Corso aggiornamento Pspice per Windows. 9.1 schematic

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso aggiornamento Pspice per Windows. 9.1 schematic"

Transcript

1 Pagina 1 di schematic I.T.I.S. "E.FERMI" LUCCA Corso di aggiornamento per i docenti del settore Elettrotecnico dicembre 2002/ marzo 2003 A cura del prof. Umberto Cherubini Pagina 1 di 37

2 Pagina 2 di 37 LEZIONE 1: Multipli e sottomultipli Ovviamente il programma riconosce le unità previste dal S.I.; per quanto riguarda invece multipli e sottomultipli, bisogna attenersi alle seguenti indicazioni: F o f per P o p per N o n per 10-9 U o u per 10-6 M o m per 10-3 K o k per 10 3 Meg o meg per 10 6 G o g per 10 9 T o t per Funzioni Il programma è in grado di assegnare ad un componente il valore di una funzione, ossia non un numero, ma un'espressione matematica. Tra queste, le più utili (e dunque non le sole previste ) possono essere: Funzione Significato Commento ABS (x) x SQRT (x) EXP (x) radice di x e x LOG x ln x log e x LOG10 x log x log 10 x PWR (x,y) x y SIN x sen(x) x in radianti COS x cos(x) x in radianti ecc... Attributi ed etichette Ogni parte dello schema, dalla semplice linea di collegamento al componente più complesso, può o deve avere indicazioni univoche e complete; in qualche caso questi attributi generano confusione e condizionano l' avviamento della simulazione. Per Pagina 2 di 37

3 Pagina 3 di 37 esempio, talvolta capita che SPICE si rifiuti di proseguire dichiarando che ci sono degli errori al "reference designator". Ogni oggetto possiede due attributi: NOME e VALORE. Le etichette sono i più semplici attributi che si possono assegnare a bus, alle porte, a segmenti di linee di connessione (specie se collegate a bus), a componenti. Il procedimento é semplice: 1. si seleziona l' oggetto da identificare; 2. dal menu EDIT si sceglie ATTRIBUTE; 3. nel box di dialogo (EDIT REFERENCE DESIGNATOR) si digita quello che si vuole: nome o valore o sigla. Quando si sceglie un componente della libreria, può capitare che esso sia già definito, per es. un resistore da 1k. Il programma la rappresenta col simbolo corretto, con la lettera R, ma spesso non visualizza il valore numerico che, in realtà, esiste. Se si clicca sulla lettera che lo individua, si accede al menu Edit\Attribute e solo così é possibile vedere se esiste o no un valore numerico. Un secondo passo, più complicato, consente l' accesso ad un box di dialogo che elenca tutte le specifiche previste dal programma. E' sufficiente un doppio click sul componente per far comparire una finestra di non facile lettura; le righe riportano: 1. REFerence DESignator che identifica univocamente il componente e consiste di due parti: a) PKW REF relativo al package del componente; b) GATE nome del package; 2. TEMPLATE; 3. PART é il nome che compare sullo schema, insieme al componente quando lo si sceglie con GET NEW PART; 4. USER DEFINED ATTRIBUTE attributi addizionali a disposizione dell' utente. Un ulteriore livello di caratterizzazione, anche se non indispensabile, viene raggiunto con la seguente procedura: - click sul componente; - da MENU\EDIT si sceglie MODEL; - nel box di dialogo che compare si sceglie EDIT INSTANCE MODEL. Vengono elencate tutte le specifiche tecniche cui accede il programma di simulazione; per capirci qualcosa è utile l' HELP ivi disponibile. Pagina 3 di 37

4 Pagina 4 di 37 Uso del mouse Il mouse facilita il lavoro perché il programma viene attivato dai pulsanti sinistro e destro. Col pulsante sinistro: un solo click su un oggetto qualunque lo seleziona; un doppio click sull' oggetto attiva l' EDIT ATTRIBUTE; un click sull' area libera deseleziona tutto. Se, dopo aver selezionato un oggetto si preme lo SHIFT e si clicca su un altro oggetto, anche questo viene selezionato; così é possibile estendere la selezione a più di un oggetto. Oppure si può cliccare su un oggetto e tenendo premuto il pulsante si trascina il cursore per selezionare un gruppo di oggetti, ad esempio una sezione dello schema. Col pulsante destro: un solo click annulla ogni operazione in corso (come ESC); un doppio click consente di ripetere l' azione appena compiuta. Pagina 4 di 37

5 Pagina 5 di 37 LEZIONE 2: Esecuzione ed analisi di un partitore di tensione RC Nell' esempio si danno indicazioni per creare uno schema, cercando componenti e posizionandoli correttamente. Si vuole realizzare il circuito passivo mostrato in fig.1. Fig.1 Dal Program Manager di Windows 3.1 cliccare due volte sull'icona SCHEMATICS del gruppo "THE DESIGN CENTER" oppure, se si sta usando Windows 98: START/Programmi/Design Center/ Schematic. Compare il foglio di lavoro con i menù a tendina inseriti nella parte alta dello schermo. Disegno del circuito Per disegnare il generatore di tensione (nel seguito si tornerà sulle specifiche dei generatori) procedere come segue: 1. Selezionare DRAW/GET NEW PART (oppure CTRL G); 2. Digitare VSRC nell'apposita finestra di dialogo; 3. Cliccare OK o premere INVIO; 4. Cliccare il pulsante destro per terminare la modalità di posizionamento. Per disegnare le resistenze: 1. Selezionare Draw/Get New Part (oppure CTRL G); 2. Digitare R nell'apposita finestra di dialogo; 3. Cliccare OK o premere INVIO; Pagina 5 di 37

6 Pagina 6 di Cliccare per posizionare R1 sul foglio; 5. Digitare CTRL R per ruotare la sagoma del resistore; 6. Cliccare per posizionare il secondo resistore R2 ruotato; 7. Cliccare il pulsante destro per terminare la modalità di posizionamento. Per disegnare il condensatore: 1. Selezionare Draw/Get New Part (oppure CTRL G); 2. Digitare C nell'apposita finestra di dialogo; 3. Cliccare OK o premere INVIO; 4. Digitare CTRL R per ruotare la sagoma del condensatore; 5. Cliccare per posizionare il condensatore C ruotato; 6. Cliccare il pulsante destro per terminare la modalità di posizionamento. Per collegare i componenti seleziona Draw/Wire oppure CTRL W. Il cursore assume la sagoma di una matita. Cliccare sul punto di connessione del primo terminale che si desidera collegare. Portarsi sul secondo terminale e cliccare due volte in rapida successione per interrompere il filo. Il cursore ritorna ad assumere l'aspetto di una freccia. Per rientrare in modalità "filo" cliccare due volte sul pulsante destro o premere la barra spaziatrice. In alternativa è sempre possibile rientrare dal menù Draw/Wire oppure digitare CTRL W. Per cancellare un filo di collegamento mal disegnato o errato, procedere selezionando il filo cliccandoci su una volta, poi premere CTRL X oppure il tasto Canc oppure dal menù selezionando Edit/Cut. Questo vale anche per tutti gli altri componenti. Per disegnare il simbolo della massa analogica (obbligatorio in tutti i circuiti): 1. Selezionare DRAW/GET NEW PART (oppure CTRL G); 2. Digitare AGND nell'apposita finestra di dialogo; 3. Cliccare OK o premere INVIO; 4. Cliccare per posizionare il simbolo della massa. Si noti che esso è connesso da un punto di giunzione o nodo elettrico; 5. Cliccare il pulsante destro per terminare la modalità di posizionamento. Pagina 6 di 37

7 Pagina 7 di 37 Per posizionare il simbolo Viewpoint: 1. Selezionare DRAW/GET NEW PART (oppure CTRL G); 2. Digitare VIEWPOINT nell'apposita finestra di dialogo; 3. Cliccare OK o premere INVIO; 4. Muovere la sagoma del VIEWPOINT in modo che la sua punta tocchi il filo che collega R1, R2 e CAP1; 5. Cliccare per posizionare il VIEWPOINT; 6. Cliccare il pulsante destro per terminare la modalità di posizionamento. In tutti i casi precedentemente esaminati, per la scelta e il posizionamento si è digitato il nome noto del componente. Se noi non siamo sicuri del nome o desideriamo effettuare una scelta tra i componenti disponibili clicchiamo sul pulsante Browse nella finestra di dialogo Add Part per scegliere il simbolo dalla libreria selezionata. Per assegnare dei nomi particolari ai dispositivi presenti nel circuito cliccare due volte sul nome del simbolo e si deve inserire il nuovo nome nella finestra di dialogo Edit Reference Designator (vedi appendici). Esempio: VIN al posto di V1 e CAP1 al posto di C1. 1. Cliccare due volte su V1; 2. Digitare VIN nel campo Edit Reference Designator; 3. Cliccare OK o premere Invio. Ripetere la procedura per sostituire CAP1 a C1. Per modificare i valori dei componenti si procede allo stesso modo con la differenza che si deve cliccare due volte sul valore anziché sul nome del simbolo. Per assegnare nomi particolari alla rete (etichette o label) procedere come segue: 1. Cliccare due volte sul filo che connette VIN a R1; 2. Digitare 1 nel campo LABEL; 3. Cliccare OK o premere Invio; 4. Cliccare due volte sul filo che connette R1 a R2 e a CAP1; 5. Digitare 2 nel campo LABEL; 6. Cliccare OK o premere Invio. Pagina 7 di 37

8 Pagina 8 di 37 Per assegnare il valore 10V al generatore di tensione: 1. Cliccare due volte sul simbolo VIN; 2. Cliccare due volte sull'attributo DC; 3. Inserire 10V nel campo Value; 4. Cliccare sul pulsante Save attr e premere Invio; 5. Cliccare OK per terminare la modifica. Per salvare il circuito sul disco: 1. Selezionare File/Save; 2. Digitare RC come nome del circuito in modo da creare un file di nome RC.SCH; 3. Cliccare OK o premere Invio. Impostazione della simulazione in continua Dopo aver creato il file RC.SCH è possibile eseguire i programma PSpice selezionando Analisys/Simulate o premendo il tasto funzione F11. Questa azione determina l'esecuzione del programma ERC che controlla se sono rispettate le regole di continuità nel circuito elettrico; successivamente viene generato un file RC.NET che descrive i collegamenti dei vari componenti, RC.CIR che include anche le modalità di visualizzazione dell'analisi. PSpice opera su RC.CIR e genera il file di uscita RC.OUT esaminabile selezionando Analisys/Examine Output. Durante l'esecuzione di PSpice viene visualizzato sullo schermo una finestra come quella mostrata in fig.2 che fornisce informazioni relative alla simulazione attualmente in esecuzione. Fig.2 Pagina 8 di 37

9 Pagina 9 di 37 All'inizio della simulazione il simbolo VIEWPOINT era vuoto. Dopo la simulazione esso indica il valore di tensione in quel punto (5V). Per verificare graficamente il principio del partitore di tensione al variare di VIN eseguiamo un'analisi in DC fornendo a VIN valori da 0 a 10V con incrementi di 1V: 1. Selezionare Analisys/Setup e poi cliccare il pulsante DC sweep; 2. Nella finestra di dialogo DC Sweep digitare VIN nel campo Name; 3. Cliccare nel campo Start Value ed inserire 0; 4. Cliccare nel campo End Value o premi TAB ed inserire 10V; 5. Cliccare nel campo Increment o premi TAB ed inserire 1V; 6. Cliccare OK o premere Invio; 7. Cliccare nel box alla sinistra del pulsante DC Sweep; 8. Cliccare su CLOSE per terminare l'analisys Setup. Si osservi che nella finestra di dialogo DC Sweep è possibile settare numerose altre condizioni che per il momento non interessano Avviamento della simulazione Per eseguire l'analisi selezionare Analisys/Simulate o premere F11. Dopo la generazione del file RC.OUT da parte di PSpice entra in esecuzione il programma PROBE che visualizza le forme d'onda desiderate. Se ciò non accade si deve procedere alla selezione di Analisys/Probe Setup e marcare con una x la casella che dice "Automatically Run Probe After Simulation". Per plottare le tensioni ai nodi 1 e 2 in funzione di VIN: 1. Selezionare Trace/Add o premere il tasto Ins; 2. Cliccare su V(1) e V(2) nella lista delle forme d'onda disponibili; 3. Cliccare su OK o premere Invio. Per cancellare le due tracce appena plottate: 1. Cliccare sul testo V(1) localizzato sotto l'asse delle x per selezionare la traccia V(1); 2. Premere il tasto Canc per cancellare la traccia V(1); 3. Cliccare sul testo V(2) localizzato sotto l'asse delle x per selezionare la traccia V(2); Pagina 9 di 37

10 Pagina 10 di Premere il tasto Canc per cancellare la traccia V(2); Per inserire due marker nel circuito in modo che PROBE visualizzi automaticamente le relative forme d'onda: 1. Selezionare Mark Voltage/level (o CTRL M) dal menù Markers ; 2. Cliccare per posizionare il primo marker sul punto 1; 3. Cliccare per posizionare il secondo marker sul punto2; 4. Cliccare sul pulsante destro per terminare la modalità marker. Eseguire Analisys/Probe Setup selezionando la casella "visualizza tutti i marker" e successivamente rilanciare PSpice premendo F11. Si visualizzeranno, in PROBE, le tensioni nei punti 1 e 2 in funzione della tensione di ingresso VIN. Pagina 10 di 37

11 Pagina 11 di 37 Scelta delle grandezze da visualizzare Il programma di visualizzazione Probe consente un'ampia scelta delle grandezze da visualizzare (TRACE ADD di tensioni o correnti, analogiche o digitali..), anche in funzione dell'analisi avviata ( transienti, DC, AC-sweep..). In quasi tutti i casi la sintassi usata è la seguente: 1. per le tensioni sempre una V o v ed in parentesi i riferimenti al nodo o al componente. Sono valide queste espressioni: V(3) tensione al nodo 3 rispetto a massa; V(5,4) d.d.p.tra i nodi 5 e 4; V(R1) c.d. t. sulla R1; VB(Q3) tensione VB0 sul transistor Q3; VCB(Q2) tensione VCB su Q2; V(R2:1) tensione, rispetto a massa, sul morsetto 1 della R2. 2. per le correnti viene indicata una I o i ed in parentesi il componente nel quale scorre o una lettera specifica nel caso di BJT, FET.. Sono un esempio: I(R2) corrente nella R2; IC(Q2) corrente nel collettore di Q2. Quando é attivata l' analisi AC-SWEEP é possibile scegliere, in aggiunta a quelli precedenti, parametri specifici delle grandezze; basta indicarli con: - M per l' ampiezza (Magnitude); - DB per l' ampiezza in db; - P per la fase. Ad esempio si sceglierà: VM(2) per visualizzare l' ampiezza della tensione al nodo 2; VDB(R1) per l' ampiezza della c.d.t. su R1 in db. Poiché é possibile anche rappresentare impedenze, in funzione della frequenza, si potrà chiedere di rappresentare la parte reale (ZR) o quella immaginaria (ZI). Uso dei cursori in Probe Per valutare il valore della tensione del punto 1 o 2 in corrispondenza di un dato valore della tensione di ingresso V_VIN si ricorre ai cursori selezionando dal menù Tools di PROBE la voce Cursor/Display. I due cursori sono attivati per la prima traccia V(1) ed Pagina 11 di 37

12 Pagina 12 di 37 è visualizzata anche la finestra Probe Cursor. Esaminando la legenda della traccia si scorge che il simbolo a sinistra di V(1) è circondato da linee tratteggiate. Portare il cursore del mouse nelle vicinanze di 4V sull'asse x e cliccare sul pulsante sinistro del mouse. Il cursore appare sulla traccia di V(1) in corrispondenza di VIN=4V. La finestra Probe cursor, inoltre, fornisce nella prima riga le coordinate del punto indicato dal cursore. Per vedere muovere il cursore è sufficiente tenere premuto il pulsante e trascinare il mouse nella direzione desiderata. Per associare il secondo cursore alla forma d'onda V(2) cliccare col pulsante destro sul simbolo di V(2) (il rombo). Per muovere il secondo cursore sulla forma d'onda di V(2) premere il pulsante destro e trascinare il mouse fino alla posizione desiderata. La finestra Probe cursor fornisce nella seconda riga le coordinate del secondo cursore mentre la terza riga la differenza tra le coordinate dei due cursori. In fig.3 si mostra la schermata finale di PROBE con il grafico delle due tensioni e i due cursori. Fig. 3 V(1) e V(2) in funzione di V_VIN. Pagina 12 di 37

13 Pagina 13 di 37 LEZIONE 3: An a l i s i D C - Sw e e p per un com ponente pa ssivo Volendo studiare come varia la tensione dell uscita del partitore di tensione in funzione dei valori che può assumere R2, l impostazione d analisi è la stessa che per il dc-sweep di V1, ma nella finestra di setup del dcsweep (vedi a lato), si selezionerà la voce global parameters, inserendo nella casella della funzione da variare il nome assegnato alla variabile voluta (esempio x ). Si stabiliranno i valori iniziale, finale e l incremento. Lo stesso nome va poi, sul foglio di lavoro, sostituito al valore del componente da sottoporre a variazione (nel nostro caso R2=1k, la x va sostituita al valore di 1k) scrivendolo tra parentesi graffe (che sono l indicazione che la sigla è una variabile). Va poi richiamata nel foglio di lavoro (in figura 1) la funzione param. Fig. 1 Essa serve per la dichiarazione della variabile. Doppio clic su param: inserire il nome assegnato alla variabile (nel nostro caso x) nella riga name1 ed un valore qualunque nella riga value1. Premere F11. Il grafico che probe crea è riportato in fig. 2. Esso può essere copiato nelle clipboard di windows ( menù windowscopy to clipboard) ed esportato su qualunque documento office. Fig.2 Analisi ai transienti Trattandosi di un circuito RC é interessante studiare la risposta impulsiva, cioè la tensione di uscita V(2) in funzione del tempo quando il circuito è eccitato da un gradino di tensione; si deve quindi cambiare il generatore di ingresso da generatore di tensione costante a ge- Pagina 13 di 37

14 Pagina 14 di 37 neratore impulsivo in modo che fornisca un gradino di tensione e si deve attivare l'analisi ai transienti. Il Generatore VPW L : generatore di onde caratterizzati da un numero variabile tra 1 e 10 "angoli". Parametri: DC, AC : T1, V 1... T10, V 10 : tempo e tensione di un "angolo". Per cancellare il generatore V_VIN e sostituirlo con VPWL effettuare i seguenti comandi: 1. Selezianare Edit/Replace; 2. Digitare VSRC nel campo Target; 3. Premere TAB per avanzare al successivo campo; 4. Digitare VPWL nel campo Replacement; 5. Cliccare OK o premere Invio; 6. Cliccare due volte sul reference designator del simbolo VPWL; 7. Digitare VPWL nella finestra di dialogo Edit Reference Designator; 8. Cliccare OK o premere Invio; 9. Cliccare due volte sul simbolo VPWL per entrare nella finestra di dialogo Edit Attributes (per definire le caratteristiche della forma d'onda desiderata); 10. Eseguire un doppio click ed inserire il valore indicato in in fig5 per ciascun attributo ai transienti: Assicurarsi di aver cliccato su Save Attr. dopo ciascun passo per accettare le modifiche effettuate; 11. Cliccare su OK per accettare queste specifiche per VPWL. In fig. 4 si mostra lo schema elettrico del circuito modificato. Pagina 14 di 37

15 Pagina 15 di 37 Fig.4 Si decide di eseguire un'analisi temporale tra 0 e 5µs con un intervallo di stampa di 50ns per ottenere le forme d'onda come mostrato in fig.5. Per far ciò procedere come segue: 1. Selezionare Analysis/Setup e poi cliccare sul pulsante Transient. Si ottiene una finestra di dialogo da compilare; 2. Inserire 50ns nel campo Print Step; 3. Premi TAB per avanzare al campo successivo; 4. Cliccare su OK o premi Invio per accettare le specifiche; 5. Cliccare nel rettangolo a sinistra del pulsante Transient per l'analisi ai transienti; 6. Cliccare su Ok nella finestra di dialogo di Analysis Setup. Pagina 15 di 37

16 Pagina 16 di Inserire 5us nel campo Final Time; Per disabilitare l'analisi in DC: 1. Selezionare Analysis/Setup; Fig.5 2. Cliccare nel rettangolino a sinistra del pulsante DC Sweep per rimuovere la x; 3. Cliccare OK o premere Invio. Per eseguire la simulazione, selezionare Analysis/Simulate oppure premere il tasto funzione F11. Per visualizzare, in PROBE, la forma d'onda VPWL e quella sul condensatore: 1. Selezionare Trace/Add; 2. Viene visualizzato un elenco di variabili di uscita; 3. Selezionare V(VPWL:+) e V(CAP1:2) cliccando sul loro nome nella lista; 4. Cliccare OK o premere Invio; Le due tracce selezionate sono visualizzate sullo schermo e sono come quelle mostrate in fig.5. In fase di stampa si entri in Page Setup..., si ponga l'orientamento in Portrait, si deselezioni Draw Plot Title (togliere la x) e si impostino i margini come segue: left=1, right=1, Top=0.5, Bottom=6.5. È possibile, come nel caso precedente, utilizzare i cursori per analizzare i valori di tensione e i tempi. Per stampare su stampante le forme d'onda ottenute con Probe si seleziona File/Print: si entra in una finestra di dialogo che consente di selezionare il foglio orizzontale o vertica- Pagina 16 di 37

17 Pagina 17 di 37 le, di impostare i parametri del foglio e della stampante. Selezionando File/Exit si ritorna in ambiente Schematic Editor nel quale è possibile effettuare il salvataggio del circuito modificato rinominandolo, ad esempio, con RCXFIG5.SCH. Esercizio: Analisi Parametrica al variare della capacità e/o della resistenza Al pari di quanto fatto in precedenza per il DC-Sweep, anche nel transient è possibile l analisi al variare del valore di un componente. Agire esattamente nello stesso modo per l impostazione, utilizzando però il bottone parametric dell analysis-setup e verificare i risultati in Probe. Imporre, per esempio, che la capacità vari da 1n a 2n. Sostituire R1 con un potenziometro e parametrizzarne l attributo set. Vedere i risultati della simulazione. Pagina 17 di 37

18 Pagina 18 di 37 LEZIONE 4: Generatore sinusoidale VSIN La sintassi completa prevede l' indicazione dei seguenti valori: VOFF : valore medio del segnale, o componente continua; VAMPL : ampiezza della componente alternativa; FREQ : frequenza; TD : Time Delay ( istante di partenza del segnale distinto dall' istante 0 dei tempi); DF : Damping Factor ( fattore di decadimento); PHASE : fase iniziale del segnale (gradi). (Per generalizzare i casi, PSpice considera che il segnale sinusoidale possa avere un decadimento o un incremento esponenziale che dipende dal segno e dal valore del parametro DF). Alla luce di quanto mostrato, il segnale dovrebbe avere la seguente equazione: v = VOFF + VAMPL sin [ 2 FREQ ( t - TD) + PHASE/360] * e -(t - TD)*DF I valori richiesti sono: Generatore ad impulsi Vpulse V1 : valore minimo (meglio dire iniziale ); V2 : valore massimo (meglio intendere finale ) TD : time delay TR : rise time (letteralmente tempo di salita si riferisce però al tempo impiegato dal segnale per passare da V1 a V2); TF : falling time (letteralmente tempo di discesa si riferisce però al tempo impiegato dal segnale per tornare da V2 a V1); PW : pulse width ( tempo di mantenimento a livello); PER : periodo del segnale. Pagina 18 di 37

19 Pagina 19 di 37 nelle figure sono riportati due esempi di circuiti che usano Vpulse. In uno si genera un segnale quadro, nell altro un triangolo Analisi in alternata E' possibile studiare l'andamento in funzione della frequenza di un segnale elettrico presente in un circuito. Sostituiamo il circuito ora esaminato con quello della figura sottostante 1. Inserire il nuovo generatore richiamandolo velocemente col comando CRTL+G e digitando nella riga ADD PART il nome: VSIN e cliccare su OK; 2. Dopo aver trascinato il generatore col mouse nella posizione prevista, cliccare due volte in rapida successione nel simbolo per le impostazioni dei valori; OK; 3. Si ponga solo VAC=1V e si esca cliccando su 4. Cliccare due volte in rapida successione sul nome del generatore (potrebbe essere V3, V4,..) e sostituirlo con V1; 5. Per attivare l'analisi in alternata selezionare SETUP dal menu ANALYSIS, decliccare (togliere la x) da TRANSIENT e PARAMETRIC ed attivare la x di AC Sweep; 6. Cliccare sul pulsante AC Sweep per accedere alla finestra di dialogo per le impostazioni; Pagina 19 di 37

20 Pagina 20 di Selezionare la scala delle frequenze di tipo decadico, 100 punti per decade, 1KHz come frequenza iniziale, 1MegHz (oppure Hz ma non 1MHz) come frequenza finale; 8. La finestra Noise analisys può essere ignorata, tuttavia decidiamo di compilarla: 1. Cliccare nella casella NOISE ENABLE; 2. Inseriamo V(out) (l'uscita del circuito) nel campo output voltage; 3. Inseriamo V1 (il generatore di ingresso) nel campo I/V source; 4. Inseriamo 30 nel campo interval. Verrà elaborata una tabella ogni trentesimo di intervallo di frequenza sui contributi al rumore totale dovuto ai generatori di rumore; questa tabella è visualizzabile in PSPICE poichè contenuta nel file XXXXXX.OUT; 5. Cliccare su OK per uscire dalla finestra di dialogo AC Sweep e su close per u- scire dal SETUP di ANALYSYS; 9. Attivando la simulazione con Analysis/simulate (o F11) si ottiene un messaggio di errore poiché non si è definito completamente il generatore V1; 10. Ripetere il passo 4 definendo VOFF=0, VAMPL=1V, FREQ=1.5KHz; 11. Ripetere il passo 11 attivando la simulazione col tasto funzione F11. Queste operazioni ci hanno portato in PROBE. In questo ambiente è possibile selezionare la forma d'onda che si desidera esaminare in funzione della frequenza. L'asse delle x è tarato in Hz e si scorgono i riferimenti relativi a 1KHz, 3KHz, 10KHz, 30KHz, 100KHz, 300KHz, 1MHz. L'asse delle y sarà in seguito tarato in base al valore massimo delle grandezze da visualizzare (indipendentemente dalla unità di misura). Per visualizzare il modulo della tensione di uscita all'operazionale in funzione della frequenza agire come segue: 1. Dal menu TRACE selezionare ADD; 2. Per visualizzare solo l'elenco delle tensioni cliccare nella casella current per eliminare la x; 3. Cliccare la voce V(out); appare nella barra trace command la dicitura V(out) (che può essere selezionata col mouse ed eliminata col tasto CANC se non interessa); 4. Cliccando su OK si ottiene, poi, la risposta in frequenza della tensione V(out); sull'asse y appaiono i valori espressi in mv; 5. Se si vuole esprimere la tensione di uscita in scala logaritmica si seleziona il comando Y Axis Setting dal menu PLOT; Pagina 20 di 37

21 Pagina 21 di Selezionare user defined, introdurre i valori 1mV e 1000mV e selezionare la scala logaritmica; 7. Per manipolare l'asse delle X si seleziona X Axis Setting e si suggerisce di introdurre i seguenti valori: user defined, da 100KHz a 10MHz, scala logaritmica, OK; 8. La forma d'onda sarà disegnata fino a 1MHz perché nel passo 9 del precedente elenco di azioni abbiamo definito l'analisi in AC fino a 1MHz (volendo si può ritorna in ANAL- YSIS/SETUP/AC per imporre freq.finale=10mhz); 9. Riportare le impostazioni degli assi X e Y (dal menu PLOT) come in precedenza cioè in modo automatico; 10. Per visualizzare le risposte in frequenza delle tensioni di rumore si selezionano le voci V(INOISE) e V(ONOISE) (rumore di ingresso e di uscita) dal menu TRACE/ADD; 11. Apparentemente sembra che le forme d'onda non siano state disegnate. Si ricordi che la tensione di uscita raggiunge il valore di alcune centinaia di mv mentre quelle di rumore sono dell'ordine dei nv (6 ordini di grandezza in meno). Per visualizzarle siamo costretti a tagliare la forma d'onda V(out); Si seleziona V(out) cliccando col mouse sulla voce V(out) che appare sullo schermo in basso a sinistra; il testo diventa rosso poiché è stato selezionato: a questo punto è sufficiente selezionare plot-add y axis poi modifica-incolla e sullo schermo rimangono V(INOISE) e V(ONOISE) oltre a V(out) come mostrato in fig.9. Fig.9 Per esercitazione, ora, visualizzare sullo schermo le forme d'onda V(R1) e V(in) dopo aver cancellato le tensioni di rumore V(INOISE) e V(ONOISE). Usando i cursori, attivabili con TOOLS/CURSOR/DISPLAY, visualizzare i valori di V(R1) e V(in) in corrispondenza della frequenza 200KHz. Si ricordi di associare il cursore collegato al tasto sinistro del mouse alla forma d'onda V(4) e quello collegato al tasto destro alla forma d'onda V(5). Per far ciò: Pagina 21 di 37

22 Pagina 22 di Cliccare col sinistro nel rettangolino di V(4) in basso; 2. Cliccare col destro nel rombo di V(5) in basso; 3. Dopo aver effettuato le misure uscire da PROBE con la procedura FILE/EXIT; Analisi in alternata di un amplificatore con 741 Si disegni il circuito di fig 10. si tratta di un amplificatore in configurazione invertente. Per esercitazione vogliamo analizzarne la risposta in frequenza. A differenza del caso precedente vogliamo rendere più semplice la scelta delle variabili da visualizzare in probe e definirle in DB. Applichiamo quindi al nodo out i Vmarker advanced Vdb e Vph. Essi ci permettono di visualizzare in automatico su probe il variare di V(out) e della fase al variare della frequenza; ci sarà naturalmente bisogno di aggiungere un asse Y. La fase è misurata in gradi. I risultati dell analisi sono visibili in fig.11 e Fig.10 possiamo vedere che si tratta del diagramma reale di Bode. Volendo potremmo anche qui aggiungere i grafici relativi al rumore. Bisogna considerare che probe è in grado di visualizzare non più di tre assi Y. Naturalmente i grafici di fase e uscita potevano essere prelevati anche dalla finestra Trace-Add utilizzando gli operatori matemati- Fig.11 ci per riprodurre le relative formule. Pagina 22 di 37

23 Pagina 23 di 37 LEZIONE 5: esercitiamoci ad impostare Vpulse Si propone di utilizzare il circuito di fig.12 per una breve esercitazione sull impostazione di Vpulse vista nella lezione precedente. Con le tecniche apprese disegnare, sullo stesso foglio di lavoro, tre circuiti nei quali impostare il generatore in modo che componga in uno un segnale quadro, in uno un segnale triangolare e, nel terzo, uno irregolare che abbiano la stessa frequenza. Si visualizzino con probe, ricordando che nel setup-transient, il valore Final Time deve essere rapportato nel giusto modo al PER di Vpulse. Sostituire, infine, ai tre generatori d impulso tre Vsin di pari freq e escursione massima, provando ad impostare diversi valori di fase. Fig.12 Può essere interessante a questo punto, utilizzare l AC-Sweep per analizzare la risposta in frequenza di un filtro passa-basso e di uno passa-alto, proponendosi poi di collegarli per comporre e simulare un filtro passa-banda. A tale scopo, disegnare gli schemi di fig.13, Fig.12 impostando ed eseguendo, secondo i passi imparati in precedenza, l analisi in frequenza sia del segnale in Volt e/o in db, che della fase, utilizzando oppure no i Markers-Advanced. Si ricordi che fase e segnale, avendo unità di misura differenti, hanno bisogno di due assi Y (selezionare una delle due variabili, poi edit-cut, poi plot-add Y axis infine edit paste ). Fig.13 Pagina 23 di 37

24 Pagina 24 di 37 A questo punto aggiungere, sempre sullo stesso foglio, il circuito di Fig.13 e ripetere l analisi. I risultati sono mostrati in fig.14. È possibile misurare con cursor le frequenze limite dei tre filtri e le varie corrispondenze tra frequenza e fase. Fig.14: Risposte in frequenza dei tre filtri Simulazione di un comparatore In fig.15 è rappresentato lo schema di un comparatore. Il trattamento delle alimentazioni è garantito dalle global A e GND, che collegano l operazionale a due alimentatori (fig.16). la soglia di riferimento è ottenuta dal partitore R3-R4. l uscita dell operazionale pilota un bjt sul cui collettore si Fig.15: schema di un comparatore trova l uscita del circuito. L esercitazione consiste nella misura delle soglie di commutazione. L analisi da impostare è un DC-Sweep sul set di R6, che viene fatto variare da 0 fino a 1 per passi di 0.1. Nel disegno può essere inserito un V-marker anche Fig.16: trattamento delle alimentazioni Pagina 24 di 37

25 Pagina 25 di 37 sul pin 3 del 741, in modo da visualizzare direttamente sul grafico per quale valore di V+ avviene la commutazione. L impostazione e l esito dell analisi sono riportati in fig.17. È da rilevare che il bjt è consigliabile nel caso che la simulazione venga fatta seguire anche da una prova al banco, ma non è strettamente necessario. 15V 10V 5V 0V V(Vi) V(Q1:c) cw Fig.17: impostazione ed esito dell analisi DC-Sweep con parametrizzazione del set del potenziometro R6 Pagina 25 di 37

26 Pagina 26 di 37 LEZIONE 6: Termostato con sonda termica a BJT Nel circuito proposti occorre impostare, dal menù "Analysis" di Schematics, la voce setup/dc/temperature. La novità introdotta in questa lezione consiste nel porre sull'asse x la temperatura. Il circuito ha d interessante l'uso dell'economicissimo transistor qui utilizzato come sonda termica dal comportamento soddisfacentemente lineare. L'ultimo stadio, in funzione della temperatura captata dal transistor, mette in funzione o spegne in modo automatico un impianto di riscaldamento. Il circuito consente un controllo automatico discontinuo della temperatura di un ambiente. Fig.18 Termostato con sonda termica a BJT. La temperatura di commutazione è impostata tra 15 C e 27 C agendo sul potenziometro R9. All'aumentare della temperatura la VBE del BJT diminuisce di 2mV/ K con legge lineare. Il primo operazionale elimina una parte di offset della VBE ed inserisce un guadagno di tensione pari a: 1+R5/R4 = 48 (quasi uguale a 50). La tensione out1, pertanto, diminuisce di 100mV per un aumento di 1 C di temperatura. Dal grafico allegato si vede che con i valori dei componenti inseriti si ha: Vout1=8V per t=0 C e Vout1=3V circa per t=50 C. Il secondo operazionale lavora da comparatore non invertente. Il potenziometro R9=100K consente di stabilire il potenziale del pin 2 al valore 5.5V circa se il contatto centrale è posto in basso (K=0), e 6.5V circa se il contatto centrale è posto in alto (K=1). In tal caso se K=0 l'usci- Pagina 26 di 37

27 Pagina 27 di 37 ta Vout2 va dal livello alto a zero quando Vout1, diminuendo, raggiunge il valore 6.5V (a 15 C) e se K=0 l'uscita Vout2 va dal livello alto a zero quando Vout1, diminuendo, raggiunge il valore 5.5V (a 27 C). L'uscita Vout2 del comparatore comanda il sistema di riscaldamento: quest'ultimo è acceso se Vout2=livello alto, è spento se Vout2=livello basso. Osservazioni: entrambi gli operazionali funzionano a singola alimentazione. Si esegue un'analisi parametrica sulla grandezza set del potenziometro R9. La VBE del transistor scende da 660mV a 560mV circa se la temperatura sale da 0 C a 50 C. Per l'impostazione della simulazione: Analysis/Setup/DC sweep/temperature/linear/da 0 a 50 con incremento di 0.1. Fig.19 Tensioni di uscita del primo e secondo amplificatore operazionale in funzione della temperatura per tre diversi valori del potenziometro R9. Per terminare la simulazione, misurare con precisione con i cursori di Probe le temperature, le VBE, le tensioni Vout1 per set=0, set=0.5, set=1. set T ( C) VBE (Volt) Vout1 (Volt) Pagina 27 di 37

28 Pagina 28 di 37 Risposta in frequenza e al gradino di un circuito RC e della relativa f.d.t. col blocco LAPLACE Fig. 20 Dopo aver disegnato il circuito e configurato il generatore V1 (VSRC) come in figura impostare: 1. Analysis/setup/AC sweep/ac sweep type: decade/start freq.=1k, end freq.=10meg. 2. Analysis/setup/transient/final time=5000us, step ceiling=10ns/skip initial... spuntato. 3. Analysis/simulate: si puo' scegliere tra AC e transient; facciamo click sul pulsante AC. 4. Trace/add/dalla lista functions (a destra) cliccare su DB() e poi cliccare su V(VO1) nella lista a sinistra. 5. Ripetere il passo precedente in modo da visualizzare anche la traccia VDB(V(VO2)). Le due tracce sono identiche: i due circuiti sono equivalenti per la risposta in frequenza. Pagina 28 di 37

29 Pagina 29 di 37 Per inserire i grafici della fase: Plot/add plot e ripetere i passi 4 e 5 con la funzione P() (Phase). Assodata l'uguaglianza delle tracce omologhe dei due circuiti, cancelliamo modulo e fase di VO2. Attiviamo i due marker: il primo lo poniamo sul modulo in db di VO1 ed il secondo sulla fase di VO1. Misure da effettuare: tenendo premuto i due pulsanti del mouse, determinare il modulo in db e la fase in gradi per i seguenti valori della frequenza: 1KHz, 10KHz, 100KHz, 1MHz, 10MHz. Riportare i valori in una tabella sul proprio quaderno (filtro passa-basso del primo ordine). Determinare sperimentalmente la frequenza di taglio: ft=1/(6.28rc) utilizzando i marker ricordando che in corrispondenza di ft si ha modulo=-3db e fase=-45. Confrontare il valore trovato con quello teorico. Per la risposta al gradino si clicca sul pulsante transient nel precedente punto 3. Visualizzare VO1, VO2 e la Vi ed impostare gli assi x e y (user defined) come in figura. Anche in questo caso notiamo che le due risposte VO1 e VO2 sono coincidenti. Misure da effettuare: attiviamo il marker sulla tensione VO1 (la VO2 la possiamo cancellare) e determiniamo i valori di VO1 per i seguenti valori del tempo: 0, 1us, 2us, 3us, 4us, 5us. Riportare i valori in una tabella sul proprio quaderno. Determinare sperimentalmente la costante di tempo: t =RC ricordando che per t = t si ha: VO1=0.632*Vi Pagina 29 di 37

30 Pagina 30 di 37 LEZIONE 7: Acquisizione di temperatura con LM35 Si vuole condizionare l'uscita di un trasduttore, in modo da ottenere una variazione di 100mV/ 0 C. Il trasduttore, un LM35, rende una Vout=0 per 0 o C fornendo 10mV/ 0 C. Un esempio di soluzione è mostrato in fig.21. Lo schema, che sottintende il trattamento delle alimentazioni, prevede di ampli- ficare il segnale di un fattore 10 e collegare a massa il punto A del circuito, in modo da ottenere una Vref del differenziale pari a 0V. Poiché, per azzerare l'uscita deve essere VA=Vs=0V Fig. 21: condizionamento del segnale proveniente da LM35 della simulazione sono mostrat in fig. 22. La simulazione prevede un DC-Sweep di vs (che prende il posto della variazione di tensione continua proveniente dal trasduttore) la cui impostazione e risultati Fig.22: impostazione e risultati della simulazione proposta Pagina 30 di 37

31 Pagina 31 di 37 Integratore invertente e non invertente Esiste una frequenza, fc=1/2πr2c1 al di sotto della quale il circuito di fig. 23 funziona da semplice amplificatore invertente (perché C1 si comporta sempre più da cq aperto) mentre per valori superiori inizia ad integrare. Per verificare con la simulazione quanto asserito, eseguire i seguenti passi: 1. Disegnare il circuito 2. Impostare, in Vpulse, V1=-0.5V, V2=0.5V, TD=TR=TF=0.1us, PW=50us, Fig. 23: esempio di integratore invertente PER=100us. Così viene generato un segnale quadro di frequenza 10KHz. 3. Impostare, nell analisys setup transient, il Final Time a 200us e il Print step a 20us 4. Eseguire l analisi Il risultato dell analisi (fig. 24) mostra l integrazione del segnale. Fig. 24: risultato della simulazione del circuito di fig. 23 Pagina 31 di 37

32 Pagina 32 di Reimpostare il Vpulse modificando solo PW (2.5ms) e PER (5ms) 6. Modificare in relazione le voci del setup transient 7. Eseguire di nuovo l analisi Il risultato dell analisi (fig. 25) mostra la semplice amplificazione del segnale. Fig. 25: risultato dell analisi impostata nei passi 5, 6 e 7 In fig. 26 è riportato lo schema elettrico di un integratore non invertente su cui poter esegui- re le stesse analisi. Fig. 26: integratore non invertente Pagina 32 di 37

33 Pagina 33 di 37 La struttura gerarchica Generalità La struttura gerarchica permette di organizzare il circuito in numerosi livelli. I vantaggi sono: Controllabilità La gerarchia permette di organizzare e focalizzare i livelli di dettaglio di uno schema nascondendo i dettagli a più basso livello del circuito. Progettazione Top-Down La gerarchia permette di trattare il circuito dal punto di vista più alto trattando i blocchi del circuito come scatole nere che possono essere riempite di dettagli più tardi. Progettazione Bottom-Up La gerarchia fornisce strumenti per creare porzioni di circuito di qualsiasi complessità che possono essere salvate in librerie ed u- sati allo stesso modo in cui si trattano i componenti tradizionali. Riuso I blocchi possono essere riutilizzati per realizzare altri circuiti. Parti fondamentali I tre componenti fondamentali nella gerarchia sono: i blocchi le parti gerarchiche i views I Blocchi Un blocco è un rettangolo definito dall'utente ed usato per rappresentare una porzione di circuiteria. Essendo trattati come scatole nere, l'utente collega i blocchi per una rappresentazione funzionale e successivamente va a dettagliare il contenuto di ciascuno di essi. Per inserire un blocco in Schematic Editor si seleziona Draw/Block. Per applicare una linea di collegamento o un bus si seleziona Draw/Wire o Draw/Bus e si clicca su un bordo qualsiasi del blocco per la lunghezza desiderata del collegamento. All'interno del blocco apppaiono label successivamente numerate: P1, P2, P3,... e sul bordo si materializza un nodo. Per ridimensionare un blocco si tiene premuto il tasto Shift e si clicca sul pulsante destro del mouse trascinandolo. Pagina 33 di 37

34 Pagina 34 di 37 Per definire il circuito associato al blocco si seleziona Navigate/Push o si clicca due volte in rapida successione all'interno del blocco. Se si entra nel blocco per la prima volta, Schematic Editor pone automaticamente un port di interfaccia per ciascun filo o bus connesso al blocco. Se, invece, si associa al blocco un circuito già esistente, è responsabilità dell'utente creare e connettere i port di interfaccia necessari. L'aggiunta successiva di altre connessioni obbliga l'utente a richiamare manualmente gli altri port di interfaccia quando si entra all'interno del blocco. Il comando è Draw/Get New Part/INTERFACE (elemento che si trova nella libreria PORT.SLB). Le label di queste port devono essere le stesse che compaiono nel blocco. Dopo aver costruito un blocco è possibile convertirlo in simbolo con il comando Edit/Convert Block. Viene generato un simbolo rettangolare con tanti pin quanti sono i fili o bus collegati al blocco. Parti gerarchiche Vi sono due tipi fondamentali di parti gerarchici in Schematic: parti primitive parti gerarchiche Le prime rappresentano il livello più basso e le seconde contengono uno o più livelli schematici all'interno. Views È un meccanismo che consente al blocco o alla parte gerarchica di avere una o più rappresentazioni. Realizzazione di un amplificatore Si vuole realizzare un circuito costituito da un generatore di segnale V1 che alimenta un amplificatore definito da un blocco. L'uscita pilota una resistenza R1=10K come appare in fig Draw/Get New Part 2. Inserisci Vsin in Add Part Fig.27: schema di un circuito comprendente un amplificatore realizzato da un blocco Pagina 34 di 37

35 Pagina 35 di Clicca per posizionare il componente 4. Clicca col destro per terminare la modalità di inserimento componente. Inserimento blocco OPAMP 1. Draw/Block 2. CTRL+R per ruotare il blocco 3. Clicca per posizionare il componente 4. Clicca col destro per terminare la modalità di inserimento componente 5. Doppio click su HB1 in modo da entrare nella finestra di dialogo Edit Reference Designator 6. Digita Opamp al posto di HB1 7. Clicca su OK. Inserimento resistenza 1. Draw/Get New part (o CTRL+G) 2. Digita R in Add Part seguito da click su OK 3. Premi CTRL+R per ruotare la resistenza 4. Clicca per posizionare il componente e poi imposta il valore (10k) 5. Clicca col destro per uscire dalla modalità di inserimento componente. Inserimento massa 1. Draw/Get New Part 2. Digita AGND in Add Part seguito da click su OK 3. Trasporta e clicca sui due punti dove deve essere inserita la massa 4. Clicca col destro per uscire. Inserimento punti IN e OUT 1. Draw/Wire per disegnare il collegamento da V1 al lato sinistro del blocco 2. Doppio click per eliminare il simbolo della matita 3. Premere la barra per riattivare la matita, disegnare il collegamento tra R1 e la parte destra del blocco. Per cambiare il nome dei pin del blocco Pagina 35 di 37

36 Pagina 36 di Doppio click sul pin P1 2. Nella finestra di dialogo Change Pin digitare IN al posto di P1 nel campo Pin Name e poi orientare nel modo ritenuto migliore configurando le voci orient, Hjust, Vjust 3. Clicca su OK 4. Ripetere i passi 1 2 e 3 per P2 che dovrà divenire OUT. Salvare il circuito con File/Save inserendo il nome TESTAMPLI.SCH. Per disegnare il circuito contenuto nel blocco,si clicca due volte, in rapida successione, all'interno del blocco. Appare una finestra di dialogo in cui scriveremo Ampli_in. Si entra in un nuovo ambiente Schematic di nome ampli_in.sch in cui compaiono due port INTERFACE: uno di ingresso di nome IN e l'altro di uscita di nome OUT. Si passa alla realizzazione dell amplificatore invertente collegando all ingresso l interface IN ed all uscita l interface OUT come in fig.28. Quando lo schema è completo si ritorna al livello superiore selezionando Navigate/Pop. Rispon- Fig.28: circuito amplificatore dentro il livello gerarchico dendo affermativamente alla domanda che chiede se si vuole salvare il file si realizza l'associazione del circuito di fig.27 di nome Ampli_in.SCH al blocco OPAMP inserito nel circuito ampliger.sch. Per vedere la lista dei view associato al blocco clicca sul blocco per selezionarlo e poi attiva il comando Edit/View. Clicca su Cancel per uscire dalla finestra di dialogo. Pagina 36 di 37

37 Pagina 37 di 37 Analisi in frequenza e in transient A questo punto è possibile impostare tutti i tipi di analisi come nei precedenti circuiti. Configuriamo, per esempio, l analisi in AC_Sweep dando un valore al parametro AC del generatore e riempiendo le altre voci richieste al suo funzionamento. Configuriamo poi nel setup, sia il transient che l AC_Sweep. I risultati della simulazione appaiono nella fig. 29. Fig.29: esito della simulazione del blocco amplificatore sia per la risposta in frequenza che per l analisi temporale. Pagina 37 di 37

Impariamo ad usare PSPICE Student Edition.

Impariamo ad usare PSPICE Student Edition. Impariamo ad usare PSPICE Student Edition. 2002 Giorgio Fontana Università di Trento. Installazione. Procurarsi una copia di: Attenti, è una cosa grossa: 27.2 MB. eventualmente da: http://www.orcad.com/product/simulation/pspice/eval.asp

Dettagli

Esercitazioni di Laboratorio III di Fisica in ambiente Pspice. I. Ortosecco

Esercitazioni di Laboratorio III di Fisica in ambiente Pspice. I. Ortosecco Esercitazioni di Laboratorio III di Fisica in ambiente Pspice I. Ortosecco ottobre 2008 I. Ortosecco Esercitazioni Pspice di Lab. III 1 Quanto segue è un promemoria per coloro che hanno seguito la lezione_lab

Dettagli

Breve introduzione all uso di OrCAD PSpice 9.1

Breve introduzione all uso di OrCAD PSpice 9.1 Breve introduzione all uso di OrCAD PSpice 9.1 Introduzione Il presente tutorial riassume brevemente le nozioni di base per l uso di OrCAD PSpice 9.1 Student Edition come strumento per la soluzione numerica

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ELETTRONICA I

ESERCITAZIONI DI ELETTRONICA I ESERCITAZIONI DI ELETTRONICA I Le esercitazioni descritte nel seguito sono riferite all utilizzo di LTSpice IV free version che può essere reperito nel sito http://www.linear.com/designtools/software/

Dettagli

Risposta RLC serie Analisi nel dominio del tempo. Laboratorio di Sistemi. Classe IV - Risposta dei circuiti: RLC serie con gradino di tensione

Risposta RLC serie Analisi nel dominio del tempo. Laboratorio di Sistemi. Classe IV - Risposta dei circuiti: RLC serie con gradino di tensione 12/02/09 IPSIA Antonio Pacinotti - Pistoia Risposta RLC serie Analisi nel dominio del tempo Laboratorio di Sistemi Classe IV - Risposta dei circuiti: RLC serie con gradino di tensione Gualtiero Lapini

Dettagli

Fig. 3: Selezione dell analisi: Punto di polarizzazione. Fig. 4: Errori riscontrati nell analisi

Fig. 3: Selezione dell analisi: Punto di polarizzazione. Fig. 4: Errori riscontrati nell analisi Elettronica I - Sistemi Elettronici I/II Esercitazioni con PSPICE 1) Amplificatore di tensione con componente E (file: Amplificatore_Av_E.sch) Il circuito mostrato in Fig. 1 permette di simulare la classica

Dettagli

Tutori: Giovanni Corradi e Paolo Ciambrone. 1. Analisi nel dominio della frequenza

Tutori: Giovanni Corradi e Paolo Ciambrone. 1. Analisi nel dominio della frequenza INDICE: Filtri RC e CR 1. Analisi nel dominio della frequenza 1.1. Filtro PASSA BASSO 1.2. Filtro PASSA ALTO 1.3. Filtro PASSA ALTO + PASSA BASSO 1.4. Filtri PASSA BASSO IN CASCATA 2. Analisi nel dominio

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio. Foglio elettronico Foglio elettronico EXCEL Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Il foglio elettronico è un programma interattivo, che mette a disposizione dell utente una matrice di righe

Dettagli

I.T.I.S. E. Mattei URBINO

I.T.I.S. E. Mattei URBINO I.T.I.S. E. Mattei URBINO Uso di OrCad come simulatore di reti logiche 1 Capitolo 1: Introduzione... 3 Panoramica su SPICE... 3 Componenti di base... 3 Capitolo 2: Simulazione logica nel dominio del tempo...

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

L USO DI SPICE PER LE ESERCITAZIONI DI ELETTRONICA DIGITALE

L USO DI SPICE PER LE ESERCITAZIONI DI ELETTRONICA DIGITALE CAPITOLO 1 L USO DI SPICE PER LE ESERCITAZIONI DI ELETTRONICA DIGITALE Questo capitolo sull uso del programma di simulazione SPICE (Simulation Program with Integrated Circuit Emphasis) è lungi dal voler

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA

POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA ACCESSO ALL AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE Microsoft Visual C++ è sufficiente cliccare sul pulsante di Windows,

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima

Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima Cenni preliminari... 1 Elementi sullo schermo... 2 Creazione di una cartella di lavoro... 3 Utilizzo di celle e intervalli... 3 Gestione della cartella

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL I fogli elettronici vengono utilizzati in moltissimi settori, per applicazioni di tipo economico, finanziario, scientifico, ingegneristico e sono chiamati in vari modi : fogli

Dettagli

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Indice dei contenuti. L'amplificatore...3. L'amplificatore operazionale - Premesse teoriche....5 3. Circuito equivalente... 5

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

1Analisi di circuiti in

1Analisi di circuiti in 1Analisi di circuiti in corrente continua con PSpice ANALISI DI UN CIRCUITO SERIE Legge di Kirchhoff delle tensioni per circuiti serie Un circuito serie ha un solo percorso per la corrente. Se una sorgente

Dettagli

Excel Foglio elettronico: esempio

Excel Foglio elettronico: esempio Excel Sist.Elaborazione Inf. excel 1 Foglio elettronico: esempio Sist.Elaborazione Inf. excel 2 Foglio elettronico o spreadsheet griglia o tabella di celle o caselle in cui è possibile inserire: diversi

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Sommario Uso del computer e gestione dei file... 3 Sistema Operativo Windows... 3 Avvio di Windows... 3 Desktop... 3 Il mouse... 4 Spostare le icone... 4 Barra delle

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale Foglio di calcolo Foglio di calcolo Foglio organizzato in forma matriciale: migliaia di righe e centinaia di colonne In corrispondenza di ciascuna intersezione tra riga e colonna vi è una CELLA Una cella

Dettagli

Esercitazione. Fig. B.1 L ambiente di lavoro Exel

Esercitazione. Fig. B.1 L ambiente di lavoro Exel Esercitazione Exel: il foglio di lavoro B.1 Introduzione Exel è un applicazione che serve per la gestione dei fogli di calcolo. Questo programma fa parte del pacchetto OFFICE. Le applicazioni di Office

Dettagli

lo 4 1. SELEZIONARE; le celle da tagliare (spostare) 2. Comando TAGLIA

lo 4 1. SELEZIONARE; le celle da tagliare (spostare) 2. Comando TAGLIA Capittol lo 4 Copia Taglia Incolla 4-1 - Introduzione Durante la stesura di un foglio di lavoro o durante un suo aggiornamento, può essere necessario copiare o spostare dati e formule. Per questo sono

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

Breve guida a WORD per Windows

Breve guida a WORD per Windows 1. COSA È Il Word della Microsoft è pacchetto applicativo commerciale che rientra nella categoria dei word processor (elaboratori di testi). Il Word consente il trattamento avanzato di testi e grafica,

Dettagli

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/ MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http:///ecdl/powerpoint/ INTERFACCIA UTENTE TIPICA DI UN SOFTWARE DI PRESENTAZIONE APERTURA E SALVATAGGIO DI UNA PRESENTAZIONE

Dettagli

2. Salvare il file (cartella di lavoro) con il nome Tabelline 3. Creare le seguenti due tabelle (una tabellina non compilata e una compilata)

2. Salvare il file (cartella di lavoro) con il nome Tabelline 3. Creare le seguenti due tabelle (una tabellina non compilata e una compilata) Tabellina Pitagorica Per costruire il foglio elettronico per la simulazione delle tabelline occorre: 1. Aprire Microsoft Excel 2. Salvare il file (cartella di lavoro) con il nome Tabelline 3. Creare le

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5.

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4 Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Una delle funzioni più importanti di un foglio elettronico

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

EXCEL ESERCIZIO DELLE SETTIMANE

EXCEL ESERCIZIO DELLE SETTIMANE EXCEL ESERCIZIO DELLE SETTIMANE 1. PREPARAZIONE 1. Aprire Microsoft Office Excel 2007. 2. Creare una nuova cartella di lavoro. 3. Aggiungere due fogli di lavoro come mostrato in figura: 4. Rinominare i

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Word Libre Office. Barra degli strumenti standard Area di testo Barra di formattazione

Word Libre Office. Barra degli strumenti standard Area di testo Barra di formattazione SK 1 Word Libre Office Se sul video non compare la barra degli strumenti di formattazione o la barra standard Aprite il menu Visualizza Barre degli strumenti e selezionate le barre che volete visualizzare

Dettagli

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo:

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo: Guida SH.Shop Inserimento di un nuovo articolo: Dalla schermata principale del programma, fare click sul menu file, quindi scegliere Articoli (File Articoli). In alternativa, premere la combinazione di

Dettagli

Lab 4 Filtri con amplificatori operazionali

Lab 4 Filtri con amplificatori operazionali Aggiungendo alcuni condensatori e resistenze ad un semplice circuito con amplificatore operazionale (Op Amp) si possono ottenere molti circuiti analogici interessanti come filtri attivi, integratori e

Dettagli

FlukeView Forms Documenting Software

FlukeView Forms Documenting Software FlukeView Forms Documenting Software N. 5: Uso di FlukeView Forms con il tester per impianti elettrici Fluke 1653 Introduzione Questa procedura mostra come trasferire i dati dal tester 1653 a FlukeView

Dettagli

Informatica Corso di Laurea in Infermieristica A.A. 2007/08 Prof. Ludovico Bosio

Informatica Corso di Laurea in Infermieristica A.A. 2007/08 Prof. Ludovico Bosio Informatica Corso di Laurea in Infermieristica A.A. 2007/08 Prof. Ludovico Bosio Lezione 2: Windows e applicazioni software Contenuto del documento Operazioni su file e cartelle Principali applicazioni

Dettagli

LE PRINCIPALI APPLICAZIONI DI OFFICE: MICROSOFT EXCEL 2007

LE PRINCIPALI APPLICAZIONI DI OFFICE: MICROSOFT EXCEL 2007 Excel 2007 1 APRO EXCEL E COSA VEDO? Quando apri il programma EXCEL, viene automaticamente aperta una CARTELLA DI LAVORO (da non confondere con le cartelle quelle gialle per intendersi). Per fare un paragone:

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

Gestione delle librerie in OrCAD Capture 9.2 ed utilizzo di modelli SPICE forniti dai costruttori

Gestione delle librerie in OrCAD Capture 9.2 ed utilizzo di modelli SPICE forniti dai costruttori Gestione delle librerie in OrCAD Capture 9.2 ed utilizzo di modelli SPICE forniti dai costruttori 1. Introduzione Questa guida propone un breve tutorial riguardante la gestione di librerie SPICE nell ambiente

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale ELETTRONICA L amplificatore Operazionale Amplificatore operazionale Un amplificatore operazionale è un amplificatore differenziale, accoppiato in continua e ad elevato guadagno (teoricamente infinito).

Dettagli

Microsoft PowerPoint

Microsoft PowerPoint Microsoft introduzione a E' un programma che si utilizza per creare presentazioni grafiche con estrema semplicità e rapidità. Si possono realizzare presentazioni aziendali diapositive per riunioni di marketing

Dettagli

WINDOWS: uso della tastiera e del mouse

WINDOWS: uso della tastiera e del mouse WINDOWS: uso della tastiera e del mouse a cura di: Francesca Chiarelli ultimo aggiornamento: settembre 2015 http://internet.fchiarelli.it La tastiera FUNZIONE DI EDIZIONE TAST. NUMERICO Tasti principali

Dettagli

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro INFORMATICA MICROSOFT WORD Prof. D Agostino Funzioni ed ambiente di lavoro...1 Interfaccia di Word...1 Stesso discorso per i menu a disposizione sulla barra dei menu: posizionando il puntatore del mouse

Dettagli

idaq TM Manuale Utente

idaq TM Manuale Utente idaq TM Manuale Utente Settembre 2010 TOOLS for SMART MINDS Manuale Utente idaq 2 Sommario Introduzione... 5 Organizzazione di questo manuale... 5 Convenzioni... Errore. Il segnalibro non è definito. Installazione...

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 La scheda vai a La scheda Vai è probabilmente la meno utilizzata delle tre: permette di spostarsi in un certo punto del documento, ad esempio su una determinata pagina

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

n L ambiente di lavoro

n L ambiente di lavoro n L ambiente di lavoro n Usare Cabri n Comprendere Cabri n L ambiente di lavoro 1 Che cosa è Cabri Il programma Cabri* è stato sviluppato da Jean-Marie Laborde e Franck Bellemain presso l Institut d Informatique

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica a.a. 2008/2009 Docente Ing. Andrea Ghedi IL DESKTOP Lezione 2 Il Desktop Tipi di icone Cartelle. Una

Dettagli

RC DATA MANAGER. Software per l'analisi dei dati di volo. in ambiente Windows. Versione del manuale: 1.1

RC DATA MANAGER. Software per l'analisi dei dati di volo. in ambiente Windows. Versione del manuale: 1.1 RC DATA MANAGER Software per l'analisi dei dati di volo in ambiente Windows Versione del manuale: 1.1 RC Electronic support@rc-electronics.org, http://www.rc-electronics.org/ Contenuti Contenuti...2 Introduzione...3

Dettagli

foglio di calcolo celle Lotus 1-2-3 celle macro.

foglio di calcolo celle Lotus 1-2-3 celle macro. Fogli di calcolo Un foglio di calcolo è composto da celle nelle quali è possibile inserire dati. Il programma consente di effettuare calcoli complessi utilizzando valori inseriti nelle celle dalle quali

Dettagli

Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale

Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale + Strumenti digitali per la comunicazione A.A 2013/14 Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale Scopo: Scopo di questa esercitazione è la creazione di una base dati relazionale per la gestione

Dettagli

Introduzione al foglio elettronico

Introduzione al foglio elettronico Introduzione al foglio elettronico 1. Che cos'è un foglio elettronico? Un foglio elettronico è un programma che permette di inserire dei dati, di calcolare automaticamente i risultati, di ricalcolarli

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

NexusPub. Manuale Tecnico : Sezione Gestione Multimediale. rev. 1 0. 2. 1 (0 1/0 7 /2 0 14) APOINT S.R.L. Sicurezza ed e-government

NexusPub. Manuale Tecnico : Sezione Gestione Multimediale. rev. 1 0. 2. 1 (0 1/0 7 /2 0 14) APOINT S.R.L. Sicurezza ed e-government NexusPub APOINT S.R.L. Sicurezza ed e-government Manuale Tecnico : Sezione Gestione Multimediale rev. 1 0. 2. 1 (0 1/0 7 /2 0 14) NexusPub è stato realizzato con il contributo tecnologico di 0 rev. 10.2.1_010714

Dettagli

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO GENERATORE di funzionilow-cost Vi proponiamo il progetto di un generatore di funzioni semplice ed economico, ideale per coloro che, essendo agli inizi, vogliono

Dettagli

LabVIEW. E un acronimo per. "Laboratory Virtual Instrument Engineering Workbench. Ideato dalla National Instrument nel 1986 È standard mondiale per:

LabVIEW. E un acronimo per. Laboratory Virtual Instrument Engineering Workbench. Ideato dalla National Instrument nel 1986 È standard mondiale per: 1 LabVIEW E un acronimo per "Laboratory Virtual Instrument Engineering Workbench Ideato dalla National Instrument nel 1986 È standard mondiale per: l acquisizione dati (DAQ) il controllo della strumentazione

Dettagli

Esperienza n. 8 Uso dell oscilloscopio analogico

Esperienza n. 8 Uso dell oscilloscopio analogico 1 L oscilloscopio consente di visualizzare forme d onda e più in generale è un dispositivo che visualizza una qualunque funzione di 2 variabili. Per fare ciò esse devono essere o essere trasformate in

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

1. MODALITA' DI LAVORO SUL FOGLIO ELETTRONICO.

1. MODALITA' DI LAVORO SUL FOGLIO ELETTRONICO. 1. MODALITA' DI LAVORO SUL FOGLIO ELETTRONICO. Excel esegue una analisi della riga introdotta o modificata in una cella per stabilire se si tratta di un valore e di che tipo (numero semplice, data, formula,

Dettagli

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel Il Foglio Elettronico 1 Parte I Concetti generali Celle e fogli di lavoro.xls Inserimento dati e tipi di dati Importazione di dati Modifica e formattazione di fogli di lavoro FOGLIO ELETTRONICO. I fogli

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database Basi di dati Introduzione Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database OpenOffice.org (www.openoffice.org) è un potente software opensource che ha, quale scopo primario,

Dettagli

Operazioni di base per l inserimento del testo

Operazioni di base per l inserimento del testo Office automation dispensa n.2 su Word Pagina 1 di 13 Operazioni di base per l inserimento del testo Usando un elaboratore di testi è consigliabile seguire alcune regole di scrittura che permettono di

Dettagli

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12 $FFHVV;3 A Sommario cura di Ninni Terranova Marco Alessi DETERMINARE L INPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 DETERMINARE L OUTPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 CREARE LA STRUTTURA DI UNA TABELLA 3 STABILIRE

Dettagli

Introduzione a PowerPoint

Introduzione a PowerPoint Office automation - Dispensa su PowerPoint Pagina 1 di 11 Introduzione a PowerPoint Premessa Uno strumento di presentazione abbastanza noto è la lavagna luminosa. Questo strumento, piuttosto semplice,

Dettagli

SCRIVERE TESTI CON WORD

SCRIVERE TESTI CON WORD SCRIVERE TESTI CON WORD Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello occorre un programma di elaborazione testo. Queste lezioni fanno riferimento al programma più conosciuto: Microsoft

Dettagli

LOGO! Avvio alla programmazione. Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO!

LOGO! Avvio alla programmazione. Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO! LOGO! Avvio alla programmazione Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO! [Digitare il testo] [Digitare il testo] [Digitare il testo] CONTENUTI 1 INTRODUZIONE... 3 2 PRIMI PASSI PER

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste perlopiù nella traduzione da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data set contenuto nel foglio excel esercizio2_dati.xls.

Dettagli

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE 6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE Le funzionalità di Impress permettono di realizzare presentazioni che possono essere arricchite con effetti speciali animando gli oggetti o l entrata delle diapositive.

Dettagli

Laboratorio di Chimica Fisica 04/03/2015. Introduzione all uso di Microcal Origin 6.0 (TM)

Laboratorio di Chimica Fisica 04/03/2015. Introduzione all uso di Microcal Origin 6.0 (TM) Introduzione all uso di Microcal Origin 6.0 (TM) Origin lavora solo in ambiente Windows, ma ci sono degli omologhi per linux e apple. Sui computer del laboratorio è installato windows XP e troverete la

Dettagli

O R C A D. 1. Introduzione..2

O R C A D. 1. Introduzione..2 O R C A D Indice 1. Introduzione..2 2. OrCAD Capture 3 2.1. Cambiare la Lettera della PenDrive..3 2.2. Preparare la Cartella del Progetto 5 2.3. Aprire OrCAD Capture..7 2.4. Creare/Aprire/Salvare il Progetto.....8

Dettagli

Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1. materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove.

Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1. materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove. Foto di Federica Testani, Flickr Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1 materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove 1 di 24 Gestire i dati con Calc Strutturare

Dettagli

Nuove funzionalità SEE Electrical V5

Nuove funzionalità SEE Electrical V5 Nuove funzionalità SEE Electrical V5 Le informazioni contenute nel presente manuale sono soggette a modifiche senza preavviso. Se non specificato diversamente, ogni riferimento a società, nomi, dati, ed

Dettagli

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access sergiopinna@tiscali.it Seconda Parte: Ms Access (lezione #2) CONTENUTI LEZIONE Query Ordinamento Avanzato Maschere Report Query (interrogazioni) Gli strumenti

Dettagli

PSPICE simulazione di circuiti digitali

PSPICE simulazione di circuiti digitali PSPICE simulazione di circuiti digitali Davide Piccolo Elaboratori 1 Cosa è PSPICE SPICE: (Simulation Program with Integrated Circuit Emphasis) Programma di simulazione circuitale capace di eseguire analisi

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 5 Cortina d Ampezzo, 8 gennaio 2009 FOGLIO ELETTRONICO Il foglio elettronico può essere considerato come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

MODULO 5 BASI DI DATI

MODULO 5 BASI DI DATI MODULO 5 BASI DI DATI A cura degli alunni della VD 2005/06 del Liceo Scientifico G. Salvemini di Sorrento NA Supervisione prof. Ciro Chiaiese SOMMARIO 5.1 USARE L APPLICAZIONE... 3 5.1.1 Concetti fondamentali...

Dettagli

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico Capitolo 4 4.1 Il foglio elettronico Le più importanti operazioni richieste dall analisi matematica dei dati sperimentali possono essere agevolmente portate a termine da un comune foglio elettronico. Prenderemo

Dettagli

Il foglio elettronico: Excel

Il foglio elettronico: Excel Il foglio elettronico: Excel Laboratorio di Informatica Corso di Laurea triennale in Biologia Dott. Fabio Aiolli (aiolli@math.unipd.it) Dott.ssa Elisa Caniato (ecaniato@gmail.com) Anno accademico 2007-2008

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Lez. 6 di 12 Docente: valter.rolando@med.unipmn.it IL FOGLIO ELETTRONICO (II) Imposta Pagina Stampa Elenchi Ordinamenti e Filtri Subtotali Novara, 8 giugno 2007 1 IMPOSTA PAGINA Parte

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

Prof. Antonio Sestini

Prof. Antonio Sestini Prof. Antonio Sestini 1 - Formattazione Disposizione del testo intorno ad una tabella Selezionare la tabella Dal menù contestuale scegliere il comando «proprietà» Selezionare lo stile di disposizione del

Dettagli

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente EasyPrint v4.7 Impaginatore Album Manuale Utente Lo strumento di impaginazione album consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di organizzare le immagini in maniera

Dettagli

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo.

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. II^ lezione IMPARIAMO WORD Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. Oggi prendiamo in esame, uno per uno, i comandi della

Dettagli