Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego"

Transcript

1 Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 3 Introduzione Come noto, la c.d. Manovra Salva Italia ha modificato in modo incisivo la disciplina del settore previdenziale, già oggetto di non lontani e ripetuti interventi legislativi. Per questo motivo abbiamo ritenuto necessario fare una breve sospensione, in queste settimane, nelle uscite già programmate di queste Schede di approfondimento ed evitare così di comunicare, agli iscritti e agli interessati, informazioni di fatto già superate dalle recentissime innovazioni normative. Per lo stesso motivo, comunichiamo che -ove necessario- saranno presentati successivamente gli aggiornamenti alle due schede già pubblicate, al fine di dar conto delle novità introdotte dalla L. n. 214/2011.

2 2 LA PENSIONE DI VECCHIAIA E LA PENSIONE ANTICIPATA. Excursus storico sino alla Legge n. 214/11. La riforma Monti è intervenuta sul sistema pensionistico oggetto di precedenti e ripetute riforme. La legge cd Monti ha conservato l impianto sistemico esistente con innesti di novità e modifiche: alcuni istituti sono stati anticipati nella vigenza, altri sono stati modificati ed altri ancora abrogati. Un breve excursus aiuterà a comprendere l intero sistema vigente e gli istituti riformati. La legge n. 379 del 1955 prevedeva l accesso alla pensione: - con 15 anni di servizio utile (14 anni, 6 mesi ed 1 giorno) e 60 anni di età (59 anni, 6 mesi ed un giorno); tuttavia l accesso alla pensione era consentito con un età anagrafica inferiore dalla normativa regolamentare di ogni P.A. - con 20 anni di servizio utile (19 anni, 6 mesi ed 1 giorno) indipendentemente dall età in caso di cessazione dal lavoro per soppressione posto o riduzione di organico, inabilità al servizio, 2

3 3 dimissioni volontarie della lavoratrice coniugata o con prole (25 anni di servizio utile se non coniugata o con prole a carico) (vd art. 18 Legge n. 965 del 1965). Il calcolo della pensione era effettuato sulla cd base retributiva pensionabile rapportata ad un coefficiente di rendimento correlato al servizio utile (tabella allegata alla Legge n. 965/65). -La legge n. 547 del 1993 ha previsto una elevazione dei requisiti - contributivo ed anagrafico- per l accesso alla pensione con penalizzazioni per i prepensionamenti inferiori a 35 anni di anzianità contributiva (art. 11) nel tempo gradualmente sospesi. (vd Legge n. 553 e n. 654 del 1994). -La legge n. 335 del 1995: 1 - ha introdotto il calcolo della pensione con il cd sistema contributivo ( sulla contribuzione versata durante la vita lavorativa) prevedendo un passaggio graduale dall esistente sistema di calcolo cd retributivo (sulla retribuzione percepita negli ultimi anni di servizio). Fondamentale spartiacque ai fini dell applicazione dei due sistemi è la data del : -I lavoratori con almeno 18 anni di contribuzione a tale data - conservano i requisiti di accesso e calcolo della pensione con il sistema retributivo per tutta l intera vita lavorativa. -I lavoratori con meno di 18 anni di contributi a tale data - vedono applicarsi il cd sistema misto di calcolo 3

4 4 della pensione - retributivo per il servizio precedente al 95 e contributivo per il servizio successivo - (salvo opzione per il sistema contributivo integrale). -I lavoratori iscritti dopo il sono soggetti all applicazione integrale - accesso e calcolo del sistema contributivo. 2 - ha fissato i requisiti di accesso alla pensione a: Età anagrafica contribuzione - 57 anni almeno 5 anni di contribuzione ( purché la pensione non risulti inferiore a 1,2 l assegno sociale) - 65 anni almeno 5 anni di contribuzione - Età variabile almeno 40 anni di contribuzione (non sono conteggiabili riscatti per studio e di prosecuzione volontaria, ed lavoro ante 18 anni di età viene maggiorato) L Anzianità contributiva comprende il servizio utile: il servizio effettivo aggiunto dei periodi di contribuzione figurativa riscattati o ricongiunti e di contribuzione volontaria. -La legge n. 243 del 2004 ha modificato i requisiti di accesso alla pensione prevedendo: - il requisito anagrafico a 60 per le donne e 65 per gli uomini (restano invariati gli altri requisiti); 4

5 5 -alla pensione di vecchiaia contributiva si accede con 40 anni di contribuzione a prescindere dall età o con 35 anni e requisiti variabili di età. - il cd sistema delle quote sommatoria tra il requisito anagrafico e contributivo - al fine dell accesso alla pensione. (specificato nella Tabella B della legge). -La legge n. 247 del 2007 ha: 1 - modificato il sistema delle quote Lavoratori dipendenti Lavoratori autonomi pubblici e privati iscritti all'inps (1) Età anagrafica (2) Età anagrafica Somma di età minima per la Somma di età minima per la anagrafica e maturazione del anagrafica e maturazione del anzianità requisito anzianità requisito contributiva indicato in contributiva indicato in colonna 1 colonna dal 01/07/2009 al 31/12/ dal

6 6 2 - introdotto il cd sistema delle finestre: i lavoratori che maturano la pensione hanno accesso al pensionamento con decorrenza temporale spostata: maturazione pensione decorrenza dell accesso - Entro il 31 marzo dal 1 luglio dello stesso anno - Entro il 30 giugno dal 1 ottobre dello stesso anno - Entro il 30 settembre dal 1 gennaio anno successivo - Entro il 31 dicembre dal 1 aprile anno successivo -La Legge n. 122 del 2010 A - ha previsto dal 2015 adeguamenti di tutti i requisiti di accesso alla pensione agli incrementi della cd speranza di vita; in particolare per: - I requisiti anagrafici per il conseguimento della pensione di anzianità - Il requisito anagrafico per il conseguimento della pensione nel sistema contributivo (art.1 co.20 lex 335/1995) - le cd quote di cui alla tabella B legge 243/ Il requisito anagrafico previsto per il conseguimento della pensione sociale. In sede di prima applicazione l aumento dei requisiti non può essere superiore a 3 mesi considerato l incremento di vita previsto dall Istat 6

7 7 B - ha introdotto - a decorrere dal 2011 una cd finestra mobile: l accesso al pensionamento di vecchiaia decorre 12 mesi dopo l acquisizione dei requisiti (art. 12 co.1). La legge n. 214 del 2011 (cd Monti ). Il primo provvedimento del governo Monti - decreto legge n. 201 del cd decreto salva Italia - emanato per la riduzione drastica della spesa pubblica ha il maggior impatto, proprio sul sistema pensionistico. Nella relazione al decreto legge in merito alla materia dei trattamenti pensionistici si afferma che: La disposizione in esame è diretta a prevedere una complessiva revisione del sistema pensionistico, comunque nell ambito della predetta impostazione sistemica già presente nell assetto vigente prima dell entrata in vigore della disposizione stessa La stessa relazione enuclea i principi fondanti la riforma: - accelerare l entrata a regime di alcuni istituti già previsti dall ordinamento - estendere l adeguamento agli incrementi della speranza di vita anche al requisito contributivo per l accesso al pensionamento anticipato indipendentemente dall età anagrafica; - razionalizzare e semplificare le possibilità di accesso al pensionamento prevedendo l eliminazione delle c.d. quote ed il regime delle decorrenze (c.d. finestra ) l incremento requisito contributivo per l accesso al pensionamento anticipato indipendentemente dall età anagrafica 7

8 8 - uniformare i requisiti di accesso al pensionamento tra lavoratori dipendenti - estendere la totalizzazione dei periodi assicurativi, eliminando il limite minimo di tre anni presso ciascuna gestione; - estendere i coefficienti di trasformazione nel sistema contributivo per età fino a 70 anni; - derogare alla normativa per l accesso alla pensione e prevedere esenzioni dal nuovo regime per situazioni peculiari - una deindicizzazione totale per il biennio per tutti i trattamenti pensionistici complessivamente superiori a tre volte il trattamento minimo INPS. Il decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, recante disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici è stato convertito in legge n. 214/11 con modificazioni e pubblicato in G.U. n. 300 del 27 dicembre Suppl. Ord. n Anche se norme relative al sistema pensionistico si trovano in diversi articoli della legge, l art. 24 Disposizioni in materia di trattamenti pensionistici è specifico sulle pensioni ed è inserito quale primo articolo del Capo IV della legge, intitolato Riduzioni di spesa. Pensioni. Per i dipendenti pubblici i principali PUNTI toccati dalla riforma sono: 1 la pensione di vecchiaia 2 la pensione di anzianità sostituta dalla pensione anticipata 3 il sistema di calcolo della pensione: il cd sistema contributivo per tutti, e cd pro-rata anche per chi aveva conservato il cd sistema retributivo 4 parificazione graduale età pensionabile tra uomini e donne 8

9 9 5 indicizzazione delle pensioni rispetto all inflazione solo ai trattamenti non superiore a tre volte il trattamento pensionistico minimo 6 abolizione dei privilegi pensionistici di particolari fondi speciali di lavoratori anche attraverso contributo di solidarietà temporaneo (elettrici telefonici, piloti ed hostess..) 7 abolizione dell INPDAP con le funzioni trasferite all INPS e, per i lavoratori del Pubblico Impiego 8- l abolizione delle pensioni privilegiate e dell equo indennizzo. La pensione di vecchiaia. E la prestazione di natura economica riconosciuta al lavoratore per il raggiungimento di prefissati limiti di contribuzione -cd anzianità contributiva- congiunti con età anagrafica cd età pensionabile- I requisiti per l accesso: età pensionabile ed anzianità contributiva. La legge Monti ha modificato i requisiti previsti per l accesso alla pensione di vecchiaia sia anagrafico che di anzianità contributiva. Circa l età anagrafica. L età fissata per l accesso alla pensione è fissato a 66 anni per tutti i lavoratori ed a prescindere dal sesso, dallo status di dipendenti privati o pubblici o autonomi, e dall appartenenza ai vari regimi previdenziali. 9

10 10 A tale soglia si arriverà gradualmente. Il requisito dell età è: - 62 anni nel 2012 (63 anni e 6 mesi per le autonome) - 63 anni e 6 mesi dal 2014 (64 anni e 6 mesi per le autonome) - 65 anni dal 2016 (65 anni e 6 mesi per le lavoratrici autonome) - 66 anni a partire dal 2018 (66 anni per le lavoratrici autonome) In particolare va ricordato che nel pubblico impiego le donne, sino ad ora, hanno avuto un trattamento migliore rispetto alle dipendenti private riguardo il requisito anagrafico accedendo alla pensione con 20 anni di servizio (15 in caso di donne coniugate con figli). Ma a seguito della sentenza della Corte di Giustizia della Comunità europea del (c-46/07), la legge n. 102 del 2009 ha disposto la graduale equiparazione delle dipendenti pubbliche a quelle private elevando gradualmente l età pensionabile. La tendenza all equiparazione per tutti, uomini e donne, eccetto i casi suindicati, era già prevista nell ultima legislazione e la legge n. 214 l ha solamente anticipata (dal 2026 al 2018) Eccezioni sono previste per le lavoratrici che entro il 31 dicembre 2012 abbiano almeno 20 anni di contribuzione e 60 anni di età, che potranno andare in pensione a 64 anni. 10

11 11 Circa l anzianità contributiva. Il minimo contributivo per accedere alla pensione di vecchiaia resta invariato a 20 anni. Chi non raggiunge 20 anni di contribuzione non ha diritto ad alcun emolumento - tranne il diritto alla pensione sociale - ed i contributi versati non possono essere recuperati; l unica soluzione per non perderli definitivamente è arrivare a tale soglia di 20 anni con la contribuzione volontaria. Tuttavia sono previste e/o conservate delle deroghe per coloro che alla data del avevano maturato il requisito di 15 anni di contribuzione (comprensiva di contribuzione obbligatoria, figurativa, volontaria, da riscatto e da ricongiunzione) o che erano autorizzati alla prosecuzione volontaria. La speranza di vita La Legge n. 122/2010 aveva introdotto nel nostro ordinamento l'aggancio automatico del solo requisito anagrafico per l accesso alla pensione alla cd speranza di vita. La ratio è fondata sul principio che aumentando la vita media anche la permanenza al lavoro deve essere elevata; ciò anche per evitare che la maggiore durata della vita media 11

12 12 significhi un maggior costo per il sistema previdenziale. L'aumento era previsto in maniera automatica in ragione della speranza di vita rilevata con periodicità triennale dall'istat. Il principio si applicava a tutti i tipi di pensione: riguardava l'età anagrafica necessaria per la maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia, l'età minima e la quota richiesta per la maturazione del diritto alla pensione di anzianità, l'età anagrafica prevista per maturare l'assegno sociale. Era prevista la prima applicazione dal 2015, anticipato dalle ultime manovre estive al 1 gennaio del A dicembre era stato pubblicato il dm che adeguava da tale data - di tre mesi la speranza di vita stanti i dati forniti dall Istat. Il dato certo sull incremento della speranza di vita è elaborato dall Istat al 31 dicembre dell'anno di riferimento ogni anno. La Legge n. 214 ha previsto il passaggio da una periodicità triennale ad una biennale dell adeguamento dei requisiti agli incrementi della speranza di vita. La legge garantendo la c.d. certezza dei diritti ai lavoratori che hanno già raggiunto, alla data del 31 dicembre 2011 riconosce i diritti quesiti ed i requisiti di accesso al pensionamento secondo la vigente normativa. Pertanto, a tali lavoratori non si applicano le nuove disposizioni in materia di requisiti di accesso e rimangono in 12

13 13 vigore i requisiti di accesso e il regime delle decorrenze previsti dall ordinamento prima dell entrata in vigore della legge. VEDERE L ALLEGATA TABELLA N. 1 A FINE SCHEDA. La pensione di vecchiaia si ottiene a seguito della cessazione dal servizio lavorativo. Il primo adempimento del lavoratore per l accesso è la domanda di risoluzione del contratto individuale di lavoro da presentare alla propria amministrazione nel rispetto dei termini di preavviso contrattualmente previsti. La legge Monti ha previsto per la pensione di vecchiaia: - l abolizione del sistema delle quote, legate alla somma di età anagrafica e contributiva - l abolizione delle finestre di uscita: la pensione potrà percepirsi il mese successivo alla domanda e/o maturazione del requisito. - una clausola di salvaguardia: l'età della pensione di vecchiaia non potrà essere inferiore a 67 anni dal 2021, anche in caso tale requisito fosse raggiunto con gli adeguamenti previsti legati alla speranza di vita. - i lavoratori assunti in servizio dopo il 1 gennaio 1996, possono accedere alla pensione a 63 anni, con un'anzianità contributiva 13

14 14 minima di 20 anni uniformandolo al regime misto e l introduzione del limite di importo minimo di prestazione maturata per aver accesso al pensionamento (a 1,5 volte l assegno sociale) - con 70 anni di età il lavoratore può far valere anche solo cinque anni di contribuzione per accedere alla pensione che sarà comunque calcolata con il sistema contributivo. La pensione anticipata. L accesso alla pensione alternativo alla vecchiaia ante riforma lex n. 214/11 - era costituito dalla cd pensione di anzianità. La pensione di anzianità era la prestazione di natura economica riconosciuta al lavoratore prioritariamente per il raggiungimento di prefissati limiti di età anagrafica cd età pensionabile previsti ed uniti, secondariamente, ad una determinata anzianità contributiva. La pensione di anzianità, da ultimo, poteva essere richiesta dal lavoratore al raggiungimento dei requisiti anagrafici e contributivi previsti dalla legge 247/2007 e la cui sommatoria dava luogo alle cd quote. La pensione di anzianità continuava ad esistere per i lavoratori cui si applicava il sistema di calcolo retributivo e misto; per i lavoratori 14

15 15 con il sistema contributivo integrale la pensione di anzianità già non esisteva più. La legge n. 214 ha introdotto la pensione anticipata, in luogo della pensione di anzianità. La pensione anticipata è letteralmente la pensione che si percepisce prima della maturazione dei requisiti previsti per la pensione di vecchiaia. E precisamente con: -un anzianità contributiva di almeno 42 anni e 1 mese (uomini) o 41 anni e 1 mese (donne); i requisiti contributivi sono aumentati di un ulteriore mese per il 2013 e per il un età anagrafica di 62 anni. E possibile l accesso prima dei 62 anni ma con penalità: l'assegno pensionistico viene tagliato dell'1% per ciascun anno di anticipo e del 2% per ogni anno prima dei 60 anni. La legge estende dal 2013 l adeguamento agli incrementi della speranza di vita, già previsto dall ordinamento per i requisiti anagrafici, anche al requisito contributivo per l accesso al pensionamento anticipato indipendentemente dall età anagrafica. Il primo aumento di 3 mesi si attua già in prima applicazione essendo stato pubblicato nel dicembre il decreto ministeriale che alza tale speranza di vita di pari durata. Dal 2013 l adeguamento sarà triennale e poi dal 2019 con cadenza biennale. VEDERE L ALLEGATA TABELLA N. 2 A FINE SCHEDA. 15

16 16 Sono aboliti tutti i requisiti precedenti per l accesso anticipato alla pensione: - le cd quote per l accesso alla pensione - le cd finestre per la decorrenza della pensione. Il lavoratore che raggiunge i requisiti avrà immediatamente accesso al trattamento pensionistico dal mese successivo a quello della domanda. (per il personale della scuola resta il 1 settembre successivo a quello della domanda.) - l istituto dell esonero (introdotto dall art. 72 del D.L n. 112/2008, che riconosceva la possibilità di uscire dal lavoro nel quinquennio antecedente al raggiungimento dei 40 anni di contributi). L attuale normativa fa salvi, in ogni caso, quegli istituti dell esonero concessi con provvedimenti emanati prima del 4 dicembre Sono previste deroghe: 1- Le nuove norme tuttavia non si applicano a coloro che alla data del hanno maturato con le quote o con i 40 anni di contribuzione i requisiti previsti. Tali lavoratori potranno accedere alla pensione con applicazione del sistema delle finestre e quindi per i pubblici dipendenti dopo 12 mesi dal maturare dei requisiti. 16

17 17 2- i lavoratori addetti ai lavori c.d. usuranti sono esclusi dall applicazione della nuova disciplina e si applicano le cd quote e le cd finestre. 3- i lavoratori iscritti al sistema pensionistico successivamente all 1/01/96 cui si applica integralmente il sistema contributivo e quindi subiscono disparità rispetto agli altri lavoratori, hanno possibilità di accesso al pensionamento anticipato con un requisito anagrafico inferiore fino a 3 anni rispetto a quello di vecchiaia sempre aggiornato con la cd speranza di vita, con l aggiunta di ulteriori condizioni; quindi in particolare: - un anzianità contributiva di almeno 20 anni - una età anagrafica di 63 anni (+ aumento della speranza di vita accertata) ossia 1 gennaio anni 1 gennaio anni e 3 mesi 1 gennaio anni e 3 mesi 1 gennaio anni e 6 mesi 1 gennaio anni e 7 mesi 1 gennaio anni e 7 mesi 1 gennaio anni e 7 mesi - cessazione dal servizio (è possibile tuttavia che il lavoratore una volta maturato il requisito con un datore di lavoro assuma servizio presso altro datore di lavoro) - la pensione non inferiore di 2,8 volte all ammontare dell assegno sociale indicizzato con la media quinquennale del PIL nominale. 17

18 18 La soglia di 2,8 l assegno sociale sostituisce, di fatto, per i soggetti in esame, il requisito minimo di contribuzione dei 35 anni previsto dalla normativa precedente per l accesso al pensionamento anticipato. Tale requisito è determinato per evitare, in media, un abbassamento dell età di accesso alla pensione in via anticipata rispetto all età di vecchiaia e assicurare altresì un analogo livello di adeguatezza delle prestazioni rispetto a quanto previsto dall ordinamento vigente. Norme comuni alle pensioni di vecchiaia e anticipata. La riforma previdenziale entra in vigore, per tutti, dal 2012 con alcune eccezioni. - ai lavoratori che hanno già raggiunto, alla data del 31 dicembre 2011, i requisiti di accesso al pensionamento sono quelli precedenti quesiti secondo la vigente normativa. - i lavoratori dipendenti nati nel 1952 vedono riconosciuta in ragione della particolare posizione pregiudicata dall applicazione immediata delle nuove norme - la possibilità di uscire a 64 anni di età, se nel 2012 avrebbero maturato il diritto quota 96 con almeno 35 anni di contributi; inoltre, per le donne è consentito il pensionamento di vecchiaia con 64 anni, ma a condizione che nel 2012 abbiano almeno 60 anni di età e 20 anni di contributi versati. 18

19 19 - Altre esenzioni dall applicazione della legge Monti potranno essere applicate solo fino al raggiungimento di un limite massimo di risorse: - i lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria prima del 4 dicembre le persone collocate in mobilità all'esito di una procedura di licenziamento collettivo, sulla base di accordi sindacali stipulati prima del 4 dicembre 2011, - i lavoratori collocati in mobilità lunga, sempre per effetto di accordi collettivi stipulati entro il 4 dicembre 2011, e i lavoratori che in tale data erano già titolari di una prestazione straordinaria a carico dei fondi di solidarietà di settore, - i dipendenti del settore pubblico destinatari dell'istituto dell'esonero dal servizio. L adeguamento al costo della vita. Tutti i trattamenti pensionistici sono adeguati al costo della vita (indici Istat) cd perequazione. In considerazione della necessità di conseguire gli obiettivi di finanza pubblica la Legge n. 214/11 prevede una deindicizzazione totale ossia non si applica la cd perequazione - per il biennio per tutti i trattamenti pensionistici complessivamente superiori a tre volte il trattamento minimo INPS. 19

20 20 L integrazione al minimo. Quando l importo pensionistico calcolato risulta inferiore al minimo riconosciuto per legge si applica l integrazione a carico dello Stato sino a raggiungere il minimo previsto ex lege. Le condizioni previste per l applicazione dell integrazione sono: - Il lavoratore richiedente non deve possedere altri redditi Irpef di importo superiore al doppio del minimo (per il 2012 = 480,50 mensili) - Il reddito complessivo del lavoratore e del coniuge non deve superare di 4 volte il minimo Sono esclusi i redditi della casa di abitazione, il TFR, le pensioni di guerra, di invalidità, le rendite Inail Per i lavoratori cui si applica integralmente il sistema contributivo non spetterà più l integrazione al minimo quindi lo Stato non aiuterà più e quindi si percepirà la pensione in ragione esclusivamente di quanto versato. 20

21 21 La legge Monti prevede anche altre novità che qui sinteticamente si elencano salvo specifico approfondimento nelle schede specifiche. Certificazione del diritto alla pensione La certificazione del diritto alla pensione previsto dalla Legge n. 243/2004 stanti le deroghe per chi matura i requisiti entro il può essere chiesta all ente di previdenza per i requisiti di età ed anzianità contributiva per l accesso alla pensione. Abolizione delle pensioni privilegiate e dell equo indennizzo. Tali istituti vengono soppressi in ragione della specificità limitata solo al pubblico impiego. Modifiche alla totalizzazione. Viene estesa la possibilità di totalizzazione di tutti i periodi assicurativi in capo al lavoratore ed aperti su varie gestioni previdenziali, eliminando l attuale limite minimo di tre anni presso ciascuna gestione. La soppressione dell INPDAP La riforma Monti ha unificato gli enti previdenziali accorpandone le competenze in un ente previdenziale unico: nell'inps confluiranno Enpals e Inpdap a seguito della soppressione. 21

22 22 Adeguamenti imposti per fondi speciali e casse di previdenza autonome I lavoratori aderenti ai fondi speciali Inps - piloti, dirigenti d'azienda, elettrici e via dicendo - dal 1 gennaio 2012 verseranno un contributo di solidarietà (dallo 0,3% all'1% a seconda degli anni di contribuzione) con armonizzazione alla nuova normativa delle pensioni. Le Casse di previdenza autonome, dovranno regolamentare i propri ordinamenti per equilibrare entrate contributive e spesa per prestazioni pensionistiche. Lavori usuranti I lavoratori addetti ai cd lavori usuranti hanno possibilità di accedere alla pensione con requisiti meno rigorosi: i lavoratori che hanno svolto (per almeno sette degli ultimi 10 anni e, a partire dal 2018, per almeno metà della vita lavorativa): lavori in galleria, lavori nelle cave, ad alte temperature, lavorazione del vetro, addetti alla catena di montaggio, conducenti di autobus e pullman turistici, lavori notturni per almeno 64 notti 22

23 23 l'anno. Tali lavoratori ex decreto legislativo 67/2011 potevano accedere al pensionamento con anticipo di tre anni rispetto all'età anagrafica necessaria per la pensione di anzianità (58 anni invece che 61), a condizione che si fosse raggiunta una quota di 94. La legge 214 ha previsto la conservazione delle quote ed il sistema di decorrenza delle cd finestre per tali lavoratori con restrizione graduale dei requisiti ed ha innalzato anche la quota necessaria per chi svolge l'attività in turni e di notte. Aumento contributi autonomi La riforma incrementa i contributi previdenziali per i lavoratori autonomi (artigiani, commercianti e coltivatori diretti), fino al raggiungimento del 24% secondo un meccanismo graduale che si conclude nel E previsto, anche l'aumento di un punto delle aliquote contributive per i co.co.co. Casse di previdenza private La riforma impone alle casse di previdenza private misure necessarie per assicurare l'equilibrio tra entrate contributive e spesa per prestazioni pensionistiche entro il 30 giugno

24 24 BIBLIOGRAFIA M.Persiani Diritto e Previdenza Sociale - Padova M.Persiani G.Proia Diritto del Lavoro Padova A.Di Stasi Diritto del lavoro e della previdenza Sociale Milano S. Merz G.Martorana Manuale pratico della Previdenza e Assicurazione Sociale Padova G.S.Passatelli - diritto del lavoro e della previdenza Sociale Roma T.Bussino - Previdenza - Milano 24

25 REQUISITO ANAGRAFICO PER L ACCESSO AL PENSIONAMENTO DI VECCHIAIA ORDINARIO (REQUISITO CONTRIBUTIVO MINIMO 20 ANNI) (dal 2016 requisiti anagrafici stimati, a titolo esemplificativo fino al 2050 circa, sulla base dello scenario demografico Istat centrale base 2007) Lavoratori e Lavoratrici pubblico impiego Anni età (*) e 3 mesi e 3 mesi e 3 mesi e 7 mesi e 7 mesi e 7 mesi e 11 mesi e 11 mesi e 2 mesi e 2 mesi e 5 mesi e 5 mesi e 8 mesi e 8 mesi e 11 mesi e 11 mesi e 1 mese e 1 mese e 3 mesi e 3 mesi e 5 mesi e 5 mesi e 7 mesi e 7 mesi e 9 mesi e 9 mesi e 11 mesi e 11 mesi e 1 mese e 1 mese e 3 mesi e 3 mesi e 5 mesi e 5 mesi e 7 mesi e 7 mesi e 9 mesi e 9 mesi (*) E comunque previsto un requisito contributivo minimo di 20 anni e, in aggiunta per i lavoratori neoassunti dal 1 gennaio 1996 per i quali la pensione è interamente calcolata con il sistema contributivo un importo minimo di pensione, pari a 1,5 volte l assegno sociale, rivalutato sulla base dell andamento del pil. I requisiti anagrafici saranno comunque adeguati sulla base dell aumento della speranza di vita anche successivamente al In ogni caso i requisiti effettivi risulteranno determinati in corrispondenza di ogni adeguamento sulla base dell aumento della speranza di vita accertato a consuntivo dall Istat.

26 REQUISITI PER L ACCESSO AL PENSIONAMENTO ANTICIPATO (dal 2016 i requisiti anagrafici stimati, a titolo esemplificativo fino al 2050 circa, sulla base dello scenario demografico Istat centrale base 2007) Anni Lavoratori dipendenti pubblici Anzianità contributiva indipendente dall età anagrafica Lavoratrici dipendenti pubbliche Anzianità contributiva indipendente dall età anagrafica Lavoratori e lavoratrici dipendenti pubblici: ulteriore canale di accesso per i lavoratori neoassunti dal 1 gennaio 2006 Età anagrafica minima se in possesso di un anzianità contributiva minima di 20 anni e un importo minimo pari a 2,8 volte l assegno sociale nel 2012 rivalutato, tale importo minimo, sulla base dell andamento del pil nominale (lavoratori neoassunti dal 1 gennaio 2006) anni e 1 mese 41 anni e 1 mese 63 anni anni e 5 mesi 41 anni e 5 mesi 63 anni e 3 mesi anni e 6 mesi 41 anni e 6 mesi 63 anni e 3 mesi anni e 6 mesi 41 anni e 6 mesi 63 anni e 7 mesi anni e 10 mesi 41 anni e 10 mesi 63 anni e 7 mesi anni e 10 mesi 41 anni e 10 mesi 63 anni e 7 mesi anni e 10 mesi 41 anni e 10 mesi 63 anni e 11 mesi anni e 2 mesi 42 anni e 2 mesi 63 anni e 11 mesi anni e 2 mesi 42 anni e 2 mesi 64 anni e 2 mesi anni e 5 mesi 42 anni e 5 mesi 64 anni e 2 mesi anni e 5 mesi 42 anni e 5 mesi 64 anni e 5 mesi anni e 8 mesi 42 anni e 8 mesi 64 anni e 5 mesi anni e 8 mesi 42 anni e 8 mesi 64 anni e 8 mesi anni e 11 mesi 42 anni e 11 mesi 64 anni e 8 mesi anni e 11 mesi 42 anni e 11 mesi 64 anni e 11 mesi anni e 2 mesi 43 anni e 2 mesi 64 anni e 11 mesi anni e 2 mesi 43 anni e 2 mesi 64 anni e 11 mesi anni e 4 mesi 43 anni e 4 mesi 65 anni e 1 mese anni e 4 mesi 43 anni e 4 mesi 65 anni e 1 mese anni e 6 mesi 43 anni e 6 mesi 65 anni e 3 mesi anni e 6 mesi 43 anni e 6 mesi 65 anni e 3 mesi anni e 8 mesi 43 anni e 8 mesi 65 anni e 5 mesi anni e 8 mesi 43 anni e 8 mesi 65 anni e 5 mesi anni e 10 mesi 43 anni e 10 mesi 65 anni e 7 mesi anni e 10 mesi 43 anni e 10 mesi 65 anni e 7 mesi anni 44 anni 65 anni e 9 mesi anni 44 anni 65 anni e 9 mesi anni e 2 mesi 44 anni e 2 mesi 65 anni e 11 mesi anni e 2 mesi 44 anni e 2 mesi 65 anni e 11 mesi anni e 4 mesi 44 anni e 4 mesi 66 anni e 1 mese anni e 4 mesi 44 anni e 4 mesi 66 anni e 1 mese anni e 6 mesi 44 anni e 6 mesi 66 anni e 3 mesi anni e 6 mesi 44 anni e 6 mesi 66 anni e 3 mesi anni e 8 mesi 44 anni e 8 mesi 66 anni e 5 mesi anni e 8 mesi 44 anni e 8 mesi 66 anni e 5 mesi anni e 10 mesi 44 anni e 10 mesi 66 anni e 7 mesi

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 (Aggiornata con le novità contenute nella Legge 24 febbraio 2012, n. 14 recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Le pensioni: quali novità?

Le pensioni: quali novità? Le pensioni: quali novità? di Giovanni Muttillo, Francesco Fanari e Laura Aletto Riportiamo di seguito una selezione di informazioni dalla pubblicazione di Domenico Comegna Come cambiano le pensioni guida

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali DIREZIONE CENTRALE SISTEMA INFORMATIVO E TELECOMUNICAZIONI DIREZIONE CENTRALE TRATTAMENTI PENSIONISTICI INPDAP PENSIONI S7 Manuale Utente Programma Pensioni S7 Amministrazioni Statali Versione database

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

L'esonero dal servizio con particolare riferimento al personale delle Università

L'esonero dal servizio con particolare riferimento al personale delle Università L'esonero dal servizio con particolare riferimento al personale delle Università Marisa Grillo EUT EDIZIONI UNIVERSITÀ DI TRIESTE impaginazione Francesco Bernasconi EUT - Edizioni Università di Trieste

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare Cara lavoratrice, negli ultimi due anni il sistema pensionistico italiano ha subìto pesanti interventi che hanno modificato,

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro 2.05 Contributi Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Per principio, qualsiasi attività derivante da un'attività dipendente viene considerata come salario

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-2001 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2000-2001

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-2001 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2000-2001 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-21 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2-21 A seguito del parere favorevole espresso in data 5 maggio 2 dal Comitato

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186 Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85352749 Internet : http: //www.inca.it Roma lì, 23 ottobre 2008 Prot. n 186 Ai Coordinatori

Dettagli

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015.

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 38 Roma, 10 marzo 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Tipo di assenza e fonti A) Ferie Art. 13 CCNL 2007. B) Festività soppr. artt.14 ccnl 2007 e art.1, lett.b, L.937/77 Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Durata

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli