Circuito turistico integrato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Circuito turistico integrato"

Transcript

1 ospiti di valore Circuito turistico integrato Terre di Siena Ospiti di Valore Codice di comportamento Art. 1 - Valori delle Terre di Siena Lo sviluppo economico delle Terre di Siena dipende dalla capacità degli attori del territorio di fare leva sui principali fattori di attrattività dell area: l ambiente naturale, il paesaggio, il patrimonio artistico e culturale, le produzioni tipiche locali. In particolare la salvaguardia e la valorizzazione di questi fattori sono le condizioni necessarie per una reale prospettiva di sviluppo sostenibile del settore turistico che esprime una delle principali vocazioni del territorio. Con il progetto Terre di Siena Ospiti di Valore la Provincia, in accordo con i Comuni e le Associazioni di categoria interessate, ha avviato un percorso di qualificazione e valorizzazione del sistema turistico delle Terre di Siena e delle attività agricole, artigianali, culturali e del commercio ad esso connesse. Questo percorso ha dato vita al Circuito turistico integrato «Terre di Siena Ospiti di Valore» basato sull adesione volontaria degli operatori ed il rispetto di un Codice di comportamento condiviso. Il Codice di Comportamento Terre di Siena Ospiti di Valore intende dare attuazione ai seguenti valori: Eco-Sostenibilità: lo sviluppo delle Terre di Siena si basa sulla tutela delle sue risorse naturali e ambientali, sulla conservazione della biodiversità, sul rispetto e la valorizzazione del patrimonio artistico, culturale, di identità e tradizione locale, nonché sulla valorizzazione delle produzioni tipiche locali. Gli operatori economici aderenti al Circuito Ospiti di Valore sono consapevoli del loro ruolo di attori sociali e si impegnano a collaborare per il raggiungimento dell obiettivo Terre di Siena carbon freee e far crescere l economia turistica locale nel pieno rispetto dell ambiente, della cultura, delle tradizioni e delle tipicità locali Tipicità e Qualità: la valorizzazione delle tipicità locali è finalizzata a garantire al tempo stesso la qualità elevata dei prodotti e dei servizi offerti pag. 1 di 10

2 Trasparenza e Tracciabilità: una corretta informazione sulle caratteristiche e sui prezzi dei prodotti e dei servizi offerti costituisce parte integrante dell impegno assunto con l adesione al Codice di Comportamento Terre di Siena. Gli operatori aderenti devono inoltre garantire la rintracciabilità del prodotto finale, consentendo di identificarne le origini e tutte le fasi della filiera produttiva/distributiva Partenariato e Rete: gli operatori turistici e le aziende agricole, artigiane e del commercio che concorrono in generale allo sviluppo del turismo nelle Terre di Siena si impegnano a rispettare le regole del Codice di Comportamento e gli Enti Promotori si impegnano a promuovere il percorso di miglioramento continuo delle aziende aderenti nell ambito delle strategie di sviluppo dell area. Gli operatori e le aziende aderenti si impegnano inoltre a favorire, con il supporto degli Enti Promotori ed eventualmente tramite un proprio Consorzio o una propria Associazione, la creazione di una Rete provinciale di prodotti e servizi idonei ad alimentare, per i valori di eco-sostenibilità e di tipicità, trasparenza e tracciabilità espressi, il sistema integrato di offerta turistica delle Terre di Siena Art. 2 - Finalità Con il Codice di Comportamento Terre di Siena Ospiti di Valore la Provincia di Siena, in accordo con i Comuni e le Associazioni di categoria interessate, persegue le seguenti finalità: promuovere il turismo nelle Terre di Siena valorizzando i fattori di attrattività ambientale, paesaggistica, culturale e delle tipicità e della tradizione locale, nel rispetto dei principi della sostenibilità fare del turismo una possibile fonte di conoscenza e scambio di valori sociali e culturali per il residente e per l ospite favorire la crescita di una rete di operatori turistici e di aziende agricole, artigiane e del commercio idonea a caratterizzare il sistema di offerta turistica delle Terre di Siena per una particolare attenzione ai valori della sostenibilità e della tipicità locale favorire un percorso volontario di miglioramento continuo dei livelli di qualità dell ospitalità offerta dal sistema turistico delle Terre di Siena promuovere il raggiungimento e il mantenimento dell obiettivo di Terre di Siena destinazione Carbon free Art. 3 - Destinatari Possono aderire al Codice di Comportamento Terre di Siena Ospiti di valore: le aziende alberghiere ed extra-alberghiere le aziende della ristorazione le aziende del settore termale le aziende agricole le aziende artigiane pag. 2 di 10

3 le aziende del commercio altri operatori che erogano servizi della filiera integrata turistico-culturale senese che svolgono la propria attività nella Provincia di Siena e siano in possesso dei requisiti indicati al successivo art. Art. 4 - Requisiti delle aziende aderenti Possono aderire al Codice di Comportamento Terre di Siena-Ospiti di valore le aziende indicate al precedente art. 3 in possesso dei seguenti requisiti, ferma restando l osservanza degli adempimenti previsti dalla legge per i rispettivi settori di appartenenza. Per il settore della ricettività e della ristorazione: osservanza dell obbligo di utilizzo delle procedure informatizzate per l invio di prezzi e dati statistici alla Provincia (requisito specifico per le aziende ricettive) accessibilità alla struttura attraverso la rete Internet e dotazione infrastrutturale idonea a consentire modalità di comunicazione online e sistemi e modalità di gestione informatizzati (requisito specifico per le aziende ricettive) conoscenza di lingue straniere tra il personale addetto all accoglienza Per il settore termale, possono aderire al Codice le aziende costituite da uno o più stabilimenti termali secondo quanto disposto dalla legge 24 ottobre 2000, n. 32 Per il settore agricolo possono aderire al Codice: le aziende di produzione agricola biologica le aziende di produzione agricola integrata le aziende agricole con attività di produzione di prodotti tipici locali (D.O.P e I.G.P) le aziende agricole con attività di produzione vinicola a denominazione di origine locale (vini D.O.C.G., D.O.C. e I.G.T.) Le aziende che aderiscono ai Mercatali e ai progetti di Filiera corta promossi dalle istituzioni e dalle associazioni locali Per il settore artigiano possono aderire al Codice le aziende che svolgono: attività di artigianato artistico come definite dall art. 19, comma 1, LR Toscana 22 ottobre 2008, n. 53, specificamente connesse agli elementi tipici del patrimonio storico e culturale locale pag. 3 di 10

4 attività di artigianato tradizionale come definite dall art. 19, comma 3, LR Toscana 22 ottobre 2008, n. 53, specificamente connesse ai costumi e alle consuetudini locali attività di produzione alimentare specializzate in prodotti tipici (D.O.P e I.G.P.), con l utilizzo di materie prime da agricoltura biologica, da agricoltura integrata, da produzioni tradizionali locali Per il settore del commercio possono aderire al Codice le aziende con la seguente tipologia di offerta merceologica: lavorazioni di artigianato artistico come definite dall art. 19, comma 1, LR Toscana 22 ottobre 2008, n. 53, specificamente connesse agli elementi tipici del patrimonio storico e culturale senese (almeno 10 referenze) lavorazioni di artigianato tradizionale come definite dall art. 19, comma 3, LR Toscana 22 ottobre 2008, n. 53, specificamente connesse ai costumi e alle consuetudini senesi (almeno 10 referenze) prodotti agroalimentari tipici locali (D.O.P e I.G.P.), prodotti da agricoltura biologica locale, prodotti da agricoltura integrata locale, prodotti tradizionali locali (almeno 10 referenze), prodotti di aziende che aderiscono a patti di filiera locali riconosciuti dalle Istituzioni Per altri operatori che erogano servizi della filiera integrata turistico-culturale senese si intendono almeno le seguenti categorie: Guide Turistiche, Agenzie di Viaggio, Musei, Scuole di cucina, società di trasporto, Agenzie o Società organizzatori di eventi e/o fornitori di servizi. Art. 5 - Impegni per le aziende aderenti Con la sottoscrizione del Codice di Comportamento, gli operatori del Circuito turistico integrato «Terre di Siena Ospiti di Valore» si impegnano a perseguire i seguenti obiettivi: tutela e valorizzazione dell ambiente e delle risorse naturali attraverso comportamenti responsabili e consapevoli che mirano: - al risparmio e all efficienza energetica - all impiego di fonti rinnovabili di energia - alla minimizzazione delle emissioni in atmosfera con particolare riguardo alle emissioni di carbonio - a favorire la mobilità sostenibile in accordo con le amministrazioni locali - alla riduzione dei consumi idrici e alla corretta gestione del ciclo delle acque - alla riduzione e a una corretta gestione dei rifiuti, limitando l uso di imballaggi, di prodotti usa e getta e favorendo la raccolta differenziata - all utilizzo di prodotti e servizi a basso impatto ambientale - alla scelta di fornitori con certificazioni ambientali e/o energetiche rispetto e valorizzazione del patrimonio storico-artistico e culturale locale pag. 4 di 10

5 6. impiego di prodotti, materie prime e ingredienti della filiera agro-alimentare locale offerta e promozione di prodotti, servizi, ricette locali e della tradizione locale creazione di Accordi e Patti di Filiera fra gli aderenti al Circuito corretta informazione per identificare l origine, l autenticità e la qualità dei prodotti e dei servizi offerti 7. collaborazione fra le varie categorie per organizzare iniziative ed eventi atti a favorire lo scambio e l incontro fra gli aderenti al Circuito e alla promozione della Filiera promozione di una corretta politica qualità/prezzo rispetto dell obbligo di esporre o promuovere materiali promozionali del Circuito partecipazione a momenti di formazione e di aggiornamento monitoraggio sulla qualità dei servizi/prodotti offerti dal Circuito mediante questionario ai clienti offerta di vantaggi esclusivi per i possessori della Terre di Siena Card collaborazione con la Provincia per l ospitalità di stampa, opinion leader, tour operator esposizione di una vetrofania che identifichi immediatamente l esercizio come aderente al Circuito Terre di Siena redazione di un Rapporto annuale di Sostenibilità per monitorare e valutare la corretta applicazione delle regole di comportamento fissate dal Codice e per rendere trasparente all esterno i risultati raggiunti dall azienda nella gestione la propria attività in modo sostenibile partecipazione all offerta di formazione gratuita realizzata dagli Enti promotori per garantirne la corretta applicazione Art. 6 - Vantaggi per le aziende aderenti Gli operatori che sottoscrivono il Codice di Comportamento, dando vita al Circuito integrato «Terre di Siena Ospiti di Valore», ottengono i seguenti vantaggi: utilizzo del marchio Terre di Siena Ospiti di valore inserimento negli itinerari e nei sistemi di offerta turistica creati e promossi dalla Provincia di Siena e da altri Enti di promozione turistica e territoriale pag. 5 di 10

6 inserimento negli strumenti appositamente creati per promuovere il Circuito integrato «Terre di Siena Ospiti di Valore» fornitura di materiali promozionali prodotti dalla Provincia, dalla Regione e altri Enti accesso privilegiato in occasione di educational promossi dalla Provincia per la stampa, opinion leader e tour operator partecipazione privilegiata a corsi di formazione e azioni di aggiornamento accesso con password riservata al sistema di aggiornamento dei propri dati nei siti realizzati dalla Provincia assistenza dello Sportello «Terre di Siena Ospiti di Valore» Art. 7 - Accettazione L accettazione del Codice di Comportamento Terre di Siena Ospiti di Valore avviene su base volontaria mediante la sottoscrizione, da parte del titolare dell impresa, di una dichiarazione unilaterale di volontà e la compilazione dell autodichiarazione di conformità. L accettazione del Codice deve essere ripresentata annualmente entro il 31 ottobre, corredata dall autodichiarazione di conformità debitamente compilata, pena l esclusione dal Circuito. Art. 8 - Sportello Terre di Siena Ospiti di Valore Presso gli uffici competenti della Provincia di Siena è operativo lo Sportello «Terre di Siena Ospiti di Valore» per la realizzazione delle seguenti attività: fornire agli operatori interessati le informazioni necessarie per aderire al Codice di Comportamento Terre di Siena fornire agli operatori aderenti le informazioni necessarie ai fini di una corretta applicazione del Codice supportare gli operatori aderenti nella compilazione dell autodichiarazione di conformità supportare gli operatori aderenti nella redazione del Rapporto di Sostenibilità istruire e verificare le richieste di nuove adesioni e le conferme di partecipazione al Circuito 6. facilitare la costituzione di gruppi organizzati di domanda e di offerta interessati ai prodotti e ai servizi rappresentati dagli operatori aderenti al Circuito integrato «Terre di Siena Ospiti di Valore» pag. 6 di 10

7 Art. 9 - Comitato direttivo, funzioni di monitoraggio, vigilanza e aggiornamento Per garantire la corretta attuazione del Codice di Comportamento Terre di Siena-Ospiti di Valore, viene istituito il Comitato Direttivo composto da n. 4 tecnici: 1 del Settore Sviluppo Economico della Provincia di Siena, 1del Settore Ambiente e 1 del Settore Agricoltura e dal Dirigente dello Sviluppo Economico che presiede il Comitato, integrati dai rappresentanti dei settori economici coinvolti. Spetta al Comitato Direttivo: definire il programma annuale delle attività connesse all implementazione e alla promozione del Codice svolgere attività di monitoraggio sulla corretta applicazione del Codice decidere in ordine alle conferme di adesione o alle esclusioni degli operatori proporre eventuali aggiornamenti dei principi e delle regole di comportamento fissate dal Codice di Comportamento Art Inosservanza In caso di inosservanza dei requisiti e degli impegni fissati negli artt. 4 e 5 del presente Codice di Comportamento da parte di un azienda aderente, riscontrata dallo Sportello «Terre di Siena Ospiti di Valore» anche nel corso di una visita presso l azienda aderente, il Comitato Direttivo dispone, previa verifica: richiamo scritto all azienda aderente con richiesta di sanare, in un congruo periodo, le specifiche violazioni riscontrate trascorso inutilmente tale periodo, comunicazione scritta di sospensione dal Circuito e dalle attività di promozione trascorso un mese esclusione dal Circuito Eventuali reclami degli ospiti e visitatori delle aziende aderenti saranno considerati dal Comitato Direttivo ai fini della sospensione o esclusione dal Circuito. L accertamento, eseguito dagli organi preposti, di violazioni di obblighi di legge da parte delle aziende aderenti costituisce motivo di sospensione o esclusione dal Circuito. pag. 7 di 10

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Progetto LA SOSTENIBILITÀ COME PERCORSO DI QUALITÀ PER LE AZIENDE TURISTICHE DEL PARCO DEL TICINO www.networksvilupposostenibile.it

Dettagli

Disciplinare Rete del Gusto ART.8 OBBLIGHI SPECIFICI PER LE SINGOLE CATEGORIE DI SOGGETTI ADERENTI

Disciplinare Rete del Gusto ART.8 OBBLIGHI SPECIFICI PER LE SINGOLE CATEGORIE DI SOGGETTI ADERENTI INDICE ART.1 OGGETTO ART.2 - DEFINIZIONI ART.3 SOGGETTI PROMOTORI E FINALITA ART.4 GESTIONE ART.5 MARCHIO ART.6 REQUISITI PER L ADESIONE ART.7 OBBLIGHI PER TUTTE LE IMPRESE ADERENTI ALLA RETE ART.8 OBBLIGHI

Dettagli

Terre di Siena Ospiti di valore Un patto tra residenti e ospiti. Fiorenza Guerranti Direttore APT Siena

Terre di Siena Ospiti di valore Un patto tra residenti e ospiti. Fiorenza Guerranti Direttore APT Siena Terre di Siena Ospiti di valore Un patto tra residenti e ospiti Fiorenza Guerranti Direttore APT Siena - SEMINARIO 13 SETTEMBRE 2007 - SEMINARIO 13 SETTEMBRE 2007 Per la promozione turistica di una destinazione

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Provincia Regionale di Ragusa Piani Integrati di Sviluppo Territoriale Progetto Viaggio

Dettagli

PROGETTO TUSCIA WELCOME

PROGETTO TUSCIA WELCOME PROGETTO TUSCIA WELCOME Valorizzazione e promozione del turismo integrato e sostenibile nella Tuscia Viterbese (Allegato alla determinazione del Segretario Generale n. 96 del 24/03/2014) Art. 1 Progetto

Dettagli

AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano. Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana"

AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano. Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana" e Le Strade dei Tesori e del Gusto MARCHIO DI QUALITA OSPITALITA ITALIANA PER LE IMPRESE

Dettagli

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...3 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...4 3 DEFINIZIONI...5 4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO...7 5 PRINCIPI BASE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ

Dettagli

Carta di qualità per la rete d imprese

Carta di qualità per la rete d imprese Carta di qualità per la rete d imprese L esposizione internazionale EXPO è un opportunità unica ed irripetibile per l economia dei nostri comuni che da secoli sono protagonisti nella produzione del patrimonio

Dettagli

RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL

RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL CODICE ETICO E DI RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL SISTEMA NAZIONALE BORGHI AUTENTICI D ITALIA (F.1.J) 1 1. Definizioni Le definizioni che seguono vanno così interpretate: Sistema Nazionale Borghi Autentici:

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli

IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO. inoltre:

IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO. inoltre: IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO Con l adesione al Patto mi impegno a: - Promuovere la cultura autodisciplinare e dell etica di mercato monitorando e garantendo la qualità dei servizi;

Dettagli

Responsabile progetto: Dir. Norbert Lantschner. Responsabile tecnico : Ing. Martina Demattio

Responsabile progetto: Dir. Norbert Lantschner. Responsabile tecnico : Ing. Martina Demattio Agenzia CasaClima Bolzano dip. ClimaHotel Responsabile progetto: Dir. Norbert Lantschner Responsabile tecnico : Ing. Martina Demattio Lo scenario attuale... Quelle: IPCC Climate Change 2007/ http://www.ipcc.ch

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Accesso al Circuito FIRENZE CARD PLUS: Promozione degli Esercizi Commerciali, Pubblici Esercizi Attività Artigianali e di Servizio

AVVISO PUBBLICO. Accesso al Circuito FIRENZE CARD PLUS: Promozione degli Esercizi Commerciali, Pubblici Esercizi Attività Artigianali e di Servizio AVVISO PUBBLICO Accesso al Circuito FIRENZE CARD PLUS: Promozione degli Esercizi Commerciali, Pubblici Esercizi Attività Artigianali e di Servizio PREMESSO CHE: 1. Il Comune di Firenze, con deliberazione

Dettagli

DISCIPLINARE MARCHIO OSPITALITA ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

DISCIPLINARE MARCHIO OSPITALITA ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO DISCIPLINARE MARCHIO OSPITALITA ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Disciplinare Ristoranti Italiani nel Mondo Pagina 1/7 INDICE PREMESSA COS E IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL

Dettagli

anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92)

anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92) anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92) (sostituito dal Regolamento 1980/2000) Art. 1.1 Il marchio ha l obiettivo di promuovere prodotti

Dettagli

Regolamento del Marchio di Qualità del Parco naturale delle Prealpi Giulie

Regolamento del Marchio di Qualità del Parco naturale delle Prealpi Giulie DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DELLE PREALPI GIULIE Art. 1 Uso e concessione del Marchio di Qualità Il presente Regolamento disciplina l uso e la concessione a terzi del Marchio di Qualità (di

Dettagli

Bisaccia del Viandante

Bisaccia del Viandante PROGETTO DI COOPERAZIONE INTERTERRITORIALE I CAMMINI D EUROPA RETE EUROPEA DI STORIA, CULTURA E TURISMO Richiesta di adesione alla Bisaccia del Viandante Prodotti AGRO-ALIMENTARI Al fine di richiedere

Dettagli

CARTA DEL TURISMO CONGRESSUALE ECO-SOSTENIBILE

CARTA DEL TURISMO CONGRESSUALE ECO-SOSTENIBILE ALLEGATO 1 PROPRIETARI E GESTORI DI LOCATION PER EVENTI CONGRESS E POST-CONGRESS (ANCHE STRUTTURE ALBERGHIERE ED EXTRA-ALBERGHIERE) Il presente Allegato 1 deve essere compilato dall azienda che gestisce

Dettagli

Opportunità per le imprese: il Catalogo Energiapiù. Paola Carbone 23 novembre 2010

Opportunità per le imprese: il Catalogo Energiapiù. Paola Carbone 23 novembre 2010 Opportunità per le imprese: il Catalogo Energiapiù Paola Carbone 23 novembre 2010 CAMERA DI COMMERCIO E PROMOZIONE DELL ECONOMIA Logistica L'attività della Camera di Commercio nel campo della logistica

Dettagli

Il PROGETTO OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

Il PROGETTO OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Il PROGETTO OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Settembre 2011 1 Premessa La cucina italiana è il frutto di un secolare processo storico della nostra società, da sempre protagonista di significativi

Dettagli

Club di prodotto Parteolla e Basso Campidano

Club di prodotto Parteolla e Basso Campidano Club di prodotto Parteolla e Basso Campidano Piano di attività Premessa Il territorio del Parteolla e Basso Campidano, puntando sulla qualificazione e promozione unitaria delle eccellenze locali, ha identificato

Dettagli

Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte

Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte Convegno MONITORAGGIO, INFORMAZIONE E CONTROLLI AMBIENTALI PER LO SVILUPPO DELLA GREEN ECONOMY Roma, 23 novembre 2010 Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte Ing. Silvano Ravera Direttore Generale

Dettagli

EA 03 Prospetto economico degli oneri complessivi 1

EA 03 Prospetto economico degli oneri complessivi 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA Fase 1: Analisi iniziale L analisi iniziale prevede uno studio dello stato attuale della gestione interna dell Ente. Metodo: si prevede l individuazione dei referenti

Dettagli

Questionario sul Manuale per la sostenibilità

Questionario sul Manuale per la sostenibilità Questionario sul Manuale per la sostenibilità Deliverable 4.1 Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe Il progetto IMAGINE Il progetto IMAGINE è finalizzato alla sperimentazione e diffusione

Dettagli

IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Revisione n. 2 25 novembre 2010 PREMESSA La cucina italiana è il frutto di un secolare processo storico della nostra società, da sempre

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2000, N. 21 SULLE STRADE DEL VINO

REGOLAMENTO PROVINCIALE DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2000, N. 21 SULLE STRADE DEL VINO Approvato con deliberazione consiliare n 5 del 24 febbraio 2010 In vigore dal 17 marzo 2010 REGOLAMENTO PROVINCIALE DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2000, N. 21 SULLE STRADE DEL VINO CAPO

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO ALLEGATO A) al PROTOCOLLO GENERALE per l uso dei prodotti agroalimentari del territorio nel servizio somministrazione, vendita ed esposizione. REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. Premessa e ambito di applicazione.

Dettagli

Analisi dei fabbisogni formativi dei professionisti che. operano nella valorizzazione dei Beni Culturali nella. Provincia di Pisa

Analisi dei fabbisogni formativi dei professionisti che. operano nella valorizzazione dei Beni Culturali nella. Provincia di Pisa Analisi dei fabbisogni formativi dei professionisti che operano nella valorizzazione dei Beni Culturali nella Provincia di Pisa A cura di Katia Orlandi Il territorio della Provincia di Pisa si caratterizza

Dettagli

REGOLAMENTO D USO E DISCIPLINARE DEL MARCHIO COLLETTIVO DI QUALITA IL PARCO DELLE MADONIE E IL SUO PANIERE DI PRODOTTI: SIMBOLO DI QUALITÀ

REGOLAMENTO D USO E DISCIPLINARE DEL MARCHIO COLLETTIVO DI QUALITA IL PARCO DELLE MADONIE E IL SUO PANIERE DI PRODOTTI: SIMBOLO DI QUALITÀ P.O.R. SICILIA 2000-2006 ASSE IV MISURA 4.13 B SOSTEGNO ALLA CREAZIONE, AL RICONOSCIMENTO COMUNITARIO AL CONTROLLO DI PRODOTTI REGIONALI DI QUALITÀ IL PARCO DELLE MADONIE E IL SUO PANIERE DI PRODOTTI:

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

Regolamento d uso del Marchio Distretto Turistico Cefalù-Madonie

Regolamento d uso del Marchio Distretto Turistico Cefalù-Madonie Regolamento d uso del Marchio Distretto Turistico Cefalù-Madonie Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento definisce le modalità di richiesta d uso, di concessione, di mantenimento e le condizioni

Dettagli

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana Consiglio Regionale della Toscana Valutazione delle politiche regionali Progetto di ricerca n. 2 Aprile 2008 a cura del Settore Analisi della Normazione. Biblioteca del Consiglio regionale Le politiche

Dettagli

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA DISCIPLINARE DI QUALITÀ DELLA STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. TIPOLOGIE DI AZIENDE AMMESSE NELL ITINERARIO...5 2. REQUISITI DI QUALITÀ... 6 2.1. AZIENDE, CONSORZI E COOPERATIVE

Dettagli

RICHIESTA DELLA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO SETTORE AGROALIMENTARE

RICHIESTA DELLA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO SETTORE AGROALIMENTARE RICHIESTA DELLA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO SETTORE AGROALIMENTARE Trota d oro Trota d argento Richiedente:. REQUISITI PER LA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO Prodotti agroalimentari ammessi Nel rispetto

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DELLE MONTAGNE E DELLE MINIERE DI GORNO Le montagne, le miniere e la gente di Gorno: cultura e tradizioni locali per

Dettagli

Prot.n. AI Presidente del Consiglio regionale della Campania. Dott. Paolo Romano SEDE. Oggetto: Trasmissione proposta di legge.

Prot.n. AI Presidente del Consiglio regionale della Campania. Dott. Paolo Romano SEDE. Oggetto: Trasmissione proposta di legge. / Prot.n. AI Presidente del Consiglio regionale della Campania Dott. Paolo Romano SEDE Oggetto: Trasmissione proposta di legge. Si trasmette, in allegato, Campana ad iniziativa Caldoro Presidente. la proposta

Dettagli

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità)

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità) Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina le procedure di individuazione e di riconoscimento dei Distretti Agroalimentare

Dettagli

Nuova economia locale per le aree ad alto valore ambientale

Nuova economia locale per le aree ad alto valore ambientale Unione europea Fondo sociale europeo Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione iniziativa comunitaria Equal Nuova economia locale per le aree ad alto valore ambientale Disciplinare

Dettagli

CONVENZIONE. tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT. TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo

CONVENZIONE. tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT. TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo ALLEGATO A CONVENZIONE tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo dei Centri di Assistenza Tecnica e iniziative per l ammodernamento

Dettagli

REGOLAMENTO D'USO DEL MARCHIO COLLETTIVO "QUALITÀ TRENTINO" Articolo 1 Oggetto

REGOLAMENTO D'USO DEL MARCHIO COLLETTIVO QUALITÀ TRENTINO Articolo 1 Oggetto 1 REGOLAMENTO D'USO DEL MARCHIO COLLETTIVO "QUALITÀ TRENTINO" Articolo 1 Oggetto 1.1 Il presente regolamento definisce le condizioni generali per la concessione dell uso del marchio collettivo denominato

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

Città di Ginosa Provincia di Taranto REGOLAMENTO

Città di Ginosa Provincia di Taranto REGOLAMENTO Città di Ginosa Provincia di Taranto REGOLAMENTO per LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITA AGRO - ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI - ISTITUZIONE DELLA DE.CO. ( Denominazione Comunale ) (Approvato

Dettagli

Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia

Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia LE NOVITA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 INTRODUZIONE APPROCCIO PLURIFONDO FEASR - FEAMP INTRODUZIONE STRATEGIA AREE INTERNE

Dettagli

Procedura per la candidatura

Procedura per la candidatura Procedura per la candidatura alla Bandiera arancione del Touring Club Italiano 1. COS È LA BANDIERA ARANCIONE... 2 2. GLI OBIETTIVI... 2 3. I REQUISITI... 2 4. I CRITERI DI ANALISI... 3 5. IL PERCORSO

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. Vanta, inoltre, una varietà e una ricchezza di produzioni e tipicità enogastronomiche difficilmente riscontrabile

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE GESTIONE MARCHIO DI QUALITÀ AMBIENTALE PO 05 GESTIONE MARCHIO DI QUALITÀ AMBIENTALE TABELLA DI REVISIONE

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE GESTIONE MARCHIO DI QUALITÀ AMBIENTALE PO 05 GESTIONE MARCHIO DI QUALITÀ AMBIENTALE TABELLA DI REVISIONE TABELLA DI REVISIONE REV. 0 DATA 21.10.13 REDAZIONE VERIFICA APPROVAZION E NOTE Prima emissione 01 21.10.14 Seconda emissione PAGG. 8 02 14.07.15 Terza emissione 5 1 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

Chi siamo: Trame Territoriali è una Società di servizi non profit e una OLTA Tour Operator On Line

Chi siamo: Trame Territoriali è una Società di servizi non profit e una OLTA Tour Operator On Line TRAME TERRITORIALI Chi siamo: Trame Territoriali è una Società di servizi non profit e una OLTA Tour Operator On Line Cosa facciamo: Trame valorizza il territorio attraverso l identificazione, la selezione,

Dettagli

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 126 / 2014

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 126 / 2014 CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 126 / 2014 OGGETTO: ADEONE ALLA ASSOCIAZIONE BORGHI AUTENTICI D ITALIA. L anno duemilaquattordici il giorno tre del mese di

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VINO CERASUOLO DI VITTORIA: DAL BAROCCO AL LIBERTY DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VINO CERASUOLO DI VITTORIA: DAL BAROCCO AL LIBERTY DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VINO CERASUOLO DI VITTORIA: DAL BAROCCO AL LIBERTY DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento stabilisce le norme generali

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Organizzatore di congressi

Organizzatore di congressi identificativo scheda: 16-023 stato scheda: Validata Descrizione sintetica Il Tecnico dei servizi fieristico-congressuali si occupa dell ideazione, progettazione e organizzazione di eventi quali convegni,

Dettagli

QUESTIONARIO. Turismo individuale Turismo di gruppo Turismo delle famiglie Turismo giovanile Turismo senior/terza età Turismo sociale

QUESTIONARIO. Turismo individuale Turismo di gruppo Turismo delle famiglie Turismo giovanile Turismo senior/terza età Turismo sociale QUESTIONARIO Allo scopo di fotografare la Destinazione Turistica di Fiesole ed elaborare una analisi Swot che consenta di focalizzare i punti di forza, di debolezza, le opportunità e le minacce Le chiediamo

Dettagli

100% energia pulita Multiutility è identificativo di energia generata da sole, acqua, vento e terra RECS. certificati

100% energia pulita Multiutility è identificativo di energia generata da sole, acqua, vento e terra RECS. certificati 100% energia pulita 100% energia pulita Multiutility è identificativo di energia generata da sole, acqua, vento e terra la cui origine è tracciata e garantita grazie al sistema di certificazione RECS (Renewable

Dettagli

ORGANIZZAZIONE TURISTICA EMILIA - ROMAGNA. LAURA SCHIFF Dirigente - Servizio Commercio, Turismo e Qualità aree turisdche

ORGANIZZAZIONE TURISTICA EMILIA - ROMAGNA. LAURA SCHIFF Dirigente - Servizio Commercio, Turismo e Qualità aree turisdche ORGANIZZAZIONE TURISTICA EMILIA - ROMAGNA LAURA SCHIFF Dirigente - Servizio Commercio, Turismo e Qualità aree turisdche EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE SETTORE TURISMO REGIONE EMILIA- ROMAGNA LEGGE REGIONALE

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde. Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello

Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde. Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello Febbraio 2006 Premessa Il seguente Piano di Azioni scaturisce da un articolato processo

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

CARTA SERVIZI. YouLiguria, Itinerari e turismo di qualità in Liguria

CARTA SERVIZI. YouLiguria, Itinerari e turismo di qualità in Liguria [ALLEGATO A] CARTA SERVIZI YouLiguria, Itinerari e turismo di qualità in Liguria Art. 1 Principi generali 1.1 Il sito internet realizzato da Confartigianato Liguria, si propone come portale interattivo

Dettagli

DISCIPLINARE E LINEE GUIDA per la partecipazione all iniziativa per la promozione della qualità dell accoglienza

DISCIPLINARE E LINEE GUIDA per la partecipazione all iniziativa per la promozione della qualità dell accoglienza COMUNE DI RAVENNA Assessorato al Turismo DISCIPLINARE E LINEE GUIDA per la partecipazione all iniziativa per la promozione della qualità dell accoglienza AREA PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO Servizio

Dettagli

Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale

Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale RETE BAI Sardegna Progetto finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna ai sensi dell'art.4 della Legge Regionale n 6 del 15 marzo 2012 (Legge Finanziaria)

Dettagli

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE Annalisa Oddone, Confindustria Confindustria Sardegna Meridionale 12 giugno 2012 CARTA DEI PRINCIPI

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività Bilancio di Sostenibilità 2012 dipendenti azionisti e investitori ambiente clienti e collettività fornitori istituzioni e comunità Sicurezza e salute dei lavoratori Per il gruppo A2A la prevenzione degli

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE ALL INIZIATIVA. Study Tour in Europa 2013 Percorsi di formazione in contesti lavorativi europei - II Edizione -

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE ALL INIZIATIVA. Study Tour in Europa 2013 Percorsi di formazione in contesti lavorativi europei - II Edizione - ALLEGATO N.1 REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE ALL INIZIATIVA Study Tour in Europa 2013 Percorsi di formazione in contesti lavorativi europei - II Edizione - ART. 1 FINALITÀ E OGGETTO DELL INTERVENTO 1. In

Dettagli

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali www.itinerari.conform.it Il corso Gli obiettivi Il percorso formativo Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA Articolo 1 La Regione Campania istituisce e gestisce il marchio collettivo di qualità denominato Sapore di Campania, con le seguenti finalità:

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

Finalità dello sportello:

Finalità dello sportello: OGGETTO: Bando per la selezione di soggetti idonei alla partecipazione al progetto PU TOSIE ERGIA, per la promozione e lo sviluppo delle energie rinnovabili e del risparmio energetico nel territorio del

Dettagli

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI 7 8 PROGETTO 1.1: GLI INTERVENTI A FAVORE DELL ARTIGIANATO, DEL COMMERCIO, DEGLI ESERCIZI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016

Dettagli

Richiesta di ammissione al Paniere dei parchi dell Appennino Emiliano per PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI

Richiesta di ammissione al Paniere dei parchi dell Appennino Emiliano per PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI Richiesta di ammissione al Paniere dei parchi dell Appennino Emiliano per PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI Al fine di richiedere l adesione della propria azienda al progetto Softeconomy nei Parchi e nelle aree

Dettagli

per un turismo sostenibile e competitivo in provincia di Livorno

per un turismo sostenibile e competitivo in provincia di Livorno La Regione Toscana ha promosso (Carta di Firenze, novembre 2007) la creazione di una rete tra regioni europee per promuovere lo sviluppo del secondo i principi della "Agenda for European sustainable and

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 20 RV del 30 maggio 2011 1 - EPIGRAFE - Premessa Art. 1 - Istituzione

Dettagli

IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO

IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE L ATTIVITÀ DI CONTROLLO ISPETTIVA PRESSO GLI OPERATORI DELLA FILIERA (VITICOLTORI, VINIFICATORI, INTERMEDIARI ED IMBOTTIGLIATORI)

Dettagli

LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA I.P.S.E.O.O.A.

LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA I.P.S.E.O.O.A. LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA I.P.S.E.O.O.A. Al fine di facilitare la scelta dell indirizzo di studi, il nostro Istituto ha predisposto il seguente prospetto che, partendo dalla scelta effettuata già in

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI CARTA D IDENTITÀ DELL AZIENDA Nome azienda * Partita IVA, codice identificativo* Indirizzo* Telefono e Fax* Referente aziendale* E-mail referente aziendale* Settore

Dettagli

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali Bando Volontariato 2015 Reti Nazionali SEZIONE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELL INIZIATIVA 1.1 Obiettivi Nell ambito delle numerose iniziative di sostegno al volontariato della Fondazione, il presente

Dettagli

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia La nuova logica di realizzazione dei progetti Fabio Girotto Regione Lombardia LE SCELTE STRATEGICHE DEL NUOVO PROGRAMMA Obiettivo Tematico 1 Priorità d investimento 1b (rapporti tra imprese e mondo della

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

Napoli, LHC, 1L. Prot.n.29975/A Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI

Napoli, LHC, 1L. Prot.n.29975/A Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI Consiglio Regionale (Iella Cani pan io Prot.n.29975/A Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI Al Presidente della VIII e li Commissione Consiliare Permanente

Dettagli

COMUNE DI MIRANO. Regolamento per l istituzione e la disciplina del mercato dei prodotti agricoli di Piazza Paolo e Nella Errera APPROVATO

COMUNE DI MIRANO. Regolamento per l istituzione e la disciplina del mercato dei prodotti agricoli di Piazza Paolo e Nella Errera APPROVATO COMUNE DI MIRANO Regolamento per l istituzione e la disciplina del mercato dei prodotti agricoli di Piazza Paolo e Nella Errera APPROVATO Con delibera del C.S. n. 9 del 19.4.2012 - esecutiva - 1 Art. 1

Dettagli

CLUB DI PRODOTTO SAPORI DI BASILICATA DOMANDA DI ADESIONE

CLUB DI PRODOTTO SAPORI DI BASILICATA DOMANDA DI ADESIONE CLUB DI PRODOTTO SAPORI DI BASILICATA DOMANDA DI ADESIONE Il sottoscritto/a nato/a il residente a via in qualità di gestore/titolare dell esercizio ricettivo/ristorativo: ristorante agriturismo sotto l

Dettagli

LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci)

LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci) LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci) REQUISITI RICHIESTI ALLE ASSOCIAZIONI PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO WEB TENUTO DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Premessa (articolo 1, 2

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY IL VALORE DELLA FIDUCIA STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY SOSTENIBILITA La sostenibilità rappresenta una grande opportunità per le imprese,

Dettagli

Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera

Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera ha specifiche competenze tecniche,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014-2016 Predisposto dal responsabile per la trasparenza e pubblicato nella sezione Amministrazione trasparente del sito web istituzionale www.venetoagricoltura.org

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA. Angelo Bencivenga, FEEM Milano, 9 ottobre 2015

TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA. Angelo Bencivenga, FEEM Milano, 9 ottobre 2015 TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA Angelo Bencivenga, FEEM Milano, 9 ottobre 2015 TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA: introduzione La ricerca nasce da una proposta condivisa con il Dipartimento Agricoltura,

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/122/CR10A/C11

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/122/CR10A/C11 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/122/CR10A/C11 PROPOSTA DI INTESA TRA LO STATO E LE REGIONI AI SENSI DELL ART. 8 COMMA 6 DELLA LEGGE 131/2003 DISCIPLINA UNITARIA IN MATERIA FIERISTICA

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: ELBA PLASTIC FREE Promotore/i: Provincia di Livorno Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VERMENTINO DI GALLURA D.O.C.G.

REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VERMENTINO DI GALLURA D.O.C.G. REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VERMENTINO DI GALLURA D.O.C.G. DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione a) Il presente Regolamento stabilisce le norme generali di funzionamento

Dettagli

ICS-L. Impresa Creativa per lo Sviluppo Locale

ICS-L. Impresa Creativa per lo Sviluppo Locale ICS-L Impresa Creativa per lo Sviluppo Locale Cosa è Ics-l Portale di e-commerce territoriale per promuovere e facilitare l acquisto dei prodotti delle aziende agroalimentari e artigianali della Val di

Dettagli

Corso di CAPO AZIENDA

Corso di CAPO AZIENDA Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: NICOSIA Corso di formazione per CAPO AZIENDA Corso di CAPO AZIENDA

Dettagli

2.1 Settore Beni culturali e ambientali XGestione del territorio rurale

2.1 Settore Beni culturali e ambientali XGestione del territorio rurale REGIONANDO 2001 REGIONE EMILIA-ROMAGNA ASSESSORATO TURISMO.COMMERCIO SERVIZIO TURISMO E QUALITA AREE TURISTICHE UFFICIO QUALITA AREE TURISTICHE ITINERARI TURISTICI ENOGASTRONOMICI DELL EMILIA ROMAGNA -

Dettagli

Investimenti etici e ambiente

Investimenti etici e ambiente Investimenti etici e ambiente Alessandra Viscovi 5 giugno 2014 Etica Sgr Etica Sgr opera con lo scopo di "rappresentare i valori della finanza etica nei mercati finanziari, sensibilizzando il pubblico

Dettagli

Marchio Ospitalità Italiana Ristoranti Italiani nel Mondo

Marchio Ospitalità Italiana Ristoranti Italiani nel Mondo Marchio Ospitalità Italiana Ristoranti Italiani nel Mondo Marchio Ospitalità Italiana Ristoranti Italiani nel Mondo Obiettivi Sviluppare e promuovere le tradizioni dei prodotti agroalimentari italiani

Dettagli