CASORATE PRIMO (PV) CITTA INFRASTRUTTURATA. Confronto economico tra diverse soluzioni tecniche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CASORATE PRIMO (PV) CITTA INFRASTRUTTURATA. Confronto economico tra diverse soluzioni tecniche"

Transcript

1 CASORATE PRIMO (PV) CITTA INFRASTRUTTURATA Confronto economico tra diverse soluzioni tecniche Giugno 2009

2 - Confronto Economico Casorate Primo PV -

3 INDICE 1 PREMESSA NORMATIVA COSTI DELLE INFRASTRUTTURAZIONI COSTI DIRETTI DI COSTRUZIONE COSTI INDIRETTI - COSTI SOCIALI CONCLUSIONI

4 3

5 1 PREMESSA Il Piano Urbano Generale dei Servizi nel Sottosuolo (PUGSS) è lo strumento di pianificazione del sottosuolo previsto dalla Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 3/3/99, dalla Legge Regionale Lombarda n. 26, titolo IV, approvata il 12/12/2003 e dal Regolamento Regionale n. 3/05. L Amministrazione comunale, sulla base di queste disposizioni, sono state obbligate a predisporre il PUGSS come strumento di governo e di gestione del sottosuolo le cui disposizioni sono integrate nel Piano dei Servizi per quanto riguarda l infrastrutturazione del sottosuolo. In questi studi si è constatato che in generale si è assistito, negli ultimi anni, ad un proliferare dei sottoservizi a rete (con la diffusione dei nuovi servizi quali le reti di telecomunicazione, di cablaggio e il teleriscaldamento che si sono aggiunti alle reti storiche), associato ad una sostanziale inerzia nello sviluppo delle tecniche di gestione e di posa delle condotte. Conseguenza di perdite acquedottistiche Tale fenomeno sta producendo crescenti disfunzioni d insieme dovute ad una disordinata e incontrollata collocazione di tubazioni e cavidotti nel sottosuolo. 4

6 Le reti esistenti necessitano infatti di continue manutenzioni, di ammodernamenti e di ampliamenti, per poter assicurare funzionalità, efficienza ed economicità. Pertanto vanno costantemente ispezionate e risanate. Questi interventi comportano notevoli costi economici (congestione, ritardi, disservizi, danni alla strada, rifacimento di opere presenti), ambientali (rumori, emissioni, ) e sociali (fastidi alle imprese e alle scuole, al tempo libero e creazione di incidenti). Questo elaborato, partendo da tali considerazioni, ha lo scopo di mettere in evidenza le fonti principale dei costi diretti di costruzione ed indiretti come costi sociali. Inoltra propone un confronto tra le varie tecniche di costruzione per valutare le tecnologie e la economicità. 5

7 2 NORMATIVA La normativa che regola in Lombardia la gestione dei rifiuti, delle risorse idriche, della distribuzione del gas e in generale delle reti di distribuzione nel sottosuolo, è contenuta essenzialmente nel Testo Coordinato pubblicato sul Burl Supplemento Straordinario. Il Testo Coordinato contiene le modifiche apportate dalle seguenti leggi regionali: - L.R. 24 marzo 2004 n. 5; - L.R. 3 agosto 2004 n. 19; - L.R. 20 dicembre 2004 n. 36; - L.R. 11 marzo 2005 n. 12; - L.R. 8 agosto 2006 n. 18; - L.R. 11 dicembre 2006 n. 24 Successivamente a tali norme sono state approvate le altre seguenti leggi: - Legge regionale 27 febbraio 2007, n 5 - La norma, pubblicata il 2 marzo 2007 sul 2 supplemento ordinario del Burl, agli articoli 6,7,8 apporta modifiche rispettivamente alla l.r. 17/2000 in materia di inquinamento luminoso, modifiche e integrazioni alla L.R. 26/2003 in materia di risorse idriche, oltre a fornire l'interpretazione autentica dell'art. 49, commi 2,3,4 della L.R. 26/2003. La legge è entrata in vigore il 3 marzo Legge regionale 12 luglio 2007 n Modifiche alla legge regionale 12 dicembre 2003, n 26 "Disciplina dei servizi di interesse economico generale - Norme in materia di gestione dei rifiuti, di energia, di utilizzo del sottosuolo e di risorse idriche" ed altre disposizioni in materia di gestione dei rifiuti. Tra le modifiche portate dalla legge vi segnaliamo: alcuni articoli ( ) della Legge regionale 26/03 - due commi dell'articolo 30 della Legge regionale 24/06 - l'abrogazione dell'articolo 6 della Legge regionale 18/06. Inoltre sono state promulgati gli atti relativi all'applicazione della legge: - Deliberazione Giunta regionale 4 agosto n 8/528 - "Approvazione dello schema di protocollo d'intesa per il controllo degli scarichi degli impianti di trattamento delle acque reflue urbane". 6

