AMY. Australia, 1997 di Nadia Tass. PERCORSO Cinema e musica Relazione adulti/ragazzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AMY. Australia, 1997 di Nadia Tass. PERCORSO Cinema e musica Relazione adulti/ragazzi"

Transcript

1 PERCORSO Cinema e musica Relazione adulti/ragazzi Australia, 1997 di Nadia Tass ETÀ CONSIGLIATA: DAI 12 ANNI Produttore: Nadia Tass, David Parker Produzione: Cascade Films Sceneggiatura: David Parker Montaggio: Bill Murphy Scenografia: Jon Dowding Fotografia: David Parker Costumi: Cristina Plitzco Musica: Phillip Judd Trucco:Amanda Rowbottom Suono: Dean Gawen Interpreti:Alana De Roma (Amy), Rachel Griffiths(Tanya), Ben Mendelsohn (Robert), Nick Barker (Will Enker), Kerry Armstrong (Sarah Trendle), Jeremy Trigatti (Zac Trendle), William Zappa (Bill Trendle) Durata: 103 min. Distribuzione: Giffoni/Arcofilm

2 A CURA DI MARIOLINA GAMBA SINOPSI I titoli di testa del film scorrono sulle immagini di un concerto. Grande affluenza, fans entusiasti. A tali inquadrature si alternano scene familiari, che ritraggono la rock star protagonista del concerto, Will Enker, in atteggiamenti affettuosi nei confronti della moglie e della figlia, la piccola Amy. Circa quattro anni dopo vediamo Amy e la mamma con un medico che, con riferimento ai sintomi manifestati dalla bambina (è sempre malaticcia, non parla e sembra non sentire), e all atteggiamento depresso di Tanya (la madre) fa capire che le due donne hanno subito in passato un forte shock. Ritroviamo Amy che corre sui prati come aveva fatto spesso con papà. Questa volta è sola o, meglio, accompagnata da uno stormo di uccelli che si librano in volo. Siamo nei pressi della sua abitazione, una casa in campagna.vengono a cercarla due assistenti sociali.vogliono sapere dalla mamma perché la piccola non va a scuola; propongono di affidarla a un istituto specializzato. Ma Tanya reagisce male, dicendo che la figlia è sua, quindi ha il diritto di decidere quello che ritiene più opportuno. I due funzionari però non vogliono sentir ragioni; alzano la voce minacciando di far intervenire la polizia. Nel frattempo Amy gioca con dei piccioni.arriva il nonno a bordo di un auto;tanya dice al padre che ha cambiato progetti (si capisce che ha intenzione di trasferirsi). Infatti parte con la figlia. Mentre stanno aspettando un autobus riprendono i ricordi. Il flash back ci riporta alla sera del concerto.amy parla ai genitori e poi va in braccio a papà.will comincia a cantare e con lui canta anche la bambina. Il concerto è ormai in corso e Amy dice che il papà sta cantando per lei. La mamma e Amy salgono sull autobus per recarsi in città. Nel frattempo i due assistenti sociali parlano col nonno, raccomandandogli di convincere la figlia a contattarli, perché la bambina ha bisogno di aiuto. Amy e la mamma si stabiliscono nella periferia di Melbourne. Fanno conoscenza con alcuni vicini di casa, molti dei quali hanno problemi relazionali. È il caso ad esempio di Robert un musicista che suona la chitarra e della sorella con cui vive, molto nervosa, che non sopporta che il ragazzo suoni. È il caso della famiglia di Zac, un ragazzetto simpatico e affabile, che vive con una madre affettuosa, ma un padre alcolista. E, ancora, di una vecchia signora, istintivamente intrigante e antipatica. In un primo tempo Amy sembra non reagire ad alcuna sollecitazione. Passa gran parte del tempo seduta per terra accanto a un tappeto, oscillando avanti e indietro, in atteggiamento autistico. Sembra ossessionata da un rumore stridente che la terrorizza. Però è attratta dal suono della chitarra di Robert. Tanya va a chiedere spiegazioni ai collaboratori del marito circa i redditi della casa discografica.viene a sapere che non ci sono soldi, ma debiti.tornando a casa incontra Zac e lo invita a guardare un programma televisivo con Amy; lo trattiene anche a mangiare qualcosa e, quando va a casa del ragazzo per lasciare un biglietto ai genitori, incontra il padre ubriaco che tenta di abbracciarla. Amy continua a interessarsi alla musica suonata da Robert.Viene accompagnata dal medico per fare l ennesimo controllo e questi conferma che non ci sono spiegazioni oggettive per il suo handicap. La motivazione è psicologica.tanya è comunque molto preoccupata, perché fino a quel momento nessuno specialista è riuscito ad aiutarle. ARRIVANO I FILM

3 Durante un altra assenza della madre la bambina, attratta come sempre dal suono della chitarra di Robert, si avvicina al ragazzo, rifugiandosi nel giardinetto davanti alla sua casa. Proprio in quel momento si fanno nuovamente vivi gli assistenti sociali. Robert, interpellato dai due, li tratta male. Poi riprende a suonare e scopre con sorpresa che per ben due volte Amy canta con lui una breve nota. Cerca di comunicare tale scoperta a Tanya, ma questa gli sbatte la porta in faccia. Subito dopo però cerca di verificare se il ragazzo ha detto il vero rivolgendosi alla figlia cantando. Però Amy non risponde e la mamma pensa che Robert l abbia ingannata. Tanya va a un colloquio con gli specialisti che vorrebbero che la bambina frequentasse la scuola per sordomuti. E, fortunatamente, incontra uno psicologo che si schiera dalla sua parte. Qualche giorno dopo Robert va a trovare Amy, le parla in musica e, dopo alcuni tentativi andati a vuoto, riesce a farsi ascoltare e a farsi rispondere: prima con un cenno della testa, poi attraverso scritte su una lavagnetta, infine in musica. Assicurandola che sarebbero tornati per l ora di rientro della mamma, il ragazzo conduce Amy nel parco. La bambina si trasforma: cammina in maniera sciolta, corre, sorride. Ma, al ritorno, oltre a Tanya, trovano ad attenderli la polizia. Il ragazzo rischia di essere incriminato, ma Amy lo salva. A seguito del divieto di uscire la bambina sembra regredire un po. Però una sera canta di nuovo, questa volta da sola, seguendo una canzone registrata, probabilmente di papà. La mamma la sente e le si siede accanto. Quando Robert torna alla carica per convincere Tanya che la figlia può cantare, la donna lo abbraccia dicendogli che l ha sentita anche lei. Mentre Tanya è al bar con Robert, arrivano alcuni collaboratori di suo marito con giornalisti e fotoreporter.vorrebbero che la donna festeggiasse con loro. Presa di mira dai flash di un fotografo, Tanya rivive angosciosamente la sequenza dell incidente al marito, morto sul palco, colpito da un fulmine nel corso di un fortissimo temporale. Ne è sconvolta e piange a dirotto. Il fotografo, per fare uno scoop, continua a fotografarla. La salva Robert, che la riconduce a casa. Amy preleva da un cofanetto alcune foto di papà, sembra riuscire progressivamente a elaborare il dramma cui a sua volta ha assistito (la morte del padre). Mentre la mamma è di nuovo fuori, Zac comincia a cantare davanti alla casa della bambina, accompagnandosi con la batteria, e Amy si unisce a lui, mostrando notevoli doti canore. Per la strada con la mamma, rischia di perdersi perché si ferma ad ascoltare un piccolo complesso; è chiaro che la musica la attrae particolarmente. La bambina viene accompagnata ancora una volta dal medico; questi, a seguito delle spiegazioni della mamma, le si rivolge cantando, ma non riesce a entrare in sintonia con lei. Maggior successo ha invece lo psicologo che aveva mostrato interesse per il suo caso quando la mamma era stata convocata perché facesse frequentare a Amy la scuola per sordomuti. Lo specialista prende in cura la piccola e, partendo da test proiettivi sempre cantando la fa parlare di sè e dei suoi problemi. I progressi di Amy però non sono molti. La mamma è scoraggiata. Fra l altro le foto che le ha scattato il fotoreporter vengono pubblicate e inducono gli assistenti sociali a tornare alla carica per sottrarle la bambina. Ma le due donne riescono a fuggire. Una sera, mentre Tanya e Robert si trovano in un locale dove si canta e si balla musica spa-

4 gnola, la bambina ha una nuova brutta avventura. Sta trascorrendo la serata in casa di Zac, con lui e la sua mamma, quando torna il padre del ragazzo, ubriaco, il quale si scaglia violentemente sulla moglie.amy, spaventata, fugge nella strada; l uomo la rincorre. A questo punto, con un crescendo di emozione indotto da un efficace uso del montaggio parallelo, vengono alternate immagini girate all interno del locale in cui si trovano Tanya e Robert ad altre che ritraggono l errare di Amy nelle strade buie: rincorsa dal padre di Zac, catturata da due giovinastri che avevano prima aggredito l ubriaco, infine ritrovata dalla polizia che la interna in un istituto. Sconvolta per quanto accaduto, Tanya rintraccia lo psicologo che ha in cura la bambina e vanno a riprenderla. Ma Amy è fuggita e vaga sola per la città. Nei sotterranei della metropolitana vede una persona che chiede l elemosina suonando un violino e la imita cantando. Si impegnano a cercarla tutti: la mamma, i vicini di casa e la polizia. Lo psicologo suggerisce di recarsi al parco. La bambina infatti è lì e, dopo aver sostato su una panchina, viene attratta da un concerto. Qualcuno la prende in braccio perché possa vedere meglio e Amy, sovrapponendo quanto osserva ai ricordi della sera in cui è morto papà infatti stanno i cantando una delle canzoni del suo repertorio -, comincia a gridare e a piangere. Fortunatamente, proprio in quel momento arrivano la mamma e lo psicologo, che la prendono e la conducono fuori. Qui Amy, aiutata dallo specialista, rivive la scena in cui è morto papà: prima dal suo punto di vista (è convinta che il padre sia caduto e morto per causa sua) e poi nel modo in cui sono andate realmente le cose (mentre il padre cantava sotto un pioggia torrenziale, lei lo osservava accanto alla mamma, che aveva continuato a trattenerla anche dopo che il padre, colpito dal fulmine, si era accasciato al suolo). In questo modo Amy, accetta finalmente la realtà, liberandosi anche dal senso di colpa che aveva dentro da anni, e guarisce completamente. Le ultime inquadrature del film ci mostrano la bambina, in macchina riconciliata con se stessa e con il mondo appoggiarsi serena al grembo della mamma. Anche Tanya è finalmente tranquilla. Dal finestrino riscopre la città in cui vive e gradualmente riprende a sorridere. A un certo punto vediamo un flash in cui Will, in lontananza, sorride a sua volta e saluta. Poco dopo, alzando gli occhi verso la mamma, sorride anche Amy. L auto arriva a casa, dove tutti i vicini stanno aspettando con la polizia per festeggiare il ritrovamento e la guarigione della bambina. Amy è sempre in braccio a Tanya: sorridono ancora tutte e due, mentre ascoltiamo in sottofondo una delle canzoni di Will (che la bambina aveva cantato nel film sia con papà che con Zac). D ora in poi il loro futuro sarà più roseo. ANALISI DELLA STRUTTURA Nadia Tass, la regista del film è macedone. Giunta in Australia nel 1960 dopo aver compiuto gli studi d arte e di psicologia, ha lavorato per anni come attrice e come regista teatrale a Melbourne. Successivamente ha perfezionato la propria preparazione a New York, frequentando fra l altro i corsi dell Actor Studio, nonché mettendo a punto la propria sensibilità e versatilità di regista anche cinematografica e televisiva. «La mia ambizione ha avuto occa- ARRIVANO I FILM

5 sione di dire parlando di questo film è intrattenere il mio pubblico in modo assoluto, farli morire dal ridere o farli piangere disperatamente. Io vedo la vita come una serie di eventi che conducono lo spirito umano su montagne russe di dicotomie, allo stesso modo il pubblico di Amy viene trasportato su montagne russe di humor e pathos». E in effetti il film riesce a coinvolgere anche lo spettatore preadolescente ha ottenuto il Grifone d Oro nella sezione Liberi di Volare al Giffoni Film Festival 99 proprio perché alterna momenti di intenso spessore drammatico ad altri caratterizzati invece da simpatia e umorismo. Tra gli episodi drammatici ricordiamo ad esempio quelli che ricostruiscono a flash sempre più lunghi la drammatica sequenza del concerto in cui è morto il padre della bambina, quelli che sottolineano il grande affetto che legava Amy e Tanya alla rock-star, quello della fuga della bambina nella notte rincorsa dal padre di Zac ubriaco e catturata dai due malviventi che avevano derubato l uomo. Ancora, quelli della ricerca affannosa di Amy da parte di tutti; infine quello del drammatico ritorno da parte della bambina sui luoghi della memoria il concerto al parco che le permetterà di rivivere la scena dell incidente al padre e di recuperare la possibilità di rapportarsi agli altri anche con le parole. Invece, tra i momenti carichi di humor citiamo alcuni battibecchi fra i vicini di casa (Robert e sua sorella, le risposte taglienti della vecchia bisbetica), alcune inquadrature sui due assistenti sociali (ad esempio l abbraccio forzato quando cercano di entrare nella casa delle due donne durante la loro assenza, Tanya che li minaccia con una forca durante la loro prima visita, Robert che li apostrofa da lontano quando chiedono spiegazioni sulla famiglia della bambina), alcune scene in cui rivolgendosi ad Amy si sforzano di parlarle in musica i poliziotti e lo psichiatra che canta l inno nazionale inglese sdraiato sul lettino normalmente usato per curare i pazienti nel corso delle sedute di analisi. Ma, tornando al film, possiamo individuare nel suo sviluppo narrativo una struttura elicoidale che, partendo dalla serata della disgrazia (la morte della rock-star che motiva l handicap di Amy, nonché la sofferenza sua e della madre), si snoda attraverso i diversi episodi a raccontare, con sequenze più o meno lunghe e importanti, il dramma personale e relazionale delle due donne, i tentativi di recuperare l equilibrio emotivo, le delusioni, le conquiste, le regressioni, fino alla felice conclusione della vicenda, che vede premiata la fede e la costanza di chi ha creduto nella possibilità che lo shock subito potesse essere superato e che in proposito si era impegnato in prima persona (la madre, Robert, lo psicologo). Dal punto di vista psicologico la guarigione di Amy segue un classico percorso catarchico. La bambina infatti supera il conflitto che l ha fatta precipitare nel baratro dell handicap (fortemente turbata da quanto ha visto, con una parte di sè lo

6 rifiuta, e con l altra si sente responsabile, addirittura colpevole), rivivendolo intensamente sul piano emotivo, guidata però dallo psicologo a comprendere la propria estraneità a quanto accaduto. Ha assistito alla morte del padre dal fondo del palco, trattenuta per tutto il tempo dalla mamma, non ne è stata la causa come fino a quel momento aveva creduto. Con Amy guarisce anche la mamma, chiusa per anni in un dolore profondo, che non aveva mai elaborato fino in fondo perché, oltre a non essere riuscita a cicatrizzare la propria ferita, aveva condiviso per anni l angoscia della figlia, e soprattutto aveva vissuto quotidianamente lo scacco di non essere in grado di aiutare Amy a superare lo shock subito.anche la guarigione di Tanya segue un percorso di tipo catarchico. In tale itinerario, oltre ai flash che ricordano il concerto in cui è morto il marito che più spesso si inseriscono su primi piani della donna che collega quando le sta accadendo con l evento drammatico che ha cambiato la sua esistenza e quella della figlia -, molto importante è la sequenza della crisi di pianto legata alle foto davanti al bar, in cui la serata della morte di Will viene rivissuta nella drammaticità dei fatti e dei gesti fino al tragico epilogo, con una partecipazione emotiva totale. L episodio è particolarmente curato anche sul piano espressivo. Infatti le scelte operate dalla regista per quanto concerne la tipologia delle inquadrature, il frenetico montaggio, il taglio delle luci, l accostamento dei colori (a cominciare da quello dell abito di Tanya, rosso fuoco) -, gli stacchi musicali, ma anche i rumori (ricordiamo in proposito il sibilo metallico su cui partono i ricordi, collegabile a quello avvertito più volte da Amy quando è inginocchiata vicino al tappeto, nonché ai suoni sinistri del temporale e del fulmine) creano un atmosfera toccante, che provoca coinvolgimento e condivisione. Il registro espressivo è simile a quello adottato nella sequenza già ricordata in cui invece è Amy a raggiungere il traguardo del proprio percorso catarchico attraverso la rivisitazione della serata della morte del padre.anche qui infatti il film colpisce e coinvolge in modo particolare. Del resto la capacità della regista di esprimere gli stati d animo dei personaggi attraverso l uso efficace dei codici del linguaggio filmico è evidente anche in altri momenti del film. Citiamo in proposito la sequenza della passeggiata di Robert e Amy nel parco la prima volta in cui la bambina si relaziona davvero con qualcuno che non sia la madre. Riprese di ampio respiro (campi lunghi, angolazioni dall alto in cui la natura sembra prendere parte alla riscoperta del mondo da parte della piccola), dissolvenze che ritraggono Amy sempre più libera e autonoma negli atteggiamenti e nei gesti (si avvicina alle cose, agli animali i piccioni alle persone; corre, esplora, saltella, sorride), ambientazione luminosa ma naturale, musica di accompagnamento molto espressiva ed efficace, a sottolineare la singolare importanza di quel momento sia nella vicenda del film che nella storia interiore della bambina. Si potrebbero aggiungere molte altre considerazioni sul caso di Amy e su come è stato presentato nel film, ma le lasciamo a eventuali analisi specialistiche. Ci sembra infatti che, per una presentazione dell opera in ambito scolastico, per quanto concerne la bambina e sua madre possa bastare quanto detto. Qualche osservazione potremmo aggiungere sui personaggi che accompagnano le due donne. In particolare su Robert, elemento catalizzatore della guarigione di Amy, ma anche di Tanya. È un ragazzo semplice, ma sensibile, probabilmente affinato nel sentire e nella spinta verso gli altri dalla consuetudine quotidiana con ARRIVANO I FILM

7 la musica. Ed è proprio la musica che fa scattare il reciproco interesse fra lui è la bambina. In questo disegno più grande di lui Robert si muove con scelte e gesti dettati dall intuito, quasi facesse di volta in volta una scommessa con se stesso. Ma il suo animo e il suo carattere sono buoni, improntati ad attenzione, accoglienza, relazione positiva con le persone e il mondo. A Robert possiamo collegare, perché in fondo incarnano gli stessi valori, Zac e sua madre. Gli altri personaggi sono elementi di cornice con cui confrontarsi o contrapporsi. Sono infatti superficiali, poco sensibili e disponibili.tranne nella sequenza finale in cui la partecipazione alla ricerca di Amy sembra corale, più che dare contributi, creano intoppi. Un ruolo particolare hanno nel film i poliziotti, ruolo che comunque, pur caratterizzato da disponibilità e collaborazione, non convince sia nelle relazioni interpersonali che nello spiegamento di forze finale. Tra i personaggi sullo sfondo va ricordato indubbiamente Will, la rock star vittima dell incidente mortale. Di lui è bene considerare non tanto le doti di cantante, ma gli atteggiamenti e i gesti che rivelano il profondo legame che ha con la moglie e la bambina. Si spiegano così più chiaramente le conseguenze devastanti della sua morte: quel tipo di morte, così atroce, ma per certi versi prevedibile ed evitabile, se sulla razionalità non avesse preso il sopravvento la volontà di sfruttare il momento, di non deludere i fans, di giocarsi le carte (la vita) fino all esasperazione. Per concludere possiamo aggiungere che, pur non essendo un capolavoro, il film è indubbiamente interessante, costruito con attenzione, arricchito da scelte espressive di buon livello. Si presta a riflessioni di ampio respiro, attuali e riferibili anche ad altri contesti rispetto a quello proposto. Per questo programmarlo e discuterlo con i propri alunni può essere opportuno e positivo. Anche perché, come già detto, ha tutti i connotati per colpire e coinvolgere sia un pubblico adulto che spettatori preadolescenti. ITINERARI DIDATTICI Ripercorrere il film dalla prima all ultima scena sottolineando i momenti cardine del cambiamento prima in negativo e poi in positivo di Amy, cercando di ipotizzare la motivazione del suo modo di essere e di relazionarsi agli altri prima della morte del padre, dopo (fino a quando entra in sintonia con Robert), dalla passeggiata al parco alla fuga notturna, durante la sequenza della catarsi finale. Ricordare, ed eventualmente rappresentare mediante tavole grafico-pittoriche, i momenti chiave che innescano l involuzione e poi l evoluzione della bambina, soffermandosi a descrivere e a interpretare anche le scelte tecnico-linguistiche adottare dalla regista per sottolineare quei momenti (taglio delle inquadrature su particolari espressioni del volto, atteggiamenti del corpo, comportamenti; ma anche su elementi o scorci naturali, oppure su ambienti frastornanti come il retropalco durante il concerto, la roulotte, l immensa platea; e ancora luci, bagliori e colori; musica; ritmo creato dal montaggio). Riconsiderare la vicenda del film seguendo invece il personaggio della mamma: la sua chiusura in se stessa, le difficoltà nelle relazioni con la figlia, al di là del fatto che se ne occupa materialmente e le dimostra affetto in diversi momenti e modi (in proposito, alla fine del film, confessa in auto allo psicologo di non esser mai riuscita a parlare con Amy

8 di quanto accaduto a Will quella sera... ), la durezza di alcune espressioni del viso e di alcuni comportamenti (che rivelano paura di lasciarsi andare), il continuo riandare ai ricordi di quella sera ; quasi fosse per lei un ossessione, ma anche la spinta ad andare avanti nonostante tutto, ma solo in modo automatico, non consapevole. Soffermarsi in particolare sui flash back che ripropongono progressivamente la ricostruzione della serata in cui è morto il marito, con particolare riferimento a quello più lungo e drammatico nel momento in cui il fotoreporter le scatta le foto davanti al bar in cui si è recata la prima volta con Robert. Analizzare il personaggio di Robert le sue caratteristiche fisiche, i suoi interessi, le relazioni con chi incontra, il rapporto con la musica, con Amy e con sua madre nei diversi momenti del film, dal suo primo apparire (il battibecco con la sorella prima ancora che Amy e la mamma si stabiliscano nella casa accanto) fino alla sequenza della catarsi di Amy, il percorso finale in macchina, il festeggiamento con i vicini davanti a casa (anche per lui c è un percorso di recupero e riconciliazione con sé, con gli altri e con le possibili scelte di impegno lavorativo e/o sociale). Analizzare gli altri personaggi: Zac e la sua famiglia, la vecchia bisbetica, gli altri vicini, la sorella di Robert, gli assistenti sociali, i medici che tentano di curare la bambina, lo psicologo che riesce ad aiutarla. Ognuno, chi più e chi meno, viene coinvolto dal dramma di Amy e Tanya; e ne esce in qualche modo cambiato. Considerare a questo punto i flash che ritraggono il personaggio di Will, il padre assente/presente, nelle prestazioni di cantante (la voce, il carisma che attrae e coinvolge i fans: lo soffocano nei trasferimenti, salgono sul palco durante gli spettacoli, si esaltano mentre canta... ), ma soprattutto le inquadrature che rivelano l autenticità e la profondità dei suoi rapporti con Tanya e con Amy. Riflettere sulle tematiche proposte dal film, universalizzandole, cioè trasferendole ad altri contesti, più o meno vicini a quelli dei ragazzi impegnati nell analisi del film. Soffermarsi ancora una volta sulle scelte espressive operate dalla regista nel presentare la vicenda (nei momenti più importanti), nel connotare i personaggi (in particolare Amy, Tanya, Will, Robert, Zac e lo psicologo), nel far emergere le componenti drammatiche, i temi e i problemi presenti nel film. Chiedersi in che misura contribuiscano ad accrescerne l efficacia comunicativa. Concludere con una valutazione globale e specifica sui contenuti del film e sulle sue qualità espressive, sia visive che sonore. APPROFONDIMENTI 1. Handicap fisici e psichici Disagi, difficoltà, problemi. Possibilità di integrazione e di recupero. Ricerche e riflessioni con eventuali riferimenti a esperienze vissute in prima persona. 2. Rapporti familiari e generazionali Attenzioni, disagi, difficoltà, sofferenze, ma anche esperienze positive: aiuto nella crescita, ricchezza del confronto, acquisizione di maggiore consapevolezza, sensibilità, maturità... ARRIVANO I FILM

9 Confrontare sempre le proprie affermazioni e scoperte con il contesto personale o comunque vicino al proprio ambiente e ai propri valori di riferimento. 3. Il mondo della musica, gli spettacoli, i cantanti e le loro prestazioni, gli entusiasmi dei fans, la privacy dei divi Fino a che punto è giusto rischiare per non deludere le aspettative del pubblico. Agli spettacoli: manifestazioni di entusiasmo ed esaltazioni patologiche. La costruzione dell immagine, gli interessi economici, i rapporti duri e difficili all interno dei gruppi, le relazioni opportunistiche con la stampa e i fotoreporter. Lo sfruttamento anche delle tragedie e del dolore ai fini commerciali e pubblicitari.

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Premessa. Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Il percorso didattico realizzato è parte integrante di un progetto interculturale, Girotondo intorno al mondo, la cui tematica

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare Sfogliando Gustavo Pietropolli Charmet Adolescenza come seconda nascita (1) L adolescenza è considerata dagli psicologi una seconda nascita. Alla prima nascita quella biologica, fa seguito una seconda

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio!

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio! Piermario Lucchini L importante è che sia... sveglio! Libri Este 2009 Edizioni E.S.T.E. S.r.l Via A. Vassallo, 31 20125 Milano www.este.it info@este.it Prima edizione: novembre 2009 Copertina di Laura

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

DOMANDE SULL AUTISMO

DOMANDE SULL AUTISMO DOMANDE SULL AUTISMO Romeo Lucioni Tutte queste domande meriterebbero una ricerca ad hoc e, quindi, risulta impossibile rispondere ampiamente a tutte. Cercherò di essere conciso e preciso, lasciando ad

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli