CASORATE PRIMO (PV) CITTA INFRASTRUTTURATA. Confronto economico tra diverse soluzioni tecniche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CASORATE PRIMO (PV) CITTA INFRASTRUTTURATA. Confronto economico tra diverse soluzioni tecniche"

Transcript

1 CASORATE PRIMO (PV) CITTA INFRASTRUTTURATA Confronto economico tra diverse soluzioni tecniche Giugno 2009

2 - Confronto Economico Casorate Primo PV -

3 INDICE 1 PREMESSA NORMATIVA COSTI DELLE INFRASTRUTTURAZIONI COSTI DIRETTI DI COSTRUZIONE COSTI INDIRETTI - COSTI SOCIALI CONCLUSIONI

4 3

5 1 PREMESSA Il Piano Urbano Generale dei Servizi nel Sottosuolo (PUGSS) è lo strumento di pianificazione del sottosuolo previsto dalla Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 3/3/99, dalla Legge Regionale Lombarda n. 26, titolo IV, approvata il 12/12/2003 e dal Regolamento Regionale n. 3/05. L Amministrazione comunale, sulla base di queste disposizioni, sono state obbligate a predisporre il PUGSS come strumento di governo e di gestione del sottosuolo le cui disposizioni sono integrate nel Piano dei Servizi per quanto riguarda l infrastrutturazione del sottosuolo. In questi studi si è constatato che in generale si è assistito, negli ultimi anni, ad un proliferare dei sottoservizi a rete (con la diffusione dei nuovi servizi quali le reti di telecomunicazione, di cablaggio e il teleriscaldamento che si sono aggiunti alle reti storiche), associato ad una sostanziale inerzia nello sviluppo delle tecniche di gestione e di posa delle condotte. Conseguenza di perdite acquedottistiche Tale fenomeno sta producendo crescenti disfunzioni d insieme dovute ad una disordinata e incontrollata collocazione di tubazioni e cavidotti nel sottosuolo. 4

6 Le reti esistenti necessitano infatti di continue manutenzioni, di ammodernamenti e di ampliamenti, per poter assicurare funzionalità, efficienza ed economicità. Pertanto vanno costantemente ispezionate e risanate. Questi interventi comportano notevoli costi economici (congestione, ritardi, disservizi, danni alla strada, rifacimento di opere presenti), ambientali (rumori, emissioni, ) e sociali (fastidi alle imprese e alle scuole, al tempo libero e creazione di incidenti). Questo elaborato, partendo da tali considerazioni, ha lo scopo di mettere in evidenza le fonti principale dei costi diretti di costruzione ed indiretti come costi sociali. Inoltra propone un confronto tra le varie tecniche di costruzione per valutare le tecnologie e la economicità. 5

7 2 NORMATIVA La normativa che regola in Lombardia la gestione dei rifiuti, delle risorse idriche, della distribuzione del gas e in generale delle reti di distribuzione nel sottosuolo, è contenuta essenzialmente nel Testo Coordinato pubblicato sul Burl Supplemento Straordinario. Il Testo Coordinato contiene le modifiche apportate dalle seguenti leggi regionali: - L.R. 24 marzo 2004 n. 5; - L.R. 3 agosto 2004 n. 19; - L.R. 20 dicembre 2004 n. 36; - L.R. 11 marzo 2005 n. 12; - L.R. 8 agosto 2006 n. 18; - L.R. 11 dicembre 2006 n. 24 Successivamente a tali norme sono state approvate le altre seguenti leggi: - Legge regionale 27 febbraio 2007, n 5 - La norma, pubblicata il 2 marzo 2007 sul 2 supplemento ordinario del Burl, agli articoli 6,7,8 apporta modifiche rispettivamente alla l.r. 17/2000 in materia di inquinamento luminoso, modifiche e integrazioni alla L.R. 26/2003 in materia di risorse idriche, oltre a fornire l'interpretazione autentica dell'art. 49, commi 2,3,4 della L.R. 26/2003. La legge è entrata in vigore il 3 marzo Legge regionale 12 luglio 2007 n Modifiche alla legge regionale 12 dicembre 2003, n 26 "Disciplina dei servizi di interesse economico generale - Norme in materia di gestione dei rifiuti, di energia, di utilizzo del sottosuolo e di risorse idriche" ed altre disposizioni in materia di gestione dei rifiuti. Tra le modifiche portate dalla legge vi segnaliamo: alcuni articoli ( ) della Legge regionale 26/03 - due commi dell'articolo 30 della Legge regionale 24/06 - l'abrogazione dell'articolo 6 della Legge regionale 18/06. Inoltre sono state promulgati gli atti relativi all'applicazione della legge: - Deliberazione Giunta regionale 4 agosto n 8/528 - "Approvazione dello schema di protocollo d'intesa per il controllo degli scarichi degli impianti di trattamento delle acque reflue urbane". 6

8 - Deliberazione Giunta regionale 17 maggio n 8/ "Direttiva per l'individuazione degli agglomerati, ai sensi dell'articolo 44, comma 1, lettera c) L.R.. n. 26/2003, - Disciplina dei servizi di interesse economico generale Norme in materia di gestione dei rifiuti, di energia, di utilizzo del sottosuolo e di risorse idriche". - Deliberazione Giunta regionale del 13 dicembre n 8/ Programma di tutela e uso delle acque - Indicazioni alle Autorità d'ambito per la definizione degli interventi prioritari del ciclo dell'acqua (L.R. n 26/2003). - Regolamento regionale 24 marzo 2006, n 2 - Disciplina dell'uso delle acque superficiali e sotterranee, dell'utilizzo delle acque a uso domestico, del risparmio idrico e del riutilizzo dell'acqua in attuazione dell'articolo 52, comma 1, lettera c) della legge regionale 12 dicembre 2003, n Regolamento regionale n. 3 del 3 aprile "Incentivi e contributi per il servizio idrico integrato, in attuazione dell'art. 50, comma 2, della L.R. 26/2003" nel quale sono definiti "i criteri di accesso, le priorità di concessione e le modalità di erogazione di incentivi e contributi che la Regione Lombardia concede per favorire le attività di progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva di opere infrastrutturali e di ricerca attinenti al servizio idrico integrato". Contributi che sulla base degli obiettivi strategici del Programma regionale di sviluppo verranno erogati dalla Regione, attingendo anche a finanziamenti nazionali e comunitari.(burl del 6 aprile, 1 supplemento ordinario al n entrato in vigore il 7 aprile 2007). - Regolamento regionale 24 marzo 2006, n 3 - Disciplina e regime autorizzatorio degli scarichi di acque reflue domestiche e di reti fognarie, in attuazione dell'articolo 52, comma 1, lettera a) della legge regionale 12 dicembre 2003, n. 26 e relative "Norme tecniche regionali in materia di trattamento degli scarichi di acque reflue in attuazione dell'articolo 3, comma 1 del Regolamento reg. 2006, n.3" con Deliberazione Giunta regionale 5 aprile 2006, n 8/2318, pubblicata sul Burl della Regione Lombardia - 1 Supplemento straordinario - del 20 aprile Regolamento regionale 24 marzo 2006, n 4 - Disciplina dello smaltimento delle acque di prima pioggia e di lavaggio delle aree esterne, in attuazione dell'articolo 52, comma 1, lettera a) della legge regionale 12 dicembre 2003, n. 26 e relativa "Direttiva per l'accertamento dell'inquinamento delle acque di seconda pioggia in attuazione dell'art. 14, comma 2, del Regolamento Regionale n 4/2006" (Delibera di Giunta 7

9 regionale n. 8/2772 pubblicata sul Burl della Regione Lombardia - serie ordinaria del 3 luglio 2006). - Regolamento regionale n. 4 del 3 aprile "Standard qualitativi e modalità di gestione per l'erogazione dei servizi locali di interesse economico generale e criteri di ammissibilità e aggiudicazione delle gare. Standard relativi al servizio idrico integrato, in attuazione dell'art. 2, comma 10, della L.R. 26/2003". Il provvedimento definisce gli standard qualitativi, che vengono ulteriormente innalzati, per l'erogazione di servizi locali attinenti la gestione dei rifiuti, il consumo di energia, l'utilizzo del sottosuolo e delle risorse idriche. In questo regolamento sono già anticipati gli standard relativi al servizio idrico integrato e vengono inoltre indicati i parametri a cui la Giunta regionale dovrà attenersi per definire, entro 6 mesi, gli indicatori relativi ai predetti standard. Il regolamento contiene altresì i criteri per definire il grado di competenza tecnica e professionale dei soggetti partecipanti alle gare e i requisiti per l'ammissibilità e l'aggiudicazione delle gare stesse. (Burl del 6 aprile, 1 supplemento ordinario al n entrato in vigore il 7 aprile 2007). - Circolare "Indicazioni agli Enti Locali e alle Autorità d'ambito per l'attuazione delle disposizioni concernenti l'organizzazione del servizio idrico integrato - L.R. 26/2003" (approvata con Decreto n e pubblicata sul Burl Supplemento Straordinario). Precedentemente erano già stati approvati anche: - Schemi tipo per l'organizzazione del Servizio Idrico Integrato: approvati con delibera di Giunta - previsti nella Legge regionale n. 26 del 12 dicembre 2005, articolo 48, comma 2, lettere b), c) - pubblicati sul II S.S. al B.U.R.L. n 3 del 18 gennaio 2005 con Deliberazione n del 23 dicembre Regolamento regionale 28 febbraio 2005, n 4 - Organizzazione gestionale del Servizio Idrico Integrato: "Ripartizione dei segmenti di attività tra gestore di reti ed impianti ed erogatore del servizio, nonché determinazione dei criteri di riferimento ai fini dell'affidamento, da parte dell'autorità d'ambito, del servizio ad una pluralità di soggetti" - previsto dalla Legge regionale n. 26, articolo 49, comma 3 - approvato dal Consiglio - pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia 1 marzo 2005, n. 9-1 Supplemento straordinario. 8

10 - Esproprio aree da bonificare - in attuazione dell'art. 21 in tema di bonifica e ripristino ambientale dei siti inquinati - Burl n. 53 anno XXXV : 1 suppl. ordinario, 1 marzo Disciplina degli interventi di bonifica e ripristino ambientale che non richiedono autorizzazione, in attuazione dell'art. 17, comma 1, lettera h) - Burl n. 53 anno XXXV : 1 suppl. ordinario, 1 marzo Piano Urbano Generale dei Servizi del Sottosuolo - PUGSS - Criteri guida per la redazione - in attuazione dell'art Burl n. 53 anno XXXV : 1 suppl. ordinario, 1 marzo Omogeneizzazione dei costi per il conferimento dei rifiuti in discarica - in attuazione degli art. 17 e 23 - Burl n. 53 anno XXXV : 1 suppl. ordinario, 1 marzo Piano dei servizi e Piano del sottosuolo Il c. 8, art. 9 della Lr. 12 /2005 ordina che il Piano dei servizi sia integrato, per quanto riguarda l infrastrutturazione del sottosuolo, con le disposizioni del Piano Urbano generale dei servizi nel sottosuolo (PUGSS), di cui all articolo 38 della Lr. 12 dicembre 2003,n. 26. Appare inscindibile,all avviso del legislatore, l intima connessione tra: le previsioni per i servizi efficaci, la sostenibilità dei costi, derivante dall operatività del Piano dei servizi. Il Piano dei servizi, dovrà integrarsi con le disposizioni del Piano urbano generale dei servizi nel sottosuolo con una elaborazione contestuale. Inoltre il Pugss dovrà venire correlato al Programma triennale delle opere pubbliche e sarà necessario dimostrare la sostenibilità dei costi corrispondenti. I quattro fattori (Piano dei servizi, Pugss, Programma triennale delle opere pubbliche, fattibilità economica degli interventi) debbono ineludibilmente procedere in parallelo, l uno intersecato all altro, nell unità d intenti che deve contraddistinguere l operato della pubblica amministrazione per il raggiungimento dei fini di adeguatezza, sostenibilità, collaborazione, compensazione ed efficienza che lo stesso c. 2, art. 1 della Lr. 12/2005 ritiene fondamentali per il governo integrato del territorio, di cui i quattro fattori fanno pienamente parte. 9

11 10

12 3 COSTI DELLE INFRASTRUTTURAZIONI Negli interventi di posa o di manutenzione delle condotte nel sottosuolo è necessario operare cercando di ridurre il disagio ai cittadini dovuto alla cantierizzazione, che ha un impatto negativo sia dal punto di vista sociale (aumento del traffico, intralcio delle attività commerciali, ecc) sia sull ambiente (emissioni di inquinanti, produzione di polveri,ecc.). I fattori che concorrono al costo globale dell intervento si possono classificare in costi diretti e costi indiretti: C TOT = C costr + C soc Voce Costi di costruzione (costi diretti) 1 Impianto di cantiere Tempi di percorrenza Costi sociali (costi indiretti) 2 Scavo Ambientali: inquinamento da rumori, vibrazioni, polveri e gas 3 Trasporto a rifiuto Incidenti 4 Smaltimento rifiuti 5 Ripristino 6 Fornitura della 7 Installazione 8 Prove 9 Costi per la 10 Costi per 11 Costi per la rottura 12 Durata dei lavori Esempio di grande cantiere 11

13 4 COSTI DIRETTI DI COSTRUZIONE I costi diretti sono quelli sostenuti per la costruzione (C costr ) dell opera. Essi sono facilmente quantificabili e dipendono sostanzialmente dal tracciato e dal tipo di tecnica impiegata. I costi indiretti si riferiscono principalmente ai cosiddetti costi sociali, finora sempre trascurati dagli enti locali, che la popolazione deve sopportare per i disagi immediati e a lungo termine derivanti dall apertura di cantieri lungo il sistema stradale urbano. Tecniche tradizionali Con le tecniche tradizionali di costruzione si parte dal computo metrico dei lavori a cui si applicano i prezzi unitari delle singole lavorazioni, ricorrendo - al Prezziario Regionale per gli articoli comuni - all ultima revisione del Prezziario DEI - ad indagini di mercato per articoli specialistici. Per definire un quadro esauriente dei costi di costruzione delle reti del sottosuolo con le tecniche di scavo tradizionali è necessario sviluppare per ogni tipologia di sottoservizio e infrastruttura sotterranea computi metrici riferiti a differenti taglie. I valori di costo unitari ottenuti, calcolati in modo analitico ed espressi in /m, sono adoperati per ricostruire curve di costo da utilizzare per qualunque elaborazione di tipo parametrico. E quindi necessario considerare separatamente le seguenti differenti infrastrutture: - reti di acquedotto - reti di gasdotto - reti di fognatura - reti di teleriscaldamento - cavidotti e polifore - cunicoli non praticabili - gallerie tecnologiche Le linee guida delle prescrizioni tecniche di posa dei vari sottoservizi sono state delineate dalla Regione Lombardia. A tali indicazioni si adatta questo documento. 12

14 4.1 TUBAZIONI DI ACQUEDOTTO E GASDOTTO Il costo completo per metro di tubazione tiene conto dei seguenti parametri: - taglio e demolizione della pavimentazione stradale; - scavo; - trasporto a discarica del materiale di risulta; - armatura dello scavo; - fornitura e posa della tubazione; - rinfianco e ricoprimento con sabbia; - rinterro con materiale vagliato di scavo; - ripristino della pavimentazione stradale; - incidenza dei pozzetti di ispezione; - oneri dovuti sia a sottoservizi che ad opere provvisionali stimati tramite una percentuale pari al 15% del totale. Relativamente alle condizioni di posa sono assunte le ipotesi indicate dalla regione Lombardia: - la larghezza dello scavo (L) è variabile con il diametro (D) della condotta da interrare: L = 1,2 x D+0,4 con valore minimo pari a 0,7 m - la zona di demolizione della pavimentazione stradale è variabile con la larghezza dello scavo ed è pari a L m. - il rinfianco più il ricoprimento è variabile con il diametro della condotta ed è pari a 0,30 m + D; - su strada asfaltata la sezione di posa si compone di un manto stradale superficiale (strato di base + binder + strato di usura) avente spessore S1 = 0,20 m e di uno strato di fondazione stradale in misto granulare di spessore pari a S2 = 0,30 m Per le tubazioni aventi diametro < di 300 mm è necessario assumere le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo per la posa in opera delle tubazioni pari a 1,50 m. - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 50 m con dimensioni interne 1,20x1,20 m ed altezza 1,25 m. Per le tubazioni aventi diametro > di 300 mm è necessario assumere le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo per la posa in opera delle tubazioni pari a 2,00 m. 13

15 - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 300 m con dimensioni interne 1,50 x1,50 m e altezza 1,75 m. Relativamente ai pozzetti di ispezione è necessario assumere le seguenti condizioni: - profondità fondo tubo = profondità dello scavo (variabile) letto di posa (0,15 m); - spessore soletta di fondo pozzetto = 0,30 m; - spessore soletta superiore pozzetto = 0,20 m; - spessore pareti = 0,15 m. Diametro D Tubazioni Profondità di Scavo H Frequenza Pozzetti Dimensioni planari Pozzetti D< 300 mm 1,50 m 1/50 m 1,20x1,20 m D > 300 mm 2,00 m 1/300 m 1,50x1,50 m Andamento Costi Acquedotto Qui di seguito sono riportate le curve degli andamenti dei costi dell acquedotto, calcolati nei modi sopra descritti, in funzione del diametro della condotta e del materiale con il quale è stata costruita. Costo (Euro/m) Costo acquedotto per m in strada asfaltata Pead Ghisa sferoidale Acciaio Diametro tubazione (mm) Costo al metro dell acquedotto in funzione del materiale e del diametro della condotta 14

16 Andamento Costi Gasdotto Sono riportate le curve degli andamenti dei costi del gasdotto, calcolati nei modi sopra descritti, in funzione del diametro della condotta e del materiale con il quale è stata costruita. Costo per m di gasdotto in strada asfaltata Costo (Euro/m) Pead Acciaio Diametro tubazione (mm) Costo al metro del gasdotto in funzione del materiale e del diametro della condotta 15

17 4.2 TUBAZIONI DI FOGNATURA Il costo completo per metro di tubazione deve tener conto delle seguenti fasi di lavoro - taglio e demolizione della pavimentazione stradale; - scavo; - trasporto a discarica del materiale di risulta; - armatura dello scavo; - fornitura e posa della tubazione; - rinfianco e ricoprimento con sabbia; - rinterro con materiale vagliato di scavo; - ripristino della pavimentazione stradale; - incidenza dei pozzetti di ispezione; - oneri dovuti sia a sottoservizi che ad opere provvisionali stimati tramite una percentuale pari al 15% del totale. Relativamente alle condizioni di posa si assumono le seguenti ipotesi: - la larghezza dello scavo (L) variabile con il diametro (D): L = 1,2 x D+0,4 con valore minimo pari a 0,7 m; - la zona di demolizione della pavimentazione stradale variabile con la larghezza dello scavo e pari a L + 0.8m; - rinfianco più ricoprimento variabile con il diametro ed è pari a 0,30 m + D; - su strada asfaltata la sezione di posa è composta da un pacchetto stradale (strato di base + binder + strato di usura) avente spessore S1= 0,20 m e da uno strato di fondazione stradale in misto granulare di spessore pari a S2= 0,30 m. Esempio di posa di tubazione in Pead 16

18 Per le tubazioni in Ghisa sferoidale ed in Pead con diametri variabili da 125 a 300 mm, per le quali deve essere previsto un funzionamento in pressione, sono state assunte le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo per la posa in opera dei collettori pari a 2,00 m; - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 300 m di fognatura con dimensioni interne 1,20x1,20m e altezza 1,75 m. Per le tubazioni in PVC, Gres, Pead spiralato e Cls con diametro variabile da 250 a 500 mm (funzionamento prevalentemente a gravità) sono state assunte le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo per la posa in opera dei collettori variabile con il diametro e pari a + 2,00 m; - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 30 m di fognatura con dimensioni interne 1,50 x 1,50 m e altezza 2,15 m. Per le tubazioni PVC, Gres, Pead spiralato e Cls con diametro variabile da 500 a 1200 mm (funzionamento prevalentemente a gravità) sono state assunte le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo per la posa in opera dei collettori variabile con il diametro e pari a + 2,00 m; - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 50 m di fognatura con dimensioni interne 2,00x2,00m e altezza 2,75 m. Relativamente ai pozzetti di ispezione si sono assunte le seguenti ipotesi: - profondità fondo tubo = profondità dello scavo (variabile) letto di posa (0,15 m); - spessore soletta di fondo pozzetto = 0,30 m; - spessore soletta superiore pozzetto = 0,20 m; - spessore pareti = 0,15 m. Diametro D Tubazioni Profondità di Scavo H Frequenza Pozzetti Dimensioni planari Pozzetti D da 125 a 300 mm per tubazioni in Ghisa 2,00 m 1/300 m 1,20 x 1,20 m sferoidale ed in Pead D da 250 a 500 mm per tubazioni in PVC, Gres, D+2,00 m 1/30 m 1,50 x 1,50 m Pead spiralato e Cls D da 500 a 1200 mm per tubazioni in PVC, Gres, Pead spiralato e Cls D+2,00 m 1/50 m 2,00 x 2,00 m 17

19 Qui di seguito sono riportate le curve degli andamenti dei costi della fognatura, calcolati nei modi sopra descritti, in funzione del diametro della condotta e del materiale con il quale è stata costruita. Costo per m di fognatura in strada asfaltata Costo (Euro/m) Gres Pead Pead spir. CS Ghisa sferoidale PVC Diametro condotta (mm) Costo al metro della fognatura in funzione del materiale e del diametro della condotta 18

20 4.3 TUBAZIONI PER TELERISCALDAMENTO Il costo completo per metro di tubazione tiene conto di: - taglio e demolizione della pavimentazione stradale; - scavo; - trasporto a discarica del materiale di risulta; - armatura dello scavo; - fornitura e posa della doppia tubazione (A/R); - rinfianco e ricoprimento con sabbia; - rinterro con materiale vagliato di scavo; - ripristino della pavimentazione stradale; - incidenza dei pozzetti di ispezione; - oneri dovuti sia a sottoservizi che ad opere provvisionali stimati tramite una percentuale pari al 15% del totale. I prezzi di fornitura delle tubazioni in acciaio pre-isolate sono state desunte dagli ultimi listini delle ditte che commercializzano questi prodotti. Relativamente alle condizioni di posa si sono assunte le seguenti ipotesi: - larghezza dello scavo (L) variabile con il diametro (D): L = (n tubi x D esterno) + 0,6 con valore minimo pari a 0,7 m; - zona di demolizione della pavimentazione stradale variabile con la larghezza dello scavo e pari a L + 0.8m; - rinfianco più ricoprimento variabile con il diametro e pari a 0,30 m + D esterno - su strada asfaltata la sezione di posa è composta da un pacchetto stradale (strato di base + binder + strato di usura) avente spessore S1 = 0,20 m e di uno strato fondazione stradale in misto granulare di spessore pari a S2 = 0,30 m. 19

21 Esempio di posa di tubazione per teleriscaldamento Per le tubazioni che hanno un diametro esterno < a 300 mm sono state assunte le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo per la posa in opera delle tubazioni pari a 1,50 m; - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 50 m con dimensioni interne 1,20x1,20 m e altezza 1,25 m. Per le tubazioni che hanno un diametro esterno a 300 mm sono state assunte le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo per la posa in opera delle tubazioni pari a 2,00 m; - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 200 m con dimensioni interne 1,50 x1,50 m e altezza 1,75 m. Relativamente ai pozzetti di ispezione si sono assunte le seguenti ipotesi: - profondità fondo tubo = profondità dello scavo (variabile) letto di posa (0,15 m); - spessore soletta di fondo pozzetto = 0,30 m; - spessore soletta superiore pozzetto = 0,20 m; - spessore pareti = 0,15 m. 20

22 Diametro D Profondità di Frequenza Dimensioni planari Tubazioni Scavo H Pozzetti Pozzetti D 300 mm 1,50 m 1/50 m 1,20X1,20 m D > 300 mm 2,00 m 1/200 m 1,50X1,50 m Qui di seguito è riportato la curva dell andamento dei costi della rete di teleriscaldamento, calcolati nei modi sopra descritti, in funzione del diametro della condotta. Costo per m di rete di teleriscaldamente in strada asfaltata Costo (Euro/m) Diametro condotta (mm) Costo al metro della rete di teleriscaldamento in funzione del materiale e del diametro della condotta 21

23 4.4 POLIFORE E CAVIDOTTI Il costo completo per metro di infrastruttura tiene conto di: - taglio e demolizione della pavimentazione stradale; - scavo; - trasporto a discarica del materiale di risulta; - armatura dello scavo; - fornitura e posa dei cavidotti in Pead spiralato; - getto di calcestruzzo; - rinterro con materiale vagliato di scavo; - ripristino della pavimentazione stradale; - incidenza dei pozzetti di ispezione; - oneri dovuti sia a sottoservizi che ad opere provvisionali stimati tramite una percentuale pari al 15% del totale. I prezzi di fornitura delle tubazioni in Pead spiralato sono state desunte dall ultima edizione del Prezziario DEI. Sono state analizzate 8 polifore corrispondenti ad 8 configurazioni diverse per numero e diametro dei cavidotti; in particolare: - 4 polifore per l alloggiamento 2,4,6,8 cavidotti con D = 125 mm; - 4 polifore per l alloggiamento di 2,4,6,8 cavidotti con D = 200 mm. Si è immaginato di disporre i cavidotti su non più di 2 file orizzontali: 1x2; 2x2; 2x3, 2x4. Relativamente alle condizioni di posa si sono assunte le seguenti ipotesi: - larghezza dello scavo (L) variabile con il diametro (D) e il numero di cavidotti: L = 1,2 x ingombro laterale+0,4 con valore minimo pari a 0,7 m; - zona di demolizione della pavimentazione stradale variabile con la larghezza dello scavo e pari a L + 0.8m; - altezza della polifora in Cls variabile con il diametro e il numero di cavidotti: pari a 2 x ingombro verticale; - su strada asfaltata la sezione di posa si compone di un pacchetto stradale (strato di base + binder + strato di usura) avente spessore S1 = 0,20 m e di uno strato fondazione stradale in misto granulare di spessore pari a S2 = 0,30 m. Per le polifore con cavidotti del D = 125 mm sono state assunte le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo pari a 1,20 m; - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 50 m con dimensioni interne 1,20 x 1,20 m e altezza 0,95 m. 22

24 Per le polifore con cavidotti con un D = 200 mm sono state assunte le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo pari a 1,35 m; - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 50 m con dimensioni interne 1,50 x 1,50 m e altezza 1,10 m. Relativamente ai pozzetti di ispezione si sono assunte le seguenti ipotesi: - profondità fondo tubo = profondità dello scavo (variabile) letto di posa (0,15 m) - spessore soletta di fondo pozzetto = 0,30 m; - spessore soletta superiore pozzetto = 0,20 m; - spessore pareti = 0,15 m. Esempio di polifora con sei cavidotti Qui di seguito sono riportate le curve degli andamenti dei costi delle polifere, calcolati nei modi sopra descritti, in funzione del diametro delle condotte e del numero di cavidotti. 23

25 Cunicoli interrati ed affioranti (elektro) Costo (Euro/m) Costo per m di polifere in strada asfaltata Cavidotto D=200mm Cavidotto D=120mm Numero cavidotti per polifera (n) Costo al metro delle polifore in funzione del numero di cavidotti e del diametro delle condotte 24

26 4.5 INFRASTRUTTURE POLIFUNZIONALI L'infrastrutturazione attraverso l'uso di Strutture Sotterranee Polifunzionali (SSP: gallerie tecnologiche o cunicoli) è definita dalla L.R. 26/03 titolo IV, articolo 34 comma 3, come manufatto sotterraneo, che deve essere conforme alle norme tecniche vigenti ed sono destinate ad accogliere tutti i servizi di rete compatibili in condizioni di sicurezza. Tali strutture devono assicurare il tempestivo e libero accesso agli impianti per gli interventi legati alle esigenze di continuità di servizio come prescrive l articolo 34, comma 3 della stessa legge. L'infrastruttura è considerata opera di pubblica utilità ed assimilata, ad ogni effetto, alle opere di urbanizzazione primaria come afferma il comma 4 dell articolo 34. L'utilizzo delle suddette infrastrutture è finalizzato a: - organizzare il sottosuolo di un comune, riunendo sistematicamente le reti di distribuzione dei servizi primari (energia elettrica, riscaldamento, impianti idrici, telecomunicazioni), utilizzando le migliori tecnologie e facendo stretto riferimento ai fattori di sicurezza. - Questa scelta porta ad eliminare la situazione anarchica oggi esistente nel sottosuolo, a migliorare l'organizzazione tecnica e l area dei servizi ed a realizzare un sistema che può essere governato e controllato continuamente, mediante il monitoraggio costante delle reti; - diminuire i tempi di manutenzione ordinaria e straordinaria delle reti, riducendo di conseguenza i disagi provocati dai cantieri stradali basando le modalità di intervento mediante una pianificazione dei lavori dei diversi gestori ed un coordinamento nelle installazioni di tratti di reti in comune; - realizzare una rete tecnologica flessibile nel sottosuolo, nella quale, accanto alle reti dei servizi primari, possono facilmente essere inseriti nuovi servizi, quali: impianti di diffusione sonora, impianti di diffusione televisiva anche a circuito chiuso, impianti di rilevazione dei parametri ambientali; - trasformare le attuali reti prive di controlli inerenti la sicurezza, in reti in grado di potersi dotare di strumenti in grado di fornire costantemente un quadro completo della situazione. Tutto ciò facilita le ispezioni e le verifiche e permette di avere una visione d'insieme dell'intero sistema dei sottoservizi così incanalati. La struttura polivalente necessita di un unico scavo per la sua installazione non sono più necessari interventi cantieristici per la manutenzione. Inoltre i servizi disposti su supporti distinti e separati in un ambiente protetto dall'acqua, dagli schiacciamenti, isolati gli uni dagli altri, sono meno soggetti al danneggiamento e all'usura e l'azione di manutenzione 25

27 si riduce oltre che essere più facilitata. Deve essere ricordato che queste infrastrutture devono essere provviste di derivazioni o dispositivi funzionali alla realizzazione degli allacciamenti con gli immobili di pertinenza nel rispetto delle normative tecniche. Esempio di installazione caotica delle reti dei servizi Esempio di struttura polifunzionale 26

28 Anche se tale soluzione potrebbe diventare problematica se non impraticabile quando si è in presenza di vecchie infrastrutture stradali e in particolare di conoscere le caratteristiche storiche, rappresenta comunque la soluzione ottimale per le aree di nuova urbanizzazione, nonché per le zone edificate, in occasione di significativi interventi di riqualificazione urbana e rifacimento delle strutture viarie che richiedono o rendono opportuno il riposizionamento degli alloggiamenti destinati ai servizi di rete. Le autorità locali devono, attraverso il regolamento di utilizzo del sottosuolo stradale previsto dalla legge, di intraprendere iniziative per la realizzazione di cunicoli tecnologici. L Amministrazione comunale mette a disposizione, delle compagnie di distribuzione a rete dei servizi, gli spazi disponibili in tali strutture dietro pagamento di un giusto compenso che permette di rendere economico l investimento necessario. Il Comune nel tempo ha un introito per l affitto delle reti ai gestori. L attuale onere diventa un vantaggio per la pubblica amministrazione. Questo tipo di infrastrutture deve essere realizzate, nelle aree ad elevato indice di urbanizzazione, con tecnologie improntate alla mancata o contenuta effrazione della sede stradale e delle relative o annesse pertinenze quali gli scavi a fondo cieco o le tecniche No-Dig. Tali infrastrutture devono anche essere dimensionate in funzione delle esigenze di sviluppo riferibili a un orizzonte temporale almeno di medio periodo. Inoltre tali infrastrutture devono essere provviste di derivazioni o dispositivi funzionali alla realizzazione degli allacciamenti con gli immobili di pertinenza nel rispetto delle normative tecniche. Tipologia di infrastrutture Le infrastrutture si possono suddividere in due categorie: - i cunicoli tecnologici non praticabili - le gallerie tecnologiche. La galleria tecnologica è una struttura percorribile da uomini ed eventualmente da mezzi per un alloggiamento multiplo di servizi che risponda ai criteri di affidabilità e di resistenza rispetto a problemi di assestamento dei suoli e ai fenomeni sismici. Il cunicolo tecnologico è un'infrastruttura atta a contenere più servizi tecnologici, simile alla galleria ma con dimensioni minori. È una struttura dotata di chiusura mobile carrabile disposta sul piano di calpestio, facilmente ispezionabile ma non percorribile dagli operatori. Può essere realizzata con i medesimi materiali della galleria ma, ovviamente con costi economici nettamente inferiori a quelli delle gallerie tecnologiche. 27

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

Computo Metrico Estimativo Rete Fognaria

Computo Metrico Estimativo Rete Fognaria Rete Fognaria Pag. 1 LAVORI A MISURA 4 E01.010) RINTERRI Rinterro con materiale di risulta proveniente da scavo, compreso l'avvicinamento dei [...] il costipamento prescritto. Compreso ogni onere per rete

Dettagli

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E La presente relazione si riferisce al progetto dell intervento pubblico in attuazione Programmi Urbani Complessi - PUC2 Sistemazione

Dettagli

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI COMUNE DI LUSCIANO (Provincia di Caserta) Progetto esecutivo dei lavori di: COMPLETAMENTO ED ADEGUAMENTO DELLE RETE FOGNARIA Stralcio 1 LOTTO. ANALISI NUOVI PREZZI 1 Premessa Il computo metrico estimativo

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124 Tubi e raccordi in ghisa sferoidale per acquedotti norma EN 545 CLASSE K9 e per fognature norma EN 598 CLASSE K9 - prodotti da azienda certificata ISO 9001 DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

NUOVE SINERGIE TRA RETI GAS ED ELETTRICHE: il riutilizzo no-dig dei gasdotti non più utilizzati testo e foto di Gianluca Riu * e Carlo Torre**

NUOVE SINERGIE TRA RETI GAS ED ELETTRICHE: il riutilizzo no-dig dei gasdotti non più utilizzati testo e foto di Gianluca Riu * e Carlo Torre** NUOVE SINERGIE TRA RETI GAS ED ELETTRICHE: il riutilizzo no-dig dei gasdotti non più utilizzati testo e foto di Gianluca Riu * e Carlo Torre** foto apertura, DSC0518 Nel mese di ottobre 2006, dalla fusione

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI Un sistema innovativo di camerette a tenuta idraulica in calcestruzzo per condotte acque bianche e nere a norma uni en 1917 realizzate individualmente in eccellente qualità monolitica secondo i requisiti

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

Comune di VERRONE Provincia di BIELLA COMPUTO METRICO

Comune di VERRONE Provincia di BIELLA COMPUTO METRICO Comune di VERRONE Provincia di BIELLA pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: COMMITTENTE: STIMA SOMMARIA DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE computo metrico estimativo, STRADA PRGC. Prezzi dedotti dal Prezziario della

Dettagli

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli:

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli: PREMESSA Il presente Piano di manutenzione, redatto ai sensi dell art 38 del D.P.R. 207/2010, ha lo scopo sia di dare indicazione sul corretto utilizzo delle opere effettivamente realizzate, che di pianificare

Dettagli

PREMESSA IL TERRITORIO

PREMESSA IL TERRITORIO PREMESSA La presente relazione accompagna il progetto esecutivo delle attività di pronto intervento diurno e notturno, feriale e festivo e la realizzazione di manutenzioni ordinarie delle reti, allacciamenti

Dettagli

Comune di BERBENNO DI VALTELLINA. Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N.

Comune di BERBENNO DI VALTELLINA. Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N. Comune di BERBENNO DI VALTELLINA Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N.1 Data, Marzo 2014 ALLEGATO A CONSISTENZA 1. CABINE DI DECOMPRESSIONE

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

Prezzo 01 - Rotatoria

Prezzo 01 - Rotatoria LAVORI A CORPO 1 Prezzo 01 - Rotatoria Prezzo per la realizzazione della rotatoria del diametro di 45.20 mt. in ambito extraurbano all'incrocio tra la Via Vittorio Veneto e la strada provinciale Sestu

Dettagli

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA Pagina 2 di 7 INDICE OPERE IDRAULICHE... 3 RETI FOGNARIE... 3 TOMBINATURA AUSA... 3 MATERIALI E POSA IN OPERA... 4 RETE IDRICA... 5 RETE GAS METANO... 5 IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

Opere Urbanizzazione PRIMARIA - Soc. MILESI S.r.l.

Opere Urbanizzazione PRIMARIA - Soc. MILESI S.r.l. 1A OPERE URBAN. PRIMARIA AREE IN CESSIONE 1 1.5.1.1.s Demolizione parziale di strutture di fabbricati fuori terra, escluso: l'eventuale ponteggio, le operazioni necessarie per líabbassamento dei materiali

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Convenzione per la costruzione della fognatura nel Comune di in via.

Convenzione per la costruzione della fognatura nel Comune di in via. Convenzione per la costruzione della fognatura nel Comune di in via. Riferimento preventivo n 00000 INDICE: Articolo 1: Descrizione dei lavori... 1 Articolo 2: Obblighi a carico della committenza.... 2

Dettagli

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI Relatore : GianMarco Simioni L ispezione nella rete fognaria I POZZETTI D ISPEZIONE NELLE FOGNATURE Come elemento di ispezione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA Aggiornamento settembre 2012 A) NORMATIVA SULLE CONDOTTE

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE

OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE Firmato digitalmente da Luigi Giansanti CN = Giansanti Luigi O = Collegio Periti Industriali di Terni/80006410551 C = IT OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE L appalto è soggetto all esatta osservanza di tutte

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

TUBI CIRCOLARI AUTOPORTANTI A NORMA UNI EN 1916 marcato CE

TUBI CIRCOLARI AUTOPORTANTI A NORMA UNI EN 1916 marcato CE TUBI CIRCOLARI AUTOPORTANTI A NORMA UNI EN 1916 marcato CE TUBI CIRCOLARI AUTOPORTANTI CON PIANO SENZA ARMATURA DIAMETRO LUNGHEZZA CLASSE RESISTENZA ML.PER BILICO mm mm (Kn/mq) (Kg) (ml) ( /ml) 300 2400

Dettagli

ITALIANA CORRUGATI S.p.A. SISTEMI COMPLETI PER CONDOTTE DI SCARICO INTERRATE ITALIANA CORRUGATI N.287 N.287. UNI EN ISO 9001:2000 certificato N.

ITALIANA CORRUGATI S.p.A. SISTEMI COMPLETI PER CONDOTTE DI SCARICO INTERRATE ITALIANA CORRUGATI N.287 N.287. UNI EN ISO 9001:2000 certificato N. UNI EN ISO 9001:2000 certificato N.318 SISTEMI COMPLETI PER CONDOTTE DI SCARICO INTERRATE UNI EN ISO 14001:2004 certificato N.82 N.287 N.287 pren 13476-1 UNI 10968-1 ITALIANA CORRUGATI S.p.A. Listino 06/2007

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO PREMESSA Su incarico del Comune di Rosarno (Comunicazione del 24.09.2012 prot. n.17914 con riferimento alla Determinazione del 3^ U.O.C. n 525 del

Dettagli

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE 1. Ambito di applicazione...2 2. Definizioni... 2 3. Progetto di nuove urbanizzazioni... 3 4. Prescrizioni tecniche da seguire

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE SALIENTI

DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE SALIENTI DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE SALIENTI Il progetto riguarda la progettazione delle opere di fognatura del X Lotto dei collettori e delle reti di raccolta della fognatura nei Comuni di San

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Area Servizi Tecnici. Regolamento per la sistemazione nel sottosuolo di impianti tecnologici.

COMUNE DI BRESCIA. Area Servizi Tecnici. Regolamento per la sistemazione nel sottosuolo di impianti tecnologici. COMUNE DI BRESCIA Area Servizi Tecnici Regolamento per la sistemazione nel sottosuolo di impianti tecnologici. Adottato dal Consiglio comunale con provvedimento in data 21.12.2001 n. 283. TITOLO I Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Gestore del Servizio Idrico Integrato all interno dell Ambito Territoriale n. 2 Marche Centro Ancona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Regolamento Fognatura e Depurazione ALLEGATO N. 3/A Prescrizioni

Dettagli

L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo

L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo PREMESSA L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo riguarda la realizzazione di collettori fognari di raccolta dei reflui provenienti da via Bressane laterale, zone nella frazione

Dettagli

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio Listino Prezzi DEPOSITO DI BARI 70027 PALO DEL COLLE BARI - S.S. 96 Km. 113+200 TEL. 080 627580 - FAX 080 629648 e-mail: appa.commerciale@tiscali.it www.appartubi.it TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per

Dettagli

ACCORDO TRA. La Provincia di Varese, rappresentata dal Assessore alla Viabilità e Trasporti Cav. Aldo

ACCORDO TRA. La Provincia di Varese, rappresentata dal Assessore alla Viabilità e Trasporti Cav. Aldo ACCORDO TRA La Provincia di Varese, rappresentata dal Assessore alla Viabilità e Trasporti Cav. Aldo Simeoni di seguito indicata come la "Provincia", E Telecom Italia S.p.A., con sede legale in Milano

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI PARTE I - LAVORI A) Voci comprese nel prezzario regionale delle Opere pubbliche

ELENCO PREZZI UNITARI PARTE I - LAVORI A) Voci comprese nel prezzario regionale delle Opere pubbliche D.0001.0001.0015 D.0001.0002.0030 D.0001.0002.0040 ELENCO PREZZI UNITARI PARTE I - LAVORI A) Voci comprese nel prezzario regionale delle Opere pubbliche D.0001.0001.0013 DEMOLIZIONE E ASPORTAZIONE PARZIALE

Dettagli

INDICE cls per cantiere

INDICE cls per cantiere Linea Cantiere INDICE cls per cantiere CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO LEGGERO PG. 4 GRIGLIE ACCIAIO ZINCATO PG. 4 CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO PESANTE PG. 5 GRIGLIE

Dettagli

M-01 INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO DELL ABITATO DI AULLA (MS)

M-01 INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO DELL ABITATO DI AULLA (MS) Commissario Delegato O.P.C.M. 3974/2011 M-01 INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO DELL ABITATO DI AULLA (MS) INTERVENTO DI ADEGUAMENTO DEL MURO D ARGINE IN SINISTRA IDRAULICA DEL

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

LAVORI di MANUTENZIONE RETI E IMPIANTI FOGNARI LOTTI 1-2

LAVORI di MANUTENZIONE RETI E IMPIANTI FOGNARI LOTTI 1-2 LAVORI di MANUTENZIONE RETI E RELAZIONE GENERALE E TECNICA Pag. 1 di 12 INDICE Titolo Pagina 1. LE PREMESSE 3 1.1. Cenni sull'azienda 3 1.2. Oggetto del presente appalto 3 1.3. Ammontare dell appalto 5

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PIANI URBANISTICI ATTUATIVI CIVILI Si deve prevedere la separazione delle reti in bianche e nere

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI RONCADE PROGETTO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE SCHEDA DI ACCORDO N. 10 DITTA: Bassetto Elio, Bassetto Renato, Bresolin Gino, Geromel Sergio, Pellegrin Luigi e Damelico Severina

Dettagli

BANDO ATTUATIVO REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI CARDANO AL CAMPO (VA)

BANDO ATTUATIVO REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI CARDANO AL CAMPO (VA) PROGETTO ESECUTIVO BANDO ATTUATIVO REGIONE LOMBARDIA COMUNE DI CARDANO AL CAMPO (VA) PROGETTO ESECUTIVO PER IMMOBILI IN CORSO DI ACQUISIZIONE CON PROCEDURA DI ESPROPRIO ATTUALMENTE CUSTODITI DAL TRIBUNALE

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ...

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ... ... 1 INTRODUZIONE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 PRESCRIZIONI TECNICHE... 3 4 CALCOLO PORTATE DI PROGETTO... 3 5 VERIFICA IDRAULICA DEL COLLETTORE... 5 Pagina 1 di 6 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

ALLEGATO N. 1 Principi, modalità e criteri per la determinazione dell indennità di civico ristoro prevista dall art. 5, comma 1 del regolamento.

ALLEGATO N. 1 Principi, modalità e criteri per la determinazione dell indennità di civico ristoro prevista dall art. 5, comma 1 del regolamento. ALLEGATO N. 1 Principi, modalità e criteri per la determinazione dell indennità di civico ristoro prevista dall art. 5, comma 1 del regolamento. 1. Principi a fondamento dell indennità di civico ristoro

Dettagli

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 ! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5, 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 : 7 3?3# 7 8 8 + 8 7!( < 9 +

Dettagli

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12.

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12. 12 Prove di collaudo S copo del collaudo è quello di verificare l efficienza e la funzionalità idraulica di un collettore posato in opera. In particolare si dovrà verificare: n la deformazione diametrale;

Dettagli

LAVORI - PROGETTO ESECUTIVO OPERE DI URBANIZZAZIONE - PERMESSO DI COSTRUIRE -

LAVORI - PROGETTO ESECUTIVO OPERE DI URBANIZZAZIONE - PERMESSO DI COSTRUIRE - Elaborato modificato con richieste Comune di Ferrara LAVORI - PROGETTO ESECUTIVO OPERE DI URBANIZZAZIONE - PERMESSO DI COSTRUIRE - COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Articolo INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE

Dettagli

ALLACCIAMENTI: MODALITÀ E

ALLACCIAMENTI: MODALITÀ E ASET S.p.A. REGOLAMENTO FOGNATURA E DEPURAZIONE - --------------------------------------------------------------------------------- ALLACCIAMENTI: MODALITÀ E DEFINIZIONE CONTRIBUTI Modificato con Del.

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA Città di Spinea CASA DELL ACQUA Predisposizione area impianti Progetto preliminare Elaborato UNICO Spinea, 11.10.2013 Piazza del Municipio 1 30038 Spinea (VE) Tel.

Dettagli

PIANO DI RICOSTRUZIONE DEL CENTRO STORICO DEL COMUNE DI CAMPOTOSTO. CENTRI STORICI di MASCIONI e di ORTOLANO Ambito F

PIANO DI RICOSTRUZIONE DEL CENTRO STORICO DEL COMUNE DI CAMPOTOSTO. CENTRI STORICI di MASCIONI e di ORTOLANO Ambito F PIANO DI RICOSTRUZIONE DEL CENTRO STORICO DEL COMUNE DI CAMPOTOSTO CENTRI STORICI di MASCIONI e di ORTOLANO Ambito F INTERVENTI SU SPAZI PUBBLICI E RETI DEI SOTTOSERVIZI - ATTESTAZIONE DEL NESSO DI CAUSALITA

Dettagli

Salto di quota presso in canale principale. Salto di quota presso l ingresso laterale

Salto di quota presso in canale principale. Salto di quota presso l ingresso laterale SALTI DI QUOTA ESTERNI PFEIFENKOPF Pfeifenkopf, salto di quota esterno al pozzetto in polietilene per pozzetti di canalizzazione e di pompe, è costituito da una camera di raccolta con un muro rinforzato

Dettagli

INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE N. Cod. MISURE 0,00

INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE N. Cod. MISURE 0,00 01 SCAVI, RINTERRI E DEMOLIZIONI 1 01.01 Scavo superficiale di scotico del piano di campagna per la pulizia del terreno e con l'asportazione di una coltre superficiale dello spessore massimo di 30 cm,

Dettagli

Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO)

Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO) Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO) Le tubazioni in cemento armato ordinario utilizzano le caratteristiche di resistenza alla compressione del calcestruzzo ed a trazione per l'acciaio. Le condotte

Dettagli

elaborato di progetto Allegato E scala

elaborato di progetto Allegato E scala elaborato di progetto Allegato E scala SCHEDA FINAZIARIA PER GLI AMBITI NEI QUALI SI APPLICA LA DIFFERIBILITA DEGLI STANDARD (sub ambiti B3.1, B3.2, B3.3 ed APU3/C2) Premessa Il PRG per gli interventi

Dettagli

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE 1 EMPOLI PIANO DI RECUPERO EX VETRERIA BETTI PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE Introduzione: L area interessata dal Piano di Recupero, di proprietà della ditta IMMARTIN s.r.l., coincide con l immobile conosciuto

Dettagli

Provincia di ANCONA Settore X Viabilità Via Ruggeri, 5 60131 ANCONA Tel. 071 5894 284 Fax 071 5894 612

Provincia di ANCONA Settore X Viabilità Via Ruggeri, 5 60131 ANCONA Tel. 071 5894 284 Fax 071 5894 612 Provincia di ANCONA Settore X Viabilità Via Ruggeri, 5 60131 ANCONA Tel. 071 5894 284 Fax 071 5894 612 Progetto Esecutivo Oggetto : Realizzazione di una rotatoria all incrocio tra la S.P. n. 2 Sirolo-

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO PROGETTISTA: ARCH. OSWALD ZOEGGELER BOLZANO 24/05/2002 1 INDICE 1 Elenco degli elaborati

Dettagli

FOGNARIO. Catalogo - Listino

FOGNARIO. Catalogo - Listino FOGNARIO Catalogo - Listino versione n 1 del 24/03/2010 F.lli Abagnale sas l AZIENDA Dall'inizio degli anni '70 la ditta Fratelli Abagnale opera nel settore delle costruzione di prefabbricati in cemento.

Dettagli

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura.

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura. LA GESTIONE DELLA RETE IDRAULICA DI DRENAGGIO Gestione della rete di fognatura Il corretto funzionamento della rete di fognatura e di conseguenza la sicurezza idraulica del territorio servito è garantita

Dettagli

M-01 INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO DELL ABITATO DI AULLA (MS)

M-01 INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO DELL ABITATO DI AULLA (MS) Commissario Delegato O.P.C.M. 3974/2011 M-01 INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO DELL ABITATO DI AULLA (MS) INTERVENTO DI ADEGUAMENTO DEL MURO D ARGINE IN SINISTRA IDRAULICA DEL

Dettagli

Tecnologie alternative allo scavo

Tecnologie alternative allo scavo 1 Tecnologie alternative allo scavo 1. No-dig o trenchless 2. Tecnologie per nuove installazioni di tubazioni e cavi 3. Tecnologie per la bonifica di condotte e tubazioni esistenti 4. Tecnologie per la

Dettagli

VARIANTE PARZIALE AL PIANO ATTUATIVO APPROVATO IL 06-09-2010 E AL P.R.G. PARTE OPERATIVA. ai sensi del comma 16 art.24 L.R.

VARIANTE PARZIALE AL PIANO ATTUATIVO APPROVATO IL 06-09-2010 E AL P.R.G. PARTE OPERATIVA. ai sensi del comma 16 art.24 L.R. Comune di Terni - Provincia di Terni VARIANTE PARZIALE AL PIANO ATTUATIVO APPROVATO IL 06-09-2010 E AL P.R.G. PARTE OPERATIVA ai sensi del comma 16 art.24 L.R. 11/2005 FOGLIO 128 - PART 454-458-459-460-461-462

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

Acque Pluviali ISPEZIONABILE PULIBILE MODULARE. L innovazione al servizio. del trasporto dei fluidi. Le soluzioni sviluppate da Wavin sono sempre

Acque Pluviali ISPEZIONABILE PULIBILE MODULARE. L innovazione al servizio. del trasporto dei fluidi. Le soluzioni sviluppate da Wavin sono sempre Acque Pluviali Wavin Q-Bic Costruisce l avvenire dell acqua ISPEZIONABILE PULIBILE MODULARE Le soluzioni sviluppate da Wavin sono sempre state all avanguardia nel campo della gestione delle acqua di pioggia.

Dettagli

ITALIAN ASSOCIATION TRENCHLESS TECHNOLOGY. Le Tecnologie Trenchless: Sostenibilità, Sicurezza e Normazione. Paolo Trombetti FOR.

ITALIAN ASSOCIATION TRENCHLESS TECHNOLOGY. Le Tecnologie Trenchless: Sostenibilità, Sicurezza e Normazione. Paolo Trombetti FOR. ITALIAN ASSOCIATION FOR TRENCHLESS TECHNOLOGY Le Tecnologie Trenchless: Sostenibilità, Sicurezza e Normazione Paolo Trombetti Presidente IATT Milano 16 Giugno 2014 Indice o o o o o o Chi è IATT Le Tecnologie

Dettagli

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area INQUADRAMENTO GENERALE Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area SW dei Colli Euganei. La sua popolazione, pari a circa 3100 abitanti, comprende oltre all abitato

Dettagli

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura Approvato dall'assemblea

Dettagli

OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA Appalto per: OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA DOCUMENTI

Dettagli

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U COMUNE DI SEGRATE MILANO YOU una città di persone INDICE 1. PREMESSE... 2 2. RETE IMPIANTO ELETTRICO... 4 2.1. RETE ENEL MT / BT... 4 2.2. IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA... 5 2.3. IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA...

Dettagli

COMUNE DI ROBECCHETTO CON INDUNO

COMUNE DI ROBECCHETTO CON INDUNO COMUNE DI ROBECCHETTO CON INDUNO Provincia di Milano RETE DI COLLETTAMENTO REFLUI INDUSTRIALI ALL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE IN COMUNE DI ROBECCHETTO CON INDUNO Intervento: tratto sud-ovest H aggiornamenti

Dettagli

Comune di Fano Località Rosciano REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 993.6 KWP COLLEGATO ALLA RETE ELETTRICA DI MEDIA TENSIONE

Comune di Fano Località Rosciano REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 993.6 KWP COLLEGATO ALLA RETE ELETTRICA DI MEDIA TENSIONE Sommario 1 PREMESSA 2 2 ANALISI DEGLI SCENARI 2 3 ANALISI DELLE OPERAZIONI 2 4 PREVISIONE DEI MEZZI DA UTILIZZARE 5 5 TEMPI 5 6 COSTI DELLO SMONTAGGIO 6 1 PREMESSA La presente relazione concerne il Piano

Dettagli

La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr

La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr Torino, 02/04/2014 Andrea Nardinocchi L impegno ambientale di Italferr Italferr è da anni impegnata nella gestione delle tematiche ambientali

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Provincia di Milano Comune di Inveruno

PROGETTO ESECUTIVO. Provincia di Milano Comune di Inveruno ELENCO DOCUMENTI 1. 5981/1.RG - Relazione Generale 2. 5981/1.CE - Computo Metrico Estimativo 3. 5981/1.EP Elenco Prezzi Unitari 4. 5981/1.QE Quadro economico 5. 5981/1.CR Cronoprogramma 6. 5981/1.PSC Piano

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE PIANO ATTUATTIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA N.46 DI VIALE TREVISO OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA Pordenone lì, Il

Dettagli

ELENCO DEI PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m. PREZZO

ELENCO DEI PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m. PREZZO 1.2.19.A 1.4.G.1.A 1.4.G.5 1.4.I.4.D1 Formazione di ponteggio tubolare di facciata per la realizzazione degli interventi interessanti la copertura dell'aula della scuola elementare (rif. intervento n.

Dettagli

INDICE cls per cantiere

INDICE cls per cantiere Linea Cantiere INDICE cls per cantiere CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO LEGGERO PG. 4 GRIGLIE ACCIAIO ZINCATO PG. 4 CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO PESANTE PG. 5 GRIGLIE

Dettagli

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA.

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA. NT-3 Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA Abstract Questo documento contiene le modalità di collaudo tecnico degli impianti in fibra ottica di Infratel. Tale documento sarà il riferimento

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE (art. 38 DPR n. 207/2010 e smi)

PIANO DI MANUTENZIONE (art. 38 DPR n. 207/2010 e smi) PIANO DI MANUTENZIONE (art. 38 DPR n. 207/2010 e smi) Introduzione e riferimenti normativi Ai fini della compilazione dei piani di manutenzione, si deve fare riferimento alla UNI 7867, 9910, 10147, 10604

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE Art. 1 - PREMESSA Gli articoli che compongono il presente regolamento, ancorchè prevedano oneri a carico degli utenti del servizio

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Parte Terza INFRASTRUTTURE

REGIONE CAMPANIA. Parte Terza INFRASTRUTTURE REGIONE CAMPANIA Parte Terza INFRASTRUTTURE CAPITOLO N 1 ACQUEDOTTI E FOGNATURE AVVERTENZE SCAVI IN GENERE Negli scavi a sezione obbligata il volume si ricava moltiplicando l'area dei fondo del cavo per

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 03//04 COMUNE DI FABRIANO PIAZZA DEL COMUNE - FABRIANO (AN) LAVORI - Piani di Recupero Centro Storico-Borgo - studio di fattibilità - modifiche apportate dopo incontro del 07-0-2004 00 - Sistemazione torrente

Dettagli

09.02.00.00. ACCESSIBILITA' STRADALE E FERROVIARIA PRIMA FASE Computi e Stime. Computo Metrico Estimativo 09.02.00.00

09.02.00.00. ACCESSIBILITA' STRADALE E FERROVIARIA PRIMA FASE Computi e Stime. Computo Metrico Estimativo 09.02.00.00 09.02.00.00 ACCESSIBILITA' STRADALE E FERROVIARIA PRIMA FASE Computi e Stime Computo Metrico Estimativo 09.02.00.00 - A4 0 Emissione 31/01/2011 M. Bettio M. Bellonzi T. Finocchietti F. Binotto R. Baldo

Dettagli

Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza

Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza SYSTEM GROUP 07.2014 1 La velocità della corrente nelle canalizzazioni fognarie deve essere tale da evitare sia la formazione

Dettagli