Università degli Studi di Salerno Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Salerno Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali"

Transcript

1 Università degli Studi di Salerno Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Base Di Dati II Anno accademico 2011/2012 Progettazione di un Data mart per l'analisi dei servizi bibliotecari universitari Candidati Gianluca Carbone Matr Michele D Avino Matr Loris D Avanzo Matr

2 Indice 1. Il Dominio Applicativo Pianificazione del Data Warehouse Il Data Mart Analisi e Riconciliazione delle Fonti Dati Ricognizione Normalizzazione Integrazione Progettazione concettuale Fatto Corso Libro Fatto Esame Libro Progettazione logica Progettazione dell'alimentazione Trasformazione relativa allo schema "Corso Libro" Trasformazione relativa allo schema "Esame Libro" Design degli schemi con Pentaho Schema Workbench Livello di Analisi Analisi del cubo relativo al fatto "Corso Libro" Analisi del cubo relativo al fatto "Easme Libro"

3 1. Il Dominio Applicativo I database presi in esame sono due: il primo database si occupa della gestione delle biblioteche di un università, mentre il secondo contiene informazioni riguardanti la gestione degli studenti dell università. Per quanto riguarda il primo database, è possibile gestire tutte le operazioni che riguardano le biblioteche, dalla gestione del personale, alla gestione della disponibilità dei libri e la gestione del prestito degli stessi. Al momento di un nuovo prestito da parte dello studente, devono essere inserite tutte le informazioni riguardo lo studente e il libro preso in prestito aggiornando le relative quantità presenti in biblioteca. Dati principali sono anche la data di inizio e di fine del prestito. E possibile inserire un nuovo dipendente inserendo tutte le informazioni riguardanti ad esso. Per quanto riguarda il secondo database, vengono gestite tutte le informazioni che riguardano il percorso universitario di uno studente. All interno del database vengono elaborate tutte le informazioni riguardo gli studenti, gli esami superati, i corsi, e i docenti e i libri relativi ad un corso. Particolare importanza hanno le informazioni riguardo la frequenza degli studenti ai corsi; il professore assegnato al corso, la quantità di studenti che supera un determinato esame; le date di inizio e fine dei corsi. Ecco un elenco dei rispettivi ambiti applicativi: La gestione delle biblioteche Registrazione di una nuova biblioteca Registrazione di un nuovo libro Registrazione degli impiegati assunti da una biblioteca Registrazione degli studenti che effettuano un prestito Catalogo dei libri disponibili La gestione degli studenti Registrazione di un nuovo studente Registrazione del professore associato ad un corso Frequenza degli studenti ai corsi Registrazione di un libro utilizzato in un particolare corso Registrazione di un nuovo esame superato da un professore L'ambito applicativo dei due database studiati è, dunque, molto diverso; tuttavia vi sono delle importanti informazioni che li accomunano, che nello specifico riguardano gli studenti dell'università (che possono anche essere clienti della biblioteca) e i libri utilizzati per l'insegnamento nei corsi (tali libri potrebbero essere reperiti in biblioteca dagli studenti). 3

4 2. Pianificazione del Data Warehouse Nella Figura seguente è possibile osservare le fasi di progettazione del datawarehouse sviluppato, inoltre sono descritte anche le fasi di progettazione e gli strumenti software utilizzati. In seguito verranno descritte nel dettaglio le fasi del progetto. Figura 1: Schema del Data Warehouse 4

5 3. Il Data Mart 3.1 Analisi e Riconciliazione delle Fonti Dati Ricognizione Il sistema informativo in questione è gestito attraverso un approccio in cui vengono elaborati due distinti database relazionali: il primo, che chiameremo DB gestione_studenti, contenente i dati relativi agli studenti, ai docenti che insegnano un corso, alla frequenza ai corsi, al libro utilizzato nel corso e agli esami superati dagli studenti. Il secondo database, DB gestione_biblioteche, si occupa della registrazione dei dati degli studenti che effettuano un prestito, la registrazione dei dati dei dipendenti e l aggiornamento della disponibilità dei libri all interno delle biblioteche. La tabella 1 e la tabella 2 elencano le relazioni presenti nei due database. Nome relazione Descrizione Biblioteca Dati relativi ad una biblioteca dell ateneo Libro Dati relativi ai libri Dipendente Dati relativi ai dipendenti della biblioteca Studente Dati relativi allo studente che effettua il prestito Tabella 1 - Relazioni nel DB gestione_biblioteche Nome relazione Descrizione Studente Dati relativi agli studenti iscritti all università Esame Dati relativi agli studenti che superano un esame Docente Dati relativi ad un docente Corso Dati relativi ad un corso sostenuto da un docente Libro Dati relativi al libro utilizzato in un corso Tabella 2 - Relazioni nel DB gestione_studenti 5

6 3.1.2 Normalizzazione A partire dagli schemi logici delle relazioni, ricaviamo lo schema Entity/Relationship delle due basi di dati attraverso un processo di reverse engineering. Gli schemi ottenuti sono riportati in Figura 2 e in Figura 3. figura 2: Schema delle tabelle SQL e schema del diagramma ER del db gestione_studenti 6

7 Figura 3:Schema delle tabelle SQL e Schema ER del DB gestione_biblioteche 7

8 È stata individuata una porzione dello schema rappresentato in figura 3 non utile per il Data mart; in particolare tale porzione riguarda l'entità DIPENDENTE le cui informazioni risultano essere futili al fine della creazione del Data mart e per la successiva fase di analisi che riguarderà per lo più i dati relativi agli studenti, ai libri e agli esami sostenuti. Si è deciso invece di mantenere le informazioni riguardanti le biblioteche, i corsi e i docenti, ritenendole opportune all'interno del contesto applicativo Integrazione È ora possibile procedere alla fase di integrazione. Per integrare gli schemi è necessario scegliere la tecnica di integrazione, ma dal momento che sono solo due gli schemi da integrare, la scelta ricade sulla tecnica di integrazione binaria. Per quanto riguarda invece i possibili conflitti riscontrabili durante la fase di integrazione, si procede come descritto in seguito: La comparazione tra i due schemi evidenzia i seguenti conflitti : Nello schema 1 (Gestione Biblioteche) sono presenti tutti gli studenti che hanno effettuato il prestito di almeno un libro presso una biblioteca, mentre nello schema 2 (Gestione Studenti) sono archiviati tutti gli studenti dell ateneo, anche quelli a cui non associato nessun prestito. Da notare che nello schema 2 è possibile avere studenti che non sono contenuti nello schema 1. Nello schema 1 (Gestione Biblioteche) sono presenti tutti i libri presenti in almeno una biblioteca, mentre nello schema 2 (Gestione Studenti) sono archiviati tutti i libri utilizzati nei relativi corsi dell ateneo (uno al massimo per ogni corso). Nello schema 1 possono essere presenti libri che non sono contenuti nello schema 2 (e viceversa). La metodologia di integrazione utilizzata prevede l allineamento dei due schemi, ossia la soluzione dei conflitti in essi presenti. Nonostante la politica di integrazione preveda una risoluzione dei conflitti che minimizzi le restrizioni sulle informazioni, per migliorare l'analisi successiva del Data mart viene svolta una fase di integrazione che sintetizza le informazioni con quelle che effettivamente verranno elaborate. In particolare le decisioni prese vengono motivate di seguito: Gli studenti che hanno usufruito dei servizi delle biblioteche sono solo una parte di tutti quelli dell ateneo, ma l'associazione tra STUDENTE e PRESTITO rimane non opzionale perché la progettazione del Data mart prevede per l'appunto un'analisi sugli studenti che hanno preso in prestito almeno un libro relativo ad almeno un corso che frequentano o che hanno frequentato (per cui la relazione FREQUENTA diventa non opzionale). Lo stesso discorso vale per le altre associazioni interessate nella fase di 8

9 integrazione, in particolare quelle tra l'entità LIBRO e le entità UTILIZZA e CATALOGO: bisogna considerare i libri utilizzati nei corsi che sono presenti nella biblioteca. Inoltre gli attributi area_didattica e materia riguardanti l'entità LIBRO che sono presenti nel DB gestione_biblioteche, ma non nel db gestione_studenti; vengono mantenuti nel database globale riconciliato, il loro uso potrebbe riguardare operazioni di aggregazione. I due schemi allineati possono quindi essere fusi sovrapponendo i concetti comuni (le entità STUDENTE e LIBRO): Figura 4: Diagramma ER del database riconciliato 9

10 3.2.2 Fatto corso_libro La possibile interrogazione può essere: Quantità di studenti che hanno preso in prestito un determinato libro relativo ad un determinato corso. Gli studenti ed i libri che vengono presi in considerazione sono quelli memorizzati sia nel database gestione_biblioteche che nel database gestione_esami. Per la creazione dell'albero degli attributi è stato scelto di partire dalla relazione FREQUENTA, per cui vi è una fase iniziale di reificazione relativa appunto a tale relazione. La Figura 5 mostra la trasformazione relativa alla reificazione di FREQUENTA e il successivo albero degli attributi costruito per lo schema del fatto in questione. Il nodo radice dell albero degli attributi è (id_corso,matricola_studente) (chiave dell'entità FREQUENZA) ed è colorato in giallo. Figura 5: Reificazione di FREQUENTA e Albero degli attributi per il fatto corso_libro 10

11 Per quanto riguarda la fase di potatura, vi è un innesto del nodo id_corso (grana temporale) è vengono potati i nodi che risultano essere irrilevanti per la successiva fase di analisi. L'albero degli attributi potato viene mostrato in figura 6. Figura 6: Albero degli attributi potato per il fatto corso_libro Vengono scelte come dimensioni per lo schema del fatto corso_libro i figli della radice id_corso, quindi il nome del corso e ed il nome del libro, inoltre nello schema del fatto viene inserita manualmente anche la dimensione matricola (con i relativi attributi descrittivi) per rappresentare gli studenti. Essendo vuoto lo schema di fatto, la dimensione matricola non avrà l'arco multiplo entrante. Nella figura 7 viene riportato lo schema del fatto risultante: Figura 7: Schema del fatto corso_libro 11

12 3.2.1 Fatto esame_libro La possibile interrogazione può essere: Quantità di studenti che in una specifica data hanno superato un particolare esame avendo preso in prestito il libro del corso relativo. Anche in questo caso gli studenti ed i libri che vengono presi in considerazione sono quelli memorizzati sia nel database gestione_biblioteche che nel database gestione_esami. La Figura 5 mostra l albero degli attributi per lo schema del fatto in questione. Il nodo radice dell albero è id_esame (chiave dell'entità ESAME) ed è colorato in giallo. Figura 8: Albero degli attributi per il fatto esame_libro La fase di potatura è simile alla potatura precedente, anche qui avviene l'innesto riguardante il nodo id_corso che porta il nodo id_libro ad essere figlio di id_esame. L'albero degli attributi potato viene mostrato in figura 9. Figura 9: Albero degli attributi potato per il fatto esame_libro 12

13 Vengono scelte come dimensioni per lo schema del fatto esame_libro i figli della radice id_esame, quindi il nome del corso, il nome del libro, la matricola dello studente e la data (rappresentata tramite la gerarchia giorno, mese anno). Nella figura 10 viene riportato lo schema del fatto risultante: Figura 10: Schema del fatto esame_libro 13

14 3.3 Progettazione logica A livello logico si opta per l'utilizzo dello schema a stella per ciascuno degli schemi di fatto descritti in 3.2 Le figure sotto riportate rappresentano gli schemi a stella per i fatti individuati. Figura 11: Schema a stella per il fatto corso_libro Figura 12: Schema a stella per il fatto esame_libro 14

15 3.4 Progettazione dell'alimentazione Per quanto riguarda l alimentazione dei dati mart, bisogna considerare che non è presente un livello riconciliato,cioè il database riconciliato non è stato materializzato. Quindi il processo di alimentazione consiste nell estrarre i dati dai due database sorgenti e di alimentare gli schemi a stella. Per svolgere questa operazione sono state effettuate delle trasformazioni utilizzando il tool ETL Pentaho Kettle. La Figura 18,la Figura 19 e la Figura 20 mostrano le trasformazioni eseguite con Kettle Trasformazione relativa allo schema corso_libro" Figura 13: Trasformazione relativa al fatto corso_libro in spoon Di seguito si riportano alcuni dei codici SQL utilizzati per le query necessarie per questa trasformazione. Table input corso_libro : SELECT FROM WHERE studente.nome as 'nome_studente', studente.cognome as 'cognome_studente', studente.matricola, corso.nome as 'corso', libro.titolo as 'libro', libro.autore as 'autore_libro', frequenza.data_inizio as 'data_inizio_corso' studente,libro,frequenza,corso studente.cf = frequenza.cf_studente && frequenza.id_corso = corso.id_corso && corso.id_libro = libro.id_libro 15

16 Table input studente_libro : SELECT studente.nome as 'nome_studente', studente.cognome as 'cognome_studente', studente.matricola as 'matricola2', libro.titolo as 'titolo_libro2', libro.autore as 'autore_libro2', prestito.data_inizio as "data_prestito", frequenza.data_fine as 'data_fine_corso' FROM studente,libro,prestito WHERE prestito.id_libro = libro.id_libro && prestito.id_studente = studente.cf La funzione di join rows unisce le tables input seguendo le seguenti condizioni: libro = titolo_libro2 AND matricola = matricola2 AND data_inizio_corso <= data_prestito data_fine_corso > data_prestito AND Il motivo per il quale vengono utilizzate la terza e la quarta condizione è relativa al fatto che un libro per essere preso in considerazione nell'analisi deve essere preso in prestito da uno studente nel periodo in cui sta seguendo il corso che utilizza il libro in questione, altrimenti l'informazione potrebbe essere non relativa a quanto effettivamente si sta analizzando. 16

17 3.4.2 Trasformazione relativa allo schema esame_libro" Figura 14: Trasformazione relativa al fatto esame_libro in spoon Table input Studente_Esame : SELECT FROM WHERE studente.nome as 'nome_studente', studente.cognome as 'cognome_studente', studente.matricola, corso.nome as 'esame', esame.data, libro.titolo as 'libro2', libro.autore as 'autore_libro2' studente, libro, esame,corso studente.cf = esame.id_studente && corso.id_corso = esame.id_corso && corso.id_libro = libro.id_libro Table input Studente_Libro : SELECT studente.nome as 'nome_studente', studente.cognome as 'cognome_studente', studente.matricola as 'matricola2', libro.titolo as 'titolo_libro', libro.autore as 'autore_libro', prestito.data_inizio as 'data_prestito' FROM studente, libro, prestito WHERE prestito.id_libro = libro.id_libro && prestito.id_studente = studente.cf Anche in questo caso il join rows effettua un controllo temporale per verificare che il superamento dell'esame avvenga dopo che lo studente abbia preso in prestito il libro relativo al corso in questione. 17

18 3.5 Design degli schemi con Pentaho Schema Workbench Per creare gli schemi dei fatti corso_libro e esame_libro è stato usato il software "Pentaho Scheme Workbench". Per ogni singolo fatto sono stati creati lo schema e il cubo e sono state specificate le relative tabelle dei fatti precedentemente create con Kettle, sono state selezionate le dimensioni del cubo con la relativa gerarchia precedentemente create da Kittle, ed in seguito aggiunte le misure di interesse per il fatto; infine è stato necessario definire i vari livelli delle gerarchie. Le figure seguenti mostrano gli schemi creati in Pentaho Schema Workbench Figure 15 e 16: Creazione dei fatti corso_libro e esame_libro in Schema Workbench 18

19 3.6 Livello di analisi La fase successiva per realizzare un datawarehouse consiste nel pubblicare i cubi creati attraverso il software "Pentaho Schema Workbench" attraverso PentahoBI Server. Per ottenere informazioni utili e di comprensione immediata sono stati creati grafici utilizzando JPivot. Di seguito vengono riportate le informazioni ed i grafici ottenuti attraverso l'utilizzo di questi software Analisi del fatto corso_libro" Le figure 17, 18 e 19 mostrano gli studenti che hanno usufruito dei servizi bibliotecari e il numero di libri presi in prestito ed utilizzati in corsi che hanno frequentato. Figura 17: numero di libri presi in prestito 19

20 Figura 18: grafico relativo agli studenti e alla quantità di libri presi in prestito Figura 19: Pie chart relativo agli studenti e alla quantità di libri presi in prestito 20

21 Le figure 20 e 21 mostrano i corsi ed il numero di studenti che hanno preso in prestito i relativi libri. Figura 20: Grafico relativo ai corsi e alla quantità di libri presi in prestito Figura 21: Pie chart relativo ai corsi e alla quantità di libri presi in prestito 21

22 La figura 22 mostra i libri presi in prestito e per ciascun libro gli studenti che hanno ricevuto il prestito (vedi legenda). Figura 22: numero di libri prestati con studenti che hanno ricevuto il prestito 22

23 3.6.2 Analisi del fatto esame_libro" Le figure 23 e 24 mostrano gli studenti che hanno usufruito dei prestiti dei libri, ed il numero di esami che hanno superato avendo preso in prestito il relativo libro. Figura 23: numero esami superati avendo preso in prestito il libro Figura 24: Pie chart della quantità di esami superati per ogni studente 23

24 La figura 25 mostra gli esami superati da studenti che hanno usufruito dei prestiti dei libri della biblioteca, inoltre per ogni esame vengono visualizzati gli studenti che lo hanno superato. Figura 25: Esami superati e relativi studenti 24

25 Le figure 26 e 27 mostrano gli esami superati, con l'utilizzo dei libri della biblioteca, nel 2011 e nel Figura 26: Esami superati nel 2011 Figura 27: Esami superati nel

26 La figura 28 mostra i periodi (Anno.Mese) nei quali avvengono i superamenti degli esami (e la quantità di esami superati). Figura 28: Pie chart dei mesi in cui vengono superati gli esami La figura 29 mostra le stesse informazioni temporali della figura precedente, ma dettaglia anche l'esame che è stato superato e la quantità di studenti che lo hanno superato. Figura 29: Periodo di superamento degli esami e quantità di studenti che hanno superato l'esame 26

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

Il caso StraSport (tratto da: Golfarelli, Rizzi. Data Warehouse. Teoria e pratica della progettazione. McGraw-Hill)

Il caso StraSport (tratto da: Golfarelli, Rizzi. Data Warehouse. Teoria e pratica della progettazione. McGraw-Hill) Il caso StraSport (tratto da: Golfarelli, Rizzi. Data Warehouse. Teoria e pratica della progettazione. cgraw-hill) Progettazione concettuale Scelta dei fatti: Fatto ORDINATO FATTURATO BUDGET Relazione

Dettagli

Esercitazione su SQL

Esercitazione su SQL Esercizio 1. Esercitazione su SQL Si consideri la base di dati relazionale composta dalle seguenti relazioni: impiegato Matricola Cognome Stipendio Dipartimento 101 Sili 60 NO 102 Rossi 40 NO 103 Neri

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Progettazione di Database

Progettazione di Database Progettazione di Database Progettazione Concettuale: strutturazione della realtà che si vuole rappresentare secondo uno schema concettuale Dallo schema concettuale si ricava lo schema del database relazionale

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

1) Sono fuori dai termini per cancellare/prenotare un esame, come posso rimediare?

1) Sono fuori dai termini per cancellare/prenotare un esame, come posso rimediare? 1) Sono fuori dai termini per cancellare/prenotare un esame, come posso rimediare? 2) Non ho prenotato, posso chiedere al docente di sostenere ugualmente l'esame? 3) La regola dell'appello alternato vale

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Basi di Da( Presentazione del corso

Basi di Da( Presentazione del corso Basi di Da( Presentazione del corso Basi di Da( Prof. Riccardo Martoglia E- mail: riccardo.martoglia@unimo.it Home page del corso: h4p://www.isgroup.unimo.it/corsi/bda: 2 Basi di Dati - Presentazione del

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Art. 1 Oggetto Il presente modulo di assunzione di responsabilità (di seguito

Dettagli

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Riccardo Torlone Parte 6: Potenza espressiva del calcolo Calcolo su domini, discussione Pregi: dichiaratività Difetti: "verbosità": tante variabili! espressioni

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo.

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. Le risposte negative vengono memorizzate con i valori 1 e 2. Le risposte positive

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence Breve panoramica sulla Business Intelligence con software Open Source Roberto Marchetto, 14 Gennaio 2009 L'articolo ed eventuali commenti sono disponibili su www.robertomarchetto.com (Introduzione) Il

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture SUA-RD - NOTE TECNICHE PER L UTILIZZO DELL INTERFACCIA Utenze abilitate alla compilazione della scheda SUA-RD: - Ateneo - Strutture (Dipartimenti/Facoltà) - Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

IT FOR BUSINESS AND FINANCE

IT FOR BUSINESS AND FINANCE IT FOR BUSINESS AND FINANCE Business Intelligence Siena 14 aprile 2011 AGENDA Cos è la Business Intelligence Terminologia Perché la Business Intelligence La Piramide Informativa Macro Architettura Obiettivi

Dettagli

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1 versione 1.1 per lo svolgimento dei progetti didattici Corso di Laboratorio di Programmazione II Prof. Luca Forlizzi Anno Accademico 2004-2005 GENERALITÀ...3 Scopo del documento...3 Struttura del documento...3

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi Analisi per tutti Considerazioni principali Soddisfare le esigenze di una vasta gamma di utenti con analisi semplici e avanzate Coinvolgere le persone giuste nei processi decisionali Consentire l'analisi

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo stituto Tecnico Statale Commerciale Dante Alighieri Cerignola (FG) Dispense di nformatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS Dal Problema all'algoritmo Pr.: 001 Ver.:1.0 Autore: prof. Michele Salvemini

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Grandi dimensioni e dimensioni variabili

Grandi dimensioni e dimensioni variabili Grandi dimensioni e dimensioni variabili aprile 2012 1 Questo capitolo studia alcuni ulteriori aspetti importanti e caratteristici della gestione delle dimensioni in particolare, delle grandi dimensioni

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 Database, SQL & MySQL Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 1 Struttura RDBMS MYSQL - RDBMS DATABASE TABELLE 2 Introduzione ai DATABASE Database Indica in genere un insieme di dati rivolti alla rappresentazione

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Gli asteroidi. Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it

Gli asteroidi. Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it Esempio sull'utilizzo dell'osservatorio Virtuale Gli asteroidi Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it Distribuzione degli asteroidi Il Sistema Solare è composto

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Note sull utilizzo del PC-DMIS

Note sull utilizzo del PC-DMIS Note sull utilizzo del PC-DMIS Sommario 1. Definizione e qualifica di tastatori a stella (esempio su configurazione con attacco M2)...3 2. Dimensione Angolo...4 3. Nascondere componenti della configurazione

Dettagli

SQL. Dipartimento del Tesoro

SQL. Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro SQL 1 Database...4 1.1 COS È UN DATABASE...4 1.2 DAGLI ARCHIVI AI DBMS...5 1.3 VANTAGGI OFFERTI DAI DBMS...6 1.4 INDIPENDENZA DEI DATI DALL APPLICAZIONE...7 1.5 RISERVATEZZA NELL

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Laboratorio

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione Analisi del dominio: i sistemi per la localizzazione Definizione e implementazione del framework e risultati sperimentali e sviluppi futuri Tecniche di localizzazione Triangolazione Analisi della scena

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA 1. I PROBLEMI E LA LORO SOLUZIONE DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA L'uomo, per affrontare gli innumerevoli problemi postigli dallo sviluppo della civiltà, si è avvalso della scienza e della tecnica, i cui destini

Dettagli

Seconda Prova di Ricerca Operativa. Cognome Nome Numero Matricola A 1/12 A 2/12

Seconda Prova di Ricerca Operativa. Cognome Nome Numero Matricola A 1/12 A 2/12 A / A / Seconda Prova di Ricerca Operativa Cognome Nome Numero Matricola Nota: LA RISOLUZIONE CORRETTA DEGLI ESERCIZI CONTRADDISTINTI DA UN ASTERISCO È CONDIZIONE NECESSARIA PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLA

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto " ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA L'UNIVERSITA' DI SCIENZE GASTRONOMICHE E L'UNIVERSIT A' DEGLI STUDI DI TORINO. L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con sede legale

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli