Chiesa informa. 2Giugno Chiesa. XXX convegno pastorale diocesano Giovani finestre di dialogo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chiesa informa. 2Giugno 2014. Chiesa. XXX convegno pastorale diocesano Giovani finestre di dialogo"

Transcript

1

2 Chiesa informa 2 XXX convegno pastorale diocesano Giovani finestre di dialogo 50 anniversario ordinazione sacerdotale mons. Andrea Mugione Antiquitatis Flosculi Miscellanea di studi pag. 3-5 pag. 6-7 In prima linea per gli immigrati La missione della Chiesa locale pag. 8-9 Grafica e Impaginazione Chiesa Supplemento a Informa Periodico di impegno religioso-socio-culturale Ufficio Comunicazioni Sociali - Benevento Direzione e Redazione: Piazza Orsini, 33 (Bn) Tel Fax UFFICIO FOTOGRAFICO: VINCENZO ROMANO Stampa pag. 14 Via Provinciale - San Leucio del Sannio (Bn) - Zona Ind.le 18/A Morcone (Bn)

3 Chiesa informa 3 XXX convegno pastorale GIOVANI FINESTRE DI DIALOGO Considerato che il tema generale scelto dalla diocesi per il quinquennio 2012/2016 è La parrocchia crocevia delle istanze educative, la tappa dell anno pastorale 2014/15 intende porre al centro dell attenzione il rapporto tra la PARROC- CHIA e il MONDO GIOVANILE, dopo aver già elaborato, negli gli anni trascorsi, le tematiche Parrocchia e Catechesi nel 2012/13, e Parrocchia e Famiglia nell anno Il Convegno Pastorale Diocesano dal titolo: «Giovani finestre di dialogo (Dalla sfida alla proposta)» vuole rivolgere un attenzione specifica alla realtà giovanile, invitando i partecipanti a riflettere su come le comunità parrocchiali possano e debbano mettersi in ascolto dei giovani e, conseguentemente, pianificare un azione pastorale che sia rispondente alle loro esigenze. Finalità L obiettivo pastorale per il 2014/15 può essere così definito: Maturare nella comunità parrocchiale uno stile di ascolto e di dialogo per condividere le sfide e i sogni dei giovani. «Dare ascolto alle esigenze dei giovani, ai loro sogni, alle loro richieste, significa nel concreto invitare tutti a studiare modelli di azione pastorale rinnovati» Si potrebbe precisare inoltre che tale obiettivo, se raggiunto, intende offrire un aiuto, una vicinanza che integri e arricchisca, magari completandoli e rendendoli meglio efficaci, quei metodi che, con i loro pregi e i loro limiti, sono di fatto in uso nello sviluppo della prassi ecclesiale. La proposta tenderebbe ad approfondire, con l apporto dei presenti, lo stile del DIALOGO - parola chiave del convegno - intercorrente tra la parrocchia e il giovane, privilegiando la dimensione dell ASCOLTO pacato e sereno. La comunità può mostrare un volto accogliente e attitudini mature nel comprendere e nel capire, evitando di cedere ad errori di valutazione che mortificherebbero l impegno pastorale, rendendolo inefficace. Saper dare ascolto alle esigenze dei giovani, ai loro sogni, alle loro richieste, significa nel concreto invitare tutti a studiare modelli di azione pastorale rinnovati e soprattutto rispondenti alle istanze e alle sfide del tempo presente: pensare a come le singole realtà ecclesiali possano incontrare quei giovani ritenuti lontani e non solamente quelli che già frequentano - a vario titolo - contesti parrocchiali. Il convegno rappresenta il primo momento di riflessione intorno all obiettivo pastorale, cui segue, in un ulteriore momento, l assemblea di programmazione.

4 4 Chiesa informa XXX convegno pastorale Gli ospiti ALESSANDRO CASTEGNARO Sociologo e presidente dell osservatorio socio-religioso del Triveneto e membro del consiglio scientifico della sezione sociologia della religione dell associazione italiana di sociologia. Docente di sociologia e religione presso la facoltà teologica del Triveneto. ALESSANDRO CASTEGNARO ROSARIO CARELLO Giornalista professionista dal 2008 al 2014, è autore e conduttore di A Sua Immagine su Rai Uno. Nel 2013 ho scritto I racconti di Papa Francesco 80 storie, realmente accadute, che aiutano a conoscere chi è davvero Jorge Bergoglio. Nel 2014 il volume è stato tradotto in francese e sta per uscire in inglese, spagnolo e coreano. Dal 2011 scrive su Famiglia Cristiana e dall elezione di Papa Francesco commenta ogni settimana il suo Angelus. Metodologia del convegno Nei mesi scorsi il convegno è stato preparato con delle incursioni nel mondo giovanile con l obiettivo di focalizzare le istanze giovanili e lanciare un segnale di ascolto per cercare di investire anche sulla fragilità dei sogni dei giovani. Il lavoro è sintetizzato in un videoclip che verrà trasmesso la prima sera del convegno. I lavori si apriranno non più, come consuetudine, con una relazione frontale, ma con un talk show presso il Teatro San Marco, come segno di maggiore apertura al territorio. A presentare la serata sarà Rosario Carello (giornalista Rai e conduttore della trasmissione Rai A Sua immagine). Protagonista centrale sarà il sociologo Alessandro Castegnaro, docente di politica sociale alla Facoltà di scienze statistiche dell Università di Padova e di Sociologia e religioni alla Facoltà teologica del Triveneto. Presidente dell Osservatorio Socio-Religioso del Triveneto, ha collaborato in diverse occasioni con la Conferenza Episcopale Italiana, in particolare con l ufficio catechistico nazionale, per convegni e tavole rotonde. Tra le numerose sue pubblicazioni è da segnalare il saggio Fuori dal recinto: Giovani, fede, chiesa: uno sguardo diverso scritto a seguito di un indagine sul rapporto tra nuove generazioni e fede. Nel corso della serata, l intervista a Castegnaro sarà alternata con momenti di testimonianza in relazione ai diversi ambiti tematici (in particolare l esperienza del progetto Policoro), la trasmissione del video clip e l interazione con il pubblico in sala attraverso facebook e twitter. *** Ambiti tematici per i gruppi di studio (gli ambiti si svolgeranno presso il Seminario arcivescovile) Giovani e fede (come la comunità parrocchiale propone la fede ai giovani) Giovani, lavoro e scelte definitive (come la comunità parrocchiale si pone rispetto alle conseguenze della mancanza del lavoro giovanile) Giovani e uso del tempo (come la comunità parrocchiale orienta e stimola i giovani ad un uso costruttivo del tempo) ROSARIO CARELLO Giovani e agenzie educative (come la comunità parrocchiale interagisce con le agenzie educative: famiglia, scuola, gruppi )

5 Chiesa informa 5 XXX convegno pastorale Il programma dei lavori Lunedì 9 giugno si inizierà al teatro San Marco in Benevento, alle ore 18 le iscrizioni e si proseguirà alle 18,30 in sala con la preghiera a cura dell equipe della pastorale giovanile. Sarà mons. Abramo Martignetti, vicario episcopale per la pastorale, ad introdurre i lavori, alle 19 avverrà la proiezione G Factor docu-film a cura della pastorale giovanile. I lavori saranno coordinati dal giornalista rai, Rosario Carello, e poi interverrà Alessandro Castegnaro, sociologo, presidente dell osservatorio socio religioso del triveneto, nonché docente di sociologia e religione presso la facoltà teologica del Triveneto. Martedì 10 giugno il programma proseguirà presso il Seminario arcivescovile, al viale Atlantici, con inizio alle 18,30 nell auditorium Giovanni Paolo II con la preghiera. Alle 18,45 ci saranno i laboratori di studio per ambiti tematici e alle 20,30 le conclusione dei laboratori di studio. Mercoledì 11 giugno S inizierà alle 18,30 in auditorium con la preghiera, alle 18,45 le relazioni conclusive dei laboratori di studio, ed infine alle 19,30 le conclusioni di S.E mons. Andrea Mugione, arcivescovo metropolita di Benevento. G-factor, il docu-film a cura della Pastorale giovanile La questione giovani è stata pensata secondo una chiave di lettura che prende spunto dalla logica dei talent show, che rischia di privilegiare l apparenza a scapito dell essere. Precarietà, incertezza, tentazione a vivere chiusi in un presente che, nonostante gli orizzonti sempre più estesi, rischia di recintare i confini della speranza. Per descrivere i giovani basterebbe fare la cronaca che muove il mondo degli adulti. La povertà di idee, l inconsistenza dei programmi politici ed economici, l assalto di ogni tipo di speculatori, le ingiustizie civili e il crollo etico nei comportamenti quotidiani, sono i colpi inferti al futuro dei giovani. In questo clima si inserisce la lusinga del successo che premia pochi e frustra le ambizioni, i progetti e le attese di tutti gli altri. Sembra che l unica prova di esistenza sia vincere. E i modelli truccati della competizione esistenziale dividono il fronte delle attese sincere. Fuori dalla prigione del format televisivo, il fattore giovani resta però l elemento strategico per costruire un valore aggiunto alla flebile speranza di questo tempo. Contribuire a dissotterrare i veri talenti, disseminati lungo i sentieri della vita, e non quelli in fila al casting dello showpermanente, è un dovere nei confronti di Chi li ha distribuiti con amore e che attende che contribuiscano a costruire l armonia delle differenze per testimoniare la salvezza donata al mondo.

6 6 Chiesa informa giubileo sacerdotale 50 DI ORDINAZIONE SACERDOTALE MEMORIA, GRATITUDINE, PREGHIERA Mons. Pompilio Cristino* La Storia della mia vocazione sacerdotale? La conosce Dio. Nel suo strato più profondo ogni vocazione sacerdotale è un grande mistero, è un dono che supera infinitamente l uomo. Ognuno di noi sacerdoti lo sperimenta chiaramente in tutta la sua vita. Di fronte alla grandezza di questo dono sperimentiamo come siamo inadeguati. Con queste parole il Papa Giovanni Paolo II, oggi santo, iniziava il racconto della sua vocazione sacerdotale nel libro: Dono e Mistero pubblicato per il cinquantesimo anniversario della sua Ordinazione sacerdotale ( 1 novembre 1946). Un racconto appassionato, dove il futuro Papa, ha voluto rileggere i vari momenti, facili e difficili, della sua giovane età, dove ha voluto percorrere le tappe della sua vocazione e ricordare, con affetto e gratitudine, coloro che hanno accompagnato il suo cammino formativo. I giubilei, scrive ancora Giovanni Paolo II, sono momenti importanti nella vita di un sacerdote: rappresentano quasi delle pietre miliari nel cammino della nostra vocazione. Secondo la tradizione biblica, il Giubileo è tempo di gioia e di rendimento di grazie. L agricoltore rende grazie al creatore per i raccolti; in occasione dei nostri giubilei, noi vogliamo ringraziare l eterno Pastore per i frutti della nostra vita sacerdotale, per il servizio reso alla Chiesa e all umanità nei diversi luoghi del mondo, nelle condizioni più varie e nelle molteplici situazioni di lavoro, in cui la provvidenza ci ha voluti e condotti. Sappiamo di essere servi inutili tuttavia siamo grati al Signore perché ha voluto fare di noi i suoi ministri. In questo spirito di ringraziamento la Chiesa beneventana si stringe ancora una volta attorno al suo Pastore, mons. Andre Mugione, per ringraziare e lodare il Signore per il dono della vocazione e del sacerdozio. Dopo aver ricordato lo scorso anno il 25.mo di Ordinazione Episcopale ( 28 aprile ),quest anno vuole vivere nella gioia il 50.mo della Ordinazione Presbiterale (28 giugno ). Questo importante anniversario vuole essere, prima di tutto occasione per fare memoria di una vocazione: certo ogni vocazione è un mistero e affonda le sue radici nella gratuità dell amore di Dio.: Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi dice Gesù. Quando il 28 giugno 1964, nella Cattedrale di Aversa, il giovane diacono Andrea veniva ordinato Sacerdote per l imposizione delle mani e la preghiera di ordinazione di S. E. mons. Antonio Cece, vescovo di Aversa, si concludeva una tappa della risposta alla chiamata del Signore avviata a 11 anni con l ingresso nel Seminario di Aversa per avviare gli studi e prepararsi a questo grande giorno. Ma possiamo dire che la preparazione a questo giorno era stata preceduta da quella offerta in famiglia con la

7 Chiesa informa 7 giubileo sacerdotale vita e l esempio dei genitori, in particolare della mamma Genoveffa, che avendo già un fratello sacerdote, don Biagio Del Gaudio, accompagnava con la sua preghiera materna e premurosa il cammino del figlio Andrea verso il sacerdozio. Sull immaginetta a ricorda di quella giornata particolare il novello Sacerdote aveva fatto scrivere: Il Sacerdote riceve Dio come suo tutto, dona tutto a Dio, agisce tutto e solo per Iddio. Dopo l ordinazione è iniziato quel cammino che ha portato il sacerdote Andrea prima nel Seminario Regionale di Salerno come vicerettore e docente, poi dal 1968 al 1978 in Venezuela a vivere una forte ed incisiva esperienza missionaria. Al rientro in Diocesi gli è stato affidato l incarico di Direttore spirituale in Seminario, parroco e infine Rettore del seminario diocesano. Il 17 marzo 1988 il papa Giovanni Paolo II lo nominava Vescovo di Cassano allo Jonio, trasferito poi come Arcivescovo a Crotone e infine Arcivescovo Metropolita di Benevento. Fare memoria di tutte queste tappe della vita sacerdotale apre l animo ad un inno di ringraziamento e di lode al Dio Padre, datore di ogni bene perché riconosciamo il senso e la grandezza della vocazione e nello stesso tempo riconosciamo che tutto è suo dono. La Chiesa beneventana si unisce coralmente al suo Vescovo nel cantare il Te Deum di ringraziamento per il dono della vocazione sacerdotale. Ma nello stesso tempo ringrazia il Signore per i suoi sacerdoti che vivono ogni giorno, nel silenzio e con dedizione, il loro servizio sacerdotale. Il sacerdote, infatti, con il suo ministero diventa partecipe di tante scelte di vita, di sofferenze e di gioie, di delusioni e speranze. Ma in ogni situazione il suo compito è mostrare Dio all uomo come il fine ultimo della sua vicenda personale. Il sacerdote diventa colui al quale le persone confidano le cose più care e i loro segreti, a volte assai dolorose. È necessario dunque sempre ringraziare il Signore per il dono dei sacerdoti. Ma il ringraziamento si fa soprattutto preghiera. Infatti vogliamo cogliere questa gioioso anniversario per elevare al Signore la nostra implorante preghiera perché non manchino operai nella sua messe. Infatti uno dei grandi problemi della Chiesa di oggi è la mancanza di sacerdoti e la carenza di risposta alla chiamata del Signore. Ogni comunità ecclesiale deve sentirsi responsabile ed impegnata ad implorare, con la preghiera, il dono delle vocazioni e a favorire la risposta da parte dei ragazzi e dei giovani. Possa questa occasione portare nella nostra Chiesa beneventana un rinnovato impegno ed un risveglio spirituale per camminare con fedeltà sulla strada che il Signore vuole farci percorrere in questo particolare momento della nostra storia. *Vicario generale Arcidiocesi di Benevento

8 8 Chiesa informa documenti ANTIQUITATIS FLOSCULI Miscellanea di studi offerti a S. E. Mons. Andrea Mugione per il 25 di Episcopato e il 50 di Presiberato PRESENTAZIONE DEL VOLUME Le due coincidenti ricorrenze del venticinquesimo anniversario dell ordinazione episcopale e del cinquantesimo di quella presbiterale costituiscono un occasione davvero speciale per chi è stato chiamato da Dio a servirlo pascendo il suo popolo. Immaginiamo, perciò, la gioia di monsignor Andrea Mugione, che festeggia Per la Chiesa locale coltivare le proprie memorie si traduce nel raccontare la sua storia. Significa anche incarnarsi nella vita e nel territorio in cui è stata chiamata a testimoniare il Vangelo tale doppio giubileo in quanto pastore della nobile Chiesa di Benevento, ricca di tante memorie testimonianti i suoi stretti legami con importanti eventi storici e personaggi illustri. Ci sembra, pertanto, ben fondato il motivo per giustificare una pubblicazione come questa, dal titolo fortemente evocativo: Antiquitatis flosculi. D altronde, in un tempo come il nostro, nel quale il rispetto per il passato rischia di essere soltanto enunciato a parole, mentre se ne lasciano cadere a pezzi le preziose vestigia e vengono continuamente penalizzati gli studia humanitatis, risulta un autentica sorpresa un volume del genere, nel quale sono contenuti dei saggi che consentono di avere l opportunità di illustrare interessanti aspetti della storia correlata al territorio sannita. Il titolo, oltre al termine antiquitas, contiene anche la parola flosculi, sulla quale intendiamo brevemente soffermarci. Si tratta di un simpatico vocabolo latino, flosculus, il diminutivo di flos, con il quale non ci si riferisce solo al suo significato immediato,cioè fiorellino, oppure, come nel linguaggio giuridico, a una sentenza, una massima, o ancora, in quello retorico, a un ornamento. Nel nostro caso vale il suo senso metaforico di fior fiore, il meglio di ogni cosa. I flosculi riuniti in questo volume vogliono essere una primizia, quei migliori frutti della ricerca, che ciascuna autore ha offerto al pastore e all intera Chiesa locale, la quale non può perdere memoria delle sue radici. Per una Chiesa locale, infatti, coltivare le proprie memorie è il modo di raccontare non solo la sua storia, ma soprattutto la maniera di incarnarsi nella vita e nel territorio in cui è stata chiamata a testimoniare il Vangelo. Fondare un edificio religioso come una cattedrale, costituire una comunità di consacrati, istituire una biblioteca oppure un altro tipo di istituzione culturale o caritativa, ad esempio, sono stati atti che nel passato hanno dato maggiore concretezza alla testimonianza cristiana. Ancora oggi ci avvantaggiamo di molte di tali istituzioni e ci sforziamo di tramandarle ai posteri, senza trascurare di adattarle ai tempi che cambiano. Con questi sentimenti eleviamo i nostri più fervidi auspici di buon proseguimento di una fruttuosa ricerca a tutti gli autori dei contributi del volume e, non ultimo, al suo curatore, Mario Iadanza, del quale mi onoro di essere amico. A lui sono debitore della conoscenza di alcuni tra i più ragguardevoli tesori dell Arcidiocesi beneventana, come i codici custoditi nella Biblioteca Capitolare e gli scavi effettuati sotto la Cattedrale. Soprattutto mi è gradito rivolgere all Arcivescovo monsignor Andrea Magione gli auguri più sentiti e calorosi per i suoi anniversari, perché possa sentire in ogni momento sia la vicinanza di Cristo, il pastore supremo, sia quella della sua Chiesa, per la quale pregare e vegliare affinché cammini speditamente sulla via della santificazione. Gaetano Di Palma *** INTRODUZIONE Questo volume nasce dall incontro di competenze e professionalità diverse e vede la compresenza di studiosi ben sperimentati ed affermati e di giovani che muovono i primi passi sulla via della ricerca. L occasione viene offerta dal XXV di ordinazione episcopale e dal L di ordinazione presbiterale di S. E. Mons. Andrea Mugione, al quale la Miscellanea è offerta come attestato di devozione e segno di gratitudine per l opera svolta nell ambito della valorizzazione del patrimonio librario e documentario custodito dalla Chiesa beneventana e a favore della Chiesa cattedrale. Mons. Mugione, ordinato presbitero nella

9 Chiesa informa 9 documenti cattedrale di Aversa il 28 giugno1964 da S.E. Mons. Antonio Cece, fu nominato vescovo di Cassano all Jonio (CS) il17 marzo 1988 da Giovanni Paolo II; venne ordinato il 28 aprile 1988 nella Cattedrale di Aversa, per l imposizione delle mani e la preghiera consacratoria dell allora Prefetto della Congregazione per i Vescovi, il Cardinale Bernardin Gantin. Dopo un decennio, il 21 novembre 1998 fu trasferito all Arcidiocesi di Crotone Santa Severina ed infine il 3 maggio 2006 Sua Santità Benedetto XVI lo promosse alla Sede metropolitana di Benevento. Al momento dell ingresso solenne, il 24 giugno del 2006, dinanzi alla basilica Santa Maria delle Grazie, Mons. Mugione affermò con echi agostiniani: «Vengo a voi come Andrea per condurvi da Gesù. Vengo come padre che vi ama, accoglie e comprende, fratello e maestro per stimolarvi a stare e camminare con Cristo via, verità e vita, amico ammonitore e consolatore in mezzo al popolo di Dio. Per voi sono stato costituito guida. Di voi sarò padre. Con voi spero di essere fratello e amico». Fu questo il primo messaggio indirizzato alla Chiesa beneventana che da allora lo ha accolto quale pastore e guida, padre amorevole, fratello consolatore, amico discreto. Communio et missio, il motto episcopale, è divenuto il programma pastorale di un Vescovo che si è speso per l edificazione di una Chiesa mistero, Chiesa comunione, Chiesa missione. Guida instancabile, ha cercato di promuovere un cammino di unità tra vescovo e presbiteri, tra presbiteri e fedeli, nella consapevolezza che la verità del Vangelo si testimonia anzitutto con uno stile di vita segnato dal primato della carità. Gli anni beneventani di Mons. Mugione sono stati scanditi da una serie di realizzazioni: la delineazione del programma pastorale pluriennale «Chiesa: casa e scuola di comunione» che ha impegnato tutti gli ambiti del servizio ecclesiale, la costante attenzione ai poveri e il potenziamento della Caritas diocesana, il sostegno a progetti mirati al servizio delle categorie svantaggiate, la promozione dell imprenditoria giovanile, il riordino degli uffici della Curia diocesana e degli organismi pastorali, la ristrutturazione dei locali dell arciepiscopio, la riqualificazione della Chiesa cattedrale riaperta al culto l 11 ottobre 2012, gli scavi archeologici nell aula liturgica e il percorso ipogeo di visita, etc. Gli studi qui pubblicati seguono infatti il filo rosso segnato dagli Istituti culturali centrali di questa Chiesa (l Archivio storico diocesano Benedetto XIII, la Biblioteca capitolare, la Pubblica Biblioteca Arcivescovile Francesco Pacca, il Museo diocesano), ai quali si è aggiunta la Basilica cattedrale, oggetto tra il 2005 e il 2012 di una serie di interventi di consolidamento e di restauro. Un vivo ringraziamento va a tutti i collaboratori che hanno aderito all invito e che vengono citati in ordine alfabetico: Giovanni Araldi, Francesco Bove, Luca Capozzo, Maurizio Cimmino, Filomena Formato, Italo Iasiello, Sergio Ingegno, Ivo Alberto Lucarelli, Massa Lina, Fernando Giuseppe Miele, Fabiana Peluso, Mariagrazia Rossi. Una speciale menzione è dovuta al prof. Errico Cuozzo, ordinario di Storia medievale nell Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, non solo per la generosa partecipazione ma anche per aver pubblicato un inedito studio su Santa Maria di Mileto, una dipendenza della Congregazione monastica di Santa Maria di Pulsano in Croazia, e al prof. Thomas Forrest Kelly, docente di Musica all Harvard University. Si deve, infine, richiamare con gratitudine la preziosa collaborazione di Daniele Mazzulla e la grande disponibilità dell amico e collega prof. Gaetano Di Palma che ha accolto il volume nella collana della Sezione San Tommaso della Pontificia Facoltà Teologica dell Italia Meridionale. Mario Iadanza

10 10 Chiesa informa spiritualità PADRE PIO ED IL CULTO AL SACRO CUORE DI GESÙ di Donato Calabrese Giugno è il mese dedicato al Sacro Cuore di Gesù, il cui culto, risalente al tardo medioevo, si è diffuso dal XVII secolo in poi, in seguito alle apparizioni di Gesù a Santa Margherita Maria Alacoque. Padre Pio è tra i grandi devoti del Sacro Cuore di Gesù, e la sua è una spiritualità tutta incentrata sulla contemplazione del Suo Amore. Un culto che ha radici antiche e che si diparte da un misterioso evento avvenuto tra le bianche pareti dell allora chiesa parrocchiale di Santa Maria degli Angeli, attualmente chiesa di Sant Anna. Se fosse dipeso dal futuro Padre Pio, il fatto prodigioso succeduto all età di cinque o sei anni sarebbe rimasto nello scrigno prezioso delle memorie soprannaturali, gelosamente custodito nel suo cuore, ma tonificando quasi soprannaturalmente la sua totale empatia col Figlio di Dio. Invece sono i suoi confidenti più stretti, padre Benedetto e padre Agostino a rivelare in momenti diversi l apparizione del Sacro Cuore di Gesù al piccolo Francesco Forgione. Un fatto che dimostra che è nello stile di Dio, manifestarsi, non attraverso i riflettori della comunicazione di massa, ma nell umiltà e nella semplicità dei luoghi e degli avvenimenti. L apparizione è mirabilmente raffigurata sulla finestra istoriata della chiesetta di Sant Anna a Pietrelcina. Proprio dov è avvenuta. La descrivo precisando che si tratta di un incontro fatto senza parole, incastonato in un secolo nel quale le parole hanno seminato odio e guerre nel genere umano. Un evento senza parole che sembra quasi ripetere le apparizioni dell Addolorata a Castelpetroso. Anche lì le parole non servivano. A Pietrelcina il silenzio di Gesù e del piccolo Francesco Forgione è valso più di tutte le parole del mondo. Ecco perché vale veramente la pena, descrivere un episodio che dovrebbe far riflettere non poco l anima che si interroga sul silenzio di Dio in un mondo troppo invaso dalle parole. Ha cinque o sei anni, Francesco Forgione, ed è raccolto in preghiera nel piccolo tempio posto sulla sommità del Borgo Castello, a Pietrelcina. Improvvisamente, in un bagliore di luce, appare uno strano personaggio nei pressi dell altare. Francesco lo fissa con quei suoi occhi infantili, e subito lo riconosce. È il Sacro Cuore di Gesù che lo guarda colmo di affetto, facendogli segno di avvicinarsi. Alzatosi, si dirige lentamente verso di Lui. I suoi occhi innocenti e puri si incontrano con quelli di Gesù. Francesco gli si inginocchia davanti, mentre Gesù lo benedice ponendogli delicatamente la sua mano sul capo. In questo momento intimo e toccante, nel suo cuore è instillato il germe di quella contemplazione infusa che lo renderà eccezionale e visibile icona delle meraviglie di Cristo e della Sua Passione. D ora in poi Francesco Forgione vivrà tutto per Gesù, bramando solo di essere un altro Gesù, tutto Gesù, sempre Gesù, come confiderà tanti anni dopo a Cleonice Morcaldi. Passati gli anni, Francesco Forgione è divenuto ormai sacerdote cappuccino. Ma il prodigio avvenuto nella chiesa di Sant Anna è così presente nel suo cuore oblato da permettergli di vivere profondamente già nella sua amatissima Pietrelcina, l esperienza mistica della fusione del suo cuore con quello di Cristo: A stento potei recarmi al divin prigioniero per celebrare. Finita la messa, mi trattenni con Gesù pel rendimento di grazie. Oh quanto fu soave il colloquio tenuto col paradiso in questa mattina! Fu tale che pur volendomi provare a voler dir tutto non lo potrei; vi furono cose che non possono tradursi in un linguaggio umano, senza perdere il loro senso profondo e celeste. Il cuore di Gesù ed il mio, permettetemi l espressione, si fusero. Non erano più due i cuori che battevano, ma uno solo. Il mio cuore era scomparso, come una goccia d acqua che si smarrisce in un mare. Gesù n era il paradiso, il re. La gioia in me era sì intensa e sì profonda, che più non [mi] potei contenere; le lacrime più deliziose mi inondarono il volto. Quella di Padre Pio è una spiritualità focalizzata sulla contemplazione dell umanità di Gesù. Amare Gesù è sentire il proprio cuore palpitare all unisono col suo cuore: Anche in mezzo a tante sofferenze scrive al Direttore spirituale - sono felice perché sémbrami di sentire il mio cuore palpitare con quello di Gesù. Padre Pio porta Gesù nel suo corpo stigmatizzato. È sempre Gesù, con il Suo Cuore infuocato d amore, che egli vive nel suo cuore trasverberato, donandolo, a sua volta, con la parola e l amore sacerdotale, alle miriadi di anime che ricorrono a Lui. Molte di loro lo seguiranno nel cammino intrapreso, consacrandosi a Dio. Ad una di queste fedelissime, Maria Gargani che darà vita all Istituto delle Apostole del Sacro Cuore, Padre Pio scriverà: Gesù ha scelto la tua anima per essere la beniamina del suo Cuore adorabile. In questo Cuore tu devi nasconderti; in questo Cuore sfogare i tuoi ardenti desideri; in questo Cuore vivere ancora quei giorni che la provvidenza ti concederà; in questo Cuore morire, quando al Signore piacerà. Ad un altra figlia spirituale, Assunta De Tomaso, Padre Pio chiederà di abbandonarsi tutta a Gesù, ricordandosi di appartenere sempre e tutta a Lui: Egli penserà a sorreggerti, ed aiutarti. Rinnova spesso tale dedizione e come vero anello del suo sacratissimo Cuore, dipendi dai suoi cenni, dai suoi desideri che si manifesteranno nel cuor tuo. La coroncina del Sacro Cuore è la preghiera preferita da Padre Pio. Quella che si sostiene sulla Parola di Gesù presente nei Vangeli, ed è recitata per tutti coloro che si raccomandano sempre alle sue preghiere. La straordinaria efficacia della intercessione presso il Cuore di Cristo non è che il frutto prodotto dal connubio tra tale preghiera ed il totale abbandono alla volontà Divina, espressione di un amore tutto donato ed oblato, fino all ultima goccia di sangue fluito dalle sue stigmate, allo Sposo Divino, vita dell anima che muore.

11 Chiesa informa 11 focus LA CONDIZIONE GIOVANILE IN ITALIA E NEL SANNIO di Marianna Tomei Sono diverse le ricerche svolte in Italia che sollevano motivi di preoccupazione, ma il fenomeno riguardante la relazione dei giovani con la sfera lavorativa sembra particolarmente grave. La popolazione giovanile è da tempo uno dei maggiori oggetti di studio nelle scienze sociali. Attorno a queste piste di ricerca, nonché alle implicazioni che il rapporto tra i giovani e il lavoro ha per la loro vita quotidiana, si è concentrato il convegno la condizione giovanile in Italia e nel Sannio. Incontro promosso dal Centro di Cultura dell Università Cattolica del Sacro Cuore, dal Centro di Cultura mons. Raffaele Calabrìa e dall Istituto Giuseppe Toniolo tenutosi presso il salone Leone XIII del palazzo Arcivescovile. Mons. Abramo Martignetti, vicario diocesano dell Ufficio Pastorale, ha sottolineato che il tema pastorale di quest anno vede protagonisti proprio i giovani, infatti ha affermato che le parrocchie oltre a dare ascolto alla generazione del futuro devono dar loro anche la parola, così che i giovani possano esprimere il loro vero disagio. Pasquale Gallucci, presidente del Centro di Cultura dell Università Cattolica di Benevento, nel prendere la parola ha condiviso ciò che è stato precedentemente detto da mons. Abramo, ma ha argomentato dicendo: La tematica fondamentale è quella del dare a chi opera a favore dei giovani non dei problemi, ma lo strumento per fargli perseguire i loro progetti, e far sì che si sviluppino le risorse. Ha continuato precisando che bisogna esaminare i giusti strumenti di conoscenza e di stimolo per motivare la generazione del futuro, perché secondo una ricerca sociologica ci troviamo di fronte a dei giovani preparati, ma dormienti e demotivati. Concorde è stato anche il pensiero dell arcivescovo mons. Andrea Mugione: I problemi giovanili riguardano l intera nazione; bisogna capire quali sono le loro esigenze e cosa li rende così annoiati. L Arcivescovo ha continuato affermando che la popolazione del futuro non deve chiudersi in sé, ma deve avere la forza di chiedere aiuto. La famiglia deve essere il suo punto di riferimento che purtroppo molto spesso manca. Tutto ciò viene confermato da una ricerca statistica svolta dal prof. Emiliano Sironi, docente di sociologia presso l Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, che ha indagato sull universo giovanile italiano, specificamente sulla fascia d età anni. Il campione analizzato comprende 9000 persone intervistate una volta all anno per cinque anni, così da tenere sotto controllo, in modo dettagliato, l evoluzione del loro status. Il primo dato da analizzare - ha sottolineato Sironi - è scoprire chi sono i Millennials, capire quali sono i loro desideri, le loro aspettative e loro fragilità. In questo modo si possono sondare facilmente gli ostacoli che incontrano, così da mettere in luce gli aspetti positivi da incoraggiare. Il sondaggio rivolto ai Millennials, ovvero alle persone nate tra gli anni ottanta e i primi anni duemila, come temi analizzati prevede oltre ai valori, alle aspettative e ai progetti di vita, anche il percorso formativo e lavorativo. I dati che ne scaturiscono - ha affermato Sironi - sono allarmanti. Il 90% dei giovani intervistati spera di trovare un lavoro che esprima la loro realizzazione personale; l 86% vorrebbe che il lavoro fosse uno strumento per costruirsi una vita familiare. La realtà purtroppo è un altra, circa il 19% dei giovani di età compresa tra i 19 e i 29 anni non studia e non lavora, e sulla popolazione attiva questo 19 % diventa un dato sconcertante trasformandosi nel 32%. Fra chi lavora il 47% si adegua ad una retribuzione insoddisfacente e il 46,5% si adatta a svolgere un attività non pienamente coerente con il proprio percorso di studi. Questo malessere, ha constatato il professore dell Università Cattolica, porta oltre il 47% dei giovani a trasferirsi all estero per migliorare la propria attività lavorativa. Tale percentuale sale al 53% tra i laureati, e così abbiamo il classico esempio di cervelli in fuga all estero, sia perché vorrebbero mettersi alla prova con se stessi, ma soprattutto per non essere più un peso per la famiglia. La realtà con cui si confrontano è un altra. Sironi esponendo il suo sondaggio ha analizzato il fatto che il 70% dei giovani dopo un periodo di autonomia all estero fa marcia indietro e torna dai propri genitori. I motivi di rientro sono plurimi, ma il più allarmante è la difficoltà economica che non permette la formazione di una nuova famiglia, e tutto ciò porta ad uno scoraggiamento di massa. Il professore Federico D Agostino, docente di sociologia presso l Università degli studi di Roma Tre, ha fatto notare che la condizione in cui riversano i giovani italiani non è diversa da quella vissuta nella realtà della provincia sannita. La causa maggiore che rallenta i processi di evoluzione giovanile è il familismo, ha affermato D Agostino. L essere umano si forma nella propria famiglia, ma purtroppo oggi non c è più dialogo in essa e le nuove scoperte tecnologiche non aiutano la situazione, perché vengono utilizzate in modo errato e i giovani si chiudano in se stessi. Bisogna che i giovani trasformino la loro immigrazione mentale in immigrazione fisica - ha aggiunto D Agostino - così da uscire dal proprio isolamento e scoprire nuovi usi e costumi per poter migliorare il proprio paese d origine. A concludere il convegno è stato monsignor Michele De Rosa, vescovo di Cerreto Sannita, che rivede la società giovanile nel libro Gli sdraiati dello scrittore Michele Serra. In realtà un po tutta la società è sdraiata, forse la vera colpa è dei padri che non sono riusciti a verticalizzare i propri figli dandogli una spinta.

12 12 Chiesa informa documenti LA STORICA VISITA A BENEVENTO DEL SANTO PADRE GIOVANNI PAOLO II Ricorrendo la memoria liturgica della Cattedra di Pietro, il 22 febbraio 1990, il Pastore dell Arcidiocesi di Benevento, l Arcivescovo Metropolita mons. Carlo Minchiatti, annunciava con grande giubilo la venuta del Sommo Pontefice, Giovanni Paolo II, per il 2 luglio, festività della Regina del Sannio. Mons. Carlo Minchiatti coronava cosi la sua supplica accorata, rivolta al Pietro Vivente, il 18 dicembre 1998, successivamente inviava due lettere una risalente al 18 novembre 1999 e l altra il 26 gennaio 1990, indirizzate a Sua Eccellenza Rev. ma mons. Dino Monduzzi, Prefetto della Casa Pontificia, al fine di abbracciare il Vicario di Cristo, Pellegrino in terra sannita. Con l annuncio ufficiale della visita del Papa la macchina organizzativa profondeva le migliori energie, per accogliere il Beatissimo Padre. Tra i collaboratori della Segreteria dell Arcivescovo Minchiatti, vi era don Nicola Filippo Della Pietra, oggi parroco della Chiesa di San Ciriaco Martire, in Foglianise. Il sacerdote ha rilasciato un intervista ricordando le fasi organizzative e le emozioni indelebili dello storico evento per la città capoluogo. Don Nicola lei è stato il collaboratore di mons. Minchiatti nella sua segreteria. Dall annuncio all arrivo del Pontefice ci racconti le fasi organizzative dell evento? Prima dell annuncio ufficiale mons. Minchiatti profuse le sue migliori energie perché il Sommo Pontefice venisse in Benevento. Nella visita pastorale del Papa in Napoli, sembrava che si potesse concretizzare la venuta di Giovanni Paolo II nel pomeriggio nella città capoluogo, ma l idea non fu affatto presa in considerazione. Successivamente con l arrivo della missiva dalla Santa Sede, che confermava la presenza del Papa in Benevento, mons. Minchiatti avviò la macchina organizzativa. Furono prescelti con cura i luoghi in cui il Sommo Pontefice doveva giungere, l arrivo dell elicottero ed il programma dettagliato della Visita del Pastore Universale, concordato con il Prefetto della Casa Pontificia ed i suoi più stretti collaboratori del Beatissimo Padre. Dalla Cattedrale all episcopio il Papa ha raggiunto l appartamento dell arcivescovo. Quali immagini sono rimaste nella sua mente nel ricevere il Vicario di Cristo? Mi trovavo all ingresso dell appartamento dell arcivescovo con il Pro-Vicario generale mons.vincenzo De Vizia, quando vidi il Papa, accompagnato da don Antonio Raviele, segretario di S.E. mons. Minchiatti e dai prelati della Santa Sede. La mia gioia era immensa, il Papa varcò la soglia dell appartamento arcivescovile, poi appose la sua firma sulla pergamena ricordo delle Suore Francescane Immacolatine alla presenza della Superiore dell ordine religioso. Il rinfresco fu preparato dalla suore, il Papa Giovanni Paolo II, bevve una gatorede fresca, la bevanda dei campioni. Che cosa la colpì in particolare del futuro santo? Ricordo ancora la sua figura possente, un uomo slanciato, ma mi rimase impressa la sua forza che traeva dalla preghiera fervente rivolta al Signore. Una figura straordinaria un modello da emulare nella perfezione evangelica. Ci racconti qualche aneddoto in particolare di quel giorno avvenuto in episcopio? Appena entrato nell appartamento dell arcivescovo subito mi chiese cosa ci fosse nella porta aperta. Risposi che all interno vi era la cappella privata di mons. Minchiatti ed immediatamente entrò raccogliendosi in preghiera per alcuni minuti. Quali frutti spirituali saranno raccolti dalla Chiesa Universale per la canonizzazione di Giovanni Paolo II, elevato agli onori dell altare da Papa Francesco? Il più bello dei frutti è quello di un uomo che non si è risparmiato, che sull esempio di Gesù, nonostante la malattia ha svolto il suo ministero petrino non nascondendo al mondo le difficoltà fisiche ed il dolore manifestato nei suoi gesti eloquenti. Quali impressioni le rimasero al termine della giornata del 2 luglio 1990? A margine dell impegnativa giornata, terminata con la messa allo Stadio Santa Colomba, il Papa ripartì per Roma con l elicottero alle 19,45; traspariva l immensa gioia dell arcivescovo palpabile in modo evidente, felice di aver scritto una pagina di storia da consegnare ai posteri negli Annali della Chiesa Beneventana. Nell appartamento di S. Eccellenza io ero con lui, dopo l interminabile evento spirituale insieme con mons. Carlo avevo condiviso momenti indimenticabili ed irripetibili nella mia vita sacerdotale. Ni. Ma.

13 Chiesa informa 13 testimoni della fede 290 ANNI DALL ELEZIONE DI PAPA BENEDETTO XIII ORSINI di Angelomichele De Spirito Benevento, Biblioteca Capitolare, Busto marmoreo di Benedetto XIII, Pietro Bracci ( ) Il cardinale Vincenzo Maria Orsini, che nel 1686, all età di 36 anni, era giunto a Benevento quale terzo successore domenicano sulla cattedra del santo vescovo Gennaro, il 29 maggio del 1724 divenne il 247 vescovo di Roma e il quarto papa domenicano nella storia della Chiesa. Quando l elezione del papa era ancora «piuttosto un maneggio politico che un voto d ispirazione», anche quel conclave era stato agitato da palesi fazioni interne e ostacolato da altrettante pressioni esterne, cui si opponevano gli Zelanti, cioè quei cardinali contrari alla prassi del veto, imposto dai sovrani europei nei confronti di questo o di quel candidato. Perciò vi fu chi, come l Orsini, paventando operazioni simoniache, aveva minacciato di uscirne e, mostrando la croce pettorale, andava ammonendo: «Siete scomunicati, queste cose non si possono fare!». Così, tra un papabile emergente e uno naufragante, erano trascorsi più di due mesi, ivi comprese la Pasqua e l insofferenza dei romani, soprattutto per il rallentamento del commercio. Allora il settantaquattrenne Orsini, decano del sacro collegio e già partecipe di altri cinque conclavi, il 25 maggio, vigilia della festa di san Filippo Neri, suo speciale protettore che lo aveva salvato nei terremoti del 1688 e del 1702, a lui iniziò una novena per la sollecita elezione del successore di Innocenzo XIII. Ed ecco che quattro giorni dopo, i cinquantatré cardinali, all unanimità, scelsero proprio l Arcivescovo di Benevento. Nella soddisfazione generale di ecclesiastici, regnanti e gente comune, a restarne stupito fu solo l Orsini; e forse nessuno più di lui, tra i 267 successori di san Pietro, ha avversato tanto la propria elezione, ritenendosi inadeguato. «Fin dal giorno antecedente racconta nel diario ci s intorbidò fortemente lo spirito, in udire cosa lontanissima dal nostro pensiero, e che mai haveressimo potuto immaginare, qual fu l essersi uniti i nostri Eminentissimi Fratelli in danno nostro, col volerci eleggere supremo Vicario di Gesù Cristo. Per l orrore che un tale annunzio ci cagionò a riguardo della nostra insufficienza, con tutto vigore supplicammo que saggi elettori a porre l occhio in più idoneo soggetto per sì importante elezione, ed a lasciarci menare gli ultimi nostri giorni in santa quiete colla nostra dilettissima sposa, la Chiesa Metropolitana di Benevento». Questo forte legame era il secondo motivo della sua altrettanto forte renitenza. Continua, infatti, il diario: «Siccome nondimeno a quell amatissima Chiesa riesce di gloria questa nostra elezione, così la nostra ripugnanza in accettarla per motivo della nostra inabilità, e per non abbandonare l antica nostra sede, in cui anelavamo di lasciar, quando a Dio fosse piaciuto, la vita, per poter ripetere: In nidulo meo moriar, servirà a tutti i posteri per testimonianza irrefragabile dell amore, con cui per lo spazio di 38 anni, mesi 2 e giorni 11 l habbiam guardata per lo passato, e coll ajuto del Signore riguarderemo in ogni occasione ancora per lo avvenire». Perciò, caso raro nella storia della Chiesa, anche da papa, egli «non dismise la sua cura pastorale». Intanto, in quel conclave, il vecchio Orsini, trascorsa la notte insonne tra lacrime e preghiere, la mattina si prostrò anche innanzi ai cardinali. Ma questi, «non badando alle nostre istanze, ed al nostro pianto confessa il malcapitato, ci portarono, o più veramente ci trascinarono alla Cappella Sistina». Dove tutti i voti furono per lui, che ciononostante continuò ad opporre resistenza. Fino a quando, «alla forza delle ragioni posteci da tutto il sagro collegio, pronunciammo quella durissima parola: Accepto». E si chiamò Benedetto XIII, in memoria del beato Benedetto XI, anch egli domenicano, che all inizio del Trecento aveva regnato solo otto mesi e mezzo. Poi, «tra le acclamazioni festose del divoto popolo», fu condotto alla Basilica Vaticana in sedia gestatoria, dalla quale però volle scendere per baciarne il suolo e procedere a piedi verso l Altare della Confessione. Di là, cantato il Te Deum, passò a salutare l immagine della Madonna, «chiedendo nuovamente la sua favorevole assistenza»; e, prima della solenne incoronazione, avvenuta il 4 giugno, domenica di Pentecoste, si ritirò per tre giorni in preghiera. Riassumendo il parere dei contemporanei, il grande storico Ludovico Muratori scrisse: «Ciò che mosse i sacri elettori ad esaltare quasi in un momento questo personaggio, fu il credito della sua sempre incolpata vita, della sua incomparabil pietà e zelo ecclesiastico e del suo sapere: doti singolari delle quali avea dato di grandi pruove in addietro nel suo pastoral governo», a Manfredonia, a Cesena e a Benevento. Ottimo soggetto, dunque, e con qualità eccellenti. Ma, al dir di molti, privo di altrettanta pratica nel governo politico. In altri termini, e anticipando ampiamente la storia, con l Orsini era stato eletto un papa-pastore, più che un papa-re.

14 14 Chiesa informa sociale IN PRIMA LINEA PER GLI IMMIGRATI di Sabino Cubelli È difficile trovarsi a distanza di migliaia di chilometri dagli affetti, dalle tradizioni, dalla cultura, in sintesi vivere lontani dal proprio paese. Per rendere più facile la vita di chi, troppo spesso in termini spregiativi, viene chiamato immigrato c è l ufficio pastorale Migrantes, nato per accompagnare le persone nei loro spostamenti. Ma come opera l ufficio Migrantes sul territorio sannita? A spiegarlo è don Sergio Rossetti, direttore dell ufficio diocesano, con sede in piazza Orsini. Aperto dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 12,30, assicura l assistenza religiosa ai migranti, italiani e stranieri, per promuovere nelle comunità cristiane atteggiamenti ed opere di fraterna accoglienza nei loro riguardi, per stimolare nella stessa comunità civile la comprensione e la valorizzazione della loro identità, in un clima di pacifica convivenza rispettosa dei diritti della persona umana. Qual è la missione del suo ufficio? «La Chiesa locale, a seguito dei vari appelli di Papa Francesco, fa sentire la sua voce a sostegno e tutela dei fratelli più sfortunati attraverso azioni concrete che sono espressione di quella solidarietà che deve guidare la nostra opera evangelica». Quali progetti e gesti concreti per chi arriva da lontano? «Grazie alla sinergia tra la Caritas, l ufficio immigrazione e l ufficio Migrantes è nato un nuovo progetto per gli immigrati: S.p.r.a.r. (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati). Si avvale della collaborazione di personale specializzato nella mediazione linguistico-culturale, di un operatore legale, di uno psicologo ed infine di un educatore professionale. Questa iniziativa, della durata triennale, è frutto dell assegnazione tramite un bando del Ministero dell Interno. Inoltre sono stati attivati tre corsi di lingua araba al fine di sviluppare un dialogo fraterno tra persone di diversi paesi, religioni e culture, e favorire un sano confronto interculturale e una migliore comprensione». Quando si parla di immigrazione, spesso, ci si scontra con pregiudizi, paure e diffidenze. «L immigrato ci spaventa ma questa paura è data dalla mancanza di conoscenza. La specificità del cristiano sta proprio qui. Superare paura e diffidenza e cogliere la diversità come bellezza e come arricchimento. È fondamentale far capire che nessuno è straniero». Dal suo osservatorio privilegiato, qual è la soluzione per una migliore convivenza? «Incontrarsi. Questa è la parola d ordine. Servono occasioni per raccontarsi, raccontare chi si è, come si è abituati a pregare, a vivere, a pensare. Amici si diventa, con il tempo. Le diversità rimangono perché ognuno mantiene i propri gusti, ma se ci si conosce, davvero, cambia il modo di guardare gli altri e di guardare le cose». Le pergamene di Santa Maria della grotta di Vitulano Nel Centro di Cultura Mons. Raffaele Calabrìa, in Benevento, è stato presentato un interessante volume dal titolo: Le pergamene di Santa Maria della Grotta di Vitulano (sec. XI-XII), da Lavegnacarlone, in Battipaglia (SA). L indirizzo di saluto ai relatori ed ai presenti convenuti nella sala Lazzati, è stato rivolto da Pasquale Gallucci, presidente del Centro Cultura dell Università Cattolica. È intervenuto mons. Andrea Mugione, Arcivescovo Metropolita di Benevento, che sinteticamente ma efficacemente, ha plaudito all iniziativa, sottolineando tre verbi all infinito: Conoscere le nostre radici, ricordare nell attuale frangente della storia, sognare per costruire e per ricostruire il patrimonio del passato. Successivamente il Sindaco del Comune di Vitulano Raffaele Scarinzi, ha evidenziato che: La Badia di Santa Maria della Grotta rappresenta un eredità preminente con i suoi resti religiosi, con le antiche vestigia, le pergamene ritrovate gettano una nuova luce per le ricerche storiografiche ed arricchiscono le conoscenze degli studiosi. Un reportage fotografico di Antonella Iannuzzi, esperta di comunicazione, ha raccontato attraverso le immagini il fascino nascosto di un luogo di culto, di preghiera e di cambiamento interiore, tra i monti Pezzuto e Pentime, catturando i particolari dettagliati del sentiero Chiara- Chiarella. Gli scatti hanno riproposto i ruderi del monastero, la facciata, gli interni. La relazione del prof. Mario Iadanza, dell Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, è stata avvincente e, a vol di uccello, ha trattato della fondazione del monastero, della finalità della sua edificazione, della figura di San Giovanni da Tufara e dell inventario della biblioteca Capitolare, promosso dal cardinale Orsini tra cui è conservata la platea riguardante il luogo di spiritualità, immerso nel silenzio e nel verde della natura. Il docente Ciro Romano, dell Università degli Studi di Jyvaskyla- Finlandia, ha argomentato sulla Arcidiocesi di Benevento al tempo di Santa Maria in Gruptis, sulla teoria delle fonti e sul ruolo insostituibile degli archivi. La prof.ssa Antonella D Ambrosio, dell Università degli Studi Federico II Napoli, ha ricostruito il ritrovamento del nucleo pergamenaceo del monastero, acquistate dalla famiglia Di Fusco, vendute successivamente alla Biblioteca di Storia Patria delle capoluogo di regione. Gli studiosi Mazzoleni e Salvati non si accorsero del fondo documentale, ma l inedita scoperta riporta alla luce le donazioni, le proprietà del complesso monastico, il multigrafismo, gli atti rogati dai notai di Tocco Caudio e Vitulano. Nicola Mastrocinque

15 15 Diario Arcivescovo 1 giugno - 30 giugno 2014 Domenica 1 C.da Pantano in Benevento Santa Messa Pannarano Santa Messa e Cresime Lunedì 2 P.zza Castello - Benevento Festa della Repubblica c.da Malvizze in Montecalvo Irp Santa Messa con gli ammalati Diario Martedì 3 Mercoledì 4 Sant Agnello (NA) Conferenza Episcopale Campana Giovedì 5 Episcopio Collegio Vicari Foranei Monastero della Visitazione in S.Giorgio Elezione della Madre Venerdì 6 Seminario Consiglio Affari Economici Sabato 7 Calvi (BN) Santa Messa e Cresime Torrecuso Festa dei Giovani di AC Domenica 8 Par. Spirito Santo Santa Messa e Cresime S. Martino Valle Caudina Santa Messa e Cresime Lunedì 9 Comando Prov. Carabinieri Saluto per la festa dell Arma Teatro San Marco in Bn Inizio del Convegno Pastorale Martedì 10 ASL Benevento Inaugurazione Centro per l Infanzia Seminario Convegno Pastorale Diocesano Mercoledì 11 Seminario Convegno Pastorale Diocesano Giovedì 12 Episcopio Udienze Venerdì 13 Chiesa di San Pasquale in Bn Santa Messa Caivano (NA) Santa Messa Sabato 14 Episcopio Udienze Domenica 15 Santuario Madonna delle Grazie Ritiro Ass. Santa Famiglia Lunedì 16 Episcopio Collegio dei Consultori Martedì 17 Episcopio Consiglio Episcopale Mercoledì 18 Episcopio Udienze Giovedì 19 Pietrelcina Giornata Sacerdotale Venerdì 20 Episcopio Udienze Par. San Modesto in BN Santa Messa e Cresime Sabato 21 Cassano All Jonio Incontro con il Santo Padre Francesco Domenica 22 Basilica Cattedrale Santa Messa con Opera E. De Martini Basilica Madonna delle Grazie S. Messa e Processione del Corpus Domini Lunedì 23 Centro di Cultura R. Calabria Conclusione CIVES Martedì 24 Episcopio Udienze Ospedale F.b.F. in Benevento Santa Messa Mercoledì 25 Giovedì 26 Centro La Pace Assemblea di Programmazione Venerdì 27 Ospedale F.b.F. in Benevento Santa Messa Sala Leone XIII Presentazione Miscellanea Sabato 28 Cattedrale Santa Messa in occasione del 50esimo di Ordinazione Sacerdotale Domenica 29 Santa Paolina Cresime Antonio Lunedì 30 Episcopio Udienze Chiesa informa

16

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore Cenni Biografici Madre Isabella de Rosis appartiene a quella schiera di anime elette, che, nel secolo scorso, mentre si diffondevano tante teorie contrarie alla fede, diedero vita a non pochi Istituti

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

Rivista Diocesana Vigevanese

Rivista Diocesana Vigevanese Rivista 333 A n n o X C = N 9 = 3 0 N o v e m b r e 2 0 1 0 Lettera alla Diocesi per comunicare la nomina di S. E. Mons. Vincenzo Di Mauro Arcivescovo Titolare di Arpi a Vescovo Coadiutore di Vigevano

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio 20 ottobre 2015 Carissimi genitori, desideriamo raggiungere i papà e le mamme di tutti i bambini che da quest anno muovono i loro primi passi nel percorso di completamento dell Iniziazione Cristiana. Una

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano (LE) smdellegrazie.squinzano@virgilio.it CRONACA PARROCCHIALE ANNO 2009

Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano (LE) smdellegrazie.squinzano@virgilio.it CRONACA PARROCCHIALE ANNO 2009 Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano (LE) smdellegrazie.squinzano@virgilio.it CRONACA PARROCCHIALE ANNO 2009 GENNAIO - FEBBRAIO 2009 4 Gennaio: Veglia interparrocchiale in occasione di Dipingi

Dettagli

dal 1 dicembre al 10 gennaio

dal 1 dicembre al 10 gennaio DICEMBRE ORARIO SANTE MESSE dal 1 dicembre al 10 gennaio In Basilica: Prefestiva : ore 18.00 Festive : ore 7.30-9.30-11.00-18.00 ore 17.45 Celebrazione dei Vespri Feriali: ore 7.00-9.00 tutti i giorni

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Diocesi di Teramo-Atri

Diocesi di Teramo-Atri Diocesi di Teramo-Atri CALENDARIO PASTORALE anno 2015-2016 Settembre 2015 1 Ma 10.ma Giornata per la custodia del creato 2 Me 3 G Teramo, Sala Convegni Palazzo Vescovile ore 19: Sessione Straordinaria

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

Arcidiocesi di Reggio Calabria Bova

Arcidiocesi di Reggio Calabria Bova Prot. n. 486/15 Reggio Calabria, 26 ottobre 2015 Ai RR Parroci Alle Superiore Istituti Religiosi LL.SS. Oggetto: 1. Formazione degli Adoratori Eucaristici 2. Rinnovo/istituzione dei Ministri Straordinari

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale Conoscere, amare, seguire, testimoniare Gesù Itinerario d incontro e di formazione; liturgico - esperienziale. «Non abbiate paura di accogliere Cristo! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire.

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire. Diicembre 2013 Ill Verbo sii è fatto Carne Pio X era rimasto particolarmente colpito da una lettera scritta da Teresa di Lisieux alla cugina Maria Guérin il 30 maggio 1889. In essa voleva aiutare la cugina

Dettagli

DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014

DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014 CENTRO PARROCCHIALE OSNAGO PROGRAMMA DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014 È Natale È Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano. È Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di vatican Service News

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

BUON ANNO PASTORALE A TUTTA LA COMUNITÀ

BUON ANNO PASTORALE A TUTTA LA COMUNITÀ All inizio del nuovo anno pastorale 2014-2015 viene distribuito alla comunità il Calendario Pastorale, segno del cammino comunitario e strumento utile per la programmazione delle diverse attività della

Dettagli