8 - Deliberazione Giunta regionale 17 maggio n 8/ "Direttiva per l'individuazione degli agglomerati, ai sensi dell'articolo 44, comma 1, lettera c) L.R.. n. 26/2003, - Disciplina dei servizi di interesse economico generale Norme in materia di gestione dei rifiuti, di energia, di utilizzo del sottosuolo e di risorse idriche". - Deliberazione Giunta regionale del 13 dicembre n 8/ Programma di tutela e uso delle acque - Indicazioni alle Autorità d'ambito per la definizione degli interventi prioritari del ciclo dell'acqua (L.R. n 26/2003). - Regolamento regionale 24 marzo 2006, n 2 - Disciplina dell'uso delle acque superficiali e sotterranee, dell'utilizzo delle acque a uso domestico, del risparmio idrico e del riutilizzo dell'acqua in attuazione dell'articolo 52, comma 1, lettera c) della legge regionale 12 dicembre 2003, n Regolamento regionale n. 3 del 3 aprile "Incentivi e contributi per il servizio idrico integrato, in attuazione dell'art. 50, comma 2, della L.R. 26/2003" nel quale sono definiti "i criteri di accesso, le priorità di concessione e le modalità di erogazione di incentivi e contributi che la Regione Lombardia concede per favorire le attività di progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva di opere infrastrutturali e di ricerca attinenti al servizio idrico integrato". Contributi che sulla base degli obiettivi strategici del Programma regionale di sviluppo verranno erogati dalla Regione, attingendo anche a finanziamenti nazionali e comunitari.(burl del 6 aprile, 1 supplemento ordinario al n entrato in vigore il 7 aprile 2007). - Regolamento regionale 24 marzo 2006, n 3 - Disciplina e regime autorizzatorio degli scarichi di acque reflue domestiche e di reti fognarie, in attuazione dell'articolo 52, comma 1, lettera a) della legge regionale 12 dicembre 2003, n. 26 e relative "Norme tecniche regionali in materia di trattamento degli scarichi di acque reflue in attuazione dell'articolo 3, comma 1 del Regolamento reg. 2006, n.3" con Deliberazione Giunta regionale 5 aprile 2006, n 8/2318, pubblicata sul Burl della Regione Lombardia - 1 Supplemento straordinario - del 20 aprile Regolamento regionale 24 marzo 2006, n 4 - Disciplina dello smaltimento delle acque di prima pioggia e di lavaggio delle aree esterne, in attuazione dell'articolo 52, comma 1, lettera a) della legge regionale 12 dicembre 2003, n. 26 e relativa "Direttiva per l'accertamento dell'inquinamento delle acque di seconda pioggia in attuazione dell'art. 14, comma 2, del Regolamento Regionale n 4/2006" (Delibera di Giunta 7

9 regionale n. 8/2772 pubblicata sul Burl della Regione Lombardia - serie ordinaria del 3 luglio 2006). - Regolamento regionale n. 4 del 3 aprile "Standard qualitativi e modalità di gestione per l'erogazione dei servizi locali di interesse economico generale e criteri di ammissibilità e aggiudicazione delle gare. Standard relativi al servizio idrico integrato, in attuazione dell'art. 2, comma 10, della L.R. 26/2003". Il provvedimento definisce gli standard qualitativi, che vengono ulteriormente innalzati, per l'erogazione di servizi locali attinenti la gestione dei rifiuti, il consumo di energia, l'utilizzo del sottosuolo e delle risorse idriche. In questo regolamento sono già anticipati gli standard relativi al servizio idrico integrato e vengono inoltre indicati i parametri a cui la Giunta regionale dovrà attenersi per definire, entro 6 mesi, gli indicatori relativi ai predetti standard. Il regolamento contiene altresì i criteri per definire il grado di competenza tecnica e professionale dei soggetti partecipanti alle gare e i requisiti per l'ammissibilità e l'aggiudicazione delle gare stesse. (Burl del 6 aprile, 1 supplemento ordinario al n entrato in vigore il 7 aprile 2007). - Circolare "Indicazioni agli Enti Locali e alle Autorità d'ambito per l'attuazione delle disposizioni concernenti l'organizzazione del servizio idrico integrato - L.R. 26/2003" (approvata con Decreto n e pubblicata sul Burl Supplemento Straordinario). Precedentemente erano già stati approvati anche: - Schemi tipo per l'organizzazione del Servizio Idrico Integrato: approvati con delibera di Giunta - previsti nella Legge regionale n. 26 del 12 dicembre 2005, articolo 48, comma 2, lettere b), c) - pubblicati sul II S.S. al B.U.R.L. n 3 del 18 gennaio 2005 con Deliberazione n del 23 dicembre Regolamento regionale 28 febbraio 2005, n 4 - Organizzazione gestionale del Servizio Idrico Integrato: "Ripartizione dei segmenti di attività tra gestore di reti ed impianti ed erogatore del servizio, nonché determinazione dei criteri di riferimento ai fini dell'affidamento, da parte dell'autorità d'ambito, del servizio ad una pluralità di soggetti" - previsto dalla Legge regionale n. 26, articolo 49, comma 3 - approvato dal Consiglio - pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia 1 marzo 2005, n. 9-1 Supplemento straordinario. 8

