L ALIENO (di Giuseppe Amato)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ALIENO (di Giuseppe Amato)"

Transcript

1 L ALIENO (di Giuseppe Amato) PREMESSA L alieno sono io: ho 75 anni e mi sono ritrovato in mezzo alla gente immerso come un alieno, perché non capisco più come è fatta l umanità. Vedo una signora di cinquant anni circa che va di fretta sul marciapiede di fronte e che gesticola e urla come se stesse parlando con qualcuno ma è sola e guarda davanti a sé nell infinito della sua scemenza credo senile. Poi mi accorgo che non sta urlando ma sta parlando con qualcuno non capisco dentro dove. Ma ha un auricolare che le esce dall orecchio destro e tiene nella mano destra un cellulare. Allora, penso, sono proprio un alieno perché non ho capito che sta solo parlando con qualcuno al telefono. Proseguo lungo il corso, pieno di gente affrettata e mi trovo superato da un cinquantenne, credo un avvocato, che discute con un collega argomenti della sua professione; ma lo sta facendo a voce alta, sbraitando in mezzo alla folla come se stesse in aula davanti ai giudici. E dovreste vedere come agita le braccia. E inutile, non capisco che cosa stia succedendo all umanità ma credo che la colpa è solo mia perché sono un alieno. Mentre cammino pensieroso in silenzio la mia mente torna a casa, dai miei. Che strano anch io ho dei parenti miei? Forse è meglio che mi spieghi. Capitolo 1 Parto dal nucleo più importante del mondo per me: la mia famiglia, composta da tre persone. E tento di partire da qui per arrivare a quello che voglio dimostrare ( o almeno ci proverò). Siamo in tre: io (primo, solo perché sto scrivendo io), mia moglie e mio figlio che a giorni compirà quattordici anni. E però necessario e giusto che dica la mia età: settantacinque anni. E mia moglie solo quarantaquattro. Ed altrettanto giusto è spiegare perché tanta differenza di età. Ho sposato Nicoletta in seconde nozze, dopo che ero rimasto vedovo di Giovanna, la mia prima moglie e mia coetanea che ho perso nel 1997 a cinquantanove anni, a causa di un malaccio. A sua volta Nicoletta, una carissima amica di mia moglie che amava come una sorella maggiore, aveva deciso di liberarsi del primo marito per molti e più che giustificati motivi, ma soprattutto perché lui non aveva capito, dopo sette anni di fidanzamento e sei anni di matrimonio che una famiglia deve almeno avere dei figli; ma lui non li voleva. 1

2 Ora, che siamo marito e moglie ufficialmente da oltre dieci anni, e abbiamo un figlio che a- miamo (e che mia moglie adora al punto di credere che il cordone ombelicale non si è ancora staccato), viviamo il valore di una vera famiglia viaggiando in mezzo a sette miliardi di esseri viventi, distribuiti su un pianeta che sta tentando in tutti i modi di autodistruggersi. Ed ecco che già appare uno dei motivi per cui sto scrivendo: la popolazione di questo pianeta. Ma è solo l inizio di qualcosa di ben più duro e incazzato: Continuo a chiedermi primo perché esistiamo e secondo se ESISTE Qualcuno che ha il diritto di considerarsi il nostro autore. Capitolo 2 Siamo solo tre esseri umani e, tolti un centinaio di parenti (tra vivi e morti), il resto è solo una concreta, vistosa e rompiscatole sequenza di miliardi di individui che ritengono di avere su di noi diritti e non doveri. Ma forse anche noi tre agiamo guidati dallo stesso criterio. MA PASSIAMO ALLE COSE SERIE. Se consultate il mio sito troverete alcuni argomenti che affrontano un tema simile ma credo sia giunto il momento di dire definitivamente ed in modo decisamente cattivo e, spero, duramente efficace su come la penso sul mondo in cui viviamo. A questo punto molti diranno che non gliene frega niente del mio pensiero e si fermeranno qui: padroni di decidere di andarsene a spasso, ma chi avrà la curiosità di proseguire, avrà modo di incontrare nuove idee e soprattutto ispirazioni per cercare di capire dove diavolo siamo e perché esistiamo su questo pianeta. E alcune idee forse saranno una sorpresa per chi prosegue: provate ancora qualche pagina, tanto è gratis, è scaricabile e può essere cancellato dal vostro computer. Ma prima fate una prova: forse riuscirete a capire perché io mi sento un alieno! Parto da una notizia apparsa per caso su un quotidiano ma non più ripresa: eppure è una grossa novità: hanno scoperto (speriamo che non si siano sbagliati!) la galassia più vecchia dell universo. Dire più vecchia e dire più distante è la stessa cosa: si parla di un oggetto che dista da noi qualcosa come 13 MILIARDI e mezzo di anni luce. Il che equivale ad un immagine che ha fatto un percorso lungo 13 miliardi di anni alla velocità della luce prima di arrivare all osservatore che lo ha scoperto. E da questa notizia ritorno sul pianeta per sedermi su una terrazza al mare ad osservare l umanità che si agita su tutto il pianeta, che si ammazza, che si ama, che si procura il cibo in modo corretto o scorretto, che sfrutta tutto quello che può, fregandosene dei danni che provoca e inventandosi un Dio di tipo più o meno diverso a seconda della razza, del paese o della religione cui appartiene. I pensieri corrono a rivedere quello che sta accadendo ma anche a quello che già in passato l umanità ha fatto nel bene ma soprattutto nel male. Capitolo 3 2

3 L umanità oggi, come dicevo sopra, è in continua corsa verso una meta che non conosce, di cui se ne frega, che non vuol conoscere, che non sa che esiste, perché non ha tempo di guardare verso il futuro e tanto meno di studiare il passato. Oggi all uomo interessa solo il presente e quel poco di breve e corto pezzetto di futuro che gli possa dare soddisfazione, gioia, remunerazione, ritorno sui propri investimenti, ma solo quelli che sono costituiti da denaro o equivalenti però con sicurezza di ritorni remunerativi. E quelli che pensano che si stia sviluppando in meglio la civiltà dell uomo dimentica che oggi avviene esattamente quello che avveniva alcuni secoli fa, anzi per alcuni argomenti primari della vita, sta avvenendo un peggioramento senza speranza di un qualsiasi rimedio. Proviamo con un esempio, riportando una pagina che sarà per tutti una cosa strana, ma che è una triste realtà di allora e contemporaneamente potrà istintivamente riportata ad un confronto, ad una fotografia del presente. Capitolo 4: Le complicazioni della potenza ecclesiastica e i primi orientamenti verso il possesso signorile del potere politico. (Siamo nell età carolingia) Per quanto elementare persistesse l'attività degli ufficiali in età carolingia, risolvendosi, come già nella Gallia merovingia l'italia longobarda, in un potere militare destinato essenzialmente a reprimere le violenze private, è indubbia, ora, una maggiore insistenza sulla funzione regia come garanzia di un tipo antico di cultura permeato da esigenze di universalità: cultura di chierici e monaci, letterati e teologi, e suggerivano al principe un'idea di ordine, assai più complessa che non fosse la materiale coercizione di quanti si facessero ribelli alle armi dei franchi e al diritto dei possessori su uomini e cose. Fu l'incontro spontaneo di un crescente bisogno di coerenza culturale - bisogno già manifesto nelle intense relazioni intercorse dalla fine del secolo VII fra le scuole episcopali e abbaziali di tutto l'occidente - con le tendenze verso l'uniformità, insite nella dominazione politica dei franchi sul mondo latino-germanico, l idea ecclesiastica di un ordinamento gerarchico universale, in cui 1'intera vita delle moltitudini assumesse il significato di una grande rappresentazione ed espiazione collettiva di fronte alla morte, riusciva strumento a a sua volta, di uniforme soggezione al potere dei Carolingi, gravato da immensi problemi di coercizione militare e di disciplina sociale in Europa. L'Impero carolingio parve configurarsi, sotto un certo rispetto, come una grande dominazione ecclesiastica, tendenzialmente unificata dall'irrigidimento di tutte le regole della condotta privata e della vita in comunità, del linguaggio scritto e del canto liturgico e dell'architettura sacra, una dominazione integrata e protetta da un apparato di capi militari e di guerrieri di professione, postisi a suo servizio e a sua difesa, dai re fino all'ultimo dei vassalli. È vero d'altra parte che una tale dominazione, avente il suo fulcro in un'esperienza letteraria e teologica, era tutta condizionata dalla simbiosi strettissima, entro cui essa operava, sia con l'aristocrazia militare donde erano reclutati i prelati, sia con le istituzioni politico-militari che proteggevano chiese e comunità religiose. Quei medesimi re che ordinavano il clero e la vita monastica secondo l'autorità dei canoni e ingiungevano ai conti di collaborare coi vescovi nel governo del popolo «cristiano», utilizzavano l'ordinamento ecclesiastico per vigilare sugli 3

4 ufficiali pubblici ed assicurarsi l'obbedienza delle popolazioni, introducevano persone fedeli nel governo di vescovati e abbazie, ricorrevano alle sedi monastiche e ai beni delle chiese - pur se in misura minore che Oltralpe per mantenere il seguito regio negli spostamenti della corte, per collocare donne di stirpe regia come badesse, per costituire una base economica. La crescente intimità e il condizionamento reciproco fra potenza regia e potenza ecclesiastica favorirono così nell'italia carolingia come al di là delle Alpi lo sviluppo di un i- stituto che aveva le sue radici già nella Gallia merovingia: la concessione a vescovi e abati dell'immunità da qualsiasi intervento degli ufficiali pubblici nelle terre costituenti il patrimonio fondiario delle chiese vescovili e dei grandi monasteri. Non era una semplice esenzione da particolari oneri o contribuzioni, quale anche i re longobardi e già gli imperatori romani avevano talvolta concessa, ma un radicale divieto {atto ad ogni iudiciaria potestas in particolar modo al potere militare e giurisdizionale del conte e degli agenti a lui subordinati - di entrare nelle terre di un dato ente ecclesiastico per esigere ammende o contribuzioni, per tenere placiti giudiziari, per costringere a qualsiasi scopo i contadini od altri dipendenti dell'ente, per esercitare cioè su di essi atti di forza connessi o no con la normale attività pubblica di polizia e di giustizia. La motivazione di tali privilegi era nelle oppressioni esercitate dall'autorità pubblica sui coloni delle chiese, a cui venivano arbitrariamente imposti tributi e prestazioni d'opera con vari pretesti. Ciò presuppone un largo disordine nel funzionamento del regno, un diffuso sfruttamento del potere per interessi privati degli ufficiali regi: uno sfruttamento che avveniva a danno di tutta la classe contadina e creava contrasti fra gli ufficiali pubblici e tutti i proprietari di terra, fossero piccoli agricoltori, a difesa dei quali molti capitolari condannano gli abusi dei conti e degli agenti comitali - o fossero signori laici ed ecclesiastici non legati da particolare amicizia coi detentori del potere pubblico nelle province in cui il loro patrimonio fondiario si estendeva. Le relazioni fra i grandi enti ecclesiastici e i grandi ufficiali preposti dal regno alle province erano dunque contraddittorie. I conti, la cui protezione militare si sarebbe dovuta esercitare anzitutto a favore delle chiese, si trovavano non di rado in contrasto con vescovi e abati per ragioni di potenza personale o familiare, così da indurre i prelati a cercare, l'uno a imitazioni dell'altro, la concessione regia di un diploma che garantisse una speciale tutela esercitata direttamente dal re, conferisse perpetua immunità. E il re, che era a capo dell'ordinamento pubblico, con tali diplomi esautorava nelle terre ecclesiastiche i propri ufficiali, promuovendo in esse l'autonomia signorile di vescovi abati. Capitolo 5 CONFRONTO CON UN ORGANIZZAZIONE MODERNA: L OPUS DEI! Chi ha avuto il coraggio di leggersi tutto il capitolo precedente, sarà rimasto probabilmente meravigliato che io portassi un tale testo all attenzione del lettore. Ma provate ora a confrontare il testo precedente con quello che segue. Il testo che leggerete riguarda un aspetto particolare della civiltà di oggi. Ho voluto sceglierlo proprio per 4

5 l analogia con l ambiente sopra descritto di strutture organizzate sfruttando il potere religioso per scopi ben diversi. Si tratta di una piccola parte di un libro importante: OPUS DEI SEGRETA di Ferruccio Pinotti, un ottimo libro su un organizzazione moderna che si è estesa su tutto il pianeta in meno di un secolo. Io faccio un confronto proprio su un argomento ristretto al campo religioso perché pone in e- videnza come l umanità può diventare preda di un potere di pochi decisi a costringere il resto degli uomini a vivere, ad agire, a pensare solo come questo potere vuole imporre agli altri, poveri e ignoranti esseri umani che invece vorrebbero scoprire la realtà della vita in un modo semplice, sincero ed improntato alla massima libertà di pensiero. Ed ecco il testo che ho riportato per gentile concessione di Pinotti. L'Italia è il luogo dove l'opus Dei - pur essendo nata in Spagna - ha il proprio cervello operativo e il proprio quartier generale. L'Italia è la sede storica del cattolicesimo e del Vaticano, all'interno del quale il potere dell'opus Dei è fortemente rappresentato. La rete di controllo della quale l'opus Dei si avvale in Italia è quindi doppia: quella sviluppata in proprio, a partire dal 1946, l'anno del trasferimento a Roma di Escrivà de Balaguer e dell'insediamento dell'organizzazione in Italia; e quella che si muove attraverso le alte gerarchie vaticane contigue all'opus Dei. Per queste ragioni l'opus Dei è, in Italia, un potere reale; un potere forte. Ma anche un potere che opera in segreto, perché i nomi di numerari, soprannumerari, aggregati e cooperatori restano, salvo rari casi, ignoti. Eppure in qualsiasi azienda, in qualsiasi carica pubblica, in ogni ministero, in ogni tribunale, in ogni università, in ogni ospedale, in ogni giornale ci sono una o più persone che - a vario titolo e in forme diverse - risultano esser vicine all'opus Dei. La natura «totalizzante» dell'istituzione e del suo pensiero fa sì che chi appartiene all'opus Dei risponda agli imperativi e allo stile di pensiero promossi dall'opera. Chi fa parte dell'organizzazione tende a ragionare solo nei termini previsti da una vasta serie di norme «interiori» che attengono a ogni aspetto del vivere. E con molta probabilità si comporterà di conseguenza, in ogni situazione: il magistrato dell'opera che deve decidere una causa promossa da un membro dell'opus contro un giornalista critico; il grande manager pubblico che deve decidere se privilegiare un progetto o un altro; il banchiere che deve decidere se effettuare o meno un'acquisizione sponsorizzata da ambienti della finanza vaticana. L'Opus Dei può negare all infinito l'esistenza di questa «doppia loyalty», ma essa è connaturata all'opera stessa, allo stile delle sue Costituzioni e dei suoi Statuti, a tutta la «formazione spirituale» ricevuta da chi ne fa parte. La lealtà preferenziale all'opera è totalmente interiorizzata dai suoi membri, non è nemmeno oggetto di discussione. A porla in discussione è solo chi se ne è già andato, o è in procinto di farlo. Questo aspetto pone dei problemi seri, relativamente alla penetrazione dell'opus Dei nei gangli più delicati della società - finanza, magistratura, mass media, ricerca scientifica, insegnamento, sanità - perché l'adesione dei membri dell'opus Dei ai «diktat» comportamentali che vengono dall'opera stessa sono totalmente interiorizzati. In questo senso, l'opus Dei appare persino più potente di altri poteri forti, come la massoneria: in primis perché gli elenchi degli appartenenti alle logge massoniche - 5

6 per lo meno quelle ufficiali - devono essere depositati presso le prefetture; ma soprattutto perché l'adesione alla massoneria è in genere molto più superficiale rispetto a quella prestata all'opus. Diversi studi indicano ad esempio che l'adesione alla massoneria avviene il più delle volte dopo i trentacinque - quarant'anni ed è motivata primariamente dalla ricerca di vantaggi professionali. Un'adesione «fredda», quindi che l adesione interiore allo stile e ai valori della Organizzazione è totale. Ciò pone, relativamente al rapporto tra Opus Dei e società civile, un problema non più dilazionabile: misure legislative che impongano quanto meno la consegna alle prefetture e al ministero dell'interno degli elenchi relativi a numerari, soprannumerari, aggregati e cooperatori. Al singolo cittadino deve essere consentito sapere, in determinate circostanze, se chi tratta aspetti importanti della sua vita (salute, lavoro, carriera, giustizia, privacy, libertà di espressione) aderisce a valori che possono condizionarne serenità e libertà di giudizio. Diversamente, la possibilità di legittimare la creazione di un potere occulto libero dai vincoli della società civile, è molto alta. Il problema riguarda, naturalmente, anche la Chiesa cattolica, all'interno della quale l'opus Dei è ormai da tempo una delle forze più potenti e controverse. La creazione, per l'opus e solo per l'opus Dei, di una «Prelatura personale», fa di essa una gigantésca diocesi extraterritoriale, una vera e propria «Chiesa nella Chiesa», completamente autonoma in termini organizzativi e finanziari e in grado persino di effettuare l'ordinazione di propri sacerdoti. Il legame dell'opus Dei con le chiese locali e con i vescovi è basato su una condizione di assoluta indipendenza, non risponde alla normale e rigida gerarchia ecclesiastica. Nei rapporti con le chiese locali, vigono tutt'al più rapporti di cortesia istituzionale, ma l'opus Dei vive una vita del tutto autonoma rispetto alle chiese locali e in particolare rispetto ai parroci che sono tenuti in scarsa considerazione dall'organizzazione. Per i vescovi esiste quindi un grosso problema - finora trascurato dal Vaticano - che riguarda la gestione di questa realtà cattolica, che si muove e vive secondo regole proprie. E che non intende rispondere a nessuno, se non al Papa in persona: e anche a questo riguardo, c'è da chiedersi cosa avverrebbe se il pontefice intervenisse a fissare dei limiti al potere dell'opus Dei: uno scisma? 5 Solo il cardinale inglese Basii Hume, nel lontano 1981, ha avuto il coraggio di emanare, per l'arcidiocesi di Westminster da lui guidata, chiare direttive di contenimento all'azione dell'opus Dei nei suoi aspetti più controversi. Ma il problema appare ormai indilazionabile per l'intera Chiesa cattolica, dato l'emergere sempre più numeroso di denunce di manipolazione che fanno riflettere anche le alte gerarchie ecclesiastiche. Il Vaticano, dopo l'elezione di Joseph Ratzinger, sembra avere iniziato a considerare il problema. E il pontefice - noto per la sua intransigenza sul tema dell'integrità della dottrina e della disciplina -, sembra voler inviare segnali di «mo- 6

7 derazione» all'opus Dei. Lo ha fatto ridimensionando l'enorme potere nel campo della comunicazione, acquisito negli anni di papa Wojtyla da Joaquìn Navarro Valls, il numerario dell'opus Dei sollevato dal suo incarico e sostituito da un e- sponente dei nemici storici dell'opera, il gesuita padre Federico Lombardi. Anche i severi richiami a evitare il «carrierismo ecclesiastico» e il «superlavoro» sembrano rivolti all'opus Dei, che fa della mitizzazione del lavoro il fulcro della sua strategia di potere sul piano secolare. Ma un ridimensionamento dell'opus Dei si presentava comunque problematico per Ratzinger, che dell'organizzazione ha accettato non solo lauree honoris causa, ma sostanziali appoggi. Occuparsi della «vita segreta» dell'opus Dei significa necessariamente parlare di censura. Il tema dell'informazione critica sull'opus Dei è particolarmente delicato, soprattutto in Italia. Nel nostro Paese non è esistito sino ad oggi un solo libro di grande diffusione che proponga - in maniera documentata - un'analisi critica di un fenomeno importante come l'opus. Quel poco che esiste si situa a livello di pubblicazioni di nicchia (come il meritevole lavoro fatto dalla casa editrice dei protestanti, la Claudiana) o di «scritti corsari» distribuiti personalmente da autori spesso perseguitati e «silenziati». L'Opus Dei provvede infatti - attraverso il suo «apostolato della pubblica opinione» - ad arginare gli incauti giornalisti e gli scrittori che si occupano delle sue vicende, grazie anche alla rete di manager editoriali e di giornalisti «amici» presenti in molti grandi giornali e in particolare nelle redazioni della cultura; per non parlare dei «vaticanisti», che fuggono come la peste qualsiasi notizia possa disturbare il Vaticano. L'ordine dei direttori dei grandi giornali pare esplicito: non si attacca l'opus Dei, anzi essa va lisciata dalla parte giusta del pelo, vezzeggiata, blandita con articoli agiografici sulla santità di Escrivà o sulla necessità di canonizzare in tempi record anche il suo successore, monsignor Alvaro del Portillo, cui vengono dedicate piazze e strade da sindaci compiacenti ancora prima della beatificazione. Ma c'è uno stadio più avanzato, quello della «persecuzione». Nei casi in cui l'opus Dei si sente ferita da un'inchiesta, la strategia d'azione è sottile ma durissima. L'Opus Dei non scende in campo direttamente, querelando l'autore o il giornalista in questione. Farlo significherebbe ammettere la ferita, riconoscere che la controparte ha colto nel segno, che in qualche modo ha portato alla luce un nervo scoperto. Inoltre, un attacco che portasse l'opus Dei a un confronto nell'aula di un tribunale, avrebbe inevitabilmente vasta risonanza sulla stampa nazionale ed estera, producendo un grave danno all'immagine dell'opera. Un altro effetto indesiderato sarebbe quello di trasformare l'autore in un «Salman Rushdie», in un simbolo di libertà capace di denunciare l'esistenza di un fondamentalismo cattolico pericoloso e manipolatorio. L'Opera, inoltre, ha facile gioco nello smentire l'organicità di una persona alla sua causa, perché gli elenchi degli appartenenti sono segreti e nessuno ha finora mai avuto accesso a essi. Nel caso dell'opus Dei - e su questo punto vi sono state in 7

8 passato interrogazioni parlamentari, mentre ora i politici di ogni parte tacciono accuratamente - un simile controllo è impossibile. E il giudice che interrogasse la Prelatura circa un suo membro arcinoto si sentirebbe rispondere che l'opus Dei è solo una realtà di fede: un «mantra» accompagnato da un fermo rifiuto a rendere noto alcunché riguardo ai propri appartenenti. Proprio questa segretezza fa dell'opus Dei una realtà discutibile. Un gruppo di potere sempre più forte nel mondo dei mass media e in grado di bloccare il legittimo dibattito su di essa. Capitolo 6 Potrà sembrare strano dare tanto spazio ad un organizzazione moderna come l Opus Dei, ma un confronto con il brano del capitolo precedente che descrive l ambiente dell epoca carolingia ci permetterà di renderci conto di quello che sta accadendo oggi nel mondo a nostra insaputa e soprattutto a grave danno della nostra libertà di pensiero e di azione. Se volete allargare il cerchio, vi troverete immersi in una marea di situazioni praticamente i- dentiche a quelle descritte per l Opus Dei. Credo però che un altro tipo di confronto potrà aiutarci a renderci conto di quanto siamo dei delinquenti depravati che stanno cercando di distruggere il magnifico pianeta nel quale stiamo vivendo. In questi giorni (2013) le cronache in TV e sui giornali ci stanno asfissiando con i delitti con i quali la gente si ammazza, soprattutto con i bambini o uccisi abbandonati in un auto al sole per ore solo per distrazione o perché testimoni delle litigate feroci tra coniugi. Il confronto è facile: mio cognato abita in campagna, accanto ad Assisi e alleva maiali: due scrofe in contemporanea gli hanno partorito la bellezza di venticinque maialini: dovreste vedere le due madri, stese nella paglia che sopportano con pazienza distese su un fianco l assalto bramoso di venticinque maialini per poter succhiare un po di latte. La madri non fanno una piega, non si scostano, sembrano addormentate quanto restano immobili, tutto per non rischiare di schiacciare uno dei figli. In una stalletta accanto, molto piccola, che vien usata come garage, in uno scaffale una cassetta di legno dentro la quale mia suocera ha messo un po di panni come lettiera, una piccola cagnina cui non daresti una lira tanto è piccola, ha partorito quattro cuccioli. Abbiamo provato a spostare i quattro in una lettiera più comoda ma la madre ha riportato i piccoli dove li aveva messi al momento del parto e riesce ad allattarli anche se sembra di essere quasi più piccola di loro. Sono quattro meravigliose creature che dormono e ciucciano mentre la cagnina resta ferma per ore per nutrirli. E non chiede niente a nessuno; anzi protesta se ci avviciniamo. Guardandola mi sono commosso pensando che è primipara, che vive da sola in una fattoria e che nessuno le ha insegnato come si partorisce e come si allevano i propri piccoli: è madre natura? Ed ora proviamo a fare il confronto e meditiamo in silenzio che è meglio: io non aggiungo altro. 8

9 Capitolo 7 INTRODUZIONE ALLA SECONDA PARTE Io a suo tempo feci un operazione complessa di confronto, fingendo di scrivere un romanzo estemporaneo e trattando vari argomenti con apparente semplicità di racconto, partendo addirittura dai nostri capostipiti Adamo ed Eva e con una battuta iniziale abbastanza sciocca ma che è alla base della natura dell uomo (almeno come mia stupida presunzione): L umanità, fin dai suoi primi giorni di vita, perse il venticinque per cento di se stessa con la morte di Abele. E per questo che l umanità non ebbe mai figli di Abele ma solo di Caino, con le conseguenze che si possono immaginare! Ma la mia analisi di dieci anni fa si potrebbe rifare con ciò che ci accade intorno oggi ogni giorno. Allora, nel 2003, presi in considerazione, tra un chiacchierata e una battuta più o meno stupida, i fatti che ci affliggevano. Ho sfruttato notizie giornaliere dei quotidiani migliori in Italia, alternando ogni tanto fatti privati per alleggerire il discorso. Ne è venuto fuori un minestrone che ogni tanto rileggo per confrontando i fatti che racconto in quelle pagine con quello che accade attorno a noi ogni giorno oggi, nel Io credo che a rileggere quelle pagine forse vi potrete rendervi conto che oggi si ripete la storia di allora, purtroppo con molte aggravanti. Io mi permetto di riproporvi il testo, non tutto, ma quel tanto che basta come testimonianza delle mie affermazioni. E sarò ben lieto di sentirmi contraddire in un senso o nell altro dai miei malaugurati lettori che riescono a sopportarmi. Ecco dunque qui riportato il testo di allora, sia pure, ridotto per non tediarvi troppo. (Segue capitolo 7) SECONDA PARTE ABELE NON EBBE FIGLI (alla scoperta dell acqua calda) di Giuseppe Amato Nota introduttiva Se uno scrive o dice qualcosa fuori dalle regole, cioè fuori da quello che oggi chiamano con un eufemismo che fa parte dell ipocrisia sìglobal il <politically correct> o qualcosa di simile, viene considerato uno pazzo. 9

10 Non si limitano a considerarlo un imprudente, ma pensano che sia un retorico, che si è levato da un pulpito non suo o di cui non era degno per predicare (senza che alcuno glielo chiedesse) cose, precetti che nella loro stupida ovvietà indicano vie utopistiche (uto-pistiche, dove c è la parola <pista>, - scusate ma la tentazione della battuta cretina era irresistibile), piste già tracciate secoli prima ed abbandonate da tanto tempo dall uomo, così lontane nel tempo da perderne la traccia, così dimenticate da non ricordare più se si perdevano in un deserto da sole o se qualcun altro volutamente aveva fatto sì che portassero a luoghi senza senso, a grotte sprofondanti nel buco infinito della non conoscenza. Non so se i dinosauri nell ultimo milione di anni della loro vita sul pianeta avessero capito che stavano involontariamente distruggendo il loro futuro, ma è certo che il futuro ritenne giusto vendicarsi annientandoli. E l uomo, se ci sarà ancora, finirà così, annullato, solo un residuo fossile, la mano levata, il braccio teso ad accompagnare il proprio dire del momento contingente, incurante del pericolo che incombeva, unica traccia della sua esistenza, arabo con l esplosivo, americano con la mano sul petto e l altra a grattarsi i coglioni per scongiuro, italiano a pensare come sopravvivere, cinese a lavorare i millenni in silenzio, donna africana forse ancora a cercare radici per sfamare i figli in una mattina di primavera che non sa ancora nulla di che cosa sono le città, le auto e l asfalto, ecc., tutti negando valore ad un semplice avvertimento terribile: ti ho consegnato la terra perché tu la migliori, non per distruggerla; mi renderai conto tu e non altri di averla rovinata per sempre. Eri ospite su un pianeta in prestito. Nessuno fra mille anni, non so quale deforme forma di vita sarà, vorrà ricordarti, povero stupido, imbecille, presuntuoso essere a due zampe. (questa è una nota che deve ancora essere integrata con altre due o tre cazzate che faranno arrabbiare alcuni, altri con compatimento per me e la mia pazzia, altri non capendo un cazzo) CAPITOLO DI INIZIO: Abele non ebbe figli. Nessuno di noi è figlio di Abele; siamo tutti figli di Caino, con quel che comporta. Provate a rileggervi la Genesi per quella parte che parla dei due fratelli: o siamo ebrei e crediamo al testo che consideriamo sacro o siamo cattolici e crediamo al testo o È inutile: è stato scritto talmente tanto sull argomento che la gente arriccia il naso un secondo dopo avergli annunciato il tema. Tutti sanno tutto; o meglio credono perché ne hanno sentito parlare una volta in TV da Enzo Biagi o da Santoro, o in una predica o hanno visto quel poveraccio di padre Amorth che crede ancora nel malocchio. 10

11 Non so se questo sarà un libro o una massa di parole a vuoto senza un filo logico apparente. Nella realtà sarà un correre disperato contro il tempo nello spazio reale, rifuggendo da tutto ciò che puzza di virtuale. E lo spazio reale è ciò che è, ciò che il Tao si rifiuta di definire, l essere dei filosofi, il pane che mangi oggi, il letto che puzza del tuo sudore dopo una scopata, l odore nauseante del cadavere che si consuma al sole nei secoli in un deserto che era un lago salato, ossa calcinate accanto a cristalli fermi lì da miliardi di anni senza che nulla scomponga la loro calma immobile, la loro morte-vita eterna, come il lago di Aral ed il tripudio sinfonico di morte, una sinfonia nel silenzio radioattivo e infestato da mostri batteriologici e chimici cresciuti dalla spazzatura di laboratorio abbandonata a se stessa da pochi anni dagli intelligentissimi criminali scienziati russi o sovietici; spazzatura che non è creatura di Dio che sa come deve svilupparsi ma mostruosa deformazione da parte di pochi pazzi che non sanno (e non possono sapere) come si gestisce la Creazione ma pretendono di sostituirsi a quel Dio che hanno sempre considerato un deficiente astratto ed un muto impotente. Quello che di organico è nato ieri oggi muore: un giorno, due giorni, 24 ore migliaia di minuti, un inezia di pensiero nella mente di Dio e perfino dell uomo: è lo stesso, tanto Dio è nella mente dell uomo, reale o immaginato. Ma di Dio, almeno per il momento non ne parliamo perché ora è solo nell immaginario. Ciò che è inorganico è lì da sempre, immutabile sordo e cieco osservatore dell evolversi dei tempi e delle vicende dell universo e dell uomo. Forse dentro di sé, nella sua intimità subatomica, le subparticelle reali e virtuali danzano da millenni la danza del ventre cercando di distruggere o di trasferire la loro energia ad ottetti periferici ormai fermi per l eternità. Di fatto le pietre che due minuti fa Armstrong s è riportato nella sacca da viaggio di ritorno dalla luna si devono essere meravigliate che potesse accadere, dopo un immobilità di almeno tre miliardi di anni, di vedere arrivare un becero in tuta NASA che si vanta del piccolo passo eccetera, eccetera. Emanuele si sta addormentando accanto a me: una reale manifestazione nel tempo e nello spazio di una realtà misteriosa. Il suo cervello, due anni e quattro mesi, pari già ad alcuni miliardi di neuroni (quanti ne aveva il giorno dopo che è uscito dal grembo di sua madre?), che lavora intensamente mentre combatte l idea di doversi addormentare, di doversi abbandonare al mistero del sonno. E mi guarda sorridendo perché gli faccio le smorfie. Sta pensando alla giornata e vorrebbe ancora vita e gioco: 11

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA "MADRE DELL'EUCARISTIA"

MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA MADRE DELL'EUCARISTIA MOVIMENTO IMPEGNO E TESTIMONIANZA "MADRE DELL'EUCARISTIA" Via delle Benedettine, 91-00135 ROMA Tel. 063380587; 063387275 Fax 063387254 Internet: http://www.madredelleucaristia.it E-mail: mov.imp.test@madredelleucaristia.it

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli