Università degli Studi di Salerno Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Salerno Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali"

Transcript

1 Università degli Studi di Salerno Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Base Di Dati II Anno accademico 2011/2012 Progettazione di un Data mart per l'analisi dei servizi bibliotecari universitari Candidati Gianluca Carbone Matr Michele D Avino Matr Loris D Avanzo Matr

2 Indice 1. Il Dominio Applicativo Pianificazione del Data Warehouse Il Data Mart Analisi e Riconciliazione delle Fonti Dati Ricognizione Normalizzazione Integrazione Progettazione concettuale Fatto Corso Libro Fatto Esame Libro Progettazione logica Progettazione dell'alimentazione Trasformazione relativa allo schema "Corso Libro" Trasformazione relativa allo schema "Esame Libro" Design degli schemi con Pentaho Schema Workbench Livello di Analisi Analisi del cubo relativo al fatto "Corso Libro" Analisi del cubo relativo al fatto "Easme Libro"

3 1. Il Dominio Applicativo I database presi in esame sono due: il primo database si occupa della gestione delle biblioteche di un università, mentre il secondo contiene informazioni riguardanti la gestione degli studenti dell università. Per quanto riguarda il primo database, è possibile gestire tutte le operazioni che riguardano le biblioteche, dalla gestione del personale, alla gestione della disponibilità dei libri e la gestione del prestito degli stessi. Al momento di un nuovo prestito da parte dello studente, devono essere inserite tutte le informazioni riguardo lo studente e il libro preso in prestito aggiornando le relative quantità presenti in biblioteca. Dati principali sono anche la data di inizio e di fine del prestito. E possibile inserire un nuovo dipendente inserendo tutte le informazioni riguardanti ad esso. Per quanto riguarda il secondo database, vengono gestite tutte le informazioni che riguardano il percorso universitario di uno studente. All interno del database vengono elaborate tutte le informazioni riguardo gli studenti, gli esami superati, i corsi, e i docenti e i libri relativi ad un corso. Particolare importanza hanno le informazioni riguardo la frequenza degli studenti ai corsi; il professore assegnato al corso, la quantità di studenti che supera un determinato esame; le date di inizio e fine dei corsi. Ecco un elenco dei rispettivi ambiti applicativi: La gestione delle biblioteche Registrazione di una nuova biblioteca Registrazione di un nuovo libro Registrazione degli impiegati assunti da una biblioteca Registrazione degli studenti che effettuano un prestito Catalogo dei libri disponibili La gestione degli studenti Registrazione di un nuovo studente Registrazione del professore associato ad un corso Frequenza degli studenti ai corsi Registrazione di un libro utilizzato in un particolare corso Registrazione di un nuovo esame superato da un professore L'ambito applicativo dei due database studiati è, dunque, molto diverso; tuttavia vi sono delle importanti informazioni che li accomunano, che nello specifico riguardano gli studenti dell'università (che possono anche essere clienti della biblioteca) e i libri utilizzati per l'insegnamento nei corsi (tali libri potrebbero essere reperiti in biblioteca dagli studenti). 3

4 2. Pianificazione del Data Warehouse Nella Figura seguente è possibile osservare le fasi di progettazione del datawarehouse sviluppato, inoltre sono descritte anche le fasi di progettazione e gli strumenti software utilizzati. In seguito verranno descritte nel dettaglio le fasi del progetto. Figura 1: Schema del Data Warehouse 4

5 3. Il Data Mart 3.1 Analisi e Riconciliazione delle Fonti Dati Ricognizione Il sistema informativo in questione è gestito attraverso un approccio in cui vengono elaborati due distinti database relazionali: il primo, che chiameremo DB gestione_studenti, contenente i dati relativi agli studenti, ai docenti che insegnano un corso, alla frequenza ai corsi, al libro utilizzato nel corso e agli esami superati dagli studenti. Il secondo database, DB gestione_biblioteche, si occupa della registrazione dei dati degli studenti che effettuano un prestito, la registrazione dei dati dei dipendenti e l aggiornamento della disponibilità dei libri all interno delle biblioteche. La tabella 1 e la tabella 2 elencano le relazioni presenti nei due database. Nome relazione Descrizione Biblioteca Dati relativi ad una biblioteca dell ateneo Libro Dati relativi ai libri Dipendente Dati relativi ai dipendenti della biblioteca Studente Dati relativi allo studente che effettua il prestito Tabella 1 - Relazioni nel DB gestione_biblioteche Nome relazione Descrizione Studente Dati relativi agli studenti iscritti all università Esame Dati relativi agli studenti che superano un esame Docente Dati relativi ad un docente Corso Dati relativi ad un corso sostenuto da un docente Libro Dati relativi al libro utilizzato in un corso Tabella 2 - Relazioni nel DB gestione_studenti 5

6 3.1.2 Normalizzazione A partire dagli schemi logici delle relazioni, ricaviamo lo schema Entity/Relationship delle due basi di dati attraverso un processo di reverse engineering. Gli schemi ottenuti sono riportati in Figura 2 e in Figura 3. figura 2: Schema delle tabelle SQL e schema del diagramma ER del db gestione_studenti 6

7 Figura 3:Schema delle tabelle SQL e Schema ER del DB gestione_biblioteche 7

8 È stata individuata una porzione dello schema rappresentato in figura 3 non utile per il Data mart; in particolare tale porzione riguarda l'entità DIPENDENTE le cui informazioni risultano essere futili al fine della creazione del Data mart e per la successiva fase di analisi che riguarderà per lo più i dati relativi agli studenti, ai libri e agli esami sostenuti. Si è deciso invece di mantenere le informazioni riguardanti le biblioteche, i corsi e i docenti, ritenendole opportune all'interno del contesto applicativo Integrazione È ora possibile procedere alla fase di integrazione. Per integrare gli schemi è necessario scegliere la tecnica di integrazione, ma dal momento che sono solo due gli schemi da integrare, la scelta ricade sulla tecnica di integrazione binaria. Per quanto riguarda invece i possibili conflitti riscontrabili durante la fase di integrazione, si procede come descritto in seguito: La comparazione tra i due schemi evidenzia i seguenti conflitti : Nello schema 1 (Gestione Biblioteche) sono presenti tutti gli studenti che hanno effettuato il prestito di almeno un libro presso una biblioteca, mentre nello schema 2 (Gestione Studenti) sono archiviati tutti gli studenti dell ateneo, anche quelli a cui non associato nessun prestito. Da notare che nello schema 2 è possibile avere studenti che non sono contenuti nello schema 1. Nello schema 1 (Gestione Biblioteche) sono presenti tutti i libri presenti in almeno una biblioteca, mentre nello schema 2 (Gestione Studenti) sono archiviati tutti i libri utilizzati nei relativi corsi dell ateneo (uno al massimo per ogni corso). Nello schema 1 possono essere presenti libri che non sono contenuti nello schema 2 (e viceversa). La metodologia di integrazione utilizzata prevede l allineamento dei due schemi, ossia la soluzione dei conflitti in essi presenti. Nonostante la politica di integrazione preveda una risoluzione dei conflitti che minimizzi le restrizioni sulle informazioni, per migliorare l'analisi successiva del Data mart viene svolta una fase di integrazione che sintetizza le informazioni con quelle che effettivamente verranno elaborate. In particolare le decisioni prese vengono motivate di seguito: Gli studenti che hanno usufruito dei servizi delle biblioteche sono solo una parte di tutti quelli dell ateneo, ma l'associazione tra STUDENTE e PRESTITO rimane non opzionale perché la progettazione del Data mart prevede per l'appunto un'analisi sugli studenti che hanno preso in prestito almeno un libro relativo ad almeno un corso che frequentano o che hanno frequentato (per cui la relazione FREQUENTA diventa non opzionale). Lo stesso discorso vale per le altre associazioni interessate nella fase di 8

9 integrazione, in particolare quelle tra l'entità LIBRO e le entità UTILIZZA e CATALOGO: bisogna considerare i libri utilizzati nei corsi che sono presenti nella biblioteca. Inoltre gli attributi area_didattica e materia riguardanti l'entità LIBRO che sono presenti nel DB gestione_biblioteche, ma non nel db gestione_studenti; vengono mantenuti nel database globale riconciliato, il loro uso potrebbe riguardare operazioni di aggregazione. I due schemi allineati possono quindi essere fusi sovrapponendo i concetti comuni (le entità STUDENTE e LIBRO): Figura 4: Diagramma ER del database riconciliato 9

10 3.2.2 Fatto corso_libro La possibile interrogazione può essere: Quantità di studenti che hanno preso in prestito un determinato libro relativo ad un determinato corso. Gli studenti ed i libri che vengono presi in considerazione sono quelli memorizzati sia nel database gestione_biblioteche che nel database gestione_esami. Per la creazione dell'albero degli attributi è stato scelto di partire dalla relazione FREQUENTA, per cui vi è una fase iniziale di reificazione relativa appunto a tale relazione. La Figura 5 mostra la trasformazione relativa alla reificazione di FREQUENTA e il successivo albero degli attributi costruito per lo schema del fatto in questione. Il nodo radice dell albero degli attributi è (id_corso,matricola_studente) (chiave dell'entità FREQUENZA) ed è colorato in giallo. Figura 5: Reificazione di FREQUENTA e Albero degli attributi per il fatto corso_libro 10

11 Per quanto riguarda la fase di potatura, vi è un innesto del nodo id_corso (grana temporale) è vengono potati i nodi che risultano essere irrilevanti per la successiva fase di analisi. L'albero degli attributi potato viene mostrato in figura 6. Figura 6: Albero degli attributi potato per il fatto corso_libro Vengono scelte come dimensioni per lo schema del fatto corso_libro i figli della radice id_corso, quindi il nome del corso e ed il nome del libro, inoltre nello schema del fatto viene inserita manualmente anche la dimensione matricola (con i relativi attributi descrittivi) per rappresentare gli studenti. Essendo vuoto lo schema di fatto, la dimensione matricola non avrà l'arco multiplo entrante. Nella figura 7 viene riportato lo schema del fatto risultante: Figura 7: Schema del fatto corso_libro 11

12 3.2.1 Fatto esame_libro La possibile interrogazione può essere: Quantità di studenti che in una specifica data hanno superato un particolare esame avendo preso in prestito il libro del corso relativo. Anche in questo caso gli studenti ed i libri che vengono presi in considerazione sono quelli memorizzati sia nel database gestione_biblioteche che nel database gestione_esami. La Figura 5 mostra l albero degli attributi per lo schema del fatto in questione. Il nodo radice dell albero è id_esame (chiave dell'entità ESAME) ed è colorato in giallo. Figura 8: Albero degli attributi per il fatto esame_libro La fase di potatura è simile alla potatura precedente, anche qui avviene l'innesto riguardante il nodo id_corso che porta il nodo id_libro ad essere figlio di id_esame. L'albero degli attributi potato viene mostrato in figura 9. Figura 9: Albero degli attributi potato per il fatto esame_libro 12

13 Vengono scelte come dimensioni per lo schema del fatto esame_libro i figli della radice id_esame, quindi il nome del corso, il nome del libro, la matricola dello studente e la data (rappresentata tramite la gerarchia giorno, mese anno). Nella figura 10 viene riportato lo schema del fatto risultante: Figura 10: Schema del fatto esame_libro 13

14 3.3 Progettazione logica A livello logico si opta per l'utilizzo dello schema a stella per ciascuno degli schemi di fatto descritti in 3.2 Le figure sotto riportate rappresentano gli schemi a stella per i fatti individuati. Figura 11: Schema a stella per il fatto corso_libro Figura 12: Schema a stella per il fatto esame_libro 14

15 3.4 Progettazione dell'alimentazione Per quanto riguarda l alimentazione dei dati mart, bisogna considerare che non è presente un livello riconciliato,cioè il database riconciliato non è stato materializzato. Quindi il processo di alimentazione consiste nell estrarre i dati dai due database sorgenti e di alimentare gli schemi a stella. Per svolgere questa operazione sono state effettuate delle trasformazioni utilizzando il tool ETL Pentaho Kettle. La Figura 18,la Figura 19 e la Figura 20 mostrano le trasformazioni eseguite con Kettle Trasformazione relativa allo schema corso_libro" Figura 13: Trasformazione relativa al fatto corso_libro in spoon Di seguito si riportano alcuni dei codici SQL utilizzati per le query necessarie per questa trasformazione. Table input corso_libro : SELECT FROM WHERE studente.nome as 'nome_studente', studente.cognome as 'cognome_studente', studente.matricola, corso.nome as 'corso', libro.titolo as 'libro', libro.autore as 'autore_libro', frequenza.data_inizio as 'data_inizio_corso' studente,libro,frequenza,corso studente.cf = frequenza.cf_studente && frequenza.id_corso = corso.id_corso && corso.id_libro = libro.id_libro 15

16 Table input studente_libro : SELECT studente.nome as 'nome_studente', studente.cognome as 'cognome_studente', studente.matricola as 'matricola2', libro.titolo as 'titolo_libro2', libro.autore as 'autore_libro2', prestito.data_inizio as "data_prestito", frequenza.data_fine as 'data_fine_corso' FROM studente,libro,prestito WHERE prestito.id_libro = libro.id_libro && prestito.id_studente = studente.cf La funzione di join rows unisce le tables input seguendo le seguenti condizioni: libro = titolo_libro2 AND matricola = matricola2 AND data_inizio_corso <= data_prestito data_fine_corso > data_prestito AND Il motivo per il quale vengono utilizzate la terza e la quarta condizione è relativa al fatto che un libro per essere preso in considerazione nell'analisi deve essere preso in prestito da uno studente nel periodo in cui sta seguendo il corso che utilizza il libro in questione, altrimenti l'informazione potrebbe essere non relativa a quanto effettivamente si sta analizzando. 16

17 3.4.2 Trasformazione relativa allo schema esame_libro" Figura 14: Trasformazione relativa al fatto esame_libro in spoon Table input Studente_Esame : SELECT FROM WHERE studente.nome as 'nome_studente', studente.cognome as 'cognome_studente', studente.matricola, corso.nome as 'esame', esame.data, libro.titolo as 'libro2', libro.autore as 'autore_libro2' studente, libro, esame,corso studente.cf = esame.id_studente && corso.id_corso = esame.id_corso && corso.id_libro = libro.id_libro Table input Studente_Libro : SELECT studente.nome as 'nome_studente', studente.cognome as 'cognome_studente', studente.matricola as 'matricola2', libro.titolo as 'titolo_libro', libro.autore as 'autore_libro', prestito.data_inizio as 'data_prestito' FROM studente, libro, prestito WHERE prestito.id_libro = libro.id_libro && prestito.id_studente = studente.cf Anche in questo caso il join rows effettua un controllo temporale per verificare che il superamento dell'esame avvenga dopo che lo studente abbia preso in prestito il libro relativo al corso in questione. 17

18 3.5 Design degli schemi con Pentaho Schema Workbench Per creare gli schemi dei fatti corso_libro e esame_libro è stato usato il software "Pentaho Scheme Workbench". Per ogni singolo fatto sono stati creati lo schema e il cubo e sono state specificate le relative tabelle dei fatti precedentemente create con Kettle, sono state selezionate le dimensioni del cubo con la relativa gerarchia precedentemente create da Kittle, ed in seguito aggiunte le misure di interesse per il fatto; infine è stato necessario definire i vari livelli delle gerarchie. Le figure seguenti mostrano gli schemi creati in Pentaho Schema Workbench Figure 15 e 16: Creazione dei fatti corso_libro e esame_libro in Schema Workbench 18

19 3.6 Livello di analisi La fase successiva per realizzare un datawarehouse consiste nel pubblicare i cubi creati attraverso il software "Pentaho Schema Workbench" attraverso PentahoBI Server. Per ottenere informazioni utili e di comprensione immediata sono stati creati grafici utilizzando JPivot. Di seguito vengono riportate le informazioni ed i grafici ottenuti attraverso l'utilizzo di questi software Analisi del fatto corso_libro" Le figure 17, 18 e 19 mostrano gli studenti che hanno usufruito dei servizi bibliotecari e il numero di libri presi in prestito ed utilizzati in corsi che hanno frequentato. Figura 17: numero di libri presi in prestito 19

20 Figura 18: grafico relativo agli studenti e alla quantità di libri presi in prestito Figura 19: Pie chart relativo agli studenti e alla quantità di libri presi in prestito 20

21 Le figure 20 e 21 mostrano i corsi ed il numero di studenti che hanno preso in prestito i relativi libri. Figura 20: Grafico relativo ai corsi e alla quantità di libri presi in prestito Figura 21: Pie chart relativo ai corsi e alla quantità di libri presi in prestito 21

22 La figura 22 mostra i libri presi in prestito e per ciascun libro gli studenti che hanno ricevuto il prestito (vedi legenda). Figura 22: numero di libri prestati con studenti che hanno ricevuto il prestito 22

23 3.6.2 Analisi del fatto esame_libro" Le figure 23 e 24 mostrano gli studenti che hanno usufruito dei prestiti dei libri, ed il numero di esami che hanno superato avendo preso in prestito il relativo libro. Figura 23: numero esami superati avendo preso in prestito il libro Figura 24: Pie chart della quantità di esami superati per ogni studente 23

24 La figura 25 mostra gli esami superati da studenti che hanno usufruito dei prestiti dei libri della biblioteca, inoltre per ogni esame vengono visualizzati gli studenti che lo hanno superato. Figura 25: Esami superati e relativi studenti 24

25 Le figure 26 e 27 mostrano gli esami superati, con l'utilizzo dei libri della biblioteca, nel 2011 e nel Figura 26: Esami superati nel 2011 Figura 27: Esami superati nel

26 La figura 28 mostra i periodi (Anno.Mese) nei quali avvengono i superamenti degli esami (e la quantità di esami superati). Figura 28: Pie chart dei mesi in cui vengono superati gli esami La figura 29 mostra le stesse informazioni temporali della figura precedente, ma dettaglia anche l'esame che è stato superato e la quantità di studenti che lo hanno superato. Figura 29: Periodo di superamento degli esami e quantità di studenti che hanno superato l'esame 26

Pianificazione del data warehouse

Pianificazione del data warehouse Pianificazione del data warehouse Dalla pianificazione emergono due principali aree d interesse: area commerciale focalizzata sulle agenzie di vendita e area marketing concentrata sulle vendite dei prodotti.

Dettagli

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. di Laurea in Matematica di Informatica Generale 1 Linguaggio SQL Marco (liverani@mat.uniroma3.it) Sommario Prima parte: le basi dati relazionali Basi di dati:

Dettagli

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI Prof. Ciaschetti Introduzione e prime definizioni Una Base di dati o Database è un archivio elettronico opportunamente organizzato per reperire in modo efficiente

Dettagli

13. Datawarehouse (parte 2) Analisi e riconciliazione delle fonti dati progettista amministratori dei database modello a tre livelli

13. Datawarehouse (parte 2) Analisi e riconciliazione delle fonti dati progettista amministratori dei database modello a tre livelli 13. Datawarehouse (parte 2) Analisi e riconciliazione delle fonti dati Questa fase richiede di definire e documentare lo schema del livello dei dati operazionali, a partire dal quale verrà alimentato il

Dettagli

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB MODULO 5 DATA BASE MODULO 5 - DATA BASE 1 PROGRAMMA Introduzione: concetti generali di teoria Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB Utilizzo di Access pratica sulla creazione e l utilizzo

Dettagli

Dominio applicativo. Analisi e ricognizione delle fonti dati

Dominio applicativo. Analisi e ricognizione delle fonti dati Dominio applicativo La Società chiamata StraSport, si occupa di vendite all ingrosso di articoli sportivi. Ha agenzie distribuite sul territorio italiano che gestiscono le vendite, ognuna di esse gestisce

Dettagli

ESEMPIO: RITARDI & BIGLIETTI

ESEMPIO: RITARDI & BIGLIETTI ESEMPIO: RITARDI & BIGLIETTI Fatto Ritardi: l analisi a livello volo giornaliero, considerando l aeroporto di partenza, la città e lo stato di arrivo e la compagnia Fatto Biglietti: l analisi deve considerare

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

SQL Server BI Development Studio

SQL Server BI Development Studio Il Data warehouse SQL Server Business Intelligence Development Studio Analysis Service Sorgenti dati operazionali DB relazionali Fogli excel Data warehouse Staging Area e dati riconciliati Cubi Report

Dettagli

Data warehousing con SQL Server

Data warehousing con SQL Server Data warehousing con SQL Server SQL Server è un RDBMS (Relational DataBase Management System) Analysis Services è un componente di SQL Server che offre un insieme di funzionalità di supporto al data warehousing

Dettagli

M733 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO

M733 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M733 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: PROGRAMMATORI Tema di: INFORMATICA GENERALE

Dettagli

Esame di stato 2004 Portfolio studente

Esame di stato 2004 Portfolio studente Esame di stato 2004 Portfolio studente Traccia Il Dirigente Scolastico di una Scuola Secondaria Superiore chiede che si realizzi una base di dati per l'archiviazione e la gestione di informazioni riguardanti

Dettagli

Data warehousing con SQL Server

Data warehousing con SQL Server Data warehousing con SQL Server! SQL Server è un RDBMS (Relational DataBase Management System)! Analysis Services è un componente di SQL Server che offre un insieme di funzionalità di supporto al data

Dettagli

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Roccatello Ing. Eduard L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Agenda Presentazione docente Definizione calendario Questionario pre corso

Dettagli

Gli operatori relazionali

Gli operatori relazionali Gli operatori relazionali Agiscono su una o più relazioni per ottenere una nuova relazione (servono a realizzare le interrogazioni sul database) Ci sono tre operazioni fondamentali per i database relazionali:

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno. Programmazione Disciplinare: INFORMATICA Classe: V. Anno scolastico 2014-2015

Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno. Programmazione Disciplinare: INFORMATICA Classe: V. Anno scolastico 2014-2015 Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: INFORMATICA Classe: V I Docenti della Disciplina Salerno, lì 20 settembre 2014 Finalità della Disciplina: Mettere lo studente

Dettagli

Data Warehousing (DW)

Data Warehousing (DW) Data Warehousing (DW) Il Data Warehousing è un processo per estrarre e integrare dati storici da sistemi transazionali (OLTP) diversi e disomogenei, e da usare come supporto al sistema di decisione aziendale

Dettagli

Lorenzo Braidi. Database design. Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17

Lorenzo Braidi. Database design. Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17 Lorenzo Braidi Database design Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17 Sommario Introduzione...XI Capitolo 1 Le basi di dati relazionali... 1 Le basi di dati... 1 Un po di storia... 2 I database gerarchici...

Dettagli

Azione Formativa B2.1 - "Data Warehousing e OLAP"

Azione Formativa B2.1 - Data Warehousing e OLAP Azione formazione OpenKnowTech, Laboratorio di Tecnologie Open Source per la Integrazione, Gestione e Distribuzione di Dati, Processi e Conoscenze Azione Formativa B2.1 - "Data Warehousing e OLAP" Gestione

Dettagli

Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica.

Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica. Progettazione logica Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica. La progettazione logica è basata su un particolare modello logico dei

Dettagli

Stefania Marrara - Esercitazioni di Tecnologie dei Sistemi Informativi. Integrazione di dati di sorgenti diverse

Stefania Marrara - Esercitazioni di Tecnologie dei Sistemi Informativi. Integrazione di dati di sorgenti diverse Politecnico di Milano View integration 1 Integrazione di dati di sorgenti diverse Al giorno d oggi d la mole di informazioni che viene gestita in molti contesti applicativi è enorme. In alcuni casi le

Dettagli

Basi di Dati Complementi Esercitazione su Data Warehouse

Basi di Dati Complementi Esercitazione su Data Warehouse Sommario Basi di Dati Complementi Esercitazione su Data Warehouse 1. Riassunto concetti principali dalle slide della lezione di teoria 2.Studio di caso : progettazione di un Data Warehouse di una catena

Dettagli

Data warehousing Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011

Data warehousing Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011 Data warehousing Introduzione A partire dagli anni novanta è risultato chiaro che i database per i DSS e le analisi di business intelligence vanno separati da quelli operazionali. In questa lezione vedremo

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AVANZATI -2010/2011 1. Introduzione

SISTEMI INFORMATIVI AVANZATI -2010/2011 1. Introduzione SISTEMI INFORMATIVI AVANZATI -2010/2011 1 Introduzione In queste dispense, dopo aver riportato una sintesi del concetto di Dipendenza Funzionale e di Normalizzazione estratti dal libro Progetto di Basi

Dettagli

Volumi di riferimento

Volumi di riferimento Simulazione seconda prova Esame di Stato Gestione di un centro agroalimentare all ingrosso Parte prima) Un nuovo centro agroalimentare all'ingrosso intende realizzare una base di dati per l'attività di

Dettagli

Esame di Stato Istituto Tecnico Industriale Soluzione della Seconda Prova Indirizzo: INFORMATICA Tema: INFORMATICA Anno Scolastico: 2002-2003

Esame di Stato Istituto Tecnico Industriale Soluzione della Seconda Prova Indirizzo: INFORMATICA Tema: INFORMATICA Anno Scolastico: 2002-2003 Esame di Stato Istituto Tecnico Industriale Soluzione della Seconda Prova Indirizzo: INFORMATICA Tema: INFORMATICA Anno Scolastico: 2002-2003 Il primo punto richiede l analisi e lo sviluppo del progetto

Dettagli

SQL Server. Applicazioni principali

SQL Server. Applicazioni principali SQL Server Introduzione all uso di SQL Server e utilizzo delle opzioni OLAP Applicazioni principali SQL Server Enterprise Manager Gestione generale di SQL Server Gestione utenti Creazione e gestione dei

Dettagli

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R:

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Si consiglia di creare il data base, inserire i dati nelle tabelle, provare

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI Anno scolastico 2014/2015 Classe: 5^A inf Prof.ssa C. Lami Prof. S. Calugi Materia: INFORMATICA GENERALE, APPLICAZIONI TECNICO SCIENTIFICHE

Dettagli

Corso di Laboratorio di Basi di Dati

Corso di Laboratorio di Basi di Dati Corso di Laboratorio di Basi di Dati F1I072 - INF/01 a.a 2009/2010 Pierluigi Pierini Technolabs S.p.a. Pierluigi.Pierini@technolabs.it Università degli Studi di L Aquila Dipartimento di Informatica Technolabs

Dettagli

Cultura Tecnologica di Progetto

Cultura Tecnologica di Progetto Cultura Tecnologica di Progetto Politecnico di Milano Facoltà di Disegno Industriale - DATABASE - A.A. 2003-2004 2004 DataBase DB e DataBase Management System DBMS - I database sono archivi che costituiscono

Dettagli

SQL e ACCESS. Modello relazionale PROBLEMA ENTITA STUDENTE

SQL e ACCESS. Modello relazionale PROBLEMA ENTITA STUDENTE SQL e ACCESS Prof. Salvatore Multazzu (salvatoremultazzu@tiscali.it) Applicazioni Informatiche nella comunicazione Modello relazionale Entità Record o Ennuple Attributi o Campi Tipi Chiavi Primarie (PK)

Dettagli

Data warehousing Mario Guarracino Laboratorio di Sistemi Informativi Aziendali a.a. 2006/2007

Data warehousing Mario Guarracino Laboratorio di Sistemi Informativi Aziendali a.a. 2006/2007 Data warehousing Introduzione A partire dalla metà degli anni novanta è risultato chiaro che i database per i DSS e le analisi di business intelligence vanno separati da quelli operazionali. In questa

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

Database. Organizzazione di archivi mediante basi di dati. ing. Alfredo Cozzi 1

Database. Organizzazione di archivi mediante basi di dati. ing. Alfredo Cozzi 1 Database Organizzazione di archivi mediante basi di dati ing. Alfredo Cozzi 1 Il database è una collezione di dati logicamente correlati e condivisi, che ha lo scopo di soddisfare i fabbisogni informativi

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali II

Sistemi Informativi Aziendali II Modulo 2 Sistemi Informativi Aziendali II 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 2 Modulo 2 La gestione delle informazioni strutturate nell impresa: La progettazione di un Data Base; Le informazioni

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

Data Base. Prof. Filippo TROTTA

Data Base. Prof. Filippo TROTTA Data Base Definizione di DataBase Un Database può essere definito come un insieme di informazioni strettamente correlate, memorizzate su un supporto di memoria di massa, costituenti un tutt uno, che possono

Dettagli

Capitolo 13. Interrogare una base di dati

Capitolo 13. Interrogare una base di dati Capitolo 13 Interrogare una base di dati Il database fisico La ridondanza è una cosa molto, molto, molto brutta Non si devono mai replicare informazioni scrivendole in più posti diversi nel database Per

Dettagli

Misura delle prestazioni dei processi aziendali con sistemi di integrazione dati open source

Misura delle prestazioni dei processi aziendali con sistemi di integrazione dati open source Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Enzo Ferrari di Modena Corso di Laurea in Ingegneria Informatica (509/99) Misura delle prestazioni dei processi aziendali con sistemi

Dettagli

Il BACKUP è disponibile in http://www.dbgroup.unimo.it/sia/esercizio_21_novembre_2013/esercizio_21_novembre_2013.bak

Il BACKUP è disponibile in http://www.dbgroup.unimo.it/sia/esercizio_21_novembre_2013/esercizio_21_novembre_2013.bak ESEMPIO DELLE VENDITE: MISURE ED AGGREGABILITA E l esempio discusso nelle dispense è Dispense : http://www.dbgroup.unimo.it/sia/sia_2014_progettazionediundw_misure.pdf esteso e dettagliato. Il BACKUP è

Dettagli

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale Cenni sui DATABASE Cos'e' un database Un database puo' essere definito come una collezione strutturata di record (dati) I dati sono memorizzati su un computer in modo opportuno e possono essere recuperati

Dettagli

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI Istituto di Istruzione Superiore Euganeo Istituto tecnico del settore tecnologico Istituto professionale del settore servizi socio-sanitari Istituto professionale del settore industria e artigianato PROGRAMMA

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

Data warehouse. Architettura complessiva con OLTP e OLAP OLTP. Sistemi di supporto alle decisioni

Data warehouse. Architettura complessiva con OLTP e OLAP OLTP. Sistemi di supporto alle decisioni Data warehouse Data warehouse La crescita dell importanza dell analisi dei dati ha portato ad una separazione architetturale dell ambiente transazionale (OLTP on-line transaction processing) da quello

Dettagli

Basi di Dati Corso di Laura in Informatica Umanistica

Basi di Dati Corso di Laura in Informatica Umanistica Basi di Dati Corso di Laura in Informatica Umanistica Appello del 10/09/2010 Parte 1: Algebra Relazionale e linguaggio SQL Docente: Giuseppe Amato Sia dato il seguente schema di base di dati per la gestione

Dettagli

Estensioni del linguaggio SQL per interrogazioni OLAP

Estensioni del linguaggio SQL per interrogazioni OLAP Sistemi Informativi Avanzati Anno Accademico 2013/2014 Prof. Domenico Beneventano Estensioni del linguaggio SQL per interrogazioni OLAP Outline! Esempio introduttivo e motivazioni! Introduzione al modello

Dettagli

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Database Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Cos'è un database? È una struttura di dati composta da tabelle a loro volta composte da campi. Caratteristiche

Dettagli

M070 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

M070 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE A.S. 2002/2003 - SECONDA PROVA - ISTRUZIONE TECNICA M070 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Indirizzo: INFORMATICA progetto "Abacus" Tema di: INFORMATICA GENERALE E APPLICAZIONI TECNICO-SCIENTIFICHE

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei Introduzione Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei. ESEMPI DI INSIEMI DI DATI DA ORGANIZZARE ED USARE IN MANIERA EFFICIENTE Introduzione Più utenti con

Dettagli

ESEMPI DI QUERY SQL. Esempi di Query SQL Michele Batocchi AS 2012/2013 Pagina 1 di 7

ESEMPI DI QUERY SQL. Esempi di Query SQL Michele Batocchi AS 2012/2013 Pagina 1 di 7 ESEMPI DI QUERY SQL Dati di esempio... 2 Query su una sola tabella... 2 Esempio 1 (Ordinamento)... 2 Esempio 2 (Scelta di alcune colonne)... 3 Esempio 3 (Condizioni sui dati)... 3 Esempio 4 (Condizioni

Dettagli

Motore di ricerca multi-dominio basato sull'orchestrazione di servizi di ricerca esistenti

Motore di ricerca multi-dominio basato sull'orchestrazione di servizi di ricerca esistenti POLITECNICO DI MILANO V Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2009/2010 Motore di ricerca multi-dominio basato sull'orchestrazione di servizi di ricerca

Dettagli

Basi di dati. Le funzionalità del sistema non vanno però ignorate

Basi di dati. Le funzionalità del sistema non vanno però ignorate Basi di dati La progettazione di una base di dati richiede di focalizzare lo sforzo su analisi, progettazione e implementazione della struttura con cui sono organizzati i dati (modelli di dati) Le funzionalità

Dettagli

SQL. Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali. Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL:

SQL. Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali. Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL: SQL Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL: Creazione delle tabelle Interrogazione della base di dati

Dettagli

GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008

GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008 GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008 DISPENSE http://dbgroup.unimo.it/sia/gerarchiericorsive/ L obiettivo è quello di realizzare la tabella di navigazione tramite una query ricorsiva utilizzando SQL SERVER

Dettagli

Un DataBase SQL per la Henry Books

Un DataBase SQL per la Henry Books Università degli Studi di Ferrara Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Un DataBase SQL per la Henry Books Progetto di Basi di Dati di Tarin Gamberini Corso di Basi di Dati (ante riforma 3+2) Anno

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Compito DA e BD. Tempo concesso: 90 minuti 12 giugno 03 Nome: Cognome: Matricola: Esercizio 1

Compito DA e BD. Tempo concesso: 90 minuti 12 giugno 03 Nome: Cognome: Matricola: Esercizio 1 Compito DA e BD. Tempo concesso: 90 minuti 12 giugno 03 Nome: Cognome: Matricola: Esercizio 1 Si considerino le seguenti specifiche relative alla realizzazione della base di dati di una facoltà e si definisca

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Introduzione alle Basi di Dati Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati

Dettagli

1 Database universitario 1.1 Elenco tabelle PERSONA (ID, is_studente, is_docente, nome, cognome) STUDENTE (matricola, persona references persona(id))

1 Database universitario 1.1 Elenco tabelle PERSONA (ID, is_studente, is_docente, nome, cognome) STUDENTE (matricola, persona references persona(id)) 1 Database universitario 1.1 Elenco tabelle PERSONA (ID, is_studente, is_docente, nome, cognome) STUDENTE (matricola, persona references persona(id)) DOCENTE (codice, persona references persona(id)) CORSO

Dettagli

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014 / 2015 Materia: INFORMATICA Classe: quinta A Data di presentazione: 7/10/2014 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it - Url: www.itdavinci.it

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 B1 - Progettazione dei DB 1 Prerequisiti Ciclo di vita del software file system Metodologia di progettazione razionale del software 2 1 Introduzione Per la realizzazione

Dettagli

La suite Pentaho Community Edition

La suite Pentaho Community Edition La suite Pentaho Community Edition GULCh 1 Cosa è la Business Intelligence Con la locuzione business intelligence (BI) ci si può solitamente riferire a: un insieme di processi aziendali per raccogliere

Dettagli

DB-MAIN CASE tool. Un tool per la progettazione di DB relazionali. http://www.info.fundp.ac.be/~dbm/tool.shtml. DB-MAIN case-tool: funzionalità

DB-MAIN CASE tool. Un tool per la progettazione di DB relazionali. http://www.info.fundp.ac.be/~dbm/tool.shtml. DB-MAIN case-tool: funzionalità DB-MAIN CASE tool Un tool per la progettazione di DB relazionali http://www.info.fundp.ac.be/~dbm/tool.shtml DB-MAIN case-tool: funzionalità Tool di supporto al system engineering: attività di forward

Dettagli

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni (C.I. 15) Access

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni (C.I. 15) Access Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni (C.I. 15) Anno Accademico 2009/2010 Docente: ing. Salvatore Sorce Access C.d.L. in Igiene

Dettagli

Teoria sulle basi di dati

Teoria sulle basi di dati Teoria sulle basi di dati Introduzione alle basi di dati Una base di dati (database) può essere considerata come una raccolta di dati logicamente correlati, utilizzata per modellare una realtà. I dati

Dettagli

ISIS C.Facchinetti Sede: via Azimonti,5-21053 Castellanza Modulo Gestione Qualità. DISCIPLINA Informatica A.S. 2014-2015 X di dipartimento

ISIS C.Facchinetti Sede: via Azimonti,5-21053 Castellanza Modulo Gestione Qualità. DISCIPLINA Informatica A.S. 2014-2015 X di dipartimento DISCIPLINA Informatica A.S. 2014-2015 X di dipartimento individuale dei docenti LACQUANITI e DE BERNARDI 1) PREREQUISITI per le classi 5^ Inf /Serale Conoscenza di almeno un linguaggio di programmazione

Dettagli

Basi di dati - Basi di dati e Web

Basi di dati - Basi di dati e Web - e Web Sistemi informativi su Web e Web Il Web è nato come interfaccia di accesso a informazioni distribuite su più siti, ma specificamente predisposte pagine HTML Il Web è divenuto una piattaforma generale

Dettagli

2 Anno 2003 - Informatica ABACUS

2 Anno 2003 - Informatica ABACUS Testo Un vivaio vuole realizzare una base di dati per gestire le sue attività di vendita di piante e le sue attività esterne. Si vogliono memorizzare, oltre alle informazioni generali sulle diverse specie

Dettagli

Introduzione alle Basi di Dati

Introduzione alle Basi di Dati CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN DATA BASE TOPOGRAFICI rockini@tele2.it Istituto Geografico Militare A.A. 2007-2008 Sommario Vediamo brevemente alcuni aspetti che riguardano i database, con particolare

Dettagli

Introduzione ai Database e a Microsoft Access

Introduzione ai Database e a Microsoft Access Introduzione ai Database e a Microsoft Access 1 Il Sistema Informativo aziendale Un Sistema Informativo aziendale è costituito: dall'insieme delle informazioni utilizzate, prodotte e trasformate da un'azienda

Dettagli

Lezioni di Laboratorio sui Data Base

Lezioni di Laboratorio sui Data Base Lezioni di Laboratorio sui Data Base Docente Tutor: Dott. Gianluigi Roveda Informatica per l'impresa Prima Parte: Open Office - Base PREMESSA Questo lavoro è stato realizzato a partire dalle slides del

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

Facoltà di Pianificazione del Territorio A.A. 2011/2012. Informatica

Facoltà di Pianificazione del Territorio A.A. 2011/2012. Informatica Facoltà di Pianificazione del Territorio A.A. 2011/2012 Informatica Le basi di dati 2 Dati e Informazioni Un dato in sé non costituisce un informazione in quanto consiste semplicemente di un insieme di

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 9: Query Maschere Report. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 9: Query Maschere Report. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 9: Query Maschere Report Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Le QUERY 2 Che cos è una Query? Una Query rappresenta uno strumento per interrogare un database.

Dettagli

I data warehouse e la loro progettazione

I data warehouse e la loro progettazione Tecnologie per i sistemi informativi I data warehouse e la loro progettazione Docente: Letizia Tanca Politecnico di Milano tanca@elet.polimi.it 1 Processi processi direzionali processi gestionali processi

Dettagli

Riccardo Dutto, Paolo Garza Politecnico di Torino. Riccardo Dutto, Paolo Garza Politecnico di Torino

Riccardo Dutto, Paolo Garza Politecnico di Torino. Riccardo Dutto, Paolo Garza Politecnico di Torino Integration Services Project SQL Server 2005 Integration Services Permette di gestire tutti i processi di ETL Basato sui progetti di Business Intelligence di tipo Integration services Project SQL Server

Dettagli

N ######/02 Seconda prova scritta *$$$$$21115* *$$$$$21115* *$$$$$21115* *$$$$$21115* A T T E N Z I O N E

N ######/02 Seconda prova scritta *$$$$$21115* *$$$$$21115* *$$$$$21115* *$$$$$21115* A T T E N Z I O N E Pag. 1/5 Sessione ordinaria 2002 $$$$$.2.1/1 N ######/02 Seconda prova scritta A T T E N Z I O N E Il plico relativo a questa prova contiene due temi: il primo destinato ai corsi sperimentali, il secondo

Dettagli

Esame Basi di Dati. 21 Gennaio 2013

Esame Basi di Dati. 21 Gennaio 2013 Esame Basi di Dati 21 Gennaio 2013 Matricola Prog. (Sì/No) Cognome Nome Istruzioni I voti verranno resi disponibili su AlmaEsami. Chi vorrà rifiutare il voto dovrà comunicarlo tassativamente 5 giorni dalla

Dettagli

Informatica per l'impresa. Sistemi per la gestione di basi di Dati

Informatica per l'impresa. Sistemi per la gestione di basi di Dati Informatica per l'impresa Sistemi per la gestione di basi di Dati Prof. Mauro Gaspari gaspari@cs.unibo.it 1 1 Sistema Informativo Insieme degli strumenti, risorse e procedure che consentono la gestione

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli Attività svolta 1. UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1: INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE 1.1. Introduzione ai sistemi numerici: Sistema numerico decimale e binario. Conversioni binario-decimale e decimale binario.

Dettagli

DATA WAREHOUSING CON JASPERSOFT BI SUITE

DATA WAREHOUSING CON JASPERSOFT BI SUITE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Dipartimento di Ingegneria di Enzo Ferrari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica (270/04) DATA WAREHOUSING CON JASPERSOFT BI SUITE Relatore

Dettagli

Sistemi per la Gestione delle Basi di Dati

Sistemi per la Gestione delle Basi di Dati Sistemi per la Gestione delle Basi di Dati Esercitazione di Laboratorio N. 4 L esercitazione consiste nel progettare un data warehouse che permetta di gestire la problematica illustrata nei punti seguenti,

Dettagli

Corso di Informatica (Basi di Dati)

Corso di Informatica (Basi di Dati) Corso di Informatica (Basi di Dati) Lezione 1 (12 dicembre 2008) Introduzione alle Basi di Dati Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof. Carlo Batini,

Dettagli

Basi Di Dati, 09/12/2003

Basi Di Dati, 09/12/2003 Basi Di Dati, 09/12/2003 Una concessionaria di auto nuove ed usate vuole automatizzare alcune delle sue attività. L attività che la concessionaria vuole automatizzare riguarda la gestione delle auto nuove,

Dettagli

Corso di SISTEMI INFORMATICI E TELEMATICI PER LA PROFESSIONE. Lezione 2: Data Base. Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano.

Corso di SISTEMI INFORMATICI E TELEMATICI PER LA PROFESSIONE. Lezione 2: Data Base. Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano. Corso di SISTEMI INFORMATICI E TELEMATICI PER LA PROFESSIONE Lezione 2: Data Base Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano.it 1 Introduzione La raccolta, l organizzazione e la conservazione

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

TEMI D ESAME DI INFORMATICA 2004 SISTEMI : RETE SCOLASTICA 2003 INFORMATICA: VIVAIO 2002 INFORMATICA: BANCA DEL TEMPO 2000 INFORMATICA: AGENZIA VIAGGI

TEMI D ESAME DI INFORMATICA 2004 SISTEMI : RETE SCOLASTICA 2003 INFORMATICA: VIVAIO 2002 INFORMATICA: BANCA DEL TEMPO 2000 INFORMATICA: AGENZIA VIAGGI TEMI D ESAME DI INFORMATICA 2004 SISTEMI : RETE SCOLASTICA 2003 INFORMATICA: VIVAIO 2002 INFORMATICA: BANCA DEL TEMPO 2000 INFORMATICA: AGENZIA VIAGGI Tema di: SISTEMI Prova: 2004 Un istituto scolastico

Dettagli

Data warehousing con SQL Server

Data warehousing con SQL Server Data warehousing con SQL Server SQL Server è un RDBMS (Relational DataBase Management System) Analysis Services è un componente di SQL Server che offre un insieme di funzionalità di supporto al data warehousing

Dettagli

Data Base Relazionali. Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano.it

Data Base Relazionali. Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano.it Data Base Relazionali Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano.it 1 Introduzione La raccolta, l organizzazione e la conservazione dei dati sono sempre stati i principali compiti dei sistemi

Dettagli

Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria. Tesi di Laurea in Ingegneria Elettronica

Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria. Tesi di Laurea in Ingegneria Elettronica Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria Tesi di Laurea in Ingegneria Elettronica Performance measurement system per la gestione di eventi industriali complessi Candidato: Adriano Moretti

Dettagli

L Informatica per i miei studenti Volume 3

L Informatica per i miei studenti Volume 3 Classe V Bozza a.s. 2008-2009 2 di 157 A mia madre Gerardina, a mio padre Raffaele Perché, per prima, si pensa a chi non c è più A mia moglie Antonietta Il mio presente A mio figlio Raffaele, a mia figlia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISIS"Giulio Natta" Bergamo pag. 1 di 5 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Disciplina INFORMATICA monte ore annuale previsto (n. ore settimanali per 33 settimane) 2X33 = 66 OBIETTIVI

Dettagli

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ 1. BASI DI DATI: GENERALITÀ BASE DI DATI (DATABASE, DB) Raccolta di informazioni o dati strutturati, correlati tra loro in modo da risultare fruibili in maniera ottimale. Una base di dati è usualmente

Dettagli

Esame di stato 2002 Banca del tempo

Esame di stato 2002 Banca del tempo Esame di stato 2002 Banca del tempo Traccia Un associazione Banca del Tempo vuole realizzare una base di dati per registrare e gestire le attività dell associazione. La Banca del Tempo (BdT) indica uno

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Base di dati (accezione generica, metodologica) Insieme organizzato di dati utilizzati per il supporto

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni I Anno 2005/2006. Esercizi entità relazione risolti. a cura di Angela Campagnaro 802749

Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni I Anno 2005/2006. Esercizi entità relazione risolti. a cura di Angela Campagnaro 802749 Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni I Anno 2005/2006 Esercizi entità relazione risolti a cura di Angela Campagnaro 802749 Indice: Esercizio 1: Un insieme di officine 1.1 Testo esercizio.3

Dettagli

Impresa di raccolta e riciclaggio di materiali metallici e di rifiuti.

Impresa di raccolta e riciclaggio di materiali metallici e di rifiuti. Impresa di raccolta e riciclaggio di materiali metallici e di rifiuti. Indice Cognome Nome Matr.xxxxxx email Cognome Nome Mat. Yyyyyy email Argomento Pagina 1. Analisi dei requisiti 1 a. Requisiti espressi

Dettagli