Commento. (di Daniele Minussi)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Commento. (di Daniele Minussi)"

Transcript

1 Il testamento susseguente destituisce di efficacia quello antecedente soltanto quando le disposizioni siano incompatibili con quelle portate dal precedente. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n del 22 marzo 2012) WikiJus Nell'ipotesi di più testamenti successivi, il posteriore, quando non revoca in modo espresso il precedente, annulla in questo solo le disposizioni incompatibili, in applicazione del generale principio di conservazione delle disposizioni di ultima volontà, così da circoscriverne la caducazione al riscontro, caso per caso, della sicura incompatibilità con le successive, potendosi, inoltre, ravvisare una revoca implicita dell'intero testamento precedente solo qualora non sia configurabile la sua sopravvivenza a seguito delle mutilazioni derivanti dalla suddetta incompatibilità. Commento (di Daniele Minussi) Come è noto la revoca del testamento può essere esplicita o espressa ("Revoco ogni mia precedente disposizione di ultima volontà", come normalmente avviene proprio per evitare questioni interpretative specialmente spinose) oppure implicita o tacita. Proprio a quest'ultima si riferisce la pronunzia qui in esame, la quale descrive compiutamente l'operazione ermeneutica che deve essere compiuta a fronte di una pluralità di volontà testamentarie le quali si succedano nel tempo. Revoca tacita mediante testamento posteriore Autore: Daniele Minussi Note Bibliografia News collegate Vedi anche Percorsi argomentali

2 Ai sensi dell'art. 682 cod.civ. il testamento posteriore (in senso cronologico) che non revoca in modo espresso i precedenti, annulla in questi soltanto le disposizioni che sono con esso incompatibili (tale inconciliabilità deve emergere con sicurezza: cfr. Cass. Civ. Sez. II, 12649/01). Il nodo consiste nel dare sostanza a questa "incompatibilità" che sortisce l'effetto di porre nel nulla le precedenti disposizioni. Al riguardo è sorta tra gli interpreti una polemica circa la valenza revocatoria della norma in esame. Secondo alcuni infatti la caducazione delle precedenti disposizioni non discenderebbe dall'intento di revocare (cfr. anche, sia pure perplessamente, Cass. Civ., Sez. II, 4617/12), bensì dalla constatazione dell'oggettiva incompatibilità tra le disposizioni, delle quali prevarrebbe quella dettata per ultima nota1. E' tuttavia preferibile, aderendo al prevalente orientamento, qualificare l'incompatibilità di cui all'art. 682 cod.civ. comunque in chiave di revoca. In questo senso è stato rilevato che l'inettitudine a sortire effetti della precedente disposizione deve essere ricondotta anche ad una incompatibilità intenzionale, consistente appunto nella volontà del testatore di prevedere volontariamente effetti diversi rispetto a quelli già programmati in una precedente manifestazione di ultima volontà nota2. A ben vedere la questione appare piuttosto oziosa: essa infatti alla fine si riduce ad apprezzare la natura giuridica della disposizione incompatibile in chiave di mero atto (quando non addirittura di fatto giuridico) piuttosto che di atto negoziale. Tuttavia la disposizione successiva nel tempo ed incompatibile rispetto a quella precedente non può non possedere natura negoziale, in quanto sostanziantesi in un'istituzione d'erede, in un legato, in un'altra disposizione a causa di morte. Ciò a rigore non escluderebbe la distinta apprezzabilità della medesima sotto l'ulteriore profilo degli effetti della revoca, effetti che, come tali, potrebbero anche non esser stati esattamente ponderati ed avuti di mira dal disponente. Chiarito questo aspetto occorre porsi una domanda: potrebbe forse essere data la prova che, nonostante il testatore avesse investito di volizione quella specifica disposizione "incompatibile" con altra precedente quest'ultima non debba considerarsi revocata (in quanto si dia conto dell'insussistenza nel disponente di un intento revocatorio)? Se, come pare evidente, si impone una risposta negativa, allora si comprende come l'intera questione sia destinata a ridimensionarsi. Delle due l'una: o il testatore ha veramente voluto l'ultima disposizione (quella cioè incompatibile) ed allora la revoca è in re ipsa, cioè non può non riguardare la precedente disposizione inconciliabile, oppure si è sbagliato: in realtà voleva

