COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n N 64/ Italia (Trento) Regime di aiuto a sostegno del trasporto combinato

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n N 64/2003 - Italia (Trento) Regime di aiuto a sostegno del trasporto combinato"

Transcript

1 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, C(2003)3389fin Oggetto: Aiuto di Stato n N 64/ Italia (Trento) Regime di aiuto a sostegno del trasporto combinato Signor Ministro, I. Procedimento 1. Con lettera del 7 febbraio 2003 la Rappresentanza permanente d Italia presso l Unione europea ha notificato alla Commissione un regime comunitario di aiuti per lo sviluppo del trasporto combinato ai sensi dell articolo 88, paragrafo 3 del trattato CE. La notifica è stata protocollata dal Segretariato generale della Commissione europea con il numero N 64/ Poiché la notifica risultava incompleta, la Commissione ha richiesto ulteriori informazioni con lettera del 18 marzo Con lettere del 5 maggio 2003 e del 5 giugno 2003 (protocollate rispettivamente DG TREN A/20145 e DG TREN A/22505) la Rappresentanza permanente d Italia ha inviato un riscontro alle note della Commissione di cui sopra. Ulteriori informazioni sono state ricevute con lettera della Rappresentanza permanente d Italia, datata 28 luglio 2003, protocollata DG TREN A/ II. Descrizione dell aiuto II.1 Obiettivo 3. Il regime si prefigge di favorire lo sviluppo del trasporto intermodale ferroviario combinato accompagnato su rotaia (ROLA) e non accompagnato 1 nella provincia 1 Trasporto combinato accompagnato: Trasporto di un complesso veicolare stradale completo - accompagnato dal conducente - su di un'altra modalità (ad es. treno o traghetto). S.E. On. Franco FRATTINI Ministro degli Affari esteri Piazzale della Farnesina 1 I ROMA B Bruxelles/ B Brussel - Belgio Telefono: centralino 32 (0) Telex: COMEU B Indirizzo telegrafico: COMEUR Bruxelles

2 di Trento. Esso è strutturato in moda tale da compensare i diversi costi esterni e di infrastruttura specifici connessi all uso di infrastrutture di trasporto concorrente ed è indirizzato ad una effettiva riduzione dei costi di accesso al trasporto combinato. 4. L obiettivo finale dell aiuto è ottenere una riduzione delle tariffe applicate alle compagnie di autotrasporto nell utilizzo dei servizi di trasporto combinati, cioè ridurre l uso dei trasporti su strada. Il regime della provincia di Trento ricalca l analogo regime già attuato dalla provincia autonoma di Bolzano 2. II.2 Beneficiari 5. I beneficiari sono le imprese legalmente costituite, aventi sede legale in uno degli Stati membri dell Unione europea, che organizzano la spedizione del trasporto combinato su ferrovia con partenza o arrivo ad un terminale ferroviario o da un centro intermodale situato nel territorio della provincia di Trento. I beneficiari devono concludere una convenzione con la Provincia autonoma di Trento (di durata annuale, rinnovabile tacitamente per due volte) e devono garantire il rispetto degli standard di qualità e delle disposizioni contenuti nell articolo 6 e seguenti dei Criteri e modalità per la concessione di aiuti a sostegno del trasporto combinato (in appresso i criteri ). 6. Ogni impresa interessata avente i requisiti sopra menzionati può concludere una convenzione con la Provincia. II.3 Tipologia e intensità dell aiuto 7. Il regime prevede l erogazione di contributi a fondo perduto. Per ogni viaggio ferroviario monodirezionale, con origine o destinazione presso uno scalo ferroviario o centro intermodale nel territorio della provincia di Trento, effettuato da un autocarro, un rimorchio, un semirimorchio con o senza veicolo trattore, una cassa mobile o un container di 20 piedi ed oltre, è corrisposto all impresa logistica un contributo fisso. Sono esclusi dall aiuto i viaggi a vuoto del materiale ferroviario nonché i trasporti di tipo non combinato che dovessero essere comunque effettuati anche in aggiunta o integrazione a convogli ferroviari che praticano il trasporto combinato ed il trasporto di passeggeri. 8. L importo dell aiuto era inizialmente pari a 33 euro per ogni viaggio ferroviario unidirezionale. L importo dell aiuto accordato è proporzionale al grado di utilizzo del trasporto combinato. La provincia autonoma di Trento si riserva di ridurre l entità dell aiuto negli anni successivi a quello di prima applicazione qualora le condizioni più favorevoli di mercato lo dovessero consentire. 2 Trasporto combinato non accompagnato: Trasporto di un veicolo stradale o di un'unità di trasporto intermodale - senza la presenza del conducente - su di un'altra modalità (ad es. treno o traghetto). N 638/2001 Italia - Aiuti al trasporto combinato nella provincia autonoma di Bolzano - Alto Adige, decisione della Commissione del 27 febbraio 2002, GU C 88 del 12 aprile 2002, pag

3 II.4 Procedura 9. Ai sensi dell articolo 6 dei criteri, i beneficiari devono designare il fornitore della trazione ferroviaria dei trasporti in arrivo e partenza dalla provincia di Trento mediante gara (pubblico incanto o licitazione privata) e secondo criteri di non discriminazione, economicità e trasparenza. 10. La gara deve coinvolgere, se possibile, almeno tre soggetti autorizzati all esercizio del trasporto ferroviario dalle autorità nazionali competenti, qualora esistenti. In caso contrario, l impresa procederà alla gara con le sole imprese ferroviarie autorizzate, anche in numero inferiore. 11. Qualora l impresa logistica beneficiaria del presente regime di aiuti intendesse affidare il servizio di trazione ferroviaria ad un impresa ferroviaria diversa da quella selezionata tramite gara, ne informa immediatamente la provincia autonoma di Trento e procede a una nuova gara. 12. Le imprese che effettuano la gara devono disporre delle tracce orarie sulla rete italiana e sulle reti estere, concesse dal gestore dell infrastruttura e necessarie a svolgere il servizio di trasporto combinato. La non disponibilità di tracce non può costituire motivo di esclusione automatica dalla gara. Le imprese di trasporto combinato devono specificare i servizi richiesti. 13. In linea di principio, deve essere scelto per il servizio di trazione ferroviaria il soggetto che ha presentato l offerta economicamente più vantaggiosa. Se l impresa logistica deve scegliere l impresa ferroviaria sulla base di altri criteri, questi devono essere opportunamente motivati e non essere discriminanti in ragione delle nazionalità dell impresa ferroviaria o del suo assetto societario. I criteri alternativi devono in ogni caso essere specificati e quantificati nel bando di gara, e la componente economica dell offerta (cioè il prezzo richiesto dall impresa ferroviaria) costituirà non meno del 51 per cento del punteggio. 14. Se l impresa ferroviaria aggiudicataria dei servizi di trazione non è in grado di fornire la trazione sulla rete di paesi esteri, può ricorrere alla collaborazione con altre imprese ferroviarie autorizzate dai rispettivi paesi senza che ciò costituisca una forma di subappalto. L impresa ferroviaria aggiudicataria dei servizi di trazione è comunque l unica responsabile ai fini dei presenti criteri della fornitura degli stessi nei confronti dell impresa logistica. Qualora l impresa logistica sia anche impresa ferroviaria, la scelta del fornitore della trazione ferroviaria è comunque effettuata sulla base dei criteri stabiliti all articolo La provincia autonoma di Trento si riserva, a suo insindacabile giudizio, il diritto di escludere dal beneficio della legge provinciale le imprese che non hanno adeguatamente motivato il ricorso ai criteri d affidamento della trazione ferroviaria diversi dal criterio del prezzo più basso. 16. Tra i documenti necessari per presentare domanda di ammissione all aiuto (articolo 8 dei criteri) è richiesto lo schema tariffario effettivamente applicato alle imprese di autotrasporto, con il calcolo analitico della sua composizione e detrazione dell importo concesso o concedibile a titolo di contributo dalla legge provinciale (articolo 8, lettera h)). 3

4 17. I beneficiari possono presentare più domande di contributo all anno. Gli aiuti sono concessi sulla base del numero di trasporti effettivamente effettuati da imprese di trasporto sulla rete provinciale con partenza da centri intermodali posti in provincia di Trento (articolo 7 dei criteri). 18. L aiuto potrà essere liquidato, nei limiti della relativa disponibilità dopo una verifica della congruità e delle legittimità della documentazione prodotta. I pagamenti saranno fatti per un importo non inferiore a euro. II.5 Cumulo 19. Non è ammesso il cumulo del presente aiuto con altre misure analoghe, destinate a compensare direttamente o indirettamente il costo d accesso all infrastruttura ferroviaria nella provincia di Trento. II.6 Revoca dell aiuto. 20. L aiuto sarà revocato qualora il beneficiario non lo utilizzi per le finalità stabilite dalla legge, non utilizzi l intera somma dell aiuto ricevuto per la riduzione delle tariffe effettivamente praticate alle imprese di autotrasporto, non rispetti i diversi requisiti necessari per qualificare l aiuto o renda dichiarazioni false o mendaci. L impresa beneficiaria può ulteriormente essere soggetta a più gravi conseguenze giudiziarie. 21. L impresa decade altresì dal regime d aiuto qualora modifichi lo schema tariffario praticato alle imprese di autotrasporto senza averne data preventiva e motivata comunicazione all Amministrazione provinciale ed avendone ricevuto consenso scritto (articolo 10 dei criteri). II.7 Durata e dotazione finanziaria 22. Possono essere ammesse alle agevolazioni le domande pervenute entro il 31 dicembre La dotazione prevista ammonta a euro l anno per il periodo II.8 Base giuridica 23. Articolo 16 bis della legge provinciale 9 luglio 1993, n. 16 ( Disciplina dei servizi pubblici di trasporto in provincia di Trento ), come introdotto con l articolo 66 della legge provinciale 19 febbraio 2002, n. 1 ( Misure collegate con la manovra di finanza pubblica per l anno 2002 ). 4

5 III. III.1 Valutazione dell aiuto Esistenza dell aiuto 24. In virtù dell articolo 87, paragrafo 1 del trattato CE, salvo deroghe contemplate dal trattato stesso, sono incompatibili con il mercato comune, nella misura in cui incidano sugli scambi tra Stati membri, gli aiuti concessi dagli Stati che falsino o minaccino di falsare la concorrenza. 25. Nella fattispecie in oggetto il governo italiano eroga aiuti alle imprese beneficiarie conferendo un vantaggio commerciale attinto a risorse statali, che altri operatori con cui esse si trovano in concorrenza non ricevono. La misura rafforza pertanto la competitività delle imprese beneficiarie nei confronti degli altri operatori operanti nell ambito del commercio interstatale. La Commissione evidenzia il fatto che il mercato dei servizi di trasporto combinato è liberalizzato dal 1º luglio 2003 in forza degli articoli 2 e 4 della direttiva 92/106/CEE del Consiglio, del 7 dicembre 1992, relativa alla fissazione di norme comuni per taluni trasporti combinati di merci tra Stati membri Considerato quanto sopra, la Commissione ritiene che il regime di aiuto notificato costituisca un aiuto di Stato ai sensi dell articolo 87, paragrafo 1 del trattato. Tale aiuto è vietato salvo che possa essere considerato compatibile con il mercato comune in virtù di una deroga prevista dal trattato o dal diritto comunitario derivato. III.2 Esenzione della misura di aiuto 27. La finalità del progetto di aiuto notificato è ridurre i costi di accesso al trasporto combinato per diminuire il ricorso ai trasporti stradali e, quindi, il loro impatto ambientale. La Commissione ritiene che nessuna delle deroghe di cui all articolo 87, paragrafo 2 del trattato CE si applichi all aiuto de quo. L aiuto in oggetto non è nemmeno destinato a promuovere la realizzazione di un importante progetto di comune interesse europeo né a porre rimedio a un grave turbamento dell economia di uno Stato membro ai sensi dell articolo 87, paragrafo 3, lettera b), o a promuovere la cultura e la conservazione del patrimonio ai sensi dell articolo 87, paragrafo 3, lettera d). 28. Per un certo tempo la Comunità ha seguito una politica volta a creare un sistema equilibrato di trasporti intermodali e a promuovere la competitività del trasporto combinato rispetto all autotrasporto. L obiettivo centrale della politica del trasporto combinato della Comunità è trasferire i trasporti stradali verso altri modi di trasporto. Il Libro bianco sulla politica dei trasporti 4 incoraggia l utilizzo della ferrovia e di altri modi di trasporto più rispettosi dell ambiente per ottenere alternative più competitive all autotrasporto. Il nuovo programma Marco Polo 5 intende anche aiutare l industria dei trasporti e logistica ad ottenere sostanziali GU L 368 del , pag. 38. Libro bianco La politica europea dei trasporti fino al 2010: il momento delle scelte, COM(2001) 370. COM(2002) 54 def. 5

6 trasferimenti dei trasporti di merci su strada verso la navigazione marittima a corto raggio, la ferrovia e le acque di navigazione interna. 29. La Commissione ritiene perciò che il disposto dell articolo 73 del trattato costituisca la base giuridica appropriata per valutare se le misure di coordinamento proposte dagli Stati membri siano compatibili con il mercato comune. Il regolamento (CEE) n. 1107/70 del Consiglio, del 4 giugno 1970, relativo agli aiuti accordati nel settore dei trasporti per ferrovia, su strada e per via navigabile 6 dà concreta attuazione all articolo 73 del trattato e prevede deroghe specifiche per gli aiuti, al fine di tener conto delle esigenze del coordinamento dei trasporti interni. 30. La Commissione ritiene che il concetto di un aiuto rispondente alle esigenze del coordinamento dei trasporti implica il necessario intervento pubblico nel settore dei trasporti in considerazione dell assenza di un mercato competitivo o in presenza di imperfezioni sul mercato 7. La Commissione ha fissato tre condizioni che devono verificarsi affinché l aiuto di Stato soddisfi le esigenze di coordinamento dei trasporti conformemente alle deroghe previste all articolo 3, paragrafo 1, lettera b) del regolamento (CEE) n. 1107/70 del Consiglio: - l aiuto deve limitarsi alla compensazione dei costi esterni supplementari non sostenuti per l uso di infrastrutture concorrenti; - l aiuto deve essere accordato a condizioni non discriminatorie; - l aiuto non deve generare distorsioni della concorrenza in misura contraria all interesse comune. Limitazione dell aiuto alla sola compensazione dei costi esterni non sostenuti per l uso dei trasporti stradali 31. Nel caso in oggetto, l aiuto è stato calcolato in modo da accordare una compensazione finanziaria per i costi esterni non sostenuti per l uso dei trasporti stradali concorrenti. 32. Il livello del contributo previsto pari a 33 euro per viaggio di transito ferroviario giornaliero corrisponde allo stesso aiuto concesso dal progetto sopra menzionato della provincia autonoma di Bolzano. La provincia autonoma di Trento ha gli stessi problemi della provincia autonoma di Bolzano in termini di politica dei trasporti, tutela di un sistema ambientale particolarmente vulnerabile e sensibile. Le due province sono anche ubicate nella stessa regione. 6 7 GU L 130 del , pag. 1. Cfr. decisione della Commissione del 22 ottobre 1997, N 79/97 - Paesi Bassi, GU C 377 del , pag. 3; decisione della Commissione del 21 aprile 1999, N 588/98 - Danimarca, GU C 166 del , pag. 6; decisione della Commissione del 4 maggio 1999, C 21/98 - Italia, GU L 227 del 28 agosto 1999, pag

7 33. Il livello del contributo relativo alla provincia di Bolzano è stato calcolato sulla base di uno studio scientifico 8. Secondo la Commissione 9, gli studi scientifici che applicano varie teorie per attribuire un valore monetario ai costi esterni costituiscono una base utile per l erogazione di un aiuto di Stato, a condizione che i metodi seguiti siano trasparenti e basati sulle migliori informazioni disponibili. 34. In conclusione la Commissione osserva che l entità della sovvenzione de qua si fonda su una ragionevole analisi comparata dei costi e si limita ad un importo necessario per facilitare l accesso alle infrastrutture di trasporto ferroviario combinato. Assenza di trattamento discriminatorio 35. L accesso al programma di aiuti non ha carattere discriminatorio, essendo aperto a tutte le imprese logistiche che organizzano il trasporto combinato per ferrovia in partenza da o a destinazione nella provincia di Trento. 36. La Commissione ritiene che la gara d appalto per la scelta dell impresa fornitrice la trazione ferroviaria, di cui all articolo 6 delle norme di applicazione, dia sufficienti garanzie di trattamento non discriminatorio Assenza di distorsioni della concorrenza contrarie all interesse comune. 37. Per evitare qualsiasi distorsione della concorrenza è necessario analizzare il potenziale impatto sul mercato ferroviario e stradale e sui servizi ferroviari intermodali esistenti. a) Ferrovia-strada 38. I trasporti di merci su strada e i servizi di trasporto combinato possono rispondere ad esigenze simili degli utilizzatori. Di conseguenza, questi carichi potrebbero collocarsi nello stesso segmento del mercato. 39. Il regime di aiuti in questione, anziché creare distorsioni fra questi modi di trasporto, contribuisce a porre allo stesso livello i rispettivi costi di utilizzo incoraggiando una più equa distribuzione dei mezzi di trasporto. Questa distribuzione equa è uno degli obiettivi perseguiti dalla Commissione nel suo Libro bianco sulla politica europea dei trasporti L atteso trasferimento del trasporto stradale al trasporto combinato in virtù della sovvenzione non costituisce quindi una distorsione della concorrenza contraria all interesse comune. Perciò il regime di aiuto proposto è conforme alla politica Analisi dei costi esterni non corrisposti da chi effettua il trasporto nel corridoio Bolzano Brennero B. Durante, Bolzano giugno Decisione della Commissione del 20 giugno 2001, N 219/ Austria - Programma pilota Danubio. Decisione della Commissione del 27 febbraio 2002, N 638/ Italia - Aiuti al trasporto combinato nella provincia autonoma di Bolzano - Alto Adige. Decisione della Commissione del 30 aprile 2003, N 623/ Francia.- Aiuti di Stato all utilizzazione dei servizi regolari di trasporto combinato di merci alternativi al modo stradale. COM(2001)

8 comune dei trasporti, che è finalizzata a incoraggiare il trasferimento sopra richiamato. b) Servizi esistenti di trasporto intermodale 41. In merito all eventuale distorsione della concorrenza fra i terminali ferroviari esistenti a livello comunitario e i terminali situati nella provincia di Trento (che beneficiano dell aiuto), è necessario osservare che l obbligo di indire gare d appalto ha lo scopo di promuovere un autentica concorrenza fra i gestori di servizi ferroviari. Tale concorrenza non può che avere effetti positivi sulla riduzione dei costi di accesso al trasporto combinato per ferrovia. 42. Inoltre le imprese logistiche beneficiarie dell aiuto de quo non trarranno dal regime di aiuto alcun beneficio netto finale poiché l importo diretto dell aiuto erogato deve essere obbligatoriamente dedotto dal prezzo del servizio fornito e fatturato. 43. Inoltre, l esistenza di una tariffa fissa per viaggio ferroviario monodirezionale con origine o destinazione presso uno scalo ferroviario o centro intermodale nel territorio della provincia di Trento, indipendentemente dalla distanza percorsa, garantisce che non vi sarà modificazione dei percorsi e che tutti i beneficiari potenziali saranno trattati nello stesso modo, indipendentemente dalla località della provincia in cui operano. 44. La Commissione ritiene che il trasferimento delle merci che il regime in oggetto prevede di conseguire proverrà dal trasporto stradale e non dagli esistenti servizi ferroviari di trasporto combinato. 45. La durata limitata del regime e la possibilità di ricorrere alla collaborazione di altre imprese ferroviarie europee, qualora l impresa ferroviaria aggiudicataria non sia in grado di effettuare la trazione in tali paesi, costituisce un ulteriore garanzia del fatto che sarà evitata ogni possibile distorsione illecita della concorrenza. 46. In considerazione di quanto precede la Commissione ritiene che il progetto di aiuto di Stato è conforme alle disposizioni del regolamento (CEE) n. 1107/70 e che non esistono distorsioni delle concorrenza contrarie all interesse comune. 47. Per quanto sopra esposto il regime di aiuto notificato è ritenuto compatibile con il trattato. IV. Decisione La Commissione decide pertanto di: - considerare l aiuto notificato compatibile con il trattato CE e di non sollevare obiezioni. Ove la presente lettera dovesse contenere informazioni riservate da non divulgare, si prega di informarne la Commissione entro quindici giorni lavorativi dalla data di ricezione della stessa. Qualora la Commissione non riceva una domanda motivata in tal senso entro il termine indicato, la Commissione presumerà l esistenza del consenso 8

9 alla divulgazione e alla pubblicazione del testo integrale della lettera, nella lingua facente fede, sul sito Internet: La richiesta deve pervenire tramite lettera raccomandata o fax al seguente indirizzo: Commissione europea Direzione generale dell Energia e dei Trasporti Direzione A B-1049 Bruxelles Fax: (0032) Voglia gradire, signor Ministro, i sensi della mia più alta considerazione. Per la Commissione Loyola de Palacio Vicepresidente 9

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 27.02.2002

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 27.02.2002 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 27.02.2002 C(2002)573fin Oggetto: Aiuto di Stato N 638/2001 Italia Aiuti al trasporto combinato nella provincia autonoma di Bolzano-Alto Adige; norme di applicazione dell

Dettagli

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-I-2008 C (2007) 349 Oggetto: Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci Signor Ministro,

Dettagli

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004.

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, il 14-07-2004 C (2004) 2830 Oggetto: Aiuto di Stato n. 125/2004, Italia Regione Piemonte Aiuti alla trasformazione dei contratti di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato

Dettagli

Nel prendere la suddetta decisione la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni:

Nel prendere la suddetta decisione la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.XII.2004 C(2004) 5259 Oggetto: Aiuti di Stato / Italia (Trento) Aiuto N 27/2004 Intervento in favore degli allevamenti zootecnici trentini a seguito del verificarsi dei

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.01.2013 C(2013) 295 final Oggetto: Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche Signor Ministro,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles 14-03-2003 C(2003) 199 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Bergamo) Aiuto n. N 529/2002 Contributi a sostegno degli investimenti delle imprese e cooperative agricole di Bergamo

Dettagli

I. PROCEDIMENTO. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. DESCRIZIONE

I. PROCEDIMENTO. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. DESCRIZIONE COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.09.2004 C(2004) 3544 Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 85/2004 Bando pubblico riferito al Piano di Sviluppo Locale Azione I.1 Informatizzazione,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 3.1 Esistenza di un aiuto di Stato secondo il disposto dell'art. 87.1 del Trattato CE.

COMMISSIONE EUROPEA. 3.1 Esistenza di un aiuto di Stato secondo il disposto dell'art. 87.1 del Trattato CE. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.V.2007 C(2007)2156 Oggetto: Aiuto di Stato n N 120/A/2007 Italia Modificazione allo schema N565/03 "Aiuti per la protezione ambientale e per il risparmio energetico in

Dettagli

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto.

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-08-2004 C(2004) 3207 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Abruzzo) Aiuto n. N 272/04 Programma d intervento per la delocalizzazione o la dismissione delle attività agricole

Dettagli

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009.

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 01.04.2009 C(2009)2651 Oggetto: Aiuto di Stato N 573/2008 - Italia Istituzione di un regime di aiuti di Stato agli investimenti in materia di fonti energetiche rinnovabili,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Lazio) Aiuto n. N 36/2002 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi per perdite causate da avverse condizioni

Dettagli

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane.

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-VII-2006 C(2006) 3451 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 625/03 Alienazione della Centrale ortofrutticola in Comune di Udine dall Agenzia

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni:

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.12.2014 C(2014) 9746 final Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Sardegna) SA.37394 (2013/N) Metodo di calcolo dell equivalente sovvenzione lordo (ESL) dell elemento di aiuto

Dettagli

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili.

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24.01.2003 C(2003) 80 Oggetto: Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO 1. Con

Dettagli

Beneficeranno del regime tre tipi/categorie di imprese, più precisamente: 3. tutte le imprese localizzate in un'area assistita ex articolo 87 (3) (c).

Beneficeranno del regime tre tipi/categorie di imprese, più precisamente: 3. tutte le imprese localizzate in un'area assistita ex articolo 87 (3) (c). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.04.2001 SG(2001) D/ 287716 Oggetto: Piemonte Formazione finalizzata all'assunzione di persone disoccupate Aiuto di Stato n. N 799/00 Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO Con

Dettagli

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ).

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.02.2013 C(2013) 990 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito.

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 20.X.2005 C(2005)3849 def. Oggetto: Aiuti di Stato N 45/2005 - Italia Misure per garantire la qualità nel settore dei prodotti alimentari e adozione del marchio di qualità

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L.

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25.IX.2007 C(2007) 4288 def. Oggetto: Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L. Signor Ministro, I. PROCEDIMENTO (1) Con lettera

Dettagli

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.09.2004 C(2004) 3525 Oggetto: Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL

Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.I.2007 C(2007)320 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL Signor Ministro, 1. PROCEDURA (1) Con lettera del

Dettagli

Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari

Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 03.02.2004 C(2004)169fin Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise).

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.10.2004 C(2004) 3630 fin Oggetto: Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

La decisione della Commissione si basa sulle seguenti considerazioni:

La decisione della Commissione si basa sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10-10-2003 C(2003) 3804 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 383/2003- Friuli Venezia Giulia (Italia) Aiuto per l'attuazione del programma regionale di prevenzione, controllo ed

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin Oggetto : Aiuto di Stato n. N 308/2001 - Italia - Regione Friuli Venezia Giulia LR 12/2001 (DDL 133) "Aiuti all'occupazione dei soggetti disabili"

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Calabria) Aiuti n. N 391/2003 e N 29/2004 Fondo di garanzia per l agricoltura. Signor Ministro, con lettera del

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.12.2012 C(2012) 9118 final Oggetto: Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli Signor Ministro, I. PROCEDIMENTO

Dettagli

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07.

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.I.2008 C(2007) 6895 def. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 463/2007 Italia Aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per veicoli commerciali pesanti di peso superiore

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-07-2003 C(2003) 2792 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Toscana) Aiuto n. N 126/2003 Strade del vino, dell'olio extra-vergine di oliva e dei prodotti agroalimentari 1. Procedura

Dettagli

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06-12-2002 C(2002) 4851 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 Signor Ministro,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 27.8.2010 C(2010)6038 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO E DESCRIZIONE

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 27 ottobre 2011 Modifica ed abrogazione del decreto 4 febbraio 2010 concernente i criteri e le modalita' di ripartizione delle disponibilita' del

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE (Deliberazione della Giunta della Camera di Commercio di Roma n. 59 del 21/04/2008)

Dettagli

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE La programmazione comunitaria 2014-2020: le risorse per l Italia Nel periodo 2014-2020, con il nuovo Accordo di partenariato tra Italia e Commissione Europea, l

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese

Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19.12.2003 C(2003) 5275 Oggetto: Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO Con

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

Il controllo degli aiuti di Stato e le restrizioni della concorrenza. Alberto Heimler Scuola Nazionale dell Amministrazione Roma

Il controllo degli aiuti di Stato e le restrizioni della concorrenza. Alberto Heimler Scuola Nazionale dell Amministrazione Roma Il controllo degli aiuti di Stato e le restrizioni della concorrenza Alberto Heimler Scuola Nazionale dell Amministrazione Roma Sommario della presentazione 1) Il ruolo delle restrizioni della concorrenza

Dettagli

Si informa con la presente che la Commissione non solleva obiezioni ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato CE in merito alla misura in oggetto.

Si informa con la presente che la Commissione non solleva obiezioni ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato CE in merito alla misura in oggetto. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 23-09-2002 C(2002) 3431 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli-Venezia Giulia) Aiuto n. N 55/02 Promozione di vini tipici locali Signor Ministro, Si informa con la presente

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19-03-2003 C (2003)789fin Oggetto: Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera Signor Ministro, I.

Dettagli

A relazione dell'assessore Parigi:

A relazione dell'assessore Parigi: REGIONE PIEMONTE BU35 03/09/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 27 luglio 2015, n. 21-1902 Regolamento comunitario (UE) n. 651/2014 del 17.06.2014 - Adempimenti ai sensi del capo I e dell'articolo

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final Oggetto: Aiuto di Stato n. SA.34238 (2012/N) Italia. Regime di aiuti agli investimenti a finalità regionale per il settore dei trasporti e della

Dettagli

Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO

Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO per l assegnazione di contributi alle piccole imprese del commercio in sede fissa operanti in provincia di Ragusa che provvedono

Dettagli

(2) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati erogati da ISMEA tramite il proprio Fondo credito.

(2) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati erogati da ISMEA tramite il proprio Fondo credito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.7.2013 C(2013) 5035 final Oggetto: Aiuti di Stato/Italia - Aiuto n. SA.36808 (2013/N) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO COMUNICAZIONI E TRASPORTI

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO COMUNICAZIONI E TRASPORTI D.A. n 60 1 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO COMUNICAZIONI E TRASPORTI VISTO lo Statuto della Regione Siciliana; VISTE le norme sulla Contabilità di Stato; VISTO il

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

D.M. 4 agosto 2010 (1)

D.M. 4 agosto 2010 (1) 1 di 5 10/09/2013 12:31 D.M. 4 agosto 2010 (1) Modalità di attuazione dell'articolo 5, comma 7-octies del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ DI EROGAZIONE E REINTEGRO DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L. R. 6 AGOSTO 2009 N.

CRITERI E MODALITÀ DI EROGAZIONE E REINTEGRO DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L. R. 6 AGOSTO 2009 N. Allegato CRITERI E MODALITÀ DI EROGAZIONE E REINTEGRO DEL FONDO ROTATIVO PER LE AGENZIE FORMATIVE DI CUI ALL ART. 60 DELLA L. R. 6 AGOSTO 2009 N. 22 1. Obiettivi del Programma e linee di intervento previste

Dettagli

Circolare N. 144 del 20 Ottobre 2015

Circolare N. 144 del 20 Ottobre 2015 Circolare N. 144 del 20 Ottobre 2015 In arrivo incentivi per le imprese di autotrasporto che rinnovano il proprio parco veicolare Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, è in corso

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE 1 BANDO DI CONCORSO Art. 1- Premessa la Camera di Commercio I.A.A. di Cosenza, nell ambito delle iniziative

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Oggetto: Linee guida per l attuazione da parte di Amministrazioni e altri soggetti diversi dal Ministero

Dettagli

Il sistema delle garanzie e gli aiuti di Stato Principali regole e vincoli comunitari

Il sistema delle garanzie e gli aiuti di Stato Principali regole e vincoli comunitari Il sistema delle garanzie e gli aiuti di Stato Principali regole e vincoli comunitari Direzione Programmi Comunitari - Dipartimento Industria - IPI 1 Premessa: il lavoro dell IPI nell ambito del progetto

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione INDICE 1. PREMESSA 3 2. OBIETTIVI

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi In arrivo incentivi per le imprese di autotrasporto che rinnovano il proprio parco veicolare Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati.

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati. Regolamento concernente la concessione di finanziamenti a favore delle Amministrazioni comunali del Friuli Venezia Giulia, dei Centri di assistenza tecnica alle imprese commerciali (CAT) autorizzati e

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 238, comma 7 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 9.1.2015

DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 9.1.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 9.1.2015 C(2015) 72 final DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 9.1.2015 relativa alla rinuncia all esenzione dall accesso dei terzi e dalle disposizioni tariffarie concessa per

Dettagli

B. Finanziamento I. Finanziamento per l acquisto di terreni, la costruzione, la ristrutturazione e l ampliamento 1. Principio Art.

B. Finanziamento I. Finanziamento per l acquisto di terreni, la costruzione, la ristrutturazione e l ampliamento 1. Principio Art. Legge concernente il promovimento, il coordinamento e il finanziamento delle attività a favore delle persone anziane (LAnz) (del 30 novembre 2010) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO 6.4.5.1

Dettagli

In arrivo incentivi per le imprese di autotrasporto che rinnovano il proprio parco veicolare

In arrivo incentivi per le imprese di autotrasporto che rinnovano il proprio parco veicolare CIRCOLARE A.F. N.144 del 20 Ottobre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi In arrivo incentivi per le imprese di autotrasporto che rinnovano il proprio parco veicolare Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Aiuto di Stato N 590/2009 Italia Aiuti di avviamento a favore di vettori aerei operanti negli aeroporti di Torino e Cuneo

Aiuto di Stato N 590/2009 Italia Aiuti di avviamento a favore di vettori aerei operanti negli aeroporti di Torino e Cuneo COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 2.2.2010 C(2010) 684 Oggetto: Aiuto di Stato N 590/2009 Italia Aiuti di avviamento a favore di vettori aerei operanti negli aeroporti di Torino e Cuneo Signor Ministro, 1.

Dettagli

Articolo 1 Definizioni

Articolo 1 Definizioni Selezione per il finanziamento di Progetti per la realizzazione di iniziative di informazione territoriale delle Associazioni dei consumatori iscritte al CNCU (PDT2) Visti: la legge 14 novembre 1995, n.

Dettagli

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01 Agenzia Ferroviaria Europea Valenciennes (Francia) Invito a presentare domanda di inserimento nell elenco degli esperti in Fattore Umano incaricati di assistere gli Organismi Investigativi Nazionali di

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI

DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI 758 05/02/2014 Identificativo Atto n. 26 DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA PRATICA SPORTIVA - INIZIATIVE

Dettagli

(3) Titolo di lavoro: "Filtri del particolato per autobus diesel"

(3) Titolo di lavoro: Filtri del particolato per autobus diesel COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.XII.2006 C(2006)5798 def. Oggetto: Aiuti di Stato N 400/2006 Italia Filtri antiparticolato per autobus diesel Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO (1) Con lettera del 23 giugno

Dettagli

LA NUOVA DISTRIBUZIONE DELL AUTOMOBILE AI BLOCCHI DI PARTENZA

LA NUOVA DISTRIBUZIONE DELL AUTOMOBILE AI BLOCCHI DI PARTENZA LA NUOVA DISTRIBUZIONE DELL AUTOMOBILE AI BLOCCHI DI PARTENZA Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze Statistiche Bologna, 23 settembre 2002 REGOLAMENTO DI ESENZIONE Come dichiarato dalla

Dettagli

(2) Le autorità italiane hanno trasmesso un complemento d'informazioni con lettera protocollata il 23 marzo 2011.

(2) Le autorità italiane hanno trasmesso un complemento d'informazioni con lettera protocollata il 23 marzo 2011. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2011 C(2011) 2929 definitivo Oggetto: Aiuti di Stato - Italia Aiuto n. SA.32469 (2011/N) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti

Dettagli

Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014

Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Bando formazione autotrasporto merci: prorogato il termine di presentazione delle domande al 15.10.2014 (Decreto ministeriale 19.06.2014 e 07.07.2014) Premessa Con il decreto

Dettagli

Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera

Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.II.2006 C(2006)613 Oggetto: Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 56384 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2009 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi:

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi: Misura Articolo e paragrafo del Regolamento (CE) n. 1698/2005 Codice Giustificazione Servizi di a favore delle aziende agricole Articolo 16 La crescente complessità tecnica delle diverse fasi dell attività

Dettagli

Art. 1 (Finalità e obiettivi)

Art. 1 (Finalità e obiettivi) AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI, SOGGETTI PRIVATI SINGOLI O ASSOCIATI, FONDAZIONI ED ASSOCIAZIONI PER INIZIATIVE ED INTERVENTI IN MATERIA AMBIENTALE L art. 12

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 257/2008 Italia (Marche). Garanzie prestate in favore delle imprese operanti nel settore agricolo, agroalimentare e dello

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

Accordo fra la Confederazione Svizzera e la Comunità europea 1 sul trasporto di merci e di passeggeri su strada e per ferrovia

Accordo fra la Confederazione Svizzera e la Comunità europea 1 sul trasporto di merci e di passeggeri su strada e per ferrovia Testo originale Accordo fra la Confederazione Svizzera e la Comunità europea 1 sul trasporto di merci e di passeggeri su strada e per ferrovia 0.740.72 Concluso il 21 giugno 1999 Approvato dall Assemblea

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 20.11.2012 C(2012) 8230 final

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 20.11.2012 C(2012) 8230 final COMMISSIONE EUROPEA Nella versione pubblicata della presente decisione, sono state omesse alcune informazioni, ai sensi degli articoli 24 e 25 del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio del 22 marzo

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. (CE) 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); VISTI gli Orientamenti comunitari

Dettagli

considerando che è necessario istituire un comitato consultivo che assista la Commissione e segua l'applicazione della presente direttiva;

considerando che è necessario istituire un comitato consultivo che assista la Commissione e segua l'applicazione della presente direttiva; DIRETTIVA 91/440/CEE DEL CONSIGLIO del 29 luglio 1991 relativa allo sviluppo delle ferrovie comunitarie IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA' EUROPEE. Visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea,

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007-

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007- BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007- Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento 1. In applicazione dell

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ED ALTRE EROGAZIONI ECONOMICHE A FAVORE DI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI - ART. 12 DELLA LEGGE 241/90 E S.M.I. Adottato

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 23 luglio 2009 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 28 novembre 2009, n.278, concernente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FAMILIARE Comune di N A G O - T O R B O L E (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FAMILIARE SERVIZIO TAGESMUTTER Approvato con deliberazione consiliare n. 24/2006 dd. 28.06.2006

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO il decreto legge 22 giugno 2012 n. 83, convertito nella Legge 7 agosto 2012, n. 134 concernente Misure urgenti per la crescita del Paese ; VISTO l Allegato 1 al DL 83/2012 che abroga la Legge 1083/54

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

DOMANDA IN FORMA ORDINARIA. Il sottoscritto

DOMANDA IN FORMA ORDINARIA. Il sottoscritto ALLEGATO 1 Modello di domanda da compilare in stampatello, e da recapitare tramite raccomandata A.R., ovvero mediante consegna a mano, entro il 31 gennaio 2014. DOMANDA DI AMMISSIONE AI CONTRIBUTI di cui

Dettagli

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI TITOLO I CRITERI GENERALI ART. 1 PRINCIPI 1. Il presente regolamento

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin Oggetto: Aiuto di Stato N 124/2004 - Italia Regione Emilia Romagna Piano telematico regionale; concessione di contributi alle attività di ricerca

Dettagli

Normativa sugli Appalti

Normativa sugli Appalti Normativa sugli Appalti Verifiche sul rispetto della normativa in materia di appalti pubblici Milano, 7 giugno 2012 Francesca Barletta Archidata Srl Assistenza tecnica PO Italia Svizzera 2007-2013 Agenda

Dettagli

4. Con lettera del 16 novembre 2006, i servizi della Commissione hanno chiesto nuove informazioni complementari alle autorità italiane.

4. Con lettera del 16 novembre 2006, i servizi della Commissione hanno chiesto nuove informazioni complementari alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-II-2007 C(2007) 683 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Trento) Aiuto n. N 208/06 Fondo di rotazione immobiliare a favore di imprese cooperative e agricole (legge provinciale

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RELAZIONE D.L. 18.10.2012, N.179, ART.34, CO. 20 E 21, CONVERTITO CON MODIFICHE DALLA L. N.221/2012

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 642/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli