chef Matteo Riccitelli propone piatti di qualita. con una cucina giovane e passionale,

L executive chef Matteo Riccitelli propone piatti di qualita. con una cucina giovane e passionale, * PASTA FATTA IN CASA, PESCE E PRODOTTI LOCALI A KM ZERO * BUONA CUCINA + BUONI VINI = BUON UMORE L executive chef Matteo Riccitelli propone piatti di qualita con una cucina giovane e passionale, legata

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO LA NUOVA NORMATIVA, D.G.R. 20 DICEMBRE 2013 N. X/1105

INCONTRO INFORMATIVO LA NUOVA NORMATIVA, D.G.R. 20 DICEMBRE 2013 N. X/1105 INCONTRO INFORMATIVO LA NUOVA NORMATIVA, D.G.R. 20 DICEMBRE 2013 N. X/1105 Applicazione del Regolamento n. 1169/2011 nei negozi alimentari e nei Pubblici Esercizi Regolamento Europeo 1169/2011 obbligo

Dettagli

L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI

L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI il ravvicinamento delle legislazioni in materia di etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari Il reg. 1169/2011 In Italia, prima dell armonizzazione

Dettagli

ANTIPASTI. Triangoli croccanti ripieni di verdure in stile orientale su salsa al caciocavallo 13 Euro

ANTIPASTI. Triangoli croccanti ripieni di verdure in stile orientale su salsa al caciocavallo 13 Euro ANTIPASTI Robiola in kataifi su crema di peperoni e germogli di basilico Triangoli croccanti ripieni di verdure in stile orientale su salsa al caciocavallo Variazione di ostriche gratinate (5 pezzi) Tartara

Dettagli

Organismo accreditato da ACCREDIA DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE. Preparati per il settore alimentare

Organismo accreditato da ACCREDIA DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE. Preparati per il settore alimentare Organismo accreditato da ACCREDIA Reire SITO DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE Preparati per il settore alimentare Gennaio 2015 PREPARATI PER IL SETTORE ALIMENTARE SOSTITUTIVI DEL LATTE

Dettagli

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92 TITOLO DOCUMENTO Etichettatura degli alimenti: le nuove disposizioni del Reg. UE 1169/11 AREA TEMATICA Ambiente ed Energia SETTORE Qualità e Sicurezza alimentare ARGOMENTO SPECIFICO Sicurezza degli alimenti

Dettagli

Le ultime righe fanno riferimento ai cosiddetti preincartati che il regolamento tratta nel successivo art. 44

Le ultime righe fanno riferimento ai cosiddetti preincartati che il regolamento tratta nel successivo art. 44 Regolamento (UE) N. 1169/2011 Art. 2 Definizioni «etichettatura»: qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale, immagine o simbolo che si riferisce a un alimento e che figura su qualunque

Dettagli

buone pratiche di spesa, conservazione e cucina

buone pratiche di spesa, conservazione e cucina buone pratiche di spesa, conservazione e cucina un alimento acquistato e trasportato fino a casa correttamente e poi ben manipolato, cucinato e conservato, ci mette al riparo da possibili malattie trasmesse

Dettagli

Menù. chef Marco Martini. I prodotti biologici stagionali, forniti da Agricoltura Nuova, sono parte integrante della nostra proposta.

Menù. chef Marco Martini. I prodotti biologici stagionali, forniti da Agricoltura Nuova, sono parte integrante della nostra proposta. Menù chef Marco Martini I prodotti biologici stagionali, forniti da Agricoltura Nuova, sono parte integrante della nostra proposta. I piatti vegetariani, vegani e per celiaci sono sempre disponibili e

Dettagli

Gli allergeni: dall etichettatura al sanzionatorio per la sicurezza alimentare

Gli allergeni: dall etichettatura al sanzionatorio per la sicurezza alimentare REAZIONI AVVERSE Gli allergeni: dall etichettatura al sanzionatorio per la sicurezza alimentare Cosimo Nicola Pagliarone* Costantina Capozzo** Fondamentale importanza assume, nella trattazione che segue,

Dettagli

Guerci S.r.l. Località Molinello 433-22041 Colverde (CO) Tel. +39 031 55100.11 - Fax +39 031 550150 - P.IVA IT02488810132 - e-mail: guerci@guerci.

Guerci S.r.l. Località Molinello 433-22041 Colverde (CO) Tel. +39 031 55100.11 - Fax +39 031 550150 - P.IVA IT02488810132 - e-mail: guerci@guerci. SCHEDA TECNICA PREPARATO Cod. 2635 2660 2280 2018 Rev. 00 del 26.06.2014 PREPARATO PER RISOTTO E SPAGHETTI PRECOTTO E CONGELATO IN BUSTA DA: 500 g 1 kg 2 kg Guerci S.r.l. - Località Molinello 433-22041

Dettagli

ELENCO INGREDIENTI RICETTARIO PASTICCERIA PRODUZIONE PROPRIA DRIVE

ELENCO INGREDIENTI RICETTARIO PASTICCERIA PRODUZIONE PROPRIA DRIVE ELENCO INGREDIENTI RICETTARIO PASTICCERIA PRODUZIONE PROPRIA DRIVE MODALITA DI CONSERVAZIONE: in Frigorifero 0/ +4 C IN MERITO ALLE REFERENZE IN VENDITA AL BANCO ASSISTITO, SI CONSIGLIA DI CONSUMARE I

Dettagli

Debic zuccherata 6x700ML

Debic zuccherata 6x700ML 7170600 Descrizione del prodotto Panna Spray n Informazioni Generali Identificazione del Prodotto Descrizione Articolo Marchio Descrizione Articolo (come fornito) Descrizione Articolo (breve) Descrizione

Dettagli

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06.2016 ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI

Dettagli

per essere ben informati

per essere ben informati Allergeni nelle derrate alimentari: per essere ben informati Vi trovate talvolta in difficoltà nel leggere l elenco degli ingredienti sugli imballaggi delle derrate alimentari? Questa guida si propone

Dettagli

Reg. UE 1169/11 ETICHETTATURA E PUBBLICITÀ DEI PRODOTTI ALIMENTARI

Reg. UE 1169/11 ETICHETTATURA E PUBBLICITÀ DEI PRODOTTI ALIMENTARI ETICHETTATURA E PUBBLICITÀ DEI PRODOTTI ALIMENTARI 16 e 23 giugno 2015 Luigi Mancini FARE (Food & Agriculture Requirements) Bruxelles Milano - Roma (+39) 335 5393164 tech@fare.email Introduzione Le regole

Dettagli

GLI ALLERGENI ALIMENTARI E LA SICUREZZA ALIMENTARE

GLI ALLERGENI ALIMENTARI E LA SICUREZZA ALIMENTARE ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE D AOSTA GLI ALLERGENI ALIMENTARI E LA SICUREZZA ALIMENTARE S. FRAGASSI, L. DECASTELLI PARLEREMO DI Allergeni e allergie Normativa allergeni

Dettagli

Debic TIRAMISÙ 6x1L. Descrizione

Debic TIRAMISÙ 6x1L. Descrizione Informazioni Generali Identificazione del Prodotto Descrizione Articolo Marchio Descrizione Articolo (come fornito) Descrizione Articolo (breve) Descrizione Debic Debic TIRAMISÙ 6x1L DEBIC TIRAMISÙ 6X1L

Dettagli

ETICHETTATURA PRODOTTI

ETICHETTATURA PRODOTTI ETICHETTATURA PRODOTTI Alimenti senza segreti con il nuovo servizio di CNA Roma CNA ROMA Viale Guglielmo Massaia, 31 00154 Roma Tel. 06 570151 Fax 06 57015222 info@cnapmi.com www.cnapmi.org PREMESSA Dal

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE Allegato Tecnico n. 4 al Capitolato Speciale

Dettagli

Ristorante La Sprelunga

Ristorante La Sprelunga 24 novembre 2015 Ristorante La Sprelunga L Aperitivo Ruggeri Prosecco di Valdobbiadene Dry Vol 11,5 % 4,00 Conti Ducco Franciacorta Brut Blanc de Blancs Vol 13 % 6,00 Champagne Pierre Gimonnet & Fils Blanc

Dettagli

Imballaggi delle derrate alimentari - Quali informazioni

Imballaggi delle derrate alimentari - Quali informazioni Primavera 2010 Pagina 1 / 11 Indice: Imballaggi delle derrate alimentari - Quali informazioni si trovano? P. 2 Introduzione P. 2 Elenco degli ingredienti P. 3 Informazioni destinate alle persone allergiche

Dettagli

VADEMECUM IN MATERIA DI ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI

VADEMECUM IN MATERIA DI ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI VADEMECUM IN MATERIA DI ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI Approfondimento normativo delle principali indicazioni da riportare in etichetta dei prodotti alimentari destinati al commercio

Dettagli

OBBLIGHI E RESPONSABILITA DELL OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE Reg. (UE) n. 1169/2011 Vicenza, 26 settembre 2014 E. Feller

OBBLIGHI E RESPONSABILITA DELL OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE Reg. (UE) n. 1169/2011 Vicenza, 26 settembre 2014 E. Feller OBBLIGHI E RESPONSABILITA DELL OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE Reg. (UE) n. 1169/2011 Vicenza, 26 settembre 2014 E. Feller La Centrale del latte di Vicenza UN POLO INTERREGIONALE 2 CLVI: FATTURATO PER

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI RACCOLTA NORMATIVA PER GLI ADDETTI AL CONTROLLO UFFICIALE E GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Parte Generale Dott. Mauro Bardelli Tecnico della prevenzione nell ambiente

Dettagli

Organismo accreditato da ACCREDIA DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE. Additivi per il settore alimentare

Organismo accreditato da ACCREDIA DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE. Additivi per il settore alimentare Organismo accreditato da ACCREDIA Reire SITO DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE Additivi per il settore alimentare ADDITIVI PER L INDUSTRIA ALIMENTARE 1. E200 - E300 Conservanti 1.1 E200

Dettagli

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE 1.Premessa Nell ambito della ristorazione scolastica è prevista la possibilità di richiedere Diete speciali per motivi di salute per venire

Dettagli

La normativa sul controllo e la sicurezza degli alimenti: una corretta interazione a tutela dei consumatori

La normativa sul controllo e la sicurezza degli alimenti: una corretta interazione a tutela dei consumatori La normativa sul controllo e la sicurezza degli alimenti: una corretta interazione a tutela dei consumatori A. Menditto, P. Stacchini Istituto Superiore di Sanità GIORNATA DI STUDIO ALIMENTI SICURI - SICUREZZA

Dettagli

POS. 1 - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI GLUTINE NEGLI ALIMENTI

POS. 1 - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI GLUTINE NEGLI ALIMENTI POS. 1 - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI GLUTINE NEGLI ALIMENTI - La curva standard deve avere un range che va da ad almeno (± ) ppb (gliadina) ed avere un minimo di punti. La curva standard deve possedere

Dettagli

del 28/11/2014 NEWS: APERTURA NUOVA SEDE A CESENA IN VIA CAVALCAVIA N. 55 AREA SICUREZZA

del 28/11/2014 NEWS: APERTURA NUOVA SEDE A CESENA IN VIA CAVALCAVIA N. 55 AREA SICUREZZA NEWSLETTER N 05/2014 del 28/11/2014 INDICE DEGLI ARGOMENTI: Le responsabilità del lavoratore in materia di sicurezza sul lavoro Ambiente e energia Formazione alimentarista di base e aggiornamento Reg.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 06.09.2001 COM(2001) 433 definitivo 2001/0199 (COD) Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO che modifica la direttiva 2000/13/CE per quanto

Dettagli

ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI

ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI MAGGIO 2010 La presente Guida al Consumo è stata realizzata dall ISFORES, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Brindisi, con la collaborazione

Dettagli

Un perscorso di degustazione a sorpresa con piatti scelti dalle Chef per tutto il tavolo. 4 portate 32 Euro. 6 portate 45 Euro

Un perscorso di degustazione a sorpresa con piatti scelti dalle Chef per tutto il tavolo. 4 portate 32 Euro. 6 portate 45 Euro i ERBA BRUSCA Menu Carte Blanche Un perscorso di degustazione a sorpresa con piatti scelti dalle Chef per tutto il tavolo 4 portate 32 Euro 6 portate 45 Euro Con abbinamento vini alla cieca 25 Sono previste

Dettagli

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati TERZA CONVENTION NAZIONALE DEI DIRETTORI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE DELLE AZIENDE ULSS Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati Dott. Rocco Sciarrone Direttore del Dipartimento

Dettagli

QuiAppenews 16 ottobre 2014 anno 25 n. 19

QuiAppenews 16 ottobre 2014 anno 25 n. 19 QuiAppenews 16 ottobre 2014 anno 25 n. 19 Settimanale Distribuzione gratuita. Poste Italiane Spa - Spedizione Abbonamento Postale -70% NE/PD. Pubblicazione Ufficiale dell Associazione Provinciale Pubblici

Dettagli

Villa Fenaroli Palace Hotel. Hostaria 1735

Villa Fenaroli Palace Hotel. Hostaria 1735 Me Degustazione di Terra Tasting Land Menu Terrina di tacchino con pane rustico e confettura di cipolle Allergeni contenuti: glutine Turkey terrine with homemade bread and onions jam. Allergens: gluten

Dettagli

pdfmachine trial version

pdfmachine trial version Corso di Dottorato di Ricerca in : INGEGNERIA CHIMICA,DEI MATERIALI E DI PROCESSO Ciclo XXI Scuola: SCIENZE E TECNOLOGIE INNOVATIVE PER L INGEGNERIA INDUSTRIALE Processo di produzione dei sottoprodotti

Dettagli

GUIDA PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI ALL INTERNO DEL PERIMETRO DEL SITO DI EXPO MILANO 2015

GUIDA PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI ALL INTERNO DEL PERIMETRO DEL SITO DI EXPO MILANO 2015 GUIDA PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI ALL INTERNO DEL PERIMETRO DEL SITO DI EXPO MILANO 2015 GUIDA PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI ALL INTERNO DEL PERIMETRO DEL SITO DI EXPO MILANO

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

Allergeni in derrate alimentari offerte sfuse sull esempio della gastronomia, panetteria/pasticceria, macelleria. Consigli pratici

Allergeni in derrate alimentari offerte sfuse sull esempio della gastronomia, panetteria/pasticceria, macelleria. Consigli pratici Allergeni in derrate alimentari offerte sfuse sull esempio della gastronomia, panetteria/pasticceria, macelleria Consigli pratici 1 Allergeni in derrate alimentari offerte sfuse sull esempio della gastronomia,

Dettagli

PISELLI A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO

PISELLI A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO pag 1 di 7 A.1 - INGREDIENTI - A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO aspetto: grani di piselli surgelati singolarmente, di calibro e colore uniforme (I.Q.F.) pezzatura : calibro < a 8,75 mm; calibro

Dettagli

Allegato 2 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010

Allegato 2 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010 Allegato 2 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010 Spazio per apporre il timbro di protocollo ASL TO3 All ASL TO3 Data Prot. ASL TO3 Servizio/S.C.... Oggetto: Notifica di inizio o variazione di attività ai

Dettagli

Ristorante pizzeria di Gastaldelli Valentina

Ristorante pizzeria di Gastaldelli Valentina Ristorante pizzeria di Gastaldelli Valentina tel. 045.545128 e-mail: pizzeria.gianni@virgilio.it info@dagiannipizzeria.it vieni a trovarci anche su Facebook o visita il nostro sito: www.dagiannipizzeria.it

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 29.6.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 181/35 REGOLAMENTO (UE) N. 609/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 giugno 2013 relativo agli alimenti destinati ai lattanti e ai bambini

Dettagli

Primo Corso in Educazione e Conoscenza alimentare www.pharm.unipmn.it/utc LEGGERE LE ETICHETTE

Primo Corso in Educazione e Conoscenza alimentare www.pharm.unipmn.it/utc LEGGERE LE ETICHETTE Primo Corso in Educazione e Conoscenza alimentare www.pharm.unipmn.it/utc 15 Aprile 2011 Prof. Aldo Martelli LEGGERE LE ETICHETTE Le etichettature degli alimenti hanno principalmente due funzioni: - fornirci

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Dr.ssa Simona De Stefano Direzione Generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio V Nutrizione - Ministero della Salute Roma,

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Reg. CE 1234/07 Assessorato Agricoltura Centro Agrochimico Regionale G.L. Marcazzan CRA-API di Bologna M. Stefàno A.S.S.A.M. Regione

Dettagli

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Il Regolamento (UE) 1169/2011 è entrato in vigore il 13 dicembre 2011 e verrà applicato in modo graduale, tramite tappe intermedie. Il testo unico raccoglie

Dettagli

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA Gli orari delle attività commerciali e il turno di riposo settimanale 1.1 Le nuove disposizioni europee:

Dettagli

1. Operatore del settore alimentare

1. Operatore del settore alimentare Spazio per apporre il timbro di protocollo Allegato 2 alla D.G.R. 79-7605 del 26/11/2007 Data Prot. Al Comune di.. Oggetto: Denuncia di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 Reg. CE 852/2004 (da presentare

Dettagli

CORSO UMBERTO, 165 - BISCEGLIE

CORSO UMBERTO, 165 - BISCEGLIE ENÙ davidespecchia_15 CORSO UMBERTO, 165 - BISCEGLIE TEL. 0803991519 / CELL 3207013327 CHIUSURA: DOMENICA SERA / MARTEDÌ SIAMO APERTI A PRANZO ED A CENA SI ACCETTANO CARTE DI CREDITO COPERTO 1,50 www.osteriadelo.it

Dettagli

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO Avv. Michele Mea Avv. Michele Mea NORMATIVA ATTUALE DI RIFERIMENTO 1. 1. Direttiva CE n. n. 18/2001 2. 2. Regolamento CE n. n. 1829/2003

Dettagli

Definizione di tracciabilità

Definizione di tracciabilità Definizione di tracciabilità Spegnere il Telefonino!! Tracciabilità Reg.(CE) ) 178/2002 Programma per 8 e 16 ore Decreto Regione Liguria 793/2012 e Regolamento CE 852/2004 Ente Ligure di Formazione divisione

Dettagli

941.281 Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali

941.281 Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali (Ordinanza sulle dichiarazioni) dell 8 giugno 1998 (Stato 1 luglio 1998) Il Consiglio federale

Dettagli

Volume 1: Manuale di Corretta Prassi Igienica per la Distribuzione Automatica di Alimenti

Volume 1: Manuale di Corretta Prassi Igienica per la Distribuzione Automatica di Alimenti Volume 1: Manuale di Corretta Prassi Igienica per la Distribuzione Automatica di Alimenti Validato dal Ministero della Salute in conformità al Regolamento 852/2004/CE Questo manuale non può essere, totalmente

Dettagli

Corretta indicazione di quantità e prezzi Opuscolo informativo per il commercio

Corretta indicazione di quantità e prezzi Opuscolo informativo per il commercio Corretta indicazione di quantità e prezzi Opuscolo informativo per il commercio ml cm kg cl m 5.90 CHF g cl Indice Sommario Pagina 2 Obiettivi 3 Termini / abbreviazioni 4 Obbligo d indicazione della quantità

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI -Guida per la ristorazione-

ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI -Guida per la ristorazione- ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI -Guida per la ristorazione- Progetto GAIA Gruppo Allergia e Intolleranza Alimentare Guida per la ristorazione in linea al Regolamento UE 1169/2011 Responsabile Scientifico

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione. IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù.

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione. IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù Manuale d uso MENU INVERNALE La tabella dietetica proposta dall ASL prevede

Dettagli

Dichiarare correttamente

Dichiarare correttamente Dichiarare correttamente gli allergeni Guida per una buona pratica di caratterizzazione degli allergeni contenuti nelle derrate alimentari preimballate e per un adeguata gestione degli allergeni nella

Dettagli

PREIMBALLAGGI. La normativa e i controlli delle Camere di Commercio. Preimballaggi Verona 5 marzo 2014

PREIMBALLAGGI. La normativa e i controlli delle Camere di Commercio. Preimballaggi Verona 5 marzo 2014 Preimballaggi Verona 5 marzo 2014 La normativa e i controlli delle Camere di Commercio IL CONTESTO NORMATIVO STORICO CEE LIQUIDI ALIMENTARI direttiva 75/106/CEE precondizionamento in volume di alcuni liquidi

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Campo di applicazione

DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Campo di applicazione Decreto Legislativo 27.1.92 n. 109 Attuazione delle Dir. 89/395/CEE e 89/396/CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari come modificato da Decr. P.C.M. 6.2.96

Dettagli

La gestione del rischio allergeni mediante l applicazione del sistema HACCP: un obiettivo di sicurezza alimentare per le imprese

La gestione del rischio allergeni mediante l applicazione del sistema HACCP: un obiettivo di sicurezza alimentare per le imprese La gestione del rischio allergeni mediante l applicazione del sistema HACCP: un obiettivo di sicurezza alimentare per le imprese Valentina Marotta, Alessandro Testa, Roberta Goi, Francesca Piovesan, Bartolomeo

Dettagli

PRESENTAZIONE CONTIENE INFORMAZIONI UTILI PER: CONOSCERE GLI ALLERGENI ALIMENTARI. DARE INFORMAZIONI CORRETTE e FARE UN PASSO VERSO IL CLIENTE

PRESENTAZIONE CONTIENE INFORMAZIONI UTILI PER: CONOSCERE GLI ALLERGENI ALIMENTARI. DARE INFORMAZIONI CORRETTE e FARE UN PASSO VERSO IL CLIENTE 1 PRESENTAZIONE QUESTO DEPLIANT E? RIVOLTO A TUTTI GLI OPERATORI COINVOLTI NELLA PREPA- RAZIONE E DISTRIBUZIONE DI CIBO NON CONFEZIONATO. CONTIENE INFORMAZIONI UTILI PER: CONOSCERE GLI ALLERGENI ALIMENTARI

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 45 del 19 novembre 2012 Cessione di prodotti agricoli e alimentari - Forma e contenuto dei contratti - Termini di pagamento e interessi di mora - Contrasto alle

Dettagli

LA DIETA SENZA GLUTINE E UNA ALTERNATIVA POSSIBILE E GUSTOSA, NON UNA RINUNCIA.

LA DIETA SENZA GLUTINE E UNA ALTERNATIVA POSSIBILE E GUSTOSA, NON UNA RINUNCIA. La terapia della intolleranza al glutine consiste solo nella dieta che NON deve contenere alimenti preparati con le farine dei cereali tossici per il paziente celiaco: FRUMENTO, ORZO, SEGALE (e analoghi

Dettagli

Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni

Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni L etichettatura delle confetture, delle gelatine e delle marmellate, nonché della crema di marroni, è disciplinata, per gli aspetti generali, dal D.lgs.

Dettagli

ALLERGIA ALIMENTARE: QUALI INTERVENTI DI PREVENZIONE E TERAPIA?

ALLERGIA ALIMENTARE: QUALI INTERVENTI DI PREVENZIONE E TERAPIA? Assemblea Nazionale di Federsanità ANCI Torino, 6-7 dicembre 2007 PARTECIPARE AL PROGETTO SALUTE Stili di vita e generazioni ALLERGIA ALIMENTARE: QUALI INTERVENTI DI PREVENZIONE E TERAPIA? Dott.ssa Giovanna

Dettagli

Requisiti di sicurezza alimentare per l Italia

Requisiti di sicurezza alimentare per l Italia Requisiti di sicurezza alimentare per l Italia Maggio 2012 Questo documento è organizzato in base ai capitoli del corso online di sicurezza alimentare ServSafe. Indica le differenze tra il contenuto del

Dettagli

APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO UE 1169/2011 IL QUADRO NORMATIVO

APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO UE 1169/2011 IL QUADRO NORMATIVO 1 introduzione Questa breve guida è uno strumento introduttivo alle nuove norme che riguardano la comunicazione della presenza di allergeni negli alimenti secondo il regolamento ue 1169/2011. secondo queste

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

I punti critici di controllo e i limiti critici. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare

I punti critici di controllo e i limiti critici. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare I punti critici di controllo e i limiti critici Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare I punti critici di controllo (2 principio: individuazione dei CCP) Punto

Dettagli