3 assolutamente che fosse data attuazione alla precedente disposizione e non si è reso conto della portata eliminatrice della seconda. La questione sembra ridursi ad un'impugnativa per vizio della volontà. L'art. 683 cod.civ. prevede l'ipotesi in cui il testamento cronologicamente posteriore rimanga senza effetto, come accade quando l'erede istituito o il legatario è premorto al testatore, oppure è incapace o indegno, ovvero ha rinunziato all'eredità o al legato. Ebbene: anche in questi casi si producono gli effetti revocatori di cui alla norma precedente nota3. Questo ovviamente non toglie che se il testamento successivo sia dichiarato nullo o comunque venga eliminato in esito ad un'impugnativa (perchè ad esempio frutto di captazione) la revoca non abbia luogo, permanendo l'operatività delle disposizioni contenute nel precedente atto di ultima volontànota4. Cosa dire infine quando si sia di fronte a testamenti (apparentemente) contemporanei? Come è palese una vera e propria contemporaneità non è possibile: si dovrebbe infatti ipotizzare che il testatore scriva con una mano una scheda olografa e, nel mentre, con l'altra mano provveda alla redazione di un'ulteriore manifestazione di volontà testamentaria. Il caso tuttavia si pone nella pratica quando due testamenti riconducibili allo stesso soggetto presentino la stessa data. La soluzione più soddisfacente è quella di cercare di conferire alla volontà del disponente la massima portata. Dunque dovranno essere eseguite tutte le disposizioni che non si pongano tra loro in un rapporto di inconciliabilità. Le disposizioni contraddittorie verranno dunque eliminate, in quanto espressione di un intento perplesso nota5. Note nota1

4 Così Allara, La revocazione delle disposizioni testamentarie, Torino, 1951, p. 214; Talamanca, Successioni testamentarie, in Comm.cod.civ., a cura di Scialoja Branca, Bologna Roma, 1965, p. 85. top1 nota2 Secondo la dottrina prevalente (si veda, per tutti, Gangi, La successione testamentaria nel vigente diritto italiano, vol.ii, Milano, 1952, p.351 e Cicu, Testamento, vol.ii, Milano, 1951, p.153) la figura in esame è certamente da qualificarsi come revoca tacita: il compimento di determinati atti o fatti manifesta la volontà di revoca ed implica necessariamente per il legislatore la volontà del testatore di revocare le disposizioni precedenti. top2 nota3 La norma troverebbe applicazione, secondo la dottrina dominante, non solo nell'ipotesi di revoca tacita prevista dall'art. 682 cod.civ., ma anche nell'ipotesi di revoca espressa (art. 680 cod.civ. ) (Capozzi, Successioni e donazioni, t.2, Milano, 1982, p.544). top3 nota4 La nullità del testamento infatti travolge le disposizioni in esso previste, per cui non si può ritenere che la nullità per ragioni formali (attinenti la scheda testamentaria) potrebbe far salva la revoca di un precedente testamento: ciò risulta dalla

5 considerazione della intima connessione esistente tra revoca e nuovo testamento (il testatore si è deliberato di revocare il precedente testamento in quanto intendeva disporre validamente delle proprie sostanze con un secondo testamento) (Palazzo, Le successioni, t.2, in Tratt. dir.priv., a cura di Iudica e Zatti, Milano, 2000, p.826). top4 nota5 Caramazza, Delle successioni testamentarie, in Comm.teorico pratico al cod.civ., dir. da De Martino, Novara Roma, 1982, p.474. top5 Bibliografia ALLARA, La revocazione delle disposizioni testamentarie: corso di diritto civile, Torino, 1951 CAPOZZI, Successioni e donazioni, Milano, II, 1982 CARAMAZZA, Delle successioni testamentarie, artt , Roma, Comm. teorprat. del c.c, dir. da De Martino, 1973 CICU, Testamento, Milano, 1951 GANGI, La successione testamentaria nel vigente diritto italiano, Milano, 1952 PALAZZO, Le successioni, Milano, Tratt.dir.priv. cura Iudica e Zatti, II, 2000 TALAMANCA, Successioni testamentarie, Bologna Roma, Comm.cod.civ.Scialoja Branca, 1969

Commento. (di Daniele Minussi)

Commento. (di Daniele Minussi) Cessione del lastrico solare da parte del precedente proprietario tale prima dell'istituzione del condominio e titolarità delle ulteriori sopraelevazioni. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 18822 del 31 ottobre

Dettagli

Scioglimento della comunione legale tra i coniugi

Scioglimento della comunione legale tra i coniugi Autore: Daniele Minussi Scioglimento della comunione legale tra i coniugi Note Bibliografia Prassi collegate News collegate Vedi anche Percorsi argomentali Lo scioglimento della comunione, ai sensi dell'art.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 4673/b Terzo condono - Atto mortis causa Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 21 ottobre 2003 L'art. 32, comma 49 del decreto legge n. 269 del 2003,

Dettagli

AVV. EUGENIO TAMBORLINI

AVV. EUGENIO TAMBORLINI AVV. EUGENIO TAMBORLINI BREVI CENNI IN TEMA DI INSTITUTIO EX RE CERTA La successione mortis causa nel nostro ordinamento può trovare la sua fonte di regolamentazione nella volontà del testatore o nella

Dettagli

Nel caso in cui all erede sia destinato un legato si parla di legato in sostituzione di legittima: questi potrà valutare l opportunità di man-

Nel caso in cui all erede sia destinato un legato si parla di legato in sostituzione di legittima: questi potrà valutare l opportunità di man- SUCCESSIONI E DONAZIONI: LE QUESTIONI PIÙ DIBATTUTE 123 prio (Cfr. Ferrero-Podetti, La rinuncia all eredità, in Successioni e donazioni, vol. I, a cura di Rescigno, Padova, 1994, p.385). Nella ipotesi

Dettagli

QUESTIONI SOSTANZIALI E PROCESSUALI IN TEMA DI IMPUGNAZIONE DEL TESTAMENTO OLOGRAFO

QUESTIONI SOSTANZIALI E PROCESSUALI IN TEMA DI IMPUGNAZIONE DEL TESTAMENTO OLOGRAFO Prof. Avv. Michele Sesta Ordinario nell' Università di Bologna Avvocato in Bologna www.studiosesta.it sesta@studiosesta.it Scuola Superiore di Studi Giuridici Bologna 6 aprile 2013 QUESTIONI SOSTANZIALI

Dettagli

Successione e Pratiche Testamentarie

Successione e Pratiche Testamentarie Successione e Pratiche Testamentarie La scelta dell Amministratore di Sostegno Incontro di Sensibilizzazione Progetto AdS- Brescia Nel nostro sistema giuridico possiamo sostanzialmente individuare due

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

NUOVE INTERPRETAZIONI DELLA NORMATIVA TESTAMENTARIA AD OPERA. Una recente sentenza della Cassazione Civile in materia

NUOVE INTERPRETAZIONI DELLA NORMATIVA TESTAMENTARIA AD OPERA. Una recente sentenza della Cassazione Civile in materia NUOVE INTERPRETAZIONI DELLA NORMATIVA TESTAMENTARIA AD OPERA DELLA CASSAZIONE. Una recente sentenza della Cassazione Civile in materia testamentaria datata 7 luglio 2009 ha modificato l'interpretazione

Dettagli

Parere motivato sulla validità del testamento olografo recante scritti di mano aliena

Parere motivato sulla validità del testamento olografo recante scritti di mano aliena Parere motivato sulla validità del testamento olografo recante scritti di mano aliena Dr. Pasquale Matarrese 1 Milano lì 22 febbraio 2005 Oggetto: - disamina sulla validità del testamento olografo recante

Dettagli

Il testamento olografo alla luce della l. 218/1995.

Il testamento olografo alla luce della l. 218/1995. Il testamento olografo alla luce della l. 218/1995. Avv. Monica La Rocca monica.larocca@ssalex.com In data 19 luglio 2010, alle ore 14.40 decedeva presso l ospedale di Weill Cornell Medical Center di Manhattan,

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. 435/012 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE- SEZIONE II CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il dott. Gianfranco PELLIZZONI, in funzione di GIUDICE UNICO, ha pronunciato la

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli DI CAPITALI TRASFERIMENTO DELLA SEDE LEGALE ALL INTERNO DELLO STESSO COMUNE Documento n. 30 del 18 novembre 2005 La variazione dell indirizzo della sede della società non comporta

Dettagli

CASSAZIONE CIVILE Sezione II 28 maggio 2012, n. 8490 Pres. SCHETTINO Rel. SAN GIORGIO

CASSAZIONE CIVILE Sezione II 28 maggio 2012, n. 8490 Pres. SCHETTINO Rel. SAN GIORGIO CASSAZIONE CIVILE Sezione II 28 maggio 2012, n. 8490 Pres. SCHETTINO Rel. SAN GIORGIO Successioni Successione testamentaria Testamento olografo Scrittura privata Configurabilità come testamento olografo

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

DISPOSIZIONI A CAUSA DI MORTE ARTT. 24, 26 E 27 DEL REGOLAMENTO IN MATERIA DI SUCCESSIONI Mojca Tavčar Pasar

DISPOSIZIONI A CAUSA DI MORTE ARTT. 24, 26 E 27 DEL REGOLAMENTO IN MATERIA DI SUCCESSIONI Mojca Tavčar Pasar DISPOSIZIONI A CAUSA DI MORTE ARTT. 24, 26 E 27 DEL REGOLAMENTO IN MATERIA DI SUCCESSIONI Mojca Tavčar Pasar Regolamento in materia di successioni UE n. 650/20125 Per i casi di successione di persone con

Dettagli

Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione

Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione Corte di cassazione Sezioni unite civili Sentenza 25 ottobre 2004, n. 20644 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto notificato il

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

I Venerdì dell Avvocatura

I Venerdì dell Avvocatura Arcidiocesi di Milano Curia Arcivescovile Avvocatura I Venerdì dell Avvocatura Le successioni e le donazioni Introduzione 3 incontro 13 dicembre 2013 SUCCESSIONI La successione mortis causa rappresenta

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE S.U. N. 5068/2016

L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE S.U. N. 5068/2016 SCUOLA DI NOTARIATO DI CATANIA JACOPO DA LENTINI * * * * * CORSO DI SPECIALIZZAZIONE DI DIRITTO DELLE SUCCESSIONE 2015/2016 * * * * * L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA

Dettagli

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione Verbale di mediazione e accordo di conciliazione PASQUALE MACCHIARELLI Notaio Il procedimento di mediazione può avere tre diverse conclusioni: - le prime due positive, se le parti raggiungono un accordo

Dettagli

sumere, come peraltro confermato dalla giurisprudenza, che:

sumere, come peraltro confermato dalla giurisprudenza, che: 114 sumere, come peraltro confermato dalla giurisprudenza, che: Dottrina «sarebbe valida un accettazione beneficiata senza successivo inventario, che potrebbe essere formato dal minore entro un anno dalla

Dettagli

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti.

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Commento di Confindustria Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Con sentenza del 13 febbraio 2014, resa nella causa C-596/12, la Corte di Giustizia

Dettagli

La successione ereditaria

La successione ereditaria La successione ereditaria La successione ereditaria è legata ad un evento triste e spesso rimosso dai propri pensieri: la morte; essa è, però, ineludibile, per questo a tutti sarebbe utile conoscere i

Dettagli

I documenti di bilancio sottoposti all assemblea dei soci per l approvazione - Come impatta XBRL nella gestione delle assemblee Dott.

I documenti di bilancio sottoposti all assemblea dei soci per l approvazione - Come impatta XBRL nella gestione delle assemblee Dott. I documenti di bilancio sottoposti all assemblea dei soci per l approvazione - Come impatta XBRL nella gestione delle assemblee Dott. Giuseppe Scolaro Torino 14 maggio 2010 La formazione e la pubblicità

Dettagli

L ACCRESCIMENTO NELLA DOTTRINA E NELLA GIURISPRUDENZA

L ACCRESCIMENTO NELLA DOTTRINA E NELLA GIURISPRUDENZA L ACCRESCIMENTO NELLA DOTTRINA E NELLA GIURISPRUDENZA TUTTI I DIRITTI RISERVATI ALL AUTORE Roberto Battista L ACCRESCIMENTO NELLA DOTTRINA E NELLA GIURISPRUDENZA Non omnia possumus omnes.. INDICE L ACCRESCIMENTO:

Dettagli

DELLA C.D. CAUTELA SOCINIANA. Domenica Pirilli

DELLA C.D. CAUTELA SOCINIANA. Domenica Pirilli DELLA C.D. CAUTELA SOCINIANA Domenica Pirilli Ricercatrice conf. di Diritto privato Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia Università Mediterranea di Reggio Calabria Sommario: 1. Una breve premessa.

Dettagli

La Successione nell' Impresa: Le clausole societarie nell'impresa

La Successione nell' Impresa: Le clausole societarie nell'impresa La Successione nell' Impresa: Le clausole societarie nell'impresa Avv. Silvia Salvati Fondazione Forense 15 dicembre 2012 Via Belmeloro n. 14 IL PATTO DI FAMIGLIA Legge 14 Febbraio 2006 n.55/2006 L' Italia

Dettagli

Successione testamentaria e modus

Successione testamentaria e modus Successione testamentaria e modus Capitolo I...1 Sulla successione testamentaria in generale...1 1) Nozione, natura giuridica e contenuto del testamento.1 2) Tipologie di testamento...16 3) Capacità di

Dettagli

DIRITTO COMMERCIALE GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI

DIRITTO COMMERCIALE GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI DIRITTO COMMERCIALE GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI La disciplina che riguarda le modalità e le condizioni di emissione e circolazione, i diritti che essi attribuiscono e le eventuali conseguenze

Dettagli

Sostituzione fedecommissaria e costituzione testamentaria di usufrutto, differenze e simultaneità delle disposizioni

Sostituzione fedecommissaria e costituzione testamentaria di usufrutto, differenze e simultaneità delle disposizioni Sostituzione fedecommissaria e costituzione testamentaria di usufrutto, differenze e simultaneità delle disposizioni Tribunale di Lecce, 7 marzo 2014. Presidente Piera Portaluri. Estensore Rossana Giannaccari.

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. 1. Generalità Capitolo 9 La successione testamentaria: caratteri generali Sommario 1. Generalità. - 2. Il testamento. - 3. La capacità di disporre per testamento. 4. La capacità di ricevere per testamento.

Dettagli

LA CONFERMA DELLE DISPOSIZIONI TESTAMENTARIE NULLE (E/O ANNULLABILI)

LA CONFERMA DELLE DISPOSIZIONI TESTAMENTARIE NULLE (E/O ANNULLABILI) Pagina 1 LA CONFERMA DELLE DISPOSIZIONI TESTAMENTARIE NULLE (E/O ANNULLABILI) Sommario: A) Introduzione pag. 1 B) La natura giuridica pag. 3 C) La conferma espressa pag. 5 D) La conferma tacita pag. 6

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente BREVE COMMENTO A MARGINE DELLA SENTENZA SULLA ESTERNALIZZAZIONE EUTELIA-AGILE-OMEGA. IL RUOLO DEI COLLEGAMENTI SOCIETARI NELLA VALUTAZIONE DELLA ANTISINDACALITA DELLA CONDOTTA NELL AMBITO DEL TRASFERIMENTO

Dettagli

Indice dei quesiti di diritto Civile per la preselezione informatica del concorso a 350 posti di uditore giudiziario.

Indice dei quesiti di diritto Civile per la preselezione informatica del concorso a 350 posti di uditore giudiziario. 1000 A norma del codice civile, é soggetta a prescrizione l'azione di annullamento del testamento pubblico per 1001 A norma del codice civile, é soggetta a prescrizione l'azione di annullamento del testamento

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 873 Nuove norme e vecchie questioni in materia di silenzio della Pubblica Amministrazione Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 16 maggio 1995 1.

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

La Collazione Ereditaria.

La Collazione Ereditaria. Avv. Monica La Rocca monica.larocca@ssalex.com La collazione è l atto con il quale determinati soggetti, che hanno accettato l eredità conferiscono alla massa ereditaria le liberalità ricevute in vita

Dettagli

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nella seduta del 1 marzo 2012,

Dettagli

SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014

SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014 SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014 Le lezioni si svolgono al mercoledì (dalle 11 alle 12,30) ed il venerdì (dalle 11 alle 12,30). In questo anno accademico,

Dettagli

Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie

Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: le successioni e le donazioni Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie Avv. Mario Cozza 23 ottobre 2014

Dettagli

L acquisto di azioni proprie

L acquisto di azioni proprie L acquisto di azioni proprie 1 Le azioni proprie Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. 2 L acquisto di azioni proprie Le principali motivazioni alla

Dettagli

Erede legittimario e calcolo della quota

Erede legittimario e calcolo della quota Quesito n. 16 Erede legittimario e calcolo della quota Tizio, vedovo da molti anni, per ricompensare la sua badante dei servigi resigli le dona un immobile sito in via Dante del valore di euro 350.000,00.

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

Quesiti frequenti sulle successioni

Quesiti frequenti sulle successioni Quesiti frequenti sulle successioni Le successioni ereditarie comportano questioni delicate e talvolta difficili da risolvere. Rivolgetevi ad un nostro sportello per ricevere informazioni dettagliate relative

Dettagli

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne QUANDO L ORARIO DI LAVORO E ARTICOLATO IN TUR- NI SECONDO LA DISCIPLINA CONTRATTUALE Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato,

Dettagli

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Il Fondo patrimoniale: profili di (in)utilità? Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Data 02/07/2015 FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Negozio di destinazione(costituente)

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

Domande e risposte sul Decreto Legge n. 34/2014 come convertito dalla Legge n. 78/2014. Sommario

Domande e risposte sul Decreto Legge n. 34/2014 come convertito dalla Legge n. 78/2014. Sommario Domande e risposte sul Decreto Legge n. 34/2014 come convertito dalla Legge n. 78/2014 Sommario Contratto a tempo determinato...2 a) Limite percentuale alle assunzioni (art. 1, comma 1 del D. Lgs. n. 368/2001):...2

Dettagli

Le azioni proprie. Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa.

Le azioni proprie. Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. Le azioni proprie 1 Le azioni proprie Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. 2 L acquisto di azioni proprie Le principali motivazioni alla base dell

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

Maria Chiara Vanacore Il patto di famiglia

Maria Chiara Vanacore Il patto di famiglia A12 Maria Chiara Vanacore Il patto di famiglia Aracne editrice www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it Copyright MMXVI Gioacchino Onorati editore S.r.l. unipersonale www.gioacchinoonoratieditore.it

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

Il Regolamento di Condominio

Il Regolamento di Condominio Il Regolamento di Condominio Aspetti giuridici (vedi articoli 1129 e seguenti del codice civile) E' obbligatorio nominare un amministratore quando il numero dei condomini in un edificio è maggiore di quattro.

Dettagli

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS C.P.C.) ED IL TENTATIVO OBBLIGATORIO DI MEDIAZIONE (ART. 5 COMMA I D.LGS. 28/2010): NON SI INTERPELLI LA SIBILLA PER CAPIRE SE OCCORRE «MEDIARE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 262-2007/T Regime fiscale del trasferimento in esecuzione del legato di cosa dell onerato ex art. 651 c.c. Approvato dalla Commissione Studi Tributari il 7 dicembre

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.4 Gli organi sociali 4.4.1 I soci e l'assemblea

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.4 Gli organi sociali 4.4.1 I soci e l'assemblea 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.4 Gli organi sociali 4.4.1 I soci e l'assemblea In considerazione del particolare scopo per il quale le Società di mutuo soccorso vengono costituite, appare chiaro che

Dettagli

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE Il Caso La Procura della Repubblica notificava, ai sensi dell art. 415 bis c.p.p., l avviso di conclusione delle indagini

Dettagli

Prot. n 8 Salerno, lì 8 Gennaio 2016

Prot. n 8 Salerno, lì 8 Gennaio 2016 COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail:collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot. n

Dettagli

Parere su quesito di diritto civile

Parere su quesito di diritto civile Parere su quesito di diritto civile Quesito n. 51 Con testamento olografo Tizio disponeva delle proprie sostanze in favore dei due figli Caio e Sempronia. In particolare, con suddetto testamento olografo

Dettagli

www.italianbankruptcylaw.org

www.italianbankruptcylaw.org www.italianbankruptcylaw.org IL TRIBUNALE DI CASSINO riunito in Camera di Consiglio nelle persone dei Magistrati Dr. Amedeo Ghionni Presidente, Dr. Gabriele Sordi Giudice, Dr. Andrea Petteruti Giudice

Dettagli

Contratto estimatorio

Contratto estimatorio Contratto estimatorio di Walter Giacardi Il contratto estimatorio prevede che una parte (tradens) consegni una o più cose mobili all'altra (accipiens), mentre quest ultima si obbliga a pagarne il prezzo

Dettagli

IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI DONAZIONE DI TITOLI DI STATO 1. SINTESI 2. LEX 3. STUDIO CNN 4. PRASSI 5. GIURISPRUDENZA 6.

IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI DONAZIONE DI TITOLI DI STATO 1. SINTESI 2. LEX 3. STUDIO CNN 4. PRASSI 5. GIURISPRUDENZA 6. IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI DONAZIONE DI TITOLI DI STATO 1. SINTESI 2. LEX 3. STUDIO CNN 4. PRASSI 5. GIURISPRUDENZA 6. ABROGAZIONI 1 1. SINTESI Con la re-istituzione dell imposta sulle successioni

Dettagli

LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

LA GESTIONE DEL PATRIMONIO LA GESTIONE DEL PATRIMONIO (Successione, accertamento patrimoniale, trust) Avv. Marco Avanza Studio Legale Avanza Simeone ACCERTAMENTO PATRIMONIALE Individuazione dei beni che compongono il patrimonio

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

L AVVALIMENTO ALLA LUCE DEL DECRETO CORRETTIVO. di Massimo Gentile

L AVVALIMENTO ALLA LUCE DEL DECRETO CORRETTIVO. di Massimo Gentile L AVVALIMENTO ALLA LUCE DEL DECRETO CORRETTIVO di Massimo Gentile I limiti al subappalto in favore dell impresa ausiliaria La novità di maggiore rilievo contenuta nel D.lgs. 26 gennaio 2007 n. 6 - meglio

Dettagli

L art. 35 d.l.n.223/2006

L art. 35 d.l.n.223/2006 L art. 35 d.l.n.223/2006 Qual è l ambito applicativo oggettivo della norma? 28. «In caso di appalto di opere o di servizi, l'appaltatore risponde in solido con il subappaltatore, nei limiti dell'ammontare

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni...

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Elenco delle principali abbreviazioni... XXI CAPITOLO PRIMO NOZIONI INTRODUTTIVE pag. Guida bibliografica... 3 1. Definizione di società di fatto... 7 2. Distinzione della società di fatto rispetto alla

Dettagli

Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014

Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014 Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014 Dr. Giuseppe Paulato Art. 2233 c.c. Il compenso, se non è convenuto dalle parti e non può essere determinato secondo

Dettagli

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare.

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. NEWS N.68/ 8 giugno 2015 Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. E sempre più importante prestare attenzione alla documentazione fornita alla SOA nel corso

Dettagli

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI

Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Il mediatore creditizio ed il diritto della crisi d impresa. Dr. Matteo PANELLI Indice Il mediatore creditizio ed il mondo imprenditoriale La riforma della legge fallimentare Il ciclo di vita dell impresa

Dettagli

ESAME ABILITAZIONE GEOMETRI - ANNO 2014 Corso praticanti DIRITTO E CONDOMINIO - MAGGIO 2014

ESAME ABILITAZIONE GEOMETRI - ANNO 2014 Corso praticanti DIRITTO E CONDOMINIO - MAGGIO 2014 LA SUCCESSIONE La successione per causa di morte è il passaggio di beni e di diritti da una persona defunta agli aventi diritto. Normalmente, come previsto dal codice civile, l'apertura della successione

Dettagli

Circolare n. 10/09 del 12 novembre 2009*

Circolare n. 10/09 del 12 novembre 2009* Circolare n. 10/09 del 12 novembre 2009* SICUREZZA DEL LAVORO NEI CANTIERI MINORI : IL MINISTERO SI PRONUNCIA Con la Circolare n. 30/2009 del 29 ottobre 2009, il Ministero del Lavoro si occupa per la prima

Dettagli

Svolgimento del processo e motivi della decisione

Svolgimento del processo e motivi della decisione Cassazione Sezione seconda penale sentenza 20 settembre 9 novembre 2007, n. 41499 Presidente Rizzo Relatore Tavassi Pm Passacantando c onforme Ricorrente Pubblico Ministero presso il Tribunale della Libertà

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione.

LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione. LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione. La società fiduciaria, attraverso l ampio novero di soluzioni applicabili, risulta essere uno strumento molto valido al fine di soddisfare le esigenze

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

PARTE I ESEMPI DI NOTE

PARTE I ESEMPI DI NOTE PARTE I ESEMPI DI NOTE 188290_Terza_Bozza_Part 1_1.indd 1 188290_Terza_Bozza_Part 1_1.indd 2 Abbandono del fondo servente Rinunziante Primo, allo scopo di liberarsi dalle spese necessarie per la conservazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

Repubblica italiana. Corte dei Conti. La Sezione del controllo per la Regione Sardegna

Repubblica italiana. Corte dei Conti. La Sezione del controllo per la Regione Sardegna Parere n. 4/2008 Repubblica italiana Corte dei Conti La Sezione del controllo per la Regione Sardegna composta dai magistrati: prof. avv. Giuseppe Palumbi dott. Giorgio Longu avv. Prof. Nicola Leone dott.

Dettagli

SOLUZIONI ESAME 2007 - PARERE DI DIRITTO CIVILE. Parere n.1

SOLUZIONI ESAME 2007 - PARERE DI DIRITTO CIVILE. Parere n.1 SOLUZIONI ESAME 2007 - PARERE DI DIRITTO CIVILE Parere n.1 Tizio, vedovo, il 10.01.1996, muore lasciando testamento olografo, pubblicato il 20.03.1997, nel quale dispone dell'intero suo patrimonio in favore

Dettagli

Principi di diritto successorio

Principi di diritto successorio Principi di diritto successorio Introduzione Quando una persona muore, alcune situazioni giuridiche ad essa ricollegabili si trasferiscono ad altri soggetti e si parla di c.d. successione mortis causa.

Dettagli

Capitolo Ottavo La patologia del negozio giuridico

Capitolo Ottavo La patologia del negozio giuridico Capitolo Ottavo La patologia del negozio giuridico Sommario: 1. Generalità. - 2. L inesistenza del negozio. - 3. L invalidità del negozio: nullità ed annullabilità. Fondamento. - 4. La nullità del negozio.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA. dott.ssa Simonetta Rosa. dott.ssa Sara Raffaella Molinaro

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA. dott.ssa Simonetta Rosa. dott.ssa Sara Raffaella Molinaro Lombardia 88 /2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott.ssa Laura De

Dettagli

Lombardia/406/2010/PRSE

Lombardia/406/2010/PRSE Lombardia/406/2010/PRSE REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott. Nicola Mastropasqua Presidente Dott. Antonio Caruso Dott. Giuliano

Dettagli

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29 INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. La successione a causa di morte............... 1 2. Fondamento della successione a causa di morte. Successione testamentaria e successione legittima.....................

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

LE RISTRUTTURAZIONI E IL RISPETTO DELLA SAGOMA

LE RISTRUTTURAZIONI E IL RISPETTO DELLA SAGOMA LE RISTRUTTURAZIONI E IL RISPETTO DELLA SAGOMA BREVI NOTE SULLA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE N. 309/2011 1. AMBITO DI APPLICAZIONE DELLA SENTENZA N. 309/2011 DELLA CORTE COSTITUZIONALE...2 2. LA

Dettagli

Un ragionevole termine per l irrogazione del licenziamento. (Cassazione civile, sez. lavoro, 9 febbraio 2012, n. 1884)

Un ragionevole termine per l irrogazione del licenziamento. (Cassazione civile, sez. lavoro, 9 febbraio 2012, n. 1884) Maria Luisa Pignatelli Dottoranda di ricerca Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Un ragionevole termine per l irrogazione del licenziamento. (Cassazione civile, sez. lavoro, 9 febbraio

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

Legato avente ad oggetto un rapporto bancario e conseguenze della mancanza dei beni che ne formano oggetto

Legato avente ad oggetto un rapporto bancario e conseguenze della mancanza dei beni che ne formano oggetto CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 309-2012/C Legato avente ad oggetto un rapporto bancario e conseguenze della mancanza dei beni che ne formano oggetto Approvato dalla Commissione Studi Civilistici

Dettagli

Tipi di testamento Testamento Olografo

Tipi di testamento Testamento Olografo L eredità viene trasmessa secondo quanto disposto nel testamento, oppure in assenza di questo, secondo quanto stabilito per legge (successione legittima). Chi intende regolare la propria successione secondo

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Regione Lazio 25/11/2015 Oggetto: AG 84/2015/AC - Regione Lazio fusione di società interamente partecipate dalla regione - nomina del consiglio di amministrazione e del presidente della società Lazio Crea

Dettagli

CAPITOLO I IL TESTAMENTO PUBBLICO. 1.1. Inquadramento sistematico. 1.1.1. Nozione e natura giuridica

CAPITOLO I IL TESTAMENTO PUBBLICO. 1.1. Inquadramento sistematico. 1.1.1. Nozione e natura giuridica 5 CAPITOLO I IL 1.1. Inquadramento sistematico 1.1.1. Nozione e natura giuridica Il testamento pubblico è una delle forme di testamento per atto di notaio, unitamente al testamento segreto, ai sensi dell

Dettagli

RISOLUZIONE N.84/E. OGGETTO: Interpello - Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Art. 28 del DPR 29 settembre 1973, n.600

RISOLUZIONE N.84/E. OGGETTO: Interpello - Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Art. 28 del DPR 29 settembre 1973, n.600 RISOLUZIONE N.84/E Roma, 10 agosto 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello - Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Art. 28 del DPR 29 settembre 1973, n.600 Con l interpello specificato in

Dettagli