Stefano SEMENZATO, Centro innovazione sostenibilità ambientale L integrazione territoriale delle energie rinnovabili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stefano SEMENZATO, Centro innovazione sostenibilità ambientale L integrazione territoriale delle energie rinnovabili"

Transcript

1 Stefano SEMENZATO, Centro innovazione sostenibilità ambientale INTRODUZIONE DI GIORGIO CAVALLO La parola adesso a un vecchio amico, Stefano Semenzato che in questo momento lavora per il Centro per l innovazione dell alta tecnologia dell Emilia - Romagna, che farà riferimento all esperienza di un distretto territoriale dell Appennino bolognese che si è posto il problema delle energie rinnovabili. A Semenzato ho posto una domanda in particolare: quanto è importante l integrazione delle rinnovabili a livello di territorio, sia per valorizzare da un lato le biomasse, sia per valorizzare più compiutamente l autonomia energetica del territorio. A lui la risposta. Grazie, dell invito. Io percorrerò la gran parte dei temi che sono già stati esposti con un altro punto di vista ovvero dal tentativo che noi stiamo facendo nell Appennino bolognese di dar vita a un distretto delle energie rinnovabili per 26 Comuni della zona montana. Prima di tutto diciamo che cos è il Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale (CISA): è una società i cui soci sono la Provincia di Bologna, la Fondazione Carisbo che mette grossa parte dei fondi, e l Istituto Sviluppo Sostenibile. Questi soci hanno dato vita nel 2005 alla CISA che fa parte dei centri per l alta tecnologia della Regione Emilia - Romagna e attualmente gestisce l Accordo Quadro, fatto dalle Comunità montane della montagna bolognese, appunto per l introduzione e la sperimentazione delle energie rinnovabili. Diciamo che la missione che noi ci siamo dati è proprio quella di verificare la fattibilità della realizzazione di un distretto delle energie rinnovabili partendo da un presupposto fondante: la convinzione che nella fase di transizione dai combustibili fossili alle energie rinnovabili gli enti locali abbiano un ruolo decisivo, possono averlo e noi vorremmo che lo avessero. Questo ruolo però, è legato a una capacità di conoscenza dei processi locali e generali che spesso invece sfugge e che quindi rimanda poi al fatto che le scelte vengono determinate dai meccanismi di mercato, dall avvento delle imprese, delle multinazionali, come si dice in termini generali ma anche in termini specifici, perché ormai ci troviamo dentro ad una situazione in cui grossa parte delle multinazionali stanziano un tot di soldi per fare business sul terreno delle rinnovabili e poi sguinzagliano funzionari, da quello che io vedo spesso anche non particolarmente tecnici dal punto di vista reale, che vanno in giro e cercano qualsiasi soluzione. L ultima volta che sono venuti, hanno manifestato interesse per impianti sopra i 15 MW. Ci hanno dato l impulso per cercare le Comunità che sono disponibili ad accettare, quindi stimolando un percorso da questo punto di vista. 62

2 Produrre energia da biomasse: è sempre sostenibile? Udine, 16 maggio 2009 Siamo partiti dall idea che un distretto per l energia sostenibile non sia solo tecnologia, ma sia un percorso di aggregazione di soggetti di cui noi cerchiamo di essere l elemento di collegamento, nel tentativo di creare un soggetto dotato di una propria identità che si riconosce in questo progetto come soggetto collettivo. Ovviamente per questo abbiamo cercato di utilizzare e di valorizzare una serie di elementi specifici della zona che sono delle condizioni che abbiamo chiamato fisiche e socioculturali. Vi è quindi un problema decisivo perché noi abbiamo già avuto alcune esperienze nell Appennino, come in grossa parte dell Italia, attorno all eolico dove arrivano dei soggetti committenti che ti dicono che per 20 pale ti danno La cifra per un Comune di abitanti è anche considerevole, ma in realtà non ha un valore nemmeno dal punto di vista economico, perché il business dell eolico è così grande che uno dovrebbe almeno mettere in piedi il paese ex novo, cioè voglio dire che un comune può ottenere una quota molto più consistente. Gli aspetti fisici sono evidentemente quelli naturali delle zone della montagna e dell Appennino. La sedimentazione storica invece è un elemento su cui noi abbiamo lavorato molto perché quella è una zona di vecchi mulini, una zona di ferriere legate ancora all Isola d Elba che portava lì il materiale da lavorare. Poi è una zona dove sono nati tutta una serie di impianti di piccolo idroelettrico che poi la nazionalizzazione ha spazzato via, ma di cui si trovano ancora tracce materiali. Abbiamo inoltre considerato gli elementi di carattere culturale e quindi abbiamo cercato, connettendoci alla classica passione che in Emilia Romagna c è, che si chiami Ferrari, Ducati ecc., per le tecnologie spinte, da parte di appassionati di macchine e di motori, di inserirci in questo filone culturale di vecchie tradizioni e quindi di andare a collocare il progetto di distretto cercando di scavare anche sul sentito, sul vissuto delle persone tenendo fermi alcuni dei parametri essenziali su cui noi vogliamo lavorare. 63

3 Tali parametri sono i seguenti: L autonomia energetica, intesa non solo come concetto generale ma cercando di far capire a livello di borgata, ai singoli produttori, che l energia andrebbe prodotta e consumata a ciclo chiuso; Le emissioni zero di CO 2 : rendere consapevoli che si partecipa a una battaglia di carattere generale per il raggiungimento degli obiettivi di Kyoto e quindi si partecipa alle politiche sulle rinnovabili e sul risparmio energetico. Inoltre cercare di realizzare la gestione sostenibile dei boschi che significa vivere i boschi non soltanto come qualcosa che ti hanno lasciato i nonni e che sono lì in uno stato di abbandono, ma come un potenziale per catturare la CO 2 e quindi vederli in un altra ottica. Bisogna cominciare a vedere i boschi misurando quanta CO 2 c è in un albero e non semplicemente per quanta legna può produrre. Gli altri parametri ispiratori del distretto sono i concetti di generazione distribuita e quindi una struttura di reti intelligenti, l aggancio a internet, insomma l elemento dell innovazione tecnologica; e poi l impiantistica per la quale noi individuiamo nel sistema cogenerativo, per i motivi che sono stati detti, l elemento portante, perché garantisce il massimo dell efficienza dal punto di vista energetico. Ovviamente dire sistemi cogenerativi in zone di montagna significa dire impianti di piccola taglia, perché non esistono livelli di carattere diverso. Noi in questo quadro ci siamo proposti come supporto alle amministrazioni locali per fare progetti, per attivare la ristrutturazione energetica del patrimonio pubblico, le tecnologie nel campo delle biomasse e le specifiche filiere di utilizzo dei boschi. 64

4 Produrre energia da biomasse: è sempre sostenibile? Udine, 16 maggio 2009 Devo dire che questo tipo di impostazione oggi si coniuga anche con gli incentivi che arrivano dalla Regione, che ha adottato un metodo che noi avevamo anche suggerito proprio per poter fare delle proposte di distretto. La Regione, cioè, dice: voi fatemi dei piani energetici d area, per me l importante è che voi dimostriate di superare almeno le 500 tonnellate equivalenti di petrolio anno (tep/a), come risparmio o come nuova produzione energetica. A fronte di un progetto che può essere comunale, sovracomunale, di area, quindi di distretto, per quello che ci riguarda o di sub distretti, io Regione intervengo con l incentivo fino al 30% a fondo perduto con un massimale di due milioni di. Questo ci permette di articolare, appunto, un piano energetico su vari filoni, sia sui filoni del risparmio, sia sui filoni della produzione e quindi di lavorare all ottimizzazione, all integrazione delle varie fonti senza dovere invece puntare tutto su uno e quindi costringere un impianto a biomasse in un luogo dove ci starebbe bene magari una cogenerazione ad alto rendimento, oppure avere un altro filone che ci permetta di gestire i percorsi. Facciamo poi un attività molto collegata ai cittadini che abbiamo chiamato sportello energia, appunto per stimolare questo tipo di percorso con un risultato molto consistente. Noi abbiamo incominciato a gennaio e abbiamo già fatto più di 250 rapporti e colloqui, in alcuni casi facciamo dei sopralluoghi. Il territorio risponde, quello che noi registriamo è il grande divario tra una volontà anche generica, ma talvolta anche puntuale, e la mancanza di strumentazione tecnica, culturale, ingegneristica per arrivare a dei risultati. Ovviamente tutto questo favorisce un percorso sia di conoscenza e di acculturazione, sia di sviluppo e di raggiungimento degli obiettivi di distretto che ci siamo prefissi, e permette di essere dentro ai parametri di Kyoto e di post Kyoto, insomma di darci dei target. Da questo punto di vista stiamo peraltro come Enea approfondendo anche un sistema di contabilità delle emissioni a livello comunale proprio per permettere un lavoro costante di aggiornamento a partire dal 2005, diciamo anno zero, perché non riusciamo a recuperare i dati precedenti. Poi c è un modello in cui si inseriscono ogni anno i dati, si danno dei target per raggiungere degli obiettivi e per uscire dalla dimensione che spesso esiste a livello locale, dove si realizza un impianto fotovoltaico da 10 KW ma accanto, si autorizza l utilizzo delle macchine 65

5 magari anche in centro storico. Fare un intervento del genere annulla totalmente il vantaggio ambientale del primo. Quindi si tratta di costruire un sistema per avere una serie di meccanismi per guidare questo percorso e aiutare a dare strumenti alle comunità locali per capire i processi e potersi orientare da questo punto di vista. Tra gli strumenti che noi abbiamo adottato, ve n è uno di grosso successo: una fiera-expo che si chiama EcoAppennino, che abbiamo fatto nel 2007 e nel 2008, che ha raccolto un numero molto nutrito di convegni e di dimostrazioni al proprio interno, ma anche una grossa partecipazione di espositori. Si tratta di una fiera che non si muove nell ambito dei circuiti fieristici, è fatta nel cuore del paese di Porretta Terme dando all evento una configurazione tra la ricerca tecnologica, la festa di paese e la ricerca scientifica. EcoAppennino ospita 40, 50 eventi in tre giorni e quindi crea un meccanismo di richiamo e di attrattiva molto consistente, e questo lo consideriamo un perno essenziale della comunicazione, cioè del fatto che partecipare a una serie di eventi di questo tipo permette appunto una conoscenza ed è anche un elemento di identità delle comunità locali con dei percorsi di carattere e di intervento. L altro elemento che noi abbiamo considerato decisivo è stato quello di realizzare una serie di progetti pilota. Quest anno abbiamo cominciato a realizzare una serie di impianti di piccola taglia con tecnologie su cui spesso ci sono le voci più discordanti, per dimostrare la validità e l utilità di queste tecnologie. Il primo progetto è stato quello che simpaticamente chiamiamo l Ecobalera di Porretta Terme, un edificio ad autonomia energetica. Il gazebo fotovoltaico che vedete nella foto è integrato a un sistema di geotermia a bassa entalpia con otto sonde da 100 metri. 66

6 Produrre energia da biomasse: è sempre sostenibile? Udine, 16 maggio 2009 L abbiamo chiamato Eco-balera perché è la ristrutturazione di un vecchio dormitorio di ferrovieri, è un edificio piuttosto complesso dal punto di vista della termodinamica perché vi ballano di sera e vi giocano a carte di mattina. Per cui di sera c è un eccesso di calore e di mattina c è freddo, e quindi, con gli scambiatori di calore abbiamo recuperato anche il calore di quando ballano e lo conserviamo per la mattina dopo. Insomma abbiamo fatto un po di giochini di questo tipo, questo ovviamente perché non abbiamo potuto fare il riscaldamento a pavimento per non peggiorare le vene varicose degli ospiti del centro. C è stata una discussione molto complicata per arrivare alle soluzioni tecnologiche finali, però molto simpatica perché ha coinvolto la gente, a cui è stato chiesto: Quali sono le tue esigenze?, cosa ci devi fare?, come devi usare questa struttura?, ecc. Poi abbiamo fatto un piccolo impianto idroelettrico costruendo ex novo una ruota idraulica perché anche se non ha un rendimento altissimo si ricollegava alle ruote idrauliche dei mulini e quindi a una tradizione e siccome era fatto in una ferriera-museo abbiamo scelto questa tecnologia. Abbiamo fatto un piccolo micro eolico da 6 Kwatt per un agriturismo di una comunità montana per dimostrare che era possibile realizzare anche lì un autonomia energetica con una situazione molto limitata. Poi abbiamo incominciato a fare degli impianti a biomasse partendo da uno piccolo che è quello del Parco dei due laghi di Brasimone, dove c è invece l impianto dell Enea destinato originariamente al nucleare, e abbiamo incominciato a sviluppare queste piccole caldaie con piccole reti di teleriscaldamento soprattutto al servizio di un gruppo di edifici del parco. 67

7 Poi siamo andati in un gruppo di scuole a Castiglione dei Pepoli aumentando un po la potenza dell impianto. Infine siamo arrivati a quello che noi consideriamo l impianto dall equilibrio migliore che vorremmo in qualche modo proporre come modello: è un sistema di cogenerazione basato sulla tecnologia di un gassificatore più motore di stirling a combustione esterna, perché è quello che dà il minor impatto ambientale. Abbiamo importato una tecnologia danese elaborata dall università di Copenaghen. Questo sistema è per noi ottimale per quella taglia d impianto perché ha come sbocco una scuola, una palestra e un altro edificio pubblico e poi il resto del calore va nella piscina comunale riuscendo a renderla agibile per periodi di tempo più lunghi, perché si trova a 800 mlm e di norma vi si muore di freddo. Con lo sviluppo del sistema del Piano di Sviluppo Rurale noi arriveremo ad avere in questo ambito di distretto entro il , fra i 12 e i 15 impianti a biomasse di questa taglia legati ai singoli comuni. Noi abbiamo poi la fortuna di lavorare in abbinamento con un Consorzio di servizi ambientali che gestisce una discarica e la raccolta rifiuti e che adesso ha aperto un settore energia. Essendo quindi una struttura di consorzio di comuni permette anche uno sviluppo di rapporti con i comuni in forma interessante. 68

8 Produrre energia da biomasse: è sempre sostenibile? Udine, 16 maggio 2009 Ovviamente accanto a questo abbiamo calcolato quanta biomassa è disponibile, tenendo presente che possiamo lavorare solo sugli accrescimenti del bosco. Abbiamo il problema dell abbandono dei boschi, e della frammentazione proprietaria, che è quella che poi fa variare la biomassa potenzialmente disponibile, che è moltissima, da quella effettivamente utilizzabile. Abbiamo anche un altro problema, parliamo di boschi quasi tutti nati da forestazione nella prima metà del 900, quindi sono boschi coetanei che stanno arrivando ormai a maturazione e, appunto nel dibattito che si è aperto, cerchiamo di spiegare e anche di studiare come sia necessario un intervento anche massiccio che poi ti dà materiale, perché altrimenti i boschi entrano in una funzione di necrosi e invece di assorbire CO 2 finiscono per renderla. Quindi la messa a punto di tutti questi elementi è un percorso che noi cerchiamo sempre di fare assieme alle comunità. Calcolate che abbiamo fatto in tre anni più di 200 iniziative pubbliche con le pro loco, con gruppi di abitanti, ecc. proprio nel tentativo di verificare se questa forma di rapporto diretto con le popolazione permette poi anche dei risultati. Ovviamente, come appunto dicevo prima, il sistema dello stirling è il sistema che noi riteniamo migliore perché l impianto è di piccola dimensione, e quindi può essere fatto nella borgata dove non arriva il metano e magari c è il bombolone del GPL; usa la materia prima locale e quindi crea dei circuiti di filiera molto corta e si lega all agricoltura locale; recupera un po di occupazione di crinale e quindi si mette in sintonia con questo. Dal punto di vista tecnologico è un sistema che noi riteniamo a più alta efficienza perché arriviamo all 84% come sistema complessivo, inoltre, mentre in genere la gassificazione produce moltissimi catrami generando problemi di smaltimento di scorie piuttosto consistenti, noi invece abbiamo soltanto delle ceneri in forma abbastanza limitata. 69

9 Essendo quella una zona con una certa presenza industriale per motivi storici, il tentativo che stiamo facendo è quello di legare poi il problema delle biomasse ad altre tecnologie. Con il gruppo Enea di Roma della Casaccia (quella che nasce dal progetto Rubbia), stiamo cercando di progettare poi - non so se lo realizzeremo dati i costi-, un sistema che fa biomasse e solare termodinamico a concentrazione. L Enea finora ha lavorato su un modulo che è 1-1,5 MW termici, quindi una dimensione che sarebbe ottimale per le zone in cui c è il sole. Ovviamente il progetto è sperimentale e quindi anche di difficile realizzazione, però potrebbe essere un progetto interessante perché l accumulo a sali fusi che l Enea ha brevettato permette di accumulare energia in un grosso serbatoio di sali a 550 gradi, che poi sono trasformabili in energia elettrica o anche in energia termica in qualsiasi momento, e quindi risolve il problema delle energie rinnovabili che dipendono dal vento, dal sole, ecc.. L accumulo integrato con le biomasse permette di dare una continuità di produzione e quindi di diventare competitivi con quelli che sono gli impianti idroelettrici dal punto di vista della continuità del servizio. Inoltre noi facciamo tutto questo perché è un modo per spingere l industria locale dell Emilia Romagna verso le tecnologie più avanzate e a mettersi in sintonia con i grandi processi di innovazione tecnologica. 70

10 Produrre energia da biomasse: è sempre sostenibile? Udine, 16 maggio 2009 Agli imprenditori presentiamo sempre il progetto Desertec, cioè l immagine di come saranno le energie rinnovabili nei prossimi 40 anni che prevede un esplosione del sistema solare e del termodinamico perché tutti gli altri sistemi, tranne un po l eolico, vengono considerati di transizione, ma alla fine la tecnologia che è destinata ad essere il supporto della nuova fase energetica sarà la tecnologia che ha un rendimento solare molto alto con prezzi di tecnologie competitive. Quindi da questo punto di vista si possono raggiungere equilibri tra le varie fonti rinnovabili, biomasse, eolico, ecc., però in situazioni di questo tipo noi dobbiamo attrezzarci a fare il salto di qualità. Questo è l elemento per cui io credo, e chiudo con questo, che nella fase di transizione per uscire dall energia fossile l elemento essenziale è guidare i processi, è capire che entrano in campo molti soggetti. E molto difficile riuscire a fare un quadro di direzione univoco, e d altra parte la Comunità europea che era partita con le misure comando, controllo, regole, ecc, poi è passata agli accordi volontari, e adesso passa alle grandi direttive, che poi devono essere articolate sul territorio, ma che evidentemente scontano da una parte i processi imprenditoriali di chi cerca di utilizzare i buchi di ogni normativa per fare business di vario tipo, dall altra i processi tecnologici che sono molto veloci e che possono spingere, come hanno spinto quelli che fanno eolico, ad avere margini di guadagno enormi e spropositati rispetto a quello che dovrebbe essere un incentivo che ti permette di accedere al mercato. Su questi elementi la questione è complicata. Contemporaneamente io credo che si debba lavorare su scale diverse, sia piccoli che grandi impianti, con la logica secondo cui per i piccoli impianti ci debba essere la liberalizzazione, direi, mentre sui grandi la regolamentazione. Noi dovremmo riuscire ad attrezzarci in una situazione che riesca a definire appunto taglie e parametri, perché noi tuttora viviamo situazioni in cui, anche in Emilia Romagna, può accadere 71

11 di entrare nell ufficio di chi autorizza l idroelettrico, avevamo a questo proposito un impianto di 25 KW, e trovare sullo stesso tavolo anche una variante di Valico da valutare con gli stessi tipi di procedure. Siamo di fronte a situazioni assurde e anomale, con il rischio che alla fine invece si decida di liberalizzare tutto, o di bloccare tutto, secondo meccanismi perversi. Avendo sempre degli obiettivi, uno dovrebbe dire io per i piccoli impianti mi prefiggo di arrivare a tot di risultato, per i grandi a quest altro, sapendo che in questo modo è possibile dirigere i processi. Chiudo solo per riprendere un vecchio slogan di Legambiente locale globale perché appunto il taglio che noi abbiamo cercato di dare a questo progetto del distretto sostenibile è stato quello di lavorare molto sulla dimensione locale, però sempre ricordando e spiegando che in questo modo tu fai parte di un grande processo mondiale in cui tre mesi fa è entrato anche Obama, prima c era l Europa, e questo ha degli effetti molto significativi. Noi abbiamo visto che sulle scie di Ecoappennino adesso in alcune fiere di paese gli installatori e alcune piccole imprese locali organizzano il padiglione delle energie rinnovabili, proprio perché parlando con loro ti accorgi che hanno ritrovato un senso sociale del lavoro, cioè ti dicono io prima montavo caldaie, adesso sono uno dei protagonisti della lotta all effetto serra, e questo dal punto di vista dell identità e anche del proprio lavoro è un valore aggiunto che alcune volte ha un suo significato pregnante che noi cerchiamo di valorizzare e che credo sia un elemento importante del processo per una società con le energie rinnovabili. Grazie. CONCLUSIONE DI GIORGIO CAVALLO Bene, grazie a Stefano per questo allargamento di prospettiva che ci ha dato, e che credo sia importante per inquadrare anche l importanza del lavoro che si sta facendo sul tema delle bioenergie. 72

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Libro bianco per una strategia e un piano di azione della Comunità INDICE 1 Premessa p.4 1.1

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M COMUNE DI PICCOLI GESTI PER UN MONDO MIGLIORE La Città di Udine aderisce, con altri 14 enti pubblici europei, al progetto Cyber Display. Lo scopo è aumentare e migliorare la conoscenza nell uso delle risorse

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Corso di Fisica Tecnica Ambientale - Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Architettura-energia-ambiente: introduzione

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli