Grave Cerebrolesione Acquisita - GCA -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Grave Cerebrolesione Acquisita - GCA -"

Transcript

1 Grave Cerebrolesione Acquisita - GCA - Curare. o aver cura della persona in stato vegetativo e di minima coscienza... una varietà di lesioni cerebrali acute di diversa eziologia (traumatica,ipossico, emorragico, postchirurgico,) tale da determinare una condizione di: coma più o meno protratto menomazioni sensomotorie I bisogni assistenziali della persona con grave e gravissima disabilità acquisita menomazioni cognitive e/o comportamentali che comportano grave disabilità. Cristina Valisella 14 & 15 Marzo

2 Coma Condizione caratterizzata da: - Stato di sopore profondo - Perdita della sensibilita - Perdita della motilità volontaria - Assenza di coscienza nella sua totalità - Alterazione della regolazione delle funzioni vegetative o vitali - Immobilità, occhi chiusi, - Non risvegliabile - Assenza di risposte finalizzate a stimoli interni ed esterni Stato Vegetativo - SV - Grave disabilità neurologica potenzialmente reversibile con stato di veglia senza contenuti di coscienza caratterizzato da : Comparsa di un ciclo sonno veglia Apertura spontanea degli occhi Movimenti del tronco e/o degli arti Funzioni vitali autonome Posture patologiche Occasionalmente possono: Sorridere Emettere brontolii Gemere Sbadigliare Lacrimare 2

3 Stato di Minima Coscienza - SMC - Minimo grado di consapevolezza e vigilanza Si differenzia dallo SV per la presenza di comportamenti associati alle attività di coscienza, riproducibili e mantenuti sufficientemente a lungo per essere differenziati da comportamenti riflessi : Fissazione e/o inseguimento di stimoli visivi con lo sguardo Esecuzione di comandi semplici Risposte si/no verbali o gestuali Produzione di parole comprensibili Attività motoria finalizzata in relazione a stimoli ambientali. Sindrome LOCKED-IN - LIS - Condizione di: TETRAPLEGIA senza compromissione di coscienza e delle attività mentali Consapevolezza Buon livello di attenzione Emotività presente Orientamento Movimenti oculari 3

4 LA RIABILITAZIONE DELLE GCA EVENTO PERDITA CAPACITA : - MOTORIE - COGNITIVE - COMPORTAMENTALI FASE ACUTA FASE POST/ACUTA FASE degli ESITI NURSING ASSISTENZA di BASE FISIOTERAPIA FARMACOTERAPIA LOGOPEDIA PSICOLOGIA LAB. ESPRESSIVI STIMOLAZIONI EVOLUZIONE MANTENIMENTO MONITORAGGIO 4

5 LA PERSONA AL CENTRO ognuno nell' ambito delle proprie competenze...lavorano in TEAM... L Infermiere, l OSS, il fisioterapista, il medico, il logopedista, lo psicologo, l' assistente sociale la capo sala, l' educatore... IL TEAM MEDICO FISIATRA PSICOLOGO ASSISTENTE SOCIALE NEUROPSICOLOGO / LOGOPEDISTA CAPOSALA INFERMIERE FISIOTERAPISTA OPERATORE SOCIO SANITARIO TERAPISTA OCCUPAZIONALE TECNICO DI NEUROFISIOPATOLOGIA EDUCATORE FAMILIARI OPERATORI TEATRALI MUSICOTERAPISTA VOLONTARI 5

6 IL TEAM Il TEAM elabora il Progetto Riabilitativo Individuale definisce gli obiettivi gli operatori coinvolti stabilisce i tempi le modalità verifica i risultati Il TEAM è lo strumento per la realizzazione del processo di cura, ed è composto dalla persona interessata, dai suoi familiari e dai professionisti che hanno il compito di curare la persona ed aiutare la sua famiglia, lavorando per obiettivi La famiglia La presenza del familiare facilita il recupero dell identità della storia personale del paziente e favorisce la ricostruzione di un progetto di vita (progetto educativo), in una relazione di aiuto e di contatto con la rete sociale. La famiglia diventa attore del progetto riabilitativo, se informata, formata e supportata psicologicamente. 6

7 PRESA IN CARICO ASSISTENZIALE VALUTAZIONE DEL PAZIENTE PROGRAMMAZIONE DEL PROGETTO ASSISTENZIALE ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI Alimentazione Mobilizzazione Respirazione Eliminazione Igiene personale Comunicazione VALUTAZIONE PERIODICA E FINALE DEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI ASSISTENZIALI VALUTAZIONE DEL PAZIENTE ANALISI DEI BISOGNI E DELLE RISORSE: CURA PERSONALE RITMO SONNO VEGLIA / RIPOSO FUNZIONE RESPIRATORIA ALIMENTAZIONE SFINTERI MOBILITA' E POSTURE DOLORE COMUNICAZIONE E RELAZIONE INSTABILITA' BIOCLINICHE CARE GIVER 7

8 AMBIENTE TERAPEUTICO L ambiente terapeutico contribuisce al benessere della persona favorendo il massimo utilizzo delle risorse e potenzialità residue. IGIENE dell unita del Paziente e attrezzature LUCE UMIDITÀ TEMPERATURA VENTILAZIONE PULIZIA TRANQUILLITÀ SICUREZZA PERSONALIZZAZIONE DEL CONTESTO APERTURA ALLA RETE AMICALE E FAMIGLIARE Atmosfera cordiale, rispetto e fiducia tra operatori persona e famiglia 8

9 IGIENE Della persona Dispositivi di Protezione Individuale Quotidiana: intima, viso tronco ascelle mani denti cavo orale Periodica: bagno, doccia, capelli. toilette unghie 9

10 Gestione del paziente colonizzato infetto I MECCANISMI DI DIFFUSIONE DELLE INFEZIONI CONTATTO Diretto Trasferimento di microrganismi per contatto diretto con persona infetta/colonizzata. CONTATTO Indiretto Trasferimento di microrganismi per il contatto indiretto con oggetti inanimati contaminati. DROPLET - Trasmissione attraverso goccioline prodotte con la tosse, starnuti o durante procedure quali broncoscopia o aspirazione delle secrezioni respiratorie. Queste goccioline vengono espulse a distanze brevi (< di un metro) e si depositano su oggetti o superfici o su cute e mucose del nuovo ospite. Non rimangono sospese nell aria. La presenza di un germe non determina necessariamente uno stato infettivo. La presenza di germi senza sintomi di malattia definisce il portatore sano, il quale però potrebbe infettare persone particolarmente fragili, e contaminare l ambiente circostante. Non sempre l uso dell antibiotico è risolutivo, meglio prevenire e controllare la diffusione dei microrganismi. MISURE DI PREVENZIONE E CONTROLLO Le indicazioni di seguito elencate sono necessarie per: - Evitare la diffusione dei microrganismi ad altre persone e nell ambiente e devono essere osservate dal paziente e da chi ne ha cura. - l ingresso e l uscita dalla stanza - prima e dopo il contatto diretto con la persona. 1. E bene eseguire frequenti interventi di pulizia e disinfezione di tutte le superfici, in particolare quelle orizzontali e quelle che vengono maggiormente in contatto con l assistito e con le mani del personale di assistenza (es. letti, sponde dei letti, comodino, seggiole e maniglie, interruttori,.) 2. I guanti non sono necessari per le attività relazionali e comunicative. 3. I guanti possono essere indossati quando si eseguono attività di cura dirette sulla persona su indicazione del personale di assistenza 4. Negli spazi comuni, durante attività che prevedono la manipolazione di oggetti da parte del malato, è opportuno: 5. -effetturare l igiene delle mani - se indicato dal personale di assistenza fargli indossare i guanti - effetturare l igiene delle mani - decontaminare l oggetto stesso dopo l utilizzo. MISURE DI PREVENZIONE E CONTROLLO Rimuovere ed eliminare gli indumenti barriera prima di uscire dalla stanza negli appositi contenitori, ed eseguire l igiene delle mani con la soluzione idroalcolica Eseguire un accurata igiene delle mani lavandole o utilizzando Mantenere un elevato livello di igiene personale, soluzione idroalcolica utilizzare prodotti indicati e/o saponi neutri. Cambiare spesso la biancheria e igienizzarla in lavatrice ad alte temperature e/o utilizzando prodotti specifici. Cambiare i guanti e igienizzare le mani ogni qualvolta si cambia attività o distretto corporeo ( bocca>mani>piedi.) Utilizzo di materiale monouso per tutte le attività in cui sia possibile: pasto, igiene personale, manipolazione di oggetti,. Igiene degli spazi di vita e attività: utilizzo di materiale monouso e panni inumiditi con soluzioni decontaminanti per la pulizia delle superfici e dei pavimenti, areare costantemente l ambiente Decontaminazione ausili, arredi e superfici di contatto quotidiana ( materasso, cuscino, sponda, carrozzina, palo, comodino, maniglia, interruttore, sollevatore, tavolino, ) Per ogni chiarimento, il personale di assistenza è a vostra disposizione Le scale di valutazione Braden : Valutazione del rischio decubito DRS : Disability Rating Scale LCF : Levels of Cognitive Functioning EFA : Early Function Abilities FIM : Functional Independence Measure NSC-r : Nociception Coma Scale-revised Utilizzare gli indumenti barriera necessari in relazione alla localizzazione del germe su indicazione del personale di assistenza - Droplet: mascherina al paziente negli spazi comuni e durante e trasferimenti nei vari servizi 10

11 SCALA DI BRADEN VARIABILI Percezione Non limitata Leggermente limitata Molto Totalmente Sensoriale limitata Limitata Umidità Raramente bagnato Occasionalmente Spesso Costantemente Bagnato bagnato bagnato Attività Cammina Cammina In poltrona Allettato frequentemente Occasionalmente Mobilità Limitazione Parzialmente Molto Completa Assente Limitata limitata immobilità Nutrizione Eccellente Adeguata Probabilmente Molto povera inadeguata Frazionamento Senza problemi Problema problema Scivolamento Apparenti potenziale totale FIRMA INFERMIERE N.B.: IL PAZIENTE E A RISCHIO SE IL PUNTEGGIO E INFERIORE O UGUALE A 16 DATE RILEVAZIONI DRS Categorie di Punteggio disabilità complessivo Nessuna disabilità 1 0 Disabilità lieve 2 1 Disabilità parziale Disabilità moderata Disabilità moderatamente severa Disabilità severa Disabilità estremamente severa Stato vegetativo Stato vegetativo grave Morte Vigilanza consapevolezza e responsività Apertura degli occhi: 0 = spontanea 1 = alla parola 2 = al dolore 3 = nessuna Nutrirsi: 0 = completa 1 = parziale 2 = minima 3 = nessuna Abilità di comunicazione: 0 = orientata 1 = confusa 2 = inappropriata 3 = incomprensibile 4 = nessuna (in caso di tracheotomia barrate la T, in caso di disartria, diafonia, afasia barrare la D) Sfinteri: 0 = completa 1 = parziale 2 = minima 3 = nessuna Miglior risposta motoria: 0 = su ordine 1 = localizzata 2 = generalizzata 3 = in flessione 4 = in estensione 5 = nessuna Abilità cognitiva per le attività della cura di sé: (Il paziente sa come e quando? Ignorare la disabilità motoria) Livello funzionale: 0 = completa indipendenza 1 = indipendenza con particolare necessità ambientali 2 = dipendenza lieve 3 = dipendenza moderata 4 = dipendenza marcata 5 = dipendenza totale Rassettarsi: 0 = completa 1 = parziale 2 = minima 3 = nessuna Impiegabilità: 0 = non ristretta 1 = impieghi selezionati (competitivi) 2 = lavoro protetto (non competitivo) 3 = non impiegabile 11

12 LCF Levels of cognitive Functioning 1. Nessuna risposta 2. Risposta generalizzata 3. Risposta localizzata 4. Confuso-agitato 5. Confuso-inappropriato 6. Confuso-appropriato 7. Automatico-appropriato 8. Finalizzato-appropriato FIM 12

13 Abilità: livello assente -non chiaramente riconoscibile A) Area del Sistema Nervoso Autonomo 1. Stabilità vegetativa 2.Consapevo- lezza Affaticabilità -considervolmente instabile a riposo -richiede continua monitorizzazione -richede continue cure farmacologiche -terapia a letto -non chiaro ritmo sonno/veglia -fasi di non-riposo durante la notte -dorme a lungo durante il giorno 3. Posture -mantiene principalmente o solamente la postura supina per tempi < 1ora -mantiene la postura laterale per tempi <20 min -necessita di parecchi ausilii posturali 4. Eliminazione -nessun controllo -necessario catetere e/o purghe -si sporca con le feci -evacuazioni/minzioni a letto B) Area delle funzioni oro-facciali 5. Stimolazione orofacciale Igiene orale -stimolazione quasi impossibile -necessita di assistenza per igiene orale perchè agitato o non reattivo -non collaborante 6. Deglutizione -puó essere osservata o stimolata raramente o per nulla -eccessiva salivazione, aspirazione 7. Movimenti della lingua / masticazione -assenza di movimento o continui movimenti automatici -masticazione non possibile/riflesso del morso 8. Mimica -non osservabile innervazione dei muscoli mimici appropriata -amimia/comportamento automatico EFA -appena riconoscibile -instabile -afinalizzato/indifferenziato -severamente limitato -a riposo è stabile per la maggior parte del tempo -instabile se sottoposto a lievi stimoli -occasionalmente necessita monitoraggio -terapie specifiche al bisogno (-terapia sotto controllo vegetativo) -iniziali segni di instaurazione di un ritmo sonno/veglia -ancora fasi di non-riposo nella notte, sebbene rare -dorme ancora a lungo durante il giorno -in grado di mantenere la postura laterale sinistra o destra per periodi di durata >20min e <1ora - può avere ancora bisogno del catetere e/o purghe -tollera il pannolone/pappagallo -si agita quando il letto è bagnato -stimolazione gravemente limitata (a gengive e denti esternamente) -possibile debole reazione -non collaborante -deglutizione di saliva più frequente -può essere stimolata più facilmente -in posizione supina aspira più frequentemente -comportamento parzialmente automatico (può essere fermato) -esegue limitati esercizi di masticazione con la garza (movimenti di masticazione alto-basso/ non rotazione) -possono essere osservati movimenti espressivi spontanei o reattivi (riso/pianto ecc.) -ancora instabile/inappropriato -chiaramente riconoscibile -stabile -finalizzato/leggermente differenziato. -moderatemente limitato -stabile a riposo e durante attività -instabile se sottoposto a forti stimolazioni -monitorizzazione non piú necessaria -farmaci specifici non piú necessari -stabile durante gli esercizi -ritmo sonno/veglia stabile -si affatica rapidamente in caso di attivitá/sforzi di durata <10 min -in grado di mantenere la postura laterale sinistra o destra per periodi di durata >1 ora e <2ore -numero di ausilii posizionali aumentato -controllo iniziale -catetere non piú necessario -particolarmente agitato quando desidera urinare od evacuare -training vescicale / utilizzo iniziale del water -stimolazione moderatamente limitata -spazzolamento dei denti esternamente senza problemi e parzialmente anche dall interno -parzialmente collaborante (apre la bocca) -comincia l addestramento alla alimentazione con cibo semisolido -problemi nel trasporto del bolo -aspirazione di liquidi -movimenti della lingua appropriati (in numero ancora limitato) -movimenti di masticazione eccessivi o ridotti (ancora con la garza) -non differenziazione di consistenze -movimenti espresivi spontanei e appropriati -scarsa differenziazione -fa smorfie -inizio di collaborazione con movimenti facilitati - - -finalizzato e differenziato -lievementelimitato -stabile a riposo e in attività -aumento leggero della attività vegetativa quando sottoposto a stimoli forti o a sforzi di durata >10min e <1 ora - -si affatica in caso di attività di durata >10 min e <60 min -mantiene la postura laterale su entrambi i lati per periodi di durata >2ore -il numero degli ausilii posizionali è solo lievemente aumentato -continenza diurna -si bagna ancora di notte -segnala quando desidera urinare o defecare in modo affidabile -pannolone non piú necessario -stimolazione senza problemi (compresi palato e lingua) -spazzolamento dei denti senza problemi (può avere ancora bisogno di qualche aiuto) -buona collaborazione (si sciacqua) -assume cibo solido abbastanza facilmente -troppo lento / frettoloso -raramente aspira liquidi -è possibile che ci siano ancora problemi in certe direzioni di movimento -non c è più bisogno della garza -apprezzamento di diverse consistenze con chiusura delle labbra -possibilmente ancora troppo lento/frettoloso o utilizza solo un lato -mimica appropriata e differenziata -collaborazione buona in terapia -possibile debolezza in lato; -possibili limitazioni dovute a problemi psicologici o psicoorganici nessuna sostanziale limitazione -stabile -non aumento delle reazioni vegetative anche per stimoli forti e sotto sforzo per periodi > 1 ora - -non si affatica durante attività di durata > 1ora -postura laterale su entrambi i lati per tempi >2ore o non più necessaria -numero di ausilii posizionali nei limiti di norma -continente -stimolazione non più necessaria -spazzolamento dei denti senza problemi -si alimenta e assume i lquidi necessari solo per os -non ci sono rischi di aspirazione -non limitazioni funzionali della flessibilitá linguale e della masticazione -Sono possibili tutti i movimenti mimici senza limiti funzionali C) Area delle funzioni sensori-motorie 9. Tono -nessuno aggiustamento tonico riconoscibile -asimmetria di distribuzione della paresi (arti - -tono patologico in alcune aree del corpo (ad -in posizione aggiustamenti tonici fisiologici e -paralisi flaccida o spastica/rigida generalizzata superiori vs inferiori e/o netta preminenza di -nello arto migliore c è un esempio emilato) posizionamento possibile in tutte le posizioni lato) aggiustamento tonico -negli arti migliori aggiustamenti posturali e -tono patologico solo in caso di -nell arto migliore `lievi aggiustamenti tonici -posizionamento con IP (?) posizionamento possibili movimenti/cambiamenti del IP (?) quindi, ad facilitanti esempio, reazioni associate -sinergie di massa in caso di movimento volontario 10. Controllo del capo - non controllo del capo riconoscibile -in terapia lieve aggiustamento tonico -sollevamento attivo del capo -reazione attiva e simmetrica di sollevamento -reazione attiva e simmetrica di sollevamento -collaborazione possibile (a seconda della del capo senza bisogno di pretrattamento, del capo -si iniziano a riconoscere reazioni di situazione) -possibile per un tempo di durata < 10min senza pretrattamento aggiustamento del capo -possibili reazioni di -possibile per un tempo di durata >10 min aggiustamento del capo asimmetriche 11. Controllo del tronco -totalmente passivo, non puó assumere la -può stare seduto passivamente con speciali -può stare seduto -sta seduto per un tempo <10min senza aiuto e -sta seduto senza supporto per un tempo >10 / staz. Seduta posizione seduta (ad esempio a causa di ausilii (carozzina) o per tempi < 10min passivamente senza ausilii senza utilizzare le mani min instabilitá vegetativa o spasticitá generalizzata -non estensione attiva del tronco speciali -vi può essere asimmetria -reazioni di equilibrio possibilmente in flessione o estensione) -iniziale estensione attiva del -non vi sono reazioni di bilanciamento leggermente ridotte tronco (panca/usando le braccia) 12. Trasferi- menti -totalmente passivo -passivo, non collabora ma c è un -collaborazione attiva -buona collaborazione attiva (carica su di una o -indipendente nei trasferimenti senza rischi di -necessita di 2 aiutanti o di ausilii speciale aggiustamento parziale del tono parzialmente possibile entrambe le gambe o utilizza le braccia) cadute (sollevatore, tavola per trasferimenti) -necessita di un aiutante, il trasferimento è (solleva il capo, fa il ponte, si -aiuto minimo di un aiutante difficoltoso protende in avanti) -trasferimento ben realizzabile con l aiuto di un aiutante 13. Stazione eretta -non possibile (instabilità vegetativa, fratture, -possibile per brevi periodi (5-10min) e/o in -sta eretto passivamente per -sta eretto attivamente -sta in piedi senza aiuto in mezzo alla stanza contratture) stazione non completamente eretta tempi >10 min -carica su entrambi gli arti inferiori senza aiuto o ausilii -tavolo di statica o aiuto di 2 persone + splints -non estensione attiva del -aiuto di 1 persona + utilizzo di splint / panca / -vi possono ancora essevi delle asimmetrie tronco appoggio a parete -carico unilaterale -aiuto di 2 persone +splints 14. Motricità volontaria -non riconoscibile alcuna motricitá volontaria -attività volontaria riconoscibile (ad es. -attività volontaria -attività volontaria -possibili movimenti selettivi (vi può essere movimenti di difesa) -collaborazione in forma di -collaborazione in forma di contrazione riduzione di forza) -sinergie di massa contrazione muscolare muscolare sia di tipo concentrico che di tipo concentrica (es. grasping ma eccentrico (rilascio) non rilascio) 15. Locomo- zione / -totalmente passivo -trasporto attivo in carozzina previo specifico -trasporto possibile in -collaborazione attiva nella guida della -si muove indipendentemente in carozzina e/o mobilità in carozzina -trasporto attivo in carozzina non ancora trattamento carozzina da autospinta con carozzina (braccia/gambe) deambula con sufficiente sicurezza per possibile -oppure trasporto passivo con sostegno per parziale sostegno attivo del -e/o deambula per pochi passi con assistenza distanze > 15 m (anche se con deambulatore, capo e tronco tronco e controllo del capo terapeutica ecc) D) Area delle funzioni cognitive 16. Informazio- ni tattili -non riconoscibili chiare reazioni allo stimolo -reazioni aspecifiche allo stimolo tattile (ad es. -reazioni appropriate e -reazioni differenziate (es grasping, prendere) -grasping e afferramento adeguati tattile vegetative, agitazione, cambiamenti di tono) differenziate (ad es -ancora difficoltà nel lasciare la presa, -è in grado di rilasciare la presa, può sostenere adattamento del tono, nell applicare pressione e nella manipolazione oggetti rilassamento, movimenti di di oggetti -vi possono essere ancora difficoltà nel dosare difesa appropriati allo stimolo) la pressione 17. Informazio- ni visive-non riconoscibili chiare reazioni a stimoli visivi, -reazione aspecifica allo stimolo allo stimolo -focalizza appropriatamente in -reazioni differenziate, focalizza, si osservano -attiva esplorazione visiva dell ambiente non focalizza visivo modo chiaro sequenze di movimento di inseguimento per -basso grado di distraibilitá -può focalizzare per brevi periodi -si osservano sequenze di periodi più lunghi -non chiara capacità di seguire con lo sguardo movimenti di inseguimento -ricerca con gli occhi persino oggetti fuori dal nel caso di oggetti nel campo campo visivo visivo (per alcuni istanti) -è più distraibile 18. Informazio- ni -non riconoscibili chiare reazioni allo stimolo -reazioni aspecifiche allo stimolo acustico (es -reazioni appropriate (ad es. -reazioni differenziate e distingubili -ascolta attivamente per lunghi periodi acustiche acustico startle, cambio di tono, vegetativo) gira lo sguardo/testa, si (ad es. in caso di voci familiari/non familiari) rilassa) 19. Comunica- zione -non chiaramente riconoscibile -aspecifica -appropriato -soddisfa le richieste in modo costante -codice binario più che costante -riconoscibile la condizione attuale (di - -codice binario (si/no) costante -in grado di esprimere bisogni o comunicare benessere, di fastidio) approvazione/disapprovazion informazioni spontaneamente / attivamente -comunicazione essenziale (accordo/ e chiaramente riconoscibili senza che gli vengano fatte domande disaccordo) -soddisfa parzialmente le richieste (ancora incostante) -non costante il codice binario (si/no) 20. Abilità di cura del -totalmente passivo nelle ADL -passivo nelle ADL -collabora parzialmente nelle -completa alcune attività da solo, riconosce e -è in grado di portare a termine un compito sè -lieve comprensione della situazione (adatta il ADL (inizia alcune attivitá, ma usa correttamente alcuni oggetti, della vita di ogni giorno piú complesso per lo tono, osseva la sequenza di movimenti) ancora non vi è un costante -ha bisogno di aiuto nel preparare, strutturare, piú da solo (possibilmente richiede aiuto in riconoscimento di oggetti) iniziare e completare una data attività caso di situazioni non familiari o bassa concentrazione) 13

14 RITMI E RIABILITAZIONE RIEDUCARE ALLA QUOTIDIANITA 14

15 Le attivita' di cura devono essere organizzate nelle 24 ore nel rispetto dei ritmi fisiologici RITMO SONNO VEGLIA GARANTIRE ADEGUATO RIPOSO NOTTURNO idoneo sistema antidecubito mobilizzazione notturna limitata ma efficace accurata igiene rimozione fattori di disturbo trattamento farmacologico Stimoli ambientali, postura seduta, verticalizzazione durante la giornata, ed un efficace riposo notturno modificano l'arausal 15

16 Funzione respiratoria Valutazione documentazione clinico assistenziale Osservazione diretta Intervista alla persona / care giver il sonno è per l uomo ciò che la carica rappresenta per un'orologio INTERVENTI ASSISTENZIALI: Pulizia delle coane Pulizia cavo orale Pulizia cannula e controcannula Tracheoaspirazione Ossigeno terapia Umidificazione ambiente Terapia posturale Arthur Schopenhauer 16

17 IGIENE DEL CAVO ORALE Una quotidiana ed accurata igiene della bocca e dei denti è necessaria per: Rimuovere secrezioni ed eventuali residui di cibo Migliorare la respirazione Migliorare la percezione del gusto Prevenire problemi di alitosi Le posizioni consigliate sono: seduta, semiseduta a letto, o sdraiata sul fianco Lavarsi accuratamente le mani per evitare di contaminare la bocca Posizionare la persona in modo confortevole Informare la persona rassicurandola e cercando sua collaborazione IGIENE DEL CAVO ORALE Pulire il palato e poi la lingua sempre cambiando frequentemente le garze Pulire delicatamente la parte esterna dei denti cambiando di frequente le garze, poi la parte interna Sollecitare la deglutizione della saliva E consigliabile applicare sulle labbra un prodotto emolliente per evitare lacerazioni. Proteggere le dita dal morso 17

18 GESTIONE DELLA CANNULA TRACHEALE PULIZIA DELLO STOMA: igiene quotidiana con garze sterili imbevute di soluzione fisiologica, poi asciugare e posizionare una garza che abbraccia la cannula. CONTROCANNULA : detersa anche più volte al giorno, a seconda delle necessità, pulita con lo scovolino, acqua e sapone neutro, asciugata e se non utilizzata conservata in contenitore pulito FASCIA DI FISSAGGIO: sostituire quando bagnata o sporca. 18

19 Umidificare e il filtrare l aria è possibile con l utilizzo di nasi artificiali In presenza di abbondanti secrezioni evitare l uso del naso artificiale, pulire spesso la controcannula ed eventualmente ricorrere all ASPIRAZIONE TRACHEALE che deve essere eseguita: solo quando necessaria con tecnica asettica Introducendo il sondino per la lunghezza della cannula Aspirando per max. 15/20 sec. Aspirare durante l'estrazione del sondino Imprimere un movimento rotatorio al sondino LO SVEZZAMENTO DALLA CANNULA La rimozione della cannula tracheale può avvenire solo se presenti: Riflesso della tosse riduzione delle secrezioni con valida espettorazione respiro spontaneo senza affaticamento E sempre necessaria una RIEDUCAZIONE ALLA RESPIRAZIONE In caso di condizioni cliniche o danni locali che non ne consentono la Rimozione, sarà compito del personale sanitario educare paziente e famiglia alla gestione domiciliare della tracheostomia e dell'aspirazione. 19

20 Postura e dinamica respiratoria: svuotamento gastrico Decubito supino: I rapporti anatomici col rachide dividono lo stomaco in due porzioni ed il fondo (parte non contrattile dello stomaco) tende a riempirsi senza effetto cascata verso l antro ed il transito pilorico ALIMENTAZIONE Cause che impediscono l alimentazione per bocca: incapacità a compiere i movimenti motori masticatori e deglutitori disordini delle strutture nervose che controllano i movimenti della lingua, della bocca e della laringe DISFAGIA Fundus Decubito destro: Sposta l antro in basso, distribuisce la NET e facilita lo svuotamento gastrico per effetto cascata NUTRIZIONE NON PER VIA ORALE 20

21 Sonda in silicone o PVC che inserita per via nasale arriva fino allo stomaco Disagevole per il paziente Può provocare lesioni da decubito (narici > piloro) Necessita di frequenti sostituzioni Calibro ridotto = flussi lenti Sonda Naso Gastrica - SNG - Gastrostomia Endoscopica Percutanea - PEG - Gastrostomia Sonda inserita nello stomaco e abboccata all esterno, in anestesia locale. Ridotto rischio di infezione Consente la somministrazione di alimenti, di acqua e farmaci senza rischio di inalazione Può restare in sede per lungo tempo Di semplice gestione anche al di fuori dell ambiente sanitario dopo adeguato addestramento Vantaggiosa per la persona e per il care giver 21

22 La Digiunostomia JPEG - l inserimento della sonda nel primo tratto dell intestino in anestesia generale, Viene utilizzata come la PEG ma: Calibro ridotto Ancoraggio poco efficace Miscele nutrizionali specifiche 22

23 Nutrizione Enterale Totale - NET - viene somministrata tramite SNG, PEG, Digiunostomia stomaco Sacca dei nutrienti Sono utilizzate: soluzioni pronte disponibili in commercio Gestione della P.E.G. Dopo l inserimento per primo impianto occorre attendere 24/48 ore prima dell utilizzo. Ad ogni utilizzo lavare la sonda con acqua minerale utilizzando una siringa da 60 ml con estremità a cono, questo eviterà occlusioni da deposito di materiali. I farmaci sono somministrati triturati e diluiti in acqua con la siringa a cono alimenti frullati finemente Pompa per l alimentazione cibi omogeneizzati Alimenti e acqua sono introdotti con siringa a caduta, oppure utilizzando l apposita pompa che regola quantità e velocità di somministrazione. 23

24 Ogni somministrazione deve essere eseguita con la persona seduta o semiseduta; Interrompere l infusione per evitare rigurgiti e/o inalazioni durante spostamenti o cambi di posizione La persona può fare il bagno dopo una settimana dall impianto la zona d inserimento può essere lavata con acqua e sapone neutro Ruotare la sonda e verificare sistema di ancoraggio (distanziatore e palloncino) Medicare sino a guarigione della ferita ( stoma) poi lasciare scoperto Lavare spesso la sonda con acqua 24

25 Svezzamento dalla P.E.G. GLI SFINTERI Fisioterapiste e Logopedista VALUTAZIONE REAZIONI: muove la lingua per andare a cercare l alimento? Percepisce il gusto? Ha il riflesso della deglutizione? DANNO CEREBRALE STATO DI COSCIENZA ALTERATO ALLETTAMENTO PROLUNGATO GRADUALMENTE con gli OPERATORI ALIMENTAZIONE PER BOCCA: Dieta cremosa morbida tritata NET + intake DEGLUTIZIONE DEI LIQUIDI: Acqua Gelificata Acqua e Addensante Acqua 1 cucchiaio 2 cannuccia 3 bicchiere ALTERAZIONE DELLA CAPACITÀ DI CONTROLLO DELLE FUNZIONI CORPOREE ELIMINAZIONE DI URINE ELIMINAZIONE DI FECI CATETERISMO VESCICALE PANNOLONI PER INCONTINENZA RIMOZIONE DELLA SONDA 25

26 Problematiche sfinteriche INCONTINENZA = assenza di controllo nell emissione delle feci e/o delle urine per disturbi cognitivi STIPSI = emissione difficoltosa di feci disidratate e con intervalli di 2/3 giorni tra una evacuazione e l altra. FECALOMI = feci dure e disidratate che limitano il transito provocando meteorismo e scariche acquose DIARREA = emissione di almeno 4 evacuazioni di feci liquide 26

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

Assistenza e vicinanza alle persone in stato vegetativo e di minima coscienza

Assistenza e vicinanza alle persone in stato vegetativo e di minima coscienza Assistenza e vicinanza alle persone in stato vegetativo e di minima coscienza I fondamenti dell assistenza N. Matera, P. Scipione, C. Valisella Istituto Veritas Splendor Corso di formazione Bologna 24

Dettagli

LESIONI DA DECUBITO Prevenzione e trattamento

LESIONI DA DECUBITO Prevenzione e trattamento LESINI DA DECUBIT Prevenzione e trattamento Modulo1 Lezione 3 LE SCALE DI VALUTAZINE DEL RISCHI Lo scopo di uno strumento di valutazione del rischio è quello di identificare gli individui a rischio di

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

Guida all utilizzo della PEG

Guida all utilizzo della PEG Guida all utilizzo della PEG INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 COSA E LA PEG E A COSA SERVE PAG. 4 MATERIALE NECESSARIO PAG. 5 COME PROCEDERE PER L ALIMENTAZIONE PAG. 6 PREPARAZIONE DELLA NUTRIZIONE PAG. 7 AL

Dettagli

TRACHEOSTOMIA: Nursing

TRACHEOSTOMIA: Nursing 6 Congresso Regionale FADOI Umbria 4 Congresso Regionale ANIMO Umbria Perugia 22 Novembre 2013 TRACHEOSTOMIA: Nursing Inf. Chiara CANTALUPO Malattie Apparato Respiratorio Az. Ospedaliera S. MARIA TERNI

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE Pagina 1 di 3 DIAGNOSI INFERMIERISTICHE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE ANSIA CORRELATA A MINACCIA ALL INTEGRITA BIOLOGICA DOVUTA A TRAUMA DA CADUTA E DOLORE (che si manifesta con aumento della F.C., PAOS, sudorazione,

Dettagli

SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts

SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts INDICATORI 1 2 3 4 indice Condizioni generali: livelli di assistenza richiesti per le ADL( fare il bagno, di vestirsi, di usare i servizi igienici, mobilità,

Dettagli

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T.

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita degli anziani è quella

Dettagli

LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE. Informazioni anagrafiche

LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE. Informazioni anagrafiche LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE Informazioni anagrafiche me Cognome Nato a il / / Residente a via/piazza n Anamnesi patologica remota oltre

Dettagli

La Riabilitazione Medica nella fase Sub - Acuta

La Riabilitazione Medica nella fase Sub - Acuta METODOLOGIE E STRUMENTI PER LA PRESA IN CARICO DI RETE DELLE PERSONE CON ESITI DI CEREBROLESIONI ACQUISITE Rimini, 16/1/29 La Riabilitazione Medica nella fase Sub - Acuta Dott. Loris Betti Medico Fisiatra

Dettagli

Luca Pantarotto. Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia

Luca Pantarotto. Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia Luca Pantarotto Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia Fisiologia della deglutizione atto complesso che implica l utilizzo coordinato e sincrono della

Dettagli

IL MORBO DI PARKINSON E LA DISFAGIA

IL MORBO DI PARKINSON E LA DISFAGIA IL MORBO DI PARKINSON E LA DISFAGIA Persona (anziane) affette da M.P. possono andare incontro a malnutrizione per fattori psicosociali, fisici, ma anche per possibili specifiche disfunzioni deglutitorie

Dettagli

LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI

LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione PROCEDURA: Barrare le opzioni prescelte Selezionare l obiettivo

Dettagli

SCHEDA DI INSERIMENTO

SCHEDA DI INSERIMENTO Dipartimento Sviluppo e Sussidiarietà A.S.S.I. Servizio Controllo del stema Socio-sanitario U.O. Accreditamento, Qualità e Appropriatezza del Servizi SCHEDA DI INSERIMENTO CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE

Dettagli

STATO COMATOSO - cause

STATO COMATOSO - cause STATO COMATOSO STATO COMATOSO - cause INTRACRANICHE Infiammatorie (meningiti encefaliti) Vascolari (ictus edemi) Traumatiche Neoplastiche EXTRACRANICHE Alterazioni del metabolismo (coma ipoglicemico, diabetico,

Dettagli

SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA MANTOVA

SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA MANTOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali CORSO DI STUDIO IN FISIOTERAPIA CARTELLA DIDATTICO-RIABILITATIVA Anno Accademico STUDENTE SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE GUIDA PRATICA PER LA GESTIONE DELLA PERSONA IN NUTRIZIONE ENTERALE A DOMICILIO SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi

LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi Ospedale Niguarda CàGranda Milano Ester Pileio INFERMIERA Silvia Zigiotto INFERMIERA Una delle attivitàvitali

Dettagli

GESTIONE GASTROSTOMIA

GESTIONE GASTROSTOMIA GESTIONE GASTROSTOMIA UN PO DI SIGLE N.A.: Nutrizione Artificiale N.E.: Nutrizione Enterale S.N.G.: Sondino Naso Gastrico P.E.G.: Gastrostomia Endoscopica Percutanea P.E.Y: Digiunostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

Corso formazione alla Cura di malati di SLA

Corso formazione alla Cura di malati di SLA Corso formazione alla Cura di malati di SLA Respirazione - Segni e Sintomi NIV Tracheostomia Aspirazione Dott. P. Bruno UOC Pneumologia Az. Osp. Sant Andrea Roma Facoltà di Medicina e Psicologia Università

Dettagli

Relazione sanitaria 1.6 a cura del medico curante per l ingresso al CDI

Relazione sanitaria 1.6 a cura del medico curante per l ingresso al CDI Relazione sanitaria 1.6 a cura del medico curante per l ingresso al CDI ente morale con personalità giuridica di diritto privato fondato nel 1594 Sig./ra luogo e data di nascita Sezione 1. Patologie presenti

Dettagli

La Nutrizione Enterale Domiciliare

La Nutrizione Enterale Domiciliare Dipartimento Malattie Digestive e Metaboliche U.O. Aziendale di Gastroenterologia e Dietetica Clinica U.O.S. Dietetica Clinica La Nutrizione Enterale Domiciliare Informazioni utili per il paziente e la

Dettagli

VALUTAZIONE E IL TRATTAMENTO DELLA DISFAGIA

VALUTAZIONE E IL TRATTAMENTO DELLA DISFAGIA Azienda USL Pescara U.O.S. Assistenza Intermedia Dirigente Responsabile: Dott. ssa Mirella Scimia P.C.A. Nutrizione Artificiale a Domicilio Nutrizione Enterale VALUTAZIONE E IL TRATTAMENTO DELLA DISFAGIA

Dettagli

Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica. -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE. Docente: Giacomo Colzani

Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica. -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE. Docente: Giacomo Colzani Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE Docente: Giacomo Colzani 07 Aprile 2010 OBIETTIVI DELLA GIORNATA Identificare i criteri principali

Dettagli

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...):

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): COS'E' IL TRAUMA: Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): l'apparato scheletrico (fratture) le articolazioni (distorsioni,

Dettagli

Puoi ordinare una copia qui. ****

Puoi ordinare una copia qui. **** L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

II CICLO CORSI FORMATIVI DI VIVA LA VITA ONLUS

II CICLO CORSI FORMATIVI DI VIVA LA VITA ONLUS II CICLO CORSI FORMATIVI DI VIVA LA VITA ONLUS Il corso prevede 9 incontri gratuiti in cui verranno affrontati i principali aspetti riguardanti l ordinaria gestione della persona affetta da SLA in ambito

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO LINEE GUIDA SULLA PREVENZINE E TRATTAMENT DELLE LDD - 1 ottobre 2001 - Pagina 14 di 66 pagine LINEE GUIDA PER LA PREVENZINE DELLE LESINI DA DECUBIT Che cosa sono le lesioni da decubito (LDD)? Le LDD sono

Dettagli

Assistenza Infermieristica nella malattia di Parkinson. Biella, Ottobre 2013 D.S.Russo Mariangela Struttura Complessa di Neurologia

Assistenza Infermieristica nella malattia di Parkinson. Biella, Ottobre 2013 D.S.Russo Mariangela Struttura Complessa di Neurologia Assistenza Infermieristica nella malattia di Parkinson Biella, Ottobre 2013 D.S.Russo Mariangela Struttura Complessa di Neurologia PERCHE L ALIMENTAZIONE HA UN RUOLO DETERMINANTE NELLA MALATTIA DI PARKINSON?

Dettagli

L INCONTINENZA URINARIA

L INCONTINENZA URINARIA L INCONTINENZA URINARIA MECCANISMO DELLA CONTINENZA La vescica si riempie Il segnale di vescica piena viene inviato al cervello Il cervello trattiene d urina in vescica Quando conveniente, il cervello

Dettagli

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE NEUROLOGICHE CHE PROVOCANO ALTERAZIONI DELLA COSCIENZA IDENTIFICARE I SEGNI E SINTOMI DI: SINCOPE, CONVULSIONI, MENINGITE,

Dettagli

Il paziente neurologico ICTUS

Il paziente neurologico ICTUS ICTUS ICTUS ICTUS ICTUS Fattori di rischio modificabili Ipertensione arteriosa Diabete mellito Stenosi carotidea Fumo/alcool Sovrappeso Sedentarietà Fattori di rischio non modificabili Età Sesso Predisposizione

Dettagli

ASIA Associazione Servizi Infermieristici Ausiliari

ASIA Associazione Servizi Infermieristici Ausiliari ASIA e GSA Soc. Coop, da molti anni sono impegnate nel campo dell assistenza alla persona. Oggi, ASIA e GSA combinano tutte le proprie conoscenze nel campo dell assistenza domiciliare e attivano un innovativo

Dettagli

www.unionecomuni.re.it - info@unionecomuni.re.it www.parcoappennino.it

www.unionecomuni.re.it - info@unionecomuni.re.it www.parcoappennino.it LINEE GUIDA PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI Note di carattere generale: 1. Ogni operatore dovrà essere dotato di ausili, conservati in spazi appositi e separati; 2. ogni operatore deve indossare

Dettagli

Allegato 1a DIMISSIONE PROTETTA E CONTINUITÀ DELLE CURE PER MINORI CON BISOGNI ASSISTENZIALI COMPLESSI IL COORDINATORE DI PERCORSO OSPEDALIERO RICEVE LA SEGNALAZIONE DALL'U.O. DI DEGENZA IL COORDINATORE

Dettagli

Azienda Sanitaria Provinciale Di Ragusa

Azienda Sanitaria Provinciale Di Ragusa REGIONE SICILIANA Azienda Sanitaria Provinciale Di Ragusa TIMBRO DI REPARTO CARTELLA INFERMIERISTICA Cartella n. Cognome... Nome... Sesso: M F Nato il / / a.. Cittadinanza Residenza / Domicilio.. Via...

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI:

RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI: RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI: il caso della prevenzione e gestione della caduta del paziente nelle strutture sanitarie 2 edizione 15 Novembre 2012 Ministero della Salute

Dettagli

Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale

Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale Modulo 4 Assistenza al paziente e alla famiglia nel post-ictus Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale durata: 60 h 0 di 31 Obiettivi di apprendimento della sessione descrivere la rete assistenziale

Dettagli

Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona

Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona IMBRACATURE Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona assistita o non autosufficiente. Chi deve assistere

Dettagli

1. Come prevenire l esaurimento fisico di chi assiste. 2. Posizioni e movimenti per sollevare il paziente non autosufficiente. 3. L insonnia. 4.

1. Come prevenire l esaurimento fisico di chi assiste. 2. Posizioni e movimenti per sollevare il paziente non autosufficiente. 3. L insonnia. 4. 1. Come prevenire l esaurimento fisico di chi assiste. 2. Posizioni e movimenti per sollevare il paziente non autosufficiente. 3. L insonnia. 4. L esaurimento psichico ed emotivo: modalità per la prevenzione

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno Università di Pisa Corso di Laurea in Infermieristica Presidente Francesco Giunta Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno 1 semestre Prestazioni Atti tecnici Obiettivi 1 Presa visione della -lettura degli

Dettagli

Nutrire e alimentare nella fragilità: difficoltà e strategie d aiuto

Nutrire e alimentare nella fragilità: difficoltà e strategie d aiuto Nutrire e alimentare nella fragilità: difficoltà e strategie d aiuto Filippo Ghelma Responsabile UD DAMA Ospedale S. Paolo Milano Vicepresidente Fondazione Mantovani Castorina onlus Riflessioni nutrizionali

Dettagli

VIE D ACCESSO ALLA NUTRIZIONE ENTERALE. Valeria De Carli Deluca Colugnat

VIE D ACCESSO ALLA NUTRIZIONE ENTERALE. Valeria De Carli Deluca Colugnat VIE D ACCESSO ALLA NUTRIZIONE ENTERALE E SUE COMPLICANZE Valeria De Carli Deluca Colugnat VANTAGGI DELLA NET Minori complicanze Minori costi è necessaria l integrità del tratto gastrointestinale TIPI DI

Dettagli

L igiene. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. **** Puoi ordinare una copia qui. a) Cambio biancheria del letto:

L igiene. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. **** Puoi ordinare una copia qui. a) Cambio biancheria del letto: L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

LA VENTILAZIONE NON INVASIVA IN PEDIATRIA

LA VENTILAZIONE NON INVASIVA IN PEDIATRIA LA VENTILAZIONE NON INVASIVA IN PEDIATRIA IL RUOLO DELL INFERMIERE NELLA NIV 08 MAGGIO 2013 Serena Soldini Infermiere pediatrico Dipartimento Medicina Pediatrica UOC Broncopneumologia- Ospedale Pediatrico

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELLA SPASTICITA

IL TRATTAMENTO DELLA SPASTICITA IL TRATTAMENTO DELLA SPASTICITA Anna Vagnetti LAVORO DI EQUIPE SVOLTO DAI FISIOTERAPISTI DELL UNITA SPINALE DELL OSPEDALE S. CORONA DI PIETRA LIGURE: BERNARDIS E., DELL ANNO F., FIRPO L., MANDRACCIA S.,

Dettagli

Il Supporto Respiratorio non Invasivo nel neonato

Il Supporto Respiratorio non Invasivo nel neonato Il Supporto Respiratorio non Invasivo nel neonato Ruolo del trattamento infermieristico Mirjana Petojevic Infermiera Professionale SC Neonatologia e TIN Ospedale dei Bambini «V.Buzzi», ICP Milano Direttore:

Dettagli

PIANO DI ASSISTENZA STAFF DIREZIONE SANITARIA. Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico

PIANO DI ASSISTENZA STAFF DIREZIONE SANITARIA. Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico STAFF DIREZIONE SANITARIA Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico DIAGNOSI INFERMIERISTICA: (RISCHIO DI) DEFICIT DELLA CURA DI SÉ alimentazione, bagno, igiene personale, uso dei servizi igienici,

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

La gestione della frattura di femore in RSA La gestione della frattura di femore in RSA

La gestione della frattura di femore in RSA La gestione della frattura di femore in RSA La gestione della frattura di femore in RSA Carlo Fiori Elisa De Maestri Maria Teresa Parolini Rita Bormolini I dati oggetto del nostro studio si riferiscono al quinquennio 2006-2010 e riguardano un campione

Dettagli

APPARATO NEUROLOGICO. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

APPARATO NEUROLOGICO. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna APPARATO NEUROLOGICO Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna OBIETTIVI Conoscere l anatomia e la fisiologia del sistema nervoso Riconoscere le principali patologie del Sistema nervoso Effettuare

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo

Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo Dolore: un problema, un mistero Il dolore l animale lo evita,

Dettagli

Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via........... Altri problemi clinici ventilazione polmonare assistita coma o stato neuro vegetativo

Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via........... Altri problemi clinici ventilazione polmonare assistita coma o stato neuro vegetativo Data:1/11/2004 Pag. 1 di 7 Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via.. Anamnesi patologia remota Anamnesi patologia prossima Altri problemi clinici nessuno ventilazione polmonare assistita tracheostomia

Dettagli

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA L alunno disabile chi è, com è, cosa fare 21 novembre 2013 DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA FT Dott. Andrea Menon Ass. La Nostra Famiglia _ Padova Definizione di funzione: Soluzione operativa

Dettagli

07 novembre 2014 daniela.panigati@ao-sanpaolo.it

07 novembre 2014 daniela.panigati@ao-sanpaolo.it LE MISURE DI ISOLAMENTO 07 novembre 2014 daniela.panigati@ao-sanpaolo.it SITUAZIONE ATTUALE Drammatico e progressivo aumento delleinfezioniantibioticoresistenti Comparsa di resistenze, al momento, più

Dettagli

DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE

DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE Se non può rientrare al domicilio compilare gli item qui a fianco COGNOME: Per inoltrare a Casa di Cura Ambrosiana: FAX 02.4587.6860 DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE Nato il: A: NOME: Residente

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI Unità di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Responsabile : Dr. Francesco Cupella Fondazione Salvatore Maugeri La Gastrostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza La prevenzione delle lesioni da pressione a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza Le lesioni da pressione: Sono aree localizzate di danno della cute e del tessuto sottostante che si realizzano

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 1 RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 2 Le informazioni trovate in questo opuscolo non sostituiscono il colloquio col

Dettagli

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila AVVISO di SELEZIONE PER SOLI TITOLI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI INSEGNAMENTO NELL AMBITO DEI CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DELLA

Dettagli

Lo stato di Coma,Ictus cerebrale: fattori di rischio e posizione d'attesa. Epilessia, soccorso e classificazione

Lo stato di Coma,Ictus cerebrale: fattori di rischio e posizione d'attesa. Epilessia, soccorso e classificazione Lo stato di Coma,Ictus cerebrale: fattori di rischio e posizione d'attesa. Epilessia, Asma, intossicazioni, primo soccorso e classificazione COMA sindrome clinica caratterizzata da una mancata risposta

Dettagli

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Corso di base per Assistenti familiari 29 novembre 2014 Cascina Brandezzata La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Adele Calori Coordinatrice Infermieristica Argomenti della lezione v Competenze

Dettagli

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO?

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? TORINO 27-29 Marzo 2014 Martina Ronzoni Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma 2 OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA 3 SEGNI CLINICI DI IPOSSIA Ipossia Segni Respiratori

Dettagli

La gastrostomia può essere realizzata per via chirurgica, endoscopica, radiologica o laparoscopica.

La gastrostomia può essere realizzata per via chirurgica, endoscopica, radiologica o laparoscopica. Gestione della PEG Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire, gli esercizi

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ASSISTENTI FAMILIARI

CORSO DI FORMAZIONE ASSISTENTI FAMILIARI Assistenza Domiciliare 2012 CORSO DI FORMAZIONE ASSISTENTI FAMILIARI ASSISTENZA STARE VICINO A QUALCUNO PER AIUTARLO BISOGNO I BISOGNI SECONDO MASLOW: BISOGNI FISIOLOGICI BISOGNO DI SICUREZZA BISOGNO DI

Dettagli

LEZIONE PRONTO SOCCORSO

LEZIONE PRONTO SOCCORSO LEZIONE DI PRONTO SOCCORSO 1 Arresto CARDIOCIRCOLATORIO SICUREZZA A Coscienza Sequenza a 2 soccorritori B-C VALUTA Respiro e Mo.To.Re. MAX. PER 10 sec Guarda l espansione del torace + movimenti Ascolta

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

Scheda per accertamento - MAP

Scheda per accertamento - MAP SISTEMA NERVOSO 1 responsività responsività responsività COSCIENZA Vigile Soporosa Non responsiva ORIENTAMENTO Orientata Disorientata Confusa Funzione dell'orientamento non valutabile in quanto persona

Dettagli

Corso di Collaboratrice Sanitaria (CS CRS) Croce Rossa Svizzera

Corso di Collaboratrice Sanitaria (CS CRS) Croce Rossa Svizzera Corso di Collaboratrice Sanitaria (CS CRS) Croce Rossa Svizzera Introduzione La Collaboratrice Sanitaria (CS) CRS è una persona che svolge la propria attività, dopo aver seguito una formazione riconosciuta

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTLICA DEL SACR CURE FACLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- RMA CRS DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Prevenzione delle Ulcere da Pressione Definizione: lesione tessutale,

Dettagli

Scheda Fase Riabilitativa Ospedaliera

Scheda Fase Riabilitativa Ospedaliera Scheda Fase Riabilitativa Ospedaliera N.B.La scheda per la raccolta dati in fase riabilitativa ospedaliera è unica ma deve essere necessariamente compilata in due momenti differenti: all ingresso in reparto

Dettagli

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI A cura di Vds Davide Bolognin Istruttore di Pronto Soccorso e Trasporto Infermi CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

Dettagli

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o piu lavoratori, comprese le azioni del sollevare,

Dettagli

L importanza importanza mportanza della Nutrizione nella Sclerosi Laterale Amiotrofica Una g uida guida per per ilil p aziente paziente

L importanza importanza mportanza della Nutrizione nella Sclerosi Laterale Amiotrofica Una g uida guida per per ilil p aziente paziente L importanza della Nutrizione nella Sclerosi Laterale Amiotrofica Una guida per il paziente 1 Che cos è la Sclerosi Laterale Amiotrofica? La Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) è una malattia neurodegenerativa

Dettagli

INDICE. Igiene e cura della persona 1 AUTORI PREFAZIONE GUIDA ALLA LETTURA XI XIII XXI CAPITOLO 1. Igiene e cura degli occhi 2

INDICE. Igiene e cura della persona 1 AUTORI PREFAZIONE GUIDA ALLA LETTURA XI XIII XXI CAPITOLO 1. Igiene e cura degli occhi 2 I AUTORI PREFAZIONE GUIDA ALLA LETTURA XI XIII XXI CAPITOLO 1 Igiene e cura della persona 1 PRESTAZIONE 1.1 Igiene e cura degli occhi 2 PRESTAZIONE 1.2 Igiene e cura delle orecchie 4 PRESTAZIONE 1.3 Igiene

Dettagli

Allegato 2. Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno. Indice. Premessa... 2. 1. Il processo di valutazione del bisogno...

Allegato 2. Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno. Indice. Premessa... 2. 1. Il processo di valutazione del bisogno... Allegato 2 Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno Indice Premessa... 2 1. Il processo di valutazione del bisogno... 2 2. Il triage... 3 3. La valutazione di secondo livello... 3 4.

Dettagli

Il / La sottoscritto / a. Nato / a il..a.. Residente a.. Indirizzo tel.. /. CHIEDE. Per il / la Sig. / Sig.ra..

Il / La sottoscritto / a. Nato / a il..a.. Residente a.. Indirizzo tel.. /. CHIEDE. Per il / la Sig. / Sig.ra.. Amministrazione Del Comune di Robecco S/N Il / La sottoscritto / a Nato / a il a Indirizzo..tel. / CHIEDE Per sé ( ) oppure Per il / la Sig. / Sig.ra.. Nato / a il..a.. Indirizzo tel.. /. L INTERVENTO

Dettagli

NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente

NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente Team Nutrizionale per la Nutrizione Artificiale Domiciliare Struttura Complessa. Clinica Medica e Servizio di Dietetica Ospedale di Cattinara - 2

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 INTERVENTO SEMINARIALE I.T.I.S. A. D Aosta L Aquila 29 Maggio 2007 Accoglienza e assistenza agli alunni

Dettagli

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica 33-34 vertebre 7 cervicali 12 dorsali 5 lombari 5 sacrali 4/5 coccigee Corpo: di forma cilindrica Archi vertebrali : circoscrivono il foro vertebrale,

Dettagli

Le patologie gravemente invalidanti nel neonato e nella prima infanzia

Le patologie gravemente invalidanti nel neonato e nella prima infanzia Istituti Clinici di Perfezionamento - Milano Servizio di Abilitazione Precoce dei Genitori Le patologie gravemente invalidanti nel neonato e nella prima infanzia Spunti di riflessione per gli operatori

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale BA. S.VA.M.A. Valutazione cognitiva e funzionale. 1.Situazione cognitiva

Azienda Sanitaria Locale BA. S.VA.M.A. Valutazione cognitiva e funzionale. 1.Situazione cognitiva Mod. 4 DSS Uno Azienda Sanitaria Locale BA Distretto Socio Sanitario Uno Ambito Territoriale Comune di Molfetta - Comune Giovinazzo S.VA.M.A. Valutazione cognitiva e funzionale 1.Situazione cognitiva Nome

Dettagli

INCONTINENZA URINARIA

INCONTINENZA URINARIA INCONTINENZA URINARIA Perdita involontaria di urina in quantità o con frequenza tale da costituire per l individuo un problema sociale o di salute Frequenza: 8-34% degli anziani a domicilio 50% dei pz

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS

LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS E SUL PIU BELLO ARRIVA L ICTUS L MA L ANZIANO, PER FORTUNA E E SANO COME UN PESCE. SARA SANO MA L ESSERE L ANZIANO COMPORTA DI PER SE QUALCHE MODIFICA DI

Dettagli

Unità didattica 4: Igiene personale: abilità pratiche

Unità didattica 4: Igiene personale: abilità pratiche Unità didattica 4: Igiene personale: abilità pratiche In questa unità didattica verranno appresi alcuni consigli e alcune tecniche per lavare i soggetti disabili e gli aiuti tecnici disponibili per eseguire

Dettagli

IGIENE PERSONALE E RIFACIMENTO LETTO

IGIENE PERSONALE E RIFACIMENTO LETTO IGIENE PERSONALE E RIFACIMENTO LETTO Dr.ssa Roberta Boldrini Roma, 28 gennaio 2012 Le cure igieniche L igiene è la scienza della salute e del suo mantenimento L igiene personale è la cura di sé con la

Dettagli

A.I.P.D.A. Sanitas S.r.l. Prestazioni Infermieristiche e Servizi Socio Sanitari

A.I.P.D.A. Sanitas S.r.l. Prestazioni Infermieristiche e Servizi Socio Sanitari La Aipda Sanitas è lieta di proporre alla SIULP della POLIZIA di STATO di Roma e Provincia una CONVENZIONE nel settore sanitario per tutti i suoi dipendenti e familiari, con l ausilio di personale medico

Dettagli

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG)

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG) Cognome me Nata/o a prov. il Residente a prov. c.a.p. via n. Anamnesi patologica remota Anamnesi patologica prossima Barthel Index [A] [B] [C] [A] dipende [B] con aiuto o saltuariamente [C] indipendente

Dettagli

LA DIMISSIONE PROTETTA DEL PAZIENTE IN VENTILAZIONE INVASIVA E PORTATORE DI PEG: PERCORSO ASSISTENZIALE

LA DIMISSIONE PROTETTA DEL PAZIENTE IN VENTILAZIONE INVASIVA E PORTATORE DI PEG: PERCORSO ASSISTENZIALE LA DIMISSIONE PROTETTA DEL PAZIENTE IN VENTILAZIONE INVASIVA E PORTATORE DI PEG: PERCORSO ASSISTENZIALE 31 Congresso Nazionale Aniarti Infermieri e qualità di vita in area critica DIMISSIONE PROTETTA La

Dettagli

INCONTINENZA URINARIA

INCONTINENZA URINARIA INCONTINENZA URINARIA Perdita involontaria di urina in quantità o con frequenza tale da costituire per l individuo un problema sociale o di salute Frequenza: 8-34% degli anziani a domicilio 50% dei pz

Dettagli

Universita degli studi di Pavia Corso di laurea in infermieristica Anno Accademico 2009/2010. Tecniche infermieristiche cliniche

Universita degli studi di Pavia Corso di laurea in infermieristica Anno Accademico 2009/2010. Tecniche infermieristiche cliniche 11 Maggio 2010 Universita degli studi di Pavia Corso di laurea in infermieristica Anno Accademico 2009/2010 Tecniche infermieristiche cliniche Igiene e cura della persona DOCENTE: Giacomo Colzani OBIETTIVI

Dettagli

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI:

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI: ALLEGATO 1 Programma CORSO OSS 1000 ore Il programma analitico è suddiviso in moduli ed unità didattiche secondo le UC di riferimento; ore di aula complessive 450. Per i soggetti che intendono erogare

Dettagli