10 - Esproprio aree da bonificare - in attuazione dell'art. 21 in tema di bonifica e ripristino ambientale dei siti inquinati - Burl n. 53 anno XXXV : 1 suppl. ordinario, 1 marzo Disciplina degli interventi di bonifica e ripristino ambientale che non richiedono autorizzazione, in attuazione dell'art. 17, comma 1, lettera h) - Burl n. 53 anno XXXV : 1 suppl. ordinario, 1 marzo Piano Urbano Generale dei Servizi del Sottosuolo - PUGSS - Criteri guida per la redazione - in attuazione dell'art Burl n. 53 anno XXXV : 1 suppl. ordinario, 1 marzo Omogeneizzazione dei costi per il conferimento dei rifiuti in discarica - in attuazione degli art. 17 e 23 - Burl n. 53 anno XXXV : 1 suppl. ordinario, 1 marzo Piano dei servizi e Piano del sottosuolo Il c. 8, art. 9 della Lr. 12 /2005 ordina che il Piano dei servizi sia integrato, per quanto riguarda l infrastrutturazione del sottosuolo, con le disposizioni del Piano Urbano generale dei servizi nel sottosuolo (PUGSS), di cui all articolo 38 della Lr. 12 dicembre 2003,n. 26. Appare inscindibile,all avviso del legislatore, l intima connessione tra: le previsioni per i servizi efficaci, la sostenibilità dei costi, derivante dall operatività del Piano dei servizi. Il Piano dei servizi, dovrà integrarsi con le disposizioni del Piano urbano generale dei servizi nel sottosuolo con una elaborazione contestuale. Inoltre il Pugss dovrà venire correlato al Programma triennale delle opere pubbliche e sarà necessario dimostrare la sostenibilità dei costi corrispondenti. I quattro fattori (Piano dei servizi, Pugss, Programma triennale delle opere pubbliche, fattibilità economica degli interventi) debbono ineludibilmente procedere in parallelo, l uno intersecato all altro, nell unità d intenti che deve contraddistinguere l operato della pubblica amministrazione per il raggiungimento dei fini di adeguatezza, sostenibilità, collaborazione, compensazione ed efficienza che lo stesso c. 2, art. 1 della Lr. 12/2005 ritiene fondamentali per il governo integrato del territorio, di cui i quattro fattori fanno pienamente parte. 9

11 10

12 3 COSTI DELLE INFRASTRUTTURAZIONI Negli interventi di posa o di manutenzione delle condotte nel sottosuolo è necessario operare cercando di ridurre il disagio ai cittadini dovuto alla cantierizzazione, che ha un impatto negativo sia dal punto di vista sociale (aumento del traffico, intralcio delle attività commerciali, ecc) sia sull ambiente (emissioni di inquinanti, produzione di polveri,ecc.). I fattori che concorrono al costo globale dell intervento si possono classificare in costi diretti e costi indiretti: C TOT = C costr + C soc Voce Costi di costruzione (costi diretti) 1 Impianto di cantiere Tempi di percorrenza Costi sociali (costi indiretti) 2 Scavo Ambientali: inquinamento da rumori, vibrazioni, polveri e gas 3 Trasporto a rifiuto Incidenti 4 Smaltimento rifiuti 5 Ripristino 6 Fornitura della 7 Installazione 8 Prove 9 Costi per la 10 Costi per 11 Costi per la rottura 12 Durata dei lavori Esempio di grande cantiere 11

13 4 COSTI DIRETTI DI COSTRUZIONE I costi diretti sono quelli sostenuti per la costruzione (C costr ) dell opera. Essi sono facilmente quantificabili e dipendono sostanzialmente dal tracciato e dal tipo di tecnica impiegata. I costi indiretti si riferiscono principalmente ai cosiddetti costi sociali, finora sempre trascurati dagli enti locali, che la popolazione deve sopportare per i disagi immediati e a lungo termine derivanti dall apertura di cantieri lungo il sistema stradale urbano. Tecniche tradizionali Con le tecniche tradizionali di costruzione si parte dal computo metrico dei lavori a cui si applicano i prezzi unitari delle singole lavorazioni, ricorrendo - al Prezziario Regionale per gli articoli comuni - all ultima revisione del Prezziario DEI - ad indagini di mercato per articoli specialistici. Per definire un quadro esauriente dei costi di costruzione delle reti del sottosuolo con le tecniche di scavo tradizionali è necessario sviluppare per ogni tipologia di sottoservizio e infrastruttura sotterranea computi metrici riferiti a differenti taglie. I valori di costo unitari ottenuti, calcolati in modo analitico ed espressi in /m, sono adoperati per ricostruire curve di costo da utilizzare per qualunque elaborazione di tipo parametrico. E quindi necessario considerare separatamente le seguenti differenti infrastrutture: - reti di acquedotto - reti di gasdotto - reti di fognatura - reti di teleriscaldamento - cavidotti e polifore - cunicoli non praticabili - gallerie tecnologiche Le linee guida delle prescrizioni tecniche di posa dei vari sottoservizi sono state delineate dalla Regione Lombardia. A tali indicazioni si adatta questo documento. 12

14 4.1 TUBAZIONI DI ACQUEDOTTO E GASDOTTO Il costo completo per metro di tubazione tiene conto dei seguenti parametri: - taglio e demolizione della pavimentazione stradale; - scavo; - trasporto a discarica del materiale di risulta; - armatura dello scavo; - fornitura e posa della tubazione; - rinfianco e ricoprimento con sabbia; - rinterro con materiale vagliato di scavo; - ripristino della pavimentazione stradale; - incidenza dei pozzetti di ispezione; - oneri dovuti sia a sottoservizi che ad opere provvisionali stimati tramite una percentuale pari al 15% del totale. Relativamente alle condizioni di posa sono assunte le ipotesi indicate dalla regione Lombardia: - la larghezza dello scavo (L) è variabile con il diametro (D) della condotta da interrare: L = 1,2 x D+0,4 con valore minimo pari a 0,7 m - la zona di demolizione della pavimentazione stradale è variabile con la larghezza dello scavo ed è pari a L m. - il rinfianco più il ricoprimento è variabile con il diametro della condotta ed è pari a 0,30 m + D; - su strada asfaltata la sezione di posa si compone di un manto stradale superficiale (strato di base + binder + strato di usura) avente spessore S1 = 0,20 m e di uno strato di fondazione stradale in misto granulare di spessore pari a S2 = 0,30 m Per le tubazioni aventi diametro < di 300 mm è necessario assumere le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo per la posa in opera delle tubazioni pari a 1,50 m. - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 50 m con dimensioni interne 1,20x1,20 m ed altezza 1,25 m. Per le tubazioni aventi diametro > di 300 mm è necessario assumere le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo per la posa in opera delle tubazioni pari a 2,00 m. 13

15 - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 300 m con dimensioni interne 1,50 x1,50 m e altezza 1,75 m. Relativamente ai pozzetti di ispezione è necessario assumere le seguenti condizioni: - profondità fondo tubo = profondità dello scavo (variabile) letto di posa (0,15 m); - spessore soletta di fondo pozzetto = 0,30 m; - spessore soletta superiore pozzetto = 0,20 m; - spessore pareti = 0,15 m. Diametro D Tubazioni Profondità di Scavo H Frequenza Pozzetti Dimensioni planari Pozzetti D< 300 mm 1,50 m 1/50 m 1,20x1,20 m D > 300 mm 2,00 m 1/300 m 1,50x1,50 m Andamento Costi Acquedotto Qui di seguito sono riportate le curve degli andamenti dei costi dell acquedotto, calcolati nei modi sopra descritti, in funzione del diametro della condotta e del materiale con il quale è stata costruita. Costo (Euro/m) Costo acquedotto per m in strada asfaltata Pead Ghisa sferoidale Acciaio Diametro tubazione (mm) Costo al metro dell acquedotto in funzione del materiale e del diametro della condotta 14

16 Andamento Costi Gasdotto Sono riportate le curve degli andamenti dei costi del gasdotto, calcolati nei modi sopra descritti, in funzione del diametro della condotta e del materiale con il quale è stata costruita. Costo per m di gasdotto in strada asfaltata Costo (Euro/m) Pead Acciaio Diametro tubazione (mm) Costo al metro del gasdotto in funzione del materiale e del diametro della condotta 15

17 4.2 TUBAZIONI DI FOGNATURA Il costo completo per metro di tubazione deve tener conto delle seguenti fasi di lavoro - taglio e demolizione della pavimentazione stradale; - scavo; - trasporto a discarica del materiale di risulta; - armatura dello scavo; - fornitura e posa della tubazione; - rinfianco e ricoprimento con sabbia; - rinterro con materiale vagliato di scavo; - ripristino della pavimentazione stradale; - incidenza dei pozzetti di ispezione; - oneri dovuti sia a sottoservizi che ad opere provvisionali stimati tramite una percentuale pari al 15% del totale. Relativamente alle condizioni di posa si assumono le seguenti ipotesi: - la larghezza dello scavo (L) variabile con il diametro (D): L = 1,2 x D+0,4 con valore minimo pari a 0,7 m; - la zona di demolizione della pavimentazione stradale variabile con la larghezza dello scavo e pari a L + 0.8m; - rinfianco più ricoprimento variabile con il diametro ed è pari a 0,30 m + D; - su strada asfaltata la sezione di posa è composta da un pacchetto stradale (strato di base + binder + strato di usura) avente spessore S1= 0,20 m e da uno strato di fondazione stradale in misto granulare di spessore pari a S2= 0,30 m. Esempio di posa di tubazione in Pead 16

18 Per le tubazioni in Ghisa sferoidale ed in Pead con diametri variabili da 125 a 300 mm, per le quali deve essere previsto un funzionamento in pressione, sono state assunte le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo per la posa in opera dei collettori pari a 2,00 m; - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 300 m di fognatura con dimensioni interne 1,20x1,20m e altezza 1,75 m. Per le tubazioni in PVC, Gres, Pead spiralato e Cls con diametro variabile da 250 a 500 mm (funzionamento prevalentemente a gravità) sono state assunte le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo per la posa in opera dei collettori variabile con il diametro e pari a + 2,00 m; - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 30 m di fognatura con dimensioni interne 1,50 x 1,50 m e altezza 2,15 m. Per le tubazioni PVC, Gres, Pead spiralato e Cls con diametro variabile da 500 a 1200 mm (funzionamento prevalentemente a gravità) sono state assunte le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo per la posa in opera dei collettori variabile con il diametro e pari a + 2,00 m; - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 50 m di fognatura con dimensioni interne 2,00x2,00m e altezza 2,75 m. Relativamente ai pozzetti di ispezione si sono assunte le seguenti ipotesi: - profondità fondo tubo = profondità dello scavo (variabile) letto di posa (0,15 m); - spessore soletta di fondo pozzetto = 0,30 m; - spessore soletta superiore pozzetto = 0,20 m; - spessore pareti = 0,15 m. Diametro D Tubazioni Profondità di Scavo H Frequenza Pozzetti Dimensioni planari Pozzetti D da 125 a 300 mm per tubazioni in Ghisa 2,00 m 1/300 m 1,20 x 1,20 m sferoidale ed in Pead D da 250 a 500 mm per tubazioni in PVC, Gres, D+2,00 m 1/30 m 1,50 x 1,50 m Pead spiralato e Cls D da 500 a 1200 mm per tubazioni in PVC, Gres, Pead spiralato e Cls D+2,00 m 1/50 m 2,00 x 2,00 m 17

19 Qui di seguito sono riportate le curve degli andamenti dei costi della fognatura, calcolati nei modi sopra descritti, in funzione del diametro della condotta e del materiale con il quale è stata costruita. Costo per m di fognatura in strada asfaltata Costo (Euro/m) Gres Pead Pead spir. CS Ghisa sferoidale PVC Diametro condotta (mm) Costo al metro della fognatura in funzione del materiale e del diametro della condotta 18

20 4.3 TUBAZIONI PER TELERISCALDAMENTO Il costo completo per metro di tubazione tiene conto di: - taglio e demolizione della pavimentazione stradale; - scavo; - trasporto a discarica del materiale di risulta; - armatura dello scavo; - fornitura e posa della doppia tubazione (A/R); - rinfianco e ricoprimento con sabbia; - rinterro con materiale vagliato di scavo; - ripristino della pavimentazione stradale; - incidenza dei pozzetti di ispezione; - oneri dovuti sia a sottoservizi che ad opere provvisionali stimati tramite una percentuale pari al 15% del totale. I prezzi di fornitura delle tubazioni in acciaio pre-isolate sono state desunte dagli ultimi listini delle ditte che commercializzano questi prodotti. Relativamente alle condizioni di posa si sono assunte le seguenti ipotesi: - larghezza dello scavo (L) variabile con il diametro (D): L = (n tubi x D esterno) + 0,6 con valore minimo pari a 0,7 m; - zona di demolizione della pavimentazione stradale variabile con la larghezza dello scavo e pari a L + 0.8m; - rinfianco più ricoprimento variabile con il diametro e pari a 0,30 m + D esterno - su strada asfaltata la sezione di posa è composta da un pacchetto stradale (strato di base + binder + strato di usura) avente spessore S1 = 0,20 m e di uno strato fondazione stradale in misto granulare di spessore pari a S2 = 0,30 m. 19

21 Esempio di posa di tubazione per teleriscaldamento Per le tubazioni che hanno un diametro esterno < a 300 mm sono state assunte le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo per la posa in opera delle tubazioni pari a 1,50 m; - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 50 m con dimensioni interne 1,20x1,20 m e altezza 1,25 m. Per le tubazioni che hanno un diametro esterno a 300 mm sono state assunte le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo per la posa in opera delle tubazioni pari a 2,00 m; - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 200 m con dimensioni interne 1,50 x1,50 m e altezza 1,75 m. Relativamente ai pozzetti di ispezione si sono assunte le seguenti ipotesi: - profondità fondo tubo = profondità dello scavo (variabile) letto di posa (0,15 m); - spessore soletta di fondo pozzetto = 0,30 m; - spessore soletta superiore pozzetto = 0,20 m; - spessore pareti = 0,15 m. 20

22 Diametro D Profondità di Frequenza Dimensioni planari Tubazioni Scavo H Pozzetti Pozzetti D 300 mm 1,50 m 1/50 m 1,20X1,20 m D > 300 mm 2,00 m 1/200 m 1,50X1,50 m Qui di seguito è riportato la curva dell andamento dei costi della rete di teleriscaldamento, calcolati nei modi sopra descritti, in funzione del diametro della condotta. Costo per m di rete di teleriscaldamente in strada asfaltata Costo (Euro/m) Diametro condotta (mm) Costo al metro della rete di teleriscaldamento in funzione del materiale e del diametro della condotta 21

23 4.4 POLIFORE E CAVIDOTTI Il costo completo per metro di infrastruttura tiene conto di: - taglio e demolizione della pavimentazione stradale; - scavo; - trasporto a discarica del materiale di risulta; - armatura dello scavo; - fornitura e posa dei cavidotti in Pead spiralato; - getto di calcestruzzo; - rinterro con materiale vagliato di scavo; - ripristino della pavimentazione stradale; - incidenza dei pozzetti di ispezione; - oneri dovuti sia a sottoservizi che ad opere provvisionali stimati tramite una percentuale pari al 15% del totale. I prezzi di fornitura delle tubazioni in Pead spiralato sono state desunte dall ultima edizione del Prezziario DEI. Sono state analizzate 8 polifore corrispondenti ad 8 configurazioni diverse per numero e diametro dei cavidotti; in particolare: - 4 polifore per l alloggiamento 2,4,6,8 cavidotti con D = 125 mm; - 4 polifore per l alloggiamento di 2,4,6,8 cavidotti con D = 200 mm. Si è immaginato di disporre i cavidotti su non più di 2 file orizzontali: 1x2; 2x2; 2x3, 2x4. Relativamente alle condizioni di posa si sono assunte le seguenti ipotesi: - larghezza dello scavo (L) variabile con il diametro (D) e il numero di cavidotti: L = 1,2 x ingombro laterale+0,4 con valore minimo pari a 0,7 m; - zona di demolizione della pavimentazione stradale variabile con la larghezza dello scavo e pari a L + 0.8m; - altezza della polifora in Cls variabile con il diametro e il numero di cavidotti: pari a 2 x ingombro verticale; - su strada asfaltata la sezione di posa si compone di un pacchetto stradale (strato di base + binder + strato di usura) avente spessore S1 = 0,20 m e di uno strato fondazione stradale in misto granulare di spessore pari a S2 = 0,30 m. Per le polifore con cavidotti del D = 125 mm sono state assunte le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo pari a 1,20 m; - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 50 m con dimensioni interne 1,20 x 1,20 m e altezza 0,95 m. 22

24 Per le polifore con cavidotti con un D = 200 mm sono state assunte le seguenti condizioni: - profondità totale dello scavo pari a 1,35 m; - pozzetti di ispezione posti in opera 1 ogni 50 m con dimensioni interne 1,50 x 1,50 m e altezza 1,10 m. Relativamente ai pozzetti di ispezione si sono assunte le seguenti ipotesi: - profondità fondo tubo = profondità dello scavo (variabile) letto di posa (0,15 m) - spessore soletta di fondo pozzetto = 0,30 m; - spessore soletta superiore pozzetto = 0,20 m; - spessore pareti = 0,15 m. Esempio di polifora con sei cavidotti Qui di seguito sono riportate le curve degli andamenti dei costi delle polifere, calcolati nei modi sopra descritti, in funzione del diametro delle condotte e del numero di cavidotti. 23

25 Cunicoli interrati ed affioranti (elektro) Costo (Euro/m) Costo per m di polifere in strada asfaltata Cavidotto D=200mm Cavidotto D=120mm Numero cavidotti per polifera (n) Costo al metro delle polifore in funzione del numero di cavidotti e del diametro delle condotte 24

26 4.5 INFRASTRUTTURE POLIFUNZIONALI L'infrastrutturazione attraverso l'uso di Strutture Sotterranee Polifunzionali (SSP: gallerie tecnologiche o cunicoli) è definita dalla L.R. 26/03 titolo IV, articolo 34 comma 3, come manufatto sotterraneo, che deve essere conforme alle norme tecniche vigenti ed sono destinate ad accogliere tutti i servizi di rete compatibili in condizioni di sicurezza. Tali strutture devono assicurare il tempestivo e libero accesso agli impianti per gli interventi legati alle esigenze di continuità di servizio come prescrive l articolo 34, comma 3 della stessa legge. L'infrastruttura è considerata opera di pubblica utilità ed assimilata, ad ogni effetto, alle opere di urbanizzazione primaria come afferma il comma 4 dell articolo 34. L'utilizzo delle suddette infrastrutture è finalizzato a: - organizzare il sottosuolo di un comune, riunendo sistematicamente le reti di distribuzione dei servizi primari (energia elettrica, riscaldamento, impianti idrici, telecomunicazioni), utilizzando le migliori tecnologie e facendo stretto riferimento ai fattori di sicurezza. - Questa scelta porta ad eliminare la situazione anarchica oggi esistente nel sottosuolo, a migliorare l'organizzazione tecnica e l area dei servizi ed a realizzare un sistema che può essere governato e controllato continuamente, mediante il monitoraggio costante delle reti; - diminuire i tempi di manutenzione ordinaria e straordinaria delle reti, riducendo di conseguenza i disagi provocati dai cantieri stradali basando le modalità di intervento mediante una pianificazione dei lavori dei diversi gestori ed un coordinamento nelle installazioni di tratti di reti in comune; - realizzare una rete tecnologica flessibile nel sottosuolo, nella quale, accanto alle reti dei servizi primari, possono facilmente essere inseriti nuovi servizi, quali: impianti di diffusione sonora, impianti di diffusione televisiva anche a circuito chiuso, impianti di rilevazione dei parametri ambientali; - trasformare le attuali reti prive di controlli inerenti la sicurezza, in reti in grado di potersi dotare di strumenti in grado di fornire costantemente un quadro completo della situazione. Tutto ciò facilita le ispezioni e le verifiche e permette di avere una visione d'insieme dell'intero sistema dei sottoservizi così incanalati. La struttura polivalente necessita di un unico scavo per la sua installazione non sono più necessari interventi cantieristici per la manutenzione. Inoltre i servizi disposti su supporti distinti e separati in un ambiente protetto dall'acqua, dagli schiacciamenti, isolati gli uni dagli altri, sono meno soggetti al danneggiamento e all'usura e l'azione di manutenzione 25

27 si riduce oltre che essere più facilitata. Deve essere ricordato che queste infrastrutture devono essere provviste di derivazioni o dispositivi funzionali alla realizzazione degli allacciamenti con gli immobili di pertinenza nel rispetto delle normative tecniche. Esempio di installazione caotica delle reti dei servizi Esempio di struttura polifunzionale 26

28 Anche se tale soluzione potrebbe diventare problematica se non impraticabile quando si è in presenza di vecchie infrastrutture stradali e in particolare di conoscere le caratteristiche storiche, rappresenta comunque la soluzione ottimale per le aree di nuova urbanizzazione, nonché per le zone edificate, in occasione di significativi interventi di riqualificazione urbana e rifacimento delle strutture viarie che richiedono o rendono opportuno il riposizionamento degli alloggiamenti destinati ai servizi di rete. Le autorità locali devono, attraverso il regolamento di utilizzo del sottosuolo stradale previsto dalla legge, di intraprendere iniziative per la realizzazione di cunicoli tecnologici. L Amministrazione comunale mette a disposizione, delle compagnie di distribuzione a rete dei servizi, gli spazi disponibili in tali strutture dietro pagamento di un giusto compenso che permette di rendere economico l investimento necessario. Il Comune nel tempo ha un introito per l affitto delle reti ai gestori. L attuale onere diventa un vantaggio per la pubblica amministrazione. Questo tipo di infrastrutture deve essere realizzate, nelle aree ad elevato indice di urbanizzazione, con tecnologie improntate alla mancata o contenuta effrazione della sede stradale e delle relative o annesse pertinenze quali gli scavi a fondo cieco o le tecniche No-Dig. Tali infrastrutture devono anche essere dimensionate in funzione delle esigenze di sviluppo riferibili a un orizzonte temporale almeno di medio periodo. Inoltre tali infrastrutture devono essere provviste di derivazioni o dispositivi funzionali alla realizzazione degli allacciamenti con gli immobili di pertinenza nel rispetto delle normative tecniche. Tipologia di infrastrutture Le infrastrutture si possono suddividere in due categorie: - i cunicoli tecnologici non praticabili - le gallerie tecnologiche. La galleria tecnologica è una struttura percorribile da uomini ed eventualmente da mezzi per un alloggiamento multiplo di servizi che risponda ai criteri di affidabilità e di resistenza rispetto a problemi di assestamento dei suoli e ai fenomeni sismici. Il cunicolo tecnologico è un'infrastruttura atta a contenere più servizi tecnologici, simile alla galleria ma con dimensioni minori. È una struttura dotata di chiusura mobile carrabile disposta sul piano di calpestio, facilmente ispezionabile ma non percorribile dagli operatori. Può essere realizzata con i medesimi materiali della galleria ma, ovviamente con costi economici nettamente inferiori a quelli delle gallerie tecnologiche. 27

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli

TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA

TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA INDICE GENERALE PAG. 2 PAG. 3 PAG. 4 PAG. 5 NOVITÀ 2012 SISTEMA QUALITÀ MARCATURA CE MOVIMENTAZIONE E POSA PAG. 6 PAG. 7-8 TUBI

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013 S T U D I O D I P R O G E T T A Z I O N E C I V I L E E D I N D U S T R I A L E D O T T. I N G. P R E T T O F L A V I O COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA Oggetto: SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI

CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI Il canone RICOGNITORIO rappresenta esclusivamente la somma dovuta a titolo di riconoscimento del diritto di proprietà del Comune sul bene oggetto della

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

REALIZZAZIONE DI NUOVA FOGNATURA NERA AL SERVIZIO DELLE VIE ASIAGO, ORTIGARA, ROVIGO, COL DI TENDA E ALPE DI SIUSI

REALIZZAZIONE DI NUOVA FOGNATURA NERA AL SERVIZIO DELLE VIE ASIAGO, ORTIGARA, ROVIGO, COL DI TENDA E ALPE DI SIUSI BS OHSAS 18001 - ISO 50001 viale E. Fermi 105 20900 Monza (MB) tel 039 262.30.1 fax 039 2140074 p.iva 03988240960 capitale sociale 29.171.450,00 brianzacque@legalmail.it www.brianzacque.it progetto: REALIZZAZIONE

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI PER COSTRUZIONE E MANUTENZIONE RETI ACQUA, RETI FOGNARIE E IMPIANTI DI ALLACCIAMENTO UTENZA Distretto Operativo OPER / COORD / SUP EDIZIONE 02 / 2012 SOCIETÀ ACQUE POTABILI p.a. C.so

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Tecnologia della fermentazione

Tecnologia della fermentazione Effettivo riscaldamento del fermentatore BIOFLEX - BRUGG: tubo flessibile inox per fermentazione dalla famiglia NIROFLEX. Il sistema a pacchetto per aumentare l efficienza dei fermentatori BIOFLEX- tubazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS Membrane impermeabilizzanti L L ERFLEX HELASTO M INERAL LIGHTERFLEX HELASTO LIGHTERFLEX HPCP SUPER

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 22 E. P_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 22 E. P_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori completamento opere urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 22 E. P_ SCALA Progettista: VISTO: Comune Rombiolo Via Karl Marx

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

Opere di urbanizzazione primaria e secondaria, standard equivalente: computo estimativo di massima

Opere di urbanizzazione primaria e secondaria, standard equivalente: computo estimativo di massima Ing. Andrea Roma Via Messina 3 20154 Milano Programma Integrato di Intervento Cascina Boffalora Aggiornamento Dicembre 2012 Opere di urbanizzazione primaria e secondaria, standard equivalente: computo

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo EDIZIONE 1 / Volume 1 Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo Sezione Blocchi e Pavimenti Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli