Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione"

Transcript

1 0/11/010 La norma UNI 719/08 Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione 1 1 La norma UNI 719/08 Questa è una presentazione non una norma!!! Questa presentazione illustra i principali contenuti delle norme tecniche di volta in volta richiamate ma non sostituisce le norme stesse a cui occorre puntualmente riferirsi per le progettazione, realizzazione, verifica e manutenzione degli impianti al fine di garantire la sicurezza delle persone, degli animali e dei beni. 1

2 0/11/010 La norma UNI 719/08 Installazione di apparecchi aventi singola portata termica fino a 35 kw e realizzazione della ventilazione e/o aerazione dei locali di installazione. 1 INSTALLAZIONE APPARECCHI DEI LOCALI K A B C 3 MODALITA DI REALIZZAZIONE 4 POSIZIONE E DIMENSIONE K A B 5 6 CARATTERISTICHE DELLE APERTURE DI VENTILAZIONE DIMENSIONAMENTO SEZIONE DI VENTILAZIONE 7 VERIFICA DIMENSIONAMENTO AERAZIONE E VENTILAZIONE 8 AERAZIONE E VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA 3 3 La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE Caratteristiche generali dei materiali, componenti e apparecchi. I materiali, i componenti e gli apparecchi installati devono essere dichiarati idonei all impiego previsto e conformi alle norme applicabili dal costruttore, gli apparecchi devono essere marcati CE secondo quanto stabilito dalla Direttiva 90/396/CE recepita con il Dpr 661/

3 0/11/010 La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE Tutti gli apparecchi che devono essere installati negli impianti nuovi e in quelli ristrutturati devono essere dotati di dispositivo di sorveglianza di fiamma. 5 5 La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE Gli apparecchi a gas devono essere sempre installati in locali aerati. Gli apparecchi di cottura, di Tipo A e di Tipo B devono essere installati sempre in locali ventilati. APPARECCHIO LOCALE AERATO O AERABILE LOCALE VENTILATO COTTURA SI SI/NO TIPO A SI (ammessa solo l aerazione) TIPO B SI SI TIPO C SI NA SI 6 6 3

4 0/11/010 La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE Aerazione Ricambio dell aria necessaria sia per lo smaltimento dei prodotti della combustione, sia per evitare miscele con un tenore pericoloso di gas non combusti. Ventilazione Afflusso dell aria necessaria alla combustione. 7 7 La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE Locale aerato Locale dotato di dispositivi che consentono l aerazione permanente. Tali dispositivi possono essere costituiti da: - una o più aperture comunicanti permanentemente con l esterno, realizzate su pareti perimetrali, serramenti o infissi; -condotti di aerazione Locale aerabile Locale dotato di dispositivi che consentono l aerazione su necessità. Tali dispositivi possono essere costituiti da generiche aperture apribili e comunicanti direttamente con l esterno quali porte, finestre, portafinestre, lucernari, ecc

5 0/11/010 La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE Si considerano aerabili anche i locali d installazione dotati di più aperture (porte, finestre, aperture permanenti) non direttamente comunicanti con l esterno, ma comunicanti con almeno due locali dotati di aperture apribili e comunicanti direttamente con l esterno. Sala Ingresso Cucina 9 9 La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE Locale ventilato Un locale è detto Ventilato quando sono presenti dei di dispositivi che consentono la ventilazione continua. I dispositivi possono essere costituiti da: - aperture permanenti rivolte verso l esterno e realizzate su pareti/ serramenti/ infissi; - aperture permanenti rivolte verso un locale per l aria comburente; - condotti di ventilazione. Apertura di ventilazione diretta

6 0/11/010 La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE Locale per l aria comburente (locale per la ventilazione indiretta) Il locale per l aria comburente è un locale comunicante in modo permanente con il locale d installazione di apparecchi a gas e provvisto di almeno due aperture di ventilazione, una rivolta direttamente verso l esterno e realizzata quindi sulla parete esterna ed una, posta sulla parete interna e destinata all adduzione dell aria comburente nel locale di installazione degli apparecchi La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE Gli apparecchi a gas devono essere installati ad una distanza di almeno 1,5 m da eventuali contatori, siano essi elettrici o del gas > 1,5 m Se non si riesce a rispettare la distanza di cui sopra, è necessario realizzare dei setti separatori tra apparecchio e contatore in modo da evitare che eventuali fughe di gas possano trovare punti di innesco. < 1,5 m 1 1 6

7 0/11/010 La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE Prescrizioni generali Gli apparecchi a gas non possono essere installati sulla proiezione verticale del piano di cottura La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE Installazione di apparecchi all esterno Possono essere installati all'esterno gli apparecchi a gas dichiarati esplicitamente idonei per questo scopo dal fabbricante, la dichiarazione deve essere riportata sulla documentazione tecnica e sui libretti d uso e manutenzione. L installatore deve rispettare sia le norme tecniche per l installazione, sia le istruzioni del fabbricante dell apparecchio

8 0/11/010 La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE Oltre cha all interno o all esterno dei locali gli apparecchi possono essere installati in appositi vani tecnici Vano tecnico E considerato vano tecnico un; - apposito vano; - locale specifico; - volume tecnico; - armadio esterno e simile, purché esclusivamente dedicato, ed idoneo a contenere un apparecchio utilizzatore con portata termica nominale fino a 35 kw La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE Installazione di apparecchi in vano tecnico Gli apparecchi possono essere installati in appositi vani tecnici posizionati sia all interno, sia all esterno degli edifici. I vani tecnici ricavati nelle strutture edili devono essere aerati e realizzati in modo da impedire che eventuali fughe di gas possono diffondersi nelle strutture stesse. I vani tecnici devono essere dotati di almeno un apertura permanente di aerazione, rivolta verso l esterno, di superficie non minore di 100 cm

9 0/11/010 La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE Installazione di apparecchi in vano tecnico % In alternativa, all apertura di aerazione, i vani tecnici possono essere aerati tramite condotti di aerazione di sezione non minore di 150 cm. In caso di installazione di apparecchi ( tipo B) il vano tecnico deve essere dotato anche di una idonea apertura di ventilazione opportunamente dimensionata. Non si considerano vani tecnici gli armadi tecnici o i telai da incasso forniti dal fabbricante come parte integrante dell apparecchio La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE Installazione di apparecchi all interno dei locali di abitazione L installazione di apparecchi all interno dei locali di abitazione deve avvenire in locali idonei per: -tipo; Alcuni locali non possono essere utilizzati per gli apparecchi a gas, a seguire sono riportate le specifiche da applicare. - grado di finitura; Le pareti dei locali di installazione devono essere intonacate o, comunque, non devono presentare crepe, fessurazioni, fori, tali da consentire accidentali infiltrazioni di gas nelle strutture edili. - caratteristiche di ventilazione ed aerazione. I locali devono essere aerati o aerabili e dotati di sistemi di ventilazione ove necessari

10 0/11/010 La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE Installazione di apparecchi all interno dei locali di abitazione Non è possibile installare apparecchi a gas nelle parti comuni degli edifici condominiali (scale, cantine, androni, solaio, sottotetto, vie di fuga, ecc.). Nelle parti comuni degli edifici condominiali possono essere installati apparecchi all interno di vani tecnici di pertinenza di ogni singola unità immobiliare e accessibili solo all utilizzatore (ma se esistono dei luoghi di pertinenza di una sola proprietà e sono accessibili solo da essa, stiamo ancora parlando delle parti comuni?) In ogni caso, gli impianti devono essere realizzati ed installati nel rispetto delle norme di prevenzione incendi La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE Installazione di apparecchi all interno dei locali di abitazione È vietata l installazione di apparecchi (comprensivi di condotti di aspirazione, canali e condotti fa fumo) all interno di locali con pericolo incendio (per esempio: autorimesse, box). I locali di installazione degli impianti alimentati a gas metano e degli apparecchi di portata termica nominale massima non maggiore di 35 kw possono comunicare direttamente con le autorimesse fino a 9 posti auto e non oltre il secondo interrato (compreso i singoli box) la porta deve aver resistenza al fuoco E 10. Link DM

11 0/11/010 La norma UNI 719/08 INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE 1 1 La norma UNI 719/08 APPARECCHI DI COTTURA, SPECIFICHE DI INSTALLAZIONE Apparecchio di cottura Apparecchio destinato alla cottura dei cibi come fornelli, forni a gas e piani di cottura ad incasso e cucina a gas. Apparecchio di cottura con sorveglianza di fiamma Apparecchio di cottura dotato del dispositivo di sorveglianza di fiamma che rilevando la fiamma mantiene l alimentazione del gas, e la interrompe in assenza della fiamma. 11

12 0/11/010 La norma UNI 719/08 APPARECCHI DI COTTURA, SPECIFICHE DI INSTALLAZIONE Installazione di apparecchi all interno dei locali di abitazione Gli apparecchi di cottura non possono essere installati nei locali adibiti a camera da letto. NO APPARECCHI DI COTTURA 3 3 La norma UNI 719/08 APPARECCHI DI COTTURA, SPECIFICHE DI INSTALLAZIONE Installazione di apparecchi all interno dei locali di abitazione Nei monolocali è ammessa l installazione solo degli apparecchi di cottura dotati di sistema di sorveglianza di fiamma. SOLO APPARECCHI DI COTTURA CON SORVEGLIANZA 4 4 1

13 0/11/010 La norma UNI 719/08 APPARECCHI DI COTTURA, SPECIFICHE DI INSTALLAZIONE Monolocale Abitazione costituita da un unico locale, con annesso un locale ad uso bagno, il monolocale è utilizzato anche come camera da letto. 5 5 La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di cottura Il locale di installazione di un apparecchio di cottura deve essere: AERATO VENTILATO IL TERMINE AERAZIONE, NEL CASO DEGLI APPARECCHI DI COTTURA, INDIVIDUA SOLUZIONI E SPECIFICHE DIFFERENTI RISPETTO AGLI ALTRI TIPI DI APPARECCHI

14 0/11/010 La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di cottura L aerazione necessaria per il locale di installazione degli apparecchi di cottura può essere eseguita con uno dei seguenti metodi: a) cappa a tiraggio naturale collegata mediante un canale di esalazione ad un condotto o canna fumaria per vapori di cottura o direttamente all esterno; b) cappa aspirante elettrica collegata con un canale di esalazione ad un condotto per vapori di cottura o direttamente all esterno. La cappa deve funzionare per tutto il tempo di funzionamento dell'apparecchio. (L installazione della cappa deve essere realizzata secondo le istruzioni del fabbricante); AERATO 7 7 La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di cottura c) elettroventilatore collocato sulla parte alta di una parete del locale di installazione (o sui serramenti o infissi rivolti verso l esterno), oppure collegato ad un condotto di esalazione, a suo uso esclusivo. L elettroventilatore deve funzionare per tutto il tempo di funzionamento dell'apparecchio; AERATO

15 0/11/010 La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di cottura d) Apertura di aerazione, se la portata termica nominale complessiva degli apparecchi di cottura non è maggiore di 11,7 kw e se la portata termica nominale massima complessiva riferita agli apparecchi di tipo A e agli apparecchi di cottura installati nel medesimo locale non è maggiore di 15 kw. AERATO 9 9 La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di cottura Il ricambio di aria nel locale di installazione degli apparecchi di cottura può essere dimensionato anche con fini diversi dalla sicurezza, ad esempio per garantire un buon ricambio orario dell aria ambiente. Nel calcolo della portata necessaria al ventilatore per garantire un idonea aerazione ai fini della sicurezza occorre considerare una portata di 1,7 m 3/ ora per ogni kw di portata termica nominale degli apparecchi di cottura presenti nel locale. AERATO

16 0/11/010 La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di cottura La ventilazione necessaria in un locale dove è installato un apparecchio di cottura a gas, può essere realizzata in modo diretto, o in modo indiretto. Se la ventilazione è indiretta, cioè avviene attraverso un locale per l aria comburente, nel locale di installazione, non possono essere presenti apparecchi di tipo A. L apertura di ventilazione o il condotto di ventilazione devono essere posizionati e dimensionati correttamente VENTILATO La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di cottura

17 0/11/010 La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di cottura Posizionamento e dimensionamento delle aperture di aerazione e ventilazione La ventilazione diretta può essere realizzata anche con condotti singoli o collettivi o attraverso sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) a semplice o doppio flusso. I sistemi VMC sono progettati e realizzati nel momento della realizzazione dell edificio e sono incompatibili con la presenza di altri tipi di apparecchi (A e B) La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di cottura Posizionamento e dimensionamento delle aperture di aerazione e ventilazione Nel locale dove sono installati apparecchi di cottura con sorveglianza di fiamma e in cui l aerazione e la ventilazione sono assicurate mediante aperture permanenti, le aperture stesse devono essere realizzate come segue: a) la prima apertura, destinata alla aerazione del locale, deve essere posta in prossimità del soffitto, con filo inferiore ad un altezza maggiore di 1,80 m dal pavimento e deve avere sezione netta almeno pari a 100 cm ; b) la seconda apertura, destinata alla ventilazione del locale, deve essere posta in prossimità del pavimento, con filo inferiore ad una altezza comunque minore di 300 mm dal pavimento, la sezione netta deve essere almeno pari a 100 cm

18 0/11/010 La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di cottura Posizionamento e dimensionamento delle aperture di aerazione e ventilazione La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di cottura Posizionamento e dimensionamento delle aperture di aerazione e ventilazione Quando nei locali di installazione degli apparecchi di cottura l aerazione è realizzata con cappa a tiraggio naturale, cappa con elettroaspiratore o con elettroventilatore, l apertura di ventilazione può essere posizionata a qualsiasi quota rispetto al livello del pavimento purché correttamente dimensionata e con un minimo di 100 cm. Le aperture di ventilazione per gli apparecchi di cottura alimentati da GPL, devono avere il filo inferiore ad un altezza fino a 300 mm dal pavimento Nel caso del GPL, l apertura posta in prossimità del pavimento assolve anche alla funzione di smaltimento di eventuali fughe di gas

19 0/11/010 La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di cottura Posizionamento e dimensionamento delle aperture di aerazione e ventilazione La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di cottura Posizionamento e dimensionamento delle aperture di aerazione e ventilazione Le dimensioni che devono essere possedute dalle aperture di aerazione e ventilazione comuni a tutte le tipologie degli apparecchi sono illustrate in seguito

20 0/11/010 La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di Tipo A Apparecchio di tipo A L apparecchio di Tipo A non è predisposto per il collegamento a un camino/canna fumaria o a un altro dispositivo di evacuazione dei prodotti della combustione all'esterno del locale in cui è installato. Quindi il prelievo dell aria comburente e l evacuazione dei prodotti della combustione avvengono direttamente nel locale di installazione. A La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di Tipo A È vietata l'installazione degli apparecchi di tipo A nei locali adibiti a camera da letto. NO TIPO A

21 0/11/010 La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di Tipo A Il locale di installazione di un apparecchio di Tipo A deve essere sempre aerato e ventilato. aerazione deve essere ottenuta solo in modo diretto e deve L aerazione essere realizzata,dimensionata e posizionata correttamente. ventilazione deve essere ottenuta solo in modo diretto e deve La ventilazione essere realizzata,dimensionata e posizionata correttamente- La ventilazione e l aerazione diretta possono essere realizzata con aperture permanenti rivolte verso l esterno La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di Tipo A Gli apparecchi di tipo A non possono essere installati: - nei locali uso bagno, camere da letto e monolocali; - nei locali con volumetria minore di 1,5 m 3 /kw di portata termica installata e minore di 1 m 3 ; - in un unico locale, se la portata termica nominale complessiva dei medesimi è maggiore di 15 kw

22 0/11/010 La norma UNI 719/08 Locale bagno E il locale nel quale sono presenti uno o più dei seguenti sanitari: vaso, bidè, doccia, vasca da bagno, sauna. Non è un bagno il locale contenenti esclusivamente lavabo, vasca lavatoio o pilozzo (per esempio locale lavanderia) La norma UNI 719/08 Posizionamento e dimensionamento delle aperture di aerazione e ventilazione Apparecchi di tipo A Nel locale di installazione di apparecchi di tipo A, devono essere realizzate due aperture permanenti rivolte verso esterno; in particolare: a) la prima apertura, destinata alla aerazione del locale, deve essere posta in prossimità del soffitto, con filo inferiore ad un altezza maggiore di 1,80 m dal pavimento e deve avere sezione netta almeno pari a 100 cm ; b) la seconda apertura, destinata alla ventilazione del locale, deve essere posta in prossimità del pavimento, con filo inferiore ad una altezza comunque minore di 300 mm dal pavimento, la sezione netta deve essere almeno pari a 100 cm

23 0/11/010 Locale d installazione di tipo A La norma UNI 719/08 Posizionamento e dimensionamento delle aperture di aerazione e ventilazione Le dimensioni che devono essere possedute dalle aperture di aerazione e ventilazione comuni a tutte le tipologie degli apparecchi sono illustrate in seguito La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di Tipo B Apparecchio di tipo B Apparecchio previsto per il collegamento a camino/canna fumaria o a un dispositivo destinato a scaricare i prodotti della combustione all'esterno del locale in cui l apparecchio è installato. Il prelievo dell'aria necessaria alla combustione avviene nel locale d installazione

24 0/11/010 La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di Tipo B Gli apparecchi di tipo B nei non possono essere installati nei locali adibiti a camera da letto. NO TIPO B La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di Tipo B Gli apparecchi di tipo B destinati al riscaldamento degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, non possono essere installati nei locali nei quali siano presenti generatori di calore a legna (o combustibili solidi in genere) e in locali ad essi adiacenti e comunicanti. NO TIPO B Gli apparecchi alimentati con combustibile solido con focolare di tipo stagno non influenzano il funzionamento degli apparecchi di tipo B, quindi possono essere presenti liberamente

25 0/11/010 La norma UNI 719/08 Generatore di calore a legna Si precisa che il termine Generatore di calore a combustibile solido individua una varietà di apparecchi come caminetti, termocaminetti, stufe, termocucine, destinati al riscaldamento ambientale, alla produzione di acqua calda sanitaria o alla cottura. L installazione di questi apparecchi deve rispettare le indicazioni del costruttore e quelle presenti nelle norme UNI e UNI La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di Tipo B Gli apparecchi di tipo B di tutti i tipi non possono essere instalalti nei locali uso bagno. NO TIPO B

26 0/11/010 La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di Tipo B Il locale di installazione degli apparecchi di tipo B deve essere sempre ventilato, inoltre deve essere aerato o aerabile. La ventilazione può essere ottenuta in modo diretto o in modo indiretto. Le aperture di ventilazione o i condotti di ventilazione devono essere correttamente dimensionati e posizionati La norma UNI 719/08 Posizionamento Locale d installazione e dimensionamento apparecchi di delle Tipo aperture B di aerazione e ventilazione Apparecchi di Tipo B L apertura di ventilazione può essere posizionata a qualsiasi quota rispetto al livello del pavimento purché correttamente dimensionata e con un minimo di 100 cm. Le aperture di ventilazione per gli apparecchi di Tipo B alimentati da GPL, devono avere il filo inferiore ad un altezza fino a 300 mm dal pavimento. Nel caso del GPL, l apertura posta in prossimità del pavimento assolve anche alla funzione di smaltimento di eventuali fughe di gas

27 0/11/010 La norma UNI 719/08 Posizionamento e dimensionamento delle aperture di aerazione e ventilazione Apparecchi di Tipo B La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di Tipo B Posizionamento e dimensionamento delle aperture di aerazione e ventilazione Le dimensioni che devono essere possedute dalle aperture di aerazione e ventilazione comuni a tutte le tipologie degli apparecchi sono illustrate in seguito

28 0/11/010 La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di Tipo C Apparecchio di tipo C L Apparecchio di Tipo C ha il circuito di combustione (prelievo dell'aria comburente, camera di combustione, scambiatore di calore e evacuazione dei prodotti della combustione) a tenuta rispetto al locale in cui l apparecchio è installato e per questo motivo è comunemente detto stagno. Il prelievo dell'aria necessaria alla combustione e l evacuazione dei prodotti della combustione avvengono direttamente all esterno del locale attraverso specifici condotti La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di Tipo C Il locale di installazione di un apparecchio di tipo C non richiede aperture di ventilazione. Il locale deve essere aerabile o aerato. AERATO AERABILE

29 0/11/010 La norma UNI 719/08 Locale d installazione di apparecchi di tipo C Posizionamento e dimensionamento delle aperture di aerazione e ventilazione Le dimensioni che devono essere possedute dalle aperture di aerazione comuni a tutte le tipologie degli apparecchi sono illustrate in seguito La norma UNI 719/08 Caratteristiche delle aperture di aerazione e ventilazione Requisiti generali Le aperture, qualunque sia la loro destinazione d'uso, devono soddisfare i seguenti requisiti: -devono essere protette sia nella zona di ingresso che nella zona di uscita dell'aria, mediante griglie, reti metalliche, ecc., senza ridurne, peraltro, la sezione utile netta; - devono essere realizzate in modo da rendere possibili le operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria

30 0/11/010 La norma UNI 719/08 Posizionamento delle aperture di aerazione e ventilazione Le aperture di ventilazione ed aerazione possono essere realizzate nella muratura, sulle porte o sugli elementi finestrati di pareti del locale di installazione rivolte verso l esterno, oppure possono essere realizzate su serramenti rivolti verso l'esterno, a condizione che sia garantito il libero passaggio dell'aria e la sezione netta sia misurabile La norma UNI 719/08 Caratteristiche delle aperture di aerazione e ventilazione L uso di dispositivi di ventilazione silenziati non è prescritto dalla norma, ma risulta comunque necessario per rispettare i requisiti acustici degli edifici

31 0/11/010 La norma UNI 719/08 Caratteristiche delle aperture di aerazione e ventilazione Aperture di aerazione L'aerazione del locale di installazione può essere assicurata con una o più aperture di aerazione realizzate nel locale di installazione. Le aperture di aerazione devono essere correttamente dimensionate ed avere una superficie netta non minore di 100 cm. L aerazione del locale di installazione può essere assicurata anche con un condotto di aerazione, ad uso esclusivo, il condotto deve: - essere impermeabile ai fumi e ai gas; - essere privo di cambi di direzione a spigoli vivi; - avere sezione almeno pari a 1,5 volte la sezione prevista per l apertura di aerazione e comunque non minore di 150 cm ; - essere collegato ad una parete rivolta verso l esterno di un locale adiacente al locale di installazione La norma UNI 719/08 Caratteristiche delle aperture di aerazione e ventilazione Aperture di aerazione Condotto di aerazione Tipo B Locale adiacente Sezione del condotto 1,5 volte sezione apertura aerazione minimo 150cmq Condotto di aerazione

32 0/11/010 La norma UNI 719/08 Caratteristiche delle aperture di aerazione e ventilazione Aperture di ventilazione La ventilazione del locale di installazione può essere assicurata con una o più aperture di ventilazione. Le aperture di ventilazione devono avere una sezione utile netta non minore di 100 cm, la somma delle sezioni nette (realizzate nel locale di installazione o nel locale per l'aria comburente), deve essere non minore della sezione utile netta calcolata La norma UNI 719/08 Caratteristiche delle aperture di aerazione e ventilazione Aperture di ventilazione La ventilazione del locale di installazione può essere assicurata anche con un condotto di ventilazione o con condotti collettivi entrambi con i seguenti requisiti: - impermeabili ai fumi e ai gas; - priva di cambi di direzione a spigoli vivi; - con sezione netta almeno pari a 1,5 la sezione netta dell apertura di ventilazione e comunque non minore di 150 cm ; - essere collegati a una parete rivolta verso l esterno di un locale adiacente al locale di installazione

33 0/11/010 La norma UNI 719/08 Caratteristiche delle aperture di aerazione e ventilazione Aperture di ventilazione La norma UNI 719/08 Caratteristiche delle aperture di aerazione e ventilazione Aperture di ventilazione Le aperture di ventilazione possono essere realizzate nei muri, sulle porte o sugli elementi finestrati di pareti del locale d installazione o del locale per l aria comburente rivolte verso l esterno, possono essere ricavate maggiorando la fessura tra porte rivolte verso l'esterno e il pavimento del locale di installazione o del locale per l'aria comburente, oppure possono essere realizzate su serramenti rivolti verso l'esterno. In tutti i casi deve essere garantito il libero passaggio dell'aria e la sezione netta deve essere misurabile

34 0/11/010 La norma UNI 719/08 Caratteristiche delle aperture di aerazione e ventilazione Aperture di ventilazione Nel caso di ventilazione indiretta, la circolazione dell aria può essere assicurata con diverse aperture, ma ogni apertura deve avere una sezione netta non minore di 100 cm e la somma delle sezioni nette non deve essere minore della sezione utile netta calcolata. Le aperture possono essere realizzate nei muri, nelle porte e maggiorando la fessura tra le porte interne e il pavimento dei locali, deve essere garantito il libero passaggio dell aria e la sezione netta deve essere misurabile La norma UNI 719/08 Caratteristiche delle aperture di aerazione e ventilazione Aperture di ventilazione

35 0/11/010 Ventilazione indiretta La norma UNI 719/08 È possibile ricorrere alla ventilazione indiretta solo se nel locale di installazione o nel locale per l aria comburente non sono installati apparecchi di tipo A. Il locale per l'aria comburente: a)deve comunicare con il locale di installazione dell apparecchio con una apertura permanente con sezione almeno pari a quella dell apertura di ventilazione presente nel locale per l aria comburente. L apertura di ventilazione indiretta può essere realizzata sia con la maggiorazione della fessura tra porta e il pavimento, sia con griglie su porte o pareti divisorie; Ventilazione indiretta La norma UNI 719/08 segue il locale per l'aria comburente: b) non deve essere un locale uso bagno, un locale classificato con pericolo di incendio (per esempio autorimesse, box, ecc), una camera da letto e non deve costituire parte comune dell immobile; c) non deve essere messo in depressione rispetto al locale da ventilare per effetto di altri apparecchi o di sistemi di aspirazione

36 0/11/010 Ventilazione indiretta La norma UNI 719/ Sistemi meccanici una novità La norma UNI 719/08 I sistemi di ricambio d aria e di ventilazione meccanica controllata sono progettati e realizzati congiuntamente con l edificio servito

37 0/11/010 La norma UNI 719/08 Sistemi meccanici Ricambio aria controllato I sistemi di ricambio d aria controllata sono costituiti da un insieme di condotti singoli o collettivi, facenti parte di un insieme appositamente progettato per soddisfare sia le esigenze di aerazione sia per il ricambio d aria degli ambienti. La portata d aria di ricambio può essere quindi superiore a quella esclusivamente necessaria all aerazione di sicurezza, inoltre il sistema può essere al servizio dei soli locali di installazione di apparecchi a gas, o dell intera unità abitativa. Prima della messa in servizio degli apparecchi, deve essere verificato che il sistema sia almeno in grado di garantire l aerazione di sicurezza dei locali di installazione. Il sistema deve essere progettato e realizzato in modo tale che il mancato funzionamento o l avaria, non impedisca la corretta aerazione di sicurezza dei locali in cui sono presenti impianti a gas La norma UNI 719/08 Sistemi meccanici Ventilazione meccanica controllata I Sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) devono essere progettati conformemente alla UNI EN e CEN/TR 14788) e dichiarati idonei dal costruttore. I sistemi di ventilazione meccanica controllata possono essere di due tipi a semplice flusso o a doppio flusso- Il locale di installazione non necessita di apertura di ventilazione se sono presenti un apparecchio di tipo C e/o un apparecchio di cottura con sorveglianza di fiamma

38 0/11/010 La norma UNI 719/08 Sistemi meccanici Ventilazione meccanica controllata I sistemi a semplice flusso per estrazione presentano un unico ventilatore a funzionamento continuo a cui confluiscono sia l aria dai locali sporchi come i bagni e la cucina), sia i prodotti della combustione dell apparecchio di cottura con sorveglianza di fiamma (dotato di cappa priva di proprio ventilatore). Sono presenti dispositivi di regolazione che richiamano aria dai locali nobili (soggiorno e camere da letto). La VMC non è realizzabile se sono presenti apparecchi di tipo A o B. 75 La norma UNI 719/08 Sistemi meccanici Ventilazione meccanica controllata 76 38

39 0/11/010 La norma UNI 719/08 Sistemi meccanici Ventilazione meccanica I sistemi a doppio flusso sono caratterizzati ad una doppia rete aeraulica collegata a due ventilatori distinti che realizzano mandata d aria di rinnovo nelle stanze nobili e ripresa dell aria dalle stanze sporche La norma UNI 719/08 Punto della situazione Ventilazione e/o aerazione diretta La ventilazione e l aerazione diretta possono essere realizzate tramite aperture permanenti, rivolte verso l esterno, nel locale d installazione degli apparecchi. APERTURE PERMANENTI In alternativa: a) l aerazione diretta è ottenuta anche con condotti singoli. Nel caso di apparecchi di cottura e C è possibile utilizzare dei sistemi di ricambio d aria controllato al posto dell apertura di aerazione; CONDOTTI SINGOLI SISTEMA DI RICAMBIO ARIA CONTROLLATO b) la ventilazione diretta può essere realizzata anche mediante condotti singoli, condotti collettivi o attraverso sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) a semplice o doppio flusso. La VMC non è realizzabile se sono presenti apparecchi di tipo A o B. CONDOTTI SINGOLI CONDOTTI COLLETTIVI VMC

40 0/11/010 Calcolo aperture di ventilazione La norma UNI 719/08 Il valore delle aperture di ventilazione ed aerazione deve essere calcolato. La sezione netta totale S t (espressa in centimetri quadrati), delle aperture destinate alla ventilazione del locale di installazione deve essere almeno pari a: dove : K vale 6 cm /kw; S t = K x Q > 100 cm Q è la portata termica nominale massima complessiva degli apparecchi installati nel medesimo locale espressa in kilowatt. Sono esclusi dal calcolo gli apparecchi di tipo C. Tutte le misure riportate e citate nella norma si riferiscono al valore delle aperture al netto delle griglie e altri ostacoli presenti Calcolo aperture di ventilazione La norma UNI 719/

41 0/11/010 Calcolo aperture di ventilazione La norma UNI 719/08 È consentito suddividere la sezione di ventilazione calcolata su una o più aperture, ma la sezione minima di ogni apertura deve essere > a 100 cm. > 100 cm > 100 cm > 100 cm Calcolo aperture di ventilazione La norma UNI 719/08 Se nel locale di installazione di apparecchi di tipo B o in locali direttamente comunicanti sono presenti cappe aspiranti di tipo elettrico e/o elettroventilatori ecc. collegati con l esterno, la sezione di ventilazione utile totale netta calcolata con deve essere maggiorata in funzione della massima portata dell estrattore in modo tale da garantire che la velocità dell aria all ingresso dell apertura sia minore di 1 m/s. Portata massima [m 3 /h] Velocità entrata aria [m/s] Maggiorazione [cm ] fino a da 50 fino da 100 fino Solo per gas

42 0/11/010 Calcolo aperture di ventilazione La norma UNI 719/08 L utilizzo di estrattori elettromeccanici non deve influenzare la corretta evacuazione dei prodotti della combustione degli apparecchi di tipo B. Ad impianto ultimato deve essere verificata la corretta evacuazione dei p.d.c. effettuando una prova di tiraggio, facendo funzionare l estrattore alla sua potenza massima e l apparecchio a gas alle potenze nominali massima e minima dichiarate dal fabbricante Calcolo aperture di ventilazione La norma UNI 719/08 Elettroventilatore non dimensionato preventivamente e ridondante rispetto al solo fine dell aerazione di sicurezza

43 0/11/010 Calcolo aperture di ventilazione La norma UNI 719/08 Nella procedura di calcolo semplificato sviluppato con l uso della tabella precedente non sono stati considerati sistemi di aerazione e/o di ventilazione controllata perché soggetti all obbligo di un preciso progetto. Se sono presenti estrattori elettromeccanici (cappe elettriche o elettroventilatori) con portata maggiore di 150 m 3 /h occorre utilizzare una procedura di calcolo più complessa e presente nell appendice alla norma La norma UNI 719/08 Calcolo aerazione e ventilazione complessiva Nella appendice A della Norma è riportato il metodo di calcolo delle aperture di aerazione e ventilazione che può essere utilizzato in ogni circostanza, compreso il caso in cui sono presenti apparecchi di cottura preesistenti privi del dispositivo di sorveglianza di fiamma, e cappe e/o estrattori elettro-meccanici (elettroventilatori) di qualsiasi portata. Il metodo non si applica in presenza di sistemi di aerazione e/o ventilazione meccanica controllata (VMC) per i quali occorre eseguire una specifica progettazione. Le aperture di aerazione dei locali non aerabili, nei quali sono installati apparecchi di tipo C o tubazioni con giunzioni filettate devono avere una superficie minima di 100cm, oppure se si utilizza un condotto di aerazione, questo deve avere una sezione di 150cm

44 0/11/010 La norma UNI 719/08 Calcolo aerazione e ventilazione complessiva La sezione complessiva netta totale delle aperture destinate alla aerazione e alla ventilazione del locale di installazione deve essere almeno pari a: S T1 = (1 x Q A ) + (6 x Q B ) + (1 x Q C ) + (6 x K x Q CS) [cm ] QA portata termica apparecchi Tipo A QB portata termica apparecchi Tipo B QC portata termica apparecchi di cottura senza controllo di fiamma QCS portata termica apparecchi di cottura con controllo di fiamma K variabile S T1= (1 x 0 ) + (6 x 0 ) + (1 x 0 ) + (6 x K x Q CS) [cm] S T1= (0 ) + (0 ) + (0 ) + (6 x K x Q CS) [cm] La norma UNI 719/08 Calcolo aerazione e ventilazione complessiva S T1= (1 x 0 ) + (6 x 0 ) + (1 x 0 ) + (6 x 0 x Q CS) [cm]

45 0/11/010 La norma UNI 719/08 Calcolo aerazione e ventilazione complessiva S T1= (1 x 0 ) + (6 x 0 ) + (1 x 0 ) + (6 x 1 x Q CS) [cm] La norma UNI 719/08 Calcolo aerazione e ventilazione complessiva S T1= (1 x 0 ) + (6 x 0 ) + (1 x 0 ) + (6 x x Q CS) [cm] K = quando l evacuazione dei prodotti della combustione degli apparecchi di cottura con dispositivo di sorveglianza di fiamma è assicurata da una apertura permanente di aerazione e se, contemporaneamente, risultano soddisfatti i seguenti ulteriori requisiti: - portata termica nominale massima complessiva degli apparecchi di cottura con dispositivo di sorveglianza di fiamma installati nel locale non maggiore di 11,7 kw; - portata termica nominale massima complessiva riferita agli apparecchi di tipo A e agli apparecchi di cottura con dispositivo di sorveglianza di fiamma installati nel locale non maggiore di 15 kw

46 0/11/010 La norma UNI 719/08 Calcolo aerazione e ventilazione complessiva Oltre alla verifica della relazione precedente, se nel locale sono installati apparecchi di tipo B e se nel locale medesimo, o in locale con esso comunicante, è collocato un elettroventilatore o una cappa aspirante elettrica con portata oraria di ricambio di aria Q E espressa in m 3 /h, si deve utilizzare la relazione seguente: Deve essere soddisfatta la condizione S T > S T La norma UNI 719/08 Calcolo aerazione e ventilazione complessiva

47 0/11/010 La norma UNI 719/08 Calcolo aerazione e ventilazione complessiva Valore minimo della sezione netta totale La verifica del valore minimo della sezione netta totale non deve essere eseguita quando il parametro K assume il valore zero. La sezione netta totale deve essere non minore di 00 cm se nel locale è installato un apparecchio di tipo A oppure un apparecchio di cottura senza sorveglianza di fiamma oppure un apparecchio di cottura con dispositivo di sorveglianza di fiamma per la cui evacuazione dei prodotti della combustione è utilizzata una apertura permanente di aerazione. In tutti i restanti casi, la sezione netta totale deve essere non minore di 100 cm La norma UNI 719/

Norma 7129:2008. Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A.

Norma 7129:2008. Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A. Norma 7129:2008 Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A. UNI 7129-2 ed. 2008 Seconda parte: Installazione apparecchi

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08. Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione

La norma UNI-CIG 7129/08. Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione La norma UNI-CIG 719/08 Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione www. impiantitalia.it R08 1 1 La norma UNI-CIG 719/08 La seconda parte della

Dettagli

Relazione di calcolo

Relazione di calcolo Relazione di calcolo Software EC750 - Aperture e scarichi EDIFICIO INDIRIZZO INTERVENTO Villetta singola via Roma, 25-28021 Borgomanero (NO) Sostituzione generatore COMMITTENTE Alberto Rossi INDIRIZZO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO (Allegato alla dichiarazione di conformità o all attestazione di corretta esecuzione dell impianto a gas di cui al modello I allegato alla Delibera AEEG n 40/04)

Dettagli

UNI 7129/2008. Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione

UNI 7129/2008. Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione Ultimo aggiornamento Martedì 27 Luglio 2010 La UNI 7129 edizione 2008 è la più importante

Dettagli

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE COMUNE DI AVELLINO SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE Norme installazione UNI 10683 GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A LEGNA O DA ALTRI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI- REQUISITI DI INSTALLAZIONE.

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

UNI 11528:2014. Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kw. Progettazione, installazione e messa in servizio. ing.

UNI 11528:2014. Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kw. Progettazione, installazione e messa in servizio. ing. UNI 11528:2014 Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kw. Progettazione, installazione e messa in servizio ing. ALBERTO MONTANINI Presidente Assotermica Presidente Commissione Post-Contatore

Dettagli

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO 1 IMPIANTI GAS: LE REGOLE GENERALI A chi mi devo rivolgere? Quando fate realizzare, revisionare o riparare i vostri impianti dovete rivolgervi,

Dettagli

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845 ; Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di Verifica; Risanamento/Ristrutturazione; Intubamento. Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n.

Dettagli

UNI 10683. ed. Ottobre 2012

UNI 10683. ed. Ottobre 2012 UNI 10683 ed. Ottobre 2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri biocombustibili solidi Potenza termica nom< 35 kw VERIFICA INSTALLAZIONE CONTROLLO (NEW) MANUTENZIONE (NEW) APPARECCHI Categorie

Dettagli

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO 4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Dichiarazione di conformità n Committente Punto di riconsegna (PDR) (1) Impresa / Ditta Responsabile Tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla

Dettagli

La ventilazione meccanica controllata [VMC]

La ventilazione meccanica controllata [VMC] La ventilazione meccanica controllata [VMC] Sistemi di riscaldamento e di raffrescamento - Principio di funzionamento: immissione forzata di aria in specifici ambienti. - Peculiarità: garantisce il controllo

Dettagli

UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA AZIENDA USL DI BOLOGNA

UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA AZIENDA USL DI BOLOGNA UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA AZIENDA USL DI BOLOGNA Attività in materia di impianti termici Verifiche impianti di riscaldamento ad acqua calda DM 1/12/1975 Verifiche impianti su segnalazioni

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO

LIBRETTO DI IMPIANTO 1 LIBRETTO DI IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) (Sono già

Dettagli

Altezze interne dei locali esistenti di vecchia costruzione

Altezze interne dei locali esistenti di vecchia costruzione Segnalazioni Settore Studi, Regolamenti e Programmi Attuativi in materia Urbanistica settembre 2003 Altezze interne dei locali esistenti di vecchia costruzione Altezze interne: la Regione cambia i minimi

Dettagli

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione UNI 10683/2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione Regione Lombardia D.G.R.1118 La UNI 10683 è la norma per l installazione,

Dettagli

II bozza N. pratica di riferimento. Scheda di rilevazione per la valutazione dei rischi in ambiti domestici. Tipologia abitativa

II bozza N. pratica di riferimento. Scheda di rilevazione per la valutazione dei rischi in ambiti domestici. Tipologia abitativa II bozza N. pratica di riferimento Scheda di rilevazione per la valutazione dei rischi in ambiti domestici Elementi obbligatori che devono essere rilevati: Tipologia abitativa Comune di Abitazione di tipo

Dettagli

VENTILAZIONE DEI LOCALI PER LA COMBUSTIONE. By C. Perissinotto

VENTILAZIONE DEI LOCALI PER LA COMBUSTIONE. By C. Perissinotto VENTILAZIONE DEI LOCALI PER LA COMBUSTIONE STATO DELL ARTE A SEGUITO VARIAZIONI AVVENUTE NEGLI ANNI RIPORTIAMO UNA BREVE CRONISTORIA NORMATIVA ART. 5 COMMA 10 DPR 412 IN TUTTI I CASI DI NUOVA INSTALLAZIONE

Dettagli

REQUISITI IGIENICO SANITARI ABITAZIONI - STRUTTURE RICETTIVE - DIDATTICHE

REQUISITI IGIENICO SANITARI ABITAZIONI - STRUTTURE RICETTIVE - DIDATTICHE REQUISITI IGIENICO SANITARI ABITAZIONI - STRUTTURE RICETTIVE - DIDATTICHE REQUISITI IGIENICO SANITARI ABITAZIONI E STRUTTURE Normativa TESTO UNICO DELLE LEGGI SANITARIE 27 LUGLIO 1934 n. 1265 articoli

Dettagli

Estratto della Norma UNI 10845

Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della NORMA UNI 10845 - Febbraio 2000 Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di verifica, risanamento

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI 1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI Con riferimento al DPR 151/2011 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma

Dettagli

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia...

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia... LIBRETTO IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) 2 Libretto impianto

Dettagli

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni)

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni) Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni) SEZIONE 1 Quadro A: dati dell impresa installatore IMPRESA / DITTA

Dettagli

Relazione schematica opere eseguite: tipologia materiali utilizzati

Relazione schematica opere eseguite: tipologia materiali utilizzati Allegati alla dichiarazione di conformità alla regola dell arte delle opere eseguite, di cui al D.MSE 22 gennaio 2008, n. 37 (allegato all attestazione di corretta esecuzione dell impianto a gas di cui

Dettagli

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.)

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Foglio n... Intervento su impianto gas di portata termica totale (Qn) (*) =.

Dettagli

Venerdì 16 Giugno 2006

Venerdì 16 Giugno 2006 Venerdì 16 Giugno 2006 LA SITUAZIONE Documentazione a corredo degli impianti e adempimenti burocratici nell'attività di installazione e messa a norma." VERIFICHE SU IMPIANTI DI POTENZA < 35 kw 600 VERIFICHE

Dettagli

Tecnofumi Srl. Testi leggi

Tecnofumi Srl. Testi leggi Testi leggi NORMA EN 1856/1e norma 1856/2 del 2003 - Marcatura CE La norma riguarda i proddotti Doppia parete ed i sistemi camino. Sintesi: la presente norma istituisce la Marcatura CE, fissando i requisiti

Dettagli

Un carico utilizzatore della potenza di 1000 W deve essere protetto da interruttore magnetotermico? Risposta di: Fausto LEONE Data: 5 maggio 2006

Un carico utilizzatore della potenza di 1000 W deve essere protetto da interruttore magnetotermico? Risposta di: Fausto LEONE Data: 5 maggio 2006 Quesito QET.001 ELETTROTECNICA Un carico utilizzatore della potenza di 1000 W deve essere protetto da interruttore magnetotermico? Risposta di: Fausto LEONE Data: 5 maggio 2006 I conduttori attivi devono

Dettagli

Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano

Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano Tutti i contatori per gas combustibile sono strumenti di misura di precisionee pertanto vanno movimentati con le dovute cautele, sia durante le

Dettagli

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Seguire i riferimenti posti sul modulo prestampato (A) Per una migliore garanzia della integrità del documento è consigliato numerare tutti

Dettagli

D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 Art. 5 Comma 9 "AL TETTO"

D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 Art. 5 Comma 9 AL TETTO TESTO COORDINATO D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 - "Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento

Dettagli

REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE PALLIATIVE HOSPICE IN SPICCHIO 2 STRALCIO ESECUTIVO FUNZIONALE

REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE PALLIATIVE HOSPICE IN SPICCHIO 2 STRALCIO ESECUTIVO FUNZIONALE INDICE 1) Premessa 2) Progetto edilizio 3) verifica norme antincendio 4) Attività 91 5) Mezzi ed impianti fissi di estinzione 6) Segnaletica di sicurezza 1 REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE

Dettagli

Sistemi di evacuazione. Sistema cappa cucina

Sistemi di evacuazione. Sistema cappa cucina Sistemi di evacuazione Sistema cappa cucina EVACUAZIONE VAPORI DI COTTURA Tutte le cucine sono dotate di cappa d aspirazione per il convogliamento verso l esterno dei prodotti della combustione, dei cattivi

Dettagli

Le normative ed il risparmio ottenibile mediante l utilizzo della Ventilazione Meccanica Controllata Claudio Buttà Dir. Relazioni Esterne Aldes spa

Le normative ed il risparmio ottenibile mediante l utilizzo della Ventilazione Meccanica Controllata Claudio Buttà Dir. Relazioni Esterne Aldes spa Le normative ed il risparmio ottenibile mediante l utilizzo della Ventilazione Meccanica Controllata Claudio Buttà Dir. Relazioni Esterne Aldes spa 1 2 3 4 5 6 7 le infiltrazioni naturali. UNI 10344: "Riscaldamento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA RELATIVA A RITUBAMENTO DI CANNA FUMARIA PER SCARICO FUMI DI GENERATORE DI CALORE

RELAZIONE TECNICA RELATIVA A RITUBAMENTO DI CANNA FUMARIA PER SCARICO FUMI DI GENERATORE DI CALORE STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: PMerizzi@gmail.com RELAZIONE TECNICA

Dettagli

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90.

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. GLOSSARIO ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. FATTORE DI RISCHIO CONNESSO La Legge 5 marzo 1990, n 46 (pubblicata sulla G.U. n 59) del 12.3.1990

Dettagli

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Seguire i riferimenti posti sul modulo prestampato Rif. (*) La portata termica totale dell impianto gas sul quale sono stati eseguiti i

Dettagli

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE La scelta della tipologia impiantistica varia a seconda della destinazione d uso: EDILIZIA CIVILE: Classe Esempi 1 Locali per la residenza Alloggi ad uso privato 2 Locali per il

Dettagli

per EVITARE la formazione di MUFFE da condensa rispettando la classe A ELEMENTI DEL SISTEMA

per EVITARE la formazione di MUFFE da condensa rispettando la classe A ELEMENTI DEL SISTEMA Sistema per EVITARE la formazione di MUFFE da condensa rispettando la classe A MUFFE per mancanza di aerazione Sistema AIRPLAK aerazione naturale per un ambiente sano ELEMENTI DEL SISTEMA silenziatori

Dettagli

Multistrato per gas Il quadro normativo

Multistrato per gas Il quadro normativo Multistrato per gas Il quadro normativo DM. 37/2008 (in vigore dal 27/03/2008 ex L. 46/1990) Il DM 37/2008 si applica agli impianti posti al servizio degli edifici, indipendentemente dalla destinazione

Dettagli

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete Canne fumarie in acciaio Inox Canne fumarie Flessibili Doppia Parete CARATTERISTICHE TECNICHE Diametri interni: da 80 a 400 mm Materiale tubo: 2 Pareti di acciaio

Dettagli

UNI 10738. Impianti alimentati a gas combustibile per uso domestico preesistenti alla data del 13 marzo 1990 PREMESSA

UNI 10738. Impianti alimentati a gas combustibile per uso domestico preesistenti alla data del 13 marzo 1990 PREMESSA UNI 10738 Impianti alimentati a gas combustibile per uso domestico preesistenti alla data del 13 marzo 1990 1 Scopo e campo di applicazione La presente norma fornisce le linee guida per effettuare la verifica

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 Sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione www. impiantitalia.it R08 1 1 La terza parte della norma definisce i criteri dei sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione collegati ad

Dettagli

Quesiti e risposte Parte 1 Impianto interno

Quesiti e risposte Parte 1 Impianto interno LA NUOVA NORMA UNI 7129/08 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione. Progettazione, installazione e manutenzione Quesiti e risposte Parte 1 Impianto interno Quesito 5 7129-1

Dettagli

Allegati Tecnici Obbligatori (Decreto 37/08, Delibera AEEG n. 40/14 e succ. integrazioni e modifiche)

Allegati Tecnici Obbligatori (Decreto 37/08, Delibera AEEG n. 40/14 e succ. integrazioni e modifiche) Tab. 1 Allegati Tecnici Obbligatori (Decreto 37/08, Delibera AEEG n. 40/14 e succ. integrazioni e modifiche) Impresa/Ditta Responsabile Tecnico/Titolare.. Dichiarazione di conformità n Modulo Allegato

Dettagli

Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione Quadro A. Dichiarazione di conformità n Impianto gas rif. n data

Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione Quadro A. Dichiarazione di conformità n Impianto gas rif. n data Allegato a: Dichiarazione di Conformità (ai sensi della Legge 46/90) Attestato di corretta esecuzione impianto gas di cui al modello "B" (Del. N 40/04 dell'aeeg) Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione

Dettagli

La norma UNI 11522: Installazione di rivelatori di gas e monossido di carbonio

La norma UNI 11522: Installazione di rivelatori di gas e monossido di carbonio La norma UNI 11522: Installazione di rivelatori di gas e monossido di carbonio Fabio Pedrazzi - ANIE Bologna, 23/10/2014 LO SVILUPPO DELLA NORMA 11522 Il CIG ha dato corso allo sviluppo di una Norma sulla

Dettagli

Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico

Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico a cura dell ing. Roberto Degiampietro Rizzoli S.r.l. Seminario

Dettagli

Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico

Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico a cura dell ing. Roberto Degiampietro Rizzoli S.r.l. Incontro

Dettagli

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE LE CANNE FUMARIE Il camino, o canna fumaria, è il componente dell impianto termico che serve principalmente a smaltire i prodotti della combustione del generatore di calore nell atmosfera. Per tracciare

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI CENTRALE TERMICA/ FRIGORIFERA COLLEGAMENTI TUBI/CANALI ELEMENTI TERMINALI La Centrale Termicasolitamente trova spazio in luoghi chiusi di edifici civili ed industriali. La progettazione deve scrupolosamente

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO Il gas metano sarà addotto, per ogni piano, con tubazione come le tavole allegate mostrano esterne al fabbricato e ad esso ancorate a vista. La rete principale sarà

Dettagli

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO LIBRETTO di IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) Conforme

Dettagli

Sistema. per EVITARE la formazione di MUFFE da condensa rispettando la classe A. www.rumorblock.it. DANI System s.a.s. ELEMENTI DEL SISTEMA

Sistema. per EVITARE la formazione di MUFFE da condensa rispettando la classe A. www.rumorblock.it. DANI System s.a.s. ELEMENTI DEL SISTEMA Sistema per EVITARE la formazione di MUFFE da condensa rispettando la classe A MUFFE per mancanza di aerazione Sistema AIRPLAK aerazione naturale per un ambiente sano ELEMENTI DEL SISTEMA Guida rapida

Dettagli

MODALITÀ DI SCARICO FUMI DA CALDAIE A GAS secondo UNI 10845

MODALITÀ DI SCARICO FUMI DA CALDAIE A GAS secondo UNI 10845 MODALITÀ DI SCARICO FUMI DA CALDAIE A GAS secondo UNI 1045 RIEPILOGO DI: APPARECCHI E STEMI DI SCARICO AMMES PROVA DI TENUTA: PRESONE DI PROVA E PERDITA AMMESSA PRESCRIZIONI IN CASO DI INTUBAMENTO La norma

Dettagli

Note Allegati obbligatori

Note Allegati obbligatori Note Allegati obbligatori (*) La portata termica totale dell impianto gas sul quale sono stati eseguiti i lavori (realizzazione, modifica, sostituzione apparecchi, ecc.), deve essere calcolata sommando

Dettagli

L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA

L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA VENEZIA, 17 dicembre 2007 ATENEO VENETO TAVOLA ROTONDA CANNE FUMARIE NEI CENTRI STORICI: PROBLEMATICHE, NORMATIVE E IMPATTO AMBIENTALE L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA

Dettagli

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Disposizioni regionali Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Regione Lombardia Relazione predisposta da Teresa Mauri Responsabile del Servizio Energia IMPIANTI NUOVI IMPIANTI

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia Pubblicato il: 11/12/2003 Aggiornato al: 11/12/2003 di Gianluigi Saveri Secondo la Norma 64-8 sez. 701, in funzione della pericolosità, nei locali bagno

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 13 aprile 2011 n.58 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 12 della Legge 28 ottobre 2005 n.148; Vista la deliberazione

Dettagli

Estratto della. Norma UNI TS 11278

Estratto della. Norma UNI TS 11278 Estratto della Norma UNI TS 11278 Estratto della NORMA UNI TS 11278 Maggio 2008 Camini/canali da fumo/condotti/canne fumarie metallici. Scelta e corretto utilizzo in funzione del tipo di applicazione e

Dettagli

UNI 11071/03. Impianti a gas per uso domestico asserviti ad apparecchi a condensazione e affini.

UNI 11071/03. Impianti a gas per uso domestico asserviti ad apparecchi a condensazione e affini. Impianti a gas per uso domestico asserviti ad apparecchi a condensazione e affini. Criteri per la progettazione, l installazione, la messa in servizio e la manutenzione. Redatto da Per. Ind. Marco Martinetto

Dettagli

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Definizione di norma tecnica Le norme sono documenti prodotti mediante

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai.

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. 1 No fai da te Il fai da te sull impianto del gas combustibile è vietato. Tutte le operazioni di manutenzione, ordinaria e

Dettagli

Modulo A) Dati identificativi di carattere generale. Generalità dell'impresa/operatore che ha eseguito l'intervento

Modulo A) Dati identificativi di carattere generale. Generalità dell'impresa/operatore che ha eseguito l'intervento Pagina 1 UNI 10845 - Verifica dei sistemi per l'evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad alimentati a gas. Criteri di verifica, risanamento, ristrutturazione e intubamento Modulo A) Dati

Dettagli

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici Prescrizioni di prevenzione incendi per attività ove sono installati pannelli fotovoltaici 1 CONTENUTI DELLA GUIDA PREMESSA CAMPO DI APPLICAZIONE REQUISITI TECNICI CARATTERISTICHE DOCUMENTAZIONE VERIFICHE

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via San Zeno PROGETTO ESECUTIVO SOSTITUZIONE GENERATORE TERMICO

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via San Zeno PROGETTO ESECUTIVO SOSTITUZIONE GENERATORE TERMICO Ing. Paolo Silveri Via Valle Bresciana, 10 25127 Brescia Tel. 347.9932215 silveri.progea@gmail.com COMUNE di ODOLO Provincia di Brescia RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via

Dettagli

UNI 10683 ottobre 2012 seminario tecnico WIT Wöhler Istituto Tecnico

UNI 10683 ottobre 2012 seminario tecnico WIT Wöhler Istituto Tecnico UNI 10683 ottobre 2012 seminario tecnico WIT Wöhler Istituto Tecnico German Puntscher Wöhler Italia srl, 39100 Bolzano gpu@woehler.it Bolzano, il 18.1.2013 Ogni volta che vedrete questa bandiera parliamo

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

UNI 10845 PREMESSA. UNI 7129 - Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione - Progettazione, installazione

UNI 10845 PREMESSA. UNI 7129 - Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione - Progettazione, installazione UNI 10845 Impianti a gas per uso domestico. Sistemi per l evacuazione dei prodotti alimentati a gas. Criteri di verifica, risanamento, ristrutturazione ed intubamento 1 Scopo e campo di applicazione PREMESSA

Dettagli

1 Denominazione della figura professionale Tecnico Certificatore della conformità fine lavori ai sensi dell art.86 della LR 1/2005

1 Denominazione della figura professionale Tecnico Certificatore della conformità fine lavori ai sensi dell art.86 della LR 1/2005 Corso di formazione per Tecnico Certificatore della conformità fine lavori ai sensi dell art.86 della LR 1/2005 in materia di impianti elettrici e impianti a gas negli edifici abitativi ESIGENZE E FINALITA

Dettagli

Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi

Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Gianni Bettini Vicenza, 25 giugno 2005 1di 24 Centrali Termiche Classificazione dei luoghi pericolosi Di quali centrali termiche stiamo parlando?

Dettagli

Allegati Obbligatori ( DM 37 / 2008 ) DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ N. DEL

Allegati Obbligatori ( DM 37 / 2008 ) DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ N. DEL DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Cod. rich. Venditore PDR Committente Impresa / Ditta Responsabile tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla seguente tipologia di intervento : impianto

Dettagli

CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw. Art. 1

CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw. Art. 1 CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw Art. 1 Tra l Impresa. Con sede in. Via/Piazza/Località.... N. civico.. Tel... cellulare.... N. di iscrizione

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.)

AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.) S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.) Il/La sottoscritto/a AL COMUNE DI

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELLA VERIFICA DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI PROVA

PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELLA VERIFICA DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI PROVA PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELLA VERIFICA DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI PROVA I. Premessa La presente procedura costituisce l insieme delle linee guida per l esecuzione delle

Dettagli

Compito : Edificio storico con ufficio, abitazione del custode e locale commerciale

Compito : Edificio storico con ufficio, abitazione del custode e locale commerciale Candidato Identificazione n ESEMPIO ESAME.. Esame scritto Specialista in protezione antincendio con brevetto federale Pianificazione e esecuzione Compito : Edificio storico con ufficio, abitazione del

Dettagli

VARIAZIONI ED INTEGRAZIONI AL TITOLO III DEL

VARIAZIONI ED INTEGRAZIONI AL TITOLO III DEL ALLEGATO N 1 VARIAZIONI ED INTEGRAZIONI AL TITOLO III DEL REGOLAMENTO LOCALE D IGIENE D) AERAZIONE E VENTILAZIONE DEGLI AMBIENTI 3.4.19. Finalità Le abitazioni devono essere progettate e realizzate in

Dettagli

SOFFIATORI NILA GLI ATTIVATORI DI TIRAGGIO E ANTIVENTO PER CAMINI A LEGNA

SOFFIATORI NILA GLI ATTIVATORI DI TIRAGGIO E ANTIVENTO PER CAMINI A LEGNA SOFFIATORI NILA GLI ATTIVATORI DI TIRAGGIO E ANTIVENTO PER CAMINI A LEGNA Pag. 2 SCHEDA TECNICA DEI SOFFIATORI NILA pag. 3 DESCRIZIONE I soffiatori Nila non sono aspiratori, ma attivatori di tiraggio per

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco

STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco Menu del giorno Il sistema camino UNI 10641:2013 UNI EN 13384-1:2008 1:2008 UNI EN 13384-2:2009 Uso software Progetto Camino Normative di riferimento

Dettagli

CIRCOLARE MINISTERO DELL'INTERNO 25 NOVEMBRE 1969, N. 68 ISTRUZIONI SULL'INSTALLAZIONE E FUNZIONAMENTO DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI CON GAS DI RETE

CIRCOLARE MINISTERO DELL'INTERNO 25 NOVEMBRE 1969, N. 68 ISTRUZIONI SULL'INSTALLAZIONE E FUNZIONAMENTO DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI CON GAS DI RETE CIRCOLARE MINISTERO DELL'INTERNO 25 NOVEMBRE 1969, N. 68 ISTRUZIONI SULL'INSTALLAZIONE E FUNZIONAMENTO DI IMPIANTI TERMICI ALIMENTATI CON GAS DI RETE Questo Ministero ha esaminato le considerazioni e proposte

Dettagli

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 1 D. M. 22/01/2008 n.37 Ministero dello Sviluppo Economico - Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13,

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Relatore : Teresa Mauri - Responsabile Servizio Energia RUOLO PROVINCIA La Provincia, mediante

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore:

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore: Normativa di riferimento L. 10/91 D.P.R. 412/93 D.P.R. 551/99 D.Lgs. 192/05 D.Lgs. 311/06 L.R. 24/06 D.G.R. n. 6033/07 Cos è un impianto termico Qualsiasi impianto di riscaldamento dotato di: Generatore

Dettagli

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione Scopo La presente norma ha lo scopo di fissare i criteri per la progettazione,

Dettagli

Aiuto all applicazione EN-5 Raffreddamento, de-/umidificazione

Aiuto all applicazione EN-5 Raffreddamento, de-/umidificazione Aiuto all applicazione EN-5 Raffreddamento, de-/umidificazione Contenuti e scopo Questo aiuto all applicazione tratta delle procedure e delle esigenze inerenti la progettazione, l installazione e la sostituzione

Dettagli

I locali da bagno e doccia

I locali da bagno e doccia I locali da bagno e doccia 1. Classificazione delle Zone In funzione della pericolosità, nei locali bagno e doccia (Norma 64-8 sez. 701) si possono individuare quattro zone (fig. 1) che influenzano i criteri

Dettagli

Le canne fumarie e i sistemi di verifica strumentale con particolare cenno UNI TS 11278. German p.i. Puntscher

Le canne fumarie e i sistemi di verifica strumentale con particolare cenno UNI TS 11278. German p.i. Puntscher Le canne fumarie e i sistemi di verifica strumentale con particolare cenno UNI TS 11278 German p.i. Puntscher L importanza della canna fumaria La canna fumaria viene sempre citata nei regolamenti edilizi

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli